Quali e quante società quotate alla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quali e quante società quotate alla"

Transcript

1 Economia A sud del Mediterraneo L Italia ha bisogno di attrarre capitali stranieri. Tra le opportunità vi sono le istituzioni finanziarie islamiche, che però obbediscono a regole diverse dalle banche convenzionali. È tempo di conoscere meglio caratteristiche e limiti del sistema finanziario regolato dalla Sharia di Ugo Bertone ( ( In tempi di credit crunch, anche il mondo islamico merita più considerazione come interlocutore finanziario Quali e quante società quotate alla Borsa di Milano potrebbero esser comprate da un fondo di investimento che risponde ai criteri della finanza islamica? Un gruppo di lavoro dell Ai - af, l associazione italiana degli analisti fi - nanziari, ha cercato di dare una risposta al - le domande selezionando, in un arco temporale che va dal 2002 al 2012, le aziende italiane quotate che rientrano nella Sha - ria compliance. Il risultato è un paniere di titoli di Borsa Italiana che raggiunge cir - ca il 16 per cento dell intero listino. Un nu mero non molto alto, cosa che in effetti non stupisce visto il ricorso storicamente elevato alla leva finanziaria da parte delle società italiane, ma non accettata dalle nor me islamiche. Ma, prima di entrare nel merito, è forse utile rispondere a questo: a quali criteri deve sottostare una società per essere considerata politically correct ai sensi del la Sharia (in arabo «legge»), e che sacrifici si chiedono a un azienda per rispettarne i dettami? La finanza islamica, in sintesi, è il risultato di una serie di concetti morali, etici, di governance, limitativi ma non vincolanti ai fini dell attività di ban - ca, che rimane nelle forme e negli strumenti, perfettamente legale e del tutto uguale a quella tradizionale. La differenza fondamentale è che i principi della Sharia, fon- Settembre/Ottobre OUTLOOK 25

2 Economia A sud del Mediterraneo Focus Per saperne di più Le istituzioni finanziarie islamiche sono presenti in 65 Paesi con asset oggi stimati per oltre un miliardo di dollari e tassi di crescita intorno al per cento negli ultimi anni. Si contano circa 350 istituzioni bancarie, 500 fondi d investimento e 100 emittenti di sukuk (certificati, l equivalente delle nostre obbligazioni, comprese quelle pubbliche). Le società assicuratrici (takaful) sono un ottantina. I principali operatori si distinguono in due tipologie. Di natura bancaria: Islamic Commercial Banks (retail); Islamic Investment Banks (principalmente di natura wholesale); Islamic Subsidiaries (principalmente di grandi grup pi multinazionali come Citibank, Hsbc, Ubs); Islamic Win - dows (alternativa all apertura di sussidiarie). Di natura non bancaria: Ta kaful Companies; Asset Management Companies; Islamic In vest - ment Funds. In genere il dato dimensionale sinora ha fatto riferimento ad operatori di piccole dimensioni e di nicchia con bassa diversificazione geografica. Nei Paesi musulmani si va da sistemi finanziari totalmente islamizzati (Iran, Sudan) a sistemi misti (finanza islamica e convenzionale) sia con regolamentazioni ad hoc (Malesia, Bahrein) sia in assenza di formale regolamentazione (Arabia Saudita). Nei Paesi occidentali sono presenti strutture ad hoc di banche convenzionali: Regno Unito (Hsbc, Standard Chartered) Francia (Bnp Paribas) Svizzera (Ubs) Olanda (Anb Amro) Usa (Citigroup). La finanza islamica sta esprimendo le massime potenzialità in termini di crescita e redditività nei sistemi bancari misti dove l operatività trae stimolo dalla presenza di banche convenzionali e da consolidamenti dimensionali. È il caso della Malesia, degli Emirati Arabi Uniti ma an - che dell Inghilterra. La Malesia è per esempio. la sede della Islamic Fi - nancial Service Board, istituzione che definisce i criteri prudenziali e di stabilità finanziaria e dove è stato sviluppato il primo mercato interbancario islamico. Le potenzialità di sviluppo di un mercato retail sono par ticolarmente interessanti in Europa, dove alcuni Paesi (tra cui l Italia) so no oggetto di flussi migratori crescenti di popolazioni musulmane che tendono a stabilizzarsi (in alcune realtà come Regno Unito e Fran cia siamo già alla terza generazione). Questa prospettiva è all attenzione degli organismi di regolamentazione in Germania, Olanda, Francia. Ma sinora è stata soprattutto l Inghilterra a cogliere il carattere innovativo del fenomeno e a predisporre le necessarie variazioni alla normativa per far rientrare la finanza islamica nell alveo della normativa fi nanziaria generale (in Malesia invece è stata predisposta una normativa ad hoc). data sul Corano, sono del tutto essenziali e indispensabili per una banca islamica. «La finanza islamica», spiega Enrico Giustiniani, coordinatore della ricerca, «è un modo di fare finanza, perfettamente legale e am piamente diffuso specie nei Paesi dove è prevalente la religione islamica, senza l uso degli interessi (ribà), proibiti dall Islam. Il risparmiatore e il creditore partecipano al rischio d impresa, condividendo con la banca utili e perdite. Gli altri aspetti peculiari sono: il divieto di pratiche economiche che implicano incertezza o ambiguità (gharar), il divieto di speculazione (maisir), il divieto di investire in attività proi - bite dal Corano (haram), come attività bancarie convenzionali legate a interessi, alcool, tabacco, gioco d az - zardo, scommesse, società di biotecnologia coinvolte nell ingegneria genetica umana o animale, produzione di armi, assicurazioni sulla vita, produzione, lavorazione e ogni altra attività riguardante i suini». La selezione delle aziende quotate in Borsa compa tibili con la finanza islamica, individuata dopo al cune ponderazioni curate da Daniele Cappellini (uno degli autori della ricerca, coordinata da Enrico Giustiniani, assieme a Giancarlo Brugnani, Diego Riccardi, Tatiana Eifrig, Alessandra Tami e Giuseppe Rocca) ha un aspetto assai diverso dal paniere Ftse Mib, da sempre dominato dalle banche, energia e le Un po in tutta Europa le banche si sono mosse verso la finanza islamica. A cominciare dal Regno Unito, dove il volume delle attività era di 509 miliardi di dollari nel 2006 e ha raggiunto i miliardi a fine L obiettivo per l Italia potrebbe essere non tanto «fare» finanza islamica ma far emergere le realtà italiane che soddisfino i requisiti per diventare buone possibilità di investimento per le istituzioni islamiche alla ricerca di buone opportunità u tility. In particolare, a fine 2012 la squadra risultava composta da: Acotel Group, B&C Speakers, Boni fi - che Ferraresi, Cembre, Diasorin, Eni (fino al 2008), Ge ox, L Espresso, Luxottica, Marcolin, Mediaset, Ni - ce, Parmalat, Recordati, Retelit, Sabaf, Saes Getters, Saipem. Save, Società Aeroporto Toscano, Sorin, Te - naris, Tod s eyoox. Insomma, oltre a includere aziende con un bassissimo indebitamento, l indice ha favorito titoli a bassa capitalizzazione rispetto alle midcap e blue chip, con un particolare accento sui settori dell eccellenza italiana: un alta percentuale è costituita da aziende operanti nei settori della moda e del lusso, il così detto made in Italy (Geox, Tod s, Lu xot - tica, Marcolin, Recordati, e fino al 2011 anche Bul ga - ri). Sono presenti inoltre le società che gestiscono gli ae roporti di due delle principali città turistiche ita- In Europa la popolazione musulmana tocca i 13 milioni. In Italia i musulmani erano oltre nel 2008, si calcola saranno 1,3 milioni nel 2015 Banche islamiche nel mondo: 350 di cui 26 in Europa, nessuna in Italia Tasso di crescita delle attività della finanza islamica: per cento annuo Tasso di crescita dei ricavi dell Islamic Retail Banking negli ultimi cinque anni: 44 per cento annuo Stime dell Islamic Banking in Italia nel 2015: raccolta per 4,5 miliardi di euro, ricavi per 170 milioni di euro Una delle sale della Karachi Stock Exchange. Karachi è la capitale economica e finanziaria del Pakistan, dove hanno sede molte delle maggiori banche e istituzioni finanziarie del Paese liane: Venezia (Save) e Firenze (Adf). In poche parole, il portafoglio è rappresentato in larga parte da aziende marcatamente rappresentative dei prodotti italiani ad eccezione forse del settore food & drinks, escluso soprattutto per effetto della proibizione islamica degli alcolici. È la conferma che il mondo islamico, oltre a rappresentare da sempre un potenziale mercato di espan - sione per le nostre imprese, è anche un interlocutore fi nanziario che dovrebbe meritare, ai tempi del credit crunch, più considerazione. Per questo il paper del l Ai - af dedicato alla creazione di «Un rating islamico per le società italiane», non nasce da un obiettivo accademico bensì vuole essere un contributo pratico per au - mentare l appeal del nostro listino azionario (o più in generale delle imprese di casa nostra) che stenta a trovare interlocutori solidi, ma con un orizzonte di più lungo termine rispetto ai private equity anglosassoni. Sono almeno tre, del resto, i motivi per cui l a - zienda Italia dovrebbe prestare maggiore attenzione al mondo della Sharia. Il primo è l intensità degli scambi: l Italia è da sem - pre proiettata verso il Nord Africa e il Medio Oriente, i cui Paesi rappresentano nell interscambio commerciale una quota significativa della nostra bilancia dei pagamenti. Quella di supportare il nostro export, e in particolare quello delle piccole-medie imprese ancora poco internazionalizzate, è un esigenza cui hanno cer - cato di fare fronte Sace, Simest e la Cassa depositi e prestiti che proprio alla fine del 2012 ha firmato con la Qatar Holding Llc, tramite il Fondo strategico italiano Spa, una joint venture (IQ Made in Italy Ven - 26 OUTLOOK - Settembre/Ottobre 2013 Settembre/Ottobre OUTLOOK 27

3 Economia A sud del Mediterraneo Prospettive Questioni irrisolte o sviluppo della finanza islamica, specie nei sistemi misti, sconta una serie di questioni ancora irrisolte che ne limitano la diffusione. Innanzitutto è necessario operare un cambiamento culturale nella logica dei Paesi recipienti che veda tale mercato come un opportunità di innovazione (sostanzialmente l approccio inglese) e non come un rischio alla stabilità. D altro canto la finanza islamica presenta alcune peculiarità che richiedono un attenta considerazione sul piano normativo (rischi operativi-legali) e di corporate governance. Questo perché si tratta di un tipo di finanza caratterizzata da una maggiore incidenza dei rischi di impresa rispetto a quelli classici di credito: all interno dei rischi di mercato il rischio di interesse diventa irrilevante (quantomeno direttamente) mentre assume maggiore peso quello legato al L PRODUCIAMO IMBALLAGGI CON LEGNO PROVENIENTE DA FORESTE GESTITE IN MODO RESPONSABILE. Associazione italiana degli analisti finanziari ha selezionato, tra il 2002 e il 2012, le aziende italiane quotate che rientrano nella Sharia compliance. Il paniere di titoli raggiunge circa il 16 per cento del listino. Il portafoglio è rappresentato in larga parte da aziende importanti del made in Italy, tranne che per il settore alimentare, che sconta la proibizione islamica per gli alcolici e alcuni cibi ture) per investire in aziende italiane leader. Ma a questa attività non ha finora corrisposto un analogo sviluppo dell attenzione della finanza islamica, che pure ha trovato terreno fertile nel Regno Unito. Il secondo motivo è la scoperta di un nuovo bacino di utenti. Attualmente la maggior parte dei musulmani europei gestisce le proprie attività finanziarie attraverso le banche convenzionali, anche perché i principali fornitori di servizi finanziari islamici non sono presenti nel mercato al dettaglio. La maggioranza si serve di grandi istituzioni anziché utilizzare L prezzo delle commodity o di attività immobiliari, per il fatto che le banche islamiche tendono ad avere nel proprio attivo un ammontare relativamente superiore di attività reali; i potenziali vantaggi in termini di profittabilità vanno a scapito di maggiori rischi di liquidità per motivi endogeni (caratteristiche degli impieghi) ed esogeni (struttura del mercato). Di riflesso, gli organismi multilaterali islamici, Accounting and Auditing Association for Islamic Financial Institutions (Aaoifi) stanno svolgendo una consistente attività di «institution building» volta a fornire maggiori certezze al mercato attraverso la standardizzazione dei contratti, lo sviluppo di mercati interbancari, il contenimento dei problemi di «legal enforceability» e anche di disomogenea interpretazione da parte degli Sharia board. Pan European Forest Certification UTILIZZANDO GLI IMBALLAGGI CHIMAR, PROTEGGETE I VOSTRI PRODOTTI E L AMBIENTE. CHIMAR SpA Via Archimede, Limidi di Soliera (Mo) tel. (+39) fax (+39) INDUSTRIE IMBALLAGGI MODENA PACKAGING SOLUTNS BOLOGNA MODENA MILANO VICENZA Membri della Camera di Commercio di Riyad, capitale e principale centro economico dell'arabia Saudita, votano per il rinnovo della presidenza dell ente

4 Economia A sud del Mediterraneo I l sistema finanziario islamico è l insieme di istituti giuridici, strumenti finanziari e imprese conformi ai dettami e alle tradizioni della Sharia. La finanza islamica si fonda sui precetti giuridici influenzati dalla religione, tra i quali il divieto di pagamento degli interessi e il divieto di speculazioni e incertezze nei contratti piccole banche e solo pochi utilizzano le filiali europee delle banche islamiche. Ma un po in tutta Europa le banche si sono mosse nei confronti di un segmento di mercato nuovo e potenzialmente assai interessante. In Italia, a dire il vero, per ora si è mosso ben poco. Anche se ci sono stati numerosi convegni per lo più incentrati sulle possibilità normative e di vigilanza bancaria di aprire uno sportello islamico nel nostro Paese. Un dibattito che ha comunque avuto tiepidi riscontri dal mondo bancario italiano, a differenza che in Francia, Inghilterra e Germania, cosa comprensibile perché il Belpaese, a differenza delle realtà citate, vanta una comunità di immigrati musulmani di prima generazione, per lo più con bassi livelli di reddito che esprimono una domanda rivolta essenzialmente a servizi di base non finanziari come le rimesse e gli strumenti di pagamento. Infine, da non dimenticare l importanza dell opportunità di attrarre investimenti. Come suggeriscono gli autori, è legittimo pensare che «la finanza islamica possa essere invece un efficace mezzo per poter attirare gli investimenti islamici in Italia». Non è una partita di poco conto, se si pensa che, secondo le stime dello United Kingdom Islamic Finance Secretariat, il volume delle attività in Gran Bretagna era di 509 miliardi di dollari nel 2006 e ha raggiunto i miliardi a fine In questa cornice, dunque, l obiettivo non è «fare» finanza islamica in Italia, ma piuttosto far emergere le realtà italiane che soddisfino i Operatori controllano l indice della Borsa Saudita di Riyad GRUPPO CMS opera dal 1975 nel comparto meccanico fornendo ai propri Clienti lavorazioni, componenti e prodotti finiti. Dal 2012 alle sei aziende del Gruppo si aggiunge CMS CHINA con sede a Wujiang. La collaborazione con aziende leader nel proprio settore ha fatto del GRUPPO CMS il partner per progettare, costruire e montare gruppi meccanici su specifica del Cliente. Dalla fase di ideazione alla progettazione, dalla ingegnerizzazione alle lavorazioni meccaniche, dall assemblaggio al collaudo: questa è l attività del Gruppo, orientato alla soddisfazione del cliente, organizzato per processi e dotato di certificazioni di qualità sia dal punto di vista del processo produttivo che da quello ambientale e sociale. Fare meccanica... dall idea al prodotto finito restrittivi requisiti tali da rappresentare delle possibilità di investimento per le istituzioni islamiche (fondi sovrani, banche, Sgr e altri) alla ricerca di buone opportunità. Tornando all elenco delle imprese italiane quotate in Borsa ricavato applicando al listino i fondamenti della finanza islamica, ne risulta un portafoglio che ha registrato nel medio termine un risultato lusinghiero: il 40 per cento in più rispetto al benchmark di riferimento, cosa che non stupisce vista la propensione dei fondi islamici a investire in società poco indebitate, cosa che rende la selezione interessante anche per quegli investitori di medio-lungo termine che cercano un investimento azionario non particolarmente rischioso, come la clientela istituzionale o quasi-istituzionale (fondi pensione, fondazioni). Ma l aspetto più interessante, dal punto di vista delle imprese, riguarda le caratteristiche che deve presentare un offerta adeguata a sollevare l attenzione dei possibili investitori. Da un punto di vista qualitativo, infatti, dai risultati della ricerca emerge che, anche se l industria Italiana è stata duramente colpita dalla crisi, ha ancora un grande potenziale di crescita e che le eccellenze italiane possano rappresentare un importante opportunità per i fondi islamici attualmente totalmente trascurata, rappresentando anche un importante elemento di stimolo e di crescita per la ripresa del nostro sistema produttivo. Per una società italiana essere inserita in un indice islamico e superare il difficile esame di «compati-

5 Economia bilità Sharatica», oltre a dare la potenziale possibilità di accedere a un mercato enorme come quello islamico, potrebbe essere l occasione per un apertura e una capacità di dialogo verso una diversa cultura, e un ulteriore «biglietto da visita» per gli investitori osservanti che vorrebbero investire in Italia. D altro canto, avvicinarsi alle modalità di investimento islamiche, può rappresentare anche un ottima oppor tunità per quelle società, attualmente più indebitate e di fatto escluse dal paniere, che siano presenti sui mercati mediorientali e che cerchino investitori esteri per ridurre poi il proprio indebitamento o formare joint venture con essi. O per sviluppare la ricerca. È il caso, per esempio, dell industria farmaceutica, a proposito della quale, nota Alessandra Tami, professore associato di Bilancio e analisi economico-finanziaria all Università Milano Bicocca, «non si può non rilevare la necessità di poter contare su risorse adeguate che non possono non derivare dal capitale di rischio nelle diverse forme che possono arrivare alle aziende. Compresi i fondi etici e quelli islamici, possibile alternativa coerente con la mission dell impresa e le aspettative degli investitori». Per finire, un accenno alla madre di tutte le questioni: il debito pubblico italiano. Con alcuni accorgimenti legislativi, suggerisce il paper, il Tesoro potrebbe diversificare i propri strumenti di debito con l emissione di obbligazioni islamiche (sukuk), un mercato fortemente liquido (nell ordine dei 200 miliardi di euro) alimentato soprattutto dai Paesi del Golfo, ma afflitto dalla scarsità di emittenti e dall assenza di Paesi Ue. Può essere una buona idea quella di muoversi, una volta tanto, per primi, anche perché i precetti della Sharia sono più che compatibili e coerenti con la necessità di rilanciare la crescita e ridurre in maniera significativa la massa del debito pubblico. La finanza islamica può essere un alleato prezioso per raggiungere due obiettivi: il finanziamento di opere pubbliche e le cartolarizzazioni del patrimonio immobiliare pubblico. Una volta tanto, insomma, un po di reattività finanziaria non guasterebbe. I principali obiettivi di apprendimento professionali Migliorare la competenza linguistica richiesta dal proprio ruolo aziendale: Role-building Where language works for YOU and YOUR company RUOLO Consulenza e formazione linguistica di Migliorare la capacità di comunicare per creare e mantenere rapporti sociali: Relationship-building PERSONA Migliorare l immagine di sè nel presentare e parlare in pubblico: Image-building LEADER I prossimi appuntamenti: un invito per un aperitivo speciale, un opportunità per conoscersi e socializzare in inglese! The English Movie: per chi ama il cinema in lingua originale e per commentare il film, in inglese! LanguageWorks consulenza e formazione linguistica per utilizzo professionale Nuova Didactica - LanguageWorks c.so Cavour 56, Modena Orianna RAGGLI Cell

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento

ASSOCONSULENZA. Associazione Italiana Consulenti d Investimento ASSOCONSULENZA Associazione Italiana Consulenti d Investimento Formazione Mediatore Creditizio Proprio nel momento in cui il mondo finanziario occidentale è in ginocchio per gli effetti della crisi dei

Dettagli

Finanza islamica in Italia: potenzialità e limiti alla luce dell esperienza nel Regno Unito

Finanza islamica in Italia: potenzialità e limiti alla luce dell esperienza nel Regno Unito L articolo tratteggia le potenzialità e individua eventuali vincoli allo sviluppo di un offerta retail di prodotti Sharia compliant sul mercato italiano. L analisi identifica i driver di crescita nell

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014

FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017. Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL 2.0 RISULTATI 2013 E PIANO STRATEGICO 2014-2017 Milano, 3 aprile 2014 FIRST CAPITAL OGGI (1/2) First Capital è un operatore italiano specializzato in Private Investment in Public Equity (

Dettagli

per BNP PARIBAS ITALIA Il Gruppo a livello mondiale Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 2 II 4 poli funzionali Pag. 3

per BNP PARIBAS ITALIA Il Gruppo a livello mondiale Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 2 II 4 poli funzionali Pag. 3 BNP PARIBAS ITALIA Il Gruppo a livello mondiale Pag. 1 La presenza in Italia Pag. 2 II 4 poli funzionali Pag. 3 Milano, 7 febbraio 2006 1 IL GRUPPO A LIVELLO MONDIALE Prima banca francese per totale attivo

Dettagli

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI.

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. Cosa cercano i migliori promotori? Ampia gamma di prodotti Massima autonomia Accogliere i clienti in una banca Guadagno su tutti

Dettagli

FINANZA ISLAMICA E BAHRAIN

FINANZA ISLAMICA E BAHRAIN FINANZA ISLAMICA E BAHRAIN Il sistema finanziario islamico,ovvero il sistema di banche commerciali,banche di investimento,banche offshore operanti nel rispetto delle norme dettate dal Corano,è diventato

Dettagli

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond La Commissione europea preferisce i project bond Gli investimenti infrastrutturali possono stimolare crescita e occupazione. Come sostenuto dal neo presidente della Commissione europea Junker. Ma i lavori

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

MASTER INTERNAZIONALE IN DIRITTO E FINANZA ISLAMICA

MASTER INTERNAZIONALE IN DIRITTO E FINANZA ISLAMICA prot, n: 047/2015 ogg: Master Int. Diritto e Finanza Islamica destinatari/o: Media/Social/Com.Scientifico MASTER INTERNAZIONALE IN DIRITTO E FINANZA ISLAMICA CORSO DI ALTA FORMAZIONE SCIENTIFICA E PROFESSIONALE

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

ISSN 2280-949X. Associazione. Analisti Finanziari. online. Aprile 2013

ISSN 2280-949X. Associazione. Analisti Finanziari. online. Aprile 2013 Associazione Italiana degli i quaderni Analisti Finanziari online ISSN 2280-949X Aprile 2013 Un rating islamico per le società italiane 156 I Quaderni AIAF online n. 156 Un rating islamico per le società

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I

Workshop Gli investitori incontrano le imprese. --- Gabriele Casati ANTARES AZ I. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 ANTARES AZ I Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Gabriele Casati Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Antares AZ I è un fondo d investimento mobiliare chiuso riservato a Investitori Qualificati

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Newsletter Novembre 2012

Newsletter Novembre 2012 Newsletter Novembre 2012 Milano, 12 novembre 2012 Gent. IRO, con l avvicinarsi della fine di un anno che ha visto perdurare forti difficoltà nel contesto economico e finanziario, abbiamo ritenuto interessante

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Nota stampa. 17 novembre 2009. Nota Stampa Gli ETF FTSE RAFI di Invesco PowerShares.

Nota stampa. 17 novembre 2009. Nota Stampa Gli ETF FTSE RAFI di Invesco PowerShares. Nota stampa Nota Stampa Gli ETF FTSE RAFI di Invesco PowerShares. 17 novembre 2009 Se doveste avventurarvi per un lungo viaggio, scegliereste un automobile del 1957 o una superaccessoriata berlina del

Dettagli

Piano Industriale Gruppo CDP 2020

Piano Industriale Gruppo CDP 2020 RISERVATO E CONFIDENZIALE Piano Industriale Gruppo CDP 2020 Linee guida strategiche Conferenza stampa Roma, 17 Dicembre 2015 CDP: 165 anni di storia 18 Novembre 1850: nasce la Cassa Depositi e Prestiti

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI

SINTESI DEGLI INTERVENTI SINTESI DEGLI INTERVENTI Fabrizio Forquet introduce i lavori del Convegno richiamando l attenzione degli intervenuti sull importanza di iniziative per la crescita e per il supporto alle esportazioni, che

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Il caso del Gruppo Generali

Il caso del Gruppo Generali Carlo Cavazzoni Direttore Generale Simgenia Gian Luigi Costanzo Amministratore Delegato Generali Asset Management Il caso del Gruppo Generali Sommario Θ Trend del mercato Θ L approccio di Generali al mercato

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

La diversificazione nel settore. immobiliare: nuova rotta e nuovo equipaggio

La diversificazione nel settore. immobiliare: nuova rotta e nuovo equipaggio La diversificazione nel settore c è una rotta fuori dai porti sicuri? immobiliare: nuova rotta e nuovo equipaggio Alberto Matta, Managing Director Optimum Asset Management Chi siamo é una società specializzata

Dettagli

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa stampa chiudi 12 Luglio 2010 Scritto da: Redazione L azionista di Fondamenta SGR ha scambiato il 51% delle azioni di Fondamenta SGR con il 7,7%

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO

IL CREDITO COOPERATIVO IL CREDITO COOPERATIVO 1 Il Credito Cooperativo 400 Banche cooperative 4.450 Sportelli 37 mila Collaboratori dipendenti 1,1 milioni Soci 7 milioni Clienti 2 Il Credito Cooperativo Localizzazione Geografica

Dettagli

Disciplina degli investimenti dei fondi pensione e la revisione del DM 703/96. Mauro Marè Mefop

Disciplina degli investimenti dei fondi pensione e la revisione del DM 703/96. Mauro Marè Mefop Disciplina degli investimenti dei fondi pensione e la revisione del DM 703/96 Mauro Marè Mefop A che punto siamo? Situazione degli iscritti al 31.12.2008 * Il dato si riferisce ai Pip nuovi adeguati e

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale Novembre 2014 Milano Via Turati, 9-20121 info@advamsgr.com tel. 02 620808 fax 02 874984 www.advamsgr.com Indice La carta d identità La storia e le competenze La governance e

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014

Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014. GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Corso di INVESTMENT BANKING and REAL ESTATE FINANCE A. A. 2013-2014 GLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI DEGLI INVESTITORI PREVIDENZIALI 1 aprile 2014 Elisa Bocchialini Università degli Studi di Parma Dipartimento

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron BNP Paribas MTA International Le nuove opportunità per i traders Patrice Ménard BNP Paribas - Relazioni con gli Investitori e Informazione Finanziaria Marco Peyron BNL - Relazioni con gli Investitori Milano,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nomina di Massimo Capuano al Vertice Operativo di Centrobanca

COMUNICATO STAMPA. Nomina di Massimo Capuano al Vertice Operativo di Centrobanca COMUNICATO STAMPA Nomina di Massimo Capuano al Vertice Operativo di Centrobanca Milano, 19 gennaio 2011 UBI Banca annuncia la nomina dell Ing. Massimo Capuano al Vertice Operativo di Centrobanca, l unità

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Un partner globale per gli investitori istituzionali Pag. 1. I punti di forza Pag. 4. I servizi offerti Pag. 5. La strategia di crescita Pag.

Un partner globale per gli investitori istituzionali Pag. 1. I punti di forza Pag. 4. I servizi offerti Pag. 5. La strategia di crescita Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA RBC DEXIA INVESTOR SERVICES Un partner globale per gli investitori istituzionali Pag. 1 I punti di forza Pag. 4 I servizi offerti Pag. 5 La strategia di crescita

Dettagli

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente.

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente. 3. INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AVIVA VITA - PRO FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE Data di efficacia della presente Sezione: 1 aprile 2013 INFORMAZIONI

Dettagli

MALTA. Sviluppo e Crescita: in pole position per fondi UCITS e fondi alternativi. Palazzo Mezzanotte, Milano Joseph Camilleri - Valletta Fund Services

MALTA. Sviluppo e Crescita: in pole position per fondi UCITS e fondi alternativi. Palazzo Mezzanotte, Milano Joseph Camilleri - Valletta Fund Services MALTA Sviluppo e Crescita: in pole position per fondi UCITS e fondi alternativi Palazzo Mezzanotte, Milano Joseph Camilleri - Valletta Fund Services giovedí 10 aprile 2014 Agenda Sezione 1 I servizi finanziari

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

Quotazione delle SIIQ e degli investimenti immobiliari: le prospettive nell attuale mercato finanziario Dr. Massimiliano Lagreca (Borsa Italiana)

Quotazione delle SIIQ e degli investimenti immobiliari: le prospettive nell attuale mercato finanziario Dr. Massimiliano Lagreca (Borsa Italiana) Quotazione delle SIIQ e degli investimenti immobiliari: le prospettive nell attuale mercato finanziario Dr. Massimiliano Lagreca (Borsa Italiana) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI

BUSINESS FOCUS. MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI BUSINESS FOCUS MEDITERRANEO e MEDIO ORIENTE VINCERE LE SFIDE DEI MERCATI EMERGENTI Corso Executive formula week end: Milano, 2 ottobre 28 novembre 2015 INTRODUZIONE Negli ultimi anni i Paesi del Mediterraneo

Dettagli

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè 21 Ottobre 2014 Gli attori della finanza Andrea Nascè Argomenti Classificazione degli attori e mappa ideale degli attori Focus su: 1. L investimento ad opera dei 2. Il finanziamento ad opera delle IMPRESE

Dettagli

Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo. Gianluca Lauria Luigi Ardizzone

Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo. Gianluca Lauria Luigi Ardizzone Il supporto finanziario all interscambio a agli investimenti nei Paesi del Golfo Gianluca Lauria Luigi Ardizzone Agenda Il sostegno all internazionalizzazione di BNL-BNP Paribas (G.Lauria) L Italian Desk

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI

PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI PRIVATE EQUITY, CONFIDI E BANCHE: OPPORTUNITA E SERVIZI PER LE PMI Milano 6 maggio 2011 L investitore istituzionale per tipologia di investimento a profilo di rischio ha difficoltà ad investire in PMI

Dettagli

BORSA, M&A ED ALIMENTARE: L ANALISI DI KPMG CORPORATE FINANCE GLI INGREDIENTI DELLA CRESCITA: AGGREGAZIONI ED APERTURA AL CAPITALE DI RISCHIO.

BORSA, M&A ED ALIMENTARE: L ANALISI DI KPMG CORPORATE FINANCE GLI INGREDIENTI DELLA CRESCITA: AGGREGAZIONI ED APERTURA AL CAPITALE DI RISCHIO. ABCD kéïë BORSA, M&A ED ALIMENTARE: L ANALISI DI KPMG CORPORATE FINANCE GLI INGREDIENTI DELLA CRESCITA: AGGREGAZIONI ED APERTURA AL CAPITALE DI RISCHIO. I dati KPMG confermano che la crescita dimensionale

Dettagli

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato il modello distributivo integrato Cassa di Risparmio di Firenze - Banca CR Firenze, società per azioni quotata al listino ufficiale della Borsa Italiana dal luglio 2000, è la capogruppo del Gruppo Bancario

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato

Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Audizione CDP su strategie nuovi vertici società controllate dallo Stato Pres. Prof. Franco Bassanini - A.D. Dott. Giovanni Gorno Tempini SENATO - COMMISSIONE INDUSTRIA 22 ottobre 2014 Missione CDP in

Dettagli

Professor Claudio Cacciamani Dottoressa Sonia Peron - Università di Parma -

Professor Claudio Cacciamani Dottoressa Sonia Peron - Università di Parma - Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups II Quadrimestre 2014 Milano, novembre 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Secondo Quadrimestre

Dettagli

Portafogli efficienti per ogni profilo

Portafogli efficienti per ogni profilo Portafogli efficienti per ogni profilo di rischio con gli ETF Fausto Tenini -Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà di Economia Offerta

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali 2014 Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali R I S U L T A T I P R I N C I P A L I I risultati del nostro Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali del 2014 indicano che gli investitori

Dettagli

Etica Sgr. investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo

Etica Sgr. investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo Etica Sgr investimenti socialmente responsabili microcredito azionariato attivo Una società finanziaria specializzata Etica Sgr, operativa dal 2002, è iscritta all Albo delle Società di Gestione del Risparmio

Dettagli

Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero

Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Settima conferenza Banca d Italia MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Roma, 27 marzo 2014 Francesco Montaruli Addetto Finanziario presso il Consolato di San Paolo La presentazione è articolata

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Il tuo partner innovativo per l estero

Il tuo partner innovativo per l estero Il tuo partner innovativo per l estero Chi siamo Export Trade Solutions Srl è una società di consulenza che opera in ambito nazionale ed internazionale assistendo le aziende nella loro fase di inserimento

Dettagli

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza Situazione attuale e prospettive di crescita Giornata nazionale della previdenza, 11 Maggio 2012 Agenda Scenario macroeconomico

Dettagli

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione.

La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo dei progetti di internazionalizzazione. Investire in Francia Nuove opportunità di insediamento e incentivi messi a disposizione dal governo francese Assolombarda Milano, 6 Aprile 2011 La banca quale partner per affiancare l'impresa nello sviluppo

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli