LO STUDENTE PERSONA IN VIA DI SVILUPPO. PROCESSI DI MATURAZIONE PER UNA FORMAZIONE UNIVERSITARIA INTEGRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO STUDENTE PERSONA IN VIA DI SVILUPPO. PROCESSI DI MATURAZIONE PER UNA FORMAZIONE UNIVERSITARIA INTEGRALE"

Transcript

1 MASSIMO ZORTEA LO STUDENTE PERSONA IN VIA DI SVILUPPO. PROCESSI DI MATURAZIONE PER UNA FORMAZIONE UNIVERSITARIA INTEGRALE Crescita integrale della persona e formazione permanente quale contenuto e strumento del diritto umano allo sviluppo Le nostre società sono destinate a cambiare. Nel nostro futuro abbiamo la società dell'apprendimento, in cui quest'ultimo abbia forme aperte, attive e di carattere permanente, con individui che abbiano competenze generali e duttilità per adeguarsi ai continui cambiamenti del mercato del lavoro Carlo Azeglio Ciampi 1

2 SOMMARIO 1. DIRITTO E DOVERE ALLA FORMAZIONE * provocazioni * meditazioni * prima conclusione 2. FORMAZIONE: DA CHI, DI CHI, PER CHI, COME? * provocazioni * meditazioni * seconda conclusione 3. FORMAZIONE UNIVERSITARIA * provocazioni * meditazioni * terza conclusione 4. FORMAZIONE PERMANENTE * provocazioni * meditazioni * quarta conclusione 5. EPILOGO 6. CENNI BIBLIOGRAFICI 2

3 1. DIRITTO E DOVERE ALLA FORMAZIONE A. PROVOCAZIONI Quando ci accostiamo ad un tema complesso come quello della formazione universitaria non è opportuno cominciare senza imporsi prima dei precisi limiti. Il presente contributo non intende infatti spaziare in tutta la sua ampiezza nell'argomento, ma soltanto limitarsi ad alcuni spunti, in particolare metodologici, per costruire dei percorsi di formazione universitaria nell ambito della cooperazione internazionale allo sviluppo. Istruirsi, formarsi, educarsi corrisponde innanzitutto a un vero e proprio diritto umano individuale. Facciamoci guidare dal testo principe che traccia l'idealità del diritto umano alla formazione. La Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo proclama all'articolo 26 che 1. Ogni individuo ha diritto all'istruzione ( ). 2. L'istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l'amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l'opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace. Correva l'anno Dall'altro, questa formazione trova nei bambini, futuri protagonisti della storia, il suo destinatario privilegiato. Nella Dichiarazione del Millennio i governi dei popoli del mondo proclamano compatti: (par. 2) Noi riconosciamo che, oltre alle nostre personali responsabilità verso le rispettive società di appartenenza, condividiamo una responsabilità collettiva nell'affermare i principi della dignità umana, dell'uguaglianza e dell'equità a livello globale. In qualità di leader, pertanto, abbiamo un dovere verso tutti i popoli del pianeta, specialmente quelli più vulnerabili e, in particolare, verso i bambini del mondo intero, ai quali appartiene il futuro (par. 6) ( ) La responsabilità per la gestione dell'economia e dello sviluppo sociale mondiale, come pure delle minacce alla pace e alla sicurezza internazionali, deve essere condivisa fra le nazioni del pianeta e dovrebbero essere esercitata in maniera multilaterale (DICHIARAZIONE 2000). Alla poesia delle tensioni ideali si contrappone la prosa della realtà quotidiana. Ascoltiamo ad esempio la voce di uno dei tanti mancati studenti cui il diritto all'istruzione è stato clamorosamente negato: sono arrivati dall'entroterra, l'unica fuga era il mare, ma non abbiamo avuto tempo, Erano in tanti: adulti e bambini, Gridavano, urlavano agitando machete e armi...sono stato portato con altri miei amici nel villaggio del bush, inizialmente eravamo solo schiavi, poi ci hanno insegnato sparare, a combattere, ad attaccare i villaggi... non riesco ancora a credere che l'incubo sia finito...ho iniziato ad andare a scuola, non è una scuola ufficiale, per quella occorre pagare la retta, la divisa ed avere le scarpe che costano care (ALBANESE 2003). B. MEDITAZIONI Il contesto planetario globalizzato è stato definito società mondiale del rischio (Beck), nella sua sempre maggiore integrazione e interdipendenza fra minuscoli agenti e devastanti effetti perniciosi (la minima causa ed il massimo effetto). Una realtà globale che impone all'uomo interventi globali e capacità di comprensione aperte e dinamiche. La formazione è certamente lo strumento decisivo per affrontare simili sfide e, nella sfera della cooperazione internazionale, il vero e proprio asso nella manica. Tuttavia, la formazione è un diritto sovente negato: - alla persona, di diventare uomo planetario, - alla società, di farsi compartecipe della comunità globale, per diventare risorsa anziché problema. In una simile prospettiva, istruire, formare, educare è anche e soprattutto dovere etico ed impegno programmatico, cui gli Obiettivi del Millennio tentano di rispondere in maniera politica e progettuale. Il fatto è che ogni studente mancato è un cittadino perduto, con un ingente danno all'individuo e alla società cui appartiene. E un cittadino mancato diventa spesso manodopera per la criminalità, come bene traspare dal Traguardo 16 connesso all Obiettivo del Millennio 8, ovvero di sviluppare lavori onesti e produttivi per giovani. Dunque, il diritto allo sviluppo è anche diritto alla crescita completa ed equilibrata dell'individuo, il che richiede una crescita integrale e permanente della persona in tutte le sue componenti. 3

4 Su queste basi la formazione integrale e permanente diventa sia contenuto del diritto umano allo sviluppo individuale (quello che definiremo l'obiettivo), sia la modalità con cui realizzare e dare compimento a tale diritto (quello che definiremo il mezzo). In definitiva la formazione è tre componenti assieme: un valore, un obiettivo, uno strumento irrinunciabili per fare di ogni uomo un cittadino attivo e globale. Non è un caso che di frequente nel pensiero degli studiosi, emerge l'importanza di combattere non tanto la povertà in quanto tale, bensì l'indifferenza ad essa. G.B. Shaw forse per primo sottolineò che il vero male è la distrazione ( Il peggior peccato contro i nostri simili non è l'odio, ma l'indifferenza: questa è l'essenza della disumanità ). Lo riecheggia Kofi Hannan: il nostro nemico è l indifferenza, la convinzione che ci siano tanti mondi e che il proprio sia l unico di cui preoccuparsi. Questa convinzione è falsa ( ) C è un solo mondo, una sola umanità. E la sicurezza umana, vera, giusta e durevole è indivisibile. C. PRIMA CONCLUSIONE Raggiungiamo un primo approdo: gli studenti globali di oggi saranno i cittadini globali di domani. Un sapere globale dunque è un diritto ma anche un dovere. 2. FORMAZIONE: DA CHI, DI CHI, PER CHI, COME? A. PROVOCAZIONI Dei tanti campi in cui la formazione gioca un ruolo prioritario, uno mi piace ricordare. In un Rapporto di NetConsulting del 2001 sulla formazione IT (informatica telematica) l'italia appare in ritardo sulla formazione in campo informatico e telematico e incapace di innescare adeguate sinergie virtuose tra pubblico e privato. Secondo NetConsulting, il settore della formazione IT in Italia è in sensibile ripresa, avendo sfiorato nel 2000 i miliardi di lire, con una crescita pari al 10,5% sul 1999 e con ottime previsioni di investimento Ma per determinare lo stato dell'arte del mercato della formazione IT in Italia sono anche altri i parametri da considerare. L'analisi NetConsulting rivela chiaramente come la formazione IT, sia tecnico-specialistica che di sola alfabetizzazione, sia insufficiente rispetto alle esigenze del mercato, anche se il settore è in crescita, e abbia gravi ripercussioni su tutta la crescita economica legata all'it del nostro Paese. "La formazione è l'unica leva in grado di gestire strutturalmente il problema", ha sostenuto Giancarlo Capitani, amministratore di NetConsulting. Eppure la formazione è un nodo nevralgico di primo ordine, da cui dipende il futuro di tante aspetti: dell apprendimento, dell economia, della comunicazione, in fondo un po il futuro di tutto il Sistema Italia: si può restare indietro sulla priorità numero uno dell innovazione? BIll Gates in una intervista al Corriere della Sera del esprime l'opinione che nell'universo informatico telematico: Molti paesi, non solo l Italia, devono cogliere l occasione al volo, muoversi con grande rapidità, cambiare. ( ) E non considero affatto l Italia un paese tecnologicamente arretrato. L anno scorso l uso privato della banda larga è cresciuto del 35% ( ) Certo c è molto da fare. Abbracciare senza perdere tempo la tecnologia, il cambiamento, il nuovo. B. MEDITAZIONI Traiamone qualche riflessione in libertà. Viviamo in una società in rapida trasformazione, resa complessa dalla presenza di numerose interconnessioni tra campi assai diversi dello scibile umano. Oramai sono impossibili da esercitare ed anzi impossibili da concepire professioni rinchiuse dentro la sicurezza di recinti monodisciplinari. In altre parole sono oramai indispensabili professionalità aperte, elastiche, pur senza cadere nella tentazione della tuttologia. Di conseguenza anche la formazione, per essere all'altezza, deve essere fluida e multisettoriale, attenta anche alle aspirazioni pratiche dello studente. Perciò non si può più concepire la formazione in termini soltanto di capacity building ma più in generale come vocational training, ovvero formazione di tutte le abilità necessarie ad affrontare in concreto una determinata professione cui lo studente si sente orientato. È insomma questione di crescita integrale della persona e del professionista. 4

5 La formazione diventa allora un processo educativo e non può accontentarsi di un semplice travaso di conoscenze ed abilità, indirizzata com è a preparare l uomo ad affrontare la realtà professionale quotidiana, nella sua complessità. Diventa urgente e dunque tracciare alcuni criteri portanti della formazione orientata ad un autentico sviluppo umano: 1) le persone devono essere poste in grado di incrementare la propria produttività; solo una popolazione ben nutrita, sana, con adeguate competenze e motivata a partecipare può contribuire all'accrescimento della produttività; 2) le persone devono godere di pari opportunità, eliminando ogni barriera contro le opportunità affinché tutti possano trarre benefici; 3) deve essere garantito l accesso alle opportunità sia alle attuali generazioni che a quelle future; tutte le forme di capitale, fisico, umano, sociale, ambientale devono poter essere replicate e garantite anche per il futuro; 4) le persone devono partecipare alle decisioni e ai processi che modellano la loro vita: sviluppo dalla gente, della gente, per la gente. Tentiamo allora di tracciare alcune direttrici di formazione integrale dello studente futuro professionista, in particolare per coloro che intendono cimentarsi nei Paesi in Via di Sviluppo. Un esempio paradigmatico ci viene dall'esperienza nella formazione dei volontari internazionali impegnati in progetti di sviluppo. Possiamo distinguere due aree formative: A) la prima é quella della formazione di base: in essa è importante curare le seguenti aree tematiche e profili di crescita: A.1) AREE TEMATICHE - area socio-antropologica - area socio-economica - area progettuale - area legislativa e burocratica - area psico-attitudinale - area etica A.2) PROFILI DI CRESCITA 1) cognizioni (nozioni e abilità) 2) convinzioni (valori) 3) motivazioni (spinta interiore) B) solo successivamente si potrà passare alla formazione specifica su un dato progetto: - situazione socio-politica - settore di intervento - problematiche del singolo progetto. In conclusione dobbiamo chiederci se la formazione debba limitarsi al semplice travaso di conoscenze, anche assai approfondite, o spingersi fino all ambizione di curare il rafforzamento dello spessore di una persona diremmo a 360. Propendo volentieri per la seconda opzione. Credo necessario cioè passare dall istruzione alla maturazione, che rappresenta un percorso didattico ma anche umano. Sotto altro profilo, il rischio di tanta formazione, universitaria in particolare, è di cadere nell astigmatismo professionale e culturale, ovvero nel difetto di sapere tutto ma in un piccolissimo segmento, senza una visione ampia delle implicazioni e delle interdipendenze dalle quali è connotata una qualunque realtà socio-economica, specie quelle dei Paesi in Via di Sviluppo. Ne derivano importanti conseguenze: la formazione diventa costruzione di almeno cinque capacità da coltivare nello studente: - competenza --> conoscenze multidisciplinari appropriate - esperienza --> maturazione pratica - eticità --> coscienza e responsabilità etica - criticità --> profondità di analisi - progettualità --> organicità di pensiero ed azione. Evidentemente un simile progetto formativo richiede alle strutture e agli stessi docenti un impegno ben maggiore di quello tradizionale. Si tratta in ultima analisi di curare la maturazione della persona dello studente educandolo alla cittadinanza attiva ed alla professione come strumento di cittadinanza attiva globale, per un autentico sviluppo umano. 5

6 I due principali strumenti complementari a disposizione del docente, dalle comprovate potenzialità didattiche sono: 1) l'educazione allo sviluppo; 2) la conoscenza esperienziale diretta delle realtà entro cui esercitare la futura professione, con una modalità pianificata di approccio quanto più profondo possibile. C. SECONDA CONCLUSIONE Veniamo così alla seconda conclusione: la formazione è la sommatoria e l interazione fra la trasmissione di cognizioni, la proposta di convinzioni, la costruzione di motivazioni. Lo studente deve essere guidato alla consapevolezza che più sa più è in grado di dare e dunque orientato ad un sapere per dare e non per avere. 3. FORMAZIONE UNIVERSITARIA A. PROVOCAZIONI Di fronte ad una sfida così complessa, che dire della formazione universitaria in particolare? Assistiamo ad un modo a mio avviso singolare di catalogare le performance delle università. Emblematico il caso della classifica annuale di Times, noto magazine anglosassone. Per compilare l'elenco, gli esperti del Times hanno chiesto a circa accademici di tutto il mondo di indicare i nomi delle migliori istituzioni universitarie specializzate nel settore di loro competenza ed hanno inoltre valutato la qualità dei corsi, la notorietà dei docenti e l'internazionalità degli atenei, in termini di capacità di attrarre studenti stranieri dall'estero. È interessante notare che però nulla è stato chiesto agli studenti. Pare strano che gli studenti di Pechino (15a della classifica) siano otto volte più entusiasti della loro università rispetto ai colleghi di Roma La Sapienza (125a). Tien an Men non significa nulla? Su tutt'altro versante, possiamo ricordare lo scandalo italiano delle lauree fasulle: 14 atenei privati italiani sono stati posti sotto inchiesta dall'autorità antitrust per il rilascio di diplomi a quanto pare falsi. C'è da chiedersi però se conta di più avere buoni diplomi o buoni dottori. B. MEDITAZIONI Forse più che i curricula e le strutture è bene ripensare radicalmente il rapporto fra studente e docente. Il modello a cui mi sento particolarmente legato è quello del Peripato aristotelico ovvero del docente che vive e cammina insieme agli studenti, affiancandoli. Aristotele fonda una scuola propria, un ginnasio pubblico posto sul colle del Licabetto, chiamato Liceo, poiché aveva sede in un luogo sacro ad Apollo Licio. E qui che il maestro tiene le sue lezioni, sia di tipo specialistico sia per un pubblico più vasto. Ai numerosi giovani che frequentano le sue lezioni, Aristotele rende noti i risultati dei propri studi, che non conserva gelosamente, ma trasfonde loro quasi come dei commensali cui si passa un cibo culturale. Il concetto è stato sviluppato sotto altro profilo da un grande educatore del XIX secolo, San Giovanni Bosco, che a proposito del rapporto educativo, amava dire: Ricordatevi che l'educazione è cosa di cuore. Allora, anche nell ambito certamente assai coinvolgente della formazione alla cooperazione allo sviluppo, dobbiamo chiederci: è ancora scuola di vita l università? In particolare, lo è ancora quella italiana? Cos è rimasto di profondo e come dobbiamo far tesoro dell esperienza di Aristotele o se preferite di Irnerio, il fondatore dell università moderna? Per restare aderente alla realtà terrena e farmi meglio comprendere, illustro un modello sperimentato nel corso di Cooperazione internazionale allo sviluppo, che tengo nell ambito della laurea specialistica in Ingegneria dell Ambiente e del Territorio di Trento, indirizzo Tecnologie appropriate per i PVS (Paesi in Via di Sviluppo). Si tratta della formula denominata Quadrilatero Tematico. Esso esprime l esigenza ed anche l impostazione metodologica di non precipitare subito lo studente dentro gli strumenti tecnici e nozionistici della materia, ma di condurlo per mano, quasi diremmo di stanza in stanza, dentro questo grande palazzo, passando dai contesti ai valori, agli obiettivi e solo alla fine dischiudendolo agli strumenti. 6

7 Lo scopo è di affrontare quattro settori, per rispondere ad altrettante domande: - dove siamo arrivati? - chi vogliamo essere? - cosa vogliamo fare? - come lo vogliamo fare? Contesti Valori Strumenti Obiettivi Quale diventa il ruolo dell agenzia educativa universitaria nel contesto della formazione dei futuri promotori di sviluppo? In un convegno tenuto nel novembre 2004 a Roma, presso l Università La Sapienza, imperniato sulla funzione dell Università nella nuova Cooperazione allo sviluppo, si individuarono come minimo questi compiti istituzionali: 1) formazione; 2) ricerca; 3) sostegno scientifico e culturale alla società umana; 4) azioni di peacekeeping, promozione della democrazia, pace, aiuto allo sviluppo. Una simile quadruplice mission rappresenta una formidabile responsabilità anche per i soggetti e le istituzioni tradizionalmente preposti alla formazione, in particolare per l'università, che sono chiamati a rinnovarsi e ricollocarsi nel contesto del sistema generale formativo, oramai popolato anche di nuovi protagonisti (basti pensare al ruolo delle ONG e di tante loro iniziative didattiche e di avviamento alla professione nel campo della solidarietà internazionale), per rispondere alle nuove esigenze. Mai come in questi ultimi anni si sente il bisogno, e la mancanza, di modelli all altezza di queste sfide. Alcune antinomie ci aiuteranno a comprendere l ampiezza dell orizzonte pedagogico implicato dalla prospettiva proposta: A) a proposito dei contenuti della formazione: - solo nozioni o anche coscienza? - solo cervello o anche cuore? - solo tecnologia o anche cultura? B) a proposito della persona del discente, attingo tre metafore dal mondo dell informatica per descrivere altrettanti modelli di percorsi d apprendimento: - studente dvd (recepisce e immagazzina passivamente mere conoscenze); - studente scanner (è cosciente di quanto recepisce ma può solo riprodurlo); - studente usb (raccoglie conoscenze ma dialogando con la sua sorgente è aperto alla loro elaborazione). Il fatto è che il processo di apprendimento così inteso non può risolversi nemmeno in quella che tradizionalmente si definisce capacity building. Occorre andare ancora oltre. Non basta sapere e nemmeno saper fare. Occorre saper capire ed interpretare. Dunque un esperienza formativa di consapevolezza, che rappresenta non solo il fattore determinante per uno sviluppo economico e sociale partecipato, ma anche una condizione imprescindibile per la conquista dei diritti di cittadinanza attiva e per elevare il livello globale di qualità della vita. A nuovi modelli di studenti devono abbinarsi, pare ovvio, nuovi modelli di docente. Quello della Cooperazione internazionale è peraltro un campo professionale relativamente nuovo e in tal senso si avverte sensibilmente ciò che sempre accade in simili casi: mancano professionisti in quel determinato settore e di conseguenza mancano anche i formatori per quelle specifiche pro-fessionalità. Sono proliferate rigogliosamente le proposte di formazione universitaria in tema di Cooperazione allo sviluppo e constato che tutte tentano di spiegare cos è la Cooperazione. Ma chi insegna oggi a lavorare nella Cooperazione? Chi avvia lo studente a realizzarsi professionalmente in esperienze concrete, che travalichino l oramai immancabile stage nei PVS? Ancora pochi. 7

8 Vedo all orizzonte una prospettiva ancora più vasta: la nascita di una vera e propria facoltà di Scienze della Cooperazione, sulle orme di Scienze della Comunicazione, che pure ancora quindici, vent anni fa era un utopia. Ma formare alla cooperazione, allo sviluppo umano e sostenibile, con tutte le sue sfaccettature e difficoltà persino concettuali (avete presente Latouche?), implica anche il fare buon uso di una componente vieppiù trascurata in altri indirizzi di laurea. La dimensione comunitaria. Mai come in questa disciplina appare urgente e indispensabile sforzarsi affinché l Università sia vera e propria agenzia educativa e non mera fabbrica di competenze. Ed a questo fine occorre una formazione e crescita comunitaria e non solo individuale. Comunità fra studenti e comunità fra studenti, docenti e ricercatori. Del resto è sempre elevato il rischio di una vistosa incoerenza: predicare la cooperazione e praticare il più sfrenato individualismo. Promuovere la partecipazione e creare i presupposti dell esclusione. Tradotto in termini metodologici, la didattica qui vede un ruolo insostituibile di momenti frontali, di un incontro e confronto anche visivo fra docente e studente. A questo proposito, ritengo che una maturazione completa dello studente-persona non può mai essere solo on-line, virtuale, telematica. In altre parole, rimane insuperabile un modello di università dual mode (frontale e virtuale insieme) rispetto a quello, per il vero dilagante, dell università virtuale, a distanza. Anche la combinazione delle due classiche componenti pedagogiche (apprendimento teorico e sperimentazione pratica) richiede impegno e un profondo ripensamento. Sovente la componente pratica si risolve in uno stage contemplativo : andare a vedere, per periodi di solito sempre troppo brevi, il lavoro e la vita degli altri. Invece l esperienza pratica dev essere di coinvolgimento operativo, da un lato, con forte responsabilizzazione, attraverso la finalizzazione dei compiti affidati allo studente, e di approccio diretto, dall altro, alle realtà sociali, economiche, politiche, insomma quotidiane dei paesi in cui un domani si troverà ad operare. A questo proposito, quali sono i caratteri di un buono stage? Mi limito a pochi suggerimenti: 1- dev essere operativo e non contemplativo; 2- dev essere responsabilizzante (responsabilità diretta e risultati attesi precisi); 3- deve prevedere un contatto integrale con i problemi, le comunità, le persone; 4- deve avere obiettivi didattici predefiniti: fondamentalmente, deve mirare a far toccare con mano allo studente tutte e quattro le componenti del quadrilatero tematico sopra proposto; 5- va monitorato e sostenuto con tutoraggio personale, anche nella permanenza nei PVS (quanti studenti parcheggiati nei PVS a morire di solitudine!); 6- deve prevedere una combinazione di lavoro e di apprendimento teorico anche durante l esperienza (destinato all affinamento delle competenze generali ricevute in precedenza). Per arrivare a questo livello, la formazione in genere e quella di tirocinio in particolare, implica una condizione irrinunciabile a mio avviso: una stringente partnership con soggetti ed enti già impegnati nel settore. L esempio più tipico è il convenzionamento con le ong. Il che è più facile a dirsi che a realizzarsi. Il modello che ritengo insuperato in Italia è quello del Master in Cooperazione allo Sviluppo promosso dall ESASCS, presso l Ateneo di Pavia in collaborazione con alcune fra le maggiori ONG italiane. Il modello del corso residenziale intensivo abbinato ad un periodo di vero e proprio lavoro presso i professionisti della cooperazione (ONG, agenzie della cooperazione governativa) e non solo di stage contemplativo, realizza in modo assai efficace il c.d. affiancamento on the job. La prova dell efficacia? Tutti o quasi gli studenti diplomati trovano impiego nel mondo della cooperazione. C. TERZA CONCLUSIONE Giungiamo alla terza conclusione: l università deve assumersi la responsabilità di condurre gli studenti lontano. Per fare un lungo cammino serve una lunga rincorsa. 8

9 4. FORMAZIONE PERMANENTE A. PROVOCAZIONI Per avviarci alla conclusione di questi semplici spunti di riflessione, non resta che uno sguardo alla nuova frontiera della formazione: quella permanente. Due soli, brevi stimoli. Rapporto Caritas Migrantes 2005: pare che gli stranieri immigrati siano più colti di noi: senza dubbio contano più laureati, il 12,1% contro il 7,5% degli Italiani. Supposizione maligna: solo i più formati di loro si possono permettere di fuggire dalla patria. Lasciandola orfana di cervelli ed idee per rialzarsi dalla polvere dell emarginazione. Confederazione elvetica: è talmente consolidata la tradizione della formazione continua, ovvero degli adulti anche dopo la sospirata laurea, che si celebra addirittura il Festival della Formazione Continua. E in italia? B. MEDITAZIONI Se il vero motore dello sviluppo sono le capacità delle persone, le loro risorse contro ogni carenza e spoliazione di risorse materiali, al centro dell attenzione strategica di una seria politica di sviluppo non potrà che stare la persona umana. Ma la persona è permanentemente in crescita, in formazione. Diciamo appunto in via di sviluppo. E illuminante al riguardo la Comunicazione della Commissione Europea del novembre 2001, Realizzare uno spazio europeo dell apprendimento permanente, (COMMISSIONE UE 2001) che: a) definisce la c.d. lifelong learning, come: qualsiasi attività di apprendimento avviata in qualsiasi momento della vita, volta a migliorare le conoscenze, le capacità e le competenze in una prospettiva personale, civica, sociale e/o occupazionale. b) enuclea come suoi peculiari questi obiettivi: - autorealizzazione - cittadinanza attiva - inclusione sociale - occupabilità e adattabilità professionale c) rimarca questi principi fondanti: - ruolo centrale dell allievo; - promozione di pari opportunità per tutti gli uomini di buona volontà; - cura dell alta qualità e pertinenza della formazione. Per tirare le prime somme sulla lifelong learning, trovo alquanto azzeccato l antico adagio cinese, risalente al 645 avanti Cristo: Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Ed all Università moderna cosa ha da insegnare questa saggezza antica? Che non basta una laurea o un master. E neppure il consueto ed episodico upgrading professionale. Serve invece tenere viva una fiamma nello studente-persona, creare un circuito permanente di connessione in rete fra sistema universitario ed ex studente. Quali strumenti, metodologie e contenuti potrebbe utilmente avere un simile meccanismo? A. Strumenti. Ovviamente mi limito a pochi cenni. In primo luogo occorre pensare a strutture di connessione fra mondo dei laureati e mondo dell università. In particolare, puntare ad aggregazioni associative di collegamento, come gli ordini professionali o enti ad hoc. Interessante è l esperienza di Ingegneria Senza Frontiere, vero e proprio trait d union fra mondo della cooperazione e università, come pure quella consortile fra l Università di Pavia e tre ONG per la gestione del Master di Pavia prima menzionato. Un esempio emblematico di opportunità permanenti di formazione offerte a studenti ed ex studenti è il Centro di formazione on line per lo sviluppo umano promosso dal VIS di Roma, che vanta allievi di un po tutto il mondo. B. Metodologie. Altrettanto per sommi capi, si pensi a: - e-learning; - corsi residenziali post laurea; - aggiornamenti personalizzati; - esperienze post laurea di: -- volontariato internazionale; -- servizio civile internazionale; -- lavoro in progetti di cooperazione. 9

10 C. Contenuti. Una seria e profonda lifelong learning non potrà non indirizzarsi ad almeno tre componenti del bagaglio formativo essenziale a qualunque professionista: - quello tecnico cosa fare - quello metodologico come fare - quello valoriale perché fare. Cosa ci riserva il futuro? Una sempre più stretta connessione fra produzione e fruizione del sapere, fra agenzie educative e di ricerca e mondo del lavoro, fra università e professione, fra università e Cooperazione allo sviluppo. Soprattutto per evitare di impartire agli studenti conoscenze fatte per un mondo che non esiste già più: è il problema della sincronicità della formazione. Anche la Cooperazione abbisogna di professionalità sempre più curate e meno improvvisate, da coltivare continuativamente nel tempo. Un esempio di come valorizzare le conoscenze ed esperienze didattiche maturate da agenzie educative per costruire opportunità di formazione a largo raggio (spazio-temporale) è il nascente progetto del Virtual Training Center For International Volunteers - Tools and Competencies for Solidarity in a Globalized World. Il progetto, promosso dalla ONG VIS all interno del Programma d'azione comunitario in materia di formazione professionale Leonardo da Vinci, prevede la realizzazione di un portale web in tre lingue contenente guide metodologiche e strumenti di orientamento, di auto-formazione e di formazione online sul volontariato internazionale per aspiranti volontari, educatori/formatori, disabili mentali e non vedenti. C. QUARTA CONCLUSIONE Questo nostro peregrinare meditativo ci porta allora ad una quarta conclusione: formarsi senza fermarsi è guardare lontano. 5. EPILOGO Quello della formazione è oramai divenuto un mercato dalle vaste ma perniciose occasioni di business e purtroppo la caccia allo studente paga talora il fio di uno sminuimento degli orizzonti, non solo ideali. Lo studente, e con lui l istituzione educativa, rischia di cedere all irresistibile fascino delle attrazioni fatali: le prospettive di impiego a breve termine, di carriere e guadagni dal corto respiro. Si rischia cioè di pianificare l anno e di guardare troppo vicino. L obiettivo raccomandabile invece è di educare lo studente a coniugare competenze flessibili ed aperte con convinzioni solide e consapevoli. In ultima analisi, si tratta di camminare lungamente al suo fianco. Il che significa sognare per il mondo una cittadinanza globale, responsabile e perciò solidale. Come dire pianificare la vita. Allora: tornando alla saggezza cinese, vogliamo seminare grano, piantare alberi o educare le persone-studenti? Viviamo una stagione in cui, per singolare analogia di destini, la Cooperazione internazionale e l Università in Italia sembrano sprofondate in un irreversibile crisi di risorse. In compenso conservano, per tradizione, una profonda vocazione cui mi auguro rimangano intimamente fedeli. La risposta più concreta ai tagli alla cooperazione o alle riforme svilenti dell università sta nella fiducia riposta e accordata alle persone, alle potenzialità di giovani ben formati. La chiave più potente dello sviluppo infatti non può che essere, a tutte le latitudini, l educazione. Ho aperto questo mio contributo con l acuto pensiero del Presidente Ciampi, mi pare di poter chiudere con le parole di un suo grande amico, che non hanno bisogno di commento: lo sviluppo di un popolo non deriva primariamente né dal denaro, né dagli aiuti materiali, né dalle strutture tecniche, bensì dalla formazione delle coscienze, dalla maturazione delle mentalità e dei costumi. È l'uomo il protagonista dello sviluppo non il denaro o la tecnica (Giovanni Paolo II). 10

11 6. CENNI BIBLIOGRAFICI GENERAL CONFERENCE OF THE INTERNATIONAL LABOUR ORGANISATION (1975), C142 Human Resources Development Convention, (Convention concerning Vocational Guidance and Vocational Training in the Development of Human Resources in TACHI KIUCHI (1997), What I Learned in the Rainforest in CHARLES JOHNSTON (1996), Asking the Right Questions in ASSEMBLEA GENERALE DELLE NAZIONI UNITE, Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite (2000), ad es. in COLIN GRIFFIN (2000), Lifelong Learning: Policy, Strategy and Culture in LifelongLearning.doc MARY THORPE (2000) New technology and lifelong learning in COMMISSIONE U.E. (2001), Realizzare uno spazio europeo dell apprendimento permanente, Comunicazione al Parlamento e al Consiglio, Bruxelles in - MADHURI SUPERSAD (2001), Decent work and vocational training. The role of the State and the social partners, (cfr. anche gli ampi richiami bibliografici ivi) in DEE DICKINSON (2002) Learning Society of the Future: Questions to Consider, in HAZEL HENDERSON (2002), Education for the Third Millennium: Looking Back From 2050 in MARILYN KING (2002), Peace is the Only Gold. A Global Education Initiative in GIULIO ALBANESE (2003), Il mondo capovolto. I missionari e l altra informazione, Einaudi, Torino GORDON DRYDEN (2003), The Future of Learning in a New Free World and how to Build a World Wide Learning Web in RICHARD FELDER (2003), Active and cooperative learning, scheda riepilogativa in UNDP (2003), Rapporto annuale sullo sviluppo umano n. XIV. Le azioni politiche contro la povertà, Rosemberg & Sellier, Torino

12 GIOVANNI VAGGI (2004) I corsi di master post laurea in Cooperazione allo Sviluppo, in Lavorare nella cooperazione internazionale, (a cura di L. Cristaldi), SEI, Torino JEAN HOUSTON (2004), Social Artistry in CNR - ISTITUTO PER LE TECNOLOGIE DIDATTICHE (2005), Scheda su attività di ricerca, in GIOVANNI PAOLO II (1990), Redemptoris missio. Circa la validità del mandato missionario, Lettera enciclica, Roma, paragrafo 58 (ad es. Edizioni Paoline, Milano 1991) Copyright - Massimo Zortea

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro.

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro. 3 ABSTRACT Sono passati dieci anni da quando, nella prefazione ad una mia pubblicazione, un amico pedagogista ebbe modo di definire quel lavoro come tipico di una scuola militante. Oggi penso che tali

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE Università degli Studi di Verona Palazzo ex-giorgi di via Filippini 18, Verona www.univr.it www. formazione.univr.it/fol/main 1. La nostra lunga storia: tradizione

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006

Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Seminario di studio Cidi di Milano e Fondazione Giuseppe Di Vittorio Le nuove frontiere dell educazione interculturale 23 febbraio 2006 Le nuove sfide della scuola Walter Moro Il mio contributo in questo

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Titolo del progetto: IN.DI.A Inclusion and Dialogue through Action Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Sedi di attuazione del progetto : Bhubaneshwar, Stato di Orissa, India.

Dettagli

CentroStudi 30 Capitolo 2 Francesco Muzzarelli è esperto di formazione e corporate training consulting, autore di numerosi saggi sulle tematiche della formazione rivolta

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale

Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale Titolo del progetto: N.E.P.A.L New Experiences Promoting Active Learning Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale Sedi di attuazione del progetto: Il contesto territoriale nel quale si realizza

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici I nostri focus sono la persona, l occupazione, l ambiente, la partecipazione alle attività della nostra vita quotidiana: essi rappresentano gli ambiti nel

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO

SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO SCHEDA PROGETTO PICCOLE GUIDE, SULLE PISTE DELL APPENNINO Percorsi educativi e di ricerca, alla scoperta della Biodiversità e degli Equilibri Naturali nei Parchi Nazionali. I Proponenti del Progetto Promosso

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Istituto Tecnico Economico Regina Mundi ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LA NOSTRA IDENTITÀ Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli