PROGRAMMA TRIENNALE E ANNUALE DELLE ATTIVITà PROGRAMMA ANNUALE DICEMBRE 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA TRIENNALE E ANNUALE DELLE ATTIVITà PROGRAMMA ANNUALE DICEMBRE 2009"

Transcript

1 AGENZIA REGIONALE PREVENZIONE E AMBIENTE DELL EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA TRIENNALE E ANNUALE DELLE ATTIVITà PROGRAMMA ANNUALE 2010 DICEMBRE 2009

2

3 Indice INDICE Direzione Generale Servizio Affari istituzionali, Pianificazione e Comunicazione 2 Servizio Sviluppo Organizzativo Formazione Educazione 18 Ambientale Servizio Sistemi di Gestione Integrati: Sicurezza Qualità 25 Ecomanagement Servizio Sistemi Informativi 33 Direzione Tecnica 42 Direzione Amministrativa 71 Le Sezioni provinciali Sezione provinciale di Piacenza Priorità di programma in ambito provinciale 82 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri) Supporto tecnico agli Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 94 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali Monitoraggi ambientali locali e/o supporto/gestione osservatori territoriali Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività dei Centri Tematici Regionali Attività di comunicazione e diffusione dati ambientali 102 Sezione provinciale di Parma Priorità di programma in ambito provinciale 107 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le Autorizzazioni Integrate Ambientali (A.I.A.) e controllo dei Rischi di Incidente Rilevante (R.I.R.) Supporto tecnico Enti locali 111 I

4 Indice 3. Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 114 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi, progetti provinciali, regionali, nazionali, UE Attività per monitoraggi ambientali locali e/o supporto/gestione 117 osservatori territoriali 8. Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività di CTR e Laboratorio Tematico Attività di comunicazione e diffusione dati ambientali 120 Sezione provinciale di Reggio Emilia Priorità di programma in ambito provinciale 123 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri e 126 relazioni) 2. Supporto tecnico Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 141 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali Monitoraggi ambientali locali e gestione osservatori Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività dei Riferimenti Analitici Regionali (RAR) Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 154 Sezione provinciale di Modena Priorità di programma in ambito provinciale 157 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali Supporto tecnico Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 177 Servizi non obbligatori/aggiuntivi 180 II

5 Indice 6. Attività su progetti provinciali, regionali, nazionali, UE Attività per monitoraggi ambientali locali Attività laboratoristica per supporto a studi/progetti e/o 182 monitoraggi ambientali locali 9. Centro Tematico Regionale (CTR) Inceneritori e Impianti di 182 Produzione Energia 10. Attività di comunicazione e di diffusione dati ambientali 183 Sezione provinciale di Bologna Priorità di programma in ambito provinciale 187 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri) Supporto tecnico Enti locali (PTCP, PSC, varianti PRG, POC; 195 RSA; VIA; EMAS; Bilanci/Contabilità ambientali) 3. Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 208 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali, UE Monitoraggi ambientali locali e/o supporto/gestione osservatori 211 territoriali 8. Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività dei CTR Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 223 Sezione provinciale di Ferrara Priorità di programma in ambito provinciale 228 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri) Supporto tecnico Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 235 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali, UE Attività per monitoraggi ambientali locali e/o supporto/gestione 237 osservatori territoriali III

6 Indice 8. Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività del Riferimento Analitico Regionale (RAR) Fitofarmaci Attività di comunicazione e diffusione dati ambientali 241 Sezione provinciale di Ravenna Priorità di programma in ambito provinciale 244 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri) Supporto tecnico agli Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 258 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali Monitoraggi ambientali locali e/o supporto/gestione osservatori 264 territoriali 8. Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività dei RAR (Riferimenti Analitici Regionali) Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 273 Sezione provinciale di Forlì-Cesena Priorità di programma in ambito provinciale 277 Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri) Supporto tecnico Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 291 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali Attività per monitoraggi ambientali locali e/o supporto/gestione 295 osservatori territoriali 8. Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi 296 (svolta a titolo oneroso) 9. Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 296 Sezione provinciale di Rimini Priorità di programma in ambito provinciale 298 IV

7 Indice Servizi obbligatori Supporto tecnico per le autorizzazioni ambientali (pareri) Supporto tecnico Enti locali Controllo e vigilanza Reti regionali di monitoraggio ambientale Attività laboratoristica per servizi obbligatori 307 Servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività per studi/progetti provinciali, regionali, nazionali Monitoraggi ambientali locali e gestione osservatori Attività laboratoristica per servizi non obbligatori/aggiuntivi Attività del Centro Tematico Regionale Turismo e Ambiente Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 312 Le Strutture tematiche Struttura Oceanografica Daphne Priorità di programma della Struttura Servizi di monitoraggio e di previsione Supporto tecnico alla Regione Emilia-Romagna ed agli Enti 319 locali 3. Attività di studio/progetti regionali, nazionali, UE Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 321 Servizio Idro-Meteo-Clima Priorità di programma di ARPA-SIMC Servizi di monitoraggio e previsione Supporto tecnico alla Regione Emilia-Romagna Attività per studi/progetti regionali, nazionali, UE, internazionali Attività di previsione idrometeo su specifica richiesta Attività di comunicazione/diffusione dati ambientali 350 V

8 Direzione Generale Direzione Generale Pag. 1 di 357

9 Servizio Affari istituzionali Servizio Affari istituzionali, Pianificazione e Comunicazione Area Affari istituzionali e legali L attività dell Area Affari istituzionali e legali si caratterizza per il costante presidio professionale di tematiche amministrative e giuridiche di interesse sia per la Direzione Generale sia per Sezioni provinciali e Strutture tematiche. A titolo esemplificativo, si segnala l attività dell Area nel fornire supporto ai Nodi di Arpa nell interpretazione della normativa sia amministrativa che ambientale, nella definizione degli atti mediante i quali Arpa instaura rapporti di collaborazione con altri Enti pubblici o soggetti privati (convenzioni, accordi di programma, etc.), la partecipazione alla predisposizione dei documenti istituzionali dell Agenzia (programma triennale e annuale delle attività, relazione annuale delle attività, etc.), il presidio dell attività deliberativa del Direttore Generale dell Agenzia. Per il 2010, inoltre, si possono individuare le seguenti attività che verranno realizzate, anche in collaborazione con altre strutture dell Ente. Servizi di coordinamento e supporto Attività di: Presidio attività deliberativa Oggetto: Controllo sulle proposte degli atti amministrativi di competenza del Direttore Generale, al fine di verificare il rispetto delle disposizioni normative e regolamentari, l adeguata motivazione degli atti, il corretto iter dei pareri, la presenza degli allegati. Sotto un profilo procedimentale, oltre al Regolamento Arpa per il Decentramento amministrativo, documento di riferimento per tale attività sono le Indicazioni fornite dal Direttore Generale con la comunicazione del 16/10/08. L Area redige l ordine del giorno delle sedute deliberative inserendo le proposte per le quali si sia esaurita la fase istruttoria. Gli atti approvati nel corso delle sedute, archiviati e inseriti nell applicativo delibere, al fine di garantire il principio di trasparenza, sono pubblicati sul sito internet dell Agenzia. Obiettivi: Garantire la legittimità, la completezza di contenuto e l omogeneità di forma degli atti dell Organo di Vertice. Caratteristiche tecniche: Modifiche, integrazioni e correzioni delle proposte degli atti, numerazione progressiva, archiviazione cartacea ed inserimento nell applicativo, nonché pubblicazione sul sito internet dell Agenzia, previa verifica di eventuali profili di riservatezza degli atti. Tempi di realizzazione: Continuativa nel corso dell anno. Risorse interne necessarie: 1,5 mesi/uomo personale del comparto, 1 mese/uomo dirigente. Attività di: Presidio attività connesse a redazione Protocolli di Intesa e Convenzioni Oggetto: A norma dell art. 3, comma 5, della L.R. 44/95, Arpa può stipulare accordi e Convenzioni relativi a prestazioni aggiuntive ed altre attività fra quelle individuate dall art. 5, inerenti le proprie funzioni istituzionali, anche circoscritte per ambiti territoriali, funzionali e temporali. L Area provvede alla redazione di Protocolli di Intesa e Convenzioni con soggetti pubblici, quali Regione, Province, Comuni, Università, gli Enti di Ricerca, ISPRA, altre Arpa/Appa o con soggetti privati, sottoscritti dal Direttore Generale. Provvede inoltre al supporto ai Nodi della rete nella redazione delle stesse tipologie di atti a rilevanza su ambiti territoriali locali. Obiettivi: Garantire la legittimità, la completezza di contenuto e l omogeneità di forma degli atti convenzionali. Caratteristiche tecniche: Relazioni esterne con gli enti di riferimento, verifica delle disposizioni normative e regolamentari nell ambito della materia oggetto di accordi, redazione della proposta di delibera del Direttore Generale o supporto alla redazione delle Determinazioni dirigenziali di approvazione. Pag. 2 di 357

10 Servizio Affari istituzionali Tempi di realizzazione: Continuativa nel corso dell anno. Risorse interne necessarie: 1,5 mesi uomo personale del comparto, 1 mese/uomo dirigente. Attività di: Ricognizione e presidio erogazione finanziamenti su contributo e convenzioni specifiche Oggetto: L Area provvede alla costante ricognizione delle proposte di finanziamento, sia su contributo sia su convenzione, da parte dei Nodi dell Agenzia rivolte agli enti istituzionali di riferimento, in particolare alla Regione, nonché al presidio dell effettiva erogazione da parte degli Enti stessi dei finanziamenti richiesti. L attività è volta anche alla predisposizione di documenti riepilogativi delle proposte e dei relativi finanziamenti a supporto al Direttore Generale nell ambito di incontri specifici con le Direzioni regionali di riferimento per Arpa. Obiettivi: Presidiare il flusso di finanziamenti da parte degli Enti ed in particolare da parte della Regione in relazione alle attività ed ai progetti la cui realizzazione è richiesta ad Arpa. Caratteristiche tecniche: Relazioni esterne con gli enti di riferimento, predisposizione documenti per confronto con gli enti stessi, redazione delle Deliberazioni del Direttore Generale per finanziamenti su contributo, predisposizione di convenzioni su scala regionale e delle relative deliberazioni di approvazione. Tempi di realizzazione: Continuativa nel corso dell anno. Risorse interne necessarie: 1 mese/uomo personale del comparto, 1 mese/uomo dirigente. Attività di: Supporto all interpretazione della normativa amministrativa e ambientale Oggetto: Per quanto concerne il diritto ambientale, formulazione di risposte a quesiti specifici formulati da Sezioni Provinciali/Strutture Tematiche e supporto alla Direzione Tecnica nell elaborazione di direttive, circolari ed atti di indirizzo finalizzati all implementazione di comportamenti operativi omogenei nelle strutture di Arpa. Relativamente alla normativa amministrativa, supporto ai nodi per l interpretazione e l applicazione giuridico-amministrativa di interesse per l Agenzia. Obiettivi: Concorrere a diffondere corrette prassi applicative delle disposizioni normative di riferimento per l Agenzia, contribuendo a garantire l omogeneizzazione tra i vari Nodi. Caratteristiche tecniche: Elaborazione di direttive e pareri interpretativi da diffondere, con modalità differenziate, alle Strutture dell Agenzia di volta in volta interessate. Tempi di realizzazione: Continuativa nel corso dell anno. Risorse interne necessarie: 9 mesi/uomo del comparto + 2 mesi/uomo personale dirigente. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: E previsto il coinvolgimento delle Direzioni Tecnica ed Amministrativa, oltre che dei CTR, con impegni da valutare caso per caso. Costi operativi: Per il 2010, nell ottica di riduzione dei costi operativi, non verrà attivata una collaborazione continuativa con un esperto di diritto ambientale. Si potranno tuttavia valutare apporti circoscritti ad approfondimenti specifici. Attività di: Gestione del contenzioso Oggetto: L Agenzia, per le dimensioni e l articolazione territoriale e funzionale, si trova ad intervenire in molteplici procedimenti giudiziari. In tali procedimenti è quasi sempre citata in giudizio da terzi e solo raramente si fa essa stessa promotrice di azioni legali. Obiettivi: L Area su questa materia oltre a seguire direttamente i contenziosi innanzi al TAR (quelli ambientali ma anche quelli che riguardano procedure amministrative come l acquisizione di beni e servizi), viene chiamata a confrontarsi con studi legali esterni per l esame di altre tipologie di procedimenti. In particolare l Area interviene nei procedimenti penali che vedono coinvolti operatori dell Agenzia, al fine di valutare le modalità più opportune per la tutela degli interessi dell Ente (eventuale costituzione di parte civile). La materia del contenzioso del lavoro è attribuita organizzativamente all Area Sviluppo Risorse umane e Relazioni sindacali, gli Affari legali sono coinvolti, anche attraverso l assunzione del patrocinio dell Ente, in cause afferenti situazioni particolari. Pag. 3 di 357

11 Servizio Affari istituzionali Caratteristiche tecniche: Il servizio offerto è di duplice natura. Viene compiuta una valutazione preliminare sull opportunità di intraprendere un azione legale o di resistervi (potrebbero essere infatti individuati percorsi extragiudiziali più opportuni). Successivamente, assunta la decisione di stare in giudizio, l Area predispone le memorie e gli altri necessari atti processuali, discutendoli nelle sedi giurisdizionali. Tempi di realizzazione: Pur essendo un attività continuativa i tempi di impegno si possono individuare in 2 mesi uomo. Sono inoltre necessari contributi di altri Nodi (DA, DT, Sezioni Provinciali e Strutture Tematiche). Costi operativi: Eventuali costi operativi relativi a procedimenti giudiziari saranno imputati al budget del Nodo interessato, fermo restando il presidio professionale della vertenza. Attività di: Osservatorio Normativo Oggetto: Monitoraggio della normativa comunitaria, nazionale e regionale nelle materie di interesse dell Agenzia e puntuale diffusione agli operatori attraverso l inserimento dell informazione nell intranet aziendale. L attività è integrata dalla rubrica Legislazione News, pubblicata su Arpa Rivista, che riporta approfondimenti legislativi o giurisprudenziali di particolare interesse ambientale. Obiettivi: Raccolta, distribuzione capillare, ricerca e supporto informativo agli operatori della rete in materia giuridico-ambientale. Caratteristiche tecniche: Inserimento sull intranet aziendale di titolo, data, sintesi del provvedimento, riferimento di pubblicazione del provvedimento, link da cui è possibile accedere ai testi completi delle norme oggetto di segnalazione. Tempi di realizzazione: Continuativa nel corso dell anno. Risorse interne necessarie: 1,5 mesi/uomo personale del comparto. Iniziative e progetti di innovazione per la rete Iniziativa/Progetto di: Monitoraggio modifiche al testo unico ambientale (D. Lgs. 152/2006) e loro implicazioni sull Agenzia Oggetto e obiettivi: Il cosiddetto t.u.a. (D. Lgs. 152/2006) non si può ritenere a tutt oggi una fonte di legge consolidata, in quanto sono stati molteplici gli interventi che ne hanno modificato il contenuto. Inoltre le procedure di revisione del testo originario non possono dirsi concluse in quanto il Governo ha ottenuto una delega fino al 30/06/2010 per un nuovo intervento correttivo (in particolare è attesa una riscrittura della parte quarta in seguito alla nuova Direttiva quadro sui rifiuti). Ciò rende particolarmente importante un monitoraggio puntuale sull evoluzione del t.u.a. individuando in particolare le ricadute operative delle nuove modifiche sulle attività dell Agenzia. In tal senso, in collaborazione con la Direzione Tecnica, si renderà necessaria una capillare attività di informazione e consulenza ai Nodi interessati, anche attraverso la predisposizione di specifici pareri e note di approfondimento. E prevista anche l organizzazione di un incontro seminariale di formazione nel quale approfondire lo stato di attuazione del D.Lgs. 152/2006, inoltre continueranno i seminari specialistici in collaborazione con UPI Emilia-Romagna. I destinatari prioritari di queste iniziative sono gli operatori dei Servizi Territoriali di Arpa. Tempi di realizzazione: Continuativa nel corso dell anno. Risorse interne necessarie: 6 mesi/uomo personale del comparto + 2 mesi/uomo dirigente. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: DT e Servizio SOFE per le iniziative formative. Iniziativa/Progetto di: Attività di formazione sulle ispezioni AIA Oggetto: L emanazione di una circolare interna dell Agenzia finalizzata a fornire indirizzi operativi ai Servizi Territoriali per lo svolgimento delle ispezioni programmate AIA (D.Lgs. 59/2005) rende necessaria la realizzazione di momenti formativi e di confronto con gli operatori delle Sezioni Provinciali interessati. Pag. 4 di 357

12 Servizio Affari istituzionali Obiettivi: Implementare la competenza dei Servizi Territoriali nell effettuazione di ispezioni integrate che, superando il tradizionale concetto del command and control, consentono una valutazione complessiva dello stato e delle performance di un impianto industriale. Caratteristiche tecniche: Collaborazione con DT ed attività di docenza in seminari per le Sezioni. Tempi di realizzazione: I bimestre Risorse interne necessarie: 10 giorni/uomo personale dirigente. Iniziativa/Progetto di: Supporto alla Regione Emilia-Romagna per l elaborazione di un progetto di modifica della L.R. 44/95 Oggetto: Il testo attualmente in vigore della L.R. di riferimento dell Agenzia si basa in maniera consistente sulla versione originaria della norma formulata al momento dell istituzione dell Ente avvenuta a seguito del referendum. A quindici anni di distanza si rende ora necessaria una riforma integrata della norma su alcune direttrice fondamentali: nuova identità organizzativa interna, rapporti con il sistema istituzionale di riferimento, ridefinizione dell offerta dei servizi e dei relativi finanziamenti. Caratteristiche tecniche: Predisposizione di un documento istruttorio nel quale siano analizzati i punti di criticità dell attuale disciplina e contestualmente siano individuate alcune proposte di intervento legislativo. Tempi di realizzazione: I Semestre Risorse necessarie: 1 mese uomo personale dirigente. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: Contributi multidisciplinari (in particolare DA e DT). Iniziativa/Progetto di: Implementazione nuovo applicativo degli atti amministrativi Oggetto: Nel corso del 2009 si è proceduto, in collaborazione con il Servizio Sistemi Informativi, alla definizione delle caratteristiche tecniche del nuovo applicativo per gli atti amministrativi dell Agenzia, che verrà utilizzato a partire dall 1/01/2010 sia per le delibere del Direttore Generale sia per le determinazioni dirigenziali di tutti i nodi di Arpa. Caratteristiche tecniche: L Area fornirà un costante e capillare supporto ai soggetti interessati presso l intera rete dell Agenzia (in particolare i Referenti amministrativi ed i loro collaboratori) per il corretto utilizzo dell applicativo prevedendo altresì momenti di formazione anche presso i Nodi. Tempi di realizzazione: I semestre Risorse necessarie: 3 mesi uomo personale del comparto. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: Servizio Sistemi informativi. Iniziativa/Progetto di: Progetto di razionalizzazione processi di supporto e definizione indicatori di monitoraggio Oggetto: Nell annualità saranno sviluppate a cura del Gruppo di Lavoro istituito nel 2009 alcune ipotesi contenute nel Progetto di razionalizzazione dei processi di supporto e definizione indicatori di monitoraggio relativamente all accorpamento ed all aggregazione delle attività di supporto attualmente frazionate/spezzettate in più unità/staff. Obiettivi: Fornire un contributo in chiave strategica e operativa al Piano di riposizionamento dell Agenzia relativamente alla riorganizzazione dei processi ausiliari attraverso la riprogettazione degli stessi e l ottimizzazione di costi e produttività. Caratteristiche tecniche: Selezione di alcune ipotesi di lavoro, analisi ed approfondimento sostenibilità soluzioni di riaggregazione, condivisione e restituzione alla committenza. Tempi di realizzazione: Risorse necessarie: 1 mese uomo personale del comparto. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: DA e Servizio SOFE. Pag. 5 di 357

13 Servizio Affari istituzionali AREA Pianificazione Strategica e Controllo Direzionale Le proposte per il 2010 sono focalizzate, in continuità con quanto avviato già per il triennio , all aggiornamento e sviluppo degli strumenti che alimentano le varie fasi del processo di Pianificazione e Controllo dell Agenzia, certificato nel SGQ (ISO9001:2000) dal settembre 2005, a fronte del nuovo assetto organizzativo che Arpa ha assunto dal gennaio 2009 e dell implementazione di nuovi flussi produttivi e di reporting delle attività. Si proseguirà altresì nella ricognizione e messa a punto di aggiornati elementi di riferimento per l alimentazione di un sintetico quadro informativo per il controllo direzionale dell attività agenziale, anche attraverso un perfezionamento continuo del percorso di definizione di indicatori direzionali che evidenzino in modo sistematico e facilmente fruibile le grandezze driver, interne/esterne, dell agire dell Agenzia. Campo di rilievo cui si rivolgerà l impegno di carattere progettuale dell Area nel 2010 sarà l Aggiornamento degli Indici di pressione territoriale quale espressione sintetica dell articolazione e della dimensione della domanda del territorio verso i nodi operativi dell Agenzia. L elaborazione si baserà su presenza e dimensione locale di un set di determinanti della pressione ambientale. Il progetto si propone di fornire elementi di riferimento per analisi organizzative e dimensionali delle strutture operative dell Agenzia. Le conoscenze acquisite potranno essere esaminate, in seguito, anche in ottica di valutazioni di Benchmarking con dati disponibili di altre strutture agenziali regionali. L Area assicura anche funzioni di supporto tecnico sia verso le altre Aree della Direzione Generale, sia dell intera rete, per la realizzazione o sistematizzazione di prodotti atti a migliorare le performance dell Agenzia nel rapporto con il cliente esterno/interno. Tra queste, il presidio e coordinamento delle indagini di Customer Satisfaction, con impostazione metodologica ed elaborazione delle risultanze. Si procederà altresì al miglioramento continuo delle specifiche procedurali, assicurando sempre maggior centralizzazione dei supporti tecnico-elaborativi. Anche nel 2010 si assicurerà un attività di approfondimento/ricalibrazione degli scenari prospettici del Piano di riposizionamento ; in particolare si presidierà la fase di confronto istituzionale che la Direzione Generale sosterrà con gli Enti di riferimento dell Agenzia, garantendo coordinamento e presidio nella formulazione/monitoraggio di scenari strategicoprogrammatici cui ispirare l azione politico-gestionale in riferimento alla mission dell Ente. L Area sarà altresì impegnata nella messa a punto e realizzazione in collaborazione con l Area Sviluppo organizzativo di una indagine per l intera Agenzia sul Benessere organizzativo in Arpa. Servizi di coordinamento e supporto Attività di: Coordinamento e presidio processo di Pianificazione e Controllo direzionale Oggetto: L Area gestisce le varie fasi del processo al fine di garantire l efficace e tempestiva organizzazione e redazione dei documenti Programmatici (Preliminare e Proposte di programmi; Programma triennale e annuale delle attività). Vengono predisposti format, supporti ed indicazioni di sistema per la strutturazione dei piani dei singoli nodi e di quelli di rete in capo alla Direzione Generale. Si assicurano altresì attività istruttorie di supporto alla D.G. per la strutturazione di quadri conoscitivi su elementi interni/esterni incidenti sulla individuazione, definizione, programmazione e realizzazione dei piani dell Agenzia. Pag. 6 di 357

14 Servizio Affari istituzionali L attività di Controllo direzionale si realizza, oltre che con impostazione di strumenti di sintesi per il monitoraggio dell attività, anche attraverso il presidio di un processo continuo di definizione di un sistema di indicatori direzionali correlati agli obiettivi programmatici (e strategici) dell Agenzia, definiti con riferimento al Programma triennale e collegati agli obiettivi individuali assegnati ai Direttori dei Nodi. Nel 2010, in coordinamento con Servizi/Aree della D.G. interessate, si procederà ad una seconda fase di sistematizzazione di tale strumentazione per migliorarne rappresentatività, sintesi ed efficacia. Si coordina la stesura della Relazione annuale di Consuntivo. Si procede ad aggiornamenti delle procedure previste dal SGQ (IS09001:2000) inerenti il processo. Obiettivi: redazione format e supporti di riferimento per la programmazione delle attività; coordinamento ed elaborazione dati di sintesi istruttorie per linee programmatiche dell Ente; redazione documenti di Preliminare di programma; redazione Programma triennale e annuale delle attività; sintetica valutazione Consuntivo Obiettivi e ipotesi di riproposizione obiettivi per esercizio successivo; gestione fasi di definizione e declinazione obiettivi programmatici e strategici; supporto alla rendicontazione annuale dell operato della Direzione generale; redazione Relazione annuale di consuntivo; redazione elaborati periodici di sintesi per controllo direzionale; gestione strumenti di monitoraggio degli obiettivi programmatici e strategici. Caratteristiche tecniche: Documenti: Atti istruttori; Preliminare di programma; Programma triennale e annuale delle attività; Relazione di consuntivo della Direzione Generale; Relazione annuale delle attività dell Agenzia; Elaborati di controllo direzionale; Strumenti di sintesi per definizione/monitoraggio e consuntivazione obiettivi programmatici. Dati associati: Matrici, Tabelle; Grafici. Revisione Manuale, Procedure e I.O. (con i format di riferimento). Tempi di realizzazione: Gennaio 10 Dicembre 10. Risorse interne necessarie: 12 mesi/uomo dell Area. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: La realizzazione dei documenti programmatici e di consuntivo e la gestione del processo di definizione e monitoraggio degli obiettivi prevedono una continua interazione con tutti i Nodi dell Agenzia. Costi operativi: Mantenimento Certificazione ISO 9001:2008 Processo P&C coperti da SGI:SQE Attività di: Presidio indagini di Customer Satisfaction Oggetto: Presidio metodologico e supporto operativo delle ricerche di Customer Satisfaction svolte dai nodi. Esecuzione di rilevazioni nei confronti dei clienti/utenti dell Agenzia a significatività regionale. Elaborazione complessiva dei dati e report a livello regionale per esigenze conoscitive direzionali, nonché con riferimento alle indagini di Nodo. Manutenzione/revisione delle procedure del SGQ relative alla CS, con coinvolgimento della rete. Presidio della formazione di rete ed eventuale conseguente taratura metodologica ed operativa delle modalità di conduzione delle ricerche. Obiettivi: Gestione omogenea sul territorio regionale di ricerche di CS realizzate presso i nodi operativi; Esecuzioni di attività di ricerca su scala locale e regionale; Realizzazione analisi e report a scala regionale e locale; Manutenzione delle procedure del SGQ; Sperimentazione e taratura di nuovi sistemi e modalità di ricerca ed analisi. Caratteristiche tecniche: Procedure per programmazione; report e supporti grafici-tabellari per analisi. Tempi di realizzazione: Gennaio - Dicembre Risorse necessarie: 3 mesi /uomo dell Area. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: Impegno di alcuni mesi/uomo complessivi del personale dei Nodi operativi, per realizzazione indagini CS e gruppi di lavoro. Costi operativi: [Oneri di canone di manutenzione del SW dedicato alle CSS sono a carico del SSI]. Pag. 7 di 357

15 Servizio Affari istituzionali Attività di: Formazione Referente di Nodo Oggetto: Il referente della formazione di Nodo, secondo SGQ ISO9001:2000 delle attività di formazione, costituisce riferimento operativo dei bisogni formativi della struttura e permette il raccordo, attraverso il Servizio SOFE, dell intera rete Arpa in relazione alle domande ed offerte formative. Obiettivi: Raccogliere i bisogni formativi espressi dal Nodo; Applicare nel proprio Nodo le procedure del Sistema qualità; Collaborare con il SOFE alla revisione delle procedure del SGQ; Aggiornare, attraverso l applicativo Cézanne, i curricula formativi dei collaboratori del Nodo; Gestire l organizzazione, e relativa rendicontazione, degli eventi formativi del Nodo. Caratteristiche tecniche: Gestione operativa dei fabbisogni/eventi formativi del Nodo. Tempi di realizzazione: L attività si svolge nel corso di tutto l anno. Risorse interne necessarie: 1 mese/uomo dell Area. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: L attività viene svolta in raccordo col Servizio SOFE. Iniziative e progetti di innovazione Iniziativa / Progetto di: Aggiornamento quadro dei determinanti la domanda potenziale di controllo ambientale Oggetto: Azioni di aggiornamento del quadro di sintesi macrodescrittivo dei determinanti la pressione ambientale quale fattore incidente sulla domanda di controllo e prevenzione ambientale che si riflette su ArpaER. Tali elementi potranno essere utilizzati sia per la definizione di ipotesi di dimensionamento delle risorse necessarie all erogazione dei servizi, sia come aspetti conoscitivi di ausilio alla definizione di scelte di evoluzione dell offerta, e di conseguenza dell organizzazione produttiva, dell Agenzia. Obiettivi: Correlare elementi di pressione del territorio alla potenziale domanda di prevenzione e controllo. Proporre un confronto fra le diverse realtà provinciali. Fornire elementi di supporto per la definizione delle linee strategico-programmatiche e per la valutazione ambientale dell azione svolta dall Agenzia, sia in fase di pianificazione, sia in fase di analisi di risposta/efficacia. Caratteristiche tecniche: Report divulgati in rete, con elaborati. Tempi di realizzazione: Gennaio - Dicembre Risorse necessarie: 7 mesi/uomo dell Area + Collaborazione professionale esterna Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: La collaborazione principale coinvolgerà la Direzione tecnica; potranno essere interessati anche Nodi operativi con particolare riferimento ai CTR. Costi operativi: per supporto di consulenze professionali esterne Iniziativa / Progetto di: Monitoraggio con analisi stato d avanzamento e percorso del Piano di riposizionamento dell Agenzia Oggetto: Arpa nel 2009 ha effettuato una consistente azione di Monitoraggio ed aggiornamento del Piano di Riposizionamento e riequilibrio economico-finanziario di Arpa, strumento volto a ridefinire e ripensare l offerta dell Agenzia, identificare azioni di efficientamento e riduzione dei costi, individuare leve per eventuali risparmi, impostare criteri ed elementi utili alla definizione degli assetti organizzativi futuri dell Ente, valutare condizioni incidenti sul sistema dei ricavi. Risulta necessario mantenere aggiornato il quadro riguardante gli elementi di più rapida evoluzione e di maggior valenza strategica, nonché integrare la prospezione con le tematiche economico-finanziarie e le dinamiche inerenti gli ambiti operativi (di erogazione servizi) dell Agenzia. Pag. 8 di 357

16 Servizio Affari istituzionali Obiettivi: Approfondimento di item specifici relativi allo sviluppo/evoluzione degli scenari prospettici definiti dal Piano di riposizionamento e riequilibrio economico-finanziario novembre Presidio dello stato di avanzamento dell applicazione del Piano. Aggiornamento delle analisi effettuate nell ambito della definizione dell Offerta di servizi. Ricalibrazione dell incidenza relativa di macro-ambiti di servizi coinvolti da significative variazioni dimensionali. Caratteristiche tecniche: Elaborazioni, grafici, mappature, Report. Tempi di realizzazione: Gennaio Dicembre 2010 Risorse necessarie: 4 mesi/uomo dell Area. Collaborazioni di altre Aree/UO del Servizio: (0,5 mese/uomo) Area Affari istituzionali e legali. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: Confronti con i referenti tecnici ed economici dell Agenzia, su specificità e dettagli tecnico-economici. Costi operativi: per supporto di consulenze esterne. Iniziativa / Progetto di: Indagine sul Benessere organizzativo in Arpa Oggetto: Realizzazione di un analisi del clima organizzativo in Arpa, con riferimento a metodologie e strumenti in attuazione della Direttiva 2004 del Ministro della Funzione Pubblica sulle misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle Pubbliche amministrazioni. Obiettivi: Migliorare il clima organizzativo attraverso conoscenza fattori influenti sul benessere degli individui. Caratteristiche tecniche: Definizione tempi e costi progetto; presentazione al Comitato di Direzione e alle OO.SS.; costituzione Gruppo di Lavoro e Comitato Guida; realizzazione indagine; lettura e restituzione risultati. Utilizzo del questionario di rilevazione e del software per l'immissione e la lettura dei dati forniti gratuitamente dal Dipartimento della Funzione Pubblica. Tempi di realizzazione: Gennaio Dicembre Risorse necessarie: 3 mesi/uomo dell Area. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: La collaborazione principale coinvolgerà 5 mesi/uomo dell Unità Sviluppo Organizzativo (process owner del progetto). Costi operativi: Consulenza professionale esterna (stima ) sostenuti da DG - SOFE. AREA COMUNICAZIONE Servizi di coordinamento e supporto Attività di: Coordinamento e supporto per fiere e manifestazioni Oggetto: Si conferma la scelta operata nel 2007 di partecipare alle principali manifestazioni di interesse regionale o nazionale, congiuntamente al Servizio Informazione e Comunicazione della Regione, qualora le caratteristiche della sua presenza e della struttura standistica lo consentano. Ciò ha in passato migliorato la visibilità complessiva delle attività dell Agenzia e ha consentito un forte risparmio sui costi, razionalizzando l impiego di risorse umane e materiali. Nel 2008 e nel 2009 tale partecipazione congiunta non si è realizzata, ma pare opportuno riproporla per il Arpa partecipa invece autonomamente ad eventi di rilievo locale, quando deciso dai singoli nodi, per i quali la riorganizzazione di Arpa prevede un maggiore intervento dell Area Comunicazione nella progettazione e organizzazione. Obiettivi: mantenere adeguato livello qualitativo della presenza Arpa, favorire la coprogettazione e cogestione da parte dei nodi, contenere i costi di allestimento, allargare la conoscenza di Arpa e migliorarne l immagine. Pag. 9 di 357

17 Servizio Affari istituzionali Caratteristiche tecniche: Realizzazione di stand coerenti con la natura di ente di supporto e di servizio dell Agenzia: il fine prevalente è la diffusione di dati e informazioni ambientali, contenendo i costi. Prevedere la possibilità di riutilizzo delle strutture espositive realizzate come servizi per i nodi. Tempi di realizzazione: Anticipo di almeno 2 mesi per ogni iniziativa. Risorse interne necessarie: Impegno di 40 gg/uomo per progettazione, allestimento, depliantistica, gestione, ecc. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: Nodi operativi per la gestione stand. Servizi della Direzione ed Eccellenze per la depliantistica. Efficacia del coordinamento della comunicazione tra le Agenzie Costi operativi: Affitto spazi e allestimenti (vedi caratteristiche tecniche): Euro per ogni evento. Dèpliantistica e materiali a stampa: Euro per ogni evento. Costi trasferte e servizi vari. Massima spesa annua ipotizzata per il 2010: euro Attività di: Supporto e diffusione delle strategie e dei valori di Arpa Oggetto: Partecipazione e seguente produzione di comunicazione interna-esterna relativa alle elaborazioni del gruppo dirigente: Comitato di Direzione e Ufficio di Direzione. Nell ambito dello sviluppo dell evoluzione delle attività di comunicazione e ufficio stampa dell Agenzia, si darà continuità a quanto avviato in modo episodico dal 2008, vale a dire la diffusione tramite Intranet delle principali decisioni assunte, particolarmente di quelle soggette a verifica nell ambito del sistema di qualità. Il Regolamento per la conduzione e verbalizzazione degli organismi direzionali di Arpa è stato riveduto e perfezionato, ma la sua applicazione nel 2009 si è verificata solo parzialmente. Nel 2010 dovrà essere richiamato e implementato, anche con l ausilio delle necessarie dotazioni di infrastrutture tecnologiche, quanto deliberato dal Comitato di Direzione. La realizzazione del nuovo sito intranet Aggiornàti favorirà la condivisione comunicativa delle decisioni e dei documenti dell Agenzia. Supporto al Direttore, al management e in generale a tutta la rete interna riguardo a redazione ed editing di testi e slide, supporto per interviste e presenza sui media, coordinamento incontri con il personale e videoconferenze, redazione ed editing di documenti istituzionali, ecc. Obiettivi: favorire conoscenza e condivisione della mission e della vision dell ente, in particolare a supporto delle modifiche dettate dalla riorganizzazione diffondere in modo differenziato a pubblici interni ed esterni strategie e decisioni operative degli organismi di direzione dell Agenzia, promuovere e sostenere con attività di comunicazione organizzativa le scadenze istituzionali. Caratteristiche tecniche: Resoconto e condivisione delle decisioni degli organismi dirigenti. Diffusione mirata via Intranet e Internet, supporto ad attività nei nodi e dell ufficio stampa, progettazione e organizzazione degli appuntamenti interni ed esterni. Tempi di realizzazione: Durante l intero anno. Risorse interne necessarie: circa 60 gg/uomo per il Dirigente area, oltre alla collaborazione redazionale degli altri componenti dell Ufficio stampa. Attività di: Gestione siti Arpaweb (web pubblico) e Aggiornàti-Arpanews (intranet) Oggetto: Sulla base dei risultati raggiunti con la realizzazione e l'espansione delle reti Internet e Intranet di Arpa, nel 2010 proseguirà l'offerta dei servizi di informazione e comunicazione all'interno e all'esterno dell'agenzia, coinvolgendo gli operatori dell Agenzia, con particolare riferimento alla rete dei referenti per la comunicazione. Un impegno particolare è richiesto dall attività di completo rifacimento del sito Intranet Aggiornati, in particolare per il necessario coinvolgimento di diversi nodi e aree dei servizi centrali di Arpa. Obiettivi: Diffusione dei dati e delle informazioni ambientali all utenza esterna e interna, con la completa integrazione informatica dei siti Diffondere, socializzare, integrare le conoscenze presenti nella rete, Fornire servizi e utilità di supporto ai collaboratori Arpa, Migliorare il senso di appartenenza e il clima organizzativo e lavorativo, Analizzare gli accessi ai siti per migliorare l offerta all utenza, Pag. 10 di 357

18 Servizio Affari istituzionali Favorire la differenziazione dei linguaggi nella redazione di testi in relazione ai pubblici di riferimento. Caratteristiche tecniche: Sito web Arpaweb (www.arpa.emr.it) e Aggiornàti (aggiornati.emr.it), aggiornamento quotidiano Tempi di realizzazione: Tutto l anno. Risorse interne necessarie: Arpaweb: 3 mesi; Aggiornati: 3 mesi (Unità operativa Linea editoriale); Arpanews: 1 mese. Totale 7 mesi/uomo. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: Rete ref.comunicazione di nodo: 3 mesi. Altri collaboratori rete: 2 mesi. Totale 5 mesi/uomo. Costi operativi: Sviluppo e implementazione sw gestione (CMS) Euro. Attività di: Formazione/aggiornamento personale DT, staff comunicazione nodi e redattori/amministratori siti web e intranet Oggetto: La politica di aggiornamento dei siti dell Agenzia ha da sempre puntato alla creazione di redazioni diffuse sul territorio e all affidamento di specifiche responsabilità relative all aggiornamento dei contenuti dei singoli siti tematici o territoriali. L obiettivo di questa scelta è duplice: da un lato evitare colli di bottiglia, dall altro permettere a chi detiene la paternità dell informazione di poterne controllare anche la divulgazione/pubblicazione. Tutto questo richiede una continua attività di formazione interna volta alla diffusione delle competenze relative all utilizzo del software di gestione per l aggiornamento dei siti web (CMS). L'attività di formazione/aggiornamento/addestramento per il 2010 sarà principalmente rivolta al personale della Direzione Tecnica e dei CTR che, a seguito del processo di riorganizzazione che ha investito l Agenzia, sono il riferimento regionale per le diverse materie ambientali e quindi fonte primaria di aggiornamento dei siti tematici. A questa si aggiungerà sia un attività di aggiornamento e assistenza per chi già utilizza tali strumenti, sia la diffusione di conoscenze relative alla nuova gestione dell Intranet aziendale. Obiettivi: estendere la rete dei collaboratori (redattori, amministratori) per la gestione dei contenuti dei siti dell Agenzia migliorare l'autonomia delle Strutture di Arpa nella gestione e aggiornamento del sito web e dell'intranet; realizzare manuali e istruzioni relativi alle procedure di aggiornamento dei siti; favorire l'utilizzo di strumenti informatici adeguati per la redazione di pagine e contenuti web. ridefinire e articolare i rapporti tra staff di nodo e struttura deputati alla comunicazione e Area della Direzione generale Caratteristiche tecniche: Corsi da svolgere presso la Direzione generale o la sede dei collaboratori coinvolti, destinati ai gestori dei singoli temi o a più ampi pubblici, per l utilizzo più efficiente ed efficace dei siti Tempi di realizzazione: Nel corso dell anno in base alle richieste confluite nel piano di formazione di rete, oltre che sulla base delle esigenze che emergono nel corso del processo di riorganizzazione. Risorse interne necessarie: 3 mesi/uomo. Attività di: Gestione e aggiornamento sito Liberiamolaria.it Oggetto: La campagna di comunicazione Liberiamolaria, iniziata nel 2002 in collaborazione con la Regione, vede tra i suoi strumenti principali il sito web Nel sito vengono riportati i dati sulla qualità dell aria e tutte le informazioni relative alle attività messe in campo da Regione, province e comuni per la promozione di una mobilità sostenibile. Al sito è abbinata una casella di posta cui gli utenti possono richiedere eventuali informazioni/delucidazioni in merito ai provvedimenti adottati. Lo sviluppo, la gestione e l aggiornamento del sito sono affidate all Area Comunicazione. Obiettivi: Diffusione dei dati e delle informazioni ambientali all utenza esterna Raccolta e diffusione delle informazioni relative ai provvedimenti (in particolare limitazioni alla circolazione e incentivi) disposti da Regione, Province e Comuni Gestione dei rapporti con l utenza esterna, attraverso la casella di posta elettronica dedicata Pag. 11 di 357

19 Servizio Affari istituzionali Tempi di realizzazione: da agosto ad aprile. Risorse interne necessarie: 3 mesi uomo. Risorse esterne: trattandosi di un attività svolta considerabile come accessoria, svolta su committenza della Regione al di fuori degli obblighi d istituto, occorrerebbe considerare la possibilità di ottenere un finanziamento tramite convenzione, almeno pari al costo del personale interno dedicato (8.000 euro). Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi: Direzione tecnica, Sezioni provinciali, CTR Aria: 1 mese uomo Attività di: Ufficio stampa e Area media web Oggetto: La gestione dell Area media sul web di Arpa e i contatti con i media, soprattutto su scala provinciale e locale, necessita di un continuo impegno da parte dell Ufficio stampa per quanto riguarda la predisposizione di materiale in occasione di eventi e nel fornire supporto agli staff di comunicazione di nodo; a questo aspetto dell attività di rete sarà rivolta particolare attenzione, con lo scopo di coniugare da un lato l autonomia dei nodi e il loro sistema di relazione con i media locali, dall altro la necessità di dare un immagine unitaria e coerente dell Agenzia a livello regionale, soprattutto per quanto riguarda la comunicazione relativa alle emergenze ambientali sul territorio. Nel 2010 proseguirà l attività di ufficio stampa, così come è stata riorganizzata nel corso del 2009 per quanto riguarda la Direzione generale e sviluppata a supporto dei nodi. Obiettivi: Supporto alla direzione nei rapporti con i media, redazione comunicati stampa e organizzazione di conferenze stampa Supporto ai media e agli staff di comunicazione di nodo, per le attività d informazione e comunicazione Garanzia di costante presenza o disponibilità dell ufficio stampa Aggiornamento delle press kit sulle principali tematiche ambientali, Aggiornamento periodici dell indirizzario testate locali e di interesse ambientale, oltre che della mailing list dei giornalisti Servizio di rassegna stampa. Caratteristiche tecniche: aggiornamento della Sezione Area media del sito web di Arpa, con produzione e messa in linea comunicati stampa e informazioni relative attività aziendali suddivise per i principali temi ambientali. Rassegna stampa telematica ed eventuale utilizzo di servizi di fornitura news e rassegne dedicate. Tempi di realizzazione: Tutto l'anno. Risorse necessarie: 2 mesi/uomo. Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: Rete ref.comunicazione di nodo: 1 mese uomo. Costi operativi: Rassegna Stampa e fornitura news (servizio esterno) (quota parte annuale del contratto pluriennale per rassegna stampa). Attività di: Monitoraggio del catalogo delle informazioni ambientali e della pubblicazione dei dati su web Oggetto: Il D.Lgs. n.195 del 19 agosto 2005, in attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale, sancisce che l'informazione ambientale detenuta dalle autorità pubbliche sia sistematicamente e progressivamente messa a disposizione del pubblico e diffusa, anche attraverso i mezzi di telecomunicazione e gli strumenti informatici, in forme o formati facilmente consultabili, promuovendo a tale fine l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. A tale proposito Regione e Arpa hanno predisposto e formalizzato nel 2007 un unico catalogo delle informazioni ambientali, contenente documenti e indicatori delle tipologie di informazioni e degli indicatori disponibili. Nel 2008 il catalogo è stato pubblicato sul web (in un sito creato appositamente), e nel 2009 una parte delle schede informative sono state collegate ai dati e alle informazioni disponibili all interno dei DB di Arpa. Pag. 12 di 357

20 Servizio Affari istituzionali Sono state anche affrontate e superate le questioni inerenti la struttura del sito comune Regione Arpa, derivanti dalla necessità di rispondere alle diverse tipologie organizzazioni dei dati posseduti dai due enti. Il programma di elaborazione dei dati e di sviluppo-modifica del catalogo non può essere gestito autonomamente dall Area comunicazione, pertanto l attività dell area consisterà nel solo monitoraggio di quanto reso disponibile e nello stimolo ad arricchire la mole dei dati a disposizione e la loro capacità di rispondere alla domanda sociale di informazione ambientale. Obiettivi: monitorare il catalogo e contribuire a fare si che tutta l informazione ambientale detenuta da Arpa sia resa progressivamente disponibile e accessibile al pubblico tramite web; in particolare, le informazioni riguardanti: dati o sintesi di dati ricavati dal monitoraggio di attività che incidono o possono incidere sull'ambiente; convenzioni e accordi aventi per oggetto l'ambiente; programmi relativi all'ambiente; relazione sullo stato dell'ambiente autorizzazioni e pareri rilasciati in applicazione delle norme sulla valutazione d'impatto ambientale studi sull'impatto ambientale, valutazioni dei rischi relativi agli elementi dell'ambiente; Progettazione e realizzazione di un attività comunicativa riguardante il sito dati ambientali, qualora la mole di dati accessibili sia considerata sufficientemente vasta da giustificarne la pubblicizzazione. Caratteristiche tecniche: cura dell interfaccia web e del collegamento dinamico ai data base relativi ai dati ambientali e alla documentazione tecnica messi a disposizione dai gestori delle banche dati e del sito. Tempi di realizzazione: Tutto l anno. Risorse necessarie: 1 mese uomo (nel 2010). Collaborazioni di altre Direzioni/Servizi e/o Nodi operativi: SSI, Direzione tecnica. Costi operativi: le risorse necessarie sono individuate dal Servizio Sistemi informativi (e previste da apposito contributo regionale). Attività di: Gestione del Database Relazionale di Area (DBRMS Comunicazione) Oggetto: E ormai consolidato - nell ambito del sistema web/intranet un insieme di dati strutturati a supporto delle attività dell Area Comunicazione: contatti interni ed esterni, eventi, forum, aree riservate, documentazione, sedi, urp, servizi offerti e altro. Questo patrimonio informativo, difficilmente riconducibile ad altri sistemi gestionali esistenti, è memorizzato nel database relazionale dell Area (DBRMS Comunicazione) e costituisce un sempre più valido strumento di supporto alla struttura, che deve poter gestire in modo automatizzato diverse attività: mailing list, registrazione on-line, eventi, documentazione e altro. Obiettivi: Consolidare la struttura del DBMRS Comunicazione, raccogliendo, controllando e condividendo le informazioni attraverso la rete all interno dell Area e con i referenti di nodo. Ciò consente di conservare dati univoci, omogenei, strutturati e facilmente reperibili in un unico ambiente accessibile solo agli utenti autorizzati. Per raggiungere tale obiettivo è necessario: Adeguare la struttura del DBMRS alla naturale crescita conseguente all utilizzo, che consente di individuare modalità sempre più efficienti di gestione. Perfezionare le procedure già avviate, come ad esempio la registrazione on-line sul sito di Arpa agli eventi organizzati e la classificazione della documentazione accessibile via web/intranet Diffondere all interno del gruppo Area Comunicazione e referenti di nodo, una modalità di gestione e condivisione di informazioni comuni che porti al progressivo abbandono di strumenti disomogenei o incompleti. Addestrare i referenti della comunicazione su specifiche procedure di rete Realizzare, di concerto con altre strutture della Direzione Generale, sistemi di condivisione e import/export di insiemi di dati da/verso altri sistemi gestionali. Questa attività è da concordare con le strutture interessate e può protrarsi negli anni successivi; può inoltre rendersi necessaria assistenza tecnica da parte dei fornitori/progettisti dei sistemi gestionali coinvolti. Caratteristiche tecniche: DBMRS SQL server, gestibile da intranet/web attraverso pagine realizzate con tecnologia ASP o connessione ODBC. Tempi di realizzazione: Tutto l anno. Pag. 13 di 357

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli