Marketing Passaparola in Pillole Paolo Pintor

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing Passaparola in Pillole Paolo Pintor"

Transcript

1 Marketing Passaparola in Pillole Paolo Pintor

2 2 Marketing Passaparola in Pillole Marketing Passaparola in Pillole Paolo Pintor Licenza Creative Commons, Attribution Non Commercial Share Alike Fonte delle immagini:

3 3 Marketing Passaparola in Pillole Marketing Passaparola in Pillole Indice Introduzione: Word of Mouth e Word of Mouse 4 Prerequisito: avere un prodotto o un servizio di qualità 5 La Regola 3-33: come si diffonde il passaparola 5 L elemento chiave del marketing passaparola: superare le aspettative del cliente 6 L importanza dell atteggiamento nei confronti del cliente 7 Identificare e coltivare i clienti che diffonderanno il passaparola positivo 7 Disinnescare un cliente arrabbiato: sfruttare quest esperienza come un opportunità positiva 8 Cosa dicono i dipendenti dell azienda: ascoltare le voci interne e premiare gli atteggiamenti positivi 9 Il reclamo: un potente strumento di crescita 10 Passare all azione suggerimenti per iniziare oggi stesso 11

4 4 Marketing Passaparola in Pillole Introduzione: Word of Mouth e Word of Mouse Spesso i termini passaparola e virale sono usati come sinonimi e, in effetti, il loro significato non è poi così diverso: descrivono il propagarsi di un informazione in modo rapido attraverso network sociali costituiti da amici, parenti, colleghi, conoscenti ecc. Ma quando si parla di marketing passaparola e marketing virale è opportuno fare una distinzione. Con marketing passaparola (definito dagli anglosassoni come World of Mouth) ci si riferisce a una precisa serie di strategie pratiche che un azienda applica nel rapporto diretto con i clienti (quindi prima, durante e dopo la vendita). Con marketing virale (definito Word of Mouse) s identificano quelle azioni compiute esclusivamente sulla Rete che hanno come obiettivo quello di diffondere un informazione (spesso multimediale, un filmato) attraverso i Social Media (Facebook, Youtube, Twitter ecc.), lasciando che venga riprodotto da quante più persone possibile aumentando la conoscenza di un marchio, di un prodotto o di un servizio. Questo ebook prenderà in esame esclusivamente il marketing passaparola, ponendo l attenzione sulle tecniche più efficaci da utilizzare nel rapporto diretto con i clienti allo scopo di generare pubblicità positiva sul proprio marchio, prodotti e servizi.

5 5 Marketing Passaparola in Pillole Prerequisito: avere un prodotto o un servizio di qualità Occorre avere un buon prodotto o servizio per realizzare un marketing passaparola di successo. Sfruttare questo sistema di pubblicità indiretta prescindendo da questo punto significherebbe andare incontro a un fallimento di rilevanti proporzioni. Il passaparola riguarda, infatti, l impatto che le conversazioni della gente hanno sul prodotto, sul servizio, sul marchio e, più in generale, sulla considerazione rispetto all azienda. Queste conversazioni si possono gestire -entro certi limiti- per promuovere un immagine positiva o rimediare a un evento negativo. Ma se la base di partenza è -di per se- mediocre il risultato potrà solo essere peggiore. La Regola 3-33: come si diffonde il passaparola Statisticamente è provato che un esperienza positiva viene raccontata da una persona ad altre tre, mentre in caso di esperienza negativa viene diffusa ben 33 volte. Pensandoci bene questo fenomeno si può ritrovare nell esperienza quotidiana di ogni persona. Il fattore che scatena questa viralità a doppia velocità dipende dal fatto che l orrore (e la negatività connessa) attrae maggiormente l attenzione del singolo rispetto alle notizie positive.

6 6 Marketing Passaparola in Pillole L elemento chiave del marketing passaparola: superare le aspettative del cliente Quando il prodotto o il servizio di un azienda è decente nessuno ne parla: non si genera quello che in gergo viene chiamato buzz, brusio di sottofondo, conversazione attorno al marchio, al prodotto, all azienda. Quindi il marketing passaparola, per raggiungere il successo, deve superare le aspettative del cliente, sorprenderlo positivamente e rimanere saldamente ancorato nella sua memoria. Identificare le aspettative dei propri clienti ed i modi in cui si possono soddisfare e superare è quindi il primo passo da compiere. Le aspettative si formano secondo uno schema preciso: punto di partenza è un bisogno del singolo soggetto che da luogo ad un desiderio di soddisfazione. In seguito inizia la ricerca d informazioni pertinenti al prodotto/servizio adatto a soddisfarlo: ne valuta la disponibilità sul mercato, le qualità, l esperienza di consumo o di fruizione precedente o di soggetti che appartengono al suo network. A questo punto entra in gioco il divario tra ciò che il cliente si aspetta dall esperienza di consumo o fruizione e ciò che effettivamente l azienda è in grado di fornire. L accento va posto sui dettagli che fanno la differenza: disporre di materiale dimostrativo ed esplicativo del prodotto, fornire sempre i riferimenti per contattare con facilità l incaricato della vendita, effettuare un attività di follow up (telefonico o via ) per valutare il grado di soddisfazione, prevedere piccoli extra (pulizia del prodotto, omaggi di vario tipo, riparazioni gratuite, ecc.). Occorre poi esercitare un attività di controllo sull intero processo per cogliere eventuali cali delle performance ed evitare la diffusione d impressioni negative.

7 7 Marketing Passaparola in Pillole L importanza dell atteggiamento nei confronti del cliente Il cliente deve percepire l atteggiamento positivo nei suoi confronti e questo obiettivo si raggiunge attivando un programma che controlli tutti i fattori (tangibili e invisibili) che entrano in gioco ad ogni livello (sito web, rapporto personale di trattativa, di vendita, servizi ecc.). Potrebbe essere molto utile ispirarsi al motto il cliente è sempre ben accetto, con i suoi commenti ed anche i suoi reclami e comunicare -in ogni occasione- l intenzione di trattare il cliente nel modo migliore possibile ( vi daremo il meglio perché vogliamo che voi torniate da noi; se avete un problema fatelo presente subito e troveremo insieme la soluzione migliore.) Dal punto di vista pratico si deve addestrare il personale a essere amichevole col cliente aiutandolo a soddisfare i propri bisogni e vivendo il rapporto con lui in modo aperto, cordiale e non competitivo. E poi utile eliminare ogni segnale in contrasto con questo principio come i cartelli e gli avvisi tipici dei punti vendita (non si fa credito, non si accettano assegni, ecc.). Identificare e coltivare i clienti che diffonderanno il passaparola positivo Si è osservato che il passaparola positivo si propaga con meno rapidità di quello negativo (la regola 3-33 ) quindi diventa strategico concentrare gli sforzi sui clienti soddisfatti che parleranno bene dell azienda, agendo da catalizzatori del buzz positivo. E indispensabile identificare alcune tipologie di cliente per applicare precise strategie allo scopo di farli progredire lungo la piramide del marketing passaparola da uno stadio più basso a uno superiore. Si hanno: Clienti probabili: non conoscono l azienda e non ne possono parlare ma sono la base larga del business futuro. Occorre individuarli e informarli positivamente dell azienda per fare in modo che inizino a parlarne. Clienti potenziali: conoscono e parlano dell azienda e sono intenzionati ad acquistarne i prodotti o i servizi ma sono ancora molto esposti alla concorrenza. E necessario trasformarli in clienti acquisiti attraverso test o prove di prodotto o servizio, cercando di superare le loro aspettative. Clienti acquisiti: hanno investito tempo e denaro per acquistare il prodotto o il servizio, quindi meritano un premio (se non si sentono apprezzati, si rivolgeranno facilmente alla concorrenza). E strategico superare le loro aspettative con un servizio e con delle informazioni di assoluto valore, enfatizzando l esperienza di uso e sollecitando il loro feedback. Clienti Fidelizzati: acquistano ripetutamente perché percepiscono che l azienda e il prodotto o il servizio risolve adeguatamente i loro bisogni. Con questa tipologia di cliente occorre mantenere un rapporto di estrema sincerità, non dando per scontato nulla ma favorendo un clima di particolare attenzione che infonda la convinzione di essere veri e propri VIP : informazioni e test in anteprima, inviti a eventi, omaggi, sconti promozionali riservati sono ottime tattiche per promuoverli verso il vertice della piramide. Campioni: sono le persone che credono nell azienda e al punto di promuovere essi stessi un passaparola positivo. E necessario sostenere e premiare la loro attività e prestare attenzione alle loro richieste, ai loro suggerimenti e ai loro cambiamenti nello stile di consumo. Anche in questo caso vale la regola di superare le loro aspettative con iniziative sviluppate allo scopo: eventi particolari, anteprime, coinvolgimento nei progetti di nuovi prodotti o servizi, ecc.

8 8 Marketing Passaparola in Pillole Disinnescare un cliente arrabbiato: sfruttare quest esperienza come un opportunità positiva Chi lavora a contatto con i clienti si trova talvolta ad affrontare una situazione di crisi, potenzialmente molto negativa: un cliente insoddisfatto e arrabbiato. Saper gestire opportunamente un conflitto di questo tipo può trasformare una storia dell orrore in un esperienza estremamente positiva sia per il cliente che per l azienda stessa, innescando un passaparola molto efficace. La procedura per disinnescare il cliente deluso e arrabbiato si compone di sei fasi: 1. Il primo passo da compiere è quello di riconoscere che la persona è arrabbiata: Vedo che lei è arrabbiato ;. Notarlo e comunicarlo con cortesia significano rispettare chi ha esposto il reclamo e si aspetta una reazione positiva nei suoi confronti. 2. Il secondo step consiste nel fare un affermazione che contenga allo stesso tempo dispiacere e positività: Mi spiace ci siano problemi e sono contento che me li faccia notare. In questo modo si genera un effetto sorpresa e si rassicura l inconscio bisogno d aiuto del cliente. 3. Terzo passo: affermare che si farà il possibile per risolvere il problema. 4. Quarto: porre la domanda magica come posso rimediare? Si deve concentrare l attenzione su un fatto fondamentale: il cliente non uscirà perdente dal confronto. E il primo concreto passo per bloccare il passaparola negativo. 5. Quinto passaggio: raggiungere un accordo. Si gettano le basi per passare alla fase positiva del passaparola. 6. Sesto e ultimo: proporre un bonus inaspettato che sorprenda il cliente, lo fidelizzi e attivi il passaparola positivo. 7. Naturalmente durante la trattativa è indispensabile evitare atteggiamenti negativi o di chiusura, così come prendere il reclamo e lo sfogo del cliente come un fatto personale. Occorre mantenersi distaccati e porre attenzione al proprio linguaggio non verbale (gestualità).

9 9 Marketing Passaparola in Pillole Cosa dicono i dipendenti dell azienda: ascoltare le voci interne e premiare gli atteggiamenti positivi Le cosiddette voci interne dell azienda influenzano il morale di tutto il personale e si riflettono inevitabilmente all esterno, generando un passaparola negativo. Ci sono due tipologie di voci interne che meritano la massima attenzione. Quelle formali che provengono dai vertici e dalla direzione (attraverso comunicati ufficiali, house organ, newsletter, riunioni, report, ecc) che devono essere fortemente positive e motivanti (assegnando traguardi e tracciando direzioni). E quelle informali che nascono a ogni livello della struttura: voci di corridoio, chiacchiere, pettegolezzi, indiscrezioni, ecc. Se queste voci assumono un tono negativo vanno bloccate con urgenza, premiando -simbolicamente o anche monetariamente- i dipendenti ed i collaboratori che generano un passaparola positivo. Ma prima di tutto occorre fissare dei parametri di riferimento per i vari compiti assegnati a ciascun membro del personale e per il livello della qualità del servizio atteso; successivamente prevedere un programma di premi, incentivi e promozioni da assegnare in base ai risultati positivi ed alla qualità del servizio erogato. E una prassi efficace quella di complimentarsi col dipendente nel momento esatto in cui favorisce il passaparola positivo (ad esempio fornendo un servizio che superi le aspettative del cliente), sottolineando il comportamento corretto e meritevole in pubblico (in modo tale che verrà ripetuto dal soggetto e preso ad esempio dagli altri). Il complimento dev essere onesto, chiaro (evitare il ma o il comunque perché diminuirebbero l efficacia), specifico e completato da un messaggio personale (ad esempio: Lo apprezzo ). Allo stesso modo le critiche vanno mosse con tempestività centrando l attenzione sul comportamento sbagliato e non sulla persona.

10 10 Marketing Passaparola in Pillole Il reclamo: un potente strumento di crescita E statisticamente provato che il 96% dei clienti insoddisfatti non espone un reclamo, ritenendolo un inutile perdita di tempo oppure non conoscendo con quali mezzi poterlo fare. Di questo 96% la gran parte (circa il 91%!) cambierà fornitore. 1 Si può trarre un importante lezione: i reclami sono importantissimi per capire i problemi, migliorare il prodotto o il servizio e trattenere i clienti. E indispensabile far sapere al cliente che si vuole assolutamente conoscere i suoi eventuali reclami, spiegando in modo chiaro e semplice la procedura che deve seguire per comunicarli all azienda. L azienda deve essere flessibile e disposta a sostenere eventuali spese di spedizione, a offrire omaggi e buoni sconto su eventuali prossimi acquisti E poi indispensabile prevedere un azione di follow up mirata a conoscere l effettiva soddisfazione del cliente, cogliendo l occasione per farlo sentire veramente importante ed offrendo ulteriori incentivi. Passare all azione Come si può concretamente attivare il marketing passaparola in azienda? Utilizzando alcuni strumenti operativi. Il piano d azione: è il documento che identifica gli obiettivi rilevanti (concreti, conseguibili e misurabili) assegnando compiti, responsabilità, scadenze e controlli ai membri del marketing team. La piramide del cliente: utilizzata per determinare i target di riferimento e -soprattutto- i Campioni (opinion leader) che diffonderanno il passaparola al resto della piramidale stessa. Essi vanno opportunamente supportati con materiale promozionale e di facile pubblicazione su internet e incoraggiati economicamente. Interrogare costantemente i Campioni : occorre continuare a indagare come questi percepiscono il prodotto, se il servizio connesso raggiunge o supera le loro aspettative e porre particolare attenzione ai loro suggerimenti migliorativi. Il DNA virale: è l elemento anomalo che incuriosisce, sorprende, rompe gli schemi comunicativi e cattura l attenzione e per questo dovrebbe essere sempre presente nell oggetto di ogni campagna di buzz marketing di successo. 1 Secondo una recente indagine condotta dall Ufficio Consumatori della Casa Bianca, 2005.

11 11 Marketing Passaparola in Pillole 21 suggerimenti per iniziare oggi stesso 1. Fare sempre ed in ogni caso qualcosa che vada oltre le aspettative del cliente 2. Non promettere servizi o qualità che si sa già non essere in grado di fornire 3. Garantire personalmente la qualità dei prodotti e dei servizi ma senza creare aspettative troppo elevate 4. Evidenziare tutti i costi, evitando quelli nascosti 5. Cercare di semplificare tutte le operazioni di vendita (il cliente deve avere fiducia nell azienda) 6. Semplificare la politica e la procedura per cambi e resi spiegando le scelte di politica commerciale ai clienti 7. Fare da avvocato del cliente in azienda 8. Prevedere in anticipo una serie di omaggi differenti per le diverse tipologie di cliente in base all entità del problema da risolvere 9. Fare sentire il cliente sempre più importante, creando carte fedeltà e raccolta punti, concorsi o sconti speciali 10.Mandare il cliente dalla concorrenza se non si è in grado di risolvere il suo problema: è indice di serietà 11.Dare sempre per primi le notizie negative (ritardi, errori, ecc.): sarà apprezzato! 12.I clienti fedeli vanno perdonati se commettono qualche errore e ringraziati se pagano subito 13.I Campioni vanno invitati alle anteprime, ad eventi speciali a loro dedicati e coinvolti nello sviluppo di nuovi prodotti 14.Monitorare costantemente il livello del servizio erogato e cogliere ogni minima occasione per migliorarlo 15.Controllare l aspetto, le buone maniere e l etichetta del personale nel punto vendita 16.Accertarsi che ogni dipendente conosca i prodotti 17.Creare tra i dipendenti ed i collaboratori eroi aziendali e celebrarli 18.Parlare della concorrenza e premiare chi riesce a portare nuove informazioni su di essa 19.Permettere ai dipendenti di collaborare nello stabilire le regole 20.Fare una caccia alle streghe per eliminare i dipendenti che generano passaparola negativo 21.Illuminare sempre la giornata di qualcuno, soprattutto nei momenti di stress (un esempio: se si forma la coda alla cassa distribuire gratuitamente cioccolatini)

12 12 Marketing Passaparola in Pillole 22. Questa guida è stata scritta da Paolo Pintor nel Marzo Licenza Creative Commons, Attribution Non Commercial Share Alike Libertà di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico e modificare quest opera a condizione di attribuirne la paternità all autore e di non usarla per fini commerciali. La distribuzione di nuove opere da questa derivate, attraverso alterazioni e trasformazioni, è possibile solo con una licenza identica o equivalente.

Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti

Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti Section www.dalecarnegie.it Dale Carnegie Un eccellente Customer Service per i tuoi clienti Copyright 2008 Dale Carnegie & Associates, Inc. 290 Motor Parkway, Hauppauge, New York 11788. All rights reserved.

Dettagli

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Chiara Albanese Michele Dell Edera In collaborazione con: Asernet tecnologia, comunicazione e nuovi media Zeroventiquattro.it Il quotidiano on line

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

N CORSO DESCRIZIONE ORE

N CORSO DESCRIZIONE ORE PACCHETTO FORMAZIONE FINANZIATA ANTI CRISI La Q110 offre una consulenza gratuita da parte di un esperto, direttamente presso l impresa per aiutarti a scegliere i corsi più adatti alle esigenze attuali

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Il marketing dei servizi Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Le aspettative del cliente I clienti hanno vari tipi di aspettative relativamente

Dettagli

BUZZ MARKETING PRESENTAZIONE GENERALE

BUZZ MARKETING PRESENTAZIONE GENERALE BUZZ MARKETING PRESENTAZIONE GENERALE info@nonickname.it Buzz Marketing - Indice Cos e il Buzz Marketing Posizionamento nel Marketing Mix I Buzzer, chi sono? Attività generale Viral marketing Brief di

Dettagli

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP Per Eppela è importante promuovere la cultura del crowdfunding in Italia, inteso come nuovo strumento di raccolta fondi, alternativo al sistema bancario, oggi in forte crisi.

Dettagli

Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi

Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi Social media e btb: un binomio possibile? Prima parte Relatore: Federico Rossi Prima parte - Parleremo di evoluzione della comunicazione btb Ma le aziende btb comunicano? Come cambia la comunicazione btb

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO vip vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO Viral Idea Project (VIP) è un progetto nato da un team di professionisti

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

REALIZZAZIONE SITI WEB

REALIZZAZIONE SITI WEB COMPANY CREDENTIALS CHI SIAMO Siamo una Web Agency che ha come mission quella di dare massimo supporto e disponibilità al cliente per ogni esigenza che voglia creare. I nostri servizi di realizzazione

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo.

Sponsorizzazione. Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline se ritieni utile queste informazioni senza modificarlo. Sponsorizzazione Magica www.sponsorizzazionemagica.com Bonus Speciale Obiezioni: Come Gestire FACILMENTE le obiezioni dei Tuoi Contatti Puoi distribuire liberamente questo PDF al Tuo Team e alla Tua Downline

Dettagli

SOCIAL MEDIA: LINEE GUIDA PER I DIPENDENTI TNT. Come far sentire la propria voce e trasmettere TNT The People Network on-line

SOCIAL MEDIA: LINEE GUIDA PER I DIPENDENTI TNT. Come far sentire la propria voce e trasmettere TNT The People Network on-line SOCIAL MEDIA: LINEE GUIDA PER I DIPENDENTI TNT Come far sentire la propria voce e trasmettere TNT The People Network on-line Version: 1.2 September 2014 Social media: linee guida per i dipendenti TNT Cosa

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi:

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION Tina Fasulo VERSO LA DIGITAL BRAND REPUTATION La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: Ciò che viene comunicato

Dettagli

Social Media Marketing per hotel

Social Media Marketing per hotel Social Media Marketing per hotel Agenda Il Social Media Marketing per hotel Pianificare una strategia social Facebook per strutture ricettive: consigli e suggerimenti Come promuovere un hotel su Google

Dettagli

ONLINE REPUTATION GUIDE

ONLINE REPUTATION GUIDE ONLINE REPUTATION GUIDE Consigli per gestire la Web Reputation La Web Reputation può influenzare la crescita o il declino di un'azienda. Cosa stanno dicendo i tuoi clienti circa il tuo business, prodotto

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV

SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV SIAMO I PRIMI E GLI UNICI AL MONDO A PAGARE I NOSTRI UTENTI MENTRE GUARDANO LA TV CHI SIAMO Presentazione versione 1.0 MoneyBoxTv - pag.0 Moneyboxtv è un marchio e un progetto di proprietà della società

Dettagli

BrandForum. Il nuovo potere del passaparola. Scritto da Barbara Trotta Viral, buzz e word-of-mouth marketing

BrandForum. Il nuovo potere del passaparola. Scritto da Barbara Trotta Viral, buzz e word-of-mouth marketing Il nuovo potere del passaparola. Scritto da Barbara Trotta Viral, buzz e word-of-mouth marketing 1. Introduzione 2. Riscoperta del passaparola e nuovi protagonisti leader d'opinione 3. Al cuore del viral,

Dettagli

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale

Il marketing dei servizi. Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Il marketing dei servizi Costruire relazioni con i clienti: il marketing relazionale Evoluzione delle relazioni e OBIETTIVI del mkg relazionale L evoluzione delle relazioni con la clientela Clienti come

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Facebook, Twitter, Analytics: usarli bene, usarli davvero. mercoledì 26 settembre 12

Facebook, Twitter, Analytics: usarli bene, usarli davvero. mercoledì 26 settembre 12 Facebook, Twitter, Analytics: usarli bene, usarli davvero. Paolo Faustini @abspillo Prato, 27 Settembre 2012 Individui, non più masse Comunicazione: da monologo a conversazione. Democraticizzazione: da

Dettagli

Noi ci mettiamo la faccia. Chi consiglierebbe ad un amico un prodotto o servizio nel quale con crede o lo ritiene inutile o una bufala? Nessuno!

Noi ci mettiamo la faccia. Chi consiglierebbe ad un amico un prodotto o servizio nel quale con crede o lo ritiene inutile o una bufala? Nessuno! Noi ci mettiamo la faccia Chi consiglierebbe ad un amico un prodotto o servizio nel quale con crede o lo ritiene inutile o una bufala? Nessuno! Un portale diverso: utile! Vacanzelandi@è il primo portale

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

GOVERNANCE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE. Alessandra Damiani

GOVERNANCE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE. Alessandra Damiani GOVERNANCE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Alessandra Damiani Consulente per l Organizzazione degli Studi Professionali 1 I fattori che influiscono sulla gestione delle risorse umane Le strategie

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Un idea per Eden Viaggi

Un idea per Eden Viaggi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (CPO) Un idea per Eden Viaggi Anno Accademico 2009/2010 INDICE Premessa

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

Trasforma i LIKE in RISULTATI

Trasforma i LIKE in RISULTATI Trasforma i LIKE in RISULTATI Vuoi che il tempo impiegato sui tuoi social network frutti grandi risultati? Pubblicare contenuti ed ottenere qualche nuovo Like è solo il primo passo... Utilizza queste 10

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto. Stefano Lena VP Sales @ContactLab

Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto. Stefano Lena VP Sales @ContactLab Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto Stefano Lena VP Sales @ContactLab PIONIERI DEL DIGITALE Dal 1998 leader di mercato nel campo del digital direct marketing

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

Email Marketing Vincente

Email Marketing Vincente Email Marketing Vincente (le parti in nero sono disponibili nella versione completa del documento): Benvenuto in Email Marketing Vincente! L email marketing è uno strumento efficace per rendere più semplice

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

BENVENUTI! Corso di Web Marketing

BENVENUTI! Corso di Web Marketing BENVENUTI! Corso di Web Marketing PRESENTIAMOCI Chi siamo? I DOCENTI : Barbara Gorlini - Marketing, Communication & Digital PR Fabio Dell Orto - Web Marketing, SEO&SEM E TU? raccontaci. Le tue aspettative

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING FIRENZE, 13 APRILE 2013 Nicola Carmignani @nicocarmigna www.nicolacarmignani.it PRESENTAZIONI Nicola Carmignani @nicocarmigna Blog: Uno Spreco di Bit! www.nicolacarmignani.it

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Innovazione Strategica e Organizzativa d Impresa Agenda Obiettivi di Marketing e Vendite Piano di Marketing Automation Strumenti

Dettagli

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente

marketing 19/36 Un filo diretto, utente per utente direct marketing Un filo diretto, utente per utente implementazione data base gestione data base aziendale riqualificazione data base newsletter dem telemarketing gestione numero verde 19/36 Un DB aziendale

Dettagli

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Copia n Prot. In consegna a (Nome e Cognome) Funzione / Società SEZ 1 Pagina 2/2 INDICE INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE...1 2 AMBITO DI

Dettagli

Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care

Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care Analisi e sviluppo del call center e del servizio di customer care Sviluppare il potenziale delle risorse umane del call center, soddisfare i clienti http://www.ebcconsulting.com Fabio Rossi 23 dicembre

Dettagli

LA GUIDA DEFINITIVA ALLA GESTIONE DELLA WEB REPUTATION

LA GUIDA DEFINITIVA ALLA GESTIONE DELLA WEB REPUTATION LA GUIDA DEFINITIVA ALLA GESTIONE DELLA WEB REPUTATION Traduzione e rielaborazione de The Definitive Guide to Online Reputation Management di Dan Virgilito. A cura di Gianni Gulletta extrapola Web Reputation

Dettagli

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni Facebook in numeri mobile Più di 350 MILIONI DI UTENTI accedono a Facebook attraverso device mobili. utenti Più di 800 MILIONI DI UTENTI ATTIVI. Il 50% di loro si logga ogni giorno e ha una media di 130

Dettagli

Agenzia Immobiliare. Il sito web appositamente studiato per ottimizzare i tuoi annunci immobiliari e generare più contatti e più vendite!

Agenzia Immobiliare. Il sito web appositamente studiato per ottimizzare i tuoi annunci immobiliari e generare più contatti e più vendite! Il sito web appositamente studiato per ottimizzare i tuoi annunci immobiliari e generare più contatti e più vendite! INFOCOM Service - Servizi Informatici Viale Teosa 9/B 25032 Chiari (BS) Tel.: 030-7776429

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa ORGANIZZAZIONE E LANCIO DI UNA NEWSLETTER INDICE E-MAIL MARKETING...

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

marketing 24/36 Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto

marketing 24/36 Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto marketing non convenzionale Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto buzz marketing guerrilla marketing viral marketing ambient marketing street marketing 24/36 Nulla di nuovo: è il

Dettagli

Bach Centre: criteri per il riconoscimento per i Corsi di Livello 2

Bach Centre: criteri per il riconoscimento per i Corsi di Livello 2 Bach Centre: criteri per il riconoscimento per i Corsi di Livello 2 Introduzione Questo documento stabilisce gli standard minimi ai quali i Corsi di Livello 2 approvati dal Bach Centre devono uniformarsi.

Dettagli

Italia. Player TUTTI I VANTAGGI DI UN CRM

Italia. Player TUTTI I VANTAGGI DI UN CRM Italia Player TUTTI I VANTAGGI DI UN CRM 15648806 15648792 Le ragioni di un CRM Mantenere alta la soddisfazione di un cliente è il primo comandamento aziendale. Per questo le aziende curano la qualità

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

Efficacia nel Lavoro

Efficacia nel Lavoro Piano di Formazione Efficacia nel Lavoro Percorso Relazioni Umane Informazioni: Questo progetto formativo è dedicato alle persone, ai singoli individui che sono al centro di qualsiasi risultato ottenuto.

Dettagli

LEADERSHIP E GESTIONE DEL PERSONALE Con gli imprenditori

LEADERSHIP E GESTIONE DEL PERSONALE Con gli imprenditori Giovedì 16 / Venerdì 17 Aprile 2015 Sede di Livigno, Via Freita 1660 Relatore : Roberto Bonacasa LEADERSHIP E GESTIONE DEL PERSONALE Con gli imprenditori 1 Link Utili www.bonacasa.net 2 Parte 1: Affrontare

Dettagli

Sei ragioni per cui il marketing ama i blog

Sei ragioni per cui il marketing ama i blog Sei ragioni per cui il marketing ama i blog Di Articolo originale: Six Reasons Marketers Love Blogs 9 Aprile 2010 http://www.searchengineguide.com/jennifer-laycock/six-reasons-marketers-loveblogs.php Verso

Dettagli

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Il piano operativo Quando si opera su Web non ci si deve lanciare in operazioni disorganizzate valutando solamente i costi. È fondamentale studiare

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Qualità e Customer Satisfaction

Qualità e Customer Satisfaction Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Qualità e Customer Satisfaction Dott. Mario Liguori 1 Customer Satisfaction: i vantaggi Fonte/Determinante della fedeltà (customer

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

NON PROFIT REPORT 2012

NON PROFIT REPORT 2012 NON PROFIT REPORT 2012 I COMPORTAMENTI DIGITALI DEGLI UTENTI FEDELI NEL TERZO SETTORE Non Profit Report 2012 / 1 @contactlab #clabreport PERCHÈ UNA RICERCA SUL NON PROFIT? GLI OBIETTIVI DELL INDAGINE Chi

Dettagli

Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic.

Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic. Digital Marketing: quando l innovazione diventa semplice. Come un clic. Giada Cipolletta Digital & Content Marketing Strategist SIMMAT Voi, che tipo digital siete? L e-voluzione del marketing Interazione

Dettagli

5 CONSIGLI PER VENDERE MEGLIO L innovazione nella Forza Vendita - articolo a cura di Lorenzo Brollo Settembre 2014

5 CONSIGLI PER VENDERE MEGLIO L innovazione nella Forza Vendita - articolo a cura di Lorenzo Brollo Settembre 2014 5 CONSIGLI PER VENDERE MEGLIO L innovazione nella Forza Vendita - articolo a cura di Lorenzo Brollo Settembre 2014 Un appuntamento importante Vi racconto un aneddoto tratto dalla mia esperienza quotidiana:

Dettagli

e-mail marketing tips & tricks migliora le performance delle tue campagne in 5 semplici mosse

e-mail marketing tips & tricks migliora le performance delle tue campagne in 5 semplici mosse e-mail marketing tips & tricks migliora le performance delle tue campagne in 5 semplici mosse Semina un pensiero e raccoglierai un azione, semina un azione e raccoglierai un abitudine, semina un abitudine

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Ideare e gestire una newsletter

Ideare e gestire una newsletter Ideare e gestire una newsletter Se correttamente gestita, una newsletter può diventare uno strumento davvero utile per tenere informati i visitatori di un sito e conquistare la fiducia e la fedeltà, dei

Dettagli

Marketing per lo sport. A cosa serve il marketing per le società sportive

Marketing per lo sport. A cosa serve il marketing per le società sportive Marketing per lo sport A cosa serve il marketing per le società sportive Cosa e il marketing e a cosa serve? Molti confondono il marketing con le attività promozionali, altri con la vendita. Proviamo a

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Sommario 1 INTRODUZIONE... 2 2 PRINCIPI GENARI... 2 3 ETICA DEI RAPPORTI DI LAVORO... 3 3.1 RISPETTO DELLE LEGGI E DEI REGOLAMENTI VIGENTI... 3 3.2 RAPPORTI CON I CLIENTI... 3 3.3 RAPPORTI CON I FORNITORI...

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

GESTIONE DELLA CLIENTELA

GESTIONE DELLA CLIENTELA GESTIONE DELLA CLIENTELA Presupposto fondamentale per una corretta gestione, telefonica e diretta, dei clienti e delle relative richieste di finanziamento è l ottima conoscenza: 1) dei prodotti; 2) dei

Dettagli

La gestione del cliente in un ottica di marketing

La gestione del cliente in un ottica di marketing La gestione del cliente in un ottica di marketing La soddisfazione del cliente Intuitivamente semplice, ma implica un esatta definizione dei parametri misurabili, in base ai quali un cliente si può definire

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl Il Business è nulla senza l etica. Il Codice di Comportamento esprime gli impegni e le responsabilità, nella conduzione degli affari, assunti da Right Hub verso tutti

Dettagli

SOCIAL MEDIA POLICY. TWITTER Alcune indicazioni di base

SOCIAL MEDIA POLICY. TWITTER Alcune indicazioni di base SOCIAL MEDIA POLICY Per ampliare la platea a cui ci si rivolge e per rendere più efficace la comunicazione attraverso l uso dei social network è consigliabile rispettare alcune regole fondamentali. Per

Dettagli