La crisi frena la crescita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La crisi frena la crescita"

Transcript

1 LE PRIME 100 COMPAGNIE ASSICURATIVE ITALIANE La crisi frena la crescita a cura di Fabio Bertozzi, Project Leader SCS Consulting Alfredo De Massis, Professore Università degli Studi di Bergamo e Manager SCS Consulting Nicola Di Franco, Analyst SCS Consulting Analisi ed evoluzione del mercato assicurativo italiano: le performance delle compagnie tra diminuzione della raccolta e contrazione della profi ttabilità. Le classifi che delle prime 100 compagnie italiane secondo quanto emerge dall Osservatorio sul Mercato Assicurativo Italiano di SCS Consulting Durante il 2011 anche le compagnie assicurative italiane si sono trovate a fronteggiare gli effetti della pesante crisi del debito che ha investito l intero paese. Da un lato, tale crisi ha ingenerato, soprattutto nella seconda metà dell anno, una consistente riduzione nella domanda di coperture assicurative, complici anche la minore propensione al risparmio delle famiglie e le difficoltà del sistema produttivo; dall altro, la diminuzione del valore contabile degli investimenti in titoli di Stato ha inciso in maniera rilevante sul loro risultato di conto economico. Come conseguenza di questo quadro congiunturale, così come nel 2010, il risultato Fabio Bertozzi Project Leader SCS Consulting d esercizio complessivo è negativo, ma l entità della perdita a conto economico è decisamente più ingente (-3,7 miliardi di euro rispetto ai -703 milioni di euro nel 2010) con un peggioramento del ROE di 5,8 punti percentuali (-7,2% nel 2011 contro -1,4% nel 2010). Il risultato tecnico torna ad essere positivo per il settore danni (+103 milioni di euro), tornato in equilibrio grazie al miglioramento della sinistralità, mentre è in profondo deficit per quanto riguarda il settore vita (-3,4 miliardi di euro). Nel 2011 i premi complessivi raccolti dalle compagnie assicurative italiane hanno subito una consistente contrazione, passando Alfredo De Massis Manager di SCS Consulting e professore presso l Università degli Studi di Bergamo dai 128,8 miliardi di euro del 2010 a 113,5 miliardi di euro (-11,9%) e invertendo così il trend positivo in atto nel triennio (Ccgr pari a 16,5%). Torna a crescere il peso dei danni Per il settore danni e il settore vita sono stati registrati andamenti divergenti; mentre nei rami danni la raccolta premi è, seppur lievemente, cresciuta (+3,3%), nei rami vita il volume degli affari intermediati si è ridotto in dodici mesi del 17,9% (90,6 miliardi di euro nel 2010 contro 74,4 miliardi di euro nel 2011). Tali andamenti comportano Nicola Di Franco Analyst SCS Consulting 26 ASSICURA - DICEMBRE 2012

2 un incremento del peso dei rami danni sul totale della raccolta premi pari al 31,4%, in contrasto con la tendenza osservata dal 2006 al 2010, in cui l incidenza dei premi danni sul totale si era progressivamente ridotta passando dal 33,4% al 26,7%. Nel 2011, le prestazioni lorde del lavoro complessivo, ossia l ammontare per oneri sinistri e variazione delle riserve, sono state pari a 106 miliardi di euro, in netta contrazione rispetto all anno precedente (-17,6% rispetto al 2010): la riduzione è ascrivibile pressoché totalmente alla componente vita (da 100,7 a 78,2 miliardi di euro) principalmente per effetto di un aumento degli importi riscattati, mentre la componente danni risulta sostanzialmente invariata rispetto al Calano i costi di gestione Dopo tre anni consecutivi di crescita si osserva una riduzione delle spese di gestione (i costi per l acquisizione dei contratti, per la riscossione dei premi, per l organizzazione e il funzionamento della rete distributiva e le spese di amministrazione relative alla gestione tecnica), pari a 12,3 miliardi di euro nel 2011 (-2,1% rispetto al 2010). Tuttavia, a causa della consistente contrazione nella raccolta, l incidenza delle spese di gestione complessive sui premi è aumentata passando dal 10,1% del 2010 all 11,3% del In particolare, le spese di gestione dei rami danni sono state pari a 8,3 miliardi di euro, con un incidenza sui premi del 24,4% (24,7% nel 2010); quelle dei rami vita sono state pari a 4 miliardi di euro, con un incidenza sui premi del 5,3% (4,9% nel 2010). Figura 1 Andamento della raccolta premi complessiva ( del lavoro complessivo, mln, %, ) Fonte: rielaborazioni SCS su dati Ania 2011 Figura 2 Peso dei canali distributivi nei rami vita (, mln, %, ) Figura 3 Peso dei canali distributivi nei rami danni (, mln, %, ) Fonte: rielaborazioni SCS su dati Ania 2011 Fonte: rielaborazioni SCS su dati Ania 2011 Ancora un anno in perdita A causa del persistente andamento negativo di costi e ricavi, anche per il 2011 il settore assicurativo italiano chiude l esercizio con una perdita, frutto del negativo andamento della gestione ordinaria danni e vita, in perdita di 5,3 miliardi di euro (-1,4 miliardi nel 2010), e di una componente straordinaria positiva, ma inferiore ai livelli dell anno precedente (473 milioni di euro nel 2011, rispetto ai 614 milioni del 2010). Complessivamente, il risultato prima delle imposte è stato pari a -4,8 miliardi di euro; considerando il positivo effetto della tassazione (pari a -1,1 miliardi di euro), si ottiene a conto economico una perdita pari a 3,7 miliardi. Avvicendamento ai vertici La classifica generale delle prime cento compagnie assicurative italiane per raccolta premi complessiva (tabella 1) risente dell importante processo di fusione avvenuto tra Intesa Vita, Centrovita Assicurazioni, Sud Polo Vita ed EurizonVita, che ha portato alla nascita di Intesa San Paolo Vita; questa, infatti, occupa il primo gradino del podio con una raccolta che sfiora i 10 miliardi di euro. Alle sue spalle si registra il sorpasso di Poste Vita ai danni di Generali Assicurazioni che scende al terzo posto dopo un lungo inseguimen- DICEMBRE ASSICURA 27

3 Tabella 1 - Classifica generale delle prime 100 compagnie assicurative italiane per raccolta premi 2011 contabilizrank zati ( /000) contabilizrank zati ( /000) Fonte: rielaborazioni SCS su dati di bilancio. Il campione delle 100 compagnie rappresenta il 98,8% del mercato complessivo to che l aveva già vista insidiare la compagnia triestina nel corso del 2010 (con una crescita della raccolta premi superiore al 33%). Per il 2011 non si registrano nuovi ingressi nella top-ten rispetto all anno precedente, ma solamente scambi di posizione tra alcuni dei restanti big player del mercato. 28 ASSICURA - DICEMBRE 2012 Generali è la più profittevole Per il secondo anno consecutivo la compagnia più profittevole (tabella 2) risulta essere Generali Assicurazioni, seppur con un utile netto pressoché dimezzato rispetto al 2010 (325,6 contro 633,8 milioni di euro). Alle sue spalle, Poste Vita e Italiana Assicurazioni scalzano dal secondo e terzo gradino del podio rispettivamente Allianz ed Eurizon Vita. Vita: un brusco calo In contrasto con il biennio , in cui il comparto vita si era fortemente accresciuto grazie alla vendita di prodotti di

4 Tabella 2, 3 e 4 - Classifica delle compagnie del mercato complessivo per indicatori di redditività Utile netto 2011 ( /000) Roe 2011 (%) Risultato ordinario 2011 ( /000) Tabella 5, 6 e 7 - Classifica delle compagnie del mercato complessivo per indicatori patrimoniali Riserve tecniche nette 2011 (mln ) Patrimonio netto 2011 (mln ) Investimenti netti 2011 (mln ) DICEMBRE ASSICURA 29

5 Classifiche rami vita Tabella 8 - Classifica generale delle compagnie assicurative italiane per raccolta premi vita 2011 ( /000) Rank ( /000) Rank Fonte: rielaborazioni SCS su dati di bilancio risparmio di ramo I con forme di garanzie di rendimento, nel 2011 la raccolta premi diretti nei rami vita è diminuita del 17,9% rispetto all anno precedente, fermandosi al di sotto di quota 75 miliardi. Questo non brillante risultato è dovuto a una contrazione dei premi delle polizze, a causa sia delle ingenti turbolenze dei mercati finanziari che hanno caratterizzato in particolare il secondo semestre del 2011, sia del persistente quadro economico congiunturale negativo che comporta una riduzione generalizzata del reddito disponibile delle famiglie. Tale andamento della raccolta è in deciso contrasto con il trend di aumento particolarmente evidente del biennio , periodo in cui i risparmiatori erano alla ricerca di sicurezza nella selezione dei prodotti di investimento. Nello specifico, i maggiori tassi di contrazione si sono osservati nel Ramo I, in cui i premi raccolti 30 ASSICURA - DICEMBRE 2012 sono diminuiti del 16,4% rispetto al 2010, principalmente a causa dell aumento del tasso sui titoli di Stato che ha contribuito a far scendere la nuova produzione da quasi 5 miliardi a circa 3 miliardi di euro e nel Ramo III, con una riduzione generalizzata sia delle polizze unit linked, sia delle index linked. Nonostante questa contrazione, il volume d affari nei rami vita per il 2011 rimane comunque superiore di circa il 20% a quello mediamente registrato nel triennio Oltre alla riduzione della raccolta, si è verificato un aumento delle prestazioni tale da determinare un flusso netto di raccolta sostanzialmente nullo. Inoltre, se a questo elemento si associa la diminuzione dei proventi tecnici, di poco superiori ai 3 miliardi di euro, si ottiene un risultato tecnico complessivamente negativo, in netto peggioramento rispetto al Intesa San Paolo Vita batte tutti Così come nella classifica generale, anche in quella delle compagnie italiane per raccolta premi nei rami vita (tabella 8), Intesa San Paolo Vita si colloca al vertice facendo scivolare di una posizione le tre compagnie del podio 2011 (rispettivamente Poste Vita, Mediolanum Vita e Generali Assicurazioni). Dalle prime dieci posizioni esce Axa Mps Assicurazioni Vita (dall ottava alla quattordicesima posizione) ed entrano in top ten tre nuove compagnie, Aviva, Allianz e Cardif Vita (ex Bnl Vita), rispettivamente al decimo, nono e ottavo posto. Quest ultima, in particolare, ha conseguito ottime performance in termini di volumi, incrementando la raccolta del 12,9% rispetto al 2010, in un contesto di forte contrazione per il comparto vita.

6 Tabella 9 - Classifica delle compagnie del mercato vita per efficienza operativa Expense ratio 2011 (%) Tabella 10 e 11 - Classifica delle compagnie assicurative italiane del ramo vita per indicatori patrimoniali Proventi patrimoni netti/investimenti 2011 (%) Riserve tecniche nette / Premi netti 2011 (%) Tabella 12, 13 e 14 - Classifica delle compagnie assicurative italiane ramo vita per indicatori dimensionali Riserve tecniche nette 2011 (mln ) Investimenti netti 2011 (mln ) Patrimonio netto 2011 (mln ) DICEMBRE ASSICURA 31

7 Classifiche rami danni Tabella 15 - Classifica generale delle prime 100 compagnie assicurative italiane per raccolta premi danni 2011 ( /000) Rank ( /000) Rank Fonte: rielaborazioni SCS su dati di bilancio Mediolanum Vita la più efficiente Mediolanum Vita guadagna la prima posizione tra le compagnie più efficienti ai danni di Axa Interlife (tabella 9), grazie ad una riduzione del 13,3% del proprio rapporto tra spese di gestione e premi. Alle sue spalle salgono Bim Vita e Cardif Vita, rispettivamente in quarta e quinta posizione nel Alico la più remunerativa La compagnia più virtuosa per quanto riguarda la remunerazione degli investimenti (tabella 10) nel corso del 2011 è 32 ASSICURA - DICEMBRE 2012 Alico Italia, con un rapporto tra proventi dei patrimoni netti e investimenti pari a 3,93. Dietro ad Alico Italia troviamo una conferma, Genertellife seconda anche nel 2010 e un nuovo ingresso sul podio, Pramerica Life, in ascesa dal nono posto occupato nel Anche per il 2011, così come nel 2010, Antoniana Veneta Popolare Vita è la compagnia vita con il più alto rapporto tra riserve tecniche nette e premi netti (tabella 11), seppur con un valore inferiore (55,2% rispetto al 66,7% del 2010). Con rapporti decisamente più contenuti, seguono Popolare Vita (24,3%) e Apulia Previdenza (24,0%). Frena la raccolta nel canale bancario Nel 2011 nel comparto vita la forma principale di intermediazione, ossia il canale bancario e postale, ha subito un calo evidente in termini di raccolta premi rispetto all anno precedente; anche gli altri canali di distribuzione sono risultati in contrazione, fatta eccezione per la vendita diretta (figura 1). In particolare, le filiali degli istituti di credito e postali hanno visto ridursi di oltre un quarto la loro raccolta (-25,6%) rispetto al 2010, riducendo la loro quota di mercato dal 60,3% al 54,7% (dato più basso del

8 quinquennio ) e riducendo la crescita media annua al 2,6%. Anche i promotori finanziari nel corso del 2010 hanno visto ridursi il loro volume d affari, seppur in maniera più contenuta rispetto agli altri canali distributivi (-5,5%), confermandosi il secondo canale d intermediazione dopo le banche. Grazie a un calo della raccolta inferiore alla media di mercato (-12,4%), gli agenti incrementano la propria quota di mercato di quasi un punto percentuale. In assoluta controtendenza, il canale diretto ha registrato un volume di raccolta in crescita (+4,6%), che ha contribuito all aumento della loro quota di mercato, pari al 9,5% (7,4% nel 2010). Per i broker, si osserva una rilevante diminuzione percentuale rispetto al 2010 (-17,6%), su volumi di raccolta già fortemente contenuti (771 milioni nel 2011). Tabella 16, 17, 18 e 19 - Classifica delle compagnie assicurative italiane del ramo danni per efficienza operativa Loss ratio 2011 (%) Expense ratio 2011 (%) I rami danni hanno tenuto Nel 2010 la raccolta premi diretti nei rami danni è stata pari a 36,4 miliardi di euro, con un aumento del 2,6%. L incidenza del comparto danni sul totale dei premi è aumentata dal 28,3% al 33,0%, principalmente per effetto della forte diminuzione dei premi vita. L incremento è frutto soprattutto della crescita (+4,1%) del settore auto (Rca e Cvt) che da solo costituisce il 57% della raccolta totale nei rami danni. Combined ratio 2011 (%) Saldo gestione assicurativa /Premi netti 2011 (%) Migliora l equilibrio tecnico In presenza di una stabilità dell expense ratio, la diminuzione del rapporto tra oneri per sinistri e premi di competenza ha determinato un ulteriore miglioramento del combined ratio d esercizio rispetto all anno passato (dal 100,2% al 97,9%). Il miglioramento nell equilibrio tecnico è però penalizzato dalla diminuzione degli utili da investimenti, che si sono quasi dimezzati rispetto al 2010, e dal contributo negativo della riassicurazione. Complessivamente, il risultato tecnico si attesta comunque su valori positivi (67 milioni di euro). DICEMBRE ASSICURA 33

9 Tabella 20, 21 e 22 - Classifica delle compagnie assicurative italiane del ramo danni per indicatori dimensionali Riserve tecniche nette 2011 (mln ) Conferma al vertice La classifica delle compagnie italiane per raccolta nei rami danni (tabella 15) vede due conferme, Generali e Fondiaria Sai, rispettivamente al primo e al secondo posto e un cambio sul gradino più basso, dove sale Unipol, che con una raccolta in crescita del 6,5%, fa scivolare Allianz al quarto posto (già scesa dal secondo al terzo tra il 2009 e il 2010). Fa il suo ingresso nella top ten Cattolica Assicurazioni, che rispetto al 2011 ha incrementato la propria raccolta del 44% rispetto al 2011, anche per effetto della parziale incorporazione di Duomo Uni One. RB Vita occupa la prima posizione della classifica delle compagnie per rapporto sinistri-premi (loss ratio) nel comparto danni così come nel 2010 (tabella 16). Tuttavia il dato non è pienamente significativo stante la marginalità del business danni per RB Vita. Seguono una nuova entrata, europa Tutela Giudiziaria, e una conferma, Cardif Assicurazioni, al terzo posto anche nel Nell expense ratio brilla Net Insurance La classifica delle prime 25 compagnie per valori di expense ratio (tabella 17) vede al 34 ASSICURA - DICEMBRE 2012 Patrimonio netto 2011 (mln ) Investimenti netti 2011 (mln ) comando la compagnia Net Insurance, seguita da Le Assicurazioni di Roma, al secondo posto anche lo scorso anno, e Cba Vita, che in un solo anno è salita dalla nona alla terza posizione. Nel corso dell esercizio 2011 a livello di settore il rapporto tra saldo della gestione assicurativa e premi netti (tabella 19) aumenta ulteriormente in valore medio rispetto all anno passato. Bentos Assicurazioni, prima anche nel 2010, si attesta infatti su un valore decisamente elevato (441,84%), così come Poste Vita che fa il suo ingresso sul podio facendo scendere Uniqa Previdenza (seconda nel 2010) al terzo posto. (7,6% nel 2011 contro 7,7% nel 2010), grazie ad un incremento del volume di affari intermediati pari al 3,1%. Prosegue la dinamica tra intermediari Gli agenti assicurativi, da sempre principale canale di raccolta nel comparto danni, pur incrementando la propria raccolta dell 1,8%, vedono ridursi lievemente la propria quota di mercato dall 82,4% del 2010 all 81,8%, proseguendo nel trend di contrazione in atto già dal 2007 (figura 2). I broker si confermano il secondo canale per la distribuzione di polizze danni, con un quota di mercato sostanzialmente stabile rispetto all anno precedente Continua la crescita della vendita diretta Nel 2011 è continuata la crescita della vendita diretta (+8,6%), favorita dal sostanziale aumento rispetto all anno precedente della distribuzione dei prodotti tramite telefono e Internet: in soli dodici mesi i premi raccolti dalle compagnie dirette sono aumentati di ben 17 punti percentuali. Questo sostanziale incremento della raccolta si riflette nella variazione media annua della vendita tramite internet e telefono nell ultimo quinquennio, pari al 7,2%. Lo sportello raddoppia La rete degli sportelli bancari e postali è il canale che ha ottenuto il tasso di crescita maggiore (+9,2%), con una quota di mercato del 3,4%, ancora limitata ma più che raddoppiata rispetto al dato di cinque anni fa (1,8% nel 2007) grazie a una progressiva e costante espansione (variazione media annua tra il 2008 e il 2011 pari al 18,6%).

10 Tabella Premi auto Tabella 23 - Classifica per raccolta premi auto 2011 delle compagnie assicurative italiane del mercato danni auto 2011 ( /000) Incidenza su danni 2011 (%) auto 2011 ( /000) Incidenza su Danni 2011 (%) Cala il combined ratio Nel settore auto, così come nel 2010, si è registrato un aumento dei premi del 5,2% che, combinato con una crescita contenuta delle spese per sinistri, ha comportato una flessione del combined ratio di circa tre punti percentuali (dal 105,5% del 2010 al 102,7% del 2011). Nonostante il miglioramento dell equilibrio tecnico del ramo, il modesto apporto della componente finanziaria legata agli utili da investimenti, fortemente diminuiti rispetto al 2010, ha comportato un risultato tecnico complessivo negativo anche se in miglioramento rispetto all anno precedente. Con particolare riferimento al ramo Corpi Veicoli Terrestri, si osserva una situazione immutata rispetto ai tre anni precedenti: raccolta premi in calo (-2,0%), principalmente a causa della sofferenza del mercato delle autovetture i cui volumi sono in netto calo, e risultato tecnico positivo. In testa Fondiaria Sai Anche per il 2011 la classifica delle compagnie per raccolta premi auto (tabella 23) è guidata da Fondiaria Sai alle sue spalle, Allianz ritorna al terzo posto dietro ad Unipol, dopo aver occupato il secondo posto sottratto nel 2010 proprio alla compagnia bolognese. Le restanti compagnie che occupano le prime dieci posizioni sono le stesse del 2009, a eccezione di Cattolica Assicurazioni che sale dal dodicesimo al nono posto, causando l uscita di Ina-Assitalia dalla top ten. Per le dirette l auto è il business principale Ordinando le compagnie in base al livello di incidenza dei premi auto sul totale danni, al vertice troviamo tutte le principali compagnie attive nella distribuzione attraverso il canale diretto (internet e telefono). Si tratta, rispettivamente, di Direct Line, Quixa, Zuritel, Dialogo, Linear, Genialloyd e Genertel, per le quali mediamente oltre il 92% della raccolta premi è concentrata nel comparto auto. Nel non auto Generali al primo posto Nella classifica delle compagnie per la raccolta premi non auto (tabella 24), anche per il 2011 Generali Assicurazioni occupa la vetta della classifica delle compagnie, con un incidenza di questi premi sul totale della raccolta danni sostanzialmente stabile rispetto all anno precedente. Alle spalle di Generali troviamo due conferme, Unipol Assicurazioni e Allianz, seppur in posizioni invertite rispetto all anno precedente. DICEMBRE ASSICURA 35

11 Tabella premi non auto Tabella 24 - Classifica per raccolta premi non auto 2011 delle compagnie assicurative italiane del mercato danni non auto 2011 ( /000) Incidenza su danni 2011 (%) non auto 2011 ( /000) Incidenza su danni 2011 (%) Fonte: rielaborazioni SCS su dati di bilancio 36 ASSICURA - DICEMBRE 2012

12 Chi è SCS Consulting SCS Consulting è una società di Consulenza Direzionale dinamica e innovativa operante sull intero territorio nazionale per clienti del settore privato e pubblico attraverso team specialistici di professionisti formati nelle migliori università e nelle più importanti multinazionali della consulenza. Nel settore Assicurativo, oltre agli interventi di natura strategica, la società è impegnata in progettualità relative a: indagini di Mistery Client, effi cientamenti operativi e organizzativi, adeguamento al sistema di vigilanza Solvency II, defi nizione di nuovi modelli operativi e di business, Direct Insurance, Business Continuity e attività di People Management. Metodologia d analisi Per garantire omogeneità e completezza, le classifi che sono state stilate sulla base dei dati contenuti nei bilanci civilistici delle compagnie aventi sede legale in Italia. Pertanto, non rientrano nell ambito di analisi le rappresentanze di imprese assicurative estere o con sede legale in paesi terzi. Le classifi che sono ottenute selezionando le prime 100 compagnie operanti in Italia per premi lordi nel mercato complessivo (vita e danni), le 71 compagnie attive nel comparto vita e le 100 compagnie operanti in Italia per premi lordi nel comparto danni. Per le compagnie selezionate in ciascuno dei tre comparti sono state elaborate le classifi che sulla base di una serie di indicatori di effi cienza operativa, patrimoniali, dimensionali e di redditività. Le fonti utilizzate sono i bilanci annuali civilistici di ogni singola compagnia. Guida alle grandezze analizzate I premi lordi rappresentano la raccolta complessiva realizzata dalla compagnia direttamente e indirettamente, in Italia e all estero. Riserve tecniche nette Le Riserve tecniche nette rappresentano gli accantonamenti effettuati dall azienda allo scopo di assolvere gli obblighi verso gli assicurati al netto delle quote di competenza dei riassicuratori. Tale valore comprende le riserve premi, sinistri, matematiche, le somme da pagare, le riserve tecniche costituite nel caso in cui il rischio dell investimento sia sopportato dagli assicurati e le riserve derivanti dalla gestione dei fondi pensione. Patrimonio netto Il Patrimonio netto è costituito dal capitale sociale sommato alle riserve e al risultato d esercizio prima della distribuzione degli utili al netto delle azioni proprie. Investimenti netti Gli Investimenti netti rappresentano gli investimenti della compagnia in azioni, quote, obbligazioni, titoli a reddito fi sso, fi nanziamenti e liquidità. In questo valore sono compresi anche gli investimenti derivanti dalla gestione dei fondi pensione a benefi cio degli assicurati che ne sopportano il rischio. Premi netti I premi netti sono ottenuti dalla differenza tra i premi lordi e i premi ceduti in riassicurazione. Premi di competenza I premi di competenza sono ottenuti dalla somma tra i premi netti e la variazione della riserva premi al netto della quota a carico dei riassicuratori. Oneri per sinistri di competenza netti Gli Oneri per Sinistri di Competenza Netti rappresentano gli oneri per i risarcimenti pagati nel ramo danni sommati alla variazione della riserva sinistri al netto dei recuperi e delle cessioni in riassicurazione. Proventi patrimoni netti Tale valore è ottenuto come differenza tra i proventi e gli oneri patrimoniali derivanti dalla gestione degli investimenti. Spese di gestione Tale valore è costituito dai costi sostenuti dalla compagnia per l acquisizione, l incasso e il mantenimento dei contratti, le spese da ammortizzare, il costo del lavoro e le spese generali. Saldo gestione assicurativa Rappresenta il saldo dei conti tecnici vita e danni al netto della riassicurazione. Risultato ordinario Questo valore rappresenta il risultato generato dall attività tipica delle compagnie e comprende il risultato tecnico e tutte le altre componenti ordinarie come gli interessi su titoli, i dividendi, gli affi tti, i profi tti e gli oneri da realizzo di investimenti, le rettifi che di valore su investimenti. Utile netto Rappresenta l utile o la perdita d esercizio della compagnia. Roe Il ROE è ottenuto dal rapporto tra il risultato d esercizio e il patrimonio medio di inizio e fi ne periodo di riferimento. Tale indicatore è espresso in valore percentuale. Loss ratio Questo indicatore è ottenuto dal rapporto tra Oneri per Sinistri di Competenza netti e i Premi di Competenza. Tale indicatore è espresso in valore percentuale. Expense ratio L Expense Ratio è ottenuto dal rapporto tra le Spese di gestione e i Premi Netti. Tale indicatore è espresso in valore percentuale. Combined ratio Tale indicatore è ottenuto dal rapporto tra la somma degli Oneri per Sinistri di Competenza Netti e le Spese di Gestione e i Premi di Competenza. Tale indicatore è espresso in valore percentuale e quantifi ca il peso degli oneri connessi al contratto assicurativo sui premi di competenza della compagnia. Proventi patrimoni netti/investimenti Tale indicatore esprime in valore percentuale la profi ttabilità degli investimenti effettuati dalla compagnia. Riserve tecniche nette/premi netti Questo indicatore permette di valutare in quale misura le riserve tecniche nette coprono i premi conservati. DICEMBRE ASSICURA 37

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA SPECIALE CLASSIFICA LA RISCOSSA DEL VITA Positivi il risultato complessivo d esercizio e la raccolta premi, ma sussistono diversità di performance tra rami danni e vita con un necessario ribilanciamento

Dettagli

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO SPECIALE CLASSIFICA COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO Quanto ha inciso la crisi finanziaria sui conti delle compagnie e sull andamento del settore assicurativo nel nostro Paese? Le classifiche delle

Dettagli

Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ

Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ SPECIALE CLASSIFICHE Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ L ANALISI DELLE PERFORMANCE E L EVOLUZIONE DEL SETTORE, SECONDO QUANTO EMERGE DALLE CLASSIFICHE DELLE PRIME 20 COMPAGNIE

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

Raccolta in crescita, utile in picchiata

Raccolta in crescita, utile in picchiata Raccolta in crescita, utile in picchiata a cura di Fabio Bertozzi, Senior Consultant SCS Consulting Alfredo De Massis, Manager SCS Consulting e Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Agevolate

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

RISULTATO DI COMPETENZA DEGLI AZIONISTI DEL GRUPPO RISULTATO TECNICO

RISULTATO DI COMPETENZA DEGLI AZIONISTI DEL GRUPPO RISULTATO TECNICO DI INVESTIMENTI =^ ASSICURAZIONI GENERALI....................................... 1 ) 2010 68.435.400 1 62.865.500 47.295.500 3.692.500 1.701.900 364.243.300 372.585.200 52.430.800 323.851.000 72.758.600

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008 NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. RACCOLTA DANNI AGGREGATA IN CRESCITA A 2.182 MILIONI DI EURO (+3,4%) COMBINED RATIO DANNI STABILE A

Dettagli

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 Confermata la solida posizione di solvibilità del Gruppo, pari a 1,5 volte il capitale regolamentare;

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Elaborazioni dai comunicati stampa, dai bilanci consolidati, dalle presentazioni dei gruppi assicurativi quotati, da Borsa

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 Agenda 1 Risultati 2005 2005 consolidati del del Gruppo Gruppo Unipol Unipol 2 Risultati 2005 di Unipol Assicurazioni 2 Gruppo Unipol: principali eventi del 2005 Progetto

Dettagli

Stato di salute delle assicurazioni dirette. Italia. Anno 2012

Stato di salute delle assicurazioni dirette. Italia. Anno 2012 Stato di salute delle assicurazioni dirette Italia Anno 2012 Elaborazioni da dati Ania A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino Premessa Come le precedenti edizioni, abbiamo utilizzato pochi indicatori

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Elaborazioni dai resoconti intermedi dei gruppi assicurativi quotati, dai dati di Borsa Italiana e di quelli di

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

ANIA. Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici

ANIA. Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici E D I Z I O N E 2 0 1 0 P r e m i d e l l a v o r o d i r e t t o i t a l i a n o 2 0 0 9 ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici EDIZIONE 2010 Premi del lavoro diretto italiano 2009 SEZIONE

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 10. Responsabilità civile autoveicoli terrestri; 12. Responsabilità civile veicoli marittimi,

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Le assicurazioni dirette in Italia. Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011

Le assicurazioni dirette in Italia. Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011 Le assicurazioni dirette in Italia Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011 2011 Trieste, 14 febbraio 2013 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino Le assicurazioni dirette in Italia ConTe.it

Dettagli

Relazione sull'attività svolta nell'anno 2007

Relazione sull'attività svolta nell'anno 2007 Relazione sull'attività svolta nell'anno 2007 (Legge 12 agosto 1982, n. 576 e successive modificazioni ed integrazioni) (Legge 12 agosto 1982, n. 576 e successive modificazioni ed integrazioni) Relazione

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 1. Infortuni; 2. Malattia; 8. Incendio ed elementi naturali; 13. Responsabilità civile generale

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011.

COMUNICATO STAMPA. MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011. COMUNICATO STAMPA MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011. ESERCIZIO FORTEMENTE INFLUENZATO DA POSTE STRAORDINARIE NON

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

1. CONTESTO NORMATIVO

1. CONTESTO NORMATIVO PARITÀ DI TRATTAMENTO TRA UOMINI E DONNE NEI SERVIZI ASSICURATIVI: INFORMATIVA PER L UTENZA E PER LE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI SENSI DEL REGOLAMENTO ISVAP N. 30. 1. CONTESTO NORMATIVO La Direttiva 2004/113/CE,

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale Risultati al 31 marzo 2014 Risultati consolidati Area assicurativa Area assicurativa danni Agenda Area assicurativa vita Area bancaria Gestione immobiliare e società diversificate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Nel primo trimestre balzo in avanti del mercato vita: falsa partenza o trend destinato a durare?

Nel primo trimestre balzo in avanti del mercato vita: falsa partenza o trend destinato a durare? www.iama.it - 2123 Milano Via Victor Hugo, 2 Telefono 2 72 25 31 r.a. Fax 2 86 46 38 9 Copyright di IAMA Consulting Srl, Milano (213) Tutti i diritti di traduzione, di riproduzione e di adattamento sono

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL MERCATO ITALIANO FLASH 2013/14 Research & Development Department

L EVOLUZIONE DEL MERCATO ITALIANO FLASH 2013/14 Research & Development Department Generali Group DOSSIER ASSICURAZIONI 2014 L EVOLUZIONE DEL MERCATO ITALIANO FLASH 2013/14 Research & Development Department generali.com A CURA DI: Raffaella Bagata Roberto Menegato Federica Tartara Paolo

Dettagli

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014)

UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015. Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Bologna, 7 agosto 2015 UNIPOLSAI: APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Utile netto consolidato a 455 milioni di euro (+27,4% rispetto al primo semestre 2014) Raccolta diretta assicurativa a 7.284

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento) al 31/12/2012 ammonta a euro

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

gennaio SANZIONATO VIOLAZIONE IMPORTO

gennaio SANZIONATO VIOLAZIONE IMPORTO 40848 05/01/2011 Uniqa Protezione 40850 05/01/2011 Duomo Uni One Assicurazioni 40852 05/01/2011 Fata Assicurazioni Danni 40853 05/01/2011 Fata Assicurazioni Danni 40854 05/01/2011 Fata Assicurazioni Danni

Dettagli

Assemblea dei Soci 2014 CATTOLICA ASSICURAZIONI

Assemblea dei Soci 2014 CATTOLICA ASSICURAZIONI Assemblea dei Soci 2014 CATTOLICA ASSICURAZIONI Il Gruppo Cattolica: la struttura societaria 60% ABC Assicura 51% DANNI VITA ALTRO BCC Assicurazioni 51% 100% 60% TUA Assicurazioni 99,99% Duomo Uni One

Dettagli

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002 PRESENTAZIONE Dati al 30 settembre 2002 1 2 PRESENTAZIONE DEL GRUPPO LA STRATEGIA DISTRIBUTIVA I RISULTATI LE SOCIETA DEL GRUPPO GLI OBIETTIVI IL GRUPPO UNIPOL AL 30/09/2002 UNIPOL ASSICURAZIONI (Compagnia

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%)

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) RACCOLTA DIRETTA DANNI IN ASSESTAMENTO A 2.163 MILIONI

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario

Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario Assemblea degli azionisti di Unipol Gruppo Finanziario Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 18 giugno 2015 Semplificazione, Solidità, Sostenibilità Il 2014 in sintesi 1 Semplificazione della struttura

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Il profilo Fondiaria-Sai è una compagnia assicurativa specializzata nel settore Danni, con una posizione di rilievo nei rami Auto. È frutto della

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano

I dati significativi del mercato assicurativo italiano I dati significativi del mercato assicurativo italiano Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Sergio Desantis Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati Milano, 9 luglio

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

Compagnie assicurative partner

Compagnie assicurative partner Compagnie assicurative partner Compagnie e intermediari presso le quali Agenzia Amica è accreditata. Ben Assicura Ben Assicura è il marchio di assicurazioni auto 100% online di Direct Line Insurance S.p.A.

Dettagli

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%)

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI

SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 2 febbraio 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000039 1 Alle imprese di assicurazione che esercitano i rami R.C. auto e Corpi di Veicoli Terrestri con sede legale

Dettagli

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Comunicato stampa Media Relations communication@axa-winterthur.ch Winterthur, 18 febbraio 2010 Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Nel 2009 AXA Winterthur ha conseguito

Dettagli

Assemblea degli azionisti di UnipolSai

Assemblea degli azionisti di UnipolSai Assemblea degli azionisti di UnipolSai Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 17 giugno 2015 Semplificazione, Solidità, Sostenibilità Il 2014 in sintesi 1 Semplificazione della struttura del gruppo

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Risultati consolidati 1H15. Carlo Cimbri Amministratore Delegato

Risultati consolidati 1H15. Carlo Cimbri Amministratore Delegato Risultati consolidati Carlo Cimbri Amministratore Delegato Bologna, 7 agosto 2015 Contenuti Risultati consolidati Area assicurativa Area assicurativa Danni Area assicurativa Vita Area bancaria Gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Convegno Nazionale dei Gruppi Agenti di Fondiaria e Sai Roma, 12 13 ottobre 2012 Le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Fabio Orsi, IAMA Consulting Uno scenario complesso La grande

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

L evoluzione delle agenzie di assicurazione

L evoluzione delle agenzie di assicurazione Dossier 2012 Presentazione parziale dei risultati della ricerca condotta da SNA- IAMA Consulting sull L evoluzione delle agenzie di assicurazione Con il prossimo numero de L Agente di Assicurazione forniremo

Dettagli

Ritorno agli utili di bilancio

Ritorno agli utili di bilancio Compagnie Ritorno agli utili di bilancio Significativi miglioramenti dei risultati al 30 settembre per le società quotate. Positiva la gestione tipica, buon equilibrio per quella finanziaria. Segnali positivi

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Dalla bancassicurazione all assurbanca Come cambia la distribuzione in Italia. Osservatorio 2011-2012. I mercati azionari e obbligazionari

Dalla bancassicurazione all assurbanca Come cambia la distribuzione in Italia. Osservatorio 2011-2012. I mercati azionari e obbligazionari in collaborazione con: Cattedra di Economia e gestione delle imprese di assicurazione Facoltà di Economia Seconda Università degli Studi di Napoli Dalla bancassicurazione all assurbanca Come cambia la

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 1 1 3 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 La dinamica degli impieghi bancari verso società non finanziarie mostra

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli