Analisi e visualizzazione di mappe storiche in ambiente GIS (Sistemi Informativi Geografici)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi e visualizzazione di mappe storiche in ambiente GIS (Sistemi Informativi Geografici)"

Transcript

1 Liceo scientifico G. Terragni, 14/03/2012 Analisi e visualizzazione di mappe storiche in ambiente GIS (Sistemi Informativi Geografici) Marco Minghini, Luana Valentini Politecnico di Milano, DIIAR Laboratorio di Geomatica del Polo Territoriale di Como

2 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 2

3 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 3

4 Contestualizzazione storico-culturale 4 Preliminare a tutte le successive analisi è lo studio delle caratteristiche specifiche della cartografia storica esaminata: contesto storico-culturale data autore committenza motivo o scopo della rappresentazione tecnica e strumentazione utilizzate presenza di documentazione di corredo

5 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 5

6 Digitalizzazione L'acquisizione digitale o digitalizzazione è il trasferimento della carta antica dal supporto analogico a quello digitale: garanzia di non degrado fisico maggiore facilità di accesso accesso contemporaneo di più utenti analisi mediante strumenti digitali La digitalizzazione deve assicurare che l'originale non venga danneggiato e che le deformazioni del supporto vengano ridotte al minimo. 6

7 Digitalizzazione - modalità 7 A seconda del tipo di supporto analogico e del corrispondente strumento adottato, la digitalizzazione di cartografia antica si può classificare in: acquisizione diretta (tecnica a contatto ) mediante scanner ad alta risoluzione, se il supporto è piano

8 Digitalizzazione - modalità 8 A seconda del tipo di supporto analogico e del corrispondente strumento adottato, la digitalizzazione di cartografia antica si può classificare in: acquisizione indiretta (tecnica senza contatto ) mediante metodi di rilievo tridimensionale (fotogrammetria e laser scanning), se il supporto non è piano

9 Digitalizzazione diretta - parametri 9 L'acquisizione diretta prevede la definizione di una serie di parametri, che devono essere rigorosamente documentati (Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche 2006, Linee guida per la digitalizzazione del materiale cartografico): risoluzione: numero di unità immagine (pixel) per unità di lunghezza, solitamente espresso in dpi (dots per inch, 1 inch = 2,54 cm) profondità di colore: numero di bit dedicati alla memorizzazione del valore di ogni pixel in ogni banda R,G,B dell'immagine STANDARD DE FACTO: 300 dpi STANDARD DE FACTO: 8 bit per banda (cioè 2 8 = 256 colori), che corrispondono a 8 x 3 = 24 bit complessivi (cioè colori) formato e compressione: formato di salvataggio del dato immagine master file (di solito TIFF) + access file (di solito JPEG) formati multirisoluzione (MrSID, ECW, XL Image, JPEG2000)

10 Web C.A.R.T.E. 10 Presso l'archivio di Stato di Como sono conservate circa mappe storiche catastali, corrispondenti a diverse serie: Catasto Teresiano ( ) Catasto Lombardo-Veneto ( ) Aggiornamenti (1898) Nuovo Catasto Terreni (1905) Il progetto Web C.A.R.T.E. (Web Catalogo e Archivio delle Rappresentazioni del Territorio e delle sue Evoluzioni) è stato avviato nel 2010 dal Polo Territoriale di Como del Politecnico di Milano, in collaborazione con l'archivio di Stato di Como e grazie al finanziamento della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca Onlus. Scopo del progetto è la valorizzazione di questo importante patrimonio storico-culturale mediante le più recenti tecniche digitali e GIS.

11 Web C.A.R.T.E. - digitalizzazione 11 A partire dal 2001, le cartografie storiche preservate in Archivio di Stato erano consultabili solo nelle loro versioni digitali (file PDF in bianco e nero), ottenute dalla digitalizzazione di precedenti riproduzioni in microfilm. L'inadeguatezza di tale archivio digitale ha suggerito una nuova campagna di digitalizzazione, promossa dall'archivio di Stato a partire dal 2010 mediante la sottoscrizione di convenzioni con tutti i comuni interessati.

12 12 Web C.A.R.T.E. - digitalizzazione Catasto Teresiano: Dimensioni foglio mappa cartacea 72 x 50 cm Risoluzione 300 dpi Profondità di colore 36 bit Formato TIFF, JPEG Dimensione foglio mappa digitale 8504 x 5910 pixel Dimensione su disco foglio mappa digitale 140 MB (TIFF), 45 MB (JPEG)

13 13 Web C.A.R.T.E. - digitalizzazione Catasto Lombardo-Veneto, Aggiornamenti e Nuovo Catasto Terreni: Dimensioni foglio mappa cartacea 72 x 55 cm Risoluzione 300 dpi Profondità di colore 36 bit Formato TIFF, JPEG Dimensione foglio mappa digitale 8504 x 6496 pixel Dimensione su disco foglio mappa digitale 160 MB (TIFF), 10 MB (JPEG)

14 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 14

15 Georeferenziazione 15 Conversione della mappa storica da immagine digitale a dato geografico (x,y) = coordinate immagine (φ,λ) = coordinate geografiche (X,Y) = coordinate carta χ = trasformazione proiettiva ψ = proiezione cartografica occorre un'approssimazione della funzione incognita ψ χ-1!

16 16 Georeferenziazione Il link tra coordinate immagine (x,y) e coordinate carta (X,Y) viene stabilito mediante Ground Control Points (GCPs), punti di cui siano conosciute le coordinate sia sull'immagine, sia in un sistema di riferimento odierno. Essi possono derivare da: rilievo diretto sul campo (topografia, GPS) cartografia numerica esistente

17 Georeferenziazione - modelli 17 I modelli di georeferenziazione si possono classificare in diversi modi: globali: utilizzano tutti i GCPs per stimare un'unica trasformazione su tutta l'immagine locali: utilizzano ogni volta un numero limitato di GCPs per stimare una serie di trasformazioni su aree limitate dell'immagine o, alternativamente, in: non esatti: le posizioni stimate dei GCPs non coincidono con quelle osservate (stima ai minimi quadrati) esatti: le posizioni stimate dei GCPs coincidono con quelle osservate

18 Georeferenziazione - modelli I modelli di georeferenziazione più usati sono: 18

19 Georeferenziazione - modelli I modelli di georeferenziazione più usati sono: trasformazione proiettiva (globale non esatto) reti neurali artificiali (globale non esatto) polinomi locali (locale non esatto) spline (locale non esatto) spline multi-risoluzione (locale non esatto) thin plate spline (locale esatto) trasformazione a elementi finiti (locale esatto) warping (locale esatto) 19

20 Georeferenziazione - valutazione dei risultati 20 Valutazione quantitativa - per i modelli esatti è necessario disporre anche di Check Points (CPs), punti di cui siano conosciute le coordinate sia sull'immagine, sia in un sistema di riferimento odierno, ma che non vengono utilizzati per il calcolo del modello): analisi delle statistiche dei residui sui GCPs e CPs media deviazione standard minimo massimo RMSE

21 Georeferenziazione - valutazione dei risultati Valutazione qualitativa: sovrapposizione con la cartografia moderna griglie di deformazione vettori di deformazione 21

22 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione 22 Mosaicatura dei fogli catastali di ogni serie e di ogni comune censuario, dopo l'applicazione a ciascuno di una roto-traslazione con fattore di scala:

23 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione 23 GCPs e CPs sono ricavati dai DB Topografici dei singoli comuni (UTM WGS84, scala variabile da 1:1000 a 1:5000): sono identificati come spigoli di edifici, angoli di strade e confini comunali sono disposti nel modo più uniforme possibile (campionamento casuale a strati) nelle proporzioni di 80% (GCPs) e 20% (CPs)

24 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione 24 I modelli di georeferenziazione testati sono: modello polinomiale (grado da 1 a 5): interpolatore non esatto (stima a minimi quadrati), superficie stimata liscia con filtraggio degli errori thin plate spline: interpolatore esatto (senza stima a minimi quadrati), superficie stimata irregolare con effetti localizzati in aree prive di GCPs Valutazione qualitativa dei risultati: thin plate spline modello polinomiale

25 25 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione Valutazione quantitativa dei risultati: Catasto Teresiano Catasto Lombardo-Veneto 1858 MEDIA DEV.ST. MIN MAX RMSE MEDIA DEV.ST. MIN MAX RMSE polinomio ordine polinomio ordine polinomio ordine polinomio ordine polinomio ordine thin plate spline media, deviazione standard, minimo, massimo e RMS del modulo dei residui sui CP (in metri), per le mappe del Catasto Teresiano e Lombardo-Veneto della Città Murata di Como e per ogni modello di georeferenziazione

26 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione 26 Scelta del modello polinomiale per georiferire ciascuna mappa: valutazione dell'rmse sui CPs per valutare l'accuratezza test di Fisher sui residui sui GCPs per confrontare la precisione di modelli polinomiali di ordine consecutivo: se l'incremento di precisione del modello di ordine m, rispetto al modello di ordine m-1, non è statisticamente significativo, ci si ferma al modello di ordine m-1 IPOTESI H0: i polinomi do ordine m-1 e m hanno la stessa precisione STATISTICA: l'ordine ottimo del polinomio è il minimo tra quello che fornisce la massima accuratezza (minimo RMSE) sui residui sui CPs, e quello che deriva dal test di Fisher sui residui sui GCPs.

27 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione Integrazione e confronto con la cartografia attuale: 27

28 Web C.A.R.T.E. - georeferenziazione Mappa dei residui per l'analisi del campo di deformazione: 28

29 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 29

30 Documentazione mediante metadati 30 Il passo seguente è la documentazione delle mappe storiche digitalizzate e georiferite in termini di metadati Le SDI (Spatial Data Infrastructures) promuovono la condivisione e l'uso efficiente dell'informazione geografica, definendo modelli di metadati a diversi livelli: internazionale: ISO TC211 ISO 19115:2003 Geographic Information - Metadata europeo: CEN TC287 e Comunità Europea EN ISO 19115:2005 Geographic Information Metadata European Directive 2007/2/CE (INSPIRE)

31 31 Documentazione mediante metadati Italiano: CNIPA (rinominato DigitPA col D.Lgs. 177/2009): mappe mosaicate georeferenziate Repertorio Nazionale dei Dati Territoriali - Linee guida per l'applicazione dello Standard ISO Geographic Information Metadata (2006) Regolamento recante regole tecniche per la definizione del contenuto del Repertorio nazionale dei dati territoriali, nonché delle modalità di prima consultazione e aggiornamento dello stesso (2009) 33 Core Metadata, raggruppati in 7 classi contenenti informazioni su: metadati, identificazione dei dati, vincoli sui dati, qualità dei dati, origine e produzione dei dati, sistema di riferimento dei dati, distribuzione dei dati ICCU, Gruppo MAG (Metadati Amministrativi Gestionali): singoli fogli non georeferenziati Linee guida per la digitalizzazione del materiale cartografico (2006) Reference Schema MAG v (2009) i 15 metadati dello standard Dublin Core: titolo, creatore, soggetto, editore, descrizione, autore di contributo subordinato, data, tipo, identificatore, formato, fonte, lingua, relazione, copertura, gestione dei diritti

32 Web C.A.R.T.E. - documentazione mediante metadati 32 Gestione online di dati e metadati mediante un geocatalogo web:

33 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 33

34 Web mapping: condivisione e diffusione in rete dell informazione geografica 34 Un WebGIS è un Sistema Informativo Geografico (GIS) pubblicato sul web estensione al Web degli applicativi nati e sviluppati per la gestione la cartografia numerica pubblicazione dell'informazione geografica attraverso Internet diverse tipologie di utenti possono accedere ai dati consultazione dei dati con un normale browser no software specifico no competenze specialistiche

35 Web mapping: condivisione e diffusione in rete dell informazione geografica 35 Un WebGIS è composto da due parti: Il web client è la parte dell applicazione con cui l utente finale interagisce. Il web server è l ambiente che renderà possibile la pubblicazione del lavoro e accoglierà le richieste provenienti dall applicazione client (quella con cui l utente interagisce) per passarle al map server. Quest'ultimo interpreta tali richieste e produce di conseguenza degli output (le mappe) che vengono spedite al client di nuovo attraverso il web server.

36 Dati - servizi WMS 36 Un Web Map Service (WMS) è un servizio che produce dinamicamente mappe di dati spazialmente riferiti, a partire da informazioni geografiche. Questo standard internazionale definisce una "mappa" come rappresentazione di informazioni geografiche, restituendo un'immagine digitale idonea ad essere visualizzata su browser web. Le operazioni del Web Map Service vengono invocate usando un client che supporti il protocollo HTTP, in forma di URL, che dipende dalle operazioni richieste. In particolare, la URL indica quali informazioni devono essere visualizzate sulla mappa, quale porzione della Terra deve essere rappresentata, il sistema di coordinate desiderato, il formato e le dimensioni dell'immagine di output. Qualora due o più mappe siano prodotte con gli stessi parametri geografici e di dimensione dell'immagine, i risultati possono essere sovrapposti per produrre una mappa composita. L'uso di formati che supportano la trasparenza (GIF o PNG per esempio) permette di visualizzare le parti di mappa sottostanti; inoltre mappe diverse possono essere richieste a differenti server. In questa maniera il Web Map Service abilita la creazione di una rete di server cartografici che l'utente può utilizzare per costruire mappe personalizzate.

37 Dati - servizi WMS Esempio: Geoportale Nazionale - Ortofoto

38 Dati - ortofoto e carte storiche Le mappe georiferite possono essere sovrapposte ai dati attuali: 38

39 Dati - informazioni aggiuntive 39 Informazioni aggiuntive possono essere tratte da mappe del Comune di Como o da libri, ad esempio: epoca di costruzione degli edifici esistenti edifici sottoposti a tutela antiche parrocchie...

40 Dati - informazioni aggiuntive Associazione ai dati delle informazioni aggiuntive: 40

41 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche Contestualizzazione storico-culturale Digitalizzazione Georeferenziazione Documentazione mediante metadati Distribuzione sul Web Analisi spazio-temporali 2D e 3D 41

42 2D Map Panel 42 Possibilità di visualizzare diverse serie catastali sovrapposte, e cambiarne la trasparenza per poter valutare le differenze tra le diverse serie e con la situazione attuale

43 Internet e il 3D Vantaggi di una visualizzazione 3D: completezza nella rappresentazione dei dati geografici rappresentazione più realistica maggior potere espressivo lettura e analisi dei dati più efficace navigazione più intuitiva 43

44 Globi virtuali 44 I globi virtuali (o mappamondi virtuali) sono correntemente utilizzati in campo geo-cartografico sia per la didattica che per la ricerca scientifica. La transizione, dalla nascita all'attuale grande diffusione, è stata incredibilmente breve: inizialmente considerati pseudoversioni alternative dei più noti stradari in formato digitale, indirizzati ad automobilisti e turisti, essi si sono velocemente trasformati in potenti visualizzatori di immagini del pianeta in tre dimensioni. L'esempio più noto è Google Earth, ma esistono anche versioni open source, più adatte alla ricerca, come World Wind della NASA.

45 Nasa World Wind 45 Modello 3D degli edifici, creato 'leggendo' gli attributi di altezza media e periodo di costruzione:

46 Interrogazioni temporali 46 Utilizzando dei cursori, è possibile visualizzare solo gli edifici costruiti in un determinato periodo (es. tra il 1646 e il 1951):

47 47 Interrogazioni temporali Oppure, tutti gli edifici presenti in un determinato anno (es. 1872): video

48 Web C.A.R.T.E. - WebGIS 48 Visualizzazione 2D: versione per pc e per dispositivi mobile possibilità di affiancare due mappe della stessa porzione di territorio (es. mappe di due serie diverse o mappa antica e mappa attuale) pannelli sincronizzabili (stessa area)

49 Web C.A.R.T.E. - WebGIS 49 Street View: possibilità di attivare la visualizzazione di Google Street View, permettendo di navigare direttamente il panorama attuale degli edifici storici

50 50 Web C.A.R.T.E. - WebGIS Video

51 51 Web C.A.R.T.E. - WebGIS Visualizzazione 3D: NASA World Wind Virtual Globe mappe storiche visualizzate come WMS sul globo barra temporale che facilita la visualizzazione cronologica delle mappe possibilità di gestire la trasparenza della mappa sovrapposta video

52 Analisi e visualizzazione digitale di mappe storiche 52 Grazie per l'attenzione! Marco Minghini Lunedì 16 marzo: aula A 3.7, via Castelnuovo (3 piano)

Georeferenziazione delle mappe catastali con Software Open Source (QGIS)

Georeferenziazione delle mappe catastali con Software Open Source (QGIS) Applicazioni Gis in Campo Territoriale e Ambientale Agripolis, 17 novembre 2010 Georeferenziazione delle mappe catastali con Software Open Source (QGIS) Renato Augelli Sarianna Scalco Presentazione di

Dettagli

Come si assegnano le coordinate?

Come si assegnano le coordinate? Come si assegnano le coordinate? Ma come vengono assegnate le coordinate ad una mappa?. Mappa di nuova produzione definisco all inizio il sistema di coordinate. Mappa già esistente ma non riferita ad sistema

Dettagli

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT]

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT] CATASTO DIGITALE: SEMPLICE, VELOCE, TRASPARENTE Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia Piazza Manfredo Fanti 47 Roma Mercoledì 11 marzo 2015 [SIT] Ing. Franco MAGGIO Direttore Centrale Catasto

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Cartografia digitale

Cartografia digitale Cartografia digitale Cartografia digitale Paolo Zatelli Departimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 30 Cartografia digitale Outline

Dettagli

Utilizzo dei geoservizi in QGIS

Utilizzo dei geoservizi in QGIS Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 27 marzo 2013 Cosa si intende per geoservizio? Un geoservizio permette la consultazione, l elaborazione e la

Dettagli

Appunti sull utilizzo del software gvsig, a cura dell ing. Ernesto Sferlazza

Appunti sull utilizzo del software gvsig, a cura dell ing. Ernesto Sferlazza GEOREFERENZIAZIONE DI UN IMMAGINE RASTER CON GVSIG. Nella presente esercitazione si procederà a georeferenziare uno stralcio di ortofoto, basandosi a tale scopo sul confronto con una cartografia georeferenziata,

Dettagli

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione Territoriale Infrastrutture-Ambiente Servizio Programmazione Territoriale Urbanistica Miglioramento Carta Geografica Unica Report tecnico-informativo

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

GIS e dati - Breve Introduzione

GIS e dati - Breve Introduzione 44th Annual Conference of the Italian Operational Research Society (AIRO 2014) Como 2-5 September 2014 Polo Territoriale di Como Laboratorio di Geomatica GIS e dati - Breve Introduzione Marco Negretti

Dettagli

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

Opendoc DLS Digital Library System

Opendoc DLS Digital Library System Opendoc DLS Digital Library System Opendoc DLS - Digital Library System Chi siamo Opendoc Srl è una società milanese nata a seguito di un'importante esperienza per il Ministero per i Beni e le Attività

Dettagli

Il GIS per il monitoraggio del territorio... (Mattia Michelacci)

Il GIS per il monitoraggio del territorio... (Mattia Michelacci) Il GIS per il monitoraggio del territorio................. (Mattia Michelacci) PROGETTAZIONE DEL GIS L obiettivo di questo progetto è quello di realizzare un archivio digitale condivisibile e incrementabile

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi A.) CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi Il Corso GEOGIS, utilizza la piattaforma

Dettagli

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso

Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006. Chiara Renso. ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it. Contenuti del Corso WEB & GIS Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Contenuti del Corso 1. Introduzione 2. Internet e Tecnologia Web 3. Il server web: IIS, Apache, IIS 4. Il

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE SIT Comunali e Open Source IL CASO CONCRETO DEL COMUNE DI SOLARO

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE SIT Comunali e Open Source IL CASO CONCRETO DEL COMUNE DI SOLARO mercoledì 8 ottobre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler a cura di Angelo Armentano L integrazione dei dati nella LR 12/2005 d Informatizzazione degli strumenti urbanistici, e delle procedure ad

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo

Mappe catastali originali di Impianto Raster. Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Mappe catastali originali di Impianto Raster Presentazione e introduzione al loro corretto utilizzo Hotel Express by HOLIDAY INN Via Savigliano, 116 - Località Casello di Marene Cherasco, 09/06/2010 Geom.

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software 1) Nome del software AutoCAD Map 3D 2) Genealogia del software Software sviluppato da Autodesk e basato su AutoCAD, di cui contiene tutte le

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

Una soluzione WEB-GIS per la pubblicazione di dati statistici della Regione Sardegna

Una soluzione WEB-GIS per la pubblicazione di dati statistici della Regione Sardegna Una soluzione WEB-GIS per la pubblicazione di dati statistici della Regione Sardegna Sergio Loddo, Luca Devola GFOSS - Cagliari, 27 febbraio 2009 Indice 1. Presentazione 2. Progetto 3. Architettura, metodologia

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI WEBGIS MEDIANTE ARCGIS

GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI WEBGIS MEDIANTE ARCGIS GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI WEBGIS MEDIANTE ARCGIS Data 28/02/2012 A- I Servizi WebGIS 1 Introduzione I Servizi WebGIS I servizi di webmapping o WebGIS sono sistemi informativi geografici (GIS) pubblicati

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano.

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Giovanni Di Trapani(*), Franco Guzzetti (**) e Paolo Viskanic (***) *) Comunità Montana Valtellina di Tirano, Via Maurizio Quadrio 11, I-23037

Dettagli

4 Il WebGIS del Progetto IFFI

4 Il WebGIS del Progetto IFFI 4 Il WebGIS del Progetto IFFI A. Trigila, C. Iadanza Conoscere le frane, la loro ubicazione e pericolosità, rappresenta un attività indispensabile per la realizzazione di nuove reti infrastrutturali (autostrade,

Dettagli

1. Premio nazionale Portali di informazione Geografica 2011 - ASITA 2011

1. Premio nazionale Portali di informazione Geografica 2011 - ASITA 2011 NEWSLETTER n. 5-11 aprile 2012 Questa è la Newsletter Numero 5 del GEOPORTALE del Comune di Torino, strumento realizzato e promosso nell'ambito delle attività divulgative dal Settore Sistema Informativo

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE Rev. 0 03/06/2014 Arch. Chiara Dell Orto IL SIT NON È UNA TRADIZIONALE CARTOGRAFIA DISPONIBILITÀ

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 14/11/2012 digitalizzare una immagine gestione dell'archivio

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna Geoportale web gis Provincia Regionale di Enna Guida alla consultazione del geoportale della Provincia Regionale di Enna Introduzione Cos è il Geoportale: Il Geoportale della Provincia di Enna ha la finalità

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

GUIDA ALL ACCESSO DEI WEB SERVICE. MEDIANTE Autocad Map 3D

GUIDA ALL ACCESSO DEI WEB SERVICE. MEDIANTE Autocad Map 3D GUIDA ALL ACCESSO DEI WEB SERVICE MEDIANTE Autocad Map 3D Data 28/02/2012 I Servizi WebGIS 1. Introduzione I Servizi WebGIS Il software cartografico AutoCAD Map 3D è un applicazione per la pianificazione

Dettagli

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna 1 Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna L informazione territoriale regionale, i servizi, le attività e i progetti in corso o conclusi nel 2008. 2 Introduzione La Regione Autonoma

Dettagli

DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE

DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE Del geolab Laboratorio di Geomatica del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Forestali dell Università degli Studi

Dettagli

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità Dipartimento II Lavori Pubblici Direzione viabilità La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità LA GEOREFERENZIAZIONE La redazione della reportistica cartografica risulta imprescindibile

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Webinar Mobile GIS Semplificare le attività di rilievo con il Mobile GIS

Webinar Mobile GIS Semplificare le attività di rilievo con il Mobile GIS Webinar Mobile GIS Semplificare le attività di rilievo con il Mobile GIS Andrea Sardella Responsabile Italia Supporto Tecnico Supergeo Chi siamo Supergeo è una software house GIS presente in più di 100

Dettagli

Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale. Comune di Pisa

Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale. Comune di Pisa Il Geoportale ed il Nuovo Repertorio Cartografico comunale Comune di Pisa ESRI Geoportal Server È un prodotto gratuito e Open Source che permette la ricerca e l'uso di risorse geospaziali tra cui dataset,

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Immagini digitali. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Immagini digitali

Immagini digitali. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. Immagini digitali Immagini digitali Immagini digitali Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 22 Immagini digitali Outline 1 Immagini digitali

Dettagli

Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche

Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche Specifiche tecniche per la condivisione e pubblicazione sul Geoportale

Dettagli

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI BITMAP VETTORIALE VETTORIALE BITMAP IMMAGINE BITMAP è una immagine costituita da una matrice di Pixel. PIXEL (picture element) indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono la rappresentazione

Dettagli

Guida alla consultazione dei WMS

Guida alla consultazione dei WMS Provincia di Firenze SIT e reti informative Guida alla consultazione dei WMS con la collaborazione di Linea Comune S.p.a. INDICE 1. Che cosa è un WMS...2 2. Consultare i WMS con QuantumGIS...3 3. Consultare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

Manuale Vetrina Virtuale AREA PROMOZIONI

Manuale Vetrina Virtuale AREA PROMOZIONI PIATTAFORMA INTEGRATA PER LA CONDIVISIONE DI ESPERIENZE TURISTICHE, LA PROMOZIONE, LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO TURISTICO-CULTURALE NEL COMUNE DI GIOIA DEL COLLE Manuale Vetrina Virtuale

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

4.4 Applicativo di gestione catasto e generazione C.D.U.

4.4 Applicativo di gestione catasto e generazione C.D.U. Pagine JSP o PHP o ancora WebService in logica j2ee a seconda delle necessità, e della complessità delle operazioni. Il livello di interfaccia/presentazione è invece rappresentato dal web browser (con

Dettagli

Utilizzo dei servizi WMS e WFS

Utilizzo dei servizi WMS e WFS Servizi_WMS-WFS_SIT_Puglia.pdf Emesso il : 31/01/2014 Documento per gli utenti internet Utilizzo dei servizi WMS e WFS ABSTRACT Il documento presenta le modalità di connessione a PUGLIA.CON in modalità

Dettagli

La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source".

La realizzazione di WebGis con strumenti Open Source. La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source". Esempi di impiego di strumenti a sorgente aperto per la realizzazione di un Gis con interfaccia Web Cos'è un Web Gis? Da wikipedia: Sono detti WebGIS

Dettagli

DATANET Innovation & Integration

DATANET Innovation & Integration DATANET Innovation & Integration Archiviazione Documenti Fiscali Ciclo Attivo e Passivo La Soluzione di gestione documentale economica, pronta per l integrazione l con il tuo gestionale! Agenda Il Costo

Dettagli

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Cosa è OPR? L OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI L Osservatorio Provinciale (OPR) è una struttura operativa con

Dettagli

RasterLite-2. un formato di immagine innovativo per la gestione dei supporti GIS Raster. Alessandro Furieri. GFOSS-Day Foligno 19 Novembre 2010

RasterLite-2. un formato di immagine innovativo per la gestione dei supporti GIS Raster. Alessandro Furieri. GFOSS-Day Foligno 19 Novembre 2010 RasterLite-2 un formato di immagine innovativo per la gestione dei supporti GIS Raster Alessandro Furieri GFOSS-Day Foligno 19 Novembre 2010 Terminologia: un problema? La vera natura delle cose non sempre

Dettagli

I Sistemi Informativi Territoriali

I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali Dal Desktop al Web Nuove strategie di condivisione dell Informazione Geografica Palazzo Riccio di Morana INTEA Srl Informatica Territorio e Ambiente I Sistemi Informativi

Dettagli

VII meeting utenti italiani di GRASS Genova, 23-24 febbraio 2006 MapServer e servizi web: introduzione e prime verifiche

VII meeting utenti italiani di GRASS Genova, 23-24 febbraio 2006 MapServer e servizi web: introduzione e prime verifiche VII meeting utenti italiani di GRASS Genova, 23-24 febbraio 2006 MapServer e servizi web: introduzione e prime verifiche Maria Antonia Brovelli maria.brovelli@polimi.it Marco Negretti marco.negretti@polimi.it

Dettagli

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali Convegno conclusivo Livorno 28 maggio 2013 Webgis Costa Costa Sarda Giovanni Vitale* Claudio Kalb** * Università

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente HOME Servizio Download Dati Geografici Il servizio download offre all'utente la possibilità di scaricare il dato sia in formato raster sia in formato vettoriale. Per ogni livello informativo che si desidera

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

Dati utili. Corso di TOPOGRAFIA

Dati utili. Corso di TOPOGRAFIA Dati utili Corso di Laurea in Ingegneria Civile, dell Ambiente e del Territorio Facoltà di Ingegneria Corso di TOPOGRAFIA Docente: E-mail: Andrea PIEMONTE andrea.piemonte @ dic.unipi.it Sito WEB: http:

Dettagli

Georeferencing Topo Sheets and Scanned Maps

Georeferencing Topo Sheets and Scanned Maps Georeferencing Topo Sheets and Scanned Maps QGIS Tutorials and Tips Author Ujaval Gandhi http://google.com/+ujavalgandhi Translations by Pino Nicolosi a.k.a Rattus This work is licensed under a Creative

Dettagli

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO CORSO GIS BASE La Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto organizza un Corso di GIS livello base, della durata di 36 ore. G.I.S. (Geographic Information System) è un sistema informativo

Dettagli

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT)

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Versione 8.0 Marzo 2014 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia Grafica Digitale Concetti di base della computer grafica Oliviero Neglia Per grafica digitale intendiamo quell'insieme di processi che ci permettono di creare, modificare e visualizzare immagini attraverso

Dettagli

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche

Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche 2 Riunione Gruppo GIT 4-5 giugno 2007 - Bevagna (PG) Il Portale del Servizio Geologico d Italia d come strumento di diffusione delle banche dati geologiche e geotematiche Autori: L. Battaglini, V. Campo,

Dettagli

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA Descrizione delle funzioni Trasparenza e Servizi nella Pubblica Amministrazione IL PORTALE CARTOGRAFICO COMUNALE IN INTERNET Un servizio di per i Comuni COSA È È un portale ideato per consentire a tutti

Dettagli

Iniziative e biblioteche digitali del Politecnico : un incontro di lavoro Aula Magna, Politecnico di Milano, 1 ottobre 2004

Iniziative e biblioteche digitali del Politecnico : un incontro di lavoro Aula Magna, Politecnico di Milano, 1 ottobre 2004 Iniziative e biblioteche digitali del Politecnico : un incontro di lavoro Aula Magna, Politecnico di Milano, 1 ottobre 2004 Archivio degli indici e degli abstract delle tesi di laurea delle Facoltà di

Dettagli

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali

I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda edizione I Decreti Ministeriali 10 novembre 2011 in materia di regole tecniche per i dati territoriali Relatore: Gian Bartolomeo Siletto

Dettagli

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1 DEFINIZIONE di CARTA Carta di Mercatore Schermata ArcView Una carta geografica non è altro che una figura piana, che rappresenta la superficie della Terra o una sua porzione (Lagrange 1736-1813) Generalità

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Rocco Mari, Pietro d Amico,Paola Napolitano, Giuseppe Palma, Fortunato Sgariglia, Marco Soravia Provincia di Napoli - Direzione

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

WEBGIS 1.0. Guida per l utente

WEBGIS 1.0. Guida per l utente WEBGIS 1.0 Guida per l utente SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 FUNZIONALITA...4 2.1 Strumenti WebGIS... 4 2.1.1 Mappa... 5 2.1.2 Inquadramento mappa... 6 2.1.3 Toolbar... 7 2.1.4 Scala... 9 2.1.5 Legenda...

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

Reperimento e visualizzazione di dati Raster

Reperimento e visualizzazione di dati Raster Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Dati raster Un dato fondamentale per le analisi GIS sono i cosiddetti Digital Terrain Model (DTM),

Dettagli

inquadrare ing. elena grossi

inquadrare ing. elena grossi ing. elena grossi Assessorato Programmazione territoriale, urbanistica, reti di infrastrutture materiali e immateriali, mobilità, logistica e trasporti, D. G. Reti infrastrutturali, logistica e sistemi

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

Manuale Utente LITEVIEWER

Manuale Utente LITEVIEWER Manuale Utente LITEVIEWER Versione 1.0 Ottobre 2009 1 INFORMAZIONI DI UTILIZZO DELL APPLICAZIONE LITE-VIEWER INTRODUZIONE In questa sezione si vogliono fornire all'utente le informazioni e gli strumenti

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

Sistema Antincendio Regione Abruzzo. Maurizio Facca

Sistema Antincendio Regione Abruzzo. Maurizio Facca Sistema Antincendio Regione Abruzzo Maurizio Facca WEB Architettura Architettura SOA (Service Oriented Architecture) Applicazione web multi-livello. Terminali e Database disconnessi Cartografie di terze

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

WebGIS partecipativi e raccolta dati sul campo: analisi, proposte architetturali e prime sperimentazioni

WebGIS partecipativi e raccolta dati sul campo: analisi, proposte architetturali e prime sperimentazioni DICA Laboratorio di Geomatica Polo di Como WebGIS partecipativi e raccolta dati sul campo: analisi, proposte architetturali e prime sperimentazioni Maria Antonia Brovelli, Marco Minghini, Giorgio Zamboni

Dettagli

OT-online. online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali PROVINCIA DI VERCELLI. Oriana Benazzi

OT-online. online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali PROVINCIA DI VERCELLI. Oriana Benazzi OT-online online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali Oriana Benazzi Settore Tutela Ambientale COS E OT-online Soluzione software per la consultazione e la georeferenziazione

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli