LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO"

Transcript

1 Anno N. 47 Direttore Responsabile Dr. Marco Zanini Registrazione Tribunale di Mantova n. 6 dell' 8/3/1972 Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Mantova Mercato di GIOVEDI 29 Novembre 2001 LISTINO DEI PREZZI ALL'INGROSSO Prezzi per merce di produzione mantovana, contattata sui mercati di Mantova, all'ingrosso a pronta consegna e pagamento franco luogo di produzione, ove non altrimenti indicato. STAMPE Spedizione in Abbonamento postale 70% Filiale di MANTOVA

2 Suini (a peso vivo) Suini da allevamento EURO EURO Kg. 15 Kg 3,150 3,099 Kg. 25 Kg 2,634 2,582 Kg. 30 Kg 2,412 2,386 Kg. 40 Kg 2,148 2,133 Kg. 50 Kg 1,988 1,988 Kg. 65 Kg 1,678 1,678 Kg. 80 Kg 1,498 1,498 Kg. 100 Kg 1,472 1,472 buono per i lattonzoli. Suini da macello EURO EURO oltre 130 a 145 kg. Kg 1,299 1,348 oltre 145 a 160 Kg. Kg 1,345 1,394 oltre 160 a 180 Kg. Kg 1,361 1,410 oltre 180 Kg. Kg 1,258 1,307 debole. Scrofe da macello EURO EURO 1^ qualità Kg 0,801 0,801 2^ qualità Kg 0,697 0,697 Pag. 2

3 Bovini (a peso vivo) Da macello EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Vacche di 1^ qualità Kg 0,439 0,594 0,439 0,594 Vacche di 2^ qualità Kg 0,284 0,413 0,284 0,413 Vitelloni incroci naz. con tori pie blue belga Kg 1,524 1,678 1,472 1,627 Vitelloni incroci naz. con tori da carne (limousine, charolaise e piemontese) Kg 1,420 1,524 1,369 1,472 Vitelloni limousine Kg 2,014 2,195 1,963 2,143 Vitelloni charolaise Kg 1,859 2,040 1,808 1,988 Vitelloni incroci francesi Kg 1,808 1,963 1,756 1,911 Vitelloni simmenthal bavaresi Kg 1,575 1,704 1,524 1,653 Vitelloni polacchi Kg 1,549 1,601 1,498 1,549 Vitelloni pezzati neri nazionali Kg 1,085 1,162 1,033 1,110 Tori pezzati neri da monta Kg 0,516 0,620 0,516 0,620 Manze pezzate nere nazionali Kg 0,775 0,878 0,775 0,878 Manze incroci naz. con tori pie blue belga Kg 1,394 1,498 1,394 1,498 Manze incroci naz. con tori da carne (limousine, charolaise e piemontese) Kg 1,343 1,446 1,343 1,446 Manze limousine Kg 2,221 2,376 2,221 2,376 Manze charolaise Kg 1,859 2,014 1,859 2,014 Attivo per i vitelloni. Vitelli da carne bianca da 230 a 260 Kg. EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Pezzati neri polacchi Kg 2,479 2,634 2,479 2,634 Pezzati neri nazionali Kg 2,169 2,427 2,117 2,376 buono per i pezzati neri nazionali. Da allevamento da latte: capi iscritti al libro genealogico EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Manzette pezzate nere da ingravidare al capo 671, , , ,685 Manze pezzate nere gravide da 3 a 7 mesi al capo 1084, , , ,851 Manze pezzate nere gravide oltre i 7 mesi al capo 1187, , , ,434 Vacche da latte pezzate nere sotto 5 anni al capo 826, , , ,622 Vacche da latte pezzate nere oltre i 5 anni al capo 723, , , ,331 Da allevamento da latte: capi non iscritti al libro genealogico EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Pag. 3

4 Bovini (a peso vivo) Manzette pezzate nere da ingravidare al capo 490, , , ,280 Manze pezzate nere gravide da 3 a 7 mesi al capo 826, , , ,622 Manze pezzate nere gravide oltre i 7 mesi al capo 929, , , ,914 Vacche da latte pezzate nere sotto 5 anni al capo 723, , , ,685 Vacche da latte pezzate nere oltre i 5 anni al capo 645, , , ,040 Vitelli da allevamento da latte EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Svezzati maschi incroci francesi da carne da 160 a180 Kg. Svezzati maschi Simmenthal-austriaci da 180 a 200 Kg. al capo 645, , , ,394 al capo 568, , , ,925 buono. Vitelli maschi pezzati neri EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX da Kg. Kg da Kg. Kg 1,394 1,601 1,343 1,549 da Kg. Kg 1,033 1,239 0,981 1,188 buono. Vitelli maschi incroci con tori limousine, charolaise e piemontese da Kg. Kg EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX da Kg. Kg 1,911 2,117 1,859 2,066 da Kg. Kg 1,704 1,911 1,653 1,859 buono. Vitelli maschi incroci con tori pie blue belga EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX da Kg. Kg 4,080 4,338 4,028 4,287 da Kg. Kg 3,977 4,235 3,925 4,183 da Kg. Kg 3,873 4,132 3,822 4,080 buono. Pag. 4

5 Carni Suine Macellate Fresche Carni suine EURO EURO Prosciutto per crudo da 11,5 a 14,5 Kg. (produzioni tipiche) Prosciutto per crudo da 9,8 a 11,5 Kg. (produzioni tipiche) Kg 4,132 4,132 Kg 3,899 3,899 Prosciutto per cotto da 9 a 11 Kg. Kg 3,047 3,047 Lombi taglio di Modena Kg 2,582 2,789 Lombi taglio di Milano Kg 2,737 2,970 Lombi taglio di Bologna Kg 2,789 3,047 Spalla fresca per cotto da 5 a 7 Kg. Kg 1,653 1,653 Fegato Kg 0,232 0,232 Spalla fresca disossata e sgrassata Kg 2,479 2,479 Coppa fresca, refilata sino a 2,5 Kg. Kg 2,995 2,995 Coppa fresca, refilata oltre 2,5 Kg. Kg 3,512 3,512 Grasso da fondere Kg 0,155 0,158 Pancetta fresca squadrata da 4 a 6 Kg. Kg 2,221 2,221 Pancettone Kg 1,214 1,214 Gola con cotenna e magro Kg 1,033 1,033 Lardo fresco spessore 3 cm. oltre (*) Kg 0,775 0,775 Strutto grezzo, allo stato sfuso in cisterna Kg 0,382 0,385 Lardo fresco spessore 4 cm. oltre (*) Kg 1,136 1,136 Strutto raffinato deodorato, sfuso in cisterna Kg 0,511 0,514 Lardello raffreddato, con cotenna Kg 0,465 0,465 pesante per i lombi, debole il resto del listino. Prodotti trasformati EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Mortadella 1^ qualità (marca "oro") Kg 4,906 5,165 4,906 5,165 Mortadella 2^ qualità Kg 3,564 3,822 3,564 3,822 Salame Mantovano Kg 11,104 11,620 11,104 11,620 Salame tipo Milano P.S. - 4 Kg. Kg 10,329 10,846 10,329 10,846 Prosciutto crudo nostrano Kg 9,813 10,329 9,813 10,329 Prosciutto cotto nazionale Kg 10,846 11,362 10,846 11,362 Salsicce di puro suino allo stato fresco Kg 3,615 3,873 3,615 3,873 Strutto in pani da 25 Kg. Kg 0,775 0,826 0,775 0,826 Pag. 5

6 Lattiero - Caseari Formaggio Grana - Grana Padano EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Produzione 2000 (1/4-30/6) Kg 6,301 6,404 6,301 6,404 Produzione 2000 (1/7-30/9) Kg 6,146 6,249 6,146 6,249 Produzione 2000 (1/10-31/12) Kg 6,146 6,249 6,146 6,249 Formaggio Grana - Parmigiano Reggiano EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Produzione 1999 (1/5-31/12) Kg 8,728 8,935 8,728 8,935 Produzione 1999 (1/1-31/12) Kg 8,728 8,935 8,728 8,935 Produzione 2000 (1/1-30/4) Kg 8,367 8,522 8,367 8,522 Produzione 2000 (1/1-31/12)(*) Kg 8,315 8,522 8,315 8,522 Burro EURO EURO Zangolato di creme fresche per la burrificazione Kg 2,014 2,014 Burro mantovano pastorizzato Kg Burro mantovano fresco classificazione CEE Kg 2,427 2,427 Siero di latte Ton. 6,197 6,197 Pag. 6

7 Cereali e Prodotti Affini e Derivati Frumento tenero EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Varietà speciali di forza (W 270 min.; c.e. 1% max.; p/l 0,80 max.; p.s. non inf. a Kg. 80/hl; umidità max. 14%) Superfino (W 200/270; c.e. 1% max.; p/l 0,70 max.; p.s. non inf. a Kg. 80/hl; umidità max. 14%) Fino (W 170/200; p/l 0.60/0.70 max.; c.e. 1% max.; p.s. non inf. a Kg. 80/hl; umidità max. 14%) Buono mercantile (p.s. non inf. a Kg. 78/hl; c.e. 1% max.; umidità max. 14%) Mercantile (p.s. non inf. a Kg. 75/hl; c.e. 3% max.; umidità max. 14%) Ton. Ton. 145, , , ,707 Ton. 140, , , ,059 Ton. 138, , , ,993 Ton. Granoturco nazionale EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX a frattura farinosa, ibridi e similari (umidità massima 14%) granella verde umidità al 25% uso foraggero Ton. 123, , , ,466 Ton. trinciati di mais 1 raccolto Ton. calmo. Semi oleosi EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Semi di soia nazionali (umidità 14% - Impurità 2% max) Ton. 219, , , ,912 Semi di soia esteri (franco arrivo) Ton. attivo. Sfarinati di frumento tenero tipo "0" EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX W 150/200 - proteine sul secco min. 11,0 Ton. 299, , , ,710 W 200/250 - proteine sul secco min. 11,5 Ton. 361, , , ,684 W 250/300 - proteine sul secco min. 12,0 Ton. 408, , , ,166 W oltre proteine sul secco min. 13,0 Ton. 418, , , ,495 Cereali minori EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Orzo nostrano in natura: p.s. sino a 62 Ton. 133, , , ,828 Pag. 7

8 Cereali e Prodotti Affini e Derivati Orzo nostrano in natura: p.s. oltre 62 sino a 66 (u. max. 14%) Orzo nostrano in natura: p.s. oltre 66 (u. max. 14%) Orzo estero nazionalizzato vestito (franco destino del compratore) Ton. 136, , , ,410 Ton. 142, , , ,608 Ton. 150, , , ,388 Farina di granoturco EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Integrale Ton. 150, , , ,838 Abburattata Ton. 267, , , ,623 Bramata Ton. 289, , , ,831 Farina di estrazione di soia tostata EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX di produzione nazionale (insaccata - imballaggio compreso) Ton. 277, , , ,634 alla rinfusa Ton. 252, , , ,811 Panello di lino in scaglie Ton. di produzione estera Ton. 240, , , ,064 calmo per le farine - panello di lino non quotato. Sottoprodotti della macinazione del frumento EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Crusca in sacchi (consegna con motrice) Ton. 179, , , ,464 Crusca in sacchi (per autotreno completo di provenienza da altre province) Ton. 175, , , ,848 Crusca alla rinfusa (consegna con motrice) Ton. 151, , , ,091 Crusca alla rinfusa (per autotreno completo di provenienza da altre province) Ton. 144, , , ,861 Tritello in sacchi Ton. 177, , , ,398 Tritello alla rinfusa Ton. 151, , , ,091 Farinaccio in sacchi Ton. 167, , , ,848 Farinaccio alla rinfusa Ton. 149, , , ,773 attivo. Pag. 8

9 Foraggi, Paglia e Mangimi Foraggio secco EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Maggengo di prato irriguo Ton. 126, , , ,861 Agostano Ton. 113, , , ,785 Terzuolo Ton. 105, , , ,038 Erba medica fienata 1 taglio Ton. 126, , , ,861 Erba medica fienata 2 taglio e successivi Ton. 129, , , ,279 calmo. Paglia di frumento pressata EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX da mietitrebbia in campo (Rotoballe) Ton. da mietitrebbia in cascina (Rotoballe) Ton. 51,646 56,810 51,646 56,810 Foraggi e paglia provenienti da fuori provincia - S. Benedetto Po EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Fieno 1 taglio 2001 Ton. 134, , , ,608 Erba medica 2 taglio 2001 Ton. 147, , , ,355 Paglia di frumento 2001 Ton. 77,469 82,633 77,469 82,633 Mangimi EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Mangime composto per vacche da latte Ton. 193, , , ,000 Mangime composto per suini da ingrasso Ton. 191, , , ,836 Mangime composto per scrofe Ton. 191, , , ,000 Polpe secche comuni da barbabietola (alla rinfusa) Ton. 139, , , ,443 Mangimi proteici concentrati per bovini Ton. 258, , , ,228 Mangimi proteici concentrati per suini con per cento di proteine Mangimi proteici concentrati per suini con per cento di proteine Ton. 253, , , ,228 Ton. 263, , , ,558 Pag. 9

10 Risone, Riso e Sottoprodotti Risone EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Vialone nano Ton. 449, , , ,128 Carnaroli Ton. 377, , , ,659 Arborio Ton. 335, , , ,520 Riso EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Vialone nano Ton. 1017, , , ,053 Arborio Ton. 666, , , ,875 Sottoprodotti della lavorazione del riso EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Corpetto Ton. 268, , , ,722 Mezzagrana Ton. 245, , , ,811 Granaverde Ton. 182, , , ,550 Farinaccio Ton. 112, , , ,950 Pula Ton. 58,360 59,393 56,810 57,843 Pula vergine Ton. 73,337 74,886 71,788 73,337 Pag. 10

11 Sementi Sementi in natura certificate E.N.S.E. EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Erba medica da seme di 1^ moltiplicazione Ton. Erba medica da seme di 2^ moltiplicazione Ton. Trifoglio Violetto Ton. Trifoglio Ladino Ton. Sementi selezionate certificate E.N.S.E. EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Erba medica da seme di 1^ moltiplicazione Ton. Erba medica da seme di 2^ moltiplicazione Ton. Trifoglio Violetto Ton. Trifoglio Ladino Ton. Frumento di 1^ moltiplicazione Ton. 697, , , ,546 Frumento di 2^ moltiplicazione Ton. 366, , , ,343 Orzo di 1^ moltiplicazione Ton. Orzo di 2^ moltiplicazione Ton. 433, , , ,153 Segale nostrana Ton. Segale di 1^ moltiplicazione Ton. 619, , , ,394 Avena Ton. Erbai Ton. Erbai polifiti Ton. Loietto Ton. 1136, , , ,851 Sementi cartellinate EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Panico Ton. Semi oleosi (selezionati) EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Ravizzone e colza Kg Seme di lino Ton. Seme di soia Ton. Seme di girasole sacco Pag. 11

12 Pioppi In piedi EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX da pioppeto Ton. 46,481 85,215 46,481 85,215 da ripa Ton. 25,823 36,152 25,823 36,152 Tronchi di pioppi (su autocarro in partenza) EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX da trancia diam. minimo 20 cm Ton. 77, ,785 77, ,785 da sega per imballo Ton. 46,481 56,810 46,481 56,810 da sega per tavolame Ton. 41,317 46,481 41,317 46,481 da cartiera diam. da 12 a 20 cm Ton. 30,987 33,570 30,987 33,570 da macinatura diam. da 5 a 12 cm (ramaglia) Ton. 12,911 15,494 12,911 15,494 da macinatura diam. da 5 a 16 cm (misto) Ton. 18,076 20,658 18,076 20,658 Pioppelle EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX certificate di 2 anni diam. cm 12-14,5 cad. certificate di 2 anni diam. cm 14,5-17 cad. certificate di 2 anni diam. oltre 17 cm cad. certificate di 1 anno R1 F1 cad. Pag. 12

13 Pollame e Conigli Pollame EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Galline da riforma allevamenti tradizionali (rurali): 1^ scelta Galline da riforma allevamenti tradizionali (rurali): 2^ scelta Galline da riforma allevamenti intensivi leggere (inferiori al Kg. 1,8): 1^ scelta Galline da riforma allevamenti intensivi leggere (inferiori al Kg. 1,8): 2^ scelta Galline da riforma allevamenti intensivi medie (da Kg. oltre 1,8 a Kg. 2,7): 1^ scelta Galline da riforma allevamenti intensivi medie (da Kg. oltre 1,8 a Kg. 2,7): 2^ scelta Galline da riforma allevamenti intensivi pesanti (oltre Kg. 2,7): 1^ scelta Galline da riforma allevamenti intensivi pesanti (oltre Kg. 2,7): 2^ scelta Polli di allevamento tradizionale (rurale): 1^ scelta Polli di allevamento tradizionale (rurale): 2^ scelta Polli di allevamento intensivo allevati a terra per tutto e parte del ciclo vitale: 1^ scelta Polli di allevamento intensivo allevati a terra per tutto e parte del ciclo vitale: 2^ scelta Polli di allevamento intensivo in batteria. 1^ scelta Polli di allevamento intensivo in batteria. 2^ scelta Kg 5,668 5,668 Kg 5,345 5,345 Kg 0,955 0,955 Kg 0,891 0,891 Kg 0,728 0,697 Kg 0,697 0,666 Kg 0,793 0,697 Kg 0,762 0,666 Kg 4,700 4,700 Kg 4,377 4,377 Kg 1,180 1,180 Kg 1,149 1,149 Kg Kg Tacchini da macello: 1^ scelta Kg 1,227 1,227 Tacchini da macello: 2^ scelta Kg 1,198 1,198 Tacchine da macello: 1^ scelta Kg 1,048 1,020 Tacchine da macello: 2^ scelta Kg 1,020 0,989 Anatre da macello: 1^ scelta Kg 2,376 2,311 Anatre da macello: 2^ scelta Kg 2,342 2,280 Oche da macello: 1^ scelta Kg 3,215 3,215 Oche da macello: 2^ scelta Kg 3,150 3,150 Faraone da macello di allevamento tradizionale (rurale): 1^ scelta Faraone da macello di allevamento tradizionale (rurale): 2^ scelta Faraone da macello di allevamento intensivo specializzato: 1^ scelta Kg Kg 6,314 6,314 Kg 1,955 1,955 Pag. 13

14 Pollame e Conigli Faraone da macello di allevamento intensivo specializzato: 2^ scelta Piccioni Kg 1,924 1,890 al capo calmo. Conigli EURO MIN EURO MAX EURO MIN EURO MAX Conigli vivi da Kg. 2 a 2 1/2 Kg 1,601 1,575 Conigli vivi da oltre Kg. 2 1/2 Kg 1,627 1,627 Conigli morti da Kg. 2 a Kg. 2 1/2 Kg 3,117 3,070 Conigli morti da oltre Kg. 2 1/2 Kg 3,163 3,163 calmo. Pag. 14

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 01 MEZZENA VIT/NE 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 12503100 Mezzena vit/ne Chianina 12603100 Mezzena vit/ne Danimarca 12700100 Mezzena vit/ne Francia femm. 12703100

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER L ELABORAZIONE DI DETERMINATE CARNI DI SUINO PESANTE DESTINATE AL CONSUMO TAL QUALI

DISCIPLINARE TECNICO PER L ELABORAZIONE DI DETERMINATE CARNI DI SUINO PESANTE DESTINATE AL CONSUMO TAL QUALI Pagina 1 di 46 DISCIPLINARE TECNICO PER L ELABORAZIONE DI DETERMINATE CARNI DI SUINO PESANTE DESTINATE AL (Legge regionale 13 agosto 2002, n. 21 del Friuli Venezia Giulia) REVISIONE DATA DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 Loredana De Gaetano 2 Sommario Lo scopo della tipologia comunitaria consiste nel fornire uno

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO 5 CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (i prodotti DOP e IGP che l OEA è tenuto ad offrire sono evidenziati in grassetto e sottolineati) REQUISITI QUALITATIVI DI CARATTERE GENERALE

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO parte edibile) Milza, bovino 42.0000 Fegato, suino 18.0000 Tè, in foglie 15.2000 Cacao, amaro in polvere 14.3000 Crusca di frumento 12.9000 Fegato, ovino 12.6000 Storione,

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi.

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Doc. 263A0281.900.htm di Origine Nazionale emanato da: Presidente della Repubblica e pubblicato su: Gazzetta Uff.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Agraria Corso: Tecniche di allevamento animale Bovini da carne (Aspetti della linea vacca-vitello) Docente: Prof. Gianfranco Greppi Studente: Gianluigi

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

60,99 cad. Monet. Da soli

60,99 cad. Monet. Da soli Monet Da soli 60,99 cad. Cesto in vimini intrecciato bicolore con manici: Panettone classico Milanese, incartato a mano Tre Marie, 750 g Bottiglia legatura Mionetto frizzante Mionetto, 750 ml Bottiglia

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Autore: Felice Sansonetti Reperibile presso: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Comprensorio Sanitario di Bolzano Servizio

Dettagli

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Sicurezza alimentare Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Indice Introduzione 3 1. La sicurezza inizia al momento dell acquisto 4 2. La dispensa moderna: il vostro frigorifero 6

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna Sommario Il progetto Gli esperti 2 3 DOP e IGP: qualità certificata La normativa I Consorzi

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.)

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) Pollo013-2 1 Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) 2 1 Fattori esogeni - Tipo di alimentazione (animale-vegetale) - Tecnologia di allevamento - Ambientale

Dettagli

Atlante dei prodotti tipici e tradizionali

Atlante dei prodotti tipici e tradizionali Atlante dei prodotti tipici e tradizionali Presentazione La Lombardia può vantare una grande storia nella produzione e trasformazione di prodotti agroalimentari, che deriva dalla particolare conformazione

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO PIAZZA CITTADELLA,8/9 - TEL. 059/222410-223430 FAX 224946 MODENA

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO PIAZZA CITTADELLA,8/9 - TEL. 059/222410-223430 FAX 224946 MODENA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO PIAZZA CITTADELLA,8/9 - TEL. 059/222410-223430 FAX 224946 MODENA Modena, 7/4/2011 DECRETO N. 5/2011 IL DIRETTORE VISTA la

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani Progetto Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Come presa in carico di responsabilità, di tutoraggio Percorso1 dalla spiga al pane Percorso

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON COMMERCIALI

TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON COMMERCIALI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON

Dettagli

La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto

La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto Ester Giolo 29/01/2014 1 INDICE Cos è la condizionalità? Impegni comuni e specifici Il campione Il controllo L esito La consulenza Appendice

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli