COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO"

Transcript

1 COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale

2 FLESSIBILITà IN USCITA IL NUOVO ART.18

3 Le disposizioni sotto riportate rientrano in un decreto attuativo del Jobs Act, approvato il 24/12/2014 dal Consiglio dei Ministri. Le commissioni parlamentari hanno 30 giorni per valutarlo, poi tornerà al Consiglio. È pertanto ancora suscettibile di variazioni fino a pubblicazione definitiva in Gazzetta Ufficiale. LICENZIAMENTO illegittimità del licenziamento Aziende con meno per contratti a tempo indeterminato Aziende con più per contratti a tempo indeterminato PRIMA DEL JOBS ACT si applica legge n.92/2012 Legge Fornero NO REINTEGRA (ART.18) SI REINTEGRA (ART.18) ATTENZIONE: se le assunzioni a tempo indeterminato a tutele crescenti fanno superare il numero si applica a tutti i lavoratori la normativa nuova del job act a tutele crescenti. Illegittimità per GMS, GMO, giusta causa, motivo economico DOPO IL JOBS ACT solo lavoratori assunti con Contratto a Tutele Crescenti In caso di illegittimità del licenziamento per GMS (Giustificato Motivo Soggettivo), GMO (Giustificato Motivo Oggettivo), giusta causa o per vizi di procedura, si applicano i medesimi regimi sanzionatori di cui sotto, ma con indennità dimezzate e in ogni caso nel limite massimo di 6 mensilità di retribuzione - continua a non essere mai prevista la reintegra NO REINTEGRA indennità decontribuita di 2 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 4 - max 24) Illegittimità per vizio di forma o di procedura disciplinare NO REINTEGRA indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 12) Illegittimità per GMS o GS successivo a iter disciplinare se il fatto non sussiste REINTEGRA risarcimento pari a retribuzione persa fino a max 12 mensilità versamento contributi Licenziamento orale, nullo o discriminatorio REINTEGRA risarcimento pari a retribuzione persa fino a min. 5 mensilità versamento contributi In alternativa alle procedure su indicate viene prevista una conciliazione standard agevolata : il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro 60 gg. dal licenziamento, in sede di conciliazione (dtl/sindacale/presso commissione di certificazione), un assegno di importo pari a 1 mese di retribuzione per ogni anno di servizio (min. 2 max 18 mensilità), decontribuito e detassato - se il lavoratore accetta il rapporto di lavoro è estinto con rinuncia all impugnazione.

4 Licenziamento: giustificato motivo oggettivo motivo economico

5 Licenziamento: giustificato motivo oggettivo/motivo economico Definizione: Licenziamento per ragioni legate all attività produttiva o all organizzazione del lavoro. ESEMPI (a titolo esemplificativo e non esaustivo): Cessazione dell attività produttiva, soppressione del posto o del reparto, motivi tecnologici (introduzione di nuovi macchinari che sostituiscono personale), esternalizzazione delle attività di reparto, superamento periodo di comporto In caso di giudizio l onere della prova è in capo al datore di lavoro: deve dimostrare situazioni sfavorevoli strutturali (es. grave e drastica riduzione dei costi)

6 Dopo il licenziamento cosa può succedere? 1 possibilità il datore di lavoro può decidere unilateralmente di non rischiare l impugnazione del licenziamento da parte del lavoratore e propone di conciliare prima e indipendentemente da qualsiasi azione del lavoratore 2 possibilità il lavoratore impugna il licenziamento impugnazione tramite lettera di avvocato o sindacato con rivendicazioni del lavoratore entro 60 gg. dal licenziamento (pena perdita del diritto di impugnare) Conciliazione standard agevolata: il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro 60 gg. dal licenziamento una conciliazione (offerta economica) in sede dtl/sindacale/presso commissione di certificazione. Scopo: se il lavoratore accetta il rapporto di lavoro è estinto con rinuncia all impugnazione (tombale) soluzione stragiudiziale = il datore di lavoro decide di conciliare presso le sedi preposte (giudice/sindacato/dtl): modalità conciliazione transattiva: ottenimento di denaro da parte del lavoratore accettata dal datore di lavoro Scopo: evitare di andare in giudizio (in tribunale) e rapporto di lavoro estinto in modo tombale (mai più potrà impugnare) soluzione giudiziale = il datore di lavoro ignora l impugnazione: il lavoratore ha 180 gg. di tempo dalla data di licenziamento per ricorrere in giudizio (cioè ricorso in tribunale) Offerta economica prevista: un assegno di importo pari a 1 mese di retribuzione per ogni anno di servizio (min. 2 max 18 mensilità), decontribuito e detassato il giudice valuta il licenziamento legittimo : il giustificato motivo oggettivo sussiste: è giudicato vero, costo per il datore di lavoro pari a zero, spese processuali in capo al lavoratore il giudice valuta il licenziamento illegittimo : il giustificato motivo oggettivo è giudicato falso

7 Licenziamento illegittimo Aziende con meno No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 6) Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 2 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 4 - max 24) Eliminata la reintegra, obbligatoria prima della Legge Fornero, standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

8 Licenziamento: giustificato motivo soggettivo

9 Licenziamento: giustificato motivo soggettivo Definizione: Licenziamento per ragioni legate alla condotta del lavoratore, notevole inadempimento degli obblighi contrattuali (obblighi sia lavorativi che morali) Occorre riconoscere al lavoratore il preavviso previsto dal CCNL ESEMPI (a titolo esemplificativo e non esaustivo): Esempi di natura professionale Esempi di natura morale diffamazione dei superiori, minacce e percosse al datore di lavoro, reiterate violazioni delle sanzioni disciplinari, alterazione dolosa delle presenze, appropriazione indebita di beni aziendali, abbandono ingiustificato del posto di lavoro (comportamento privato del lavoratore lesivo dell immagine del datore di lavoro): resa falsa testimonianza in causa civile, molestie sessuali nei confronti di terzi, spaccio di sostanze stupefacenti in caso di giudizio l onere della prova è in capo al datore di lavoro

10 Dopo il licenziamento cosa può succedere? 1 possibilità il datore di lavoro può decidere unilateralmente di non rischiare l impugnazione del licenziamento da parte del lavoratore e propone di conciliare prima e indipendentemente da qualsiasi azione del lavoratore 2 possibilità il lavoratore impugna il licenziamento impugnazione tramite lettera di avvocato o sindacato con rivendicazioni del lavoratore entro 60 gg. dal licenziamento (pena perdita del diritto di impugnare) Conciliazione standard agevolata: il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro 60 gg. dal licenziamento una conciliazione (offerta economica) in sede dtl/sindacale/presso commissione di certificazione. Scopo: se il lavoratore accetta il rapporto di lavoro è estinto con rinuncia all impugnazione soluzione stragiudiziale = il datore di lavoro decide di conciliare presso le sedi preposte (giudice/sindacato/dtl): modalità conciliazione transattiva: ottenimento di denaro da parte del lavoratore accettata dal datore di lavoro Scopo: evitare di andare in giudizio (in tribunale) e rapporto di lavoro estinto in modo tombale (mai più potrà impugnare) soluzione giudiziale = il datore di lavoro ignora l impugnazione: il lavoratore ricorre in giudizio (cioè ricorso in tribunale) Offerta economica prevista: un assegno di importo pari a 1 mese di retribuzione per ogni anno di servizio (min. 2 max 18 mensilità), decontribuito e detassato il giudice valuta il licenziamento legittimo : il motivo alla base del licenziamento (cioè GMO oppure GMS oppure GC) è giudicato vero, costo per il datore di lavoro pari a zero, spese processuali in capo al lavoratore il giudice valuta il licenziamento illegittimo : il giustificato motivo soggettivo è giudicato falso

11 Licenziamento illegittimo perché c è sproporzione tra fatto imputato al lavoratore e licenziamento (cioè fatto non così grave da giustificare il licenziamento) Aziende con meno No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 6) Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 2 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 4 - max 24) Eliminata la reintegra, obbligatoria prima della legge fornero, standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

12 Licenziamento illegittimo per insussistenza del fatto materiale (cioè quello che il datore di lavoro ha imputato al lavoratore non è mai esistito) Aziende con meno No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 6) Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) Reintegra: risarcimento pari a retribuzione persa fino a max 12 mensilità, versamento contributi Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

13 Licenziamento: giusta causa detta anche provvedimento disciplinare conseguente a iter disciplinare (legge 300/70 art. 7)

14 Licenziamento: giusta causa detta anche provvedimento disciplinare conseguente a iter disciplinare (legge 300/70 art. 7) Definizione: Licenziamento per ragioni legate alla condotta del lavoratore, dipende da un comportamento talmente grave da non consentire la prosecuzione anche provvisoria del rapporto di lavoro Il datore di lavoro può recedere senza dare il preavviso, vista la gravità ESEMPI (a titolo esemplificativo e non esaustivo): 1. i motivi di licenziamento per giusta causa sono spesso indicati dal CCNL in uso 2. il licenziamento per giusta causa deve essere preceduto da iter disciplinare (il disciplinare è normato da ciascun Ccnl) rifiuto ingiustificato di eseguire la prestazione di lavoro, insubordinazione, lavoro in nero durante la malattia, assenza ingiustificata, sottrazione di beni aziendali o di colleghi, uso provato di stupefacenti, abuso di alcool e incidenti successivi in caso di giudizio l onere della prova è in capo al datore di lavoro

15 Dopo il licenziamento cosa può succedere? 1 possibilità il datore di lavoro può decidere unilateralmente di non rischiare l impugnazione del licenziamento da parte del lavoratore e propone di conciliare prima e indipendentemente da qualsiasi azione del lavoratore 2 possibilità il lavoratore impugna il licenziamento impugnazione tramite lettera di avvocato o sindacato con rivendicazioni del lavoratore entro 60 gg. dal licenziamento (pena perdita del diritto di impugnare) Conciliazione standard agevolata: il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro 60 gg. dal licenziamento una conciliazione (offerta economica) in sede dtl/sindacale/presso commissione di certificazione. Scopo: se il lavoratore accetta il rapporto di lavoro è estinto con rinuncia all impugnazione soluzione stragiudiziale = il datore di lavoro decide di conciliare presso le sedi preposte (giudice/sindacato/dtl): modalità conciliazione transattiva: ottenimento di denaro da parte del lavoratore accettata dal datore di lavoro Scopo: evitare di andare in giudizio (in tribunale) e rapporto di lavoro estinto in modo tombale (mai più potrà impugnare) soluzione giudiziale = il datore di lavoro ignora l impugnazione il lavoratore ha 180 gg. di tempo dalla data di licenziamento per ricorrere in giudizio (cioè ricorso in tribunale) Offerta economica prevista: un assegno di importo pari a 1 mese di retribuzione per ogni anno di servizio (min. 2 max 18 mensilità), decontribuito e detassato il giudice valuta il licenziamento legittimo : la giusta causa sussiste = è giudicata vera, costo per il datore di lavoro pari a zero, spese processuali in capo al lavoratore il giudice valuta il licenziamento illegittimo : la giusta causa è giudicata falsa

16 Licenziamento illegittimo perché c è sproporzione tra fatto imputato al lavoratore e licenziamento (cioè fatto non così grave da giustificare il licenziamento) Aziende con meno No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 6) Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 2 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 4 - max 24) Eliminata la reintegra, obbligatoria prima della legge fornero, standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

17 Licenziamento illegittimo per insussistenza del fatto materiale (cioè quello che il datore di lavoro ha imputato al lavoratore non è mai esistito) Aziende con meno No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 6) Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) Reintegra: risarcimento pari a retribuzione persa fino a max 12 mensilità, versamento contributi Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

18 Licenziamento: giustificato motivo oggettivo soggettivo o giusta causa

19 Licenziamento: giustificato motivo oggettivo, soggettivo o giusta causa Definizione di VIZI FORMALI: i licenziamenti per GMO, GMS o GC sono anche impugnabili esclusivamente per un vizio di forma ESEMPI (a titolo esemplificativo e non esaustivo): il vizio di forma è proprio degli atti formali, ovvero quelli per cui la legge o altro disciplina una serie di elementi costitutivi essenziali. Significa che non sono state rispettate le forme prescritte per quell atto dunque è viziato. Il licenziamento viene intimato con violazione del requisito di motivazione di cui all articolo 2, comma 2, della Legge n. 604 del 1966 ( la comunicazione del licenziamento deve contenere la specificazione dei motivi che lo hanno determinato = non viene spiegato il motivo del licenziamento) o della procedura di cui all articolo 7 della Legge n. 300 del 1970 ( violazione della procedura disciplinare ) in caso di giudizio l onere della prova è in capo al datore di lavoro

20 Dopo il licenziamento cosa può succedere? 1 possibilità il datore di lavoro può decidere unilateralmente di non rischiare l impugnazione del licenziamento da parte del lavoratore e propone di conciliare prima e indipendentemente da qualsiasi azione del lavoratore 2 possibilità il lavoratore impugna il licenziamento Impugnazione tramite lettera di avvocato o sindacato con rivendicazioni del lavoratore (prescrizione di 5 anni) Conciliazione standard agevolata: il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro 60 gg. dal licenziamento una conciliazione (offerta economica) in sede dtl/sindacale/presso commissione di certificazione. Scopo: se il lavoratore accetta il rapporto di lavoro è estinto con rinuncia all impugnazione soluzione stragiudiziale = il datore di lavoro decide di conciliare presso le sedi preposte (giudice/sindacato/dtl): modalità conciliazione transattiva = ottenimento di denaro da parte del lavoratore accettata dal datore di lavoro Scopo: evitare di andare in giudizio (in tribunale) e rapporto di lavoro estinto in modo tombale (mai più potrà impugnare) soluzione giudiziale = il datore di lavoro ignora l impugnazione il lavoratore ha 180 gg. di tempo dalla data di licenziamento per ricorrere in giudizio (cioè ricorso in tribunale) Offerta economica prevista: un assegno di importo pari a 1 mese di retribuzione per ogni anno di servizio (min. 2 max 18 mensilità), decontribuito e detassato il giudice valuta il licenziamento legittimo = il motivo alla base del licenziamento (cioè gmo oppure gms oppure gc) è giudicato formalmente corretto - costo per il datore di lavoro pari a zero - spese processuali in capo al lavoratore il giudice valuta il licenziamento illegittimo = esistono i vizi di forma che lo rendono inefficace

21 Licenziamento illegittimo Aziende con meno No reintegra: il datore di lavoro deve pagare al lavoratore una indennità decontribuita di 1 mensilità per ogni anno di anzianità (min. 2 - max 6) Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) Reintegra: risarcimento pari a retribuzione persa fino a max 12 mensilità, versamento contributi Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

22 Licenziamento: discriminatorio, nullo, orale

23 Licenziamento: discriminatorio - nullo - orale Definizione: Licenziamento avviene da parte del datore di lavoro adducendo GMO, GMS o GC, di cui il lavoratore deve dimostrare l illegittimità o per nullità o per discriminazione In questo caso l onere della prova è spostato sul lavoratore ESEMPI (a titolo esemplificativo e non esaustivo): Discriminatorio Nulli/Illeciti Orale credo politico, fede religiosa, appartenenza ad un sindacato, motivo razziale, motivo di genere, handicap, orientamento sessuale se intimati perché sgraditi al datore di lavoro causa matrimonio, per fruizione congedi maternità e paternità comunicato senza forma scritta e non motivato

24 Dopo il licenziamento cosa può succedere? 1 possibilità il datore di lavoro può decidere unilateralmente di non rischiare l impugnazione del licenziamento da parte del lavoratore e propone di conciliare prima e indipendentemente da qualsiasi azione del lavoratore 2 possibilità il lavoratore impugna il licenziamento Impugnazione tramite lettera di avvocato o sindacato con rivendicazioni del lavoratore (prescrizione di 5 anni) Conciliazione standard agevolata: il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro 60 gg. dal licenziamento una conciliazione (offerta economica) in sede dtl/sindacale/presso commissione di certificazione. Scopo: se il lavoratore accetta il rapporto di lavoro è estinto con rinuncia all impugnazione soluzione stragiudiziale = il datore di lavoro decide di conciliare presso le sedi preposte (giudice/sindacato/dtl): modalità conciliazione transattiva = ottenimento di denaro da parte del lavoratore accettata dal datore di lavoro Scopo: evitare di andare in giudizio (in tribunale) e rapporto di lavoro estinto in modo tombale (mai piu potrà impugnare) soluzione giudiziale = il datore di lavoro ignora l impugnazione: il lavoratore ricorre in giudizio (cioè ricorso in tribunale) Offerta economica prevista: un assegno di importo pari a 1 mese di retribuzione per ogni anno di servizio (min. 2 max 18 mensilità), decontribuito e detassato il giudice valuta il licenziamento legittimo : il motivo alla base del licenziamento (cioè GMO oppure GMS oppure GC) è giudicato vero, costo per il datore di lavoro pari a zero, spese processuali in capo al lavoratore il giudice valuta il licenziamento illegittimo : viene accertata la natura nulla o discriminatoria del licenziamento

25 Licenziamento illegittimo Aziende con meno No reintegra: risarcimento pari a retribuzione persa min. 5 mensilità versamento contributi Standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore) Aziende con più JOBS ACT COSA È CAMBIATO? (EX ART. 18) Reintegra: risarcimento pari a retribuzione persa min. 5 mensilità versamento contributi Il lavoratore può rifiutare la sentenza di reintegra : ha la facoltà di chiedere al datore di lavoro, entro 30 gg. dalla sentenza, in sostituzione della reintegrazione nel posto di lavoro, un indennità pari a 15 mensilità dell ultima retribuzione globale di fatto, la cui richiesta determina la risoluzione del rapporto di lavoro, e che non è assoggettata a contribuzione previdenziale. Persiste la reintegra: standardizzati gli importi (prima decideva il giudice quanto dare al lavoratore)

26

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI

JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti AVV.TO PIERCARLO ANTONELLI AVVOCATI ASSOCIATI FRANZOSI - DAL NEGRO - SETTI JOB ACT 2015 Guida sintetica I nuovi licenziamenti 1 LA LEGGE DELEGA Il provvedimento noto come Jobs Act, approvato dal parlamento su iniziativa del governo Renzi, è una legge delega (L. 10 dicembre 2014

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO

IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO FEMCA CISL Lombardia JOB ACTS IL NUOVO SISTEMA SANZIONATORIO La disciplina dei licenziamenti Il D.lgs. n. 23/2015 sul contratto a tutele crescenti, attuativo del Jobs Act, in vigore dal 7 marzo 2015 riscrive

Dettagli

RIEPILOGO COMPLETO SU: TUTELE CRESCENTI E LICENZIAMENTO

RIEPILOGO COMPLETO SU: TUTELE CRESCENTI E LICENZIAMENTO Aggiornamento Aprile 2015 Allegato1 RIEPILOGO COMPLETO SU: CRESCENTI E LICENZIAMENTO Con la presente desideriamo informare che con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del del D.Lgs. n. 23 del 04.03.2015

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO

IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO JOBS ACT IL NUOVO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI? A CURA DEL DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO CGIL VENETO CAMPO DI APPPLICAZIONE NEL CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LE NUOVE ASSUNZIONI

Dettagli

IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Avv. Luca Negrini l.negrini@studionvn.it

IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Avv. Luca Negrini l.negrini@studionvn.it IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Avv. Luca Negrini l.negrini@studionvn.it IL CAMPO DI APPLICAZIONE Operai, impiegati e quadri assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato dopo l entrata

Dettagli

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti Alberto Bosco La L. 10 dicembre 2014, n. 183, all art. 1, co. 7, lettera c) dispone che la delega va attuata,

Dettagli

Il contratto a tutele crescenti

Il contratto a tutele crescenti Il contratto a tutele crescenti Giampiero Falasca giampiero.falasca@dlapiper.com L impianto della riforma Servizi per agevolare la ricerca di una nuova occupazione Incentivi per assunzioni stabili Meno

Dettagli

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro;

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; Premessa Non mutano i concetti di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; di giustificato motivo soggettivo (cioè

Dettagli

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015

CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI. Ivrea, 8 maggio 2015 CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Ivrea, 8 maggio 2015 Art. 1 Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere

Dettagli

La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari

La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari Milano, 30 marzo 2015 La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari Presentazione a «Tutto Lavoro» Avv. Angelo Zambelli Licenziamento disciplinare espressione del potere disciplinare del datore di

Dettagli

JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti

JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Città Metropolitana di Torino 27 luglio 2015 DEFINIZIONE Il contratto a tempo

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE NELLA LEGGE DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE NELLA LEGGE DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE NELLA LEGGE DI RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (ART. 1 comma 42 ) 1) LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO (nullità) (anche licenziamento intimato in forma orale) applicabile a prescindere

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. nel D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com)

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. nel D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I Licenziamenti nel D.Lgs. 23/2015 Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) 10 aprile 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano

Dettagli

Licenziamenti e Riforma Fornero

Licenziamenti e Riforma Fornero Licenziamenti e Riforma Fornero La legge n. 92/2012 un anno dopo Messina, 25.10.13 1 Il nuovo art. 18 La tutela del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo Reintegra e risarcimento pieno (5 min)

Dettagli

Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015

Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015 Circolare N. 46 del 26 Marzo 2015 Tutele crescenti: quali regimi si applicano in caso di licenziamento? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

JOBS ACT E LA NUOVA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT E LA NUOVA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI JOBS ACT IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI E LA NUOVA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI Convegno «JOBS ACT La riforma del lavoro come funzione e cosa cambia» Padova, martedì 31 marzo 2015 COSA CAMBIA? INTRODUZIONE

Dettagli

IL NUOVO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL NUOVO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE IL NUOVO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Avv. Ernesto Vitiello 1 IL D.LGS. N. 23 DEL 4 MARZO 2015 Tale decreto ha dato corpo, per quanto riguarda i licenziamenti, ai principi programmatici di cui alla lettera

Dettagli

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma

JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma JOBS ACT il punto sullo stato di attuazione della riforma Avv. Sergio Passerini Avv. Evangelista Basile Studio legale Ichino - Brugnatelli e Associati Varese, 16 marzo 2015 I testi della riforma Decreto

Dettagli

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta

Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta 09.09.2015 Direzione Territoriale del Lavoro di Padova Direttore Dott.ssa Rosanna Giaretta U.O. Relazioni Sindacali e Conflitti di Lavoro Dott.ssa Giulia De Paola Il presente lavoro, che non ha alcuna

Dettagli

Jobs Act 1 & 2. Confindustria Bergamo. 5 febbraio 2015. Toffoletto De Luca Tamajo e Soci 2015

Jobs Act 1 & 2. Confindustria Bergamo. 5 febbraio 2015. Toffoletto De Luca Tamajo e Soci 2015 Jobs Act 1 & 2 Confindustria Bergamo 5 febbraio 2015 Toffoletto De Luca Tamajo e Soci 2015 Prof. Avv. Raffaele De Luca Tamajo Le linee generali e il campo di applicazione della riforma Le linee generali

Dettagli

Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo

Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo LA N ORMATIVA IN MATERIA DI LICENZIAMENTI INTRODOTTA DALLA LEGGE N. 183/2014 E DAL DECRETO LEGISLATIVO N. 23/2015 Le tutele per il lavoratore in caso di licenziamento illegittimo previste dalla legge n.

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 36/2015 Marzo/9/2015 (*) Napoli 17 Marzo 2015 Tanto tuonò che piovve!!!! Arrivano le tutele crescenti. I nuovi assunti dal 7 marzo scorso

Dettagli

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Illecito assunti fino al 6 marzo 2015 assunti dal 7 marzo 2015 discriminatorio Per avere licenziato il prestatore di lavoro per

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO E L ART.18 STATUTO DEI LAVORATORI. Prima e dopo la Legge Fornero e il Jobs Act

LA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO E L ART.18 STATUTO DEI LAVORATORI. Prima e dopo la Legge Fornero e il Jobs Act LA DISCIPLINA DEL LICENZIAMENTO E L ART.18 STATUTO DEI LAVORATORI Prima e dopo la Legge Fornero e il Jobs Act L art. 18 dello Statuto dei Lavoratori è stato radicalmente modificato negli ultimi tre anni,

Dettagli

JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti

JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti JOBS ACT Contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Città Metropolitana di Torino 18 Marzo 2015 INTRODUZIONE In data 6 marzo 2015

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI (*)

IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI (*) IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI (*) Foto dal sito www.nonsprecare.it (*) Fonte: Confagricoltura Nazionale Sommario Introduzione... 4 L ambito di applicazione: nuove assunzioni...

Dettagli

TICINIA CONSULTING SRL. Ai gentili Clienti Loro sedi. Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione

TICINIA CONSULTING SRL. Ai gentili Clienti Loro sedi. Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione TICINIA CONSULTING SRL Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: il contratto a tutele crescenti (sintesi) Campo di applicazione Il regime di tutela nel caso di licenziamento illegittimo è disciplinato dalle

Dettagli

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT Scheda sul licenziamento nel contratto a tutele crescenti TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, Reintegrazione: Il giudice, con la pronuncia NULLO E INTIMATO

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati Oggetto: JOB ACT Contratto a tutele crescenti. Borgo San Lorenzo, lì 03/04/2015 Alla Clientela in indirizzo Il Governo ha approvato definitivamente il D.Lgs. 23/2015 che introduce nel nostro ordinamento

Dettagli

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale.

Art. 2 Licenziamento discriminatorio, nullo e intimato in forma orale. Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. Art. 1 Campo di applicazione.

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

Il licenziamento disciplinare alla luce del Jobs act

Il licenziamento disciplinare alla luce del Jobs act Milano, 15 dicembre 2014 Il licenziamento disciplinare alla luce del Jobs act Presentazione a «Tutto Lavoro» Avv. Angelo Zambelli Licenziamento disciplinare espressione del potere disciplinare del datore

Dettagli

Il contratto a tutele crescenti - sintesi della disciplina

Il contratto a tutele crescenti - sintesi della disciplina Il contratto a tutele crescenti - sintesi della disciplina (d. lgs. 23/2015) Il governo Renzi, in attuazione di una delle deleghe contenute nella legge n. 183 del 10 dicembre 2014 (c.d. Jobs Act), ha definitivamente

Dettagli

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI»

DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» DLGS 4.3.2015 n. 23 : IL LICENZIAMENTO NEL CONTRATTO «A TUTELE CRESCENTI» A cura dello studio legale Alberto Guariso Livio Neri Aggiornamento al 06.03.2015 A chi si applica il nuovo regime? 1) A tutti

Dettagli

Il contratto a tutele crescenti

Il contratto a tutele crescenti Il contratto a tutele crescenti Giampiero Falasca giampiero.falasca@dlapiper.com Cos'è il contratto a "tutele crescenti"? Cos è Sgravi per assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 Riforma dei licenziamenti

Dettagli

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e-news 2015/1

NUNZIANTE MAGRONE INTER ALIA Legal e-news 2015/1 Le tutele crescenti per i nuovi lavoratori a tempo indeterminato Come noto, il Jobs Act (legge 10 dicembre 2014 n. 183) ha delegato il Governo ad emanare una serie di decreti che porteranno, nell arco

Dettagli

(L. 300/70) modificato dalla L. 92/2012, (attuativo del c.d. Jobs Act): Tutela reale e tutela indennitaria

(L. 300/70) modificato dalla L. 92/2012, (attuativo del c.d. Jobs Act): Tutela reale e tutela indennitaria L.U.M.S.A. Corso di Diritto del Lavoro a.a. 2015-2016 Prof. Megna Maria Rosalia ART. 18 Statuto Lavoratori (L. 300/70) modificato dalla L. 92/2012, e d. lgs. n. 23/2015 del 4.03.2015 (attuativo del c.d.

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO A TUTELE CRESCENTI. Ferrara, 09.12.2015

CONTRATTO DI LAVORO A TUTELE CRESCENTI. Ferrara, 09.12.2015 CONTRATTO DI LAVORO A TUTELE CRESCENTI Ferrara, 09.12.2015 Il d. lgs. n. 23 del 2015 di attuazione della legge delega n. 183 del 2014 ha introdotto il contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura

I venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura Il contratto di lavoro a tutele crescenti D.Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015 13 marzo 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Il contratto di lavoro

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

JOBS ACT : L. 183/14 (entrata in vigore il 16.12.2014)

JOBS ACT : L. 183/14 (entrata in vigore il 16.12.2014) Novità della L.183/2014 «JOBS ACT» E «CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI» DECRETI DELEGATI JOBS ACT : L. 183/14 (entrata in vigore il 16.12.2014) 1) Flessibilità in uscita: CONTRATTO A

Dettagli

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali Articolo 18 La riforma dei licenziamenti individuali Torino, 11 ottobre 2012 Corso in materia giuslavoristica Dr. Giuseppe Goffi Studio Goffi Commercialisti Associati Riferimenti normativi di base Art.

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI GIUSEPPE CATELLI

IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI GIUSEPPE CATELLI IL LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO E LA TUTELA DEL LAVORATORE IN CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO AI SENSI DELLA L. 604/1966, ARTT. 1-8, E DELLA L. 300/1970, ART. 18 COME MODIFICATI DALLA

Dettagli

La tutela del lavoratore nelle norme vigenti

La tutela del lavoratore nelle norme vigenti Istituto Regionale di Studi sociali e politici Alcide De Gasperi - Bologna Disciplina dei licenziamenti La tutela del lavoratore nelle norme vigenti Documentazione Corso di formazione 2011/2012 su Lavoro

Dettagli

Jobs Act. Contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI

Jobs Act. Contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Jobs Act. Contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nell'ambito del riordino delle forme contrattuali, è stato introdotto

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE LE GUIDE DELLA FABI 1 IL JOBS ACT IN PILLOLE Il Consiglio dei Ministri venerdì 20 febbraio, ha approvato i Decreti attuativi del Jobs Act, la Riforma del lavoro. In sintesi riassumiamo i punti più salienti

Dettagli

Piacenza, 09 marzo 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 09 marzo 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 09 marzo 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 33 Oggetto: Modifiche alle norme sui licenziamenti Il primo pacchetto di norme emanate ai sensi della Legge 183/2014, il

Dettagli

JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart»

JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart» JOBS ACT Spunti e riflessioni per una legislazione «smart» Sergio Barozzi Sofia Bargellini Francesco Bacchini 15.07.2015 1 Tableau de travail Lavoro a orario ridotto e lavoro flessibile Il rapporto di

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. ante D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com)

I venerdì dell Avvocatura. I Licenziamenti. ante D.Lgs. 23/2015. Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I Licenziamenti ante D.Lgs. 23/2015 Avv. Antonella Lo Sinno (antonella.losinno@daverioflorio.com) 10 aprile 2015 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro

VITALE & ASSOCIATI, Studio legale e di consulenza del lavoro Art. 1 Campo di applicazione Applicabile anche ai datori di lavoro non imprenditori, che svolgono senza fine di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione

Dettagli

RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI. Milano 29 ottobre 2015

RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI. Milano 29 ottobre 2015 RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI Milano 29 ottobre 2015 LEGGE N.300/1970 STATUTO DEI LAVORATORI - ART.18 MODIFICHE APPORTATE DALLA LEGGE N. 92/2012 : TUTELA REALE

Dettagli

Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte

Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte Commi 1, 2 e 3: tutela reintegratoria piena o forte Licenziamento nullo perché discriminatorio intimato in concomitanza del matrimonio intimato in concomitanza della gravidanza, fruizione del congedo di

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: PRINCIPI GENERALI

CAPITOLO PRIMO LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: PRINCIPI GENERALI INDICE CAPITOLO PRIMO LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: PRINCIPI GENERALI 1. Evoluzione storico-giuridica delle principali fonti normative del licenziamento individuale... pag. 9 2. I requisiti formali del licenziamento:

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI LA RIFORMA «FORNERO» La L. 92/2012, ha profondamento innovato la disciplina dei licenziamenti, in particolare per le azienda con più di 15 dipendenti, cui si applica l art. 18 dello Statuto dei Lavoratori.

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Vittorio De Luca avvocato e dottore commercialista Studio De Luca Avvocati Giuslavoristi Galleria Passarella, 2 Milano Milano - 17 Settembre

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015. Area Consulenza del Lavoro CIRCOLARE INFORMATIVA DEL 24.03.2015 Area Consulenza del Lavoro SOMMARIO: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato nel corso del 2015 (Pag.2) Contratto

Dettagli

La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero

La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero La disciplina dei licenziamenti individuali dopo la riforma Fornero Convenzione OIL n. 158/1982 Art. 4 Carta dei diritti fondamentali dell UE Art. 30 Art. 2118c.c. Art. 2119c.c. L. n. 604/1966 Art. 18

Dettagli

Sommario generale. Capitolo primo

Sommario generale. Capitolo primo Sommario generale Capitolo primo 1/1 Introduzione all opera 1/2 Note di presentazione degli autori 1/3 Sommario generale 1/4 Indice formule su CD-Rom 1/5 Elenco delle abbreviazioni utilizzate negli indici

Dettagli

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI NEWSLETTER n. 21 16 marzo 2015 JOBS ACT I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI E IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RIFERIMENTI: Legge 10 dicembre 2014 n.183 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 Decreto Legislativo

Dettagli

Sgravi Contributivi per Nuove Assunzioni e nuove disposizioni in tema di Contratto del Lavoro

Sgravi Contributivi per Nuove Assunzioni e nuove disposizioni in tema di Contratto del Lavoro a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: Sgravi Contributivi per Nuove Assunzioni e nuove disposizioni in tema di Contratto del Lavoro Tra la fine del 2014 e l inizio del 2015 sono state introdotte importanti

Dettagli

MEMORANDUM n. 5/2016 JOBS ACT: COME CAMBIANO I REGIMI DI TUTELA NEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

MEMORANDUM n. 5/2016 JOBS ACT: COME CAMBIANO I REGIMI DI TUTELA NEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI MEMORANDUM n. 5/2016 JOBS ACT: COME CAMBIANO I REGIMI DI TUTELA NEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Roma, aprile 2016 A cura del Gruppo di Lavoro: Previdenza Obbligatoria e Complementare - Area Commercialista

Dettagli

Speciale Jobs Act NEWSLETTER. i primi due decreti attuativi RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale

Speciale Jobs Act NEWSLETTER. i primi due decreti attuativi RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LICENZIAMENTO INDIVIDUALE ASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO DAL 7 marzo 2015 (*)

SCHEDA DI SINTESI LICENZIAMENTO INDIVIDUALE ASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO DAL 7 marzo 2015 (*) SCHEDA DI SINTESI LICENZIAMENTO INDIVIDUALE ASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO DAL 7 marzo 2015 (*) (*) Le seguenti disposizioni si applicano anche nei casi di conversione, successiva al 7 marzo 2015, di contratto

Dettagli

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro Decreto Poletti marzo 2014 I parte Jobs Act Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 Delega lavoro DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi

Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi Il nuovo rito per i licenziamenti. Il novellato art. 18 S.L Mirco Minardi lexform.it II.1 IL VECCHIO E IL NUOVO ARTICOLO 18 S.L.. In quali casi si applica il nuovo procedimento giudiziario specifico? In

Dettagli

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015 Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza Bergamo, 11 giugno 2015 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Confronto tra Riforma Fornero e Jobs Act IL JOBS

Dettagli

contratto a tutele crescenti e licenziamenti

contratto a tutele crescenti e licenziamenti 16/02/15 contratto a tutele crescenti e licenziamenti 13 febbraio 2015 relatore: sarah barutti s.barutti@spolverato.com www.spolverato.com CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Il 24 dicembre 2014 il Consiglio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 4 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Jobs act: le novità in materia di tutele crescenti e ammortizzatori sociali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO A cura di Valerio Gastaldello, Coordinatore Uffici Vertenze Cisl del Veneto [3 luglio 2012] Presentazione La riforma del

Dettagli

Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014. Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie

Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014. Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie Prot. 233/SG/ORSA FERROVIE Roma, 29 Dicembre 2014 Strutture centrali e territoriali di OR.S.A. Ferrovie Allegato alla presente, documento di OR.S.A. FERROVIE recante i contenuti e la prima analisi (in

Dettagli

IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI cdlpg IL CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Dott. Giovanni Cruciani Consulente del Lavoro - Perugia 1 Il contratto a tutele crescenti porterà nuova occupazione? E le nuove agevolazioni contributive sono più

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO

LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO LE NUOVE PROCEDURE DI LICENZIAMENTO LICENZIAMENTO DISCIPLINARE Conseguenze in caso di illegittimità tutela obbligatoria Articolo 8 legge 15 luglio 1966, n. 604 TUTELA OBBLIGATORIA-

Dettagli

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento. TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento. TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri Dispositivi legislativi e tempistica Decreto Poletti (L. conv.

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Principali novità introdotte dal Jobs Act

Principali novità introdotte dal Jobs Act Principali novità introdotte dal Jobs Act Nel 2014 con il Jobs Act (Legge Delega 184/2014) il legislatore ha stabilito le linee guida e i principi posti alla base di una ampia e complessa riforma che ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015

CIRCOLARE N. 1/2015. del 9 gennaio 2015 CIRCOLARE N. 1/2015 del 9 gennaio 2015 OGGETTO: SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento Mini guida: job act Contratti, licenziamenti, flessibilità, conciliazione, ammortizzatori sociali, controlli: sono i punti chiave della nuova legislazione del lavoro italiana su cui è intervenuto il Jobs

Dettagli

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012

Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 A tutti i clienti luglio 2012 Modifiche alle norme sui licenziamenti introdotte dalla legge 92/2012 Novità in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo(ragioni inerenti all'attività produttiva,

Dettagli

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale

Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015. Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Il decreto legislativo n.23 del 4 marzo 2015 Avv. Prof. Francesco Rotondi LABLAW Studio Legale Art. 4 Vizi formali e procedurali 1. Nell ipotesi in cui il licenziamento sia intimato con violazione del

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014)

DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014) DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014) DECRETO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI DECRETO AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE DECRETO RIORDINO TIPOLOGIE CONTRATTUALI

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 9 marzo 2015 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 38/2015 Oggetto: Jobs Act - Contratto

Dettagli

JOBS ACT OTTOBRE 2015. STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella

JOBS ACT OTTOBRE 2015. STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella JOBS ACT OTTOBRE 2015 STUDIO LEGALE FERRIERI Davide Ferrieri Greta Ramella D. LGS. 81/2015 (entrato in vigore il 25 giugno 2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

JOBS ACT. Riforma del diritto del lavoro promossa ed attuata dal governo Renzi e identificata con una serie di norme approvate tra il 2014 e il 2015.

JOBS ACT. Riforma del diritto del lavoro promossa ed attuata dal governo Renzi e identificata con una serie di norme approvate tra il 2014 e il 2015. JOBS ACT Riforma del diritto del lavoro promossa ed attuata dal governo Renzi e identificata con una serie di norme approvate tra il 2014 e il 2015. STUDIO LEGALE FERRIERI Greta Ramella Alessandra Napetti

Dettagli

JOBS ACT. Decreto Legislativo 4 marzo 2015. n. 23 in materia di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti in vigore dal 7 marzo 2015

JOBS ACT. Decreto Legislativo 4 marzo 2015. n. 23 in materia di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti in vigore dal 7 marzo 2015 JOBS ACT Decreto Legislativo 4 marzo 2015. n. 23 in materia di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti in vigore dal 7 marzo 2015 Legge Delega (JOBS ACT) In attuazione di tale Legge Delega, è stato

Dettagli

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante JOBS ACT Norme in materia di lavoro Milano, 24 marzo 2015 Relatore: Pierluigi Brigante Finalità Jobs Act Incremento occupazionale Riduzione tipologie contrattuali Eliminazione precariato Regole di entrata

Dettagli

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti. Buona lettura!

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti. Buona lettura! Studio Partner di In evidenza in questa circolare: 2015 L ANNO IN CUI CONVENNE ASSUMERE. pag. 2 JOBS ACT IL CONTRATTO A TERMINE pag. 4 L ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE pag. 7 JOBS ACT IL CONTRATTO A TUTELE

Dettagli

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Forma, motivazione, impugnazione (si applica a tutti i datori di lavoro) FORMA: è necessaria la forma scritta (art. 2, Legge n. 604/1966). Il licenziamento orale è sanzionato con la tutela reintegratoria

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n.

La riforma del mercato del lavoro. Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. La riforma del mercato del lavoro Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita DdL n. 3249/S Disciplina in tema di licenziamenti individuali Tipologia di licenziamento

Dettagli

RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI

RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI RELAZIONE SULL INCONTRO TENUTOSI PRESSO LA DTL DI PORDENONE IN TEMA DI CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI In data 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 4 marzo 2015 n. 23, attuativo della nota legge delega

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

LA RIFORMA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: IL NUOVO ARTICOL0 18

LA RIFORMA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: IL NUOVO ARTICOL0 18 LA RIFORMA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI: IL NUOVO ARTICOL0 18 Ancona, 19 luglio 2012 Avv. Leonardo Criscuoli Studio Legale, Commerciale e Tributario www.an.camcom.gov.it 1 La disciplina dei licenziamenti

Dettagli

SCHEMI DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT APPROVATI DAL CDM NELLA SEDUTA DEL 20.02.2015

SCHEMI DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT APPROVATI DAL CDM NELLA SEDUTA DEL 20.02.2015 SCHEMI DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT APPROVATI DAL CDM NELLA SEDUTA DEL 20.02.2015 1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

Dettagli