N aprile 2002 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 14 6 aprile 2002 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA. Listino dei prezzi all'ingrosso."

Transcript

1 N aprile 2002 CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PARMA MERCATO DI PARMA Listino dei prezzi all'ingrosso IVA esclusa I prezzi sono rilevati dalle apposite Commissioni previste dal Regolamento della Borsa Merci di Parma e, per il bestiame bovino e i foraggi, dal Comitato Tecnico previsto dal Regolamento del Mercato bestiame del Comune di Parma. ANDAMENTO DEL MERCATO PRODOTTI PREZZI SCAMBI 1 - ZANGOLATO Stazionari Calmi 2 - FORMAGGIO Stazionari Buoni 3 - GRANAGLIE, FARINE E SOTTOPRODOTTI In diminuzione Normali 4 - CIPOLLE E PATATE Stazionari Normali 5 - UVE DERIVATI DEL POMODORO Stazionari Normali 7 - SUINI In diminuzione Calmi 8 - CARNI FRESCHE SUINE E GRASSINE Stazionari Calmi 9 - SALUMI Stazionari Calmi 10 - POLLAME In diminuzione Calmi - UOVA In diminuzione Calmi 11 - PELLI GREZZE FRESCHE, GRASSO E OSSI In lieve aumento Normali 12 - SIERO DI LATTE Stazionari Normali 13 - RESIDUI DI POMODORO Non quotati BESTIAME BOVINO Non quotati FORAGGI Non quotati -- Pubblicazione settimanale Spedizione in abbonamento postale - c.20/c - Art.21, 662/96 - P.I. Filiale di Parma Registrazione del Tribunale di Parma n. 338 del ABBONAMENTO ANNUALE 25,82 NUMERO SEPARATO 0,50 I versamenti possono effettuarsi sul c/c postale n , oppure direttamente presso la Camera di Commercio I.A.A. di Parma, Via Verdi, 2 - Tel Fax Direttore responsabile: DANIELE ALFIERI Indirizzo Internet: http//www.pr.camcom.it Redazione ed editing: Ufficio Prezzi della CCIAA di Parma Stampa: Tipolitografia GHIDINI - Via Mantova, 89/d - Parma - Tel. 0521/271433

2 2 P R O D O T T I T R A T T A T I N E L L A B O R S A M E R C I 1 - RILEVAZIONE DEL MERCATO DEL MERCOLEDI' Unità Rilevazione Rilevazione DENOMINAZIONE E QUALITA' di 27 marzo aprile 2002 misura min. max. max. Fasi di scambio, condizioni di vendita ed altre note ZANGOLATO DI CREME FRESCHE PER BURRIFICAZIONE della provincia di Parma, destinato ad ulteriore lavorazione, raffreddato e conservato a temperatura inferiore a 4 C, materia grassa minima 82%, residuo secco magro max 2%, acidità max 1%. 1,83 1,83 In panoni incartati, franco caseificio di produzione, pagamento a vista fattura. FORMAGGIO Formaggio Parmigiano-Reggiano di qualità scelto 12% fra 0-1 per quantità di circa 1000 Franco magazzino venditore. forme a quadrimestre. Produzione 2000 Periodo riferimento 1 gen - 30 apr 8,93 9,24 8,93 9,24 Periodo riferimento 1 mag - 30 ago Periodo riferimento 1 set - 31 dic Periodo riferimento 1 gen - 30 ago Periodo riferimento 1 mag - 31 dic Periodo riferimento 1 gen - 31 dic Produzione 2001 Periodo riferimento 1 gen - 30 apr 8,16 8,42 8,21 8,42 Periodo riferimento 1 mag - 30 ago Periodo riferimento 1 set - 31 dic Periodo riferimento 1 gen - 30 ago Periodo riferimento 1 mag - 31 dic Periodo riferimento 1 gen - 31 dic GRANAGLIE, FARINE E SOTTOPRODOTTI Frumento: sano,secco,leale, mercantile, tolleranza 2% di corpi estranei. Duro nazionale - peso per hl non inferiore a 78 t 192,60 197,80 191,60 196,80 - peso per hl non inferiore a 76 t 187,40 192,60 186,40 191,60 Per merce su veicolo partenza, alla rinfusa, franco magazzino stoccaggio, piazza di Parma, pagamento a vista fattura Tenero nazionale - di forza (Manital, Salmone), peso hl non inferiore a 80 t superfino (Mieti, MEC e similari) peso hl non inferiore a 79 t 143,50 148,60 140,50 145,60 - fino, peso hl non inferiore a 79 t 140,90 143,50 137,90 140,50 - buono mercantile, peso hl non inf. a 76 t 135,70 138,30 132,70 135,30 Granoturco: sano, secco, leale, mercantile: Nazionale t 127,40 129,90 127,40 129,90 Estero nazionalizzato t Orzo: sano, secco, leale, mercantile: Nazionale - peso hl da 58 a 62 t 123,40 126,00 121,40 124,00 - peso hl da 63 a 67 t 128,60 131,10 126,60 129,10 - peso hl 68 ed oltre t 132,70 133,70 130,70 131,70 Estero pesante t Avena: sana, secca, leale, mercantile: - nazionale t estera pesante t

3 3 Unità Rilevazione Rilevazione Fasi di scambio, DENOMINAZIONE E QUALITA' di 27 marzo aprile 2002 condizioni di vendita Farina di frumento tenero: - con caratteristiche di legge: - tipo 00 t 283,50 284,60 283,50 284,60 - tipo 0 t 281,50 282,50 281,50 282,50 - con caratteristiche superiori al minimo di legge - tipo 00 t 342,90 344,00 342,90 344,00 - tipo 0 t 340,90 341,90 340,90 341,90 Crusca di frumento tenero t 154,00 155,00 151,00 152,00 Per merce franco molino, resa su autocarro in sacchi di carta, pronta consegna, pagamento vista fattura. PATATE E ORTAGGI Patate: Varietà: Tipo "lunghe" - Bintie - Saskjia Majestic, ecc. 0,4132 0,4648 0,4132 0,4648 Tipo tonde - Primura 0,4132 0,4648 0,4132 0,4648 Cipolle: Varietà: "Bianca di Barletta" comunemente chiamata Maggiolina, con gambo "Borettana", con gambo: - 1^ qualità, a lunga conservazione 0,2582 0,2841 0,2582 0,2841-2^ qualità, per immediata lavoraz. 0,2066 0,2169 0,2066 0,2169 Ibride tonde paglierine, con gambo: - 1^ qualità, a lunga conservazione ^ qualità, per immediata lavoraz "Bianca invernale", con gambo: "Rossa invernale", con gambo: - 1^ qualità, a lunga conservazione ^ qualità, per immediata lavoraz "Dorata vera Parma", con gambo: - 1^ qualità, a lunga conservazione 0,1807 0,2065 0,1807 0,2065-2^ qualità, per immediata lavoraz '"Mitria": Merce sana mercantile, pronta consegna, franco azienda produzione Aglio: Varietà: Bianca con gambo Rossa, primaticcia, con gambo UVE Uve per vini DOC "Colli di Parma" (1): - Malvasia Moscato Sauvignon Barbera Bonarda e Croatina Uva bianca: - I.G.T. di collina I.G.T. di pianura mercantile di pianura Uva rossa: - I.G.T. di collina Fortana Lambrusco Per merce sana, matura non grandinata, franco azienda produzione. (1) In conformità al disciplinare di produzione dei vini DOC "Colli di Parma" approvato con DPR , (G.U , n. 68).

4 4 Unità Rilevazione Rilevazione Fasi di scambio, DENOMINAZIONE E QUALITA' di 27 marzo aprile 2002 condizioni di vendita DERIVATI DEL POMODORO Triplo concentrato: A - Mercato nazionale Residuo refrattometrico minimo 36% - in fusti sterili o similari, peso netto 0,723 0,785 0,723 0,785 - in barattoli di marca da 1/2 nominale cad. 0,563 0,615 0,563 0,615 - in tubetti di marca da 280 g peso netto cad. 0,501 0,558 0,501 0,558 - in tubetti di marca da 185 g peso netto cad. 0,320 0,346 0,320 0,346 B - Esportazione Residuo refrattometrico medio 37% - in fusti sterili e similari, peso netto 0,730 0,785 0,730 0,785 - in barattoli di marca da 5/1 nominali cad. 4,545 4,803 4,545 4,803 - in tubetti di marca da 100 g peso netto cad. 0,248 0,279 0,248 0,279 - in tubetti di marca da 200 g peso netto cad. 0,325 0,362 0,325 0,362 Prezzi variabili secondo specifiche qualitative del prodotto e dell'imballaggio Merce resa franco partenza stabilimento venditore, imballaggio compreso. Pagamento 30/60 giorni data fattura. Doppio concentrato: A - Mercato nazionale Residuo refrattometrico minimo 28% -in fusti sterili o similari 0,580 0,604 0,580 0,604 - in sacchi sterili, peso netto: - 10 cad. 6,714 7,230 6,714 7, cad. 12,911 13,944 12,911 13,944 - in barattoli di marca da: - 1/5 nominale cad. 0,186 0,207 0,186 0,207-1/2 nominale cad. 0,480 0,542 0,480 0,542-4/4 nominale cad. 0,930 0,992 0,930 0,992-5/1 nominale cad. 3,615 3,873 3,615 3,873 - in tubetti di marca da 130 g peso netto cad. 0,258 0,304 0,258 0,304 B - Esportazione Residuo refrattometrico medio 29% - in fusti sterili e similari, peso netto, CB 0,580 0,610 0,580 0,610 - in fusti sterili e similari, peso netto, HB 0,609 0,635 0,609 0,635 - in barattoli di marca da: - 1/5 nominale cad. 0,181 0,207 0,181 0,207-1/2 nominale cad. 0,440 0,491 0,440 0,491-4/4 nominale cad. 0,852 0,904 0,852 0,904-5/2 nominale cad. 2,070 2,195 2,070 2,195-3/1 nominale cad. 2,221 2,376 2,221 2,376-5/1 nominale CB cad. 3,620 3,873 3,620 3,873-5/1 nominale HB cad. 3,770 4,030 3,770 4,030 - in tubetti di marca da 150 g peso netto cad. 0,248 0,300 0,248 0,300 - in tubetti di marca da 200 g peso netto cad. 0,284 0,336 0,284 0,336 I prezzi all'esportazione sono validi per consegna e/o pagamento entro 60 giorni. Semplice concentrato: Residuo refrattometrico minimo 22% Esportazione - in fusti sterili e similari, peso netto, HB 0,480 0,501 0,480 0,501 Semiconcentrato (passata): Mercato nazionale ed esportazione - in fusti sterili, residuo refratt. 10% 0,300 0,321 0,300 0,321 - in bottiglie 700 g peso netto cad. 0,310 0,377 0,310 0,377 Polpa di pomodoro (pomodori triturati) Residuo refrattometrico 6-8% Mercato nazionale ed esportazione - in fusti sterili e similari, peso netto 0,362 0,390 0,362 0,390 - in sacchi sterili, peso netto: - 8 cad. 3,460 3,672 3,460 3, cad. 3,873 4,138 3,873 4, cad. 7,231 8,269 7,231 8,269 - in barattoli di marca da: - 1/2 nominale cad. 0,258 0,310 0,258 0,310-4/4 nominale cad. 0,439 0,491 0,439 0,491-3/1 nominale cad. 1,140 1,291 1,140 1,291-5/1 nominale cad. 1,704 2,070 1,704 2,070

5 2 - RILEVAZIONI DEL MERCATO DEL SABATO 5 Unità Rilevazione Rilevazione Fasi di scambio, DENOMINAZIONE E QUALITA' di 30 marzo aprile 2002 condizioni di vendita DA ALLEVAMENTO SUINI ,740 3,120 2,820 2,380 2,070 1,730 1,510 1,450 3,700 3,080 2,790 2,350 2,050 1,710 1,490 1,430 Suini: Consegna sul luogo di allevamento partenza, peso vivo, pagamento vista fattura DA MACELLO - da 130 a da 144 a da 156 a da 176 a da 180 a oltre 185 1,038 1,105 1,120 1,095 1,028 0,981 1,018 1,085 1,100 1,075 1,008 0,961 SCROFE DA MACELLO - I^ qualità - II^ qualità CARNI FRESCHE SUINE E GRASSINE Prosciutto per crudo "Parma" da 12,0-14,8 (peso medio 13,2 ) 3,68 ± 10% 3,68 ± 10% Prosciutto per crudo "Parma" da 10,0-12,0 (peso medio 11,0 ) 3,37 ± 10% 3,37 ± 10% Prosciutto per crudo da sale da 8,5-10,0 2,00 ± 10% 2,00 ± 10% Prosciutto per cotto fino a 11,5 2,40 2,40 Prosciutto per cotto da 11,5 a 14,5 3,44 Coppa da 2,5 e oltre 3,07 Lombo taglio Modena Spalla disossata Trito da salame Gola senza cotenna e senza magro Pancetta squadrata Lardello con cotenna da lavorazione Grasso da fusione Lardo spessore 3 cm + (*) Lardo spessore 4 cm + (*) Strutto raffinato deodorato in cisterna Strutto grezzo in cisterna SALUMI: PROSCIUTTO Prosciutto di Parma con osso (1) - Da produttore a distributore all'ingrosso per lotti selezionati (*) - da 8,5 a 11,0 9,09 10,10 9,09 10,10 - Da produttore a produttore per partite intere (**) - da 8,5 a 11,0 7,85 9,03 7,85 9,03 - inferiore a 8,5 7,50 8,30 7,50 8,30 Prosciutto crudo stagionato con osso - Da produttore a distributore all'ingrosso per lotti selezionati - da 8,0 e oltre 6,00 6,40 6,00 6,40 - inferiore a 8,0 5,10 5,60 5,10 5,60 ALTRI SALUMI - Da produttore a distributore all'ingrosso 0,580 0,480 3,35 2,20 2,30 0,63 1,87 0,35 0,10 0,82 1,64 0,45 0,30 0,580 0,480 3,44 3,07 3,30 2,15 2,25 0,63 1,35 0,35 0,10 0,82 1,64 0,45 0,30 Salame di Felino puro suino 10,20 10,40 10,20 10,40 Coppa di Parma stagionata 8,50 8,70 8,50 8,70 Pancetta di Parma c.c. stagionata 5,25 5,35 5,25 5,35 Carni fresche: Prezzi riferiti al periodo che va dal lunedì precedente al sabato nel quale viene fatta la rilevazione Per il prosciutto per crudo i prezzi effettivi di mercato possono oscillare fino al 10% in più o in meno rispetto ai prezzi unici indicati. Per lardello, grasso, lardo e strutto prezzi franco stabilimento di partenza, pagamento per contanti. (*) Misurazione al centro della mezzena Salumi: Prezzi riferiti al periodo che va dal lunedì precedente al sabato nel quale viene fatta la rilevazione (1) Prezzi franco stabilimento produttore (stagionatore), pronta consegna e pagamento a vista Prosciutti marchiati dal Consorzio del Prosciutto di Parma, in conformità alla L. 13,2,90, n. 26, tutela della denominazione di origine "Proscitto di Parma" (G.U. 20,2,90), sostitutiva della L. 4,7,1970, n. 506, modificata dalla L. 19,2,1992, n. 142, art. 60 (G.U. 20,2,92, n. 42, suppl. ord.) e al regolamento di esecuzione della stessa L. 26/90 emanato con DM 15,2,1993, n. 253 (G.U. 26,7,1993, n. 173). (*) Con 16 mesi e oltre di stagionatura (**) Con stagionatura non inferiore a mesi a seconda della pezzatura

6 6 Unità Rilevazione Rilevazione Fasi di scambio, DENOMINAZIONE E QUALITA' di 30 marzo aprile 2002 condizioni di vendita POLLAME E UOVA Polli novelli 1^ qualità 1,540 1,580 1,540 1,580 allevati a terra leggeri 0,720 0,740 0,670 0,690 allevati a terra pesanti 0,800 0,820 0,760 0,780 Galline di allevamento: medie allevate a terra 0,568 0,620 0,568 0,620 medie allevate in batteria 0,240 0,260 0,240 0,260 pesanti 0,250 0,300 0,250 0,300 Capponi Oche Tacchini maschi novelli " femmine novelle (peso 3,5-3,8 ) Tacchini di allevamento: maschi 0,870 0,890 0,830 0,850 femmine 0,750 0,770 0,720 0,740 Faraone 1,580 1,620 1,580 1,620 Anatre di allevamento mute, maschi 1,530 1,550 1,530 1,550 Anatre di allevamento mute, femmine 1,530 1,550 1,530 1,550 Piccioni 6,700 7,200 6,700 7,200 Conigli 1,250 1,310 1,150 1,210 Conigli di allevamento 1,310 1,370 1,210 1,270 Per merce a peso vivo, tranne i piccioni considerati a peso morto, resa franco azienda produttore, escluso l'imballo. Uova nazionali selezionate, guscio colorato, fresche, cat. A con camera d'aria fino a 6 mm min. max. min. max. (Reg. CEE 1511/96): - XL grandissime 73 g e più cad. - L grandi da 63 a 73 g cad. - M medie da 53 a 63 g cad. - S piccole meno di 53 g cad. 0,0970 0,0840 0,0785 0,0655 0,0950 0,0820 0,0765 0,0635 Per merce resa franco centro di imballaggio, per pronta consegna e pagamento. Unità Rilevazione Rilevazione Fasi di scambio, DENOMINAZIONE E QUALITA' di 2 marzo aprile 2002 condizioni di vendita PELLI GREZZE FRESCHE, GRASSO E OSSI 3 - RILEVAZIONE DELLE MATERIE PRIME SECONDARIE Rilevazioni del primo sabato del mese precedente Pelli bovine con testa e zampe: Vacche 30 meno 0,58 0,62 0,59 0,63 Vacche 30 più 0,53 0,57 0,54 0,58 Vitelloni 30 meno 0,68 0,73 0,69 0,74 Vitelloni ,65 0,70 0,66 0,70 Vitelloni 45 più 0,62 0,67 0,63 0,68 Pelli bovine senza testa e zampe: Vacche 27 meno 0,67 0,70 0,70 0,72 Vacche 27 più 0,66 0,75 0,68 0,75 Vitelli ,53 1,56 1,62 1,66 Vitelloni ,99 1,04 1,01 1,06 Vitelloni ,78 0,83 0,80 0,85 Vitelloni 40 più 0,73 0,77 0,73 0,77 Pelli equine con testa e zampe Cavalli 0,57 0,62 0,57 0,62 Puledri 0,57 0,62 0,57 0,62 Asini 0,05 0,05 0,05 0,05 Muli 0,05 0,05 0,05 0,05 Grasso bovino ed equino N.Q. N.Q. N.Q. N.Q. Ossa fresche bovine ed equine N.Q. N.Q. N.Q. N.Q. Ossa fresche di suino N.Q. N.Q. N.Q. N.Q. Pelli fresche greggie da produttore-macellaio a raccoglitore, rese franco produttore, provenienti da bestiame allevato in alta Italia e/o di natura equivalente, scuoiate meccanicamente e/o comunque a regola d'arte, prive di grasso, carniccio, musi e unghioli. Pelli quadrate, senza alette e con zampe tagliate al ginocchio. Base 1^ scelta. Per pelli tarolate o fortemente difettose, abbuoni corrispondenti alla entità delle imperfezioni. Pagamento per contanti a fine mese. (*) Grasso e ossa: a causa della crisi "mucca pazza" i produttori contribuiscono allo smaltimento con prezzi stabiliti di volta in volta

7 7 DENOMINAZIONE E QUALITA' SIERO Siero di latte: residuato della lavorazione del Unità Rilevazione Rilevazione di 27 febbraio marzo 2002 misura min. max. min. max. formaggio grana, franco caseificio 100 0,2582 0,3099 0,2582 0,3099 RESIDUI DI POMODORO Rilevazione Rilevazione min. max. min. max. Bucce, semi e cellulosa: umidità 10% circa Fasi di scambio, condizioni di vendita ed altre note Il prezzo del siero viene rilevato l'ultimo mercoledì di ogni mese. Pagamento alla presentazione della fattura. Per merce franco partenza, resa su autocarro, alla rinfusa, pagamento a vista fattura. PRODOTTI TRATTATI SUL MERCATO BESTIAME DEL COMUNE DI PARMA Da Macello: DENOMINAZIONE E QUALITA' BESTIAME BOVINO Vitelli da latte di razze da carne pregiate(*) Unità Rilevazione Rilevazione di misura min. max. min. max. - altre razze 1^ qualità - altre razze 2^ qualità Vitelloni di razze da carne pregiate (*) - altre razze 1^ qualità - altre razze 2^ qualità Tori di razze da carne pregiate (*) - altre razze 1^ qualità - altre razze 2^ qualità Fasi di scambio, condizioni di vendita ed altre note Il Mercato Bestiame ha riaperto dopo la sospensione disposta dalla ordinanza regionale n. VET/01/9562. La pubblicazione delle quotazioni sarà effettuata non appena saranno comunicate le nuove voci e le nuove condizioni di vendita. Manzi e manze di da carne pregiate 1^ qualità (*) - razze da carne pregiate 2^ qualità (*) - altre razze 1^ qualità - altre razze 2^ qualità Vacche di razze da carne pregiate (*) - altre razze 1^ qualità - altre razze 2^ qualità - altre razze 3^ qualità Da allevamento e riproduzione Vitelli baliotti di razze da carne pregiate extra (*) - razze da carne pregiate (*) - altre razze 1^ qualità - altre razze 2^ qualità FORAGGI Fieno di prato stabile 1 taglio Fieno di prato stabile 2 taglio Fieno di prato stabile 3 taglio Fieno maggengo 1 taglio - 1 qualità Fieno maggengo 1 taglio - 2 qualità Fieno 2 e 3 taglio - 1 qualità Fieno 2 e 3 taglio - 2 qualità Paglia di frumento 100

8 8 PRODOTTI PETROLIFERI Prezzi medi informativi di libero mercato rilevati ad iniziativa degli operatori (fornitori) del settore a Parma Rilevazione quindicinale effettuata da ASCOM - Parma Unità Prezzi medi (IVA esclusa) Fasi di scambio, DENOMINAZIONE E QUALITA' di Rilevazione Rilevazione condizioni di vendita misura 15 marzo marzo 2002 ed altre note Olio combustibile fluido 3-5 Engler (uso riscaldamento civile - zolfo 0,3%): - Per consegne fino a ,645 0,652 Prezzo al consumo per - Per consegne fino a ,628 0,640 merce nuda, resa franco - Per consegne fino a ,621 0,636 domicilio consumatore, - Per consegne fino a ,610 0,626 IVA esclusa, pagamento - Per consegne oltre ,599 0,617 per contanti. Gasolio per uso riscaldamento: - Per consegne fino a litri 2000 l 0,830 0,813 Prezzo al consumo - Per consegne fino a litri 5000 l 0,823 0,805 franco domicilio - Per consegne fino a litri l 0,817 0,798 consumatore, IVA - Per consegne fino a litri l 0,807 0,786 esclusa, pagamento - Per consegne oltre litri l 0,801 0,780 per contanti. Carburanti per uso agricolo: Benzina super senza piombo l 0,799 0,861 Prezzo al consumo per Petrolio autotrazione l 0,915 N.Q. merce nuda, resa franco Gasolio agricolo (agevolato): domicilio consumatore, - Per consegne fino a l 1000 l 0,488 0,508 IVA esclusa, pagamento - Per consegne fino a l 2000 l 0,474 0,493 per contanti. - Per consegne fino a l 5000 l 0,464 0,485 - Per consegne oltre l 5000 l 0,456 0,475 G.P.L. sfuso - Uso combustione Prezzo franco domicilio - Per consegne di litri 1000 in cisterna compratore, IVA esclusa, di proprietà del venditore l 0,713 0,712 pagamento alla consegna.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128)

Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06. (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Allegato IV alla parte V del D.lgs. 152/06 (testo integrato con le modifiche apportata dal D.lgs. 29 giugno 2010, n. 128) Impianti e attività in deroga. Parte I Impianti ed attività di cui all'articolo

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale

01 MEZZENA VIT/NE. 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 12800100 Mezzena vit/ne Francia Averon femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 01 MEZZENA VIT/NE 110001100 Mezzena vit/ne Nazionale femm. 110031100 Mezzena vit/ne Nazionale 12503100 Mezzena vit/ne Chianina 12603100 Mezzena vit/ne Danimarca 12700100 Mezzena vit/ne Francia femm. 12703100

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Premessa. Riferimenti normativi

Premessa. Riferimenti normativi Circolare esplicativa relativa alle attività con emissioni in atmosfera scarsamente rilevanti art. 272 c. 1 del d.lgs 152/06 come modificato dal d.lgs 128/2010. Premessa L entrata in vigore del d.lgs 128/2010

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff Tutti i prodotti che potete assaporare, pane, pasta fresca,dolci e quant'altro sono tutti confezionati dalla nostra cucina. Poniamo particolare attenzione ai prodotti tipici locali e alle materie prime

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER L ELABORAZIONE DI DETERMINATE CARNI DI SUINO PESANTE DESTINATE AL CONSUMO TAL QUALI

DISCIPLINARE TECNICO PER L ELABORAZIONE DI DETERMINATE CARNI DI SUINO PESANTE DESTINATE AL CONSUMO TAL QUALI Pagina 1 di 46 DISCIPLINARE TECNICO PER L ELABORAZIONE DI DETERMINATE CARNI DI SUINO PESANTE DESTINATE AL (Legge regionale 13 agosto 2002, n. 21 del Friuli Venezia Giulia) REVISIONE DATA DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO PIAZZA CITTADELLA,8/9 - TEL. 059/222410-223430 FAX 224946 MODENA

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO PIAZZA CITTADELLA,8/9 - TEL. 059/222410-223430 FAX 224946 MODENA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO PIAZZA CITTADELLA,8/9 - TEL. 059/222410-223430 FAX 224946 MODENA Modena, 7/4/2011 DECRETO N. 5/2011 IL DIRETTORE VISTA la

Dettagli

Refrigerazione industriale

Refrigerazione industriale Refrigerazione industriale leadership with passion leadership with passion www.luve.it Refrigerazione industriale pag 2 Conservazione di frutta e verdura fresca 7 Celle carne 11 Centri logistici 16 leadership

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON COMMERCIALI

TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON COMMERCIALI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

60,99 cad. Monet. Da soli

60,99 cad. Monet. Da soli Monet Da soli 60,99 cad. Cesto in vimini intrecciato bicolore con manici: Panettone classico Milanese, incartato a mano Tre Marie, 750 g Bottiglia legatura Mionetto frizzante Mionetto, 750 ml Bottiglia

Dettagli

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO

CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO CONTENUTO DI FERRO (100 g.di ALIMENTO parte edibile) Milza, bovino 42.0000 Fegato, suino 18.0000 Tè, in foglie 15.2000 Cacao, amaro in polvere 14.3000 Crusca di frumento 12.9000 Fegato, ovino 12.6000 Storione,

Dettagli

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Autore: Felice Sansonetti Reperibile presso: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Comprensorio Sanitario di Bolzano Servizio

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La contraffazione alimentare

La contraffazione alimentare disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 1 La contraffazione alimentare Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_alimentari 2-07-2012 12:59 Pagina 2 Le due tipologie

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna

SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna SALUMI ITALIANI DOP E IGP: Miglioramento nutrizionale e ruolo dei salumi in un'alimentazione equilibrata e moderna Sommario Il progetto Gli esperti 2 3 DOP e IGP: qualità certificata La normativa I Consorzi

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche I RISTORANTI DEL BUON VINO Marchio OSPITALITA ITALIANA della Ristorazione Tipica Astigiana Appendici I, II, III al Disciplinare per la qualificazione dei ristoranti tipici della provincia di Asti Appendice

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO

Progettazione e sviluppo di un sistema di tracciabilità e rintracciabilità di filiera AZIENDE DI STOCKAGGIO ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SpA Sede Legale: Via Lungarno - 52028 - Terranuova Braccioini (AR) - Tel. 055/9197.1 (R.A.) - Fax 055/9197515 Filiale di Parma Via B. Franklin n.31 43100 Tel. 0521/606272 Fax.

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli