1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Unità di generazione PWM del ADMCF32X"

Transcript

1 SOMMARIO 1 UNITÀ DI GENERAZIONE PWM DEL ADMCF3X... 1 PWM TIMER OPERATION... REGISTRO PWMTM... REGISTRO PWMDT (DEAD-TIME REGISTER)... PWM DUTY-CYCLE... 3 PWMTRIP... 3 GENERAZIONE DI MODELLI SINUSOIDALI PWM IMPLEMENTAZIONE SOFTWARE... 5 LIBRERIE GENERAL PURPOSE... 5 Admcf3x.h... 5 Flash_CT.h... 5 Trigono.h... 5 Putvectr.h... 6 Macro.h... 6 STRUTTURA DEI REGISTRI... 6 PROGRAMMA PRINCIPALE: LIBRERIA MAIN.H... 8 PROGRAMMA PRINCIPALE: MAIN.DSP... 9 SORGENTE MAIN.DSP : PORZIONI SIGNIFICATIVE Unità di generazione PWM del ADMCF3X Il generatore PWM del dispositivo ADMCF3X è un flessibile generatore PWM trifase che può essere programmato per creare diversi tipi di modelli PWM. Lo schema a blocchi di questa unità è illustrato in Figura 1; i blocchi principali generano sei segnali PWM che escono dai pin AH,AL,BH,BL,CH e CL. Il codice del DSP può essere progettato per produrre la migliore strategia PWM richiesta dall applicazione, grazie anche alla presenza di tre registri (uno per fase) dedicati al duty-cycle dei segnali PWM. Figura 1.1 Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 1 di 11

2 Ciascuno dei sei segnali PWM può essere disabilitato da differenti enable bit del PWMSEG register. Inoltre altri tre bit di controllo del PWMSEG (crossover mode) permettono lo scambio di due segnali PWM consentendo un semplice controllo di motori ECM o brushless DC (BDCM). Esistono due modi di operare del controller PWM e sono il single update mode ed il double ipdate mode. Nel primo i modelli PWM generati sono simmetrici mentre nel secondo no. Il vantaggio di avere modelli asimmetrici risiede nel fatto di produrre meno distorsioni; questo consente l utilizzo in sistemi di controllo che sono critici per il rumore. PWM TIMER OPERATION Il timer PWM controlla le operazioni interne all unità di generazionepwm. Queste operazioni, nell intero periodo PWM, sono schematizzate in figura 1.. Il contenuto a 16bit del registro PWMTM viene usato per controllare la frequenza di switching dei segnali PWM. Durante la prima metà del ciclo il timer PWM decrementa da PWMTM a 0, una volta a 0 la direzione del conteggio cambia ed il timer inizia ad incrementare fino al valore PWMTM. In figura1. sono anche illustrati gli impulsi PWMSYN, generati dal pin dedicato PWMSYNC, relativi ad operazioni in single o double update mode. Figura 1. REGISTRO PWMTM La frequenza di switching è direttamente controllata dal registro PWMTM la cui unità di generazione riesce a realizzare frequenze di switching da un valore minimo di 153Hz ( quando PWMTM = 0xffff) ad un massimo stabilito da quel valore per cui si hanno risoluzioni accettabili dei PWM dipendentemente dalla frequenza di clock del DSP. La relazione che descrive il valore da assegnare al registro è: PWMTM = f clk _ out * f pwm da cui si ricava il periodo di switching T = * PWMTM * s t ck REGISTRO PWMDT (DEAD-TIME REGISTER) E un registro a 10 bit che controlla il ritardo da inserire tra le commutazioni in ingresso al ponte H al fine di evitare l effetto di cortogamba che può essere causa di danneggiamento dei dispositivi di potenza. Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag di 11

3 T = * PWMTD * D t ck Ad esempio fissando PWMDT = 10 (0x000A) con un t ck = 50ns si ottiene un dead time di 1us. PWM DUTY-CYCLE Sono presenti sei uscite PWM (AL,AH,BL,BH,CL e CH) ma allo scopo di questa realizzazione ne sono effettivamente utili solamente quattro; queste uscite sono controllate da tre registri a 16 bit PWMCHA, PWMCHB e PWMCHC il cui valore intero controlla il duty-cycle delle uscite (es. PWMCHA regola AH e AL). Questo valore intero è un numero multiplo del tempo di clock e indica il livello alto del segnale PWM nel semiperiodo. Esistono due modi di gestire il duty-cycle: - Single update mode - Double update mode In questo contesto, però, sarà utile occuparsi solo del primo caso. Nel Single update mode, quindi, i due segnali PWM sono perfettamente simmetrici rispetto alla metà del periodo di switching, come si vede in figura 1.: Figura 1. Le relazioni che descrivono i tempi in cui i segnali sono alti: T = * ( PWMCHA PWMDT ) * AH t ck T = * ( PWMTM PWMCHA PWMDT ) * AL t ck da cui i duty-cycle: D AH T = T AH S ( PWMCHA PWMDT ) PWMTM D AL T = T AL S ( PWMTM PWMCHA PWMDT ) PWMTM Con una breve verifica si nota che non si possono avere valori negativi di T AH e T AL ma possono avere al minimo valore nullo e al massimo pari a T S (Duty-cycle 100%). PWMTRIP In caso di guasti esterni è molto importante che i segnali PWM siano immediatamente disabilitati al fine di garantire al controller una gestione sicura. Un fronte di discesa di PWMTRIP scatena un istantaneo e Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 3 di 11

4 asincrono spegnimento del controller PWM. Nello schema a blocchi Figura 1.1 è illustrato anche la circuiteria relativa alla generazione del PWMTRIP. Generazione di modelli sinusoidali PWM L uscita desiderata si ottiene variando ampiezza e frequenza del riferimento V refx ; il risultato della comparazione tra riferimento sinusoidale ed onda triangolare danno origine ai segnali PWM usati per controllare i dispositivi di potenza i quali comandano il motore. Figura.1 In figura.1 si ha una visione espansa del processo di generazione di un singolo PWM. Viene evidenziata la relazione tra la tensione di riferimento V refa ed il segnale risultante AH. La tensione di riferimento sinusoidale risulta effettivamente campionata con un rapporto pari a quello della frequenza di switching. Il campione, prelevato all inizio di ciascun ciclo di modulazione viene usato per calcolare il duty-cycle dell intero periodo PWM. Ad ogni ciclo il DSP deve contare un nuovo valore ON-Time da poter scrivere nei due registri del duty-cycle dell unità di generazione.; dalla figura.1 si intuisce che questo può essere trovato calcolando il tempo T on,a, di ogni ciclo, dipendentemente dal campione prelevato dal riferimento V refa. Nel caso d esempio si assume che la tensione di riferimento sia rappresentata con un numero con segno in complemento a due (formato 1.15), così che 1.0 rappresenti il massimo picco di tensione applicato al motore. Sempre dalla Figura.1 si nota che i triangoli MPQ e MST sono identici: PQ / ST = PM / SM da cui: 1 ( TS T 1 TS on, A ) 1 V = ref, A e ricavandone T on,a Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 4 di 11

5 T on, A = T S 1+ V * ref, A il valore da scrivere nel registro PWMCHA si calcola con: PWMCHA = PWMTM 1 V ref, A + Da quest ultima relazione si osserva che per V refa pari a 0.0 nel duty-cycle register viene scritto un valore pari a metà periodo, corrispondente ad un dut-cycle del 50%. Se, invece, V refa = 1.0 si ottiene un PWMCHA=PWMTM corrispondente ad uno stato sempre ON. Con V refa = -1.0 cioè PWMCHA=0 corrispondente ad uno stato sempre OFF. 3 Implementazione Software Il programma utilizza la funzione trigonometrica Seno per creare i due segnali di riferimento sinusoidali.la fase e scalata in modo tale da far si che l intervallo [-π,π] sia mappato nel formato Formato segno Ogni volta che verra servita la PWMSync ISR (ogni 100us con una freq di 10kHz) la fase viene incrementata di una quantita dipendente dal parametro Delta che rappresenta la massima frequenza d uscita.tale frequenza (nel nostro caso 5 Hz) e ragguinta solo se si inizializza la variabile AD_IN con 0x7FFF,che nel formato 1.15 rappresenta 1,0 in decimale. La relazione che lega la massima frequenza di fondamentale e il valore di Delta e la seguente: f 1,max = f s Delta 16 dove f s e la frequenza di switching della PWM. Nel nostro esempio,con Delta = 0x000 = 3 riusciamo a raggiungere una frequenza massima di 4,88Hz. Il sw realizzato e composto dal programma principale Main.dsp, il quale fa uso delle librerie general purpose fornite dal costruttore Analog Devices, le quali contengono le macro piu comuni per la gestione degli interrupt, e le costanti, quali ad esempio gli indirizzi in data memory dei registri. LIBRERIE GENERAL PURPOSE Admcf3x.h Tutti I registri del DSP core (PWM, AUX, PIO ecc..) sono mappati in memoria a partire dalla locazione 0x000. Questa libreria contiene, per ogni registro, il suo relativo indirizzo nella Data Memory. Flash_CT.h Dispone delle macro di gestione del blocco di memoria Flash e del Boot From Flash Bit (cancellabile via hw con un segnale di 3,5v su un qualsiasi piedino dei canali PIO.Nel nostro caso abbiamo usato il PIO6). Trigono.h Contiene le macro per l implementazione via sw (mediante algoritmi di approssimazione) delle principali funzioni trigonometriche. Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 5 di 11

6 Putvectr.h Lettura/scrittura dei registri. Macro.h Gestione dell Interrupt Vector, scrittura/lettura locazioni di memoria (DM), operazioni di clear/set/toggle/test su bit ecc.. I listati delle sopracitate librerie si possono trovare nelle directory _inclf3x (header files *.h) e _libf3x (dsp files *.dsp). STRUTTURA DEI REGISTRI E opportuno mostrare la struttura dei principali registri utilizzati nell applicazione (per dettagli vi rimandiamo alla sezione 1),ponendo particolare attenzione a quelli dedicati alla PWM Contro Unit. Infatti,una volta decisi i parametri di progettazione (es:frequenza di switching del segnale PWM, tempo morto ecc.) non basta far altro che inserire in questi registri l opportuno valore mediante le funzioni che potete vedere qui. Figura 3.1: PWM Switching frequency. Figura 3.: PWM Dead Time. Figura 1.3: PWM Output Control Unit. Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 6 di 11

7 Figura 3.4: Durata dell'impulso PWMSYNC. Figura 3.: Minima durata dell'impulso PWM. Figura 3.3: Gate Drive Unit. Figura 3.4: Regolazione dei Duty cycles. Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 7 di 11

8 PROGRAMMA PRINCIPALE: LIBRERIA MAIN.H Il file contiene le costanti necessarie per l inizializzazione della PWM Control Unit. In questa applicazione si e scelto : una frequenza di switching di 10kHz; tempo morto o cortogamba (per evitare un corto nello stadio di potenza durante le commutazioni da una diagonale all altra del ponte) di 500ns; durata minima dell impulso pwm di 1us; durata dell impulso di sincronizzazione (quello che cadenza l esecuzione della PWMSYNC_ISR) pari a 1,54us; segnale sinusoidale di riferimento a 5 Hz; angolo di sfasamento delle due sinusoidi di 180. Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 8 di 11

9 PROGRAMMA PRINCIPALE: MAIN.DSP Il main.dsp e fondamentalmente suddiviso in due parti:la sezione dedicata all inizializzazione della PWM Control Unit e dalla gestione della Interrupt Service Routine (associata all IRQ della PWMSYNC).Da notare infatti,che avendola mascherata a livello sw mediante il settaggio opportuno dei registri IFC (Interrupt Force & Clear) e IMASK,tale ISR viene servita ogni 100us ad una frequenza di switching della PWM di 10kHz.Il diagramma sottostante mosta i blocchi costitutivi del file main.dsp. Per la compilazione del sorgente occorre lanciare il file build.bat, facendo particolare attenzione nel controllare prima che il path all interno del suddetto file sia corretto. main Gestione Della Flash Memory e del Boot bit. Flash Inizializzazion e blocco PWM. Settaggio Interrupt Vector Single Update Mode abilitato. Maschero IRQ con PWMSYNC_I SR Ogni 100us PWMSYNC ISR Fase A Lettura di Theta (fase corrente) e Delta (freq.desiderata) Fase B Lettura di Theta (fase corrente) Aggiornamento duty cycles mediante scrittura sui registri PWMCH(A,B) Calcolo della nuova fase: Theta=Theta + Delta *AD_IN Calcolo della nuova fase: Theta=Theta 180 Tensione di riferimento per la fase A: VrefA = Sin(Theta)*AD_IN Tensione di riferimento per la fase B: VrefB = Sin(Theta)*AD_IN Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 9 di 11

10 SORGENTE MAIN.DSP : PORZIONI SIGNIFICATIVE Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 10 di 11

11 E utile ricordare il metodo con cui vengono aggiornati i registri dedicati ai duty cycles dei canali A e B (C infatti a noi non serve,ed e stato disabilitato mediante il registro PWMSEG). PWMTM PWMCHA = (1 + VrefA) analogamente per l altro canale. Per la gestione dell ISR PWMTRIP e stato deciso di far eseguire una semplice istruzione nop.tuttavia in ambito industriale occorre dedicare molta attenzione a questo aspetto in quanto e in gioco la sicurezza dell impianto. Infatti, ogni qual volta accade un guasto nel sistema controllato, un fronte di discesa sul canale PWMTRIP causa un istantaneo spegnimento del generatore PWM per garantire la sicurezza del sistema.quindi puo essere necessario introdurre le blocco PWMTRIP_ISR una gestione opportuna di questo evento. Azionamenti Elettrici per l Automazione Pag 11 di 11

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

DIPLOMA A DISTANZA IN INGEGNERIA ELETTRICA

DIPLOMA A DISTANZA IN INGEGNERIA ELETTRICA DPLOMA A DSTANZA N NGEGNERA ELETTRCA CORSO D ELETTRONCA NDSTRALE D POTENZA Lezione 26 Controllo di corrente di invertitori monofase a tensione impressa Docente: Luigi Malesani Dipartimento di ngegneria

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda 8259 (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Generalità L'8259 è stato progettato

Dettagli

Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi

Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi liserre@poliba.it Sottosistema a propulsione elettrica Controllore del veicolo Convertitore elettronico di potenza Motore elettrico Trasmissione meccanica

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Corso di ELETTRONICA INDUSTRIALE INVERTER TRIFASE A TENSIONE IMPRESSA

Corso di ELETTRONICA INDUSTRIALE INVERTER TRIFASE A TENSIONE IMPRESSA Corso di ELETTRONICA INDUSTRIALE INVERTER TRIFASE A TENSIONE IMPRESSA Principi di funzionamento di invertitori trifase a tensione impressa Principi di funzionamento di invertitori trifase a tensione impressa

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Circuiti sequenziali e elementi di memoria

Circuiti sequenziali e elementi di memoria Il Livello Logicoigitale I circuiti sequenziali Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Sommario Circuiti sequenziali e elementi di memoria Bistabile SR asincrono Temporizzazione e clock

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON

Lezione 8. Figura 1. Configurazione del registro INTCON Lezione 8 In questa puntata, ci dedicheremo all'impiego dei cosiddetti "interrupt", che tanto incutono temore ai più inesperti. Ma che cosa sono questi interrupt? Come abbiamo già visto, un programma non

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Esercitazione 2 di verifica

Esercitazione 2 di verifica Architettura degli Elaboratori, 27-8 Esercitazione 2 di verifica Soluzione: mercoledì 24 ottobre Una unità di elaborazione U è così definita: Domanda 1 i) possiede al suo interno due componenti logici

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

8088 + log. controllo

8088 + log. controllo CORSO DI ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI PROGRAMMAZIONE ASSEMBLY: PROGETTO 26 LUGLIO 2007 CONSEGNA Sabato 15 settembre 2007 Lo studente programmi nel linguaggio Assembly 8088 presentato a lezione un micro

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1 Davide Oldani (Galaxi93) IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 20 July 2013 Premesse Lo scopo di questo articolo è quello di riuscire a interfacciare un DAC della Maxim (MAX541) al PIERIN PIC18 via SPI.

Dettagli

OSCILLOSCOPIO SOFTWARE

OSCILLOSCOPIO SOFTWARE OSCILLOSCOPIO SOFTWARE Ghiro Andrea Franchino Gianluca Descrizione generale... 3 Interazioni tra processi e risorse... 4 Funzionalità di processi e risorse... 5 Interfaccia e comandi utente... 6 Funzioni

Dettagli

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC-

Un micro FPGA. skills. come il core ABC. il core ABC sia la suite di sviluppo di AC- skills di Un micro FPGA che parte dall ABC Quando in molti progetti è necessario unire alla logica programmabile la funzionalità di un piccolo microprocessore le soluzioni semplici come il core ABC possono

Dettagli

clock DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus indirizzi Bus di controllo

clock DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus indirizzi Bus di controllo Schede a microprocessore Seconda parte Mondo esterno clock MEMORIA CPU PERIFERICA ADATTATORE DATA BUS ADDRESS BUS CONTROL BUS In realtà il bus del microprocessore si compone di 3 bus diversi: Bus dati

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo per un robot basato su CAN bus

Progetto di un sistema di controllo per un robot basato su CAN bus Università degli studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Elettronica Progetto di un sistema di controllo per un robot basato su CAN bus Relatore Ing. Antonio

Dettagli

Generazione della portante sinusoidale

Generazione della portante sinusoidale 6 Generazione della portante sinusoidale In questo capitolo vengono illustrati due metodi per la generazione di portante sinusoidale affetta da rumore di fase. Un metodo produce un segnale simulato quantizzato

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti

Lezione 4. Figura 1. Schema di una tastiera a matrice di 4x4 tasti Lezione 4 Uno degli scogli maggiori per chi inizia a lavorare con i microcontroller, è l'interfacciamento con tastiere a matrice. La cosa potrebbe a prima vista sembrare complessa, ma in realtà è implementabile

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

Multitensione Multifunzione. Multitensione Monofunzione

Multitensione Multifunzione. Multitensione Monofunzione Serie 80 - Temporizzatore modulare 16 A Caratteristiche Temporizzatori multifunzione e monofunzione - Multifunzione & multitensione 80.11 - Ritardo all'inserzione, multitensione Larghezza 17.5 mm Sei scale

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI

INTRODUZIONE alla PROGRAMMAZIONE di MICROCONTROLLORI LUCIDI LEZIONI SISTEMI ELETTRONICI INDUSTRIALI www.dismi.unimo.it (People Associated Pavan ) www.microchip.com com (Datasheet PIC - DS30292) (Mid Range Family Manual DS33023) Università degli Studi di

Dettagli

Caratterizzazione dinamica di sensori ODC

Caratterizzazione dinamica di sensori ODC Caratterizzazione dinamica di sensori ODC R. Bruschi, C. Stringola, S. Giammartini, M. Nobili Report RSE/2009/100 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO Caratterizzazione

Dettagli

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice

Versione A: caricamento ed esecuzione del codice Versione A: caricamento ed esecuzione del codice «Nella sua prima versione, la CPU si compone soltanto di registri utili ad accedere alla memoria per leggere il codice operativo da eseguire, come di vede

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI A09 139 Graziano Frosini Giuseppe Lettieri ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI VOLUME II STRUTTURA DEL PROCESSORE, DEL BUS, DELLA MEMORIA E DELLE INTERFACCE, E GESTIONE DELL I/O CON RIFERIMENTO AL PERSONAL COMPUTER

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Guida di Riferimento Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Questo documento utilizza la documentazione disponibile sui PLC e SLC per mostrare come è possibile comunicare tra

Dettagli

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit Convertitori analogico/digitali Un convertitore analogico digitale ha la funzione inversa a quella di un convertitore DAC, poiché il suo scopo è quello di permetter ad un sistema a microprocessore di acquisire

Dettagli

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda.

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda. Analisi dei segnali. Dominio del tempo e della frequenza. Teorema di Fourier e analisi armonica. Spettro di un segnale. Spettro di forme d'onda elementari. Spettro di un impulso. Spettro di segnali non

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

DMA Accesso Diretto alla Memoria

DMA Accesso Diretto alla Memoria Testo di rif.to: [Congiu] - 8.1-8.3 (pg. 241 250) 08.a DMA Accesso Diretto alla Memoria Motivazioni Organizzazione dei trasferimenti DMA Arbitraggio del bus di memoria Trasferimento di un blocco di dati

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Wattmetri da laboratorio

Wattmetri da laboratorio Wattmetri da laboratorio Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali indipendenti 3193 Wattmetro monofase 100kHz per bassissime potenze 3332 Wattmetro mono-trifase 100kHz 3331 Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali

Dettagli

Capitolo 3. Hardware. 3.1 Struttura dell azionamento. Il prototipo dell azionamento realizzato è riportato nelle figure 3.1 e 3.2:

Capitolo 3. Hardware. 3.1 Struttura dell azionamento. Il prototipo dell azionamento realizzato è riportato nelle figure 3.1 e 3.2: Capitolo 3 Hardware 3.1 Struttura dell azionamento Il prototipo dell azionamento realizzato è riportato nelle figure 3.1 e 3.2: Fig. 3.1: Prototipo dell azionamento 46 LISAR - Laboratorio Intersettoriale

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18.

Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial. Embedded Software. Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18. Tutorial Embedded Software Sviluppo di uno Scheduler di base per PIC18 Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. COSA CI SERVE?... 3 3. UN PO DI TEORIA... 4 4. DALLA TEORIA ALLA PRATICA... 5 5. IMPLEMENTAZIONE...

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO MISURE ELETTRICHE INDUSTRIALI (01GKDFD) ESPERIENZE DI LABORATORIO A.A. 010 011 GRUPPO 09 Faustino elettrix01 Ezio Maxwell LABORATORIO 01 Acquisizione dati attraverso una DAQ Board Obiettivi Comprendere

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

Ma andiamo un pò più in profondità... ci sono altre opzioni che forniscono più flessibilità :)

Ma andiamo un pò più in profondità... ci sono altre opzioni che forniscono più flessibilità :) PWM ed oltre ovvero prendiamo confidenza con il PWM di Arduino Duemilanove La modulazione di larghezza di impulso (Pulse Width Modulation ) può essere usata da Arduino in diversi modi. In questo tutorial

Dettagli

I sensori di spostamento induttivi

I sensori di spostamento induttivi Si basano sulla variazione del coefficiente di auto o mutua induzione con lo spostamento incognito. Sono dispositivi molto diffusi poiché presentano una elevata robustezza verso i fattori ambientali (si

Dettagli

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di

Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione. 1 e prende il nome frequenza di Il Campionameto dei segnali e la loro rappresentazione Il campionamento consente, partendo da un segnale a tempo continuo ovvero che fluisce con continuità nel tempo, di ottenere un segnale a tempo discreto,

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 16 SUITE BY11250 (1.0.0.1) Editor Parametri e Configurazione (1.0.0.0) IMPORTANTE Pagina 2 di 16 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento

Dettagli

Esempio: aggiungere j

Esempio: aggiungere j Esempio: aggiungere j Eccezioni e interruzioni Il progetto del controllo del processore si complica a causa della necessità di considerare, durante l esecuzione delle istruzioni, il verificarsi di eventi

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico

Esperienza n. 8 Uso dell oscilloscopio analogico 1 L oscilloscopio consente di visualizzare forme d onda e più in generale è un dispositivo che visualizza una qualunque funzione di 2 variabili. Per fare ciò esse devono essere o essere trasformate in

Dettagli

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA Descrizione Generale E un programma di supervisione in grado di comunicare, visualizzare, memorizzare e stampare i consumi dell

Dettagli

MANUALE D USO SAREMA SF1000

MANUALE D USO SAREMA SF1000 MANUALE D USO SAREMA SF1000 COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

E INTERRUTTORI AUTOMATICI

E INTERRUTTORI AUTOMATICI Corso di sist. elettrici per telecomunicazioni - 2 prova di laboratorio PROVE SU FUSIBILI E INTERRUTTORI AUTOMATICI Docente del corso: prof.ssa Angela Russo Galletti Riccardo Matr. 1265 Prove su fusibili

Dettagli

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

I trasduttori differenziali.

I trasduttori differenziali. I trasduttori differenziali. I trasduttori differenziali sono dei dispositivi che consentono di convertire uno spostamento meccanico in un segnale elettrico. Sono utilizzati anche per piccoli spostamenti

Dettagli

Architettura di tipo registro-registro (load/store)

Architettura di tipo registro-registro (load/store) Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC (Reduced Instruction Set Computer) Esegue soltanto istruzioni con un ciclo base ridotto, cioè costituito da poche

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Il processore SHARC ADSP-21262

Il processore SHARC ADSP-21262 2 Il processore SHARC ADSP-21262 Il processore ADSP-21262, utilizzato nel presente lavoro, appartiene ad una vasta famiglia di Digital Signal Processors della Analog Devices, denominata SHARC, particolarmente

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

ESERCIZI - SERIE N.1

ESERCIZI - SERIE N.1 ESERCIZI - SERIE N.1 ACQUISIZIONE DELLO STATO DI SEGNALI ON/OFF Problema: acquisizione, da parte di un'unità di elaborazione realizzata con tecnologia a funzionalità programmata, di un'informazione proveniente

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI EMBEDDED DEFINIZIONE DI SISTEMA EMBEDDED SVILUPPO HW/SW DI SISTEMI EMBEDDED \ DEFINIZIONE DI SISTEMA EMBEDDED UN SISTEMA EMBEDDED È UN SISTEMA DI ELABORAZIONE (COMPUTER) SPECIALIZZATO

Dettagli

Circuiti elettrici lineari

Circuiti elettrici lineari Circuiti elettrici lineari Misure con l oscilloscopio e con il multimetro Edgardo Smerieri Laura Faè PLS - AIF - Corso Estivo di Fisica Genova 009 Elenco delle misurazioni. Circuito resistivo in corrente

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF

La tecnica DDS. Un generatore di toni DTMF La tecnica DDS 32 Un generatore di toni DTMF standard con selezione a tastiera è presentato in quest articolo come applicazione della tecnica DDS (Direct Digital Synthesys), mediante un microprocessore.

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED 1 INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI EMBEDDED ROUND ROBIN ROUND ROBIN CON INTERRUPT FUNCTION QUEUE SCHEDULING REAL TIME OPERATING SYSTEMS (RTOS) INTERRUPT PROGRAMMATI: TIMER INTRODUZIONE 2 In relazione

Dettagli