UNA SCADENZA IMPORTANTE: LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA SCADENZA IMPORTANTE: LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE"

Transcript

1 UNA SCADENZA IMPORTANTE: LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Guida alla riforma - Che cosa offre il Liceo - Che cosa offre l Istituto tecnico - Che cosa offre l Istituto professionale Che cos è il CLIL Quando la scuola si fa in due (lingue) 51

2 LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Guida alla riforma Una delle finalità della scuola secondaria di primo grado consiste nel favorire l orientamento dei ragazzi, nell avviarli a una scelta futura consapevole, ragionata. Proprio per questo, nei quaderni Laboratori e progetti, allegati ai tre volumi base della tua antologia Il narratore, ti abbiamo proposto un percorso triennale di orientamento comprensivo di molteplici attività volte allo sviluppo di una capacità decisionale che si fonda su una verificata conoscenza di sé, delle proprie capacità, attitudini e potenzialità. La nuova secondaria superiore, però, con la riforma appena approvata, offre un panorama nuovo di possibilità, presenta dei cambiamenti, già in atto dall anno scolastico , che meritano di essere esaminati attentamente al fine di collegare le proprie aspirazioni, inclinazioni, aspettative con i nuovi percorsi di studio. Una scadenza dunque importante quella della scelta della nuova secondaria superiore perché da questa scelta dipenderà non solo il tuo futuro scolastico, ma anche e soprattutto il tuo avvenire professionale. Ma con la riforma come si è trasformata la nuova secondaria superiore? Come sono cambiati i Licei, gli Istituti tecnici, gli Istituti professionali? Ecco, qui di seguito, una Guida alla riforma. I NUOVI LICEI 6 Nuovi Licei 1. Liceo artistico 2. Liceo classico 3. Liceo linguistico 4. Liceo musicale e coreutico 5. Liceo scientifico opzione scienze applicate 6. Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale 1. settore economico 1. Amministrazione, Finanza e Marketing 2. Turismo 2. settore tecnologico 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Trasporti e Logistica 3. Elettronica ed Elettrotecnica I NUOVI ISTITUTI TECNICI - 2 settori - 11 indirizzi I NUOVI ISTITUTI PROFESSIONALI 2 settori - 6 indirizzi 1. settore dei servizi 1. Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale 2. Servizi socio-sanitari 3. Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera 4. Servizi commerciali 2. settore industria e artigianato 1. Produzioni industriali e artigianali 2. Manutenzione e assistenza tecnica 4. Informatica e Telecomunicazioni 5. Grafica e Comunicazione 6. Chimica, Materiali e Biotecnologie 7. Sistema Moda 8. Agraria, Agroalimentare e Agroindustria 9. Costruzioni, Ambiente e Territorio Tutti i percorsi delle scuole superiori permettono di proseguire gli studi all Università o presso gli Istituti tecnici superiori (ITIS) o di inserirsi nel mondo del lavoro. 52

3 Che cosa offre il LICEO Una formazione di base ampia, utile ad acquisire le conoscenze, le abilità e le competenze adeguate a leggere e interpretare la realtà con atteggiamento critico, razionale, ma anche creativo e progettuale. Il Liceo dura 5 anni ed è suddiviso in due bienni e in un quinto anno, al termine del quale gli studenti sostengono l Esame di Stato e conseguono il diploma di Istruzione liceale. Sono previste 27 ore settimanali nel primo biennio (ad eccezione dei Licei artistico 34 ore e musicale e coreutico 32 ore); le ore aumentano a seconda degli indirizzi negli anni successivi. Le materie comuni a tutti i Licei sono: italiano, storia e geografia, filosofia (dal terzo anno), storia dell arte, scienze naturali, matematica, fisica, scienze motorie e sportive, religione o attività alternative. La lingua straniera è studiata per tutti e cinque gli anni. All ultimo anno, si introduce l insegnamento in una lingua straniera di una materia non linguistica. Sono previsti 6 percorsi liceali LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE 1. artistico Sono previste, oltre alle materie comuni: chimica, discipline grafico-pittoriche, geometriche e plastiche, laboratoriali artistiche. A partire dal secondo biennio, gli studenti potranno scegliere tra 6 indirizzi: Arti figurative Architettura e ambiente Design Audiovisivo e multimediale Grafica Scenografia 2. classico Sono previste, oltre alle materie comuni: latino e greco. 3. linguistico Sono previste, oltre alle materie comuni: latino (solo al primo biennio) e tre lingue straniere. 4. musicale e coreutico Sono previste, oltre alle materie comuni: nel musicale: esecuzione e interpretazione, teoria, analisi e composizione, storia della musica, laboratorio di musica d insieme tecnologie musicali; nel coreutico: storia della danza, storia della musica, tecniche della danza, laboratorio coreutico, laboratorio coreografico, teoria e pratica musicale per la danza. 5. scientifico È il percorso di studio liceale con il più alto numero di ore di matematica e prevede lo studio del latino. Opzione scienze applicate Questa opzione che non prevede il latino è caratterizzata da un più alto numero di ore dedicate a biologia, chimica e scienze della terra, e prevede inoltre lo studio dell informatica. 6. scienze umane Sono previste, oltre alle materie comuni: antropologia, pedagogia, psicologia e sociologia, latino, diritto ed economia. Opzione economico-sociale Questa opzione prevede antropologia, metodologia della ricerca, psicologia e sociologia, una seconda lingua straniera in sostituzione del latino, diritto ed economia politica. Informazioni e approfondimenti relativi a ciascun Liceo. 53

4 LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Che cosa offre l ISTITUTO TECNICO La formazione tecnica e scientifica di base necessaria a un inserimento altamente qualificato nel mondo del lavoro e delle professioni. L Istituto tecnico dura 5 anni ed è suddiviso in due bienni e in un quinto anno, al termine del quale gli studenti sostengono l Esame di Stato e conseguono il diploma di Istruzione tecnica. Sono previste ore annuali pari a una media di 32 ore settimanali. Le materie comuni a tutti gli indirizzi sono: italiano, inglese, storia, matematica, diritto ed economia, scienze integrate, scienze motorie e sportive, religione o attività alternative. All ultimo anno, si introduce l insegnamento di una disciplina tecnico-professionale in lingua straniera. Il laboratorio è centrale nel processo di apprendimento; sono previsti stage, tirocini e percorsi di alternanza scuola-lavoro per apprendere in contesti applicativi. Sono previsti 2 settori divisi in 11 indirizzi 1. settore economico È suddiviso in 2 indirizzi che, dopo il biennio comune, proseguono nei tre anni successivi, con piani di studio mirati ad approfondire settori specifici del mondo del lavoro e delle professioni. Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazioni: «Relazioni internazionali per il marketing» e «Sistemi informativi aziendali». Turismo Prevede l apprendimento di 3 lingue straniere, discipline turistiche e aziendali, geografia turistica, diritto e legislazione turistica, arte e territorio, economia aziendale e informatica. 2. settore tecnologico È suddiviso in 9 indirizzi che, dopo il biennio comune, proseguono nei tre anni successivi, con piani di studio mirati ad approfondire settori specifici del mondo del lavoro e delle professioni. Meccanica, Meccatronica ed Energia Articolazioni: «Meccanica e meccatronica» ed «Energia». Trasporti e Logistica Articolazioni: «Costruzione del mezzo», «Conduzione del mezzo» e «Logistica». Elettronica ed Elettrotecnica Articolazioni: «Elettronica», «Elettrotecnica» e «Automazione». Informatica e Telecomunicazioni Articolazioni: «Informatica» e «Telecomunicazioni». Grafica e Comunicazione Chimica, Materiali e Biotecnologie Articolazioni: «Chimica e materiali», «Biotecnologie ambientali» e «Biotecnologie sanitarie». Sistema Moda Articolazioni: «Tessile, abbigliamento e moda» e «Calzature e moda». Agraria, Agroalimentare e Agroindustria Articolazioni: «Produzioni e trasformazioni», «Gestione dell ambiente e del territorio» e «Viticoltura ed enologia». Costruzioni, Ambiente e Territorio Articolazioni: «Geotecnico». Informazioni e approfondimenti relativi a ciascun indirizzo. 54

5 LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Che cosa offre l ISTITUTO PROFESSIONALE L istruzione generale e tecnico-professionale necessaria per ruoli tecnici nei settori produttivi e dei servizi di rilevanza nazionale. L Istituto professionale dura 5 anni ed è suddiviso in due bienni e in un quinto anno, al termine del quale gli studenti sostengono l Esame di Stato per il conseguimento del diploma di Istruzione professionale. Sono previste ore annuali pari a una media di 32 ore settimanali. Più laboratori, stage, tirocini e alternanza scuola-lavoro per apprendere, specie nel secondo biennio e nel quinto anno, attraverso un esperienza diretta. Gli Istituti professionali possono continuare a organizzare percorsi triennali per il conseguimento di qualifiche professionali sulla base della programmazione delle Regioni. Le materie comuni a tutti gli indirizzi sono: italiano, storia, matematica, scienze integrate, lingua inglese, diritto ed economia. Sono previsti 2 settori divisi in 6 indirizzi. 1. settore dei servizi È suddiviso in 4 indirizzi. Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale Servizi socio-sanitari Articolazioni: «Odontotecnico» e «Ottico». Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazioni: «Enogastronomia», «Servizi di sala e di vendita», «Accoglienza turistica». Servizi commerciali 2. settore industria e artigianato È suddiviso in 2 indirizzi. Produzioni industriali e artigianali Articolazioni: «Industria» e «Artigianato». Manutenzione e assistenza tecnica Informazioni e approfondimenti relativi a ciascun indirizzo. Per adempiere all obbligo di istruzione, gli studenti possono scegliere anche i percorsi di Istruzione e Formazione professionale previsti dalla programmazione delle Regioni, per il conseguimento di una qualifica professionale triennale riconosciuta a livello nazionale. Sistema di Istruzione e Formazione professionale 21 percorsi triennali Qualifica di Operatore professionale. 21 percorsi quadriennali Diploma professionale di Tecnico. 55

6 LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE La nuova secondaria superiore prevede più spazio per scienze, matematica, lingue straniere. Infatti: è stato stabilito un incremento orario della matematica, della fisica e delle scienze per irrobustire la componente scientifica nella preparazione degli studenti; la lingua inglese viene studiata in tutti i percorsi di studio per cinque anni; una disciplina non linguistica viene studiata in lingua straniera secondo le modalità nel quinto anno dei Licei e degli Istituti tecnici. Che cos è il CLIL CLIL è l acronimo di Content and Language Integrated Learning (Apprendimento Integrato di lingua e contenuto). Si tratta di una metodologia didattica che prevede l insegnamento di una disciplina, di una materia curriculare non linguistica, mediante una lingua straniera veicolare. I contenuti e gli argomenti delle discipline sono trattati esclusivamente in lingua straniera. Questo tipo di didattica consente agli alunni di: acquisire i contenuti disciplinari; 56 migliorare la competenza comunicativa nella lingua straniera veicolare; utilizzare la lingua straniera come strumento per apprendere; sviluppare una mentalità multilinguistica; aumentare la motivazione in quanto aumenta la consapevolezza dell utilità di saper padroneggiare una lingua straniera; competenza spendibile anche, e soprattutto, in una futura attività lavorativa. Esistono già degli istituti che hanno adottato la metodologia clil, come tu stesso puoi verificare leggendo l articolo a pagina seguente.

7 Quando la scuola si fa in DUE LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE (lingue) Storia in francese, matematica e chimica in inglese. Abbiamo scoperto uno dei pochi istituti (pubblici) dove si insegna in lingua straniera. I ragazzi? Very happy. «There s antimony, arsenic, aluminium, selenium. And hydrogen and oxygen and nitrogen and rhenium». È l attacco, velocissimo (qualcuno annaspa subito), della canzoncina The elements con la quale i ragazzi della II A dell Istituto tecnico commerciale Enrico Tosi di Busto Arsizio accolgono l imbarazzata cronista di «Io donna» (che declina l invito ad associarsi al coro). Il testo appare su una lavagna interattiva, stile karaoke. L insegnante dà il ritmo, tutti ci provano. Poi si passa a uno «scarabeo» sulle definizioni degli elementi di chimica e alle parole crociate (ops, crosswords) sulla fisica. Si parla, si risponde e si ascolta solo in inglese. Siamo in una classe clil dove una materia non linguistica viene insegnata in una lingua straniera. Al momento, stiamo seguendo una lezione di scienze della terra in inglese, alle dieci ci sposteremo in I F per storia in francese, poi torneremo in II A per matematica in inglese. La riforma della nuova secondaria superiore prevede l istituzione dei clil per le ultime classi nei sei licei. Obiettivo: colmare lo storico ritardo del nostro Paese nella conoscenza delle lingue. I dati sono inquietanti: sei italiani su dieci studiano l inglese, ma non lo parlano (dati Censis, Centro Studi Investimenti Sociali) e solo il 7% pensa di averne una conoscenza «molto buona». In tale disastro, emergono alcune eccezioni: scuole dove l internazionalizzazione è una priorità, e dove si scommette sul futuro dei ragazzi. I clil sono parte integrante di questo progetto. In alcuni istituti pilota storia e informatica, filosofia, scienze o altro vengono già insegnati in inglese, francese o tedesco direttamente dal docente della disciplina. La regione all avanguardia è la Lombardia, con 400 classi clil in 100 istituti, ma non mancano esperienze ovunque, dal liceo Galvani di Bologna, che è stato il capofila, all Alfano I di Salerno, un eccellenza del Sud. Al Tosi funzionano già sei classi al biennio e una al triennio. «La richiesta delle famiglie è altissima» dice Benedetto Di Rienzo, preside di questo istituto dove i studenti girano con un cartellino al collo per essere identificati. La scuola punta sulle lingue straniere: è una delle tre in Italia (le altre sono il Galvani e il Botta di Ivrea) a rilasciare l Igcse (International General Certificate of Secondary Education Certificato generale internazionale di formazione secondaria), un certificato equivalente a quello che ricevono gli inglesi al termine della scuola secondaria. Dal 2011 si potrà ottenere anche il Baccalauréat 1 francese. Di pomeriggio funzionano corsi di arabo, cinese, giapponese. 1. Baccalauréat: esame al termine della scuola secondaria francese. 57

8 LA SCELTA DELLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Al Botta di Ivrea, uno dei licei più antichi d Italia, nelle classi clil si studiano storia e geografia in spagnolo e i ragazzi ricevono un doppio diploma valido nei due Paesi. «Molti di loro si iscrivono ad Architettura a Barcellona o all Università Complutense a Madrid» racconta il dirigente Ugo Cardinale. Il Botta è stato anche il primo liceo ad avere inserito il cinese come materia curriculare: «In seconda sono già in grado di chiedere informazioni». All Alfano I di Salerno, invece, si declinano Cartesio 2 in francese, storia dell arte e scienze in inglese. Entriamo in I F, dove una professoressa racconta con un perfetto accento parigino la vita di «Alexandre le Grand, fils de». Greta dovrebbe rispondere, ma tace. Non si sa se per un «buco» in storia o piuttosto, suggerisce l insegnante, «perché non ha studiato francese alle medie ed è indietro». I ragazzi compilano una carta d identità di Alessandro Magno e commentano la cartina geografica. Altra campanella, ci rituffiamo in un corridoio affollato guidati da Elena Petruzio, l insegnante che coordina i progetti linguistici. Torniamo in II A: c è matematica. È il momento delle quadratic equations: la lavagna interattiva (ce n è una in ogni classe clil) si accende e la classe, guidata da una professoressa entusiasta, si anima. Katia si sposta al primo banco per seguire meglio la particular formula, una roba difficilissima che si articola tra square roots e delta vari. Federico è alla lavagna e i compagni, divisi in gruppi, cercano la risposta. Parlano inglese anche tra di loro, e piuttosto bene. Finalmente la professoressa invita: look at the solutions! Federico tira un sospiro di sollievo. Per prepararsi all insegnamento in lingua straniera, le tre professoresse del Tosi si sono «arrangiate». Un metodo tipicamente italiano, che non può più funzionare con i clil obbligatori. «Il ministro non ha ancora chiarito come avverrà la formazione dei docenti» polemizza Antonio Lepre, preside dell Alfano I di Salerno. «Chi mi garantisce che un professore sia in grado di insegnare fisica in tedesco?» Invece, secondo Gisella Langé, responsabile nazionale del progetto clil è tutto previsto: «E il ministro ha promesso che il prossimo passo sarà la nuova formazione dei docenti. Presto partiranno nelle università i corsi per futuri insegnanti clil» anticipa. La soluzione è alle porte. Forse. (C. Lacava, in «Io donna», 27 febbraio 2010, rid.) 2. Cartesio: nome italianizzato del filosofo e matematico René Descartes ( ). 58

9 UNO SGUARDO AL MONDO DEL LAVORO Ragazze, la scienza non è solo una «cosa da maschi»! La ricerca scientifica. è il miglior lavoro che una donna possa ottenere Medicina, il lavoro è (quasi) garantito Imprese verdi: ecco le professioni del futuro Le nuove professioni più richieste nel mondo della moda Le professioni del Web Lavori che offrono un sicuro impiego Qui ti assumono 59

10 MONDO DEL LAVORO Ragazze, la scienza non è solo una «cosa da maschi»! Forse è perché mancano i modelli: ci sono poche donne scienziato, quindi poche donne vogliono fare lo scienziato. Senz altro è perché l attività di ricerca o sul campo è oggettivamente molto impegnativa: un laboratorio riesce ad assorbire ancor più energie di uno studio legale e un turno di tre mesi su una piattaforma petrolifera è difficilmente conciliabile con un figlio da crescere. Metti insieme tutti questi fattori e il risultato è sempre il medesimo: poche donne, troppo poche, si dedicano alla scienza. La scarsa presenza femminile nelle scienze è squilibrata: in alcuni campi è altissima (medicina, biologia), in altri (matematica, ingegneria e soprattutto informatica) le donne scarseggiano. In realtà non c è nessun vero motivo per cui le ragazze non debbano occuparsi di computer. Tant è vero che uno degli esponenti più illustri dell ingegneria informatica italiana è una donna, Luigia Carlucci Aiello, docente di Intelligenza artificiale e direttore dipartimento di Informatica dell Università di Roma. La strada da percorrere per uscire dalla crisi è questa: cercare di occupare campi strategici, presidiati dagli uomini perché finora le donne non hanno provato a entrarci. Ci sono aree che si stanno sempre più femminilizzando, ad esempio le professioni: già da cinque anni i nuovi avvocati italiani sono al 60% donne, l albo degli avvocati di Padova nel 2009 ha registrato lo storico sorpasso: donne (il 52%) contro uomini. Le scienziate, 60 invece, sono fenomeno raro. E non solo in Italia. Solo un terzo dei ricercatori scientifici europei è donna, con una sconfortante discesa a mano a mano che si sale nelle gerarchie accademiche. «Le donne devono smettere di studiare cose sbagliate» sottolinea Susanna Camusso, segretario confederale della Cgil (Confederazione Generale Italiana del Lavoro). «È inutile che la maggior parte dei laureati in medicina siano femmine. Il Paese ha bisogno di matematici, ingegneri, fisici.» Stefano Scabbio, amministratore delegato di Manpower (società che ogni anno gestisce lavoratori), conferma che si stanno aprendo spazi al femminile nel campo dell ingegneria gestionale. «Servono manager commerciali con spiccate doti tecniche, con competenze nel controllo di gestione» afferma. «Le donne hanno enormi vantaggi: imparano le lingue più facilmente degli uomini e hanno una diversa capacità di comunicazione» osserva Michele Pellizzari, docente di Economia del lavoro all Università Bocconi di Milano. «Se una ragazza non ha interessi specifici, che studi per fare l interprete» nota Paolo Feltrin, docente di Scienze politiche a Trieste. «Se c è una competenza che verrà sempre più richiesta è quella linguistica. Altrimenti, se ha voglia di studiare intensamente, frequenti una qualsiasi delle facoltà scientifiche che le donne non vogliono fare: fisica, matematica, informatica, ingegneria.» (A. Marzo Magno, in «Io donna», 10 aprile 2010, rid.)

11 MONDO DEL LAVORO La ricerca SCIENTIFICA è il miglior lavoro che una DONNA possa ottenere. In America le chiamano cyberelias. O in alternativa geek girl, «smanettone». Sono ragazze tra i 12 e i 15 anni, appassionate di Internet, scienza e tecnologia tanto quanto i maschi. Anche in Italia. Ma perché, allora, soltanto poche scelgono poi una scuola superiore a indirizzo scientifico? E perché succede lo stesso all università? Se lo chiede Cristina Morea Dalle Ore, 52 anni trevigiana, tre figli, emigrata in America negli anni Ottanta e lì diventata famosa astronoma. Oggi è l unica donna italiana a lavorare per la Nasa (National Aeronautics and Space Administration Amministrazione Nazionale dell Aeronautica e dello Spazio), dove studia i bordi del sistema solare. Ed è sempre più convinta che la scienza sia «un perfetto gioco da ragazze». Che cosa glielo fa credere? «Il ricercatore è l artista della scienza. La creatività e l organizzazione tipiche di noi donne sono perfette per questa professione, che non è imbrigliata in orari fissi perché il cervello va lasciato libero di seguire i suoi ritmi. Fidatevi: la ricerca scientifica è il miglior lavoro che una donna possa ottenere.» Perché, invece, le ragazze scelgono di studiare altro? «Spesso, purtroppo, è decisiva l influenza dei genitori, di solito contrari.» I suoi come reagirono quando decise di iscriversi ad Astronomia a Padova? «In realtà mio padre, chirurgo incantato dalle stelle, mi incoraggiò.» E lei che cosa consiglierebbe a una ragazza appassionata di scienza e tecnologia? «La ricerca in biologia, farmaceutica e genetica offre spazio e buone prospettive. Servono però studio, sacrificio, voglia di viaggiare, perché un tirocinio all estero è irrinunciabile. E poi bisogna tenere gli occhi aperti: la Nasa, ad esempio, ha programmi di stage estivi aperti a studenti internazionali.» Alla Nasa quante donne lavorano? «Circa 6.500, più o meno il 30% della forza lavoro.» Nessuna discriminazione nella sua carriera scientifica? «Le risponderò con ciò che mi disse il mio primo capo americano, anche lei una donna: Lavora il doppio dei colleghi: prima per dimostrare che sei all altezza, poi per superarli. Perché se è vero che la ricerca è fatta su misura per noi donne, il maschio dominante è una specie ancora attiva nei laboratori di tutto il mondo.» (F. Amè, in «Vanity Fair», 14 luglio 2010) 61

12 MONDO DEL LAVORO Medicina, il lavoro è (quasi) garantito Continua il successo occupazionale delle professioni medico-sanitarie. Lavorare in emergenza passando le giornate e le nottate a completa disposizione di un numero di telefono breve e perentorio come il 118. O indossare il camice verde e trascorrere ore sotto il neon asettico delle sale operatorie e tra i monitor delle stanze di rianimazione. Le professioni sanitarie non sono certamente mestieri per tutti. Sangue freddo, estrema precisione e competenza, passione sono sicuramente doti necessarie per intraprendere gli studi medico-sanitari. Ma certamente sono anche le discipline che nel mercato del lavoro rendono di più, dal punto di vista occupazionale e remunerativo. Secondo i dati del consorzio interuniversitario Alma Laurea il 79,8% dei laureati di primo livello in Medicina e Chirurgia nell anno solare 2008, intervistati a un anno dal conseguimento del titolo, ha già un lavoro. Si tratta della percentuale più alta dei laureati che trovano un impiego in un arco di tempo così breve dopo la laurea: un record. Ma chi è lo studente tipo che si iscrive alla facoltà di Medicina e Chirurgia per poi scegliere la strada delle professioni sanitarie? Dal profilo tracciato da Alma Laurea, su dati 62 che riguardano i laureati di primo livello del 2009, emerge che il 33,9% di chi sceglie una professione sanitaria è di sesso maschile, netta presenza femminile quindi. Il 34,6% di chi si iscrive proviene in maggioranza da una scuola superiore di tipo tecnico, dal Liceo scientifico arriva il 39% del futuro personale ospedaliero, soltanto 7 studenti su cento hanno precedentemente frequentato il Liceo classico e il restante 28,7% proviene invece da un altro tipo di diploma o da studi all estero. Per rispondere alla grande domanda di professionisti sanitari l università italiana è ben attrezzata con 38 facoltà di Medicina e Chirurgia: tra queste la migliore secondo le classifiche del Censis (Centro Studi Investimenti Sociali) è quella di Padova che si è distinta per i giudizi favorevoli sia riguardo ai rapporti internazionali sia alla ricerca, non trascurando produttività e soprattutto didattica. Da poco, infatti, è stato attivato il nuovo indirizzo umanistico che mira a insegnare agli studenti che al centro del rapporto con il medico non c è più la malattia ma il paziente stesso. (V. Bernabei, in «la Repubblica», 29 luglio 2010)

13 MONDO DEL LAVORO Imprese verdi: ecco le professioni del futuro Nei prossimi anni l economia sostenibile farà salire alla ribalta nuove figure. Per i prossimi dieci anni, avranno maggiori prospettive di sviluppo le professioni legate in qualche modo all ambiente. Al primo posto l agricoltura. Secondo le previsioni, è necessaria una nuova generazione di giovani agricoltori, con aziende medio-piccole a carattere locale, ovvero che operano più vicine ai luoghi del consumo dei prodotti. Segue il comparto delle foreste. Esperti in tecniche forestali potranno trovare nuove possibilità di lavoro anche nei programmi che prevedono la riforestazione. Al terzo posto gli installatori di impianti solari: gli impianti sulle case sono destinati ad aumentare considerevolmente e oltre centomila nuovi posti di lavoro, ben pagati, sono prevedibili entro il Il numero di occupati può anche crescere se l impiantistica solare verrà in qualche modo sostenuta fiscalmente dal governo. Segue l efficienza energetica. Migliorare l efficienza di tutti gli edifici pubblici (migliore uso dell energia, risparmio, isolamenti, ecc.) richiederà oltre un milione di nuovi tecnici ed esperti. Al quinto posto, ancora l energia, quella del vento. In fase di crescita il mondo della ricerca: più biologi della conservazione saranno richiesti dalle grandi compagnie, che stanno gradualmente comprendendo il valore degli ecosistemi e della loro conservazione per lo sviluppo dell economia. Questa tendenza richiederà anche nuove specializzazioni in economia e manager capaci di gestire imprese e commerci più sostenibili. All ottavo posto vengono gli esperti di riciclaggio. Riciclare conviene più che «gettar via» e le politiche di incentivazione statali aiuteranno ad accrescere la quantità e la qualità di beni che devono essere riciclati e, di conseguenza, anche la ricerca di nuove tecniche di uso e riuso dei materiali. Il nono posto è occupato da una specializzazione di livello più alto: lo sviluppatore di sistemi sostenibili. Interesserà soprattutto il settore delle tecnologie informatiche, per la progettazione di sistemi di supporto per le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Al decimo posto, infine, ingegneri e architetti esperti di paesaggio, pianificazione territoriale e urbana sostenibile. (D. Nicolati, in rid.) 63

14 Professioni MONDO DEL LAVORO Altre professioni verdi del futuro Agricoltori «verticali», specialisti nell inversione dei cambiamenti climatici, vigilanti del clima e ingegneri di veicoli alternativi. Ecco altre professioni verdi del futuro. Figure professionali del tutto nuove che saranno richieste da qui al 2030, quando sulla Terra ci saranno milioni di persone, e dovremo combattere realmente i cambiamenti climatici e l acqua e il cibo rappresenteranno una delle questioni più difficili da risolvere a livello internazionale. In futuro, quindi, ci sarà bisogno di agricoltori verticali perché la produzione agricola si svilupperà in altezza, sui grattacieli, un metodo molto più economico e sostenibile. O ancora di professionisti che sappiano agire per fermare i disastri che potrebbero provocare i cambiamenti climatici, in grado di applicare metodi interdisciplinari e di costruire ombrelloni giganti per deviare le radiazioni dei raggi solari. Sempre più Paesi avranno bisogno di vigilanti sul clima, nuove figure in grado di sorvegliare la quantità di gas inquinanti in atmosfera. E infine saranno richiesti ingegneri di veicoli elettrici o a idrogeno o di vetture in grado di volare o di andare sott acqua. (www.modusvivendi.it) 64

15 MONDO DEL LAVORO LE NUOVE PROFESSIONI PIÙ RICHIESTE NEL MONDO DELLA MODA Sono dieci le nuove figure professionali più richieste nel mondo della moda. Brand Manager: è addetto alla pianificazione e al controllo della strategia del marchio e gestore dei rapporti aziendali. Trade Market Manager: si occupa della pianificazione e del controllo della distribuzione dei prodotti. Stock Manager: è addetto alla gestione dei prodotti invenduti in azienda. Merchandiser: orienta le preferenze degli acquisti. Visual Merchandiser: valorizza il prodotto sia dal punto di vista del posizionamento sia del prezzo all interno del punto vendita. Retail Operation Manager: controlla l assortimento dei prodotti. Cool Hunter: individua le tendenze del mercato. Leisure Manager: è l organizzatore di sfilate, eventi e manifestazioni fieristiche. Industrial Property Manager: tutela legalmente i prodotti dell azienda. Personal Shopper: è il consulente personale nell acquisto di prodotti e accessori più alla moda. (www.mondomodablog.com) Professioni Professione emergente: il consulente d immagine Una nuova figura professionale, all estero già ampiamente diffusa, sta prendendo piede anche in Italia, si tratta del consulente d immagine, il professionista che, selezionando e mixando sapientemente capi e accessori, per taglio, colore, materiale e vestibilità, in base al fisico e all occasione, è in grado di realizzare lo stile desiderato aiutando il cliente a esprimere la sua vera personalità e proiettare un immagine coerente di se stesso. La cliente femminile adulta resta ancora il punto di riferimento indiscusso dell offerta di servizi legati all immagine personale proprio per la sua caratterizzazione: curiosità e richiesta di stimoli sempre nuovi. Tra i servizi più richiesti ci sono il personal shopping, l individuazione dei colori più intonati alla carnagione per abiti e make-up, la riorganizzazione del guardaroba e lo styling, anche per l evento memorabile. Tuttavia, soprattutto negli ultimi tempi, si è notato un sensibile aumento di richiesta di servizi anche da parte dell universo maschile, soprattutto per i businessmen. Manager e professionisti che desiderano dare maggiore impulso ai propri progetti di carriera provenienti dai settori più disparati come il legale, finanziario, bancario, assicurativo, immobiliare, così come quanti cercano una ricollocazione nel mercato del mondo del lavoro. Si tratta per lo più di adulti che desiderano allineare il proprio abbigliamento con il ruolo che ricoprono o a cui aspirano senza snaturare la propria personalità o struttura fisica. 65

16 MONDO DEL LAVORO Le professioni del web Nuove professioni crescono: sul Web, naturalmente, che è diventato la vera fucina delle nuove professionalità. Ma quali sono le figure professionali che operano dietro le quinte di ogni progetto Internet? Sono giovani, non necessariamente in possesso di laurea, accomunati da un unica, vera passione: la comunicazione via Web! L essenziale diventano l intraprendenza, la fantasia, l esperienza pratica. Ma ecco in sintesi quali sono queste nuove professioni. Concept Designer: è il regista, l ideatore di un processo di comunicazione audiovisiva. È colui che dialoga con il cliente e ne deve cogliere l intenzione, per tradurla in un idea, in un progetto. È una figura squisitamente creativa più facilmente supportata da una formazione umanistica non disgiunta però dalle competenze tecnologiche. Project Manager: è il principale collaboratore del Concept Designer. Il suo compito consiste nel valutare la fattibilità tecnica ed economica del progetto / idea. Coordina tutte le fasi di sviluppo tenendo costantemente monitorati la qualità, i tempi, i costi. Ha normalmente una preparazione universitaria, di taglio economico-aziendalistico coniugata a capacità gestionali. Web-Marketing Manager: è una figura strategica. È il filtro tra l azienda e il mercato. È lui infatti il responsabile della pubblicità, delle promozioni, delle sponsorizzazioni e delle partnership 1 strategiche. Quasi sempre è un laureato in economia e commercio o in scienze delle comunicazioni. 66 Art Director e / o Web Designer: l Art Director collabora direttamente con il Concept Designer per la definizione dello stile grafico generale del prodotto e, con il Project Manager, per la definizione analitica di ogni parte del progetto. Il Web Designer analizza, invece, tutte le problematiche relative alla navigazione e progetta l ingegneria informatica del prodotto. Content Manager: è la figura che gestisce tutti i contenuti editoriali e si occupa della creazione di aree tematiche ricche di testi, immagini, servizi audio e video. Il suo compito consiste nell individuare e selezionare news e informazioni utili direttamente dalla rete o da altre fonti, riadattandole alle esigenze specifiche del sito. Coordina lo staff dei vari Web giornalisti / redattori, i c.d. (Concept Designer) Web Writer. Connesso al Web Writer, sta il Web Watcher, che si occupa di navigare alla ricerca di immagini, grafica, testi e suoni. Web master: è la figura che si occupa di gestire il sito e fisicamente il server su cui risiede il sito. Sviluppatore: lo sviluppatore html (Hyper- Text Markup Language linguaggio di marcatura ipertestuale) scrive l html che compone la pagina per dar forma ai contenuti delle pagine. Lo sviluppatore software crea gli script 2 per realizzare le pagine dinamiche, ottimizzandoli sul sito per un esecuzione veloce e affidabile. Grafico Web: si occupa di creare le immagini che affollano ogni pagina Web. È un creativo e un profondo conoscitore della Rete Internet; conosce i programmi per la creazione e manipolazione di immagini. Community Manager: è il responsabile delle comunità virtuali. Gestisce le mailing list 3, i forum di discussione, i newsgroup e le chat. (www.bresciaonline.it) 1. partnership: rapporti di collaborazione. 2. script: copione, scaletta. 3. mailing list: lista delle .

17 MONDO DEL LAVORO Lavori che offrono un sicuro impiego Ecco due tabelle con la classifica delle figure professionali ad alta e a bassa specializzazione che non hanno crisi e sono difficili da reperire. ALTA SPECIALIZZAZIONE Infermiere Addetto logistica Addetto marketing Responsabile qualità Fisioterapista Consulente fiscale Progettista elettronico Programmatore informatico Farmacista Sviluppatore software BASSA SPECIALIZZAZIONE Installatore infissi Installatore allarmi Pavimentatore Falegname Aiuto parrucchiere Ausiliario socio-assistenza Parrucchiere Estetista Addetto gastronomia Gelataio - pasticciere Tornitore Sarto Assistente socio-sanitario Meccanico autoveicoli (www.mondofinanzablog.it) 67

18 MONDO DEL LAVORO Qui ti assumono Di regione in regione, le professioni più richieste secondo la Adecco Italia, la principale agenzia per il lavoro in Italia. Piemonte - Valle d Aosta alimentare, tessile, chimico-farmaceutico, commercio, grande distribuzione venditori, agenti, impiegati commerciali Liguria commercio e grande distribuzione, turismo personale per il settore turistico-alberghiero, ingegneri con varie specializzazioni Lombardia alimentare, chimico-farmaceutico, manifatturiero, Information Technology, energie rinnovabili ingegneri, addetti al settore fotovoltaico, tecnici di manutenzione Triveneto chimico-farmaceutico, manifatturiero, metalmeccanico, Medical&Science Controller, informatori del farmaco, fisioterapisti, infermieri Toscana - Umbria grande distribuzione, chimico-farmaceutico, alimentare ingegneri meccanici, operai settore alimentare, Controller, capicontabili Emilia Romagna metalmeccanico, automotive, chimico-farmaceutico, alimentare, commercio e grande distribuzione ingegneri, operai specializzati Lazio manifatturiero, nuove energie, grande distribuzione, turismo farmacisti, informatori del farmaco, Medical Advisor, Controller, responsabili amministrativi e contabilità Marche - Molise alimentare, turismo, energie rinnovabili impiegati amministrativi e contabili, figure commerciali, operai specializzati Abruzzo metalmeccanico, chimico-farmaceutico, energie rinnovabili, alimentare operai specializzati per settore rinnovabili, addetti commerciali, impiegati amministrativi Campania energie rinnovabili, grande distribuzione, alimentare assemblatori pannelli fotovoltaici, ingegneri elettronici, periti elettronici o elettromeccanici, tecnici commerciali, geometri Calabria - Basilicata - isole logistica, energie rinnovabili, turismo ingegneri, periti, manutentori settore rinnovabili, addetti grande distribuzione Puglia energie rinnovabili, servizi assemblatori parchi eolici, programmatori, impiegati ufficio tecnico (in «Panorama», 27 maggio 2010) 68 Informazioni e aggiornamenti periodici circa le professioni del futuro.

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle Devo iscrivere mio figlio/a alle La riforma parte per le sole classi prime da settembre 2010 Le iscrizioni si chiudono il 26 marzo 2010 Richiedi al Dirigente Scolastico della scuola media di tuo figlio/a

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011

GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011 GUIDA ALLA RIFORMA cosa è cambiato a partire dall anno scolastico 2010-2011 LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE I Licei Gli istituti tecnici Gli istituti professionali Offerta formativa più ricca per aumentare

Dettagli

Quale scelta per il nostro futuro?

Quale scelta per il nostro futuro? Quale scelta per il nostro futuro? La NUOVA Secondaria Superiore Licei Istituti Tecnici Istituti Professionali Istruzione e Formazione Professionale (I.eF.P.) Cosa offre il LICEO? Una formazione di base

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado Mons. L. Gaiter Caprino Veronese. La scelta della Scuola Secondaria di II grado

Scuola Secondaria di I grado Mons. L. Gaiter Caprino Veronese. La scelta della Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Mons. L. Gaiter Caprino Veronese La scelta della Scuola Secondaria di II grado ORIENTAMENTO: Come prepararsi alla scelta della Scuola Superiore Il momento della scelta, non

Dettagli

Informazioni utili per scegliere in modo più consapevole il percorso di istruzione o formazione dopo la Terza Media

Informazioni utili per scegliere in modo più consapevole il percorso di istruzione o formazione dopo la Terza Media Assessorato alle Politiche Giovanili Informazioni utili per scegliere in modo più consapevole il percorso di istruzione o formazione dopo la Terza Media A cura dell Informagiovani del Comune di Azzano

Dettagli

La nuova Scuola Secondaria Superiore di Secondo Grado

La nuova Scuola Secondaria Superiore di Secondo Grado La nuova Scuola Secondaria Superiore di Secondo Grado Presentazione a cura della prof. Paola Gianduia I.C. «Ferrini» Olgiate Olona - a partire dalla Indicazioni Ministeriali I termini della Riforma In

Dettagli

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo

Orientamento per il successo scolastico e formativo. PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo Orientamento per il successo scolastico e formativo PIANO REGIONALE ORIENTAMENTO 2010-2011 USR Lombardia Ufficio X - Bergamo 2 I nuovi Licei 3 I nuovi licei LA STRUTTURA DEL PERCORSO QUINQUENNALE Il percorso

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE

IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE Questa sezione illustra la suddivisione del sistema scolastico attuale, in vigore per le classi prime a partire dall anno scolastico 2010/2011 (sistema scolastico riformato).

Dettagli

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE

LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE LA RIFORMA della SCUOLA SUPERIORE Fonti: www.istruzione.it www.venetolavoro.it/sopralamediaweb/web/index/home Il diritto-dovere all istruzione e alla formazione Il SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO si articola

Dettagli

SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO

SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO SCEGLIERE BENE PER PARTIRE BENE a cura di: Donata Nebuloni I.C. A. Manzoni Parabiago SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO LICEI ISTITUTI TECNICI ISTITUTI PROFESSIONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE I.C.

Dettagli

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS)

PUNTO INFORMAGIOVANI. Villa Carcina (BS) PUNTO INFORMAGIOVANI Villa Carcina (BS) La normativa italiana Prevede per tutti i ragazzi/e: - l obbligo di istruzione per almeno 10 anni, cioè fino a 16 anni di età, - il diritto-dovere all istruzione

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE/CASTRI/CAPRARICA

Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE/CASTRI/CAPRARICA Con l Europa investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE/CASTRI/CAPRARICA Cosa si intende per Orientamento? L Orientamento è : Un INTERVENTO finalizzato a porre l alunno nelle condizioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Guida per l ORIENTAMENTO in uscita Scuola Secondaria di I grado A. Campanile - Lariano (RM) Il diritto-dovere all istruzione e alla formazione

Dettagli

III media... e poi??? C.O.L. Centro Orientamento Lavoro

III media... e poi??? C.O.L. Centro Orientamento Lavoro Comune di Castel Madama Assessorato al Lavoro VIII Settore III media... e poi??? C.O.L. Centro Orientamento Lavoro QUANTE DOMANDE COSA FARO DA GRANDE? COSA MI PIACEREBBE IMPARARE? COME E DOVE POSSO COLLEGARE

Dettagli

LA RIFORMA. Cosa cambia a partire dall anno scolastico 2010-2011. Carlo Martelli IS Majorana Seriate 12.03.2010

LA RIFORMA. Cosa cambia a partire dall anno scolastico 2010-2011. Carlo Martelli IS Majorana Seriate 12.03.2010 LA RIFORMA Cosa cambia a partire dall anno scolastico 2010-2011 12.03.2010 Carlo Martelli IS Majorana Seriate La nuova scuola secondaria superiore punta allo sviluppo delle competenze di base (italiano,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino

Dettagli

RIORDINO DEL SECONDO CICLO D ISTRUZIONE DALL A.S. 2010-2011. I.C. E. De Amicis - Lomazzo (CO)

RIORDINO DEL SECONDO CICLO D ISTRUZIONE DALL A.S. 2010-2011. I.C. E. De Amicis - Lomazzo (CO) RIORDINO DEL SECONDO CICLO D ISTRUZIONE DALL A.S. 2010-2011 I.C. E. De Amicis - Lomazzo (CO) ORDINAMENTO SCOLASTICO PRIMO CICLO SCUOLA PRIMARIA (5 anni) SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO (3* anni) LICEI (5*

Dettagli

architettoniche, del design e storico artistiche

architettoniche, del design e storico artistiche Codice Denominazione A 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di primo grado Scuola secondaria di I grado Arte e immagine Allegato A A 02 Danza classica Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO PER FAMIGLIE

SEMINARIO INFORMATIVO PER FAMIGLIE SEMINARIO INFORMATIVO PER FAMIGLIE ARGOMENTI - NORMATIVA OBBLIGO ISTRUZIONE - SISTEMA SCOLASTICO - RUOLO DELLA FAMIGLIA COSA SI INTENDE PER ORIENTAMENTO? L orientamento è un processo che comprende una

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

L a riforma della Scuola Secondaria di secondo grado

L a riforma della Scuola Secondaria di secondo grado L a riforma della Scuola Secondaria di secondo grado Genova, 9-11 marzo 2010 Mery Serretti Regolamento autonomia Licei, Istituti Tecnici, Istituti Professionali fanno parte dell Istruzione Secondaria

Dettagli

Orientamento La scelta dopo la terza media

Orientamento La scelta dopo la terza media Orientamento La scelta dopo la terza media Venerdì 22 maggio 2015, ore 21.00 INCONTRO e DIBATTITO Sala plenaria del MUMAC - via Neruda 2, BINASCO Amedeo Veglio - Assolombarda Daniela Ferrari - AFOL Metropolitana

Dettagli

LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE

LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE www.retetrevi.brianzaest.it www.provincia.mb.it/bussola TERZA MEDIA Istruzione LICEALE Istruzione TECNICA Istruzione PROFESS Istruzione Formazione PROFESSIONALE 1 anno 1

Dettagli

A cura di Provincia di Genova, Ufficio Scolastico Regionale

A cura di Provincia di Genova, Ufficio Scolastico Regionale A cura di Provincia di Genova, Ufficio Scolastico Regionale Informare gli studenti dell ultimo anno sulla riforma della scuola superiore e sulle opportunità formative del territorio. Facilitare gli allievi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OCCHIOBELLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OCCHIOBELLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OCCHIOBELLO Per costruire una scelta consapevole CLASSI TERZE... Verso la Nuova Scuola Superiore dell a. s. 2010/2011 Elaborazione a cura di DIANA CORAZZARI I NUOVI LICEI Liceo

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

STRUTTURA DELLA SECONDA PROVA SCRITTA

STRUTTURA DELLA SECONDA PROVA SCRITTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

GUIDA ALL ORIENTAMENTO Classi terze

GUIDA ALL ORIENTAMENTO Classi terze I.C. «M. Lapo Niccolini» Ponsacco GUIDA ALL ORIENTAMENTO Classi terze (in vista della scelta delle Scuole Superiori) «PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO» Cosa fare dopo la terza media? Il nuovo sistema di istruzione

Dettagli

La scuola superiore verso il futuro

La scuola superiore verso il futuro La scuola superiore verso il futuro Alberto F. De Toni Rovigo, 12 Febbraio 2010 1 Agenda Le linee di riforma generali in atto Il riordino del secondo ciclo Questioni aperte sul piano curricolare ed organizzativo

Dettagli

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I

C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I C O M E CAMBIA IL SISTEMA SCOL A S T I C O E FORMATIVO: IPOTESI DI P E R C O R S I P O S S I BI L I A partire dall anno scolastico 2010/2011, la scuola secondaria di secondo grado avrà un nuovo assetto.

Dettagli

Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie

Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie Riforma 2010 Scuola secondaria superiore Vademecum informativo per studenti e famiglie A cura della Provincia MB Settore Istruzione 1 Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 4 febbraio 2010 la nuova

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n. 319 del 29 maggio 2015 Costituzione delle aree disciplinari finalizzate alla correzione delle prove scritte negli esami

Dettagli

MATERIALI UTILI E SITI INTERNET

MATERIALI UTILI E SITI INTERNET MATERIALI UTILI E SITI INTERNET Per informazioni su tutti i piani di studio delle scuole superiori: www.provincia.genova.it e seguire il percorso istruzione e formazione; orientamento e alternanza; disegnamoci

Dettagli

Una scuola per realizzare i nostri sogni

Una scuola per realizzare i nostri sogni Una scuola per realizzare i nostri sogni Alcune informazioni per guidare i propri figli nella scelta della scuola superiore. 1 La riforma dell istruzione superiore ha ricevuto il via libera definitivo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Prot. A00DPIT n. 272 Roma, 14 marzo 2011 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Oggetto:

Dettagli

DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO

DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO I NUOVI DIPLOMI DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO LICEI DIPLOMA DI LICEO CLASSICO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE DIPLOMA DI LICEO

Dettagli

FINALITÀ DEL PROGETTO

FINALITÀ DEL PROGETTO FINALITÀ DEL PROGETTO Favorire nei ragazzi lo sviluppo di competenze auto-orientanti Sviluppare attivita rivolte alle famiglie per la raccolta e l analisi delle informazioni orientative Rendere consapevoli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Guida all Orientamento

Guida all Orientamento Guida all Orientamento Chi si trova ad affrontare la domanda Cosa faccio dopo la scuola media sa bene che non è sufficiente essere informato su quali sono le Scuole o le Agenzie Formative del territorio,

Dettagli

come orientarsi nel contesto del riordino dei licei, istituti tecnici e professionali

come orientarsi nel contesto del riordino dei licei, istituti tecnici e professionali come orientarsi nel contesto del riordino dei licei, istituti tecnici e professionali I DUE SISTEMI Sistema dell istruzione secondaria superiore Licei Istituti tecnici e professionali 5 anni diploma Stato

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

ALLEGATO A T A B E L L A A

ALLEGATO A T A B E L L A A T A B E L L A A ALLEGATO A A - 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di I grado 28/A Educazione artistica SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Arte e immagine E titolo abilitante per l insegnamento della

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

www.retescuole.net IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA

www.retescuole.net IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA www.retescuole.net IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI RETE DI RESISTENZA IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA Introduzione L obbligo di istruzione per 10 anni, così come previsto

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

T A B E L L A A. Gilda degli insegnanti di Venezia 1

T A B E L L A A. Gilda degli insegnanti di Venezia 1 Blue rivisitato Verde criticità Rosso innovazioni ALLEGATO A T A B E L L A A Gilda degli insegnanti di Venezia 1 Nuove classi di concorso A -01 Arte e immagine nella scuola secondaria di I grado A - 02

Dettagli

PIANO DEGLI STUDI del LICEO ARTISTICO indirizzo ARTI FIGURATIVE

PIANO DEGLI STUDI del LICEO ARTISTICO indirizzo ARTI FIGURATIVE LICEO ARTISTICO indirizzo ARTI FIGURATIVE Allegato B 5 Scienze naturali** 66 66 Chimica*** 66 66 Storia l arte 99 99 99 99 99 Discipline grafiche e pittoriche 132 132 Discipline geometriche 99 99 Discipline

Dettagli

ORIENTAMENTO 2014/2015

ORIENTAMENTO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI RUBANO M. BUONARROTI Scuola Secondaria di 1 grado ORIENTAMENTO 2014/2015 ANTONIO DA RE TERZA A CURA MEDIA ANTONIO DA RE E POI? 1 prima parte IMPARARE AD ORIENTARSI NELLA

Dettagli

Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento

Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento A 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di primo grado Codice di A 101 28/A Scuola secondaria di I grado Arte e immagine A 02* Danza classica Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica Tecniche

Dettagli

PERCORSI DOPO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PERCORSI DOPO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PERCORSI DOPO LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Lo Stato definisce gli indirizzi di studio uguali per tutto il territorio nazionale a cui corrispondono profili in uscita ed Esami di Stato le materie

Dettagli

ISCRIZIONI A.S. 2016 2017 ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

ISCRIZIONI A.S. 2016 2017 ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO M. CALDERINI - G. TUCCIMEI Sede operativa: Via Telemaco Signorini 78, 00125 ROMA

Dettagli

Orientamento per i genitori e per gli alunni delle terze classi degli Istituti di Istruzione secondaria di primo grado

Orientamento per i genitori e per gli alunni delle terze classi degli Istituti di Istruzione secondaria di primo grado Centro per l Impiego di Casarano Orientamento per i genitori e per gli alunni delle terze classi degli Istituti di Istruzione secondaria di primo grado dr. Fernando Scozzi Responsabile del C.p.I. L interrogativo

Dettagli

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1 ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO pg 1 TIPOLOGIA DELLA SCUOLA MEDIA Aree disciplinari e diversi percorsi di studio Conoscenza di sé le proprie attitudini il proprio modo di porsi nei confronti dell impegno

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Prot. A00DPER n. 2320 Roma, 29 marzo 2012 Ai Direttori Generali degli

Dettagli

QUADRO ORARIO SCUOLE ISTRUZIONE SUPERIORE

QUADRO ORARIO SCUOLE ISTRUZIONE SUPERIORE LICEI ISTITUTI TECNICI ISTITUTI PROFESSIO NALI TABELLA SINTETICA Liceo artistico Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale o coreutico Liceo scienze umane Liceo scienze applicate Liceo scientifico

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ORDINAMENTO DELLE CLASSI DI CONCORSO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ORDINAMENTO DELLE CLASSI DI CONCORSO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca ORDINAMENTO DELLE CLASSI DI CONCORSO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Dettagli

PRESENTAZIONE RIFORMA SCUOLE SUPERIORI. Progetto ATTIVARETE

PRESENTAZIONE RIFORMA SCUOLE SUPERIORI. Progetto ATTIVARETE Servizio istruzione, università e ricerca Centro di orientamento del Basso Friuli sede di Cervignano del Friuli Dott.ssa Francesca Bassi PRESENTAZIONE RIFORMA SCUOLE SUPERIORI Progetto ATTIVARETE San Giorgio

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado GALILEO GALILEI (Associato alla rete di Scuole UNESCO) Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Telefoni:Presidenza

Dettagli

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn)

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Liceo Russell. Investire in cultura conviene Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Il profilo e l identità culturale del liceo contemporaneo rispondono alle esigenze di un presente sempre

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEI PERCORSI SCOLASTICI E FORMATIVI DOPO LA SCUOLA MEDIA

GUIDA ALLA SCELTA DEI PERCORSI SCOLASTICI E FORMATIVI DOPO LA SCUOLA MEDIA GUIDA ALLA SCELTA DEI PERCORSI SCOLASTICI E FORMATIVI DOPO LA SCUOLA MEDIA LICEI ISTITUTI TECNICI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE POLITICHE CULTURALI, SOCIALI E SVILUPPO ECONOMIC O E FORMATIVO Edizione

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado III ANNO

Scuola secondaria di primo grado III ANNO Scuola secondaria di primo grado III ANNO L ORIENTAMENTO Nelle poli(che europee e nazionali per la realizzazione degli obie3vi e delle strategie di Lisbona 2010 e di Europa 2020, l orientamento lungo tu-o

Dettagli

Istituto comprensivo A.Diaz. Dopo la terza media. Come orientarsi nel sistema della scuola secondaria superiore per una scelta consapevole

Istituto comprensivo A.Diaz. Dopo la terza media. Come orientarsi nel sistema della scuola secondaria superiore per una scelta consapevole Istituto comprensivo A.Diaz Dopo la terza media Come orientarsi nel sistema della scuola secondaria superiore per una scelta consapevole IL SISTEMA ISTRUZIONE ISTRUZIONE LICEALE ISTRUZIONE TECNICA ISTRUZIONE

Dettagli

Verso la scuola secondaria di secondo grado. Anno Scolastico 2013 / 2014 F. S. Lucia Rizzo

Verso la scuola secondaria di secondo grado. Anno Scolastico 2013 / 2014 F. S. Lucia Rizzo Verso la scuola secondaria di secondo grado Anno Scolastico 2013 / 2014 F. S. Lucia Rizzo COME PROSEGUIRE GLI STUDI La normativa italiana prevede per tutti i ragazzi/e l obbligo di istruzione per almeno

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Visto l articolo 17, commi 3 e 4, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la legge n. 244 del 24 dicembre 2007 e in particolare l art. 2,

Dettagli

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche

FINALITA solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico limitato numero di ampi indirizzi esercizio di professioni tecniche FINALITA fornire una solida base culturale di carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea offrire un limitato numero di ampi indirizzi, correlati a settori fondamentali

Dettagli

georientiamoci.it VADEMECUM per gli insegnanti VADEMECUM INSEGNANTI

georientiamoci.it VADEMECUM per gli insegnanti VADEMECUM INSEGNANTI georientiamoci.it VADEMECUM VADEMECUM INSEGNANTI per gli insegnanti Progetto didattico per l orientamento alla scuola secondaria di secondo grado Anno scolastico 2015-2016 Gentile Insegnante, grazie per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ASSI CULTURALI Tabella 1 PERCORSI DI ISTRUZIONE DI PRIMO LIVELLO Primo periodo ASSE DEI LINGUAGGI 198 ASSE STORICO-SOCIALE ASSE MATEMATICO ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO 66 Totale 400** di cui Accoglienza

Dettagli

La scuola italiana. Hai più di 15 anni? Quale scuola frequentare?

La scuola italiana. Hai più di 15 anni? Quale scuola frequentare? La scuola italiana Hai più di 15 anni? Quale scuola frequentare? Obbligo scolastico In Italia è obbligatorio frequentare la scuola sino al compimento del sedicesimo anno d età (16 anni). Obbligo Formativo

Dettagli

Le attività dell orientamento

Le attività dell orientamento Le attività dell orientamento Nella nostra scuola dedichiamo particolare attenzione al problema della scelta della scuola superiore da parte degli alunni di terza media. I docenti affiancano alunni e genitori

Dettagli

Orientamento Scuole Medie. Scheda personale

Orientamento Scuole Medie. Scheda personale Orientamento Scuole Medie Scheda personale IL CONTENUTO DI QUESTA SCHEDA E VINCOLATO DA SEGRETO PROFESSIONALE a) Dati Personali Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Indirizzo Tel. Città _ Provincia

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Prot. A00DGPER n. 4405 Roma, 7 maggio 2013 Ai Direttori Generali

Dettagli

Come orientarsi nel sistema della scuola secondaria superiore

Come orientarsi nel sistema della scuola secondaria superiore Istituto comprensivo A.Diaz Dopo la terza media Come orientarsi nel sistema della scuola secondaria superiore per una scelta consapevole IL SISTEMA ISTRUZIONE ISTRUZIONE LICEALE ISTRUZIONE TECNICA ISTRUZIONE

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento le classi di a cattedre e a posti di insegnamento, ai sensi l articolo 64, comma 4, lettera a), decreto-legge 25 giugno

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO. Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica)

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO. Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica) Allegato scheda D DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Al Dirigente scolastico del (Denominazione dell istituzione scolastica) _l_ sottoscritt in qualità di padre madre tutore

Dettagli

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Direzione Generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni M.I.U.R. Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione,

Dettagli

CONOSCERE IL MONDO DEL LAVORO

CONOSCERE IL MONDO DEL LAVORO CONOSCERE IL MONDO DEL LAVORO I lavoratori devono avere: 1. Cultura e professionalità: buona preparazione scolastica, imparare a leggere e scrivere bene 2. Capacità di collaborare e di comunicare 3. Flessibilità:

Dettagli

La scuola per il tuo futuro

La scuola per il tuo futuro Il Copernico: un Liceo, un Istituto Tecnico, tanti laboratori La scuola per il tuo futuro Guida alle iscrizioni a.s. 2015-2016 Il Copernico è il polo scolastico di Barcellona P.G che offre gli indirizzi

Dettagli

Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori

Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori La scuola per il tuo futuro: nuove frontiere e orizzonti per gli studenti della Generazione Copernico Liceo Scientifico

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore

Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Istituto d Istruzione Superiore T. Fiore Modugno - Via P. Annibale M. di Francia, Grumo - Via Roma, L ISTITUTO ECONOMICO La formazione tecnica e scientifica di base necessaria a un inserimento altamente

Dettagli

Ordinamenti. Scuola dell Infanzia e primo ciclo Regolamento dpr 89/2009 Leggere da art. 2 a art. 5. Scuola dell infanzia

Ordinamenti. Scuola dell Infanzia e primo ciclo Regolamento dpr 89/2009 Leggere da art. 2 a art. 5. Scuola dell infanzia Ordinamenti Il sistema di istruzione nazionale è interessato ad una fase di riforma degli ordinamenti che interessa tutti gli ordini di scuola e che si realizzerà in un arco di tempo molto ampio. Una prima

Dettagli

REVISIONE DELL ASSETTO ORDINAMENTALE e RIORDINO DEI LICEI, ISTITUTI TECNICI e PROFESSIONALI. DIOCESI di MILANO Pastorale scolastica Sportello scuola

REVISIONE DELL ASSETTO ORDINAMENTALE e RIORDINO DEI LICEI, ISTITUTI TECNICI e PROFESSIONALI. DIOCESI di MILANO Pastorale scolastica Sportello scuola REVISIONE DELL ASSETTO ORDINAMENTALE e RIORDINO DEI LICEI, ISTITUTI TECNICI e PROFESSIONALI DIOCESI di MILANO Pastorale scolastica Sportello scuola Milano 13 luglio 2009 Prof. Giovanni Marelli Delegificazione

Dettagli

La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura.

La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura. La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura. La nuova secondaria nell ambito del secondo ciclo 2 Tutti gli studenti, a conclusione

Dettagli

DESIGN: IPZS TELEMATICA E MULTIMEDIA STAMPA: IPZS SAL

DESIGN: IPZS TELEMATICA E MULTIMEDIA STAMPA: IPZS SAL Il testo di questa Guida è in versione divulgativa e potrebbe subire variazioni. Per quello definitivo fare riferimento al testo pubblicato sul sito www.istruzione.it DESIGN: IPZS TELEMATICA E MULTIMEDIA

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

SOMMARIO. Il sistema scolastico in vigore dall a.s. 2010/2011. Le scuole di riferimento per gli studenti di Cologno Monzese Note

SOMMARIO. Il sistema scolastico in vigore dall a.s. 2010/2011. Le scuole di riferimento per gli studenti di Cologno Monzese Note SOMMARIO - Offerta formativa del territorio - Introduzione - Guida alla lettura - Note introduttive sull ordinamento scolastico - I percorsi dopo la terza media Il sistema scolastico in vigore dall a.s.

Dettagli

I nuovi Istituti Tecnici

I nuovi Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti Tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2014/2015 (aprile 2014) La presente pubblicazione

Dettagli

Offerta di istruzione e formazione secondaria superiore Anno 2015/2016

Offerta di istruzione e formazione secondaria superiore Anno 2015/2016 SETTORE 6 - SERVIZI ALLA PERSONA - ISTRUZIONE UFFICIO GESTIONE C.so Magenta, 11 - Fax 0331/925564 tel. 0331/925556/560/566/572 e-mail : istruzione.gestione@legnano.org PEC: comune.legnano@cert.legalmail.it

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE G. PUECHER - ERBA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCELTE E PERCORSI DOPO LA TERZA MEDIA

SCUOLA MEDIA STATALE G. PUECHER - ERBA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCELTE E PERCORSI DOPO LA TERZA MEDIA SCUOLA MEDIA STATALE G. PUECHER - ERBA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCELTE E PERCORSI DOPO LA TERZA MEDIA 1 LA SCUOLA ITALIANA 10 ANNI DI DIRITTO-DOVERE DI FORMAZIONE: dalla SCUOLA PRIMARIA fino a 17 o 18

Dettagli

Circolare n.94 Roma, 18 ottobre 2011 Prot. n. 6828 Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Istruzione Secondaria di II grado LORO SEDI

Circolare n.94 Roma, 18 ottobre 2011 Prot. n. 6828 Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Istruzione Secondaria di II grado LORO SEDI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Circolare n.94 Roma, 18 ottobre 2011

Dettagli

ISTITUTI Superiori A.S. 2015-16. 20/11/2014 Rielaborato dalla ReTePin 1

ISTITUTI Superiori A.S. 2015-16. 20/11/2014 Rielaborato dalla ReTePin 1 ISTITUTI Superiori A.S. 2015-16 Rielaborato dalla ReTePin 1 Istituti Superiori Sistema di Istruzione SISTEMA DI ISTRUZIONE ISTRUZIONE PROFESSIONALE 32 ore settimanali ISTRUZIONE TECNICA 32/33 ore settimanali

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE PAOLO SAVI VITERBO MODERNI NELLA TRADIZIONE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO TURISMO ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI ORIENTAMENTO SPORTIVO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE GALILEO GALILEI LICEO DELLE SCIENZE UMANE TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING TECNICO SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Ministero della Pubblica

Dettagli