DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08. Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08. Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia"

Transcript

1 DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08 Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia

2 Le figure coinvolte nella progettazione degli edifici Committente Coordinatore Responsabile sicurezza Energy Manager Ingegnere strutturista Geologo System Integrator Architetto Interior designer Project garden 2 Automazione TV e TV cc Telefonia e dati Controllo accessi Antintrusione Diffusione sonora Progettista impianti speciali Progettista Elettrico Meccanico Aeraulico Idrico Antincendio Illuminotecnico Acustica

3 Le figure coinvolte nell esecuzione degli impianti domotici Committente Coordinatore Responsabile sicurezza Impresa Edile Impresa Elettrica System Integrator Impresa Idraulica Impresa Termomeccanica Altri 3

4 Il System Integrator Nel panorama della progettazione e realizzazione degli impianti si inserisce una nuova figura: System Integrator I system integrator sono i tecnici specialisti che si occupano di mettere in relazione gli uomini con le macchine, attraverso dispositivi, software e reti Il ruolo del system integrator si posiziona tra il committente e i partner che forniscono i singoli componenti e/o impianti 4

5 Il System Integrator System Integrator Conoscenze e competenze del System Integrator Questa figura professionale deve conoscere i database più utilizzati, i protocolli e gli ambienti di rete, i principali servizi web ed i più diffusi sistemi di monitoraggio Deve, inoltre essere esperto delle più importanti infrastrutture informatiche, conoscere le procedure e i dispositivi per le comunicazioni LAN e WAN, possedere un approfondita conoscenza del protocollo TCP/IT (Trasmission Control Protocol/Internet Protocol: protocolli che consentono i collegamenti in rete), saper configurare architetture clientserver (in cui i computer client richiedono servizi forniti dal computer server), conoscere gli ambienti di sviluppo per applicazioni web; saper gestire le disfunzionalità della rete 5

6 Alcune definizioni Domotica La domotica, dall'unione delle parole domus (casa) + robotica, è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti civili Questa area fortemente interdisciplinare richiede l'apporto di molte tecnologie e professionalità Ingegneria edile Architettura Ingegneria energetica Automazione Elettrotecnica Elettronica Telecomunicazioni Informatica 6

7 Alcune definizioni La casa intelligente / Home automation Con il termine Casa intelligente si indica un ambiente domestico - opportunamente progettato e tecnologicamente attrezzato - il quale mette a disposizione dell'utente impianti che vanno oltre il "tradizionale Dove apparecchiature e sistemi sono in grado di svolgere: Funzioni parzialmente autonome (secondo reazioni a parametri ambientali di natura fissa e prestabilita) Funzioni programmate dall'utente Funzioni completamente autonome (secondo reazioni a parametri ambientali dirette da programmi dinamici che cioè si creano o si migliorano in autoapprendimento 7

8 Alcune definizioni L edificio intelligente / Building automation A differenza della Home automation, settore in fase di piena espansione, la Building automation è già consolidata da diversi anni e alcuni prodotti di questo settore possano essere applicati nella domotica Il punto di forza della Building automation è la ripartizione dei costi per tutta per tutta una serie di servizi forniti alle unità abitative (appartamenti o uffici) ad es.: Distribuzione acqua, gas, energia elettrica Segnale televisivo/satellitare Riscaldamento e refrigerazione Condizionamento dell'acqua potabile Antintrusione e videosorveglianza Connessione internet Di recente in questo settore è stato introdotta la cogenerazione e la trigenerazione, sistemi favoriti da incentivi che permettono la generazione autonoma di energia elettrica, termica e frigorifera 8

9 Occorre un nuovo approccio L integrazione degli impianti (sicurezza, riscaldamentocondizionamento, elettrico, audio-video,dati ecc..) richiede un nuovo approccio da parte dei progettisti e degli installatori che attualmente sono orientati a svolgere la propria attività in modo indipendente 9 Le relazioni tra i diversi impianti e il sistema di controllo richiedono una continua attività di supervisione e raccordo, così come la fase di realizzazione degli impianti Risulta quindi indispensabile l attività del system integrator, che ha il compito di coordinare i componenti per tutti gli impianti oltre che programmarne la gestione e il controllo, pena il rischio che tutti gli impianti presenti in un ambiente, pur perfettamente funzionanti e automatizzati, non siano in grado di dialogare tre loro o lo faranno male, con problemi tecnici e inefficienze economiche

10 Tecnica BUS In elettronica e informatica, il BUS è un canale di comunicazione che permette a periferiche e componenti di un sistema elettronico di "dialogare" tra loro scambiandosi informazioni o dati di sistema attraverso la trasmissione di segnali Diversamente dalle connessioni punto-punto un solo bus può collegare tra loro più dispositivi. Nei sistemi utilizzanti la tecnica BUS un mezzo o supporto di comunicazione, nei casi più comuni realizzato con doppino telefonico, connette una molteplicità di dispositivi detti terminali o stazioni o nodi o punti, aventi la capacità di decodificare il protocollo in modo sintatticamente e semanticamente corretto 10

11 HBES e CEI EN HBES è la sigla di Home and Building Electronic System Sistema elettronico per la casa e gli edifici Definizione di HBES Sistema BUS conforme alla serie di norme CEI EN Sistema a norma CEI EN Un esempio di sistema conforme alle specifiche della serie di Norme CEI EN è il Konnex (KNX) 11

12 Normativa Il comitato tecnico del CEI che si occupa di domotica e building automation è il CT Sistemi Bus per edifici Scopo del CT 205 è predisporre norme che riguardano tutti gli aspetti dei sistemi elettronici per gli ambienti domestici e gli edifici, in relazione alla società dell informazione Il CT 205 non predispone norme di prodotto bensì norme che coprono i requisiti di prestazione nonché le interfacce logiche e fisiche ritenuti necessarie Tutto ciò tenendo conto dei requisiti di sicurezza funzionale, sicurezza elettrica e compatibilità elettromagnetica Tali norme specificano le prove di conformità Il CT 205, seguendo le attività del TC 205 CENELEC, opera in stretta collaborazione con altri comitati tecnici CENELEC nonché del CEN e dell ETSI coinvolti in questi argomenti 12

13 Principali Norme e Guide CEI Il principale riferimento normativo riferito al tema in oggetto è costituito dalle serie di Norme CEI EN 50090, ma progettista e installatore di impianti, per gli aspetti pratici,non possono non riferirsi anche alla settima edizione della Norma CEI 64-8, alla Norma CEI e alla Guida CEI ( riguarda più l efficienza energetica) dedicata alla valutazione della riduzione dei consumi energetici in relazione al livello di automazione degli edifici Gli impianti di automazione ricadono anche nel campo di applicazione del DM 37/08 e, come tali, sono soggetti a tutti gli obblighi previsti tra cui quello che prevede il rilascio da parte dell impresa installatrice della dichiarazione di conformità, previa effettuazione delle verifiche della sicurezza e della funzionalità 13

14 Norma CEI 64-8 La settima edizione della Norma CEI 64-8 che recepisce la tanto discussa Variante V3 del 2011, ha rappresentato una netta svolta culturale nell approccio normativo nel settore dell impiantistica elettrica in tema di automazione, con l adozione dei livelli prestazionali e di fruibilità per gli impianti di unità immobiliari ad uso residenziale Livello 1: minimo Livello 2: per unità immobiliari con una maggiore fruibilità degli impianti Livello 3: per unità immobiliari con dotazioni impiantistiche ampie ed innovative Il raggiungimento del livello 3, oltre a tutte le dotazioni tradizionali, prevede l automazione dell impianto (domotica) ovvero l insieme dei dispositivi e delle loro connessioni che realizzano una determinata funzione utilizzando uno o più supporti di comunicazione comune a tutti i dispositivi ed attuando la comunicazione dei dati tra gli stessi secondo un protocollo prestabilito 14

15 Guida CEI Altro riferimento importante è la Guida CEI Guida alla progettazione, installazione e collaudo dei sistemi HBES, che definisce i seguenti aspetti: Le regole per una corretta procedura di progettazione, installazione, collaudo degli impianti HBES Il flusso delle informazioni che i soggetti coinvolti a vario titolo devono scambiarsi I documenti che devono essere prodotti in ogni fase Una simbologia standard (e quindi un linguaggio comune) per descrivere i vari componenti degli impianti HBES 15

16 Guida CEI Gli impianti HBES sono sistemi bus conformi alla serie di Norme EN 50090, ma le indicazioni possono essere anche estese ai sistemi bus non normati La Guida presenta le proprie raccomandazioni in funzione delle varie fasi di realizzazione di un impianto bus, suddividendo schematicamente il processo in quattro fasi 1. Predisposizione dell infrastruttura nell edificio (oggetto delle guide CEI /1,2) 2. Progettazione dell impianto 3. Installazione dell impianto 4. Verifica e collaudo tecnico dell impianto 16

17 Guida CEI La Guida individua come pratica comune due fasi di progettazione: una fase di progettazione preliminare ed una fase definitiva/esecutiva Progetto preliminare Nella stesura del progetto preliminare il progettista del sistema bus definisce l elenco dei servizi richiesti scegliendoli da quelli riportati nella Guida CEI /2 Per ogni servizio scelto dal committente, il progettista del sistema bus individua l architettura dell impianto (sistema) che realizza l integrazione dei vari servizi completo delle necessarie interfacce (sensori e attuatori) verso i componenti degli altri impianti esistenti o da progettare dell unità immobiliare 17

18 Guida CEI Progetto preliminare Il risultato della progettazione preliminare deve essere un documento che generalmente comprenda: SIMBOLI DA UTILIZZARE La Guida CEI propone una simbologia che sarebbe opportuno utilizzare La descrizione del progetto con uno schema di principio di ogni applicazione prevista (termoregolazione, automazione luci, ecc.) e l illustrazione delle ragioni della soluzione prescelta Una stima di massima del costo di ogni applicazione prevista Un indicazione dello sviluppo temporale delle attività previste 18

19 Guida CEI Progetto esecutivo La progettazione definitiva/esecutiva invece definisce: Gli schemi elettrici dell impianto bus Le interfacce verso i sistemi (impianti) non bus Le caratteristiche dei componenti dell impianto bus L eventuale sistema di supervisione completo di eventuali periferiche, se del caso Il dimensionamento delle connessioni con specifico riferimento alla separazione di sicurezza ed EMC 19

20 Guida CEI Progetto esecutivo Massima attenzione deve essere rivolta alla possibilità di integrazione fra i diversi impianti definiti nella fase di progettazione preliminare. I sistemi bus sono per definizione in grado di integrare le loro funzioni Il sistema bus nel suo complesso dovrà tuttavia interagire con altri sottosistemi non necessariamente di tipo bus A tale fine è necessario definire in modo appropriato le interfacce dei sistemi bus con gli altri sistemi 20

21 Guida CEI Progetto esecutivo Per quanto riguarda i criteri di installazione, le raccomandazioni della Guida si focalizzano sulla documentazione con l obiettivo di rendere immediatamente comprensibili all installatore (ma non solo) le finalità del progetto La Guida richiede che la documentazione specifichi il funzionamento del sistema nel suo complesso ed in ogni sua parte, allo scopo di presentare in modo chiaro e schematico i requisiti funzionali e di sicurezza dell impianto bus La Guida definisce i documenti indicati a fianco Schema logico Schema delle connessioni Schema planimetrico Elenco dei componenti e delle connessioni Istruzioni per la configurazione Specifica di collaudo 21

22 Guida CEI Rapporto finale di attività La Guida prevede che debba essere redatto anche un rapporto finale dell attività di installazione (resoconto dell installazione) che fornisca evidenza, tra l altro, del risultato della verifiche eseguite secondo la specifica di collaudo Il resoconto dell installazione comprende: Un elenco delle prove effettuate Un elenco delle regolazioni/ configurazioni effettuate su ogni apparecchio con indicazione delle eventuali modifiche rispetto a quanto stabilito nella specifica di collaudo La valutazione delle prestazioni dei componenti,delle diverse applicazioni realizzate e del sistema nel suo complesso Il risultato della messa in servizio dell impianto 22

23 Guida CEI Ispezione e collaudo L ultima fase prevista dalla Guida è quella dell ispezione e del collaudo di un impianto bus, allo scopo di verificare: La Guida CEI fornisce un elenco delle verifiche che devono essere effettuate prima ed in occasione della messa in servizio dell impianto, precisando che solo persone competenti possono eseguire il collaudo di un impianto HBES La Guida ribadisce inoltre che, al termine delle operazioni di verifica e collaudo, sia fornita all utente finale o al proprietario dell immobile la documentazione aggiornata dopo il collaudo dell impianto 23 La sicurezza elettrica La sicurezza funzionale Il rispetto delle prestazioni richieste dal cliente e definite in fase di progettazione L osservanza di norme di buona tecnica e leggi Inoltre si devono applicare tutte le prescrizioni relative al collaudo per la sicurezza previste dalla Norma CEI 64-8

24 Guida CEI Funzionalità in caso di caduta di uno o più sistemi È essenziale verificare la funzionalità dell impianto HBES qualora vengano meno i sistemi elettrici o di comunicazione La Guida CEI elenca gli eventi rispetto ai quali deve essere verificata la funzionalità dell impianto HBES, che sono: Interruzione dell alimentazione (prolungata e breve) Interruzione della comunicazione (prolungata e breve) Al termine di queste prove con esito positivo, l ispettore deve firmare un modulo appropriato, indicando che le prove sono state completate e che il sistema, i suoi componenti e le apparecchiature collegate rispondono come previsto ed in modo sicuro 24

25 Coesistenza dei circuiti dei sistemi HBES con circuiti di altri sistemi Uno dei principali aspetti di sicurezza che riguarda gli impianti HBES è quello relativo alla eventuale coesistenza con i circuiti di altri sistemi/impianti I circuiti degli impianti HBES sono circuiti SELV e, come tali, secondo la Norma CEI 64-8, devono essere separati dai circuiti FELV e dai circuiti a tensione più elevata mediante separazione di protezione La separazione di protezione, si può ottenere effettivamente separando i circuiti secondo quanto prescritto dalla Norma CEI 64-8 Tuttavia la condizione di separazione di protezione può essere ottenuta anche tra cavi a contatto purché i cavi HBES soddisfino precisi requisiti di rigidità dielettrica. 25

26 Prestazione energetica degli edifici Norme UNI che impattano con la domotica e la building automation in funzione della prestazione energetica degli edifici UNI EN 1582: Incidenza dell automazione della regolazione e della gestione tecnica degli edifici UNI EN : Requisiti energetici per l illuminazione 26

27 Illuminazione di emergenza In caso di pericolo è necessario garantire che si possa abbandonare l edificio in sicurezza e che siano presenti misure di salvataggio Per l illuminazione di emergenza, le norme europee UNI EN 1838 stabiliscono i requisiti minimi indicati a fianco L illuminazione di emergenza deve fornire una luminosità pari ad almeno il doppio di quella della luna in una notte serena L illuminazione di sicurezza deve segnalare le vie di esodo in modo che siano facilmente identificabili e possano essere agevolmente seguite fino al luogo sicuro 27

28 Regole per la privacy degli impianti di videosorveglianza In attesa di una specifica normativa che disciplini l'utilizzo di sistemi di videosorveglianza, il Garante ha ritenuto necessario indicare gli adempimenti, le garanzie e le tutele già oggi necessarie in base ai principi della legge sulla protezione dei dati personali Il documento di riferimento per le regole da rispettare è il Provvedimento in materia di videosorveglianza emesso dal Garante per la protezione dei dati personali (GU n. 99 del 29 aprile 2010) 28

29 Obbligo di verifica degli impianti elettrici Secondo la norma CEI 64-8 gli impianti elettrici devono essere ispezionati prima della loro messa in servizio La verifica deve essere periodica? Impianti nuovi Dopo modifiche e/o ampliamenti Sempre secondo la norma CEI 64-8 gli impianti elettrici devono essere ispezionati periodicamente Lo scopo delle verifiche periodiche è di rilevare difetti che possono manifestarsi durante l esercizio e che possono ostacolare l attività o dare origine a rischi 29

30 Periodicità delle verifiche Norma CEI 64-8 CEI 64-8 art La periodicità delle verifiche di un impianto deve essere determinata considerando il tipo di impianto e componenti, l uso e funzionamento, la frequenza e la qualità della manutenzione e le influenze esterne a cui l impianto è soggetto In alcuni casi l intervallo di tempo è stabilito da prescrizioni di carattere legislativo Il rapporto periodico di verifica dovrebbe raccomandare l intervallo per la successiva verifica 30

31 Periodicità delle verifiche Norma CEI 64-8 L intervallo di tempo può essere di alcuni anni, (ad es. 5 anni) con la eccezione dei casi a fianco per i quali, esistendo un maggiore rischio, sono richiesti intervalli di due anni posti di lavoro o luoghi in cui esistono rischi di degrado, di incendio o di esplosione posti di lavoro o luoghi in cui coesistano impianti di alta e di bassa tensione luoghi ai quali abbia accesso il pubblico cantieri locali medici Per gli edifici residenziali possono essere considerati adeguati intervalli di tempo maggiori (per es.10 anni) Quando cambia la proprietà dell edificio, si raccomanda fortemente una verifica dell impianto elettrico 31

32 Chi può eseguire le verifiche Norma CEI art PES persona esperta in ambito elettrico PAV persona avvertita in ambito elettrico Le ispezioni devono essere eseguite da PES o PAV con esperienza nell ispezione di impianti simili (già in esercizio) Le ispezioni devono essere eseguite con idonee apparecchiature Persona con istruzione,conoscenza ed esperienza rilevanti tali da consentirle di analizzare i rischi ed evitare i pericoli che l elettricità può creare Persona adeguatamente avvertita da persone esperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare 32

33 DM 37/08 DM 37/08 Ambito di applicazione Attività disciplinate Si applica agli impianti posti al servizio degli edifici,indipendentemente dalla destinazione d uso,collocati all interno degli stessi o delle relative pertinenze A partire dal punto di consegna della fornitura elettrica Installazione Ampliamento Trasformazione Manutenzione straordinaria e ordinaria Documenti Progetto Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 33

34 DM 37/08 Dichiarazione di Rispondenza Per impianti realizzati prima del ed in mancanza della DICO si può redigere una Dichiarazione di Rispondenza La qualifica per il rilascio della Dichiarazione di Rispondenza prevede almeno cinque anno di attività ne settore, oltre ai requisiti minimi indicati a fianco Per gli impianti al di sopra dei limiti dimensionali: professionista iscritto all albo professionale per le specifiche competenze richieste Per gli impianti al di sotto dei limiti dimensionali: responsabile tecnico di impresa abilitata 34

35 DM 37/08 Rilascio della Dichiarazione di Conformità Dichiarazione di conformità Modello per l impresa installatrice Modello per gli uffici tecnici interni delle imprese non installatrici In caso di rifacimento parziale La DICO si riferisce alla sola parte di impianto eseguito Ma deve tener conto della sicurezza e della funzionalità dell intero impianto Quando l installatore e il System Integrator non sono la stessa persona, chi rilascia la DICO? L installatore deve obbligatoriamente rilasciare la Dichiarazione di conformità, ma. occorre trovare una forma documentale per integrare la DICO al fine di responsabilizzare il System Integrator per il lavoro da lui gestito 35

36 Coordinamento tra Installatore /System Integrator/Committente Caso A Installatore e SI sono un unica persona Caso B SI e Installatore non sono la stessa persona, ma collaborano proficuamente e l installatore si riferisce al committente Caso C SI e Installatore non sono la stessa persona e ognuno si riferisce al committente Installatore e System Integrator Installatore System Integrator Installatore System Integrator 36

37 DM 37/08 Rilascio della Dichiarazione di Conformità Caso A Il Committente si relazione con l Installatore che svolge anche la funzione di System Integrator Installatore e System Integrator L Installatore rilascia la DICO Caso B Il Committente si relazione con l Installatore il quale si avvale di un System Integrator * Installatore System Integrator L installatore rilascia la DICO opportunamente integrata con allegati del SI 37

38 DM 37/08 Rilascio della Dichiarazione di Conformità Caso C Il Committente si relazione sia con l Installatore sia con il System Integrator Installatore System Integrator L installatore deve rilasciare la DICO assumendosi responsabilità non sue!!?? 38

39 DM 37/08 Proposta Il System Integrator svolge completamente il ruolo di coordinatore System Integrator Elettrico Meccanico Aeraulico Idrico Termico Impianti speciali Automazione Telefonia e dati Antintrusione Rilascia la documentazione di propria competenza (con riferimento alla CEI ) ai singoli installatori che la allegheranno alle loro DICO Ecc.

40 Il ruolo dell UNAE UNAE partecipa attivamente con propri componenti ai comitati del CEI Si può far carico delle problematiche esistenti al fine di individuare le opportune risposte normative 40

41 Grazie per l attenzione UNAE è un Albo che associa Imprese Qualificate operanti nel campo delle installazioni elettriche Per chiarimenti e/o richieste di associazione: UNAE Emilia-Romagna Via C. Darwin Bologna Tel (lu-ve 8-12) Fax Sito web: (in via di superamento)

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO Integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissioni dati negli edifici ad uso residenziale e terziario Il quadro delle Norme e delle

Dettagli

White Paper. Cambiano gli orizzonti della protezione e della sicurezza in campo elettrico e subentra l importanza della componente domotica

White Paper. Cambiano gli orizzonti della protezione e della sicurezza in campo elettrico e subentra l importanza della componente domotica White Paper Dal sito www.impiantialivelli.it dell ANIE Livelli e Vantaggi L ampliamento della norma CEI 64-8 sugli impianti elettrici a uso domestico è pensata per rispettare al meglio le esigenze della

Dettagli

Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica

Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica Soluzioni impiantistiche orientate all efficienza energetica

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

Fare Efficienza Energetica attraverso l automazione degli edifici

Fare Efficienza Energetica attraverso l automazione degli edifici Fare Efficienza Energetica attraverso l automazione degli edifici Grazie alla rapida diffusione di tecnologie intelligenti a buon mercato la gestione efficiente degli edifici è ormai diventata uno standard

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX

HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX Roma 01/07/2010 Ing. Salvatore Gargano Cell 3277383610 s.gargano@spaziodomotica.it Agenda L impianto tradizionale e l impianto a bus Prodotti proprietari e

Dettagli

Impianti Elettrici Automazioni

Impianti Elettrici Automazioni Impianti Elettrici Automazioni Sistemi di Sicurezza Impianti Tecnici I mpianti elettrici Ramo fondamentale e punto di partenza nella crescita dell azienda, T realizza impianti elettrici civili e industriali,

Dettagli

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI Relatore: dott. ing. Oscar Trevisan (membro CEI Confartigianato Imprese) NUOVE TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE Home e Building automation Spesso, tale

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 )

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 ) REQUISITO 6.5 Sistemi e dispositivi per la regolazione degli impianti termici e per l'uso razionale dell'energia mediante il controllo e la gestione degli edifici (BACS) (Parte seconda, allegato, punto

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

l evoluzione della casa Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX

l evoluzione della casa Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX MART Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX 1 Obiettivo: la Semplificazione... Per controllare tutte le apparecchiature

Dettagli

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme)

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme) 8092 CEI-UNEL 36760 46 9 Cavi, cordoni e fili per tele a bassa frequenza, isolati con PVC, con guaina LSOH Cavi per impianti interni Cavi a coppie non propaganti l incendio ed a ridotta emissione di gas

Dettagli

WORKSHOP DI DOMOTICA UN PROGETTO ESEMPLIFICATIVO

WORKSHOP DI DOMOTICA UN PROGETTO ESEMPLIFICATIVO WORKSHOP DI DOMOTICA Centro Congressi Sant'Elisabetta PARMA, 1-2 dicembre 2008 UN PROGETTO ESEMPLIFICATIVO Ing. Rolando Riboldi ANPID DIFFERENZE CASA - EDIFICIO COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE HOME AUTOMATION

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

DOMOTICA - KNX L AUTOMAZIONE INTELLIGENTE CHE SEMPLIFICA LA VITA

DOMOTICA - KNX L AUTOMAZIONE INTELLIGENTE CHE SEMPLIFICA LA VITA Comfort e flessibilità energetico Sicurezza e affidabilità OMOTIC - KNX L UTOMZIONE INTELLIGENTE CHE SEMPLIFIC L VIT OMOTIC - KNX L UTOMZIONE INTELLIGENTE CHE SEMPLIFIC L VIT OMOTIC Il sistema facile,

Dettagli

ABB Group November 23, 2010 Slide 1

ABB Group November 23, 2010 Slide 1 Simone Zoani ABB, IX Giornata Ricerca Anie, 19/11/2010 Aumentare l efficienza energetica negli edifici con la Home & Building Automation Il caso della Regione Molise November 23, 2010 Slide 1 Ridurre gli

Dettagli

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA 01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA L impianto elettrico: da tradizionale a domotico L insegnamento della domotica KNX Sommario L impianto tradizionale L impianto domotico Il cavo bus Comandi ed attuatori

Dettagli

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 CORSO PREPARATORIO ESAMI DI STATO INGEGNERIA DELLA COMUNICAZIONE ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 OGGI PARLEREMO DI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

VERIFICHE SUGLI IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SUGLI IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SUGLI IMPIANTI ELETTRICI La realizzazione degli impianti, in particolare quelli elettrici, è disciplinata della Legge 5 Marzo 1990, n 46 e dal suo regolamento di attuazione D.P.R. 6 dicembre

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO Quello che generalmente viene chiamato sistema di automazione d edificio si compone di diverse parti molto eterogenee tra loro che concorrono, su diversi livelli

Dettagli

TARIFFE COLLAUDI IMPIANTI

TARIFFE COLLAUDI IMPIANTI TARIFFE COLLAUDI IMPIANTI Il Consiglio dell' Ordine ha distinto con due tariffe diverse i collaudi relativi alla sola sicurezza degli impianti e quelli relativi sia alla sicurezza che alle prestazioni

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

Smart & Green Building

Smart & Green Building Smart & Green Building Daniele Pennati ANIE FEDERAZIONE Napoli - 28 marzo 2014 Elettricità futura Crescita sostenibile e sviluppo del settore elettrico FEDERAZIONE ANIE Federazione ANIE rappresenta da

Dettagli

Domotica, Building Automation e Risparmio energetico

Domotica, Building Automation e Risparmio energetico Domotica, Building Automation e Risparmio energetico Prof. Ing. Fabrizio Pilo Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari Domotica e Building Automation Di cosa si tratta

Dettagli

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica DIPLOMATO INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica FIGURA PROFESSIONALE Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica con specializzazione in domotica Denominazione della figura professionale Descrizione sintetica

Dettagli

REFERENZA. lavoro e competenza SPECIALE SOFTWARE

REFERENZA. lavoro e competenza SPECIALE SOFTWARE lavoro e competenza SPECIALE GEWISS Professional è il nuovo centro di promozione della cultura elettrotecnica per i professionisti del settore che vogliono essere al passo con l evoluzione tecnologica.

Dettagli

DOMOTICA Fonte:Manuale illustrato per la domo8ca ad uso sociale.tecniche nuove

DOMOTICA Fonte:Manuale illustrato per la domo8ca ad uso sociale.tecniche nuove La Domo'ca è la disciplina che studia e consente la ges'one semplice, sicura, organica e sostenibile degli impian' e dei disposi'vi presen' nelle case, migliorando la qualità della vita dei suoi abitan'.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE V. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE V. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici I.S.I.S. "LINO ZANUSSI" PN Classe: V A - MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (SETTORE INDUSTRIA ED ARTIGIANATO Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 2014/15 Opzione Manutentore impianti

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX 1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX Pag. 2 1 NUOVI REQUISITI PER GLI EDIFICI Oggi nella realizzare di

Dettagli

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Company profile MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Sede Legale Strada della Repubblica, 66 43121 Parma Sede amministrativa Via Rampognana,

Dettagli

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme)

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme) 8092 CEI-UNEL 36760 46 9 Cavi, cordoni e fili per telecomunicazioni a bassa frequenza, isolati con PVC, con guaina LSOH Cavi per impianti interni Cavi a coppie non propaganti l incendio ed a ridotta emissione

Dettagli

Impianti elettrici nei grandi edifici e building automation

Impianti elettrici nei grandi edifici e building automation Vincenzo Cataliotti Antonio Cataliotti Impianti elettrici nei grandi edifici e building automation PROGETTO - DIREZIONE DEI LAVORI - COLLAUDO Introduzione L esperienza maturata in ambito accademico e professionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE

PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: ELETTROTECNICA - SIRIO Disciplina: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI Classe: 4^ Sezione: AES PROGRAMMAZIONE MODULARE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DOCENTI: G. GANGALE

Dettagli

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico Il Perito in Elettronica ed Elettrotecnica: RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico ha competenze specifiche nel campo dei materiali e della tecnologia

Dettagli

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION

UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION UNI EN15232:2012 Prestazione energetica degli edifici: Impatto della BUILDING AUTOMATION UNI EN15232:2012 - P.I. Marcello Fantina TELMOTOR S.p.A. 15/11/2013 Diapositiva nr. 1 Automazione degli Edifici

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

Sintec & Partners S.r.l.

Sintec & Partners S.r.l. Qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Sicurezza nei cantieri Privacy Software engineering Prevenzione incendi Rumore, impatto acustico Formazione Progettazione Marcatura CE Haccp Qualità UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS

Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Del. 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica e per il GAS Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas Compilazione dei documenti previsti

Dettagli

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici.

L'idea. Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. L'idea Negli edifici del terziario oltre il 30% dell intero costo di costruzione è rappresentato dal costo degli impianti tecnologici. Gli impianti tecnologici contribuiscono in modo molto rilevante ai

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO INTEGRATO NELLE STRUTTURE RICETTIVE

IL RISPARMIO ENERGETICO INTEGRATO NELLE STRUTTURE RICETTIVE IL RISPARMIO ENERGETICO INTEGRATO NELLE STRUTTURE RICETTIVE 16 NOVEMBRE 2011 SETTIMANA DELLA BIOARCHITETTURA E DELLA DOMOTICA SISTEMI E SOTTOSISTEMI INTEGRABILI IN UNA STRUTTURA RICETTIVA I M P I A N T

Dettagli

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto Oggi si sente parlare sempre più spesso di case domotiche. Ma cos è esattamente la casa domotica? Come funziona? Quali sono i suoi

Dettagli

Guida alla Ristrutturazione

Guida alla Ristrutturazione Guida alla Ristrutturazione Un primo approccio alla ristrutturazione Nel momento in cui decidiamo di ristrutturare la nostra abitazione, le considerazioni e le problematiche da affrontare sono molte. L

Dettagli

Domotica: lo stato dell arte

Domotica: lo stato dell arte dott. ing. Pier Giorgio Confente Via Del Capitel 3 37131 Verona Italia P. IVA: 01248070235 C.F. : CNFPGR43M18M172W Tel.: 3453472324 fax.: 0454752618 e-mail: piergiorgio.confente@poste.it e-mail: piergiorgio.confente@gmail.com

Dettagli

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Protocolli EIBA - KNX Domotica ed edifici intelligenti Università di Urbino 1 - Generalità

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 TIEL TIM a.s. 2011/2012 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini BUILDING AUTOMATION

Dettagli

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43.

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE AVVISO CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING La progettazione sostenibile della residenza Dialogo tra design ed innovazione nell architettura residenziale

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING La progettazione sostenibile della residenza Dialogo tra design ed innovazione nell architettura residenziale SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING La progettazione sostenibile della residenza Dialogo tra design ed innovazione nell architettura residenziale Il contributo dell ordine degli ingegneri della provincia

Dettagli

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara

Dettagli

Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un centro estetico

Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un centro estetico Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un centro estetico (prima parte) Pubblicato il: 18/12/2006 Aggiornato al: 18/12/2006 di Gianluigi Saveri Gianfranco Ceresini Questa

Dettagli

www.securitysystemsitalia.it

www.securitysystemsitalia.it L AZIENDA Security Systems Italia l Italia integra tecnologie elettroniche per la sicurezza al fine di creare soluzioni efficaci per la protezione dei beni e delle persone. La missione è quella di offrire

Dettagli

Supervisione e Controllo

Supervisione e Controllo Sistemi di Evacuazione Videosorveglianza Antintrusione Building Automation Controllo Accessi Sicurezza Bancaria Rilevazione Incendi Sistemi Telefonici Avanzati Supervisione e Controllo Chi siamo Profilo

Dettagli

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria Toscana La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Verifiche Periodiche ASL1 di Massa Carrara Consigliere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA AREA GESTIONE EDILIZIA UFFICIO MANUTENZIONI IMPIANTISTICHE P.le Aldo Moro, 5 00185 Roma OPERE DI RIQUALIFICAZIONE E INTEGRAZIONE DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA PRESSO ALCUNI

Dettagli

Corsi di Formazione ed informazione dei Lavoratori Corsi Antincendio e Primo soccorso

Corsi di Formazione ed informazione dei Lavoratori Corsi Antincendio e Primo soccorso Proffessiioniisttii all serviiziio delllla siicurezza iin campo iindusttriialle e ciiviille SICUREZZA SUL LAVORO CONSULENZA ALLE IMPRESE SERVIZI DI INGEGNERIA Consulenza Adempimenti D. Lgs. 81/08 Redazione

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

Referente: PROF. Marra Antonio

Referente: PROF. Marra Antonio La Domotica Progetto Play Energy una realtà da conoscere I.C. Diso Plesso Marittima Classe III C a.s. 2013/14 Referente: PROF. Marra Antonio Cos è la domotica? La domotica, dall'unione delle parole domus

Dettagli

Norma CEI 64-8 V3 - Allegato A

Norma CEI 64-8 V3 - Allegato A L Allegato A "Ambienti residenziali - Prestazioni dell impianto" riguardante principalmente le prestazioni funzionali dell impianto elettrico nelle unità immobiliari ad uso abitativo, è stato pubblicato

Dettagli

La sicurezza elettrica nel condominio

La sicurezza elettrica nel condominio La sicurezza elettrica nel condominio Relatore Francesco Mirabile Federazione Nazionale Amministratori Immobiliari 16/11/2014 EN Measure s.r.l 1 Indice del corso 1. Leggi di riferimento 2. Norme tecniche

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

La gestione energetica integrata di ESA per gli edifici

La gestione energetica integrata di ESA per gli edifici La gestione energetica integrata di ESA per gli edifici Ing. Paolo Speroni ESA elettronica Fondata nel 1975 in Italia, ESA elettronica vanta 36 anni di esperienza nel settore dell Automazione Industriale

Dettagli

Schneider Electric, soluzioni per il mondo residenziale

Schneider Electric, soluzioni per il mondo residenziale Schneider Electric, soluzioni per il mondo residenziale Il Mercato residenziale: investimenti 2 Il Mercato residenziale: nuovi permessi 3 Una società globale Nord America 27% 28,000 Europa 44% 48,000 Resto

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare

Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare Milano, 24 aprile 2008 Prot. SC/gm/ n. 975/08 Lettera Circolare Oggetto: Linee guida per le dichiarazioni di rispondenza degli impianti elettrici ed elettronici esistenti - ai sensi del DM 37/08 art. 7

Dettagli

CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO

CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA, TELECOMUNICAZIONI E CONTROLLO UNA SOLUZIONE A OGNI ESIGENZA Operiamo da molti anni nel

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Fabbro Alberto Via Settimo, 40 10099 SAN MAURO TORINESE (TO) Telefono +39 011 8220853 Mobile: 392

Dettagli

I diversi tipi di impianti

I diversi tipi di impianti Secondo quanto stabilito dal Decreto n.37 del 22/01/2008 il progetto degli impianti è sempre obbligatorio. E' da notare che, contrariamente a quanto pensano alcuni (purtroppo anche per scarsa conoscenza

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

CHE COS'È LA DOMOTICA

CHE COS'È LA DOMOTICA CHE COS'È LA DOMOTICA La domotica è quella disciplina che si occupa dello studio delle tecnologie volte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli edifici. Ma non solo. La domotica

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Introduzione CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttiva 2012/07/UE EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs 115/2008 EFFICIENZA USI FINALI ENERGIA E SSE D. Lgs 192/2005 RENDIMENTO

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Sistemi Domotici Caratteristiche e criteri di scelta

Sistemi Domotici Caratteristiche e criteri di scelta per. Ind. Marco Dal Prà Sistemi Domotici Caratteristiche e criteri di scelta SEMINARIO TECNICO Collegio dei Periti Industriali di Venezia Sala Convegni Novembre 2005 1 Sistemi Domotici - Caratteristiche

Dettagli

Oggetto: i nuovi interventi di risparmio energetico e i chiarimenti dell Enea.

Oggetto: i nuovi interventi di risparmio energetico e i chiarimenti dell Enea. Legnano, 24/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: i nuovi interventi di risparmio energetico e i chiarimenti dell Enea. Come noto, a seguito delle modifiche apportate all art. 14, comma 2, DL n. 63/2013

Dettagli

LA DOMOTICA. Paolo Lucchini. 20 Marzo 2012 Associazione Industriali di Udine 1

LA DOMOTICA. Paolo Lucchini. 20 Marzo 2012 Associazione Industriali di Udine 1 LA DOMOTICA Paolo Lucchini 20 Marzo 2012 Associazione Industriali di Udine 1 Significato di Domotica Definizione La domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte

Dettagli

Efficienza Energetica negli Impianti Elettrici

Efficienza Energetica negli Impianti Elettrici Efficienza Energetica negli Impianti Elettrici Dott. Ing. Pietro Antonio SCARPINO Docente di Macchine Elettriche alla Scuola di Ingegneria - Università di Firenze Libero Professionista 1 Progettazione

Dettagli

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI PER L EMERGENZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE ATTIVATE ALL ESERCIZIO Schede Tecniche Categoria di Spec.

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

L impianto elettrico integrato, dal preventivo alla consegna, come garanzia di qualità e sicurezza

L impianto elettrico integrato, dal preventivo alla consegna, come garanzia di qualità e sicurezza L impianto elettrico integrato, dal preventivo alla consegna, come garanzia di qualità e sicurezza GUIDO TOMASONI NICOLA PERICO Formazione Tecnica GEWISS SpA La visione di Gewiss LA CRESCITA: un dato oggettivo

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI IMPIANTI TERMICI 73 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli