A CARICO DI: BERNARDINI MARCO + ALTRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A CARICO DI: BERNARDINI MARCO + ALTRI"

Transcript

1 TRIBUNALE DI MILANO RITO ASSISE SEZ. I CORTE D'ASSISE DOTT. GAMACCHIO PIERO DOTT.SSA SIMI ILARIA Presidente Giudice a latere VERBALE DI UDIENZA REDATTO IN FORMA STENOTIPICA PAGINE VERBALE: n. 70 PROCEDIMENTO PENALE N. RG. C.A. 15/10 - RG.N.R 25194/08 A CARICO DI: BERNARDINI MARCO + ALTRI UDIENZA DEL 14/03/2012 MI0035 BUNKER 1 S.V. Esito: RINVIO AL 28/03/2012, ORE Caratteri: 89281

2 INDICE ANALITICO PROGRESSIVO DEPOSIZIONE DEL TESTE - PELLERO BRUNO Pubblico Ministero... 4 Parte Civile - Avvocato Conti Difesa Cipriani - Avvocato Nardo DEPOSIZIONE DEL TESTE - MARZI SANDRO Pubblico Ministero Difesa Jannone - Avvocato Patrucchi Difesa Cipriani - Avvocato Nardo Difesa Rangoni Preatoni - Avvocato Borella N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R / /2012 clbernardini MARCO + ALTRI 2

3 SENTO SCRIVO Società Cooperativa DOTT. GAMACCHIO PIERO DOTT.SSA SIMI ILARIA DOTT. STEFANO CIVARDI Presidente Giudice a late re Pubblico Ministero DOTT.SSA CATERINA FARRIS SIMEONE SIG.RA MARIA TERESA - Stenotipista Ass. d'udienza Ausiliario tecnico PROCEDIMENTO A CARICO DI - BERNARDINI MARCO + ALTRI - Il Presidente procede all'appello e alla regolare costituzione delle parti. PRESIDENTE - Devo dare atto della comunicazione pervenuta alla Presidenza della Corte dall' Avvocato Vincenzo Carosi il quale dice che nella sua qualità di Difensore di fiducia del signor Marco Bernardini dichiara di aderire alla astensione degli Avvocati prevista per il giorno 21 marzo 2012, di tal che l'udienza non si potrà tenere. Prego, Pubblico Ministero. Iniziamo con il Professor Pellero. Viene introdotto in aula il Teste il quale, ammonito ai sensi dell' articolo 497 del Codice di Procedura Penale, dà lettura della formula di rito. N, R,G, C,A, 15/10 R,G,N.R, 25194/08 14/03/2012 clbernardini MARCO + ALTRI 3

4 SENTO SCRIVO Società Cooperativa TESTE PELLERO Bruno Pellero, nato a Savona il 15 aprile 1958; ivi residente in Corso Italia numero 2, interno 13. PRESIDENTE - Prego, Pubblico Ministero. Pubb~ico Ministero P.M. Può illustrare il suo percorso professionale e gli incarichi ricevuti nell'ambito di questo procedimento? TESTE PELLERO - lo sono uno specialista di telecomunicazioni, mi sono trovato a progettare i primi sistemi radiomobili circa anni fa e quando la telefonia radiomobile ha iniziato la sua commercializzazione in Italia sono stato chiamato a occuparmi delle intercettazioni di queste comunicazioni in Italia, attività che ho fatto per l'autorità Giudiziaria come Consulente al Gabinetto del Ministero della Giustizia per alcuni anni, come esperto tecnico del gruppo di lavoro interministeriale Interni, Giustizia e Comunicazioni, poi diventato Osservatorio dal '97 fino a tutt'oggi. Mi occupo di progettare soluzioni per le intercettazioni, di fare il Consulente sia per l'industria e comunicazione e per l'autorità Giudiziaria, docente ad alcune Università, dall'università della Calabria per il Master Intelligence all'università di Tor Vergata e altre Università, comprese delle lezioni anche alla Cattolica qui a Milano. N.ltG. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/ cibernardlni MARCO + ALTRI 4

5 P.M. Può illustrare il primo incarico che ricevette dal Dottor Alberto Nobili in ordine al rinvenimento di una microspia? TESTE PELLERO - Nell' ottobre del 2001 mi venne conferito un incarico dal Dottor Alberto Nobili relativamente all'esame di un dispositivo che mi venne mostrato nel suo ufficio dicendomi che era stato ritrovato su un'autovettura. Esaminai questo reperto e feci una relazione che fu depositata agli atti parecchi mesi dopo, dopo che acquisimmo tutti gli elementi che il Pubblico Ministero ritenne necessario per completare la relazione. P. M. - In massima sintesi le sue conclusioni e poi produrrò l'elaborato scritto. TESTE PELLERO - In massima sintesi l'apparecchiatura risultava essere un telefono cellulare, o meglio parte di un telefono cellulare modificato allo scopo di realizzare un dispositivo per l'ascolto a distanza di comunicazioni senza intervento di personale operatore locale. L'apparecchiatura peraltro era solo parzialmente funzionante e fu possibile recuperare dalla memoria dati, ancorché cancellati, che consentivano di ricostruire in parte la storia del dispositivo. Il dispositivo risultò essere stato manomesso in alcune componenti essenziali al fine di non poter risalire alla matricola dell'apparecchiatura, cosiddetto IMEI, codice N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/03/2012 clbernardini MARCO + ALTRI 5

6 SENTO SCRIVO Società Cooperativa dell'apparecchiatura, né di poter risalire al numero telefonico della SIM che era stata smontata dal suo supporto danneggiandola. All'interno della memoria i dati erano stati cancellati sia per quanto riguarda la rubrica, sia per quanto riguarda gli ultimi numeri chiamati e ricevuti e fu possibile recuperare questo dato grazie alla collaborazione della società costruttrice dell'apparecchio originale, che è la Motorola, che consentirono di fornire all' Autorità Giudiziaria alcuni numeri di telefono relativi sia alle ultime chiamate fatte e ricevute, sia i numeri della rubrica. La tecnologia con cui vennero fatte queste modifiche nella memoria del cellulare risultò essere sproporzionata rispetto alla tecnologia costruttiva di questo dispositivo, chiamiamola pure microspia, al punto tale da dubitare che se l'operazione era stata fatta come verosimilmente da un'unica persona l'intento non fosse altro che quello di dissimulare una microspia fatta da qualche artigiano difficilmente riconducibile e cancellare ogni traccia per poter effettivamente tentare di individuarlo. Dalle analisi emerse anche un dato importante che era la durata di ricezione e trasmissione dell'apparecchiatura che ammontava cumulativamente a poco più di 26 minuti. Mi scusi, la interrompo per focalizzarmi su quanto ha detto in precedenza. In ordine alla sproporzione tra N. R.G. C.A. 15/l0 - R.G.N.R /08-14/03/2012 c!bernardlni MARCO + ALTRI 6

7 SENTO SCRIVO Società Cooperativa l'oggetto che mal avrebbe funzionato come microspia e invece la tecnologia impiegata per resettare questo oggetto può meglio specificare in che cosa sia... che cosa sia stato un indice del particolare impegno che sia stato messo nel pulire, resettare questo prodotto? TESTE PELLERO - Le considerazioni afferiscono a due aspetti distinti: il primo aspetto è quello della costruzione elettrica e meccanica del dispositivo che era stata fatta con dei componenti inadatti, i fili elettrici troppo grossi che in realtà hanno danneggiato il telefono mettendolo in condizione del vero funzionamento precario o l'alloggiamento dell' apparecchiatura elettronica in un contenitore di plastica morbida nel quale fu avvolto invece di metterlo in un contenitore rigido che l'avrebbe protetto molto meglio. Cioè, tutti indici di un comportamento che non era neanche di un artigiano, ma era un comportamento assolutamente primitivo che nessun tecnico degno di questo nome, neanche un ragazzino, avrebbe utilizzato. Per contro, l'altro aspetto è quello della cancellazione dei dati della memoria che venne fatto con estrema perizia al punto che anche la casa costruttrice, la Motorola, ebbe bisogno di richiedere informazioni alla casa madre negli Stati Uniti e solo alcune di queste informazioni risultarono disponibili a distanza di vari mesi, allo scopo di recuperare dati che per necessità di oggettività ritenni preferibile far N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/03/2012 clbernardini MARCO + ALTRI 7

8 recuperare al costruttore. La possibilità di cancellarlo senza queste informazioni presuppone una conoscenza talmente approfondita dal prodotto Motorola che afferisce a una persona che ha delle capacità tecniche enormemente superiori a quelle che avrebbero portato a una costruzione elettrica e meccanica quale descritta prima. Quindi è improbabile che le due operazioni siano state fatte in tempi diversi perché la modifica dei dati non avrebbe mai potuto essere fatta su un apparecchio precario quanto quello detto. In questo caso se il tecnico era lo stesso ci doveva essere un motivo, l'unico motivo verosimile era quello di dissimulare dietro un' apparente imperizia del costruttore l' identi tà di chi poteva averlo fatto. Nell'espletamento dell'incarico poi riuscì a recuperare dalla memoria di questo telefonino dei dati sulle utenze chiamate o chiamanti? TESTE PELLERO Sì, fu possibile recuperare i dati della memoria, in particolare recuperare i dati sia della rubrica che delle ultime chiamate effettuate. Risultarono in particolare due chiamate ricevute provenienti da una stessa utenza dal distretto 055, se ricordo bene, con la peculiarità che una delle due chiamate aveva il prefisso internazionale +39, 55 prefisso distrettuale, in un caso preceduto da uno O e nell'altro caso no, cosa che riportava due chiamate fatte in tempi diversi a cavallo N. R.G. C.A. 15/tO" R.G.N.R /08" 14/03/2012 c/bernardlni MARCO + ALTRI 8

9 SENTO SCRIVO Società Cooperativa della data in cui Telecom Italia aggiunse lo zero prima del prefisso distrettuale, ciò che avvenne orientativamente intorno al giugno del Risultavano anche chiamate con prefisso diverso? TESTE PELLERO No, parlando delle chiamate ricevute risultavano solo chiamate provenienti dal prefisso distrettuale 055, anche il numero chiamante era identico. Il numero chiamante era per entrambe. P.M. Presidente, anche alla luce del fatto che la circostanza è già stata esplorata tramite la prova dichiarativa dei tecnici che hanno, tra virgolette, spiegato questo peculiare rinvenimento della microspia sull'auto di Bondi, che sono già stati escussi davanti a questa Corte d'assise, il Pubblico Ministero termina qua l'esame su questo aspetto e produce fin d'ora la consulenza in modo che la Corte può eventualmente coltivare ulteriori domande. PRESIDENTE - Lei ovviamente la conferma? TESTE PELLERO - Certo. (Nds, il Pubblico Ministero rammostra documentazione al Teste). TESTE PELLERO Questa corrisponde alla perizia che ho depositato nel 2003 e confermo essere il corrispondente al mio parere di allora e di adesso. Quindi nell'ambito di questo stesso procedimento in cui lei aveva già svolto l'incarico sulla microspia rinvenuta N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/03/2012 c/bernardini MARCO + ALTIU 9

10 nell' auto in uso all' allora amministratore di Telecom, Bondi, ricevette altri incarichi, con quale oggetto? TESTE PELLERO - In realtà i procedimenti per i quali ricevetti incarichi furono diversi. Il primo riguardava il rinvenimento di questa microspia, non ricordo il numero del procedimento, ma posso consultare le mie carte, comunque è citato nell'oggetto della relazione; successivamente ricevetti incarico da altra Autorità Giudiziaria, Dottor Civardi, Dotto Piacente e Dotto Napoleone, relativamente ad accertamenti relativi in un primo quesito ad impianti della società Telecom Italia e della società Telecom Italia Mobile preposti alla gestione delle attività di intercettazione e documentazione del traffico storico; successivamente ricevetti un altro incarico per esaminare un CD che conteneva delle registrazioni della cui fonte era necessario accertare le modalità tecniche. P.M. Venendo un pochino più nel dettaglio dell'incarico ricevuto in ordine ai dispositivi DFD e alle sonde che dovevano presidiare questi disposi ti vi sonda è stata acquisita, sequestrata e verserei alla Corte d'assise in questo frangente - può specificare esattamente qual era il quesito, per quale motivo era stato posto e quali sono stati i risultati delle indagini tecniche condotte da lei e dal suo collega Paoloni? TESTE PELLERO - L'oggetto del quesito collegiale derivava dal N. R.G. C.A. 15/10 R.G.N.R /08 14/03/2012 c/bernardini MARCO + ALTRI 10

11 rinvenimento da parte di Telecom Italia di dispositivi cosiddette sonde posti a presidio dei collegamenti tra un'apparecchiatura denominata DFD che faceva l'intermediazione delle comunicazioni intercettate dalle numerosissime centrali di Telecom Italia e gli altrettanto numerosi punti di ascolto. La preoccupazione rappresentata da Telecom Italia all'autorità Giudiziaria era che queste sonde potessero essere utilizzate anche con finalità diverse e contemporaneamente che la loro rimozione potesse causare pregiudizi o all' attività di intercettazione o ad eventuali accertamenti. Mi scusi, cerchiamo di contestualizzare ulteriormente. Il DFD è l'acronimo per? TESTE PELLERO - E' l'acronimo per Dispositivo Fonia e Dati che si occupa di raccogliere la comunicazione intercettata in termini di contenuto fonico dalla centrale che opera l'intercettazione su richiesta dell' Autorità Giudiziaria insieme ai dati corrispondenti al numero chiamato, numero chiamante ed eventuali ulteriori informazioni tra cui numero trasferito, metterle insieme e veicolarle verso il punto di ascolto. In precedenza le comunicazioni venivano intercettate sui fili dell' utenza, sui fili dell' utenza le uniche informazioni disponibili erano la voce dell' interlocutore, il numero telefonico chiamato quando a chiamare era l'utenza intercettata, mancava alcuna indicazione del chiamante per le chiamate in entrate, né N. R.G. C.A. 15/l0 - R.G.N.R cfbernardlni MARCO + ALTRI 11

12 SENTO SCRIVO Società Cooperativa si poteva fare intercettazione nel caso in cui le comunicazioni fossero state trasferite. Contemporaneamente negli stessi anni Telecom Italia mise in commercializzazione sistemi di comunicazione, gli SDN numerici, che consentivano all'utente di disporre di pi~ di una linea. Le apparecchiature di registrazione disponibili ai punti di ascolto dell'autorità Giudiziaria dentro i locali della Procura erano registratori a bobine monolinea incapaci di ricevere questo tipo di comunicazione, pertanto Telecom Italia per fronteggiare un' esigenza pressante di fornire nella quantità e nella quali tà le intercettazioni richieste adottò questo tipo di strumento che prelevavano da fonti diverse la fonia e i dati, li mettevano insieme, li mandavano verso il punto d'ascolto, se il punto d'ascolto non era in grado di confermare l'avvenuta ricezione della comunicazione intercettata garantivano la consegna anche differita mediante una registrazione locale. Questo era lo scopo dell'apparecchiatura. Quindi avevano anche una memoria di transito? TESTE PELLERO Avevano una memoria di transito cosiddetta buffer che serviva per risolvere il problema delle mancate consegne. Il problema delle mancate consegne si generava automaticamente quando l'utente stava facendo la conversazione, veniva chiamato da un terzo, la chiamata del terzo veniva registrata alla segreteria telefonica N. R.G. C.A R.G.N.R / dilernardini MARCO + ALTRI 12

13 SENTOSCR1VO Società Cooperativa centralizzata, non poteva essere consegnata al registratore che già ne stava registrando una e quindi la seconda comunicazione veniva consegnata in un secondo tempo. Altro motivo era la qualità del servizio dei registratori delle linee presso i cosiddetti Centri per le Intercettazioni Telefoniche delle Procure che frequentemente avevano guasti che impedivano la chiamata di essere consegnata in tempo reale, ciò che veniva considerato un pregiudizio alla formazione della prova in termini di integrità dell'intercettazione. Quindi in mancanza di registratori idonei la soluzione venne adottata sia per l'integrazione di fonia e dati che per la memorizzazione temporanea, secondo quello che era l'intento del progettista, delle fonie intercettate. P.M. Questi DFD quando furono installati e dove furono installati? TESTE PELLERO - questi DFD orientativamente vennero installati intorno all' anno 2000, adesso non ricordo la data con precisione perché probabilmente venne fatta un' installazione graduale. Orientativamente intorno agli anni Duemila vennero installati in 21 centri appartenenti a Te1ecom Italia sui quali venivano centralizzate le funzioni delle , se ricordo bene, centrali urbane di Telecom Italia. L'intercettazione veniva indipendentemente attivata sulle centrali, quindi non era compi to del DFD, né il DFD aveva accesso a comandi per N. R.a. C.A R.a.N.R cibernardini MARCO + ALTRI 13

14 SENTO SCRIVO Società Cooperativa attivare l'intercettazione, né per disattivarla, mentre i contenuti intercettati e i dati associati all'intercettazione venivano veicolati al DFD mediante dei collegamenti all'uopo predisposti. I DFD poi a loro volta mandavano verso i punti d'ascolto. P.M. I DFD riguardavano la rete fissa o anche la rete mobile? TESTE PELLERO - I DFD vennero inizialmente utilizzati solo per la rete fissa; successivamente la rete mobile che aveva un analogo problema di riuscire a raggiungere i punti di ascolto con i dati associati a ciascuna comunicazione intercettata... si intendono i dati associati a ciascuna comunicazione intercettata i dati esterni della comunicazione: numero chiamato, numero chiamante, nel caso del mobile anche la cella in cui la comunicazione ha luogo. I dati originariamente venivano inviati via fax con un evidente quantità di problemi che andavano dalla impossibilità di ricevere se il fax era senza carta alla mancanza della riservatezza e cose del genere, quindi Telecom decise di adottare i DFD in un centro unico a Padova raccogliendo tutti i dati delle utenze intercettate per poterle inviare in modo più tecnicamente efficiente verso i punti di ascolto. In questo caso i DFD raccoglievano solo i dati intercettati e non avevano capacità di registrazione della fonia alla quale non avevano accesso. N. R.G. C.A. 15/l0 - R.G.N.R /08-14/03/2012 c/bernardini MARCO + ALTRI 14

15 P.M. Questi OFO perché e quando furono presidiati dalle sonde? TESTE PELLERO Ritengo poco tempo dopo. Le uniche informazioni che abbiamo le abbiamo dagli atti recuperati in Telecom Italia. Qualcuno in Telecom Italia si accorse che i collegamenti tra il OFO e gli operatori che dovevano gestire il funzionamento non erano sicuri, vale a dire erano collegamenti che non erano dotati di adeguata cifratura e per garantire - questo fu il motivo per cui il progetto venne portato avanti, proposto e portato avanti - per garantire di poter controllare gli accessi ai OFO venne deliberato di installare un sistema di sonde, sonde passive che non potevano essere rilevate dai OFO e quindi avevano la funzione di moni toraggio di terza parte, che avevano visibilità su tutti i comandi (inc.) e verso il OFO. Il periodo ritengo che fosse poco dopo l'anno 2000, quindi orientativamente. Questa è una delle sonde? TESTE PELLERO - Questa è una delle sonde. Quella sonda venne sequestrata in occasione di un accesso a una delle centrali telefoniche di Telecom Italia e dopo aver evidenziato che non costituiva pregiudizio a rimuoverla venne rimossa per fare degli esami sulla sonda. Tutte le sonde erano collegate a un'infrastruttura centrale ubicata in Milano che raccoglieva le segnalazioni provenienti dalle sonde allo scopo di segnalare mediante N. R.G. C.A R.G.N.R /08-14/03/2012 clbernardlni MARCO + ALTRI 15

16 allarmi eventuali accessi indesiderati. Le sonde da chi erano state prodotte? TESTE PELLERO Le sonde e l'intero progetto era stato prodotto e ideato da una società che si chiama o si chiamava all' epoca I kon Corp che a sua volta le aveva fornite alla società Sirti che aveva ritenuto di rimodularne la capacità in termini di archivio di massa e la Sirti le aveva fornite alla Telecom Italia. E' a sua conoscenza un interesse, una partecipazione di Ghioni in Ikon? TESTE PELLERO - Ho appreso dagli atti questa partecipazione che peraltro fu confermata dalla stessa Ikon Corp, il fatto che Ghioni fosse stato tra gli ispiratori del progetto delle sonde al di là che fosse il progetto per Telecom Italia, ma dal progetto del dispositivo e che mantenesse una collaborazione con loro. Non è a mia conoscenza la natura da un punto di vista economico finanziario del rapporto tra Ikon e Ghioni. I DFD da chi erano prodotti? TESTE PELLERO - I DFD erano prodotti dalla Urmet, la Urmet Telecomunicazioni di Castel Romano vicino a Roma. Che è una società nota? TESTE PELLERO Che è una società del gruppo Urmet, che peraltro conosco bene in quanto ebbi a lavorare anche con loro come Consulente per questioni vagamente analoghe a quelle e quindi ebbi modo di vedere la produzione dei DFD N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/03/2012 c/bernardini MARCO + ALTRI 16

17 SENTO SCRIVO Società Cooperativa presso la loro fabbrica. P.M. Queste sonde che dovevano presidiare i DFD e dare notizie su eventuali accessi ai DFD e mandare i segnali alla controi room effettivamente lavoravano, c'era qualcuno nella controi room a verificare il funzionamento delle sonde, gli allarmi erano gestibili? TESTE PELLERO Quando facemmo accesso io, la P.G. e il Professor Paoloni all'impianto di Telecom Italia dove si concentravano le informazioni provenienti dalle sonde avemmo moto di vedere personalmente che di tutti i server, i computer asserviti a questo sistema ne funzionavano solo una minima parte, gli altri risultavano guasti. La stessa cosa ci venne riferita dal personale di Telecom Italia come segnalò che la guastabilità di questi impianti era molto elevata e lo stato di guasto in cui si trovava era tale nonostante pochi mesi prima fossero state, come dicono loro, ripristinate, rassettate tutto il complesso delle sonde e dei server. Ciò che venne segnalato era che avevano una media di guastabilità di almeno il 25% e contemporaneamente la quantità di allarmi che venivano forniti verso il centro di controllo era talmente elevata da impedire qualunque forma di controllo. Cioè, c'era un volume tale di allarmi, secondo quello che riferivano loro perché noi non avemmo modo di vedere dati che erano stati cancellati a seguito di un intervento precedente, la quantità di allarmi, falsi N. R.G. C.A. 15/10 - R.a.N.R / clbernardlni MARCO + ALTRI 17

18 allarmi era talmente elevata da impedire qualunque forma di controllo. L'attività che venne fatta comprese acquisire i dati che era possibile acquisire all'epoca per vedere che tipo di informazioni erano disponibili. Tra i dati che furono acquisiti ci furono alcuni elementi che consentirono di chiarire meglio quali fossero i contenuti che le sonde riuscivano a veicolare verso il centro di controllo. Quali erano i contenuti che le sonde veicolavano verso i centri di controllo? TESTE PELLERO - In mancanza del funzionamento del sistema al momento in cui facemmo accesso l'analisi dei dati contenuti del PC del centro di controllo consenti di recuperare un file che conteneva non solo un'informazione relativa a traffico tra la sonda e un punto d'ascolto, nel caso specifico era traffico relativo a un messaggio sms di prova che era stato verosimilmente fatto per provare l'apparecchiatura, ma che risultava completamente intercettato al centro di controllo completo del contenuto del messaggio. Un' altra cosa che emerse è che su uno dei server ancora acceso si rilevò un allarme su un'applicazione, che era un'applicazione di posta elettronica, allarme in quanto il server indicava come questa applicazione desse un problema ed era un'applicazione deputata alla trasmissione e ricezione dei messaggi di posta elettronica. Nel caso specifico la N, R,G, CA 15/10" R,G.N,R, 25194/08" 14/03/2012 c/bernardini MARCO + ALTRI 18

19 trasmissione dei messaggi di posta elettronica, ciò faceva ritenere che il sistema fosse in grado di inoltrare messaggi non solo mediante collegamento al centro operativo, ma anche verso eventuali destinatari via posta elettronica. E quelle sonde erano in grado anche di trasferire fonia o soltanto...? TESTE PELLERO - No, le sonde erano in grado di intercettare il traffico dei comandi dal centro di controllo o qualunque terzo che fosse riuscito a inserirsi sulla rete di comunicazione delle sonde e la sonda che provvedeva a veicolare i dati relativamente al traffico e quindi i dati esterni. Ritengo che non avessero alcuna capacità di veicolare fonia, anche se questo non è mai stato possibile accertarlo. P. M. - Dati esterni uni tamente però nel caso di messaggi di testo anche al contenuto del testo. TESTE PELLERO - Nel caso di messaggio di testo da utenza fissa anche il contenuto del testo. Il contenuto del testo è molto più leggero, cioè è molto più piccolo dell'eventuale contenuto di una registrazione, ciò non esclude che il contenuto di una registrazione potesse essere veicolato sul canale di comunicazione tra la sonda e chi la controllava. E' il sistema delle sonde che probabilmente non sarebbe stato in grado di recuperare il contenuto, ma certamente si sarebbe accorto di questo N. R.G. C.A. 15/l0 - R.G.N.R /08-14/ dilernardini MARCO + ALTIU 19

20 tipo di scambio informativo. Avete verificato se i dati esterni di traffico, il cosiddetto cartellino che indica qual è l'utenza monitorata, a chi è intestata, fossero semplicemente trasmissibili, oppure in qualche modo anche elaborati poi dalla control room? TESTE PELLERO - Non è stato possibile verificarlo perché la quasi totalità dei server, che erano circa una trentina se ricordo bene, era guasta, ne funzionavano solo pochissimi e l'applicazione che con la control room utilizzava era un'applicazione solo deputata ad allarmi. Se fosse stato possibile avere ulteriori informazioni o meno non è stato possibile verificarlo in concreto, certamente che l'applicazione di verificare, evidenziare degli allarmi era incompatibile con la dimensione della memoria di massa messa a disposizione, ma in particolare con l'iniziativa di Sirti che fu il fornitore dell'apparecchiatura di voler raddoppiare la capacità di memorizzazione rispetto al progetto originariamente proposto da Ikon Corpo In pratica gli allarmi avrebbero dovuto essere fatto sporadico, equivalente al tentativo di accesso non autorizzato qui in aula bunker, in realtà anche se fossero stati tanti quanti gli accessi normali al DFD, quindi tutta la normale operatività, avrebbero occupato un registro molto piccolo e non ci sarebbe stato il bisogno di avere una memoria di massa così grande. Una N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/03/2012 <IIlERNARDINI MARCO + ALTIU 20

21 memoria di massa di un miliardo di byte, tanto per capirci. E' emerso chiaramente dagli accessi fatti dalle persone che sono state sentite insieme alla P.G. che Ikon Corp propose originariamente una certa dimensione di archivio di massa e Sirti richiese poi a Ikon Corp che la capacità fosse raddoppiata. Quale fosse lo scopo di archiviazione di questi dati e quale fosse la capacità di analisi è difficile da sapersi. Nell'occasione dell'incarico l'autorità Giudiziaria richiese di valutare quali potessero essere le potenzialità del sistema e la potenzialità che emerse è che un'apparecchiatura di questo tipo avrebbe in astratto potuto non solo evidenziare i soggetti intercettati, dei quali si sarebbe potuta avere notizia in altro modo nella struttura di Telecom Italia, ma anche gli interlocutori. Mi spiego meglio: se io fossi stato il destinatario di un provvedimento di intercettazione dall'autorità Giudiziaria molti possono essere i punti all'interno della struttura di Telecom Italia che possono essere a conoscenza che l'autorità Giudiziaria ha disposto una mia intercettazione, ma nessuno potrebbe prevedere che io un certo giorno chiami per esempio il Dottor Civardi. Un impianto di questo tipo avrebbe potuto in astratto avere la capacità di accorgersi se un interlocutore è stato chiamato da un utente intercettato. Quindi verificare anche le intercettazioni indirette? N. R.G. C.A. 15/l0 - R.G.N.R /08-14/03/2012 clbernardlni MARCO + ALTRI 21

22 TESTE PELLERO - Quindi allertare un bersaglio sensibile non direttamente oggetto di provvedimento dell'autorità Giudiziaria, ma che sta comunicando con soggetto intercettato. Questo incarico in che epoca fu svolto? TESTE PELLERO L'incarico fu svolto nel 2006, se ricordo bene. No, probabilmente prima. Devo guardare le mie carte perché sono passati anni. PRESIDENTE La Corte autorizza il Professor PelI ero a controllare atti a sua firma per aiuto alla memoria onde rispondere alla domanda del Pubblico Ministero. TESTE PELLERO - L'incarico fu conferito il 10 aprile del 2007 e la relazione fu consegnata nel 2008, esattamente il 20 febbraio del E' a conoscenza se Telecom precedentemente avesse dato un incarico ad una società di revisionare e di evidenziare eventuali criticità nel sistema di intercettazione? TESTE PELLERO Sì, devo dire che Te1ecom Italia mise a disposizione tutte le informazioni, la storia che aveva disponibile su questi impianti compreso il fatto che avendo avuto questa preoccupazione la prima persona a cui si rivolse fu una società esterna, la KPMG, a cui richiese di fare il cosiddetto audit, cioè un'analisi sulla correttezza del funzionamento e dell'impiego di questi impianti. KPMG provvide a verificare gli impianti N. R.G. C.A. 15/10 - R.G.N.R /08-14/03/2012 clbernardini MARCO + ALTIU 22

23 in alcuni casi al fine di verificare che fossero configurati correttamente e provvide a spegnerli e ad accenderli, resettarli, cioè a reimpostarli in qualche maniera. Verosimilmente all'epoca si era lontani dal pensare che ci potessero essere delle ipotesi di utilizzo illecito e lo scopo era quello di fare delle verifiche senza porsi come obiettivo la conservazione della prova al momento dell'inizio delle operazioni. Il Pubblico Ministero sul punto non ha altre domande. Intende produrre la consulenza tecnica del 20 febbraio 2008 e le ulteriori note esplicative del 7 marzo PRESIDENTE - Lei ovviamente le conferma. TESTE PELLERO - Sì. PRESIDENTE - La Corte acquisisce. E rinuncia all'audizione dell'ingegner Andrea Paoloni. (Nds, il Pubblico Ministero rammostra documentazione al Teste). TESTE PELLERO - La relazione che il Dottor Civardi mi mostra è la relazione che io insieme all' Ingegner Paoloni abbiamo depositato il 20 febbraio 2008 e confermo corrispondere al parere dell' epoca tuttora valido. Contemporaneamente mi mostra i chiarimenti, approfondimenti che depositai anche su incarico dell'ingegner Paoloni che li aveva redatti insieme a me il 7 marzo del 2008 che sono uguali a quelli che io depositai all'epoca. PRESIDENTE - Prego, le Parti Civili. N. R.G. C.A. 15/10. R.G.N.R /08-14/ c/bernardini MARCO + ALTRI 23

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/6

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 1/6 MISSIONE IN SICILIA 29 SETTEMBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.53. PRESIDENTE. Buongiorno. La ringraziamo per la presenza e segnaliamo che dell audizione

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Il nostro processo comunicativo 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Presentazione Personale Feeling Motivo dell'incontro Conferma consulenza Analisi

Dettagli

La figura dell informatico forense

La figura dell informatico forense Pag. 1 di 6 La figura dell informatico forense Sommario Sommario... 1 Introduzione... 1 Formazione... 1 Competenze... 2 Esperienza professionale... 2 L attività dell informatico forense... 2 Ambiti lavorativi...

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Certificati digitali: come navigare sicuri

Certificati digitali: come navigare sicuri Certificati digitali: come navigare sicuri La sicurezza sul Web è una delle preoccupazioni che maggiormente assilla (o dovrebbe assillare) gli utenti, soprattutto quando si effettuano operazioni delicate

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita

GRUPPO TELECOM ITALIA. Tel@com srl. La gioia di vendere. Colloquio di vendita Tel@com srl GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Colloquio di vendita Il nostro processo comunicativo 1 Presentazione personale 2 Feeling 3Motivo dell'incontro 4 Presentazione Aziendale 5 Conferma

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere PRESENTAZIONE PERSONALE Voce alta, contatto visivo positivo e stretta di mano energetica. Buon giorno sono.. di Telecom Italia Ho un appuntamento

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

ORSINI Fabrizio- a.s. 2011/2012 Classe 5E 2

ORSINI Fabrizio- a.s. 2011/2012 Classe 5E 2 ORSINI Fabrizio- a.s. 2011/2012 Classe 5E 2 Finalità Obbiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime di Operazioni pag. 7-8 Elenco componenti Costi pag. 9 Schema elettrico pag. 10 Strumenti Attrezzature

Dettagli

connetti il cellulare al computer con il cavo usb, una volta che è stato rilevato, trovi la voce "connetti ad internet", clicca e ti colleghi.

connetti il cellulare al computer con il cavo usb, una volta che è stato rilevato, trovi la voce connetti ad internet, clicca e ti colleghi. Basta installare il nokia ovi suite, o anche il nokia pc suite, che funziona lo stesso. connetti il cellulare al computer con il cavo usb, una volta che è stato rilevato, trovi la voce "connetti ad internet",

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 13 Data. 05.11.2007 Ora 15.00 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

UDIENZA DEL GIORNO 20 GENNAIO 1997

UDIENZA DEL GIORNO 20 GENNAIO 1997 UDIENZA DEL GIORNO 20 GENNAIO 1997 Pag. 4 ROSCIOLI Per quanto riguarda il terzo personaggio ha riguardato la parte delle indagini, credo il Dottor Sacconi Giancarlo, personaggio di area socialista e sempre

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

2 3 SET.2015. AMERADEIDEPUTAI -SENATODELAREPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA ^ p7 u^nf MILLA MORTE DI ALDO MORO ARRIVO

2 3 SET.2015. AMERADEIDEPUTAI -SENATODELAREPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA ^ p7 u^nf MILLA MORTE DI ALDO MORO ARRIVO AMERADEIDEPUTAI -SENATODELAREPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA ^ p7 u^nf MILLA MORTE DI ALDO MORO 2 3 SET.2015 Prof. N. ARRIVO PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA presso la CORTE DI APPELLO

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI.

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. INDICE TUTTO SULLA TUA RUBRICA 02 COS È IL SERVIZIO RUBRICA 02 PER UTILIZZARE IL SERVIZIO 03 ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

Dettagli

LA BACHECA ELETTRONICA

LA BACHECA ELETTRONICA 30-34 gestire il comando:layout 1 21-05-2014 17:02 Pagina 30 LA BACHECA ELETTRONICA 30 La Voce dei Vigili Urbani, in quanto luogo di scambio diretto di esperienze tra Comandi, offre uno nuovo spazio all

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA. La seduta inizia alle 18.06. 1/5 MISSIONE IN LOMBARDIA 8 febbraio 2011 PRESIDENZA PROVVISORIA DEL SENATORE GENNARO CORONELLA La seduta inizia alle 18.06. PRESIDENTE. Buonasera. Ringrazio il presidente di Confindustria della provincia

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO!

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! Al telefono si sente la voce contrariata di un giovane. Pronto, pronto, buongiorno signorina, parlo con Supertel?. Si, buongiorno,

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere

Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA. La gioia di vendere Colloquio di vendita GRUPPO TELECOM ITALIA La gioia di vendere Il nostro processo comunicativo 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) Presentazione Personale Feeling Motivo dell'incontro Conferma consulenza Analisi

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 450 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 451 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 452 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Installare Windows Xp Guida scritta da CroX

Installare Windows Xp Guida scritta da CroX Installare Windows Xp Guida scritta da CroX INTRODUZIONE: 2 PREPARAZIONE 2 BOOT DA CD 2 BIOS 3 PASSAGGI FONDAMENTALI 4 SCEGLIERE COSA FARE TRA RIPRISTINO O INSTALLARE UNA NUOVA COPIA 5 ACCETTARE CONTRATTO

Dettagli

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE PER RISPARMIARE SU LUCE E GAS A CASA E IN AZIENDA STEFANO MACRI AZIONI VINCENTI PER RISULTATI ECCELLENTI 1 STEFANO MACRI Imprenditore fin dal 1994, coltivo da sempre

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Progetto Azioni positive per l' imprenditoria femminile RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Stagista: Barbara Villarini

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA SICUREZZA E LA RISERVATEZZA DELLE COMUNICAZIONI: PRIVATEMAIL e PRIVATEGSM

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA SICUREZZA E LA RISERVATEZZA DELLE COMUNICAZIONI: PRIVATEMAIL e PRIVATEGSM TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA SICUREZZA E LA RISERVATEZZA DELLE COMUNICAZIONI: KHAMSA Federico Moro Fondatore e CEO PRIVATEMAIL e PRIVATEGSM Il contesto I clienti sono sempre più esigenti: - Professionalità

Dettagli

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)?

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI. 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI 1 = Sono un vecchio pensionato: devo comunicarvi la mia PEC (Posta Elettronica Certificata)? Secondo il testo recentemente aggiornato dell art.207 Legge Fall. richiamato dall

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO 1/6 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Il Giudice dell'udienza Preliminare nel procedimento a carico di (omissis) più altri, evidenziata la acquisizione delle seguenti fonti di prova:

Il Giudice dell'udienza Preliminare nel procedimento a carico di (omissis) più altri, evidenziata la acquisizione delle seguenti fonti di prova: Utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche, in relazione ad annotazione riassuntiva su brogliaccio, con supporto informatico andato disperso (art.li 266 271 c.p.p.).a cura dell avv. Giovanni Cipollone

Dettagli

La truffa si sta diffondendo dal Canada con velocità impressionante.

La truffa si sta diffondendo dal Canada con velocità impressionante. Cari colleghi, vi volevo avvisare di questo nuovo metodo che usano i malviventi per cercare di raggirare le persone. Forse è il caso di avvisare pure le chiese di stare attenti e non fidarsi di nessuno

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Der etwas andere Deutschkurs! corso di tedesco on line

Der etwas andere Deutschkurs! corso di tedesco on line Der etwas andere Deutschkurs! corso di tedesco on line per studiare la lingua tedesca con efficienza: vedere, ascoltare e parlare con l insegnante comodità: imparare senza spostarsi da casa o ufficio convenienza:

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2015 Dr. Antonio Piva 1 IL CONCETTO DEL CLICKSTREAM Tramite la navigazione in internet e i servizi utilizzati, resi disponibili

Dettagli

ART News Associazione Radio Televisiva c/o Magna Lab Via degli Scipioni, 132 00192 Roma P.IVA 12549791007 Email: direttore@art-news.

ART News Associazione Radio Televisiva c/o Magna Lab Via degli Scipioni, 132 00192 Roma P.IVA 12549791007 Email: direttore@art-news. Benvenuto sul nostro sito web portal.art-news.it. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra Informativa che si applica sia nel caso tu acceda al sito web e decida semplicemente di navigare al suo

Dettagli

L'antifurto deve essere una sicurezza.

L'antifurto deve essere una sicurezza. Ad.: toffon.it 10 000-07/07 L'antifurto deve essere una sicurezza. Axel Srl Tel 049 884 08 19 Fax 049 884 13 96 info@axelweb.com www.axelweb.com Sceglierlo in tutta sicurezza si può. Proud to be Italian

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Servizi offerti dal sito

Servizi offerti dal sito Roma In Catering rispetta la privacy degli utenti dei suoi servizi on line ed assicura che il trattamento dei dati raccolti avverrà nel pieno rispetto del D.Lgs. numero 196/03 (Codice in materia di protezione

Dettagli

PEGASO SMS PEGASO MEMO. Servizio SMS

PEGASO SMS PEGASO MEMO. Servizio SMS PEGASO SMS PEGASO MEMO Servizio SMS REALIZZATO/PUBBLICATO/PRODOTTO DA: Olivetti S.p.A. con unico azionista Gruppo Telecom Italia Direzione e coordinamento di Telecom Italia S.p.A. Stampato in Italia. Codice

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Telecom Control Systems DPS-Promatic srl, via Edison 21, 47100 Forlì, ITALY - http://www.dpspro.com

Telecom Control Systems DPS-Promatic srl, via Edison 21, 47100 Forlì, ITALY - http://www.dpspro.com TCS-Easygate Kit elettronico per poter aprire un cancello elettrico per mezzo del telefono Manuale di istruzioni V 1.2 1 Pagina lasciata intenzionalmente bianca 2 TCS-Easygate istruzioni per l'uso V1.2

Dettagli

Introduzione: {jospagebreak_scroll title=materiale necessario per procedere:&heading=introduzione:} Recupero BIOS tramite porta SPI HW Legend

Introduzione: {jospagebreak_scroll title=materiale necessario per procedere:&heading=introduzione:} Recupero BIOS tramite porta SPI HW Legend In questa guida, viene descritto in maniera semplice e veloce, il modo di recuperare una scheda madre con BIOS corrotto tramite porta SPI. Abbiamo quindi deciso di aiutare chiunque si trovi nella situazione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE

ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE Controllare su: http://www.6sicuro.it/ fa un preventivo multiplo (diverse assicurazioni). Le assicurazioni on line hanno dietro le grandi compagnie.io ho avuto Genial Lloyd (RAS),

Dettagli

Centrale in dimensioni reali. NUOVA VERSIONE 32 zone senza fili e combinatore vocale con 5 numeri telefonici

Centrale in dimensioni reali. NUOVA VERSIONE 32 zone senza fili e combinatore vocale con 5 numeri telefonici Centrale in dimensioni reali NUOVA VERSIONE 32 zone senza fili e combinatore vocale con 5 numeri telefonici Centrale MG-6160 Magellan è il sistema senza fili completo che unisce alta sicurezza, semplicità

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia Corso di Psichiatria Massimo Piccirilli Psichiatria branca della medicina che tratta della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie mentali E difficile

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Assistenza completa anche online

Assistenza completa anche online Assistenza completa anche online MyVisana, il nostro portale dei clienti online Per una copertura assicurativa ottimale per ogni fase della vita. www.visana.ch Iscrivetevi ora! www.myvisana.ch Con MyVisana

Dettagli

Privacy policy della newsletter

Privacy policy della newsletter Privacy policy della newsletter Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla privacy (la "Privacy Policy") si applica alla newsletter del sito web di ATTIMIWEB srl (il "Sito") e si riferisce

Dettagli

Relazione tecnica. Relazione Tecnica - Alessandro Bottoni - procedimento # 154/2012 del Tribunale di Sondrio

Relazione tecnica. Relazione Tecnica - Alessandro Bottoni - procedimento # 154/2012 del Tribunale di Sondrio Relazione tecnica Analisi dei dati storici di traffico telefonico relativi all'utenza Vodafone 349 XXXXXX, intestata ed in uso a Gianfranco Gandelli (procedimento # 154/2012 del Tribunale di Sondrio a

Dettagli

Progetto di educazione al risparmio e all'uso consapevole del denaro

Progetto di educazione al risparmio e all'uso consapevole del denaro Progetto finanziato dalla Progetto di educazione al risparmio e all'uso consapevole del denaro a cura delle associazioni di consumatori Che cos è la moneta? Per gli economisti il termine moneta non ha

Dettagli

EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI. ComeCercareClienti.com. Autore: Matteo Pasqualini

EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI. ComeCercareClienti.com. Autore: Matteo Pasqualini EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ComeCercareClienti.com ComeCercareClienti.com Copyright Matteo Pasqualini Vietata la Autore: Matteo Pasqualini 1 ComeCercareClienti.com

Dettagli