POTENZIALITÀ E LIMITI DELLA MENTE NEL RAPPORTO CON LA REALTÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POTENZIALITÀ E LIMITI DELLA MENTE NEL RAPPORTO CON LA REALTÀ"

Transcript

1 [CORPO, MENTE, SPIRITO: UNA MAPPA PER NON PERDERSI] Meeting 2012 POTENZIALITÀ E LIMITI DELLA MENTE NEL RAPPORTO CON LA REALTÀ Prof. Danilo Casati Coautore del Metodo Aquilone 1 L esistenza umana è un esperienza unitaria che si snoda su tre piani distinti ed interagenti tra loro: il piano fisico, mentale e spirituale i quali possono essere sintetizzati con i verbi ho, sono, sarò. Il piano fisico è quello strettamente connesso alla materia del corpo e alle leggi fisico-chimiche che ne governano il suo funzionamento e descrivono ciò che ho : un corpo, degli organi, delle specificità fisiche oggettivamente riscontrabili. Il piano mentale è quello strettamente connesso all azione del pensiero che, investigando sulla realtà interna o esterna, permette all individuo di riconoscersi e strutturare la propria personalità attorno ad un centro, che prende il nome di io, con il quale identifica il proprio essere e per mezzo del quale può affermare: io sono. Il piano spirituale infine è quello strettamente connesso alla dimensione più profonda dell essere, il luogo dell irrazionale dal quale hanno sede le intuizioni e le ispirazioni creative, per il quale il divenire rappresenta l essenza del suo dinamismo nella ricerca di una sempre più piena completezza di sé: è il piano che spinge l individuo alla realizzazione continua di ciò che sarà. Il piano mentale quindi è lo spazio intermedio che dialoga a volte con il corpo, quando si interroga sul suo funzionamento e sui suoi limiti; altre volte con lo spirito, quando va alla ricerca del significato delle esperienze vissute e delle intuizioni irrazionali che si generano nel piano spirituale e tenta di darne di una spiegazione razionale coerente. Esso esercita un notevole potere sul benessere dell individuo, che si sente appagato quando la realtà nelle sue dimensioni fisico-mentale-spirituale collima con i desideri e le attese personali, e viceversa può costituire una notevole fonte di disagio quando l individuo non riesce ad accettare e farsi una ragione delle forme che, in un determinato momento, assume ai suoi occhi la realtà.

2 Per questo diventa importante analizzare ed investigare le potenzialità ed i limiti della mente umana quando, per mezzo del pensiero, pone l individuo in rapporto di conoscenza razionale con la realtà. Una prima osservazione che bisogna fare è che la conoscenza razionale della realtà si fonda sulla conoscenza delle relazioni di causa ed effetto e queste, una volta apprese, consentono di gestire ed organizzare la complessità del mondo che ci circonda attraverso l implicazione logica che assume la forma dell espressione linguistica classica se allora. Ad esempio già di primo mattino ci lasciamo guidare da questa conoscenza acquisita con l esperienza poiché sappiamo bene che, se suona la sveglia allora dobbiamo alzarci. Lo stesso vale in tutte le fasi successive che abbiamo appreso e consolidato, come quando ci accingiamo a preparare la colazione senza ricorrere alla riflessione razionale poiché sappiamo bene che se bolle l acqua allora dobbiamo immergere la bustina di tè. Questa conoscenza delle relazioni di causa-effetto che abbiamo acquisito con l esperienza ci consente di gestire efficacemente il rapporto con la realtà ordinaria, dall altro lato però una sua estensione arbitraria a situazioni più complesse o meno note può costituire una fonte di pregiudizi e di errate interpretazioni, con ripercussioni sulla nostra sicurezza e sul nostro stato di benessere. Analizzeremo ora alcuni tranelli in cui cade la mente quando, con la sua necessità di controllare e gestire tutto, usa in modo improprio il legame di implicazione, precipita nel pregiudizio e si trova spiazzata in una conoscenza errata della realtà: a questi tranelli daremo il nome di Abduzione inconsapevole, Transitività impropria, Ancoraggi emozionali, Interpretazioni arbitrarie. Abduzione inconsapevole: è esperienza comune che spesso di fronte ad una implicazione logica di tipo se allora possiamo invertire premessa e conseguenza per ottenere una nuova conoscenza. Ad esempio sappiamo che se il semaforo è rosso allora ci dobbiamo fermare, e da questa implicazione deduciamo che se vediamo una macchina ferma ad un semaforo allora il semaforo è rosso. Questo passaggio però non tiene conto del fatto che una macchina può arrestarsi in prossimità del semaforo per altri motivi, come ad esempio perché l auto è in panne oppure il conducente sta chiedendo delle informazioni sulla strada ad un passante. L utilizzo improprio di questa inversione dell implicazione può generare dei guai seri: ne sanno qualcosa coloro che hanno sperimentato i tamponamenti agli incroci per errata valutazione del comportamento del conducente che li precede. Infatti, invertendo l implicazione se l incrocio è libero allora il conducente che ci precede si immette nella strada principale, otteniamo: se il

3 [CORPO, MENTE, SPIRITO: UNA MAPPA PER NON PERDERSI] Meeting 2012 conducente che ci precede si immette nella strada principale allora l incrocio è libero. In base a questa convinzione regoliamo di conseguenza il nostro comportamento così, appena il conducente che ci precede accenna una partenza iniziamo automaticamente a seguirlo. Peccato però che a volte questi ci ripensi e blocchi repentinamente la sua autovettura prima di occupare l incrocio con l inevitabile esito di scatenare il tamponamento. Una situazione analoga si presenta invertendo impropriamente l implicazione se sei malato allora vai dal medico. Invertendo questa implicazione potremmo ottenere: se ho visto Tizio dal medico allora è ammalato. In realtà potrebbe essersi recato dal medico per farsi prescrivere dei farmaci per i famigliari oppure per richiedere un certificato di sana e robusta costituzione per fare sport. In questi casi, se andassimo in giro a raccontare a tutti che Tizio è ammalato potremmo crearci non pochi problemi di relazione. Un altro esempio infine è dato dall implicazione se vuoi andare al concerto allora devi acquistare il biglietto che diventa: se acquisti il biglietto allora vuoi andare al concerto. Ma Tizio può acquistare un biglietto per un'altra persona e gli creeremmo non pochi problemi se la sua fidanzata venisse a sapere che ha preso soltanto un biglietto per il concerto senza pensare a lei. Molti problemi di relazione nascono dall uso improprio di queste deduzioni che costruiscono nella nostra mente dei forti pregiudizi. 3 Transitività impropria: è esperienza comune che il legame di implicazione possa essere messo in successione per generare una sequenza di deduzioni del tipo se si verifica A allora accade B e, se si verifica B allora accade C. Mettendo in sequenza queste due implicazioni deduciamo che se si verifica A allora accade C. Tutto questo non ci creerebbe problemi se il legame di causa effetto rappresentato dall implicazione fosse strettamente deterministico. Di fatto però, quando affermiamo se A allora B, ciò che intendiamo dire è la seguente espressione: ragionevolmente quando si verifica A esiste una probabilità molto alta che accada anche B. Ma mettendo in sequenza più implicazioni molto plausibili non è affatto garantito che l implicazione costruita sulla premessa iniziale e sulla conseguenza finale abbia realmente un fondamento di ragionevolezza. Prendiamo ad esempio l implicazione se mia moglie prende l ombrello allora il tempo è piovoso. Questa può essere legata in successione all implicazione se il tempo è piovoso allora verrà poca gente al Meeting Aquilone, generando l implicazione seguente: se mia moglie prende l ombrello allora verrà poca gente al Meeting Aquilone. Ma quest ultima implicazione, benché anch essa plausibile, risulta essere molto meno certa delle altre due. Infatti, mia moglie potrebbe aver preso l ombrello per metterlo in valigia prima di partire per le vacanze, oppure potrebbe

4 effettivamente esserci brutto tempo ma, proprio in virtù di questo fatto, molta gente potrebbe preferire di partecipare al meeting Aquilone dovendo rinunciare alla scampagnata. Applicando ciecamente la transitività delle implicazioni possiamo giungere a conclusioni paradossali come accade al caso da manuale che segue. Supponiamo di essere all interno di un magazzino di merci infiammabili nel cortile di una azienda. Sappiamo che se c è un incendio in magazzino allora interviene il sistema di spegnimento a pioggia; d altra parte se interviene il sistema di spegnimento a pioggia allora il pavimento del magazzino si bagna. Sappiamo anche però che un incendio è un fatto accidentale molto raro per cui, essendo il magazzino all aperto, osservando che il pavimento si sta bagnando è molto ragionevole affermare che se il pavimento del magazzino si bagna allora piove. Ma mettendo insieme queste tre implicazioni in un unica catena transitiva giungiamo alla conclusione paradossale che se c è un incendio in magazzino allora piove. È per questo che dobbiamo prestare molta attenzione alle generalizzazioni delle nostre conoscenze quando applichiamo inconsapevolmente la transitività dell implicazione. Ancoraggi emozionali. A volte dobbiamo prendere delle decisioni in condizioni di incertezza e, in questi casi, l unica possibilità che abbiamo è quella di ascoltare la voce del cuore che ci fornisce delle indicazioni intuitive ed irrazionali che sono utili quando non abbiamo altri strumenti a disposizione. Purtroppo però nel tempo questa fiducia alla prima decisione presa è talmente forte che, nonostante le evidenze successive, rifiutiamo di prendere in considerazione delle scelte alternative per correggere gli errori. A volte, per renderli consapevoli di questo meccanismo, sottopongo i miei alunni a questo gioco. Presento loro tre carte, le mescolo e le deposito sul tavolo chiedendo loro di indicarmi dove si trova l asso di quadri. Dopo che uno di loro ha scelto una carta gli faccio presente che in almeno una delle altre due carte restanti non è presente l asso di quadri e, dopo averle viste entrambe, elimino dal gioco una di quelle due carte facendogli vedere che la carta scartata non era l asso di quadri. A questo punto gli chiedo: sei sicuro che l asso di quadri si trova sotto la carta che hai scelto oppure preferisci riconsiderare la tua scelta puntando sull altra carta che è rimasta? Ebbene, la maggior parte degli alunni conferma di rimanere fedele alla scelta iniziale confidando nel fatto che la loro intuizione, pur essendo palesemente arbitraria, abbia di fatto un fondamento. A questo punto però gli faccio osservare che il fatto di aver eliminato dal gioco una carta che certamente non era l asso di quadri serviva solo per disorientare la mente: avrei potuto saltare questo inutile passaggio e, una volta scelta la carta, chiedere all alunno se preferisse cambiare parere puntando su entrambe le carte restanti. Qui sarebbe risultato evidente che in cambio della rinuncia all ancoraggio emotivo alla scelta iniziale gli avevo offerto la possibilità di raddoppiare la probabilità di successo. Esempi di questi ancoraggi emozionali che risultano dannosi li possiamo riscontrare spesso anche in ambito finanziario, negli atteggiamenti

5 [CORPO, MENTE, SPIRITO: UNA MAPPA PER NON PERDERSI] Meeting 2012 psicologici di molti investitori. Quando una persona investe del denaro in borsa lo fa perché spera che i titoli che ha in portafoglio acquistino valore nel tempo. Questa è una tipica decisione in condizioni di incertezza dove l intuizione, associata alle conoscenze tecniche di base, gioca un ruolo decisivo. A volte però capita che il titolo che abbiamo scelto perda parte del proprio valore e le informazioni tecniche successive ci indichino che la quotazione del nostro titolo andrà peggiorando nel tempo, per cui l unica soluzione razionale sarebbe quella di disinvestire capitalizzando la perdita piuttosto che attendere che il suo valore riprenda consistenza. Molti risparmiatori però non accettano la sconfitta di dover perdere del denaro e l ancoraggio emozionale li mantiene fedeli alla decisione iniziale anche se questo li espone al rischio di perdere l intera somma investita. Nelle relazioni tra le persone questo atteggiamento di ancoraggio emotivo alla nostra visione della realtà è molto comune ed è stato messo in evidenza anche in una nota canzone di Lucio Battisti dove il protagonista, nonostante le informazioni che riceve sull infedeltà della sua compagna, continua a ripetere: Ti stai sbagliando, chi hai visto non è Francesca. È per questo che spesso i genitori sono gli ultimi a sapere dei problemi dei loro figli. Lo stesso accade quando dubitiamo della fedeltà del nostro partner e vogliamo a tutti costi cercare degli indizi che ci diano ragione: quando la realtà la vogliamo vedere in un determinato modo siamo noi a scegliere quale film vogliamo metterci in testa. 5 Interpretazioni arbitrarie. Agli uomini dà fastidio l incertezza e, quando non sanno come interpretare una situazione, cercano di compensare le lacune ricorrendo ad alcune informazioni arbitrarie prese da altre esperienze. Normalmente preferiscono sapere che una persona è antipatica o poco affidabile piuttosto che non disporre di strumenti per definire la sua posizione nei loro confronti perché, in questo modo, possono mettere in atto i sistemi automatici di protezione della propria persona. Gli insegnanti conoscono bene questo meccanismo e sanno che gran parte della qualità delle relazioni con i propri alunni e con le famiglie si gioca in poco tempo, nei primi giorni di lezione e nei primi incontri con i genitori. Per gli insegnanti più anziani molte cose sono già stabilite a priori dal passaparola, per cui quando un docente gode di buona fama all interno della scuola, gran parte del lavoro di integrazione con i nuovi alunni e con le famiglie è già stato fatto dai pregiudizi positivi che loro si sono costruiti prima dell iscrizione. Viceversa, se l insegnante è la prima volta che insegna in una scuola, oppure peggio ancora gode di pessima fama nell istituto, dovrà faticare maggiormente per farsi accettare ed integrarsi nel gruppo. Spesso saranno i dettagli a fare la differenza: il colore del vestito, la sua gestualità, il ritmo del dialogo, gli

6 accenti e le inflessioni vocali che utilizza nel rapportarsi con la classe. Nessuno può dirsi immune dagli automatismi indotti dalle interpretazioni arbitrarie, che costituiscono la prima fonte di pregiudizi e mettono in luce la fragilità mentale di coloro che li attuano. Un esperienza comune presa dalla vita di tutti i giorni la possiamo riscontrare quando coloriamo di significati arbitrari delle espressioni linguistiche neutre che vengono pronunciate nei nostri confronti. Così un espressione normale utilizzata per aprire un dialogo del tipo: Ti sei tagliato i capelli? assume una valenza completamente diversa in base alle valutazioni pregresse ed ai pregiudizi che nutriamo nei confronti della persona che l ha formulata. Se pensiamo che a pronunciare questa frase sia un nostro amico, una persona che stimiamo e verso la quale riponiamo la nostra fiducia, allora questa osservazione ci fa sentire lusingati per l attenzione che viene riservata nei nostri confronti. Viceversa, la stessa frase pronunciata con la stessa inflessione vocale dalla stessa persona che però abbiamo deciso di classificare tra le persone antipatiche o poco raccomandabili produrrà in noi un senso di fastidio per l impertinenza con cui ha osato entrare nei nostri fatti personali. È curioso ma a volte, grazie a questi pregiudizi, nascono anche amicizie, simpatie e relazioni stabili: sta a noi decidere se vogliamo essere ottimisti o pessimisti nei confronti delle persone che ci circondano, oppure se più prudentemente preferiamo sospendere il pensiero in attesa che l altro si manifesti meglio per quello che è. Le osservazioni che sono state proposte in questo intervento sui limiti e potenzialità della mente non possono considerarsi esaustive e vanno prese soltanto come stimoli per ulteriori approfondimenti. Una riflessione ulteriore che possiamo fare è che non esiste un pensiero razionale puro: anche il ragionamento più asettico, logico, matematico non può essere immune dalla contaminazione con le emozioni. Anche le equazioni hanno un anima emozionale, lo sapeva bene anche Einstein quando rifletteva sulle conseguenze della sua equazione sulla relatività generale. Per questo è molto importante trovare un punto di equilibrio tra la voce del cuore e la voce della ragione, altrimenti la qualità della vita si abbatte drasticamente e lo sconforto o la paura prendono il sopravvento. Il Metodo Aquilone che viene presentato in questo Meeting è uno strumento molto potente per la ricerca dell equilibrio tra il cuore e la ragione. Esso insegna ad abbandonare le nostre prese di posizioni radicali, trasformando i giudizi e pregiudizi in valutazioni. Non propone di abbandonare l approccio razionale alla conoscenza della realtà ma, tenendo conto della complessità delle relazioni, invita a sospendere le prese di posizione arbitrarie per valutare meglio quello che sta accadendo e ci sollecita ad ascoltare la voce del cuore che ci insegna che anche le difficoltà ed i contraccolpi della vita hanno senso nel nostro cammino di evoluzione interiore.

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Emozioni in classe. Part - 2 -

Emozioni in classe. Part - 2 - Part - 2 - Le emozioni nel corpo: I correlati fisiologici Gesti Postura Prossemica Il valore del rilassamento : ABC Alla ricerca dei pensieri che mi fanno sentire l emozione le connessioni A-B-C Di Pietro,

Dettagli

STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica

STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica STUDIARE, PERCHE? Trascrizione da parte degli studenti di Capri dell incontro con Marco Bersanelli, docente di astrofisica 1) Com è possibile ridestare la voglia di studiare e cos ha risvegliato in te

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti

Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Progetto LLP-LDV-TOI-09-IT-0448 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Il docente agli occhi dello studente Due scuole partner hanno somministrato il questionario Il docente agli

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU

Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU Laurea Specialistica in Scienze di Internet (LS/100) Insegnamento di Teorie delle decisioni e dei processi cognitivi (SPS/09) 7 CFU Docente: Marco Ruffino marco.ruffino@unibo.it Piccolo eserciziario sui

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Caso Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Cosa accade ICI verifica l esistenza dell epidemia: la

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

IL PENSIERO COSTRUTTIVO. Gli 11 Presupposti del Successo. nel Coaching Neuroscientifico

IL PENSIERO COSTRUTTIVO. Gli 11 Presupposti del Successo. nel Coaching Neuroscientifico IL PENSIERO COSTRUTTIVO Gli 11 Presupposti del Successo nel Coaching Neuroscientifico Modulo 3 isis progettazione sas tutti i diritti riservati I PRESUPPOSTIDEL SUCCESSO / 1 IL PRESUPPOSTO MATRICE La legge

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO

PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO in collaborazione con PERSONAL BRANDING COME PROMUOVERSI & FARSI CAPIRE NEL MONDO DEL LAVORO Fausto Ciarcia (Direttore HR W. Astoria Hilton) Stefano Biscioni (Presidente ESI) Giovedi 13/03/2014 Salone

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA IL CERVELLO E LE SUE RAPPRESENTAZIONI Il cervello e le sue rappresentazioni (1/6) Il cervello e le sue rappresentazioni (2/6) Approfondiamo ora come possiamo ulteriormente

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010).

Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). ARRIETTY Per i più grandi. Un film di Hiromasa Yonebayashi. Titolo originale: Karigurashi no Arrietty. Animazione. Durata 94 min. Giappone (2010). Sotto il pavimento di una grande casa nella campagna di

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

12 Punti sulla via del successo

12 Punti sulla via del successo 12 Punti sulla via del successo Come anticipato nella pagina del nostro sito web (www.comincioda.ch), ti proponiamo di seguito un elenco di punti fondamentali per aiutarti ad intraprendere correttamente

Dettagli

Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967)

Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967) Inventario per la depressione di Beck - BECK DEPRESSION INVENTORY (AT Beck, 1967) Il presente questionario è composto da 13 gruppi di frasi. Legga attentamente tutte le frasi che compongono ciascun gruppo

Dettagli

Introduzione ai Metaprogrammi

Introduzione ai Metaprogrammi Introduzione ai Metaprogrammi Piernicola De Maria www.effettoleva.com I Metaprogrammi sono... Processi mentali consolidati Percorsi di minore resistenza Basati sul contesto A consapevolezza ritardata Spesso

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

Brochure descrittiva dei sistemi di trading. Aggiornamento 20 novembre 2010

Brochure descrittiva dei sistemi di trading. Aggiornamento 20 novembre 2010 Brochure descrittiva dei sistemi di trading Aggiornamento 20 novembre 2010 Ciao e benvenuta/o in Sapienza Forex. In questa brochure verrai a conoscenza delle caratteristiche delle nostre strategie che

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

www.domuslandia.it Il portale dell edilizia di qualità domuslandia.it è prodotto edysma sas

www.domuslandia.it Il portale dell edilizia di qualità domuslandia.it è prodotto edysma sas domuslandia.it è prodotto edysma sas L evoluzione che ha subito in questi ultimi anni la rete internet e le sue applicazioni finalizzate alla pubblicità, visibilità delle attività che si svolgono e di

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese)

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese) Progettare un unità di apprendimento - insegnamento di lingua straniera, significa, individuato un bisogno di apprendimento, per una

Dettagli

Strategie e metodi per un apprendimento efficace

Strategie e metodi per un apprendimento efficace Strategie e metodi per un apprendimento efficace In più di 100 anni, gli psicologi cognitivi dell apprendimento hanno sviluppato parecchie tecniche di studio: alcune accelerano l apprendimento, altre invece

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

SIMONETTA POZZATI. Le 100 richieste all Universo secondo la Legge di Attrazione: smettiamola di subire le cose, facciamole accadere!

SIMONETTA POZZATI. Le 100 richieste all Universo secondo la Legge di Attrazione: smettiamola di subire le cose, facciamole accadere! SIMONETTA POZZATI www.latuapersonalcoach.eu Le 100 richieste all Universo secondo la Legge di Attrazione: smettiamola di subire le cose, facciamole accadere! Ho dovuto odiare per imparare a perdonare.

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com Note legali Le strategie riportate in questo documento sono il frutto di anni di studi, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati. L autore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

ITINERARIO MODULARE 1 La narrazione dell interiorità attraverso l arte

ITINERARIO MODULARE 1 La narrazione dell interiorità attraverso l arte SPUNTI OPERATIVI Alberta Toschi ITINERARIO MODULARE 1 La narrazione dell interiorità attraverso l arte L itinerario si inscrive nella parte finale del lavoro delle classi terze (L autobiografia. Oggi:

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli