PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR CCI N 2007 IT 161 PO 008 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE 2007 Aprile 2008 Aggiornamento Settembre 2008

2 I N D I C E PREMESSA IDENTIFICAZIONE QUADRO D'INSIEME DELL'ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO Risultati e analisi dei progressi Informazioni sul rispetto del diritto comunitario Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Modifiche nell ambito dell attuazione del programma operativo (se del caso) Modifiche sostanziali a norma dell articolo 57 del Reg. CE 1083/2007 (se del caso) Complementarità con altri strumenti Modalità di sorveglianza ATTUAZIONE IN BASE ALLE PRIORITÀ Priorità 1 Ricerca scientifica, innovazione tecnologica e società dell informazione Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 2 Energia Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 3 Ambiente Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 4 Qualità della vita e inclusione sociale Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 5 Risorse naturali, culturali e turismo sostenibile Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 6 Reti e collegamenti per la mobilità Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 7 Sistemi produttivi Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 8 Città, aree urbane e sistemi territoriali Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Priorità 9 Assistenza tecnica e cooperazione interregionale Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli

3 4. ASSISTENZA TECNICA INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ

4 PREMESSA La Commissione Europea ha approvato il Programma Operativo Regionale Calabria FESR con Decisione n. C(2007) 6322 del e la Giunta Regionale ha preso atto del Programma stesso con deliberazione n. 881 del Pertanto nel corso del 2007 non sono è stato possibile avviare l attuazione operativa degli interventi programmati. Nelle more dell approvazione dei documenti di programmazione l Amministrazione Regionale ha attivato tutte le procedure necessarie, previste nel Programma Operativo, per darne immediata attivazione a seguito della Decisione di approvazione della Commissione Europea. A tal fine, già prima della formale approvazione del POR, con deliberazione della Giunta Regionale n. 676 dell 8 ottobre 2007 è stata approvata l organizzazione delle strutture amministrative interne preposte alla programmazione e gestione dei Programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali e dal Fondo per le Aree Sottoutilizzate. Con tale deliberazione si è disposta la costituzione, in ciascun Dipartimento, a cura del Dirigente Generale, di un Gruppo di Lavoro Politiche Regionali Unitarie per la programmazione, attuazione, monitoraggio, controlli di I livello e valutazione del POR Calabria , degli Accordi di Programma Quadro, del POR Calabria FESR , del POR Calabria FSE e del POR Calabria FAS A seguito della Decisione di approvazione del POR Calabria FESR , è stato immediatamente varato dalle Autorità Regionali uno specifico progetto di implementazione degli adempimenti da svolgere nel rispetto della Regolamentazione Comunitaria, Nazionale (QSN), delle previsioni della Delibera CIPE di Attuazione del QSN (Delibera CIPE 166 del 21/12/2007) e dei contenuti del POR Calabria FESR (si veda all Allegato 1 il quadro sintetico degli adempimenti previsti dal succitato progetto di implementazione con indicazione dello Stato dell Arte alla data di trasmissione del presente RAE). Va in particolare segnalato, al riguardo, che la tempestiva attuazione della suesposta attività complementare alla implementazione del POR Calabria FESR , nell arco dei primi dieci giorni del mese di gennaio 2008 aveva già portato: a) alla designazione formale ed immediata attivazione operativa con Delibera della Giunta Regionale n. 21 del 9 gennaio delle seguenti Autorità Responsabili del POR Calabria FESR , ai sensi dell art. 59 del Regolamento (CE) 1083/2006: - Autorità di Gestione - Autorità di Certificazione - Autorità di Audit - Autorità Ambientale - cui si affianca sul piano operativo il Responsabile del Monitoraggio; b) alla istituzione con Delibera della Giunta Regionale n. 19 del 9 gennaio 2008 del Comitato di Sorveglianza ai sensi dell arti. 63 del Regolamento (CE) 1083/2006; c) alla istituzione con delibera della Giunta Regionale n. 23 del 9 Gennaio 2008 del Comitato di Coordinamento del POR Calabria FESR , previsto al Paragrafo Modalità e Procedure di Coordinamento con il compito di supportare l Autorità di Gestione nell attuazione del Programma garantendo il massimo livello di coordinamento e di responsabilizzazione nell attuazione, assicurando l unitarietà di orientamento del 3

5 complesso delle attività e delle azioni da porre in essere per la corretta e tempestiva attuazione del POR. Si informa, altresì, che con la Delibera della Giunta Regionale n. 221 del 19 marzo 2008 è stato approvato il Piano Finanziario del Programma Operativo, per Assi prioritari, Settori di intervento e Obiettivi Operativi. ****************** Nel seguito, per quanto sopra esposto anche ai fini di un formale rispetto del dettato normativo in merito si riporta lo schema del Rapporto Annuale di Esecuzione 2007 relativo al POR Calabria FESR anche se privo dei previsti contenuti, in quanto non disponibili.. 4

6 1. IDENTIFICAZIONE Programma Operativo : Obiettivo interessato: Zona ammissibile interessata: Convergenza Territorio Regionale Periodo di programmazione: Numero del programma (numero CCI): 2007 IT 161 PO 008 Titolo del programma: Programma Operativo Regionale FESR 2007/2013 Decisione di approvazione C(2007) 6322 del 7 dicembre 2007 Rapporto Annuale di Esecuzione : Anno di : 2007 Data dell'approvazione del rapporto annuale da parte del comitato di sorveglianza: (Prot. 307/SP) 5

7 2. QUADRO D'INSIEME DELL'ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO 2.1. RISULTATI E ANALISI DEI PROGRESSI Informazioni sui progressi materiali del programma operativo Di seguito sono riportati gli indicatori di impatto e di risultato contenuti nel POR Calabria FESR Nel corso del 2007, come già evidenziato in premessa, non è stato materialmente possibile attivare i processi attuativi degli interventi e pertanto non ci sono stati effetti sugli indicatori del Programma. 6

8 Indicatori di Impatto Generale e per Asse Indicatori Generali Totale Incremento del PIL Incremento del Tasso di Occupazione Incremento del Tasso di Occupazione Femminile Incremento Netto dell Occupazione (lavori full time equivalenti creati) Diminuzione Emissione dei Gas Climalteranti Addetti alla Ricerca e Sviluppo. Obiettivo , ,3 Obiettivo 57,4 57,4 44,5 44,5 Obiettivo 43,7 43,7 30,8 30,8 Obiettivo Indicatori Asse Obiettivo , ,36 Obiettivo 1,6 1,6 0,8 0,8 7

9 Addetti creati nel settore manifatturiero di cui high-tech.. Grado di utilizzo di Internet nelle imprese. ICT nelle Amministrazioni Locali. Consumi finali di energia Intensità energetica finale del PIL Rifiuti urbani raccolti (Obiettivo Strategia di Lisbona). Obiettivo Obiettivo ,6 17,6 Obiettivo ,6 47,6 Indicatori Asse 2 Obiettivo - 9% - 9% 2050,7 2050,7 Obiettivo Indicatori Asse 3 Obiettivo ,2 466,2 Indicatori Asse 4 Percentuale della popolazione in età anni con al più la licenza media, che non ha concluso un corso di formazione professionale riconosciuto dalla Obiettivo

10 regione di durata superiore ai 2 anni. Indice di povertà regionale (popolazione). Tasso di disoccupazione di lunga durata. Incidenza della disoccupazione femminile di lunga durata. Aumento del tasso di attività femminile. Indice di domanda culturale (media per istituto). Capacità di attrazione dei consumi turistici. Superficie protetta interessata da programmi di tutela e conservazione. 19,6 19,6 Obiettivo ,1 26,1 Obiettivo 5 5 8,5 8,5 Obiettivo Obiettivo ,7 37,7 Indicatori Asse 5 Obiettivo ,1 19,1 Obiettivo 5 5 3,9 3,9 Obiettivo 80,00% 80,00% 9

11 Indicatori Asse 6 Accessibilità media infrastrutturale dei SLL. Obiettivo ,2 56,2 Obiettivo 1 1 Tasso netto di turnover delle imprese Grado di indipendenza economica. Obiettivo ,1 27,1 Capacità di esportare. Obiettivo 2,5 2,5 1 1 Obiettivo Utilizzo di mezzi pubblici di trasporto. 16,7 16,7 Tonnellate di merci in ingresso e in uscita per ferrovia sul totale delle modalità. Obiettivo 3 3 2,3 2,3 Obiettivo Tonnellate di merci in ingresso e in uscita su strada sul totale delle modalità. 82,1 82,1 10

12 Tonnellate di merci in ingresso e in uscita in navigazione di cabotaggio sul totale delle modalità. Indice del traffico aereo. Diminuzione di gas climalteranti da trasporti. Tasso di natalità delle imprese (Obiettivo Strategia di Lisbona, di cui a conduzione prevalentemente femminile ).. Obiettivo ,6 15,6 Obiettivo Obiettivo 1,7 1,7 2,19 2,19 Indicatori Asse 7 Obiettivo 9 9 8,6 8,6 Tasso netto di turnover delle imprese. Grado di indipendenza economica. Capacità di esportare. Obiettivo Obiettivo ,1 27,1 Obiettivo 2,5 2,

13 Disponibilità di aree verdi e servizi locali per i cittadini Soddisfazione dei cittadini rispetto alla comunità locale Mobilità locale e trasporto passeggeri Indicatori Asse 8 Obiettivo Obiettivo Obiettivo n. d. n. d. n. d. 12

14 Informazioni finanziarie Spesa sostenuta dai beneficiari e inclusa nella domanda di pagamento inviata all'autorità di Certificazione Contributo pubblico corrispondente Spesa privata Spesa sostenuta dall'organismo responsabile di effettuare i pagamenti ai beneficiari Totale pagamenti ricevuti dalla Commissione Asse I Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Società dell informazione Spese rientranti nell'ambito del FSE Spese rientranti nell'ambito del FESR Asse II Energia Spese rientranti nell'ambito del FSE Spese rientranti nell'ambito del FESR Asse III - Ambiente Spese rientranti nell'ambito del FSE Spese rientranti nell'ambito del FESR Asse IV Qualità della vita e inclusione sociale Spese rientranti nell'ambito del FSE Spese rientranti nell'ambito del FESR Asse V Risorse naturali, culturali e turismo sostenibile Spese rientranti nell'ambito del FSE Asse VI - Reti e collegamenti per la mobilità Spese rientranti nell'ambito del FSE

15 Spesa sostenuta dai beneficiari e inclusa nella domanda di pagamento inviata all'autorità di Certificazione Contributo pubblico corrispondente Spesa privata Spesa sostenuta dall'organismo responsabile di effettuare i pagamenti ai beneficiari Totale pagamenti ricevuti dalla Commissione Spese rientranti nell'ambito del FESR Asse VII Sistemi Produttivi Spese rientranti nell'ambito del FSE Spese rientranti nell'ambito del FESR TOTALE COMPLESSIVO Spese nel totale complessivo rientranti nell'ambito del FESR

16 Informazioni sulla ripartizione relativa all uso dei Fondi Codice (*) Codice (*) Codice (*) Codice (*) Dimensione 1 Dimensione 2 Dimensione 3 Dimensione 5 Temi prioritari Forme di finanziamento 15 Territorio Ubicazione Importo FESR (**) 01. Attività di R&ST nei centri di ricerca 02. Infrastrutture in R&ST e centri di competenza in una tecnologia specifica 03. Trasferimenti di tecnologie e miglioramenti delle reti di cooperazione tra PMI, tra queste ed altre imprese ed università, istituti di istruzione post secondaria di tutti i tipi, autorità regionali, centri di ricerca e poli scientifici e tecnologici 04. Assistenza alla R&ST, in particolare nelle PMI 05. Servizi di sostegno avanzato alle aziende ed ai gruppi di aziende 06. Assistenza alle PMI per la promozione di prodotti e processi produttivi rispettosi dell'ambiente 07. Investimenti in aziende direttamente legate alla ricerca e all'innovazione 09. Altre misure volte a stimolare la ricerca, l'innovazione e l'imprenditorialità nelle PMI 10. Infrastrutture telefoniche (comprese reti a banda larga) 11. Tecnologie dell'informazione e della comunicazione (accesso, sicurezza, interoperabilità, prevenzione dei rischi, ricerca, innovazione, e-contenuti, ecc) 13. Servizi ed applicazioni per i cittadini (e-health e-government; e-learning; e- partecipazione) 14. Servizi ed applicazioni per le PMI (e-commerce, istruzione, formazione, networking) 16. Trasporti ferroviari 23. Strade Regionali/locali 25. Trasporti urbani Codice (*) Codice (*) Codice (*) Codice (*) Importo FESR (**) Dimensione 1 Dimensione 2 Dimensione 3 Dimensione 5 Importo Totale (**) Importo Totale (**)

17 Codice (*) Codice (*) Codice (*) Codice (*) Dimensione 1 Dimensione 2 Dimensione 3 Dimensione 5 Temi prioritari Forme di finanziamento Territorio Ubicazione Importo FESR (**) Temi prioritari Forme di Territorio Ubicazione finanziamento 26. Trasporti multimodali 28. Sistemi di trasporto intelligenti 29. Aeroporti 30. Porti 31. Vie navigabili interne (regionali e locali) 39. Energie rinnovabili: eolica 40. Energie rinnovabili: solare 41. Energie rinnovabili: da biomassa 42. Energie rinnovabili: idroelettrica, geotermica e altre 43. Efficienza energetica, cogenerazione, gestione energetica 44. Gestione dei rifiuti civili ed industriali 45. Gestione e distribuzione acque (potabili) 46. Ciclo integrato delle acque 48. Prevenzione e controllo dell'inquinamento 49. Contenimento degli effetti e adattamento ai cambiamenti climatici 50. Riqualificazione di siti industriali ed aree contaminate 51. Promozione della biodiversità a protezione della Natura (Natura 2000) 53. Prevenzione dei rischi naturali 54. Altre misure per la preservazione dell'ambiente e la prevenzione dei rischi 55. Promozione dei beni naturali 56. Protezione e sviluppo del patrimonio naturale Codice (*) Codice (*) Codice (*) Codice (*) Importo FESR (**) Dimensione 1 Dimensione 2 Dimensione 3 Dimensione 5 Temi prioritari Forme di Territorio Ubicazione finanziamento 57. Altre misure di sostegno per il potenziamento dei servizi turistici Importo Totale (**) Importo Totale (**) 16

18 Codice (*) Codice (*) Codice (*) Codice (*) Dimensione 1 Dimensione 2 Dimensione 3 Dimensione 5 Temi prioritari 58. Protezione e conservazione del patrimonio culturale 59. Sviluppo delle infrastrutture culturali 60. Altre misure di sostegno per il potenziamento dei servizi culturali 61. Progetti integrati per la riqualificazione urbana e rurale 75. Infrastrutture per l istruzione 76. Infrastrutture per la sanità 77. Infrastrutture per l infanzia 79. Altre infrastrutture sociali. 85. Preparazione, attuazione, sorveglianza e ispezioni 86. Valutazione e studi; informazione e comunicazione Forme di finanziamento Territorio Ubicazione (*) Le categorie vanno codificate per ogni dimensione utilizzando la classificazione standard. (**) Importo del contributo comunitario concesso per ciascuna combinazione di categorie. L importo si intende relativo al pagato. Importo FESR (**) Totale Importo Totale (**) Totale Sostegno ripartito per gruppi destinatari Il Programma non è stato ancora avviato e pertanto le informazioni potranno essere disponibili nel Rapporto Annuale di esecuzione del Sostegno restituito o riutilizzato Il Programma non è stato ancora avviato e pertanto le informazioni potranno essere disponibili nel Rapporto Annuale di esecuzione del Analisi qualitativa Il Programma non è stato ancora avviato e pertanto le informazioni sui risultati rapportati agli obiettivi definiti inizialmente potranno essere disponibili verosimilmente nel Rapporto Annuale di esecuzione del

19 2.2. INFORMAZIONI SUL RISPETTO DEL DIRITTO COMUNITARIO Le misure prese per conseguire il rispetto del diritto comunitario sono comprese nella manualistica relativa alle attività dell Autorità di Gestione, dell Autorità di Certificazione e dell Autorità di Audit, in corso di adattamento al nuovo quadro normativo comunitario e nazionale PROBLEMI SIGNIFICATIVI INCONTRATI E MISURE PRESE PER RISOLVERLI Dato il mancato avvio dell attuazione del Programma non sussistono al momento problemi specifici MODIFICHE NELL AMBITO DELL ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO (SE DEL CASO) Nel periodo in esame non si rilevano significative modifiche dello scenario socio economico e normativo MODIFICHE SOSTANZIALI A NORMA DELL ARTICOLO 57 DEL REG. CE 1083/2007 (SE DEL CASO) Nel periodo di non sono intervenute modifiche sostanziali COMPLEMENTARITÀ CON ALTRI STRUMENTI Nel periodo intercorso tra l approvazione del programma (7 dicembre 2007) e la fine dell anno non si sono svolti i Comitati di Sorveglianza degli altri Fondi MODALITÀ DI SORVEGLIANZA Nel periodo intercorso tra l approvazione del programma (7 dicembre 2007) e la fine dell anno non è stato svolto alcun Comitato di Sorveglianza. 18

20 3. ATTUAZIONE IN BASE ALLE PRIORITÀ 3.1. PRIORITÀ 1 RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il ritardo nell avvio del Programma Operativo e la conseguente attuazione, ha impedito la valorizzazione degli indicatori che saranno disponibili nel Rapporto annuale di esecuzione del Indicatori Asse Totale Incidenza della spesa pubblica in R&S sul PIL (Obiettivo Strategico di Lisbona). Spesa per R&S della PA e delle Università in percentuale sul PIL. Incidenza della spesa delle imprese in R&S sul PIL (Obiettivo Strategico di Lisbona). Spesa per R&S delle imprese pubbliche e private in percentuale sul PIL. Intensità brevettuale (Obiettivo Strategico di Lisbona) Imprese che hanno introdotto innovazioni di prodotto e/o processo (% sul totale) Variazione tasso di natalità imprese innovative, di cui imprese a conduzione femminile. Quota progetti di ricerca sviluppati attraverso la Rete Regionale per l innovazione Quota progetti di ricerca e sviluppo tecnologico inseriti in Piani di Innovazione Aziendali o interaziendali sul totale progetti di ricerca realizzati, di Obiettivo 0,6 0,6 0,4 0,4 Obiettivo 0,24 0, Obiettivo ,2 7,2 Obiettivo ,8 19,8 Obiettivo 8,7 8,7 6,35 6,35 Obiettivo Obiettivo

21 cui da imprese a conduzione femminile. Quota di beni e servizi acquistati con sistemi di e-procurement dagli enti locali sul totale. % di famiglie che dichiarano di avere accesso a Internet. Quota di enti locali dotati dei principali servizi e-government. Percentuale della popolazione che ha usato servizi sanitari on line. Quota strutture regionali connesse alle rete a banda larga. Obiettivo Obiettivo ,2 27,2 Obiettivo Obiettivo Obiettivo Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Il Programma non è stato ancora avviato. 20

22 3.2. PRIORITÀ 2 ENERGIA Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il ritardo nell avvio del Programma Operativo e la conseguente attuazione, ha impedito la valorizzazione degli indicatori che saranno disponibili nel Rapporto annuale di esecuzione del 2008 Indicatori Asse Totale Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili (obiettivo strategia di Lisbona). Energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili: GWh di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili su GWh prodotti in totale. Riduzione dei consumi di energia in Ktep a seguito degli interventi realizzati.. Interruzioni del servizio elettrico: frequenza delle interruzioni accidentali lunghe del servizio elettrico. Obiettivo 31,6 31,6 Obiettivo ,7 29,7 Obiettivo Obiettivo 2,4 2,4 3,6 3, Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Il Programma non è stato ancora avviato. 21

23 3.3. PRIORITÀ 3 AMBIENTE Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il ritardo nell avvio del Programma Operativo e la conseguente attuazione, ha impedito la valorizzazione degli indicatori che saranno disponibili nel Rapporto annuale di esecuzione del Indicatori Asse Totale Abitanti equivalenti effettivi serviti da impianti di depurazione delle acque reflue urbane con trattamento secondario o terziario e trattamento terziario nelle aree sensibili, in rapporto agli abitanti equivalenti totali (obiettivo di servizio QRSN. Coste non balneabili per inquinamento (obiettivo comune Mezzogiorno QRSN) (Km di coste non balenabili per inquinamento su km di coste totali). Utilizzo delle risorse idriche per il consumo umano: percentuale di acqua erogata sul totale immessa nelle reti di distribuzione comunali. Percentuale della popolazione interessata dagli interventi di mitigazione del rischio frana su popolazione totale in aree a rischio molto elevato (R4) o elevato (R3). Percentuale della popolazione interessata dagli interventi di mitigazione del rischio esondazione su popolazione totale in aree a rischio molto elevato (R4) o elevato (R3). Obiettivo ,4 37,4 Obiettivo 6,9 6,9 7,9 7,9 Obiettivo ,7 70,7 Obiettivo Obiettivo

24 % km costa interessata dagli interventi di messa in sicurezza dal rischio erosione /coste interessate da rilevanti fenomeni erosivi. Rifiuti urbani smaltiti in discarica per abitante (Obiettivo di Servizio QRSN - Obiettivo Strategia di Lisbona). Quantità di frazione umida trattata in impianti di compostaggio per la produzione di compost di qualità (Obiettivo di Servizio QRSN). Rifiuti urbani oggetto di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani. Superficie dei siti inquinati di importanza nazionale/regionale bonificata sul totale da bonificare Percentuale siti caratterizzati sui siti inquinati censiti. Percentuale superficie aree con presenza di amianto bonificate sul totale della superficie delle aree con presenza di amianto (%). Superficie regionale interessata dalla rete di controllo e monitoraggio (kmq). Obiettivo Obiettivo ,7 394,7 Obiettivo ,8 0,8 Obiettivo ,6 8,6 Obiettivo 30 Obiettivo 50 Obiettivo 50 Obiettivo Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Il Programma non è stato ancora avviato. 23

25 3.4. PRIORITÀ 4 QUALITÀ DELLA VITA E INCLUSIONE SOCIALE Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il Programma non è stato ancora avviato. Indicatori Asse Totale Risparmio energetico. Quota di energia elettrica prodotta da FER. Percentuale di rifiuti smaltiti attraverso la raccolta differenziata sul totale dei rifiuti prodotti. Percentuale edifici scolastici adeguati alle norme di sicurezza. Orario medio dell orario di apertura delle scuole. Percentuale di studenti 15enni con al massimo il primo livello di competenze in lettura. Percentuale di studenti 15enni con al massimo il primo livello di competenze in matematica. Tasso di abbandono alla fine del secondo anno delle scuole secondarie superiori Percentuale di giovani che abbandonano prematuramente gli studi. Obiettivo -15,00-15,00 n. d. Obiettivo 10,00 10,00 n. d. Obiettivo 30,00 30,00 n. d. Obiettivo 70,00 70,00 n. d. Obiettivo 7,00 7,00 5,00 5,00 5,00 Obiettivo 20,00 20,00 35,0 35,0 35,0 Obiettivo ,5 47,5 Obiettivo 1,3 1,3 1,8 1,8 Obiettivo ,6 19,6 24

26 Diffusione del servizio di asilo nido (Obiettivo di Servizio QRSN). Presa in carico dell utenza per il servizio di asili nido (Obiettivo di Servizio QRSN). Incidenza del costo dell ADI sul totale della spesa sanitaria regionale per l erogazione dei LEA. Obiettivo ,1 6,1 Obiettivo ,4 1,4 Obiettivo 0,8 0,8 0,53 0,53 Percentuale di anziani che riceve assistenza domiciliare integrata rispetto al totale della popolazione anziana in età superiore ai 65 anni. (obiettivo di servizio QRSN). Percentuale persone senza fissa dimora assistite da centri di prima e seconda accoglienza. Percentuale persone diversamente abili interessate dagli interventi di assistenza. Percentuale di persone immigrate assistite dai centri di prima accoglienza, di cui di cui donne. Numero di utenti dei servizi contro la violenza attivati. Percentuale utenti delle Case della Salute realizzate rispetto al totale della popolazione residente. Indice di criminalità organizzata (omicidi per ndrangheta, attentati dinamitardi o incendiari, incendi dolosi, furti di merci su veicoli commerciali). Obiettivo 3,5 3,5 1,6 1,6 Obiettivo n. d. Obiettivo 5 5 n. d. Obiettivo n. d. Obiettivo , , Obiettivo 8,7 8,7 n. d. Obiettivo

27 Percezione del rischio criminalità (famiglie che avvertono molto o abbastanza disagio al rischio di criminalità nella zona in cui vivono sul totale delle famiglie). Incremento % superficie territoriale coperta da sistemi di video sorveglianza per il contrasto degli illeciti ambientali. Incremento percentuale di soggetti a rischio usura garantiti. Incremento percentuale PMI artigiane, commerciali e turistiche dotate di impianti di allarme e dispositivi di sicurezza a seguito degli interventi realizzati. Obiettivo ,6 26,6 Obiettivo n. d. Obiettivo n. d. Obiettivo n. d Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Il Programma non è stato ancora avviato. 26

28 3.5. PRIORITÀ 5 RISORSE NATURALI, CULTURALI E TURISMO SOSTENIBILE Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il Programma non è stato ancora avviato. Indicatori Asse Totale Incremento % dei visitatori nelle strutture e nelle aree oggetto di riqualificazione. Percentuale imprese verdi con certificazione ambientale sul totale delle imprese verdi. Percentuale delle Strutture del Sistema Museale Regionale con standard ICOM. N Visitatori Museo della Magna Grecia di Reggio Calabria. N Visitatori Museo Regionale delle Arti Visive. Grado di utilizzo delle strutture teatrali nelle destinazioni turistiche regionali (giorni per rappresentazioni annui). Incremento % del numero di rappresentazioni teatrali riguardanti il teatro greco e romano. N Visitatori dei nuovi Parchi tematici culturali e letterari realizzati. Turismo nei mesi non estivi (giornate di presenza italiani complesso e stranieri nel degli Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo

29 esercizi ricettivi nei mesi gennaio maggio e ottobre-dicembre per abitante) Incremento % posti barca offerti a seguito degli interventi realizzati. Incremento % posti letto in strutture ricettive di alta qualità a seguito degli interventi realizzati. Percentuale posti letto negli alberghi diffusi realizzati sul totale dei posti letto alberghieri. Percentuale seconde case emerse a seguito degli interventi realizzati. Percentuale presenze turisti stranieri sul totale delle presenze. 0,7 0,7 Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo ,6 15, Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Il Programma non è stato ancora avviato. 28

30 3.6. PRIORITÀ 6 RETI E COLLEGAMENTI PER LA MOBILITÀ Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il ritardo nell avvio del Programma Operativo e la conseguente attuazione, ha impedito la valorizzazione degli indicatori che saranno disponibili nel Rapporto annuale di esecuzione del Indicatori Asse Totale Movimentazione merci nei nodi intermodali di secondo livello creati (Reggio Calabria, Lamezia Terme, comprensorio Sibari-Corigliano). Variazione utenti trasportati dal servizio pubblico urbano. Movimentazione merci nelle piattaforme di interscambio nelle aree urbane. Incremento % utenti trasportati dal servizio pubblico extra-urbano. Riduzione % del tempo medio di percorrenza del trasporto ferroviario metropolitano (passeggeri) sulle tratte oggetto di intervento. Riduzione % n. incidenti stradali lungo le tratte extraurbane oggetto di intervento. Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Problemi significativi incontrati e misure prese per risolverli Il Programma non è stato ancora avviato. 29

31 3.7. PRIORITÀ 7 SISTEMI PRODUTTIVI Conseguimento degli obiettivi e analisi dei progressi Il ritardo nell avvio del Programma Operativo e la conseguente attuazione, ha impedito la valorizzazione degli indicatori che saranno disponibili nel Rapporto annuale di esecuzione del Indicatori Asse Totale Numero di imprese avviate nelle aree di localizzazione interessate dagli interventi rispetto alle imprese attive nelle stesse aree, di cui imprese a prevalente conduzione femminile e di immigrati Riduzione dei tempi di gestione degli iter procedurali per la localizzazione e l operatività delle imprese da parte dei SUAP. Numero di imprese femminili utenti dei servizi SUAP. Indice di intensità creditizia: Impieghi bancari (consistenza media annua) in percentuale del PIL (a prezzi correnti) (Banca d Italia). Investimenti in capitale di rischio expansion replacement : Investimenti in capitale di rischio - in percentuale del PIL (%), di cui destinati ad imprese a prevalente conduzione femminile N di imprese raggiunte da interventi di diffusione dell uso di strumenti finanziari Obiettivo Obiettivo Obiettivo n. d. Obiettivo 27,1 27,1 21,6 21,6 Obiettivo 0,011 0,011 0,006 0,006 Obiettivo

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013 PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE DEL FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE PAR FAS 2007-2013 Servizio Politiche Nazionali per lo Sviluppo - Proposta- Versione SETTEMBRE 2011 INDICE PREMESSA...V 1. ELEMENTI RILEVANTI

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.)

Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Regione Basilicata Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007/2013 V e r s i o n e n.2 m a g g i o 2 0 1 4 R e g i o n e B a s i l i c a

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR LINEE GUIDA per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR Versione 1 Marzo 2011 Prot. n. AOODGAI 4564 del 01.04.2011 v Sito

Dettagli

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia 2015 XIV Commissione permanente Politiche dell Unione Europea Camera dei Deputati 14/01/2015

Dettagli

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto (utile ai cittadini, non ai progettisti) Documento di lavoro: versione novembre 2014 La Strategia nazionale per le aree interne interpreta il territorio

Dettagli

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289 20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289 REGOLAMENTO (UE) N. 1301/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 2013 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e a

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE FAS 2007-2013

PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE FAS 2007-2013 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE FAS 2007-2013 (approvato dalla Giunta Regionale con delibera n. 65 del 10-11 febbraio 2009) Indice Premessa pag. 3 1. Il quadro congiunturale

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006

exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 exz ÉÇx _té É DOCUMENTO STRATEGICO PRELIMINARE 2007-2013 22 marzo 2006 Vers_22_marzo_ 2006 INDICE Presentazione.......2 1. IL SISTEMA REGIONE...4 1.1 Analisi di contesto... 4 1.1.1 Caratteri strutturali

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Unione Europea P.O.N. - Competenze per lo Sviluppo (FSE) P.O.N. - Ambiente per l apprendimento (FESR) D.G. Occupazione, Affari Sociali e

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020 Analisi sulla cooperazione italiana al Programma di Cooperazione Transnazionale MED 2007-2013 e raccomandazioni a supporto della delegazione nazionale Programma di cooperazione transnazionale MED 2014-2020

Dettagli