Il sistema finanziario italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema finanziario italiano"

Transcript

1 Il sistema finanziario italiano In questo capitolo ci occuperemo del sistema finanziario italiano, in parte anche ripercorrendo gli eventi che ne hanno caratterizzato la trasformazione negli ultimi anni. La riflessione sulle fasi della recente storia economica italiana che più profondamente hanno segnato l evoluzione del nostro sistema finanziario ci consentirà infatti di porre meglio in rilievo i suoi tratti attuali. 1. Il sistema finanziario IL FINANZIAMENTO DIRETTO E INDIRETTO La figura 1 rappresenta schematicamente il sistema finanziario. Per chiarirne il funzionamento, ci rifaremo alla rappresentazione del sistema finanziario fornita dalla Banca Centrale Europea (BCE). Secondo una definizione comunemente accettata e assai ampia, il sistema finanziario comprende l insieme dei mercati e degli intermediari finanziari la cui attività consiste nello scambio di attività finanziarie e dei rischi in esse incorporati. Attenzione, quindi: il sistema finanziario racchiude sia i mercati finanziari (come le borse) dove si scambiano i titoli che l intermediazione finanziaria, come le banche. La ragione di una definizione così ampia la si coglie guardando alla funzione più importante che il sistema finanziario svolge. Questa funzione consiste nell incanalare i fondi dai soggetti che risparmiano (la cui spesa è inferiore al reddito, indicati nella figura come unità in surplus), verso quelli che effettuano spese nette (che spendono in misura superiore al proprio reddito, indicati nella figura come unità in deficit). Questa funzione avviene attraverso due modalità o canali. Nel finanziamento diretto, che passa attraverso il mercato (vedi la parte superiore della figura), i prenditori ricevono i fondi direttamente dai prestatori sui mercati finanziari cedendo loro strumenti finanziari (quali le obbligazioni e le azioni), che rappresentano diritti sul reddito futuro e/o patrimonio dell emittente. Quando invece il flusso ha luogo attraverso intermediari finanziari si parla di finanziamento indiretto, o bancario (vedi la parte inferiore della figura). Gli intermediari finanziari sono costituiti principalmente dalle banche, ma rientrano in questa classificazione altri intermediari finanziari, come le assicurazioni e le banche d affari. Alternativamente, a seconda che prevalga l uno o l altro tipo di finanziamento, si parla di sistema finanziario orientato al mercato oppure di sistema finanziario orientato agli intermediari. Per esempio, molto spesso si afferma che nei sistemi finanziari esistenti delle economie europee risulta prevalente il finanziamento indiretto, mentre in quelli delle economie anglosassoni (come Regno Unito e gli Usa) è prevalente un finanziamento 1

2 diretto attraverso i mercati borsistici. Va aggiunto che queste differenze erano assai più marcate nel passato; oggi risulta assai più difficile distinguere in modo netto tra i diversi sistemi finanziari. In effetti, ciò a cui abbiamo assistito nel corso degli ultimi due decenni è piuttosto una convergenza verso un sistema misto in cui è molto difficile distinguere tra i ruoli assegnati agli intermediari e quelli svolti dai mercati finanziari. Di norma chi presta sono le famiglie. Tuttavia, anche le imprese, le amministrazioni pubbliche e il resto del mondo intendendo con questa espressione i non residenti possono talvolta effettuare un risparmio positivo e agire quindi in veste di prestatori di fondi. Dal lato opposto si situano i settori che fanno maggiore ricorso al credito, abitualmente le imprese e le amministrazioni pubbliche anche se le famiglie e i non residenti possano talvolta indebitarsi per finanziare i propri acquisti. Figura 1. Il sistema finanziario FINANZIAMENTO DIRETTO 1 MERCATI FINANZIARI (Borsa) UNITÀ IN SURPLUS (Famiglie) 3 4 UNITÀ IN DEFICIT (Imprese, governo) 2 INTERMEDIARI FINANZIARI (Banche) FINANZIAMENTO INDIRETTO Per esemplificare, nella figura sono state indicate con dei numeri alcuni possibili operazioni finanziarie specifiche che possono aiutare a comprendere meglio il funzionamento del sistema finanziario: 1. le famiglie acquistano azioni emesse dalle imprese; 2. le famiglie depositano i propri risparmi presso il sistema bancario. Le banche effettuano prestiti alle imprese; 3. le banche si finanziano in borsa emettendo azioni e obbligazioni; 4. le banche investono fondi in obbligazioni e azioni. Come le ultime due operazioni indicano, nel funzionamento del sistema i mercati e gli intermediari finanziari non sono entità separate, bensì 2

3 strettamente interagenti, tramite lo scambio continuo di risorse finanziarie (si guardi di nuovo la parte centrale della figura). Da un lato, i fondi confluiscono dai mercati verso gli intermediari finanziari quando questi ultimi, per raccogliere le risorse necessarie a finanziare le proprie attività, emettono azioni e titoli di debito. Dall altro, essi rifluiscono verso i mercati, ad esempio, quando gli intermediari finanziari acquistano titoli pubblici o societari a titolo di investimento, oppure per il tramite di un fondo comune di mercato monetario. Altri esempi di possibili interrelazioni fra i mercati e gli intermediari finanziari sono la consulenza che questi ultimi forniscono alle società non finanziarie emittenti e i prestiti a breve termine da essi erogati per coprire il periodo necessario a rendere disponibili i fondi raccolti tramite le emissioni. All interno di questo sistema di scambi finanziari le relazioni sono dunque complesse e talvolta così intrecciate da rendere opaco il sistema di relazioni che connette i diversi soggetti che operano nell economia. A ciascuno dei soggetti economici che partecipano agli scambi nel sistema finanziario fanno capo diverse modalità di finanziamento, una diversa distribuzione della ricchezza, una diversa composizione di attività e passività finanziarie detenute, e quindi anche dei rischi ad asse connessi; infine, diverse norme e controlli che ne regolano l operato e le scelte. 2. La ricchezza finanziaria Guardiamo di nuovo alla rappresentazione del sistema finanziario fornita dalla figura 1. Ciò che intendiamo fare nelle pagine seguenti è fornire un articolazione più dettagliata di quella rappresentazione. Intendiamo cioè quantificare per un verso le diverse attività finanziarie che formano il tessuto connettivo del sistema finanziario; per un altro, quantificare il comportamento dei diversi attori che danno vita al sistema finanziario. Tabella 1. La ricchezza finanziaria in Italia e la sua composizione nel Fonte: Banca d Italia (consistenze a fine miliardi di euro - e composizione in %) Circolante e depositi % Titoli a breve e a lungo termine % Prestiti a breve e a lungo termine % Azioni e quote fondi comuni % Altre attività % Totale attività % 3

4 LA COMPOSIZIONE DELLA RICCHEZZA FINANZIARIA Iniziamo intanto dal primo aspetto. Com è fatta la ricchezza finanziaria in Italia? O, con maggior precisione, quali sono le diverse attività finanziarie che compongono questa ricchezza? La tabella 1 ci fornisce un idea di questa composizione per grandi raggruppamenti. Le principali attività che compongono la ricchezza sono dunque: 1. Il circolante e i depositi, in buona sostanza tutto ciò che comunemente intendiamo con moneta, vale a dire tutto ciò che può essere utilizzato come mezzo di pagamento, vuoi direttamente come nel caso di biglietti e monete vuoi attraverso il conto corrente come nel caso dei depositi bancari. 2. I titoli diversi dalle azioni con scadenza a breve o lungo termine, in gran parte costituiti dalle obbligazioni emesse dallo stato (per esempio, i certificati di credito emessi dal Tesoro). Rappresentano l equivalente finanziario del debito pubblico. 3. I prestiti alle diverse scadenze concessi dal sistema bancario. 4. Le azioni e le quote dei fondi comuni. 5. Infine le altre attività, nelle quali sono incluse le polizze di assicurazione (ad esempio, sulla vita e contro i sinistri) e i crediti commerciali concessi dalle imprese ad altre imprese. La tabella 1 ci mostra che, se si esclude quest ultima voce, la ricchezza finanziaria si suddivide grosso modo tra le altre attività in modo uniforme. Anzi, diversamente da quanto suggerisce un luogo comune, le azioni e le quote di fondi comuni sembrano essere l attività finanziaria dominante. Ma la contraddizione è solo apparente: soltanto una parte esigua di ciò che nella tabella viene indicato come azioni, poco più di un quinto della voce (circa 730 miliardi di euro) è costituito da azioni quotate in borsa. Ciò significa che gran parte delle azioni, come titoli rappresentativi della quota di proprietà, non vengono scambiate in borsa, non possiedono cioè un prezzo di mercato. Prima di andare avanti, occorre rilevare innanzitutto che parlare di ricchezza finanziaria è in una certa misura fuorviante. Il motivo è che ad ogni attività finanziaria per un soggetto corrisponde sempre una passività finanziaria per un altro. Pensiamo ai depositi bancari: questi costituiscono un attività per chi li effettua e una passività per la banca che li riceve. Lo stesso vale per un qualunque titolo, sia esso obbligazione, azione o derivato: per chi lo emette il titolo costituisce una passività; per chi lo acquista un attività. Ciò che indichiamo con ricchezza finanziaria è in realtà semplicemente la somma delle attività finanziarie che, per quanto appena detto, corrisponde esattamente alla somma delle passività finanziarie. Un ricchezza finanziaria netta, intesa come differenza tra attività e passività finanziarie, esiste solo 4

5 per i singoli soggetti. Per esempio, come vedremo le famiglie italiane possiedono attività che superano le passività finanziarie. Ma per il sistema nell aggregato, per l insieme di tutti i soggetti che operano all interno di una data economia, non può esserci una ricchezza finanziaria netta. Diamo infine un occhiata al totale: la ricchezza finanziaria in Italia è pari nel 2007 a quasi miliardi di euro. Un modo semplice di cogliere la dimensione della ricchezza finanziaria è di raffrontarla al PIL. Poiché il PIL è uguale a miliardi, la ricchezza finanziaria è più di otto volte ciò che il nostro sistema produce in beni e servizi nel corso di un anno. Ovvero, detto in altro modo, ci vogliono più di otto anni per produrre in termini di valore l equivalente della ricchezza finanziaria esistente. Torneremo più avanti su questo punto. Chiediamoci ora nelle mani di chi si trova questa ricchezza finanziaria. I SETTORI ISTITUZIONALI Ricordiamo che gli operatori economici che agiscono nell economia vengono denominati dal sistema dei conti nazionali unità o settori istituzionali qualora abbiano capacità decisionale e dispongano di una loro propria contabilità condizione che ovviamente non vale per le famiglie. Questi stessi operatori sono naturalmente presenti anche nel sistema finanziario e sono classificabili in cinque categorie: 1. Le famiglie, che comprendono al proprio interno non soltanto le famiglie consumatrici ma anche quelle produttrici, cioè le imprese fino a 5 addetti, e le associazioni senza scopo di lucro; 2. Le imprese, denominate nella terminologia dei sistemi contabili società non finanziarie, che comprendono al proprio interno le società e le quasi-società private e pubbliche. Per quasi-società si intendono le imprese che, pur essendo prive di personalità giuridica, dispongono di contabilità completa e hanno un comportamento economico separabile da quello dei proprietari, come le società in nome collettivo e in accomandita semplice e le imprese individuali con più di 5 addetti; 3. Le società finanziarie, che si articolano a loro volta in sottosettori al cui interno troviamo gli intermediari bancari, come le banche centrali e le banche, le imprese di assicurazione e fondi pensione, gli intermediari finanziari veri e propri come le società di gestione del risparmio e i fondi comuni, nonché le autorità di controllo dei mercati finanziari come la Consob; 4. Le amministrazioni pubbliche, che includono sia le amministrazioni centrali e locali, e gli enti di previdenza e assistenza sociale; 5. Il resto del mondo, costituito da tutti gli operatori non residenti, che hanno cioè il proprio centro di interessi al di fuori dell economia nazionale. 5

6 La tabella 2 mostra i saldi finanziari per i diversi settori istituzionali relativamente al Lo fa da due prospettive, quella delle consistenze e quella dei flussi. Nel primo caso guardiamo alle attività al netto delle passività finanziarie (debiti) accumulate nel corso degli anni dai diversi operatori, cioè alla ricchezza netta. Il primo dato da rilevare guardando alla tabella è evidentemente che le famiglie detengono oggi ricchezza netta il cui corrispettivo in forma di debito netto è detenuto soprattutto da imprese e amministrazioni pubbliche, ovvero che le famiglie nel passato hanno finanziato l eccesso di spesa di questi due operatori. I flussi ci dicono invece che cosa è avvenuto nel corso del Come si vede, il copione si è in gran parte ripetuto anche nel corso di questo anno nel senso che le famiglie hanno effettuato un risparmio che è servito a finanziare imprese e governo. Si noti che in tutti e due i casi, consistenze e flussi, il saldo complessivo che si ottiene sommando i saldi di tutti gli operatori è nullo. Qui di seguito guardiamo più in dettaglio alla composizione delle attività e delle passività di famiglie e imprese, ovvero alla loro struttura finanziaria. Tabella 2 - I saldi finanziari in Italia nel 2007 (miliardi di euro). Fonte: Banca d Italia Settori istituzionali consistenze flussi Famigli e Imprese Amministrazioni pubbliche Società finanziarie Resto del mondo In rapporto al PIL (%) Famigli e 193% 3.4% Imprese -100% -3.5% Amministrazioni pubbliche -88% -2.0% Società finanziarie -4% 0.8% Resto del mondo -1% 1.3% 6

7 3. La struttura finanziaria di famiglie e imprese Consideriamo ora brevemente più da vicino la composizione delle attività e delle passività finanziarie di famiglie e imprese. LE FAMIGLIE LA COMPOSIZIONE DELLA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE La prima grandezza rilevante per l esame del comportamento finanziario delle famiglie è il risparmio finanziario, che rappresenta la parte del risparmio complessivo destinata all acquisto di attività finanziarie. Quando abbiamo preso in esame la domanda aggregata, abbiamo visto che, a partire dalla metà degli anni Novanta, i consumi delle famiglie hanno costantemente superato il loro reddito disponibile, sicché il risparmio si è costantemente ridotto. Non diversa sorte ha perciò avuto il risparmio finanziario, come parte del risparmio complessivo: se misurato in rapporto al Pil, il risparmio finanziario delle famiglie italiane nel quadriennio si è praticamente dimezzato passando dal 6% del 2004 al 3.4% del Malgrado ciò, esso rimane superiore, anche se di poco, al valore medio dell area dell euro (3.1%). Quali forme ha assunto il risparmio accumulato dalle famiglie nel corso del tempo, in quali attività si è concretizzato? Prima di concentrarci sulle attività finanziarie in particolare, vale la pena di guardare più in generale a come viene investita la ricchezza complessiva, e quindi non solo finanziaria ma anche reale, delle famiglie italiane. È infatti ben noto che le famiglie italiane destinano in prevalenza la propria ricchezza ad attività reali, ed in particolare a quelle immobiliari. Per fare qualche cifra, nel 2007 la ricchezza complessiva netta delle famiglie, costituita dallo stock di attività finanziarie e reali al netto delle passività, è all incirca di 8mila miliardi. Degli 8mila miliardi complessivi, circa 3mila miliardi sono impiegati in attività finanziarie; 5mila miliardi sono invece investiti in attività reali: 4mila in abitazioni e il residuo in altre attività reali, come impianti, fabbricati non residenziali, terreni e oggetti di valore. Nelle attività reali è quindi collocato oltre il 60% della ricchezza netta totale. Se ripartiamo questo valore sui circa 60 milioni di italiani, otteniamo che la ricchezza in termini pro capite è di circa 134mila euro. Naturalmente, non è detto che ciascuno di noi possieda questo ammontare di ricchezza: si tratta appunto di un valor medio. Analisi empiriche indicano che la ricchezza netta presenta una concentrazione elevata. In base alle indagine campionarie condotte dalla Banca d Italia per l anno 2006, il 10 per cento delle famiglie più ricche possedeva quasi il 45 per cento della ricchezza netta totale, quota sostanzialmente invariata rispetto ai tre anni precedenti. Per confronto, si noti che il reddito è meno concentrato: in Italia nel 2006 il 7

8 10 per cento delle famiglie con redditi più elevati deteneva il 26 per cento dei redditi complessivi. Peraltro, la distribuzione della ricchezza netta nel nostro paese non è dissimile a quella riscontrata negli altri principali paesi industriali. Tabella 3 La composizione delle attività finanziarie delle famiglie (consistenze). Fonte: Banca d Italia Circolante Titoli di stato Azioni e Altre e e altre quote di attività depositi obbligazioni fondi comuni Quote percentuali sul totale Francia Germania Italia Spagna Area dell euro Stati Uniti Torniamo ora alla composizione della ricchezza finanziaria delle famiglie. La tabella 3 illustra la composizione del portafoglio delle famiglie sia in un confronto internazionale che nella sua evoluzione nell ultimo decennio. Nel confronto al 2006 con i principali paesi industriali, il fenomeno che più risalta è che in Italia la quota delle obbligazioni e dei titoli di Stato sul complesso delle attività finanziarie delle famiglie è molto più elevata. Se si guarda alla tabella, infatti, la quota di queste attività detenuta dalle famiglie italiane, anche se in forte discesa, è ancora più che doppia di quella media dell area dell euro o degli Stati Uniti. Se in passato il fenomeno era dovuto principalmente alla componente dei titoli pubblici, si è successivamente assistito a una progressiva sostituzione 8

9 di questi ultimi con le obbligazioni bancarie. È probabile tuttavia che in seguito alla crisi finanziaria il portafoglio delle famiglie subisca un ulteriore ricomposizione a favore dei titoli di Stato. La quota di attività detenuta in forma liquida, circolante e depositi, si è fortemente ridotta nel corso del tempo e oggi assorbe un quarto della ricchezza finanziaria complessiva, un valore lievemente più base di quello della zona dell euro. La quota maggiore, oltre un terzo, di ricchezza è investita invece in azioni. Il dato, che sembra contraddire il senso comune, può essere spiegato, come abbiamo prima accennato, chiarendo che soltanto una parte esigua di queste azioni è quotata, ovvero scambiata sul mercato borsistico. Per la gran parte, si tratta di titoli che debbono la loro esistenza alla presenza di numerosissime imprese di piccole dimensione costituite nella forma di società per azioni. Quanto a ciò che nella tabella viene indicato come altre attività, si tratta di fondi pensione, accantonamenti dovuti al trattamenti di fine rapporto e di premi di assicurazione dei rami vita e danni. La quota dei prodotti finanziari assicurativi ha manifestato nel corso degli ultimi dieci anni una lieve tendenza alla crescita a causa del progressivo venir meno della funzione previdenziale svolta dallo Stato e dell invecchiamento della popolazione. Per quanto riguarda le passività finanziarie delle famiglie, occorre tener presente che le condizioni favorevoli di accesso al credito, in primis il basso livello dei tassi di interesse, hanno stimolato un forte aumento della domanda di mutui e di credito al consumo. Così, nell ultimo decennio in Italia, e in linea con le trasformazioni mondiali, si è assistito ad un aumento del grado di indebitamento delle famiglie. Negli ultimi anni il debito finanziario delle famiglie italiane è salito al 50 per cento del reddito disponibile, un valore elevato ma ancora inferiore a quello osservato in media nell area dell euro (circa il 90 per cento) e negli altri principali paesi industriali. Una considerazione a parte merita l indebitamento volto all acquisto di abitazioni, che rappresenta attualmente il 60 per cento dei prestiti totali alle famiglie italiane. La loro crescita recente è soprattutto il riflesso di un incremento consistente dell importo medio del debito (pari al 50 per cento circa in termini reali dall inizio del decennio) piuttosto che di un accresciuta partecipazione del numero delle famiglie al mercato del credito, da cui sono rimasti esclusi i nuclei familiari con i più bassi livelli di reddito. All aumento dell importo medio dei mutui hanno contribuito i bassi tassi di interesse e la disponibilità delle banche ad accrescere il rapporto tra finanziamento e valore dell immobile, che ha raggiunto un valore medio di circa il 70 per cento. La prevalenza di contratti di mutuo a tasso variabile (circa il 90 per cento) ha esposto però le famiglie ai rischi indotti dalla crescita della spesa per interessi. 9

10 LE IMPRESE Se ciò che conta nell analisi della struttura finanziaria delle famiglie è il risparmio (flussi) e la composizione delle attività finanziarie (consistenze) che si è realizzata nel corso del tempo, per le imprese è più rilevante l altra faccia della medaglia, il lato cioè delle passività: a quali fonti finanziarie esse attingono per finanziare l investimento e a quale indebitamento sono pervenute. Tabella 4 Risorse, indebitamento e fabbisogno finanziario delle imprese (flussi; miliardi di euro) Anno Fonte: Banca d Italia ATTIVITA' Attività sull interno -8-9% Attività sull estero % TOTALE ATTIVITA' % PASSIVITA' Debiti a breve e lungo termine % di cui: bancari 95 67% Titoli 5 3% Azioni e partecipazioni 9 6% Passività sull estero 19 13% TOTALE PASSIVITA' % FABBISOGNO FINANZIARIO -54 LE FONTI DI FINANZIAMEN- TO In linea generale, vi sono tre fonti di finanziamento per le imprese: 1. l autofinanziamento; 2. il capitale azionario; 3. l indebitamento che include i prestiti bancari e quelli obbligazionari. Secondo quanto prevede una nota teoria (quella della gerarchia delle fonti di finanziamento) e l intuizione suggerisce, le imprese dovrebbero utilizzare prima le risorse che costano di meno. E in effetti questo è quanto accade almeno per quanto riguarda l autofinanziamento, risorsa il cui costo d uso è certamente minore trattandosi di capitale autogenerato : l autofinanziamento è infatti costituito dai profitti non distribuiti. Pur mostrando in Italia un trend decrescente da oltre un decennio e tra i più bassi tra i paesi industrializzati, questa rimane la fonte di finanziamento più 10

11 IL FABBISOGNO FINANZIARIO rilevante per gli investimenti: secondo le stime della Banca d Italia, il grado di copertura dell investimento dovuto all autofinanziamento è circa il 45%. Questo è un punto importante che merita di essere sottolineato. Anche nei sistemi anglosassoni che abitualmente vengono classificati come orientati al mercato, l autofinanziamento è la risorsa di gran lunga più rilevante, con valori che negli Stati Uniti e nel Regno Unito superano il 90%. Un grado così elevato di autofinanziamento implica che la quasi totalità dell investimento è coperta da utili generati all interno dell impresa. La parte dell investimento che non è coperta dall autofinanziamento definisce il fabbisogno finanziario. Il finanziamento del fabbisogno risente invece del tipo di sistema finanziario presente nei diversi paesi. In Italia, dove il sistema finanziario è in larga misura centrato sulle banche, la copertura del fabbisogno finanziario avviene soprattutto attraverso il debito bancario. Si osservi in proposito la tabella 4 iniziando dalle passività. Dalla tabella emerge con chiarezza che la parte più cospicua (il 67%) dell indebitamento delle imprese è costituita da debiti verso le banche. Se guardiamo ora alla parte relativa alle attività finanziarie, un altro aspetto va sottolineato: le attività finanziarie acquisite dalle imprese nel 2007 riguardano tutte l estero e sono dovute soprattutto ad acquisizione di partecipazioni. Si noti da ultimo che la differenza tra attività e passività finanziarie costituisce il fabbisogno finanziario, pari nel 2007 a 54 miliardi di euro. Se la copertura a breve espressa in termini di flussi effettuata nel corso del 2007 risente dell orientamento del sistema finanziario, la struttura finanziaria delle imprese intesa come consistenze che si sono venute accumulando nel corso del tempo presenta invece una uniformità non solo temporale ma anche tra paesi, come ben illustra la tabella 5. Per tutti i paesi, e quindi indipendentemente dalle caratteristiche del sistema finanziario, le passività accumulate dalle imprese sono soprattutto formate dal capitale azionario, seguito in ordine di importanza dai prestiti bancari, da quelli commerciali e dalle obbligazioni. Per esempio, in Italia, pur se tra alterne vicende, tra il 1996 e il 2006 la quota del capitale azionario sul totale è cresciuta di oltre 10 punti percentuali e, in livello, si trova ben oltre il 50%. Naturalmente, occorre fare le necessarie distinzioni. In Italia, il capitale azionario è in primo luogo per il 70% costituito da azioni non quotate, un fenomeno questo dovuto alla prevalenza delle piccole imprese nel nostro tessuto produttivo. Rimane inoltre vero che alla crescita del grado di indebitamento finanziario dell economia pari al totale delle passività al netto delle azioni e dei debiti commerciali un contributo importante l hanno dato le imprese. La loro esposizione in debiti finanziari è andata crescendo nell ultimo 11

12 quinquennio, e nel 2007 in Italia ha raggiunto il 74 per cento del Pil. Questa progressione è peraltro comune a quella delle maggiori economie mondiali. Tabella 5 La composizione delle passività finanziarie delle imprese (consistenze). Fonte: Banca d Italia Titoli Prestiti Azioni Debiti comm.li Quote percentuali sul totale Francia Germania Italia Spagna Area dell euro Stati Uniti Le diverse dimensioni del sistema finanziario Non esiste una misura univoca della dimensione dei sistemi finanziari, malgrado sia ovviamente assai importante averne un idea anche approssimativa. Molto dipende da quale indicatore viene utilizzato per quantificare il peso del settore finanziario. Come abbiamo visto, il sistema 12

13 finanziario è un insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari e rappresenta la struttura sociale e normativa attraverso cui si manifesta l attività finanziaria. Una definizione così ampia rende chiaro che una misurazione significativa della dimensione del sistema finanziario può fare riferimento a diversi parametri come l incidenza del valore delle attività finanziarie complessivamente negoziate sul Pil, la dimensione della borsa valori, il numero degli intermediari e la loro tipologia. Cominciamo dal primo indicatore. 3.1 Attività finanziarie e Pil: la finanziarizzazione dell economia italiana La tabella 6 riporta per alcuni dei paesi il rapporto tra le attività finanziarie esistenti nel 2006 ed il Pil. Il valore che così si ottiene fornisce una misura del grado di finanziarizzazione dei sistema economici. Esso si basa sulla semplice osservazione che i rapporti tra gli operatori sono sempre più mediati da contratti di natura finanziaria, vale a dire che la finanza avvolge sempre più l'economia reale. Il rapporto tra attività finanziarie e Pil ne fornisce appunto un approssimazione quantitativa. Tabella 6. Il grado di finanziarizzazione nel Fonte: elaborazioni su dati Ocse Attività finanziarie in rapporto al Pil Stati Uniti 10.0 Regno Unito 17.4 Giappone 12.8 Danimarca 12.8 Italia 8.1 Francia 13.1 Germania 9.5 Paesi Bassi 20.2 Spagna 9.9 Port ogallo

14 CONFRONTO TRA PAESI Due sono gli aspetti principali che emergono dalla tabella 6. In primo luogo, come abbiamo già visto, la dimensione del sistema finanziario è un multiplo del prodotto reale: nel 2006 in Italia il valore complessivo delle attività finanziarie era 8 volte il Pil. Questo valore è alto o basso? Se confrontiamo questo valore con quello di altri paesi avanzati, ci accorgiamo che per tutti gli altri paesi si registrano livelli ancora più elevati. Questo confronto ci suggerisce perciò che il nostro sistema finanziario non si trova allo stesso livello delle altre economie. L EVOLUZIONE TEMPORALE DELLA FINANZIARIZZA ZIONE La figura 2 guarda invece all evoluzione del grado di finanziarizzazione in Italia negli ultimi cinquanta anni. Come si vede, il grado di finanziarizzazione in Italia ha attraversato tre fasi. Una prima fase, che va dagli anni Sessanta alla metà degli anni Ottanta, vede il rapporto tra attività finanziarie e Pil rimanere praticamente stabile o comunque crescere assai poco, soprattutto se lo si paragona con quanto è avvenuto successivamente: in venticinque anni il grado di finanziarizzazione passa da 2.4 a 3.7. Figura 2. Il grado di finanziarizzazione in Italia. Rapporto tra attività finanziarie e Pil. Anni Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia Nella seconda fase, che va dalla metà degli anni Ottanta alla metà degli anni Novanta, il grado di finanziarizzazione subisce una prima impennata. Bastano dieci anni perché il rapporto tra ricchezza finanziaria e ricchezza reale subisca lo stesso incremento dei venticinque anni precedenti, passando da 3.7 a 5. La ragione di questa repentina crescita è evidente. È 14

15 proprio negli anni Ottanta, come abbiamo visto nel capitolo sulla finanza pubblica, che si verifica la crescita (abnorme) del rapporto tra debito pubblico e PIL, che raddoppia passando dal 60% al 120% del prodotto nazionale. Questo è stato il primo dei fattori che più cospicuamente hanno contribuito alla finanziarizzazione del nostro sistema economico. L'origine della prima finanziarizzazione dell'economia italiana degli anni Ottanta è dunque da attribuirsi alla crescita del debito pubblico e alla necessità di assorbimento da parte del mercato che esso comportava. La terza fase, che va dalla metà degli anni Novanta a oggi, la finanziarizzazione dell economia italiana subisce un ulteriore accelerazione: in poco più di dieci anni la crescita del rapporto tra ricchezza finanziaria e Pil più che raddoppia, passando da 5 a più di 8. L'impennata della fine degli anni Novanta nel grado di finanziarizzazione è tuttavia da ricondurre alla vertiginosa crescita del mercato azionario e quindi ad un fattore di carattere privato piuttosto che pubblico. Vediamo di che si tratta. 3.2 Il mercato azionario Il modo più semplice di formarsi un idea della rilevanza di un mercato azionario è di costruire un indice dato dal rapporto tra il valore di capitalizzazione delle azioni quotate in Borsa il valore cioè dei titoli quotati nel mercato azionario ed il PIL. Il risultato è mostrato nella figura 3, dove sono presi in considerazione i mercati azionari presenti negli Stati Uniti, nell area dell euro e in Italia. La figura suggerisce numerose considerazioni sull andamento dei mercati azionari. Ci limitiamo qui a tre riflessioni. La prima è che i mercati azionari sono tra loro strettamente correlati, come si può cogliere facilmente notando che l andamento della capitalizzazione è pressoché simile. In secondo luogo, anche limitandoci a ciò che è accaduto alla capitalizzazione dall inizio degli anni Novanta, si può notare che il valore delle borse in rapporto al PIL è cresciuto enormemente: di tre volte negli Stati Uniti (da poco meno del 50% al 150% attuale), di quattro volte in Italia (dal 13% al 50% attuale), di sei volte nell area dell euro (dal 13% all 80%). Da ultimo, i mercati azionari possono subire variazioni al ribasso assai elevate: basti ricordare ciò che accadde all inizio degli anni Duemila quando i mercati azionari persero tra 35% e il 50% del loro valore, sempre in rapporto al Pil, oppure alla caduta dei valori di borsa del 50% che si è registrata nel 2008 per effetto della crisi finanziaria internazionale. Guardiamo ora più da vicino la borsa di Milano. Come abbiamo appena detto, il mercato azionario italiano ha conosciuto alla fine degli anni Novanta una crescita che non è esagerato definire esplosiva. Il numero delle società quotate è passato da 220 dell inizio 15

16 degli anni Novanta alle 307 del La posizione relativa della nostra Borsa nel confronto internazionale può essere colta anche guardando ad altri indici. In Italia rimane tuttora esiguo il numero delle imprese quotate in Borsa: nel 2007 contro le 307 del mercato italiano se ne annoveravano 3307 della Borsa di Londra e 2297 su quella di Wall Street a New York. A questa carenza di partecipazione si aggiunge anche il ridottissimo grado di internazionalizzazione del listino italiano della Borsa. In Italia, delle 307 imprese soltanto 6 sono estere. Il numero delle imprese straniere è particolarmente rilevante invece, tranne che per il caso giapponese, nelle altre Borse con una ampia presenza nei mercati anglosassoni, a riflettere il fatto che la piazza di New York e quella di Londra continuano ad essere i due principali mercati finanziari mondiali. Figura 3. Andamento e dimensione delle borse in rapporto al Pil: Fonte: elaborazione su dati World Federation of Exchanges, Fondo Monetario Internazionale 200% 180% 160% 140% Usa 120% 100% 80% Area Euro 60% 40% 20% Italia 0% La tabella 4 riporta alcuni dati sulla composizione del listino azionario italiano. Negli ultimi anni è mutata la sua composizione. Si è accresciuto il peso del settore bancario, come conseguenza dei processi di dismissione della proprietà pubblica delle principali banche iniziato nel 1993 con la privatizzazione del Credito italiano; è aumentato il peso dei settori industriali, mentre si è ridotto quello dei servizi. In corrispondenza a questi cambiamenti, sono cresciute le azioni dei titoli del settore automobilistico e di quello dei servizi di pubblica. 16

17 Tabella 4. La borsa italiana. Fonte: Banca d Italia Società italiane quotate (numero) capitalizzazione in % del PIL Composizione percentuale: industriali assicurativi bancari finanziari servi zi Totale È utile ricordare che l ampliamento del listino azionario ha avuto inizio dalla metà degli anni Novanta con la privatizzazione del patrimonio pubblico. La dismissione della proprietà pubblica ha riguardato l intero settore bancario e assicurativo e gli ex monopoli delle public utilities (energia, trasporti, telefonia). Questa trasformazione fu dettata dalla conseguenza della necessità di ridurre il fabbisogno finanziario del settore pubblico, e, secondo quanto stabilito in sede europea, della speranza di promuovere lo sviluppo e la stabilità dei mercati finanziari attraverso la formazione di un azionariato diffuso tra i risparmiatori che rendesse più spessa e stabile la dimensione e l efficienza allocativa dei mercati finanziari. 3.3 Gli intermediari finanziari: il settore bancario Guardiamo ancora al diagramma della figura 1 dove è rappresentato il funzionamento del sistema finanziario. Nel paragrafo precedente ci siamo occupati del lato del finanziamento diretto esaminando i mercati finanziari. In questo paragrafo e nel successivo esaminiamo il finanziamento indiretto dell economia che avviene prevalentemente tramite l intermediazione bancaria. La figura 4 fornisce una misura della rilevanza del finanziamento indiretto nelle medesime tre economie prese prima in esame (Italia, area dell euro e Usa) prendendo come termine di raffronto il rapporto tra prestiti bancari e Pil. 17

18 Figura 4. Andamento e dimensione dei prestiti bancari in rapporto al Pil Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia e Economic Report of the President 120% 110% Area Euro 100% 90% Italia 80% 70% Usa 60% 50% Il grafico conferma la centralità del finanziamento indiretto in Europa rispetto agli Stati Uniti: nell area dell euro il rapporto tra prestiti bancari e Pil arriva al 120%, in Italia si situa al 110%, mentre negli Stati Uniti non raggiunge il 70%. Confrontando le figura 3 e 4 riguardanti il finanziamento diretto e quello indiretto, si può vedere come l ordinamento relativo delle tre economie risulti rovesciato. Per questo motivo, a proposito degli Usa si parla di sistema finanziario basato sul mercato, mentre per le economie europee si parla di sistemi fondati sull intermediazione bancaria. LE TRASFORMA- ZIONI DEL SETTORE BANCARIO La figura 4 tuttavia non rivela le profonde trasformazioni dell intermediazione bancaria avvenute nell ultimo decennio. Per questioni di spazio, qui tratteremo brevemente i due mutamenti più importanti che hanno interessato il settore dell intermediazione. Il primo ha condotto a un cambiamento della stessa natura del soggetto bancario, il secondo ha a che fare con i prodotti e gli strumenti negoziati. Iniziamo dal primo. Per sessanta anni fino al 1993 una fetta importante del patrimonio bancario italiano, formato dalle tre banche di interesse nazionale Banca Commerciale Italiana, Banco di Roma e Credito Italiano è rimasta di proprietà dell IRI. L Istituto per la Ricostruzione Industriale era stato infatti costituito nel 1933 come ente di salvataggio delle banche e delle imprese coinvolte nella Grande Depressione, con il compito di acquisire i pacchetti azionari delle società industriali e commerciali coinvolte nella crisi, in quel momento detenuti dalle aziende di credito. L intervento dello Stato si era reso necessario per garantire la 18

19 liquidità del sistema bancario che a causa delle svalutazioni di queste partecipazioni non riusciva più a svolgere la sua funzione creditizia. Come si era arrivati a questo punto? Nei primi anni del Novecento, il sistema delle cosiddette banche miste italiane aveva finanziato con crediti a medio e lungo termine, ma anche con l apporto diretto di capitali di rischio, le principali imprese industriali (Terni, Sip, Italgas, Edison). Questa partecipazione diretta favorì la trasformazione delle imprese in società anonime e accompagnò il loro ingresso in borsa. La fase di recessione iniziata nel 1929 e la parallela discesa degli utili delle imprese e dei corsi azionari misero però in gravissima difficoltà il sistema delle banche miste. Il dissesto finanziario che ne seguì venne contrastato attraverso il passaggio delle partecipazioni industriali delle banche all IRI, dietro l impegno da parte delle banche di ridurre la loro esposizione nei confronti delle imprese. Con questa operazione lo Stato venne direttamente coinvolto nella gestione delle società industriali e l IRI divenne anche il soggetto controllore delle banche. Ciò avvenne in maniera quasi accidentale, per via delle partecipazioni incrociate delle imprese industriali nel capitale di controllo delle banche stesse. La Banca Commerciale Italiana, la Banca di Roma e il Credito Italiano (e tutti gli altri titoli bancari) uscirono dai listini di Borsa; bisognerà attendere il 1956 per vedere di nuovo un titolo bancario, quello di Mediobanca, quotato Borsa. L Italia dava origine così durante gli anni Trenta a un sistema finanziario che l avrebbe differenziata a lungo sia dall organizzazione dei sistemi finanziari anglosassoni che da quelli continentali europei. Difatti, come nei primi, veniva sancita per legge la separazione tra banche e imprese al fine di garantire la stabilità finanziaria degli istituti di credito; ma, in comunione con i secondi (quello tedesco in particolare), le banche divenivano il perno del sistema di finanziamento con una crescente marginalizzazione del mercato borsistico. Le conseguenze furono la rinuncia in quegli anni a disegnare le premesse per un adeguato sviluppo dei mercati finanziari con le relative regole di governance necessarie per sostenerlo e la creazione di un management delle imprese pubbliche che collocava il sistema produttivo e finanziario italiano, anche se con punte di eccellenza, al di fuori dell operato dei mercati. Questo sistema di partecipazione pubblica è rimasto sostanzialmente immutato fino all inizio degli anni Novanta. La privatizzazione del sistema bancario e il ritorno della quotazione al mercato delle imprese bancarie e industriali ha avuto avvio con la trasformazione di tutte le imprese pubbliche in capo all IRI in società per azioni e la successiva liquidazione dell IRI. In seguito si è proceduto al collocamento dei 19

20 pacchetti azionari nel mercato di Borsa attraverso le offerte pubbliche di vendita. A questo mutamento si è associato quello regolamentare e normativo. Nel 1985, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob), istituita nel 1974, è divenuta una authority indipendente. Nel 1991, è stata varata la legge sull intermediazione mobiliare (con la istituzione delle società di intermediazione mobiliare, le SIM) e la legge sull insider trading. Nel 1992 è stata introdotta la legge sulle Offerte Pubbliche di Acquisto. Nel 1993, con il Testo Unico Bancario sono stati definiti i nuovi dispositivi giuridici nella prospettiva di una liberalizzazione dell attività bancaria. Infine, la nuova regolamentazione dei mercati finanziari (2005) e la più aggiornata disciplina sull attività bancaria e creditizia (2007) hanno segnato i confini giuridici all interno del quale realizzare il riassetto dell intero sistema finanziario e bancario italiano. Oggi, la struttura bancaria italiana è di nuovo mutata rispetto a quella di soli dieci anni fa, con processi di aggregazione, diversificazione, privatizzazione e maggiore esposizione alla concorrenza. Sulla scia della liberalizzazione del settore bancario sancita nel Testo Unico Bancario del 1993 si è assistito alla rimozione dei vincoli giuridici che consentono alle aziende di credito di offrire una molteplicità di servizi finanziari secondo i criteri tipici della banca universale. Nella stessa prospettiva si è assistito ad un processo di concentrazione bancario che, sfruttando le economie di scala e di costo, ha consentito la costituzione di conglomerati bancari di dimensione paragonabili a quelli internazionali. I due principali gruppi bancari italiani oggi esistenti, Unicredit e Intesa-San Paolo, sono quindi il frutto del processo di privatizzazione degli anni Novanta e diretti discendenti delle banche di interesse nazionale che nel 1936 avevano trovato attuazione nella Legge Bancaria per l ordinamento del credito. Il medesimo concetto di banca universale a cui l intermediazione creditizia italiana si è venuto assimilando negli ultimi anni non è certo privo di contraddizioni. La normativa nazionale, in linea con quella europea, ha ampliato la gamma delle funzioni esercitabili dalle banche. In questa prospettiva si è nuovamente rafforzata la relazione tra imprese e banche con l entrata diretta di queste ultime nel capitale di rischio delle imprese, seppure nel rispetto di margini prudenziali fissati dagli organi di vigilanza. Gli sviluppi recenti dell intermediazione finanziaria Non è stato solo il passaggio al modello di banca universale a cambiare radicalmente la natura della banca tradizionale, ma anche l oggetto stesso dell intermediazione bancaria. Su di esso hanno profondamente inciso l espansione e i cambiamenti del sistema finanziario a partire dalla metà degli anni Novanta, di cui le manifestazioni più evidenti sono state l aumento del grado di finanziarizzazione, la deregolamentazione, il 20

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli