Distinguere le imposte dalle tasse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distinguere le imposte dalle tasse"

Transcript

1 Class (or sttimanali) Iga PRIMA Unità Didattich M.1 U.D1: I soggtti dl sistma conomico U.D.2: I linamnti dl sistma fiscal italiano Acquisir il conctto di attività conomica distingur l fasi attravrso cui si manifsta Acquisir il conctto di sistma conomico Individuar i soggtti il loro ruolo all intrno dl sistma conomico Classificar l ntrat l uscit pubblich Riconoscr i principi dl sistma fiscal italiano Distingur l impost dall tass Risolvr i problmi di calcolo prcntual dirtto invrso Risolvr problmi di calcolo prcntual sopra cnto sotto cnto Applicar l rgol pr il calcolo dll IRPEF in casi smplici Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr. (or 2 ) M.2 U.D.1: Il sistma azinda U.D2: Il sistma informativo l funzioni azindali Acquisir il conctto di azinda com sistma individuar gli lmnti ch la compongono Individuar i carattri dlla gstion azindal Classificar i fatti di gstion analizzarn l principali carattristich Riconoscr il ruolo dl sistma informativo com supporto all dcisioni azindali Classificar l azind individuar l loro rlazioni con l ambint strno Strutturar d intrprtar smplici prosptti dl patrimonio Classificar l funzioni azindali Elaborar, anch con il ricorso a softwar applicativo, tabll grafici

2 Class (or sttimanali) Iga PRIMA (or 2 ) M.3 Unità Didattich U.D.1: Il mrcato, l mrci la distribuzion U.D.2: Il contratto di vndita U.D.3: La documntazion dll oprazioni di vndita Dfinir i conctti di scambio, monta mrcato Individuar i carattri gli lmnti ssnziali accssori dl contratto di vndita Comprndr la funzion di documnti di vndita Dfinir i carattri i prsupposti dll IVA Classificar l oprazioni ai fini IVA Conoscr i riparti proporzionali l rgol pr la loro applicazion Classificar l imprs commrciali conoscr i canali dlla distribuzion Analizzar l modalità di formazion dl przzo di vndita in rlazion all divrs clausol contrattuali Compilar d intrprtar i documnti di vndita Dtrminar la bas imponibil IVA in prsnza di divrs clausol contrattuali Applicar l rgol dllo sconto mrcantil all oprazioni di vndita Applicar l rgol di riparti Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali trr prov scritt pr quadrimstr.

3 Class (or sttimanali) Iga SECONDA M.1 Unità Didattich U.D.1: Il finanziamnto dll attività conomica U.D.2: L intrss com rmunrazion dl crdito U.D.3: Lo sconto com compnso pr l anticipato pagamnto U.D.4:L unificazion la suddivision di rapporti di dbito-crdito Ravvisar il fabbisogno finanziario di soggtti conomici Individuar l fftto dl crdito sullo sviluppo conomico Acquisir i conctti di mrcato di capitali di borsa valori Apprndr i conctti di intrss montant Apprndr i conctti di sconto valor attual Ravvisar gli fftti dl trasfrimnto di capitali nl tmpo Acquisir il conctto di conto corrnt Applicar l formul dirtt d invrs Applicar l formul dirtt d invrs Dtrminar la scadnza adguata di più capitali Dtrminar la scadnza comun di più capitali Calcolar l importo di una sri di rat costanti Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Si prvd almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr (or 2 ) M.2 U.D.1: L cambiali U.D.2: Gli assgni U.D.3: I rapporti con l banch Riconoscr gli strumnti di pagamnto cambiari prvisti dalla nostra lgislazion Intrprtar l cambiali Farsi un ida dll procdur ch si attuano in caso di mancato pagamnto dll cambiali Riconoscr gli strumnti di pagamnto bancari in uso Intrprtar assgni bancari circolari Farsi un ida dll consgunz dl mancato pagamnto di un assgno bancario Rndrsi conto dll principali oprazioni ffttuat dall banch Lggr d intrprtar alcuni tra i principali documnti rdatti dai cntri di laborazion dati dll banch Compilar l cambiali Compilar assgni bancari circolari Compilar moduli ch l banch mttono a disposizion dlla clintla

4 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio TERZA (or 7) M.1 Unità Didattich U.D.1: l azinda i suoi carattri U.D.2: l imprsa l ambint in cui opra Elmnti costitutivi dll azinda Classificazioni rlativ all tipologi d azinda Soggtto giuridico soggtto conomico Figura dll imprnditor di suoi collaboratori Conctto di sistma-imprsa Rlazioni tra l imprsa l ambint in cui opra Distingur l azind in rlazion all classificazioni propost Distingur i soggtti dll asstto istituzional Individuar chi dtin il controllo nll divrs form giuridich azindali Collgar l voluzion dl conctto di azinda all form di mrcato Collgar gli intrlocutori sociali dl sistma di contributi dll ricompns Individuar i rapporti ch l imprsa instaura con l ambint strno Applicar l nozioni dl calcolo computistico apprs nl binnio all sclt azindali Collgar i rapporti con l ambint strno all condizioni dl succsso azindal Riconoscr l particolarità dll struttur oprativ all imprs Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr M.2 U.D.1: principi di organizzazion azindal U.D.2: l organizzazion dl lavoro Conctto di organizzazion di struttura organizzativa Funzioni dll imprsa Organi dll imprsa Struttur organizzativ di bas Attuali tndnz organizzativ Distingur gli lmnti di una struttura organizzativa Individuar l funzioni azindali Collgar analizzar l funzioni azindali Individuar i mccanismi di coordinamnto tra gli organi Disgnar organigrammi rlativi a struttur organizzativ smplici Collgar i ruoli, i potri l rsponsabilità dgli organi azindali

5 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio TERZA (or 7) M.3 Unità Didattich U.D.1: L oprazioni di gstion U.D.2: L asptto finanziario l asptto conomico dlla gstion U.D.3: Il rddito d srcizio U.D 4: Il patrimonio Conctto di gstion Classificazion dll oprazioni di fatti di gstion Ciclo tcnico, ciclo conomico, ciclo finanziario ciclo montario Conctto di finanziamnto Conctto di fabbisogni finanziario inizial succssivo, ncssario pr lo svolgimnto dll attività azindal Conctti di costo di ricavo Classificazion di costi di ricavi scondo la loro natura Conctti di risultato conomico global di srcizio Conctti di valor finanziario di valor conomico Conctto di patrimonio di funzionamnto Conctto di comptnza conomica Classificazion di finanziamnti dgli impighi Conctto di patrimonio ntto il significato dll su parti idali Fondamntali indici di struttura patrimonial l'indic di rdditività dl capital proprio Idntificar l oprazioni i fatti di gstion Riconoscr fatti intrni fatti strni di gstion Individuar i cicli azindali Calcolar la durata di cicli Utilizzar gli strumnti informatici pr il calcolo la rapprsntazion di cicli Distingur l oprazioni tra gli asptti dlla gstion Corrlar l oprazioni di gstion con l asptto conomico finanziario Individuar i flussi finanziari gnrati dall oprazioni di invstimnto/finanziamnto/disinvstimnto Calcolar il rddito global consguito dall imprsa sia con un procdimnto analitico sia con il procdimnto sinttico Distingur d sprimr parri sull condizioni di quilibrio finanziario quilibrio conomico Distingur i significati di priodo amministrativo di srcizio amministrativo Dtrminar il risultato conomico d srcizio d il patrimonio di funzionamnto Costruir i prosptti rlativi alla situazion patrimonial alla situazion conomica Utilizzar gli strumnti informatici pr il calcolo la rapprsntazion dl rddito d srcizio dl patrimonio di funzionamnto Calcolar la rmunrazion dll attività imprnditorial Individuar la diffrnza tra manifstazion finanziaria comptnza conomica Analizzar i casi di manifstazion finanziaria coincidnt o mno con la comptnza conomica Individuar i collgamnti tra rddito di srcizio patrimonio di funzionamnto Esprimr valutazioni sulla rmunratività dll attività imprnditorial Rapprsntar nlla situazion patrimonial l fonti gli impighi drivanti dall oprazioni di finanziamnto di invstimnto Calcolar gli indici di struttura il ROE Utilizzar gli strumnti informatici pr la rilaborazion dlla situazion patrimonial pr il calcolo dgli indici Individuar l rlazioni tra attività, passività patrimonio ntto Esprimr valutazioni circa l quilibrio finanziario l quilibrio patrimonial dll imprsa Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

6 Class (or sttimanali) Iga TERZA (or 7 ) M.4 Unità Didattich U.D.1: Il sistma informativo azindal U.D.2: L IVA la documntazion dll vndit U.D.3: L scrittur dll imprsa i conti U.D.4: L scrittur lmntari l contabilità szionali U.D.5: La contabilità gnral Diffrnza fra dati informazioni Collgamnti tra funzioni azindal sistma informativo Conctto di sistma informatico di compila informativo intgrato Evoluzioni dlla tlmatica al srvizio dlla comunicazion azindal L imposta sul valor aggiunto Pr-fatturazion Fatturazion Liquidazioni, dichiarazioni vrsamnti priodici IVA Rilvazion Conti rgol di rgistrazion Invntario Classificazion dgli invntari Classificazion dll scrittur Prima nota Contabilità szionali: di cassa, con l banch, di magazzino, dl prsonal, dll vndit dgli acquisti Mtodo dlla partita doppia applicato al sistma dl patrimonio dl risultato conomico Piano di conti Libro giornal conti di mastro Individuar l signz informativ dgli organi azindali Riconoscr l carattristich di un sistma informativo intgrato Individuar l rlazioni sistnti tra problmi da risolvr, sclt azindali strumnti disponibili Compilar i documnti dlla compravndita Tnr i rgistri IVA Applicar l rgol pr la liquidazion priodica IVA Analizzar i prsupposti dll IVA il suo ambito di applicazion Applicar l rgol di rgistrazion ni conti Riconoscr l fasi di rdazion dll invntario Individuar i tipi di invntario ch l imprsa rdig Individuar confrontar l scrittur obbligatori scondo la normativa civilistica fiscal Compilar la prima nota compilar i libri dll vari contabilità szionali Individuar la funzion dll contabilità szionali all intrno dl sistma informativo intgrato Riconoscr l oprazioni digstion da rilvar nlla contabilità gnral Analizzar l oprazioni di gstion scondo il sistma dl patrimonio dl risultato conomico Rilvar in partita doppia smplici oprazioni di gstion Individuar l diffrnz tra mtodo sistma contabil Analizzar i critri di impostazion dl piano di conti Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

7 ECONOMIA AZIENDALE Class (or sttimanali) Iga TERZA (or 7 ) M.5 Unità Didattich U.D.1: La costituzion dll imprsa U.D.2: Gli acquisti il loro rgolamnto U.D.3: L vndit il loro rgolamnto U.D.4: L oprazioni accssori l oprazioni straordinari Fasi admpimnti dlla costitu-zion di un imprsa Invntario di costituzion Confrimnti di disponibilità liquid di bni in natura Acquisto di azinda già funzio-nant Costi di impianto Fattori produttivi pr il funzionamnto di un imprsa Fasi di rilvazion contabil dll fattur di acquisto Rsi su acquisti abbuoni attivi Rgolamnto dll fattur d ac-quisto Vndit all'ingrosso vndit al dttaglio Fasi di rilvazion contabil dll fattur di vndita Rsi su vndit abbuoni passivi Rgolamnto dll fattur di vn- dita L oprazioni di gstion accssoria di gstion straordi naria Oprazioni sui bni strumntali Componnti accssori straordinari dl rddito Rdigr l invntario di costituzion Rdigr l scrittur in P.D. inrnti alla costituzion Dtrminar l avviamnto di una azinda funzionant Rdigr l scrittur rlativ ai costi d impianto Individuar gli lmnti ch compongono l avviamnto Riconoscr l diffrnz tra przzo di cssion patrimonio ntto contabil di un azinda Rdigr l scrittur in P.D. rlativ agli acquisti di bni strumntali, mrci, matri di consumo srvizi Rdigr l scrittur in P.D. rlativ ai rsi su acquisti abbuoni attivi Rdigr l scrittur in P.D. rlativ al rgolamnto dgli acquisti di fattori produttivi Analizzar l diffrnz tra costi di srcizio costi patrimonializzati Analizzar l diffrnz tra rsi su acquisti abbuoni Individuar l carattristich di vari strumnti di rgolamnto di dbiti commrciali Rdigr l scrittur in P.D. rlativ all vndit di mrci all ingrosso al dttaglio Rdigr l scrittur in P.D. rlativ al rgolamnto dll vndit di mrci Rdigr l scrittur in P.D. rlativ a rsi su vndit abbuoni passivi Rdigr l scrittur in P.D. rlativ alla riscossion di crditi commrciali Analizzar l diffrnz tra rsi su vndit abbuoni Individuar l carattristich di vari strumnti di riscossion di crditi commrciali Rdigr l scrittur in P.D. rlativ alla cssion di bni strumntali Riconoscr intrprtar l diffrnz tra componnti ordinari componnti straordinari dl rddito conomico d srcizio Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov struttura-t Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr.

8 ECONOMIA AZIENDALE Class (or sttimanali) Iga TERZA (or 7 ) M.5 Unità Didattich U.D.5:L oprazioni con l banch U.D.6: L altr oprazioni d srcizio U.D.7: La situazion contabil U.D.8: Il procsso di formazion dl bilancio d srcizio Rapporti tra imprsa banca Conto corrnt di corrispondnza Srvizi di pagamnto di riscossion Oprazioni di finanziamn-to Liquidazion priodica dll IVA Locazion lasing Variazioni dl patrimonio ntto Contnuto dlla situazion contabil Form dlla situazion contabil Scopi assgnati all situazioni contabili Conctto di invntario d srcizio Fasi oprativ attravrso l quali vngono dtrminati il rddito d srcizio il patrimonio di funzionamnto Conctto di assstamnto di conti Scrittur di assstamnto Scrittur di pilogo chiusura Rdigr l scrittur in P.D. rlativ ai pagamnti all riscossioni tramit banca Rdigr l scrittur in P.D. rlativ ai finanziamnti bancari a brv a mdio/lungo trmin Rdigr situazioni contabili Utilizzar gli strumnti informatici pr compilar situazioni contabili Intrprtar collgar i dati contnuti nll situazioni contabili Individuar gli rrori attravrso la lttura di dati contabili Rdigr l scrittur di assstamnto Rdigr la situazion contabil final Rdigr l scrittur di pilogo Rilvar il risultato conomico consguito nll srcizio Rilvar l ntità dl patrimonio ntto final Rdigr l scrittur conclusiv dlla contabilità gnral Utilizzar un programma di contabilità intgrata Riconoscr gli assstamnti da ffttuar ni conti in divrsi contsti oprativi Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr.

9 ECONOMIA AZIENDALE Class (or sttimanali) Iga TERZA (or 7 ) M.5 Unità Didattich U.D.9: Il bilancio d srcizio U.D.10: La riaprtura di conti U.D.11: I sistmi minori Contnuti dl bilancio d srcizio Fasi oprativ pr passar dalla situazion contabil final ai prosptti contabili dl bilancio d srcizio Principi contabili di gnral accttazion Fasi procdur pr la riaprtura di conti Sistmi minori Conti all oggtto conti al soggtto Sistmi di bni di trzi Sistma dgli impgni Sistma di rischi Conti d ordin di bilancio Rdigr il foglio di lavoro Applicar i principi contabili Rdigr lo Stato Patrimonial il Conto Economico Utilizzar un programma di contabilità intgrata Effttuar collgamnti tra i dati contnuti ni prosptti contabili dl bilancio Intrprtar i dati contnuti ni prosptti contabili dl bilancio trarr propri considrazioni Rilvar contabilmnt l oprazioni di riaprtura Effttuar collgamnti logici tra l oprazioni di assstamnto l oprazioni di riaprtura Riconoscr l oprazionida rilvar mdiant i sistmi minori Applicar l rgol di rgistrazion ni conti d ordin Iscrivr nllo Stato Patrimonial i conti d ordin Analizzar l diffrnz tra sistma contabil principal sistmi contabili minori Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr.

10 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M.1 Unità Didattich U.D.1: L acquisizion di bni strumntali U.D.2: L utilizzo di bni strumntali U.D.3: La dismission di bi strumntali Classificazion dll immobilizzazioni Problmi di gstion connssi all utilizzo di bni strumntali Modalità di acquisizion di bni strumntali Carattri di costi di manutnzion riparazion di bni strumntali di costi di ammodrnamnto ampliamnto Caus modalità di svalutazion rivalutazion di bni strumntali Norm civilistich fiscali riguardanti lo ammodrnamnto Diffrnti modalità di dismission di bni strumntali Carattri dll oprazioni di alinazion di bni strumntali Carattri dll oprazioni di liminazion di bni strumntali Individuar l carattristich principali di ciascuna forma di acquisizion di bni strumntali Rdigr l scrittur in P.D. rlativ all oprazioni di acquisizion di bni strumntali Collocar nl bilancio d srcizio i bni strumntali matriali d immatriali Individuar l voci dl bilancio d srcizio ch intrssano la gstion di bni strumntali matriali d immatriali Distingur l form di acquisizion di bni strumntali Analizzar i problmi di gstion connssi all utilizzo di bni strumntali Riconoscr analizzar l motivazioni ch conducono all sclt di acquisizion Esprimr parri circa la forma di acquisizion di bni strumntali ritnuta più opportuna in rlazion all signz dll imprsa Analizzar gli fftti conomici di ciascuna modalità di acquisizion sulla gstion azindal Rdigr l scrittur in P.D. rlativ all oprazioni collgat all utilizzo di bni strumntali Individuar gli fftti dgli intrvnti di manutnzion, riparazion, ampliamnto ammodrnamnto sulla gstion di bni strumntali Applicar l norm civilistich fiscali riguardanti l ammortamnto Distingur gli intrvnti di manutnzion da qulli di ampliamnto ammodrnamnto Individuar la ncssità di svalutazioni rivalutazioni di bni strumntali Riconoscr d analizzar l problmatich lgat alla svalutazion rivalutazion Idntificar d analizzar i motivi ch inducono il lgislator fiscal a fissar rgol di comportamnto divrs risptto al lgislator civilistico Individuar i vantaggi gli inconvninti drivanti dall applicazion dll norm fiscali sull ammortamnto Rdigr l scrittur in PD rlativ all oprazioni di dismission Riconoscr i riflssi dlla dismission di bni strumntali sul rddito d srcizio Analizzar l oprazioni di cssion prmuta Analizzar l oprazioni di liminazion volontaria involontaria Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

11 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M2 M.3 Unità Didattich U.D.1: L organizzazion dl lavoro l politich dl prsonal U.D.2: L amministrazion dl prsonal U.D.1: Il magazzino l scort Organizzazion dl lavoro mccanismi di coordinamnto Empowrmnt riconoscimnto dl mrito Orintamnto al consumator Funzion dl prsonal Nuov form di lavoro dipndnt Elmnti dlla rtribuzion foglio paga Organizzazion prvidnzial Obblighi dl dator di lavoro rlativamnt al prsonal dipndnt Funzion dlla logistica dl magazzino Principali problmatich collgat all organizzazion alla logistica dl magazzino Divrsi tipi di scorta Principi di codificazion dll mrci o di prodotti Riconoscr i compiti dlla funzion dl prsonal Illustrar l carattristich dll nuov form di lavoro dipndnt Analizzar l carattristich confrontar i modrni modlli di organizzazion dl lavoro Riconoscr gli lmnti dlla rtribuzion Compilar un foglio paga Rdigr l scrittur in PD rlativ al prsonal dipndnt Collocar i conti rlativi al prsonal ngli schmi di bilancio Valutar l incidnza dl costo dl lavoro sul total di costi d srcizio Individuar il ruolo dlla logica all intrno dll funzioni azindali Individuar i divrsi tipi di magazzino nll imprs modrn Individuar la funzion dl magazzino nll imprs industriali in qull mrcantili Individuar l principali problmatich organizzativ logistich lgat al magazzino Analizzar la funzion logistica all intrno dlla struttura azindal Analizzar l divrs problmatich gstionali di magazzino pr l imprs industriali mrcantili Individuar l principali carattristich dl lay out azindal di magazzino Riconoscr l divrs tipologi di scorta in magazzino la loro funzion Esprimr giudizi sull modalità più fficaci di organizzazion dl magazzino Valutar l importanza dl sistma informativo pr la gstion dl magazzino Costruir un sistma di codificazion dll mrci o di prodotti gstiti dall imprsa Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

12 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M.3 Unità Didattich U.D.2: Approvvigionamnto gstion dll scort U.D 3: La contabilità di magazzino Principi alla bas di una corrtta gstion dll scort Conctto di logistica intgrata Funzion dll ufficio programmazion dl buyr Critri modalità di dfinizion di piani d acquisto dll imprsa Sistma dl just in tim su modalità di applicazion Problmatich lgat al tmpo di approvvigionamnto al livllo di riordino dll scort alla loro rotazion Insrir la gstion dll scort nlla corrtta rlazion tra i divrsi cicli azindali Individuar i costi i rischi drivanti dalla gstion dl magazzino Comprndr il trad-off lgato alla gstion dl magaz-zino: srvizio alla clintla contnimnto di costi Individuar l funzioni dl buyr l su principali Comprndr il ruolo l importanza dlla logistica intgrata pr l imprsa modrna Individuar il collgamnto tra la gstion dl magazzino la gstion finanziaria d conomica dll imprsa Individuar il collgamnto tra la logistica azindal gli altri ambiti dlla gstion dll imprsa comptnz Individuar l condizioni pr il buon funzionamnto dl just in tim gli asptti positivi di qusto mtodo risptto al lotto conomico di acquisto Individuar l condizioni l modalità pr una corrtta proficua collaborazion con i fornitori azindali Individuar gli lmnti dcisivi pr la dtrminazion dl tmpo di approvvigionamnto dl livllo di riordino Dfinir l stratgi di logistica, commrciali produttiv pr incrmntar l indic di rotazion dll scort Dfinir la logica di costruzion dlla matric ABC gli lmnti intrprtativi ch ssa prmtt di acquisir Calcolar l indic di otazion dl magazzino a quantità a valor Impostar un modllo torico di collgamnto tra i cicli conomico, montario tcnico dll imprsa Dfinir l modalità oprativ utili a limitar i rischi i costi dlla gstion dl magazzino Dfinir d analizzar la distinzion tra i costi di ordinazion qulli di stoccaggio nlla gstion dll scort Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

13 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M3 Unità Didattich U.D.4: La valutazion dll scort: asptti civilistici fiscali Funzioni strumnti dlla contabilità di magazzino Principali modalità civilistich di valorizzazion dll scort Condizioni fiscali di tnuta dlla contabilità di magazzino Modalità di rilvazion contabil dll scort Contabilizzazion dll sistnz iniziali, dgli acquisti dll rimannz finali di prodotti dll mrci Critri civilistici di valutazion dll scort Rgol di rapprsntazion dll scort nl bilancio d srcizio Critri fiscali di valutazion dll scort Modalità civilistich fiscali di valutazion di lavori in corso su ordinazion Individuar l carattristich dl giornal dl mastro di magazzino Individuar l carattristich di documnti originari dlla contabilità di magazzino Individuar gli lmnti informativi contnuti nlla schda di magazzino Ricostruir il flusso di documnti connssi ai movimnti di magazzino Costruir la schda di magazzino a quantità valori impostando un sistma di codificazion di movimnti di bni in scorta Costruir la schda pr la valorizzazion di movimnti dll scort, con i mtodi dl costo mdio, lifo, fifo Individuar il collgamnto tra la contabilità di magazzino la contabilità gnral Individuar l carattristich dll principali modalità di valorizzazion dll scort Dtrminar una modalità di facil individuazion di bni di scarsa rilvanza pr i quali non ncssita la contabilità di magazzino Individuar gli obblighi di natura fiscal collgati alla tnuta dlla contabilità di magazzino Analizzar i documnti originari dlla contabilità di magazzino Esprimr confronti giudizi sui risultati drivanti dai divrsi mtodi di valorizzazion in funzion dll condizioni dl costo di bni in scorta Valutar l implicazioni drivanti dall utilizzo dll divrs modalità di valorizzazion dll scort sul risultato final d srci-zio sul patrimonio azindal Rilvar in contabilità l principali oprazioni lgat all mrci o ai prodotti: sistnz iniziali, acquisti rimannz finali Comprndr i conctti di costo d acquisto di valor di mrcato pr i bni in scorta Individuar il critrio dlla prudnza com lmnto fondamntal pr la valutazion civilistica dll scort Effttuar il confronto la sclta tra costo di acquisto di produzion il valor dsumibil dll andamnto di mrcato Comprndr il critrio di rapprsntazion dlla variazion dll scort in bilancio insrir tal valor nl valor o nl costo di produzion Individuar la logica la modalità di applicazion dl critrio fiscal di valutazion dll scort con smpi sulla valutazion al lifo a scatti Dfinir l modalità di calcolo civilistico fiscal di lavori in corso, su ordinazion dlla loro rapprsntazion in bilancio Analizzar nl bilancio d srcizio gli fftti dlla rilvazion dll scort Commntar il funzionamnto di conti rlativi all sco ricostrundo la loro natura l movimntazioni ch li carattrizzano Esprimr giudizi sui divrsi critri civilistici fiscali di valutazion dll scort Collgar l variazioni dll scort con la loro posizion il loro sgno nl Conto conomico nllo Stato patrimonial Analizzar la contabilizzazion di lavori in corso su ordinazion Dfinir gli fftti sul bilancio dl sistma dlla prcntual di compltamnto di qullo dlla commssa compltata Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

14 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M.4 Unità Didattich U.D.1: La funzion di markting U.D.2: Il markting-mix: prodotto, przzo, comunicazion U.D.3: Il markting-mix: la distribuzion U.D.4: La gstion dgli scambi con l stro Orintamnti dll imprs risptto all vndit Markting stratgico d oprativo Sistma informativo di markting: ch cosa analizzar, quali fonti strumnti utilizzar Piano di markting: sgmntazion, ASA, l divrs stratgi Divrsi significati di prodotto Prodotti grocry non grocry Ciclo di vita dl prodotto Stratgi di prodotto posizionamnto Assortimnto, lina gamma Stratgi di przzo Principali tipi di canal distributivo L più importanti formul distributiv (il franchising) Vincoli all sclt distributiv Lin gnrali dlla normativa sul commrcio Vari tipi di comunicazion azindal Efftti dlla pubblicità, conctto di targt audinc, obittivi stratgi di mssaggio Stratgi di canal costo contatto Pubblicità comparativa Agnzi concssionari di pubblicità Attività promozional Individuar l caus ch hanno portato all voluzion dll stratgi di vndita Confrontar fra loro l divrs tipologi di ricrch di markting Analizzar un qustionario di un istituto spcializzato in ricrch di markting al fin di individuarn gli obittivi Idntificar, in casi concrti, il tipo di stratgia di markting adottata Risolvr smplici casi di markting in matria di prodotto przzo Analizzar un caso azindal individuando l stratgi di prodotto przzo adottat ipotizzando stratgi altrnativ Risolvr smplici casi di markting in matria di distribuzion Analizzar un caso azindal individuando l stratgi distributiv adottat ipotizando stratgi altrnativ Individuar la stratgia di mssaggio l obittivo di targt audinc di un mssaggio pubblicitario Individuar la stratgia più adatta in smplici situazioni Analizzar, in un caso concrto, la stratgia di mssaggio risalir da ssa all stratgi gnrali dll imprsa Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

15 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M.5 Unità Didattich U.D.1: La forma giuridica dll imprs U.D.2: La socità di prson U.D.3: L socità di capitali Imprsa individual familiar Classificazion dll socità commrciali Compiti dgli amministratori di sindaci Carattristich conomich, giuridich fiscali dll socità di prson dll socità di capitali Loro classificazion Elmnti distintivi Admpimnti nlla fas costitutiva Modalità principi di iscrizion nl libro giornal dlla costitunda socità dgli apporti ffttuati dai soci Carico fiscal Dstinazion pagamnto dllo util Modalità di coprtura dlla prdita Modalità di finanziamnto a cui la socità può far ricorso Variazioni dl capital social in aumnto in diminuzion Bilancio d srcizio Classificazion Elmnti distintivi di vari tipi di socità Organi sociali funzioni loro assgnat Procdura di costituzion Procdura vincoli pr il riparto dgli utili Trattamnto fiscal crdito d imposta Modalità di coprtura dlla prdita d srcizio Variazioni dl capital social Fonti di finanziamnto strno Prosptti contabili dl bilancio d srcizio rlazioni accompagnatori Principi di rdazion dl bilancio d srcizio Individuar l carattristich principali di ciascuna forma giuridica d imprsa Calcolar il compnso corrisposto agli amministratori ai sindaci rdigr l rlativ scrittur in P.D. Esprimr parri circa la forma giuridica ritnuta più opportuna in rlazion all dimnsioni dll imprsa al sttor di attività srcitato Rdigr l invntario inizial di costituzion Calcolar l prcntuali di partcipazion di soci nlla socità Compilar l scrittur in P.D. dlla fas costitutiva Calcolar l Irap di comptnza rdigr l scrittur in P.D. rlativ alla liquidazion al pagamnto dll imposta Calcolar l util spttant a ciascun socio rdigr l scrittur in P.D. rlativ al riparto al pagamnto dll util Individuar i casi di variazion dl capital social rdigr l scrittur in P.D. Calcolar il valor conomico dll imprsa Rdigr gli schmi contabili dl bilancio d srcizio Distingur gli apporti in natura disgiunti dall apporto di azinda funzionant Distingur l fonti di finanziamnto a cui la socità fa ricorso Esprimr valutazioni circa la forma di finanziamnto più convnint Intrprtar il contnuto dlla voci contnut ni prosptti contabili dl bilancio d srcizio Rdigr l scrittur contabili rlativ alla fas costitutiva Calcolar l util /o dividndo spttant ai soci rdigr l scrittur in P.D. rlativ al ri parto al pagamnto dll util Calcolar l Irap l Irpg ch gravano sulla socità rdigr l scrittur in P.D. rlativ alla liquidazion al vrsamnto dll impost Rdigr l scrittur in P.D. rlativ alla coprtura dlla prdita d srcizio, all variazioni di capital social, all mission d stinzion di cambiali finanziari, all mission, gstion d stinzion di prstiti obbligazionari Rdigr gli schmi contabili dl bilancio d srcizio Applicar l norm dl codic civil i principi contabili Distingur l fonti di finanziamnto cui l socità di capitali possono far ricorso d sprimr valutazioni in mrito alla forma più convnint in rlazion a dtrminat ipotsi in rlazion alla situazion conomico finanziaria dll imprsa Individuar l variabili fondamntali ch possono incidr sull sclt di convninza conomica dgli azionisti Intrprtar il significato dll voci dllo Stato patrimonial nl Conto conomico Intrprtar il contnuto dlla Nota intgrativa Ricostruir l oprazioni azindali attravrso il confronto tra i valori contnuti ni documnti contabili dl bilancio Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

16 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUARTA (or 10) M.6 M.7 Unità Didattich U.D.1: Gstion fabbisogno finanziario U.D.1: I valori mobiliari U.D.2: La ngoziazion di valori mobiliari U.D.3: La Borsa Valori U.D.4: I cambi stri Conctti di finanza stratgia finanziaria Conctti di fabbisogno finanziario programmazion finanziaria Rlazioni tra impighi fonti di finanziamnto Principali indicatori dll quilibrio patrimonial-finanziario Fonti di finanziamnto azindal Tipi di invstimnti azindali Conctto di flusso finanziario Conctto di flusso di disponibilità montaria ntta Conctto di cash flow oprazional Principali strumnti di coprtura dl rischio di tasso di intrss Mrcato di capitali Titoli di dbito Titoli di capital Imposizion fiscal sui provnti di valori mobiliari Quotazioni di valori mobiliari parificazion di corsi Compravndita di valori mobiliari Scrittur in PD rlativ alla compravndita di valori mobiliari Organizzazion dlla Borsa valori (cnni) Oprazioni con l stro Quotazioni di cambi Cambio banconot, cambio valutario, cambio chèqu Cambio lttra cambio dnaro Oprazioni di cambio allo sportllo Ngoziazion di divis str Collocar la gstion finanziaria nll ambito dlla gstion azindal Individuar l rlazioni tra impighi fonti di finanziamnto Confrontar l fonti di finanziamnto Confrontar i tipi di invstimnti Individuar l oprazioni ch gnrano qull ch assorbono risors finanziari risors montari Calcolar il fabbisogno finanziario, inizial, lordo ntto di un imprsa i principali indicatori dll quilibrio patrimonial-finanziario Calcolar la disponibilità montaria ntta l indbitamnto ntto a vista Calcolar i flussi di disponibilità montaria ntta Calcolar il cash flow oprazional Analizzar la struttura patrimonial finanziaria di un imprsa sprimndo giudizi al riguardo Comprndr l funzioni dl mrcato di capitali Classificar il mrcato di capitali Riconoscr l carattristich di titoli di dbito di capital Confrontar l carattristich dl circuito finanziario dirtto indirtto Analizzar la situazion giuridica d conomica dl possssor di titoli di dbito di capital Dtrminar il przzo di ngoziazion di titoli di dbito di capital Dtrminar il rndimnto di titoli di dbito di capital Rdigr l scrittur in PD rlativ ai valori mobiliari Lggr d intrprtar l tabll di mrcati finanziari pubblicat sui quotidiani conomici Individuar l funzioni la struttura di mrcati rgolamntati Comprndr il mccanismo dll contrattazioni di Borsa Riconoscr l carattristich dgli strumnti drivati Riconoscr l carattristich dtrminar la prformanc di un fondo comun di invstimnto Lggr d intrprtar l tabll di mrcati finanziari pubblicat sui quotidiani conomici Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE

17 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) M.1 Unità Didattich UD1: L carattristich dll imprs industriali UD2:La gstion stratgica dll imprs industriali UD3: L organizzazion il sistma informativo UD4:Il procsso gstional nll imprs industriali Conctto di sistma produttivo Funzioni dll imprs industriali nl sistma produttivo Classificazion dll imprs industriali Funzioni gnratrici di valor Dtrminanti dl vantaggio comptitivo Conctto di stratgia di orintamnto stratgico Stratgi sociali stratgi comptitiv Fasi attravrso l quali si articola il procsso di gstion stratgica Conctto di organizzazion Principali modlli organizzativi Carattristich dll organizzazion orintat alla crazion di valor Conctto di sistma informativo sua articolazion Conoscr gli asptti dlla gstion i cicli azindali Conoscr l ar dlla gstion i risultati conomici parziali Conoscr la composizion dl patrimonio Individuar il soggtto conomico il soggtto ch srcita il potr di controllo Individuar collgar l funzioni gnratrici di valor Individuar l variabili chiav pr l dcisioni nll sclt di localizzazion di dlocalizzazion Esprimr considrazioni prsonali in mrito alla struttura dl sistma produttivo italiano Valutar l sclt di localizzazion/dlocalizzazion nll attual contsto conomico in cui l imprs oprano Individuar, in situazioni divrs attravrso l analisi di casi, l orintamnto stratgico l stratgi attuat dall imprs Collgar la mission il vantaggio comptitivo prsguito con l sclt stratgich da attuar Analizzar l ambint strno Esprimr valutazioni prsonali circa la validità dll impostazion imprnditorial risptto agli obittivi stratgici da raggiungr Costruir organigrammi in situazioni smplificat Confrontar l divrs struttur organizzativ Individuar i collgamnti tra orintamnto stratgico, struttur organizzativ sistma informativo Intrprtar un organigramma Formular ipotsi circa la struttura organizzativa più rispondnt all signz intrn d strn all imprsa Riconoscr l particolarità di modlli organizzativi attravrso l analisi di casi azindali Individuar i componnti conomici affrnti all divrs funzioni azindali Classificar l componnti dl patrimonio azindal Distingur l vari ar dl Conto conomico dllo Stato patrimonial Calcolar i risultati conomici parziali Esprimr un giudizio critico sulla struttura dl risultato conomico Riconoscr la natura dll parti dl patrimonio azindal Confrontar l struttur conomich patrimoniali nl tmpo nllo spazio Strumnti di vrifica Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

18 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) M.1 Unità Didattich UD5:La contabilità analitico gstional UD6:La contabilità gnral Conoscr ruolo articolazion dl sistma informativo dirzional Conoscr la classificazion di costi Conoscr la variabilità di costi la loro rapprsntazion grafica Conoscr l modalità di rilvazion di costi Conoscr l utilizzo di dati di costo pr l dcisioni azindali Conoscr i principali strumnti managriali di gstion di costi Conoscr il collgamnto fra l divrs parti dl sistma informativo azindal Comprndr i mutamnti intrvnuti ni sistmi informativi dirzionali Conoscr gli obittivi gli strumnti dlla COGE Conoscr la natura la classificazion di conti Conoscr l rilvazioni contabili dll oprazioni di gstion Conoscr i critri di valutazion dgli lmnti dl patrimonio Conoscr l srittur di assstamnto, pilogo, chiusura Comprndr i passaggio dall voci di conto all voci di bilancio Conoscr struttura contnuto dl bilancio d srcizio Conoscr la normativa civilistica in matria di contabilità bilancio Conoscr i principi contabili Distingur comptnz finalità dll diffrnti parti dl sistma informativo dir-zional Individuar oggtto finalità dlla COA Classificar i costi azindali scondo vari critri Distingur i costi in bas alla variabilità Distingur l carattristich l finalità dll diffrnti mtodologi di calcolo di costi Distingur i divrsi tipi di cntro di costo Riconoscr la congiunzion tcnica di costi gli approcci pr gstirla Distingur i dati standard dai dati ffttivi Individuar il procsso di formazion di costi di prodotto Classificar l dcisioni azindali Collgar mtodologi strumnti di cost managmnt all dcisioni azindali Valutar l conomicità dlla gstion industrial Riconoscr alcuni fra i più voluti diffusi strumnti di cost managmnt Riconoscr l possibili modalità di tnuta dlla COA Individuar i collgamnti fra COA COGE Rapprsntar graficamnt costi fissi costi variabili Costruir analizzar diagrammi di rdditività Attribuir i costi a oggtti di misurazion divrsi Calcolar i costi con vari mtodologi (dirct costing, full costing tradizional ABC) Calcolar diffrnti configurazioni di costo, margini risultati conomici parziali Calcolar il costo di prodotti tcnicamnt congiunti Distingur dcisioni di brv di mdio/lungo priodo Applicar, in casi smplici, l analisi diffrnzial (costo suppltivo) Attribuir valor all rimannz di manufatti azindali Calcolar rndimnti, produttività, fficinza,, fficacia Rilvar, classificar,laborar costi, ricavi risultati dlla COA in forma gabllar Applicar il mtodo dlla partita doppia Analizzar la logica di rilvazion dll divrs oprazioni di gstion Distingur i divrsi critri di valutazion Intrprtar la normativa i principi contabili Rdigr l scrittur in PD dll oprazioni di gstion, di assstamnto di chiu-ura Valutar l principali post di bilancio Rdigr situazioni contabili intrmdi finali Rdigr intrprtar il bilancio Comporr lggr alcun tabll dlla Nota intgrativa Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

19 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) M.1 Unità Didattich UD7: Programmazion controllo rporting Comprndr il ruolo dlla programmazion dl controllo di gstion Capir i collgamnti fra pianificazion, programmazion, controllo,rporting Conoscr l funzioni, l carattristich, l laborazion dl businss plan Conoscr l funzioni, l carattristich, l laborazion dl budgt Conoscr la logica l modalità di attuazion dlla analisi dgli scostamnti Conoscr gli strumnti di comunicazion intrna Individuar gli strumnti di programmazion, di controllo di comunicazion azindal Coordinar l funzioni gli obittivi dgli strumnti di pianificazion, programmazion, controllo comunicazion azindal Distingur funzion contnuto dll diffrnti parti dl businss plan Distingur funzion contnuto di budgt ch compongono il mastr budgt Applicar l analisi dgli scostamnti Distingur il ruolo dl controllo stratgico dl controllo budgtario Individuar l importanza dlla comunicazion intrna di suoi strumnti Rdigr un businss plan in situazioni smplici Rdigr i budgt sttoriali l intro mastr budgt Calcolar gli scostamnti fra dati (costi, ricavi, quantità) ffttivi dati standard o programmati Individuar commntar l caus di vntuali scostamnti Lggr comporr rport Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr M.2 UD1: L imposizion fiscal in ambito azindal Natura dll impost ch gravano sull imprs in rlazion alla loro forma giuridica Dfinizion tributaria di rddito d imprsa Principi fiscali di valutazion Principi nozioni basilari dll IRAP, dll IRPEF dll IRPEG Conctto di rddito fiscal di rddito imponibil Funzion dlla dichiarazion di rdditi Individuar l divrgnz tra l valutazioni civilistich l valutazioni fiscali Individuar i componnti positivi ngativi dl rddito fiscal Effttuar il passaggio dal rddito di bilancio al rddito fiscal Calcolar il carico fiscal dll imprsa applicando l rgol dlla Dit Rdigr l scrittur in PD rlativ alla liquidazion dll impost di comptnza dll impost diffrit anticipat Collgar la struttura di costi azindali al carico fiscal sopportato dall imprs Riconoscr particolarità, uguaglianz divrsità tra i costi dducibili i costi non dducibili Distingur l impost di comptnza dall impost diffrit dall impost anticipat Collgar l divrgnz tmporan alla formazion dll impost anticipat dll impost diffrit

20 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) Unità Didattich M.3 UD1: La rdazion la rvision dl bilancio d srcizio UD2: La rilaborazion dl bilancio UD3: L analisi pr indici Funzioni dl sistma informativo di bilancio Normativa civilistica dl bilancio d srcizio Critri di valutazion dttati dal codic civil Principi contabili Procdura di controlli sui conti annuali dll imprs Fasi dll intrprtazion dl bilancio Critri pr riclassificar lo Stato patrimonial il Conto conomico Conctti di patrimonio circolant ntto, di margin di tsorria di margini di struttura Procdur dll analisi pr indici Indici dlla rdditività, dlla produttività,dlla struttura patrimonial, di solidità, di liquidità, di rotazion di durata Rdigr gli schmi contabili dl bilancio d srcizio Collgar i dati contnuti nllo Stato patrimonial con qulli contnuti nl Conto conomico Applicar i critri di valutazion dttati dal codic civil Applicar i principi contabili Trarr informazioni dal contnuto dlla Nota intgrativa Confrontar i dati sprssi ni bilanci di imprs divrs allo scopo di scoprir rlazioni, analogi diffrnz procdurali Individuar, attravrso la lttura dl bilancio l lin stratgich prsguit dall imprsa Riclassificar lo Stato patrimonial scondo critri finanziari Riclassificar il Conto conomico scondo la configurazion a valor aggiunto la configurazion a ricavi costo dl vnduto Calcolar il patrimonio circolant ntto, i margini di struttura il margin di tsorria Intrprtar i valori assunti dal patrimonio circolant ntto dai margini di struttura di tsorria Esprimr propri considrazioni formular Calcolar gli indici ch sprimono la rdditività, la produttività, la struttura patrimonial la situazion finanziaria Individuar i collgamnti tra gli indici Costruir gli schmi contabili dl bilancio d srcizio Esprimr propri considrazioni circa la rdditività, solidità liquidità azindal trando l informazioni dai valori sprssi dagli indici Far raffronti tra i valori assunti dagli indici dll imprsa considrata il contsto conomico gnral in cui la stssa si trova ad oprar Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

21 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) Unità Didattich M.3 UD4: L analisi pr flussi Conctti di fondo di flusso Contnuto dl rndiconto finanziario dll variazioni dl patrimonio circolant ntto Contnuto dl rndiconto finanziario dll variazioni dlla disponibilità montaria ntta Distingur l fonti dagli impighi Calcolar i flussi finanziari i flussi conomici Calcolar l variazioni dl patrimonio circolant ntto Calcolar il flusso montario gnrato dalla gstion rdditual Rdigr i Rndiconti finanziari Intrprtar l informazioni dsumibili dai rndiconti finanziari Produrr rport schmi logici validi pr coordinar l informazioni tratt dagli indici con qull tratt dai rndiconti finanziari Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr M.4 UD1: Il sistma finanziario l banch Conctto di sistma finanziario Funzioni svolt dall banch nl sistma conomico Mutamnti intrvnuti nl sistma bancario Carattristich dl sistma bancario Principi dlla lgislazion bancaria Struttura dll ordinamnto bancario uropo nazional Compiti dl SEBC dlla BCE dlla banca cntral nazional Strumnti intrvnti di politica montaria Sistma di rgolamnto TARGET Distingur gli intrmdiari finanziari bancari non bancari Illustrar l funzioni svolt dall banch Illustrar l carattristich dl sistma bancario Intrprtar il TU su banch crdito Comprndr l finalità dll azion dl SEBC, dlla BCE dll banch cntrali nazionali Individuar l carattristich il funzionamnto Individuar analizzar i divrsi compiti dgli intrmdiari finanziari Analizzar l attività bancaria Analizzar confrontar fra loro l divrs funzioni svolt dall banch Analizzar commntar l carattristich i mutamnti intrvnuti nl sistma bancario Analizzar i titoli dl TU su banch crdito Analizzar il ruolo dlla BCE dlla BCN nl sistma uropo di banch cntrali Analizzar l consgunz dgli intrvnti di politica montaria Esprimr giudizi sugli fftti prodotti dagli strumnti dagli intrvnti di politica montaria comun

22 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) Unità Didattich M.4 UD2: L organizzazion la gstion stratgica dll banch UD3: I carattri gnrali dll oprazioni bancari UD4: L oprazioni di raccolta fondi U.D.5: l oprazioni di impigo fondi Orintamnto stratgico dll banch Cambiamnti organizzativi in atto nll imprs bancari Banca univrsal gruppo polifunzional Asstto giuridico dll banch Mtodi di pntrazion sui mrcati stri Problmatich dlla gstion bancaria Rischi lgati all attività bancaria Lv dl markting mix utilizzat dall banch Fonti giuridich dll oprazioni bancari Classificazion dll oprazioni bancari Elmnti ch concorrono alla dtrminazion dl przzo dll oprazioni bancari Asptti computistici dll oprazioni bancari Trattamnto fiscal dll oprazioni bancari Normativa riguardant la tutla dl clint ni rapporti con il sistma bancario Sistma informativo dll banch Funzionamnto di conti in cui vngono rgistrat l oprazioni di raccolta fondi Asptti conomici, giuridici tcnici dll oprazioni di raccolta fondi Conctto di fido, garanzi connss, istruttoria di fido Asptti conomici, giuridici tcnici dll oprazioni di impigo fondi Funzionamnto di conti in cui vngono rgistrat l oprazioni di impigo fondi Individuar gli orintamnti stratgici dll banch Riconoscr l carattristich di modlli organizzativi dll imprs bancari Distingur la banca univrsal dal gruppo polifunzional Individuar i rischi lgati all attività bancaria l politich ralizzat dall banch pr la fidlizzazion dlla clintla Comprndr gli scopi dll allanz tra banch imprs Riconoscr il ruolo ch l innovazioni tcnologich ralizzano nlla gstion dll banch Intrprtar la funzion dlla qualità total nlla gstion dll banch Distingur l attività di mrchant banking dal vntur Analizzar l asptto giuridico dll banch, i divrsi mtodi di pntrazion ni mrcati utilizzati dall banch Analizzar l problmatich gstionali dll banch l divrs stratgi di markting post in ssr dall banch Esprimr giudizi sull attività di mrchant banking ralizzat dall banch Analizzar l politich di markting ralizzat dall banch Valutar il ruolo dll attività di mrchant banking di vntur capital nllo sviluppo dl sistma conomico Individuar l fonti giuridich dll oprazioni bancari Distingur l divrs oprazioni bancari Calcolar il przzo dll oprazioni bancari Utilizzar il mtodo scalar procdimnto amburghs Analizzar il contnuto dll divrs fonti giuridich dll oprazioni bancari Confrontar analizzar l divrs oprazioni bancari Analizzar il przzo dll oprazioni bancari Confrontar l asptto fiscal dll oprazioni bancari Esprimr giudizi sulla normativa riguardant la tutla dl clint Effttuar i calcoli dll oprazioni di raccolta fondi Rilvar in contabilità l oprazioni di raccolta fondi Compilar i principali documnti riguardanti l oprazioni di raccolta fondi Collocar in bilancio i conti utilizzati nll rgistrazioni contabili Individuar i riflssi sul bilancio dll oprazioni Analizzar confrontar l divrs oprazioni di raccolta fondi Commntar il contnuto di singoli contratti di raccolta fondi Intrprtar i documnti principali Comprndr i critri di accrtamnto dlla solvibilità dl clint l funzioni dll garanzi Effttuar i calcoli dll oprazioni di impigo fondi Rilvar in contabilità l oprazioni di impigo fondi Collocar in bilancio i conti utilizzati nll rgistrazioni contabili dll oprazioni di impigo fondi. Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

23 Class (or sttimanali) Iga Mrcurio QUINTA (or 9) Unità Didattich M.4 U.D. 6: il bilancio dll banch M.5 UD1: L azind non orintat al lucro Principi di rdazion dl bilancio Contnuto di prosptti contabili dl bilancio d srcizio Contnuto dlla nota intgrativa Critri di valutazion dgli lmnti dl patrimonio Contnuto dlla rlazion sulla gstion Azind di rogazion Critri di valutazion dl patrimonio Asptto finanziario d conomico dlla gstion Prvisioni Individuar gli lmnti ch compongono il patrimonio azindal Individuar i componnti positivi ngativi di rddito Riconoscr la carattristich di un azinda di rogazion Applicar i critri di valutazion dgli lmnti dl patrimonio di un azinda di rogazion Strumnti di vrifica Colloqui orali Tst a Tst a Prov strutturat Prov scritt Critri di valutazion Almno una prova di vrifica pr modulo comunqu almno du prov orali tr prov scritt pr quadrimstr

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale.

Pag. 1 di 7. 26 ore. SDA Bocconi. 26 ore F.S.G.M. Docente responsabile. Il concetto di CSR e i suoi impatti sulla governance aziendale. Il conctto di CSR i suoi impatti sulla govrnanc azindal. 25-27 Ottobr 2012 conctti, principi strumnti di gstion in Italia nlla UE Gioacchino D Anglo I livlli di adozion gli strumnti dlla CSR. La gstion

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: ESTIMO SPECIALE CLASSI: V, sz A CORSO: Costruzioni, Ambint, Trritorio AS 2015-2016 Moduli Libro Di Tsto Comptnz bas Abilità Conoscnz Disciplina Concorrnti Tmpi Critri,

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Istituti Tecnici Industriali. Le curvature dei percorsi scolastici verso. Robotica/Meccatronica avanzata

Istituti Tecnici Industriali. Le curvature dei percorsi scolastici verso. Robotica/Meccatronica avanzata Istituti Tcnici Industriali L curvatur di prcorsi scolastici vrso Robotica/Mccatronica avanzata MACRO-COMPETENZE IN USCITA VERSO LA ROBOTICA/MECCATRONICA AVANZATA Quattro Macro-Comptnz Spcialistich: 1.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Finanza Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovazion finanziaria La social businss transformation nl sttor bancario, assicurativo finanziario. L innovazion nll ra social. 6 Srgio Spaccavnto,

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW PREMESSA 1. La spnding rviw, ch trova appoggio su numros sprinz intrnazionali, è una procdura di govrno lgata all dcisioni, alla gstion al controllo dlla spsa pubblica ch

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA 1. Dati gnrali ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chsotti PIANO DI MATERIA Indirizzo lttronica Matria Rligion Cattolica o att. alt. Class quinta Anno scolastico: 2015/2016 2. : Sulla bas dll Indicazioni

Dettagli

Caccia Programmazione e controllo nelle aziende sanitarie

Caccia Programmazione e controllo nelle aziende sanitarie Caccia Programmazion controllo nll azind sanitari approccio tradizional:stratgia posta all'strno di P & C formulazion di budgt STRATEGIE programmazion svolgimnto attività rporting valutazion approccio

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Multicanalità Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovar attravrso la multicanalità: una sfida pr comptr nl mondo dl Privat Banking 4 Andra Ragaini, Banca Csar Ponti Giancarlo Cairoli, Banca

Dettagli

Marketing SI? Marketing NO?

Marketing SI? Marketing NO? Markting SI? Markting NO? Prché siamo qui Oggi non vinc chi è più fort ma chi è più vloc ad adattarsi al mrcato Vloc com: pnsiro, vision, cratività, iniziativa C è smpr chi è più vloc di noi ci mangia

Dettagli

Business Plan 5 anni Start Up nuove iniziative

Business Plan 5 anni Start Up nuove iniziative Businss Plan 5 Start Up nuov iniziativ E' una vrsion dl Businss Plan ddicata alla nascita di nuov iniziativ imprnditoriali; il programma consnt di valutar la convninza conomica ( rdditività attsa ) la

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro 1 Task Forc dlgh al trritorio Scondo incontro Roma 03 novmbr 2008 2 Immobili acquisti Esignz rilvat Strumnti gstionali Stratgia intrvnto Attività di gruppi lavoro trritoriali Prossimi Ambiti Analisi: S&S

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

Riepilogo Generale delle Spese - Anno 2007 TITOLO I - SPESE CORRENTI. beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammort.

Riepilogo Generale delle Spese - Anno 2007 TITOLO I - SPESE CORRENTI. beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammort. 1 TITOLO I - SPESE CORRENTI Intrvnti Srvizi organi istituzionali, partcipazion dcntramnto sgrtria gnral, prsonal organizzazion gstion conomica, finanziaria, programmazion, gstion dll ntrat tributari srvizi

Dettagli

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012

Comitato Tecnico Scientifico. Attività 2012 e feedback sul 2011. Roma, 15 febbraio 2012 Comitato Tcnico Scintifico Attività 2012 fdback sul 2011 Roma, 15 fbbraio 2012 Fdback 2011 ITS national rports ITS Commit mting 15.12.2011 Stakholdrs platform ITSAdvisoryGroup Lgg comunitaria i 2011 2

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO 1 Titolo I - sps corrnti Intrvnti Srvizi organi istituzionali, partcipazion dcntramnto sgrtria gnral, prsonal organizzazion gstion conomica, finanziaria, programmazion, gstion dll ntrat tributari srvizi

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE Poiché nl nostro prcorso si darà ampio spazio all mtodologi finalizzat a sviluppar l comptnz dgli allivi ( attravrso la dattica laboratorio, l sprinz in contsti applicativi, l analisi

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 SANTA LUCIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITA DI APPRENDIMENTO Dnominazion Compito-prodotto Comptnz mirat Comuni /cittadinanza LA CIVILTA

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

CITTA' DI SAN VITO DEI NORMANNI

CITTA' DI SAN VITO DEI NORMANNI 1 Titolo I - sps corrnti Intrvnti Srvizi organi istituzionali, partcipazion dcntramnto sgrtria gnral, prsonal organizzazion gstion conomica, finanziaria, programmazion, gstion dll ntrat tributari srvizi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA: L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE I PRINCIPI 1. L Azinda Ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon 1.1 Dnominazion, natura giuridica, sdi pag. 5 1.2 Logo azindal pag. 6 1.3 Mission pag. 6 1.4

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Srvizi di informatica Procsso Sviluppo gstion di prodotti srvizi informatici Squnza di procsso Gstion

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Scuola Primaria di Cepina Valdisotto PROGETTO IMPARA L ARTE E FAI DA TE

ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Scuola Primaria di Cepina Valdisotto PROGETTO IMPARA L ARTE E FAI DA TE ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Scuola Primaria di Cpina Valdisotto PROGETTO IMPARA L ARTE E FAI DA TE Classi coinvolt: prima A B Tmpi di ffttuazion: 19-20-21 novmbr 2015 Obittivi trasvrsali gnrali:

Dettagli

Riepilogo Generale delle Spese - Anno 2012 Titolo I - spese correnti. beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammort.

Riepilogo Generale delle Spese - Anno 2012 Titolo I - spese correnti. beni di Prestazioni Utilizzo passivi Imposte straordinari Ammort. 1 Titolo I - sps corrnti Intrvnti Srvizi organi istituzionali, partcipazion dcntramnto sgrtria gnral, prsonal organizzazion gstion conomica, finanziaria, programmazion, gstion dll ntrat tributari srvizi

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Approvato con Det. Dir. N. 541 del 21/04/2009 pubblicato sul BURPuglia n. 62 suppl. del 23/4/2009

Approvato con Det. Dir. N. 541 del 21/04/2009 pubblicato sul BURPuglia n. 62 suppl. del 23/4/2009 C.I.F.I.R. Istituto Antoniano Maschil Via A. Manzoni, 3-72024 ORIA (BR) 0831 848178 0831 846252 E-mail: cfp.oria@cifir.it C.F. / P.Iva: 02486990720 Schda Progtto Corso Oprator Socio Sanitario Cod. Corso

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento COMUNE DI PALERMO Ara dll Politich di Sviluppo Fondi Strutturali Palazzo Calltti - Piazza Marìna, n.46-90133 PALERMO Tl.0917406363 Sito inlrnt h h h.comun.!alrmo it c.a.p. 90133 c.f. 80016350821 Al Sig.

Dettagli

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli.

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli. VERSO LA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PIANO DIDATTICO DI SCUOLA 21 s. Istituto Tcnico Commrcial L'obittivo dl prsnt documnto è qullo di smplificar la compilazion dl Piano Didattico di Scuola 21 ch è riportato

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

RIFLESSI DEL NUOVO ASSETTO NORMATIVO FISCALE SULLE SCELTE ORGANIZZATIVE E OPERATIVE DELLE SOCIETA IMMOBILIARI

RIFLESSI DEL NUOVO ASSETTO NORMATIVO FISCALE SULLE SCELTE ORGANIZZATIVE E OPERATIVE DELLE SOCIETA IMMOBILIARI RIFLESSI DEL NUOVO ASSETTO NORMATIVO FISCALE SULLE SCELTE ORGANIZZATIVE E OPERATIVE DELLE SOCIETA IMMOBILIARI Riccardo Bolla Commrcialista in Gnova Milano Stuo Profssionisti CTS Bolla Quaglia Associati

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

MODULO 01 TERMODINAMICA

MODULO 01 TERMODINAMICA Programmazion di Impianti Trmici Class V TS A.S. 2011-2012 Insgnant: ing. Cardamon Antonio MODULO 01 TERMODINAMICA Prsntazion: con il modulo in oggtto, l allivo è nll condizioni di svolgr calcoli rlativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI EDUCAZIONE FISICA a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI EDUCAZIONE FISICA a.s. 2013-2014 .2 PAG.1 DI 8 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI EDUCAZIONE FISICA a.s. 2013-2014 1. FINALITÀ BIENNIO: armonico sviluppo corporo motorio dll adolscnt attravrso il miglioramnto dll qualit fisich

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. 2015/2016 Matria: Tcnologi Informatich Class (docnt) 1^ACH - Prof. Musumci

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

Federica Brunetta e Lucia Marchegiani

Federica Brunetta e Lucia Marchegiani L outsourcing nlla sanità Fdrica Bruntta Lucia Marchgiani Il ricorso all strnalizzazion si inquadra tradizionalmnt in politich di contnimnto di costi ricrca dll fficinza da part dll imprs, configurandolo

Dettagli

Integrazione e Integratori delle Informazioni

Integrazione e Integratori delle Informazioni SC.S.I. A.S.O. Ordin Mauriziano Workshop intrrgional sui sistmi informativi pr la gstion la valutazion dll rti oncologich Torino 24-25 maggio 2007 Intgratori dll Andra Bo - A.S.O. Ordin Mauriziano - S.C.

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 32. Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio e informazioni integrative

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 32. Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio e informazioni integrative Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 32 Strumnti finanziari: sposizion nl bilancio informazioni intgrativ Strumnti finanziari: sposizion nl bilancio informazioni

Dettagli

Programmazione Disciplinare: Sistemi Classe: Quarte - Quinte

Programmazione Disciplinare: Sistemi Classe: Quarte - Quinte Istituto Tcnico Tcnologico Basilio Focaccia Salrno Programmazion Disciplinar: Sistmi Class: Quart - Quint I Docnti dlla Disciplina Salrno, sttmbr 2012 1 CONTENUTI MINIMI Class Quarta Istruzioni di controllo

Dettagli

IPOTESI ESEMPLIFICATIVA DI ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI DELLA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO. PRIMO BIENNIO/SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

IPOTESI ESEMPLIFICATIVA DI ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI DELLA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO. PRIMO BIENNIO/SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO IPOTESI ESEMPLIFICATIVA DI ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI DELLA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PRIMO BIENNIO/SECONDO BIENNIO ULTIMO ANNO In cornza con i critri di validazion dlla programmazion di ass (o

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEGLI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO 2013-2015 1 Prmssa pag. 4 1 Sps

Dettagli

Piano di Comunicazione Aziendale 2015

Piano di Comunicazione Aziendale 2015 Piano di Comunicazion Azindal 2015 Ai snsi dll Lin Guida contnut nl dcrto 2511/2013 dll Assssor alla Salut dlla Rgion Siciliana Mtodologia rifrimnti Qusto Piano di comunicazion è stato rdatto in ossrvanza

Dettagli

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia

COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brescia COMUNE DI TORBOLE CASAGLIA Provincia di Brscia AREA DEMOGRAFICA, COMMERCIO, SPORTIVA E INFORMATICA DETERMINAZIONE N. 350 R.G. DEL 16-12-11 N. 41 Rg. Int. UFFICI COMUNALI, BIBLIOTECA COMUNALE, SCUOLA STATALE

Dettagli

"PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2010" MIMUV: Monitoraggio Interventi Manutenzione Urbana Venezia

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2010 MIMUV: Monitoraggio Interventi Manutenzione Urbana Venezia "PREMIO BEST PRACTICE PATRIMOI PUBBLICI 2010" MIMUV Monitoraggio Intrvnti Manutnzion Urbana Vnzia MIMUV: Monitoraggio Intrvnti Manutnzion Urbana Vnzia Contsto patrimonial quo ant "PREMIO BEST PRACTICE

Dettagli

Convegno CBI 2009 Le nuove frontiere dell Innovazione nel rapporto Pubblica Amministrazione Locale e Banche Tesoriere

Convegno CBI 2009 Le nuove frontiere dell Innovazione nel rapporto Pubblica Amministrazione Locale e Banche Tesoriere Convgno CBI 2009 L nuov frontir dll Innovazion nl rapporto Pubblica Amministrazion Local Banch Tsorir Clauo Mauro Dirttor Division Imprs Pubblich Privat P.A. principal motor dll innovazion La Pubblica

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DELLA SCUOLA POLITECNICA AREA ARCHITETTURA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DELLA SCUOLA POLITECNICA AREA ARCHITETTURA IVRSITÀ DGLI STUDI DI GNOVA MANIFSTO DGLI STUDI DLLA SCUOLA POLITCNICA ARA ARCHITTTURA Anno Accadmico 204/205 CORSI DI LAURA MAGISTRAL (D.M. 270/2004) Corso di studi in DSIGN NAVAL - class LM-2 - Sd didattica

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2015/001 Prsso l'istituto I.I.S. "CASSATA - GATTAPONE" di GUBBIO, l'anno 2015 il giorno 12, dl ms di marzo, all or 11:00, si sono riuniti i Rvisori di Conti dll'ambito

Dettagli

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R.Vnto n. 18/2009) SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Dirttor: Ing. Maurizio Lornzi Sd di Borgo Roma P.l L.A. Scuro, 10-37134

Dettagli

Il Pgt di Milano. Maria Spataro

Il Pgt di Milano. Maria Spataro Il Pgt di Milano Maria Spataro Anch Milano si è munita dl Pgt (Piano di govrno dl trritorio), adottato il 13/14 luglio 2010 approvato il 4 fbbraio 2011. Tuttavia ntrrà in vigor solo dalla data di pubblicazion

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA Anno scolastico 2015/ Allgato al Piano dll Offrta Formativa Dlibra dl Consiglio di Istituto n.4 dl 14/10/2015 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA 2 MOBILITAZIONE DEGLI OPERATORI E DELLA POPOLAZIONE LOCALE ATTRAVERSO EVENTI SINTESI DEL PROGETTO 1

AZIONE DI SISTEMA 2 MOBILITAZIONE DEGLI OPERATORI E DELLA POPOLAZIONE LOCALE ATTRAVERSO EVENTI SINTESI DEL PROGETTO 1 AZIONE DI SISTEMA 2 MOBILITAZIONE DEGLI OPERATORI E DELLA POPOLAZIONE LOCALE ATTRAVERSO EVENTI SINTESI DEL PROGETTO 1 Il Programma di Sviluppo Rural (PSR) 2007-2013 dlla Sardgna prvd ch i Gruppi di Azion

Dettagli

Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia. 4.1 - Production e non production organizations. 4.1 - Le aziende di produzione

Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia. 4.1 - Production e non production organizations. 4.1 - Le aziende di produzione Univrsità dgli Studi di Pavia Facoltà di Economia Corso di Economia Azindal L/Z CAPITOLO 4 AZIENDE DI PRODUZIONE E IMPRESE ü Titolar corso L/Z: Prof. Piro Mlla [L/Z] piro.mlla@unipv.it ü Assistant Profssor:

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

INTECNA scarl SUITE B1 - INTECNA. La Suite: B1-INTECNA rappresenta la sintesi di tale sforzo.

INTECNA scarl SUITE B1 - INTECNA. La Suite: B1-INTECNA rappresenta la sintesi di tale sforzo. SUITE B1 - INTECNA B1- INTECNA INTECNA, nl corso dlla sua sprinza con SAP Businss On (dal 2003), ha ralizzato numrosi miglioramnti a compltamnto dl prodotto standard, allo scopo di ottnr un modllo di rifrimnto

Dettagli

LINEE GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE CONFRONTO CON STANDARD INTERNAZIONALI

LINEE GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE CONFRONTO CON STANDARD INTERNAZIONALI INNOVAZIONE E ACCOUNTABILITY NELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Polo Multifunzional RGS Sala Confrnz Roma 22 april 2008 LINEE GUIDA DEL BILANCIO SOCIALE CONFRONTO CON STANDARD INTERNAZIONALI Onna Gabrovc

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Associazion Grn Building Council Italia Vrsion 2013.01.30 L informazioni riguardo all Associazion Grn Building Council Italia, nl sguito indicata anch com GBC-ITALIA, sono rpribili sul sito intrnt www.gbcitalia.org.

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli