MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE"

Transcript

1 COPERTINA MGA rev. n.01 del AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale

2 Cap. 0 - Pag. 1 di 2 INDICE E GENERALITÁ rev. n.01 del CAP. 0 INDICE E GENERALITÁ INDICE: 0.0 INDICE DEL MANUALE 0.1 NORME DI RIFERIMENTO 0.2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 0.3 TERMINI E DEFINIZIONI 0.4 SISTEMA DI GESTIONE INDICE REVISIONI Rev. N. Del Descrizione variazione Compilato Approvato Prima emissione Modificato p.to 0.1

3 Cap. 0 - Pag. 2 di 2 INDICE E GENERALITÁ rev. n.01 del Indice del Manuale Cap. n. Titolo Rev. N. Rif. UNI EN ISO 14001: Indice e Generalità 1 del Scopo e campo di applicazione 1 del Punto 1 2 Norme di riferimento 0 del Punto 2 3 Termini e definizioni 0 del Punto 3 4 Sistema di gestione ambientale 0 del Punto Descrizione dell azienda Per tale argomento si rimanda al corrispondente paragrafo 0.2 del Manuale d Gestione della Qualità, secondo la norma ISO Descrizione dei processi aziendali Per tale argomento si rimanda al corrispondente paragrafo 0.2 del Manuale d Gestione della Qualità, secondo la norma ISO Compatibilità con altri sistemi di gestione Il sistema di gestione ambientale dell azienda pur non essendo da considerarsi un sistema integrato, fa riferimento, quando applicabile, ai corrispondenti elemento del sistema di gestione per la qualità. Per quanto attiene la sicurezza dei lavoratori, AMI SPA attua le necessarie disposizioni cogenti relative, pur non avendo implementato sistemi di gestione certificati da parte terza.

4 Cap. 1- Pag. 1 di 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE rev. n.01 del CAP. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE INDICE: 1.1 SCOPO 1.2 CAMPO DI APPLICAZIONE INDICE REVISIONI Rev. N. Del Descrizione variazione Compilato Approvato 00 04/06/2007 Prima emissione 01 08/11/2007 Modificato p.to 1.2 con siti aziendali

5 Cap. 1- Pag. 2 di 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE rev. n.01 del Scopo Scopo del presente Manuale di Gestione Ambientale (MA) è quello di descrivere il sistema di gestione aziendale per l ambiente messo in atto da AMI SPA, attraverso: La descrizione sintetica delle funzioni aziendali e dei relativi compiti e responsabilità L illustrazione delle attività, dei procedimenti e delle risorse attuate per attuare e verificare l efficacia del sistema di gestione per l ambiente. 1.2 Campo di applicazione AMI SPA applica il proprio sistema di gestione per l ambiente (descritto nel presente Manuale) agli aspetti ambientali sui quali può esercitare un influenza e che può tenere sotto controllo, relativamente a tutte le attività inerenti l erogazione dei propri servizi: Trasporto Pubblico Locale e mobilità integrata Noleggio Turistico Il campo di applicazione della certificazione ISO per AMI SPA risulta quindi: "PROGETTAZIONE ED EROGAZIONE DI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DI LINEA ED A CHIAMATA. EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE." AMI SPA considera applicabili per il proprio sistema di gestione ambientale tutti i titoli dei requisiti indicati nella norma di riferimento UNI EN ISO 14001:2004; eventuali precisazioni di dettaglio circa il grado di applicabilità saranno descritti nei corrispondenti capitoli del presente Manuale. SITI AZIENDALI SITO SEDE ATTIVITÀ SEDE LEGALE E UFFICI P.zza E. GONZAGA, URBINO DEPOSITO DEPOSITO, OFFICINA E UFFICI VIA I MAGGETTI URBINO VIA DEI CANONICI SN PESARO DEPOSITO VIA E. MATTEI, FANO PRESIDENZA, DIR, AGL, SGR, RDC, ACQ, ATA, ASX, HRS, STAFF AAE, MOVIMENTO ESE, PSE, SCO, AOM, AAE, MOVIMENTO AAE, MOVIMENTO

6 Cap. 2- Pag. 1 di 2 NORME DI RIFERIMENTO rev. n.00 del CAP. 2 NORME DI RIFERIMENTO INDICE: 2.1 RIFERIMENTI INDICE REVISIONI Rev. N. Del Descrizione variazione Compilato Approvato Prima emissione

7 Cap. 2- Pag. 2 di 2 NORME DI RIFERIMENTO rev. n.00 del Riferimenti Il sistema di gestione aziendale per l ambiente messo in atto da AMI SPA prende come riferimento la seguente norma: UNI EN ISO 14001:2004. In aggiunta, vengono presi a riferimento anche altri documenti normativi inerenti la gestione ambientale, pur senza impegnarsi a rispettarli integralmente: UNI EN ISO 14004:1997 Sistemi di gestione ambientale. Linee guida generali su principi, sistemi e tecniche di supporto. Infine il sistema di gestione ambientale considera a riferimento anche taluni elementi del sistema di gestione per la qualità (come sarà richiamato nei capitoli corrispondenti), secondo norma: UNI EN ISO 9001:2000, con i documenti correlati (Manuale, Procedure, Istruzioni). AMI SPA considera anche i seguenti riferimenti generici relativi al proprio settore: Contratto di Servizio secondo D.L. 422/97, L.R. 45/98 art. 19 e successive modifiche ed integrazioni Carta della Mobilità secondo L. 273/95 e D.P.C.M. del e del D.M n. 448 Direttiva P.C.M. del D.M. del D.L. del n. 165 L. 281 del Per quanto attiene i riferimenti alle prescrizioni legislative in materia ambientale, si allegano i principali documenti in vigore. D.lgs. 152/2006 "Norme in materia ambientale" e successive modificazioni ed integrazioni D.P.R. 147 / 2006 Sul controllo di fughe di gas dannosi allo strato di ozono Decreto Legislativo 19/8/2005 n. 195 (G.U. 23/9/2005 n. 222) Attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale Decreto Legislativo 18/2/2005 n. 59 (S.O. 22/4/2005 n. 93) Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento Legge 23/3/2001 n. 93 (G.U. 4/4/2001 n. 73) Disposizioni in campo ambientale Legge 5/1/1994 n. 36 (S.O. 19/1/1994 n. 14) Disposizioni in materia di risorse idriche Legge 13/7/1966 n. 615 (G.U. 13/8/1966 n. 201) Provvedimenti contro l'inquinamento atmosferico Legge 447/95 Legge quadro sull'inquinamento acustico e leggi regionali correlate DPCM Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno D. M Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro Per ulteriori dettagli si rimanda all elenco presente nell analisi ambientale iniziale (AAI).

8 Cap. 3- Pag. 1 di 2 TERMINI E DEFINIZIONI rev. n.00 del CAP. 3 TERMINI E DEFINIZIONI INDICE: 3.1 TERMINOLOGIA DEL SISTEMA DI GESTIONE 3.2 ABBREVIAZIONI E SIGLE AZIENDALI INDICE REVISIONI Rev. N. Del Descrizione variazione Compilato Approvato Prima emissione

9 Cap. 3- Pag. 2 di 2 TERMINI E DEFINIZIONI rev. n.00 del Terminologia del sistema di gestione ambientale Nel presente Manuale di Gestione Ambientale (abbreviato anche MA o MGA), per la terminologia e le definizioni relative al sistema di gestione ambientale si rimanda alla norma UNI EN ISO 14001:2004; in aggiunta/integrazione, vengono adottate anche le seguenti definizioni: Organizzazione Nel presente manuale viene spesso utilizzato Il termine azienda in luogo del termine organizzazione indicato dalla norma ISO 14001: Abbreviazioni e sigle aziendali Le sigle degli enti aziendali AMI SpA sono descritte nell organigramma del cap. 5 del Manuale Qualità, cui si rimanda.

10 Cap.4- Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del CAP. 4 SISTEMA DI GESTIONE INDICE: 4.1 REQUISITI GENERALI 4.2 POLITICA 4.3 PIANIFICAZIONE 4.4 ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO 4.5 VERIFICA 4.6 RIESAME DELLA DIREZIONE INDICE REVISIONI Rev. N. Del Descrizione variazione Compilato Approvato Prima emissione

11 Cap.4- Pag. 2 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Requisiti generali AMI SPA attua il proprio sistema di gestione ambientale nel seguente modo: Identificazione e gestione degli aspetti ambientali e del loro impatto sulle attività aziendali e sull ambiente, in maniera tale da erogare il servizio in conformità ai requisiti. Attribuzione delle necessarie risorse per valutare e monitorare gli aspetti ambientali. Analizzare e riesaminare i dati provenienti dal monitoraggio per conseguire il miglioramento continuo e la riduzione dell inquinamento. Gli strumenti utilizzati sono: La politica per l ambiente e dichiarazione degli obiettivi e dei traguardi. Definizione delle mansioni e delle responsabilità ai vari livelli aziendali. Emissione di procedure documentate che descrivono i principali processi, unitamente alla predisposizione delle idonee registrazioni. Pianificazione e gestione delle attività di sorveglianza e monitoraggio, tramite esecuzione verifiche e misurazioni delle prestazioni ambientali con analisi dei dati risultanti. Riesame del sistema da parte della Direzione Processi in subappalto Attualmente l azienda affida in subappalto alcune attività che possono avere impatto ambientale, principalmente servizi di pulizia e manutenzione dei mezzi ed infrastrutture (locali e fermate), oltre che di lavorazioni di officina. In particolare questo riguarda l attività di manutenzione veicoli, che alla data del presente Manuale è delegata parzialmente o totalmente all esterno in determinate aree territoriali, mediante contratto di servizio. Tali processi vengono controllati dall azienda mediante registrazioni delle attività effettuate che vengono richieste ai subappaltatori e verifica che le attività stesse risultino conformi agli standard aziendali e stabiliti a contratto o mediante ordine di acquisto; la manutenzione delegata all esterno è soggetta anche a verifica ispettiva (audit). Per ulteriori dettagli si rimanda al Manuale Qualità Capitolo 4.1.

12 Cap.4- Pag. 3 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Politica Ambientale La Direzione ha deciso di adottare in azienda un sistema di Gestione Ambientale, in accordo con i requisiti della norma UNI EN ISO 14001:2004, descritto nel presente manuale. Tale sistema, collegato sinergicamente con gli altri sistemi di gestione aziendali, consentirà all Azienda di mantenere competitività sul mercato, migliorando le proprie prestazioni in materia ambientale. La Politica aziendale in materia di gestione ambientale è stata elaborata in maniera integrata con gli altri sistemi di gestione attualmente in vigore (Sistema di gestione per la qualità ISO 9001 e Sistema di gestione per la responsabilità sociale SA8000), ed è riportata al Capitolo 5 del manuale qualità, a cui si rimanda. 4.3 Pianificazione La Direzione Generale assicura che siano definiti i processi necessari per conseguire in modo efficace ed efficiente gli obiettivi per la Gestione Ambientale e per soddisfare i requisiti stabiliti coerentemente con le strategie aziendali nonché le loro interazioni e i relativi indicatori Aspetti ambientali L Azienda ha definito modalità e responsabilità per: identificare gli aspetti ambientali delle proprie attività sui quali può avere il controllo o un grado di influenza più o meno elevato; individuare tra questi aspetti, quelli che sono significativi dal punto di vista dell impatto ambientale. Le informazioni relative a questa attività sono registrate e gestite secondo la Procedura PGA 3-01, a cui si rimanda Prescrizioni legali ed altre prescrizioni L Azienda ha definito modalità e responsabilità per identificare e aggiornare le prescrizioni legislative e le altre prescrizioni inerenti gli aspetti ambientali. Le prescrizioni legali sono considerate requisiti cogenti e la documentazione relativa viene gestita con le modalità previste per la documentazione di origine esterna, come stabilito nella Procedura del Sistema Qualità PGQ 4-01, a cui si rimanda Obiettivi e traguardi e programma ambientale AMI SPA definisce e documenta obiettivi e traguardi ambientali, tenendo conto: dell impegno e della Politica aziendale in materia; degli aspetti ambientali significativi; delle prescrizioni legali e dei punti di vista delle parti interessate; del progresso tecnologico a disposizione, in funzione delle proprie risorse finanziarie. Per tenere sotto controllo e riesaminare il conseguimento di tali obiettivi, l Azienda elabora un programma di gestione ambientale ove specifica Tempi e responsabilità Descrizione Obiettivo e traguardo da raggiungere Azioni e strategie da adottare Le informazioni relative a questa attività sono registrate e gestite secondo la Procedura PGA 3-01, a cui si rimanda.

13 Cap.4- Pag. 4 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Attuazione e funzionamento Risorse, ruoli, responsabilità e autorità La Direzione assicura che siano definite le responsabilità e le autorità per l attuazione delle attività connesse al sistema di gestione ambientale, tramite la definizione di: un organigramma aziendale, ove sono rappresentate le aree e funzioni aziendali. mansionari scritti per ogni ente aziendale, ove si specificano le responsabilità e gli incarichi. Per i dettagli su questi documenti si fa riferimento al Capitolo 5 del Manuale della Qualità ISO In particolare, la Direzione AMI SPA conferisce la responsabilità e l autorità di gestire il Sistema di Gestione Ambientale, la documentazione correlata, di verificarne il grado di adeguatezza e di efficacia - in relazione alla politica Ambientale definita - e di fornire gli input per l esecuzione del Riesame della Direzione al Responsabile Gestione Ambientale, nella persona della D.ssa GIULIANA PERONI. Sarà suo compito quindi rappresentare la Direzione per quanto attiene alle problematiche globali di ambiente, in linea con la politica aziendale Competenza, formazione e consapevolezza Per raggiungere e migliorare continuamente le conoscenze necessarie per quelle persone la cui attività possa causare impatto ambientale significativo, è prevista una serie di azioni finalizzate a: - valutare le competenze del personale; - organizzare ed attuare programmi di formazione, mantenendone registrazione aggiornata. con modalità e responsabilità analoghe a quanto stabilito nel Manuale Qualità ISO 9001 Capitolo 6.3. Per la descrizione di dettaglio di tutti i passi relativi a formazione ed addestramento del personale si rimanda alla procedura del Sistema Qualità n. PGQ 6-01 Gestione risorse umane Comunicazione L azienda attua le necessarie modalità di comunicazione interna, per permettere il flusso dei dati inerenti la gestione ambientale e la loro condivisione con il personale interessato. I mezzi adottati per assicurare tale comunicazione possono essere diversi a seconda del contesto, e possono comprendere: comunicati interni e verbali di riunione; messaggi di posta elettronica interna; emissione della documentazione del sistema di gestione (Manuale e Procedure); avvisi e ordini di servizio esposti in bacheca. Per ulteriori dettagli si veda la Procedura del Sistema Qualità PGQ Per quanto attiene la comunicazione esterna, l Azienda provvede che siano attivati i canali idonei nei confronti di tutte le parti interessate (enti committenti, utenti, fornitori, pubblico, ecc.), impegnandosi a rispondere alle loro richieste e mettendo a disposizione se del caso la documentazione necessaria. I dettagli e le modalità sono descritti nella procedura applicabile PGQ Documentazione La gestione della documentazione del Sistema di gestione ambientale avviene con modalità del tutto analoghe a quanto stabilito nel sistema di gestione per la qualità (vedi capitolo 4 del Manuale Qualità).

14 Cap.4- Pag. 5 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del In particolare il presente Manuale di Gestione Ambientale contiene il riferimento alla politica ambientale ed agli obiettivi, la descrizione del campo di applicazione, la descrizione dell organizzazione e degli elementi del sistema con i riferimenti alle procedure gestionali e ai documenti di registrazione come di seguito descritto, avvalendosi di rimandi ai capitoli già citati del manuale della qualità, quando applicabili Controllo dei documenti In particolare, quindi, la documentazione del SGA è realizzata sulle seguenti tipologie: Manuale di Gestione Ambientale, come sopra descritto. Procedure gestionali, che definiscono condizioni, responsabilità e modalità gestionali attuate dalle singole funzioni aziendali; tali procedure possono essere costituite da procedure sviluppate appositamente per il sistema di gestione ambientale, oppure da procedure del sistema di gestione per la qualità revisionate in maniera tale da essere applicabili anche la gestione ambientale. Istruzioni di lavoro, che definiscono nel dettaglio le modalità di esecuzione delle attività, attuate dalle singole funzioni e/o preposti; anche per le istruzioni di lavoro vale quanto detto per le procedure circa l applicabilità nei vari sistemi. Piani e programmi di gestione ambientale, che, analogamente ai piani della qualità, definiscono obiettivi e traguardi ambientali per un determinato progetto, tenendo conto degli aspetti ambientali significativi, le innovazioni tecnologiche, le esigenze delle parti interessate. Documenti di registrazione, vale a dire tutti quei documenti sui quali vengono registrati dati e informazioni a seguito dell applicazione delle procedure e delle istruzioni di lavoro. Fra la documentazione del sistema qualità sono anche comprese le documentazioni di origine esterna, in particolare: i documenti inerenti i contratti di servizio e le specifiche dei committenti sui requisiti del servizio; i documenti legislativi inerenti il settore di attività dell azienda. L azienda assicura la conservazione e l aggiornamento anche di questa documentazione secondo la procedura applicabile PGQ Di seguito si elenca la correlazione fra i punti della norma e i capitoli MA e procedure correlate, inerenti il sistema di gestione per la qualità: Rif. ISO 14001: Requisiti del sistema di gestione ambientale Titolo Cap. MGA Rif. procedura Procedura Requisiti generali Politica Ambientale Pianificazione Aspetti ambientali 4 PGA 3-1 Valutazione Ambientale Prescrizioni legali ed altre prescrizioni Rif. ISO 9001: PGA 3-1 Valutazione Ambientale

15 Cap.4- Pag. 6 di 9 Rif. ISO 14001: Obiettivi e traguardi e programma ambientale 4.4 Attuazione e funzionamento Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Competenza, formazione e consapevolezza SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Titolo Cap. MGA Rif. procedura Procedura 4 PGA 3-1 Valutazione Ambientale Rif. ISO 9001: PGQ 6-1 Gestione risorse umane Comunicazione 4 PGQ 8-1 Non Conformità ed azioni correttive e preventive Documentazione 4 PGQ 4-1 Gestione dei documenti e dei dati Controllo dei documenti Controllo operativo 4 PGA Preparazione e risposta alle emergenze 4 PGQ 4-1 Gestione dei documenti e dei dati PGQ 7-1 PGQ 7-2 PGQ 7-3 PGQ 7-4 PGQ 7-5 PGQ 7-6 Gestione Rifiuti, Scarichi ed Emissioni Rapporti con il cliente Gestione parco mezzi Progettazione del servizio Approvvigionamenti Gestione Manutenzione Gestione movimento 4 PGA 4-2 Gestione emergenze ambientali

16 Cap.4- Pag. 7 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Rif. ISO 14001:2004 Titolo Cap. MGA Rif. procedura Procedura 4.5 Verifica Sorveglianza e misurazioni Valutazione del rispetto delle prescrizioni Non conformità, azioni correttive e azioni preventive Controllo delle registrazioni 4 PGQ 7-7 Gestione strumenti di misura Rif. ISO 9001: PGQ 8-2 Verifiche ispettive interne PGQ 8-1 PGQ 8-4 Non Conformità ed azioni correttive e preventive Gestione sinistri PGQ 4-1 Gestione documentazione Audit interno 4 PGQ 8-2 Verifiche ispettive interne Riesame della direzione Uso del certificato e del marchio di certificazione L azienda utilizza il certificato ed il marchio di certificazione ISO con modalità analoghe a quelle previste per il marchio ISO 9001 (vedi capitolo 4 Manuale Qualità), secondo le modalità previste dal regolamento vigente ed emesso dall Organismo di Certificazione (OdC) coinvolto Controllo operativo L azienda adotta modalità di gestione delle proprie attività tali da garantire che siano tenuti sotto controllo gli aspetti ambientali ad essi correlati; in questa maniera si ottimizzano le possibilità di raggiungimento dei traguardi e degli obiettivi prefissati. Quando ciò sia necessario per prevenire degli scostamenti rispetto alla politica aziendale ed agli obiettivi, l azienda assegna al responsabile del sistema di gestione ambientale il compito di predisporre, in accordo con i responsabili interessati, idonee procedure documentate (vedi elenco sopra descritto).

17 Cap.4- Pag. 8 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Gestione delle emergenze L azienda ha predisposto apposite procedure ed istruzioni di lavoro documentate per fare fronte ad eventuali situazioni di emergenza che si possano verificare, in sinergia con la gestione per la salute e sicurezza dei lavoratori, tenendo conto di: natura dei pericoli e tipologia delle emergenze probabili modalità per l azione immediata e per la comunicazione all interno e all esterno possibilità di estensione delle situazioni di emergenza ad altre realtà in prossimità del sito in cui avviene l emergenza eventuale interazione con gli altri soggetti presenti sul sito, facenti parte di altre aziende In funzione di queste considerazioni, vengono attuate le opportune azioni di: formazione ed informazione del personale comunicazione di liste di numeri e nominativi per le emergenze prove periodiche di simulazione (quando applicabili) predisposizione di punti di raccolta ed evacuazione Per ulteriori dettagli si rimanda alla procedura sulla gestione delle emergenze PGA Verifica Monitoraggi e misurazioni La Direzione assicura che siano definite le responsabilità e le autorità per l attuazione delle attività connesse alla sorveglianza ed alla misurazione dei parametri ambientali; da questi dati possono scaturire eventuali azioni correttive e preventive, a fini di raggiungere gli obiettivi ed i traguardi e migliorare la prestazione ambientale. Laddove necessario per assicurare risultati validi, l attrezzatura di misurazione viene sottoposta a taratura e verifica ad intervalli specificati, o prima dell utilizzo, rispetto a norme di misura rintracciabili o a norme di misura nazionali o internazionali Valutazione del rispetto delle prescrizioni L'azienda provvede a che venga effettuata la valutazione del rispetto delle prescrizioni legali identificate, compresi i permessi e le licenze applicabili. Tale valutazione viene effettuata normalmente in occasione degli audit interni del sistema, potendo comunque essere effettuata anche separatamente quando le circostanze particolari lo richiedono (es. aggiornamento delle prescrizioni legislative). I risultati delle valutazioni sono registrati ed archiviati a cura del responsabile del sistema ambientale Non conformità, azioni correttive e azioni preventive Le analisi dei dati circa la conformità e l efficacia del sistema vengono impiegate per valutare la necessità di Azioni Correttive e/o Preventive. Le modalità e le definizioni sono del tutto analoghe a quelle previste per il sistema di gestione della qualità, per cui si rimanda per dettagli al Manuale della qualità cap. 8 ed alla procedura PGQ 8-1 per la gestione delle Non Conformità ed Azioni Correttive e Preventive. I risultati anche in tal caso sono registrati ed archiviati a cura del responsabile del sistema ambientale.

18 Cap.4- Pag. 9 di 9 SISTEMA DI GESTIONE rev. n.00 del Controllo delle registrazioni Le modalità e le responsabilità sono del tutto analoghe a quelle previste per il sistema di gestione della qualità, per cui si rimanda per dettagli al Manuale della qualità cap. 4 ed alla procedura PGQ 4-1. Le registrazioni ambientali possono comprendere, tra le altre: a) registrazioni dei reclami; b) registrazioni della formazione; c) registrazioni della sorveglianza dei processi; d) registrazioni di ispezioni, manutenzioni e tarature; e) registrazioni relative agli appaltatori e ai fornitori; f) rapporti degli incidenti; g) registrazioni delle prove di preparazione alle emergenze; h) risultati degli audit; i) risultati dei riesami della direzione; j) decisione riguardo alla comunicazione esterna; k) registrazioni delle prescrizioni legali applicabili; l) registrazioni degli aspetti ambientali significativi; m) registrazioni delle riunioni ambientali; n) informazioni sulla prestazione ambientale; o) registrazioni relative al rispetto delle prescrizioni legali; p) comunicazioni con le parti interessate. Per quanto attiene la gestione delle informazioni riservate e delle proprietà intellettuali, l'azienda attua le necessarie prescrizioni di legge riguardanti la tutela della riservatezza Audit interni Gli audit interni del sistema di gestione ambientale sono analoghi a quelli degli altri sistemi di gestione in particolare al sistema di gestione per la qualità, e possono essere condotti da personale interno o da persone esterne. In entrambi i casi, l auditor deve essere libero da ogni responsabilità riguardo all attività sottoposta ad audit. Si rimanda per dettagli al Manuale della qualità cap. 8 ed alla procedura n. PGQ 8-2 per la conduzione degli audit interni. 4.6 Riesame della direzione La Direzione, effettua periodici riesami del Sistema Ambientale, allo scopo di verificare che il sistema sia applicato, funzioni nella maniera corretta e soddisfi i requisiti della norma e delle disposizioni legislative. Il responsabile ambientale riferisce alla Direzione sull andamento del Sistema, e si cura che la documentazione relativa al riesame sia mantenuta e archiviata. Il riesame del sistema da parte della direzione viene svolto in maniera integrata con il riesame degli altri sistemi di gestione in atto; pertanto si rimanda per dettagli al Manuale della qualità cap. 5.

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI

Manuale del Sistema di Gestione Integrato Ambiente & Sicurezza per PMI SISTEMA GESTIONALE INTEGRATO Ambiente Sicurezza con la collaborazione di: e di: pag. 1 di 272 INDICE Cap. 1 Introduzione... 12 1.1 Premessa... 12 1.2 Perché i sistemi gestionali... 12 1.3 Elementi principali

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA Rif. Norma UNI EN ISO 9001:2008 - Rev. 01 del 22/12/2011

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti

Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Criteri per un approccio efficace ed omogeneo alle valutazioni di conformità alla norma ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti INDICE Prefazione 3 A. PARTE PRIMA 3 A.0 Premessa 3

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO ADF ASSOCIAZIONE DISTRIBUTORI FARMACEUTICI ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) 1 OGGETTO... 1 2 INDIRIZZI POLITICI... 2 3 GENERALITÀ... 2 4 SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di certificazione...

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli