Il sistema finanziario italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema finanziario italiano"

Transcript

1 Il sistema finanziario italiano In questo capitolo ci occuperemo del sistema finanziario italiano, in parte anche ripercorrendo gli eventi che ne hanno caratterizzato la trasformazione negli ultimi anni. La riflessione sulle fasi della recente storia economica italiana che più profondamente hanno segnato l evoluzione del nostro sistema finanziario ci consentirà infatti di porre meglio in rilievo i suoi tratti attuali. 1. Il sistema finanziario IL FINANZIAMENTO DIRETTO E INDIRETTO La figura 1 rappresenta schematicamente il sistema finanziario. Per chiarirne il funzionamento, ci rifaremo alla rappresentazione del sistema finanziario fornita dalla Banca Centrale Europea (BCE). Secondo una definizione comunemente accettata e assai ampia, il sistema finanziario comprende l insieme dei mercati e degli intermediari finanziari la cui attività consiste nello scambio di attività finanziarie e dei rischi in esse incorporati. Attenzione, quindi: il sistema finanziario racchiude sia i mercati finanziari (come le borse) dove si scambiano i titoli che l intermediazione finanziaria, come le banche. La ragione di una definizione così ampia la si coglie guardando alla funzione più importante che il sistema finanziario svolge. Questa funzione consiste nell incanalare i fondi dai soggetti che risparmiano (la cui spesa è inferiore al reddito, indicati nella figura come unità in surplus), verso quelli che effettuano spese nette (che spendono in misura superiore al proprio reddito, indicati nella figura come unità in deficit). Questa funzione avviene attraverso due modalità o canali. Nel finanziamento diretto, che passa attraverso il mercato (vedi la parte superiore della figura), i prenditori ricevono i fondi direttamente dai prestatori sui mercati finanziari cedendo loro strumenti finanziari (quali le obbligazioni e le azioni), che rappresentano diritti sul reddito futuro e/o patrimonio dell emittente. Quando invece il flusso ha luogo attraverso intermediari finanziari si parla di finanziamento indiretto, o bancario (vedi la parte inferiore della figura). Gli intermediari finanziari sono costituiti principalmente dalle banche, ma rientrano in questa classificazione altri intermediari finanziari, come le assicurazioni e le banche d affari. Alternativamente, a seconda che prevalga l uno o l altro tipo di finanziamento, si parla di sistema finanziario orientato al mercato oppure di sistema finanziario orientato agli intermediari. Per esempio, molto spesso si afferma che nei sistemi finanziari esistenti delle economie europee risulta prevalente il finanziamento indiretto, mentre in quelli delle economie anglosassoni (come Regno Unito e gli Usa) è prevalente un finanziamento 1

2 diretto attraverso i mercati borsistici. Va aggiunto che queste differenze erano assai più marcate nel passato; oggi risulta assai più difficile distinguere in modo netto tra i diversi sistemi finanziari. In effetti, ciò a cui abbiamo assistito nel corso degli ultimi due decenni è piuttosto una convergenza verso un sistema misto in cui è molto difficile distinguere tra i ruoli assegnati agli intermediari e quelli svolti dai mercati finanziari. Di norma chi presta sono le famiglie. Tuttavia, anche le imprese, le amministrazioni pubbliche e il resto del mondo intendendo con questa espressione i non residenti possono talvolta effettuare un risparmio positivo e agire quindi in veste di prestatori di fondi. Dal lato opposto si situano i settori che fanno maggiore ricorso al credito, abitualmente le imprese e le amministrazioni pubbliche anche se le famiglie e i non residenti possano talvolta indebitarsi per finanziare i propri acquisti. Figura 1. Il sistema finanziario FINANZIAMENTO DIRETTO 1 MERCATI FINANZIARI (Borsa) UNITÀ IN SURPLUS (Famiglie) 3 4 UNITÀ IN DEFICIT (Imprese, governo) 2 INTERMEDIARI FINANZIARI (Banche) FINANZIAMENTO INDIRETTO Per esemplificare, nella figura sono state indicate con dei numeri alcuni possibili operazioni finanziarie specifiche che possono aiutare a comprendere meglio il funzionamento del sistema finanziario: 1. le famiglie acquistano azioni emesse dalle imprese; 2. le famiglie depositano i propri risparmi presso il sistema bancario. Le banche effettuano prestiti alle imprese; 3. le banche si finanziano in borsa emettendo azioni e obbligazioni; 4. le banche investono fondi in obbligazioni e azioni. Come le ultime due operazioni indicano, nel funzionamento del sistema i mercati e gli intermediari finanziari non sono entità separate, bensì 2

3 strettamente interagenti, tramite lo scambio continuo di risorse finanziarie (si guardi di nuovo la parte centrale della figura). Da un lato, i fondi confluiscono dai mercati verso gli intermediari finanziari quando questi ultimi, per raccogliere le risorse necessarie a finanziare le proprie attività, emettono azioni e titoli di debito. Dall altro, essi rifluiscono verso i mercati, ad esempio, quando gli intermediari finanziari acquistano titoli pubblici o societari a titolo di investimento, oppure per il tramite di un fondo comune di mercato monetario. Altri esempi di possibili interrelazioni fra i mercati e gli intermediari finanziari sono la consulenza che questi ultimi forniscono alle società non finanziarie emittenti e i prestiti a breve termine da essi erogati per coprire il periodo necessario a rendere disponibili i fondi raccolti tramite le emissioni. All interno di questo sistema di scambi finanziari le relazioni sono dunque complesse e talvolta così intrecciate da rendere opaco il sistema di relazioni che connette i diversi soggetti che operano nell economia. A ciascuno dei soggetti economici che partecipano agli scambi nel sistema finanziario fanno capo diverse modalità di finanziamento, una diversa distribuzione della ricchezza, una diversa composizione di attività e passività finanziarie detenute, e quindi anche dei rischi ad asse connessi; infine, diverse norme e controlli che ne regolano l operato e le scelte. 2. La ricchezza finanziaria Guardiamo di nuovo alla rappresentazione del sistema finanziario fornita dalla figura 1. Ciò che intendiamo fare nelle pagine seguenti è fornire un articolazione più dettagliata di quella rappresentazione. Intendiamo cioè quantificare per un verso le diverse attività finanziarie che formano il tessuto connettivo del sistema finanziario; per un altro, quantificare il comportamento dei diversi attori che danno vita al sistema finanziario. Tabella 1. La ricchezza finanziaria in Italia e la sua composizione nel Fonte: Banca d Italia (consistenze a fine miliardi di euro - e composizione in %) Circolante e depositi % Titoli a breve e a lungo termine % Prestiti a breve e a lungo termine % Azioni e quote fondi comuni % Altre attività % Totale attività % 3

4 LA COMPOSIZIONE DELLA RICCHEZZA FINANZIARIA Iniziamo intanto dal primo aspetto. Com è fatta la ricchezza finanziaria in Italia? O, con maggior precisione, quali sono le diverse attività finanziarie che compongono questa ricchezza? La tabella 1 ci fornisce un idea di questa composizione per grandi raggruppamenti. Le principali attività che compongono la ricchezza sono dunque: 1. Il circolante e i depositi, in buona sostanza tutto ciò che comunemente intendiamo con moneta, vale a dire tutto ciò che può essere utilizzato come mezzo di pagamento, vuoi direttamente come nel caso di biglietti e monete vuoi attraverso il conto corrente come nel caso dei depositi bancari. 2. I titoli diversi dalle azioni con scadenza a breve o lungo termine, in gran parte costituiti dalle obbligazioni emesse dallo stato (per esempio, i certificati di credito emessi dal Tesoro). Rappresentano l equivalente finanziario del debito pubblico. 3. I prestiti alle diverse scadenze concessi dal sistema bancario. 4. Le azioni e le quote dei fondi comuni. 5. Infine le altre attività, nelle quali sono incluse le polizze di assicurazione (ad esempio, sulla vita e contro i sinistri) e i crediti commerciali concessi dalle imprese ad altre imprese. La tabella 1 ci mostra che, se si esclude quest ultima voce, la ricchezza finanziaria si suddivide grosso modo tra le altre attività in modo uniforme. Anzi, diversamente da quanto suggerisce un luogo comune, le azioni e le quote di fondi comuni sembrano essere l attività finanziaria dominante. Ma la contraddizione è solo apparente: soltanto una parte esigua di ciò che nella tabella viene indicato come azioni, poco più di un quinto della voce (circa 730 miliardi di euro) è costituito da azioni quotate in borsa. Ciò significa che gran parte delle azioni, come titoli rappresentativi della quota di proprietà, non vengono scambiate in borsa, non possiedono cioè un prezzo di mercato. Prima di andare avanti, occorre rilevare innanzitutto che parlare di ricchezza finanziaria è in una certa misura fuorviante. Il motivo è che ad ogni attività finanziaria per un soggetto corrisponde sempre una passività finanziaria per un altro. Pensiamo ai depositi bancari: questi costituiscono un attività per chi li effettua e una passività per la banca che li riceve. Lo stesso vale per un qualunque titolo, sia esso obbligazione, azione o derivato: per chi lo emette il titolo costituisce una passività; per chi lo acquista un attività. Ciò che indichiamo con ricchezza finanziaria è in realtà semplicemente la somma delle attività finanziarie che, per quanto appena detto, corrisponde esattamente alla somma delle passività finanziarie. Un ricchezza finanziaria netta, intesa come differenza tra attività e passività finanziarie, esiste solo 4

5 per i singoli soggetti. Per esempio, come vedremo le famiglie italiane possiedono attività che superano le passività finanziarie. Ma per il sistema nell aggregato, per l insieme di tutti i soggetti che operano all interno di una data economia, non può esserci una ricchezza finanziaria netta. Diamo infine un occhiata al totale: la ricchezza finanziaria in Italia è pari nel 2007 a quasi miliardi di euro. Un modo semplice di cogliere la dimensione della ricchezza finanziaria è di raffrontarla al PIL. Poiché il PIL è uguale a miliardi, la ricchezza finanziaria è più di otto volte ciò che il nostro sistema produce in beni e servizi nel corso di un anno. Ovvero, detto in altro modo, ci vogliono più di otto anni per produrre in termini di valore l equivalente della ricchezza finanziaria esistente. Torneremo più avanti su questo punto. Chiediamoci ora nelle mani di chi si trova questa ricchezza finanziaria. I SETTORI ISTITUZIONALI Ricordiamo che gli operatori economici che agiscono nell economia vengono denominati dal sistema dei conti nazionali unità o settori istituzionali qualora abbiano capacità decisionale e dispongano di una loro propria contabilità condizione che ovviamente non vale per le famiglie. Questi stessi operatori sono naturalmente presenti anche nel sistema finanziario e sono classificabili in cinque categorie: 1. Le famiglie, che comprendono al proprio interno non soltanto le famiglie consumatrici ma anche quelle produttrici, cioè le imprese fino a 5 addetti, e le associazioni senza scopo di lucro; 2. Le imprese, denominate nella terminologia dei sistemi contabili società non finanziarie, che comprendono al proprio interno le società e le quasi-società private e pubbliche. Per quasi-società si intendono le imprese che, pur essendo prive di personalità giuridica, dispongono di contabilità completa e hanno un comportamento economico separabile da quello dei proprietari, come le società in nome collettivo e in accomandita semplice e le imprese individuali con più di 5 addetti; 3. Le società finanziarie, che si articolano a loro volta in sottosettori al cui interno troviamo gli intermediari bancari, come le banche centrali e le banche, le imprese di assicurazione e fondi pensione, gli intermediari finanziari veri e propri come le società di gestione del risparmio e i fondi comuni, nonché le autorità di controllo dei mercati finanziari come la Consob; 4. Le amministrazioni pubbliche, che includono sia le amministrazioni centrali e locali, e gli enti di previdenza e assistenza sociale; 5. Il resto del mondo, costituito da tutti gli operatori non residenti, che hanno cioè il proprio centro di interessi al di fuori dell economia nazionale. 5

6 La tabella 2 mostra i saldi finanziari per i diversi settori istituzionali relativamente al Lo fa da due prospettive, quella delle consistenze e quella dei flussi. Nel primo caso guardiamo alle attività al netto delle passività finanziarie (debiti) accumulate nel corso degli anni dai diversi operatori, cioè alla ricchezza netta. Il primo dato da rilevare guardando alla tabella è evidentemente che le famiglie detengono oggi ricchezza netta il cui corrispettivo in forma di debito netto è detenuto soprattutto da imprese e amministrazioni pubbliche, ovvero che le famiglie nel passato hanno finanziato l eccesso di spesa di questi due operatori. I flussi ci dicono invece che cosa è avvenuto nel corso del Come si vede, il copione si è in gran parte ripetuto anche nel corso di questo anno nel senso che le famiglie hanno effettuato un risparmio che è servito a finanziare imprese e governo. Si noti che in tutti e due i casi, consistenze e flussi, il saldo complessivo che si ottiene sommando i saldi di tutti gli operatori è nullo. Qui di seguito guardiamo più in dettaglio alla composizione delle attività e delle passività di famiglie e imprese, ovvero alla loro struttura finanziaria. Tabella 2 - I saldi finanziari in Italia nel 2007 (miliardi di euro). Fonte: Banca d Italia Settori istituzionali consistenze flussi Famigli e Imprese Amministrazioni pubbliche Società finanziarie Resto del mondo In rapporto al PIL (%) Famigli e 193% 3.4% Imprese -100% -3.5% Amministrazioni pubbliche -88% -2.0% Società finanziarie -4% 0.8% Resto del mondo -1% 1.3% 6

7 3. La struttura finanziaria di famiglie e imprese Consideriamo ora brevemente più da vicino la composizione delle attività e delle passività finanziarie di famiglie e imprese. LE FAMIGLIE LA COMPOSIZIONE DELLA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE La prima grandezza rilevante per l esame del comportamento finanziario delle famiglie è il risparmio finanziario, che rappresenta la parte del risparmio complessivo destinata all acquisto di attività finanziarie. Quando abbiamo preso in esame la domanda aggregata, abbiamo visto che, a partire dalla metà degli anni Novanta, i consumi delle famiglie hanno costantemente superato il loro reddito disponibile, sicché il risparmio si è costantemente ridotto. Non diversa sorte ha perciò avuto il risparmio finanziario, come parte del risparmio complessivo: se misurato in rapporto al Pil, il risparmio finanziario delle famiglie italiane nel quadriennio si è praticamente dimezzato passando dal 6% del 2004 al 3.4% del Malgrado ciò, esso rimane superiore, anche se di poco, al valore medio dell area dell euro (3.1%). Quali forme ha assunto il risparmio accumulato dalle famiglie nel corso del tempo, in quali attività si è concretizzato? Prima di concentrarci sulle attività finanziarie in particolare, vale la pena di guardare più in generale a come viene investita la ricchezza complessiva, e quindi non solo finanziaria ma anche reale, delle famiglie italiane. È infatti ben noto che le famiglie italiane destinano in prevalenza la propria ricchezza ad attività reali, ed in particolare a quelle immobiliari. Per fare qualche cifra, nel 2007 la ricchezza complessiva netta delle famiglie, costituita dallo stock di attività finanziarie e reali al netto delle passività, è all incirca di 8mila miliardi. Degli 8mila miliardi complessivi, circa 3mila miliardi sono impiegati in attività finanziarie; 5mila miliardi sono invece investiti in attività reali: 4mila in abitazioni e il residuo in altre attività reali, come impianti, fabbricati non residenziali, terreni e oggetti di valore. Nelle attività reali è quindi collocato oltre il 60% della ricchezza netta totale. Se ripartiamo questo valore sui circa 60 milioni di italiani, otteniamo che la ricchezza in termini pro capite è di circa 134mila euro. Naturalmente, non è detto che ciascuno di noi possieda questo ammontare di ricchezza: si tratta appunto di un valor medio. Analisi empiriche indicano che la ricchezza netta presenta una concentrazione elevata. In base alle indagine campionarie condotte dalla Banca d Italia per l anno 2006, il 10 per cento delle famiglie più ricche possedeva quasi il 45 per cento della ricchezza netta totale, quota sostanzialmente invariata rispetto ai tre anni precedenti. Per confronto, si noti che il reddito è meno concentrato: in Italia nel 2006 il 7

8 10 per cento delle famiglie con redditi più elevati deteneva il 26 per cento dei redditi complessivi. Peraltro, la distribuzione della ricchezza netta nel nostro paese non è dissimile a quella riscontrata negli altri principali paesi industriali. Tabella 3 La composizione delle attività finanziarie delle famiglie (consistenze). Fonte: Banca d Italia Circolante Titoli di stato Azioni e Altre e e altre quote di attività depositi obbligazioni fondi comuni Quote percentuali sul totale Francia Germania Italia Spagna Area dell euro Stati Uniti Torniamo ora alla composizione della ricchezza finanziaria delle famiglie. La tabella 3 illustra la composizione del portafoglio delle famiglie sia in un confronto internazionale che nella sua evoluzione nell ultimo decennio. Nel confronto al 2006 con i principali paesi industriali, il fenomeno che più risalta è che in Italia la quota delle obbligazioni e dei titoli di Stato sul complesso delle attività finanziarie delle famiglie è molto più elevata. Se si guarda alla tabella, infatti, la quota di queste attività detenuta dalle famiglie italiane, anche se in forte discesa, è ancora più che doppia di quella media dell area dell euro o degli Stati Uniti. Se in passato il fenomeno era dovuto principalmente alla componente dei titoli pubblici, si è successivamente assistito a una progressiva sostituzione 8

9 di questi ultimi con le obbligazioni bancarie. È probabile tuttavia che in seguito alla crisi finanziaria il portafoglio delle famiglie subisca un ulteriore ricomposizione a favore dei titoli di Stato. La quota di attività detenuta in forma liquida, circolante e depositi, si è fortemente ridotta nel corso del tempo e oggi assorbe un quarto della ricchezza finanziaria complessiva, un valore lievemente più base di quello della zona dell euro. La quota maggiore, oltre un terzo, di ricchezza è investita invece in azioni. Il dato, che sembra contraddire il senso comune, può essere spiegato, come abbiamo prima accennato, chiarendo che soltanto una parte esigua di queste azioni è quotata, ovvero scambiata sul mercato borsistico. Per la gran parte, si tratta di titoli che debbono la loro esistenza alla presenza di numerosissime imprese di piccole dimensione costituite nella forma di società per azioni. Quanto a ciò che nella tabella viene indicato come altre attività, si tratta di fondi pensione, accantonamenti dovuti al trattamenti di fine rapporto e di premi di assicurazione dei rami vita e danni. La quota dei prodotti finanziari assicurativi ha manifestato nel corso degli ultimi dieci anni una lieve tendenza alla crescita a causa del progressivo venir meno della funzione previdenziale svolta dallo Stato e dell invecchiamento della popolazione. Per quanto riguarda le passività finanziarie delle famiglie, occorre tener presente che le condizioni favorevoli di accesso al credito, in primis il basso livello dei tassi di interesse, hanno stimolato un forte aumento della domanda di mutui e di credito al consumo. Così, nell ultimo decennio in Italia, e in linea con le trasformazioni mondiali, si è assistito ad un aumento del grado di indebitamento delle famiglie. Negli ultimi anni il debito finanziario delle famiglie italiane è salito al 50 per cento del reddito disponibile, un valore elevato ma ancora inferiore a quello osservato in media nell area dell euro (circa il 90 per cento) e negli altri principali paesi industriali. Una considerazione a parte merita l indebitamento volto all acquisto di abitazioni, che rappresenta attualmente il 60 per cento dei prestiti totali alle famiglie italiane. La loro crescita recente è soprattutto il riflesso di un incremento consistente dell importo medio del debito (pari al 50 per cento circa in termini reali dall inizio del decennio) piuttosto che di un accresciuta partecipazione del numero delle famiglie al mercato del credito, da cui sono rimasti esclusi i nuclei familiari con i più bassi livelli di reddito. All aumento dell importo medio dei mutui hanno contribuito i bassi tassi di interesse e la disponibilità delle banche ad accrescere il rapporto tra finanziamento e valore dell immobile, che ha raggiunto un valore medio di circa il 70 per cento. La prevalenza di contratti di mutuo a tasso variabile (circa il 90 per cento) ha esposto però le famiglie ai rischi indotti dalla crescita della spesa per interessi. 9

10 LE IMPRESE Se ciò che conta nell analisi della struttura finanziaria delle famiglie è il risparmio (flussi) e la composizione delle attività finanziarie (consistenze) che si è realizzata nel corso del tempo, per le imprese è più rilevante l altra faccia della medaglia, il lato cioè delle passività: a quali fonti finanziarie esse attingono per finanziare l investimento e a quale indebitamento sono pervenute. Tabella 4 Risorse, indebitamento e fabbisogno finanziario delle imprese (flussi; miliardi di euro) Anno Fonte: Banca d Italia ATTIVITA' Attività sull interno -8-9% Attività sull estero % TOTALE ATTIVITA' % PASSIVITA' Debiti a breve e lungo termine % di cui: bancari 95 67% Titoli 5 3% Azioni e partecipazioni 9 6% Passività sull estero 19 13% TOTALE PASSIVITA' % FABBISOGNO FINANZIARIO -54 LE FONTI DI FINANZIAMEN- TO In linea generale, vi sono tre fonti di finanziamento per le imprese: 1. l autofinanziamento; 2. il capitale azionario; 3. l indebitamento che include i prestiti bancari e quelli obbligazionari. Secondo quanto prevede una nota teoria (quella della gerarchia delle fonti di finanziamento) e l intuizione suggerisce, le imprese dovrebbero utilizzare prima le risorse che costano di meno. E in effetti questo è quanto accade almeno per quanto riguarda l autofinanziamento, risorsa il cui costo d uso è certamente minore trattandosi di capitale autogenerato : l autofinanziamento è infatti costituito dai profitti non distribuiti. Pur mostrando in Italia un trend decrescente da oltre un decennio e tra i più bassi tra i paesi industrializzati, questa rimane la fonte di finanziamento più 10

11 IL FABBISOGNO FINANZIARIO rilevante per gli investimenti: secondo le stime della Banca d Italia, il grado di copertura dell investimento dovuto all autofinanziamento è circa il 45%. Questo è un punto importante che merita di essere sottolineato. Anche nei sistemi anglosassoni che abitualmente vengono classificati come orientati al mercato, l autofinanziamento è la risorsa di gran lunga più rilevante, con valori che negli Stati Uniti e nel Regno Unito superano il 90%. Un grado così elevato di autofinanziamento implica che la quasi totalità dell investimento è coperta da utili generati all interno dell impresa. La parte dell investimento che non è coperta dall autofinanziamento definisce il fabbisogno finanziario. Il finanziamento del fabbisogno risente invece del tipo di sistema finanziario presente nei diversi paesi. In Italia, dove il sistema finanziario è in larga misura centrato sulle banche, la copertura del fabbisogno finanziario avviene soprattutto attraverso il debito bancario. Si osservi in proposito la tabella 4 iniziando dalle passività. Dalla tabella emerge con chiarezza che la parte più cospicua (il 67%) dell indebitamento delle imprese è costituita da debiti verso le banche. Se guardiamo ora alla parte relativa alle attività finanziarie, un altro aspetto va sottolineato: le attività finanziarie acquisite dalle imprese nel 2007 riguardano tutte l estero e sono dovute soprattutto ad acquisizione di partecipazioni. Si noti da ultimo che la differenza tra attività e passività finanziarie costituisce il fabbisogno finanziario, pari nel 2007 a 54 miliardi di euro. Se la copertura a breve espressa in termini di flussi effettuata nel corso del 2007 risente dell orientamento del sistema finanziario, la struttura finanziaria delle imprese intesa come consistenze che si sono venute accumulando nel corso del tempo presenta invece una uniformità non solo temporale ma anche tra paesi, come ben illustra la tabella 5. Per tutti i paesi, e quindi indipendentemente dalle caratteristiche del sistema finanziario, le passività accumulate dalle imprese sono soprattutto formate dal capitale azionario, seguito in ordine di importanza dai prestiti bancari, da quelli commerciali e dalle obbligazioni. Per esempio, in Italia, pur se tra alterne vicende, tra il 1996 e il 2006 la quota del capitale azionario sul totale è cresciuta di oltre 10 punti percentuali e, in livello, si trova ben oltre il 50%. Naturalmente, occorre fare le necessarie distinzioni. In Italia, il capitale azionario è in primo luogo per il 70% costituito da azioni non quotate, un fenomeno questo dovuto alla prevalenza delle piccole imprese nel nostro tessuto produttivo. Rimane inoltre vero che alla crescita del grado di indebitamento finanziario dell economia pari al totale delle passività al netto delle azioni e dei debiti commerciali un contributo importante l hanno dato le imprese. La loro esposizione in debiti finanziari è andata crescendo nell ultimo 11

12 quinquennio, e nel 2007 in Italia ha raggiunto il 74 per cento del Pil. Questa progressione è peraltro comune a quella delle maggiori economie mondiali. Tabella 5 La composizione delle passività finanziarie delle imprese (consistenze). Fonte: Banca d Italia Titoli Prestiti Azioni Debiti comm.li Quote percentuali sul totale Francia Germania Italia Spagna Area dell euro Stati Uniti Le diverse dimensioni del sistema finanziario Non esiste una misura univoca della dimensione dei sistemi finanziari, malgrado sia ovviamente assai importante averne un idea anche approssimativa. Molto dipende da quale indicatore viene utilizzato per quantificare il peso del settore finanziario. Come abbiamo visto, il sistema 12

13 finanziario è un insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari e rappresenta la struttura sociale e normativa attraverso cui si manifesta l attività finanziaria. Una definizione così ampia rende chiaro che una misurazione significativa della dimensione del sistema finanziario può fare riferimento a diversi parametri come l incidenza del valore delle attività finanziarie complessivamente negoziate sul Pil, la dimensione della borsa valori, il numero degli intermediari e la loro tipologia. Cominciamo dal primo indicatore. 3.1 Attività finanziarie e Pil: la finanziarizzazione dell economia italiana La tabella 6 riporta per alcuni dei paesi il rapporto tra le attività finanziarie esistenti nel 2006 ed il Pil. Il valore che così si ottiene fornisce una misura del grado di finanziarizzazione dei sistema economici. Esso si basa sulla semplice osservazione che i rapporti tra gli operatori sono sempre più mediati da contratti di natura finanziaria, vale a dire che la finanza avvolge sempre più l'economia reale. Il rapporto tra attività finanziarie e Pil ne fornisce appunto un approssimazione quantitativa. Tabella 6. Il grado di finanziarizzazione nel Fonte: elaborazioni su dati Ocse Attività finanziarie in rapporto al Pil Stati Uniti 10.0 Regno Unito 17.4 Giappone 12.8 Danimarca 12.8 Italia 8.1 Francia 13.1 Germania 9.5 Paesi Bassi 20.2 Spagna 9.9 Port ogallo

14 CONFRONTO TRA PAESI Due sono gli aspetti principali che emergono dalla tabella 6. In primo luogo, come abbiamo già visto, la dimensione del sistema finanziario è un multiplo del prodotto reale: nel 2006 in Italia il valore complessivo delle attività finanziarie era 8 volte il Pil. Questo valore è alto o basso? Se confrontiamo questo valore con quello di altri paesi avanzati, ci accorgiamo che per tutti gli altri paesi si registrano livelli ancora più elevati. Questo confronto ci suggerisce perciò che il nostro sistema finanziario non si trova allo stesso livello delle altre economie. L EVOLUZIONE TEMPORALE DELLA FINANZIARIZZA ZIONE La figura 2 guarda invece all evoluzione del grado di finanziarizzazione in Italia negli ultimi cinquanta anni. Come si vede, il grado di finanziarizzazione in Italia ha attraversato tre fasi. Una prima fase, che va dagli anni Sessanta alla metà degli anni Ottanta, vede il rapporto tra attività finanziarie e Pil rimanere praticamente stabile o comunque crescere assai poco, soprattutto se lo si paragona con quanto è avvenuto successivamente: in venticinque anni il grado di finanziarizzazione passa da 2.4 a 3.7. Figura 2. Il grado di finanziarizzazione in Italia. Rapporto tra attività finanziarie e Pil. Anni Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia Nella seconda fase, che va dalla metà degli anni Ottanta alla metà degli anni Novanta, il grado di finanziarizzazione subisce una prima impennata. Bastano dieci anni perché il rapporto tra ricchezza finanziaria e ricchezza reale subisca lo stesso incremento dei venticinque anni precedenti, passando da 3.7 a 5. La ragione di questa repentina crescita è evidente. È 14

15 proprio negli anni Ottanta, come abbiamo visto nel capitolo sulla finanza pubblica, che si verifica la crescita (abnorme) del rapporto tra debito pubblico e PIL, che raddoppia passando dal 60% al 120% del prodotto nazionale. Questo è stato il primo dei fattori che più cospicuamente hanno contribuito alla finanziarizzazione del nostro sistema economico. L'origine della prima finanziarizzazione dell'economia italiana degli anni Ottanta è dunque da attribuirsi alla crescita del debito pubblico e alla necessità di assorbimento da parte del mercato che esso comportava. La terza fase, che va dalla metà degli anni Novanta a oggi, la finanziarizzazione dell economia italiana subisce un ulteriore accelerazione: in poco più di dieci anni la crescita del rapporto tra ricchezza finanziaria e Pil più che raddoppia, passando da 5 a più di 8. L'impennata della fine degli anni Novanta nel grado di finanziarizzazione è tuttavia da ricondurre alla vertiginosa crescita del mercato azionario e quindi ad un fattore di carattere privato piuttosto che pubblico. Vediamo di che si tratta. 3.2 Il mercato azionario Il modo più semplice di formarsi un idea della rilevanza di un mercato azionario è di costruire un indice dato dal rapporto tra il valore di capitalizzazione delle azioni quotate in Borsa il valore cioè dei titoli quotati nel mercato azionario ed il PIL. Il risultato è mostrato nella figura 3, dove sono presi in considerazione i mercati azionari presenti negli Stati Uniti, nell area dell euro e in Italia. La figura suggerisce numerose considerazioni sull andamento dei mercati azionari. Ci limitiamo qui a tre riflessioni. La prima è che i mercati azionari sono tra loro strettamente correlati, come si può cogliere facilmente notando che l andamento della capitalizzazione è pressoché simile. In secondo luogo, anche limitandoci a ciò che è accaduto alla capitalizzazione dall inizio degli anni Novanta, si può notare che il valore delle borse in rapporto al PIL è cresciuto enormemente: di tre volte negli Stati Uniti (da poco meno del 50% al 150% attuale), di quattro volte in Italia (dal 13% al 50% attuale), di sei volte nell area dell euro (dal 13% all 80%). Da ultimo, i mercati azionari possono subire variazioni al ribasso assai elevate: basti ricordare ciò che accadde all inizio degli anni Duemila quando i mercati azionari persero tra 35% e il 50% del loro valore, sempre in rapporto al Pil, oppure alla caduta dei valori di borsa del 50% che si è registrata nel 2008 per effetto della crisi finanziaria internazionale. Guardiamo ora più da vicino la borsa di Milano. Come abbiamo appena detto, il mercato azionario italiano ha conosciuto alla fine degli anni Novanta una crescita che non è esagerato definire esplosiva. Il numero delle società quotate è passato da 220 dell inizio 15

16 degli anni Novanta alle 307 del La posizione relativa della nostra Borsa nel confronto internazionale può essere colta anche guardando ad altri indici. In Italia rimane tuttora esiguo il numero delle imprese quotate in Borsa: nel 2007 contro le 307 del mercato italiano se ne annoveravano 3307 della Borsa di Londra e 2297 su quella di Wall Street a New York. A questa carenza di partecipazione si aggiunge anche il ridottissimo grado di internazionalizzazione del listino italiano della Borsa. In Italia, delle 307 imprese soltanto 6 sono estere. Il numero delle imprese straniere è particolarmente rilevante invece, tranne che per il caso giapponese, nelle altre Borse con una ampia presenza nei mercati anglosassoni, a riflettere il fatto che la piazza di New York e quella di Londra continuano ad essere i due principali mercati finanziari mondiali. Figura 3. Andamento e dimensione delle borse in rapporto al Pil: Fonte: elaborazione su dati World Federation of Exchanges, Fondo Monetario Internazionale 200% 180% 160% 140% Usa 120% 100% 80% Area Euro 60% 40% 20% Italia 0% La tabella 4 riporta alcuni dati sulla composizione del listino azionario italiano. Negli ultimi anni è mutata la sua composizione. Si è accresciuto il peso del settore bancario, come conseguenza dei processi di dismissione della proprietà pubblica delle principali banche iniziato nel 1993 con la privatizzazione del Credito italiano; è aumentato il peso dei settori industriali, mentre si è ridotto quello dei servizi. In corrispondenza a questi cambiamenti, sono cresciute le azioni dei titoli del settore automobilistico e di quello dei servizi di pubblica. 16

17 Tabella 4. La borsa italiana. Fonte: Banca d Italia Società italiane quotate (numero) capitalizzazione in % del PIL Composizione percentuale: industriali assicurativi bancari finanziari servi zi Totale È utile ricordare che l ampliamento del listino azionario ha avuto inizio dalla metà degli anni Novanta con la privatizzazione del patrimonio pubblico. La dismissione della proprietà pubblica ha riguardato l intero settore bancario e assicurativo e gli ex monopoli delle public utilities (energia, trasporti, telefonia). Questa trasformazione fu dettata dalla conseguenza della necessità di ridurre il fabbisogno finanziario del settore pubblico, e, secondo quanto stabilito in sede europea, della speranza di promuovere lo sviluppo e la stabilità dei mercati finanziari attraverso la formazione di un azionariato diffuso tra i risparmiatori che rendesse più spessa e stabile la dimensione e l efficienza allocativa dei mercati finanziari. 3.3 Gli intermediari finanziari: il settore bancario Guardiamo ancora al diagramma della figura 1 dove è rappresentato il funzionamento del sistema finanziario. Nel paragrafo precedente ci siamo occupati del lato del finanziamento diretto esaminando i mercati finanziari. In questo paragrafo e nel successivo esaminiamo il finanziamento indiretto dell economia che avviene prevalentemente tramite l intermediazione bancaria. La figura 4 fornisce una misura della rilevanza del finanziamento indiretto nelle medesime tre economie prese prima in esame (Italia, area dell euro e Usa) prendendo come termine di raffronto il rapporto tra prestiti bancari e Pil. 17

18 Figura 4. Andamento e dimensione dei prestiti bancari in rapporto al Pil Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia e Economic Report of the President 120% 110% Area Euro 100% 90% Italia 80% 70% Usa 60% 50% Il grafico conferma la centralità del finanziamento indiretto in Europa rispetto agli Stati Uniti: nell area dell euro il rapporto tra prestiti bancari e Pil arriva al 120%, in Italia si situa al 110%, mentre negli Stati Uniti non raggiunge il 70%. Confrontando le figura 3 e 4 riguardanti il finanziamento diretto e quello indiretto, si può vedere come l ordinamento relativo delle tre economie risulti rovesciato. Per questo motivo, a proposito degli Usa si parla di sistema finanziario basato sul mercato, mentre per le economie europee si parla di sistemi fondati sull intermediazione bancaria. LE TRASFORMA- ZIONI DEL SETTORE BANCARIO La figura 4 tuttavia non rivela le profonde trasformazioni dell intermediazione bancaria avvenute nell ultimo decennio. Per questioni di spazio, qui tratteremo brevemente i due mutamenti più importanti che hanno interessato il settore dell intermediazione. Il primo ha condotto a un cambiamento della stessa natura del soggetto bancario, il secondo ha a che fare con i prodotti e gli strumenti negoziati. Iniziamo dal primo. Per sessanta anni fino al 1993 una fetta importante del patrimonio bancario italiano, formato dalle tre banche di interesse nazionale Banca Commerciale Italiana, Banco di Roma e Credito Italiano è rimasta di proprietà dell IRI. L Istituto per la Ricostruzione Industriale era stato infatti costituito nel 1933 come ente di salvataggio delle banche e delle imprese coinvolte nella Grande Depressione, con il compito di acquisire i pacchetti azionari delle società industriali e commerciali coinvolte nella crisi, in quel momento detenuti dalle aziende di credito. L intervento dello Stato si era reso necessario per garantire la 18

19 liquidità del sistema bancario che a causa delle svalutazioni di queste partecipazioni non riusciva più a svolgere la sua funzione creditizia. Come si era arrivati a questo punto? Nei primi anni del Novecento, il sistema delle cosiddette banche miste italiane aveva finanziato con crediti a medio e lungo termine, ma anche con l apporto diretto di capitali di rischio, le principali imprese industriali (Terni, Sip, Italgas, Edison). Questa partecipazione diretta favorì la trasformazione delle imprese in società anonime e accompagnò il loro ingresso in borsa. La fase di recessione iniziata nel 1929 e la parallela discesa degli utili delle imprese e dei corsi azionari misero però in gravissima difficoltà il sistema delle banche miste. Il dissesto finanziario che ne seguì venne contrastato attraverso il passaggio delle partecipazioni industriali delle banche all IRI, dietro l impegno da parte delle banche di ridurre la loro esposizione nei confronti delle imprese. Con questa operazione lo Stato venne direttamente coinvolto nella gestione delle società industriali e l IRI divenne anche il soggetto controllore delle banche. Ciò avvenne in maniera quasi accidentale, per via delle partecipazioni incrociate delle imprese industriali nel capitale di controllo delle banche stesse. La Banca Commerciale Italiana, la Banca di Roma e il Credito Italiano (e tutti gli altri titoli bancari) uscirono dai listini di Borsa; bisognerà attendere il 1956 per vedere di nuovo un titolo bancario, quello di Mediobanca, quotato Borsa. L Italia dava origine così durante gli anni Trenta a un sistema finanziario che l avrebbe differenziata a lungo sia dall organizzazione dei sistemi finanziari anglosassoni che da quelli continentali europei. Difatti, come nei primi, veniva sancita per legge la separazione tra banche e imprese al fine di garantire la stabilità finanziaria degli istituti di credito; ma, in comunione con i secondi (quello tedesco in particolare), le banche divenivano il perno del sistema di finanziamento con una crescente marginalizzazione del mercato borsistico. Le conseguenze furono la rinuncia in quegli anni a disegnare le premesse per un adeguato sviluppo dei mercati finanziari con le relative regole di governance necessarie per sostenerlo e la creazione di un management delle imprese pubbliche che collocava il sistema produttivo e finanziario italiano, anche se con punte di eccellenza, al di fuori dell operato dei mercati. Questo sistema di partecipazione pubblica è rimasto sostanzialmente immutato fino all inizio degli anni Novanta. La privatizzazione del sistema bancario e il ritorno della quotazione al mercato delle imprese bancarie e industriali ha avuto avvio con la trasformazione di tutte le imprese pubbliche in capo all IRI in società per azioni e la successiva liquidazione dell IRI. In seguito si è proceduto al collocamento dei 19

20 pacchetti azionari nel mercato di Borsa attraverso le offerte pubbliche di vendita. A questo mutamento si è associato quello regolamentare e normativo. Nel 1985, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob), istituita nel 1974, è divenuta una authority indipendente. Nel 1991, è stata varata la legge sull intermediazione mobiliare (con la istituzione delle società di intermediazione mobiliare, le SIM) e la legge sull insider trading. Nel 1992 è stata introdotta la legge sulle Offerte Pubbliche di Acquisto. Nel 1993, con il Testo Unico Bancario sono stati definiti i nuovi dispositivi giuridici nella prospettiva di una liberalizzazione dell attività bancaria. Infine, la nuova regolamentazione dei mercati finanziari (2005) e la più aggiornata disciplina sull attività bancaria e creditizia (2007) hanno segnato i confini giuridici all interno del quale realizzare il riassetto dell intero sistema finanziario e bancario italiano. Oggi, la struttura bancaria italiana è di nuovo mutata rispetto a quella di soli dieci anni fa, con processi di aggregazione, diversificazione, privatizzazione e maggiore esposizione alla concorrenza. Sulla scia della liberalizzazione del settore bancario sancita nel Testo Unico Bancario del 1993 si è assistito alla rimozione dei vincoli giuridici che consentono alle aziende di credito di offrire una molteplicità di servizi finanziari secondo i criteri tipici della banca universale. Nella stessa prospettiva si è assistito ad un processo di concentrazione bancario che, sfruttando le economie di scala e di costo, ha consentito la costituzione di conglomerati bancari di dimensione paragonabili a quelli internazionali. I due principali gruppi bancari italiani oggi esistenti, Unicredit e Intesa-San Paolo, sono quindi il frutto del processo di privatizzazione degli anni Novanta e diretti discendenti delle banche di interesse nazionale che nel 1936 avevano trovato attuazione nella Legge Bancaria per l ordinamento del credito. Il medesimo concetto di banca universale a cui l intermediazione creditizia italiana si è venuto assimilando negli ultimi anni non è certo privo di contraddizioni. La normativa nazionale, in linea con quella europea, ha ampliato la gamma delle funzioni esercitabili dalle banche. In questa prospettiva si è nuovamente rafforzata la relazione tra imprese e banche con l entrata diretta di queste ultime nel capitale di rischio delle imprese, seppure nel rispetto di margini prudenziali fissati dagli organi di vigilanza. Gli sviluppi recenti dell intermediazione finanziaria Non è stato solo il passaggio al modello di banca universale a cambiare radicalmente la natura della banca tradizionale, ma anche l oggetto stesso dell intermediazione bancaria. Su di esso hanno profondamente inciso l espansione e i cambiamenti del sistema finanziario a partire dalla metà degli anni Novanta, di cui le manifestazioni più evidenti sono state l aumento del grado di finanziarizzazione, la deregolamentazione, il 20

La finanziarizzazione dell economia italiana La dimensione del mercato, le famiglie e le imprese

La finanziarizzazione dell economia italiana La dimensione del mercato, le famiglie e le imprese La finanziarizzazione dell economia italiana La dimensione del mercato, le famiglie e le imprese di Giuseppe Travaglini Ottobre 2008 In questo capitolo ripercorriamo gli eventi che hanno caratterizzato

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXIX N. 2 Camera dei Deputati - 8 1 - Senato della Repubblica Fondi pensione negoziali. Oneri di gestione.1'* (importi in milioni di euro; valori percentuali sul patrimonio a fine esercizio) Tav. 3.9 Ammontare 2012

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

14. LA CONDIZIONE FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE

14. LA CONDIZIONE FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE 14. LA CONDIZIONE FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE Nel le famiglie hanno investito in attività finanziarie percepite a basso rischio, proseguendo una tendenza di più lungo periodo. Rispetto all

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria

Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese. Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Il mercato dei capitali in Italia: un opportunità per investitori e imprese Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento Negli ultimi mesi la situazione finanziaria

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana

Angelo Tantazzi. Presidente di Borsa Italiana Angelo Tantazzi Presidente di Borsa Italiana Signor Presidente della Repubblica, Signor Presidente del Consiglio, Autorità, Signore e Signori, è per me un onore e un piacere porgere il benvenuto a quanti

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. La struttura finanziaria dell economia. economia. di Daniele Previati. Università degli Studi Roma Tre La struttura finanziaria dell economia economia di Daniele Previati Ricordiamo le relazioni tra sviluppo economia reale e sistema finanziario Economia di baratto..moneta...economia monetaria. separazione

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht 23 aprile 2007 Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht Aprile 2007 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

14. LA CONDIZIONE FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE

14. LA CONDIZIONE FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE 14. LA CONDIZIONE FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE Nel il saldo del settore privato non finanziario, che include famiglie e imprese, è tornato negativo (-1,5 per cento del PIL) dopo la ripresa

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE 81 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO ACRI Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 29 ottobre 2005

Dettagli

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28

1.4 Le autorità di vigilanza 11 2. 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3. 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 Indice Introduzione 1 3 2 1.4 Le autorità di vigilanza 11 2 13 2.3 Costi di transazione e liquidità 19 3 2.5 La redistribuzione dei rischi 28 33 3.1 Le origini della regolamentazione 34 3.3 La disciplina

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA Contributi per la tavola rotonda Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Roma, 30 novembre 2011

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati

l evoluzione del listino: societa e titoli quotati L Evoluzione del Listino: società e titoli quotati Nel biennio 1997-98 la Borsa italiana ha compiuto importanti progressi, in termini sia di dimensione complessiva che di livello qualitativo del listino.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 30/2008 SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O AD UN ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Elementi di finanza pubblica

Elementi di finanza pubblica Elementi di finanza pubblica (III parte) a cura di Monica Montella -montella.monica@gmail.com Franco Mostacci-frankoball@hotmail.com Indice 1) La struttura dei conti 2) Il debito pubblico 3) L andamento

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? L indebitamento delle famiglie italiane Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia 1 Risparmi e debiti delle famiglie

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 08 La crisi argentina (cap. 2) La crisi giapponese (cap. 2) La crisi argentina - 1 L Argentina negli ultimi decenni ha attraversato diversi periodi

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli