Una soluzione Open Source per il monitoraggio e la gestione della Cooperazione Applicativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una soluzione Open Source per il monitoraggio e la gestione della Cooperazione Applicativa"

Transcript

1 Una soluzione Open Source per il monitoraggio e la gestione della Cooperazione Applicativa Walter Ambu, Carlino Casari, Giorgio Follesa, Alessio Setzu, Luca Simbula CRS4 CSR {w.ambu, casari, gfollesa, simbula, SOMMARIO Negli ultimi anni, la possibilità di adottare soluzioni basate su software Open Source (OS) ha suscitato un interesse crescente da parte delle Pubbliche Amministrazioni. Questo articolo presenta un caso reale di integrazione di software Open Source nell'ambito del progetto SAR-SPCoop, sviluppato all'interno delle attività del CRS4-CSR 1. L'obiettivo principale del progetto SAR-SPCoop è la realizzazione di un sistema che consenta il monitoraggio e la gestione della Cooperazione Applicativa in ambito regionale, attraverso un insieme di servizi integrati all'interno di un'infrastruttura software OS. INTRODUZIONE Le Pubbliche Amministrazione (PPAA) mostrano un interesse crescente verso il fenomeno Open Source (OS) 2. In Italia, il dibattito risale alla fine del 2000 (art. 25 della legge 24 novembre 2000, n. 340), e oggi la finanziaria 2007 (comma 892, 895 e 896) promuove esplicitamente l'impiego di soluzioni OS nelle PPAA, stabilendo in particolare che nella valutazione dei progetti da finanziare destinati alla società dell'informazione, sia data priorità a quelli che utilizzano o sviluppano applicazioni software a codice aperto. I motivi per cui si auspica un maggiore utilizzo di sistemi OS a discapito di soluzioni proprietarie sono molteplici. Sicuramente le spese di adozione sono inferiori, dato che i costi di acquisizione e utilizzo dei prodotti OS sono nulli. Ma, nella valutazione di diverse soluzioni software, è più opportuno valutare il Total Cost of Ownership, che comprende non solo il costo delle licenze, ma anche altri costi nascosti come: costi di migrazione, formazione, personalizzazione, 1 Il CSR è un progetto del CRS4 finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna all interno dell Accordo di Programma Quadro per la Società dell Informazione (APQ_SI del 28 dicembre 2004). 2 In questo articolo si utilizzeranno indistintamente i termini Open Source, software aperto e libero e l'abbreviazione OS, intendendo sempre software aperto e libero. installazione, gestione etc., che vanno valutati caso per caso. Una motivazione sicuramente a favore dell'os è la maggiore indipendenza dai fornitori. L'utilizzo di software proprietario crea un vincolo molto forte tra produttore e consumatore, rendendo difficile e costoso il passaggio da un fornitore ad un altro. Il software OS facilita questo processo, consentendo alle PPAA di scegliere le aziende a cui affidare il supporto dei propri prodotti con maggiore libertà. Un'attenzione particolare meritano gli aspetti riguardanti gli standard aperti e liberi. Da una parte è necessario puntualizzare che Open Source non significa necessariamente Open Standard: possono infatti esistere prodotti OS che non utilizzano standard aperti, e prodotti proprietari che invece li rispettano perfettamente. D'altra parte, è indiscutibile che il mondo OS favorisca la diffusione di standard aperti, anche come effetto collaterale di una strategia di mercato che cerca di scardinare il monopolio di alcuni prodotti proprietari basati su standard chiusi. Dal punto di vista strategico è importante che le PPAA utilizzino formati standard e aperti. L'utilizzo di standard favorisce l'interoperabilità tra sistemi eterogenei e lo scambio di dati tra le PPAA, inoltre gli standard aperti favoriscono inoltre l'indipendenza dai fornitori. Di fatto esistono ormai diversi esempi di prodotti OS che implementano e/o utilizzano standard aperti. Oltre alle opportunità appena descritte, che sono oggetto di discussione nella letteratura attuale, ne esistono anche altre, non meno importanti e che possono essere sfruttate sia dalle PPAA che dai soggetti privati. Una di queste è data dalla possibilità di integrare diversi prodotti OS per sviluppare soluzioni complete per l'utente finale. Ancora una volta è importante sottolineare che l'integrazione non è una prerogativa dei sistemi OS; infatti è possibile integrare tra loro prodotti sia OS che proprietari (purché le licenze lo consentano). Utilizzare solamente prodotti OS fornisce però tutte le opportunità e i vantaggi qui brevemente riassunti, senza le limitazioni e i vincoli tipici delle soluzioni proprietarie.

2 Il fenomeno è in crescita, e ormai moltissime organizzazioni pubbliche e private utilizzano soluzioni di questo tipo come nuovo modello di sviluppo del territorio (nel caso di PPAA) e come nuovo modello di business nel caso di aziende private. In particolare, la maturità crescente delle soluzioni OS disponibili favorisce questo approccio, consentendo l'implementazione di sistemi completi, sicuri e a costi contenuti. Esistono infatti diversi casi in cui la maturità dei sistemi OS ha raggiunto un livello più che soddisfacente, come ad esempio nel settore degli application server, dei database, dell'automazione d'ufficio e così via. I sistemi OS possono dunque offrire alle PPAA una valida alternativa alle soluzioni proprietarie tradizionali. Molti progetti OS, essendo conformi agli standard aperti, assicurano un elevato grado di interoperabilità e favoriscono il riuso. Il libero accesso al codice sorgente permette di modificare i prodotti OS per effettuare estensioni e personalizzazioni. Inoltre, tali prodotti possono essere adattati e integrati con altri sistemi, non necessariamente OS, per sviluppare architetture più ampie in cui ogni prodotto può essere visto come un modulo. L'obiettivo principale di questo articolo è presentare un caso reale di integrazione di software OS, realizzato nell'ambito del progetto CRS4-CSR. Lo scopo di questa esperienza è realizzare un'infrastruttura intranet, che integri un insieme di strumenti per il monitoraggio e la gestione dei sistemi per la Cooperazione Applicativa (porte di dominio, registro servizi, Single Sign On etc). La soluzione è stata realizzata integrando esclusivamente componenti OS. Il resto dell'articolo è organizzato come segue: prima di tutto sarà fornita una breve introduzione al Sistema Pubblico di Cooperazione. Sarà quindi illustrato il progetto SAR-SPCoop e i suoi obiettivi principali, la soluzione proposta e l'architettura. Inoltre sarà descritto in dettaglio il processo di integrazione seguito, quindi una breve discussione del lavoro svolto e le conclusioni finali. IL SISTEMA PUBBLICO DI COOPERAZIONE Il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) è il sottoinsieme del Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) che include i sistemi di interoperabilità avanzata e di Cooperazione Applicativa. In particolare, per interoperabilità avanzata si intende un insieme di servizi idonei a favorire la circolazione, lo scambio di dati e informazioni, e l'erogazione fra le pubbliche amministrazioni e tra queste e i cittadini [4]. L'espressione Cooperazione Applicativa indica invece la parte finalizzata all'interazione tra i sistemi informatici delle pubbliche amministrazioni per garantire l'integrazione delle informazioni e dei procedimenti amministrativi [4]. E' importante notare che la specifica SPC include un secondo sottosistema, detto SPConn, che comprende i servizi di connettività ed interoperabilità di base. L'intera specifica SPC è stata formulata e rilasciata dal Centro Nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 3. Le amministrazioni cooperano attraverso l'erogazione e la fruizione di servizi applicativi; tali servizi vengono offerti dalla singola amministrazione attraverso un unico elemento (logico) del proprio sistema informativo denominato Porta di Dominio (PdD). Il dominio di un soggetto (pubblico o privato) della comunità dell'spc è l'insieme dei sistemi di cui il soggetto è titolare o responsabile. Il servizio applicativo opera sulla base di accordi tra almeno due soggetti (erogatore e fruitore), gli accordi devono essere inoltre formalizzati (Accordo di Servizio) e gestiti tramite i servizi infrastrutturali SICA (Servizi di Interoperabilità, Cooperazione ed Accesso). Gli Accordi di Servizio vengono registrati e mantenuti all'interno di un componente software chiamato Registro dei Servizi, che gestisce inoltre l'elenco dei soggetti e dei servizi. IL PROGETTO Il progetto ha due obiettivi fondamentali. Il primo è disporre di un sistema per il monitoraggio e la gestione della Cooperazione Applicativa regionale, il secondo è realizzare un'infrastruttura intranet di componenti software integrati che fornisca un punto di accesso centralizzato e unico per tutti i servizi, le applicazioni e le informazioni utili nell'ambito della Cooperazione Applicativa. In particolare, l'intranet deve permettere l'accesso ad una serie di strumenti web implementando meccanismi di autenticazione condivisi, mentre la gestione delle autorizzazioni e del controllo degli accessi può essere delegato alle singole applicazioni. La gestione e il monitoraggio della Cooperazione Applicativa devono avvenire come un insieme di servizi, integrati attraverso un'infrastruttura che funge da bus di integrazione, fruibili via web in modo trasparente per l'utente finale. Un altro aspetto del progetto di importanza notevole che va sottolineato riguarda la crescita delle competenze delle risorse umane coinvolte in un'area innovativa come quella della Cooperazione Applicativa. In questo senso, l'impiego del software OS, consentendo l'accesso e la modifica del codice sorgente, ha consentito di applicare e verificare, anche attraverso esempi pratici, in modo trasparente le direttive della specifica SPCoop emanate da poco più di un anno. E' importante notare che, essendo ad oggi molti requisiti non ancora definiti nel dettaglio, si è cercato 3 Per maggiori informazioni consultare il sito internet:

3 di sviluppare una piattaforma che fosse facile da gestire, manutenere, aggiornare e estendere. Soluzione Proposta La soluzione prevede l'utilizzo esclusivo di prodotti Open Source, che sono stati opportunamente modificati e integrati dal gruppo di Cooperazione Applicativa di CRS4-CSR. In particolare, si è scelto di integrare il motore japs (Java Agile Portal System) che funge da infrastruttura di integrazione con OpenSPCoop, e di adottare JOSSO come soluzione per il Single Sign On (SSO). La soluzione, sviluppata in ambiente Eclipse, fa uso di un Lightweight Directory Access Protocol (OpenLDAP), di un registro UDDI (JUDDI), di opportuni application server (TOMCAT e Jboss) e di un DBMS (PostgreSQL) 4. IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE In questa Sezione sono descritte le fasi principali seguite durante il processo di integrazione. Prima di tutto sono stati individuati i componenti architetturali. Per ogni componente sono state valutate le alternative messe a disposizione dalla comunità OS al fine di individuare quella che soddisfacesse meglio le esigenze progettuali (ad esempio, sono stati privilegiate soluzioni OS che utilizzino tecnologie comuni, in modo da semplificare l'intero processo). In parallelo, sono state confrontate le licenze relative ai vari sistemi presi in considerazione. Una volta individuati, i singoli moduli sono stati studiati ed analizzati per mettere a punto le modalità di integrazione. In particolare, si è cercato di minimizzare le modifiche da apportare al codice sorgente di ogni modulo e contemporaneamente di mantenere i moduli disaccoppiati, tenendo presente che uno degli obiettivi è sviluppare una piattaforma semplice da modificare, aggiornare ed estendere. Alcuni di questi aspetti meritano ulteriori approfondimenti, per cui saranno trattati in dettaglio nelle Sezioni successive. Licenze Il primo passo da eseguire per integrare software proveniente dalla comunità OS è leggere le licenze. Il panorama di tali licenze è ampio, e non mancano i tentativi di categorizzarle in base alle loro caratteristiche. Per esempio, Masashi Ueda e Suematsu [6] hanno identificato ben 107 differenti licenze, suddivise in tre categorie principali. Come è noto, le principali organizzazioni che si occupano di promuovere il software OS sono la Open Source Initiative (OSI) 5 e la Free Software Foundation (FSF) 6. La prima ha definito ufficialmente il termine OS nel 1998, affermando che una licenza è conforme alla Open Source Definition se rispetta 10 criteri fondamentali, mentre la seconda classifica le licenze in base ai concetti di Free Software, copyleft, e in base alla compatibilità con la licenza GPL. Il dibattito sui due diversi sistemi di classificazione e certificazione esula dallo scopo di questo articolo, ma è importante sottolineare che i prodotti utilizzati per realizzare il sistema qui presentato sono tutti rilasciati sotto licenze certificate OSI o, alternativamente, sono per lo meno free software - compliant in base alla classificazione FSF. La tabella 1 riporta l'elenco completo dei prodotti che compongono l'architettura e le relative classificazioni OSI e FSF. Tabella 1. Licenze dei software OS utilizzate nel progetto. Certificazione OSI e classificazione FSF. Certificaz. Classificaz. Software Licenza OSI FSF Japs GPL SI GPL OpenSPCoop GPL SI GPL Josso BSD SI GPL PostgreSQL OpenLDAP JUDDI Tomcat Jboss Application Server BSD original OpenLDAP Public License 2.8 Apache License 2.0 Apache License 2.0 SI NO SI SI Free GPL Free Free LGPL SI GPL Componenti Software Inizialmente sono stati selezionati i componenti necessari alla realizzazione dell'infrastruttura software per la gestione e il monitoraggio della Cooperazione Applicata regionale. A tal proposito, è stata utilizzata la piattaforma OpenSPCoop, un progetto che mira a realizzare un'implementazione OS di tutti i componenti della specifica SPCoop v. 1.1 e a costruire attorno allo stesso progetto un'ampia comunità di utenti e sviluppatori esperti della specifica. La prima versione di OpenSPCoop è stata rilasciata il 27 Ottobre 2005, e la versione attuale è la 0.9b1, che fornisce l'implementazione completa della porta di dominio, del registro dei servizi e delle rispettive interfacce di amministrazione. OpenSPCoop è sviluppato 4 Per maggiori informazioni relative ai software open source citati si rimanda ai rispettivi siti web, e alla documentazione ufficiale di ognuno di essi. 5 Per maggiori informazioni consultare il sito internet: 6 Per maggiori informazioni consultare il sito internet:http://www.fsf.org/.

4 utilizzando la seguente piattaforma OS: JBOSS, Axis, Juddi e WSS4J. Le interfacce di amministrazione sono delle applicazioni web, sviluppate utilizzando il framework Struts. Il registro dei servizi è implementato tramite un server JUDDI e un repository web. JUDDI è una implementazione Java della specifica UDDI (Universal Description, Discovery, and Integration) per i Web Services, e la scelta di tale tecnologia segue le indicazioni fornite dal CNIPA. JUDDI fornisce la funzionalità di indicizzazione delle informazioni contenute fisicamente nel repository web. La persistenza dei dati è invece affidata al DBMS PostgreSQL. PostgreSql è un progetto open source, nato nel 1996 con l'intento di creare un database enterprise-oriented, robusto e flessibile, sfruttando i noti vantaggi della pubblicità del codice sorgente, della gratuità dello stesso e di una grossa base di sviluppo. PostgreSQL è un database molto robusto e bene implementato, adatto alla gestione di grossi volumi di transazioni. La completa interfacciabilità e la logica di pulizia della base dati lo rendono decisamente consigliabile anche in contesti enterprise [3]. Per quanto riguarda la piattaforma di integrazione dei servizi di Cooperazione Applicativa si è scelto di utilizzare japs (Java Agile Portal System), un framework java basato su standard aperti, flessibile e modulare. Il framework offre inoltre un servizio di gestione dei contenuti (Content Management System) e consente la realizzazione di portali accessibili 7. Il framework japs è stato rilasciato sotto licenza GPL su SourgeForge. E' importante sottolineare che japs e OpenSPCoop condividono diverse tecnologie: dal database PostgreSQL al linguaggio di programmazione JAVA sino al framework Struts per l'implementazione delle interfaccie di amministrazione. In uno scenario come quello descritto è necessario garantire l'accesso ai servizi e alle applicazioni da un unico punto di accesso centralizzato. Per questo motivo si è deciso di integrare anche una modalità di autenticazione Single Sign On (SSO), realizzata utilizzando JOSSO (Java Open Single Sign-On). La scelta di JOSSO è stata dettata dalla sua aderenza a standard utilizzati all'interno del progetto. JOSSO è basato su J2EE e su JAAS (Java Authentication and Authorization Service) che centralizza la gestione dell'autenticazione degli utenti. Utilizza web services implementati tramite Axis e le interfacce grafiche sono scritte con Struts. JOSSO necessita di una Directory per memorizzare le informazioni relative ad utenti e ruoli, per cui è previsto il supporto del protocollo Lightweight Directory Access Protocol (LDAP). Come contenitore dei dati degli utenti (identity store) è stato scelto OpenLDAP, implementazione OS del protocollo LDAP, già testato con JOSSO. Gli application server utilizzati sono Tomcat, un JSP / Servlet Engine OS scritto interamente in Java, e JBOSS che è il più utilizzato application server Java a livello mondiale. A questo proposito è importante sottolineare che l'application server su cui si appoggia japs è Tomcat, mentre OpenSPCoop utilizza JBoss. Per ottenere una piattaforma unica si è deciso di avvalersi del solo application server Jboss, e quindi di migrare japs su quest'ultimo. L'integrazione dei diversi componenti è stata effettuata utilizzando Eclipse, IDE OS orientato alla massima espandibilità tramite il meccanismo dei plug-in. Architettura In questa sezione sarà descritta brevemente l'architettura software del sistema, in modo da fornire una visione d'insieme del progetto. La Figura 1 mostra i pricipali componenti della soluzione. In particolare, japs portal Engine funge da bus di integrazione dei servizi. Da notare che attualmente il Gestore degli Eventi non fa parte della soluzione, in quanto non è ancora stato rilasciato dalla community di OpenSPCoop. Figura 1: Servizi erogati e bus di integrazione. La Figura 2 mostra in dettaglio i componenti dell'architettura e ne evidenzia il flusso principale delle informazioni. Figura 2: Elementi Architetturali della soluzione. 7 Legge 9 gennaio 2004, n. 4 pubblicata in G.U. n. 13 del 17 gennaio 2004.

5 I componenti principali sono la piattaforma OpenSPCoop (che comprende sia la porta di dominio dei servizi applicativi che il registro dei servizi) e il sistema di gestione dei contenuti japs. Entrambi i sistemi si appoggiano su database PostgreSQL. Lo strato chiamato japs portal Engine gioca il ruolo di motore integratore dei servizi applicativi (CMS, Consolle di gestione SPCoop etc.), ed è quindi il cuore dell'architettura implementata. La Figura 2 mette inoltre in evidenza le tre diverse interfacce grafiche: le due di amministrazione della PdD e del Registro dei Servizi e quella del CMS. Ognuna delle tre interfacce grafiche si appoggia ad un meccanismo dedicato per l'autenticazione e l'autorizzazione degli utenti. Lo strato superiore dell'architettura garantisce la fruizione dei servizi da un unico punto di accesso realizzato utilizzando JOSSO. L'architettura generale è completata da un contenitore dei dati degli utenti basato su protocollo LDAP, ed in particolare sulla implementazione OS OpenLDAP. Pratiche di Sviluppo Nella realizzazione del progetto SAR-SPCoop non esistono dei requisti formali, essendo questi ultimi tutt'altro che stabili in quanto dipendenti da numerosi fattori tra cui l'evoluzione delle specifiche SPCoop e degli standard. Uno scenario di questo tipo, si sposa perfettamente con una metodologia di sviluppo di tipo Agile. In particolare, sono state adottate alcune pratiche di sviluppo che fanno parte di Scrum ed Extreme Programming (XP) [1], [2] tra cui: testing automatico, integrazione continua, programmazione a coppie, codice condiviso e progetto incrementale. Il testing del sistema prevede anche una fase per la verifica della corretta interazione tra i domini di Cooperazione Applicativa regionale, test che saranno eseguiti man mano che le implementazioni delle porte di dominio dei progetti regionali saranno date in carico a CRS4-CSR. La documentazione prodotta è quella strettamente necessaria al corretto svolgimento del progetto. A tale scopo si utilizza un wiki che viene aggiornato in continuazione e contemporaneamente allo sviluppo del sistema. DISCUSSIONE La realizzazione del progetto descritto nelle Sezioni precedenti permette di esprimere alcune considerazioni sull'utilizzo di componenti OS per l'implementazione di soluzioni software integrate. Queste considerazioni valgono sia nel contesto della pubblica amministrazione che in quello costituito dai soggetti privati. E' importante sottolineare che la scelta di software OS dovrebbe essere guidata dalla disponibilità o meno di componenti sufficientemente maturi. La letteratura recente ha proposto alcune metodologie per valutare la maturità del software OS, ma non esiste ancora una metodologia standard e ufficialmente riconosciuta. Per la realizzazione del progetto presentato in questo articolo non sono stati utilizzati criteri di selezione strettamente legati alla maturità intesa come stato ed età del software. Infatti, sia japs che OpenSPCoop sono progetti molto giovani, ed OpenSPCoop non è ancora giunto alla versione 1.0. D'altra parte OpenSPCoop rappresenta l'unica implementazione OS delle specifiche SPCoop, e japs è un progetto che nonostante la giovane età vanta già diversi casi di successo ed è in forte crescita. Sono stati invece utilizzati criteri basati sulla valutazione dell'interoperabilità e sulla possibilità di integrare ogni componente con altri sistemi. Tutto questo senza trascurare che ogni componente deve assolvere un ruolo specifico all'interno dell'architettura, e quindi deve implementare alcune funzionalità specifiche. I criteri di valutazione possono quindi essere formalizzati come segue: Funzionalità - Ogni componente deve implementare i requisiti tipici della categoria di prodotto a cui appartiene, o comunque prevedere l'integrazione con sistemi che implementano i requisiti mancanti; Architettura - L'architettura deve essere chiara, in modo da semplificare il processo di integrazione; Standard e Tecnologie - Devono essere largamente utilizzati standard aperti e tecnologie condivise; Attività - Bisogna privilegiare progetti in forte crescita, e che siano già stati utilizzati con successo; Feedback - In caso di necessità la comunità deve essere capace di fornire un rapido ed efficace supporto. E' importante sottolineare che il fattore che più di altri ha determinato la scelta di un'applicazione piuttosto che di un'altra è stato l'adozione di standard, ufficiali o de-facto, e di tecnologie condivise. Questa è infatti una condizione necessaria per garantire l'interoperabilità tra sistemi diversi a tutti i livelli. L'utilizzo di una soluzione completamente OS ha ovviamente permesso il risparmio dei costi delle licenze, e inoltre è stato possibile realizzare un'architettura complessa in poche settimane-uomo. E' difficile ipotizzare che si potesse ottenere una soluzione a costi inferiori attraverso software proprietario o, alternativamente, attraverso una soluzione ad-hoc sviluppata interamente. L'esperienza accumulata durante il progetto ha consentito al team coinvolto nello sviluppo di approfondire le proprie competenze sulle tematiche via

6 via affrontate, sia sul dominio del problema che dal punto di vista strettamente tecnologico. Una delle sfide aperte è riuscire a gestire l'evoluzione dei singoli componenti software. Infatti, utilizzare componenti in forte sviluppo significa che, presumibilmente, saranno spesso disponibili nuove versioni dei diversi pacchetti. E' stata dunque prestata particolare attenzione all'individuazione dei moduli software da modificare, cercando di massimizzare il disaccoppiamento tra i vari sistemi, onde evitare di dover ogni volta integrare da zero le nuove versioni, con un lavoro ripetitivo che mira al solo ripristino di funzionalità consolidate. CONCLUSIONI In questo articolo è stato descritto un caso pratico di integrazione di componenti software per la gestione e il monitoraggio della Cooperazione Applicativa regionale, visto come un insieme di servizi erogati attraverso un bus di integrazione. Sono state utilizzate applicazioni esclusivamente Open Source, e sono state privilegiate quelle che fanno ampio utilizzo di standard aperti e tecnologie condivise. In questo modo è stata sviluppata in brevissimo tempo e con costi limitati una soluzione completa, flessibile e modulare, che può essere velocemente estesa e aggiornata per rispondere alle esigenze future. Inoltre, tale soluzione ha permesso di incrementare il know-how del team coinvolto nel progetto, sia sul dominio del problema che sulle tecnologie adottate. La soluzione è attualmente in fase di test, e tra i lavori futuri è previsto, ovviamente, il rilascio in Open Source del sistema sviluppato. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] Beck, K. Extreme Programming Explained. Embrace Change. Addison-Wesley, Reading, MA [2] Beck, K. and Andres, C. Extreme Programming Explained: Embrace Change - Second Edition. Addison-Wesley, [3] CNIPA. Rapporto conclusivo Gruppo di lavoro Codice sorgente aperto ( Open Source ). URL: nclusivo_oss.pdf [4] CNIPA. Sistema pubblico di cooperazione: Organizzazione. URL: [5] Fuggetta A. Open source software - an evaluation. Journal of Systems and Software, 66, 1 (2003), [6] Masashi Ueda, T. U. and Suematsu, C. A cluster analysis of open source licenses. In Proceedings of the 1st International Conference on Open Source Systems (OSS 2005) (Genoa, Italy, 2005),

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS

Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS MondoGIS_59 29-03-2007 10:31 Pagina 62 Cosa significa Open Source? Cos'è il software libero? Applicazioni ai GIS OPEN SOURCE È UN TERMINE ORMAI DI MODA, ANCHE IN AMBITO GEOGRAFICO. I VANTAGGI DEL SOFTWARE

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence Breve panoramica sulla Business Intelligence con software Open Source Roberto Marchetto, 14 Gennaio 2009 L'articolo ed eventuali commenti sono disponibili su www.robertomarchetto.com (Introduzione) Il

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

come installare wordpress:

come installare wordpress: 9-10 DICEMBRE 2013 Istitiuto Nazionale Tumori regina Elena come installare wordpress: Come facciamo a creare un sito in? Esistono essenzialmente due modi per creare un sito in WordPress: Scaricare il software

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli