Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali"

Transcript

1 Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Mini-guida ai principi fondamentali di funzionamento delle telecamere, utili per chi deve valutare i prodotti e fare la scelta più adeguata alle proprie esigenze Il continuo sviluppo degli impianti di videosorveglianza fa sì che la rincorsa frenetica fra i fabbricanti e installatori lasci troppo poco tempo per ripensare alla tecnologia di base delle telecamere, siano esse analogiche e digitali, in bianco e nero od a colori, in tecnologia mega pixel o meno. E opportuno dedicare più tempo ad una riesame dei fondamenti del funzionamento delle telecamere, perché così forse sarà più facile comprendere alcuni aspetti applicativi, talvolta poco noti, e soprattutto scegliere il prodotto più idoneo nel contesto più appropriato. Anche se in un azienda i funzionari commerciali di vendita hanno un ruolo importante, il loro compito è quello di individuare il cliente e le sue necessità: tocca dopo ai tecnici mettere a punto una soluzione che soddisfi le esigenze di natura tecnica ed economica, che sono state fatte presenti dal cliente. Se non ci si avvicina in questo modo al problema, le soluzioni possono essere dettate da considerazioni che possono distorcere la trasparenza del rapporto, portando all installazione di impianti, che poco hanno a che fare con quanto il cliente veramente desiderava. Chi scrive vive continuamente queste problematiche, in quanto è coinvolto nella progettazione di sistemi di videosorveglianza, nella valutazione comparata delle offerte e nel loro collaudo. Credo che nessun lettore si stupisca se più di una volta si vede chiaramente che la proposta elaborata dall'offerente è guidata da considerazioni, che con le effettive esigenze del cliente hanno davvero poco a che fare. Ecco perché un breve riepilogo di quali sono i principi fondamentali di funzionamento delle telecamere può essere molto utile per avere una base solida, dalla quale partire per imparare a valutare prodotti, apparentemente similari, a scegliere il prodotto più appropriato per un'applicazione specifica. Il cuore della telecamera Una telecamera è un dispositivo di conversione di un'immagine ottica in un segnale elettronico. L'immagine ottica viene catturata da un obiettivo e viene convertita in un segnale elettronico da un sensore. Di sensori ne esistono di vari tipi, con costi e prestazioni assai diverse. Esistono sensori in bianco e nero, sensori a colore e sensori speciali. Cominciamo ad esaminare uno dei più diffusi sensori che provvedono alla conversione fotoelettrica, vale a dire convertono il segnale luminoso, focalizzato dall'obiettivo sulla superficie del sensore, in un segnale elettrico. Oggi i sensori più frequentemente utilizzati sono del tipo CCD che significa sensore ad accoppiamento di carica. Il sensore CCD contiene un micro circuito al silicio, che consiste in una matrice di piccolissime aree, sensibili alla luce. Più piccole sono queste aree, maggiore è la risoluzione, anche se la sensibilità potrebbe diminuire. Ogni minuscola area sensibile viene chiamata convenzionalmente pixel. La ragione per la quale questi sensori sono così diffusi è legata al prezzo relativamente basso, alle dimensioni compatte ed all'elevatissima gamma dinamica, che permette di acquisire sia segnali luminosi molto forte, sia segnali luminosi molto deboli. Inoltre, questi sensori presentano una

2 notevole linearità nella trasformazione della luce in segnale elettrico, diminuendo notevolmente la sorgente di possibili distorsioni. Cosa sono i pixel Quando la luce cade sulla superficie di un sensore CCD, che viene realizzato in diverse dimensioni, come vedremo in seguito, il pixel genera una carica elettrica, che viene raccolta da appositi circuiti e trasformata in un segnale elettrico continuo. Ogni pixel contribuisce alla costruzione del segnale con una carica, tanto più elevata, quanto maggiore è la quantità di luce che lo ha colpito. Esistono vari sistemi per raccogliere le cariche dei vari pixel, che possono essere centinaia di migliaia o perfino milioni, e per portarla all'esterno del sensore e metterla a disposizione di successivi circuiti di trattamento. I sensori analogici hanno dei pixel rettangolari, che sono più larghi nella dimensione verticale. Altre telecamere, con diversi sensori, ad esempio digitali, non hanno questa caratteristica, che è dettata dal numero di linee in cui viene suddivisa l'immagine televisiva che è ormai standardizzato in 525 linee per i segnali NTSC e 625 linee per i segnali PAL. E' questa la ragione per cui le telecamere digitali possono avere dei pixel quadrati o rettangolari. Grande sensore è uguale a grande qualità? La risposta certamente non è semplice. Maggiore è la superficie del sensore, sulla quale si trovano i pixel che catturano la luce, maggiore è il campo ripreso dalla telecamera. Oggi la produzione è standardizzata su cinque diversi sensori, che vanno da un quarto di pollice, ad un terzo, a mezzo pollice, a due terzi di pollice ed un pollice. E' interessante notare che questa denominazione, legata alla dimensione della diagonale, discende direttamente dal sistema con cui un tempo venivano misurate le dimensioni delle aree sensibili dei tubi vidicon. Il rapporto di dimensione dei sensori è sempre 4:3, cioè la dimensione orizzontale e più grande della dimensione verticale. Per ora quindi tutte le immagini sono di tipo tradizionale e non sono di tipo ad alta definizione, che hanno un rapporto di aspetto completamente diverso. E' importante che l'obiettivo prescelto si sposi accuratamente con la dimensione del sensore prescelto, perché se questi due parametri non sono giustamente correlati, si può avere una distorsione dell'immagine. Per evitare confusione ai nostri lettori, ricordiamo ancora una volta che le dimensioni convenzionali del sensore non hanno nulla a che vedere con le dimensioni effettive.

3 Sensori in bianco e nero ed a colori Anche se questa differenza potrebbe sembrare non particolarmente importante, anche per il fatto che oggi la stragrande maggioranza delle telecamere in commercio è di tipo a colore, l'argomento merita invece un attento studio. Mi permetto di ricordare ai lettori che nell'hotel Bellagio di Las Vegas, dove sono installate telecamere, solo una decina è in bianco e nero: sono le telecamere che inquadrano i tavoli del domino, perché la qualità dell'immagine in bianco e nero è di estrema qualità, e va benissimo in questo contesto, perché le tessere del domino sono solo in bianco e nero. E bene precisare che i sensori CCD sono tipicamente in bianco e nero, perché danno un segnale tanto più elevato, quanto maggiore è la quantità di luce che li colpisce. Un numero molto piccolo rappresenta il nero, mentre un numero più grande può rappresentare il bianco, ed i valori intermedi rappresentano variazioni nella scala dei grigi. Quindi ogni pixel genera informazioni solo riguardanti l intensità della luce e non il colore. Ci si domanda allora come sia possibile realizzare una telecamera a colori, utilizzando questo tipo di sensore, che intrinsecamente non è sensibile al colore: esistono due sistemi. Il sistema più diffuso è quello di utilizzare un filtro a mosaico. Il filtro a mosaico fa sì che tre pixel vicini ricevano soltanto una componente delle tre componenti fondamentale della luce bianca. Estraendo separatamente queste tre informazioni luminose, si ha a disposizione la componente specifica nel colore fondamentale. Naturalmente questa soluzione ha un prezzo piuttosto caro, perché il numero complessivo dei pixel a disposizione viene diviso per 3. Ogni pixel infatti deve ricevere solo la porzione di radiazione luminosa, filtrata dal filtro base specifico. Ecco perché una telecamera di questo tipo ha una minore sensibilità, un minor contrasto ed un maggior livello del rumore di fondo. I fabbricanti hanno cercato di ovviare a questo problema, mettendo in commercio delle telecamere a colori che utilizzano tre sensori di luce. In questo caso la luce bianca incidente viene spezzata da un filtro nelle tre componenti fondamentali dello spettro, che vengono inviate a tre differenti sensori; con questo accorgimento è possibile ottenere una risoluzione assolutamente paragonabile a quella di un sensore in bianco e nero, ma evidentemente il costo è decisamente più elevato, per la presenza del filtro e di un più elevato numero di sensori. Maggiore è la superficie del sensore sulla quale si trovano i pixel che catturano la luce, maggiore è il campo ripreso dalla telecamera.

4 Telecamere analogiche e/o digitali Le telecamere analogiche generano un segnale elettrico continuamente variabile, in tempo reale, dove la frequenza e l'ampiezza del segnale fornisce informazioni in merito all'intensità della luce incidente ed alla gradualità con cui si passa da una zona più luminosa ad una zona meno luminosa. Un architettura di questo tipo è decisamente più economica e da questo punto di vista rappresenta senz'altro una soluzione attraente. Tuttavia, vi sono dei problemi connessi in termini di rumore di fondo, e di limiti alla qualità dell'immagine trasmessa. Se infatti si vogliono risolvere due aree luminose assai vicine, individuandole separatamente, occorre salire a bande di frequenza del segnale trasmesso estremamente elevate. Se invece si utilizza una telecamera digitale, essa trasmette una flusso di bit, che variano tra 0 e 1. Occorre a questo punto utilizzare un apparato speciale, che converte il flusso di dati binari in informazioni video. Come è noto, una trasmissione digitale presenta intrinsecamente un rapporto segnale disturbo molto più basso e la qualità della conversione, quando è visualizzato sul monitore, è decisamente migliore. E' questa la ragione perché una telecamera digitale, oltre ad una risoluzione più elevata, ha un maggior rateo di quadri al secondo, un rumore inferiore ed altri vantaggi, che esamineremo in seguito. Come trasferire all'esterno le cariche dei pixel Le telecamere possono essere suddivise in due grandi categorie, a seconda dell architettura che viene utilizzata per catturare le cariche, che si creano su ogni pixel, colpito dalla luce, e trasferirle all'esterno per costruire un segnale video vero e proprio. Vi è la tecnica ad interlaccio e la tecnica a scan progressivo. Nella tecnica interlacciata, il sensore è suddiviso in due campi, rispettivamente le file pari e le file dispari. Ad esempio, con un rateo di produzione delle immagini a 30 quadri al secondo, ogni quadro deve essere letto in un sessantesimo di secondo. Prima vengono lette le informazioni che vengono dalle file dispari, e poi quelle dalle file pari. Questa soluzione è molto economica ma presenta dei problemi, soprattutto se l'immagine è in rapido cambiamento. È infatti possibile che, nel sessantesimo di secondo che passa tra l'acquisizione del primo semi quadro, quello prodotto dalle file dispari, e del secondo semi quadro, quello prodotto dalle file pari, l'immagine sia cambiata e le due immagini combinate offrono una visione non particolarmente nitida. Per questa ragione nelle riprese ad alta velocità spesso si vedono degli effetti fantasma o di minor nitidezza. Il sistema di acquisizione progressiva risolve questo problema esplorando, e cioè acquisendo le cariche presenti sulle linee una dietro l'altra, secondo la successione numerica e non secondo la successione di pari e dispari. Bisogna però fare attenzione che ancora oggi diversi fabbricanti utilizzano sistemi diversi per acquisire queste cariche e quindi in alcuni casi potrebbero esservi delle difficoltà nel visualizzare correttamente l'immagine. La risoluzione e le righe Le righe o linee dell'immagine, nelle telecamere analogiche, vengono spesso indicate dal fabbricante e il numero di linee presenti nell'immagine viene talvolta usato come parametro per valutare la risoluzione dell'immagine. Il numero delle linee è una unità di risoluzione dell'immagine, che viene basata sulla ripresa di un immagine, dove le linee sono spaziate in modo uguale. Se il bersaglio è abbastanza grande da coprire l'intero campo visivo, il numero di linee TV è calcolato sommando tutte le linee ed gli spazi fra le linee. Nelle telecamere digitali,si indica il numero di pixel presenti sul sensore, come parametro di risoluzione. Le ormai famose telecamere a megapixel fanno appunto riferimento a sensori con milioni di pixel, contro le centinaia di migliaia, tipiche di una telecamera convenzionale.

5 La sensibilità delle telecamere Il problema della sensibilità delle telecamere oggi diventa sempre più importante, perché tutti vorrebbero acquisire un'ottima immagine, anche in presenza di un bassissimo livello di luminosità. Lasciando perdere le telecamere speciali ad intensificatore di immagine, che appartengono un settore oltremodo specializzato, oppure le telecamere con sensore ad infrarossi, che in realtà non catturano la componente visiva dell'immagine, ma la componente infrarossa, è bene aver presente che un sensore in bianco e nero non risponde bene a diverse frequenze della luce incidente. In altre parole, la carica generata varia non solo in funzione dell'intensità della luce incidente, ma anche della frequenza della luce incidente. Vi è un picco nel quale si ha la massima sensibilità, che diminuisce più lentamente quando la frequenza dell'onda luminosa aumenta e più rapidamente, quando la frequenza diminuisce. La frequenza della luce incidente è data evidentemente dal colore della luce, ma anche e soprattutto dal tipo di illuminazione presente nella scena ripresa. Poiché oggi esistono dozzine di tipi di lampade, occorre accoppiare correttamente lo spettro di radiazione della lampada con lo spettro di sensibilità della telecamera. Una caratteristica di molte telecamere in bianco e nero è un elevata sensibilità anche al di fuori della banda visibile, in lunghezze d'onda più elevate, che sono tipiche della radiazione infrarossa. Ecco perché molte telecamere in bianco e nero possono ottenere un buon salto di sensibilità, permettendo al sensore di catturare anche la componente infrarossa presente nell'immagine ripresa, il che non è normalmente possibile. Ecco perché in molte telecamere a colori si può ottenere un buon salto di sensibilità, permettendo al sensore di catturare anche la componente infrarossa presente nell'immagine ripresa, il che normalmente non avviene. Il filtro che blocca l'infrarosso si sposta, quando la luminosità della scena ripresa scende, in maniera che il sensore possa sfruttare al meglio la sua elevata sensibilità nell'infrarosso vicino. I segnali in uscita In realtà, i nostri lettori non entrano all'interno della telecamera e si limitano ad estrarre il segnale video sul connettore predisposto dal fabbricante. Esistono diversi tipi di connettori, che fanno riferimento a diversi tipi di segnale presenti. Il segnale video bianco e nero in uscita è stato standardizzato da una organismo americano, lo NTSC, con il codice R 170, mentre la versione colori viene chiamata R 170 a; quest'ultimo segnale viene più corrente comunemente chiamato NTSC. Entrambi questi segnali sono di tipo composito, il che significa che tutte le informazioni afferenti al colore ed all'intensità sono radunate in un unico segnale. Esistono però altri tipi di segnali in uscita, Y-C ed RGB, che separano il segnale di crominanza, che da l'informazione di colore, dalla informazione di luminanza, che da l'informazione di intensità del colore. In Italia lo standard utilizzato per il bianco e nero e il CCIR, mentre per il colore si usa il PAL oppure il SECAM, particolarmente usato in Francia. Naturalmente tutto ciò non vale per le telecamere digitali, che danno un segnale digitale standardizzato. Tratto dalla Rivista Antifurto

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il mondo del molto piccolo si può osservare anche utilizzando un microscopio ottico. Esistono dei limiti?? Carl Zeiss (1816-1888) Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il

Dettagli

Cablaggio e progettazione tutte le novità

Cablaggio e progettazione tutte le novità Cablaggio e progettazione tutte le novità di Adalberto Biasiotti Nell'impiantistica di sicurezza il cablaggio gioca spesso un ruolo significativo. Oggi sono disponibili numerose alternative, con pregi

Dettagli

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009 A cura di Giancarlo Caperna bfi I PIXEL I pixel di un immagine digitale sono l analogo dei granuli di sali della

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

Guida alle tecnologie per telecamere. Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza

Guida alle tecnologie per telecamere. Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza Guida alle tecnologie per telecamere Fattori da considerare nella scelta di telecamere di videosorveglianza Introduzione Investire in un sistema di videosorveglianza di buona qualità è una mossa intelligente.

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

WHITE PAPER. Perché Sony per la qualità delle immagini?

WHITE PAPER. Perché Sony per la qualità delle immagini? WHITE PAPER Perché Sony per la qualità delle immagini? Introduzione Perché Sony per la qualità delle immagini? Il futuro della videosorveglianza IP punta decisamente verso il Full HD. Molti produttori

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Documento tecnico. Lightfinder Prestazioni eccezionali in condizioni di scarsa illuminazione

Documento tecnico. Lightfinder Prestazioni eccezionali in condizioni di scarsa illuminazione Documento tecnico Lightfinder Prestazioni eccezionali in condizioni di scarsa illuminazione Sommario 1. Introduzione 4 2. Informazioni su Lightfinder 4 3. Applicazioni 5 4. Confronto nelle ore notturne

Dettagli

Foveonizzazione. E' possibile scaricare DCRaw per piattaforme Windows e MacOS da questo sito: http://www.insflug.

Foveonizzazione. E' possibile scaricare DCRaw per piattaforme Windows e MacOS da questo sito: http://www.insflug. Foveonizzazione La seguente procedura permette di simulare il comportamento del sensore Foveon manipolando i dati raccolti da un sensore con matrice Bayer. I software utilizzati in questa procedura sono

Dettagli

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 Il colore IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 La luce Radiazione elettromagnetica 380 740 nanometri (790 480 THz) Percezione della luce /1 Organi sensoriali: Bastoncelli Molto sensibili (anche a un solo fotone:

Dettagli

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA È l ora della videosorveglianza basata su FPGA Kambiz Khalilian, Strategic marketing manager Lattice Semiconductor Le preoccupazioni crescenti per la sicurezza hanno costretto i governi e le istituzioni

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

Scelta degli obiettivi. Serie M22. Serie M12D. Serie D12D

Scelta degli obiettivi. Serie M22. Serie M12D. Serie D12D Scelta degli obiettivi La maggior parte dei modelli delle telecamere MOBOTIX può essere dotata di varie combinazioni di obiettivi, in base alle esigenze specifiche. Serie M22 Si possono scegliere tutti

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

L ACQUISIZIONE DIGITALE DEI SEGNALI I vantaggi principali dei sistemi digitali consistono in: elevata insensibilità ai disturbi bassa incertezza con costi relativamente contenuti compatibilità intrinseca

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini Codifica delle immagini Abbiamo visto come la codifica di testi sia (relativamente) semplice Un testo è una sequenza di simboli Ogni simbolo è codificato con un numero Ed ecco che il testo è trasformato

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino - Theremino Spectrometer Technology - 15 agosto 2014 - Pagina 1 Principio di funzionamento Ponendo una telecamera digitale con un reticolo

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Codifica video. Il video digitale. Sistemi Multimediali. Il video digitale. Il video digitale. Il video digitale.

Codifica video. Il video digitale. Sistemi Multimediali. Il video digitale. Il video digitale. Il video digitale. Sistemi Multimediali Codifica video La definizione di video digitale corrisponde alla codifica numerica di un segnale video. Esso eredita numerosissimi concetti dal video analogico, e li trasporta in digitale.

Dettagli

CCTV Videosorveglianza

CCTV Videosorveglianza 144 Ulteriori informazioni, datasheet e acquisti on-line: www.futurashop.it DVR, la tecnologia digitale per la tua SICUREZZA... Internet DVR CCTV e sistemi Videosorveglianza di registrazione 145 146 Ulteriori

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni A queste rappresentazioni si possono applicare le operazioni aritmetiche: riporti 1 1 0 + 1 0 = 1 0 0 24 Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione

Dettagli

WHITE PAPER. View DR. Immagini di videosorveglianza più chiare e definite con un range dinamico più ampio

WHITE PAPER. View DR. Immagini di videosorveglianza più chiare e definite con un range dinamico più ampio WHITE PAPER View DR Immagini di videosorveglianza più chiare e definite con un range dinamico più ampio Sintesi Perché View DR per le immagini di videosorveglianza? Inclusa nelle telecamere di videosorveglianza

Dettagli

Telecamere TD7301. Telecamera WDR Day & Night 960H Effio-P con rimozione del filtro IR. Telecamere Day & Night WDR 960H Effio-P

Telecamere TD7301. Telecamera WDR Day & Night 960H Effio-P con rimozione del filtro IR. Telecamere Day & Night WDR 960H Effio-P Telecamera WDR Day & Night 960H Effio-P con rimozione del filtro IR L eccellente telecamera Day & Night WDR con rimozione del filtro IR, si rinnova tecnologicamente grazie al nuovissimo CCD Sony Super

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Pensa ad una protezione integrale per la tua azienda.

Pensa ad una protezione integrale per la tua azienda. Pensa ad una protezione integrale per la tua azienda. PENSA CASTS. Per Casts sicurezza non significa solo monitorare e contrastare i tentativi d intrusione, ma anche tenere sotto controllo gli ambienti

Dettagli

Stabilizzazione Video. Video Digitali

Stabilizzazione Video. Video Digitali Stabilizzazione Video Video Digitali Stabilizzazione video STABILIZZARE:assicurare il mantenimento di una condizione di equilibrio constante,generalmente identificabile nell'assenza di oscillazioni o variazioni

Dettagli

Valutazione delle tecnologie per la lettura dei codici a barre

Valutazione delle tecnologie per la lettura dei codici a barre Valutazione delle tecnologie per la lettura dei codici a barre Lettore laser o imager: qual è la scelta corretta? Scheda della gamma di prodotti Valutazione delle tecnologie per la lettura dei codici a

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

Alta tecnologia multimediale. PD42 Seam Less Monitor 42"

Alta tecnologia multimediale. PD42 Seam Less Monitor 42 Alta tecnologia multimediale PD42 Seam Less Monitor 42" LA TECNOLOGIA A 4 LATI DZF CHE RENDE I VIDEOWALL SENZA BORDO Nuova tecnologia senza bordi Multi PDP convenzionale Il pannello a muro espandibile

Dettagli

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com Fotografia corso base Educazione Permanente Treviso Specifiche digitali http://arcifotografiabase.wordpress.com Federico Covre Pixel (picture element) Indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono

Dettagli

Librerie digitali. Video. Gestione di video. Caratteristiche dei video. Video. Metadati associati ai video. Metadati associati ai video

Librerie digitali. Video. Gestione di video. Caratteristiche dei video. Video. Metadati associati ai video. Metadati associati ai video Video Librerie digitali Gestione di video Ogni filmato è composto da più parti Video Audio Gestito come visto in precedenza Trascrizione del testo, identificazione di informazioni di interesse Testo Utile

Dettagli

Lezione 2: Immagini digitali (1)

Lezione 2: Immagini digitali (1) Lezione 2: Immagini digitali (1) Informatica e produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani Immagini digitali Digitalizzazione o acquisizione di immagini del mondo reale (es. da una fotografia).

Dettagli

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia

Grafica Digitale. Concetti di base della computer grafica. Oliviero Neglia Grafica Digitale Concetti di base della computer grafica Oliviero Neglia Per grafica digitale intendiamo quell'insieme di processi che ci permettono di creare, modificare e visualizzare immagini attraverso

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale 1 Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale Sembra che, per rendersi la vita più semplice, molto spesso gli "addetti ai lavori" abbiano la tendenza a sintetizzare in minuscole sigle concetti

Dettagli

L alta definizione. su cavo coassiale

L alta definizione. su cavo coassiale L alta definizione su cavo coassiale Sistemi di Videosorveglianza AHD Fracarro fracarro.com Tutta la qualità del digitale con la semplicità di un impianto analogico. L offerta Fracarro per la videosorveglianza

Dettagli

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA)

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) Principali Norme di riferimento CEI EN 50132 Impianti di allarme - Impianti di sorveglianza CCTV da utilizzare nelle applicazioni

Dettagli

Visible Scanner VIS. Cap. Sociale 50.000,00 R.E.A. di Milano 1835352 - Registro delle Imprese n 05614450962 C.C.I.A.A. di Milano

Visible Scanner VIS. Cap. Sociale 50.000,00 R.E.A. di Milano 1835352 - Registro delle Imprese n 05614450962 C.C.I.A.A. di Milano Visible Scanner VIS European Advanced Technologies S.r.l. Sede Legale: Via Carducci, 32-20123 Milano P.I. / C.F. 05614450962 Unità Op. 1: Viale Europa, 28a - 24048 Treviolo BG Tel. +39 035 19901260 Fax

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

IMMAGINI DIGITALI. MEGAPIXEL.jpg.gif. perchè questo breve incontro sulle immagini digitali

IMMAGINI DIGITALI. MEGAPIXEL.jpg.gif. perchè questo breve incontro sulle immagini digitali IMMAGINI DIGITALI MEGAPIXEL.jpg.gif?? perchè questo breve incontro sulle immagini digitali le immagini digitali sono una cosa fantastica, ci permettono di fare centinaia di foto evitare la stampa conservarle

Dettagli

La riduzione dei dati da CCD

La riduzione dei dati da CCD Hands on Universe, Europe Pesiamo una galassia La riduzione dei dati da CCD Alessandra Zanazzi e Marilena Spavone Città della Scienza Scpa Onlus e Fondazione IDIS - Città della Scienza Logo disegnato da

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

INDAGINI TERMOGRAFICHE

INDAGINI TERMOGRAFICHE INDAGINI TERMOGRAFICHE INDAGO SRL Via Sestri 15/4 16154 GENOVA SESTRI Sede Operativa: Corso Italia 26-18012 Bordighera (IM) Tel/Fax: 0184-998536 Mail: info@indagosrl.it - indago@pec.it La termografia Per

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

PRINCIPI DI TRASDUZIONE

PRINCIPI DI TRASDUZIONE PRINCIPI DI TRASDUZIONE Passiva Trasduzione resistiva Trasduzione capacitiva Trasduzione induttiva Attiva Trasduzione fotovoltaica Trasduzione piezoelettrica Trasduzione elettromagnetica Trasduzione fotoconduttiva

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA. Via Ghisleri, 24/A 26100 CREMONA Tel. +39 0372 22511 Fax +39 0372 537864 italsinergie@fastpiu.it

VIDEOSORVEGLIANZA. Via Ghisleri, 24/A 26100 CREMONA Tel. +39 0372 22511 Fax +39 0372 537864 italsinergie@fastpiu.it VIDEOSORVEGLIANZA VIDEOSORVEGLIANZA: SPECIFICHE TECNICHE Telecamera bullet per esterno / interno a colori night & day, obbiettivo varifocal 2.8:12 mm, 42 led ad infrarossi, 1/3 Sony CCD S-HAD, 600 linee

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

BigX. Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali

BigX. Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali BigX Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali BigX Macchina per il controllo dimensionale e dei difetti superficiali BigX è l ultima evoluzione della macchina d ispezione visiva

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Perché la Videosorveglianza?

Perché la Videosorveglianza? Perché la Videosorveglianza? Migliora la sicurezza aiutando l uomo a vedere ciò che non può vedere, registrando eventi visualizzabili anche a distanza di tempo e spazio. Perché la Videosorveglianza? Tiene

Dettagli

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta Modelli di colore Un tocco di blu non guasta Obiettivi Come faccio a rappresentare i colori in una immagine? Per formati immagine raster e vettoriali Come specificare che il mare della mia foto è di colore

Dettagli

Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515. Manuale d uso ed installazione

Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515. Manuale d uso ed installazione Telecamera infrarosso a colori da esterno impermeabile night & day Art. 7515 Manuale d uso ed installazione SOMMARIO Informazioni per l utente... 3 Precauzioni importanti... 4 Composizione del sistema...

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO.

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Nel mondo della fotografia tradizionale la sensibilità ISO (in passato ASA) rappresenta la velocità del negativo fotografico. Poiché le camere digitali non usano il

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Parte Introduttiva Video Digitali

Parte Introduttiva Video Digitali Parte Introduttiva 01 01 Video Digitali Giuseppe Pignatello Eadweard Muybridge L'uomo che fermò il tempo (1830-1904) Pioniere della fotografia in movimento Risolse il dubbio fattogli da Leland Stanford:

Dettagli

CARATTERISTICHE VIDEO

CARATTERISTICHE VIDEO CARATTERISTICHE VIDEO Quando si parla di definizione video ci sono diversi parametri che contribuiscono alla formazione del quadro dell immagine e di conseguenza alla relativa qualità. Il rapporto d'aspetto,

Dettagli

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche STRUTTURA della LAMPADA LG Possiamo individuare 3 componenti principali che formano la lampada compatta a led (1) Led e diffusore

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

marketing highlights Google Analytics A cura di: dott. Fabio Pinello

marketing highlights Google Analytics A cura di: dott. Fabio Pinello marketing highlights Google Analytics A cura di: dott. Fabio Pinello Google Analytics è uno strumento gratuito fornito da Google per monitorare il traffico di visite dei siti web su cui è installato. Cos

Dettagli

XTND2301 TELECAMERA DAY/NIGHT

XTND2301 TELECAMERA DAY/NIGHT PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it XTND2301 TELECAMERA DAY/NIGHT XTND2301

Dettagli

Piano dettagliato argomenti lezioni ed esercitazioni corso "visione artificiale", cod. F1801Q022, 4 crediti, anno accademico 2011/12

Piano dettagliato argomenti lezioni ed esercitazioni corso visione artificiale, cod. F1801Q022, 4 crediti, anno accademico 2011/12 Piano dettagliato argomenti lezioni ed esercitazioni corso "visione artificiale", cod. F1801Q022, 4 crediti, anno accademico 2011/12 nome file visartpianodettagl1011.v1.docx; versione del 25.10 10:41 le

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO

RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO Tecnologia wireless facile da installare RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO www.my-serenity.ch Cosa c'è nella Scatola? 1 x Rilevatore di movimento wireless con telecamera integrata

Dettagli

CSN Industrie S.r.l. AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001:2000 e UNI CEI EN ISO 13485 www.csn-industrie.it

CSN Industrie S.r.l. AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001:2000 e UNI CEI EN ISO 13485 www.csn-industrie.it CSN Industrie S.r.l. AZIENDA CERTIFICATA UNI EN ISO 9001:2000 e UNI CEI EN ISO 13485 www.csn-industrie.it Dimensioni notevolmente ridotte Due dimensioni: - Taglia 1 26,3 x 38,7 x 5,7 mm - Taglia 2 30,6

Dettagli

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage Serie vol 1005/2010 L importanza di registrare le immagini video Il valore di un sistema di videosorveglianza non dipende solo dall abilità

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

MIC serie 550 Telecamera PTZ da esterno ad alta resistenza

MIC serie 550 Telecamera PTZ da esterno ad alta resistenza MIC serie 550 Telecamera PTZ da esterno ad alta resistenza 2 MIC serie 550 Definisce lo standard per la videosorveglianza Design compatto ed elegante per un'integrazione discreta negli ambienti sottoposti

Dettagli