Campania. Le azioni per lo sviluppo dell egovernment e della Società dell'informazione. Innovazione. ftp ;-) password VoIp. log In www user

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campania. Le azioni per lo sviluppo dell egovernment e della Società dell'informazione. Innovazione. ftp ;-) password VoIp. log In www m@il user"

Transcript

1 Innovazione in Campania 2009 dell egovernment e della Società dell'informazione ftp ;-) password VoIp log In www user

2 ftp ;-) password VoIp Innovazione in Campania 2009 dell egovernment e della Società dell'informazione log In www user UNIONE EUROPEA Assessorato Università e Ricerca Scientifica - Innovazione Tecnologica e Nuova Economia - Sistemi informativi e statistica Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Società dell Informazione

3 UNIONE EUROPEA Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Assessorato Università e Ricerca Scientifica - Innovazione Tecnologica e Nuova Economia - Sistemi informativi e statistica Società dell Informazione Innovazione in Campania 2009 dell egovernment e della Società dell Informazione ftp ;-) password VoIp log In www user

4 Ieri, oggi e domani: l innovazione in Campania L Accordo di Programma Quadro (APQ) è uno degli strumenti della programmazione negoziata disciplinata dalla Legge 662/96, rappresenta la principale modalità di attuazione dei progetti finanziati dal Fondo per le Aree Sottoutilizzate (FAS). Le varie fasi di un APQ (progettazione, sottoscrizione e realizzazione degli interventi) coinvolgono, a diversi livelli, le principali amministrazioni, centrali e locali. Per la diffusione della Società dell Informazione le istituzioni coinvolte sono per il livello centrale, il Ministero dello Sviluppo Economico, il CNIPA ed il DIT afferenti al Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, per il livello locale, l A.G.C Piani e Programmi e l A.G.C Università, Ricerca Scientifica e Sistemi Informativi della Regione Campania. L investimento in innovazione, non sempre facile da raccontare e spesso poco tangibile, si traduce in maggiore efficienza dei servizi al cittadino, maggiore funzionalità dei processi di gestione amministrativa e maggiori opportunità per le aziende. Cittadini, Enti Locali ed Imprese possono ottimizzare il tempo ed essere più competitivi grazie ai nuovi strumenti tecnologici messi a loro disposizione. In Campania, anche grazie agli Accordi di Programma Quadro (APQ) siglati dall amministrazione regionale, a partire dal dicembre 2004, in materia di egovernment e Società dell Informazione (SI), abbiamo contribuito a consolidare le linee di indirizzo già individuate nel Piano Strategico per la Società dell Informazione della regione offrendo un maggior numero di servizi e di opportunità. Gli interventi realizzati grazie agli APQ si caratterizzano per la forte integrazione con le politiche settoriali adottate nel territorio regionale e sono cofinanziati con risorse regionali, nazionali e comunitarie. Questa pubblicazione rappresenta lo sforzo e l impegno a rendere più tangibile l innovazione, a raccontarla nella maniera più semplice: attraverso i risultati ed i servizi che essa ha realizzato. Le macro aree nelle quali gli Accordi di Programma Quadro, oggetto di questa pubblicazione, hanno prodotto risultati sono: Promozione della Società dell Informazione nelle Pubbliche Amministrazioni (PP.AA.) Sviluppo del sistema produttivo regionale attraverso le linee guida della Società dell Informazione (SI) Realizzazione di servizi per il cittadino, per la sanità ed il sociale Supporto alla ricerca, all Università ed al trasferimento tecnologico. I progetti complessivamente finanziati dalla Regione Campania per promuovere la SI nelle PP.AA. Locali ammontano a oltre 650 di cui ben 400 hanno coinvolto i Comuni per l innovazione ICT. Nuove strutture presenti sul territorio in maniera capillare e diffusa, che utilizzano le tecnologie informatiche più innovative, hanno permesso ai cittadini di accedere ai servizi telematici gratuitamente favorendo l inclusione sociale anche delle fasce deboli. Gli interventi realizzati nel sistema socio-sanitario, invece, hanno creato reti informatiche che consentono lo scambio di dati e la comunicazione tra operatori del settore in modo veloce ed efficace, ponendo inoltre le basi per la realizzazione di servizi sanitari per il cittadino fruibili direttamente on line. La promozione della Società dell Informazione nel tessuto produttivo ha creato nuove opportunità per le imprese. Gli interventi hanno fornito alle aziende il supporto per la diffusione di servizi innovativi, per favorire il processo di sviluppo dell innovazione all interno dei sistemi produttivi locali e per facilitare l accesso delle imprese ai sistemi di integrazione digitale. La fotografia scattata nel 2004 confrontata con quella del 2009 mostra il volto di una Campania profondamente modificata dall investimento in innovazione. 2 Innovazione in Campania

5 Ieri, oggi e domani: l innovazione in Campania Nel settore delle telecomunicazioni, per esempio, le autostrade dei dati e delle informazioni sono diventate a più corsie, e dunque consentono ad un maggior numero di informazioni di viaggiare simultaneamente ma soprattutto più velocemente. Per fare alcuni esempi basti pensare che dal 2002 al 2007 è cresciuta la dotazione di banda larga nei Comuni incrementandosi di oltre il 50%. Sono cresciuti anche i servizi di organizzazione interna alla P.A. e verso il cittadino. In questo caso si è avuta una vera e propria rivoluzione che ha portato, accanto alla nascita dei portali degli Enti, ormai presenti in tutti i comuni, a disporre di un protocollo informatico, di anagrafi integrate e di sistemi per la gestione del territorio. Nel caso del protocollo informatico e della gestione documentale elettronica, l utilizzo di tali strumenti presso i comuni della Campania è triplicato in quelli di grande dimensione, quadruplicato in quelli medi e decuplicato nei piccoli. L azione innovativa si traduce in velocità e puntualità di recupero dei documenti all interno degli uffici e contemporaneamente nella piena visibilità e trasparenza degli atti della Pubblica Amministrazione verso l esterno. È solo una piccola parte dei risultati raggiunti grazie all investimento di oltre 185 milioni di euro provenienti dagli APQ stipulati dalla Regione Campania a partire dal In 70 piccoli Comuni della Campania con una popolazione complessiva di 364 mila abitanti, 33 mila persone hanno utilizzato i servizi on line, prima non disponibili, in maniera gratuita, recandosi presso i Centri di Accesso Pubblico ai Servizi Digitali Avanzati (CAPSDA). I Centri sono stati realizzati dall Assessorato regionale all Innovazione con lo scopo di superare il digital divide e favorire politiche di inclusione. L investimento nelle nuove tecnologie dell informazione (ICT) in Campania, nel solo anno 2007, è stato del 34%, il più alto delle regioni meridionali. Oltre 375 comuni (il 90% degli Enti Locali Campani) hanno ricevuto complessivamente finanziamenti per 30 milioni di euro dalla Regione Campania destinati all utilizzo di soluzioni software già provate con successo presso altri Enti (il cosiddetto Riuso) come ad esempio il sistema di anagrafe o il protocollo informatico. In Regione Campania abbiamo lavorato per rendere ancora più efficaci gli interventi programmati attraverso un grande processo di condivisione e partecipazione di tutti gli attori locali, pubblici e privati, coinvolti nelle politiche di innovazione. Tutti insieme abbiamo corresponsabilmente individuato i settori strategici dello sviluppo sostenibile. L azione dell Ente Regione ha tre punti chiave: 1. Integrare formazione, alta formazione e sistema della produzione. 2. Realizzare reti territoriali d eccellenza nella formazione per tenere insieme saperi tecnologici, economici e sociali. 3. Sviluppare ed aggregare su scala territoriale iniziative d eccellenza con forte vocazione all innovazione ed alla ricerca. Il volto della Campania che innova è profondamente cambiato e continua ad evolversi. In questa regione a partire dal 2000 è in atto una articolata strategia di sviluppo basata sulla condivisione e diffusione dei saperi finalizzata a creare innovazione, masse critiche di eccellenze, nuove forme di aggregazione e di cooperazione delle strutture di ricerca e di alta formazione. Obiettivo della Regione Campania è ora quello di sensibilizzare il pubblico all utilizzo della tecnologia, far comprendere le nuove opportunità che da essa derivano e fornire ai cittadini gli strumenti necessari per ottenere in modo semplice, sicuro e veloce i servizi utili a semplificare la vita ed ottimizzare il tempo. Tra il 2000 e il 2006 in Campania il numero di laureati in discipline scientifiche e tecnologiche per mille abitanti è più che raddoppiato, passando da 4,2 a 10,2, e gli addetti alla Ricerca e Sviluppo (R&S) da 1,8 a 2. In questi sei anni la Strategia Regionale di Sviluppo dell Innovazione ha visto la Campania fortemente impegnata a investire nella ricerca scientifica e nell innovazione tecnologica, con il maggior livello in Italia di incidenza della spesa pubblica in Ricerca e Sviluppo rispetto al PIL: 0,7% rispetto allo 0,5% della media nazionale (fonte ISTAT). Anche il tasso di spesa delle imprese pubbliche e private campane nello stesso periodo è stato il più alto tra le regioni del Sud (0,4%), ma anche superiore ad alcune regioni del Nord come il Veneto (0,3%) o il Trentino (0,2). Innovazione in Campania 3

6 Ieri, oggi e domani: l innovazione in Campania Per incrementare il livello di competitività complessivo del territorio e creare le condizioni per una transizione del sistema imprenditoriale verso uno sviluppo technology-based, nel Quadro strategico nazionale la Campania ha indirizzato alla ricerca e all innovazione milioni di euro, quasi 4 volte il livello del periodo precedente, diventando quindi la regione con il maggior ammontare di risorse pubbliche dedicate in Italia al settore R&S. Un ulteriore obiettivo è quello di attivare il trasferimento in ambito internazionale delle relazioni scientifiche e tecnologiche per attuare quel processo di internazionalizzazione delle imprese coerentemente con le linee del Ministero del Commercio Internazionale nei Paesi dell area NAFTA, Cina e India e dell Europa. Particolarmente interessante, infatti, è la capacità dimostrata dai Centri Regionali di Competenza (CRdC), le strutture che hanno aggregato i principali Enti di Ricerca Scientifica campani (Università, Laboratori, Centri di Ricerca, Parchi Scientifici e Tecnologici), e che lavorano per trasformare l innovazione in risultati. Dai Trasporti all Agro-industria, dall Ambiente ai Beni Culturali, dall Aerospazio all Energia e dai Nuovi Materiali alle Biotecnologie e all ICT: valorizzare questa rete di competenze eccellenti significa promuovere la realizzazione di un modello competitivo integrato di trasferimento tecnologico per l innovazione e l internazionalizzazione, dove il sapere della ricerca si coniuga con il saper fare del mondo produttivo per generare valore. La missione dei CRdC è accelerare, per ciascuna area strategica di intervento, la transizione del sistema imprenditoriale verso uno sviluppo basato sulla tecnologia e contestualmente attrarre nuovi capitali, economici ed intellettuali, attraverso azioni di spin off e di distrettualizzazione ad alto valore innovativo. Attraverso l aggregazione dell offerta di ricerca, il lavoro di programmazione ed animazione la Regione ha collegato le attività d innovazione e ricerca al sistema produttivo ed imprenditoriale. Tale strategia, costruita in modo complementare e sussidiario alla pianificazione nazionale, valorizza le eccellenze territoriali e, al tempo stesso, genera - attraverso organizzazioni intermedie - nuovi ed innovativi legami con il sistema produttivo locale, nazionale e internazionale; individua e forma nuove competenze, attiva nuovi settori di ricerca e produzione. Nel contempo, accelera quelle trasformazioni culturali, organizzative e tecniche innovanti i settori di interesse generale quali quelli della salute, dell ambiente, dell amministrazione e della qualità della vita. In Campania esiste un ecosistema dell innovazione, basato sulla rete di competenze, in cui convivono Università, Centri Regionali di Competenza, Imprese, ed agiscono secondo un processo di filiera: l Università sviluppa e conduce la ricerca di base che alimenta il patrimonio di conoscenze successivamente utilizzato e trasformato dai CRdC e che lo restituiranno al territorio attraverso l ammodernamento e la crescita competitiva dell apparato produttivo. I risultati conseguiti dalla globalità dei Centri Regionali di Competenza, sono di rilevante interesse ed hanno contribuito ad incrementare il livello di competitività complessivo del territorio (per i dati specifici leggere il paragrafo dedicato all interno della pubblicazione). Sono infatti stati registrati circa 30 brevetti che costituiscono un indicatore particolarmente significativo dei risultati della ricerca, in quanto molto vicino all applicazione pratica; sono state create 4 nuove imprese di cui 2 da spin off e sono stati lanciati oltre 30 nuovi prodotti per il mercato. In Campania abbiamo lavorato per diffondere i risultati della ricerca e per condividere gli obiettivi della nuova programmazione per i fondi comunitari a livello nazionale e regionale. Con questo scopo è nato il tour della ricerca : un insieme di appuntamenti e di eventi per contribuire a rendere la ricerca e l innovazione più percepibili e favorire un meccanismo propulsivo per il territorio. Il tour ha coinvolto grandi aziende, banche, piccole e medie imprese ed il mondo accademico. La partecipazione attiva di tutti gli attori del sistema imprenditoriale e della ricerca, all insieme degli appuntamenti previsti dal tour, ha consentito di definire lo stato dell arte nei rispettivi settori di riferimento, fornendo gli elementi necessari alla definizione di grandi progetti strategici sostenibili per il territorio. Anche nel nuovo periodo di program- 4 Innovazione in Campania

7 Ieri, oggi e domani: l innovazione in Campania mazione dei Fondi strutturali europei la Campania resta in Italia la regione con il maggior ammontare in valore assoluto di risorse pubbliche dedicate alla Ricerca e all Innovazione. La strategia della Regione Campania continua a progredire ancora attraverso: l armonizzazione degli interventi, il governo condiviso e cooperativo tra i diversi attori, l internazionalizzazione e la valutazione. Obiettivo primario è produrre un cambiamento culturale che consenta di consolidare i fattori chiave dello sviluppo: Capacità di attrazione della formazione scientifica Rafforzamento del dialogo tra domanda di innovazione del mercato ed offerta di ricerca Incremento degli investimenti privati in R&S Pubblica Amministrazione come fattore propulsivo del processo di innovazione Questa scelta contribuirà nei prossimi anni ad innalzare il livello di innovazione e competitività territoriale qualificando e rafforzando un patrimonio di risorse, materiali e immateriali. È necessario garantire continuità e sostegno alle iniziative già presenti sul territorio, istituzioni di ricerca e Centri Regionali di Competenza, per un nuovo ed efficace impegno nel trasferimento tecnologico, con il contributo di qualificati Enti ed organizzazioni del mondo delle imprese. Inoltre in ragione degli investimenti già effettuati nel corso del precedente piano e di quelli ancora in corso con il nuovo piano strategico si intende dare continuità ai progetti con il migliore rapporto qualità/quantità dei risultati prodotti e con la maggiore capacità di risposta alla domanda sociale e territoriale. Le linee di indirizzo individuano gli obiettivi strategici per l egovernment in diversi settori di intervento. Le principali azioni sono finalizzate a favorire: La cooperazione dei processi: per favorire la cooperazione dei servizi offerti dalle Pubbliche Amministrazioni attraverso gli strumenti dell informatica, una vera integrazione inter-istituzionale che sfrutta le potenzialità dell innovazione. Si tratta di azioni orientate alla definizione ed alla condivisione dei dati (data base anche multimediali) disponibili nella Pubblica Amministrazione; La dematerializzazione dei documenti e la loro gestione elettronica: per promuovere iniziative che possano condurre all attuazione del Codice dell Amministrazione Digitale nel campo della gestione elettronica dei documenti (dalla produzione del documento, attraverso il suo utilizzo, per giungere alla conservazione), privilegiando il riuso e l adozione di standard aperti e soluzioni open source; L uso della rete per razionalizzare la spesa e migliorarne la trasparenza e l efficacia: per incentivare lo sviluppo di tecnologie e di processi che possano condurre all adozione di abitudini operative per favorire l utilizzo di procedure in rete, così da utilizzare al meglio tutte le opportunità informative offerte dallo sviluppo dei processi d acquisto di beni e servizi e dai processi di eprocurement. Garantendo, quindi, la razionalizzazione ed il controllo della spesa, la riduzione delle diseconomie di scala e di scopo, la semplificazione delle procedure, l efficienza operativa, e la trasparenza. Lo sforzo compiuto ci inorgoglisce, qualifica il nostro territorio ed accresce la nostra consapevolezza sulle forti potenzialità e risorse della nostra regione. Prof. Nicola Mazzocca Assessore all Università e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi informativi e Statistica della Regione Campania Innovazione in Campania 5

8 Sommario Cultura Pubblica Amministrazione Inclusione sociale Economia e lavoro Istruzione e formazione Qualità della vita Ricerca e innovazione Cultura Codex Biblioteche digitali...8 PICO Palazzo dell innovazione e della conoscenza...9 Pubblica amministrazione Promozione della Società dell informazione nella Pubblica Amministrazione...12 Infrastrutture e servizi crescono...12 ICAR-Campania Realizzazione del sistema per la interoperabilità e la cooperazione applicativa tra le regioni...15 Sistema Pubblico per l Interoperabilità e la Cooperazione applicativa in Campania. L infrastruttura di rete...17 CAI-Campania Realizzazione del sistema per la interoperabilità e la cooperazione applicativa...17 Promozione della Società dell Informazione nell Ente Regione...18 Infrastruttura telematica...19 Portale Web Atti documentali e protocollo informatico E-Grammata SMILE POR La Statistica Promozione della Società dell Informazione negli Enti Locali Progetti IDEA Città digitale e del Fare Mkt On Line Mdo On Line Suap On Line Urp On Line Riorganizzazione dei Processi Carta dei Servizi a San Nicola la Strada Servizi alle imprese SALERNONET Teletributi CIE Napoli Il Riuso I CST Centri Servizi Territoriali Irpinia Net Centro Servizi Territoriali della provincia di Benevento Sistemi Sud IRNO Sistemi Provincia di Napoli Terra di Lavoro Asmenet Campania Convenzione Regione-Province Sistema Integrato dei Servizi Fiscali (S.I.S.F.i.) Sistema di eprocurement per la Pubblica Amministrazione Locale Promozione della Società dell Informazione negli Uffici Giudiziari Innovazione in Campania

9 Inclusione sociale Cittadini in rete CAPSDA I Centri SAX SFAar SUNA Economia e lavoro Imprese DDTA Distretti digitali del tessile e dell abbigliamento Digitalizzazione della filiera dell agroalimentare Istruzione e formazione Formazione qualificata Formazione permanente elearning Qualità della vita Ambiente SIT e Sportello cartografico Gestione del Territorio SINTESI Gestione dati catastali M.A.R.S.E.C. Sistema Integrato Satellitare di Monitoraggio Ambientale Sistema INFOTER Partenio WEBGIS Comunità Montana del Partenio Sanità MMG/PLS Rete dei Medici di Medicina Generale e Pediatri di libera scelta CUReP Centro Unico Regionale di Prenotazione della Regione Campania INTESA Ricerca e innovazione I Centri Regionali di Competenza Primi risultati dell azione di internazionalizzazione dei prodotti della ricerca made in campania...66 PRODAL Produzioni Agroalimentari AMRA Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale BENECOM Beni Culturali Ecologia Economia BIOTEKNET Biotecnologie Industriali DFM Diagnostica e Farmaceutica Molecolari GEAR Ricerca Applicata per la Genomica ICT Tecnologie dell informazione e della comunicazione INNOVA Lo sviluppo ed il trasferimento dell Innovazione applicata ai beni culturali ed ambientali TECNOLOGIE Nuove Tecnologie per le Attività Produttive...85 TEST Technology Environment Safety Transport Metadistretto ICT per l eccellenza del territorio Acceleratore di Impresa Studi di Settore Promozione dell innovazione presso le PMI Ricerca industriale e sviluppo precompetitivo Laboratorio per la qualifica spaziale di equipaggiamenti elettronici Rete a larga banda del CRdC-ICT Glossario Innovazione in Campania 7

10 Cultura Codex Biblioteche digitali Una biblioteca digitale è un servizio informativo, in cui tutte le risorse sono disponibili in formato digitale e le funzioni di acquisizione, archiviazione, preservazione, recupero e accesso sono realizzate attraverso l uso di tecnologie digitali senza limiti di spazio e di tempo. Codex è una potente infrastruttura tecnologica in grado di permettere la creazione, e la fruizione, di una Rete integrata di Biblioteche Digitali nella Regione Campania. Codex è inoltre un portale internet, che permette la consultazione della rete integrata delle biblioteche ed è uno spazio fisico d eccellenza (il PICO - Palazzo dell Innovazione e della Conoscenza). Codex si propone di: - rafforzare, armonizzare e coordinare le esperienze già in atto presso biblioteche, musei, archivi, università, centri di informazione; - consentire, attraverso la sua infrastruttura e i suoi laboratori, a chiunque, Ente o persona, detenga un contenuto culturale, su qualunque supporto, di entrare da attore, con le sue forze, nel circuito di produzione, diffusione e fruizione della cultura; - offrire attraverso le sue sedi fisiche, servizi di qualità al territorio: per lo studio, la ricerca, l attività imprenditoriale, la cultura e il tempo libero. Codex offre risorse e servizi: - sale espositive, auditorium, sale di lettura e di ricerca dotate di postazioni informatizzate e connessione wireless, aule di formazione informatizzate, aule per seminari, laboratori di produzione digitale e audiovisiva, un centro per la catalogazione e la metadazione, un ricco catalogo di contenuti digitali; - servizi di accoglienza, informazione, assistenza e tutorship; - servizi di supporto per eventi espositivi, convegni, corsi di formazione, e seminari; - servizi di consulenza per la digitalizzazione, la catalogazione e la conservazione dei documenti digitali. 8 Innovazione in Campania

11 Cultura PICO Palazzo dell Innovazione e della Conoscenza Palazzo dell Innovazione e della Conoscenza (PICO) si trova a Napoli in via Terracina 230 e mette a disposizione di studenti e cittadini una serie di servizi, di cui molti gratuiti. Ad un anno dalla sua inaugurazione, al 30 aprile 2009, le rilevazioni indicano più di iscritti ai servizi del PICO, oltre 150 eventi e visitatori totali. Dopo aver effettuato la registrazione sul portale Codex (www.codex.it), gli utenti del PICO hanno a disposizione 300 postazioni prenotabili per esplorare il mondo del Web e consultare le decine di importanti banche dati (tra cui le Teche RAI ), non disponibili in altre biblioteche della Campania. PICO offre servizi per l organizzazione di eventi, convegni e corsi di formazione. Gli spazi di PICO sono riccamente equipaggiati e tutti accessibili ad utenti diversamente abili. Il PICO occupa quattro dei sei piani dello stabile in vetro e acciaio, una volta sede della mensa universitaria. All ingresso principale del Palazzo, al piano terra, si trova il desk del Front Office, per l accoglienza e le informazioni sui servizi e gli eventi in corso, i totem per la consultazione del portale codex e la registrazione dei nuovi utenti e i monitor per la segnaletica dinamica necessari per orientarsi all interno della struttura o per la proiezione di foto e video in caso di mostre. Sempre al piano terra sono presenti: l Area Expò, il Caffè Expò, il Caffè Auditorium e l accesso all Auditorium. Al piano seminterrato, dove è possibile accedere dalle scale esterne o utilizzando gli appositi ascensori, sono presenti le aule per convegni seminari e workshop. Oltre 300 posti a sedere divisi fra auditorium, aula seminari e general purpose. Al primo piano, l accesso è consentito previa prenotazione di una delle 150 postazioni studio, la maggior parte delle quali sono dislocate nell ampia e luminosa aula lettura. Le altre postazioni sono situate nel colorato Spazio ragazzi, nella sala Edutainment, da dove è possibile collegarsi alle teche RAI, e nelle due aule Formazione. Il secondo piano, non aperto al pubblico, ospita gli uffici amministrativi e di produzione digitale. Tutti i locali del palazzo sono dotati di impianto di climatizzazione per il massimo comfort nella fruizione dei servizi offerti. PICO è aperto al pubblico dalle 9 alle 18 dal lunedì al venerdì, e tutti i servizi pubblicizzati dal portale Codex vengono regolarmente erogati: Servizi di accoglienza e informazione Servizi di registrazione e prenotazione Servizi di consultazione Innovazione in Campania 9

12 Cultura Servizi per utenti diversamente abili Spazio ragazzi Servizi di stampa Servizi espositivi Servizi di supporto a eventi, convegni e videoconferenze Servizi bibliografici Servizi di digitalizzazione Servizi di edutainment Servizi di supporto alla formazione Formazione Consulenza Ecco le aree di PICO: Area espositiva: L area situata al piano terra è destinata all organizzazione di allestimenti temporanei a cura di Codex o di organizzazioni esterne. La grandezza dello spazio e la sua articolazione su due ale distinte consente anche la contemporaneità di due eventi espositivi. Attualmente, l utente può ammirare uno straordinario lavoro eseguito dai bibliotecari di Codex sull Ilva di Bagnoli, collocato nel Cafè Expo. L altra area è stata invece dedicata alla mostra delle Sopracoperte d autore in digitale e in analogico. Aula seminari: L aula seminari, dotata di schermo e videoproiettore, pc docente, e su richiesta, lavagna a fogli mobili, è arredata con comode sedie con ribaltina, adatta per ospitare corsi, seminari e lezioni di altro genere. Può contenere un numero massimo di 50 posti a sedere. Caffè expo: Ampia area attrezzata con frigo Bar e tavoli per l organizzazione di catering durante eventi, previa richiesta, o come area ricreativa per gli utenti del PICO. Aula General purpose: Aula multifunzionale divisibile in due parti con pannelli mobili fino a raggiungere in plenaria, un massimo di 80 posti a sedere. Arredata con comode sedie con ribaltina, è dotata di pc docente, videoproiettore, e su richiesta, lavagna a fogli mobili. Aula lettura: Spazio ampio e luminoso, l aula lettura è sita al primo piano del Palazzo. È dotata di 32 postazioni informatizzate e 46 postazioni studio con accesso wireless, che permettono agli utenti di poter accedere alle Banche Dati ed agli e-books (libri in formato digitale), presenti nei cataloghi di Codex. Spazio climatizzato e silenzioso dove gli utenti possono dedicarsi in tranquillità alle loro attività di studio e ricerca. Presente al piano un Front Office con personale qualificato per l assistenza tecnica all utilizzo delle attrezzature e alla ricerca delle informazioni. In quest area l accesso è consentito previa registrazione e prenotazione di una delle postazioni di cui l aula è dotata. Auditorium: L Auditorium di PICO con 180 posti a sedere, è uno degli spazi più accoglienti della struttura. Ben si presta ad ospitare eventi di diverso genere, tra cui conferenze e convegni di alto profilo culturale e scientifico. Spazio elegantemente arredato, dislocato su due piani (140 posti in platea e 40 posti in galleria), è dotato di una sala regia, di attrezzature per videoconferenza e streaming e di due cabine interpreti, in caso di convegni internazionali. Inoltre, dispone di videoproiettore, pc e tre schermi che consentono, a chiunque si accomodi in platea o in galleria, la completa visione dei lavori mostrati. L auditorium offre anche agli utenti la possibilità di collegarsi in rete tramite connessione wireless. La sala è dotata di impianto di climatizzazione. Aule formazione: La fruizione delle Aule di formazione si sviluppa in due articolazioni. Sono spazi che possono essere utilizzati da utenti esterni per seminari o lezioni di approfondimento, previa prenotazione da parte del docente. Ma sono anche spazi in cui l utente può prendere parte a percorsi formativi, workshop e laboratori didattici sulle tematiche della Società dell Informazione in generale e sull utilizzo delle fonti informative digitali in particolare. In relazione al contenuto dei corsi di formazione, al fine di andare incontro alle diverse tipologie di esigenze formative, sono state individuate cinque tipologie di personale interno: assistenti di sala, addetti junior alle attività biblioeconomiche di base, operatori multimediali e gestori del portale, assistenti senior agli strumenti tecnologici di base e addetti alle attività biblioeconomi- 10 Innovazione in Campania

13 Cultura che avanzate. L offerta formativa è incentrata su argomenti che possano consentire all utente di utilizzare i servizi e gli strumenti di Codex quali Alfabetizzazione Informatica, Strumenti e Tecniche di Produzione Audio Visiva, Tecniche di Ricerca e Document Delivery. Aule edutainment: Lo spazio Edu- Entertainment è dotato di 24 postazioni informatizzate, tra cui 8 dedicate alla consultazione delle Teche RAI. Alcune delle postazioni presenti in quest area, possono essere messe a disposizione di utenti che hanno esigenze particolari, come l utilizzo dello scanner, o per confrontarsi. Sala Multimediale: ubicata in via Don Bosco 9/E, presso l Area della Giunta Regionale della Ricerca Scientifica, costituisce un prolungamento del PICO all interno del polo tecnologico degli uffici regionali. Dotato di una moderna sala regia e di impianto audiovisivo, può ospitare eventi e riunioni in una struttura con 120 posti a sedere. I maxi schermi della reception offrono in diretta il video degli eventi, mentre agli ospiti viene offerta la connessione ad Internet attraverso una rete wireless. PICO Palazzo dell Innovazione e della Conoscenza si trova a Napoli in via Terracina 230, aperto al pubblico dalle 9 alle 18 dal lunedì al venerdì. Innovazione in Campania 11

REGIONE CAMPANIA Programmazione e attuzione delle politiche della Regione Campania nel settore ITC

REGIONE CAMPANIA Programmazione e attuzione delle politiche della Regione Campania nel settore ITC REGIONE CAMPANIA Programmazione e attuzione delle politiche della Regione Campania nel settore ITC 1 SOMMARIO CULTURA E SOCIETÀ Cultura Codex Biblioteche digitali; PICO Palazzo dell innovazione e della

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Contenuti Lombardia: un territorio fertile per l innovazione Il sostegno delle

Dettagli

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL Seminario sulla Società dell informazione, cooperazione territoriale e sviluppo locale Catania, 9 novembre 2005 Mauro Savini CNIPA, Progetto

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AFFARI GENERALI UFFICIO CONTRATTI APPALTI Documento di Programmazione INFEA della Regione Puglia 2003/2004 (ex deliberazione di G.R. 860/02) - Definizione della strategia complessiva

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Obiettivo dello Studio di fattibilità

Obiettivo dello Studio di fattibilità 0 Obiettivo dello Studio di fattibilità Obiettivo dello Studio Focus dell Analisi Ampliare l opportunità di accesso ai servizi multimediali per i cittadini, imprese e studenti Definire le specifiche per

Dettagli

INAIL Formazione Elearning e nuove tecnologie. e-learning INAIL. dai CBT al Collaborative Learning

INAIL Formazione Elearning e nuove tecnologie. e-learning INAIL. dai CBT al Collaborative Learning e-learning INAIL dai CBT al Collaborative Learning Elearning : direttive, linee guida e accordi 2000 Commissione Europea lancia l iniziativa: < E-learning Pensare l istruzione di domani > 2001 Direttiva

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

I servizi di e-government

I servizi di e-government I servizi di e-government La Community regionale Net-SIRV 14 dicembre 2009 Andrea Boer Dirigente Servizio Progettazione e Sviluppo Reseaux della Società dell informazione Un RESEAU è una rete permanente

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA Allegato A INFORMAGIOVANI DEL LAZIO PREMESSA Obiettivo del presente documento è delineare elementi, caratteristiche, modalità e formule possibili per adeguare al meglio - anche alla luce dei nuovi scenari

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate:

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate: ALLEGATO A Protocollo di intesa tra Regione Toscana e ANCI Toscana finalizzato al supporto delle politiche e delle iniziative per l innovazione nel territorio toscano. Il Presidente della Regione Toscana

Dettagli

Progetto di riuso unitario Comunas

Progetto di riuso unitario Comunas Progetto di riuso unitario Comunas La Regione Autonoma della Sardegna, con l occasione della pubblicazione dell Avviso per la realizzazione di progetti di riuso del CNIPA, si fa promotrice di un progetto

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo)

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) TIPOLOGIA DELLE PROPOSTE PROGETTUALI La misura di agevolazione promuove e ammette tipologie

Dettagli

PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA

PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA PORTALE REGIONALE DELLA SISMICA IL SISTEMA DI GESTIONE ELETTRONICA DELLE PRENOTAZIONI Napoli, 4 luglio 2012 Francesco Castagna Coordinatore Commissione Informatica, Ordine Ingegneri della Provincia di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

Livorno città digitale

Livorno città digitale Comune di Livorno Livorno città digitale Livorno città digitale Uno degli adempimenti dei primi 100 giorni del mandato è stata l ideazione e la formalizzazione nel Libro Bianco dell Innovazione tecnologica,

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

PROTOCOLLO D 'INTESA tra

PROTOCOLLO D 'INTESA tra PROTOCOLLO D 'INTESA tra Comune di Firenze, con sede legale in Firenze, P.zza della Signoria, rappresentato da.., nato a il, domiciliato per la carica presso lo stesso Comune di Firenze e Azienda Ospedaliera

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2.2 Intervista al Presidente della Regione Toscana, On. Claudio Martini di Elisabetta Zuanelli* ESTRATTO: L innovazione

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone Liceo Scientifico ad opzione IGCSE Via S. Colomba, 52 BENEVENTO 0824.362718 0824.360947- mail:bnps010006@istruzione.it sito: www.liceorummo.gov.it pec: bnps010006@pec.istruzione.it CF:80002060624 Codice

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

sviluppo della Società dell Informazione

sviluppo della Società dell Informazione Le attività della Regione Abruzzo per il supporto alle Smart Community Domenico Longhi Bologna 16 ottobre 2013 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si èdotata di strumenti normativi,

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Il PNSD. Cosa è stato attuato nel nostro Istituto ad oggi per quanto riguarda il digitale:

Il PNSD. Cosa è stato attuato nel nostro Istituto ad oggi per quanto riguarda il digitale: Il PNSD Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (PNSD) è un documento pensato per guidare le scuole in un percorso di innovazione e digitalizzazione, come previsto nella riforma della Scuola (legge 107/

Dettagli

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA PRESENTAZIONE Marco Mena - Between 1 CONTENUTI 1. ANALISI DELLA DOMANDA NELLA PROVINCIA DI ROMA 2. INFRASTRUTTURE E SERVIZI A BANDA LARGA NELLA PROVINCIA

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE 2016 PA e Sanità Principi, modelli organizzativi e metodi concreti di attuazione degli obiettivi dell Agenda Digitale in collaborazione

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Istituto italiano di formazione e assistenza tecnica per le pubbliche amministrazioni

Istituto italiano di formazione e assistenza tecnica per le pubbliche amministrazioni C e n t r o d i F o r m a z i o n e S t u d i Istituto italiano di formazione e assistenza tecnica per le pubbliche amministrazioni REALIZZA sull intero territorio nazionale attività di ricerca, formazione,

Dettagli

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2.1 Intervista al Presidente della Regione Veneto, On. Giancarlo Galan di Elisabetta Zuanelli* ESTRATTO: La Regione

Dettagli

La formazione cresce con te. Trio è il sistema di web learning della Regione Toscana

La formazione cresce con te. Trio è il sistema di web learning della Regione Toscana La formazione cresce con te Trio è il sistema di web learning della Regione Toscana 01 TRIO, web learning a portata di click TRIO è la risposta alle crescenti esigenze di formazione, una risorsa a disposizione

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

Piano Operativo di Animazione

Piano Operativo di Animazione ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria. Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali Piano Operativo di Animazione POR FESR 2007-2013 - ASSE III Efficienza Energetica e Sviluppo delle Fonti

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

La società di informatica delle Camere di Commercio

La società di informatica delle Camere di Commercio La società di informatica delle Camere di Commercio InfoCamere, il braccio informatico delle Camere di Commercio InfoCamere è la società di informatica delle Camere di Commercio italiane, struttura di

Dettagli

http:www.e-oncology.it

http:www.e-oncology.it http:www.e-oncology.it Il prototipo e-oncology strumento operativo di Rete di interconnessione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oncologici costituita per iniziativa del Ministero

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani. Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010

Provincia Regionale di Trapani. Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010 Provincia Regionale di Trapani Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010 La Società dell informazione Dal 2000 in poi, il Governo italiano ha varato diverse azioni finalizzate all attuazione della

Dettagli

Carta Regionale dei Servizi GUIDA ALLA CRS

Carta Regionale dei Servizi GUIDA ALLA CRS Carta Regionale dei Servizi GUIDA ALLA CRS Versione 1.1 - Febbraio 2008 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 PROGETTO CRS NELLE BIBLIOTECHE 4 2.1 Postazioni Internet CRS Ready 5 2.2 Eldy per le biblioteche 6 2.3

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Pisa Convegno Legautonomie

Pisa Convegno Legautonomie Spunti di riflessione sui nuovi scenari della amministrazione pubblica digitale Pisa Convegno Legautonomie 25 ottobre 2010 Elena Tabet Il lungo cammino dell amministrazione digitale Istituzione di un Autorità

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Sistema di valutazione dei risultati e delle prestazioni del personale. Dirigente. Piano di lavoro anno 2005

Sistema di valutazione dei risultati e delle prestazioni del personale. Dirigente. Piano di lavoro anno 2005 Sistema di valutazione dei risultati e delle prestazioni del personale dirigente Piano di lavoro anno 2005 Titolare: Francesco Meloni Ruolo: Dirigente Unità Organizzativa di afferenza: Direzione per le

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica

Comunità della Val di Non. Gestione associata in materia informatica in materia Presentazione in sintesi del servizio in gestione Incontri territoriali Gennaio 2013 1 Finalità dell incontro Con questi incontri d ambito ci poniamo l obiettivo di illustrare ad amministratori

Dettagli

La società di informatica delle Camere di Commercio

La società di informatica delle Camere di Commercio La società di informatica delle Camere di Commercio InfoCamere, il braccio tecnologico delle Camere di Commercio InfoCamere, il braccio tecnologico delle Camere di Commercio italiane, è la struttura di

Dettagli

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 803.001 www.lineaamica.gov.it Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 1 LINEA AMICA: CONCEPT DEL SERVIZIO Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 1 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Pierpaolo Agostini Promozione Amministrazioni Territoriali

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Programmazione e Finanze SALVATORE PANZANARO DOMENICA NARDELLI GIUSEPPE BERNARDO FFAELE PACIELLO ENRICO D ALESSIO

Dettagli

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna

I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE I punti di contatto sul territorio offerti dalla Regione Sardegna L accesso ai servizi online 14 Aprile 2011 Sommario Accesso ai servizi

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

Il sistema di web learning della Regione Toscana

Il sistema di web learning della Regione Toscana Il sistema di web learning della Regione Toscana 1di34 Origini e sviluppo TRIO (Tecnologia, Ricerca, Innovazione, Orientamento) nasce alla fine del 1998 come programma di interventi sperimentali e innovativi

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli