Società Italiana per il Gas p.a. Relazioni e Bilanci AL 31 DICEMBRE 2002 ASSEMBLEA DEL 29 APRILE 2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Società Italiana per il Gas p.a. Relazioni e Bilanci AL 31 DICEMBRE 2002 ASSEMBLEA DEL 29 APRILE 2003"

Transcript

1 Società Italiana per il Gas p.a. Relazioni e Bilanci AL 31 DICEMBRE 2002 ASSEMBLEA DEL 29 APRILE 2003

2 fafdafafa

3 Società Italiana per il Gas p.a. Sede sociale in Torino, via XX Settembre, 41 Capitale sociale euro interamente versato Relazioni e Bilanci AL 31 DICEMBRE 2002

4

5 INDICE RELAZIONI E BILANCIO CONSOLIDATO AL 31/12/2002 Relazione sulla gestione Area di consolidamento 12 Il titolo Italgas nell ultimo anno di quotazione in Borsa 16 Commento alla situazione economica, finanziaria e patrimoniale 17 I fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 24 L evoluzione prevedibile della gestione 24 Altre informazioni 25 Quadro di riferimento istituzionale 27 Il cambiamento: progetti e azioni 32 Attività operativa 35 La gestione delle risorse 40 Tecnologia e innovazione 42 Salute, sicurezza e ambiente 44 Bilancio consolidato al 31 dicembre 2002 Stato patrimoniale 48 Conto economico 52 Nota integrativa 53 Rendiconto finanziario 54 Criteri di redazione del Bilancio 56 Principi di consolidamento 56 Criteri di valutazione 57 Note al Bilancio e altre informazioni 60 Imprese incluse nel consolidamento col metodo integrale 76 Partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto 77 Altre partecipazioni non consolidate valutate al costo 78 Relazione del Collegio Sindacale 79 Relazione della Società di Revisione 80 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2002 INDICE GRUPPO ITALGAS BILANCIO 2002 RELAZIONI E BILANCIO DI ESERCIZIO DI ITALGAS S.P.A. AL 31/12/2002 Relazione sulla gestione Commento alla situazione economica, finanziaria e patrimoniale 84 Dati e attività delle imprese controllate 92 I fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio 100 L evoluzione prevedibile della gestione 101 Altre informazioni 102 Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2002 Stato patrimoniale 106 Conto economico 110 Nota integrativa 113 Rendiconto finanziario 114 Criteri di redazione del Bilancio 116 Criteri di valutazione 116 Note al Bilancio e altre informazioni 119 Proposte del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti 142 Relazione del Collegio Sindacale 143 Relazione della Società di Revisione 146 DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI 148 Allegati: Bilanci delle società consolidate 149 3

6 GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO

7 MISSIONE Italgas opera prevalentemente nell attività di erogazione di servizi di pubblica utilità con competenze di eccellenza e un forte posizionamento sul mercato italiano, ungherese e argentino; essa è orientata a consolidare la propria leadership in Italia e a diversificare la propria offerta, puntando alla soddisfazione e valorizzazione del cliente. Obiettivo primario di Italgas è la creazione di valore per gli azionisti, offrendo servizi di qualità ai propri clienti, consolidando il rapporto di collaborazione con i Comuni e valorizzando il proprio patrimonio di strutture industriali e di capacità professionali. Italgas promuove una cultura aziendale che coniuga l eccellenza tecnico-operativa e il crescente orientamento al cliente. MISSIONE GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 Gruppo Italgas Vendite gas (in milioni di metri cubi) Gruppo Italgas Clienti gas (in migliaia) Gruppo Italgas Andamento degli investimenti negli ultimi cinque anni Italia Italia Italia Estero Estero Estero Gruppo Italgas Dipendenti a ruolo La presenza di Italgas nel mondo Ungheria Italia Portogallo Slovenia Grecia Brasile Argentina Italia Estero 5

8 RISULTATI DELL ANNO E PRINCIPALI EVENTI GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 RISULTATI DELL ANNO E PRINCIPALI EVENTI Al fine di rafforzare ed espandere la propria presenza nel settore gas, l azionista Eni ha promosso un offerta pubblica di acquisto volontaria e totalitaria sulle azioni di Italgas S.p.A., conclusasi il 27 gennaio 2003 con l acquisizione della quasi totalità delle azioni oggetto di offerta e con la successiva revoca del titolo Italgas dalla quotazione ufficiale di Borsa. La Delibera n. 122/02 dell Autorità per l energia elettrica e il gas e la sentenza del Consiglio di Stato del 3 luglio 2002 consolidano il principio, sostenuto dai principali operatori del settore, secondo cui le tariffe di distribuzione del gas sono determinate in base al costo del capitale investito calcolato considerando i dati effettivi delle singole gestioni. Per ottimizzare il proprio portafoglio Italgas ha ceduto ad altre società del Gruppo Eni le partecipazioni nelle società Ambiente S.p.A. e Eni Portugal Investment S.p.A.. Analogamente, Italgas ha ridotto a favore di Eni la quota di partecipazione in Gas Brasiliano Distribuidora S.A.. Sono state inoltre vendute le partecipazioni in Blu S.p.A. e nella Società Funiviaria Alto Tirreno p.a. (quest ultima nel febbraio 2003). Nell ambito del processo di integrazione delle attività di vendita, Italgas Più S.p.A. ha acquisito i rami d azienda relativi alla gestione dei clienti delle società Acquedotto Monferrato, Metano Arcore, Metano Borgomanero, Metano Casalpusterlengo, Metano Sant Angelo Lodigiano. I clienti gas sono aumentati di unità raggiungendo un totale di clienti di cui all estero. Le vendite di gas sono state milioni di metri cubi, contro i milioni di metri cubi dell anno 2001 (-3,7%). La diminuzione è stata causata dalle condizioni climatiche sfavorevoli verificatesi in Italia (-293 milioni di metri cubi) e all estero (-182 milioni di metri cubi venduti). L utile operativo raggiunge i 485 milioni di euro con un incremento del 3,6% rispetto all esercizio precedente; l utile netto di periodo (compresi gli interessi di terzi azionisti) è aumentato dai 202 milioni di euro del 2001 ai 263 milioni di euro del 2002 (+30,2%). 6 L apporto delle società partecipate estere al risultato consolidato permane complessivamente positivo (con incidenza del 7,6% sul risultato operativo complessivo), malgrado l impatto sulle società argentine della crisi economica del paese. In particolare sono significativi i risultati conseguiti da Tigáz Rt., la cui strategia di espansione nel mercato ungherese è proseguita e si è concretizzata con l acquisizione di alcune società locali agli inizi del 2003.

9 Ricavi totali Margine operativo lordo Utile operativo Utile prima degli interessi di terzi azionisti Patrimonio netto e interessi di terzi Indebitamento finanziario netto Capitale investito netto Dividendo per azione (in euro) 0,077 0,088 0,176 0,18 RISULTATI DELL ANNO E PRINCIPALI EVENTI GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 Gruppo Italgas Capitale investito netto Gruppo Italgas Margine operativo lordo Gruppo Italgas Cash-Flow Indebitamento netto Patrimonio netto 7

10 Avec l amical autorisation de l artiste. Italgas lascia la Borsa, ma non i suoi Valori. Dopo oltre 150 anni Italgas lascia la Borsa Valori. Era il 14 luglio 1851 quando Italgas fece il suo ingresso nel listino della Borsa del Regno di Sardegna, istituita a Torino da Cavour, ed è dall anno 1900 che è quotata alla Borsa di Milano. È ragione di orgoglio per Italgas essere una delle poche aziende italiane che dal 1945 ha difeso il valore reale dell investimento dei propri azionisti. In questi lunghi anni, tanti hanno contribuito a questo risultato: gli investitori, la Consob, la Borsa spa, le istituzioni finanziarie e di regolazione, gli analisti, i giornalisti, le Amministrazioni locali, tutti coloro che hanno lavorato e lavorano in Italgas e per Italgas. A tutti, grazie. Il Consiglio di Amministrazione di Italgas.

11 ITALGAS LASCIA LA BORSA MA NON I SUOI VALORI Il 7 febbraio 2003, giorno del delisting del titolo, è stata una data storica per Italgas e per la Borsa Valori che ha visto allontanarsi un titolo che era presente dal Da prima ancora, ed esattamente dal 14 luglio 1851, cioè dalla data della sua fondazione a opera di Cavour, la Borsa di Torino quotava due società da cui successivamente ha avuto origine Italgas. Il titolo Italgas è ben noto agli investitori, non solo perché ha accompagnato la storia dell industria italiana dalle sue origini a oggi, ma anche perché è sempre stato un punto di riferimento e fonte di sicurezze economiche e finanziarie per i risparmiatori. Nel dopoguerra, da quando cioè sono disponibili dati statistici completi, il rendimento dell azione Italgas è stato sempre superiore al tasso d inflazione. In particolare, esaminando gli indici calcolabili dal 1984, il rendimento di Italgas risulta ancor più favorevole, significativamente superiore a quello dei titoli di Stato, determinando quindi una cospicua creazione di valore per l azionista. La storia di Italgas si identifica in buona parte con quella dell industria del gas in Italia che ha avuto inizio proprio a Torino nel 1837 con la costituzione della Società Anonima Compagnia di Illuminazione a Gaz della Città di Torino. Il successo di tale impresa determinò nel 1851, grazie anche alla cultura liberista che caratterizzava la politica cavouriana nel Regno di Sardegna, la fondazione di una seconda azienda in diretta concorrenza alla prima: la Società Piemontese per l Illuminazione a Gas di Torino. E quando nello stesso anno la Borsa di Torino aprì i suoi battenti, i titoli di ambedue le società figuravano tra i 7 Fondi privati ammessi alla quotazione. Nel 1856 le due società si fondono, assumendo il nome di Società Gaz-Luce di Torino, ma in questo modo fanno venir meno ogni concorrenza e gli effetti sulle tariffe sono contestati dai clienti. È così che un gruppo di grandi consumatori, in prevalenza proprietari e gestori di locali pubblici, si riunisce nel 1862 e fonda una società di tipo cooperativo, la Società Consumatori Gaz-Luce, con il consenso e l appoggio del Municipio di Torino. Perdendo la condizione di monopolio, la Società Gaz-Luce entra in una profonda crisi economicofinanziaria e nel 1863, per ricapitalizzarsi, deve ricorrere alle risorse messe a disposizione dal Credito Mobiliare. La società cambia ragione sociale e assume l attuale denominazione, Società Italiana per il Gaz, probabilmente in omaggio alla nuova situazione politica nazionale, ma anche per indicare una volontà di espansione del suo mercato, come testimonia poi l acquisizione di alcune officine a Pavia, Bergamo, Cremona, Palermo e in altre città del Regno. Nel 1900 Italgas fa il suo ingresso nella Borsa Valori di Milano poiché lo sviluppo procede rapido e ha bisogno di essere finanziato con capitale di rischio. Il diffondersi dell energia elettrica, che sostituisce l utilizzo del gas per illuminazione, fa sì che gli anni tra fine Ottocento e inizio Novecento siano particolarmente difficili per l industria del gas. Si trovano allora nuovi sbocchi commerciali negli usi domestici, a cominciare dalla cottura e poi il riscaldamento e la produzione di acqua calda. A Torino la competizione tra le due società torinesi si protrae fino al 1925, soprattutto a causa della tenace convinzione della Municipalità circa la necessità della concorrenza. In quell anno tuttavia le due società si uniscono in una nuova struttura industriale di rilievo nazionale. La Società Italiana per il Gas è l holding finanziaria del gruppo così creato, mentre la Consumatori, diventata Stige, riunisce gli impianti di produzione e di distribuzione delle due vecchie società. Contemporaneamente, è avviato un ampio programma di acquisizione dei pacchetti di maggioranza delle società del gas che operano in alcune città italiane, tra cui Venezia (1924), Roma (1929), Firenze (1929), con l obiettivo di dare vita a un grande gruppo industriale che, partendo dall industria del gas, si estenda anche al comparto chimico e a quello elettrico. Nel tuttavia la nuova holding finanziaria non regge alla crisi economica e subisce un grave dissesto. Alla sua presidenza viene chiamato allora Alfredo Frassati, già proprietario de La Stampa, che, a partire dal 1934, imposta un rigoroso programma di ristrutturazione, cedendo le attività parallele alla produzione e alla distribuzione del gas. La Società Italiana per il Gas ritorna così a essere essenzialmente una società industriale del settore gas e incorpora progressivamente tutte le controllate sul territorio nazionale. La diffusione dell utilizzo del metano è l impegno del dopoguerra. Nel 1951 inizia la metanizzazione del Paese con l alimentazione a gas naturale della città di Lodi, primo esperimento di questo tipo in Europa. Nel 1967 la Snam acquista il pacchetto di maggioranza della Società Italiana per il Gas che entra così a far parte del Gruppo Eni. Negli anni successivi Italgas cresce sul territorio nazionale ed è protagonista di assoluto rilievo nella metanizzazione del Paese che accompagna e favorisce l intenso sviluppo economico, evitando peraltro elevati costi ambientali. È intensa anche l attività all estero, che si sviluppa tramite acquisizioni di partecipazioni in società in Europa e in Sud America. Italgas dunque, dopo oltre 150 anni, lascia la Borsa, ma non abbandona i valori che l hanno sostenuta nella sua storia e che le hanno consentito di diventare un azienda leader nel settore energetico. ITALGAS LASCIA LA BORSA MA NON I SUOI VALORI 9 GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002

12 GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO

13 RELAZIONI E BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2002 RELAZIONI E BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO

14 AREA DI CONSOLIDAMENTO DEL GRUPPO ITALGAS AL 31 DICEMBRE 2002 GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 AREA DI CONSOLIDAMENTO ITALGAS PIÙ S.p.A. 100,00% FIORENTINA GAS S.p.A. 41,75% ITALGAS S.p.A. ACQUE POTABILI S.p.A. 67,05% TIGÁZ Rt. 40,00% NAPOLETANA GAS S.p.A. 78,20% FIORENTINA GAS CLIENTI S.p.A. 100,00% ACQUEDOTTO MONFERRATO S.p.A. 100,00% TIGÁZ GEPA Kft. 100,00% NAPOLETANA GAS CLIENTI S.p.A. 100,00% ENERGIA SICILIA S.r.l. 100,00% ACQUEDOTTO DI SAVONA S.p.A. 100,00% INVERSORA DE GAS CUYANA S.A. 76,00% SETEAP S.p.A. 70,00% SLIM SICILIA S.p.A. 60,00% ENIACQUA CAMPANIA S.p.A. 35,20% DISTRIBUIDORA DE GAS CUYANA S.A. 6,84% 51,00% PARTECIPAZIONI INDUSTRIALI S.p.A. 85,00% ACQUEDOTTO VESUVIANO S.p.A. 100,00% ADRIAPLIN d.o.o. 51,00% 12 ITALGAS HELLAS S.p.A. 100,00%

15 Signori azionisti, il 2002 ha costituito l anno di svolta nella storia più che centenaria di Italgas. Il principale azionista Eni S.p.A., già diretto detentore del 43,71% del Capitale sociale di Italgas S.p.A., il 26 novembre 2002 ha promosso con una comunicazione rivolta al mercato una Offerta Pubblica di Acquisto (OPA) volontaria totalitaria sulle azioni ordinarie della stessa Italgas, ai sensi degli artt. 102 e 106, comma 4 del D.Lgs del 24 febbraio 1998 n. 58 ( Testo Unico della Finanza ). Tale offerta di acquisto, non subordinata al raggiungimento di soglie minime di adesione, è stata formulata per il corrispettivo di 13 euro per ciascuna azione, superiore del 27,5% rispetto al prezzo medio ponderato del trimestre precedente la comunicazione dell OPA. Eni ha dichiarato che l operazione si inserisce nella strategia di sviluppo nel settore del gas sia in Italia che in Europa ed è finalizzata alla revoca della quotazione delle azioni di Italgas dal Mercato Telematico Azionario. Il Consiglio di Amministrazione di Italgas, in data 6 dicembre 2002, ai sensi dell art. 103 del D.Lgs del 24 febbraio 1998 n. 58 ha valutato positivamente l Offerta sia per quanto concerne la posizione degli azionisti, sia per quanto concerne le prospettive di Italgas. L OPA si è conclusa il 27 gennaio 2003 con l adesione di 189,3 milioni di azioni ordinarie pari al 54,325% del Capitale sociale di Italgas e al 97,186% dei titoli oggetto di Offerta. A seguito di tale risultato, le azioni Italgas sono state revocate dalla quotazione ufficiale di Borsa a partire dal 7 febbraio Avendo superato la quota del 98% del Capitale sociale di Italgas, Eni eserciterà con le modalità e nei tempi previsti dall art. 111 del Testo Unico della Finanza, il diritto di acquistare le azioni residue non portate in adesione all OPA, al prezzo fissato dall esperto nominato dal Presidente del Tribunale di Torino. Dunque, dopo oltre 150 anni, Italgas S.p.A. lascia la Borsa Valori; il titolo aveva fatto l ingresso nel listino della Borsa del Regno di Sardegna, a Torino, il 14 luglio 1851 e dall anno 1900 era quotato alla Borsa di Milano. Alberto Meomartini Presidente Giacomo Vitali Vice Presidente Amministratore Delegato INTRODUZIONE GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 Per quanto riguarda il 2002 è da rilevare la positiva evoluzione della normativa attinente il sistema tariffario. La Delibera n. 122/02 dell Autorità per l energia elettrica e il gas prevede, per gli operatori che dispongono di bilanci certificati dal 1990, la possibilità di determinare il capitale investito secondo il criterio del costo storico rivalutato e in base ai dati effettivi delle singole gestioni. Il metodo parametrico permane per le aziende che non dispongono di bilanci certificati ovvero come alternativa al criterio del costo storico. Il nuovo sistema tariffario consegue a una serie di pronunce dell Autorità giudiziaria che hanno stabilito il diritto degli operatori del settore gas a essere remunerati in funzione dei costi effettivi delle proprie gestioni. In considerazione del nuovo provvedimento tariffario e sulla base delle schede tariffarie presentate all Autorità per l energia elettrica e il gas, le società del Gruppo hanno iscritto i ricavi gas del 2002 secondo la nuova metodologia, con un effetto positivo sugli stessi ricavi pari a 122 milioni di euro rispetto al Bilancio dell anno precedente. Sono stati inoltre rilevati a beneficio dell esercizio 2002 maggiori proventi gestionali per 74 milioni di euro, per i minori ricavi gas accertati in sede di redazione del Bilancio al 31/12/2001 in conseguenza dell applicazione del sistema tariffario previsto dalla Delibera n. 237/00. 13

16 GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 INTRODUZIONE 14 Riguardo al contesto normativo, il settore gas è tuttora in attesa di alcuni provvedimenti attuativi del D.Lgs 164/2000 ( Decreto Letta ); in particolare è necessaria la definizione dei cosiddetti codici di rete, vale a dire dell insieme di regole e modalità per la gestione e il funzionamento della rete e delle condizioni contrattuali del servizio nei confronti dei clienti finali idonei. In ottemperanza al disposto del Decreto Letta e analogamente a quanto attuato nel 2001 da Italgas S.p.A. che, con il conferimento del proprio ramo aziendale Customer Service, aveva reso operativa la società di commercializzazione Italgas Più S.p.A., le controllate Napoletana Gas S.p.A. e Fiorentina Gas S.p.A., con decorrenza 1/1/2002, hanno provveduto ad attribuire il ramo aziendale relativo all attività di vendita rispettivamente a Napoletana Gas Clienti S.p.A. e Fiorentina Gas Clienti S.p.A., controllate al 100% dalle stesse. Alla data del 31/12/2002, le cosiddette società Metanine (Metano Arcore S.p.A., Metano Borgomanero S.p.A., Metano Casalpusterlengo S.p.A. e Metano Sant Angelo Lodigiano S.p.A.) hanno ceduto il proprio ramo d azienda relativo all attività di vendita a Italgas Più S.p.A.. Nell ambito della politica di riorganizzazione del Gruppo e con l obiettivo della concentrazione sulle attività core business, nel corso del 2002 Italgas S.p.A. ha ceduto a Agip Petroli S.p.A. la partecipazione in Eni Portugal Investment S.p.A. e a Enichem S.p.A. la quota di partecipazione in Ambiente S.p.A., società operante nel settore del trattamento e smaltimento rifiuti. Analogamente Italgas S.p.A. ha ceduto parte della quota di partecipazione in Gas Brasiliano Distribuidora S.A. a Eni S.p.A.; la quota residua del 20% è correlata al proprio ruolo di operatore tecnico. Infine Italgas, insieme agli altri azionisti di Blu S.p.A., ha ceduto le azioni della società di telecomunicazioni a Tim S.p.A.. Per quanto riguarda l attività all estero, continua il positivo apporto della partecipata ungherese Tigáz Rt., mentre le consociate argentine risentono degli effetti del progressivo deterioramento della crisi economica che supera le previsioni formulate a inizio anno, con il sensibile incremento della svalutazione del peso. Relativamente al settore idropotabile, il 2 luglio 2002 è stata depositata la sentenza del Consiglio di Stato che ha definito il contenzioso in essere per la proroga della concessione tra la società Acquedotto Monferrato S.p.A. e il Consorzio dei relativi Comuni, pronunciandosi a favore di quest ultimo. Pertanto, a seguito della scadenza della concessione, la società perde la maggior parte delle attività pur avendo diritto di recuperare il valore industriale degli investimenti eseguiti nel periodo di gestione. Inoltre, Fiorentina Gas S.p.A. ha ceduto a Publiacqua S.p.A. il proprio ramo idropotabile. I clienti del Gruppo Italgas hanno raggiunto unità al 31/12/2002 rispetto alle unità di fine In Italia il numero dei clienti è aumentato di circa unità, superando unità, mentre all estero il numero dei clienti è aumentato da a unità. Le vendite di gas del Gruppo sono state complessivamente di milioni di metri cubi contro i milioni di metri cubi nel 2001; in Italia le vendite ammontano a milioni di metri cubi rispetto a milioni di metri cubi del 2001 (-3,6%), mentre all estero le vendite, pari a milioni di metri cubi, sono diminuite di 182 milioni di metri cubi rispetto al La riduzione delle vendite rispetto al precedente esercizio è stata determinata dall andamento climatico del 2002 che ha registrato, negli ultimi tre mesi dell anno, temperature medie più elevate rispetto al corrispondente periodo dell anno precedente. Relativamente al settore della distribuzione idrica si registra una diminuzione del numero degli abitanti serviti, passati da a unità, e un aumento dei volumi di acqua venduti che hanno raggiunto i 433 milioni di metri cubi (+28 milioni

17 di metri cubi rispetto all anno precedente), dovuto sostanzialmente all aumento delle vendite all ingrosso di Eniacqua Campania (274 milioni di metri cubi contro 242 milioni del passato esercizio). I risultati gestionali del Gruppo dimostrano un incremento del margine operativo lordo che raggiunge i 687 milioni di euro (+32 milioni di euro rispetto all anno precedente) determinato prevalentemente dagli aumenti e recuperi tariffari, connessi all applicazione del nuovo metodo che hanno consentito di compensare gli effetti negativi della riduzione delle vendite causata all andamento climatico. Per quanto riguarda la gestione finanziaria, il saldo tra oneri e proventi finanziari migliora passando dai -43 milioni di euro del 2001 ai +5 milioni di euro di fine 2002, per effetto della riduzione dell indebitamento medio e di proventi su cambi; la gestione delle partecipazioni finanziarie evidenzia un saldo negativo di 25 milioni di euro (contro i -69 milioni di euro del precedente esercizio), dovuto principalmente alle svalutazioni delle quote detenute in Distribuidora de Gas del Centro S.A. (34 milioni di euro), Gas Brasiliano Distribuidora S.A. (18 milioni di euro) e alla minusvalenza per la cessione della partecipazione in Blu S.p.A. (20 milioni di euro), parzialmente compensate dalle plusvalenze per cessione delle partecipazioni relative alle società Eni Portugal Investment S.p.A. (29 milioni di euro) e dagli apporti della collegata A.E.S. S.p.A.(19 milioni di euro). L utile netto di Gruppo (prima degli interessi di terzi azionisti) aumenta rispetto all anno precedente, passando da 202 a 263 milioni di euro (+30,2%). Il cash-flow consolidato, pari a 616 milioni di euro (470 milioni di euro nel 2001), ha finanziato totalmente gli investimenti tecnici realizzati nell esercizio In conseguenza del riassetto societario avvenuto nel 2001, che ha modificato in modo sostanziale la struttura e gli asset di Italgas S.p.A., i valori del 2002 della Capogruppo non sono immediatamente confrontabili, in modo omogeneo, con quelli dell anno precedente; tale disomogeneità è sostanzialmente riassorbita a livello di consolidato del Gruppo Italgas. Per quanto riguarda Italgas S.p.A., il margine operativo lordo raggiunge i 444 milioni di euro rispetto ai 512 milioni di euro dell esercizio 2001 e l utile prima delle imposte ammonta a 314 milioni di euro, in aumento di 17 milioni di euro rispetto all anno precedente, principalmente per effetto della gestione finanziaria e straordinaria. Le imposte sul reddito e le rettifiche operate in applicazione di norme tributarie aumentano di 28 milioni di euro e l utile netto di Italgas S.p.A. ammonta a 63 milioni di euro, contro i 74 milioni di euro del risultato dell anno precedente. I positivi risultati conseguiti e il buon esito delle numerose iniziative che hanno interessato l esercizio 2002 vanno attribuiti anche al contributo e all impegno di tutti i dipendenti del Gruppo, ai quali va il sentito ringraziamento del Consiglio di Amministrazione. In occasione dell Assemblea degli Azionisti, il Consiglio di Amministrazione intende altresì ricordare quanto la società si sia prodigata per alleviare le sofferenze e le perdite di coloro che sono stati coinvolti nella tragedia di via Ventotene a Roma. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (1) Presidente dott. Alberto Meomartini* Vice Presidente e Amministratore Delegato dott. ing. Giacomo Vitali* Vice Presidenti prof. dott. Arnaldo Mauri * dott. ing. Luciano Sgubini *(2) Consiglieri dott. ing. Eugenio Marco Airoldi sig. Eugenio Bozzello Verole dott. Paolo Caropreso * dott. ing. Domenico Dispenza dott. Giovanni Distefano prof. dott. Giorgio Gagna dott. Roberto Jaquinto prof. avv. Carmine Macrì dott. ing. Salvatore Pino (2) dott. avv. Paolo Spaziani (2) dott. Giovanni Tamburi Segretario del Consiglio dott. Sergio Faccenda COLLEGIO SINDACALE (1) Presidente dott. Giacomo Zunino Sindaci effettivi dott. Francesco Cipolla dott. Roberto Di Liberato prof. Carlo Pasteris dott. Paolo Piccatti Sindaci supplenti dott. Michele Costa dott. Silvio Mercante SOCIETÀ DI REVISIONE Reconta Ernst & Young S.p.A. INTRODUZIONE GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 Poteri del Presidente: al Presidente spetta la rappresentanza della società in Italia e all estero e il potere di compiere tutti gli atti inerenti l oggetto sociale a eccezione di quelli riservati dalla legge e dallo statuto al Consiglio di Amministrazione e alla Assemblea dei Soci. Poteri del Vice Presidente e Amministratore Delegato: al Vice Presidente e Amministratore Delegato sono stati conferiti i poteri di amministrazione della società a eccezione di quelli non delegabili riservati al Consiglio di Amministrazione, nonché l esercizio delle funzioni vicarie del Presidente. Poteri del Comitato Esecutivo: al Comitato Esecutivo sono state attribuite funzioni di indirizzo e coordinamento nella definizione delle proposte al Consiglio di Amministrazione in merito alle politiche, alle strategie e agli obiettivi della società. * Componenti del Comitato Esecutivo nominati dal Consiglio di Amministrazione dell 8 maggio 2000; (1) nominato dall Assemblea del 27 aprile 2000; (2) nominati dall Assemblea del 30 aprile

18 IL TITOLO ITALGAS NELL ULTIMO ANNO DI QUOTAZIONE IN BORSA GRUPPO ITALGAS BILANCIO CONSOLIDATO 2002 IL TITOLO ITALGAS NELL ULTIMO ANNO DI QUOTAZIONE IN BORSA Nel corso del 2002 è proseguita la fase negativa delle borse internazionali, iniziata nel 2000 dopo lo scoppio della cosiddetta bolla speculativa. La deludente congiuntura economica e il clima di incertezza politica alimentata, soprattutto nell ultima parte dell anno, dai timori sempre più concreti di un conflitto in Medio Oriente, hanno spinto al ribasso, per il 3 anno consecutivo, i principali listini mondiali: Msci World -23,23%, S&P500-21,27%. Il Dow Jones ha ceduto il 14% e il Nasdaq il 33%. Per quanto riguarda gli indici europei, l Euro Stoxx 50, che comprende i 50 più importanti titoli quotati in Europa, ha perso il 35%. Altrettanto debole si è dimostrato l Euro Stoxx Utilities che ha subito un calo di circa il 32%. La Borsa Italiana, nonostante la lieve ripresa rilevata nell ultimo trimestre, ha visto un calo dell indice Mibtel del 23% circa. Di conseguenza la capitalizzazione della Borsa Italiana si è ulteriormente ridotta dai circa 575 miliardi di euro della fine del 2001 a 447 miliardi di euro di fine Si aggiungono alla negativa congiuntura economica le vicende attinenti le irregolarità commesse da alcune società americane che hanno causato una diminuzione della fiducia dei risparmiatori e hanno indotto le autorità di controllo della Borsa americana ad adottare nuovi provvedimenti per salvaguardare la credibilità dell informativa societaria. In questo scenario gli investitori hanno indirizzato i loro investimenti principalmente in strumenti a basso rischio quali i titoli di stato e fondi monetari. Il titolo Italgas nel 2002 ha fatto registrare un andamento di segno opposto a quello dell indice generale di Borsa confermando la sua natura difensiva. Per buona parte dell anno il titolo è stato sostenuto dalle attese di chiarificazione normativa, in particolare quella attinente il sistema tariffario gas. Nel mese di novembre 2002 i vertici della società hanno effettuato un road show nelle principali piazze europee per illustrare andamento e prospettive del Gruppo Italgas, riscuotendo il positivo giudizio di investitori e analisti e l apprezzamento del mercato per la strategia e la gestione della società. Successivamente, come già riferito, il titolo è stato oggetto di OPA volontaria totalitaria da parte di Eni S.p.A., suo azionista di riferimento. Dopo l annuncio dell operazione il titolo si è posizionato di poco sotto al prezzo di 13 euro offerto da Eni, facendo segnare un progresso del 24% da inizio anno, miglior performance nel MIBTEL. A seguito della positiva conclusione dell OPA, il 27 gennaio scorso, e del raggiungimento da parte di Eni della proprietà del 98,285% del capitale di Italgas, con decorrenza 7/2/2003 il titolo Italgas è stato revocato dalla quotazione di Borsa. Andamento indici medi mensili (dicembre 2001 = 100) dicembre 01 gennaio 02 febbraio 02 marzo 02 aprile 02 maggio 02 giugno 02 luglio 02 agosto 02 settembre 02 ottobre 02 novembre02 dicembre Italgas Mibtel

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015

COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 COMUNICATO STAMPA 30 Luglio 2015 Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Margine Operativo Lordo, a 562 milioni di euro,

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2002 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 2002... pag. 3 Prima

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015 VIANINI LAVORI SPA Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015 Ricavi: 98,1 milioni di euro (102,8 milioni di euro al 30 giugno 2014); Margine operativo

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Operazioni straordinarie Nel 2010 sono state effettuate le seguenti operazioni straordinarie: - fusione di Messina Fuels SpA; l atto di fusione è stato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti)

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti) COMUNICATO STAMPA AEFFE: Approvati I Risultati Dell 2015 San Giovanni in Marignano, 10 Marzo 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa - società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana,

Dettagli

S.E.A.B. S.p.A. Nota Integrativa Bilancio al 31/12/2011

S.E.A.B. S.p.A. Nota Integrativa Bilancio al 31/12/2011 B.9. Costi per il personale La voce comprende l intera spesa per il personale dipendente ivi compresi i passaggi di categoria, i miglioramenti di merito e contrattuali, gli accantonamenti di legge e derivanti

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2001

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2001 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 21 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 21 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 31 marzo 21... pag. 3 Prima parte:

Dettagli

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

AUTOSTRADE MERIDIONALI S.p.A.

AUTOSTRADE MERIDIONALI S.p.A. AUTOSTRADE MERIDIONALI S.p.A. SOCIETÀ SOGGETTA ALL ATTIVITÀ DI DIREZIONE E DI COORDINAMENTO DI AUTOSTRADE PER L ITALIA S.P.A Comunicato Stampa APPROVATO IL PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Buzzi Unicem S.p.A. Sede: Casale Monferrato (AL) Via Luigi Buzzi 6 Capitale sociale 118.265.497,80 Registro delle Imprese di Alessandria n. 00930290044 Indice

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA:

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: - DIVIDENDO DI 0,17 EURO (INVARIATO RISPETTO AL 2013) - AUTORIZZAZIONE ALL

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2008 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni

Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni Commento ai risultati economico-finanziari e altre informazioni Snam Relazione intermedia sulla gestione / Commento ai risultati economico-finanziari 25 COMMENTO AI RISuLTATI ECONOMICO-FINANZIARI CONTO

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2014

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2014 Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2014 Ricavi a 187,9 milioni di euro (176,2 milioni di euro nel 2013) Margine operativo lordo a 5,2 milioni di euro (9,1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo Ascopiave al 30 settembre 2014.

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo Ascopiave al 30 settembre 2014. COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo Ascopiave al 30 settembre 2014. Posizione Finanziaria Netta a Euro 119,6 milioni,

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015

Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 Nei primi tre mesi del 2015 i principali indicatori economici e finanziari del Gruppo registrano un andamento positivo.

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A.: il Consiglio d Amministrazione ha approvato il bilancio dell esercizio 2009.

COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A.: il Consiglio d Amministrazione ha approvato il bilancio dell esercizio 2009. COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A.: il Consiglio d Amministrazione ha approvato il bilancio dell esercizio 2009. Ricavi a 56,1 milioni di Euro (+3,8% vs 54 mln di Euro al 31/12/2008), EBITDA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1).

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1). COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2014 (1). 1 L andamento climatico e la nuova regolazione del settore gas impattano sulla dinamica delle performance

Dettagli

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170

Esercizio 2014. Numero dipendenti 3.053 3.170 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2014 Il Gruppo ha chiuso il 2014 superando gli obiettivi di margine operativo lordo e indebitamento finanziario netto Ricavi a 948,0

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale

Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: Le Linee guida del prossimo Piano Industriale pluriennale Milano, 5 Agosto 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Gas Plus ha esaminato: I dati consolidati del 1 semestre 2011 Le Previsioni 2011 Le Linee guida del prossimo Piano Industriale

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni)

COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) COMUNICATO STAMPA (ai sensi della delibera CONSOB n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche ed integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss.

Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss. COMUNICATO STAMPA del 09 maggio 2007 - Cenate Sotto (BG) Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss.com L Assemblea

Dettagli

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 -

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A: - Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - - Progetto di fusione per incorporazione in Sviluppo Idrico S.p.A.

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 Marzo 2011 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 13 Maggio 2011 Poligrafica S. Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - Via Valenca, 15 Tel. (030)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE:

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati dei primi nove mesi del 2010. Utile e margini operativi in forte crescita. Ricavi Consolidati: Euro 620,9 milioni (+11,3%

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2001

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2001 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 3 SETTEMBRE 21 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 21 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A.... pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 3 settembre 21... pag. 3

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2011.

COMUNICATO STAMPA. Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2011. COMUNICATO STAMPA Gruppo IREN: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2011. Ricavi a 3.520,1 milioni di euro (+3,8%) Margine Operativo Lordo (Ebitda) a 591,8 milioni di euro

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 NOVEMBRE 2000 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 30 settembre

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA ESAMINATA ED APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2014 TELECOM ITALIA TORNA ALL UTILE DOPO 3 ANNI UTILE NETTO CONSOLIDATO: PARI A

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

C O M U N I C A T O S T A M P A

C O M U N I C A T O S T A M P A Centro Uffici San Siro - Fabbricato D - ala 3 - Via Caldera, 21-20153 Milano Tel. 02 40901.1 - Fax 02 40901.287 - e-mail: isagro@isagro.it - www.isagro.com COMUNICATO STAMPA ISAGRO DATI PRELIMINARI 2006

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: l assemblea approva il bilancio 2005, la distribuzione del dividendo ( 0,145, +12% rispetto

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

Fatturato e Cash flow in crescita

Fatturato e Cash flow in crescita GRUPPO SOL COMUNICATO STAMPA RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO AL 31-12- 2005 Fatturato e Cash flow in crescita Fatturato consolidato: Euro 346 milioni (+7,5%) Cash Flow: Euro 56,3 milioni (+4 %) Utile

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Approvati dal Consiglio i risultati 2013: Il bilancio consolidato 2013 conferma i risultati già riportati nel resoconto intermedio di gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015

Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Monrif S.p.A Sede in Bologna - Via Enrico Mattei n. 106 Capitale sociale 78.000.000 interamente versato Registro Imprese di Bologna e Codice Fiscale 03302810159

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BEGHELLI: il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2014.

COMUNICATO STAMPA BEGHELLI: il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2014. COMUNICATO STAMPA BEGHELLI: il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2014. Fatturato consolidato a 149,7 milioni di Euro (+6,2% rispetto ai 141 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E AL 31 MARZO 2015 Cembre S.p.A. Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale

Dettagli

Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007

Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007 Relazione trimestrale sulla gestione al 31 marzo 2007 Bologna, 15 maggio 2007 Monrif S.p.A Sede in Bologna - Via Enrico Mattei n. 106 Capitale sociale 78.000.000 interamente versato Registro Imprese di

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo Poligrafici Printing al 30 giugno 2011

Bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo Poligrafici Printing al 30 giugno 2011 Bilancio consolidato semestrale abbreviato del Gruppo Poligrafici Printing al 30 giugno 2011 Poligrafici Printing S.p.A. Via Enrico Mattei 106 40138 Bologna Capitale sociale int. versato 30.490.881 - R.E.A.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04

Conference Call, 21 Marzo 2005. Risultati 2004 e Q4 04 Conference Call, 21 Marzo 2005 e Q4 04 Presidente Renzo Capra Il flottante a seguito della fusione con BAS è circa il 18% Azionariato A seguito della programmata fusione con BAS Bergamo, il Comune di Brescia

Dettagli

GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010.

GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010. Milano, 6 Agosto 2010 COMUNICATO STAMPA GAS PLUS S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2010. Significativo incremento dei volumi di gas venduto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 Risultati del Gruppo FNM - Utile netto di Gruppo: 6,958 milioni di euro - EBIT: 7,006 milioni di euro Milano,

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 COMUNICATO STAMPA PREMUDA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31.12.2005 RISULTATI CONSOLIDATI DI GRUPPO AL NETTO QUOTE DI TERZI Utile /mil 25,4 ( /mil 24,8 nel 2004) Cash

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli