Allegato 1 Capitolato Tecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 1 Capitolato Tecnico"

Transcript

1 Allegato 1 Capitolato Tecnico 1

2 Indice 1. INTRODUZIONE SCOPO DEL DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE DEL DOCUMENTO GENERALITÀ DELLA FORNITURA PROCEDURA DI GARA OGGETTO DESCRIZIONE DELLA FORNITURA LOTTO SISTEMI SERVER FARM Upgrade Server IBM P Server di classe Enterprise per i Servizi Sanitari Regionali (SISS) Upgrade Piattaforme Enterprise OracleSun M Sistema Ingegnerizzato per Database Appliance per DR/BC Datawarehouse SISTEMI VIRTUAL FARM Requisiti dei sistemi per tipologia Sistemi virtualizzatori di tipologia A Sistemi di tipologia B Sistemi Blade Chassis e Blade Server di tipologia A e C Indici prestazionali Rispetto delle normative Requisiti di alimentazione Requisiti di affidabilità DESCRIZIONE DELLA FORNITURA LOTTO STORAGE AREA NETWORK Kit di Upgrade Sottosistema Storage Enterprise EMC VMAX Kit di Upgrade Sottosistema Storage Unified Netapp FAS Soluzione di storage in Business Continuity geografica Soluzione di storage capacitivo per archiviazione o backup Upgrade Sistemi di Connettività Fibre Channel TAPE AREA NETWORK Requisiti Appliance con deduplica a blocchi variabili Upgrade Appliance EMC DD DESCRIZIONE DELLA FORNITURA LOTTO APPARATI DI NETWORKING Moduli I/O per switch di core Moduli I/O per switch di aggregazione Moduli fabric per switch di aggregazione Transceiver X Transceiver DWDM Transceiver SFP Switch di accesso per moduli remoti

3 Moduli remoti Moduli per apparati di interconnessione dei data center Transceiver per apparati di interconnessione dei data center Apparati application delivery controller globali Apparati application delivery controller locali Requisiti trasversali per gli apparati application delivery controller globali e locali Switch per nuovo building DESCRIZIONE DELLA FORNITURA LOTTO APPARATI DI SICUREZZA Modulo FW Perimetrale Modulo FW Enti regionali Modulo FW porta applicativa Modulo FW sviluppo e test DESCRIZIONE DEI SERVIZI ACCESSORI CONSEGNA COLLAUDO SERVIZIO DI MANUTENZIONE Servizio di Help Desk Call Management Call Management Accesso ai servizi di Help Desk ELEMENTI MIGLIORATIVI DELL OFFERTA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO LIVELLI DI SERVIZIO E SLA PROCESSO DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT Glossario Descrizione delle attività Definizione di Livelli di Servizio (LdS) SLA DEI SERVIZI GESTIONE DELLA FORNITURA MODELLO DI EROGAZIONE DELLA FORNITURA ELEMENTI DIMENSIONALI STIMATI DELLA FORNITURA STIME LOTTO STIME LOTTO STIME LOTTO STIME LOTTO

4 1. Introduzione 1.1 Scopo del documento Il presente documento espone le esigenze di Lombardia Informatica S.p.A. (LI) in merito al reperimento delle componenti infrastrutturali HW utili a garantire l evoluzione, in termini di aggiornamento e potenziamento, dei propri datacenter. Il perimetro delle forniture descritte è frutto di una pianificazione triennale ( ) le cui linee guida sono definite da LI e dai referenti dei sistemi informativi di Regione Lombardia in coerenza con i correnti riferimenti normativi. 1.2 Organizzazione del documento Il presente documento è organizzato secondo il seguente schema: Introduzione: è la sezione corrente del documento, finalizzata ad introdurre lo scopo generale e la struttura del documento; Descrizione della fornitura: sezione dedicata alla definizione puntuale delle componenti oggetto della fornitura per ciascuno dei lotti e dei relativi ambiti costituenti l oggetto di gara. I capitoli appartenenti a questa sezione descrivono la composizione e i requisiti minimi delle componenti di fornitura che dovranno essere garantiti in offerta dal Concorrente, pena esclusione, in quanto elemento essenziale dell offerta.; Livelli di Servizio - SLA: la sezione identifica i livelli di servizio attesi per i servizi oggetto della presente gara d appalto; Elementi dimensionali stimati della fornitura: la sezione riporta i volumi che la Stazione Appaltante, in termini non impegnativi, stima di acquisire per ognuno degli ambiti appartenenti ai diversi lotti di fornitura. 4

5 2. Generalità della fornitura 2.1 Procedura di gara Come specificato nel disciplinare di gara, la procedura cui afferisce il presente capitolato mira a selezionare i fornitori per 4 lotti di fornitura riferiti a diversi ambiti, come di seguito rappresentato. LOTTI LOTTO 1 LOTTO 2 LOTTO 3 LOTTO 4 AMBITI Sistemi Server Farm Sistemi Virtual Farm Storage Area Network Tape Area Network Apparati di Networking Apparati di sicurezza 2.2 Oggetto Oggetto della fornitura è l acquisizione, per ciascuno degli ambiti appartenenti a ciascun lotto, delle componenti infrastrutturali utili al Dipartimento Esercizio di LI per espletare le attività funzionali al governo dell evoluzione, all ottimizzazione ed al consolidamento dei Data Center di LI. Le soluzioni che compongono la fornitura dovranno avere caratteristiche di continuità ed omogeneità con il contesto infrastrutturale esistente descritto nel documento Allegato 2, pertanto non verranno accettate soluzioni che richiedano una reingegnerizzazione delle componenti applicative. I server oggetto della fornitura, dovranno possedere architetture compatibili a quelle dei server attualmente installati nei Data Center di LI. Le apparecchiature richieste nell ambito della fornitura dovranno presentare caratteristiche intrinseche di robustezza ed affidabilità tali da limitare le possibilità di malfunzionamento delle apparecchiature stesse, ed in maniera più generale, dell intera infrastruttura. I capitoli che seguono descrivono i diversi lotti di fornitura che compongono l appalto. Per ciascun lotto si riportano gli ambiti di fornitura cui corrispondono le componenti della fornitura. Per ognuna delle componenti della fornitura è descritta la configurazione tecnica richiesta (anche in termini di composizione della componente o del modulo stesso) e i requisiti minimi ed imprescindibili che dovranno essere garantiti dal Fornitore. La fornitura richiesta include inoltre il supporto specialistico per l installazione e la manutenzione on-site oltre, ove specificato, alle licenze software utili a soddisfare i requisiti richiesti. Il capitolo 7 riporta una 5

6 descrizione di dettaglio dei servizi accessori che dovranno essere garantiti e che appartengono al perimetro delle forniture di tutti i lotti descritti. 3. Descrizione della fornitura LOTTO Sistemi Server Farm La server farm del Data Center deve prevedere la fornitura di sistemi con notevoli capacità elaborative. Tipicamente questi sistemi hanno l onere di erogare servizi critici di notevole impatto. Da queste piattaforme verranno erogati i Servizi Regionali (SIRE) ed i Servizi Sanitari Regionali (SISS) con la logica di Business Continuity o Disaster Recovery. La tabella che segue schematizza le componenti di fornitura relative all ambito Sistemi Server Farm. Ambito della Fornitura Componenti di fornitura dell ambito Upgrade Server IBM P770 Server di classe Enterprise per i Servizi Sanitari Regionali (SISS) Sistemi Server Farm Upgrade piattaforma Enterprise Oracle Sun M5 Sistema Ingegnerizzato per Database Appliance per DR/BC Datawarehouse Le apparecchiature oggetto della fornitura dovranno essere costituite esclusivamente da elementi nuovi di fabbrica ed appartenere all ultima generazione rilasciata dal produttore al momento della fornitura. La fornitura dovrà prevedere anche il servizio di installazione, avvio operativo e configurazione base dei sistemi. Seguirà il collaudo delle piattaforme server secondo un piano di attività mirato a verificare il corretto funzionamento dei sistemi ed il rispetto di tutti i requisiti richiesti. I paragrafi che seguono riportano nel dettaglio i requisiti minimi richiesti per ognuna delle componenti di fornitura dell ambito Upgrade Server IBM P770 Nella seguente tabella vengono riportati i componenti previsti per l upgrade dei server IBM P770. Le caratteristiche tecniche dei componenti dovranno rispondere ai seguenti requisiti minimi: 6

7 Upgrade HW Processori IBM P770 Memoria Schede Fibre Channel Schede Ethernet 1G Schede Ethernet 10G Requisiti Upgrade server IBM P770 componenti Attivazione 16 core Power Ghz comprensivo di licenze per S.O Aix e powervm enterprise; Attivazione 256 GB di RAM; 3 (tre) schede HBA da min. 8 Gbps dual port 3 (tre) schede GEthernet quad port 2 (due) schede 10GEth SFP+ dual port e relativi transceivers Server di classe Enterprise per i Servizi Sanitari Regionali (SISS) Il Server finalizzato all erogazione dei Servizi Sanitari Regionali (SISS) dovrà soddisfare i seguente requisiti minimi: Classe Server Architettura Processori Memoria Schede Fibre Channel Schede Ethernet 1G Schede Ethernet 10G Dischi interni S.O. RAS Power Funzionalità Requisiti server per i Servizi Sanitari Regionali (SISS) Server fisico di classe Enterprise; Architettura del processore tecnologia a 64 bit; Il server deve essere equipaggiato con 8 (otto) processori fisici a 3,6 Ghz ognuno di loro con almeno 6 (sei) core; I processori devono possedere architetture compatibili a quelle dei corrispondenti server operativi in LI ed appartenere all ultima generazione rilasciata dal produttore al momento della fornitura; memoria RAM DDR3 installata non inferiore a 1TB 6 (sei) schede HBA da min. 8 Gbps dual port 4 (quattro) schede GEthernet quad port 2 (due) schede 10GEth SFP+ dual port e relativi transceivers 8 (otto) dischi 600 GB SAS 10Krpm Sistema operativo di tipo UNIX componenti hardware in grado di assicurare al server le funzionalità RAS; Il server dovrà essere dotato di stadio di alimentazione ridondato con funzionalità hot swap, dimensionato comunque per garantire i fabbisogni di potenza del server in condizioni di massima espansione. possibilità di partizionare il sistema in domini fisici e logici indipendenti; possibilità di configurare domini fisici e domini logici o un mix delle due tipologie; possibilità di poter spostare i domini logici da un sistema fisico ad un altro senza interruzione del servizio; avere un partizionamento nativo supportato dall Hypervisor; 7

8 Accelerazione crittografica Espandibilità Software per l alta affidabilità Requisiti server per i Servizi Sanitari Regionali (SISS) disponibilità della tecnologia di virtualizzazione in ambiente Unix poter gestire le risorse di I/O in modo condiviso tra domini logici; accelerazione crittografica integrata (des/3des, aes, Kasumi, Camelia, md5, sha- 1, sha-224/256/384/512, rsa, dh, dsa, crc32c) espandibilità fino a 32 CPU e almeno 192 Core Software di cluster locale per realizzare l alta affidabilità e relative licenze per 12 core Upgrade Piattaforme Enterprise OracleSun M5 Nella seguente tabella vengono riportati i componenti previsti per l upgrade della piattaforma di categoria Enterprise Oracle Sun M5. Requisiti Upgrade server M5 per i Servizi Sanitari Regionali (SISS) Upgrade HW componenti Processori Dischi SAS Schede Fibre Channel Schede Ethernet 1G Schede Ethernet 10G 2 (due) Board ognuno con. 2 CPU Sparc M5 6 core 3,6Ghz con 512 GB RAM (Dimm da 16 GB) 4 (quattro) Dischi SAS da 600 GB 10Kprm 6 (sei) schede HBA da min. 8 Gbps dual port 4 (quattro) schede GEthernet quad port 4 (quattro) schede 10GEth SFP+ dual port e relativi transceivers Sistema Ingegnerizzato per Database Il Sistema Ingegnerizzato per Database dovrà soddisfare i seguente requisiti minimi: ReqGen ReqDBserver Requisiti Sistema ingegnerizzato per Database Un sistema ingegnerizzato per database clusterizzato,pre-costruito e integrato, che comprende componenti hardware,software, storage e networking in un unica soluzione; Hardware e software configurato e integrato in un unico sistema per offrire protezione contro i guasti dei componenti tra cui dischi, CPU, memorie RAM, schede di rete e controller di sistema; Alimentatori, ventole e dischi sostituibili a caldo; Il sistema Database server deve avere le seguenti caratteristiche: Almeno 2 (due) database server per supportare la configurazione ridondata del sistema e fornire alta affidabilità con le seguenti caratteristiche: Architettura del processore tecnologia a 64 bit 8

9 ReqStorageServer ReqSwitch Requisiti Sistema ingegnerizzato per Database Ogni server deve avere un minimo di 2 (due) processori fisici ognuno di loro con minimo 12 (dodici) core. Ogni server deve avere 24 (ventiquattro) core attivi. Ogni server deve avere almeno 256 GB di RAM DD3; Le DIMM RAM devono avere una frequenza minima di 1600 MHz DDR3 Ogni server deve avere almeno 4 (quattro) dischi SAS (Serial attached SCSI) interni con minimo 300 GB dedicati al Sistema Operativo, e devono essere configurati per il funzionamento ridondato (RAID-1) Il controller raid interno (HBA - Host Bus Adapter) deve avere un minimo di 512MB Battery Backed Write Cache e deve supportare il livello di protezione dei dati del Raid 1. I dischi interni devono essere sostituibili senza l interruzione del servizio (sostituibili a caldo) Ciascun database server deve avere almeno 2 (due) porte Ethernet a 10GB SFP+, 4 (quattro) porte ad 1 GbE o 10GbE Base-T e almeno 1 (una) porta Ethernet 1GbE Base-T dedicata per il controllo ed il monitoraggio da remoto. Ciascun database server deve consentire una connessione a 40Gbit/sec ridondata (2 x 40 Gbit/sec in pieno funzionamento) verso lo storage utilizzando degli switch ad elevate prestazioni Ciascun database server deve avere alimentatori e ventole ridondati che permettono la sostituzione senza interruzione del servizio (alimentatori e ventole sostituibili a caldo) Ciascun database server deve essere fornito con un sistema operativo Linux Enterprise Class a 64 bit preinstallato, configurato, con licenza e con supporto tecnico incluso per almeno 1 anno. Ciascun database server deve essere certificato per l installazione di Oracle Database 11g R2 Enterprise Edition e di Oracle Real Application Clusters 11g R2. Il sistema storage server deve avere le seguenti caratteristiche: Almeno 3 (tre) storage server per supportare la configurazione ridondata del sistema a livello storage e fornire alta disponibilità, ridondanza e protezione in caso di guasto di un singolo server La capacità totale (raw) del sistema di storage deve essere di almeno 43,2 TB utilizzando solo i dischi rigidi. La capacità necessaria dello storage deve essere raggiunta utilizzando un sistema di almeno 18 dischi identici SAS2 da almeno 1,2 TB 10Krpm. I dischi devono essere interconnessi in modo che i database server li considerino come un unico storage Ogni storage server deve avere i suoi alimentatori ridondati e sostituibili senza interruzione del servizio ( alimentatori sostituibili a caldo) Il sistema deve avere almeno 9.6 TB di flash cache o di tecnologia equivalente Solid State Disk(SSD) I dischi devono essere sostituibili a caldo Il sistema storage deve avere al meno 1 (una) porta Ethernet 1GbE Base-T dedicata ad ogni storage server per il controllo e il monitoraggio da remoto Il sistema deve avere un minimo di 36 (trentasei) core a 64 bit attivi, disponibili per l elaborazione delle query SQL La piattaforma deve contenere almeno 2 (due) switch ad elevate prestazioni per fornire all infrastruttura alta disponibilità, ridondanza e protezione in caso di guasto di un singolo switch. Ogni switch deve avere almeno 36 (trentasei) porte a 40Gbit/sec per il collegamento tra i database servers e gli storage servers. Il throughput totale per ogni switch deve essere di almeno 1440 Gbit/sec Ciascuno switch deve avere alimentatori ridondati che permettono la sostituzione senza interuzione di servizio ( alimentatori sostituibili a caldo. 9

10 ReqGestioneRete ReqPerf ReqLic Requisiti Sistema ingegnerizzato per Database Ogni switch deve essere fornito con tutti gli accessori e cavi necessari per il collegamento tra i database server e il sistema di storage. La piattaforma deve contenere almeno 1 (uno) switch di layer 2-4 da 48 (quarantotto) porte 10/100/1000 BASE-T per la gestione del sistema di rete Le performance devono essere misurate mediante una metrica standard, come TB/ora per la velocità di caricamento dei dati e IOPS (numero di operazioni di Input / Output al secondo) per il disco e per la flash cache. L IOPS per disco deve essere almeno IOPS Le operazioni Flash Cache Read devono essere almeno IOPS Le operazioni Flash Cache Write devono essere almeno IOPS La velocità di caricamento dei dati deve essere di almeno 5 TB / h Devono essere fornite le licenze SW necessarie a realizzare la soluzione nel rispetto dei requisiti Il sistema ingegnerizzato deve essere certificato per operare con Oracle Database 11gR2 Enterprise Edition e con Oracle Real Application Cluster e deve essere supportato da un singolo vendor per tutti i componenti del sistema Appliance per DR/BC Datawarehouse Nell ottica di attivare il servizio di DR/BC per l ambiente Datawarehouse e garantire le medesime performance del sito primario, e' necessario disporre di un sistema con architettura compatibile con quanto attualmente operativo in LI, ed in grado di ospitare tutti i dati dell'appliance primaria. L appliance dovrà soddisfare i seguente requisiti minimi: ReqGen ReqRid ReqSMPserver Requisiti Appliance per Disaster Recovery Datawarehouse A livello architetturale, l appliance dovrà prevedere le tre principali componenti di una soluzione di data warehouse (database, server e storage) in un unica unità, L appliance per datawarehouse dovrà disporre delle seguenti specifiche architetturali: Architettura AMPP (Asymmetric Massively Parallel Processing) Compressione dei dati automatica mediante l utilizzo di un micro-processore dedicato. Il sistema deve essere supportato da un singolo vendor per tutti i componenti dell appliance. Tutte le componenti HW dovranno essere ridondate Il sistema con funzioni governo e di interfacciamento verso l esterno deve avere le seguenti caratteristiche: Almeno 2 (due) server per supportare la configurazione ridondata del sistema e fornire alta affidabilità con le seguenti caratteristiche: Architettura del processore tecnologia a 64 bit Ogni server deve avere un minimo di 2 (due) processori fisici ognuno di loro con minimo 6 (sei) core, tipo Intel Xeon a 64 bit Architettura active-passive 10

11 ReqSqlServer ReqStorage ReqSQL ReqAPI ReqLic Requisiti Appliance per Disaster Recovery Datawarehouse Il sistema con funzioni di elaborazioni del dato e comunicazione verso lo storage deve avere le seguenti caratteristiche: Almeno 2 (due) server per supportare la configurazione ridondata del sistema e fornire alta disponibilità con le seguenti caratteristiche: Ogni server deve avere un minimo di 2 (due) processori fisici ognuno di loro con minimo di 8 (otto ) core a 64 bit attivi, disponibili per l elaborazione dei dati 128 GB di RAM Almeno 16 core per dispositivi FPGA (Field Programmable Gate Array). La capacità totale (raw) del sistema di storage deve essere di almeno 8 TB utilizzando solo i dischi rigidi. La capacità necessaria dello storage deve essere raggiunta utilizzando un sistema di almeno 48 dischi identici SAS2 da 600GB. Deve supportare lo schema RAID1 mirroring Supporto linguaggio SQL (ANSI SQL92 con estensioni ad SQL99) Supporto API: SQL, OLE DB, ODBC 3.5, JDBC V 3.0 Type4 Devono essere fornite le licenze SW necessarie a realizzare la soluzione nel rispetto dei requisiti 3.2 Sistemi Virtual Farm Lombardia Informatica, nell ambito della naturale e continua evoluzione del proprio Sistema Informativo, ha la necessità di rivedere ed ampliare la propria infrastruttura Datacenter in ambito X86, seguendo i modelli e le principali soluzioni tecnologiche che attualmente guidano l evoluzione dei Data Center, prefiggendosi di poter raggiungere i seguenti obiettivi: Garantire l evoluzione, la crescita e la rispondenza dell infrastruttura Datacenter agli obiettivi aziendali per gli anni a venire; Ottenere una marcata riduzione dei costi e dei consumi energetici; Semplificare e ridurre il cablaggio infrastrutturale Ottimizzare le scelte dei processori in base all evoluzione applicativa, i carichi di lavoro e i recenti modelli di licenza degli applicativi Aumentare livelli di flessibilità e di utilizzo dell infrastruttura, diminuire i tempi di approvvigionamento, semplificare e centralizzare le attività di gestione; La fornitura in oggetto dovrà essere basata su soluzioni tecnologiche in grado di: Realizzare un infrastruttura elaborativa orientata al servizio, Permettere il consolidamento delle attuali infrastrutture, attraverso specifiche attività di virtualizzazione e migrazione dei dati: Fornire, installare, personalizzare uno strumento centralizzato per la gestione, il monitoraggio, l analisi delle performance, di tutte le risorse componenti l infrastruttura elaborativa oggetto della fornitura; 11

12 Permettere l evoluzione verso ambienti Cloud privato ove i servizi richiesti tramite portale selfservice e le risorse allocate su necessità con un controllo diretto del ciclo di vita elaborativa oggetto della fornitura; L infrastruttura computazionale dovrà essere scalabile sia in termine di volumi che prestazionali (scale-out e scale-up). In particolare la Stazione Appaltante ha definito tre tipologie di server differenziate per area di utilizzo e per caratteristiche tecniche. La tabella che segue riporta uno schema delle componenti di fornitura relative all ambito Sistemi Virtual Farm. Ambito della Fornitura Componenti di fornitura dell ambito Sistemi Virtualizzatori di Tipologia A (servizi DB Server) Sistemi di Tipologia B (Servizi Middleware) Sistemi Virtual Farm Sistemi Blade Chassis e Blade Server Sistemi Blade server di tipologia A Sistemi Blade server di tipologia C I paragrafi che seguono riportano nel dettaglio le caratteristiche tecniche ed i requisiti minimi richiesti per ognuna delle componenti di fornitura dell ambito Requisiti dei sistemi per tipologia Sistemi virtualizzatori di tipologia A Le caratteristiche tecniche minime dei server Virtualizzatori di tipologia A dovranno essere almeno quelle elencate di seguito: Architettura Form-Factor Processori Specifiche Sistemi Virtualizzatori di Tipologia A Architettura di sistema a 64 bit con 2 socket Il server dovrà essere in formato rack. Dovrà esser fornito e consegnato con tutti gli accessori (rotaie e guide telescopiche, viti specifiche, dadi, etc.) atti al montaggio dell apparecchiatura ed alla sua estraibilità da un rack da 19 per le opportune attività di ispezione/manutenzione. Configurazione con 2 processori almeno 10 core con tecnologia per il supporto alla virtualizzazione. Il server dovrà essere dotato di un potenziale prestazionale capace di garantire un throughput come definito nella tabella indice prestazionale per il server di tipologia A. 12

13 Power Ventilazione Memoria Specifiche Sistemi Virtualizzatori di Tipologia A Il server dovrà essere dotato di stadio di alimentazione ridondato con funzionalità hot swap, dimensionato comunque per garantire i fabbisogni di potenza del server in condizioni di massima espansione. Il server dovrà essere dotato di ventole ridondate con funzionalità hot swap, capaci comunque di garantire i fabbisogni di dissipazione del calore del server in condizioni di massima espansione. Almeno 384 GB di memoria installata di tipo ECC con banchi da 16GB DDR Hard disk Almeno 2 dischi SAS hot swap almeno da 300GB 15Krpm configurati in raid 1 Controller Dischi Schede Rete Schede HBA Management Scheda Grafica Consumo Rumorosità Certificazione S.O. Il server dovrà essere equipaggiato di controller integrato di dischi interni di tipo SAS con funzionalità hardware RAID 0,1 Il server dovrà essere equipaggiato con almeno 4 (quattro) porte per Network Gigabit-Ethernet 10/100/1000-Mbps full-duplex. Il server dovrà essere equipaggiato con ulteriori due schede a 10 Gb Ethernet dual port. Connettori RJ45 in rame. Il server dovrà essere equipaggiato con 2 schede FC dual port almeno a 8 Gbps Il server dovrà disporre di funzioni integrate di gestione, monitoraggio e configurazione del sottosistema, sia in locale che in remoto. Supporto IPMI 2.0 Il server dovrà essere equipaggiato con Controller Grafico VGA. Il server dovrà avere un consumo energetico massimo in condizioni di massima configurazione non superiore a 1.200VA, ed una dispersione termica delle apparecchiature, sempre nelle stesse condizioni di massima configurazione, non superiore a 3.700BTU/ora. Il server dovrà rispettare i requisiti di rumorosità per la tipologia di apparecchiatura, non superiori a LwAd 7,8 B (in operative mode). Caratteristiche di rumorosità in accordo agli Standard ISO 9296 ed UNI EN ISO Il server dovrà essere certificato per VmWare vsphere 5 e superiori, RedHat Enterprise Linux 6, Microsoft Windows Server Enterprise I server dovranno essere presenti all'interno delle liste di compatibilità indicate da VmWare (HCL) e l appaltatore dovrà garantire per le piattaforme proposte la certificazione con il prodotto software VMware vsphere 5 Enterprise Plus. Le schede di rete installate su questi server dovranno essere presenti all'interno delle liste di compatibilità indicate da VmWare (HCL) Le schede Fibre Channel devono essere presenti tra i componenti di I/O supportati da VmWare vsphere Sistemi di tipologia B Le caratteristiche tecniche minime dei server di tipologia B dovranno essere almeno quelle elencate di seguito: 13

14 Architettura Form-Factor Processori Power Ventilazione Memoria Specifiche Sistemi Tipologia B Architettura di sistema a 64 bit con 2 socket Il server dovrà essere in formato rack. Dovrà esser fornito e consegnato con tutti gli accessori (rotaie e guide telescopiche, viti specifiche, dadi, etc.) atti al montaggio dell apparecchiatura ed alla sua estraibilità da un rack da 19 per le opportune attività di ispezione/manutenzione. Il server, configurazione con 2 processori 8 core o superiore dovrà essere dotato di un potenziale prestazionale capace di garantire un throughput come definito nella tabella indice prestazionale per il server di tipologia B.. Il server dovrà essere dotato di stadio di alimentazione ridondato con funzionalità hot swap, dimensionato comunque per garantire i fabbisogni di potenza del server in condizioni di massima espansione. Il server dovrà essere dotato di ventole ridondate con funzionalità hot swap, capaci comunque di garantire i fabbisogni di dissipazione del calore del server in condizioni di massima espansione. Almeno 64 GB di memoria installata di tipo ECC con banchi da 8GB DDR Hard disk Almeno 6 dischi SAS hot swap da 3006GB 15Krpm configurati in raid 1 Schede Rete Schede HBA Consumo Rumorosità Certificazione S.O. Il server dovrà essere equipaggiato con almeno 4 (quattro) porte per Network Gigabit-Ethernet 10/100/1000-Mbps full-duplex. Il server dovrà essere equipaggiato con ulteriori 2 schede almeno single port a 10 Gb Ethernet. Connettori RJ45 in rame. Il server dovrà essere equipaggiato con 2 porte FC almeno a 8 Gbps Il server dovrà avere un consumo energetico massimo in condizioni di massima configurazione non superiore a 1.200VA, ed una dispersione termica delle apparecchiature, sempre nelle stesse condizioni di massima configurazione, non superiore a 3.700BTU/ora. Il server dovrà rispettare i requisiti di rumorosità per la tipologia di apparecchiatura, non superiori a LwAd 7,8B (in operative mode). Caratteristiche di rumorosità in accordo agli Standard ISO 9296 ed UNI EN ISO Il server dovrà essere certificato per VmWare vsphere 5 e superiori, RedHat Enterprise Linux 6, Microsoft Windows Server Enterprise Sistemi Blade Chassis e Blade Server di tipologia A e C La Fornitura degli apparati di tipologia Blade deve essere onnicomprensiva di tutte le parti funzionali necessarie all infrastruttura blade per la perfetta operatività, degli apparati a corredo (chassis con alimentatori, ventole, unità di IO, moduli di gestione, blade server etc), cavetterie fino al suo collegamento alla Local Area Network ed alla Storage Area Network per l erogazione del servizio. Il concetto infrastruttura Blade qui indicato è l aggregazione di più elementi infrastrutturali distinti. Nello specifico, devono intendersi incluse anche tutte le componenti (hardware e software) per abilitare il traffico 14

15 dati sia all interno dei singoli Blade chassis sia verso l esterno. Non si pongono limiti massimi sul numero dei blade server Chassis richiesti per alloggiare adeguatamente la numerosità di server blade indicata. Si richiede però che gli chassis possano avere il 30% degli slot liberi per futuri upgrade elaborativi. Al fine di soddisfare le esigenze computazionali stimate nei prossimi anni, si sono identificate le caratteristiche minime dei server da fornire e le relative quantità.. Le caratteristiche tecniche minime dei sistemi blade chassis dovranno essere almeno quelle elencate di seguito: Tipologia RU Chassis Alimentatori Numero blade server per Chassis Infrastruttura Blade - Specifiche Sistema Blade Chassis Ogni Blade Chassis dovrà essere meccanicamente alloggiabile in rack da 19 ; Dovrà essere fornito e consegnato con tutti gli accessori (rotaie e guide di sostegno, viti specifiche, dadi, etc.) atti al montaggio dell apparecchiatura. Occupazione massima di 6 RU; nell'altezza dovranno essere computati gli elementi infrastrutturali quali alimentatori, ventole, distributori di segnale o potenza, necessari a garantire il corretto funzionamento delle apparecchiature in configurazione di massima espansione. Dovranno inoltre essere forniti tutti i pannelli ciechi per i moduli non presenti. Il Blade Server chassis dovrà essere dotato di uno stadio di alimentazione ridondato con funzionalità hot - swap, capace di garantire i fabbisogni di potenza del/dei Blade Server chassis in condizioni di configurazione di massima espansione permessa dall apparecchiatura offerta dall Impresa. Condizione minima: Almeno nr. 8 blade server dual socket per chassis Il Blade Server chassis dovrà essere in grado di supportare simultaneamente moduli d interconnessione di tipologia Ethernet e FC, in modalita unificata, offrendo funzionalità Hot Pluggable e Ridondanza e garantendo le interconnessioni a tutti i Blade server. Tutte le componenti che costituiscono le interconnessioni di rete di un singolo chassis dovranno essere ridondate a livello di apparato (almeno due moduli d interconnessione per ogni Blade server chassis e, nel caso siano previsti nella soluzione fornita, almeno due switch top-of-rack). Moduli di connettività Per garantire l integrazione con la local area network di LI, il Blade Server chassis dovrà avere moduli d interconnessione LAN basati su tecnologia Cisco. L infrastruttura Blade deve avere le porte di front-end per il collegamento verso la Storage Area Network che supportino il protocollo di comunicazione FC 8 Gbps. Le porte esterne dell infrastruttura blade dovranno essere in grado di supportare le connessioni GigaEthernet e 10Geth e garantire il supporto dello standard IEEE 802.1Q e LACP (IEEE802.3ad). Aggiornamento microcode L'Infrastruttura Blade deve permettere l'aggiornamento dei microcodici (firmware) senza alcuna interruzione del servizio complessivo. 15

16 Scalabilità Sistema di ventilazione Moduli di gestione chassis Capacità di Gestione e Monitoraggio del sistema Sistema di raffreddamento Power supply Flessibilità Affidabilità Configurazione della Gestione componente Centralizzata Infrastruttura Blade - Specifiche Sistema Blade Chassis L'Infrastruttura Blade dovrà essere scalabile sia in termini capacitativi che prestazionali. Non dovrà verificarsi nessun tipo di degrado significativo all'aumentare del numero di server blade installate all interno degli chassis. Il Blade Server chassis dovrà essere dotato di un sistema di ventilazione capace di garantire, anche in caso di guasto parziale, i fabbisogni di dissipazione del calore del Blade Server chassis in condizioni di configurazione di massima espansione permessa dall apparecchiatura offerta dall Impresa. Moduli di gestione hardware ridondati interni o esterni allo chassis stesso. Software di gestione per il monitoraggio di tutte le periferiche dell enclosure (server blade, alimentatori, ventole, Lan switch, FC switch), compresa la gestione degli allarmi verso una stazione di management (locale o remota); Monitoraggio del consumo energetico; Gestione schedulata dello stato di Power on/off di un server blade. Gestione di Recovery Hardware di server andati in fault, mediante trasferimento complessivo del server compresi MAC address,vlan, WWN, livello di firmware e impostazioni di bbot. Il blade server chassis deve essere dotato di un sistema di raffreddamento in grado di minimizzare i consumi energetici ed al tempo stesso di migliorare l affidabilità dei componenti evitando il surriscaldamento. I power supply degli elementi offerti devono avere la certificazione energetica 80Plus Platinum Regolazione dinamica degli alimentatori in funzione della richiesta di potenza dovuta all accensione dei server Blade; Disponibilità opzionale di funzioni software per l installazione Automatica dei Server, Setup; Monitoraggio e Gestione; Orchestrazione Dinamica di server fisici e virtuali; Deployment automatizzato dei server. Di tipo Mission Critical senza Single-Point-Of-Failure: tutte le componenti dovranno essere ridondate ed hot- plug. La soluzione deve essere così configurata: 12 blade server di tipologia A 3 blade server di tipologia C 3 blade chassis moduli ridondati di connessione (LAN e SAN) come previsto dai requisiti. La soluzione con switch top-of-rack deve essere equipaggiata con almeno 8 porte SFP+ 10Gbit/s SR (compresi di transceiver) verso la LAN esterna e 4 porte SFP+ 8Gbps SW verso la SAN esterna. Software di gestione e monitoraggio dell infrastruttura. Devono essere previste tutte le licenze software necessarie a realizzare la soluzione nel rispetto dei requisiti richiesti. Software di gestione centralizzato, per la soluzione sopra indicata dislocata sui due Data Center ed in quantità pari a tre. 16

17 Le caratteristiche tecniche minime dei sistemi blade server di tipologia A dovranno essere almeno quelle elencate di seguito: Architettura Processori Infrastruttura Blade - Specifiche Sistema Blade Server tipologia A Architettura di sistema a 64 bit con 2 socket Configurazione con 2 processori almeno 10 core con tecnologia per il supporto alla virtualizzazione. Il server dovrà essere dotato di un potenziale prestazionale capace di garantire un throughput come definito nella tabella indice prestazionale per il server di tipologia A. Memoria RAM Hard disk Controller Disk Schede I/O Certificazioni Hypervisor e Sistemi Operativi banchi RAM da almeno 16GB DDR per un totale di almeno 384 GB di memoria installata Tecnologia di protezione dei dati in memoria: Advanced ECC; Memory Scrubbing; SDDC. Supporto per il Memory Mirroring Non richiesto, preferibile boot on SAN Controller per dischi interni rispondenti alle specifiche SAS Livelli Raid 0/1 onboard almeno 2 sk 10Gbit/s almeno 2 sk Fibre Channel con porte FC almeno a 4Gbps E possibile offrire la connettività richiesta anche in modalità CNA 10 Gbit/s ma su schede diverse garantendo la connettività esterna verso la rete LAN e SAN. I server blade devono essere certificate con VMware 5.5, Hyper-V 3.0, RHEL oltre a S.O. windows 2008 ES e redhat 6 o sup. Si richiede altresì che ciascuna porta fisica sia virtualizzabile nei confronti dell Hypervisor come almeno 4 istanze logiche. Le caratteristiche tecniche minime dei sistemi blade server di tipologia C dovranno essere almeno quelle elencate di seguito: Architettura Processori Infrastruttura Blade - Specifiche Sistema Blade Server tipologia C Architettura di sistema a 64 bit con minimo 1 socket Configurazione con minimo 1 processore di ultima generazione con 4 core, clock 3.5 Ghz e 15 MB di cache. Il processore deve essere compatibile con la tecnologia PCI Express 3.0. Memoria RAM banchi RAM da almeno 8GB DDR per un totale di almeno 64 GB di memoria installata Tecnologia di protezione dei dati in memoria: Advanced ECC; Memory Scrubbing; SDDC. Supporto per il Memory Mirroring 17

18 Hard disk Infrastruttura Blade - Specifiche Sistema Blade Server tipologia C Controller Disk Schede I/O Certificazioni Hypervisor e Sistemi Operativi Non richiesto, preferibile boot on SAN Controller per dischi interni rispondenti alle specifiche SAS Livelli Raid 0/1 onboard Prevedere almeno 2 porte 10Gbit/s + 2 porte FC almeno 4Gbps anche in modalità unificata (CNA) garantendo la connettività esterna verso la rete LAN e le fabric SAN. I server blade devono essere certificate con VMware 5.5, Hyper-V 3.0, RHEL oltre a S.O. windows 2008 ES e redhat 6 o sup. La soluzione blade dovrà garantire l interconnettibilità funzionale e fisica degli chassis e delle lame in essi contenuti sia alla Local Area Network che alla Storage Area Network già dislocata negli ambienti operativi. Tale interconnessione potrà essere realizzata in maniera diretta tramite porte rese disponibili attraverso i moduli di I/O contenuti negli chassis e/o tramite apparecchiature esterne agli chassis stessi, che saranno quindi da considerare parte integrante dell infrastruttura blade e che dovranno garantire un equivalente livello di ridondanza. Seguirà il collaudo delle piattaforme server secondo un piano di attività mirato a verificare il corretto funzionamento dei sistemi ed il rispetto di tutti i requisiti richiesti Indici prestazionali Il potenziale prestazionale minimo di ciascuna tipologia di server verrà valutato tramite i seguenti benchmark: SPECint_rate2006, valore Base SPECfp_rate2006, valore Base Il singolo server, dovrà essere dotato di un potenziale prestazionale sulla configurazione, con CPU installate come da configurazione richiesta, capace di garantire almeno un throughput come definito nella seguente tabella: Sistemi Prestazioni SPECint_rate2006 Valore SPECfp_rate2006 Valore Tipologia A Valore indice Base 820 Valore indice Base 615 Tipologia B Valore indice Base 520 Valore indice Base 450 Tabella Indice Prestazionale La tabella rappresenta il valore prestazionale in funzione alla tipologia del server ed al servizio che dovrà erogare. Gli indicatori menzionati sono definiti dai benchmark dell organizzazione SPEC (Standard Performance Evaluation Corporation 18

19 3.2.3 Rispetto delle normative In merito al rispetto delle normative di sicurezza e a garanzia del corretto funzionamento delle apparecchiature previste nella fornitura, disciplinata nei contenuti tecnici da questo Capitolato, dovranno soddisfare o superare i normali requisiti previsti per forniture similari (elenco fornito a titolo esemplificativo e non esaustivo): i requisiti di ergonomia stabiliti nella Direttiva CEE 90/270 recepita dalla legislazione italiana con Legge 19 febbraio 1992, n. 142; i requisiti stabiliti nel D.Lgs. n. 81/2008; i requisiti di sicurezza (es.: IMQ) e di emissione elettromagnetica (es.: FCC classe A) certificati da Enti riconosciuti a livello europeo; i requisiti di immunità definiti dalla EN55024; le apparecchiature fornite dovranno essere conformi alle Direttive di Compatibilità Elettromagnetica (89/336 e 92/31 - EMC) e conseguentemente essere marchiate e certificate CE; i requisiti relativi alla riduzione dell uso di sostanze pericolose previsto dalla normativa vigente, ed in particolare dalla direttiva 2002/95/CE, (RoHS), recepita con D.Lgs. 151/2005. Le apparecchiature fornite dovranno essere munite dei marchi di certificazione riconosciuti da tutti i paesi dell Unione Europea e dovranno essere conformi alle norme relative alla compatibilità elettromagnetica. Il Fornitore dovrà garantire la conformità delle apparecchiature alle normative CEI o ad altre disposizioni internazionali riconosciute e, in generale, alle vigenti norme legislative, regolamentari e tecniche disciplinanti i componenti e le modalità di impiego delle apparecchiature medesime ai fini della sicurezza degli utilizzatori Requisiti di alimentazione In merito agli aspetti relativi ai requisiti di alimentazione e del consumo massimo di energia elettrica ammissibile per le apparecchiature previste nella fornitura, dovranno presentare un assorbimento complessivo ed una dispersione termica in condizioni di massimo carico quanto più possibile contenuti. In linea con il Piano Nazionale d Azione sul Green Public Procurement, e nel rispetto del quadro giuridico relativo all inserimento di criteri ambientali negli acquisti pubblici (Direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE ), le apparecchiature previste nella fornitura, disciplinata nei contenuti tecnici da questo Capitolato: dovranno essere qualificate, a livello di caratteristiche tecniche, come energeticamente efficienti secondo quanto previsto dalle linee guida Energy Star Program requirements for Computer Server; dovranno disporre di funzionalità (hardware e/o software) tese ad un contenimento della potenza consumata da parte dell apparecchiature a fronte di variazioni di carico elaborativi Requisiti di affidabilità Le apparecchiature dovranno garantire la continuità dei servizi. Di conseguenza dovranno essere proposti prodotti di classe professionale, accuratamente qualificati e provenienti da Produttori di comprovata qualità 19

20 e affidabilità. Pertanto, le apparecchiature previste dalla fornitura, disciplinata nei contenuti tecnici da questo Capitolato, dovranno necessariamente prevedere l adeguato supporto, in termini di tecnologia costruttiva e di gestione della resilienza, a capacità di ridondanza del sistema di alimentazione, di ridondanza del sistema di raffreddamento, a capacità di funzionamento in presenza di guasti di dischi, alla presenza di meccanismi di rilevamento e di intervento hw/sw per monitorare situazioni anomale e garantire il funzionamento in sicurezza 4. Descrizione della fornitura LOTTO Storage Area Network L ambito di fornitura prevede upgrade capacitivo ed elaborativo dei sistemi Storage già operativi in LI. La tabella che segue schematizza le componenti di fornitura relative all ambito Storage Area Network e Tape Area Network. Ambito della Fornitura Componenti di fornitura dell ambito Storage area Network Kit dischi Flash Vmax Kit dischi FC Vmax Kit dischi SATA Vmax Kit Cabinet Expantion Vmax Kit Dischi SAS Netapp Kit Dischi SATA 2TB Netapp Kit Dischi SSD Netapp Kit Reqscale-up Netapp Soluzione di storage in Business Continuity geografica Soluzione di storage capacitivo per archiviazione e backup Upgrade sistemi di connettività Storage Area Network Tape Area Network Appliance con deduplica a blocchi variabili Upgrade Appliance DD Kit Cassetto Primario Upgrade Appliance DD Kit Cassetto Archiviazione Le componenti oggetto della fornitura dovranno presentare caratteristiche tecniche non inferiori a quelle attualmente operative in LI. Per le singole componenti oggetto della fornitura, il fornitore dovrà garantirne la compatibilità con l attuale infrastruttura Storage di classe Enterprise e Unified. 20

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp Efficienza e performance Soluzioni di storage NetApp Sommario 3 Introduzione n EFFICIENZA A LIVELLO DI STORAGE 4 Efficienza di storage: il 100% dei vostri dati nel 50% del volume di storage 6 Tutto in

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Lo storage di prossima generazione

Lo storage di prossima generazione Juku.it Lo storage di prossima generazione white paper (settembre 2012) Enrico Signoretti Juku consulting srl - mail: info@juku.it web: http://www.juku.it Indice Note legali 3 Juku 1 Perchè Juku 1 Chi

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

BPM business process management

BPM business process management COS È IL BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM)? Il BPM consiste nel creare modelli informatici dei processi operativi dell azienda al fine di creare un flusso orientato a rendere efficiente ed efficace il

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo M. Bramucci D. Di Santo D. Forni Report RdS/2010/221 USO RAZIONALE DELL ENERGIA NEI CENTRI DI CALCOLO M. Bramucci (Federazione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

SISTEMI DI VIRTUALIZZAZIONE: STATO DELL ARTE, VALUTAZIONI, PROSPETTIVE

SISTEMI DI VIRTUALIZZAZIONE: STATO DELL ARTE, VALUTAZIONI, PROSPETTIVE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Informatica Tesi di Laurea SISTEMI DI VIRTUALIZZAZIONE: STATO DELL ARTE, VALUTAZIONI, PROSPETTIVE

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server Prima pubblicazione: 21 Ottobre 2012 Ultima modifica: 21 Ottobre 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive San Jose, CA 95134-1706 USA http://www.cisco.com Tel: 8 526-00 800

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

NUOVA SERVER FARM PROGETTO

NUOVA SERVER FARM PROGETTO NUOVA SERVER FARM PROGETTO Tipo di documento: Relazione Tecnica Pag. 2 di 35 Indice 1. Introduzione 5 2. Obiettivi del progetto 5 2.1. Razionalizzazione 5 2.2. Disegno di una nuova architettura del sistema

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli