Advice Energy. knowledge and consulting for power and gas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Advice Energy. knowledge and consulting for power and gas"

Transcript

1 Advice Energy knowledge and consulting for power and gas Rassegna Stampa del

2 INDICE ENERGIA 18/03/2015 Corriere della Sera - Nazionale Quel pasticcio sulla cessione di quote Eni 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Siram punta a diventare il polo Veolia dell'energia 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Ambiente, investire aiuta il business 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Il Tesoro: «Nessun collocamento di quote Eni» 18/03/2015 La Repubblica - Nazionale Il governo "colloca" una quota dell'eni Poi fa dietrofront "Nessuna cessione" Titolo in testacoda 18/03/2015 MF - Nazionale Attenzione, le parole (a mercati aperti) pesano 18/03/2015 MF - Nazionale Petrolio, nuovi minimi da 6 anni 18/03/2015 MF - Nazionale Terna, la rete green vale 24 mld 18/03/2015 MF - Nazionale Eps sceglie l'ipo. Ma a Parigi

3 ENERGIA 9 articoli

4 18/03/2015 Corriere della Sera Pag. 31 (diffusione:619980, tiratura:779916) Privatizzazioni Quel pasticcio sulla cessione di quote Eni S. Agn. Piccolo giallo con retroscena incorporato ieri per il titolo Eni, il viceministro allo Sviluppo Claudio De Vincenti (foto) e il ministero del Tesoro, costretto a una rapida smentita dell'ipotesi di vendita di una quota del Cane a sei zampe. «Faremo qualcosa del genere anche su Eni», aveva detto De Vincenti riferendosi alla cessione di azioni Enel di proprietà del Tesoro (il 5,74% messo sul mercato con un «accelerated book building» il 25 febbraio scorso). Apriti cielo: immediatamente dopo la diffusione delle dichiarazioni è arrivata la precisazione, via nota stampa, del viceministro, che imputava il tutto a un «misunderstanding» («intendevo riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel», ha spiegato). A stretto giro perveniva anche il comunicato del ministero di Via XX settembre che precisava «che non è prevista la collocazione di quote Eni sul mercato». Una «collocazione» che dopo il recente calo in Borsa a seguito del taglio del dividendo annunciato venerdì scorso nel corso della «strategy presentation» dell'amministratore delegato Claudio Descalzi, non si sarebbe comunque prospettata particolarmente vantaggiosa. In tutto questo bailamme il titolo della compagnia petrolifera ha comunque chiuso con un piccolo rialzo dello 0,46% a 15,31 euro per azione. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 4

5 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Pag. 12 (diffusione:334076, tiratura:405061) Efficienza. Imprese Siram punta a diventare il polo Veolia dell' energia J.G. La Siram, azienda milanese di servizi energetici, potrebbe diventare il polo dell'energia per la multinazionale francese Veolia, leader al mondo nel segmento della gestione dell'acqua e dei rifiuti. Questo è l'obiettivo di Frédéric Van Heems, francese, da pochi mesi amministratore delegato della Siram. «Un meraviglioso diamante grezzo che deve poter risplendere», dice Van Heems. Ceduta nel 2002 dalle famiglie che la fondarono a Milano nel 1912, la società è rimasta una dozzina d'anni condivisa dalla Veolia con l'edf attraverso la controllata Dalkia. Ora il controllo è interamente della Veolia (23,4 miliardi di fatturato mondiale) che, con un aumento di capitale di 84 milioni e il ribaltamento del vertice aziendale, sta trasformando la società italiana nel punto di riferimento internazionale per le competenze nell'energia. «Da Milano abbiamo allargato il campo d'intervento anche a Croazia e Slovenia, - aggiunge Van Heems - e siamo pronti a offrire l'efficienza energetica anche agli altri Paesi». Il risparmio dell'energia e delle risorse è l'attività principale dell'azienda, che lavora soprattutto per il settore pubblico (l'80% del fatturato), come nei 280 edifici comunali resi più efficienti a Trieste, come i servizi per il Comune di Venezia (il primo municipio che si è rivolto alla Siram, nel 1927) o come gli interventi per dare energia e calore a basso costo e a basso impatto ambientale al Policlinico di Milano. «Ogni intervento riduce fra il 15 e il 20% le emissioni di CO2 - conclude Van Heems - e abbamo stimato un beneficio di 100mila tonnellate l'anno di anidride carbonica emessa in meno nell'aria. È un'attività in cui vincono tutti: il cliente, noi fornitori e l'ambiente». L'azienda lavora anche nel settore delle reti di telecomunicazione attraverso la controllata Semitec e nell'efficienza energetica nel segmento dell'industria attraverso la Simav, che sta diversificando in comparti come le tecnologie per la difesa e per l'aerospazio. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 5

6 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Pag. 19 (diffusione:334076, tiratura:405061) Rete elettrica. Le strategie di Terna Ambiente, investire aiuta il business Federico Rendina SICUREZZA E TERRITORIO «Continuità» con il piano infrastrutturale da 8 miliardi di euro già attivato con «forti ricadute sull'efficienza» ROMA L'ambiente e la sicurezza nei processi aziendali sono un affare. Fanno apparire un'azienda sostenibile e sociale, e dunque migliorano l'immagine. Ma possono, sempre di più, alimentare anche il business e la redditività. Nel segno dell'efficienza energetica e quindi del risparmio di risorse operative. Su questo presupposto Terna, il gestore pubblico della rete di trasmissione elettrica nazionale, rilancia il suo impegno per accelerare le opere per la sicurezza dell'ambiente e dei territori. «Per garantirsi sviluppo, competitività, efficienza, in una visione sinergica» rimarca l'amministratore delegato Matteo Del Fante presentando le nuove iniziative insieme al presidente Catia Bastioli, forte di una ricerca sondaggio dell'istituto Piepoli. Terna celebra, in un convegno, quel che sembra già un ottimo risultato: 72mila ore di formazione ambientale dei dipendenti nel 2014, vecchi tralicci e 420 km di elettrodotti dismessi, sostituiti con linee più moderne e meno invasive per il territorio (un palo "monostelo" ingombra 15 volte di meno) e più efficienti. Grazie a un piano di investimenti da 4 milioni di euro solo per le soluzioni progettuali. «Grazie agli oltre 8 miliardi di euro gli investimenti fatti dal 2005 ad oggi abbiamo realizzato - garantisce Del Fante - una rete elettrica moderna, efficiente, tecnologicamente avanzata. Che ha già generato 6 miliardi di euro di minori costi per i cittadini e per le imprese». «Le politiche ambientali delle imprese stanno diventando un elemento di valore anche economico, un requisito di competitività» insiste il ministro dell'ambiente, Gian Luca Galletti. Il contesto è favorevole, conferma la ricerca commissionata all'istituto Piepoli. Per quasi due terzi delle aziende intervistate il miglioramento dell'efficienza e la diminuzione degli impatti ambientali rappresenta un'opportunità di sviluppo. E per oltre tre quarti delle imprese l'ambiente sta diventando addirittura uno dei motori centrali dell'economia. Le istituzioni dovrebbero però promuovere sia gli interventi che l'informazione su tutto ciò. Anche per superare il fenomeno, ancora diffuso, dell'effetto "nimby" (not in my backyard, non nel mio giardino), ovvero l'apprezzamento corale per gli interventi sulle infrastrutture che possono comportare qualche disagio iniziale garantendo però benefici a tutti, salvo poi ostacolare lo svolgimento delle opere quando interessano il proprio territorio. Ne è preda - ci dice la ricerca Piepoli - il 46% dei cittadini e il 51% delle aziende intervistate. L'ad di Terna approfitta del convegno per lanciare qualche segnale aggiornato anche sugli altri versanti della strategia aziendale. L'integrazione dei sistemi elettrici continentali (e non solo) è una delle frontiere da privilegiare. Ben venga il cavo elettrico con la Tunisia (se ne parla da oltre un decennio e il protocollo di intesa è stato firmato nel 2007) e ben venga anche una strategia di scambi di elettroni ad Est attraverso l'interconnessione che già esiste con il Montenegro («ma tutto dipende dal mercato»). Intanto i conti di Terna per del 2014 si mostreranno «in linea con quello che si aspetta il mercato» anticipa Del Fante. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 6

7 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Pag. 29 (diffusione:334076, tiratura:405061) Petrolio Il Tesoro: «Nessun collocamento di quote Eni» L.Ser. Il Mef non farà «collocazione di quote Eni sul mercato». Servizio pagina 32 Il ministero dell'economia non pensa per ora alla vendita di azioni Eni. «Non è prevista la collocazione di quote Eni sul mercato», è la precisazione che il dicastero di via XX Settembre ha dovuto divulgare ieri per evitare speculazioni a seguito delle dichiarazioni, in tarda mattinata, del sottosegretario allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, che aveva parlato di possibile collocamento simile a quanto fatto per Enel. «Il punto chiave è che rimane una partecipazione di riferimento del pubblico perchè sono imprese strategiche; quindi la quota che verrà messa sul mercato sarà limitata per mantenere un ruolo di riferimento dell'azionista. Come quello fatto su Enel faremo qualcosa del genere anche su Eni» aveva detto De Vincenti alle agenzie di stampa. E aveva anche parlato di «solidissime prospettive» per il gruppo del cane a sei zampe nonostante l'andamento del greggio. Lo stesso De Vincenti, in giornata, aveva poi dovuto correggere il tiro, parlando di un «misunderstanding». Intendevo infatti, ha chiarito, «riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel». La prospettiva di una cessione delle quota, pari a 4,34%, di Eni posseduta dal Tesoro, in realtà, non è una novità rivelata dal viceministro, che forse voleva solo rassicurare sul fatto che l'andamento del greggio non mette in discussione la solidità del gruppo e la possibilità che prima o poi possa essere privatizzato. La cessione di una quota di Eni era già stata annunciata dal governo Letta e poi vagliata anche dal governo Renzi, che ci stava pensando lo scorso anno assieme all'ipotesi di un collocamento Enel, che poi è avvenuto il mese scorso. L'operazione su Eni era però stata messa in stand-by sia per la congiuntura non favorevole per le società petrolifere che per le vicende giudiziarie che avevano investito il gruppo. Ma la prospettiva che si proceda con la dismissione resta molto concreta. Nell'immediato è da escludere. Ciò che invece potrebbe accadere è che nel corso dell'anno il ministero dell'economia cominci la ricerca degli advisor, finanziario e legale, per un'eventuale ulteriore privatizzazione di Eni, magari per tenersi pronto qualora le prospettive di mercato dovessero migliorare. Ma anche per avere alternative concrete qualora non andassero a buon fine altre operazioni, come ad esempio la quotazione entro fine 2015 di Poste. L'eventuale cessione del 4,34% di Eni, agli attuali valori di Borsa, porterebbe nelle casse dello Stato 2,3 miliardi di euro (2,16 miliardi l'incasso per la cessione del 5,7% di Enel). Ma c'è da immaginare che quando l'operazione venisse decisa sicuramente i corsi azionari del gruppo del cane a sei zampe saranno su valori più elevati. Ieri il titolo Eni non ha comunque subito scossoni in Borsa e ha chiuso in rialzo dello 0,46 per cento. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 7

8 18/03/2015 La Repubblica Pag. 28 (diffusione:556325, tiratura:710716) IL PUNTO Il governo "colloca" una quota dell' Eni Poi fa dietrofront "Nessuna cessione" Titolo in testacoda Il sottosegretario De Vincenti annuncia l'operazione in stile Enel "Ma il mio pensiero è stato frainteso" ANDREA GRECO MILANO. Pausa pranzo indigesta per il viceministro dello Sviluppo economico, Claudio De Vincenti. Ore 13,30, agenzia Agi : «Il punto chiave è mantenere una partecipazione di riferimento del pubblico perché sono aziende strategiche. Come per Enel, faremo qualcosa del genere anche su Eni. Quello messo sul mercato sarà limitato per mantenere un ruolo di riferimento». C'è la notizia. Sempre De Vincenti, ore 13,07: «Eni è una società molto forte al di là del prezzo del petrolio. Le prospettive di mercato sono solidissime». Tiene il punto. Ancora De Vincenti, ore 13,34: «La risposta riportata dalle agenzie di stampa sulla eventuale cessione di una quota Eni risente in realtà di un misunderstanding: intendevo infatti riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel». Colpa dei giornalisti sordi (ma almeno sei agenzie hanno battuto le stesse frasi). Per maggiore sicurezza mezz'ora dopo il Tesoro primo socio (anche tramite Cdp) precisava: «Non è prevista la collocazione di quote Eni sul mercato». Già, il mercato. Che da giorni cerca di smaltire il ribasso infinito del greggio, e il correlato taglio del 30% del dividendo Eni 2015, annunciato venerdì. E che ieri, mentre l'ad Claudio Descalzi incontrava investitori per il mondo spiegando il piano , sembrava stabilizzarsi in area 15,35 euro: salvo cadere sui 15,20 dopo l'uno-due ministeriale, e poi chiudere a 15,31 euro (+0,46%). È oggettivamente difficile pensare a un'epidemia di sordità tra i colleghi. Quindi o il viceministro De Vincenti è molto avanti, oppure è rimasto indietro, alla lista privatizzazioni ventilata dal governo l'estate scorsa. C'era Enel e c'era Eni, è vero. E un 5,7% dell'ex monopolista elettrico è stato venduto al mercato un mese fa. Fare il bis con Eni, oggettivamente, pare un po' intempestivo. Specie se l'annuncio arriva quattro giorni dopo la presentazione del piano quadriennale che ha limato del 29% la cedola e sospeso il buyback da 6 miliardi, due fattori che hanno riavvicinato l'azione Eni ai minimi del decennio. Foto: IL GOVERNO Il viceministro allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti. È intervenuto ieri su Eni ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 8

9 18/03/2015 MF Pag. 3 (diffusione:104189, tiratura:173386) Attenzione, le parole (a mercati aperti) pesano Filippo Buraschi «Il governo collocherà sul mercato una quota di Eni come già fatto per Enel, mantenendo un ruolo di riferimento dell'azionista perché si tratta di società strategiche». Parole e musica del viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti. Un'oretta dopo arriva il dietrofront con autosmentita: «La risposta riportata dalle agenzie di stampa sulla eventuale cessione di una quota Eni risente in realtà di un misunderstanding: intendevo infatti riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel», ha precisato il viceministro. E a stretto giro anche il Mef ha precisato di non avere in calendario un placement di titoli del gruppo. Al di là del misunderstanding, resta la scivolata di De Vincenti, una scivolata ancora più eclatante perché l'anticipazione, indiscutibilmente price sensitive e fornita direttamente dal governo che tramite il Tesoro è azionista di controllo della società, è stata fornita a mercati aperti e soprattutto in un momento molto delicato per il titolo Eni che da venerdì a oggi ha perso più di 1 euro per azione (oltre il 7%) dopo che l'ad Descalzi ha annunciato il taglio del dividendo di circa il 25% a valere sull'esercizio In realtà il titolo non ha subito scossoni nel periodo intercorso tra la battuta di De Vincenti (che poi ha sottolineato la solidità dell'eni, «società forte al di là del prezzo del petrolio») e la successiva smentita, ma certo un po' più di prudenza avrebbe giovato. (riproduzione riservata) ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 9

10 18/03/2015 MF Pag. 3 (diffusione:104189, tiratura:173386) A NEW YORK IL GREGGIO WTI HA TOCCATO NELLA SEDUTA DI IERI I 42,7 DOLLARI AL BARILE Petrolio, nuovi minimi da 6 anni Non si arresta il calo delle quotazioni dell'oro nero, complice la debolezza del dollaro e le strategie dei grandi produttori Usa. Cui si aggiungono ora le voci di un possibile accordo tra Stati Uniti e Iran Andrea Di Biase Il dollaro forte e l'abbondante offerta di greggio sul mercato continuano a spingere in ribasso le quotazioni del petrolio. Nel corso delle contrattazioni durante la giornata di ieri il light crude Wti di New York ha così aggiornato il proprio minimo da sei anni a 42,74 dollari al barile, con il Brent invece in flessione di 1,02 dollari a 52,92 dollari al barile. Nonostante un momentaneo indebolimento del dollaro, valuta nella quale viene scambiato il petrolio, che ha reso più conveniente gli acquisti di greggio per i trader e gli operatori che operano con altre valute, le voci su una possibile intesa tra Stati Uniti e Iran, per consentire a Teheran di esportare un quantitativo maggiore di greggio a fronte di un impegno sulla questione nucleare, ha messo sotto pressione le quotazioni. Anche perché le aspettative del mercato sono che oggi, quando saranno rese note le riserve di petrolio degli Stati Uniti, queste possano raggiungere il livello di 452 milioni di barili. Se tali previsioni fossero confermate dal dato ufficiale, che sarà diramato in giornata, è possibile che la pressione al ribasso sulle quotazioni del greggio si intensifichi. A questo si aggiunge il fatto che negli Usa, pur a fronte di queste aspettative, la produzione domestica continua a salire, toccando i massimi da oltre 40 anni, nonostante le chiusure continuate dei piccoli impianti. Secondo gli analisti si tratterebbe di una scelta consapevole da parte delle grandi compagnie volta eliminare i comprimari, i quali non sono in grado di reggere lo stress legato a costi sempre più alti a fronte di quotazioni sempre più basse. Risultato: meno concorrenza per chi resta e può continuare a produrre. Senza contare il fattore Cina. Nonostante le rassicurazioni proprio di ieri del primo ministro cinese Li Keqiang sulla forza del Celeste Impero, è innegabile che la forza sta rallentando, magari anche a fronte di un rafforzamento interno, così come a rallentare sarà anche la richiesta di materia prima per una potenza energivora che energivora lo è sempre meno. Non solo, ma anche le sue prospettive di accumulare scorte, approfittando dei prezzi bassi, potrebbe rallentare. Secondo gli analisti di Goldman Sachs, in un report pubblicato la scorsa settimana, il prezzo del greggio è destinato a scendere ulteriormente. Secondo gli esperti della banca Usa il prezzo del petrolio Wti è destinato a toccare quota 40 dollari al barile nei prossimi mesi. (riproduzione riservata) PETROLIO WTI 17 dic '14 17 mar '15 Dollari al barile 43,7 $ IERI Foto: Quotazioni, altre news e analisi su ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/

11 18/03/2015 MF Pag. 15 (diffusione:104189, tiratura:173386) IL GRUPPO GUIDATO DALL'AD DEL FANTE SPIEGA COME CONCILIARE BUSINESS E SOSTENIBILITÀ Terna, la rete green vale 24 mld Presentate ieri le sette regole per la sicurezza ambientale. Dal 2005 a oggi la società ha investito 8 mld e generato 6 mld di risparmi per consumatori e aziende. Ma i tempi autorizzativi sono ancora lunghi Angela Zoppo Con oltre 8 miliardi investiti nell'ammodernamento della rete elettrica, Terna rivendica di aver sempre messo tra le priorità la salvaguardia dell'ambiente. Il gruppo guidato dall'ad Matteo Del Fante in questi dieci anni ha conseguito così risparmi per 6 miliardi a beneficio di cittadini e imprese, aumentando l'efficienza e gli standard tecnologici delle infrastrutture di trasmissione. «Questo è un anno storico. Nel 2015, a dieci anni dalla privatizzazione, possiamo affermare che tutte le zone elettriche definite dai regolamenti sono state connesse. Terna persegue la massima compatibilità ambientale delle sue opere», ha spiegato Del Fante ieri a Roma, al convegno organizzato da Terna per presentare Le nuove regole per la sicurezza dell'ambiente. Terna, tra le prime aziende in Italia, ha messo a punto una strategia di sicurezza integrata che mette insieme i settori informatico, ambientale, del lavoro e il core business del sistema elettrico. Per una spa, tanto più quotata, non si tratta ovviamente solo di fare la paladina dell'ambiente. Le ricadute economiche sono tangibili. Del Fante ha stimato in circa 24 miliardi i benefici generati da questo approccio: circa 10,2 miliardi dalle principali 12 opere già in esercizio, altri 10,1 miliardi dalle sette in via di realizzazione, e 3,5 miliardi di riduzione dei costi di dispacciamento dal 2009 al Ai benefici ricordati da Terna si contrappongono però i tempi lunghissimi degli iter autorizzativi, che vanno dai sette ai 12 anni. «Ci meritiamo una maggiore attenzione visto quello che stiamo facendo per lo sviluppo del Paese», ha detto Del Fante. «I progetti una volta autorizzati e finanziati devono avere tempi certi e, possibilmente, brevi. Occorre trovare un punto di equilibro tra crescita economica e salvaguardia dell'ambiente». Anche i risultati di un'indagine condotta dell'istituto Piepoli lo confermano. Ben il 61% delle aziende intervistate giudica positivo per il proprio sviluppo un innalzamento degli standard ambientali, e una percentuale ancora più alta, il 76%, valuta come una grande opportunità mettere l'ambiente al centro dell'economia. «L'industria italiana, accanto al mondo ambientalista, agricolo, alla grande distribuzione e all'accademia», ha detto la presidente di Terna, Catia Bastioli, «può giocare un ruolo produttivo, di stimolo con la politica per mettere al centro l'ecosistema e il benessere delle persone». E per il ministro dell'ambiente, Gian Luigi Galletti, è già un successo che oggi si possa parlare allo stesso tavolo di sostenibilità e di sviluppo delle imprese. L'impegno di Terna nel frattempo non si ferma: sul territorio ci sono 230 cantieri aperti con investimenti per 2,8 miliardi. Non solo. La spa della rete ha anche fissato sette regole da condividere con altre aziende, riassunte da Giuseppe Lasco, capo del corporate affairs. Tra queste, considerare l'ambiente come una risorsa dell'azienda e dotarsi di una governance ambientale. (riproduzione riservata) TERNA 17 dic '14 17 mar '15 3,5 3,7 3,9 4,1 quotazioni in euro 4,02 +0,15% IERI Foto: Matteo Del Fante Foto: Quotazioni, altre news e analisi su ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/

12 18/03/2015 MF Pag. 15 (diffusione:104189, tiratura:173386) LA SOCIETÀ È ATTIVA NEI SISTEMI D'ACCUMULO DI ENERGIA Eps sceglie l'ipo. Ma a Parigi Luisa Leone Ipo in vista per Electro Power Systems. La società specializzata in sistemi di accumulo di energia, nata da uno spin off del Politecnico di Torino, ha appena avviato l'iter per la quotazione in borsa. Il progetto è raccogliere fondi per il secondo step di sviluppo, basato sull'offerta di soluzioni per l'accumulo di energia pulita, in grado di garantire anche da fonti intermittenti come le rinnovabili un flusso continuo, basandosi su una tecnologia all'idrogeno, più economica di quelle attualmente in commercio. «Abbiamo appena avviato il percorso per l'ipo in Francia, che faremo completamente in aumento di capitale, in modo da sostenere il nostro piano di sviluppo a livello globale», dice a MF-Milano Finanza Carlalberto Guglieminotti, ceo della società. La piazza scelta da Eps però non è quella italiana, bensì Parigi. Il che non stupisce troppo, se si pensa che di recente Electro Power ha spostato Oltralpe anche la sede sociale pur mantenendo produzione, ricerca e sviluppo in Italia. «La Francia è un Paese dove c'è grande attenzione alle tematiche energetiche e dove si prende molto sul serio lo sviluppo delle energie rinnovabili, a cui il nostro progetto è collegato», continua Guglielminotti. E se la prima ragione della scelta è di tipo industriale, anche la liquidità e l'organizzazione della piazza italiana hanno giocato il loro ruolo nella scelta. «A Parigi è possibile quotarsi sul listino principale con soli 2 milioni di fatturato, avendo a disposizione un mercato liquido, non paragonabile all'aim italiano, che sarebbe stato il listino cui noi avremmo potuto accedere in Italia». Ancora i dettagli dell'ipo non sono ufficiali, ma sul mercato francese dovrebbe andare una quota di minoranza intorno al 25-30% del capitale. E anche gli attuali soci di Eps dovrebbero partecipare all'aumento, come dimostrazione della fiducia nella società, che dopo aver attraversato un periodo di difficoltà ora è pronta a una nuova svolta. Gli azionisti di Ectro Power Sistems per altro sono nomi molto noti della finanza italiana e non solo: si tratta del fondo 360 Capital Partners di Fausto Boni, che ha portato in borsa tra gli altri anche Yoox, della Ersel della famiglia torinese Giubergia; di Prima Electro, del gruppo Prima Industrie e, con una piccola quota, anche del fondo che fa capo ad Angelo Moratti, 77holding. La sfida, con la quotazione in borsa e le risorse fresche che ne deriveranno, sarà quella di sfruttare il successo riscontrato nel settore delle telecomunicazioni (Eps fornisce da anni sistemi di accumulo per le stazioni radio-base di alcuni grandi operatori delle tlc), per imporre i suoi prodotti anche nel mondo dell'energia rinnovabile. La questione dei sistemi di accumulo è infatti uno dei principali nodi da sciogliere per permettere davvero alle fonti rinnovabili di colmare completamente il gap con quelle tradizionali, rendendole continue e affidabili, ma anche evitando i problemi di sovraccarico di rete. E per aiutare Electro Power System ad affermarsi sul mercato, hanno fatto il loro ingresso in consiglio di amministrazione anche Luca Dal Fabbro (ex ad di Eon Italia, oggi nel cda di Terna) e Giuseppe Artizzu, esperto di tematiche energetiche. (riproduzione riservata) Foto: Carlalberto Guglielminotti ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico AUDIZIONE DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FEDERICA GUIDI PRESSO LA COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO SULLE POLITICHE DEL SUO DICASTERO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ Riccardo Puglisi Le questioni in ballo Che cosa compra la pubblicità? L attenzione di lettori ed ascoltatori per i prodotti pubblicizzati. I mass mediacome "GianoBifronte (mercatoaduelati)

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

DAILY REPORT 20 Agosto 2014

DAILY REPORT 20 Agosto 2014 DAILY REPORT 20 Agosto 2014 I DATI DELLA GIORNATA PROVE DI TENUTA? Ieri abbiamo esaminato l indice Dax. Per certi versi le dinamiche degli ultimi 2 anni sembrano le stesse, anche se il terreno un tantino

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli