Anno V. Num. 2/11 L A R I V I S T A O N - L I N E P E R G L I A L L E N A T O R I D I P A L L A C A N E S T R O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno V. Num. 2/11 L A R I V I S T A O N - L I N E P E R G L I A L L E N A T O R I D I P A L L A C A N E S T R O"

Transcript

1 Anno V Num. 2/11 SOMMARIO PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI: LA BORSA DI PRONTO SOCCORSO DEL DOTT. GUIDO MARCANGELI.1 MINIBASKET CAT. AQUILOTTI: TRATTAMENTO DI PALLA - RAPIDITÀ MANI E PIEDI DI M. CORBA LA LAVAGNA TASCABILE TAKTIFOL...7 I FONDAMENTALI - IL PASSAGGIO DI A. ANILONTI...9 BASKETCOACH PLAYBOOK TRANSIZIONE OFFENSIVE DI M. GUERRIERO L ANGOLO DELLA TATTICA: UN AT- TACCO DELLA NAZIONALE BELGA SHAPE 2010 DI V. DI SEGNI 16 Basketcoach.net Basket- L A R I V I S T A O N - L I N E P E R G L I A L L E N A T O R I D I P A L L A C A N E S T R O PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI: LA BORSA DI PRONTO SOCCORSO DEL DOTT. GUIDO MARCANGELI Una corretta prevenzione degli infortuni in campo sportivo è fatta di tanti piccoli particolari, spesso banali, ma che fanno la differenza, e danno qualità, dal punto di vista sportivo. Una società sportiva dovrebbe, all inizio dell anno sportivo, incaricare una ben precisa figura del suo staff (dirigente, accompagnatore, allenatore, istruttore, ) di occuparsi della preparazione di una borsa di primo soccorso, sempre disponibile sul campo, e di aggiornare la stessa, rimettendo in sede il materiale mancante; questo implica anche una stretta collaborazione tra chi usa il materiale medicale (staff tecnico o sanitario) e chi è preposto al controllo e alla responsabilità dello stesso. La soluzione ideale, che purtroppo non appartiene alla cultura sportiva italiana, e impiantistica in particolare, sarebbe quella di avere libero adito, in qualsiasi momento dell allenamento, prima e dopo, ad un infermeria di campo, che dovrebbe non solo essere presente, ma anche aperta (!!), con un lettino in buono o decoroso stato, lenzuolino di ricambio (solo una questione elementare di igiene, non solo sportiva), e soprattutto l eventuale vetrinetta, contenente il materiale medicale, aperta, o comunque facilmente raggiungibile e fruibile (!!). Purtroppo raramente si ha a disposizione tutto questo, ed è triste constatare che uno dei presupposti fondamentali di una corretta ed a- deguata cultura sportiva, ovvero tutto ciò che ha a che fare con la salute dell atleta, grande o piccolo che sia, non venga presa nella dovuta considerazione. La soluzione più facile, ed è sicuramente quella più frequente, sarebbe quella di avere a disposizione, sempre, una borsa di pronto soccorso : volendo essere provocatore, se fossi un istruttore o allenatore, e non avessi a disposizione, ad ogni allenamento, uno staff medico o masso fisioterapico presente, mi rifiuterei di condurre l allenamento, senza avere a disposizione un minimo di strumentazione di pronto intervento. Se andassimo a controllare la maggior parte delle borse di primo intervento sportivo ( non quelle cassette della legge 626), le troveremmo inadeguate per quanto riguarda il contenuto, e l applicazione. Ma cosa dovrebbe sicuramente essere presente, in una borsa di primo soccorso sportivo, per mettere tranquillo ed aiutare lo staff tecnico e l atleta infortunato? (Continua a pagina 3 ) Consultando è possibile trovare materiale che può interessare allenatori e appassionati di basket: tattica, tecnica, fondamentali, situazioni speciali, metodologia, esercizi, sport e diritto. Nell Angolo delle regole, curiosità e chiarimenti sul regolamento tecnico. Nella sezione video esercizi e clinic per tutti gli associati. Uno spazio riservato anche alla preparazione fisica e al minibasket con esercizi e risposte dei nostri esperti. Nella pagina risorse per il coach informazioni e materiale utile per affrontare al meglio gli allenamenti. 1

2 PROSSIMI DVD PUBBLICA- TI DA BASKETCOACH.NET Entro l estate sarà possibile ordinare i dvd del IV TRAINING CLINIC di BASKETCOACH che si è tenuto lo scorso 28 maggio a Roma e ha visto la partecipazione di coach Giordano Consolini, di coach Giovanni Lucchesi e del Preparatore fisico Paolo Salvaggi. Questi gli argomenti trattati: 1 - Sviluppo collaborazioni difensive per il settore giovanile dall U 13 all'u 17 - G. Consolini 2 - Sviluppo collaborazioni offensive per il settore giovanile dall U 13 all'u 17 - G. Consolini 3 - Collaborazione come filosofia di lavoro in un allenamento tipo per il settore giovanile femminile - G. Lucchesi 4 - Contenuti prevalenti nella preparazione fisica giovanile - Integrazione tra Tecnica e Preparazione Fisica - P. Salvaggi Per maggiori informazioni invia una mail a BasketCoach.net Magazine rivista on-line Registrazione n 24/2007 R.P. Tribunale di Perugia - 21 maggio 2007 Editore: Associazione Culturale Basketcoach.net Direttore responsabile: Marco Martiri Comitato tecnico di redazione: Marco Tamantini, Giuseppe Benassi, Enrico Petrucci Informazioni: Come inviare i tuoi articoli: Per all indirizzo Per posta ordinaria all indirizzo: Via Trionfale Roma c/o Marco Martiri Per fax al numero Tutti gli articoli, le foto e le immagini che saranno inviati a Basketcoach.net rappresentano materiale originale e pienamente disponibile dallo stesso e garantisce e manleva l Associazione Basketcoach.net da eventuali e future pretese di terzi al riguardo. Il materiale inviato resterà nella esclusiva proprietà e disponibilità di Basketcoach.net in quanto con l invio si intende cedere in via definitiva a Basketcoach.net la totalità degli inerenti diritti di utilizzazione dello stesso. Il materiale viene ceduto a titolo gratuito e Basketcoach.net può pubblicarlo a suo insindacabile giudizio. Legenda Attaccante senza palla Attaccante con palla Tiro Difensore Passaggio Pass. consegnato Palleggio Movimento senza palla Movimento difesa Blocco Arresto 2 tempi Arresto 1 tempo Appoggio Coach COME ASSOCIARSI A BASKETCOACH.NET Puoi associarti a www,basketcoach.net versando la quota annuale di 15 euro l anno tramite: Bollettino Postale: c/c num intestato a ASSOCIAZIONE BASKETCOACH NET Importo: 15,00 - Causale: Quota associativa Bonifico bancario: Beneficiario: ASSOCIAZIONE BASKETCOACH NET IBAN: IT16X Carta di credito: tramite il servizio PAYPAL L associazione a dà diritto a scaricare 6 numeri del magazine bimestrale e garantisce la possibilità di usufruire di sconti e vantaggi sulle iniziative del sito. 2

3 (Continua da pagina 1) Propongo un elenco, sicuramente migliorabile, di materiali medicalisportivi che devono essere assolutamente presenti : GUANTI IN LATTICE : poco costosi, indispensabili per trattare correttamente una eventuale emorragia, e per evitare il contatto con mucose e cute; GARZE IN COMPRESSE : preferibili al cotone, per la detersione e la disinfezione (attenzione a non lasciare garze nella confezione a- perta, perché non sono più sterili; DISINFETTANTE; FORBICI O TAGLIERINA PER FASCIATURE; PINZETTE; BENDA A RETE CONTENI- TIVA; BENDAGGI SPORTIVI : SALVAPELLE CEROTTO PER TAPING TENSO- PLAST BENDE AUTOA- DESIVE (ideali non solo per fasciature, funzionali o meno, ma anche per mantenere in sede la compressa di ghiaccio, parlando di salva pelle e autoadesive); MASCHERINA O BARRIE- RA per respirazione artificiale; pertinenza medica!), non è indispensabile avere a disposizione siringhe e laccio emostatico, così come il cotone emostatico. Ricapitolando, poche cose, mirate, e soprattutto sempre presenti : ricordarsi di comunicare al responsabile della borsa medica quello che si è utilizzato, cosicchè nessuno cada dalle nuvole in caso di mancanza di qualcosa, e soprattutto si possa sempre dare il massimo aiuto in condizioni di emergenza. CEROTTI : di ogni forma e tipo; CEROTTI ANTI VESCICHE : le vesciche possono innescare meccanismi di compenso e errate posture e- stremamente fastidiose e pericolose, FORBICI: GHIACCIO : istantaneo, spray, o, meglio, frigorifero o macchina del ghiaccio che formino i cubetti, da mettere nella BORSA DEL GHIAC- CIO, o in SACCHETTI DA FREEZER. In una borsa medica non dovrebbero essere presenti farmaci (la terapia e la diagnosi sono di esclusiva Chi è Guido Marcangeli? Guido Marcangeli, Dottore in Medicina, è nato a Milano l 11 Maggio del Medico sportiva, è specialista in agopuntura clinica e medicina cinese. Diplomato all I.S.E.F. della Lombardia di Milano nel 1984, è docente nazionale C.O.N.I. per la biologia dello sport dal Attualmente è docente a contratto presso l Università degli Studi dell Insubria, nonché Docente responsabile nazione del Settore minibasket-giovanile-scolastico della F.I.P.. In Federazione ricopre vari ruoli, quali docente formatore del C.N.A., medico del Settore Squadre Nazionali maschili e femminili, oltre che a collaborare con alcune società sportive quali la Pallacanestro Cantù (serie A1 maschile) e la Pallacanestro Lago Maggiore (serie A dilettanti). 3

4 CATEGORIA AQUILOTTI QUILOTTI: TRATTAMENTO DI PALLA - RAPIDITÀ MANI E PIEDI DI MARCO CORBA - FORMATORE REGIONALE MINIBASKET Categoria: Aquilotti Obiettivi: trattamento di palla Rapidità mani e piedi Elemento tecnico: partenze in palleggio Giochi di palleggio Tutti con palla, muoversi palleggiando solo con la mano Debole, al segnale di Stop fare arresto in palleggio. Mai fermare la palla con due mani! Come sopra. Prima di ripartire eseguire 3 cambi di mano frontali sul posto Come sopra. Prima di ripartire eseguire un cambio di mano fra le gambe Palleggiare muovendosi liberamente sul campo. Quando vuole ciascun bambino si arresta e mette la palla a terra fra i piedi. Per ripartire deve essere Liberato da un passaggio di un compagno Come sopra. Chi libera non si ferma ma passa e riceve in movimento Dai e Vai Come sopra. Dopo essere stato liberato il bambino può fare un tiro a canestro (solo uno, dentro l area dei 3 secondi) Come sopra. Prima di ripartire eseguire un 8 con la palla fra le gambe Ball Handling Azienda specializzata nella produzione abbigliamento sportivo personalizzato con servizio di stampa e ricamo. Punto vendita specializzato nella fornitura di materiale tecnico/sportivo per il basket. Punto vendita: VIA DEI CASTELLI ROMANI, POMEZIA (RM) tel Tutti i bambini intorno al campo di pallavolo. Vince chi al termine delle ripetizioni porta per primo la palla sopra la testa. 20 giri intorno ai piedi uniti (una volta la palla gira verso destra e una volta verso sinistra) giri intorno ad un piede, gambe divaricate 10 volte 8 fra le gambe 1 giro a piedi uniti e 1 giro con passo indietro 1 giro a piedi uniti e 1 giro con passo in avanti 2 giri a piedi uniti, saltello per divaricare i piedi e un giro a 8 fra le gambe Sforbiciata con le gambe e palla in mezzo 3 scivolamenti verso dx con palla girata intorno alla gamba sx 3 scivolamenti verso sx con palla girata intorno alla gamba dx Piedi rapidi Giochi di palleggio (Diag. 1) In palleggio, di fianco alla riga. Palleggiare la palla dentro al campo con i piedi fuori e viceversa cambiando mano Come sopra. Cambio di mano ogni 2-3 palleggi. Quando i piedi sono fuori dal campo la palla è sopra la linea Sfide di tiro (Diag.2) Due file sulla linea di metà campo. Tutti con palla, comanda la fila di sx. Partenza fronte a canestro, girare la palla intorno al piede perno Fianco a canestro. Girare la palla a 8 fra le gambe Fronte a canestro fare sforbiciata sul posto Due file sulla linea di metà campo. Tutti con palla, NON comanda nessuno. Fronte a canestro eseguire scivolamenti laterali verso l esterno girando la palla intorno al piede interno. Arri- (Continua a pagina 5) 4

5 (Continua da pagina 4) vati alla linea di pallavolo sprint verso canestro e tiro Variante: dopo l 1c1 si possono coinvolgere i primi compagni in fila e giocare 2c2 all altro canestro. Si può arrivare al 3c3 con lo stesso sistema. Sfida del Five (Diag. 3-4) Due file sulla linea di metà campo. Tutti con palla. Scivolare fronte a canestro uno verso l altro palleggiando con la mano esterna, battere il five e sprintare verso canestro Scivolare spalle a canestro uno verso l altro palleggiando con la mano esterna, battere il five e sprintare verso canestro eseguendo un giro dorsale con cambio di mano Variante: comanda un giocatore che può utilizzare entrambe i birilli per sbilanciare l altro che deve eseguire lo stesso percorso. Sfida del Five su due metà campo Due sfide, campo con i birilli messi sulla linea di metà campo che servono per entrambe le sfide per cui si crea molto traffico in palleggio Gare di 1c1 (Diag. 5) Coppie, un pallone. Partenza dalla linea laterale di metà campo. Uno di fronte all altro, palla tenuta a contrasto con una mano, scivolamenti verso il centro del campo. Quando vuole, l attaccante strappa la palla con due mani e parte per giocare 1c1. Variare la combinazione delle mani e mettere del birilli per delimitare lo spazio di gioco. 2c1 solo andata (Diag. 7) Due bambini sulla linea di metà campo si passano la palla facendo step sul posto. Il difensore con i piedi sull arco di cerchio di metà campo. Al segnale dell istruttore vanno a canestro utilizzando solo passaggi mentre il difensore cerca di recuperare e proteggere il canestro. Giochi a squadre 1c1 con recupero (Diag. 6) Due file sulla linea laterale, palla all istruttore. I primi due bambini scivolano verso il centro del campo, si danno il Five e corrono verso l istruttore. L attaccante prende la palla, il difensore tocca la mano e difende. (Continua a pagina 6 ) 5

6 (Continua da pagina 5) 2c1 andata + 2c2 ritorno (Diag. 8) Stesso gioco con il difensore che coinvolge il compagno nell angolo per giocare 2c2 all altro canestro. Sfida di dai e Vai + 3c3 (Diag. 11) S tesso gioco inserendo due giocatori che partono da metà campo 3c1 andata + 3c3 ritorno (Diag. 9) Stesso gioco. I tre attaccanti passano e cambiano fila. Si possono usare, all - andata, solo passaggi. Sfida di dai e Vai + 2c2 (Diag. 10) Un pallone a coppia. Si sfidano due coppie. Il primo bambino con palla corre furi della linea dei 3 punti, il secondo esce sul lato in appoggio. Giocano dai e Vai, la prima coppia che segna prende il proprio pallone e attacca all - altro canestro contro l altra coppia che deve velocemente recuperare dopo aver posato la palla a terra sotto canestro. Ritorno 2c2 La rivista settimanale che parla di tutto il ba- sket nel Lazio, con uno sguardo anche agli "altri sport" 6

7 La lavagna tattica tascabile Taktifol convince l allenatore Una situazione tipica: la squadra gioca in trasferta, nello spogliatoio degli ospiti l allenatore non ha la possibilità di mostrare ai giocatori la tattica di gioco. Si è preferito risparmiare la fatica del trasporto della ingombrante lavagna tattica e, per attaccare i fogli di carta portati con sé, manca naturalmente il nastro adesivo! Ancora una volta uno dei giocatori deve tenere un foglio in mano mentre l allenatore illustra le sue direttive tattiche! Un gruppo di allenatori inventivi ha risolto questi problemi in modo semplicemente geniale: fogli stampati rappresentanti il campo di basket che hanno la particolarità di aderire dappertutto e si lasciano cancellare con un normale panno asciutto o con le dita! Gli ideatori di tali fogli hanno voluto dare alla loro invenzione un nome originale: Taktifol. II segreto di Taktifol è la sua carica elettrostatica spiega Jùrgen Zinsmeister, direttore di Taktifol. In effetti, il foglio rimane attaccato dappertutto: alla porta degli spogliatoi, sullo specchio, sulla piastrelle delle docce, su ogni parete, sia all interno che all esterno degli spogliatoi. I fogli si possono successivamente staccare senza lasciare alcun residuo e ogni volta che occorre riapplicarli di nuovo altrove. Anche nel caso di superfici rivestite non uniformemente non ci sono problemi di sorta, Taktifol rimane attaccato ed offre al coach una libertà inaspettata! Usando poi i pennarelli Taktistick, in dotazione nello Starterkit, si può eliminare quanto scritto sia con un panno asciutto che addirittura semplicemente col dito! Grazie a queste sue caratteristiche, Taktifol si rende impiegabile al pari di una pesante e ingombrante lavagna tattica. Inoltre Taktifol si può trasportare facilmente come un foglio di carta semplicemente nella tasca dei pantaloni, pronto per essere utilizzato dal coach sia in partita che in allenamento! Alla domanda Quante volte si può usare lo stesso foglio? Juergen Zinsmeister, direttore di Taktifol, risponde: Ogni tecnico può decidere per quanto riutilizzare un foglio Taktifol! Non sono le forze d aderenza che diminuiscono, ma piuttosto dei leggeri residui che restano dopo la cancellazione dello scritto che limitano la possibilità di riutilizzare all infinito un foglio singolo. Normalmente un foglio viene usato 3/6 volte prima che il coach lo dichiari inutilizzabile. Ma il prezzo di poco più di 20 per il rotolo da 25 fogli permette la sostituzione di un foglio con uno nuovo dopo averlo usato per diversi impieghi. Già diverse federazioni sportive europee hanno conosciuto i vantaggi di Taktifol e forniscono sistematicamente i loro insegnanti di questo nuovo importante strumento didattico. Conosciamo parecchi casi in cui allenatori di giovani cestisti descrivevano solo marginalmente la tattica di gioco, non avendo ancora a disposizione Taktifol. Con l uso di Taktifol gli stessi allenatori cominciano a riflettere più profondamente insieme alla squadra sui vantaggi e sugli svantaggi dei vari sistemi di gioco! spiegano gli ideatori di Taktifol. Ed il vantaggio per il basket sembra davvero evidente! I giocatori si muoveranno in modo più sicuro durante le varie fasi di gioco seguendo i modelli tattici descritti dall allenatore con Taktifol. Anche i relatori dei clinic di Basketcoach.net si sono mostrati entusiasti di Taktifol: Durante le nostre lezioni possiamo applicare dappertutto anche più fogli Taktifol e così spiegare mosse complesse ed articolate a tutti i corsisti dice Marco Tamantini, Tecnico della Federazione Italiana Pallacanestro Settore Minibasket e scuola e Coordinatore Tecnico Territoriale. Info dati su Taktifol Foglio tattico autoaderente provvisto di stampa del campo di basket Misure del foglio: 60x80cm Consegna in rotoli da 25 fogli, facilmente staccabili tramite perforazione Resta attaccato dappertutto per aderenza grazie alla sua carica elettrostatica Con l'uso dei relativi pennarelli Taktistick la scritta si toglie a secco Per ulteriori informazioni: oppure tel

8 8

9 I F I FONDAMENTALI - IL PASSAGGIO DI ANDREA ANILONTI - POOL BASKET COMENSE - A1 FEMMINILE IL PASSAGGIO Di norma è il fondamentale più sottovalutato e a cui si dedica meno tempo, anche in termine di correzioni, durante gli allenamenti. Capita poi durante le partite di accorgersi che contro difese aggressive o contro difese a zona le nostre squadre fanno fatica ad attaccare. E spesso ci troviamo durante le partite a rimproverare giocatori che non sanno passare la palla in maniera adeguata. Ritengo questo fondamentale il più importante, perchè nel basket di oggi essere dei buoni passatori è un grande vantaggio! Ci sono diverse teorie su quali passaggi utilizzare e come eseguire tali passaggi: passaggi a una mano o solo a due mani, passaggi dal palleggio o recuperare sempre la palla prima di passarla, passaggi schiacciati si o no, e così via. Se parliamo di ragazzi molto giovani (under 13 e under 14) penso che insegnare i passaggi più facili sia sufficiente, quindi il passaggio due mani al petto è di sicuro quello da cui iniziare per Chi è Coach Anilonti? vedere in forma analitica le basi di un buon passaggio, che serviranno più avanti anche per passaggi più complessi. Le basi per passare bene la palla sono: avere una buona presa sul pallone (presa a T o comunque con i pollici più vicini possibili), controllare il pallone con i polpastrelli e non con il palmo della mano; spingere il passaggio con tutto il corpo e non solo le braccia: gambe (uso del piede perno), tronco e spalle; terminare il movimento di passaggio in maniera precisa: le mani danno la direzione alla palla. Questi concetti base vanno subito insegnati fin quando i ragazzi sono molto giovani, perchè li ritroveremo poi in tutti i passaggi che vogliamo insegnare. Per queste categorie (under 13 e under 14) è importante che i passaggi vengano sempre eseguiti a due mani, anche se si tratta di passaggi diversi dal passaggio diretto. Se parliamo di categorie più evolute (under 15, under Coach Andrea Anilonti inizia ad allenare nel 1990, a soli 17 anni, presso il G.S.O. Cerro Maggiore, dove rimane fino al Dopo un anno a Busto Arsizio, approda da cappo allenatore in serie B Femminile alla Virtus 96 Rho, dove però rimane solo un anno perché l anno dopo (2002/03) diventa vice allenatore in B2 Maschile. Dal 2004 al 2006 torna alla Virtus 96 Rho, dove è allenatore dell U15 (4 posto alle finali nazionali) e capo allenatore della B2 Femminile, che porta, in sole due stagioni, dalla B2 alla B1 con partecipazione, nel 2006, ai play-off per la promozione in A2. Nel 2007/08 è capo allenatore di Valmadrera, in B d eccellenza. Dal 2008/09 è assistente allenatore alla Pool Comense (A1 Femminile) e allenatore del settore giovanile, settore di cui, da quest anno, è anche Responsabile Tecnico. 17 e under 19) ci sono sicuramente altri tipi di passaggi: schiacciati, laterali, skip. La tecnica di esecuzione richiama sempre le basi viste in precedenza, ovviamente adattate al tipo di passaggio che stiamo eseguendo. Quello di cui mi preme parlare sono altri due aspetti: la velocità del passaggio e la scelta del passaggio da eseguire. Parlando di velocità del passaggio intendo il tempo che la palla impiega nel tragitto passatore - ricevente. Con la velocità di gioco attuale, spesso i giocatori non hanno il tempo materiale per eseguire un passaggio utilizzando la giusta tecnica: palla vicino al corpo, piede perno, spinta delle gambe, del tronco, braccia che si distendono e mani che finiscono il movimento. Per compiere un gesto che abbia queste caratteristiche è necessario disporre del giusto tempo di esecuzione. Non in tutte le situazioni di gioco si ha a disposizione questo tempo. Quindi? E necessario utilizzare una tecnica di passaggio differente, che si basi sull uso dei polsi e la velocità delle mani per far viaggiare la palla con i tempi giusti per l attacco. Altro aspetto fondamentale è la scelta del passaggio corretto in base alla situazione di gioco. Personalmente faccio una distinzione fra gioco a tutto campo, in velocità, quindi in situazioni di contropiede/ transizione e situazioni di gioco a metà campo. In situazioni di contropiede preferisco che i passaggi vengano eseguiti sempre a due mani (anche l apertura dopo il rimbalzo). Motivo: siamo in una situazione di gioco veloce, quindi gli errori sono già più facili, facciamo quindi dei passaggi che ci danno maggiore garanzia di riuscita. I passaggi ad una mano, da questo punto di vista, danno meno garanzie. Per passaggi a due mani intendo questo: la palla va te- (Continua a pagina 10) 9

10 (Continua da pagina 9) nuta con entrambe le mani, al momento dell esecuzione posso decidere di passare anche con una mano sola (come il passaggio di apertura dopo un rimbalzo difensivo) ma la mano d appoggio rimane sulla palla per dare maggiore stabilità. In situazioni a metà campo (minore velocità) è invece utile, se non necessario, saper utilizzare anche la tecnica di passaggi ad una mano per eludere difese molto aggressive. In generale quello che insegno in queste situazioni è lo stesso delle situazioni in velocità: teniamo la palla con due mani e passiamola poi usandone una ma mantenendo la mano d appoggio sulla palla. In alcune situazioni (trap difensivi, palleggio chiuso, etc etc ) è necessario saper passare la palla anche con una sola mano o direttamente dal palleggio, andando contro la regola generale. L importante è sempre porre l attenzione sull uso dei piedi per eseguire un buon passaggio (la tecnica del tagliafuori per eludere trap difensivi o difensori molto aggressivi è fondamentale!) e anche sulla velocità di esecuzione curando il movimento di polsi e dita. Non vi ho ancora parlato di quali passaggi insegnare/utilizzare. Ogni allenatore ha le proprie fondate convinzioni in merito. Per fare un esempio Dan Peterson non vuole vedere nessun passaggio schiacciato, mentre Ettore Messina vuole passaggi schiacciati verso il post basso. La scelta del tipo di passaggi da utilizzare è strettamente legata al tipo di gioco della nostra squadra e dal materiale umano che abbiamo a disposizione. Più abbiamo ragazzi di talento e più tipologie di passaggi possiamo insegnare. Partendo da questa idea cerco sempre di insegnare il maggior numero di passaggi ai miei giocatori perchè più un giocatore sa passare la palla in maniera differente, più ne trarrà giovamento tutto il sistema offensivo, qualunque esso sia. Concludo questo intervento ponendo l accento sulla metodologia di insegnamento dei passaggi. Qualunque passaggio stiate insegnando utilizzate sempre situazioni che siano di tipo a- nalitico - globale. Fare esercitazioni statiche per curare la tecnica (analitico) va bene se facciamo seguire situazioni di gioco (globale) in cui verifichiamo che, anche in situazioni di difficoltà, la tecnica sia corretta. Inoltre lavorando solo su situazioni statiche si tralascia un aspetto fondamentale: la scelta del passaggio da eseguire: solo situazioni di gioco reali possono far migliorare i nostri giocatori anche in questo fondamentale aspetto. Si torna sempre al concetto di tattica individuale (insegnare il COSA ma anche il COME e il QUANDO) di cui vi ho parlato nella parte introduttiva della prima parte. 10

11 BASKETCOACH PLAYBOOK 3.0: LA NUOVA VERSIONE DEL PLAYBOOK DI BASKETCOACH.NET E online BasketcoachPlaybook 3.0 la nuova versione del software per disegnare esercizi, schemi e allenamenti della tua squadra, completamente in italiano prodotto e ideato da Basketcoach.net. Il nuovo PlayBook 3.0 ti permetterà di disegnare il tuo basket, in maniera semplice e intuitiva, utilizzando gli strumenti a disposizione. Insieme al software saranno fornite tutte le istruzioni per poterlo utilizzare al meglio. Inserite anche le istruzioni con le nuove funzionalità aggiunte. Le nuove funzionalità inserite vannao, possibilità di scrivere sul campo, nuovi attrezzi aggiunti da poter inserire sul campo e tante altre cose da scoprire direttamente sul sito E possibile ordinare il Playbook di Basketcoach.net sul sito sia la versione download che la versione su CD. E possibile provare le funzionalità del Playbook su Sconto del 10% per gli associati a 11

12 TRANSIZIONE OFFENSIVA DI COACH MARCO GUERRIERO Con l avvento dei 24 il basket è diventato decisamente molto rapido e le a- zioni offensive in realtà durano circa 14/16 secondi. A me piace molto dare fluidità e velocità al gioco, sia al livello giovanile che a livello senior, dare una mentalità di gioco rapido sia da canestro subito o da rimbalzo conquistato in difesa: ripartire subito, con un rapido contropiede o giocando in transizione. In questo mio articolo farò vedere un gioco in Transizione che a me piace fare e che spero possa essere utile a qualche altro allenatore per sviluppare idee sul gioco in velocità. Opzione 2 (Diag 3) 1 passa la palla 4 che finta un dai e segui con 1, fronteggia e qui o può subito attaccare 1vs1 cercando di sorprendere la difesa oppure può servire 3 che con un back door taglia verso canestro. Partiamo subito indicando chi in questa Transizione occupa il ruolo di 4 o 5. Io non faccio distinzione tra i lunghi, mi limito a dare solo una indicazione: chi esegue la rimessa o prende il rimbalzo difensivo diventa il nostro 4, l altro lungo invece corre in fase offensiva e diventa il nostro 5 Opzione 1 (Diag. 2) 1 passa la palla subito a 2 che gioca di fronte a 5. Palla al post basso che giocherà 1vs1 andando a canestro o leggendo il taglio dal lato debole di 3. Nel diagramma 1 possiamo vedere la disposizione iniziale della Transizione. 1 spingerà la palla nella metà campo offensiva, 5 si posizionerà in post basso sul lato dx o sx sul lato palla, a seconda quindi di dove sarà 1. 3 e 2 si abbasseranno uno su lato dx e uno sul lato sx in linea con il post basso fuori dalla linea da tre punti, 4 si fermerà sulla linea da tre punti sul lato opposto a 1 Da qui inizieremo a sviluppare la nostra Transizione e utilizzeremo le varie letture offensive (opzioni d attacco) che si possono presentare. Opzione 3 (Diag. 4-5) 1 passa a 4 che fa dai e segui con 1. 2 si abbassa dietro 5 e riceve da 5 e 4 uno stagger,a) può ricciolare e andare a canestro oppure aprirsi e ricevere. 3 si alza in guardia e taglia ricevendo la continuità dello stagger di 5 e 4 ricevendo palla da 2 (Continua a pag. 13) (Continua a pagina 13) 12

13 Basketcoach.net - N.2/ Anno V blocco su 5 sale in post alto,per un gioco alto basso con 5 oppure scarica su 1 in guardia per un tiro/o 1vs1 (Continua da pagina 12) d. 3 scarica su 1 che riceve un blocco da 2 e fa pick roll con 5 che sale. Nel frattempo 4 si allarga per un tiro da tre sul lato opposto al p&r e 3 si abbassa in angolo sulla linea della palla (Diag. 9) c. (Diag. 8) 3 passa 4, che dopo il Da questa situazione possiamo avere alcune soluzioni: a. 3 riceve e tira (Diag. 6) b. 3 gioca a due con 5 che riceve un blocco da 4 e ottiene un passaggio profondo sotto canestro (Diag. 7) 13

14 IL CLINIC PER IL SETTORE GIOVANILE DI RIANO 2010 CON LE LEZIONI DI G. CONSOLINI, S. BIZZOZI, M. RIGA E L. SEPULCRI Sono in vendita sul sito eshopbasketcoach.net, 5 dvd che parlano di basket giovanile. Il primo cofanetto, di due dvd, comprende (dvd1) la lezione di coach Giordano Consolini e del prof. Luigino Sepulcri: Il controllo del corpo nell uso dei fondamentali individuali, aspetti tecnici e fisici. Nel secondo dvd coach Consolini parla del Miglioramento del passaggio nelle categorie giovanili. I DVD PRODOTTI DA B Nel secondo cofanetto coach Massimo Riga parla di Progressione didattica dall 1c1 al 3c3 per la categoria under 17 - Attacco e difesa. Più di due ore di esercizi per la costruzione dell attacco e della difesa validi per tutto il settore giovanile. Nel terzo cofanetto due dvd sugli interventi di coach Stefano Bizzozi. Nel dvd 1 indicazioni per la Costruzione del contropiede nella categoria under 19. Nel dvd 2 invece si parla di Pick & roll attacco e dife- sa sempre per la categoria under 19. E POSSIBILE ORDINARE I TRE COFANETTI SIA NELLA SERIE COMPLETA A PREZZO SCONTATO, CHE SINGOLARMENTE SUL SITO eshopbasketcoach.net Sconti per gli associati a Basketcoach.net 14

15 BASKETCOACH.NET LA NUOVA SERIE DI DVD DI COACH BARRY BRODZINSKI SUI FONDAMENTALI in vendita su eshop.basketcoach.net 1. IL TIRO L argomento che ha reso famoso in tutto il mondo Coach Barry Brodzinski. Imparare a tirare significa duro lavoro è questa la filosofia che il Coach americano ha perseguito e diffuso in tutti i suoi anni di Camp e lezioni private sul tiro ai migliori prospetti d oltre oceano. Partendo dalla tecnica, passando poi alla presentazione di esercizi individuali e di squadra, questo DVD vi permetterà di conoscere tutti i segreti che per anni sono stati insegnati nei migliori Camp degli Stati Uniti, primo fra tutti il Five Star Basketball Camp dove Coach Brodzinski è stato per anni il direttore. L importante, però, è ricordare sempre, come insegna Coach Brodzinski, che non si impara a tirare dopo un allenamento e non si correggono tutti gli errori in un ora di lavoro: bisogna insistere, lavorare in maniera continuativa, senza mai mollare. 2. ESERCIZI DI TIRO PER GUARDIE, ALI E CENTRI Un DVD articolato in 3 parti, ognuna dedicata ad un ruolo gardie-ali-centri, che analizza le possibili soluzioni di tiro indicate per ogni ruolo. Il tutto spiegato da Barry Brodzinski, coach statunitense e uno dei maggiori esperti di tiro e di fondamentali del mondo, che analizzerà passo dopo passo tutti gli aspetti che non possono mancare nell insegnamento del tiro in un giocatore per poter essere pericoloso e completo dalla propria posizione di gioco. Un viaggio unico nel suo genere che potrà migliorare il lavoro degli allenatori sulle potenzialità offensive dei propri giocatori 3. L ARTE DEL PASSAGGIO IN PARTITA Un DVD unico nel suo genere, in quanto è raro vedere un allenatore parlare solamente del passaggio. Ma non viene fatto in maniera canonica, ma totalmente innovativa quanto semplice. Si parte dalle basi (il ball-handling) fino ad arrivare a costruire esercizi più complessi che coinvolgono più di tre giocatori sul campo all interno dello stesso esercizio, senza ovviamente dimenticare di curare la tecnica. Tutto svolto in modo graduale, in progressione, come dice lo stesso Coach Brodzinski, perché volere tutto e subito non serve a niente. 4. COME DIVENTARE DEI GRANDI PALLEGGIATORI Quante volte si sente discutere di quanto e come deve essere usato il palleggio? Oggi molti giocatori ne abusano, consumando la superficie della palla sul duro pavimento delle palestre, senza concludere niente. Correggere queste cattive abitudini non vuol dire smettere di insegnare a palleggiare ma vuol dire insegnare a palleggiare con i giusti modi. Ed è questo che coach Barry Brodzinkisi si prefigge di fare in questo dvd: dare i giusti strumenti agli allenatori per costruire dei grandi palleggiatori che sappiano usare questo fondamentale in modo efficace e tecnicamente perfetto. Come dice coach Brodzinski Ricordate, che il fondamentale più importante della pallacanestro è si il passaggio, ma una pallacanestro senza penetrazioni, che pallacanestro sarebbe? SCONTO DEL 10% PER GLI ASSOCIATI AL SITO BASKETCOACH.NET 15

16 Basketcoach.net - N.2/ Anno V ATTACCO CONTRO DIFESA A UOMO DELLA NAZIONALE MILITARE BELGA ALLO SHAPE 2010 DI V. DI SEGNI - ALL. NAZIONALE MILITARE ITALIANA SHAPE 2010 Schieramento iniziale - Play in punta con la palla, gli esterni bassi e il lunghi in post alto posizionati sul gomito della lunetta. Il gioco comincia con 4 e 5 che portano un doppio blocco per 2 mentre 1 si sposta in palleggio sul lato opposto al blocco. 2 sfrutta il doppio blocco e riceve da 1 e può tentare una conclusione. Se 2 non conclude l azione ribalta su 3 che sfrutta un blocco tandem di 4 e 5 Se non c è soluzione 3 gioca p&r con 5 mentre glia ltri tre giocatori ruotano per ricevere un eventuale scarico. La variante Una variante può esserci nel caso il primo doppio blocco dall esterno venga sfruttato con un taglio verso canestro. In questo caso 4 esce a ricevere da 1. Continua a pag

17 In questo caso saranno 3 e 5 a portare un blocco tandem per l altro esterno. La conclusione è come nell altro caso: 5 sale a giocare p&r se non c è soluzione e gli altri tre giocatori si aprono per un eventuale scarico. 17

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 Traduzione conforme al WFDF Rules of Ultimate 2013 Versione Ufficiale in vigore dal 1 gennaio 2013 Indice delle Regole Introduzione... 1 1. Spirit

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen Programmare con LOGO 1 Istruzioni di base Un istruzione è un comando che il computer è in grado di capire e di

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli