Sistemi Elettronici Sicuri. Rilevamento degli errori nei sistemi di elaborazione digitali...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Elettronici Sicuri. Rilevamento degli errori nei sistemi di elaborazione digitali..."

Transcript

1 Sistemi Elettronici Sicuri Rilevamento degli errori nei sistemi di elaborazione digitali v. 1.4c... Massimo Manara - Luca Uberti Foppa... Università degli Studi di Milano

2 Indice generale Concetti generali Tipi di ridondanza Ridondanza d'informazione Ridondanza di componenti Ridondanza temporale

3 Obiettivi Ridondanza Informazione Componenti Temporale 3/48

4 Obiettivi Ridondanza Informazione Componenti Temporale Parità Duplic. e confronto Duale Checksum RESO CRC Timers Hamming M su N Aritmetici 3/48

5 Codica: trasformazione di un certo dato in una codeword Decodica: data una codeword ricevuta restituisce i dati Tasso di informazione: k n Concetti generali Distanza di Hamming: x, y {0, 1}. δ(x, y): numero di bit dierenti tra le due tuple x = 0011, y = 0101: δ = (x, y) = 2. MTTF (Mean Time To Failure) MTTF = 0 R(t)dt. 4/48

6 Fault avoidance: evitare i guasti Componenti ad alta adabilità Progettazione accurata Approcci al trattamento dei guasti Fault tolerance: tolleranza ai guasti Informazione aggiuntiva Tre modalità (informazione, componenti, temporale) 5/48

7 Indice Concetti generali Tipi di ridondanza Ridondanza d'informazione - Parità; Checksum; CRC; Codici di Hamming; M su N; Codici aritmetici Ridondanza di componenti Ridondanza temporale 6/48

8 Ridondanza d'informazione Codici separabili e non separabili Codici di controllo ovvero bit di parità Codica e decodica dei dati: codeword 7/48

9 Codici di parità (parity checking) Bit ulteriore alla word nel processo di codica Introdotto come controllo nelle memorie/archiviazione [DSMT78] Controllo della parità Numero pari di '1' nella word: parità pari, altrimenti dispari [Sho02, pag. 35] Diversi approcci Semplice Bit per byte Intrecciata 8/48

10 Word con '1' in numero pari: codice di parità pari. p = 0 Altrimenti p = 1 Parità semplice 9/48

11 Parità bit per byte Un bit di parità per ogni byte Alternando parità pari e dispari Ciò aumenta la copertura degli errori 10/48

12 Parità intrecciata Sulla word di dimensione b è calcolata la parità Ogni bit di parità è associato ad un proprio gruppo di b/l bit Distanza tra i bit di parità: l 11/48

13 Calcolo del bit di parità (XOR) Codeword: dati più bit di parità Esempio circuito parità semplice (1/2) 12/48

14 È vericata la correttezza del messaggio Uscita '1' in caso di errore Per la parità dispari: NOT sull'uscita Esempio circuito parità semplice (2/2) 13/48

15 Vantaggi - Svantaggi Parità Complessità circuitale: XOR Tasso di informazione Parità semplice: 2% Parità bit per byte: 12% Parità intrecciata: 7% Probabilità di non rilevare un errore: p ue 2 (n k) p ue modellata attraverso la distribuzione binomiale B(2 : 9, q) = ( ) 9 q 2 (1 q) /48

16 Somma di controllo (Checksum) Calcolo di un hash sul messaggio Piccoli cambiamenti provocano hash diversi Il confronto tra hash ricevuto e calcolato verica l'integrità 15/48

17 Somma di controllo - Precisione singola Somma dei byte È ignorato il resto nale Dimensione checksum identica alla word Dati Checksum 2C D4 EA B C B B B D4 CS EA 16/48

18 Somma di controllo - Precisione doppia Ogni word di n-bit è sommato in una word di 2n-bit Due classi di resto: principale e secondario. Ignorato resto della classe primaria Dimensione checksum: 2 word Dati Checksum 5A EF 24 C Byte 1 5A Byte 2 EF Byte Byte 4 C Checksum calcolato Checksum calcolato hex /48

19 Somma di controllo - Honeywell Ogni word di n-bit è sommato in una word di 2n-bit Accoppiamento asimmetrico prima della somma, il resto è ignorato Rilevazione di errori comuni su word dierenti Dati CS C3 FE DB B4 B2 9E B. 1 C B. 2 FE B. 3 DB B. 4 B Correlazione FE C3 B4 DB CS CS hex B2 9E 18/48

20 Complessità circuitale: sommatore bit a bit Tasso di informazione Checksum singolo: 25% Checksum doppia parità: 50% Checksum honeywell: 50% Probabilità di non rilevare un errore: p ue 2 (n k) Checksum singolo: ignora il resto Vantaggi - Svantaggi Checksum Checksum doppia precisione/honeywell: due classi di resto Checksum doppia precisione/honeywell: dimensione doppia rispetto alla word 19/48

21 Controllo di ridondanza ciclica - CRC Proprietà dei polinomi binari nei campi binari niti Implementazione via hardware semplice r = n k: k bit originali, n bit del codicatore 20/48

22 CRC - trasmissione (1/3) Dato un blocco di k bit, viene considerato come un polinomio di grado k 1, P(x), nella generica variabile x I bit rappresentano i coecienti del polinomio r numero di bit del CRC; viene scelto un polinomio di grado r: G(x) Si eettua quindi la divisione di P(x) per G(x) Si scarta il quoziente e si utilizzano come CRC gli r bit di resto, i quali vengono accodati ai k bit informativi 21/48

23 CRC - ricezione (2/3) G(x) è diviso per il polinomio P(x) associato al blocco ricevuto Avviene un confronto tra il resto trovato e quello del trasmettitore Se il resto calcolato dal ricevitore coincide con il CRC ricevuto si può ritenere che non vi siano errori 22/48

24 CRC - esempio (3/3) k = P(x) = 1 x x x x x = x 5 + x 4 + x G(x) = x Lato trasmittente (T) Lato ricevente (R) P(x) T G(x) = Q(x) + R(x). r calc.r = P(x) R G(x) T invia = P(x) T + resto Se resto = r calc.r : errore. 23/48

25 Distanza di Hamming (XOR per stringhe binarie) Ingresso: word (m) uscita: word + checkbit (m + c) Codice (7,4); (n, k) k: bit in ingresso, n: bit in uscita Codici di Hamming 24/48

26 Invio e la ricezione del messaggio m = 1010: Codici di Hamming (1/2) 1 m G = c. Dove G: matrice generatrice (G = [I P].), c: la code word. [ ] c = [ m 1 m 2 m 3 m 4 c 1 c 2 c 3 ] H = [P T I]. = [ ]. H = /48

27 2 Controllo correttezza di c, moltiplicando per H T 1. Se il valore di S è '0' non sono stati rilevati errori. Codici di Hamming (2/2) c H T = S. [ ] = [ ]. 26/48

28 Vantaggi - Svantaggi Codici di Hamming Complessità circuitale: dipende dai dati trattati Tasso di informazione H(7,4): 57% H(15,11): 73% H(31,26): 84% Probabilità di non rilevare un errore: p ue = 1 (D(H) 1) Codiche diverse anche delle stesso codice Scelta del codice in base alle speciche Rilevamento e correzione degli errori 27/48

29 Codici M su N (1/2) n lunghezza della codeword m numero di '1' presenti nella codeword Ecienza relativa al numero di word M = ( n m ) 2 n = n! m! (n m)! 2 n /48

30 Dati originali Aggiunta bit della codica Codici M su N (2/2) 29/48

31 Vantaggi - Svantaggi M su N Complessità circuitale: dipende dalla scelta implementativa Tasso di informazione 1 su 4: 50% 2 su 4: 44% 3 su 6: 49% Probabilità di non rilevare un errore: p ue 2 (n k) Complessità codica e decodica diverse: parallelo, serie Errori multipli non rilevati 30/48

32 Separabili (Residue code) vs. non separabili (AN code) Usati per il controllo di operazioni aritmetiche f (X) f (Y) f (X Y) [Avi71] Codici aritmetici 31/48

33 Codici aritmetici AN code Invarianti per somma e sottrazione, non per moltiplicazione e divisione Moltiplicando gli operandi per una opportuna costante C Risultato dell'operazione di codica: f (X) = C X e f (Y) = C Y In Figura un esempio: C = 5, X = 3, Y = 4 32/48

34 Codici aritmetici residue code (X Y) mod C = [(X mod C) (Y mod C)] mod C Le quantità X, Y, (X mod C), (Y mod C), entrano in due processori separati (primario e secondario) per la stessa operazione Confronto a posteriori sul risultato In Figura un esempio: C = = 3, X = 8, Y = 3 [SS82b, pag ] 33/48

35 Vantaggi - Svantaggi Codici aritmetici Complessità circuitale: (residue code) componente di confronto e componente ridondato Tasso di informazione: log 2 C /n Probabilità di non rilevare un errore: C = (2 a 1) fondamentale la scelta della costante AN code: separabili vs. Residue code: non separabili Residue code: raddoppio dei costi hardware 34/48

36 Indice Concetti generali Tipi di ridondanza Ridondanza d'informazione Ridondanza di componenti - Duplicazione e confronto; Ridondanza temporale 35/48

37 Ridondanza di componenti Replicazione di porte, celle di memori, bus, processori e così via Al ne di ridurre guasti Tipi di ridondanza Passiva (mascheramento) - TMR (correzione) Attiva (rilevamento, posizione, contenimento, recupero) - Duplicazione e confronto Ibrida - NMR 36/48

38 Duplicazione e confronto Tecnica attiva Più copie della stessa word La presenza dell'errore rilevata tramite un confronto Errori comuni nelle word Diverse versioni: swap and compare [DSMT78, SS82a, pag ] 37/48

39 Adabilità - Duplicazione e confronto L'adabilità può essere calcolata attraverso una distribuzione binomiale dove p = e λt se ogni componente ha una distribuzione di fallimento esponenziale. R NMR = n i=k ( ) n p i (1 p) n 1. i Quindi R NMR = n i=k ( ) n e λti (1 e λt ) n 1. i 38/48

40 Indice Concetti generali Tipi di ridondanza Ridondanza d'informazione Ridondanza di componenti Ridondanza temporale - Duale; RESO-1; RESO-n; Watchdog timers; 39/48

41 Ridondanza temporale Esecuzione multipla di processi con metodi dierenti Comparazione dei risultati Anche nel software 40/48

42 Duale (1/2) Trasmissione della word al tempo t 0 Trasmissione del duale al tempo t 1 A seguito della trasmissione vi è un confronto 41/48

43 Duale (2/2) Duale: f (x 1, x 2,..., x n ) = f (x 1, x 2,..., x n ) In Figura la funzione f = ab + cd, f d = (a + b)(c + d) 42/48

44 Recomputing with shifted operands - RESO (1/2) Utilizzato nelle unità aritmetico logiche (ALU) RESO-1; RESO-n 1. Somma delle word, salvataggio del risultato in un registro con shif a sinistra 2. Traslazione a sinistra delle word da sommare, confronto con il valore nel registro 3. Se i valori sono diversi, c'è un errore 43/48

45 RESO (2/2) Shifter A Shifter B Risultato ALU c(a) bit Shifter A Shifter B Risultato ALU /48

46 Watchdog timers Tecnica poco costosa in termini di circuiteria Usata per l'osservazione di un processo (timer separato dal processo stesso) Fallimento del processo Sia hardware che software Controllo di processi deterministici Nessun controllo sull'errore 45/48

47 Questo progetto è stato realizzato dagli studenti. Fine Luca Uberti Foppa Massimo Manara Nell'ambito del corso di sistemi elettronici sicuri a.a. 2006/2007. Docente del corso Vincenzo Piuri, tutor: Alberto Ferrante Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito web o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA. 46/48

48 Bibliograa [Avi71] A. Avizienis. Arithmetic error codes: Cost and eectiveness studies for application in digital system design. Computers, IEEE Transactions on, C-20(11): , [DSMT78] H. Mashburn D.P. Siewiorek, V. Kini, S.R. McConnel, and M.M. Tsao. A case study of c.mmp, cm*, and c.vmp: Part iexperiences with fault tolerance in multiprocessor systems. Proc. IEEE, 66(10): , [Sho02] Martin L. Shooman. Reliability of Computer Systems and Networks: Fault Tolerance,Analysis,and Design. John Wiley & Sons, Inc., New York, NY, USA, [SS82a] Daniel Siewiorek and Robert Swarz. Design and Evaluation. Digital Press, Reliable Computer Systems: 47/48

49 [SS82b] Daniel Siewiorek and Robert Swarz. Design and Evaluation. Digital Press, Reliable Computer Systems: 48/48

Rilevamento degli errori nei sistemi di elaborazione digitali

Rilevamento degli errori nei sistemi di elaborazione digitali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie dell Informazione Corso di SISTEMI ELETTRONICI SICURI Rilevamento

Dettagli

Rilevazione degli errori nei sistemi digitali

Rilevazione degli errori nei sistemi digitali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie dell Informazione Corso di SISTEMI ELETTRONICI SICURI Rilevazione

Dettagli

Strato di Col o l l e l g e a g m a e m n e t n o

Strato di Col o l l e l g e a g m a e m n e t n o Strato di Collegamento Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Principi di funzionamento dello strato di collegamento Rivelazione e correzione degli errori Protocolli data link elementari

Dettagli

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri

Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri Architettura degli Elaboratori I Esercitazione 1 - Rappresentazione dei numeri 1 Da base 2 a base 10 I seguenti esercizi richiedono di convertire in base 10 la medesima stringa binaria codificata rispettivamente

Dettagli

Sistemi di numerazione: generalità

Sistemi di numerazione: generalità Sistemi di numerazione: generalità Nel corso della storia sono stati introdotti diversi sistemi di numerazione, dettati di volta in volta dalle specifiche esigenze dei vari popoli. Poiché ogni numero maggiore

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Tecniche per il progetto di sistemi elettronici tolleranti ai guasti

Tecniche per il progetto di sistemi elettronici tolleranti ai guasti Tecniche per il progetto di sistemi elettronici tolleranti ai guasti Fulvio Corno, Maurizio Rebaudengo, Matteo Sonza Reorda Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica Le tecniche di

Dettagli

Prefazione. Introduzione

Prefazione. Introduzione Prefazione Introduzione XI XIII 1 Comportamento a stati finiti di un sistema embedded 3 1.1 Richiami su automi a stati finiti riconoscitori di linguaggi... 4 1.2 Grammatiche............................

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno Parte II Indice Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro somma sottrazione Rappresentazione di numeri con segno modulo e segno complemento a 2 esercizi Operazioni aritmetiche tra

Dettagli

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1

Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Sistemi di Numerazione Binaria NB.1 Numeri e numerali Numero: entità astratta Numerale : stringa di caratteri che rappresenta un numero in un dato sistema di numerazione Lo stesso numero è rappresentato

Dettagli

Informatica 1. Riepilogo

Informatica 1. Riepilogo Informatica 1 Hardware e Software ing. Luigi Puzone 1 Riepilogo Nella lezione scorsa abbiamo visto i seguenti concetti di base Dati e informazioni e loro ciclo di elaborazione Hardware e Software Tipologie

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici ISA di riferimento: MIPS Massimiliano Giacomin 1 DOVE CI TROVIAMO Livello funzionale Livello logico Livello circuitale Livello del layout istruzioni macchina, ISA Reti logiche:

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Corso di. Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione)

Corso di. Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) Interfacciamento Andrea Bernieri bernieri@unicas.it Gruppo Misure

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli

Circuiti logici. Parte xxv

Circuiti logici. Parte xxv Parte xxv Circuiti logici Operatori logici e porte logiche....................... 729 Operatori unari....................................... 730 Connettivo AND...................................... 730

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

2.12 Esercizi risolti

2.12 Esercizi risolti Codifica dell'informazione 55 Lo standard IEEE prevede cinque cause di eccezione aritmetica: underflow, overflow, divisione per zero, eccezione per inesattezza, e eccezione di invalidità. Le eccezioni

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati

Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Lezione 3 Prof. Angela Bonifati Complemento a 2 Algebra booleana Le infrastrutture hardware Esercizi sulla codifica dei numeri Eseguire le seguenti conversioni: Da base 2 e 16 in base 10: 110 2 =???? 10

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana

Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana Sistemi di Numerazione e Algebra Booleana Laura Farinetti Claudio Fornaro Antonio Lioy Massimo Poncino Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sistemi di numerazione Il sistema di

Dettagli

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3)

Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Lo strato di collegamento e le reti Ethernet Modulo 5 (Unità 1-2-3) Il livello 2, Data-Link, è suddiviso in due sottolivelli: - il sottolivello MAC (Media Access Control) - il sottolivello LLC (Logical

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

L Assembler 8086. Istruzioni Aritmetiche. M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda. Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica

L Assembler 8086. Istruzioni Aritmetiche. M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda. Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica L Assembler 8086 M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Si suddividono in: istruzioni per il calcolo binario istruzioni

Dettagli

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo

02 - Organizzazione dei sistemi di calcolo Organizzazione dei sistemi di calcolo - Processori - Memoria principale - Memoria secondaria - Input/Output Pagina 2 Processori Pagina 3 La CPU è composta da: - Unità di controllo - Unità logico-aritmetica

Dettagli

Capitolo 1 - Numerazione binaria

Capitolo 1 - Numerazione binaria Appunti di Elettronica Digitale Capitolo - Numerazione binaria Numerazione binaria... Addizione binaria... Sottrazione binaria... Moltiplicazione binaria... Divisione binaria... Complementazione... Numeri

Dettagli

Lez. 3 L elaborazione (II parte) Prof. Pasquale De Michele Gruppo 2

Lez. 3 L elaborazione (II parte) Prof. Pasquale De Michele Gruppo 2 Lez. 3 L elaborazione (II parte) Prof. Pasquale De Michele Gruppo 2 1 Dott. Pasquale De Michele Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Introduzione all Informatica

Introduzione all Informatica Introduzione all Informatica Lezione 4 Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi dell Aquila diruscio@di.univaq.it Nota Questi lucidi sono tratti dal materiale distribuito dalla

Dettagli

1 Organizzazione dell unità in virgola mobile (FPU)

1 Organizzazione dell unità in virgola mobile (FPU) 1 Organizzazione dell unità in virgola mobile (FPU) Il processore può maneggiare anche numeri reali, attraverso un modulo detto Floating-Point Unit (FPU). Storicamente, tale circuiteria è stata inizialmente

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2013/14 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 16 settembre 2013 (2 ore) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 142857,

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 5.1 Operazioni aritmetiche nel sistema binario

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 5.1 Operazioni aritmetiche nel sistema binario Operazioni aritmetiche nel sistema binario Operazioni aritmetiche basilari Le regole da imparare nel caso di una base b sono relative alle b 2 possibili combinazioni delle cifre da 0 a b- 1. Ad esempio,

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

Comparatori. Comparatori di uguaglianza

Comparatori. Comparatori di uguaglianza Comparatori Scopo di un circuito comparatore é il confronto tra due codifiche binarie. Il confronto può essere effettuato per verificare l'uguaglianza oppure una relazione d'ordine del tipo "maggiore",

Dettagli

Generazione di numeri casuali. Daniela Picin

Generazione di numeri casuali. Daniela Picin Daniela Picin Testi di consultazione Gentle I.E. Random Number Generation and Monte Carlo Methods, 2nd ed. Springer Verlag, 2005 Raj Jain - The Art of Computer Systems Performance Analysis: Techniques

Dettagli

Operazioni binarie fondamentali

Operazioni binarie fondamentali Operazioni binarie fondamentali Operazioni fondamentali: operazioni elementari sui bit. Sono definite le operazioni aritmetiche più le operazioni logiche (AND, OR, NOT). Le operazioni possono essere descritte

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.00. Dip. Di Matematica Modalità esame: scritto + tesina facoltativa 1

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

1 Carattere 1 2 Carattere 2 4 Carattere 4 X Carattere diverso da 1, 2, 4. Porta chiusa Porta aperta

1 Carattere 1 2 Carattere 2 4 Carattere 4 X Carattere diverso da 1, 2, 4. Porta chiusa Porta aperta 1. Progettare una macchina a stati finiti (di Moore) che realizza una sistema di accesso a combinazione segreta: soltanto dopo aver premuto in sequenza i tasti: 1 4 4 2, l uscita che comanda l apertura

Dettagli

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57

Indice generale. 1 Il calcolatore: astrazioni. 2 Le istruzioni: il linguaggio. e tecnologia 1. dei calcolatori 57 I Indice generale Prefazione viii 1 Il calcolatore: astrazioni e tecnologia 1 1.1 Introduzione 1 Tipi di calcolatore e loro caratteristiche 2 Cosa si può imparare da questo libro 5 1.2 Cosa c è dietro

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

Storia dell informatica

Storia dell informatica Storia dell informatica INFORMATICA INFORMATICA INTRODUZIONE PERCHE' I COMPUTER? LIMITI DELLE CAPACITA' ELABORATIVE UMANE. VELOCITA' LIMITATA 2. PESANTI LIMITI ALLA COMPLESSITA DEI PROBLEMI AFFRONTABILI

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Memorie ROM (Read Only Memory)

Memorie ROM (Read Only Memory) Memorie ROM (Read Only Memory) Considerando la prima forma canonica, la realizzazione di qualsiasi funzione di m variabili richiede un numero di porte AND pari al numero dei suoi mintermini e di prolungare

Dettagli

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( )

Algebra di Boole. Le operazioni base sono AND ( ), OR ( + ), NOT ( ) Algebra di Boole Circuiti logici: componenti hardware preposti all'elaborazione delle informazioni binarie. PORTE LOGICHE (logical gate): circuiti di base. Allo scopo di descrivere i comportamenti dei

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

Variabili e tipi di dato

Variabili e tipi di dato Variabili e tipi di dato Tutte le variabili devono essere dichiarate, specificandone il tipo La dichiarazione deve precedere l uso Il tipo è un concetto astratto che esprime: L allocazione di spazio per

Dettagli

Il Processore: i registri

Il Processore: i registri Il Processore: i registri Il processore contiene al suo interno un certo numero di registri (unità di memoria estremamente veloci) Le dimensioni di un registro sono di pochi byte (4, 8) I registri contengono

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw Informatica o Information Technology La componente tecnologica dei sistemi informativi m. rumor Architettura del Sistema tecnologico Sistema tecnologico: insieme di componenti connessi e coordinati che

Dettagli

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch.

Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE. Lez2 Informatica Sc. Giuridiche Op. aritmetiche/logiche arch. Lezione 2 OPERAZIONI ARITMETICHE E LOGICHE ARCHITETTURA DI UN ELABORATORE Comunicazione importante dalla prossima settimana, la lezione del venerdì si terrà: dalle 15:00 alle 17.15 in aula 311 l orario

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009)

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) Parte I Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) I.1 Evoluzione degli Elaboratori N.B. Quasi tutto è successo negli ultimi 50 anni I.2 Generazione 0 (1600-1945) Pascal (1623-1662) Pascaline:

Dettagli

Il corso di INFORMATICA

Il corso di INFORMATICA Docente: Maurizio QUARTA Il corso di INFORMATICA BIOTECNOLOGIE 25/6 6 CFU E-mail: maurizio.quarta@unisalento.it m.quarta@alice.it Tel: 832-297532 Ricevimento: martedi dalle 9.3 alle.3 altri giorni per

Dettagli

Sommario. Addizione naturale

Sommario. Addizione naturale Sommario Introduzione Rappresentazione dei numeri interi positivi Rappresentazione dei numeri interi Operazioni aritmetiche Modulo e segno Addizione e sottrazione urale Addizione e sottrazione in complemento

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

I BUS AVIONICI. A cura di Marco MarcoGT. Bus Commerciali

I BUS AVIONICI. A cura di Marco MarcoGT. Bus Commerciali I BUS AVIONICI A cura di Marco MarcoGT In avionica, per le comunicazioni tra i vari apparati a bordo vengono utilizzati dei protocolli, alcuni creati appositamente, altri invece commerciali. E' possibile

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2. Le operazioni binarie

Fondamenti di Informatica 2. Le operazioni binarie Corso di per il corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Le operazioni binarie Università degli Studi di Udine - A.A. 2010-2011 Docente Ing. Sandro Di Giusto Ph.D. 1 L'algebra binaria Il fatto di aver

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

l angolo di Mr A.KEER UNITA

l angolo di Mr A.KEER UNITA l angolo di Mr A.KEER UNITA Aritmetico Logica La rassegna delle macchine combinatorie destinate al supporto delle operazioni aritmetiche non può prescindere dalle ALU, sofisticate macchine plurifunzionali,

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE di Renato Agati INDICE 1 Introduzione 2 La didattica della Teoria elementare dell Informazione 2.1 Prerequisiti, competenze, obiettivi 2.2 Il piano di lavoro 3 La trasmissione

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

Corso di Informatica Generale Esempi di domande.

Corso di Informatica Generale Esempi di domande. Il materiale contenuto in questo documento è utilizzabile unicamente per la preparazione dell esame di Informatica. Non ne può essere fatto altro uso. Corso di Informatica Generale Esempi di domande. 1.

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti)

I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE (esercizi svolti) Prof. G. Ciaschetti Conversione di un numero da binario a decimale Esercizio 1. Convertire in decimale

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

ESERCIZIO 1 1. Traccia 1. Analisi 2. Codifica programma 7. frame nel seguente modo: il primo byte dice la lunghezza complessiva del frame,

ESERCIZIO 1 1. Traccia 1. Analisi 2. Codifica programma 7. frame nel seguente modo: il primo byte dice la lunghezza complessiva del frame, ESERCIZIO 1 1 Traccia 1 Analisi 2 Codifica programma 7 Esercizio 1 Traccia IL microprocessore riceve dati dalla porta di indirizzo 30H. I dati sono organizzati in frame nel seguente modo: il primo byte

Dettagli

COMPENDIO DI INFORMATICA

COMPENDIO DI INFORMATICA Roberto Visconti COMPENDIO DI INFORMATICA CAPITOLO 4 COMUNICAZIONE UOMO - MACCHINA : LINGUAGGI E PROGRAMMI estratto da: COMPENDIO DI INFORMATICA ediz. CALDERINI Bologna 1988 anno di revisione 2013 06/11

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Appunti di Enterprise Digital Infrastructures

Appunti di Enterprise Digital Infrastructures Appunti di Enterprise Digital Infrastructures Matteo Gianello 30 settembre 2013 1 Indice 1 Hard Disk 3 1.1 Caratteristiche base....................... 3 1.1.1 Hard Disk: componenti e caratteristiche........

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 AA2011/12 Parte 7 Ing. Francesco Zampognaro e-mail: zampognaro@ing.uniroma2.it Lucidi Prof. Stefano Salsano 1 Architetture e protocolli di comunicazione» Introduzione» Funzioni

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Architettura degli elaboratori 2012/2013

Architettura degli elaboratori 2012/2013 Architettura degli elaboratori 2012/2013 Rappresentazione ed aritmetica binaria di base Michele Jazzinghen Bianchi 1 1 Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione Universtià degli Studi di Trento

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli