Elisabetta Bani. Le Borse Merci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elisabetta Bani. Le Borse Merci"

Transcript

1 Elisabetta Bani Le Borse Merci Pisa 10 aprile

2 Capitolo 1 I mercati organizzati 1. Premessa Le borse merci in Italia hanno rappresentato finora un fenomeno molto specifico e molto poco studiato, per altro facilmente equivocabile e confondibile con altri: se infatti è chiara la distinzione tra borse merci e borse valori, peraltro storicamente, disciplinate unitariamente nel nostro ordinamento per un breve lasso di tempo sotto la comune denominazione di borse di commercio, meno evidente è la peculiarità delle borse merci rispetto ad altri fenomeni talora denominati borse ma da non confondere con le borse merci disciplinate dal legislatore, talora denominati nei modi più disparati (sale contrattazioni, e-market place ecc..), ma che apparentemente svolgono le stesse funzioni delle borse merci, talora infine equivalenti alle borse merci del nostro ordinamento, ma profondamente diverse non solo e non tanto per rilevanza giuridica, quanto per rilevanza economica. Vero è che già di per sè il termine borsa crea qualche problema, dato che come è stato rilevato anche in passato Borsa è parola difficile a definire perché ha parecchi significati: indica il luogo dove si radunano quanti vogliono trattare affari di commercio; il pubblico che vi si raduna; il complesso delle operazioni fatte in un giorno; l istituzione che agevola la negoziazione dei titoli e delle merci 1. In realtà il termine più vicino a Borsa è quello di mercato (parola di per sé polisensa) intesa come luogo dove si incontrano i flussi di domanda e di offerta, si formano i prezzi, si consolidano prassi commerciali che portano alla standardizzazione dei contratti; è per questa via che si passa da mercati di fatto a mercati organizzati e sono questi ultimi quelli che trovano una emersione giuridicamente rilevante, non necessariamente di stampo pubblicistico. Ad esempio nei Paesi anglosassoni prevale da sempre un modello organizzativo di stampo privatistico (di solito il mercato è composto dagli stessi operatori del settore), mentre nei sistemi dell Europa continentale ha prevalso il modello pubblicistico, che è stato abbandonato, per quanto riguarda le borse valori (nel nostro ordinamento) attraverso il recepimento di disposizioni comunitarie avvenuto con il c.d. Decreto Eurosim (d. lgs. 23 luglio 1996, n. 415) e il modello permane invece per le borse merci tradizionali e anche, per quanto riguarda la partecipazione al capitale da parte di soggetti pubblici in larga misura legati al sistema delle Camere di Commercio, in relazione alla Borsa Merci Telematica. A prescindere dal modello organizzativo, la rilevanza degli interessi coinvolti dalle attività che si svolgono all interno di questi mercati organizzati determina l intensità e la tipologia dei controlli a cui queste vengono sottoposte. Le ragioni della disciplina legale dell istituto dipendono dunque dalla valutazione che il legislatore svolge degli interessi coinvolti dall attività svolta dalla e nella borsa-mercato, che portano quindi a regolare il fenomeno come istituzione e l attività che in essa si svolge 2. Mentre delle borse valori si sa praticamente tutto, delle borse merci ci si chiede talvolta se ancora esistano o se sostanzialmente continuino ad operare. L interrogativo riguarda le borse merci del nostro ordinamento, cioè quelle istituzioni, emanazione delle Camere di Commercio, disciplinate dalla legge 20 Marzo 1913, n. 272 e dal relativo regolamento di esecuzione approvato con r.d. 4 Agosto 1913, n. 1068, non certo le borse merci estere, il cui operare è di riferimento mondiale, quali le storiche borse americane, alcune importanti piazze europee (Londra, Parigi, Le Havre, Rotterdam, Liverpool) e quelle dei mercati di produzione (Sidney per la lana, Singapore per la gomma lo stagno e il pepe, Yokoama per la seta, Buenos Aires per i cereali e semi, Mumbay e Karachi per il cotone). 1 VIVANTE C., Trattato di diritto commerciale, I, Milano, 1922, p Peraltro, come vedremo, nel caso delle borse più che in altri campi il legislatore inizialmente si limita a dare forza di legge a discipline nate dalle prassi commerciali. 2

3 Per come sono andate configurandosi nel tempo, ci si potrebbe quasi chiedere se le nostre borse merci abbiano ancora una propria rilevanza, tale da giustificare una struttura pubblica ed una disciplina ad hoc. Vero è che la disciplina legislativa era stata dettata originariamente come detto per disciplinare tanto le borse merci che le borse valori. Ben presto queste ultime hanno preso una strada autonoma 3 e la disciplina originaria, soprattutto organizzativa, era rimasta in vigore potremmo dire che è sopravvissuta a sé stessa per le borse merci, perciò il problema che si pone oggi è quanto siano ancora attuali il fenomeno delle borse merci e la relativa disciplina. È forse venuto il momento di chiedersi se avesse ancora un senso mantenere in vigore il sistema delle borse merci così come disciplinate originariamente: premesso che, per comune consenso, così come era venuto configurandosi negli anni il sistema era divenuto un fenomeno assolutamente marginale, le strade che si sarebbero potute aprire erano tre: in un ottica di semplificazione strutturale e legislativa si sarebbe potuto pensare di sopprimerle, oppure, in una prospettiva di rassegnato pragmatismo, decidere che fossero sì un fenomeno obsoleto e che l interesse pubblico ad una loro disciplina fosse divenuto praticamente inesistente, ma lasciare le cose così come stavano perché era meno defatigante mantenerle in vita che tentare di sopprimerle, oppure, infine, si sarebbe potuto ritenere che il sistema potesse avere ancora una sua utilità, ma previa una sua rivitalizzazione ed attualizzazione, ciò che equivale a dire che si sarebbe dovuto porre mano a ripensarne il ruolo e quindi la disciplina, come di fatto è avvenuto con la tortuosa via del partire dal progetto Meteora per giungere alla Borsa Merci Telematica Italiana. Il fine delle borse merci tradizionalmente è quello di agevolare e garantire la più ordinata, corretta e funzionale libera commercializzazione delle merci e delle produzioni, nonché di rilevare correttamente gli andamenti dei prezzi, fornendo anche tutte quelle indicazioni necessarie per una valutazione anticipata delle possibili tendenze dei mercati sulla base delle previsioni dei raccolti e dell evoluzione della domanda e dell offerta a livello nazionale e internazionale 4. Nel nostro ordinamento con il tempo queste istituzioni sembravano essere divenute dei semplici punti di ritrovo per lo scambio di notizie e di opinioni, nei quali nella maggior parte dei casi il numero di affari concluso era piuttosto modesto, così come le quantità effettivamente trattate. Ben diversa è la situazione per le borse merci mondiali, mercati all ingrosso internazionali dove si formano i prezzi delle materie prime: si pensi per il settore agricolo al Chicago Board of Trade (CBOT) la più grande borsa dei cereali al mondo, istituita nel 1848 per riunire agricoltori e mercanti, al fine principale di standardizzare quantità e qualità del grano negoziato, e al Chicago Mercantile Exchange (CME) di poco successivo (risale al 1874), all inizio specializzato nei mercati dei prodotti agricoli deperibili come uova, burro e pollame, poi (dal 1919) esteso a molte delle merci che attualmente vi vengono trattate, come la pancetta di maiale, i bovini da macello, i bovini da allevamento, i suini da ingrasso, mercati oggi unificati 5. Le borse merci estere non solo non hanno smesso negli anni di essere fiorenti, ma hanno anzi registrato un dinamico aumento della circolazione verso la fine del XX secolo, insieme allo sviluppo di moderne tecnologie ed all afflusso globale di capitale 6. Peraltro si noti che la 3 La scissione tra le borse aventi l obiettivo di trattare le merci e quelle aventi l obiettivo di trattare i valori, è avvenuta nel 1925 con R.D. del 7 marzo n L. AMADEI, Guida alle borse merci, Il Sole 24 Ore Edagricole,.., p Così come potremmo ricordare il Kansas City Board of Trade e il Minneapolis Grain Exchange noti per i contratti sul grano duro o il canadese Winnipeg Commodity Exchange. 6 A livello internazionale l'aumento dinamico dei prezzi delle materie prime più importanti (in particolare, del petrolio, dell oro, dell argento e di metalli industriali come il rame, lo zinco e l alluminio) ha avuto un'enorme influenza sull economia mondiale. I mercati delle merci, si sono trovati al centro dell interesse degli investitori, (che operano cioè sui mercati dei titoli e dei derivati connessi alle materie prime), ma il fenomeno dovrebbe indurre a riflettere anche sul funzionamento delle istituzioni che regolano il c.d. sottostante, come le borse merci appunto nelle quali i prezzi si formano o dovrebbero formarsi. 3

4 negoziazione sui mercati merci mondiali viene condotta sia nell ambito di mercati borsistici regolati che sul mercato Over-the-Counter, che peraltro è un mercato solo in senso molto particolare e limitato. La grande differenza tra questi mercati e le borse merci italiane, oltre ovviamente alla diversità di volumi trattati, come da più punti di vista e in più passaggi vedremo, è che nei primi è praticata anche la contrattazione a termine, mentre le borse merci italiane si sono strutturate come mercati dell effettivo, sebbene il legislatore non abbia espressamente vietato l operatività a termine 7. Mentre le borse merci estere, dove si sono sviluppati i contratti future 8 9, hanno attirato anche altri attori (diversi cioè dai produttori ed acquirenti delle materie prime) come speculatori e arbitraggisti, le borse italiane non hanno avuto analoga evoluzione, perdendo sempre più importanza, svuotandosi di operatori e riducendosi l attività a poco più che punti di incontro, quindi configurandosi esclusivamente come luoghi di contrattazione che offrono in più (rispetto ai mercati all ingrosso e al minuto) la possibilità di contrattare senza la presenza fisica della merce 10. Per porre rimedio a questo stato di fatto che aveva relegato le nostre borse merci a piazze marginali, localisticamente connotate, poco operative e ancor meno significative sull andamento delle contrattazioni (quantità contrattate e prezzi), si è puntato sul passaggio alla creazione di una rete telematica di vendite, iniziato con l instaurazione di Meteora e approdato alla realizzazione della Borsa Merci Telematica Italiana. Le borse merci italiane hanno la possibilità di divenire future market? È auspicabile questo passaggio? E se ciò non avviene quale è il ruolo che le borse merci devono ritagliarsi e sviluppare per non correre il rischio di divenire una sorta di ombellico, una cicatrice ricordo di una funzione ormai non più svolta? Dal punto di vista della regolazione i primi due interrogativi ripropongono il dilemma se sia opportuno o meno consentire alle borse merci di operare in parallelo alle borse valori quando 7 In Italia esiste una normativa base che consente teoricamente l avvio di queste tipologie contrattuali, rinvenibile nel D.M. 12 marzo 1981 ( G.U. n. 82 del 24 marzo 1981) e D.M. del 29 giugno 1984 (G.U. del 10 luglio 1984), seguito poi dalla circolare n. 1/17 dell Ufficio Italiano Cambi del 12 luglio 1984, che contiene le disposizioni per concludere direttamente contratti a termine su Borse estere, ma la realtà è che le Borse italiane classiche non erano attrezzate adeguatamente soprattutto in termini di quantità produttive. 8 Dopo il 1972, con l avvento delle contrattazioni elettroniche, si è assistito ad un ulteriore diffusione di questi contratti, che attualmente non sono più relegati agli Stati Uniti ma vengono normalmente trattati sia in Europa che in Sud America. In America latina il principale mercato merci è la Bolsa Mercadoria y Futuros (BMF) brasiliana che tratta sia contratti su granaglie come soia, mais e frumento, che sul bestiame, che sui prodotti chiamati coloniali (zucchero, caffè e cacao), che sull alcol etilico utilizzato per l auto trazione. In Europa contratti futures su diverse produzioni agricole come frumento, orzo, mais e patate sono stati trattati a Londra, Parigi e Amsterdam ed ora sono trattati su un unico circuito (Euronext), al quale però le nostre borse merci non aderiscono. In altri termini a livello internazionale come vedremo le borse merci non sono solo piazze di scambio di materie prime, dove i prezzi si formano in ragione delle quantità offerte e richieste, ma sono divenute ben presto negli Stati Uniti e poi in tutto il mondo, anche piazze finanziarie. Ciò ha avuto conseguenze differenziate, a seconda degli ordinamenti, sulle preesistenti borse merci fisiche 9 Il fenomeno dei future come accennato, e come vedremo meglio in seguito, si è sviluppato soprattutto negli Stati Uniti, nella Borsa di Chicago nel 1860 e in quella di New York, per diffondersi velocemente in tutti gli altri mercati, da Parigi, a Rio de Janeiro, a Londra, a Rotterdam, a Minneapolis, anche se la nascita e l operatività di tale sistema commerciale si fa risalire al mercato di Amsterdam intorno al Come vedremo la funzione non è comunque da trascurare perché consentendo di lasciare le merci a disposizione per l eventuale trasferimento nel magazzino, fa realizzare evidenti risparmi in termini di costi relativi sia al trasporto che alla conservazione, senza contare le altre funzioni accessorie che si sviluppano nelle borse merci tradizionali. 4

5 vengono in questione quelle particolari operazioni che sono i contratti future o derivati su merci; nel primo caso si sceglie di avere due mercati: uno valori per i derivati finanziari e uno merci a termine per i derivati su merci: questa è la strada che dà più peso al sottostante e riconosce un ruolo specifico alle borse merci rispetto ai mercati finanziari. L alternativa è quella di trattare tutti i derivati sul mercato maggiore, ossia quello finanziario, a prescindere dal sottostante. Quest ultima opzione dà ovviamente più peso al tipo di operazione finanziaria collegata alla merce che alle caratteristiche della merce e quindi alle esigenze di tutela degli investitori e dei mercati finanziari che alle esigenze economiche dei produttori e dei consumatori (secondo una tendenza che ha portato negli ultimi anni alla prevalenza della finanza sull economia reale). Questa scelta è quella che è stata fatta in passato nel nostro ordinamento: concentrare le operazioni finanziarie nella borsa valori e lasciare alle borse merci l operatività non a termine. Scegliere di sviluppare dei mercati merci specializzati nei quali si trattano anche i derivati collegati a quelle specifiche merci viceversa indica una propensione a valorizzare le peculiarità di una materia prima più che i profili finanziari dell operazione ad essa collegata. D altro canto, come insegna la storia, i mercati merci in cui si opera a termine devono preoccuparsi anche della tutela degli investitori e quindi devono darsi una regolazione finanziaria: con lo sviluppo delle tecnologie informatiche e telematiche da un lato e degli strumenti finanziari dall altro, potrebbe essere inefficiente mantenere due distinte strutture e discipline per i mercati finanziari e per i mercati merci a termine. Come vedremo ad alcuni di questi interrogativi ha già risposto la normativa MiFID nella parte in cui ridefinisce la nozione di strumenti finanziari derivati e di merce. 2. Borse merci borse valori La sovrapposizione tra borse merci e borse valori si trova già nella storia di questi istituti: ben prima che il nostro legislatore ne dettasse una disciplina unitaria sotto la comune denominazione di borse di commercio, le vicende storiche ci rimandano a epoche, anche remote, in cui le vie delle borse valori, delle fiere e mercati e delle borse merci si sono intersecate, evolvendo poi autonomamente per essere talvolta ricondotte ad unità dal legislatore, talaltra distinte nettamente. Storicamente non si ritrova una anteriorità assoluta, ontologica, delle borse merci rispetto a quelle valori, né tanto meno il contrario. Alcuni storici fanno coincidere la nascita delle borse con le prime borse valori (per la collocazione dei titoli di debito pubblico), ma in epoche meno remote molte borse nascono come borse merci e poi si sviluppano come borse valori. In Italia ad esempio la Borsa di Trieste iniziò ad operare come "Borsa Merci" nel 1830 (istituita già nel 1755 da parte di Maria Teresa con la prima sede nel palazzo comunale dove si riunivano gli affaristi triestini), alimentata dal commercio del caffè e da una "Cassa di Liquidazione" costituita dalla Banca Anglo-Austriaca, per passare poi ad operare come borsa valori (il primo valore quotato, che risale al 1856, fu il "Prestito Città di Trieste") e in questa veste arrivare a conoscere momenti di grandissimo sviluppo, tanto da far concorrenza a quella di Vienna (nel 1900) e a divenire nel 1925 la base per i titoli assicurativi e cantieristici. La storia della attuale Borsa Italiana, ossia la borsa di Milano, comincia nel 1808, con il decreto vicereale del 16 gennaio 1808 di Eugenio Napoleone sancisce la nascita della Borsa di Commercio di Milano che apre presso il Monte di Pietà. Prima dell istituzione napoleonica, l'attività di cambio e la vendita all'incanto degli effetti pubblici erano già praticati sulla piazza milanese. La vera novità introdotta in Italia dal Codice di commercio napoleonico è il regime pubblicistico delle Borse di commercio che contraddistinguerà il mercato italiano fino ai tardi anni Novanta del secolo XX. Nel giugno del 1813 vengono stabiliti per decreto il numero dei mediatori e i loro diritti per ciascuna operazione. Al ritorno degli austriaci, l istituzione della Borsa di commercio viene confermata con un decreto imperiale del maggio La Camera di commercio mantiene l esercizio delle funzioni attribuite dai decreti istitutivi del 1808, mentre l elezione diretta dei Sindaci di Borsa da parte dei mediatori resta inapplicata. Le nomine continuano ad essere effettuate dalla Camera di commercio, spesso 5

6 anche al di fuori della categoria dei mediatori. Il primo titolo azionario, la Società Ferroviaria del Lombardo Veneto, viene quotato nel 1859; con l'unità d'italia il volume dei valori contrattati conosce una sensibile crescita, ma quasi solo grazie all enorme offerta di titoli del debito pubblico che il Governo Italiano deve emettere per sostenere l unificazione del paese. Negli anni Settanta compaiono i titoli delle prime compagnie ferroviarie e delle banche. Le società manifatturiere invece, rimangono fuori dal listino per un lungo periodo, poiché le loro ridotte dimensioni infatti consentivano di far fronte alle esigenze di sviluppo tramite autofinanziamento. Solo al volgere del secolo che la rapida crescita industriale del paese porta anche questo settore a cercare in Borsa i finanziamenti necessari e il numero di azioni quotate a Milano passa così da 23 a 54 tra il 1895 e il 1900, per raggiungere le 160 nel La storia delle Borse Merci ha però radici ancora più lontane, infatti sin dal basso medioevo le operazioni di scambio dei prodotti avvenivano in precisi punti di incontro, generalmente le piazze, con la stretta di mano. Nel corso degli anni l aumento della domanda, conseguenza delle modificazioni demografiche e urbane, ha spostato il fulcro degli scambi nei centri fieristici, risultati anch essi ben presto inadeguati ad incentivare i commerci, soprattutto in considerazione del fatto che la loro organizzazione non avveniva con frequenza temporale ravvicinata. A questo inconveniente si è sopperito creando le riunioni, luoghi di scambio con precisi fini mercantili, programmati con la ciclicità necessaria e nei luoghi che di volta in volta risultavano più adatti e favorevoli. Gli accordi stipulati al loro interno divenivano consuetudini riconosciute vincolanti dalle stesse parti contraenti. È così che si passa dai mercati delle merci, che sono tra i più antichi mercati al mondo (i loro inizi risalgono all'antichità), ai mercati merci borsistici che risalgono all'inizio del secolo XII nei paesi dell'europa Occidentale. Il termine borsa fa la sua comparsa nel secolo XIV in Fiandra (Fiandre), a Bruges: questa città era un importante centro commerciale dalla fine del secolo XII. Una piazza di Bruges intitolata alla famiglia Van der Buerse era il luogo di scambio per molti mercanti. Rapidamente si diffuse l espressione andare à la Buerse ogni volta che si regolava il lato finanziario di un affare. Nel 1309 il fenomeno si istituzionalizza con la creazione della Borsa di Bruges, ben presto seguita da altre in Fiandra e nei paesi circostanti (Gand e Amsterdam). È sempre in Belgio che viene costruito il primo edificio concepito espressamente per abritier una borsa, ad Anversa. In Francia la prima borsa organizzata risale al 1540 e vide la luce a Lione, ma già nel secolo XII i courratiers de change erano incaricati di controllare e regolare i debiti degli agricoltori per conto delle banche: si trattava in pratica dei primi mediatori (courtiers). Questi si riunivano sul Grand Pont a Parigi, che oggi mantiene nel nome il ricordo di quella esperienza (Pont au Change). Prima ancora che si diffondesse il termine borsa, già nel secolo XIII in Italia a Pisa, Genova o Firenze venivano scambiati i primi titoli di Stato. Ma solo nel XVII secolo gli olandesi, per primi, utilizzano la borsa per finanziare le imprese commerciali: la prima impresa a emettere azioni ed obbligazioni fu la Compagnia olandese delle Indie orientali, istituita nel 1602; nel 1688 si comincia a quotare le azioni ed obbligazioni alla borsa di Londra. Nel 1774 alla Borsa di Parigi (creata nel 1724) i cours dovevano ormai essere obbligatoriamente gridati, al fine di consentire la trasparenza delle operazioni: è la creazione del Parquet. Nel secolo XIX la rivoluzione industriale permette il rapido sviluppo dei mercati borsistici, trainata dai bisogni di capitali ingenti per finanziare lo sviluppo dell industria e creare il sistema dei trasporti. A lungo dunque si sono avute borse, cioè mercati organizzati, in cui si trattavano indifferentemente merci e valori: solo nel tempo la negoziazione dei titoli ha acquistato interesse specifico per 11 N. SUNSERI, Piazza Affari, Milano, Longanesi, 1998, pp

7 l economia, nel senso che ha acquistato rilievo autonomo da quando lo scambio dei titoli si è rivelato essenziale per risolvere le esigenze delle imprese industriali (e queste sono divenute primarie per il sistema economico) di ottenere finanziamento, mentre prima i titoli erano sostanzialmente fungibile, a fini speculativi, rispetto alle merci. Possiamo dire che le borse, in quanto mercati organizzati, nascono normalmente per lo scambio delle merci e poi evolvono in luoghi che consentono anche lo scambio dei titoli; in rari casi nascono direttamente per la negoziazione dei titoli. Il momento di svolta dalla funzione originaria di borse mercati per lo scambio di merci a quella di ridurre i rischi di controparte e poi di trovare finanziamenti per le imprese, si ha con il perfezionamento dei profili delle borse in quanto mercati organizzati che offrono una serie di servizi ed in particolare con la creazione ed il perfezionamento dell organizzazione di stanze di compensazione). Questa quasi assenza di rischi di controparte fa dei mercati organizzati un luogo privilegiato per coprire una posizione e dunque un luogo privilegiato di speculazione. Così la quasi totalità dei contratti (acquisto e vendita) dei mercati organizzati sono rivenduti prima del termine, con ciò eliminandosi a coppie (acquisto/vendita), e quindi ne rimangono ben pochi che sono effettivamente liberati. Il momento di congiunzione tra borse merci e borse valori e dunque il passaggio dalla contrattazione reale (ciò che oggi chiameremmo mercato cash) al sistema dei contratti a termine, che pure nacque per lo scopo primario di vendere o procurarsi una merce. E questo fatto spiega perché alcune borse merci sono divenute anche piazze finanziarie ed altre sono rimaste solo mercati organizzati per lo scambio delle merci, come è il caso delle borse merci italiane In Italia le borse merci erano mercati dell effettivo: nonostante la dottrina abbia studiato il tema con una certa frequenza 12, non hanno svolto alcun ruolo rilevante come mercato a termine, attività peraltro all'inizio non espressamente vietata da alcuna norma, e quindi il legislatore non ha dovuto affrontare i problemi e le esigenze di maggiori controlli che il mercato a termine comporta, in relazione all attività speculativa che a quest ultimo più si accompagna. È peraltro da ricordare che il sistema degli ammassi e, in generale, il regime di economia pianificata e di Stato interventista, erano inerentemente opposti alle condizioni per la creazione di un mercato a termine. È anche da osservare che le borse merci italiane proprio per questo essere mercati dell effettivo, sono divenuti preponderanti altri aspetti quali l offerta di servizi collaterali: logistica e magazzini, ma anche standardizzazione dei contratti, possibilità di ricorrere ad arbitrati e pubblicazione di listini prezzi, che funsero a lungo da riferimento per gli scambi, tanto che una traccia del ruolo sopravvive ancor oggi nell'art. 1474, comma 2, c.c.. Ferme restando le particolarità evolutive delle borse nei vari Paesi (per le quali rinviamo ai successivi paragrafi), in chiave storica possiamo comunque rilevare come in generale le borse siano nate come luoghi dove si favorivano gli scambi e si consolidavano prassi commerciali, e dopo una prima organizzazione data dall autonomia normativa dei privati, per l importanza che acquistavano proprio in virtù dell organizzazione che si erano date, sono state oggetto di disciplina anche da parte del legislatore che attraverso disposizioni normative ha dettato regole che tenessero conto oltre che delle esigenze commerciali, anche di altri interessi generali: a seconda dei diversi contesti storici e normativi, alcuni ordinamenti - tipicamente quelli continentali - hanno più o meno accentuato il carattere pubblicistico di queste strutture mercantili. È così ad esempio che nel Regno d'italia nascono le prime Borse di Commercio, che possono trattare tanto le merci quanto i valori, istituite con legge del 20 marzo 1913 n. 272, dotate di personalità giuridica di diritto pubblico, sottoposte a vigilanza pubblico/corporativa e addirittura tutelate, rispetto ad altre strutture similari, dalla riserva di denominazione contenuta nell art. 1 del R.D. del 4 agosto 1913 n (che dava piena attuazione al regolamento applicativo emanato 12 L. REGGIANINI, Le operazioni a termine delle merci, Torino, UTET, 1923; G. DELL AMORE, I mercati a termine di borsa delle merci, Milano, Giuffrè, 1940; G. MASCI, Il mercato a termine delle merci, con speciale riguardo alle borse cereali in Italia, in Economia, 1931, 421; G. DE RICCIO, È attuale la ricostituzione del mercato a termine dei grani in Italia?, in Riv. ital. sc. comm., 1949, 20. 7

8 immediatamente dopo la legge istitutiva), ai sensi del quale - con norma che ricorda quella che verrà poi posta dalla legge bancaria e si ritrova ancor oggi nelle leggi di settore in tema di banca e mercato finanziario - la denominazione di Borsa di commercio, di Borsa di valori, di Mercato di valori o altra consimile è riservata esclusivamente alle Borse istituite a norma della legge 272/1913 (art. 1). Viene quindi vietato espressamente l uso di tali denominazione, laddove non venga seguita la procedura istituiva legislativamente determinata di stampo pubblicistico (e le conseguenti norme di vigilanza), ancorché risulti espressamente escluso ogni carattere ufficiale. Come si è detto, la disciplina era comune alle borse valori e alle borse merci, ma dalla lettura dell articolato legislativo e regolamentare originario si capisce agevolmente, anche se non consta che sia mai stato espressamente rilevato, che la disciplina era dettata avuto riguardo essenzialmente alle esigenze del mercato dei valori, di fatto estesa a quello delle merci: ad esempio il Capo III - Ammissione dei valori alla quotazione; orario e contrattazioni alle grida mostra evidentemente il ruolo marginale rivestito dalle merci. Infatti le norme contenute negli articoli che trattano dei titoli, e si veda ad esempio l'art. 14, vengono resi applicabili ad altre borse, e quindi quelle merci, ad opera del Ministro dell agricoltura industria e commercio di concerto con quello del tesoro. Peraltro piuttosto rapidamente, già alla metà degli anni Venti, furono adottati specifici provvedimenti legislativi che distinsero nettamente le competenze e le attività delle Borse Merci e delle Borse Valori fino ad allora univocamente raggruppate nelle Borse di Commercio, e la differenziazione nella disciplina si accentua sempre più marcatamente nel tempo; la separazione tra borse valori e borse merci ha iniziato a formalizzarsi nel 1974, con la l. 7 giugno 1974, n. 216, la cd. miniriforma delle società, ed il divorzio è stato consumato nel 1996, con i d. lgs. 23 luglio 1996, n. 415, cd. decreto Eurosim: da quel momento tutte le borse (valori) italiane sono state soppresse e la gestione di tutti gli scambi ( valori ) fu concentrata nella sede di quella che era la borsa di Milano, mentre la concentrazione non ha riguardato le borse merci. Si precisa che, sul piano operativo, con l'adozione della trattazione telematica in continua, in luogo della trattazione alle grida presso ciascuna sede, già da alcuni anni tutte le borse operavano in un unico contesto. A chiusura, notiamo come la prima crisi borsistica documentata è olandese: si ha nel 1636 in Olanda, con la c.d. bolla dei Tulipani. Negli anni trenta del XVII secolo, sui mercati di Amsterdam, ma anche di Londra, si verificò un violento rialzo dei prezzi dei bulbi dei tulipani olandesi e degli strumenti derivati che avevano come sottostante i bulbi di tulipano. La rottura che avvenne negli anni costituì probabilmente il primo dei crack borsistici su merci 13. Altro aspetto notevole è che la crisi scoppiò non tanto per un problema legato al commercio reale dei tulipani, quanto per l'introduzione nel sistema di derivati, e la pratica fu soprannominata in modo immaginifico il "commercio del vento", nonché per il fatto che nessuna corte di giustizia poteva esigere che i contratti venissero onorati. Infatti i giudici considerarono questi debiti come quelli contratti per gioco di azzardo. Il tema dell'ecczione di giuoco ricorrerà dai regolamenti sui contratti differenziali del debito pubblico francese nel Settecento, passando per il dibattito italiano sui contratti differenziali su titoli e su merci tra l'ottocento e il Novecento 14, alla nota sentenza resa nel 1991 dalla House of Lords, nel caso Hazell v. Hammersmith and Fulham London Borough Council 15, per giungere alle ordinanze del Tribunale di Milano che in più occasioni, tra il 1993 e il , ritenne applicabile ai contratti derivati, stipulati a soli fini speculativi e non di copertura di 13 M. DASH, Tulipomania: The Story of the World's Most Coveted Flower & the Extraordinary Passions It Aroused, New York, Random House, 1999 (tr. it. La febbre dei tulipani, Milano, Rizzoli, 1999). 14 Sul quale cfr. E. FERRERO, Contratto differenziale, in Contratto e impresa, 1992, All England Report, 1991, I, 545; in Italia fu pubblicata in Banca, borsa e titoli di credito, 1991, II, p. 433 con nota di R. AGOSTINELLI, Struttura e funzione dei contratti di swap, ivi, p. 437 e in Foro it., 1992, IV, c. 309, con nota di G. CATALANO, Swaps : pregiudizi inglesi e (prospettive di) disciplina italiana, ivi, c Trib. Milano (ord.) 24 novembre 1993, Fioroni c. Credito Italiano S.p.a., in Giur. comm., 1994, II, p. 455 e in Banca, borsa e titoli di credito, 1995, II, p. 80, con nota di A. PERRONE, Contratti di swap con finalità speculative ed eccezione di gioco, ivi, p. 82; Trib. Milano (ord.) 26 maggio 1994, Banec S.p.a. c. Fin. Ambrosiana S.p.a., ivi; di segno opposto Trib. Milano (ord.) 21 febbraio 1995, Giardini di Zelo s.r.l. c. Imi SIM S.p.a. e Monte del Paschi di Siena, in Giur. comm., 1996, II, p. 79, con nota di N. SQUILLACE, La l. 2 gennaio 1991, n. 1, e i contratti di swap, ivi, p. 85 e in Banca, 8

9 un rischio, l'eccezione di gioco prevista dall art. 1933, secondo comma, c.c. e, quindi, che non fosse azionabile l obbligazione di pagamento nei confronti del debitore in quanto non degna di tutela. Il problema, come è noto, fu poi risolto sia dal mutare della giurisprudenza 17, che dagli interventi normativi 18. Il primo crack su titoli, invece, è probabilmente quello dato nel maggio del 1719 dallo scoppio della bolla speculativa che si era formata sui titoli della Compagnia del Mississippi, l'equivalente francese delle due note Compagnie delle Indie Le Borse non borse merci in Italia Come è noto e come abbiamo rilevato, il termine borsa può risultare non univoco. In ordinamenti diversi dal nostro la corrispondenza di mercati organizzati con ciò che il nostro legislatore individua come borse merci non sempre è agevole, come avviene ad esempio in Francia. Ma anche all interno del nostro ordinamento il termine borsa può far sorgere alcune perplessità. Il termine borsa evidentemente ha una sua forza evocativa e fa sorgere delle aspettative rispetto a chi può fregiarsene, al punto che sia nella disciplina originaria che in quella che l ha recentemente novellata è stabilita una riserva nell'uso della denominazione 20. Nonostante ciò esistono diversi fenomeni che vengono denominate borse e che borse non sono, così come altri diversamente denominati (sale di contrattazione) nella sostanza lo sono sebbene diversamente denominate perché carenti del crisma dell ufficialità sotto forma di riconoscimento ministeriale. Tra le varie borse che incontriamo nell ordinamento possiamo citare la borsa del miele, la borsa filatelica, la borsa elettrica, la borsa immobiliare, la borsa dei diritti edificatori la borsa filatelica La Borsa Filatelica Nazionale fu istituita a Milano nel 1943, senza limiti di durata. Dal punto di vista giuridico, si tratta di un associazione non riconosciuta senza scopo di lucro, alla quale partecipano la quasi totalità dei commercianti filatelici operanti in Italia. Ha sede a Milano, dove si svolgono settimanalmente anche le sedute, il giovedì mattina, ma lo statuto attualmente vigente non esclude l ipotesi che le riunioni si tengano anche in altre città; è, altresì, previsto che in altre città possano essere create Sezioni autonome della Borsa, con statuti borsa e titoli di credito, 1996, II, p. 442 con nota di A. PERRONE, ivi, p. 447, nonché il lodo arbitrale Milano, 26 marzo 1996, (Pres. Tarzia), in Banca borsa e titoli di credito, 1996, II, p. 680, e il lodo arbitrale Milano, 19 luglio 1996 (Pres. Casella), in Riv. dir. priv., 1997, p. 573, con nota di G. CAPALDO, Contratto di swap e gioco, ivi, p Quest ultimo lodo rende conto di due ordinanze rese dal Tribunale di Milano in data 27 novembre 1993 e 26 maggio 1994, inedite, in procedimenti tra le stesse parti del lodo, nelle quali è stato ritenuto che i contratti fossero stati conclusi con finalità di gioco e, quindi, che fossero soggetti all eccezione formulata dall art. 1933, comma primo. 17 Trib. Milano, 2 febbraio 1997, Fioroni c. Credito Italiano, in Banca borsa e titoli di credito, 2000, II, p. 90, ove la sentenza espressamente ricorda l ordinanza, di segno opposto, resa nella stessa causa dal G.I. nel Art. 23 del d. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, TU delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria. 19 A.E. MURPHY, John Law, Economic Theorist and Policy-Maker, Oxford, Si veda l art. 11 del decreto del Ministero delle politiche agricole e forestali 6 aprile 2006, n.174 (Regolamento per il funzionamento del sistema telematico delle Borse merci italiane, con riferimento ai prodotti agricoli, agroalimentari ed ittici), che rinvia alle disposizioni di cui al Titolo I, Capo I, articolo 1 del regio decreto 4 agosto 1913, n Una Borsa per lo scambio dei diritti sulle aree edificabili è stata ipotizzata dal comune di Milano per sostituire il Piano regolatore generale del 1980 entro il 2009, come prevede la legislazione regionale. L idea è quella di sostituire al precedente sistema di regolazione territoriale, uno strumento più flessibile, che comprende anche la creazione di un mercato dei diritti edificatori, che dovrebbe funzionare come una borsa, nella quale i privati che hanno dei diritti edificatori su terreni sui quali non possono edificare, possono cederli ad altri, sul modello di quanto avviene nel New Jersey, dove già esiste una Borsa dei diritti edificatori. 9

10 anche parzialmente differenti da quello della Borsa milanese, ove ne sorga la necessità. Le finalità perseguite dalla Borsa Filatelica sono enunciate al punto 3) dello Statuto e sono quelle di promuovere amichevoli relazioni tra commercianti e collezionisti di francobolli, periti e cultori di filatelia, al fine di effettuare ed incrementare, sotto un comune indirizzo, la diffusione della filatelia stessa. Possono divenire soci della Borsa Filatelica Nazionale non soltanto i commercianti di francobolli per collezione muniti di regolare licenza di esercizio e i commercianti o produttori di materiale filatelico, ma anche i periti filatelici, i giornalisti iscritti all albo nazionale e gli editori filatelici, e, addirittura dei meri collezionisti, purché nominati soci onorari o benemeriti dal Comitato Direttivo, anche se senza diritto di voto. I requisiti richiesti per l ammissione, sono il libero godimento della cittadinanza italiana in realtà è prevista anche la possibilità che siano ammessi cittadini stranieri residenti in Italia o in stati i cui ordinamenti prevedano un pari trattamento per i cittadini italiani e la notoria ed indiscussa correttezza commerciale, qualità, quest ultima, il cui effettivo riscontro nel richiedente è rimesso a una valutazione discrezionale del Comitato Direttivo della Borsa, unico organo chiamato a decidere insindacabilmente sull ammissione delle domande, di regola entro 60 giorni dalla presentazione, dopo che queste sono rimaste affisse all albo sociale per un periodo non inferiore a 30 giorni, termine entro il quale ciascun socio può avanzare eccezioni o reclami relativamente alle singole richieste presentate. La Borsa Filatelica Nazionale opera articolandosi in vari organi: l Assemblea generale è composta da tutti i soci con diritto di voto, si riunisce almeno una volta l anno, entro il mese di febbraio, ma può essere altresì convocata, in seduta straordinaria, sia dal Comitato Direttivo, ogni qual volta lo ritenga necessario, sia su richiesta motivata di almeno un quinto dei soci. Per lo svolgimento di funzioni amministrative, o, meglio, contabili, è prevista la nomina di un Segretario, un Cassiere, scelto tra i componenti del Comitato Direttivo, e due revisori dei conti. Le funzioni direttive sono attribuite al Comitato Direttivo, composto da un presidente, un vicepresidente e cinque consiglieri, ai quali sono eventualmente affiancati, qualora la questione trattata lo richieda, dei rappresentanti regionali. I componenti permanenti del Comitato durano in carica tre anni e possono essere riconfermati. Il Comitato si riunisce su convocazione del Presidente o dietro richiesta motivata di ameno uno dei componenti e delibera a maggioranza. Tra il compiti più significativi spettanti al Comitato ritroviamo il potere esclusivo di modificare il Regolamento di Borsa e la più generale funzione di garantirne il buon andamento, compito che l'organo svolge anche tramite l adozione di deliberazioni, norme regolamentari e provvedimenti, anche di natura disciplinare. Di fronte a questi poteri di amplissima portata, lo statuto prevede la possibilità di proporre reclami e contestazioni, sui quali, tuttavia, preposto a decidere, e questa volta insindacabilmente, è sempre lo stesso Comitato. Accanto a questi organi, che seguono lo schema organizzativo più diffuso tra le associazioni, è prevista la nomina di una Commissione di Vigilanza, composta da un Direttore e tre membri, con il compito di effettuare il controllo del materiale offerto o, comunque, ceduto nei locali della Borsa. Per il perseguimento della funzione sono attribuiti alla Commissione, tra l altro, i poteri di esaminare direttamente o sottoporre a perizia il materiale offerto, con l'eventuale facoltà insindacabile di ritirare gli esemplari di prodotti filatelici ritenuti non autentici, alterati o comunque non commerciabili; infine, la Commissione può autonomamente allontanare dai locali di Borsa il socio colto ad offrire o cedere il materiale in questione, mentre ha solo un potere di proposta al Comitato con riguardo all espulsione dello stesso socio che abbia compiuto tali attività. è interessante rilevare che in un soggetto privato, forse addirittura configurabile come organismo di autotutela, i poteri riservati formalmente ai soci dallo statuto e dal regolamento siano veramente limitati: la compagine sociale è convocata almeno una volta l anno, ma non si precisa se per l approvazione del bilancio/rendiconto relativo all anno di esercizio precedente (coincidente con l anno solare) o con quali altre eventuali funzioni; i poteri attribuiti ai soci sono costituiti dalla facoltà di opporsi tramite la presentazione di opposizioni o reclami all ingresso di nuovi soci e dal potere di nominare ma non è chiaro se vi sia anche il potere di revocare i membri del Comitato o 10

11 della Commissione, il Segretario, il Cassiere e i revisori dei conti. Quanto ai provvedimenti inibitori e sanzionatori adottabili dalla Commissione e dal Comitato, essi sono eseguiti dai componenti degli stessi organi e sono opponibili o reclamabili solo di fronte agli stessi organi che li hanno emessi e, infine, manca una polizia di Borsa. Circa le modalità concrete di svolgimento dell attività di Borsa, le riunioni si tengono ogni giovedì mattina in locali appositamente designati e organizzati: ciascun socio è ammesso previo riconoscimento anche tramite l apposito tesserino che deve essere costantemente esposto e prende posto ad un banco assegnatogli in via permanente ed individuabile nella dettagliata mappa delle postazioni esposta all ingresso e allegata, assieme all elenco dei soci indicati con il numero corrispondente alla relativa postazione, alla brochure recante anche lo statuto ed il regolamento di Borsa, consegnata all iscrizione e disponibile in copia all ingresso. Si deve tenere presente, per comprendere i numeri e la mole delle negoziazioni, che, a fronte dei 198 soci con diritto di voto, oltre 27 senza diritto di voto e 5 onorari, risultanti iscritti nel 2006, le postazioni effettive non arrivano a 50; ciò si spiega in ragione del fatto che, dal momento che l unico costo per essere soci è rappresentato dall obbligo di pagare una quota di iscrizione annua piuttosto esigua, la presenza nell elenco dei soci, pubblicato nella richiamata brochure cartacea, ma soprattutto nel sito internet della Borsa, con possibilità di inserire links diretti ai siti dei singoli inserzionisti, garantisce un buon grado di conoscibilità tra gli operatori e i collezionisti. Quanto alla formazione del prezzo, ricordato che naturalmente le negoziazioni possono svolgersi anche al di fuori dei locali di Borsa, il prezzo è determinato ad ogni seduta, tenendo come riferimento il listino formato dal Presidente per la propria impresa. La prassi, alquanto inusuale, parrebbe riconoscere ad un soggetto non terzo un ruolo preminente se non quasi impositivo nella determinazione dei prezzi, ma diviene comprensibile tenendo presente che l attuale Presidente è anche titolare di una delle maggiori imprese operanti nel settore; se quindi questa impresa operasse al di fuori della Borsa, la mole della domanda o dell offerta potenzialmente gestibile dalla stessa sarebbe sufficiente di per se sola a influenzare l andamento generale dei prezzi. Se per taluni aspetti, al di là del nomen, il mercato filatelico può presentare alcuni aspetti comuni con le borse, mancano importanti elementi necessari per poter ricondurre questo mercato "organizzato" (e sia detto in senso atecnico) a ciò che costituisce il modello minimio borsa. La Borsa Filatelica Nazionale è un associazione non riconosciuta senza scopo di lucro, quindi non è neppure iscritta alla Camera di Commercio di Milano, se pur si è dotata di un regolamento operativo, oltre che dello statuto, ove sono previsti organi interni anche con funzioni disciplinari e sanzionatorie, è sprovvista di poteri coercitivi; soprattutto, mancano, come visto, le condizioni minime per ritenere che il prezzo effettivamente si formi in Borsa: il presidente redige solo periodicamente il listino citato, pur rivedendone in tempo reale le voci che presentano incisive oscillazioni, e lo pubblica con principale finalità meramente commerciali, il fatto che gli altri soci facciano volontariamente riferimento quasi esclusivamente a tale listino riduce significativamente il peso delle negoziazioni effettuate in Borsa, che di fatto si riduce al mero luogo fisico in cui pochi commercianti di maggiori dimensioni, che svolgono anche attività di ingrosso verso imprese più piccole o geograficamente lontane da Milano, si incontrano periodicamente per perfezionare accordi che potrebbero essere e spesso effettivamente sono realizzati anche altrove o con altri mezzi che lo scambio verbale di proposta e accettazione. Si deve peraltro osservare che la Borsa filatelica Nazionale, ancorché non riconducibile al modello di borsa, rappresenta un caso unico nel suo settore a livello mondiale: non risultano al momento esistenti altre borse filateliche che seguano il modello italiano, le sole ipotesi riconducibili ad esso configurandosi nei casi, rari, in cui durante convegni internazionali si organizzino mercati temporanei. 3.2 La borsa del miele 11

12 La produzione del miele sembra apparentemente facile, dal momento che il grosso del lavoro è svolto dalle api, che procedono alla raccolta e alla rielaborazione del nettare e della melata senza particolari necessità di intervento umano, che potrebbe essere limitato alla predisposizione delle arnie e alla raccolta del miele; tuttavia queste sole operazioni non possono essere sufficienti a fare del miele prodotto un miele di qualità. Di fronte ad un prodotto-base piuttosto semplice, in altre parole, il mercato si è nel tempo sempre più orientato verso diversificazioni dirette alla produzione di mieli sempre più raffinati e di qualità differenziate, idonei a rispondere alle diverse esigenze di una clientela nel tempo educatasi ad apprezzarne le varietà e gli innumerevoli tipi e gusti. Si sono, così, sviluppate le produzioni di mieli mono o plurivarietali, raccolti in zone con caratteristiche naturali e climatiche molto diversi e capaci di incidere anche profondamente sul gusto finale dei diversi prodotti; anche nella fase della commercializzazione, inoltre, se ne sono notevolmente moltiplicate le potenzialità di impiego, prospettando abbinamenti anche insoliti con altri alimenti o suggerendone innovativi impieghi nell elaborazione di altre pietanze. Infine, non si deve dimenticare che il miele ed i suoi derivati o succedanei hanno tradizionalmente anche molteplici impieghi nei settori erboristico, farmaceutico e, non ultimo, in profumeria. Ben si comprende, quindi, come si possano essere susseguiti nel tempo molteplici interventi perseguenti anche finalità diverse, ora di salvaguardia e incentivo dell apicoltura, ora di disciplina del mercato dei prodotti apicoli, anche attraverso l istituzione dell albo degli apicoltori, ora di individuazione della caratteristiche minime che il prodotto deve avere per fregiarsi di particolari titoli individuanti qualità aggiuntive, da rappresentarsi anche nell etichetta. Interventi in tal senso si sono avuti sia a livello italiano che, successivamente, comunitario; in questo settore, infatti, si deve registrare un autonomo e di molto anteriore intervento del regolatore italiano rispetto a quello comunitario, ancora lontano dal nascere, con la finalità di regolarne il mercato. È negli anni Venti del secolo scorso che, in attuazione delle disposizioni di cui alla L. 562/1926, recante disposizioni per la difesa dell apicoltura la nascita, in seno all Università di Bologna, in coordinamento con il Consiglio provinciale delle corporazioni di Bologna e la Confederazione nazionale degli Apicoltori, dell idea di dar luogo ad un organismo cui demandare funzioni di tutela e incremento del settore. Con una convenzione tra questi soggetti venne istituito un primo Consorzio il quale, sussidiato dal Ministero dell agricoltura e delle foreste e della Cassa di risparmio di Bologna, negli anni Trenta promosse l istituzione dell Istituto Nazionale di Apicoltura INA, avvenuta con R.D. 16 giugno 1938, n L INA, istituito presso l istituto di Zoocolture della Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Bologna, ha come finalità la ricerca e servizi per l apicoltura, che persegue secondo il proprio statuto e nel rispetto del Piano specifico di intervento per il settore apistico del Ministero dell agricoltura e delle foreste, approvato dal CIPE nel Sostenuto finanziariamente dallo stesso Ministero, nel tempo ha visto aumentare il proprio organico e ha predisposto due nuove sedi a Bologna e a Reggio Emilia; dal 2004 è, inoltre, entrato a far parte del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura CRA. Tra le funzioni ad esso ascrivibili, per quanto qui interessa le più rilevanti attengono allo svolgimento di studi economici e di indagini e ricerche di mercato, soprattutto aventi ad oggetto le diverse richieste dei consumatori e la corrispondente presenza nei prodotti offerti delle qualità attese; nonché aspetti relativi alla formazione del prezzo di mercato, al rapporto qualità/prezzo e a quello quantità/costo, e alle fasi di commercializzazione. L Istituto svolge, inoltre, una costante attività di ricerca per garantire un efficace supporto in tutte le fasi della produzione, predispone corsi di formazione e di studio, realizza workshop anche a livello ultranazionale e tiene gli albi delle diverse professioni regolamentate nel settore. Accanto a questo soggetto pubblico sono stati istituiti nel tempo altri organismi, con strutture organizzative e funzioni di volta in volta diverse; al riguardo si può ricordare, a titolo di esempio, l Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria ISZA, istituito con D.P.R. 23 novembre 1967, n. 12

13 1318, in quanto una delle sue cinque sezioni ha competenze nel settore apicolo, ma con esclusivo riferimento alle fasi della produzione e non anche della negoziazione del prodotto finito. Tutti questi organismi sono stati raggruppati in una nuova struttura, istituita con il d. lgs. 454/1999, denominata Consiglio per la sperimentazione e la Ricerca in Agricoltura CRA. Il CRA è un ente di ricerca di diritto pubblico, con autonomia statutaria, organizzativa, amministrativa e finanziaria, soggetto alla vigilanza del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali; opera attraverso la predisposizione di piani triennali, aggiornati annualmente, tenendo conto dei programmi di ricerca elaborati sia a livello comunitario che regionale. Svolge le proprie funzioni attraverso un articolazione territoriale, in collegamento e cooperazione con le amministrazioni pubbliche sia centrale che locali e con le imprese e le associazioni di categoria. Collabora, inoltre, con le Università, il CNR, l ENEA e gli altri enti di ricerca del comparto agricolo. Il settore apicolo del CRA svolge importanti funzioni sia nell ambito della promozione e dell affinamento delle tecniche di produzione delle diverse varietà e tipologie di miele commerciabili, sia delle modalità di commercializzazione delle stesse, a tali fini realizzando anche continui rapporti collaborativi e di scambio di analisi ed informazioni sia con amministrazioni pubbliche che con altri soggetti, anche privati, presenti sul mercato. Un ruolo di almeno pari rilievo è, poi, svolto nel settore da un altro soggetto pubblico, l Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare ISMEA, istituito in attuazione del riordinamento del sistema degli enti pubblici nazionali, a mezzo del d.lgs. 29 ottobre 1999, n. 419, dall accorpamento dell Istituto per Studi, Ricerche e Informazioni sul Mercato Agricolo, già ISMEA, e della Cassa per la Formazione della Proprietà Contadina. ISMEA è un ente pubblico economico che, tra i propri fini istituzionali, collabora con le regioni per il potenziamento della proprietà fondiaria e per favorire il ricambio generazionale in agricoltura, accedendo, per realizzare tali finalità, ad un particolare meccanismo di aiuti consentito dall Unione Europea; esso, inoltre, anche a mezzo di società controllate, fornisce servizi informativi, assicurativi e finanziari e costituisce forme di garanzia creditizia e finanziaria alle imprese agricole, al fine di favorire l informazione e la trasparenza dei mercati, agevolare il rapporto con il sistema bancario e assicurativo, favorire la competitività aziendale e ridurre i rischi inerenti alle attività produttive e di mercato. In particolare, ISMEA rileva ed elabora le quotazioni dei prodotti alimentari in oltre trecento mercati, elaborando anche un indice mensile dei prezzi di produzione; elabora scenari economici e previsioni sul possibile futuro andamento dei mercati e le conseguenti evoluzioni dei diversi comparti produttivi. Per quanto, più nel dettaglio, interessa il mercato del miele, nel 1989 è stato istituito l Osservatorio del miele, un associazione che riunisce istituzioni e organizzazioni attive nel settore sia a livello locale che nazionale, con la principale funzione di svolgere per conto dell ISMEA una rilevazione mensile dell andamento produttivo e dei prezzi all ingrosso del miele e una relazione annuale sulla produzione e sull andamento del mercato del miele. Nell ambito delle proprie competenze in materia di analisi e di elaborazione dei dati e dei rilevamenti periodici relativi alla produzione e alla commercializzazione del miele l Osservatorio effettua previsioni circa il possibile futuro andamento del settore, a nostro avviso idonee a condizionare l incontro della domanda e dell offerta almeno nel breve periodo, ma soprattutto a condizionare la formazione del prezzo. Al riguardo, comunque, si evidenzia che l Osservatorio elabora anche tabelle mensili recanti i prezzi di mercato dei vari tipi di mieli e organizza annualmente una fiera e borsa del miele a Castel San Pietro Terme, città dove l organismo ha sede. Se, quindi, è pur vero che nessuno dei soggetti descritti ha un ruolo in termini di organizzazione, gestione, regolazione, vigilanza o anche solo indirizzo del mercato del miele, tuttavia questi soggetti svolgono innegabilmente una funzione di primo piano nel settore, condizionando le scelte strutturali e operative delle imprese produttrici e distributrici e rilevando e diffondendo i prezzi. 3.3 La Borsa Elettrica 13

14 Stante la rilevanza dell argomento e l ampia bibliografia disponibile sul tema, qui si accennano solamente i lineamenti generali del tema. Il mercato elettrico in Italia è nato a seguito del recepimento della direttiva 96/92/CE 22 del Parlamento e del Consiglio, del 15 novembre 1996, recante le norme comuni dettate al fine di consentire la liberalizzazione del mercato interno dell'energia elettrica: in altre parole, dato il punto di partenza che vedeva il settore dell'energia in una situazione generalizzata di concorrenza ristretta, la Comunità Europea, con la direttiva in questione, ha inteso dettare un complesso di disposizioni la cui attuazione, pur tenendo conto della peculiarità del settore economico e delle differenze presenti negli ordinamenti interni degli stati membri, fosse idonea a realizzare una libera concorrenza effettiva a livello europeo. La stessa direttiva, constatate le richiamate peculiarità del settore e tenendo conto delle possibili difficoltà che almeno alcuni degli stati membri avrebbero potuto incontrare nell'attuazione prevista in generale entro il 19 febbraio 1999, prevedeva la possibilità che questi introducessero giustificate proroghe al momento della predisposizione della normativa interna di recepimento. La direttiva 92/96/CE è stata recepita nell'ordinamento italiano con il D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79, recante la disciplina per la liberalizzazione del mercato elettrico. In base alle disposizioni di cui al citato decreto, le attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica sono libere, pur non venendo meno l'obbligo di rispettare la natura pubblica del servizio, che resta disciplinato dallo stesso decreto, mentre le attività di trasmissione e dispacciamento sono riservate allo stato, che le attribuisce in concessione al gestore della rete. La gestione del mercato, ai sensi dell'art. 5, comma 2 del D.Lgs. 79/99, è affidata ad un gestore del mercato, società per azioni costituita dal gestore della rete, cui è affidata la funzione di regolamentare il mercato secondo criteri di neutralità, trasparenza, obiettività e libera concorrenza. Il gestore della rete è il soggetto cui sono attribuite le funzioni di trasmissione e dispacciamento dell'energia elettrica 23, di gestione dei flussi di energia e dei relativi sistemi di interconnessione e servizi ausiliari 24. Il Gestore acquista tutta l energia elettrica prodotta sul territorio nazionale e la cede al mercato. 22 In GU L del 30 gennaio 1997, pag Da svolgere nel rispetto de l'obbligo di connettere alla rete di trasmissione nazionale tutti i soggetti che ne facciano richiesta, senza compromettere la continuita' del servizio e purche' siano rispettate le regole tecniche di cui al comma 6 del presente articolo e le condizioni tecnicoeconomiche di accesso e di interconnessione fissate dall'autorita' per l'energia elettrica e il gas. 24 Il Gestore della rete di trasmissione nazionale svolge su concessione le funzioni di trasmissione e dispacciamento dell energia elettrica su base nazionale, con obbligo di connettere alla rete chiunque ne faccia richiesta, purchè presenti tutti i requisiti richiesti, anche dall Autorità per l energia elettrica e il gas, garantendo continuità, sicurezza ed efficienza del servizio (ai sensi dell'art. 3, comma 2 del D.Lgs. 79/1999, 'il gestore della rete di trasmissione nazionale gestisce i flussi di energia, i relativi dispositivi di interconnessione ed i servizi ausiliari necessari; garantisce l'adempimento di ogni altro obbligo volto ad assicurare la sicurezza, l'affidabilità, l'efficienza e il minor costo del servizio e degli approvvigionamenti; gestisce la rete senza discriminazione di utenti o categorie di utenti; delibera gli interventi di manutenzione e di sviluppo della rete, a carico delle società di cui al comma 8, in modo da assicurare la sicurezza e la continuità degli approvvigionamenti, nonchè lo sviluppo della rete medesima nel rispetto degli indirizzi del Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato. Al gestore sono trasferiti competenze, diritti e poteri di soggetti privati e pubblici, anche ad ordinamento autonomo, previsti dalla normativa vigente con riferimento alle attività riservate al gestore stesso. Il gestore della rete di trasmissione nazionale mantiene il segreto sulle informazioni commerciali riservate acquisite nel corso dello svolgimento della sua attività'). Le regole per il dispacciamento e le regole tecniche per la progettazione e il funzionamento degli impianti di generazione, delle reti di trasmissione e delle apparecchiature connesse sono adottate con delibere del Gestore, secondo le direttive dell AEEG, ce ne verifica l adeguatezza e la legittimità (il Gestore può stipulare convenzioni con soggetti terzi per la manutenzione e lo sviluppo delle reti e delle interconnessioni secondo una convenzione-tipo adottata con D.Min. Industria Commercio Artigianato, su proposta dell AEEG, sentita la Conferenza Unificata). L AEEG determina il compenso dovuto al Gestore per l accesso e l uso della rete, secondo criteri non discriminatori. Il Gestore ha la forma della società per azioni con azioni interamente detenute dallo Stato (Min. Tesoro e Min. Industria) ed è costituito per scorporamento dall Enel spa. 14

15 La gestione delle rete attualmente in Italia è svolta dal Gestore dei Servizi Elettrici GSE S.p.A., interamente partecipato dal Ministero dell'economia e delle finanze, capogruppo delle controllate Acquirente Unico S.p.A. e GME S.p.A. Le principali attività del GSE sono individuabili nella raccolta e collocamento dell'energia prodotta da impianti e fonti rinnovabili e assimilate (CIP 6); nella gestione dei sistemi di incentivazione per la produzione con impianti fotovoltaici; nella emissione dei certificati verdi e relativi controlli; nella qualificazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili (IAFR); nel rilascio della Garanzia d'origine dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili; nel riconoscimento di impianti di generazione in cogenerazione 25. Sul mercato dell'energia elettrica e il gas vigila l'aeeg Autorità per l'energia Elettrica e il Gas, autorità indipendente istituita a tale scopo con la L. 14 novembre 1995, n. 481, in attuazione del processo di privatizzazione di importanti enti pubblici avviato con il D.L. 333/ La regolazione del mercato è predisposta dal Gestore del mercato e adottata con d.m. Industria, sentita l AEEG. (dall entrata in vigore del d.lgs. 79/99 si è applicato il dispacciamento passante per passare, poi, entro il 1 gennaio2001, al dispacciamento di merito economico). La domanda e l offerta sono regolate dal Gestore del mercato; è prevista ed è normale la possibilità di contrattazione bilaterale, autorizzata dal Gestore o, in caso di diniego, dall AEEG. È possibile anche la realizzazione di piccole reti isolate, il cui funzionamento è regolato con decreto adottato dal Ministero dell Industria, sentite l AEEG e la Conferenza unificata. La disciplina del mercato elettrico è stata adottata, in attuazione di quanto disposto dall'art. 5, comma 1 del d.lgs. 79/1999, con D.M. Industria del 9 maggio 2001, successivamente modificato ed integrato 27, da ultimo con il D.M. Attività produttive 19 dicembre 2003, che, a decorrere dall 8 gennaio 2004, ha affidato la gestione del mercato elettrico al GME; ciò ha consentito la creazione, anche in Italia, del primo mercato all'ingrosso organizzato dell'elettricità, con la duplice finalità di potenziare la concorrenza nelle fasi di produzione e vendita dell'energia elettrica e di favorire la massima efficienza nella gestione dei servizi di dispacciamento. Il D.Lgs. 79/1999 ha previsto un limite massimo di produzione, al fine di garantire il rispetto della libera concorrenza, per cui, a decorrere dal 1 gennaio 2003, a nessun soggetto è consentito produrre o importare, neanche indirettamente, più del 50% del totale dell energia elettrica prodotta e importata in Italia. A tale limite è stata ovviamente assoggettata Enel S.p.A., costretta per tal motivo a cedere entro lo stesso termine la parte della propria capacità produttiva eccedente il limite. Le funzioni di controllo in riferimento al rispetto di questo limite sono attribuite all AGCM, cui è assegnato anche il compito di prevedere eventuali deroghe dilazioni temporali. Le condizioni e le modalità per la costituzione di nuovi impianti o per il potenziamento o la modifica di quelli già esistenti sono contenute in regolamenti ministeriali. La distribuzione è svolta, in regime di concessione, che ha durata trentennale, dalle imprese produttive già presenti e da eventuali nuovi soggetti, individuati tramite gara. I contratti di fornitura sono stipulati e gestiti dall'acquirente Unico, società per azioni costituita dal Gestore, secondo criteri di continuità, sicurezza ed efficienza del servizio e nel rispetto delle condizioni di parità di trattamento, anche sul piano tariffario. 25 Cfr.: sito internet 26 Tra le funzioni attribuite all'aeeg assumono particolare rilievo i poteri inerenti la determinazione delle tariffe, delle condizioni tecniche ed economiche richieste per l'accesso e l'interconnessione alle reti e dei livelli di qualità dei servizi. Si tratta di aspetti che incidono su interessi primari di consumatori ed utenti, di cui il mercato, lasciato nel libero funzionamento, non sarebbe in grado di garantire il completo rispetto, a causa delle caratteristiche intrinseche e strutturali del settore, oltre che della scarsa concorrenza presente. L'AEEG ha iniziato la propria attività il 23 aprile 1997; è composta da cinque membri, di cui uno con funzioni di presidente (nominati con DPR su deliberazione del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro delle attività produttive, previo parere vincolante, espresso a maggioranza dei due terzi, delle Commissioni parlamentari competenti) essi restano in carica 7 anni e non sono rieleggibili. 27 Il testo integrato della disciplina del mercato elettrico è reperibile sul sito internet dell'aeeg. 15

16 L'Acquirente Unico ha il compito di acquistare l'energia elettrica sul mercati alle condizioni più convenienti per cederla, secondo i criteri ora visti, sul mercato ai distributori e alle imprese di vendita al dettaglio, che la forniscono anche ai soggetti, tipo i consumatori, che non hanno accesso diretto al mercato. La normativa comunitaria, anche successiva, ed in particolare la direttiva 2003/54/CE del 26 giugno 2003, che abroga e sostituisce la precedente, prevede la realizzazione di un mercato elettrico europeo in regime di concorrenza ad attuazione graduale, in ispecie dal lato della domanda. Al riguardo si suole distinguere tra attività libere e attività in concessione : tra le prime rientrano le attività di produzione, importazione ed esportazione e vendita di energia elettrica; tra le seconde la trasmissione, il dispacciamento e la distribuzione. Da osservare, quanto alla vendita, che la normativa ha distinto gli utenti in due categorie: i clienti vincolati, cioè gli utenti finali legittimati a stipulare contratti di fornitura solo con i distributori di zona, e i clienti idonei, persone fisiche o giuridiche legittimate a stipulare contratti di fornitura con qualsiasi produttore, distributore o grossista, italiano od estero. La qualifica dell'idoneità si è acquisita nel tempo secondo criteri diversi, in particolare, fino al 1 luglio 2004, i clienti finali domestici non potevano rientrare nella categoria, mentre a partire dal 1 luglio 2007, in attuazione del graduale processo di liberalizzazione, è qualificato idoneo ogni cliente finale, compresi i clienti domestici. Fino alla completa liberalizzazione del mercato dal lato della domanda, il fabbisogno di energia elettrica dei clienti domestici è garantito dall'acquirente Unico, mentre tutti gli altri soggetti possono approvvigionarsi acquistando direttamente in borsa. Il mercato elettrico, a causa della sua peculiarità costituita dalla impossibilità di immagazzinare il bene, è diverso da ogni altro e si articola in tre segmenti: il Mercato del Giorno Prima MGP, che si chiude alle 9.00 del giorno prima rispetto a quello in cui si svolgono le offerte, che possono essere presentate fino a 9 giorni prima di quello in cui si svolge la sessione di MGP cui si riferiscono; il Mercato di Aggiustamento MA, che si apre alle 10.30, dopo la comunicazione degli esiti del MGP, e consente agli operatori di apportare modifiche ai programmi definiti nel MGP, con ulteriori offerte di acquisto o vendita; il Mercato per il Servizio di Dispacciamento MSD, che si apre alle 14.30, alla chiusura del MA, con la comunicazione degli esiti di questo, e si chiude alle Nel MSD si svolge la negoziazione per il dispacciamento dell'energia. Attualmente le funzioni di trasmissione e dispacciamento sono svolte da Terna S.p.A., proprietaria della Rete di Trasmissione Nazionale, cui il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale GRTN, concessionario dei servizi, ha trasferito nel 2005 il proprio ramo di azienda relativo a dispacciamento, trasmissione e sviluppo della rete. Il mercato elettrico è un mercato telematico, al quale gli operatori accedono tramite rete. Gli scambi avvengono utilizzando programmi informatici predisposti dal GME o tramite l'utilizzo di moduli reperibili sul sito internet dello stesso gestore, attraverso strumenti di identificazione digitale e smart card dotate di certificato digitale; il mercato è dotato anche di un luogo fisico, una sala in cui il personale di borsa, tramite un sistema di apparati informatici, realizza concretamente la raccolta, l'elaborazione e la gestione delle offerte relative ai mercati gestiti dal GME, consentendo la realizzazione delle negoziazioni. La Borsa elettrica è nata nel 2004, in attuazione delle prescrizioni di cui alla prima direttiva comunitaria in materia di energia elettrica, direttiva 92/96/CE; la regolamentazione e la gestione è attribuita al GME, le funzioni di controllo, anche tariffario, sono riservate all'aeeg. Fino al 1 luglio 2007 erano ammessi alla negoziazione, dal lato della domanda, solo i clienti idonei, che, a seguito di successive integrazioni della normativa originaria, ricomprendevano una tipologia sempre allargata di soggetti, persone fisiche e giuridiche, dalla quale rimanevano esclusi, in fine, solo gli utenti domestici; a partire da tale data, in attuazione della seconda direttiva comunitaria in materia, direttiva 2003/54/CE, anche quest'ultima categoria di soggetti ha attualmente capacità di accesso diretto al mercato borsistico. In realtà, tuttavia, l'accesso del singolo utente consumatore domestico al mercato elettrico è molto difficile da realizzare e sicuramente priva di significato in 16

17 termini di efficienza economica, per cui questi soggetti sono costretti ancora a ricorrere ai distributori per approvvigionarsi di energia elettrica, o, in alternativa, ad organizzarsi in forme associate tra utenti. Attualmente possono essere ammessi al mercato elettrico tutti i soggetti che siano dotati di adeguata professionalità e competenza nell'utilizzo di sistemi telematici e sistemi di sicurezza relativi; non siano stati condannati, con sentenza definitiva, o con sentenza che applica la pena su richiesta delle parti, per il delitto di aggiotaggio, per uno dei delitti contro l'inviolabilità della segretezza delle comunicazioni informatiche o telematiche, ovvero per delitto di frode informatica, non siano stati precedentemente esclusi dal mercato elettrico. L'accesso al mercato è subordinato alla presentazione della domanda di ammissione e alla sottoscrizione del contratto di adesione. Con il provvedimento di ammissione il GME attribuisce al richiedente la qualifica di operatore e lo inserisce nell'apposito Elenco degli operatori ammessi al mercato. Il d.m. 9 maggio 2001 aveva previsto la possibilità di creare derivati elettrici, allo scopo di fornire agli operatori adeguate forme di copertura dei rischi e l'art. 66 bis nel testo unico della finanza, inserito in attuazione della direttiva MiFID, aveva ricompreso tale tipologia di mercato tra i mercati regolamentati disciplinati nell'ordinamento italiano; soltanto la scorsa estate, tuttavia, Borsa Italiana S.p.A. ha costituito nel mercato IDEM (Italian DErivatives Market), riservato alla negoziazione degli strumenti finanziari derivati, il segmento Idex, per i contratti future sull'energia elettrica. Ciò è stato possibile a seguito dell'accordo, siglato tra Borsa Italiana S.p.A. e il GME, con il quale quest'ultimo ha concesso a Borsa Italiana la licenza all'utilizzo del Prezzo Unico Nazionale per l'acquisto dell'energia elettrica PUN, necessario per calcolare il prezzo di settlement e quindi per l'operatività stessa del mercato, che segue il meccanismo di cash settlement. Sull'Idex, in attuazione della disposizione di cui all'art. 66 bis, comma 7 del testo unico della finanza, vigilano congiuntamente, pur nell'esercizio delle rispettive competenze, la CONSOB e la AEEG. Mentre, quindi, il mercato elettrico è qualificabile come una borsa merci, sai pure profondamente diversa da ogni altra, in cui oggetto delle negoziazioni è l'energia elettrica e gli operatori sono, dal lato dell'offerta, produttori, importatori e distributori di energia, mentre dal lato della domanda si ritrovano, a partire dal 1 luglio 2007, tutte le categorie di utenti, Idex è un mercato telematico dove vengono scambiati contratti derivati standard, future, che hanno per sottostante l'energia elettrica. Alle diverse tipologie di mercato corrispondono diversi gestori, GME S.p.A. per il mercato elettrico, Borsa Italiana S.p.A. per Idex, e anche diversi, almeno in parte, risultano i soggetti preposti al controllo: oltre alle rispettive società di gestione, infatti, la funzione di vigilanza sul mercato elettrico è svolta dall'aeeg insieme al Ministro per le attività produttive, mentre sull'idex vigilano, per le rispettive competenze ma in rapporto di collaborazione, AEEG e CONSOB. Volendo, quindi, effettuare delle considerazioni di carattere generale sullo stato attuale del mercato elettrico italiano, non si può non partire dalla situazione iniziale, per cogliere le evoluzioni successive e gli indirizzi succedutisi. Secondo una larga parte degli economisti, il settore dell energia elettrica rappresenta uno dei più efficaci esempi di monopolio naturale, una di quelle situazioni in cui il massimo dell efficienza produttiva e il miglior rapporto tra costi di produzione e prezzo finale si realizzano in condizioni di monopolio e sfruttando le economie di scala. Di fronte a situazioni di tal genere, in Italia come in altri Paesi, in particolare quelli appartenenti all Europa continentale, la scelta seguita dal legislatore statale era quella di sancire un divieto assoluto di produzione e scambio del bene o del servizio di volta in volta preso in considerazione, per poi ricorrere al meccanismo dell autorizzazione o della concessione a soggetti determinati, risultanti in possesso di particolari requisiti, per gestirne e regolarne, direttamente o indirettamente, la produzione e/o l utilizzo. Per il settore dell energia elettrica, così, in Italia Enel, nato in forma di ente pubblico economico, ha avuto il monopolio nella produzione e nella distribuzione dell energia elettrica per alcuni decenni, fino alla rivoluzione imposta come in altri settori della vita economica 17

18 dalle direttive europee, volte a che si realizzassero anche nei settori dei servizi pubblici e universali, le condizioni per l instaurazione e l applicazione dei principi di concorrenza. Il primo passo consistitette nel mutamento della forma giuridica di Enel, da ente pubblico a società per azioni, inizialmente a partecipazione interamente pubblica. Il passo successivo doveva tener conto del fatto la produzione era (quasi) completamente controllata da Enel, così come la rete di distribuzione; inoltre, trattandosi di un servizio universale, pur realizzando la privatizzazione del soggetto coinvolto nella produzione e nell offerta dell energia e la conseguente liberalizzazione del mercato, non venivano certamente meno le condizioni e le esigenze di tutela di interessi pubblici primari, che erano state lo scudo ideologico ostentato ai tempi della nazionalizzazione. D altro canto, le istituzioni comunitarie chiedevano quanto meno l adozione, anche a livello di ordinamento interno, almeno di quelle norme che consentissero un armonizzazione minima a livello comunitario, condizione necessaria per fondare l instaurazione di un libero mercato, agli inizi interno, dell energia. La soluzione seguita è stata quella di separare la fase della produzione e dell acquisto dell energia elettrica da quella della distribuzione e del dispacciamento; quindi, sia dal primo lato che dal secondo si è cercato di eliminare le strutture monopolistiche originarie senza compromettere i diritti e gli interessi degli utenti. A tal fine è stata istituita l Autorità garante per l energia elettrica e il gas, con il compito primario di vigilare sul corretto andamento del mercato e della formazione del prezzo, con particolari poteri in materia di fissazione di prezzi e tariffe, per garantire il rispetto del principio per cui a condizioni analoghe devono corrispondere trattamenti analoghi e per tutelare gli interessi degli utenti, consumatori finali in primis. Quindi si è proceduto creando il sistema incentrato su GSE e AU, sopra descritto, sotto la triplice vigilanza del GME da un lato, e dell AEEG e del Ministero delle attività produttive dall altro, con penetranti poteri di intervento e sanzionatori riconosciuti in particolare all AEEG. Il grande tema che si è posto, nella peculiarità nota del bene energia elettrica, era come regolare le due diverse modalità di negoziazione, l una con oggetto il bene fisico energia elettrica, l altro il derivato, tipicamente un future, che è impiegato sia a fini di speculazione, sia a fini di gestione del rischio da parte degli stessi produttori, commercianti e utilizzatori del bene fisico. Le risposte teoricamente sono due: la prima è che il mercato cash resta insieme a quello dei derivati, con il rischio di dover estendere al mercato cash gli stessi requisiti, in termini di soggetti che possono accedere al mercato, di vigilanza, di requisiti contrattuali, ciò che è normalmente richiesto in un mercato di derivati finanziari. L altra è che i derivati sull energia siano trattati in un mercato dei derivati, seguendone le regole. L Italia, dopo lungo dibattito, ha optato per la seconda soluzione, prevedendo che la merce energia elettrica sia negoziata sul mercato gestito da GME S.p.A., secondo le regole che essa stessa detta, congiuntamente con quanto prescritto dall AEEG e dal Ministero per le attività produttive, e disponendo che i future sull energia elettrica siano negoziati, da intermediari autorizzati, in un apposito segmento del mercato finanziario gestito da Borsa Italiana S.p.A., sotto la vigilanza congiunta dell AEEG e della CONSOB. 4. Le borse merci in altri ordinamenti 4.1 I mercati d interesse nazionale nella Repubblica Francese Gli studi in materia di diritto comparato sono concordi per tradizione ormai stratificata che nell attività di comparazione tra i diversi sistemi istituzionali e normativi che ne sono oggetto, indipendentemente se tale comparazione sia effettuata in senso sincronico o diacronico, debba prestarsi particolare attenzione agli oggetti ovvero ai soggetti normativi che rappresentano il termine di paragone stesso proprio per evitare di porre in relazione elementi diversi e magari incommensurabili. Tale problematica sussiste anche nel campo del diritto economico, che per molti aspetti rappresenta la punta di diamante dell integrazione ed assimilazione tra sistemi statuali ed 18

19 istituzionali diversi, proprio per il carattere di necessaria uniformità che deve sussistere tra istituzioni di sistemi economici collegati, interdipendenti e comunicanti tra loro. Se questo è vero in generale dobbiamo dire che nel caso di specie della individuazione delle figure omologhe alle borse merci esistenti presso altri sistemi giuridici si pongono tutta una serie di problematiche derivanti sia da una difformità di tipo linguistico sia dal fatto che l elemento effettivamente trasnazionale di questa tipologia d attività economica nel corso degli ultimi anni normalmente è stato assorbito, quantomeno nella parte di maggior peso sotto il profilo finanziario, dal sistema dei mercati borsistico-finanziari in senso stretto attraverso l utilizzo degli strumenti derivati e la loro contrattazione su tali piattaforme (nel caso di specie si pensi al ruolo di Euronext che ha assorbito le attività in precedenza svolte dal Matif). Pertanto occorre procedere ad un analisi sistematica ed accurata delle istituzioni residue presenti nel sistema di riferimento che per semplicità ma impropriamente indichiamo come Repubblica francese visto che le vicende normative rilevanti hanno un arco temporale di svolgimento che interessa sia l ultima parte della IV Repubblica sia l intera vita della V Repubblica. Da tale analisi emergono fondamentalmente due figure: i mercati d interesse nazionale ed i marchés au cadran che in parte si sovrappongono ed incrociano tra loro ma che possiamo affermare sintetizzino il nocciolo duro o la parte residua di quella che possiamo indicare come borsa merci. Nel sistema economico ed istituzionale della Repubblica Francese la questione della commercializzazione della categoria di prodotti che rientrano nel novero di quelli che potremmo definire sinteticamente, ma forse in modo impreciso, come prodotti agricoli ed agroalimentari riveste un importanza preminente stante il fatto che la Francia già da secoli ed in buona parte ancora ai giorni nostri è grande produttore di una tale congerie di beni che si può qualificarla in modo approssimativo come un economia al tempo stesso industriale ed agricola. A conferma di quest affermazione di sintesi che può ben essere suffragata da una semplice analisi dei dati statistici comunitari ed internazionali si può ricordare che la République gioca un ruolo centrale nella definizione della Politica Agricola Comune (PAC) e rappresenta, anche dopo l ingresso dei nuovi partner comunitari, uno dei principali percettori delle sovvenzioni in agricoltura distribuite nell intera Unione. Questi sintetici elementi sono solo un indice dell importanza che il commercio dei beni agroalimentari ha acquisito nel corso del tempo in quell ordinamento, tanto che allo stato attuale, nonostante la tendenza alla centralizzazione e dematerializzazione che caratterizza anche il commercio dei beni primari, in Francia continuano ad esistere, spesso in forme giuridicamente rivisitate ma non troppo diverse dal passato, strutture che svolgono in modo ormai consolidato la funzione d intermediazione tra domanda ed offerta dei beni di varia natura e provenienza che rientrano nella categoria dei prodotti agricoli ed alimentari. Appare sufficiente ricordare che il mercato della città di Parigi, spostato fisicamente dal centro della città per evidenti ragioni di logistica, costituisce a tutt oggi il più importante mercato fisco di scambio di beni alimentari primari del mondo ponendosi in questo senso, seppur non a livello di volume degli scambi stessi, al fianco del Chicago Mercantile Exchange. Queste strutture mercantili d interscambio continuano ad esistere e funzionare nonostante con il passare del tempo ed il progredire della tecnologia e con l evoluzione dei mercati gran parte del commercio di beni e derrate alimentari si sia spostato dal piano dei mercati fisici ad immediata esecuzione degli ordini verso sistemi che incentrano la commercializzazione dei beni nelle forme degli strumenti finanziari derivati, con conseguente mancanza d una vera e propria movimentazione fisica del bene scambiato, almeno nelle fasi intermedie di contrattazione, e solo in fase di esecuzione a termine. La presenza dei mercati tradizionali può a prima vista apparire quindi come una sorta di relitto storico che sopravvive a sé stesso, ma a ben vedere - più in concreto - trova la propria evidente giustificazione nel fatto che gran parte delle necessità che si pongono a base degli scambi in materia di beni agroalimentari sono necessità reali, a breve termine, e tale indifferibile e irrinunciabile necessità richiede anche commerci poco sofisticati ma diretti, efficaci e vicini al bisogno da soddisfare. 19

20 Per meglio comprendere quindi questa figura di istituzione commerciale e quale ruolo essa esattamente rivesta nel sistema francese dovremo analizzare l evoluzione della configurazione giuridica e della regolamentazione. Nel sistema normativo d oltralpe i mercati e le halles sono mercati fisici ove si scambiano all ingrosso oppure al dettaglio prodotti principalmente agricoli od alimentari; in quanto tali pertanto essi debbono chiaramente esser distinti dai saloni, esposizioni e fiere in cui la caratteristica agricola è sicuramente meno rilevante e centrale e le cui funzioni e scopi ultimi assumono più un carattere informativo, promozionale e pubblicitario e quindi logicamente precedente rispetto al commercio vero e proprio, piuttosto che direttamente commerciale in quanto tale. Inoltre queste altre tipologie vedono normalmente la partecipazione di soggetti non professionali sia in qualità di acquirenti che di venditori od ancora hanno una periodicità temporale significativamente variabile e dilazionata (art. L e ss. Code de Commerce). Se questa è già una prima distinzione rilevante ai nostri fini, perché restringe il campo in modo qualificato, si deve però procedere per gradi ed analizzare come si sia giunti all attuale regolamentazione di marchés et halles che è il frutto d una progressiva stratificazione normativa della quale si ritrova la causa nell evoluzione che il commercio di prodotti agricoli ed alimentari ha subito nel corso del tempo. Se in origine infatti la disciplina di marchés et halles era affidata principalmente a forme di regolamentazione di carattere municipale che vedevano coinvolte le Mairies, enti locali direttamente interessati che dovevano anche esercitare funzioni di polizia annonaria paragonabili alle attività proprie dei nostri Comuni italiani, in epoca più recente, ossia a partire dalla metà degli anni Ottanta del secolo scorso, su tale impostazione di base si è venuta ad innestare una regolamentazione nuova che ha inciso sia sui poteri attribuiti alle cosiddette collettività territoriali, sia sulle modalità d esplicazione in concreto del commercio in oggetto sia infine sul soggetto gestore del singolo mercato e sulle modalità d operare dello stesso ente, come regolatore e soggetto economico rilevante. Eccezione rispetto alla disciplina del passato, che vedeva coinvolti gli enti locali, era però proprio il mercato parigino, che sin dal suo sorgere in senso moderno era regolato a livello statale anziché a quello locale-comunale proprio per la sua rilevantissima ed eccezionale dimensione e per l importanza che esso presentava sotto l aspetto economico-quantitativo. La regolamentazione di queste particolari figure sin dalla loro origine in epoca moderna, ossia sin dalla metà dell Ottocento, ha visto la presenza dell autorità pubblica quale soggetto in qualche modo regolatore-controllore, forse potremmo dire addirittura vigilante, su queste strutture che agevolno l incontro tra domanda ed offerta e ciò in ragione del rilevante interesse pubblico sottostante a tale tipologia di scambio; inizialmente si è agito con l utilizzo dello strumento dell autorizzazione amministrativa e successivamente anche attraverso l esplicazione del potere di polizia annonaria e di controllo generale e ciò indipendentemente dal fatto che tali peculiari mercati si trovassero su suolo pubblico ed in strutture di tal sorta oppure, cosa non vietata a priori ma in realtà all inizio piuttosto rara, insistessero su proprietà privata 28. L'aspetto rilevante ai nostri fini è che sin da quell epoca, ormai lontana, in quel sistema normativo appare chiara ed incontestata la preliminare necessità del rilascio d un apposito provvedimento amministrativo d autorizzazione al mercato, quindi una sorta di limitazione o comunque di deroga con finalità di controllo alla regola generale della libertà del commercio e dell industria, cardine del mercatismo ottocentesco: l autorizzazione diviene infatti necessaria per procedere all installazione ed all apertura d un marché che presenti caratteristiche determinate in relazione soprattutto al luogo fisico in cui esso viene ad impiantarsi ed in rapporto alla possibilità dell ammissione al mercato di categorie di soggetti che non presentino una materiale connessione 28 Sul punto della privatezza o pubblicità di questi luoghi di commercio e sulla loro effettiva qualificazione come mercati pubblici di beni e generi agroalimentari a partire dalla seconda metà dell Ottocento appare significativamente ampia e variegata la nutrita giurisprudenza francese; non interessa tanto analizzarla nel dettaglio visto l estrema variabilità e complessità del tema che in concreto non incide sui profili economici del fenomeno di tali mercati in quell ordinamento. 20

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE L ABBATE, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, GALLINELLA, LUPO, PARENTELA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE L ABBATE, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, GALLINELLA, LUPO, PARENTELA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2730 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI L ABBATE, BENEDETTI, MASSIMILIANO BERNINI, GAGNARLI, GALLINELLA, LUPO, PARENTELA Istituzione

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

STATUTO SIMTREA Art. 1. - Art. 2. - Art. 3. - Art. 4. -

STATUTO SIMTREA Art. 1. - Art. 2. - Art. 3. - Art. 4. - STATUTO SIMTREA Art. 1. - E' costituita l'associazione denominata "Società Italiana di Microbiologia Agro- Alimentare e Ambientale" (SIMTREA). Essa è una libera Associazione di fatto, apatica e apolitica,

Dettagli

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari

Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari Capitolo Quarto Gestione accentrata di strumenti finanziari 1. NOZIONE DI GESTIONE ACCENTRATA DI STRUMENTI FINANZIARI L istituto della gestione accentrata per la custodia e l amministrazione di strumenti

Dettagli

STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI

STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI STATUTO DEL SINDACATO COMMERCIALISTI DI BOLOGNA TITOLO I^ - COSTITUZIONE E SCOPI - ARTICOLO 1. E costituita una Associazione denominata SIRBO Sindacato Commercialisti di Bologna alla quale possono aderire

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1

Profili della disciplina sulle banche. Lezione 1 1 Profili della disciplina sulle banche Lezione 1 1 Testo Unico Bancario (D. lgs. n. 385 del 1993). Testo Unico Finanziario (D. lgs. n. 58 del 1998) La disciplina bancaria il Testo Unico Bancario: (art.

Dettagli

Statuto associazione ideali Persone, Progetti, Territori

Statuto associazione ideali Persone, Progetti, Territori Statuto associazione ideali Persone, Progetti, Territori Art. 1. Costituzione E costituita l Associazione ideali, Persone, Progetti, Territori, di seguito ideali, quale luogo di elaborazione culturale

Dettagli

Regolamento recante riordino dell'ismea e revisione del relativo statuto IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Regolamento recante riordino dell'ismea e revisione del relativo statuto IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 31 marzo 2001, n. 200 (1). Regolamento recante riordino dell'ismea e revisione del relativo statuto (2). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 87, comma quinto, della Costituzione; Visto

Dettagli

INTERNATIONAL CRIME ANALYSIS ASSOCIATION STATUTO. Sede, costituzione, durata, oggetto sociale

INTERNATIONAL CRIME ANALYSIS ASSOCIATION STATUTO. Sede, costituzione, durata, oggetto sociale INTERNATIONAL CRIME ANALYSIS ASSOCIATION STATUTO Sede, costituzione, durata, oggetto sociale Art. 1. E costituita l associazione Culturale e Ricreativa, denominata International Crime Analysis Association

Dettagli

NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE

NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE febbraio 2010 AMBITO DI INTERVENTO DEL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE Il decreto di attuazione della direttiva revisione (2006/43/CE)

Dettagli

AGGIORNAMENTO. La società a responsabilità limitata. Oreste Cagnasso. Vol. V, Tomo 1. 1. Premessa.

AGGIORNAMENTO. La società a responsabilità limitata. Oreste Cagnasso. Vol. V, Tomo 1. 1. Premessa. Oreste Cagnasso La società a responsabilità limitata Vol. V, Tomo 1 AGGIORNAMENTO Sommario: 1. Premessa. - 2. La sopressione del libro dei soci. - 3. I controlli. - 4. Il capitale sociale. - 5. Le s.r.l.

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Art. 1 - Costituzione E costituita l Associazione denominata Amici della Zona Industriale associazione senza fini di lucro ai sensi dell art.36 e ss. del Codice Civile. Art. 2

Dettagli

STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL

STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL Art. 1 È costituita un associazione ricreativo-culturale denominata: Circolo Ricreativo Territoriale Cilento (Vallo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

STATUTO TITOLO I ART. 1 DENOMINAZIONE

STATUTO TITOLO I ART. 1 DENOMINAZIONE STATUTO TITOLO I ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita la Società di Mutuo Soccorso MUTUAPIU (di seguito indicata come Mutua). La Mutua acquisisce personalità giuridica ai sensi della legge 15 aprile 1886

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

STATUTO TITOLO I. Denominazione, Sede e Scopi

STATUTO TITOLO I. Denominazione, Sede e Scopi STATUTO TITOLO I Denominazione, Sede e Scopi Art. 1 - DENOMINAZIONE È costituita ad opera di: - San Quirico S.p.A. - ERG S.p.A. Una Fondazione denominata Fondazione Edoardo Garrone (in breve Fondazione

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

Statuto di Associazione

Statuto di Associazione Statuto di Associazione Sede, costituzione, durata, oggetto sociale Art. 1 E costituita l associazione Ricreativa, Culturale denominata... Il presente statuto viene redatto tenendo conto del D. L.gs 460

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1 Analisi fondamentale dei mercati Lezione 1 Definizione di commodity Il termine commodity indica ogni materiale di base (prodotti agricoli, minerari, energetici, ecc.) con caratteristiche di elevata standardizzazione

Dettagli

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica STATUTO Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Associazione Casa della Città Leopolda Piazza Guerrazzi 56125 Pisa Tel. 050.21531 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DELLA CITTÀ LEOPOLDA Titolo primo: i principi generali Art. 1 1. L Associazione Casa della

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 1 Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 OGGETTO: Richieste di informazioni ai sensi dell articolo 114, comma 5, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di indennità per scioglimento

Dettagli

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA

TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA STATUTO Allegato all Atto costitutivo dell Associazione denominata Cantalupo Volontari Protezione Civile Mandela redatto in data undici di febbraio anno duemilasei. Art. 1 TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita un Associazione denominata Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia con sede in Milano. Essa può costituire uffici esterni con le modalità che verranno

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA GLI STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI E LE SPA L art 2325 bis c.c. chiarisce l ambito di applicazione delle norme codicistiche in tema di s.p.a. asserendo, al secondo comma, che le norme del Titolo V

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ALZHEIMER IMOLA O N L U S STATUTO Art. 1 E costituita, con sede in Imola, una Associazione non riconosciuta, senza scopo di lucro, e per fini esclusivi di solidarietà, denominata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GOFFREDO DE BANFIELD APPROVATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 27 FEBBRAIO 2014

STATUTO ASSOCIAZIONE GOFFREDO DE BANFIELD APPROVATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 27 FEBBRAIO 2014 STATUTO ASSOCIAZIONE GOFFREDO DE BANFIELD APPROVATO DALL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEL 27 FEBBRAIO 2014 Articolo 1 - Denominazione E costituita una libera Organizzazione di volontariato denominata Associazione

Dettagli

Circolare n. 38/2013 IRDCEC concordato in bianco, procedura e aspetti della governance

Circolare n. 38/2013 IRDCEC concordato in bianco, procedura e aspetti della governance INDICE Esame di Stato dei Revisori legali e Registro revisori legali Direttiva n. 2014/56/UE Modifica direttiva 2006/43/CE Enti di interesse pubblico regolamento UE n. 537/2014 Formazione continua del

Dettagli

Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option

Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option Documento Informativo relativo al Piano di Stock Option 2010 a favore dell Amministratore Delegato della Società e di dipendenti della Società e di società controllate Questo documento (il Documento Informativo

Dettagli

I contratti del settore dei cereali

I contratti del settore dei cereali I contratti del settore dei cereali Ivano Vacondio 1.- Introduzione La filiera cerealicola rappresenta indubbiamente per dimensioni di volumi, di valori e di prodotti di prima e seconda trasformazione

Dettagli

STATUTO TIPO. ente non commerciale, senza scopo di lucro,

STATUTO TIPO. ente non commerciale, senza scopo di lucro, STATUTO TIPO Art. 1) ente non commerciale, senza scopo di lucro, costituito a tempo indeterminato, con sede in Riunisce i cultori della Motorizzazione Storica che sono ammessi ad esserne soci ai sensi

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

STATUTO. Costituzione, competenze, scopo, sede, durata, mezzi TITOLO Ι ART. 1 GENERALITA SEDE - DURATA

STATUTO. Costituzione, competenze, scopo, sede, durata, mezzi TITOLO Ι ART. 1 GENERALITA SEDE - DURATA STATUTO Costituzione, competenze, scopo, sede, durata, mezzi TITOLO Ι ART. 1 GENERALITA SEDE - DURATA E costituita la Associazione denominata PERCORSI e SAPORI. L Associazione è apartitica, non ha fini

Dettagli

Art.1 Costituzione dell Associazione Art.2 Caratteristiche dell Associazione Art.3 Finalità e Scopi dell Associazione

Art.1 Costituzione dell Associazione Art.2 Caratteristiche dell Associazione Art.3 Finalità e Scopi dell Associazione STATUTO Art.1 Costituzione dell Associazione E costituita una libera Associazione denominata S.P.E.S. Solidali Per l Età della Saggezza Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale.- Essa ha durata

Dettagli

STATUTO AMRI ONLUS. Art.1 DENOMINAZIONE SEDE E DURATA

STATUTO AMRI ONLUS. Art.1 DENOMINAZIONE SEDE E DURATA STATUTO AMRI ONLUS Art.1 DENOMINAZIONE SEDE E DURATA E istituita una Associazione di volontari denominata ASSOCIAZIONE PER LE MALATTIE REUMATICHE INFANTILI, indicata anche con la sigla AMRI. L Associazione

Dettagli

fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O

fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O fondo Chiara Rama ONLUS S T A T U T O Art. 1 Costituzione, democraticità della struttura, ed assenza del fine di lucro 1. E' costituita con sede in Leivi (Ge), via Cogozzale 8, l associazione denominata

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPO I Denominazione Sede Durata - Oggetto

CAPO I Denominazione Sede Durata - Oggetto STATUTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL 8 NOVEMBRE 2011 VERBALE REDATTO PER ATTO PUBBLICO AL N. 5244/1379 A REPERTORIO NOTAIO DOTT.SSA CLAUDIA GANGITANO, NOTAIO IN MILANO CAPO

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE Articolo 1. Denominazione - Natura - Sede - Durata Il Circolo Fotografico Milanese, di seguito CFM o Associazione, è un Ente Culturale, fondato nel 1930, che non

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice. 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari ------------------------------------------------- 3

Diritto dell Unione Europea. Indice. 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari ------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE V I PROCEDIMENTI PREVISTI DAI TRATTATI PER L ADOZIONE DEGLI ATTI NORMATIVI PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Le procedure per l adozione degli atti comunitari

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. TITOLO I Denominazione, durata e sede

STATUTO DI SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. TITOLO I Denominazione, durata e sede STATUTO DI SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO TITOLO I Denominazione, durata e sede Art. l. Denominazione E costituita una Società di Mutuo Soccorso denominata SOS MALNATE SMS, qui di seguito chiamata per brevità

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

STATUTO. c) beneficenza; d) istruzione; e) formazione; f) sport dilettantistico;

STATUTO. c) beneficenza; d) istruzione; e) formazione; f) sport dilettantistico; STATUTO ASSOCIAZIONE IL SORRISO DI CLAUDIO - ONLUS SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART 1) E costituita l Associazione Il sorriso di Claudio - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 448.500.000 I.V. SEDE SOCIALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

Signori Consiglieri, Signori Sindaci,

Signori Consiglieri, Signori Sindaci, MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I MERCATI REGOLAMENTATI SOMMARIO: 1. I mercati regolamentati. - 2. La disciplina dei mercati regolamentati: abrogazione dell obbligo di concentrazione delle negoziazioni. - 3. Registrazione

Dettagli

Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati

Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Bilancio al 31 dicembre 2012: prorogata la deroga sulla valutazione dei titoli non immobilizzati Premessa Il Decreto del 18 dicembre 2012 del Ministero

Dettagli

procedure indicate nel presente Statuto. Art. 4 Sede

procedure indicate nel presente Statuto. Art. 4 Sede STATUTO ENTE BILATERALE METALMECCANICI E SERVIZI in forma abbreviata En. Bi. M.S Art. 1 Costituzione In applicazione del CCNL per i Dipendenti delle Aziende e Cooperative dei settori metalmeccanico e installazione

Dettagli

STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli

STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli Via Campostrini 76-37020 Pedemonte (Vr) Tel.: 045/680.16.88 - Fax:045/683.16.84 STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli A.I.R.A.

Dettagli

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE TESTO INTEGRALE DELLA DIRETTIVA ARGOMENTI PER LA FORMAZIONE SINDACALE DIRETTIVA 94/45/CE DEL CONSIGLIO del 22 settembre 1994 riguardante l istituzione di

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA

STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA Art. 1 STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LIBICA COSTITUZIONE TITOLO I Costituzione sede-finalità-durata È costituita una Camera di Commercio mista denominata Camera di Commercio italo-libica, avente

Dettagli

STATUTO art. 1 art. 2

STATUTO art. 1 art. 2 STATUTO art. 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Sindacale Provinciale dei Titolari di Farmacia. Essa ha sede in Trento ed assume la denominazione Associazione sindacale dei

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi

Sezione Consultiva per gli Atti Normativi CONSIGLIO DI STATO Sezione Consultiva per gli Atti Normativi N. della Sezione: 3640/2010 OGGETTO: Ministero della giustizia. Schema di regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità

Dettagli

Oggetto: parere sulla legittimità dell erogazione ai magistrati di buoni pasto del valore di 7 Euro nel periodo anteriore al 15 luglio 2010.

Oggetto: parere sulla legittimità dell erogazione ai magistrati di buoni pasto del valore di 7 Euro nel periodo anteriore al 15 luglio 2010. Roma, 1 aprile 2014 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Oggetto: parere sulla legittimità dell erogazione ai magistrati di buoni pasto del valore di 7 Euro nel periodo anteriore al 15 luglio

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI C 95/22 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 21.3.2015 FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STATUTO DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI adottato il 14 giugno 1994 e modificato dall assemblea generale

Dettagli

C O M U N E D I VIBO VALENTIA

C O M U N E D I VIBO VALENTIA C O M U N E D I VIBO VALENTIA R E G O L A M E N T O AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE ART. 1 E istituito l Ufficio di Avvocatura civica dell Amministrazione

Dettagli

Art. 1. Denominazione

Art. 1. Denominazione Art. 1 Denominazione E costituito il Movimento Politico Culturale Multimediale - GENERAZIONE AURUNCA con sede legale in Maiano di Sessa Aurunca alla Via S.P. 124 presso i Beni Confiscati "A. Varone" Art.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE Allegato A alla delibera n. 294 del 13/12/2005 REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 Costituzione La Borsa Immobiliare dell Umbria, istituita con deliberazione della Giunta Camerale n. 719 del 25/11/1991 e successivi

Dettagli

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento. 3. La società europea e la delega nazionale. 4. Le procedure

Dettagli

Roma, 21 dicembre 2007

Roma, 21 dicembre 2007 C E M E N T E R I E D E L T I R R E N O SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 159.120.000 INTERAMENTE VERSATO COMUNICATO STAMPA ai sensi dell art. 66 del Regolamento n. 11971 approvato dalla Consob con delibera

Dettagli

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano STATUTO DELLA Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano Statuto della Fondazione Bergamo nella storia* Art. 1 - È costituita la fondazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera

Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera Sicurezza alimentare e nuovi assetti delle responsabilità di filiera Irene Canfora 1.- La costruzione del sistema europeo della sicurezza alimentare è avvenuta con il reg. 178/02 che ha definito i principi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA FUMANE TRIATHLON A.S.D. TITOLO I Denominazione - Sede - Scopi - Finalità e durata

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA FUMANE TRIATHLON A.S.D. TITOLO I Denominazione - Sede - Scopi - Finalità e durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA FUMANE TRIATHLON A.S.D. TITOLO I Denominazione - Sede - Scopi - Finalità e durata Articolo 1 Denominazione e sede È costituita con sede in Verona, Via

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio I. COSTITUZIONE, FINALITÀ, MODALITÀ STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ Art. 1 COSTITUZIONE È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio Direttivo ha la

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro di Giulia Tolve Il potenziamento della gestione contrattata dei mutamenti tecnologici ed economici Il terzo

Dettagli

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese contenuta nell art. 32 del D.L. n. 83 del 2012 contiene innovazioni di

Dettagli

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di

Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di Allegato B Coordinamento delle Associazioni di Volontariato e dei Gruppi Comunali di Protezione Civile Provincia di SCHEMA DI STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE È costituito, nello spirito della Costituzione

Dettagli

STATUTO Associazione Studenti Bicocca

STATUTO Associazione Studenti Bicocca STATUTO Associazione Studenti Bicocca Art.1 Costituzione 1.1 E costituita l associazione culturale studentesca denominata Associazione Studenti Bicocca, di seguito indicata come organizzazione. 1.2 I contenuti

Dettagli

Atto costitutivo dell Associazione Circolo Territoriale FITeL..

Atto costitutivo dell Associazione Circolo Territoriale FITeL.. Atto costitutivo dell Associazione Circolo Territoriale FITeL.. In data...in..., via...alle ore... si sono riuniti i signori : 1 2 3 per costituire un associazione senza fini di lucro denominata Circolo

Dettagli

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche

Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche Informazione al pubblico ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche DOCUMENTO INFORMATIVO, PREDISPOSTO AI SENSI DELL ART. 84 BIS COMMA 1 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

Dettagli