Advice Energy. knowledge and consulting for power and gas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Advice Energy. knowledge and consulting for power and gas"

Transcript

1 Advice Energy knowledge and consulting for power and gas Rassegna Stampa del

2 INDICE ENERGIA 18/03/2015 Corriere della Sera - Nazionale Quel pasticcio sulla cessione di quote Eni 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Siram punta a diventare il polo Veolia dell'energia 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Ambiente, investire aiuta il business 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Il Tesoro: «Nessun collocamento di quote Eni» 18/03/2015 La Repubblica - Nazionale Il governo "colloca" una quota dell'eni Poi fa dietrofront "Nessuna cessione" Titolo in testacoda 18/03/2015 MF - Nazionale Attenzione, le parole (a mercati aperti) pesano 18/03/2015 MF - Nazionale Petrolio, nuovi minimi da 6 anni 18/03/2015 MF - Nazionale Terna, la rete green vale 24 mld 18/03/2015 MF - Nazionale Eps sceglie l'ipo. Ma a Parigi

3 ENERGIA 9 articoli

4 18/03/2015 Corriere della Sera Pag. 31 (diffusione:619980, tiratura:779916) Privatizzazioni Quel pasticcio sulla cessione di quote Eni S. Agn. Piccolo giallo con retroscena incorporato ieri per il titolo Eni, il viceministro allo Sviluppo Claudio De Vincenti (foto) e il ministero del Tesoro, costretto a una rapida smentita dell'ipotesi di vendita di una quota del Cane a sei zampe. «Faremo qualcosa del genere anche su Eni», aveva detto De Vincenti riferendosi alla cessione di azioni Enel di proprietà del Tesoro (il 5,74% messo sul mercato con un «accelerated book building» il 25 febbraio scorso). Apriti cielo: immediatamente dopo la diffusione delle dichiarazioni è arrivata la precisazione, via nota stampa, del viceministro, che imputava il tutto a un «misunderstanding» («intendevo riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel», ha spiegato). A stretto giro perveniva anche il comunicato del ministero di Via XX settembre che precisava «che non è prevista la collocazione di quote Eni sul mercato». Una «collocazione» che dopo il recente calo in Borsa a seguito del taglio del dividendo annunciato venerdì scorso nel corso della «strategy presentation» dell'amministratore delegato Claudio Descalzi, non si sarebbe comunque prospettata particolarmente vantaggiosa. In tutto questo bailamme il titolo della compagnia petrolifera ha comunque chiuso con un piccolo rialzo dello 0,46% a 15,31 euro per azione. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 4

5 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Pag. 12 (diffusione:334076, tiratura:405061) Efficienza. Imprese Siram punta a diventare il polo Veolia dell' energia J.G. La Siram, azienda milanese di servizi energetici, potrebbe diventare il polo dell'energia per la multinazionale francese Veolia, leader al mondo nel segmento della gestione dell'acqua e dei rifiuti. Questo è l'obiettivo di Frédéric Van Heems, francese, da pochi mesi amministratore delegato della Siram. «Un meraviglioso diamante grezzo che deve poter risplendere», dice Van Heems. Ceduta nel 2002 dalle famiglie che la fondarono a Milano nel 1912, la società è rimasta una dozzina d'anni condivisa dalla Veolia con l'edf attraverso la controllata Dalkia. Ora il controllo è interamente della Veolia (23,4 miliardi di fatturato mondiale) che, con un aumento di capitale di 84 milioni e il ribaltamento del vertice aziendale, sta trasformando la società italiana nel punto di riferimento internazionale per le competenze nell'energia. «Da Milano abbiamo allargato il campo d'intervento anche a Croazia e Slovenia, - aggiunge Van Heems - e siamo pronti a offrire l'efficienza energetica anche agli altri Paesi». Il risparmio dell'energia e delle risorse è l'attività principale dell'azienda, che lavora soprattutto per il settore pubblico (l'80% del fatturato), come nei 280 edifici comunali resi più efficienti a Trieste, come i servizi per il Comune di Venezia (il primo municipio che si è rivolto alla Siram, nel 1927) o come gli interventi per dare energia e calore a basso costo e a basso impatto ambientale al Policlinico di Milano. «Ogni intervento riduce fra il 15 e il 20% le emissioni di CO2 - conclude Van Heems - e abbamo stimato un beneficio di 100mila tonnellate l'anno di anidride carbonica emessa in meno nell'aria. È un'attività in cui vincono tutti: il cliente, noi fornitori e l'ambiente». L'azienda lavora anche nel settore delle reti di telecomunicazione attraverso la controllata Semitec e nell'efficienza energetica nel segmento dell'industria attraverso la Simav, che sta diversificando in comparti come le tecnologie per la difesa e per l'aerospazio. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 5

6 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Pag. 19 (diffusione:334076, tiratura:405061) Rete elettrica. Le strategie di Terna Ambiente, investire aiuta il business Federico Rendina SICUREZZA E TERRITORIO «Continuità» con il piano infrastrutturale da 8 miliardi di euro già attivato con «forti ricadute sull'efficienza» ROMA L'ambiente e la sicurezza nei processi aziendali sono un affare. Fanno apparire un'azienda sostenibile e sociale, e dunque migliorano l'immagine. Ma possono, sempre di più, alimentare anche il business e la redditività. Nel segno dell'efficienza energetica e quindi del risparmio di risorse operative. Su questo presupposto Terna, il gestore pubblico della rete di trasmissione elettrica nazionale, rilancia il suo impegno per accelerare le opere per la sicurezza dell'ambiente e dei territori. «Per garantirsi sviluppo, competitività, efficienza, in una visione sinergica» rimarca l'amministratore delegato Matteo Del Fante presentando le nuove iniziative insieme al presidente Catia Bastioli, forte di una ricerca sondaggio dell'istituto Piepoli. Terna celebra, in un convegno, quel che sembra già un ottimo risultato: 72mila ore di formazione ambientale dei dipendenti nel 2014, vecchi tralicci e 420 km di elettrodotti dismessi, sostituiti con linee più moderne e meno invasive per il territorio (un palo "monostelo" ingombra 15 volte di meno) e più efficienti. Grazie a un piano di investimenti da 4 milioni di euro solo per le soluzioni progettuali. «Grazie agli oltre 8 miliardi di euro gli investimenti fatti dal 2005 ad oggi abbiamo realizzato - garantisce Del Fante - una rete elettrica moderna, efficiente, tecnologicamente avanzata. Che ha già generato 6 miliardi di euro di minori costi per i cittadini e per le imprese». «Le politiche ambientali delle imprese stanno diventando un elemento di valore anche economico, un requisito di competitività» insiste il ministro dell'ambiente, Gian Luca Galletti. Il contesto è favorevole, conferma la ricerca commissionata all'istituto Piepoli. Per quasi due terzi delle aziende intervistate il miglioramento dell'efficienza e la diminuzione degli impatti ambientali rappresenta un'opportunità di sviluppo. E per oltre tre quarti delle imprese l'ambiente sta diventando addirittura uno dei motori centrali dell'economia. Le istituzioni dovrebbero però promuovere sia gli interventi che l'informazione su tutto ciò. Anche per superare il fenomeno, ancora diffuso, dell'effetto "nimby" (not in my backyard, non nel mio giardino), ovvero l'apprezzamento corale per gli interventi sulle infrastrutture che possono comportare qualche disagio iniziale garantendo però benefici a tutti, salvo poi ostacolare lo svolgimento delle opere quando interessano il proprio territorio. Ne è preda - ci dice la ricerca Piepoli - il 46% dei cittadini e il 51% delle aziende intervistate. L'ad di Terna approfitta del convegno per lanciare qualche segnale aggiornato anche sugli altri versanti della strategia aziendale. L'integrazione dei sistemi elettrici continentali (e non solo) è una delle frontiere da privilegiare. Ben venga il cavo elettrico con la Tunisia (se ne parla da oltre un decennio e il protocollo di intesa è stato firmato nel 2007) e ben venga anche una strategia di scambi di elettroni ad Est attraverso l'interconnessione che già esiste con il Montenegro («ma tutto dipende dal mercato»). Intanto i conti di Terna per del 2014 si mostreranno «in linea con quello che si aspetta il mercato» anticipa Del Fante. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 6

7 18/03/2015 Il Sole 24 Ore Pag. 29 (diffusione:334076, tiratura:405061) Petrolio Il Tesoro: «Nessun collocamento di quote Eni» L.Ser. Il Mef non farà «collocazione di quote Eni sul mercato». Servizio pagina 32 Il ministero dell'economia non pensa per ora alla vendita di azioni Eni. «Non è prevista la collocazione di quote Eni sul mercato», è la precisazione che il dicastero di via XX Settembre ha dovuto divulgare ieri per evitare speculazioni a seguito delle dichiarazioni, in tarda mattinata, del sottosegretario allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, che aveva parlato di possibile collocamento simile a quanto fatto per Enel. «Il punto chiave è che rimane una partecipazione di riferimento del pubblico perchè sono imprese strategiche; quindi la quota che verrà messa sul mercato sarà limitata per mantenere un ruolo di riferimento dell'azionista. Come quello fatto su Enel faremo qualcosa del genere anche su Eni» aveva detto De Vincenti alle agenzie di stampa. E aveva anche parlato di «solidissime prospettive» per il gruppo del cane a sei zampe nonostante l'andamento del greggio. Lo stesso De Vincenti, in giornata, aveva poi dovuto correggere il tiro, parlando di un «misunderstanding». Intendevo infatti, ha chiarito, «riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel». La prospettiva di una cessione delle quota, pari a 4,34%, di Eni posseduta dal Tesoro, in realtà, non è una novità rivelata dal viceministro, che forse voleva solo rassicurare sul fatto che l'andamento del greggio non mette in discussione la solidità del gruppo e la possibilità che prima o poi possa essere privatizzato. La cessione di una quota di Eni era già stata annunciata dal governo Letta e poi vagliata anche dal governo Renzi, che ci stava pensando lo scorso anno assieme all'ipotesi di un collocamento Enel, che poi è avvenuto il mese scorso. L'operazione su Eni era però stata messa in stand-by sia per la congiuntura non favorevole per le società petrolifere che per le vicende giudiziarie che avevano investito il gruppo. Ma la prospettiva che si proceda con la dismissione resta molto concreta. Nell'immediato è da escludere. Ciò che invece potrebbe accadere è che nel corso dell'anno il ministero dell'economia cominci la ricerca degli advisor, finanziario e legale, per un'eventuale ulteriore privatizzazione di Eni, magari per tenersi pronto qualora le prospettive di mercato dovessero migliorare. Ma anche per avere alternative concrete qualora non andassero a buon fine altre operazioni, come ad esempio la quotazione entro fine 2015 di Poste. L'eventuale cessione del 4,34% di Eni, agli attuali valori di Borsa, porterebbe nelle casse dello Stato 2,3 miliardi di euro (2,16 miliardi l'incasso per la cessione del 5,7% di Enel). Ma c'è da immaginare che quando l'operazione venisse decisa sicuramente i corsi azionari del gruppo del cane a sei zampe saranno su valori più elevati. Ieri il titolo Eni non ha comunque subito scossoni in Borsa e ha chiuso in rialzo dello 0,46 per cento. RIPRODUZIONE RISERVATA ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 7

8 18/03/2015 La Repubblica Pag. 28 (diffusione:556325, tiratura:710716) IL PUNTO Il governo "colloca" una quota dell' Eni Poi fa dietrofront "Nessuna cessione" Titolo in testacoda Il sottosegretario De Vincenti annuncia l'operazione in stile Enel "Ma il mio pensiero è stato frainteso" ANDREA GRECO MILANO. Pausa pranzo indigesta per il viceministro dello Sviluppo economico, Claudio De Vincenti. Ore 13,30, agenzia Agi : «Il punto chiave è mantenere una partecipazione di riferimento del pubblico perché sono aziende strategiche. Come per Enel, faremo qualcosa del genere anche su Eni. Quello messo sul mercato sarà limitato per mantenere un ruolo di riferimento». C'è la notizia. Sempre De Vincenti, ore 13,07: «Eni è una società molto forte al di là del prezzo del petrolio. Le prospettive di mercato sono solidissime». Tiene il punto. Ancora De Vincenti, ore 13,34: «La risposta riportata dalle agenzie di stampa sulla eventuale cessione di una quota Eni risente in realtà di un misunderstanding: intendevo infatti riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel». Colpa dei giornalisti sordi (ma almeno sei agenzie hanno battuto le stesse frasi). Per maggiore sicurezza mezz'ora dopo il Tesoro primo socio (anche tramite Cdp) precisava: «Non è prevista la collocazione di quote Eni sul mercato». Già, il mercato. Che da giorni cerca di smaltire il ribasso infinito del greggio, e il correlato taglio del 30% del dividendo Eni 2015, annunciato venerdì. E che ieri, mentre l'ad Claudio Descalzi incontrava investitori per il mondo spiegando il piano , sembrava stabilizzarsi in area 15,35 euro: salvo cadere sui 15,20 dopo l'uno-due ministeriale, e poi chiudere a 15,31 euro (+0,46%). È oggettivamente difficile pensare a un'epidemia di sordità tra i colleghi. Quindi o il viceministro De Vincenti è molto avanti, oppure è rimasto indietro, alla lista privatizzazioni ventilata dal governo l'estate scorsa. C'era Enel e c'era Eni, è vero. E un 5,7% dell'ex monopolista elettrico è stato venduto al mercato un mese fa. Fare il bis con Eni, oggettivamente, pare un po' intempestivo. Specie se l'annuncio arriva quattro giorni dopo la presentazione del piano quadriennale che ha limato del 29% la cedola e sospeso il buyback da 6 miliardi, due fattori che hanno riavvicinato l'azione Eni ai minimi del decennio. Foto: IL GOVERNO Il viceministro allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti. È intervenuto ieri su Eni ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 8

9 18/03/2015 MF Pag. 3 (diffusione:104189, tiratura:173386) Attenzione, le parole (a mercati aperti) pesano Filippo Buraschi «Il governo collocherà sul mercato una quota di Eni come già fatto per Enel, mantenendo un ruolo di riferimento dell'azionista perché si tratta di società strategiche». Parole e musica del viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti. Un'oretta dopo arriva il dietrofront con autosmentita: «La risposta riportata dalle agenzie di stampa sulla eventuale cessione di una quota Eni risente in realtà di un misunderstanding: intendevo infatti riferirmi alla messa sul mercato già realizzata di una quota Enel», ha precisato il viceministro. E a stretto giro anche il Mef ha precisato di non avere in calendario un placement di titoli del gruppo. Al di là del misunderstanding, resta la scivolata di De Vincenti, una scivolata ancora più eclatante perché l'anticipazione, indiscutibilmente price sensitive e fornita direttamente dal governo che tramite il Tesoro è azionista di controllo della società, è stata fornita a mercati aperti e soprattutto in un momento molto delicato per il titolo Eni che da venerdì a oggi ha perso più di 1 euro per azione (oltre il 7%) dopo che l'ad Descalzi ha annunciato il taglio del dividendo di circa il 25% a valere sull'esercizio In realtà il titolo non ha subito scossoni nel periodo intercorso tra la battuta di De Vincenti (che poi ha sottolineato la solidità dell'eni, «società forte al di là del prezzo del petrolio») e la successiva smentita, ma certo un po' più di prudenza avrebbe giovato. (riproduzione riservata) ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/2015 9

10 18/03/2015 MF Pag. 3 (diffusione:104189, tiratura:173386) A NEW YORK IL GREGGIO WTI HA TOCCATO NELLA SEDUTA DI IERI I 42,7 DOLLARI AL BARILE Petrolio, nuovi minimi da 6 anni Non si arresta il calo delle quotazioni dell'oro nero, complice la debolezza del dollaro e le strategie dei grandi produttori Usa. Cui si aggiungono ora le voci di un possibile accordo tra Stati Uniti e Iran Andrea Di Biase Il dollaro forte e l'abbondante offerta di greggio sul mercato continuano a spingere in ribasso le quotazioni del petrolio. Nel corso delle contrattazioni durante la giornata di ieri il light crude Wti di New York ha così aggiornato il proprio minimo da sei anni a 42,74 dollari al barile, con il Brent invece in flessione di 1,02 dollari a 52,92 dollari al barile. Nonostante un momentaneo indebolimento del dollaro, valuta nella quale viene scambiato il petrolio, che ha reso più conveniente gli acquisti di greggio per i trader e gli operatori che operano con altre valute, le voci su una possibile intesa tra Stati Uniti e Iran, per consentire a Teheran di esportare un quantitativo maggiore di greggio a fronte di un impegno sulla questione nucleare, ha messo sotto pressione le quotazioni. Anche perché le aspettative del mercato sono che oggi, quando saranno rese note le riserve di petrolio degli Stati Uniti, queste possano raggiungere il livello di 452 milioni di barili. Se tali previsioni fossero confermate dal dato ufficiale, che sarà diramato in giornata, è possibile che la pressione al ribasso sulle quotazioni del greggio si intensifichi. A questo si aggiunge il fatto che negli Usa, pur a fronte di queste aspettative, la produzione domestica continua a salire, toccando i massimi da oltre 40 anni, nonostante le chiusure continuate dei piccoli impianti. Secondo gli analisti si tratterebbe di una scelta consapevole da parte delle grandi compagnie volta eliminare i comprimari, i quali non sono in grado di reggere lo stress legato a costi sempre più alti a fronte di quotazioni sempre più basse. Risultato: meno concorrenza per chi resta e può continuare a produrre. Senza contare il fattore Cina. Nonostante le rassicurazioni proprio di ieri del primo ministro cinese Li Keqiang sulla forza del Celeste Impero, è innegabile che la forza sta rallentando, magari anche a fronte di un rafforzamento interno, così come a rallentare sarà anche la richiesta di materia prima per una potenza energivora che energivora lo è sempre meno. Non solo, ma anche le sue prospettive di accumulare scorte, approfittando dei prezzi bassi, potrebbe rallentare. Secondo gli analisti di Goldman Sachs, in un report pubblicato la scorsa settimana, il prezzo del greggio è destinato a scendere ulteriormente. Secondo gli esperti della banca Usa il prezzo del petrolio Wti è destinato a toccare quota 40 dollari al barile nei prossimi mesi. (riproduzione riservata) PETROLIO WTI 17 dic '14 17 mar '15 Dollari al barile 43,7 $ IERI Foto: Quotazioni, altre news e analisi su ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/

11 18/03/2015 MF Pag. 15 (diffusione:104189, tiratura:173386) IL GRUPPO GUIDATO DALL'AD DEL FANTE SPIEGA COME CONCILIARE BUSINESS E SOSTENIBILITÀ Terna, la rete green vale 24 mld Presentate ieri le sette regole per la sicurezza ambientale. Dal 2005 a oggi la società ha investito 8 mld e generato 6 mld di risparmi per consumatori e aziende. Ma i tempi autorizzativi sono ancora lunghi Angela Zoppo Con oltre 8 miliardi investiti nell'ammodernamento della rete elettrica, Terna rivendica di aver sempre messo tra le priorità la salvaguardia dell'ambiente. Il gruppo guidato dall'ad Matteo Del Fante in questi dieci anni ha conseguito così risparmi per 6 miliardi a beneficio di cittadini e imprese, aumentando l'efficienza e gli standard tecnologici delle infrastrutture di trasmissione. «Questo è un anno storico. Nel 2015, a dieci anni dalla privatizzazione, possiamo affermare che tutte le zone elettriche definite dai regolamenti sono state connesse. Terna persegue la massima compatibilità ambientale delle sue opere», ha spiegato Del Fante ieri a Roma, al convegno organizzato da Terna per presentare Le nuove regole per la sicurezza dell'ambiente. Terna, tra le prime aziende in Italia, ha messo a punto una strategia di sicurezza integrata che mette insieme i settori informatico, ambientale, del lavoro e il core business del sistema elettrico. Per una spa, tanto più quotata, non si tratta ovviamente solo di fare la paladina dell'ambiente. Le ricadute economiche sono tangibili. Del Fante ha stimato in circa 24 miliardi i benefici generati da questo approccio: circa 10,2 miliardi dalle principali 12 opere già in esercizio, altri 10,1 miliardi dalle sette in via di realizzazione, e 3,5 miliardi di riduzione dei costi di dispacciamento dal 2009 al Ai benefici ricordati da Terna si contrappongono però i tempi lunghissimi degli iter autorizzativi, che vanno dai sette ai 12 anni. «Ci meritiamo una maggiore attenzione visto quello che stiamo facendo per lo sviluppo del Paese», ha detto Del Fante. «I progetti una volta autorizzati e finanziati devono avere tempi certi e, possibilmente, brevi. Occorre trovare un punto di equilibro tra crescita economica e salvaguardia dell'ambiente». Anche i risultati di un'indagine condotta dell'istituto Piepoli lo confermano. Ben il 61% delle aziende intervistate giudica positivo per il proprio sviluppo un innalzamento degli standard ambientali, e una percentuale ancora più alta, il 76%, valuta come una grande opportunità mettere l'ambiente al centro dell'economia. «L'industria italiana, accanto al mondo ambientalista, agricolo, alla grande distribuzione e all'accademia», ha detto la presidente di Terna, Catia Bastioli, «può giocare un ruolo produttivo, di stimolo con la politica per mettere al centro l'ecosistema e il benessere delle persone». E per il ministro dell'ambiente, Gian Luigi Galletti, è già un successo che oggi si possa parlare allo stesso tavolo di sostenibilità e di sviluppo delle imprese. L'impegno di Terna nel frattempo non si ferma: sul territorio ci sono 230 cantieri aperti con investimenti per 2,8 miliardi. Non solo. La spa della rete ha anche fissato sette regole da condividere con altre aziende, riassunte da Giuseppe Lasco, capo del corporate affairs. Tra queste, considerare l'ambiente come una risorsa dell'azienda e dotarsi di una governance ambientale. (riproduzione riservata) TERNA 17 dic '14 17 mar '15 3,5 3,7 3,9 4,1 quotazioni in euro 4,02 +0,15% IERI Foto: Matteo Del Fante Foto: Quotazioni, altre news e analisi su ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/

12 18/03/2015 MF Pag. 15 (diffusione:104189, tiratura:173386) LA SOCIETÀ È ATTIVA NEI SISTEMI D'ACCUMULO DI ENERGIA Eps sceglie l'ipo. Ma a Parigi Luisa Leone Ipo in vista per Electro Power Systems. La società specializzata in sistemi di accumulo di energia, nata da uno spin off del Politecnico di Torino, ha appena avviato l'iter per la quotazione in borsa. Il progetto è raccogliere fondi per il secondo step di sviluppo, basato sull'offerta di soluzioni per l'accumulo di energia pulita, in grado di garantire anche da fonti intermittenti come le rinnovabili un flusso continuo, basandosi su una tecnologia all'idrogeno, più economica di quelle attualmente in commercio. «Abbiamo appena avviato il percorso per l'ipo in Francia, che faremo completamente in aumento di capitale, in modo da sostenere il nostro piano di sviluppo a livello globale», dice a MF-Milano Finanza Carlalberto Guglieminotti, ceo della società. La piazza scelta da Eps però non è quella italiana, bensì Parigi. Il che non stupisce troppo, se si pensa che di recente Electro Power ha spostato Oltralpe anche la sede sociale pur mantenendo produzione, ricerca e sviluppo in Italia. «La Francia è un Paese dove c'è grande attenzione alle tematiche energetiche e dove si prende molto sul serio lo sviluppo delle energie rinnovabili, a cui il nostro progetto è collegato», continua Guglielminotti. E se la prima ragione della scelta è di tipo industriale, anche la liquidità e l'organizzazione della piazza italiana hanno giocato il loro ruolo nella scelta. «A Parigi è possibile quotarsi sul listino principale con soli 2 milioni di fatturato, avendo a disposizione un mercato liquido, non paragonabile all'aim italiano, che sarebbe stato il listino cui noi avremmo potuto accedere in Italia». Ancora i dettagli dell'ipo non sono ufficiali, ma sul mercato francese dovrebbe andare una quota di minoranza intorno al 25-30% del capitale. E anche gli attuali soci di Eps dovrebbero partecipare all'aumento, come dimostrazione della fiducia nella società, che dopo aver attraversato un periodo di difficoltà ora è pronta a una nuova svolta. Gli azionisti di Ectro Power Sistems per altro sono nomi molto noti della finanza italiana e non solo: si tratta del fondo 360 Capital Partners di Fausto Boni, che ha portato in borsa tra gli altri anche Yoox, della Ersel della famiglia torinese Giubergia; di Prima Electro, del gruppo Prima Industrie e, con una piccola quota, anche del fondo che fa capo ad Angelo Moratti, 77holding. La sfida, con la quotazione in borsa e le risorse fresche che ne deriveranno, sarà quella di sfruttare il successo riscontrato nel settore delle telecomunicazioni (Eps fornisce da anni sistemi di accumulo per le stazioni radio-base di alcuni grandi operatori delle tlc), per imporre i suoi prodotti anche nel mondo dell'energia rinnovabile. La questione dei sistemi di accumulo è infatti uno dei principali nodi da sciogliere per permettere davvero alle fonti rinnovabili di colmare completamente il gap con quelle tradizionali, rendendole continue e affidabili, ma anche evitando i problemi di sovraccarico di rete. E per aiutare Electro Power System ad affermarsi sul mercato, hanno fatto il loro ingresso in consiglio di amministrazione anche Luca Dal Fabbro (ex ad di Eon Italia, oggi nel cda di Terna) e Giuseppe Artizzu, esperto di tematiche energetiche. (riproduzione riservata) Foto: Carlalberto Guglielminotti ENERGIA - Rassegna Stampa 18/03/

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it

I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico. Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it I falsi miti sulle energie rinnovabili le rinnovabili nello scenario energetico Andrea Zaghi a.zaghi@assorinnovabili.it Indice 1. Le rinnovabili nel settore elettrico tra integrazione e nuove sfide 2.

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA?

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? Che l energia elettrica sia in Italia mediamente più costosa rispetto al resto d Europa, è ancora una volta confermato da un recente rapporto EUROSTAT.

Dettagli

TERNA PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2007-2011

TERNA PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2007-2011 COMUNICATO STAMPA Relazioni Esterne e Comunicazione Tel. +39 06 83138120 Fax +39 06 83138372 e-mail: ufficio.stampa@terna.it Investor Relations Tel. +39 06 83138145 Fax +39 06 83138389 e-mail: investor.relations@terna.it

Dettagli

Poste: domanda quattro volte l'offerta, verso prezzo 6,75 euro Il maxi collocamento non delude le attese. Passera: 'Errore gravissimo svendere'

Poste: domanda quattro volte l'offerta, verso prezzo 6,75 euro Il maxi collocamento non delude le attese. Passera: 'Errore gravissimo svendere' Poste: domanda quattro volte l'offerta, verso prezzo 6,75 euro Il maxi collocamento non delude le attese. Passera: 'Errore gravissimo svendere' Redazione ANSA ROMA 22 ottobre 201518:03 Focus L'Ipo di Poste

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Più energia per le imprese italiane di Dario Vascellaro

Più energia per le imprese italiane di Dario Vascellaro Intervista a Corrado Danesi, ad di Utilità Più energia per le imprese italiane di Dario Vascellaro TRA GLI INIZI E LA FINE DEGLI ANNI 90 il nostro Paese, come tutta l Europa occidentale, ha conosciuto

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

POLITICHE ENERGETICHE, TRA VECCHI OBIETTIVI E NUOVE STRATEGIE

POLITICHE ENERGETICHE, TRA VECCHI OBIETTIVI E NUOVE STRATEGIE POLITICHE ENERGETICHE, TRA VECCHI OBIETTIVI E NUOVE STRATEGIE di Carlo Andrea Bollino (Professore ordinario di Economia Politica, Università di Perugia) 12 luglio 2006 1. Premessa Il mondo andrà verso

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

TERNA: UTILI PER IL PAESE

TERNA: UTILI PER IL PAESE TERNA: UTILI PER IL PAESE Audizione presso la Commissione Industria Senato Atto n. 282 Affare assegnato risultati società partecipate dallo Stato ROMA, 19 marzo 2014 1 Il Gruppo Terna Il Gruppo si compone

Dettagli

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni ASSOCARBONI La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni In un mondo assetato di e- nergia, il carbone mantiene la leadership indiscussa, rivelandosi una risorsa concorrenziale

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012 MAN SE Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record Fatturato: 16,5 miliardi di Euro (anno precedente: 14,7 miliardi di ) Ordini pervenuti: 17,1 miliardi di Euro (15,1 miliardi di ) Reddito

Dettagli

AZIONE ENERGIA SOLARE

AZIONE ENERGIA SOLARE PROGRAMMA 2013 Presentazione dell associazione e programma 2013 per il settore fotovoltaico Italiano AES Chi siamo Azione Energia Solare è una associazione di categoria del mondo fotovoltaico Italiano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Prospettive in breve

Prospettive in breve OECD-FAO Agricultural Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive OCSE-FAO sull agricoltura 2009 Sintesi in italiano Prospettive in breve Il contesto macroeconomico che fa da sfondo alle presenti prospettive

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Principali obiettivi del quadriennio E&P: produzione in costante crescita sostenuta dalle ingenti scoperte fatte o Produzione in crescita

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA

Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA La liberalizzazione elettrica italiana e i principali effetti sul mercato, sulla politica energetica, sulle imprese e sull occupazione Documento sull esperienza

Dettagli

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1 Energia felice Roberto Meregalli 1 L Italia è uno dei paesi più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energie rinnovabili. Ricordiamo che già lo scorso anno abbiamo raggiunto il target previsto

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Te Wind: approva emissione bond per 10 mln euro

Te Wind: approva emissione bond per 10 mln euro Te Wind: approva emissione bond per 10 mln euro www.liberoquotidiano.it Milano, 26 giu. (Adnkronos) - Te Wind, società che opera nel settore della produzione di energia elettrica attraverso impianti minieolici,

Dettagli

Petrolio 2.0. Di Roberto Meregalli 1 (meregalli.roberto@gmail.com) 22 luglio 2015

Petrolio 2.0. Di Roberto Meregalli 1 (meregalli.roberto@gmail.com) 22 luglio 2015 Petrolio 2.0 E passato un anno dall inatteso crollo delle quotazioni petrolifere che portò il prezzo del greggio dal valore di 116,7 dollari al barile del giugno 2014 a quello di 58 dollari del gennaio

Dettagli

Dossier nuova società AlmavivA-CCID Shanghai Technology

Dossier nuova società AlmavivA-CCID Shanghai Technology Dossier nuova società AlmavivA-CCID Shanghai Technology QUOTIDIANI > REPUBBLICA AFFARI&FINANZA - I call center italiani in Cina - AlmavivA lancia i call center made in Italy in Cina > SOLE24ORE - AlmavivA

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI Centrati i

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI PREZZI DELLA FILIERA DEI PRODOTTI PETROLIFERI, NONCHE SULLE RICADUTE DEI COSTI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE E SULLA COMPETITIVITÀ

Dettagli

Aiuti di Stato - Commissione Ue, ok finanziamenti a Poste Italiane

Aiuti di Stato - Commissione Ue, ok finanziamenti a Poste Italiane Aiuti di Stato - Commissione Ue, ok finanziamenti a Poste Italiane Marta Bonucci 04 Dicembre 2015 Notizie La Commissione europea approva le compensazioni riconosciute a Poste Italiane per l'adempimento

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il

«Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il «Siamo una società che crede nell energia pulita, impegnata a diffondere soluzioni orientate al risparmio energetico per accrescere il benessere dei nostri figli. Tutte le donne e gli uomini che lavorano

Dettagli

ANALISI FONDAMENTALE... 3

ANALISI FONDAMENTALE... 3 Sociedad Chimica y Miniera de Chile (SQM:Nyse) Andrea Tironi Andrea Facchini www.moneyriskanalysis.com 22/03/2014 1 Sommario ANALISI FONDAMENTALE... 3 Descrizione e Storia... 3 Analisi Punti di Forza e

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Panorama sull Energia

Panorama sull Energia Panorama sull Energia I Fondamentali permetteranno prezzi del petrolio più elevati? 21 Febbraio 2011 Venerdì i futures sul petrolio Brent sono scesi sul NYMEX a $102,52, scivolando dal recente massimo

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei Mercati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Hanno ritracciano questa settimana i mercati azionari dal momento che gli investitori si sono allontanati

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO

PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE CONTRIBUISCI A CREARE UNA CITTÀ MIGLIORE. PASSA A CLEANPOWER. www.cleanpowerenergia.it LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER

Dettagli

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION)

OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) OSSERVAZIONI REVISIONE DELLA DIRETTIVA 2003/96/CE (C.D. ENERGY TAXATION) GIUGNO 2011 PREMESSA La proposta di Direttiva si pone il fine di introdurre sul piano della normativa fiscale nuove misure che rispondono

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Multiutility, Dolomiti Energia è nuovo azionista di riferimento

Multiutility, Dolomiti Energia è nuovo azionista di riferimento Reuters 30 giugno 2009 Multiutility, Dolomiti Energia è nuovo azionista di riferimento martedì 30 giugno 2009 16:43 MILANO, 30 giugno (Reuters) - Il gruppo Dolomiti Energia, azionista di Edison (EDN.MI:

Dettagli

Rassegna del 10/11/2015

Rassegna del 10/11/2015 Rassegna del 10/11/2015... 10/11/2015 Sole 24 Ore 37 Per l'aie necessari cinque anni per rivedere il petrolio a 80$ - «Sarà l'india, non più la Cina a trainare i consumi energetici» 10/11/2015 Sole 24

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA 10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA Agosto 2012 In questo momento l'europa va tutt'altro che evitata e riteniamo che l'attenzione che gravita intorno ai problemi fiscali abbia creato un'opportunità d'investimento,

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

ICE AGENZIA ZAGABRIA 06/2015 NEWSLETTER DESK. RURALE finanziamneti APPROVATO IL

ICE AGENZIA ZAGABRIA 06/2015 NEWSLETTER DESK. RURALE finanziamneti APPROVATO IL Le microimprese, le piccole e l'artigianato, Fondi provenienti dai fondi UE e Piu facile accesso ai finanziamenti. Per le micro e piccole imprese e l'artigianato sono previsti 119 milioni di kune (ca.

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Marco M. Fumagalli, 2008

Marco M. Fumagalli, 2008 Tutti i documenti di questa presentazione provengono da fonti pubbliche. In particolare dalla società Marazzi S.p.A. (www.marazzigroup.com), Consob (www.consob.it), Borsa Italiana (www.borsaitaliana.it).

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

ENERGY STORAGE ENERGY STORAGE.UN OCCASIONE DI CRESCITA ECONOMICA

ENERGY STORAGE ENERGY STORAGE.UN OCCASIONE DI CRESCITA ECONOMICA ENERGY STORAGE ENERGY STORAGE.UN OCCASIONE DI CRESCITA ECONOMICA La crisi profonda che stiamo vivendo e l importanza dell energia per la competitività ci spingono sempre più a trovare soluzioni per ridurre

Dettagli

VEDOGREEN MARKET NEWS - 1 ottobre/ 19 ottobre 2012

VEDOGREEN MARKET NEWS - 1 ottobre/ 19 ottobre 2012 VEDOGREEN MARKET NEWS - 1 ottobre/ 19 ottobre 2012 01.10.2012 Green Market Index (*) +0,53% MILANO (MF-DJ)--Il Ftse Mib chiude la seduta con un +2,83% a 15523 punti. I mercati azionari hanno rimbalzato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013

COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013 COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013 Previsioni 2012 in leggero calo dopo l esame dell andamento e delle prospettive dei contratti in portafoglio

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

nell'anno è quella della quota di ammortamento che, ebbene, non è enorme perché stiamo parlando di roba che dura tanto.

nell'anno è quella della quota di ammortamento che, ebbene, non è enorme perché stiamo parlando di roba che dura tanto. PARTE I La performance di Scaroni rispetto alla gestione precedente e alle società concorrenti di Eni, il botta e risposta tra Massimo Mucchetti e Paolo Scaroni Mucchetti: Per quanto riguarda i dati, le

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento

Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Giugno 2012 Investimenti sostenibili e responsabili: oltre il rendimento Annuncio pubblicitario destinato al cliente ed al potenziale cliente al dettaglio. Prima dell adesione leggere il prospetto disponibile

Dettagli

News Release. Utile ante special item in leggero calo per BASF; confermate le previsioni per il 2016

News Release. Utile ante special item in leggero calo per BASF; confermate le previsioni per il 2016 News Release Primo trimestre 2016/Assemblea annuale degli azionisti Utile ante special item in leggero calo per BASF; confermate le previsioni per il 2016 29 aprile 2016 Jennifer Moore-Braun Phone: +49

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti Edgardo Curcio Presidente AIEE Milano, 20 maggio 2010 La produzione di biocarburanti

Dettagli

I nostri numeri. In attività dal 2010 3.500. Circa 20.000. + di 14.000. + di 13.000. + di 150 dipendenti 150 installatori. + di 600 Collaboratori

I nostri numeri. In attività dal 2010 3.500. Circa 20.000. + di 14.000. + di 13.000. + di 150 dipendenti 150 installatori. + di 600 Collaboratori MEDIAK I T I nostri numeri + di 150 dipendenti 150 installatori In attività dal 2010 1000 Impianti termodinamici installati nel 2013 +150% rispetto al 2012 3.500 Impianti fotovoltaici installati nel 2013

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo

2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo IN QUESTO NUMERO Speciale Copenhagen 2010, 2012 e oltre: le nuove sfide dello sviluppo Sei punti per la competitività del settore siderurgico Assegnazione del 100% di quote gratuite ai settori carbon leakage

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

Le fonti rinnovabili: un opportunità per l industria italiana. Roma, 16 Luglio 2009

Le fonti rinnovabili: un opportunità per l industria italiana. Roma, 16 Luglio 2009 Le fonti rinnovabili: un opportunità per l industria italiana Roma, 16 Luglio 2009 Arturo Lorenzoni IEFE, Università Bocconi e Università degli Studi di Padova L obiettivo del mio intervento Cercare di

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa APPROVATO IL BILANCIO Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa Banca Carige prepara l'aumento di capitale da 800 milioni e se l'obiettivo è fare in modo che resti

Dettagli

Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia

Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia pagina 1 di 5 Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia Normativa Europea: L inizio del processo di privatizzazione dell energia

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli