PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO"

Transcript

1 Unione Europea Fondi strutturali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Sicilia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GAETANO CURCIO ISPICA Liceo Classico - Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate - Liceo Linguistico - IPSCT - IPIA Sede centrale: Via Andreoli 2 - Sede IPSCT: Via della Scultura - Sede IPIA: Via Asinara Telefoni: Dirigente Scolastico Segreteria fax sito web: PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO per classi parallele e indirizzi competenze trasversali e specifiche, livelli minimi di apprendimento criteri e metodologie per l'insegnamento, le verifiche, la valutazione materiali e strumenti didattici percorso e scansione temporale LINGUA STRANIERA Liceo Classico - Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate - Liceo Linguistico - IPSCT - IPIA anno scolastico 2013 / 2014

2 INDICE Finalità della disciplina Pag. 2 Obiettivi trasversali. Pag. 3 Competenze di base a conclusione dell'obbligo di istruzione Pag. 4-5 Lingua e Cultura Straniera Liceo Classico Liceo Scientifico opz. Scienze Applicate Profilo generale e competenze Lingua e Cultura Straniera Liceo Classico Liceo Scientifico opz. Scienze Applicate Obiettivi specifici di apprendimento Lingua e Cultura Straniera Linguistico Profilo generale e competenze Lingua e Cultura Straniera Linguistico Obiettivi specifici di apprendimento - Lingua Straniera 1 e 2 Lingua e Cultura Straniera Linguistico Obiettivi specifici di apprendimento - Lingua Straniera 3 Lingua e Cultura Straniera Indirizzi Professionali Profilo generale e competenze Lingua e Cultura Straniera Indirizzi Professionali Obiettivi specifici di apprendimento Pag. 6 Pag. 7-8 Pag. 9 Pag Pag Pag. 17 Pag Metodi Pag. 20 Verifiche e valutazione Pag Strumenti Pag. 24 Griglie di valutazione Pag Elenco dei docenti di Lingua e Cultura Straniera Pag. 31 Programmazioni per contenuti Licei - Istituti professionali

3 FINALITA L insegnamento della lingua straniera si pone l obiettivo di : contribuire alla formazione globale degli alunni nella loro dimensione cognitiva, affettiva, sociale e culturale sviluppare le competenze di comunicazione in una o più lingue diverse dalla propria sviluppare la comprensione interculturale favorire la presa di coscienza da parte degli alunni del percorso di apprendimento a loro più idoneo e dei diversi stili cognitivi affinché i discenti possano mettere in atto le strategie più efficaci per costruire il loro sapere e il loro saper fare favorire il confronto dei diversi sistemi linguistici integrando il più possibile questo lavoro con quello degli altri colleghi nella prospettiva di una più ampia educazione linguistica. Tramite l insegnamento delle Lingue Straniere lo studente dovrebbe essere in grado di Esprimere meglio se stesso e il proprio mondo Interagire in modo più efficace con gli altri Accedere ad un mondo più vasto di conoscenze ed esperienze necessarie per affrontare gli studi universitari e/o per l inserimento nel mondo del lavoro.

4 Oltre agli obiettivi specifici da raggiungere nei diversi corsi di studio, che saranno esplicitati in seguito, i docenti di lingua straniera terranno presenti nel loro lavoro gli obiettivi trasversali validi per una pluralità di discipline/o per un consiglio di classe Obiettivi comportamentali Partecipazione attiva durante la lezione Dialogo costruttivo con l insegnante e con i compagni Rispetto delle regole della convivenza scolastica Disponibilità all ascolto e al rispetto reciproco Senso di responsabilità Ordine e precisione nella cura del materiale scolastico Obiettivi cognitivi Acquisizione di un metodo di studio e di lavoro autonomo attraverso : Capacità di organizzazione Uso personale degli strumenti Applicazione pratica di elementi teorici Capacità di autovalutarsi Capacità di prendere appunti Capacità di schematizzare e cogliere i nodi concettuali, al fine di uno studio meno mnemonico e più consapevole Obiettivi linguistici Arricchimento del proprio repertorio lessicale Conoscenza di strutture grammaticali e logiche comuni a più materie Capacità di adeguarsi alle varie situazioni comunicative Acquisizione dei linguaggi specifici Obiettivi pratici Capacità di coordinazione motoria e nelle varie attività

5 LINGUA E CULTURA STRANIERA Tutti gli indirizzi I saperi e le competenze per l assolvimento dell obbligo di istruzione previsto dalla normativa italiana sono riferiti, per la lingua straniera, all asse culturale dei linguaggi ed articolati in abilità/capacità e conoscenze. L asse culturale dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire la conoscenza di almeno una lingua straniera. Le competenze comunicative in una lingua straniera facilitano, in contesti multiculturali, la mediazione e la comprensione delle altre culture; favoriscono la mobilità e le opportunità di studio e lavoro. Competenze di base a conclusione dell obbligo di istruzione: Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Lingua Lo studente comprende i punti principali di messaggi e annunci semplici e chiari su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Ricerca informazioni all interno di testi di breve estensione di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Descrive in maniera semplice esperienze ed eventi relativi all ambito personale e sociale Utilizza in modo adeguato le strutture grammaticali Interagisce in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Scrive brevi testi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Scrive correttamente semplici testi su tematiche coerenti con i percorsi di studio Riflette sui propri atteggiamenti in rapporto all altro in contesti multiculturali Cultura Lo studente comprende aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui si parla la lingua, con particolare riferimento all ambito sociale Analizza semplici testi orali, scritti, iconico-grafici, quali documenti di attualità, testi letterari di facile comprensione, films, video per coglierne le principali specificità Riconosce similarità e diversità tra fenomeni culturali di paesi in cui si parlino lingue diverse Si allega la griglia di valutazione riferita ai livelli di competenze di base acquisite nell assolvimento dell obbligo di istruzione.

6 Lingua Straniera Livello base non raggiunto 3-4 /10 Livello base raggiunto parzialmente 5/10 Livello base 6/10 Livelli di competenze di base a conclusione dell obbligo di istruzione Non riesce a comprendere neppure frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Non riesce a comunicare neppure in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Non riesce a descrivere neppure in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. - Non è in grado di scrivere neppure una serie di semplici espressioni e frasi, né brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, né lettere e messaggi informali. Riesce a comprendere con qualche difficoltà frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). - Riesce a comunicare con qualche difficoltà in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in modo frammentario in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati È in grado di scrivere in modo non sempre appropriato una serie di semplici espressioni e frasi, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali Riesce sufficientemente a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. - È in grado di scrivere una serie di semplici espressioni e frasi, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali Livello intermedio 7/10 8/10 Livello avanzato 9/10 10/10 Riesce discretamente a comprendere con sicurezza frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). - Riesce discretamente a comunicare con sicurezza in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere con una certa sicurezza in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. È in grado di scrivere brevi testi chiari e nel complesso articolati, espressioni e frasi, appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali. Riesce a comprendere con molta sicurezza frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare con molta sicurezza in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. - Riesce a descrivere con molta sicurezza in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati - È in grado di scrivere brevi testi chiari, articolati e coerenti,espressioni e frasi, appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali

7 LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEI PROFILO GENERALE E COMPETENZE Liceo Classico Liceo Scientifico opz. Scienze applicate Due gli assi fondamentali lungo cui deve procedere lo studio della lingua e della cultura straniera: Lo sviluppo di competenze linguistico-comunicative Lo sviluppo di conoscenze relative all universo culturale legato alla lingua di riferimento Traguardo dell intero percorso liceale è il raggiungimento da parte dello studente di un livello di padronanza riconducibile al Livello B2 del QCER per le lingue. Livello B2 : È in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un ampia gamma di argomenti e esprimere un opinione su un argomento d attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni Al termine del quinquennio lo studente dovrà anche saper: Comprendere testi orali e scritti inerenti a tematiche di interesse sia personale sia scolastico sia sociale Produrre testi orali e scritti per riferire fatti, descrivere situazioni, argomentare e sostenere opinioni Interagire nella lingua straniera in maniera adeguata sia agli interlocutori sia al contesto Analizzare e interpretare aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui si parla la lingua Il valore aggiunto sarà costituito dall esercizio di tale competenze attraverso l uso consapevole di strategie comunicative e della riflessione sul sistema e sugli usi linguistici, nonché sui fatti culturali. Questo percorso formativo prevede l utilizzo costante della lingua straniera. Ciò consentirà agli studenti di fare esperienze condivise sia di comunicazione linguistica sia di elaborazione culturale. Stages formativi in Italia o all estero potranno essere integrati al percorso liceale.

8 LINGUA E CULTURA STRANIERA Liceo Classico Liceo Scientifico opz. Scienze applicate Obiettivi specifici di apprendimento Primo biennio Lingua Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al livello B1 del QCER per le lingue. Livello B1 : È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti. In particolare dovrà: Comprendere in modo globale e selettivo testi orali e scritti su argomenti noti inerenti alla sfera personale e sociale Riferire fatti e descrivere situazioni con pertinenza lessicale in testi orali, scritti, lineari e coesi Partecipare a conversazioni e interagire nella discussione, anche con parlanti nativi, in maniera adeguata al conteso Riflettere sugli elementi linguistici con riferimento a fonologia, morfologia, sintassi, lessico e sugli usi linguistici anche in un ottica comparativa con la lingua italiana Cultura Lo studente dovrà: Analizzare aspetti relativi alla cultura dei paesi di cui si parla la lingua, con particolare riferimento all ambito sociale Confrontare aspetti della propria cultura con aspetti della cultura dei paesi in cui la lingua è parlata Analizzare semplici testi orali, scritti, iconico-grafici su argomenti di attualità, letteratura, cinema, arte

9 Secondo biennio Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico- comunicative relative al Livello B1.2, con avvio al Livello B2 del QCER per le lingue. Livello B2 : È in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un ampia gamma di argomenti e esprimere un opinione su un argomento d attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni Lingua Lo studente comprende in modo globale, selettivo e dettagliato testo orali/scritti attinenti ad aree di interesse del Liceo Classico e Scientifico opz. Scienze applicate Lo studente riferisce fatti, descrive situazioni e sostiene opinioni con le opportune argomentazioni in testi orali e scritti strutturati e coesi Lo studente partecipa a conversazioni e interagisce nella discussione in maniera adeguata sia agli interlocutori sia al contesto Lo studente riflette sul sistema e sugli usi linguistici della lingua straniera Lo studente utilizza le conoscenze, le abilità e le strategie acquisite nella lingua straniera per lo studio di altre discipline Cultura Lo studente comprende aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui si parla la lingua con particolare riferimento alla caratterizzazione culturale del Liceo Classico e Scientifico opz. Scienze applicate Lo studente legge, analizza e interpreta testi letterari, di epoche diverse, confrontandoli con testi italiani o relative ad altre culture Lo studente analizza prodotti culturali della lingua (letterari e non, dell epoca contemporanea e del passato, orali o scritti) confrontandoli e mettendoli in relazione con altri prodotti culturali provenienti da altre culture studiate Quinto anno Lingua Lo studente dovrà acquisire strutture, abilità e competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del QCER per le lingue al fine di raggiungerne la padronanza. Cultura Lo studente approfondirà gli aspetti della cultura relativi alla lingua di studio con particolare riferimento alle problematiche e ai linguaggi propri dell epoca moderna e contemporanea Lo studente sarà guidato all elaborazione di prodotti culturali di diverse tipologie e generi, su temi di attualità, cinema, arte, musica e letteratura Lo studente utilizzerà le nuove tecnologie per fare ricerche, approfondire argomenti, esprimersi creativamente e comunicare con interlocutori stranieri.

10 LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEI PROFILO GENERALE E COMPETENZE Liceo Linguistico Due gli assi fondamentali lungo cui deve procedere lo studio della lingua e della cultura straniera: Lo sviluppo di competenze linguistico-comunicative Lo sviluppo di conoscenze relative all universo culturale legato alla lingua di riferimento Traguardo dell intero percorso liceale è Aver acquisito in due lingue moderne strutture, abilità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del QCER per le lingue. Livello B2 : È in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un ampia gamma di argomenti e esprimere un opinione su un argomento d attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni Aver acquisito in una terza lingua straniera moderna strutture, abilità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B1 del QCER per le lingue Livello B1 : È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti. Al termine del quinquennio lo studente dovrà saper: Comprendere testi orali e scritti inerenti a tematiche di interesse sia personale sia scolastico sia sociale Produrre testi orali e scritti per riferire fatti, descrivere situazioni, argomentare e sostenere opinioni Interagire nella lingua straniera in maniera adeguata sia agli interlocutori sia al contesto Analizzare e interpretare aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui si parla la lingua Questo percorso formativo prevede l utilizzo costante della lingua straniera. Ciò consentirà agli studenti di fare esperienze condivise sia di comunicazione linguistica sia di elaborazione culturale. Il valore aggiunto sarà costituito dall uso consapevole di strategie comunicative efficaci e dalla riflessione sul sistema e sugli usi linguistici e sui fenomeni culturali.

11 LINGUA E CULTURA STRANIERA Liceo Linguistico Lingua e cultura straniera 1 e 2 Obiettivi specifici di apprendimento Primo biennio Lingua Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al livello B1 del QCER per le lingue. Livello B1 : È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti. In particolare dovrà: Comprendere in modo globale e selettivo testi orali e scritti su argomenti noti inerenti alla sfera personale e sociale Riferire fatti e descrivere situazioni con pertinenza lessicale in testi orali, scritti, lineari e coesi Partecipare a conversazioni e interagire nella discussione, anche con parlanti nativi, in maniera adeguata al conteso Riflettere sugli elementi linguistici con riferimento a fonologia, morfologia, sintassi, lessico e sugli usi linguistici anche in un ottica comparativa con la lingua italiana Cultura Lo studente dovrà: Analizzare aspetti relativi alla cultura dei paesi di cui si parla la lingua, con particolare riferimento all ambito sociale Confrontare aspetti della propria cultura con aspetti della cultura dei paesi in cui la lingua è parlata Analizzare semplici testi orali, scritti, iconico-grafici su argomenti di attualità, letteratura, cinema, arte

12 Secondo biennio Lingua Durante il secondo biennio lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del QCER per le Lingue: Livello B2 : È in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. È in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un ampia gamma di argomenti e esprimere un opinione su un argomento d attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni In particolare dovrà: Comprendere in modo globale, selettivo e dettagliato testi orali/scritti su argomenti diversificati Riferire fatti, descrivere situazioni e sostenere le proprie opinioni con pertinenza lessicale in testi orali e scritti strutturati e coesi Partecipare a conversazioni e interagire nella discussione in maniera adeguata al contesto e agli interlocutori Elaborare testi scritti/orali di diverse tipologie e generi su temi di attualità, letteratura, cinema e arte Riflettere sul sistema e sugli usi linguistici della lingua straniera anche al fine di acquisire una consapevolezza delle analogie e differenze con la lingua italiana Utilizzare in modo appropriato il lessico conosciuto, le strategie comunicative e le abilità testuali in una pluralità di contesti, scritti/orali Utilizzare le conoscenze, abilità e le strategie acquisite nella lingua straniera per lo studio di altre lingua Utilizzare adeguatamente la lingua straniera per lo studio di altre discipline e/o il loro approfondimento Cultura Durante il secondo biennio lo studente dovrà: Leggere, analizzare, interpretare testi letterari con riferimento ad una pluralità di generi quali il racconto, il romanzo, la poesia, il teatro ecc. relativi ad autori particolarmente rappresentativi della tradizione letteraria del paese di cui si studia la lingua Leggere, analizzare e interpretare testi letterari di epoche diverse confrontandoli con testi letterari italiani o relativi ad altre culture Analizzare ed approfondire aspetti relativi alla cultura dei paesi di cui si parla la lingua, con particolare riferimento agli ambiti sociale, letterario e artistico Analizzare testi e documenti culturali di varia natura mettendoli in relazione tra loro e con i contesti storico-sociali

13 Quinto anno Lingua Durante l ultimo anno lo studente consolidare e ampliare strutture, abilità e competenze comunicative relative al Livello B2 del QCER per le Lingue al fine di raggiungerne la padronanza Cultura Durante il quinto anno lo studente approfondirà Gli aspetti relativi alla lingua di studio con particolare riferimento alle problematiche e ai linguaggi propri dell epoca moderna e contemporanea Utilizzerà le nuove tecnologie per fare ricerche, approfondire argomenti, esprimersi creativamente e comunicare con interlocutori stranieri

14 LINGUA E CULTURA STRANIERA Liceo Linguistico Lingua e cultura straniera 3 Obiettivi specifici di apprendimento Primo biennio Lingua Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al livello A2 del QCER per le lingue. Livello A2 Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. In particolare dovrà: Comprendere in modo globale testo orali/scritti su argomenti noti inerenti ala sfera personale e sociale Descrivere o presentare in modo semplice persone e situazioni con espressioni e frasi legate insieme e con brevi testi scritti lineari e coesi Partecipare a brevi conversazioni e interagire in semplici scambi su argomenti noti di interesse personale Riflettere sugli elementi linguistici con riferimento a fonologia, morfologia, sintassi, lessico e sugli usi linguistici anche in un ottica comparativa con la lingua italiana Utilizzare nello studio della lingua abilità e strategie acquisite studiando altre lingue straniere Cultura Lo studente dovrà: Analizzare aspetti relativi alla cultura dei paesi di cui si parla la lingua, con particolare riferimento all ambito sociale Confrontare aspetti della propria cultura con aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui la lingua è parlata Analizzare semplici testi orali, scritti, iconico-grafici su argomenti di interesse personale e sociale Secondo biennio Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al livello B1 del QCER per le lingue. Livello B1 : È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la

15 cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti In particolare dovrà : Comprendere in modo globale e selettivo testi orali/scritti su argomenti noti inerenti alla sfera personale e sociale Riferire fatti e descrivere situazioni con pertinenza lessicale in testi orali e scritti, lineari e coesi Partecipare a conversazioni e interagire nella discussione in maniera adeguata al contesto Riflettere sugli usi linguistici con riferimento a fonologia, morfologia, sintassi, lessico e sugli usi linguistici anche in un ottica comparativa con la lingua italiana Riflettere sulle abilità e strategie acquisite nella lingua straniera per lo studio di altre lingue Cultura Lo studente dovrà: Analizzare aspetti relativi alla cultura dei paesi di cui si parla la lingua, con particolare riferimento all ambito sociale Confrontare aspetti della propria cultura con aspetti relativi alla cultura dei paesi in cui la lingua è parlata Analizzare semplici testi orali/scritti, iconico-grafici su argomenti di attualità, letteratura, cinema, arte, ecc. Quinto anno Lingua Lo studente dovrà: Consolidare e ampliare strutture, abilità e competenze comunicative corrispondenti al Livello B1 del QCER per le lingue Consolidare il proprio metodo di studio, trasferendo nella lingua abilità e strategie acquisite studiando le altre lingue straniere

16 Cultura Lo studente: approfondirà gli aspetti della cultura relativi alla lingua di studio sarà guidato all elaborazione di semplici prodotti culturali su temi di interesse personale e sociale ( attualità, cinema, musica, arte e letteratura) anche con il ricorso alle nuove tecnologie

17 LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEI Si precisa inoltre che : L analisi del testo letterario, propedeutica allo studio della letteratura che la collochi nel contesto storico, si concentrerà su testi brevi, significativi, accessibili dal punto di vista linguistico Le competenze letterarie da acquisire nel percorso liceale (secondo biennio e quinto anno) saranno le seguenti: La segmentazione del racconto in sequenze narrative I rapporti di funzioni tra i personaggi, le loro caratteristiche, le azioni che compiono Il tempo del racconto L ambientazione Il tipo di presenza che l autore ha nel testo Le tecniche narrative Il linguaggio : La natura del testo teatrale L evoluzione dell azione e dei discorsi La psicologia dei personaggi ed il loro ruolo Comprendere meccanismi quali la scansione temporale, entrate ed uscite dei personaggi, individuazione dello spazio scenico La rima, l allitterazione, i piedi, gli accenti, i ritmi La connotazione e la denotazione Le figure retoriche più usate Le forme fisse, il verso sciolto

18 LINGUA E CULTURA STRANIERA INDIRIZZI PROFESSIONALI PROFILO GENERALE E COMPETENZE Il docente di Lingua Inglese concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale di istruzione professionale risultati di apprendimento che lo mettano in grado di Padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi al percorso di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali al Livello B1 approfondito del QCER per le lingue Livello B1 : È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti Il docente di Seconda lingua straniera concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale di istruzione professionale risultati di apprendimento che lo mettano in grado di Padroneggiare la seconda lingua per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi al percorso di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali al Livello B1 approfondito del QCER per le lingue. Livello B1 : È in grado di comprendere i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente al lavoro, a scuola, nel tempo libero, ecc. Se la cava in molte situazioni che si possono presentare viaggiando in una regione dove si parla la lingua in questione. Sa produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari o siano di suo interesse. È in grado di descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni, di esporre brevemente ragioni e dare spiegazioni su opinioni e progetti Al fine del raggiungimento dei risultati di apprendimento sopra indicati il docente persegue, nella propria azione didattica ed educativa, l obiettivo prioritario di far acquisire allo studente le seguenti competenze : Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Il docente definisce e sviluppa il percorso d apprendimento in modo coerente con l indirizzo di studio, consentendo agli studenti di fare esperienze concrete e condivise di apprendimento attivo, di comunicazione ed elaborazione culturale. Il docente individua, a tali fini, gli strumenti più idonei, inclusi quelli multimediali e interattivi. Gli studenti vengono inoltre guidati all uso progressivamente consapevole delle strategie comunicative per favorire il trasferimento di competenze, abilità e conoscenze tra la lingua straniera e la lingua italiana in un ottica di educazione linguistica e culturale.

19 LINGUA E CULTURA STRANIERA INDIRIZZI PROFESSIONALI Indirizzo Servizi commerciali Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Indirizzo Servizi socio-sanitari - articolazione Odontotecnico Indirizzo Servizi Manutenzione ed Assistenza tecnica Lingua Inglese Seconda lingua straniera Primo biennio Conoscenze Abilità Aspetti comunicativi, socio-linguistici e paralinguistici della interazione e della produzione orale ( descrivere, narrare ) in relazione al contesto e agli interlocutori. Strutture grammaticali di base della lingua, sistema fonologico, ritmo e intonazione della frase, ortografia e punteggiatura. Strategie per la comprensione globale e selettiva di testi e messaggi semplici e chiari, scritti, orali e multimediali, su argomenti noti inerenti la sfera personale, sociale o l attualità Lessico e fraseologia idiomatica frequenti relativi ad argomenti di vita quotidiana, sociale o d attualità e tecniche d uso dei dizionari, anche multimediali; varietà di registro Nell ambito della produzione scritta, riferita a testi brevi, semplici e coerenti, caratteristiche delle diverse tipologie(lettere informali, descrizioni, narrazioni, ecc.) strutture sintattiche e lessico appropriato ai contesti. Aspetti socio-culturali dei Paesi di cui si studia la lingua. Interagire in conversazioni brevi e chiare su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o d attualità. Utilizzare appropriate strategie ai fini della ricerca di informazioni e della comprensione dei punti essenziali in messaggi chiari, di breve estensione, scritti e orali, su argomenti noti e di interesse personale, quotidiano, sociale o d attualità Utilizzare un repertorio lessicale ed espressioni di base, per esprimere bisogni concreti della vita quotidiana, descrivere esperienze e narrare avvenimenti di tipo personale o familiare. Utilizzare i dizionari monolingue e bilingue, compresi quelli multimediali. Descrivere in maniera semplice esperienze, impressioni ed eventi, relativi all ambito personale, sociale o all attualità Produrre testi brevi, semplici e coerenti su tematiche note di interesse personale, quotidiano, sociale, appropriati nelle scelte lessicali e sintattiche

20 Riconoscere gli aspetti strutturali della lingua utilizzata in testi comunicativi nella forma scritta, orale e multimediale Cogliere il carattere interculturale della/e lingua/e studiate Per quanto riguarda la seconda lingua straniera il docente dovrà tenere nel dovuto conto delle possibili disomogeneità di livello in ingresso, dovute alla scelta della seconda lingua comunitaria in ingresso. Tali conoscenze e abilità saranno approfondite ed ampliate nel corso del secondo biennio e del quinto anno ; lo studio della micro-lingua, lingua settoriale che caratterizza ciascun indirizzo sarà inserito nella programmazione e oggetto di particolare attenzione da parte dei docenti.

21 METODI La programmazione del primo biennio, articolata in moduli di apprendimento di breve durata, punta prevalentemente allo sviluppo delle abilità comunicative tradizionali ( ascoltare, parlare, leggere, scrivere) e delle abilità di riflessione sulla lingua in accordo, laddove previsto, con il lavoro svolto dal docente lettore di madrelingua alternando quindi adeguatamente forme di produzione monologica e di interazione dialogica allo scopo di raggiungere una sempre più accurata autonomia relativa a pronuncia, ritmo ed intonazione. L approccio induttivo guidato vede nel lavoro collettivo e in quello in piccoli gruppi le forme privilegiate di apprendimento. Lo svolgimento delle lezioni comporta diversi momenti, da non considerarsi però come fasi cronologicamente rigide. Un fase di partenza ( osservazione, anticipazione, identificazione di contenuti e tematiche) Una fase di comprensione (ascolto e/o lettura al fine di ricostruire il senso globale e/o dettagliato) Una fase di riflessione Una fase di esercizi ( di trasformazione, manipolazione, di completamento) Una fase di produzione ( orale, scritta, guidata, libera, da realizzare nel gruppo classe e/o in piccoli gruppi) Il materiale linguistico su cui si basa l attività di apprendimento è quello di momenti autentici di lingua parlata e scritta, partendo dalle forme più semplici, sempre però compiutamente significative. Si prevede quindi l utilizzo della lingua standard nei suoi vari registri: formale informale, in situazioni scolastico-familiari, reali simulate. Tale materiale è fornito dal manuale in adozione, da attività svolte in laboratorio e da documenti autentici di vario tipo. La programmazione del secondo biennio e del quinto anno si articola in moduli di più lunga durata che seguono comunque sia il medesimo approccio sia le medesime fasi. In riferimento al percorso letterario nelle sezioni liceali si precisa che: Il testo letterario è al centro dello studio della letteratura È un oggetto linguistico, non solo culturale L atto pedagogico del docente è quello di sviluppare nello studente, tramite il testo, una competenza di lettura consapevole L analisi testuale vede costantemente il coinvolgimento attivo dello studente e lo guida verso l autonomia di lettura e il senso critico I testi analizzati sono inseriti solo in seguito nel contesto letterario,socio-culturale del tempo e nell opera del loro autore : sempre dal testo al contesto Per quanto riguarda la vita dell autore è auspicabile riferirsi solo agli avvenimenti rilevanti e connessi alla produzione letteraria Per quanto riguarda l opera dell autore è auspicabile riferirsi agli obiettivi di fondo, ai temi trattati, allo stile

22 VERIFICHE E VALUTAZIONE Le verifiche saranno formative e sommative, orali e scritte. In riferimento a ciò che si vuole verificare le prove assumono forme diverse. Così le prove strutturate o semi-strutturate hanno lo scopo di verificare conoscenze quali la grammatica, le funzioni comunicative, la capacità di comprensione. Le prove aperte (analisi di testi, sintesi, riassunti, lettere di diversa tipologia, composizioni) verificano competenze più complesse di transfert. Le prove integrate sono destinate a verificare diverse abilità. Repertorio di prove di verifica Prove strutturate e semi-strutturate in cui lo studente dovrà: Completare spazi in bianco. Costruire frasi secondo un modello previo. Operare sostituzioni di categorie grammaticali (singolare/plurale, presente/passato, attivo/passivo, etc.). Rispondere a domande utilizzando strutture specifiche; Comprensione di testi orali e audiovisuali: Scegliere lo stimolo grafico corrisponde ad una informazione contenuta in una registrazione (audio/video) Segnalare se sono vere o no certe affermazioni su una registrazione. Scegliere l opzione corretta fra tre indicate in relazione ad una registrazione. Rispondere a delle domande su una registrazione. Comprensione di testi scritti: Segnalare se sono vere o no certe affermazioni su un testo. Scegliere l opzione corretta fra tre indicate in relazione ad un testo Ordinare un testo diviso e disordinato. Porre in relazione domande e risposte di una intervista. Selezionare un titolo adeguato per ogni paragrafo. Porre in relazione testi ed immagini/ vignette/ disegni. Comprensione di testi di diversa tipologia (descrizione, narrazione, esposizione, argomentazione). Produzione di testi scritti: Compilare un modulo Scrivere un nota personale. Redigere una lettera/ su traccia. Redigere una composizione in cui principalmente si esponga o argomenti.. Riassumere testi letti.

23 Produzione di testi orali: Realizzare comunicazioni pubbliche (informazioni, istruzioni) Rivolgersi a un pubblico (simulare conferenze, commenti sportivi, presentazioni di vendite, etc.). Sviluppare un discorso su appunti precedentemente presi in fase di ascolto; Commentare un testo scritto o con immagini visive (grafici, schemi, fotografie). Argomentare, a favore o contro, un tema proposto. Rappresentare un ruolo, ovvero mantenere interazioni con un interlocutore, producendo enunciati relativi a argomenti di interesse generale o a carattere professionale. Esposizione orale diretta dei temi e delle nozioni apprese. Brevi risposte a domande poste dall insegnante durante le verifiche formative Le prove in entrata, in itinere e finali potranno essere scelte tra quelle sopra elencate e verificheranno: la comprensione scritta e/o dell orale le conoscenze grammaticali, morfosintattiche, lessicali la produzione scritta Nel secondo biennio e nel quinto anno le prove verteranno inoltre : sulla comprensione e sintesi di testi linguistici relativi al settore di specializzazione previsto dal percorso di studio sulla produzione di testi afferenti ai linguaggi di specialità, ad argomenti di attualità, socioeconomici, letterari, alla redazione di diversi tipi di lettere, riassunti e composizioni libere o su traccia. Per la valutazione delle prove scritte strutturate o semi-strutturate, utilizzate per verificare conoscenze di saperi circoscritti e per la valutazione formativa si procederà come segue: si contabilizzeranno le risposte corrette date dall alunno nel test e si riporteranno i punti realizzati sulla scala dei voti utilizzata normalmente a scuola. Così, ad esempio, se la quota attribuita ad una prova è 40 punti e l alunno ha ottenuto 30 punti, si procederà alla seguente proporzione 40 : 10 = 30: x Il voto ottenuto sarà 7,5. In ogni caso, sarà il docente a fissare i criteri di accettabilità, cioè il limite di errori tollerati affinché si possa considerare raggiunto l obiettivo da verificare. Per esempio, per un test di grammatica si potrà indicare nella prova all alunno che la soglia di tollerabilità è del 90%, 80%, mentre per prove più complesse tale soglia potrà essere 80%, 70%, 60%. Per la valutazione delle prove scritte aperte e per l espressione orale si utilizzeranno le griglie di valutazione allegate. Per la valutazione delle prove scritte si terranno comunque in considerazione i parametri seguenti : la lunghezza del test e/o del messaggio la sua complessità grammaticale e testuale la coesione del prodotto e la coerenza la scorrevolezza della forma la capacità di adattamento a situazioni inaspettate.

24 Le prove orali verteranno, nel primo biennio sulla comprensione, produzione e interazione orali riferite alle competenze, conoscenze. abilità richieste dai diversi livelli del QCER per le lingue tenendo conto di : Intonazione e pronuncia Proprietà e varietà lessicale Correttezza grammaticale Scorrevolezza e/o fluenza Nel secondo biennio e quinto anno sarà presa in considerazione anche l esposizione orale su argomenti, temi e nozioni apprese. La valutazione, soprattutto quella formativa, sarà effettuata in modo continuo e permetterà all insegnante di valutare il processo di apprendimento degli alunni e di adottare dei rimedi quando e se necessario. Le verifiche scritte e orali, in congruo numero, permetteranno al docente di fare il punto sulle competenze e conoscenze acquisite e saranno inserite in una programmazione del consiglio di classe la più organica possibile. 1^ Trimestre 2 prove scritte sommative (ottobre novembre) 1 prova orale sommativa (fine novembre - dicembre) 1^ Periodo intermedio pentamestre 1 prova scritta sommativa (febbraio- marzo) 1 prova orale sommativa (febbraio- marzo) 2^ Periodo intermedio pentamestre 2 prove scritte sommative (aprile- maggio giugno) 1 prova orale sommativa (aprile- maggio giugno)

25 STRUMENTI Manuale in adozione Attività svolte in laboratorio Lettura di riviste in lingua straniera Viaggi d istruzione all estero Partecipazione a spettacoli teatrali in lingua Gemellaggi Stages di vario tipo Visione di films in lingua Corsi di potenziamento linguistico per il conseguimento di Certificazioni Trinity, Cambridge, Goethe, Delf, Cervantes spendibili nel mondo del lavoro o all università Si allegano : Le griglie di valutazione delle prove scritte aperte e delle prove orali Le griglie relative alla valutazione delle competenze minime da raggiungere al termine dei diversi anni di studio. Le programmazioni dei contenuti specifici per indirizzi, lingua/e straniere, classi parallele con la relativa scansione temporale

26 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CURCIO - ISPICA GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE LINGUA STRANIERA Comprensione scritta Competenze linguistiche Correttezza ortografica Correttezza morfosintattica Proprietà lessicale Chiarezza espositiva Voto Nessuna 1-2 Frammentaria 3-4 Superficiale 5 Limitata all essenziale 6 Completa 7-8 Completa ed 9-10 approfondita Scarse 1-3 Insufficienti 4 Mediocri 5 Sufficienti 6 Discrete 7 Buone 8 Ottime 9 Eccellenti 10 Voto Conoscenza dei contenuti Capacità logiche, critiche, elaborative Ampiezza e coerenza delle argomentazioni Capacità di sintesi Sviluppo critico e rielaborazione personale Nessuna 1-2 Frammentaria 3 4 Superficiale 5 Limitata all essenziale 6 Completa 7 Completa e coordinata 7-8 Completa, coordinata, 9 10 approfondita Assenti 1-2 Limitate 3-4 Modeste 5 Limitate all essenziale 6 Sicure e coerenti 7-8 Notevoli 9-10

27 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CURCIO - ISPICA GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE ORALI LINGUA STRANIERA Comprensione orale Competenze linguistiche Correttezza morfosintattica Proprietà lessicale Padronanza della fonologia Chiarezza espositiva Voto Nessuna 1-2 Frammentaria 3-4 Superficiale 5 Limitata all essenziale 6 Completa 7-8 Completa ed approfondita 9-10 Scarse 1-3 Insufficienti 4 Mediocri 5 Sufficienti 6 Discrete 7 Buone 8 Ottime 9 Eccellenti 10 Voto Conoscenza dei contenuti Capacità logiche, critiche, elaborative Nessuna 1-2 Frammentaria 3 4 Superficiale 5 Limitata all essenziale 6 Completa 7 Completa e coordinata 7-8 Completa, coordinata, 9 10 approfondita Assenti 1-2 Limitate 3-4 Frammentarie 5 Presenti se sollecitate 6 Costantemente presenti 7-8 Notevoli 9-10

28 Livello base non raggiunto 3-4/10 Livello base raggiunto parzialmente 5/10 Livello base 6/10 Livello intermedio 7/10 8/10 Livello avanzato 9/10 10/10 Non riesce a comprendere e utilizzare neppure espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Non sa presentare se stesso/a e altri ed non è assolutamente in grado di porre domande su dati personali e rispondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede). Non è in grado di interagire neppure in modo semplice e neppure nel caso in cui l interlocutore parli lentamente, chiaramente e sia disposto a collaborare. Non è in grado di scrivere neppure una serie di semplici espressioni, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati. Riesce con qualche difficoltà a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso/a e altri con qualche esitazione ed è in grado di porre con qualche difficoltà domande su dati personali e rispondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede). È in grado di interagire in modo semplice purché l interlocutore parli lentamente,chiaramente e sia disposto a collaborare. È in grado di scrivere in modo non sempre appropriato una serie di semplici espressioni, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati. Riesce sufficientemente a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare sufficientemente se stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e rispondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede). È in grado di interagire in modo semplice purché l interlocutore parli lentamente,chiaramente e sia disposto a collaborare. È in grado di scrivere una serie di semplici espressioni, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati con solo qualche imprecisione. Riesce a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto con una certa sicurezza. Sa presentare se stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e rispondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede) con una certa sicurezza. È in grado di interagire con una certa sicurezza in modo semplice purché l interlocutore parli lentamente, chiaramente e sia disposto a collaborare. È in grado di scrivere una serie di semplici espressioni, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati in modo per lo più corretto. Riesce a comprendere e utilizzare espressioni familiari di uso quotidiano e formule molto comuni per soddisfare bisogni di tipo concreto con molta sicurezza. Sa presentare se stesso/a e altri ed è in grado di porre domande su dati personali e rispondere a domande analoghe (il luogo dove abita, le persone che conosce, le cose che possiede)con molta sicurezza.. È in grado di interagire con molta sicurezza in modo semplice purché l interlocutore parli lentamente,chiaramente e sia disposto a collaborare È in grado di scrivere una serie di semplici espressioni, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati senza incertezze. Lingua Straniera Livelli di Competenza A1 QCER per le Lingue Primo biennio

29 Lingua Straniera Livelli di Competenza A2 QCER per le Lingue Primo biennio Livello base non raggiunto 3-4 /10 Livello base raggiunto parzialmente 5/10 Livello base 6/10 Non riesce a comprendere neppure frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Non riesce a comunicare neppure in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Non riesce a descrivere neppure in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. - Non è in grado di scrivere neppure una serie di semplici espressioni e frasi, né brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, né lettere e messaggi informali. Riesce a comprendere con qualche difficoltà frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). - Riesce a comunicare con qualche difficoltà in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in modo frammentario in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati È in grado di scrivere in modo non sempre appropriato una serie di semplici espressioni e frasi, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali Riesce sufficientemente a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. - È in grado di scrivere una serie di semplici espressioni e frasi, brevi e semplici appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali Livello intermedio 7/10 8/10 Livello avanzato 9/10 10/10 Riesce discretamente a comprendere con sicurezza frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). - Riesce discretamente a comunicare con sicurezza in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere con una certa sicurezza in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. È in grado di scrivere brevi testi chiari e nel complesso articolati, espressioni e frasi, appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali. Riesce a comprendere con molta sicurezza frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare con molta sicurezza in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. - Riesce a descrivere con molta sicurezza in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati - È in grado di scrivere brevi testi chiari, articolati e coerenti,espressioni e frasi, appunti relativi a bisogni immediati, usando formule convenzionali, lettere e messaggi informali

LINGUA E CULTURA STRANIERA

LINGUA E CULTURA STRANIERA LINGUA E CULTURA STRANIERA LICEO CLASSICO LINEE GENERALI E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA a.s. 2013-2014 INDIRIZZI E ARTICOLAZIONI: TURISMO e RIM DISCIPLINA TERZA LINGUA COMUNITARIA- TEDESCO PROFILO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado

Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado Descrittori di competenze per Francese e Inglese nella scuola secondaria di I grado Milano, 7 Marzo 2006 Lorena Parretti Testo base per le lingue straniere del Consiglio d Europa Quadro Comune Europeo

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Viale Dante. annesso al CONVITTO NAZIONALE R. BONGHI Lucera

ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Viale Dante. annesso al CONVITTO NAZIONALE R. BONGHI Lucera ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO CONVITTO NAZIONALE R. BONGHI Lucera CURRICOLO QUINQUENNALE DI LINGUA, CIVILTA E MICROLINGUA INGLESE INDIRIZZO: ELETTRONICA DIPARTIMENTO DI LINGUA E CIVILTA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

VERBALE N. 1 DEL DIPARTIMENTO LINGUE

VERBALE N. 1 DEL DIPARTIMENTO LINGUE LICEO STATALE REGINA MARGHERITA - SALERNO VERBALE N. 1 DEL DIPARTIMENTO LINGUE Il giorno 7 settembre 2015, nell'aula n. 113 di questo Istituto, si è riunito alle ore 9,30 il gruppo di lavoro del dipartimento

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

OGGETTO: Indicazioni per la certificazione delle competenze in esito ai percorsi di formazione in lingue europee

OGGETTO: Indicazioni per la certificazione delle competenze in esito ai percorsi di formazione in lingue europee Circolare n. 56a Lecco, 23 maggio 2016 A tutti i docenti del CPIA Ai docenti esterni OGGETTO: Indicazioni per la certificazione delle competenze in esito ai percorsi di formazione in lingue europee Con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza comunicativa

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Italiano Primo biennio

Italiano Primo biennio PROFILO IN USCITA DELLO STUDENTE IN TERMINI DI COMPETENZE E ABILITÀ TECNICO-ECONOMICO Italiano Primo biennio Competenze Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi di base indispensabili per

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA Pag. 1 di 11 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI INDIRIZZO RIM SPAGNOLO CLASSE BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 10 settembre 2015 Orario di inizio 9,00 orario di conclusione 11.00 PRESENTI : Prof.ssa

Dettagli

Ricezione orale (ascolto) Ricezione scritta (lettura) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASALBUTTANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Ricezione orale (ascolto) Ricezione scritta (lettura) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASALBUTTANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASALBUTTANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI INGLESE - CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA CLASSE PRIMA comprende i punti essenziali di messaggi chiari

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola A.S. 2015/2016 CLASSE: PRIMA INDIRIZZO DI STUDI: LINGUISTICO COMPETENZE LINGUISTICHE Alla fine del primo anno di studio della lingua

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Unione Europea Fondi strutturali 2007-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Sicilia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GAETANO CURCIO ISPICA Liceo Classico -

Dettagli

Hello! Corsi Business English Plus

Hello! Corsi Business English Plus Hello! Corsi Business English Plus Chi siamo Welcome to British School Vicenza Fondata nel 1969, British School Vicenza è la prima scuola di lingue istituita a Vicenza Offriamo una riconosciuta tradizione

Dettagli

INGLESE Ginnasio Finalità - Competenze - Concettualizzazione

INGLESE Ginnasio Finalità - Competenze - Concettualizzazione INGLESE Ginnasio Finalità Lo studio della lingua e della cultura straniera deve procedere lungo due assi fondamentali tra loro interrelati: lo sviluppo di competenze linguistico-comunicative e lo sviluppo

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime

I.O. Angelo Musco. Scuola Secondaria di I grado. Programmazione Lingua Straniera. Francese. a.s. 2015/2016. Classi prime I.O. Angelo Musco Scuola Secondaria di I grado Programmazione Lingua Straniera Francese a.s. 2015/2016 I docenti di Lingue Straniere cureranno l insegnamento attraverso un metodo funzionale-comunicativo,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 4 POLO LICEALE SAFFO Classico,Linguistico,Scientifico, Scienze applicate,scienze Umane, Economico- sociale V. Pellico- 64026 Roseto degli Abruzzi ( TE) Tel.085-8944094- 085-8992224- fax 085-8999144 C.F.91003870671

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Programmazione di Lingua e Cultura Inglese

Programmazione di Lingua e Cultura Inglese Programmazione di Lingua e Cultura Inglese Prof.ssa Marinella Savino classe IV sez. A a.s. 2015-2016 Testi adottati: Spiazzi, Tavella, Only Connect.New Directions, Zanichelli Obiettivi cognitivi generali:

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PER ASSI CULTURALI A.S. 2012-13 INGLESE -- GINNASIO LICEO T. LIVIO - PADOVA GINNASIO Obiettivi specifici di apprendimento Obiettivi e contenuti saranno coincidenti per le

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO LINGUE STRANIERE Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO BEVILACQUA Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi:

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi: LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO Obiettivi formativi: Acquisire maggiore consapevolezza sia della cultura straniera che della propria esempio di una cultura diversa dalla propria Acquisire ed usare autonomamente

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

DESTINAZIONE ALLE SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO: il 18 OTTOBRE LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO PER LE SELEZIONI LINGUISTICHE

DESTINAZIONE ALLE SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO: il 18 OTTOBRE LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO PER LE SELEZIONI LINGUISTICHE DESTINAZIONE ALLE SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO: il 18 OTTOBRE LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO PER LE SELEZIONI LINGUISTICHE Sulla G.U. del 18 ottobre con la pubblicazione del decreto MAE/MIUR per l indizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA Competenza chiave europea: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza specifica: LINGUE STRANIERE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA L apprendimento della lingua inglese e di una seconda

Dettagli

PRIMA LINGUA COMUNITARIA: INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

PRIMA LINGUA COMUNITARIA: INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PRIMA LINGUA COMUNITARIA: INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA c.f. 93020970427 LICEO DI STATO C. RINALDINI Liceo Classico - Liceo Musicale - Liceo delle Scienze Umane con opzione Economico Sociale Via Canale, 1-60122 ANCONA - 071/204723 fax 071/2072014 e-mail: segreteria@rinaldini.org

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

Lingua e Cultura / Civiltà Inglese

Lingua e Cultura / Civiltà Inglese 5.6. LINGUE COMUNITARIE Coordinatore del Dipartimento di lingue comunitarie: prof.ssa Elena Galeotti Docenti componenti il Dipartimento di lingue comunitarie: proff. Isabella Birrini, Stefania Colavizza,

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Secondo Biennio e Quinto anno Docente: Isabelle Rohmer OBBIETTIVI E COMPETENZE Proseguendo il percorso già iniziato durante il Primo Biennio

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Nuclei tematici Listening Traguardi per lo sviluppo della competenza Raggiungimento del livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento. L alunno

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 LICEO C. MARCHESI MASCALUCIA (CT) PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 TECNICO BIOCHIMICO PROFILO EDUCATIVO E CULTURALE Nell ambito di una formazione culturale rispondente

Dettagli

L'Ente Certificatore British Institutes rilascia attestati di studio utili per:

L'Ente Certificatore British Institutes rilascia attestati di studio utili per: Esami British Institutes Gli esami British Institutes si rivolgono a tutti coloro desiderino certificare le proprie competenze linguistiche: studenti della scuola pubblica e privata di ogni genere e grado,

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2015/2016 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli