SOMMARIO ELENA. Per questo la BEI ha messo a disposizione bilioni di euro dal 2005 al 2020 in FER con più interesse per gli interventi di EE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO ELENA. Per questo la BEI ha messo a disposizione 600-700 bilioni di euro dal 2005 al 2020 in FER con più interesse per gli interventi di EE"

Transcript

1 SOMMARIO ELENA Le aree urbane consumano il 70% dell' energia primaria in UE. Il modo migliore per sviluppare gli obiettivi previsti dai Cambiamenti Climatici e sviluppare le potenzialità delle FER(Fonti Energetiche Rinnovabili) e EE (Efficienza Energetica) è agire a livello locale. Per questo la BEI ha messo a disposizione bilioni di euro dal 2005 al 2020 in FER con più interesse per gli interventi di EE Gli obiettivi richiesti per i Cambiamenti Climatici e l'energia richiedono grandi investimenti soprattutto nelle citta'. Opportunità: Grandi investimenti a livello locale per edilizia e trasporti. Interventi fiscali Esperienze tecniche ed eliminazione barriere amministrative La Commissione Europea e la BEI/ELENA supportano le autorità regionali e locali a raggiungere il target del Le facilitazioni per l'assistenza tecnica vengono finanziate dalla BEI tramite ELENA con una dotazione finanziaria di 30 milioni di euro. Le facilitazioni prevedono: le applicazioni di EE (Efficienza Energetica), le rinnovabili a livello locale, il trasporto urbano pulito con un finanziamento del 90% a fondo perduto Cosa viene finanziato, in particolare, da Elena: studi di fattibilità' staff tecnico addizionale studi tecnici per la predisposizione dei SEAP struttura finanziaria appalti pubblici preparazione delle procedure d'appalto, Invece il programma d'investimento BEI, per progetti di grande scala, finanzia da 50 a 100 milioni di euro per interventi in EE e FER in: edifici pubblici, inclusa l'edilizia sociale, l'illuminazione stradale, il trasporto urbano le infrastrutture energetiche locali (smart grid e TIC) Il programma d'investimento non rientra nel Patto di stabilita'. Il programma d'investimento, o una parte, può essere finanziato dal PPP o dalle ESCO. La Regione la Provincia o le Comunità Montane o un Insieme di Comuni possono agire come struttura di supporto, che assiste le piccole amministrazioni ad esplorare le potenzialità di risparmio energetico negli edifici comunali, nelle scuole ecc.. Il Programma finanzia attività con sostegno tecnico, come audit energetici che sono indispensabili per identificare i maggiori sprechi di energia. Supporta la preparazione di programmi d'investimento Seleziona procedure per i programmi d'investimento e per il PPP. 1 programmi d'investimento, o parte di essi, possono essere implementati da altri

2 organismi, come le ESCO. Aree d'investimento elegibili: Edifici pubblici e privati Edilizia sociale Illuminazione stradale Integrazione di FER Nuovi distretti di calore CHP (Caldo, Freddo, Energia) Trasporto urbano, alta efficienza dei Bus, anche i bus ibridi Auto elettriche a bassissime emissioni Nuovi progetti per migliorare la logistica delle aree urbane. Criteri di selezione: Elegibilità del piano d'investimento Bancabilità e potenzialità del piano d'investimento Contributo per il iniziative in termini di riduzione di emissioni di C02 Contributo in FER e EE Fattore leva rispettato Valore aggiunto EU in linea con la politica europea, target e legislazione Stato dell'arte per le tecnologie energetiche e gli obiettivi da raggiungere con l'azione programmata. Politica di coesione Impatto sulle PMI e lo sviluppo locale e regionale Contributo alla disseminazione delle buone pratiche e di penetrazione nel mercato di nuove tecnologie Verifica che l'assistenza finanziaria non possa essere finanziata da un altro fondo UE come il FESR e specificare perché 1' uso di questo strumento appare più appropriato. Attività elegibili: Studi di mercato Business plan Audit energetico Preparazione di procedure di credito e contrattuali Assistenza allo sviluppo del piano d'investimento esclusi i costi hardware Staff addizionano

3 ELENA 1. Che cosa è Elena? Elena è una struttura europea che mira, attraverso l'assistenza tecnica, a livello regionale o locale a sostenere le autorità perché accelerino i loro programmi di investimento nei settori dell'efficienza energetica e delle fonti energetiche rinnovabili. Supporta le autorità locali e regionali per raggiungere l'obiettivo del Tre volte 20 per il Il sostegno finanziario è fornito nell'ambito del II programma EIE (Energia Intelligente Europa: L'impianto di ELENA mira ad un più ampio utilizzo di: tecniche innovative, processi» prodotti o prassi e facilita il loro assorbimento del mercato. I programmi di investimento sostenuti possono poi essere replicati in altre città o regioni. 2. Che tipo di assistenza tecnica può essere finanziato con Elena? I costi ammissibili per il sostegno di ELENA corrispondono al supporto tecnico che è necessario per preparare, attuare e finanziare il programma di investimento. Questo supporto tecnico può essere di diversi tipi, per esempio: studi di fattibilità e di mercato, la strutturazione di programmi, piani aziendali, audit energetici, preparazione delle procedure d'appalto, gli accordi contrattuali le unità di attuazione del progetto. Tuttavia, i costi hardware, come dispositivo di misurazione, computer o ufficio, sono esclusi. Il costo del personale assunto di recente e incaricato di elaborare il programma di investimenti è un costo ammissibile. Il costo del personale corrisponde agli stipendi reali più i contributi sociali e gli altri costi connessi alla retribuzione. I costi ammissibili possono includere imposta sul valore aggiunto, se è documentato che tale imposta non può essere recuperata dal beneficiario. ELENA copre fino al 90% dei costi ammissibili necessari per il supporto tecnico relativo ad un ben identificato programma di investimenti. Per poter beneficiare del sostegno, i costi devono essere necessari per realizzare l'investimento programmato 3. Che tipo di programmi di investimento possono essere supportati dalla assistenza tecnica di Elena? ELENA supporto può essere fornito per lo sviluppo di programmi di investimento o progetti nei seguenti settori: edifici pubblici e privati, tra cui l'edilizia popolare e l'illuminazione pubblica, l'efficienza energetica - ad esempio lavori di ristrutturazione degli edifici finalizzata a una consistente diminuzione di energia e di consumo (sia energia termica ed elettrica),come isolamento termico, aria condizionata efficiente, ventilazione, illuminazione efficiente; integrazione delle fonti energetiche rinnovabili (FER) nell'ambiente costruito per esempio solare fotovoltaica (PV), collettori solari termici e biomassa; investimenti in ristrutturazione, ampliamento o la costruzione di nuovo distretto di riscaldamento / raffreddamento reti, tra cui reti basate su

4 produzione combinata di calore e di elettricità (CHP); sistemi decentrati di cogenerazione (edifici o quartieri trasporto urbano per sostenere l'efficienza energetica e integrazione delle fonti energetiche rinnovabili, ad esempio alta efficienza energetica degli autobus, compresi gli autobus ibridi, basse emissioni di carbonio o di sistemi di propulsione elettrica; investimenti volti a facilitare l'introduzione di auto elettriche, gli investimenti per introdurre nuove e più energia per migliorare la logistica del trasporto merci nelle aree urbane; infrastrutture locali tra cui le reti intelligenti, informazione e tecnologia per le infrastrutture di comunicazione efficienza energetica, efficienza energetica arredo urbano, mezzi di trasporto intermodale e il rifornimento Infrastrutture per il rifornimento dei veicoli a combustibile alternativo. 4. Il programma di investimenti sostenuti da ELENA può avere una dimensione minima? L'obiettivo di ELENA è quello di aumentare l'esperienza nello sviluppo di programmi di investimento di una certa dimensione, di norma superiore a EUR 50 milioni. Piccoli progetti possono essere sostenuti, quando sono integrati in più programmi di investimento. Raggruppamento di piccoli progetti in grandi programmi di costi di transazione consente di essere ridotto e migliora la "bancabilità" dei singoli progetti, che è uno dei criteri di ELENA 5 Chi può beneficiare di Elena? Le autorità locali e regionali o altri organismi pubblici o da un raggruppamento di tali organismi provenienti da paesi ammissibili nell'ambito del programma Intelligent Energy Europe. Attualmente, i paesi ammissibili sono gli Stati membri dell'ue, Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Croazia. Ente pubblico: un'organismo creato da una pubblica autorità o di un soggetto giuridico di diritto privato con una missione di servizio pubblico, finanziato per oltre il 50% da enti pubblici, le cui procedure interne e dei conti sono soggetti al controllo da parte di un'autorità pubblica e per la cui passività un ente pubblicò si assume alcuna responsabilità nel caso in cui l'ente pubblico che cessa le sue attività. ELENA sostiene il Patto dei Sindaci (www.eumayors.eu), iniziativa della Commissione europea, ma non è limitato ai soggetti che hanno firmato. 6. Qual è il primo requisito per il supporto Elena? Qualsiasi soggetto pubblico che intende chiedere ELENA deve precedentemente aver predisposto un programma di investimenti al fine di contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell'unione europea nei settori dell'energia e del clima, cambiamento noto come "iniziativa ". Gli investimenti non devono essere completamente definiti ELENA mira a sostenere e accelerare il successo e 'attuazione di tali investimenti. 7. Quali sono i criteri di selezione per Elena? La BEI seleziona i programmi di investimento da sostenere nell'ambito ELENA in base ai seguenti criteri: l'ammissibilità del richiedente di un paese partecipante IEE: tutti gli Stati membri dell'ue, Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Croazia; l'ammissibilità dei programma di investimenti previsto; la bancabilità potenziale del progetto; la capacità tecnica finanziaria e richiedente di attuare e completare il progetto;

5 il previsto contributo agli obiettivi del " ", iniziativa in termini di riduzione effetto serra nelle emissioni di gas, l'aumento della quota delle energie rinnovabili nel consumo energetico e miglioramento dell'efficienza energetica l atteso Leverage Factor (il costo dell'investimento da sostenere deve essere di almeno 25 volte l'importo del contributo Elena); Il valore aggiunto europeo, in termini di conformità con le politiche dell'ue, tra cui: o le politiche comunitarie dell'energia sostenibile e le priorità, gli obiettivi e della legislazione. o lo stato dell'arte dèlie tecnologie energetiche sostenibili da attuare nei programma di investimenti. o le esigenze delle comunità locali e alle possibili ripercussioni sulla sviluppo locale / regionale, tra cui un impatto positivo sulle PMI. o il contributo alla diffusione di buone pratiche e tecnologie in un mercato precoce nella fase di penetrazione, all'interno dell'unione europea. o la politica di coesione dell'ue. verifica che l'assistenza finanziaria ai sensi del presente strumento non verrà utilizzata per i programmi di investimento che possono essere meglio sostenuti da altri fondi comunitari e le strutture analoghe, compresa la coesione e i Fondi strutturali. Se il finanziamento può essere ottenuto da altre strutture, il richiedente deve giustificare il motivo per cui l'uso di questo strumento è più opportuno; assenza di altri sostegni dell'ue a favore della ricorrente stessa per ELENA in relazione allo stesso progetto. 8. Cosa succede se il fattore di leva finanziaria minima del 25 non è raggiunto? Uno degli obiettivi della struttura ELENA è quello di contribuire allo sviluppo di programmi di investimento per ottenere un rapporto minimo (leverage) del 25 tra i costi di investimento totale dell'investimento del programma sostenuto e il costo totale della sovvenzione a fondo perduto ELENA. Tale requisito sarà riflesso nel contratto di finanziamento tra il beneficiario del contributo e la BEI. Questo accordo di finanziamento stipulerà l'obbligo del beneficiario di rimborsare, in tutto o in parte, gli importi ricevuti, se questa leva minimo non è raggiunto, salvo circostanze indipendenti dalla volontà del beneficiario. 9. Esiste un legame tra finanza della BEI e l'assistenza Elena? Per ottenere il finanziamento della BEI per il programma di investimenti non è un requisito indispensabile per essere la ricezione ELENA assistenza, e viceversa. Tuttavia, come uno degli obiettivi di Elena è di migliorare la bancabilità del programma di investimento, l'assistenza ELENA può agevolare l'accesso ai finanziamenti della BEI o di altre banche. La domanda di prestito delia BEI segue un processo diverso rispetto alla richiesta di una sovvenzione di ELENA. Supplementari informazioni sulla procedura per la richiesta di finanziamento della BEI possono essere ottenuti dal sito web della BEI (www.eib.org), 10. Chi dovrebbe essere il primo punto di contatto in sede di applicazione di una sovvenzione di Elena? Elena è il risultato di un accordo tra la Commissione europea e la Banca europea Bank. Quest'ultimo è responsabile della gestione della struttura. Contatti per discutere di un progetto proposto può essere fatto in qualsiasi forma, per fax, o una lettera (il modo migliore è di a Per questi

6 primi contatti, il promotore del progetto deve fornire informazioni sufficienti per consentire la verifica della conformità della proposta con i criteri di selezione. 11. Qual è la procedura per la richiesta di una sovvenzione di Elena? Non ci saranno inviti a presentare proposte e di assistenza saranno concesse, su un primo arrivato, primo servito "all'interno dei limiti del budget. Per avviare la discussione per chiedere assistenza ELENA, il minimo seguenti informazioni devono essere presentato alla BEI, in una pre-fase di attuazione: Breve descrizione del programma di investimenti previsto, compreso il tipo di investimenti e di approccio per l'attuazione del programma; Costi di investimento attesi e il calendario per sviluppare il programma; Importo, la portata e le principali esigenze da affrontare da parte di assistenza tecnica richiesta. Sulla base delle informazioni fornite nella fase di pre-applicazione, la BEI valuterà se la proposta soddisfa i criteri di selezione, e la necessità di assistenza tecnica del programma di investimenti specifici. L'esito positivo di questa prima valutazione consentirà una richiesta di assistenza per essere preparati e presentato alla BEI utilizzando il modulo di domanda. La Banca quindi presentare la proposta al Parlamento europeo e alla Commissione per approvazione. La procedura di selezione avrà circa tre mesi. 12. Quali sono le informazioni devono essere fornite nel modulo di domanda da presentare alla BEI per approvazione (a seguito di una prima conferma che la proposta sembra soddisfare ì criteri di selezione)? Se l'esame preliminare effettuato dalla BEI indica che l'investimento sia potenzialmente ammissibili per ELENA, il team di progetto invierà un modulo di richiesta al promotore di essere completato con i dettagli relativi al progetto, quali: In relazione al programma di investimento / progetto Dichiarazione di impegno del candidato al conseguimento degli obiettivi del Fondo Descrizione del progetto di investimento per settore Previsto costi complessivi di investimento per settore fattore moltiplicatore previsto Piano di finanziamento per l'investimento calendario di attuazione per l'investimento Descrizione degli elementi più importanti di istituzionali, organizzative e contrattuali di set-up dell' investimento I risultati attesi in termini di aumento dell'efficienza energetica, diminuzione dei consumi di energia, produzione di energia rinnovabile o di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra Per quanto riguarda il supporto tecnico ELENA Importo totale chiesto Descrizione del sostegno previsto e il campo di applicazione Descrizione degli elementi più importanti del sostegno Ripartizione particolareggiata costo del sostegno Calendario di esecuzione e una previsione di esborso Informazioni su altri contributi o sovvenzioni ricevute, se del caso Descrizione dei principali impatti attesi del progetto di sostegno allo sviluppo Mercato potenziale di replica per altri comuni o enti pubblici Progetto di mandato per l'avvio del supporto tecnico

7 13. Se una proposta è approvata dalla Commissione, che cosa saccede dopo? Un accordo di finanziamento sarà stabilito tra l'autorità pubblica e la BEI, sulla base della proposta approvato congiuntamente con la Commissione. Questo accordo di finanziamento definirà il quadro tecnico di assistenza ammissibili spese, la comunicazione e il monitoraggio e la pianificazione per il pagamento. 14. Chi seleziona i fornitori di assistenza tecnica? Subappaltatori incaricato di attuare l'assistenza tecnica può essere selezionato dal beneficiario o dal BEI. La scelta migliore in ogni caso verrà discussa con la BEI, con una preferenza tuttavia,:che da selezione effettuata dal beneficiario. Subappaltatori devono essere selezionati in base ai pubblico UE appalti regole. 15. Quali sono le procedure di spesa Elena? L'erogazione dipenderà dal calendario della consegna l'assistenza tecnica e l'atteso sviluppo del programma di investimento, il calendario di esecuzione saranno concordate tra la BEI e il promotore durante la negoziazione del contratto di finanziamento. 16. In che modo l'assistenza tecnica gestita? Il beneficiario sarà responsabile della gestione e reporting di avanzamento del TA in base alla requisiti stabiliti dalla Commissione europea e ha convenuto nel contratto di finanziamento con la BEI. Qualsiasi superamento dei costi saranno finanziati dal beneficiario. 17. Può sovvenzioni ELENA essere combinato con sovvenzioni UE? In linea di principio, ELENA può essere combinato con l'ue o gli aiuti nazionali. Tuttavia, non può essere combinato con altre forme di assistenza finanziaria del bilancio UE per lo stesso scopo (assistenza tecnica a sostegno della sviluppo del programma stesso investimento da sostenere da Elena). Inoltre, il ricorrente che beneficiano di ELENA deve fornire informazioni di altri della Commissione europea sostegno che ha ottenuto nel quadro dì altri programmi dell'ue. 18. Qual è il periodo durante il quale le proposte di sostegno ELENA possono essere presentate alla Commissione? In linea di principio le proposte possono essere presentate e gli accordi di finanziamento firmati, fino alla fine del 2011, a meno che il importo assegnato alla struttura ELENA sia stato esaurito prima di quel momento. La struttura ELENA è dotata di un fondo di 30 milioni di euro dal bilancio 2009 EIE. 19. Quali sono i costi minimi e massimi accettabili per Elena? In linea di principio, non ci sono limiti specifici. Tuttavia, l'assistenza richiesta deve essere commisurato l'importo del programma di investimenti da preparare e il suo potenziale per la replica di mercato. Comunque L'effetto moltiplicatore concordati devono essere rispettati (minimo 25, vedi sopra). 20. Qual è la durata di un progetto di cercare il sostegno di impianto di Elena? La durata massima di un progetto sostenuto da Elena è limitata a tre anni.

8 Impegni per ELENA 1- Struttura di supporto per il SEAP: La struttura di supporto è auspicabile, ma non obbligatoria, è molto utile per due motivi; Facilita i rapporti con la BEI, che ha difficoltà a frazionare i prestiti, e favorisce l'aggregazione di più Comuni per concedere un prestito cumulativo. Consente, più facilmente, di elaborare SEAP sovracomunali che prevedano, nella mobilità, nel riscaldamento, nel rinfrescamento ecc.. migliori e razionali visioni di insieme. 2- La documentazione per Elena Elena rappresenta, sostanzialmente, un preventivo di SEAP, per ogni Comune, e un preventivo di SEAP sovracomunale. Elena deve essere indicativo degli interventi che si devono fare per: Ridurre le dispersioni energetiche degli edifici pubblici (interventi per ridurre la dispersione delle pareti opache verticale e orizzontali e delle pareti verticali trasparenti); Aumentare l'efficienza delle apparecchiature degli edifici (caldaie, pompe di calore, ventilazione interna, termostati, sistemi di rilevazione della temperatura ambiente e conseguente riduzione del flusso/calore..) Efficiente sistema di illuminazione degli edifici pubblici e non Revisione dell'illuminazione pubblica stradale con la sostituzione di lampade a mercurio con lampade allo iodio o, meglio con lampade a led elettronico; ambiente urbanizzato, incluse le disposizioni e le autorizzazioni per gli edifici di nuova costruzione; regole per le ristrutturazioni di grandi dimensioni; infrastrutture urbane come: teleriscaldamento e telerinfrescamento; illuminazione pubblica; reti elettriche intelligenti; pianificazione urbana e territoriale; fonti di energia rinnovabile decentrate; politiche per il trasporto pubblico e privato; compresa la produzione di biogas e la relativa utilizzazione diffusa di CH4 (metano) per autotrazione, in regime di prossimità; mobilità urbana; incentivi per l'utilizzo di nuovi motori a combustione interna (Direttiva 97/68/CE) destinati all'installazione su macchine mobili non stradali (macchine da cantiere, macchine per uso agricolo e forestale, motori a velocità costante, compressori..) coinvolgimento dei cittadini e, più in generale, partecipazione attiva della società civile; comportamenti intelligenti, in fatto di energia, da parte dei cittadini, dei consumatori e delle aziende I costi ammissibili per il sostegno di ELENA corrispondono, inoltre, ad alcuni supporti tecnici che sono necessari per preparare, attuare e finanziare il programma di investimento. Questo supporto tecnico può essere dì diversi tipi, per esempio: studi di fattibilità e di mercato, la strutturazione di programmi, piani aziendali,

9 preparazione delle procedure d'appalto, gli accordi contrattuali le unità di attuazione del progetto. Tuttavia, i costi hardware, come dispositivo di misurazione, computer o ufficio, sono esclusi. Il costo del personale assunto di recente e incaricato di elaborare il programma di investimenti è un costo ammissibile. Il costo del personale corrisponde agii stipendi reali più i contributi sociali e gli altri costi connessi alla retribuzione, I costi ammissibili possono includere imposta sul valore aggiunto, se è documentato che tale imposta non può essere recuperata dal beneficiario. ELENA copre fino al 90% dei costi ammissibili necessari per il supporto tecnico relative ad un ben identificato programma di investimenti. Per poter beneficiare del sostegno, i costi devono essere necessari per realizzare l'investimento programmato 2- Tipi di attività previsti nei SEAP I dati devono essere raccolti per tutto il Comune: vettori e settori energetici, autovetture circolanti e tipo di autovetture (Euro 2, 3 4 ) consistenza e tipo delle energie rinnovabili. Deve quindi essere elaborata una mappa chiara della situazione del Comune. Gli interventi finanziati dalla BEI sono principalmente rivolti al pubblico.

Il nuovo meccanismo ELENA

Il nuovo meccanismo ELENA Il nuovo meccanismo ELENA (European Local Energy Assistance) Sintesi Power house Italy - Toolkit (European Local Energy Assistance) La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti (BEI)

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici Valle d Aosta verso il 2020, una Regione sostenibile Aosta, 31 marzo 2010 Marcello Antinucci, AESS Modena Perchè le città Le aree

Dettagli

IL PROGRAMMA ELENA. Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010

IL PROGRAMMA ELENA. Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010 IL PROGRAMMA ELENA Ralf Goldmann / Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 30.04.2010 03/05/2010 Banca europea per gli investimenti / Programma ELENA 1 Indice 1. Introduzione 2.

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA

Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA Gli strumenti della BEI in ambito energetico: Il programma ELENA e lo strumento JESSICA Angela Mancinelli Banca europea per gli investimenti (BEI) Roma, 15.06.2011 1 INDICE Introduzione Energia e lotta

Dettagli

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici. ing. Piergabriele Andreoli AESS Modena

Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici. ing. Piergabriele Andreoli AESS Modena Lo strumento ELENA per l assistenza tecnica agli investimenti energetici ing. Piergabriele Andreoli AESS Modena Perchè le città /HDUHHXUEDQHVRQRUHVSRQVDELOLSHULO FLUFDGHOFRQVXPRHXURSHRGL HQHUJLDSULPDULD

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali ALLEGATO INCENTIVI E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali Programmi UE: ELENA (European Local

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

European Energy Efficiency Fund - FAQ

European Energy Efficiency Fund - FAQ European Energy Efficiency Fund - FAQ Informazioni generali Che cos'è il Fondo Europeo per l'efficienza Energetica (EEEF o Fondo)? L obiettivo del Fondo EEEF è quello di fornire un finanziamento basato

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Convention Credito al Credito Angela Mancinelli Roma, 26 novembre 2010 INDICE 1. 2. 3. 4. BEI Quadro generale ENERGIA Contesto operativo ENERGIA Strumenti

Dettagli

PAES. 05 Strumenti finanziari. Comune di Buddusò BUDDUSÒ SOSTENIBILE PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE FEBBRAIO 2014

PAES. 05 Strumenti finanziari. Comune di Buddusò BUDDUSÒ SOSTENIBILE PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE FEBBRAIO 2014 Comune di Buddusò BUDDUSÒ SOSTENIBILE PAES PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 05 Strumenti finanziari FEBBRAIO 2014 Plans Società di ingegneria PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1 Nell'ambito

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Chiara Pocaterra Punto di Contatto Nazionale Tema 2 Prodotti Alimentari, Agricoltura e Pesca e Biotecnologie 7PQ Tema 5 Energia Programma EURATOM Competitiveness

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Buone Pratiche e Sfide Future

Buone Pratiche e Sfide Future Politiche di promozione di riscaldamento e raffreddamento da fonti rinnovabili: Buone Pratiche e Sfide Future Autori: Agenzia Energetica Austriaca (AEA): Nina Pickl, Johannes Schmidl, Lorenz Strimitzer

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Venezia, 10 dicembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

DECRETO 3 novembre 2004 GU n. 85 del 13-4-2005

DECRETO 3 novembre 2004 GU n. 85 del 13-4-2005 DECRETO 3 novembre 2004 GU n. 85 del 13-4-2005 IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE e con IL MINISTRO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

Promuovere gli investimenti locali in efficienza energetica ed energie rinnovabili. Milano 30 gennaio 2013 Federico Beffa / Area Ambiente

Promuovere gli investimenti locali in efficienza energetica ed energie rinnovabili. Milano 30 gennaio 2013 Federico Beffa / Area Ambiente Promuovere gli investimenti locali in efficienza energetica ed energie rinnovabili Milano 30 gennaio 2013 Federico Beffa / Area Ambiente INDICE Risultati del bando Sostenibilità Energetica 2010-2012 Il

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

CONSULENTE PER IL RISPARMIO E L'EFFICIENZA ENERGETICA

CONSULENTE PER IL RISPARMIO E L'EFFICIENZA ENERGETICA CONSULENTE PER IL RISPARMIO E L'EFFICIENZA ENERGETICA Il corso è inserito nel Catalogo dei Percorsi Professionalizzanti della provincia di Genova ed è fruibile gratuitamente, nella forma di voucher. Possono

Dettagli

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010)

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) WORKSHOP Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) Politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici alla scala locale:

Dettagli

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto

Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto Patto dei Sindaci Il ruolo della Regione del Veneto giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Treviso, 25 marzo 2015 Dal 2008 attraverso il Patto dei Sindaci, le città firmatarie si sono impegnate

Dettagli

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 L applicazione della Direttiva 2012/27/UE Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 Indice Il contesto La normativa di riferimento Programmi Europei Programmi Nazionali

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Canali e modalità di accesso alle fonti di finanziamento europeo

Canali e modalità di accesso alle fonti di finanziamento europeo Canali e modalità di accesso alle fonti di finanziamento europeo convegno Piani energetici, opportunità di risparmio e finanziamento per le pubbliche amministrazioni Mezzocorona 25/02/2011 Canali di finanziamento

Dettagli

Progetto IEE BiosolEsco - WP 4 Manifestazioni di interesse per la selezione di casi di studio

Progetto IEE BiosolEsco - WP 4 Manifestazioni di interesse per la selezione di casi di studio Progetto IEE BiosolEsco - WP 4 Manifestazioni di interesse per la selezione di casi di studio 1. Descrizione del progetto ed obiettivi della manifestazione di interesse Il progetto di ricerca BioSolESCO

Dettagli

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012);

Visto l articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 201, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012); ALLEGATO A Regolamento di attuazione dell articolo 103 della legge regionale 27 dicembre 2011, n.66 (Legge finanziaria per l anno 2012). Fondo di garanzia per investimenti in energie rinnovabili Indice

Dettagli

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica nelle strutture sanitarie Claudia Carani AGENZIA PER L ENERGIA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena Progetto MARTE/IEE/13/465

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 16 ottobre 2014 - Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Relatore: Geom. Fabio Girolametti NOVITÀ INTRODOTTE DALLA

Dettagli

l Accordo di partenariato Italia 2014-2020, del 29 ottobre 2014 (di cui alla decisione della Commissione europea C(2014) 8021);

l Accordo di partenariato Italia 2014-2020, del 29 ottobre 2014 (di cui alla decisione della Commissione europea C(2014) 8021); REGIONE PIEMONTE BU52S1 31/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 dicembre 2015, n. 24-2725 POR FESR 2014/2020 - Asse IV - Azione IV.4b.2.1 "Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Programmazione per l efficienza nazionale e regionale

Programmazione per l efficienza nazionale e regionale Programmazione per l efficienza nazionale e regionale Efficienza energetica: politiche e misure La Direttiva UE 2006/32 impone agli stati membri la stesura del Piano d'azione per l'efficienza energetica

Dettagli

Tipologie di Servizi offerti ai Comuni beneficiari

Tipologie di Servizi offerti ai Comuni beneficiari WORKSHOP Rivolto ai Comuni beneficiari del Progetto Alterenergy Tipologie di Servizi offerti ai Comuni beneficiari I Servizi offerti ai Comuni beneficiari da professionisti che saranno selezionati dall

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

Il lago: una riserva di energia. 28 aprile 2011 Varenna (LC)

Il lago: una riserva di energia. 28 aprile 2011 Varenna (LC) Il lago: una riserva di energia 28 aprile 2011 Varenna (LC) EU Iniziative politiche Libro verde Marzo 2006 Una strategia europea per un energia sostenibile, competitiva e sicura Pacchetto energia: la tecnologia

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale L esperienza del PAES congiunto dell Isola d Elba 11 febbraio 2014 Roberto Bianco

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AD ACCEDERE AI

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

Politica energetica e ruolo delle aziende

Politica energetica e ruolo delle aziende Politica energetica e ruolo delle aziende Giovanni Bernasconi TicinoEnergia e SPAAS Manno, 27 novembre 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2012 2 2 Bilancio energetico 2012 Struttura Consumo totale:

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici

POR FESR 2014-2020. Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici POR FESR 2014-2020 Assessorato all Ambiente e all Energia Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e cambiamenti Climatici Presentazione di iniziative per interventi di sostegno all efficienza

Dettagli

Pianificazione territoriale energetica per la città che evolve. Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano

Pianificazione territoriale energetica per la città che evolve. Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano Pianificazione territoriale energetica per la città che evolve Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano Roma, 27 novembre 2013 Agenda Il Teleriscaldamento in Europa

Dettagli

Politiche regionali per l efficienza energetica

Politiche regionali per l efficienza energetica Politiche regionali per l efficienza energetica Giuliano Vendrame Sez Energia Regione del Veneto Venezia, 15 dicembre 2015 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio Energetico - Efficienza

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Opportunità per gli Energy manager per l attuazione dei Decreti sull Efficienza Energetica Ing. Franco Canci - Italgas Proposte di un Azienda Distributrice di Gas

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Ecomondo Fiera di Rimini 5 novembre 2014

Dettagli

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d per l Energia l e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente Dino De Simone Giuseppe Maffeis Punti Energia - Regione Lombardia

Dettagli

Patto dei sindaci: Il PAES congiunto, CTC e strumenti finanziari

Patto dei sindaci: Il PAES congiunto, CTC e strumenti finanziari Covenant of Mayors Bologna, 29 Novembre 2013 Patto dei sindaci: Il PAES congiunto, CTC e strumenti finanziari Albana Kona European Commission Joint Research Centre www.jrc.ec.europa.eu Serving society

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE E GESTIONE ENERGETICA CEV nell ambito del Patto dei Sindaci promuove la pianificazione energetica attraverso i PAES

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Conto termico e titoli di efficienza energetica per le biomasse Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il

Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il Il Piano Energetico Ambientale Regionale: Strategie regionali per il raggiungimento degli obiettivi 2020 Relatore: Katiuscia Grassi PO Analisi e programmazione ambientale ed energetica Servizio Infrastrutture,

Dettagli

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico

Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Gruppo di Lavoro 3 Sviluppo dell efficienza e del risparmio energetico Bozza di indice Quadro internazionale e nazionale L efficienza energetica rappresenta il principale strumento per ridurre le emissioni

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE

Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica: Progetto Europeo MARTE Fabio Travagliati Regione Marche Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fondi Strutturali

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all improvviso.. VI SORPRENDERETE A FARE

Dettagli

Qui gli interventi finanziabili, chi può richiedere il finanziamento, quando richiederlo, e a chi rivolgersi.

Qui gli interventi finanziabili, chi può richiedere il finanziamento, quando richiederlo, e a chi rivolgersi. Il Fondo Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas serra DISPONIBILI PRESSO LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI I FINANZIAMENTI ALLO 0,50% ANNUO PER PRIVATI E AZIENDE Qui gli interventi finanziabili, chi

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Settimana della Bioarchitettura e della Domotica Modena, 14 novembre 2012 Paola Laiolo Intesa Sanpaolo Eurodesk Sprl

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Insieme per crescere La gestione dei TEE. Aspetti contrattuali e criticità per ESCO ed Energy Manager Alessandra Mari Rödl & Partner Smart Energy Expo - Verona, 9.10.2014 Rödl & Partner 11.03.2013 1 I

Dettagli

La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova. 27 giugno 2012 - Prato

La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova. 27 giugno 2012 - Prato La riqualificazione energetica delle città: l esperienza in corso dei Condomini Intelligenti a Genova 27 giugno 2012 - Prato 1 L AMBITO I paesi industrializzati hanno l obiettivo di ridurre dell 80% entro

Dettagli

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL 1 - Presentazione FAREFFICIENZA SRL - Titoli di efficienza energetica - Tipologia di interventi ammissibili - Esempi economici

Dettagli

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Rimini li 12 Dicembre 2014 Perché parlare di efficienza energetica? L'efficienza energetica è la capacità di sfruttare in modo razionale

Dettagli

I servizi offerti dalle ESCO

I servizi offerti dalle ESCO I servizi offerti dalle ESCO Uni 11352 Aziende di Servizi Energetici Sergio LA MURA Direttore Tecnico R&I Napoli, 10 Aprile 2015 2 3 Da Norma 11352 e DLgs 115/08 art 2 e dal recente DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Relatori: Emilio Giacomini Responsabile Area Operativa Ceg Facility Raffaele Tardi Energy Manager Ceg Facility

Dettagli

ICE AGENZIA ZAGABRIA 10/2015 NEWSLETTER DESK

ICE AGENZIA ZAGABRIA 10/2015 NEWSLETTER DESK Le microimprese, le piccole e promozione delle attivita'. NEWSLETTER DESK CROAZIA-UE finanziamneti APERTO IL PRIMO INVITO A PRESENTARE PROPOSTE NEL QUADRO DEL NUOVO INTERREG MED 2014-2020 INTERVISTA INTERVISTA

Dettagli

Indice. Premessa, di Antonio Dalla pag. 11

Indice. Premessa, di Antonio Dalla pag. 11 Indice Premessa, di Antonio Dalla pag. 11 1. L'audit energetico, di Maurizio Simili» 19 1. Definizioni e finalità dell'audit energetico» 19 2. Le fasi dell'audit» 21 2.1. Fase 1» 21 2.2. Fase 2» 22 2.3.

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

Gli strumenti di finanza. Piero Atella SINLOC SpA Sistema Iniziative Locali

Gli strumenti di finanza. Piero Atella SINLOC SpA Sistema Iniziative Locali 1 Gli strumenti di finanza Piero Atella SINLOC SpA Sistema Iniziative Locali 2 CHI E SINLOC Sinloc è una società di riferimento nel mercato delle iniziative di sviluppo locale e della realizzazione di

Dettagli