amministrativa dei migranti e la violazione dei diritti umani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "amministrativa dei migranti e la violazione dei diritti umani"

Transcript

1 IENTRARE MAI La detenzione PIÙ CIE amministrativa dei migranti e la violazione dei diritti umani

2 European Alternatives è una organizzazione non-profit che mira ad esplorare e promuovere una cultura e una politica veramente transnazionale, mediante campagne, conferenze, pubblicazioni e l organizzazione del Festival Transeuropa. Siamo convinti che sfide quali la partecipazione democratica, l uguaglianza sociale e l innovazione culturale non possano più essere risolte a livello nazionale, ma che si debba incoraggiare l emergere di una collettività transnazionale che si faccia promotrice di tali valori. Editing e coordinamento Anna Lodeserto Sara Saleri Alessandro Valera Un ringraziamento a Alessandra Capodanno, Lorenzo Marsili, Migreurop, ASGI, ARCI Foto fornite da Mario Badagliacca Raffaella Cosentino Lorenzo Rinelli Grafica e impaginazione Erika Kramarik Introduzione Flore Murard-Yovanovitch, European Alternatives Ogni anno in Europa, migliaia di migranti sono detenuti in centri chiusi fino a diciotto mesi, per il solo motivo di non avere il permesso di soggiorno e senza aver commesso alcun reato. Al 2012, sono 473 i centri di detenzione censiti dalla rete Migreurop negli stati europei e nei paesi confinanti, per una capienza conosciuta di circa posti. Un numero che non cessa di aumentare e rivela la sistematizzazione della detenzione amministrativa come anello chiave nella gestione dei flussi migratori, che mal cela una vera e propria guerra contro i migranti. Dall inizio degli anni 90, tutti gli stati membri hanno sviluppato dispositivi legislativi, amministrativi e politici che si sono tradotti nella creazione di veri e propri campi di detenzione. Più di recente, la prassi della detenzione amministrativa degli immigrati è praticata anche in luoghi informali, a tempo indeterminato, senza alcun controllo giurisdizionale, con la negazione dei diritti Progetto finanziato da Commissione europea Europa per i cittadini Open Society Foundations Questo progetto ha ricevuto un supporto finanziario dalla Commissione Europea. La pubblicazione riflette unicamente il punto di vista degli autori, e la Commissione non può essere considerata responsabile per l uso che possa essere fatto delle informazioni qui contenute. Il CIE è il luogo nel quale si massimizzano tutti i dispositivi e i protocolli di controllo delle attuali leggi in materia di immigrazione. È quella zona grigia nella quale il migrante, una volta entrato, viene denudato di tutto, anche della sua soggettività, fino a divenire un mero numero sul quale applicare leggi extragiuridiche, in funzione del mantenimento stesso del sistema di profitto economico dei CIE. Affinché si possa andare oltre questo modo di gestire le migrazioni, occorre guardarle da una prospettiva diversa, costruendo una memoria culturale condivisa attraverso i percorsi di vita che i migranti portano con sé. Mario Badagliacca Archivio Memorie Migranti 2 3

3 di difesa, e persino della possibilità di accedere alle procedure di protezione internazionale. Eppure, la società civile europea spesso non conosce l esistenza di quei luoghi segreti, ma diffusi su tutto il territorio dell Unione europea, dove si verificano continue e sistematiche violazioni dei diritti umani fondamentali dei migranti, nonché delle convenzioni europee e internazionali. La Campagna LasciateCIEntrare, in partenariato con European Alternatives, ha per obiettivo di rompere il muro di silenzio che circonda quei luoghi oggetto di censura e di informare i cittadini italiani di cosa avviene in loro nome e con i loro contributi. Per rivelare, oltre i cancelli, gli abusi quotidiani, le torture e la fragilizzazione psicofisica dei detenuti migranti, di cui sono prova inconfutabile i numerosi suicidi, atti di autolesionismo e rivolte ripetute. Per raggiungere il suo obiettivo di un paese senza campi di detenzione, la campagna ha bisogno di ognuno di voi. Intanto, si chiede agli stati membri dell UE di mettere immediatamente fine alla prassi della detenzione amministrativa e di ripensare una politica migratoria diversa, basata sull apertura di canali legali d ingresso e su pratiche diverse dell accoglienza di coloro che sono costretti a lasciare il loro paese da guerre e persecuzioni. CIE di Ponte Galeria. Foto di Mario Badagliacca APPELLO MAI PIù CIE Foglio di via alle violazioni dei diritti umani La Campagna LasciateCIEntrare nasce nel maggio del 2011 dall iniziativa di alcuni settori attivi della società civile insieme alla Federazione nazionale della stampa e all Ordine dei giornalisti in risposta alla circolare 1305/2011 emanata dall allora Ministro dell Interno italiano Maroni, che vietava l ingresso dei giornalisti e di gran parte delle associazioni nei Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE). Proprio a seguito dell azione di pressione portata avanti dalla Campagna, a dicembre 2011 la circolare è stata ritirata ma il problema dell accesso ai CIE permane. Infatti, l elevata discrezionalità delle singole Prefetture nell autorizzare l accesso determina ancora oggi una censura di fatto. La Campagna ricorda come la normativa europea prevede che I pertinenti e competenti organismi ed organizzazioni nazionali, internazionali e non governativi hanno la possibilità di accedere ai centri di permanenza temporanea (...) Tali visite possono essere soggette ad autorizzazioni (Direttiva 2008/115/ CE art. 16 co. 4). Il diritto europeo prevede quale regola generale il diritto di accesso ai CIE da parte di enti che vogliano monitorare le condizioni effettive in cui si svolge il trattenimento e, pur prevedendo la possibilità che le visite siano soggette ad autorizzazione, stabilisce che tale prassi non debba ostacolare di fatto, con procedure lunghe e dilatorie, il concreto accesso alle strutture, come invece avviene in Italia. Nel corso di questo anno e mezzo la Campagna ha promosso un monitoraggio costante delle condizioni di vita dei migranti nei CIE, strutture degradate oltre il limite della vivibilità e del rispetto della dignità umana e dove si verificano continue e siste- 4 5

4 matiche violazioni dei diritti umani fondamentali. Due le mobilitazione nazionali organizzate: il 25 luglio del 2011, e dal 23 al 28 aprile del 2012, con presidi in dieci diverse città che hanno visto la partecipazione di parlamentari, associazioni e organizzazioni della società civile, sindacati, giornalisti. Il sistema della detenzione amministrativa per i migranti rappresenta un vulnus nel sistema giuridico italiano in quanto prevede la privazione della libertà personale per chi non ha commesso alcun reato, se non quello formale dell assenza di permesso di soggiorno (reato amministrativo introdotto dalla legge 94/2009 cd. legge sicurezza ). I centri di detenzione amministrativa sono sta ti introdotti dalla legge Turco-Napolitano (con la denominazione di CPTA Centri di Permanenza Temporanea e Assistenza con limite di trattenimento ai 30 giorni). Il periodo di trattenimento è stato poi prolungato a un massimo di 60 giorni (L. 189/2002 cd. Bossi- Fini), poi a 180 giorni (L.125/2008) sino ad arrivare per iniziativa dell ex Ministro dell Interno Maroni a un massimo di 18 mesi (D.L.89/2011). Denominati Centri di Identificazione ed Espulsione dalla legge 125/2008, i centri si sono dimostrati nel corso degli anni inefficaci e fallimentari. La Campagna osserva che, per quanto la normativa europea non censuri l istituto della detenzione amministrativa, ne ammette l utilizzo solo come extrema ratio, mentre in Italia esso è assunto come strumento ordinario di esecuzione delle espulsioni. I tanti episodi di rivolte e di fughe, di suicidio, di autolesionismo, il racconto delle violenze subite, lo stato di prostrazione che provocano anche pochi giorni di detenzione, l alto tasso di consumo e abuso di psicofarmaci indispensabili a sopportare un regime carcerario legalizzato sono comprovati non solo dalla cronaca ma anche da approfondite ricerche svolte da organizzazioni nazionali e internazionali indipendenti. Una di queste, curata dalla Commissione De Mistura istituita dal Governo italiano nel 2007, a conclusione del rapporto propose il progressivo superamento dei CPTA. Da allora la situazione dei centri di detenzione è ulteriormente peggiorata. In particolare segnaliamo alcuni degli aspetti più critici: Fondamentale che la mobilitazione di LasciateCIEntrare prosegua. Nel nostro paese lo spread da colmare è anche quello dei diritti umani. La questione ampia e complessa dell'immigrazione in questi anni è stata affrontata troppe volte con un approccio di mero ordine pubblico. Invece di intervenire in una logica conforme ad integrare in modo vantaggioso per tutti una risorsa così preziosa per la crescita e il rilancio economico del paese si sono alzati pesanti muri e costruiti ghetti intorno alle popolazioni straniere. Da anni ormai come radicali proponiamo un cambio totale di rotta, che vuol dire innanzitutto il rientro nella legalità costituzionale, europea e internazionale. Sen. Emma Bonino Vice Presidente del Senato della Repubblica, Partito Radicale CIE di Ponte Galeria. Foto di Mario Badagliacca 6 7

5 violazione del diritto alla salute: utilizzo massiccio di psicofarmaci, frequenti omissioni di soccorso; mancato accesso alle informazioni: le persone spesso vengono detenute senza sapere perché e per quanto tempo; difficoltà di comunicazione con l esterno: alle persone detenute vengono spesso preclusi il possesso e/o l utilizzo del cellulare, l uso della rete tramite internet così come la possibilità di acquisire informazioni sul loro trattenimento; assenza di tutela legale: gravissimi e frequenti gli episodi di convalide farse a volte solo cartacee, espresse da giudici di pace spesso privi delle necessarie competenze. Sono inoltre frequenti i casi in cui non è consentita neanche la comunicazione tra i detenuti e gli avvocati di fiducia o le associazioni ed enti di tutela; frequenti abusi e maltrattamenti da parte delle forze dell ordine e/o del personale di sorveglianza; violazione del diritto di informazione e di cronaca: l accesso ai centri da parte dei giornalisti rimane problematico e discrezionale; molti casi di trattenimenti illegittimi e illegali di minori, vittime di tratta, richiedenti asilo, persone nate in Italia e cittadini comunitari; massiccia presenza nei centri di persone provenienti dal circuito penale, che dopo aver scontato l intera condanna subiscono un ulteriore e ingiustificato periodo di detenzione, perché non sono già stati identificati in carcere; sproporzione tra l alto costo di gestione dei CIE e l efficacia della detenzione amministrativa, scarsa trasparenza delle convenzioni stipulate con gli enti gestori. A fronte di queste gravi violazioni dei diritti umani, la Campagna sottolinea l inefficacia e l inefficienza dei CIE rispetto alle funzioni affidate ad essi dal legislatore: negli anni, meno della metà delle persone detenute nei centri è stata effettivamente rimpatriata a fronte di costi elevati per l allestimento, la gestione, la manutenzione e la sorveglianza delle strutture. La Campagna sottolinea altresì come i diritti delle persone trattenute non siano disciplinati da alcuna norma primaria, bensì siano affidati ad una generica e lacunosa disposizione regolamentare e persino a meri capitolati di gestione. Se l'italia è fanalino di coda in Europa per la libertà di informazione lo dobbiamo anche alla vergogna dei CIE, all'interno dei quali i detenuti non possono comunicare con l'esterno, mentre per i giornalisti l'accesso ai centri resta complicato. Così facendo chi può vigilare sul trattamento dignitoso che dovrebbero ricevere, secondo le convenzioni internazionali, i cittadini accolti temporaneamente in questi centri? Stefano Corradino Direttore Articolo21 CIE di Ponte Galeria. Foto di Mario Badagliacca 8 9

6 Alla luce di queste considerazioni la Campagna LasciateCIEntrare CHIEDE l immediata chiusura di tutti i CIE d Italia Le alternative alla detenzione amministrativa e ai CIE sono possibili a partire innanzitutto dalla puntuale e corretta applicazione della direttiva 2008/115/CE (cd. direttiva rimpatri) e comunque dall indispensabile e improrogabile riforma complessiva del Testo unico sull immigrazione (d.lgs. 286/98). Sono urgenti una modifica del sistema degli ingressi, delle procedure di identificazione, della disciplina del soggiorno e delle espulsioni, una corretta applicazione della normativa europea sull accoglienza che innalzi gli standard attualmente praticati, una riforma della legge sulla cittadinanza, una legge per l introduzione del diritto di voto amministrativo, una legge organica sul diritto di asilo. Le istanze della Campagna saranno sottoposte alle forze parlamentari, politiche, amministrative, istituzionali, e alla società civile e, contestualmente al percorso nazionale, la Campagna presenterà la propria posizione a livello europeo presso il Parlamento della UE. Questo il percorso che LasciateCIEntrare intende promuovere, anche in prospettiva delle elezioni politiche in Italia nella primavera del 2013, e in Europa nella primavera del Novembre 2012 I CIE sono luoghi esemplari, usati nei confronti di tutti gli immigrati in arrivo verso le nostre frontiere quale esempio di cosa potrebbe loro accadere se mai decidessero di varcarle e giungere in Italia. I maltrattamenti riservati alle donne e agli uomini nei CIE sono diretti a fungere da monito verso tutto il resto della comunità migrante. Vi sono tutti gli ingredienti del crimine di tortura se mai questa intenzionalità fosse dimostrata. Patrizio Gonnella Associazione ANTIGONE Brevi cenni sulla Campagna LasciateCIEntrare Gabriella Guido (Coordinamento Campagna LasciateCIEntrare) La Campagna LasciateCIEntrare nasce nell aprile 2011 a seguito della decisione dell ex Ministro dell Interno Maroni di precludere l accesso ai giornalisti nei CIE e CARA in Italia. Non si poteva accettare in silenzio una violazione del diritto dovere di informazione, non si poteva accettare l esistenza di luoghi censurabili agli occhi della stampa e quindi dell opinione pubblica. Insieme alle associazioni dei giornalisti, organizzazioni che si occupano della tutela dei migranti, avvocati, parlamentari, associazioni della società civile, e la CGIL abbiamo organizzato una prima mobilitazione nazionale nel luglio 2011 di fronte ai dieci centri operativi di Roma, Torino, Milano, Gradisca, Modena, Bologna, Bari, Cagliari, Trapani, Crotone, Catania, Lampedusa. Iniziavano così le prime visite di molti parlamentari che si sostituivano alla stampa interdetta, e si poteva finalmente dare voce agli ospiti di questi centri, veri lager istituzionali, denunciando la situazione di censura della stampa e cercando nello stesso tempo di raccontare la realtà dei centri, le gravi carenze assistenziali e normative, fino a far luce sui numerosi casi di violenza fisica, psicologica e sulla mancata garanzia di tutela legale dovuta per legge ai cittadini stranieri. Vengono organizzati incontri di formazione per giornalisti e la rete territoriale serve anche per poter denunciare quello che prima era negato e tenuto sotto silenzio. La seconda mobilitazione avviene nel mese di aprile 2012, e a luglio 2012 l associazione Articolo 21 assegna alla Campagna LasciateCIEntrare il Premio Giuntella per la Libertà di Informazione. Nel novembre 2012 la Campagna organizza il convegno Il sistema CIE e la violazione dei diritti umani presso l Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo nell ambito della settimana L Europa è per i diritti umani, nel quale presenta l appello e il documento Alcune proposte per una nuova politica in materia di immigrazione. La Campagna è oramai riconosciuta a livello politico, istituzionale e civile. Due sono state le delegazioni ufficiali della Campagna, riconosciute dal Ministero dell Interno, che hanno visitato il CIE di Gradisca e di Bari in ottobre e dicembre

7 Alcune proposte per chiudere i centri di detenzione per stranieri per una nuova politica dell immigrazione Documento sintetico Fulvio Vassallo Paleologo e Alessandra Ballerini Approfondimento e proposte divulgate congiuntamente all appello MAI PIù CIE dalla Campagna LasciateCIEntrare Novembre È ormai improrogabile una svolta chiara in politica estera, senza delegare i controlli delle frontiere a stati che non applicano effettivamente la Convenzione di Ginevra del 1951 sulla protezione dei rifugiati, o che non vi hanno neppure aderito. Non dovranno più concludersi accordi bilaterali per sostenere finanziariamente e tecnicamente la Libia, o altri paesi di transito, che non garantiscono il rispetto dei diritti umani nel controllo dei flussi di immigrazione clandestina. Gli ultimi contatti diplomatici tra Italia e Libia hanno trascurato ogni riferimento alla tutela dei diritti umani dei migranti, e hanno soltanto prospettato i problemi dell immigrazione irregolare che i due stati dichiarano di volere contrastare. 2. In base alle leggi vigenti e alla costante giurisprudenza, chiunque giunga sul suolo europeo in cerca di protezione ha diritto quantomeno all esame della propria situazione individuale da parte di una commissione indipendente, con un diritto di ricorso effettivo, in un contesto dignitoso e in tempi rapidi, così come stabiliscono le convenzioni internazionali e la Costituzione italiana. Per questa ragio- ne, per garantire effettivamente i diritti di difesa a tutti i potenziali richiedenti asilo, occorre abrogare per intero il decreto legislativo n. 159 del 2008 che ha ampliato i casi di trattenimento amministrativo dei richiedenti asilo e privato di effetto sospensivo automatico i ricorsi contro i dinieghi di status di protezione pronunciati dalle Commissioni territoriali. 3. Rimpatri collettivi e deportazioni di massa sono incompatibili non solo con il regime normativo dei paesi democratici, ma anche con i più elementari principi di civiltà e di rispetto della dignità della persona umana. Così come la detenzione e i lunghissimi tempi di attesa per l esame della domanda di asilo. Occorre applicare rigorosamente il principio del non respingimento, affermato in primis nell art. 33 della Convenzione di Ginevra e ribadito nella legislazione comunitaria. L utilizzazione surrettizia dell istituto del respingimento, immediato o differito, previsto dall art. 10 del Testo unico sull immigrazione, ha consentito l esecuzione di vere e proprie espulsioni collettive, vietate da tutte le convenzioni internazionali (e dal prot. n. 4 alla Cedu), senza alcuna possibilità di esercitare i diritti di difesa o di fare valere una richiesta di protezione internazionale. Quanto rilevato anche nel corso delle visite nei CIE, effettuate da delegazioni parlamentari e da giornalisti, conferma il contrasto tra l art. 10 comma 2 del T.U. n. 286 In tanti, in questi mesi, da giornalisti, hanno bussato alle porte dei CIE e dei CARA dicendo Noi vogliamo entrare perché, come ha detto con una frase di straordinaria forza un immigrato detenuto: Avete il dovere di raccontare che noi stiamo in un canile. Il dovere: lui ricorre a una parola che a volte anche noi ci ricordiamo di mettere nei nostri documenti. Non c è il diritto di informare: prima di tutto c è il dovere di informare. Roberto Natale FNSI 12 13

8 del 1998, che prevede il cd. respingimento differito, l art. 14 dello stesso Testo unico, in materia di trattenimento amministrativo, e gli articoli 3, 10, 13 e 24 della Costituzione italiana, che impongono formalità e garanzie che nella prassi applicata non vengono riconosciute dalle autorità amministrative italiane. 4. Per rispettare nella sostanza la direttiva comunitaria 2008/115/CE sui rimpatri, vanno ridotti i casi di rimpatrio con accompagnamento forzato, che dopo la legge Bossi- Fini del 2002 costituiscono l ipotesi più frequente, e che richiedono misure di trattenimento amministrativo e procedure di convalida che non risultano applicabili nella generalità dei casi. Bisogna quindi ripristinare il sistema delle espulsioni basato generalmente sull intimazione a lasciare il territorio dello stato, come era previsto dalla legge 40 del 1998 (Turco-Napolitano) e come è richiesto adesso dalla direttiva comunitaria sui rimpatri. 5. La prospettiva di medio periodo, che presuppone l apertura di vie legali di ingresso e la regolarizzazione permanente su base individuale di chi maturi nel tempo requisiti come un lavoro e la disponibilità di un alloggio, non può che essere quella della chiusura dei CIE, e della utilizzazione della detenzione amministrativa per un tempo massimo di 96 ore solo per quei casi individuali di espulsione di persone che costituiscono una grave minaccia per l ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini. Ma sempre nel rispetto dei diritti fondamentali della persona umana, dettati dalla Costituzione, e dalla Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea e dalla Convenzione europea a salvaguardia dei diritti dell uomo. 6. La convalida, ed ancor più la proroga del trattenimento amministrativo nei CIE, avviene sovente senza un effettivo controllo giurisdizionale e senza la possibilità di fare valere i diritti di difesa, malgrado la Corte di Cassazione, con la sentenza n del 2010, abbia affermato che sarebbe evidente la incostituzionalità dell art. 14 comma 5 del T.U. sull immigrazione n. 286 del 1998, per violazione degli articoli 3 e 24 della Costituzione, ove si affidasse al mero colloquio cartaceo tra amministrazione e giudice di pace il controllo della permanenza e dell aggravamento delle condizioni autorizzanti la protrazione del vincolo (decreto di proroga). Il rito camerale di convalida del trattenimen- La sentenza del Tar del Lazio 18 maggio 2012 ha dichiarato illegittima la circolare Maroni che impediva alla stampa l accesso ai CIE, sancendo una prima vittoria della Campagna LasciateCIEntrare contro la censura. Queste le parole dei giudici: In definitiva, la libertà di stampa svolge un ruolo fondamentale nel dibattito democratico, tale da non sopportare l introduzione di limiti atti a restringerla, dovendo convenirsi con la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell uomo allorché questa ha affermato che i giornali sono i così detti cani da guardia (watch dog) della democrazia e delle istituzioni. Raffaella Cosentino Giornalista Sit in di LasciateCIEntrare al CIE di Ponte Galeria, luglio Foto di Raffaella Cosentino 14 15

9 to nei CIE appare ancora oggi lesivo dei diritti di difesa da riconoscere anche agli immigrati irregolari. Occorre dunque un indirizzo amministrativo alle questure, ed un preciso richiamo del Ministro della Giustizia rivolto anche agli uffici dei giudici di pace, in modo da garantire il pieno rispetto del principio del contraddittorio, la presenza e la tempestiva convocazione del difensore, la notifica degli atti all interessato, la possibilità per i difensori di studiare i casi e articolare le difese. breve in un permesso di soggiorno per motivi di lavoro). 2. Meccanismi di regolarizzazione permanente per lavoratori subordinati e autonomi senza richiedere la necessaria partecipazione del datore di lavoro, ma ad istanza dei soli lavoratori per evitare, come si è verificato ovunque negli ultimi anni, il diffondersi di odiose truffe ed in attuazione della direttiva 52/2009 e della convenzione Oil. 3. Abolizione del reato di clandestinità. 4. Revisione della legge sulla cittadinanza. Per superare davvero, e non per decreto, lo stato di emergenza immigrazione, e per evitare l utilizzazione del carcere e dei centri di accoglienza/detenzione come strumenti esclusivi di controllo e di regolazione della circolazione e dell ingresso dei migranti occorrono dunque: 1. Una revisione sostanziale della legge sull immigrazione nelle parti in cui si rende difficile, se non impossibile, ottenere il rilascio di un visto di ingresso regolare o il rilascio, il rinnovo o la conversione di un permesso di soggiorno (si pensi solo alle migliaia di lavoratori stranieri che perdendo il lavoro e rimanendo disoccupati perdono automaticamente il titolo di soggiorno diventando irregolari e dunque espellibili o a tutte le persone che entrano per turismo e poi non possono convertire il permesso di soggiorno Con queste ed altre modifiche, da apportare al Testo unico sull immigrazione del 1998, come modificato nel 2002 dalla legge Bossi- Fini, e con una depenalizzazione delle fattispecie penali tipiche ricorrenti più frequentemente nei casi di irregolarità, la presenza dei detenuti stranieri negli istituti di pena, oggi oltre un terzo, potrebbe diminuire. Anche il numero degli irregolari potrebbe ridursi drasticamente e consentire la chiusura della maggior parte dei centri di detenzione, strutture disumane ed inefficaci, che costano centinaia di milioni di euro all anno, e neanche realizzano la finalità di aumentare il numero degli immigrati che anno per anno vengono effettivamente rimpatriati. L associazione Class Action procedimentale ha citato in giudizio civile con azione popolare il Ministero dell Interno, ivi denunciando il carattere illegale del regime di detenzione dei migranti nel CIE di Bari. L azione popolare costituisce esercizio di militanza del sapere giuridico al servizio dei diritti umani ed ha quale primaria finalità quella di riportare la dignità dell uomo al vertice della scala dei valori giuridici. Luigi Paccione Class Action Procedimentale CIE di Ponte Galeria. Foto di Raffaella Cosentino 16 17

10 FOCUS La ricerca sul CIE di Torino Betwixt and Between: Turin s CIE Ulrich Stege, Maurizio Veglio Presentiamo un estratto sintetico della ricerca Betwixt and Between: Turin s CIE, condotta dal programma Human Rights and Migration Law Clinic (un programma di clinica legale condotto dall International University College di Torino in collaborazione con l Associazione per gli Studi Giuridici sull Immigrazione (ASGI) e le Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Torino e dell Università del Piemonte Orientale sede di Alessandria), condotta da Emanuela Roman, Abigael Ogada-Osir, Shalini Iyengar, Carla Landri, Margherita Mini e Tatiana Skalon e coordinata da Ulrich Stege e Maurizio Veglio. La ricerca, che aveva l obiettivo di verificare il rispetto o meno dei diritti europei, internazionali e dei diritti umani nella pratica di ogni giorno all interno dei CIE, si basa su 17 interviste a persone che sono state trattenute nei CIE e 12 interviste ad avvocati, mediatori sociali e altre persone che hanno un contatto quotidiano con i CIE. Con la nostra ricerca, abbiamo provato a raccontare la detenzione in un CIE attraverso la voce di chi vi è trattenuto, ci poniamo perciò l obiettivo di invitare al tavolo della discussione chi subisce direttamente sulla propria pelle gli effetti della politica di cui parliamo. Il CIE di Torino, CIE Brunelleschi, è un ex struttura militare riconvertita che ha una capienza, in linea teorica, di 210 posti, ma a causa di un area inutilizzata, ha una capienza reale massima di 131 posti. L ente gestore del centro è la Croce Rossa Italiana che agisce in regime di convenzione. Un primo focus della ricerca riguarda le condizioni in cui si svolge il trattenimento. In primo luogo, ci siamo occupati degli aspetti legati alla vita familiare e al rispetto dell unità familiare. Nel corso delle interviste abbiamo incontrato vicende particolarmente significative di persone che hanno un radicamento in Italia pluriennale (5, 10, 15 fino a 20 anni di residenza in Italia). In qualche caso abbiamo incontrato esperienze caratterizzate dalla regolarità del soggiorno, anche per un periodo molto lungo, ma che poi, a seguito di eventi penali o anche solo amministrativi, si All'interno dei CIE alla sospensione del diritto si accompagna una vera e propria sospensione del tempo che incide profondamente sulla dimensione esistenziale e sulla salute psico-fisica dei migranti reclusi. Bloccati, paralizzati, sradicati e senza contatti umani, perdono i loro punti di riferimento e le loro appartenenze. Le persone rinchiuse non solo subiscono un'interruzione del loro ciclo vitale ma anche una violenta aggressione all'identità. Franca Di Lecce Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia/Servizio Rifugiati e Migranti CIE di Ponte Galeria. Foto di Raffaella Cosentino 18 19

11 sono concluse con la caduta nella condizione di irregolarità. In molti casi il soggiorno irregolare prolungato ha evidentemente ridotto e reso residuali i legami con il paese di provenienza. In tutti i casi ciò che emerge è che il diritto all unità familiare e, in particolare, il superiore interesse del fanciullo, che è un principio che viene richiamato non solo a livello nazionale ma ovviamente a livello internazionale, non trova adeguata considerazione. Solo per citare due vicende in particolare: il caso di una cittadina peruviana con una figlia di 9 anni nata in Italia, a Roma, e residente a Roma, che finisce dentro il CIE di Torino con impossibilità di incontrare la figlia, la quale, perciò, verrà inevitabilmente affidata alle cure della nonna; o ancora, il caso di una cittadina della ex Jugoslavia residente a Reggio Calabria, con quattro figli minorenni, che è trattenuta a Torino, quindi a km di distanza. Il diritto all unità familiare non trova adeguata considerazione negli elementi che abbiamo raccolto, né al momento della decisione di adottare un decreto di espulsione né tanto meno al momento di convalida del decreto di trattenimento e nemmeno nel corso dell esecuzione del trattenimento, perché in molti casi si verifica il trasferimento delle persone in diversi centri, con la finalità di agevolare le procedure di identificazione, quindi per facilitare il lavoro di ambasciate e consolati, ma con ulteriore lesione al diritto all unità familiare, perché il trasferimento rende di fatto impossibili le visite dei parenti. Un secondo tema della ricerca riguarda i rapporti tra CIE e carcere. A Torino nel 2011 il 30% circa dei trattenuti nel CIE proviene dal carcere o ha avuto un esperienza carceraria; il dato, fornitoci dalla Prefettura, è molto probabilmente conservativo, nel senso che abbiamo avuto la sensazione che la percentuale sia anche maggiore. Siamo naturalmente di fronte a un paradosso: il trattenimento, che è finalizzato all identificazione, si rivolge in questo caso a persone che hanno trascorso anche periodi molto lunghi in carcere, senza che questo obiettivo l identificazione fosse portato a termine. Inoltre, tutte le persone con esperienze carcerarie, all unanimità, ci hanno segnalato che il trattenimento presso il CIE avviene in condizioni deteriori, in primo luogo per l assenza assoluta di attività, iniziative, lavoro, formazione professionale e educativa, qualunque tipo di attività possa riempire una giornata, ma in particolare perché lo straniero trattenuto presso un CIE è di fatto dipendente in tutto e per tutto dalla struttura, dalla richiesta di accensione di una sigaretta a quella L istituzione dei CIE costituisce per l'asgi una ferita nel sistema giuridico italiano. Le criticità dal punto di vista giuridico riguardano, tuttavia, l intero sistema di trattenimento ed espulsione in vigore in Italia, che viola in molte parti importanti le norme costituzionali, internazionali e dell Unione europea. L ASGI aderisce con convinzione alla Campagna segnalando che il superamento della necessità dei CIE non può prescindere da una riforma globale della normativa in materia di immigrazione, a cominciare dalle norme sull ingresso, il soggiorno e la cittadinanza. ASGI Associazione Studi Giuridici sull Immigrazione CIE di Lampedusa. Foto di Lorenzo Rinelli 20 21

12 di intervento del personale sanitario, perciò lo straniero non è in nessun modo autonomo. Abbiamo avuto la sensazione di avere a che fare con persone che si percepiscono come corpi a disposizione della struttura cioè, in ultima istanza della pubblica amministrazione in una situazione in cui la privazione di ogni forma di autonomia personale avviene con modalità ancor più invasive di quelle che si verificano all interno di un carcere. Il tema della comunicazione con l esterno è un punto estremamente dolente. Per la grande difficoltà di ottenere visite, il telefono è davvero l unica possibilità che le persone hanno per contattare parenti amici o conoscenti. Non moltissimi sanno che esiste un decreto ministeriale che risale al 2001, secondo il quale ai trattenuti devono essere garantiti cinque euro di credito telefonico per ogni dieci giorni di permanenza e tre lettere alla settimana. Tutte le persone con le quali abbiamo parlato ci hanno confermato che all atto dell ingresso venivano loro consegnate tre schede da cinque euro ciascuna, le quali però dovevano bastare per tutto il periodo del trattenimento, sia che questo fosse durato una settimana sia che fosse durato 12 mesi. La Croce Rossa Italiana rivendica di aver inventato un sistema di ricariche in base al quale lo straniero otterrebbe ogni giorno un credito pari Dal suo esordio la rete Primo Marzo ha chiesto la chiusura dei CIE, considerando la loro esistenza inaccettabile sul piano umano e incompatibile con lo stato di diritto: queste strutture limitano infatti la libertà personale di donne e uomini migranti in nome di una violazione puramente amministrativa e sono teatro di molteplici illegalità quotidiane. Riproponendo costantemente la logica dell emergenza le politiche dell'immigrazione in Italia colpiscono, attraverso il razzismo istituzionale, i quasi cinque milioni di migranti che vivono e lavorano in Italia. Cecile Kashetu Kyenge Rete PRIMO MARZO a 3,5 euro con i quali comprare cibo, sigarette e anche schede telefoniche. Sul punto abbiamo avuto ulteriori conferme da parte dei trattenuti che questo credito ricaricabile non può essere utilizzato per comprare schede telefoniche, quindi una volta esauriti i 15 euro iniziali che possono essere utilizzati nel telefono pubblico che si trova all interno delle aree (ovviamente quando funziona), il trattenuto, se non ha un telefono cellulare proprio, con una ricarica propria e con un credito proprio, non ha la possibilità di usare il telefono. Va detto che, benché non sia previsto da alcuna normativa, non è consentito l ingresso di alcun cellulare dotato di videocamera. Poiché quasi tutti i telefoni cellulare in diffusione oggi hanno questa possibilità, allo straniero viene perciò presentata l alternativa di rompere l obiettivo della videocamera oppure di non utilizzare il cellulare. Il risultato è che la prima richiesta che viene fatta a volontari, mediatori e personale religioso che entra nel CIE è di poter utilizzare un telefono. Un altro punto critico riguarda le condizioni igieniche delle strutture. In generale si lamenta uno stato di degrado sia delle aree, sia delle condizioni igieniche personali. Fino a poco tempo fa non venivano neanche distribuite le lamette per il taglio della barba, ma venivano condivisi alcuni rasoi, con evidenti malumori e preoccupazioni da parte delle persone costrette a utilizzarli. Come si accennava all inizio, una delle sei aree del CIE non è utilizzabile, quindi al momento i 131 posti (96 per gli uomini e 35 per le donne) sono ripartiti fra le altre cinque aree. In due di queste i refettori, cioè gli spazi comuni destinati al consumo del cibo, sono stati danneggiati e non sono stati mai ripristinati da anni. Per questo, i trattenuti consumano i pasti stando seduti a terra o sui materassi sui quali dormono. I profili medici rappresentano gli aspetti di maggiore preoccupazione che abbiamo rilevato nel corso delle interviste telefoniche. Più che l intervento medico in sé, vale a dire la qualità del servizio, viene contestato il ritardo con il quale lo stesso viene 22 23

13 prestato. Si tenga conto che la struttura consente la presenza solo di un medico e di un infermiere per 131 persone teoriche, il che rende dunque il tutto eccessivamente farraginoso. Nel corso del 2011 sono stati registrati 156 gesti anticonservativi, 100 ingestioni e 56 ferite da arma da taglio, e in generale un abuso di psicofarmaci, confermato peraltro dalla stessa Croce Rossa, che spiega come siano i trattenuti stessi a richiedere la fornitura di psicofarmaci. Tale dato induce a ritenere che questo strumento sia utilizzato più per fini di ordine pubblico che non per motivi prettamente terapeutici. I rapporti tra i trattenuti sono molto difficili. Specialmente quando nelle stesse aree si radunano persone che hanno strumenti e competenze linguistiche molto diverse, chi sa parlare l italiano diventa automaticamente l apice della piramide sociale che si ricrea all interno di ogni CIE. Passiamo ai meccanismi giuridici, che sono uno dei cuori del malfunzionamento dei CIE. L autorità giudiziaria preposta a decidere del trattenimento è rappresentata dai giudici di pace. Come tutti sappiamo, si tratta giudici non professionisti, istituiti più che altro per risolvere questioni giuridiche di limitata portata (le liti di condominio ), e che in ambito penale non possono nemmeno irrogare sanzioni di tipo detentivo. Eppure in questa materia sono chiamati a decidere della libertà personale dei migranti. L Italia è il paese che fa meno rimpatri d Europa; di quelli che vengono effettuati solo una misura irrisoria proviene dai CIE, un numero insignificante. Oggi la direttiva europea prevede i rimpatri assistiti che sono molto più laboriosi ma più corretti dal punto di vista umano. Tutti gli altri paesi europei che applicano in modo regolare la direttiva fanno più rimpatri dell Italia con il suo 'cattivismo' istituzionale. Piero Soldini Responsabile Immigrazione CGIL Abbiamo ottenuto pur con estrema difficoltà i dati relativi alle percentuali di convalide e di proroghe dei trattenimenti degli stranieri, e abbiamo avuto la conferma (sono dati forniti dalla Questura) che nel 96% dei casi il giudice di pace convalida il decreto di trattenimento; in sede di proroga la percentuale diventa ancor più eclatante perché si sale al 98% dei casi. Situazione fotografata con una mirabile sintesi da uno dei trattenuti, il quale ha detto che: Più che di giudici di pace si dovrebbe parlare di giudici di guerra. Pareri estremamente critici sono stati raccolti anche in merito al lavoro degli avvocati, in particolare gli avvocati d ufficio, accusati di aver sostanzialmente atteggiamenti collusivi con giudici di pace e pubblica amministrazione. In sede di convalida, la percentuale di stranieri che è assistita da un avvocato di fiducia non supera il 15% e vi è, inoltre, un estrema difficoltà di dialogo con gli avvocati, che di solito vengono informati dell udienza soltanto un ora prima della celebrazione della stessa; non vi è assistenza linguistica fornita da soggetti qualificati e comunque non al di fuori dell udienza di convalida; non vi è partecipazione dello straniero alle udienze di proroga, condizione che aumenta l insicurezza e la confusione. Si tenga conto che all interno del CIE di Torino non vi è infatti notifica né della fissazione dell udienza né dell esito della stessa. Di fatto non c è alcun rimedio effettivo e a fronte di una convalida, l unico mezzo di impugnazione previsto è il ricorso per cassazione, che però molto difficilmente si rivela uno strumento efficace per i lunghi tempi di attesa e, soprattutto, non ha effetto sospensivo. Per concludere, riguardo alla protezione internazionale abbiamo avuto segnalazioni estremamente preoccupanti di ritardi registrati tra il momento di manifestazione della volontà di richiedere protezione internazionale e il momento della sua effettiva formalizzazione. È evidente che attendere 12 giorni per poter sottoscrivere l istanza di protezione internazionale è inammissibile, poiché in quel periodo di tempo, in cui la persona dovrebbe 24 25

14 essere inespellibile, la stessa è sottoposta al pericolo del rimpatrio. Non c è infine rispetto per le categorie vulnerabili in quanto vi è un estrema promiscuità nella distribuzione delle persone, tra cui richiedenti asilo, trattenuti assieme a persone in attesa di espulsione per pericolosità sociale, ad esempio, o persone vittima di tratta o di sfruttamento, trattenute insieme a ex detenuti. Uno dei casi più eclatanti riguarda due cittadini siriani, possessori di un passaporto valido, che sono stati trattenuti più di un mese presso il CIE di Torino prima di avere il loro status di rifugiato riconosciuto. Ho considerato sin dall inizio importante contribuire alla costruzione della Campagna LasciateCIEntrare. Seguo le tragiche vicende della detenzione amministrativa per migranti fin dal 1998, anno di introduzione dei CPTA, ora CIE, ne ho denunciato con costanza la crudeltà, l inutilità, il sistema opaco di gestione privatistica. Ho conosciuto centinaia di uomini e donne rinchiusi per il solo fatto di esistere, in nome di un arrogante diritto che cancella lo stato di diritto. Ho visto rivolte e disperazione, tentativi di suicidio e fughe, mobilitazioni antirazziste spesso poco gradite e comprese dai governi di ogni segno. Alla luce di questi 15 anni di storia ritengo, anche in nome del partito che rappresento, necessario addivenire alla chiusura immediata di tali centri e ad una ridefinizione radicale delle leggi che riguardano l immigrazione. Stefano Galieni Responsabile Nazionale Immigrazione Prc Oltre i CIE: il confronto con la società civile Anna Lodeserto - European Alternatives L attività di sensibilizzazione e azione sulla situazione dei CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione), giunta al culmine delle attività nel primo semestre dell anno 2012 sull intero territorio italiano ed europeo, anche grazie alle campagne LasciateCIEntrare e Open Access Now, ha costantemente rafforzato il lavoro di denuncia grazie all attività di comunicazione e a momenti di confronto con la cittadinanza. European Alternatives, come promotore insieme a Migreurop della campagna europea Open Access Now e tra le associazioni parte della campagna italiana LasciateCIEntrare, ha organizzato nel corso del 2012 tre momenti pubblici nei quali tale confronto ha potuto trovare spazi e forme di realizzazione concreta. Il primo appuntamento è stato il forum Quali alternative ai CIE? Prospettive e proposte, tenutosi a Bologna in Sala Borsa il 10 Maggio 2012 nell ambito del percorso People Power Participation, un progetto transnazionale che si compone di una serie di consultazioni cittadine in tutta Europa atte a promuovere la partecipazione democratica e il dialogo tra cittadini europei. Tale forum è stato realizzato in collaborazione con l Associazione Giù le frontiere Rete Primo Marzo, ha ottenuto il patrocinio della Commissione europea, della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Bologna e del Comune di Bologna e ha visto 26 27

15 l adesione di oltre 35 organizzazioni della società civile, facoltà universitarie e cooperative sociali e la partecipazione di un centinaio di singoli cittadini, studenti e operatori sociali. Le diverse sessioni che hanno composto il Forum hanno affrontato i molteplici aspetti legati al più generale fenomeno migratorio. Alcuni temi chiave sono stati poi approfonditi nell ambito di tavoli tematici di discussione, anticipati e seguiti da un momento collettivo di confronto diretto, nel quale i partecipanti hanno avuto l opportunità di presentare le proprie proposte per superare la pratica della detenzione amministrativa. Il mese successivo il panel Cittadinanza, detenzione, e convergenza europea sulle alternative ai CIE è stato incluso nel programma dell evento Agorà Transeuropa tenutosi al Teatro Valle di Roma il 2 e 3 giugno, a conclusione del Transeuropa Festival, organizzato da European Alternatives in 14 città europee. In questa occasione l ampia partecipazione di rappresentanti da molte diverse città europee ha permesso di portare la discussione su un arena propriamente transnazionale. L ultimo incontro pubblico del 2012 su questo tema è stato organizzato nella metà del mese di novembre, questa volta presso l Ufficio d informazione in Italia del Parlamento europeo. In questa sede, il convegno Il Sistema CIE e la violazione dei diritti umani, promosso in collaborazione con la Rappresentanza italiana della Commissione europea, è stato ospitato come evento conclusivo della settimana L Europa per i diritti umani legata all assegnazione del Premio Sakharov 2012 per la libertà di pensiero. Nel corso di quest incontro numerosi relatori hanno presentato le relazioni di un lavoro intenso che li ha visti impegnati nel corso degli ultimi mesi, senza trascurare un rinnovato impegno nel proseguire con le attività di ricerca, monitoraggio e denuncia delle situazioni di grave e persistente violazione dei diritti fondamentali e della dignità umana che sono state rilevate nei centri di detenzione nel corso delle visite. Sempre più intensa è la collaborazione con istituzioni universitarie internazionali con sede in Italia e con università e organizzazioni attive in altri paesi europei. In particolare, nel corso dei tre convegni è stato possibile presentare in corso d opera lo studio condotto dal gruppo di ricerca CIE Research Project nell ambito dello Human Rights and Migration Law Clinic Programme attivo presso l International University College di Torino (IUC). Tale ricerca, i cui risultati sono sinteticamente presentati anche nella presente pubblicazione, costituisce ora una base per analisi ancor più dettagliate, rispetto alle situazioni diffuse sull intero territorio italiano ed europeo, congiuntamente al capillare lavoro di mappatura che Migreurop realizza sin dal 2003 e che alimenta oggi la campagna Open Access Now : diritti violati, detenzioni arbitrarie, atti di autolesionismo, tentativi di suicidio. Il sistema di detenzione amministrativa è stato ed è soprattutto questo. Ciò mentre solo il 46% dei migranti detenuti nei CPTA e nei CIE è stato effettivamente rimpatriato. Se una norma resta in vigore nonostante la sua applicazione non garantisca gli obiettivi identificati dal legislatore e lasci spazio a gravi violazioni dei diritti umani, significa che nel sistema democratico si è aperta una falla profonda. Grazia Naletto Presidente di Lunaria Abbiamo aderito e sostenuto con convinzione la Campagna LasciateCIEntrare perché consapevoli dell'importanza di fare luce su un sistema che riteniamo da superare. Ci impegniamo affinché la prossima legislatura ponga come priorità nell'agenda di governo una sostanziale riforma della legge sull'immigrazione e di accoglienza sul territorio italiano. La Campagna LasciteCIEntrare ha il merito di aver mantenuto alta l'attenzione su un tema che altrimenti sarebbe caduto nell'oblio. Monica Cerutti Responsabile Nazionale Diritti Cittadinanza Sinistra Ecologia Libertà 28 29

16 Hanno aderito alla Campagna LasciateCIEntrare Mappa europea dei centri di detenzione per migranti stilata da Migreurop. Disponibile online sul sito di Ognuno dovrebbe secondo me, almeno una volta nella vita, visitare un luogo di detenzione (in generale) perché la detenzione non si può raccontare, quindi credo sia un esperienza che tutti dovremmo fare. Ma la visita di un CIE ha un impatto ancora più violento di un luogo di detenzione classico come può essere una prigione, perché chi subisce la detenzione amministrativa spesso non capisce neanche perché tutto ciò gli sta accadendo e, se è vero che la pena detentiva deve avere una funzione educativa, la detenzione nei CIE diventa per forza diseducativa. Chiara Tamburini Commissione Libertà Civili del Parlamento europeo FNSI Federazione Nazionale Stampa Italiana / Art. 21 / Primo Marzo / European Alternatives / CGIL / A Buon Diritto / Class Action Procedimentale / Lunaria / Associazione Antigone / FCEI Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia / Casa Internazionale delle Donne / Associazione Giù le Frontiere / Associazione Interculturale DAWA / Istituto Italiano Fernando Santi / Misna Minori Stranieri non Accompagnati / Tenda per la Pace e i Diritti / Progetto Melting Pot Europa / ESC Infomigrante / Archivio Memorie Migranti / UCPI e Osservatorio Carcere UCPI / CNCA Coordinamento Nazionale delle Comunità d'accoglienza / ZaLab / Corriere Immigrazione / Progetto Diritti Onlus / Osservatorio Migranti Basilicata / Libertà e Giustizia / International University College of Turin / ARCI / Raffaella Cosentino / Stefano Galieni / Gabriella Guido / Fulvio Vassallo Paleologo / Alessandra Ballerini / Alessio Genovese / Tana De Zulueta / Flore Murard- Yovanovitch / Gabriele Del Grande / Stefano Liberti / Francesca Koch / Mauro Palma / Mario Badagliacca / Dagmawi Yimer / Davide Lessi / Sandro Medici / Luigi Paccione / Nicola Montano / Stefania Ragusa / Avv. Arturo Salerni / Avv. Mafrio Angelelli / On. Sandra Zampa / Prof. Luca Guzzetti, Università di Genova / Fabrizio Gatti / Fabio Geda / Nando Dalla Chiesa / Ugo Mattei SEL SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA / RIFONDAZIONE COMUNISTA / PARTITO RADICALE / Luigi De Magistris Sindaco di Napoli / Nicola Fratoianni Assessore Regione Puglia Hanno inoltre aderito: Erri De Luca Daniele Vicari Ascanio Celestini Per un elenco aggiornato delle adesioni, si veda: Per contattare la Campagna LasciateCIEntrare, scrivete a 30 31

17 Ogni anno in Europa migliaia di migranti sono rinchiusi in centri di detenzione, fino a diciotto mesi, unicamente perché non possiedono un permesso di soggiorno, senza aver commesso alcun reato. La società civile europea spesso non conosce l esistenza di quei luoghi segreti, ma diffusi su tutto il territorio dell Unione europea, dove si verificano continue e sistematiche violazioni dei diritti umani fondamentali, nonché delle convenzioni europee e internazionali. La Campagna LasciateCIEntrare, in partenariato con European Alternatives, ha per obiettivo di rompere il muro di silenzio che circonda quei luoghi oggetto di censura e di informare i cittadini di cosa avviene in loro nome e con i loro contributi. Questo pamphlet raccoglie alcuni risultati della campagna e porta avanti proposte concrete per una nuova politica dell immigrazione.

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale TELEFONO MONDO 800513340 Un servizio di Progetto Integrazione Cooperativa sociale - ONLUS. Ricerche, formazione, mediazione interculturale,interventi sulle problematiche dell'immigrazione. www.telefonomondo.it

Dettagli

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA

Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Scheda 5 L ACCOGLIENZA DEI MINORI IN FRONTIERA Se si guarda l andamento degli arrivi dei minori nel 2008 (2201 in totale), sia accompagnati che non, per mese, si nota come questi siano passati dai 174

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Mai più Cie foglio di via alla violazione dei diritti umani

Mai più Cie foglio di via alla violazione dei diritti umani Mai più Cie foglio di via alla violazione dei diritti umani La Campagna LasciateCIEntrare è nata nel maggio del 2011 dall iniziativa di alcuni settori attivi della società civile insieme alla Federazione

Dettagli

SOMMARIO n. 4, 2001. Interventi. Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi

SOMMARIO n. 4, 2001. Interventi. Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi SOMMARIO n. 4, 2001 Presentazione pag. 11 Interventi Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi Procedure di regolarizzazione in Europa e criteri di ammissione

Dettagli

M I G R A N T I. n e w s. Bollettino informativo dell Immigrazione

M I G R A N T I. n e w s. Bollettino informativo dell Immigrazione Marzo 2011 Anno 3 numero 3 M I G R A N T I n e w s Ad un anno di distanza dalla circolare del Ministero dell interno - Dipar marzo 2010 che aveva categoricamente escluso la possibilità di amme stranieri

Dettagli

GINEVRA / ROMA (11 luglio 2014) - Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione

GINEVRA / ROMA (11 luglio 2014) - Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione I t a l i a / de t enz ione a rb i t r a r i a : "G l i e sper t i de l l e Naz ion i Uni t e ch i edono d i i n t e r ven i r e per por re fne a l sov ra f f o l l amento de l l e ca r ce r i e per pro

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

Copertina di Elisabetta Cremona Impaginazione Grafica e Stampa Real&Virtual

Copertina di Elisabetta Cremona Impaginazione Grafica e Stampa Real&Virtual Copertina di Elisabetta Cremona Impaginazione Grafica e Stampa Real&Virtual AMNESTY Fondata dall avvocato inglese Peter Benenson nel 1961, Amnesty International è un Organizzazione non governativa indipendente,

Dettagli

Le procedure per il riconoscimento della protezione internazionale, sussidiaria e umanitaria

Le procedure per il riconoscimento della protezione internazionale, sussidiaria e umanitaria Le procedure: la richiesta di protezione internazionale. Domanda, procedura avanti alla commissione territoriale, ricorso giurisdizionale avverso le decisioni della commissione 1 Fonti normative Convenzione

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11

Sentenza della Corte (Grande Sezione), del 26 febbraio 2013, Stefano Melloni/Ministerio Fiscal, C-399/11 Questa Sezione contiene le conclusioni degli Avvocati Generali unitamente alle relative sentenze in materia di cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale nonché di diritti fondamentali dell

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA. Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA Istituzioni di Diritto pubblico LO STATUS COSTITUZIONALE DELL IMMIGRATO. Dissertazione per il conseguimento della Laurea in Giurisprudenza

Dettagli

Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati

Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati LA REGIONE TOSCANA e gli ENTI LOCALI: Premesso che: Secondo la Convenzione sullo status di rifugiato delle Nazioni Unite di Ginevra ( 1951),

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI ASSISTENZA SANITARIA E SOCIALE (art. 27 d.lgs 251/07) I

Dettagli

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE

CORTE EUROPEA DEI DOMANDE E RISPOSTE DIRITTI DELL UOMO: CANCELLERIA DELLA CORTE CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO: DOMANDE E RISPOSTE CANCEERIA DEA CORTE COS È A CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DE UOMO? a Corte europea dei Diritti dell Uomo è un tribunale internazionale con sede a Strasburgo.

Dettagli

per l'annullamento, previa sospensione dell efficacia,

per l'annullamento, previa sospensione dell efficacia, N. 00821/2012 REG.PROV.COLL. N. 00213/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda) ha pronunciato

Dettagli

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA Proposte di Riforme in materia di famiglia Commissione Famiglia OUA 2012/2014 Sono 10 i punti critici segnalati dalla Commissione Famiglia dell Oua per affrontare le urgenti tematiche del quadro normativa

Dettagli

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA COME SI ENTRA 1. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN 2. COME SI ENTRA IN ITALIA 3. IL VISTO 4. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO 5. LA FRONTIERA COME SI ENTRA (1) Gli accordi puntano a realizzare uno spazio

Dettagli

Sentenza n. 4397 del 2 maggio 2013 Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

Sentenza n. 4397 del 2 maggio 2013 Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Venerdì, 24 Maggio 2013 Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia Benvenuto briguglio Control panel Esci Home Contatti Redazione Disclaimer Privacy RSS Newsletter Sostieni Registrati Archivio

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Percorso di aggiornamento giuridico e socio- antropologico su: diritto d asilo, accoglienza e protezione internazionale

Percorso di aggiornamento giuridico e socio- antropologico su: diritto d asilo, accoglienza e protezione internazionale Foto: Umberto Gillio Con il Patrocinio di Percorso di aggiornamento giuridico e socio antropologico su: diritto d asilo, accoglienza e protezione internazionale Il Progetto Mediato, giunto alla sua quarta

Dettagli

Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta;

Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta; Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Evento disordinato, straordinario, temporaneo; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta; Tardività di un

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

Strumenti operativi e metodologia di lavoro di europasilo

Strumenti operativi e metodologia di lavoro di europasilo CARTA DI INTENTI Considerato che assicurare adeguata protezione a coloro che fuggono da persecuzioni, conflitti e gravi violazioni dei diritti umani costituisce un diritto umano fondamentale riconosciuto

Dettagli

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella Indice Presentazione................................................. p. 15 CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella 1.1. Principi comuni del diritto dell immigrazione.....................»

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

Permesso di soggiorno per famiglia convertibile per motivi di lavoro Alberto Rozza Consulente aziendale in Lodi

Permesso di soggiorno per famiglia convertibile per motivi di lavoro Alberto Rozza Consulente aziendale in Lodi Permesso di soggiorno per famiglia convertibile per motivi di lavoro Alberto Rozza Consulente aziendale in Lodi Lo straniero coniuge di un cittadino italiano può chiedere la conversione del permesso di

Dettagli

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno

Rete Antiviolenza Città di Livorno. Arma dei Carabinieri Livorno Rete Antiviolenza Città di Livorno Comune di Livorno Questura di Livorno Arma dei Carabinieri Livorno Azienda USL 6 Livorno Ippogrifo Associazione PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI LIVORNO/ASSESSORATO

Dettagli

PREMESSA. Il Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati

PREMESSA. Il Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati PREMESSA Il Protocollo d intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati La normativa internazionale, europea e nazionale, impegna la stato italiano alla protezione dei rifugiati, dei richiedenti asilo,

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE Sentenza N. 299 del 19 dicembre 2012 Materia: Concorrenza, livello essenziale delle prestazioni e commercio Giudizio: Legittimità costituzionale in

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari

Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari Sbarchi, richiedenti asilo e presenze irregolari La traversata del Mar Mediterraneo è la strada più mortale del mondo : così afferma l Agenzia Onu per i rifugiati, comunicando il bilancio record di 3.419

Dettagli

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma.

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma. vori in Corso per l Autoriforma. Gli Osservatori sulla, prove tecniche di Democrazia Amministrativa 1 Luca Minniti * *Giudice del Tribunale di Firenze Questo intervento è stato inviato prima dell assemblea

Dettagli

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO

DALLA SOLIDARIETÀ AL DIRITTO: I RIFUGIATI E L ASILO Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento Giuridico delle Istituzioni Nazionali ed Europee In collaborazione con Amnesty International Sezione Italiana - Associazione

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

SOMMARIO n. 2, 2000. Interventi. Centri di detenzione ed espulsioni (irrazionalità del sistema e alternative possibili), di Livio Pepino

SOMMARIO n. 2, 2000. Interventi. Centri di detenzione ed espulsioni (irrazionalità del sistema e alternative possibili), di Livio Pepino SOMMARIO n. 2, 2000 Presentazione pag. 9 Interventi Centri di detenzione ed espulsioni (irrazionalità del sistema e alternative possibili), di Livio Pepino Avvocati esperti di diritto umanitario: sono

Dettagli

RESPINGIMENTO COLLETTIVO DEGLI IMMIGRATI: LA PAROLA ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

RESPINGIMENTO COLLETTIVO DEGLI IMMIGRATI: LA PAROLA ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO RESPINGIMENTO COLLETTIVO DEGLI IMMIGRATI: LA PAROLA ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO NOTA A SENTENZA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO, 23 FEBBRAIO 2012 - HIRSI E ALTRI C. ITALIA di Caterina

Dettagli

Il DDL 733/2009: le disposizioni in materia di immigrazione Un disegno di legge contrastato

Il DDL 733/2009: le disposizioni in materia di immigrazione Un disegno di legge contrastato Il DDL 733/2009: le disposizioni in materia di immigrazione Un disegno di legge contrastato Il 5 febbraio 2009 il senato ha approvato il disegno di legge di iniziativa del governo recante disposizioni

Dettagli

Scheda 3.A Accoglienza. Guida all asilo politico.

Scheda 3.A Accoglienza. Guida all asilo politico. Scheda 3.A Accoglienza. Guida all asilo politico. In questo ambito si traccerà una guida generale, di mero carattere burocratico-amministrativo, volta a descrivere i passaggi obbligati a cui si trova di

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Sentenza n. 4584 del 17 settembre 2013 Consiglio di Stato

Sentenza n. 4584 del 17 settembre 2013 Consiglio di Stato Mercoledì, 9 Ottobre 2013 Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia Benvenuto briguglio Control panel Esci Home Contatti Redazione Disclaimer Privacy RSS Newsletter Sostieni Registrati Archivio

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4180 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori RUSSO SPENA, CÒ e CRIPPA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 LUGLIO 1999 Nuove

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea

Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea Contributo di Soleterre-Strategie di Pace, Milano 1/3/2012 A cura di Giuliana Savy, consulente

Dettagli

IL GLOSSARIO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

IL GLOSSARIO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE IL GLOSSARIO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE Asilo a livello internazionale l asilo costituisce la forma di protezione riconosciuta da uno Stato sul proprio territorio, fondata sui diritti del/lla rifugiato/a

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Giurisprudenza IL REATO DI CLANDESTINITÀ NELLA PRASSI DEL GIUDICE DI PACE DI MILANO Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha pronunciato la presente (Sezione Seconda Quater) SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 3344

Dettagli

3. Diritti delle minoranze, lotta contro le discriminazioni e rispetto dei diritti Umani

3. Diritti delle minoranze, lotta contro le discriminazioni e rispetto dei diritti Umani 1 Per Un Europa dei diritti Umani Manifesto dell AEDH e dei suoi membri in vista delle elezioni del 2014 del Parlamento europeo Bruxelles, l 11 novembre 2013 1. Cittadinanza e democrazia e rispetto dei

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice. 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari ------------------------------------------------- 3

Diritto dell Unione Europea. Indice. 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari ------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE V I PROCEDIMENTI PREVISTI DAI TRATTATI PER L ADOZIONE DEGLI ATTI NORMATIVI PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari

Dettagli

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute I MINORI STRANIERI Introduzione. I minori stranieri presenti in territorio italiano possono trovarsi in diverse condizioni giuridiche: alcuni di essi, infatti, sono entrati beneficiando delle disposizioni

Dettagli

ud unità democratica giudici di

ud unità democratica giudici di ud unità democratica giudici di pace.it INTERVENTO AL XIX CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA di Diego Loveri In occasione del XIX Congresso Nazionale di Magistratura Democratica Unità Democratica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA TEMPORANEA DI MINORI

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA TEMPORANEA DI MINORI REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA TEMPORANEA DI MINORI Art. 1 Il fine del progetto è esclusivamente quello di offrire un ospitalità temporanea ai minori provenienti da orfanatrofi (attualmente è attivo un

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009

SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 SEMINARIO COSTRUIRE INSIEME I PERCORSI DELL AFFIDO FAMILIARE 13 FEBBRAIO 2009 Laura D Urbino, Giudice Tribunale per i Minorenni di Brescia. Non ho preparato un intervento organico perché su questo argomento

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

E M A N A il seguente regolamento :

E M A N A il seguente regolamento : Visto l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; Visti gli articoli 1-sexies ed 1-septies del decreto-legge 30 dicembre 1989, n.416, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1990, n.

Dettagli

L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI avvannabrambilla@gmail.com LA RESIDENZA COME DIRITTO La

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

Ordinanza n. 7969 del 2 aprile 2013 Corte di Cassazione

Ordinanza n. 7969 del 2 aprile 2013 Corte di Cassazione Sabato, 27 Aprile 2013 Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia Benvenuto briguglio Control panel Esci Home Contatti Redazione Disclaimer Privacy RSS Newsletter Sostieni Registrati Archivio

Dettagli

Sentenza n. 6949 del 25 luglio 2012 Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

Sentenza n. 6949 del 25 luglio 2012 Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Mercoledì, 5 Settembre 2012 Il portale di riferimento per gli immigrati in Italia Benvenuto briguglio Control panel Esci Home Contatti Redazione Disclaimer Privacy RSS Newsletter Sostieni Registrati Archivio

Dettagli

Accoglimento totale del 16/09/2015 RG n. 8727/2015

Accoglimento totale del 16/09/2015 RG n. 8727/2015 N. R.G. 2015/8727 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO PROTEZIONE INTERNAZIONALE CIVILE Nella causa civile iscritta al n. r.g. 8727/2015 promossa da: XXXXXXX, nato a Lakanghemou (Mali) il 1.1.1980, elettivamente

Dettagli

La Convenzione europea dei diritti dell uomo tutela i nostri diritti

La Convenzione europea dei diritti dell uomo tutela i nostri diritti La Convenzione europea dei diritti dell uomo tutela i nostri diritti www.fattorediprotezione-d.ch La Convenzione europea dei diritti dell uomo ci protegge tutti In materia di diritti umani, la Svizzera

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia Laura De Carlo La Laura De Carlo 22.04.2015 2.2015 Nozione di Minore Straniero Minore Straniero o Straniero Minorenne? Minore: accertamento dell et

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

Come si genera il razzismo? 11 luoghi comuni sull'immigrazione. Una lezione in classe

Come si genera il razzismo? 11 luoghi comuni sull'immigrazione. Una lezione in classe La scuola che vogliamo Come si genera il razzismo? 11 luoghi comuni sull'immigrazione Una lezione in classe 1 / 6 Introduzione Il presente lavoro è tratto da un testo elaborato nel corso del 2009 nell'ambito

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015

Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Notizie dal garante Newsletter n. 7 del 23/09/2015 Superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari Arriva dalla Corte costituzionale il primo via libera al processo di superamento degli Opg Ordinanza

Dettagli

Riconoscimento e revoca dello status di rifugiato politico alla luce del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 159 di Angela Allegria **

Riconoscimento e revoca dello status di rifugiato politico alla luce del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 159 di Angela Allegria ** Riconoscimento e revoca dello status di rifugiato politico alla luce del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 159 di Angela Allegria ** La figura del rifugiato, seppur accomunata alle figure di immigrati e profughi

Dettagli

Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea

Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione proclamano solennemente quale Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea il testo riportato in appresso. Nizza, 7 dicembre 2000 Preambolo I

Dettagli

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Isolde Quadranti Università degli Studi di Verona Centro di documentazione europea Diritto all informazione

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

Minori non accompagnati.quadro di riferimento normativo e diritto all identità Dott.ssa Nadia Laface

Minori non accompagnati.quadro di riferimento normativo e diritto all identità Dott.ssa Nadia Laface Minori non accompagnati.quadro di riferimento normativo e diritto all identità Dott.ssa Nadia Laface Filodiritto.it I minori che arrivano da soli alle nostre frontiere sono tra le persone più esposte e

Dettagli

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA UNO STUDIO INTEGRATO SULL APPLICAZIONE DEI DECRETI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE SULL ACCOGLIENZA, SULLE QUALIFICHE E SULLE PROCEDURE a cura

Dettagli

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura DOCUMENTI PER IL RILASCIO/RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO IN FORMATO CARTACEO O ELETTRONICO LA CUI ISTANZA VA PRESENTATA PRESSO LA QUESTURA DI TREVISO UFFICIO IMMIGRAZIONE da esibire in fotocopia in

Dettagli

Considerazioni dalla presentazione del libro Le libertà degli altri. La regolazione amministrativa dei flussi migratori di Mario Savino

Considerazioni dalla presentazione del libro Le libertà degli altri. La regolazione amministrativa dei flussi migratori di Mario Savino Considerazioni dalla presentazione del libro Le libertà degli altri. La regolazione amministrativa dei flussi migratori di Mario Savino Relatore Centro di Sviluppo Politico e Sociale 2 INDICE Introduzione...

Dettagli

ORDINANZA N. 20 ANNO 2015

ORDINANZA N. 20 ANNO 2015 Ordinanza 20/2015 Giudizio Presidente CRISCUOLO - Redattore LATTANZI Camera di Consiglio del 14/01/2015 Decisione del 14/01/2015 Deposito del 26/02/2015 Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Massime:

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 dicembre 2014 A cura di LUCIA SIPALA Applicazione extra-territoriale della Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968)

Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968) Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968) Le esperienze professionali. Già coadiutore presso la Banca d Italia nel periodo 1993\1994, sono stato nominato uditore giudiziario con D.M. 8 luglio 1994. Nel

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA ITALIANA. Capo di stato: Giorgio Napolitano. Capo di governo: Matteo Renzi

ITALIA REPUBBLICA ITALIANA. Capo di stato: Giorgio Napolitano. Capo di governo: Matteo Renzi ITALIA REPUBBLICA ITALIANA Capo di stato: Giorgio Napolitano Capo di governo: Matteo Renzi Oltre 170.000 rifugiati e migranti che cercavano di raggiungere l Italia dall Africa del Nord su imbarcazioni

Dettagli