FIRST CAPITAL SPA Sede legale in Milano - Viale Luigi Majno 17/A Capitale sociale Euro ,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIRST CAPITAL SPA Sede legale in Milano - Viale Luigi Majno 17/A Capitale sociale Euro 23.144.794,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di"

Transcript

1 FIRST CAPITAL SPA Sede legale in Milano - Viale Luigi Majno 17/A Capitale sociale Euro ,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Milano/C.F.: R.E.A. n BILANCIO AL 31/12/2012

2 Organi Sociali Consiglio di Amministrazione Francesco Cesarini* Renzo Torchiani Alessandro Binello Paolo La Pietra Elena Magri Vincenzo Polidoro Walter Ricciotti Mario Gabbrielli Giuseppe Distefano* Presidente Vice presidente Vice Presidente Amministratore Delegato Amministratore Amministratore Amministratore Amministratore Amministratore (*) Indipendente Collegio Sindacale Giuseppe Bernoni Walter Bonardi Nicola Miglietta Presidente Sindaco Effettivo Sindaco Effettivo Società di Revisione Deloitte & Touche S.p.A. 2

3 Relazione sulla Gestione Signori Azionisti, di seguito riportiamo una sintesi delle principali voci di Stato Patrimoniale e Conto Economico della Società redatti secondo la disciplina e i principi di cui al D.Lgs. 87/1992: STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/ /12/2011 Cassa e disponibilità Crediti verso enti creditizi Obbligazioni e altri titoli a reddito fisso Azioni quote e altri titoli a reddito variabile Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Altre attività Ratei e Risconti attivi: PASSIVO 31/12/2011 Altre passività Patrimonio Netto TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO CONTO ECONOMICO 31/12/ /12/2011 Margine di Interesse Dividendi Risultato netto da operazioni finanziarie Margine di Intermediazione Costi operativi Risultato della Gestione Operativa Imposte sul reddito d'esercizio Utile (Perdita) d'esercizio L esercizio 2012 chiude con una perdita pari a Euro , contro un utile di Euro dell anno precedente. 3

4 Considerazioni di mercato Anche nell anno appena trascorso a far da padrona sui principali mercati è stata la volatilità. Per molti mesi i mercati hanno temuto il default sul debito dei Paesi Europei eccessivamente indebitati rispetto al PIL, tra cui Spagna e Italia, e il conseguente disfacimento dell Euro. Tali timori, forse esagerati, venivano dalla temuta trappola del debito, per la quale le rigide misure fiscali adottate, deprimendo il PIL, non farebbero che impoverire il tenore di vita, senza tuttavia generare le risorse per ripagare il debito e soprattutto allungherebbero i tempi della ripresa economica. Basta ricordare a tale proposito che lo spread italiano rispetto ai bund ad inizio anno si aggirava intorno a 530 punti. Nei mesi successivi però, in maniera graduale e non priva di esitazioni, il risultato delle elezioni in Grecia, il summit a fine giugno dei Paesi UE e le dichiarazioni del Presidente della BCE circa la possibilità della BCE stessa e del Fondo Salva- Stati ESM di intervenire con l acquisto dei titoli di Stato di un paese in difficoltà, sono apparsi convincenti nei confronti dei mercati e l impervio percorso della maggiore integrazione fra i Paesi Europei sembrava esser stato intrapreso. Tale processo ha innescato una progressiva discesa dello spread dall apice di 537 punti di fine luglio fino a circa 320 punti di fine anno. Come vedremo meglio in seguito, la discesa dello spread ha innescato sul mercato borsistico italiano un significativo rialzo dopo aver toccato i minimi a fine luglio. I mercati azionari a livello di indici mondiali hanno performato piuttosto bene, con una crescita da inizio anno superiore al 10%, seppure attraverso oscillazioni di ampia portata. L indice del principale mercato internazionale, il Dow Jones, ha realizzato un guadagno di oltre il 7%, il Dax è cresciuto addirittura di circa il 18%, così pure positivi sono stati gli andamenti dei mercati azionari dei Paesi Emergenti. Tutto ciò a ennesima riprova della correlazione esistente tra le Borse e le prospettive delle rispettive economie. 4

5 Per quanto riguarda il mercato italiano, l indice FTSE All Share è passato da un livello di a inizio 2012 a a fine anno, con una crescita dell 8,4%, trainata principalmente dai settori bancari e assicurativi. Tale andamento è stato tuttavia caratterizzato da violente oscillazioni, per cui ad un primo trimestre in crescita ha fatto seguito una brusca discesa dei corsi, culminata a fine luglio in una perdita di circa il 25% dai massimi di marzo. A quel punto si è però innescato un meccanismo di rimbalzo che ha portato progressivamente l indice non solo a recuperare le perdite registrate in precedenza, ma addirittura a chiudere l anno con segno positivo. L indice FTSE Small Caps, che, come noto, rappresenta il benchmark di First Capital, ha invece nettamente sottoperformato l indice generale, con una perdita da inizio anno pari a -7,1%. Da notare che il 2012 è il secondo anno consecutivo in cui si registra questo fenomeno, contrariamente a quanto si era verificato in tutto il decennio antecedente al 2011 in cui il FTSE Small Caps aveva sempre ottenuto risultati migliori dell indice generale. Politica d investimento Come già sottolineato, la società continua a promuovere una metodologia d investimento per il mercato italiano delle Small-Mid Cap quotate, denominata tecnicamente: PIPE (Private Investment in Public Equity). L operatività consiste nel proporre alla potenziale società target un operazione di private placement: tramite un acquisto consistente di azioni proprie ai blocchi, oppure una operazione di aumento di capitale sociale riservato, con l esclusione del diritto di opzione (ai sensi dell art 2441 c.c.) e/o la sottoscrizione di obbligazioni convertibili. 5

6 Tale metodologia consente un ottimizzazione nella negoziazione del prezzo e spesso la possibilità di partecipare alla governance della società target, elemento essenziale per una gestione attiva del portafoglio e un monitoraggio attento e puntuale dell andamento delle partecipate. La strategia è quella di investire in società leader nelle loro nicchie di mercato, con un management di comprovata capacità e un piano di sviluppo sostenibile. Gli investimenti sono rivolti ad un numero limitato e selezionato di società, acquisendo tendenzialmente partecipazioni rilevanti (superiori al 2% del capitale sociale), in un orizzonte temporale di medio termine. Attualmente le Small-Mid Cap con capitalizzazione inferiore a 350 milioni di euro (target degli investimenti di First Capital S.p.A.) sono circa 140 e rappresentano numericamente circa il 50% del mercato regolamentato italiano. Durante il corso dell esercizio sono stati esaminati a fondo vari dossier e la Società è stata molto attiva nei contatti con intermediari e Small Caps quotate. La platea di potenziali target è stata ampliata anche al mercato delle società in fase di pre-ipo, nel quale si possono individuare notevoli opportunità, mantenendo lo stesso approccio attivo che contraddistingue la politica d investimento della Società finora seguita Confrontando il portafoglio titoli a fine 2012 rispetto all anno precedente si nota come sia aumentato il peso in valori assoluti e percentuali dell investimento azionario, passato da Euro 11,4 milioni di fine 2011 a Euro 14,7 milioni. Gli acquisti hanno principalmente riguardato: (i) l incremento della partecipazione in Servizi Italia, oggi superiore al 3% del capitale sociale, per mezzo dell adesione all Aumento di Capitale della società portato a termine nel mese di luglio Sono state così acquistate azioni al prezzo di Euro 2,4 per un controvalore pari a circa Euro , con una contestuale assegnazione gratuita di 6

7 warrant. Al 31/12/2012 la plusvalenza teorica registrata sulle azioni di nuova sottoscrizione risulta pari a circa Euro ; (ii) è stata arrotondata la partecipazione in B&C Speakers dal 2,26% del capitale a 2,71%; (iii) in Cembre è stata superata la soglia del 2% con un investimento di oltre Euro ; (iv) è stata incrementata la partecipazione in Bioera fino al 13,9% del capitale sociale con un investimento ulteriore di circa Euro ; (v) È stata incrementata la partecipazione in Sadi Servizi Industriali con un investimento di circa Euro (vi) è stato effettuato un significativo investimento in Reply per un controvalore di Euro 1,1 milioni; tale operazione è stata realizzata tenendo conto dei risultati estremamente positivi e dei multipli di riferimento che esprimevano una forte sottovalutazione. Per contro, abbiamo in gran parte smobilizzato il portafoglio investito in titoli di Stato ed equivalenti, passato da Euro 7,6 milioni a Euro 2,1 milioni, realizzando anche in questo caso una plusvalenza complessiva di circa Euro I depositi presso le banche, in gran parte a scadenza, ammontano a Euro 4,3 milioni, a cui si aggiunge Euro 1,5 milioni di pronti contro termine, rispetto a Euro 4,2 milioni dell esercizio precedente. Tra gli eventi rilevanti dell esercizio 2012 segnaliamo che sono state esaminate alcune operazioni straordinarie di aggregazione anche con altre società quotate. In particolare è stata effettuata un offerta di acquisire la maggioranza relativa di Cape Live tramite un aumento di capitale sociale riservato per Euro 10 milioni al termine della procedura di concordato preventivo. L offerta è 7

8 stata però declinata dal CdA di Cape Live che ha preferito chiudere il concordato senza immissione di nuove risorse finanziarie. Con rammarico segnaliamo che riguardo alla partecipata Bioera è sorto un pesante contenzioso con il socio di controllo della stessa, Biofood Italia, motivato dall opposizione di First Capital ad evidenti atti di mala gestio compiuti dagli esponenti aziendali designati dal socio di controllo sopraindicato a danno della partecipata. Nel corso del 2012 Biofood Holding ha avviato due contenziosi legali contro First Capital riguardanti la risoluzione del patto parasociale tra Biofood e First Capital stessa ed una ipotizzata diffamazione a seguito di un articolo apparso sulla stampa. First Capital, supportata dal parere dei propri legali, si ritiene assolutamente fiduciosa nel buon esito dei contenziosi in corso, per i quali i principali benefici economici sono a favore della partecipata stessa (Bioera); pertanto non è stato stanziato alcun accantonamento a bilancio. 8

9 Informazioni sulle Partecipazioni 1. Servizi Italia Servizi Italia è il principale operatore a livello nazionale nel settore dei servizi integrati rivolti alla sanità. L azienda articola le sue attività nelle aree dei servizi integrati di noleggio, lavaggio e sterilizzazione di articoli tessili e strumentario chirurgico a favore di strutture socio-assistenziali ed ospedaliere pubbliche. Il mercato di riferimento evidenzia elevate potenzialità di crescita nei comparti con più ampia marginalità (sterilizzazione biancheria e strumenti chirurgici). Gli obiettivi di sviluppo futuro che Servizi Italia si pone sono quelli di consolidare la leadership fondata sul sistema integrato di servizi (lavanolo, sterilizzazione e fornitura di kit procedurali) e, in prospettiva, sulla gestione dei poli chirurgici (infrastrutture, dispositivi medico-chirurgici, processi di approvvigionamento) attraverso una serie di azioni volte a garantire un alto livello di servizio a beneficio dei pazienti e dei cittadini fruitori di assistenza e di prestazioni sanitarie. Nel 2012 la società ha acquisito il 50% del capitale sociale di Lavsim Higienização Têxtil S.A., società brasiliana con sede nella città di São Roque, Stato di San Paolo. L operazione ha posto le basi per lo sviluppo di Servizi Italia in Brasile e ha consentito di iniziare a presidiare il mercato Brasiliano caratterizzato da tassi di crescita tra i più alti al mondo e dotato di enormi potenzialità. Inoltre, la presenza in Brasile permetterà di dare corso a una strategia di sviluppo di siti produttivi specializzati su tecnologie innovative nei servizi di lavanderia, utilizzando e valorizzando un bacino prezioso di risorse locali, nonché di sviluppare i servizi di noleggio e sterilizzazione per i quali il trend di domanda è in forte crescita. 9

10 I dati preliminari diffusi da Servizi Italia prevedono che al 31/12/2012 la società abbia registrato Ricavi pari a Euro 210,6 milioni (+7% sul 2011); Ebit pari a Euro 17,2 milioni (+69% sul 2011); Utile Netto pari a Euro 9,5 milioni (+157% sul 2011); Indebitamento Finanziario Netto pari a Euro 60,1 milioni (nel 2011 era pari a Euro 74,9 milioni). Il dividendo proposto all Assemblea è pari a euro 0,13 per azione con un dividend yield del 3,6% circa gen-09 mag-09 set-09 gen-10 mag-10 set-10 gen-11 mag-11 set-11 gen Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Member Board Partecipazione % cap. soc. 3,27% Prezzo 31/12/2012 ( ) 3,23 IRR 9,89% Cash Multiple 1,19 Volume Close 2. B&C Speakers Il gruppo B&C Speakers è stato fondato nel 1946 e rappresenta una delle realtà internazionali di riferimento per quanto concerne il settore economico della produzione e commercializzazione degli altoparlanti professionali di fascia qualitativa elevata, destinati principalmente ai produttori di sistemi audio professionali finiti (OEM). B&C Speakers è presente con i propri prodotti in oltre 70 Paesi: dall Italia all Europa Orientale ed Occidentale, per arrivare fino al Nord America, Asia, Medio Oriente e America Latina. 10

11 La produzione e l assemblaggio dei prodotti avviene interamente presso lo stabilimento produttivo italiano della Capogruppo la quale cura direttamente anche la commercializzazione e la vendita dei propri prodotti in tutte le diverse aree geografiche di attività. I dati preliminari diffusi da B&C Speakers prevedono che al 31 dicembre 2012 la società abbia realizzato Ricavi per Euro 30,7 milioni (+10,9% rispetto al 2011); Ebitda pari a Euro 7,2 milioni (+13,3% rispetto al 2011); Utile netto pari a Euro 4,1 milioni (+11,1% rispetto al 2011); Posizione Finanziaria Netta positiva pari a Euro 0,8 milioni (nel 2011 era negativa per Euro 0,5 milioni). Il dividendo proposto all Assemblea è pari a Euro 0,28 per azione con un dividend yield dell 7,1% circa. 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 gen-09 mag-09 set-09 gen-10 mag-10 set-10 gen-11 mag-11 set-11 gen Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Non Discusso Partecipazione % cap. soc. 2,71% Prezzo 31/12/2012 ( ) 3,05 IRR 9,66% Cash Multiple 1,20 Volume Close 3. Cembre Cembre sviluppa, produce e commercializza in Europa ed in Usa connettori elettrici a compressione e utensili per applicarli; offre i suoi prodotti e servizi ai grossisti, ai distributori specializzati, alle aziende operanti nel settore ferroviario e nel settore energetico. 11

12 Il know-how della connessione a compressione, l'attività di R&S, l'innovazione costante delle tecnologie di processo e di prodotto consentono a Cembre di far fronte tempestivamente alle richieste di un mercato sempre più esigente e di offrire prodotti dai più elevati standard qualitativi garantiti per affidabilità, durata e sicurezza. La ricchezza della gamma dei prodotti, la capillarità e l'efficacia della rete commerciale in Italia e all estero e l'orientamento costante alle esigenze dei clienti rappresentano i punti di forza del Gruppo e garantiscono un rilevante vantaggio competitivo in un mercato mondiale in costante evoluzione. I dati preliminari diffusi da Cembre prevedono che al 31/12/2012 la società abbia registrato Ricavi per Euro 103,9 milioni (+0,8% rispetto al 2011); Ebitda pari a Euro 20,0 milioni (-0,9% rispetto al 2011); il Risultato netto pari a Euro 11,5 milioni (+1,2% rispetto al 2011); Posizione Finanziaria Netta positiva per Euro 0,6 milioni (nel 2011 era positiva per Euro 2,3 milioni). Il dividendo proposto all Assemblea è pari a Euro 0,16 per azione con un dividend yield del 2,4% circa gen-09 mag-09 set-09 gen-10 mag-10 set-10 gen-11 mag-11 set-11 gen Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Member Board Partecipazione % cap. soc. 2,17% Prezzo 31/12/2012 ( ) 6,34 IRR 7,41% Cash Multiple 1,12 Volume Close 12

13 4. Bioera Il Gruppo Bioera è un primario operatore attivo principalmente nella produzione e distribuzione di prodotti biologici e naturali. Il Gruppo detiene inoltre partecipazioni in società attive nella distribuzione di prodotti alimentari tradizionali (non biologici) nonché nel settore dei cosmetici di derivazione naturale. Le principali società partecipate sono KI Group, che è stata pioniere dell alimentazione biologica in Italia e oggi è considerata una delle società di maggior tradizione e prestigio nel settore della distribuzione dei prodotti alimentari da agricoltura biologica al retail specializzato, e Organic Oil, attiva nella produzione e distribuzione di oli biologici e condimenti naturali per la grande distribuzione e l industria. Non essendo ancora disponibili i dati al 31/12/2012 si rende noto che Bioera al 30/09/2012 ha registrato Ricavi pari a Euro 34,3 milioni (+3,9% rispetto al 2011); Ebitda pari a Euro 3,5 milioni; Utile netto pari a Euro 2,6 milioni; Posizione Finanziaria Netta positiva per Euro 1,5 milioni (mentre nel 2011 era negativa per Euro 3,5 milioni). Anche in considerazione del fatto che il Patrimonio Netto contabile è superiore sia al valore di carico sia alla capitalizzazione di Borsa, il Patrimonio Netto per azione al 30/09/2012 è infatti pari a Euro 0,57, mentre il prezzo dell azione al 31/12/2012 è pari a Euro 0,28, si ritiene che la partecipazione in Bioera debba essere mantenuta valutata al costo pari a Euro 0,43 per azione. A dicembre 2012 è stato inoltre ceduto il 2,5% della partecipata KI Group per un controvalore di Euro , corrispondente ad una valorizzazione complessiva di KI 13

14 Group pari a Euro 30 milioni. Questo comporterebbe che Bioera, senza tener conto degli altri asset, varrebbe circa Euro 0,83 per azione. 0,75 0,7 0,65 0,6 0,55 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Non Discusso Partecipazione % cap. soc. 13,89% Prezzo 31/12/2012 0,28 IRR -31,68% Cash Multiple 0,64 Volume Chiusura 5. Elica Il Gruppo Elica, attivo nel mercato delle cappe da cucina ad uso domestico sin dagli anni '70, è oggi leader mondiale in termini di unità vendute. Vanta inoltre una posizione di leadership a livello europeo nella progettazione, produzione e commercializzazione di motori elettrici per cappe e per caldaie da riscaldamento a uso domestico. Con oltre dipendenti e una produzione annua di circa 16 milioni di pezzi tra cappe e motori, il Gruppo Elica ha una piattaforma produttiva articolata in 10 siti produttivi, 5 dei quali in Italia, 1 in Polonia, 1 in Messico, 1 in Germania, 1 in India ed 1 in Cina. Lunga esperienza nel settore, grande attenzione al design, ricercatezza dei materiali e tecnologie avanzate che garantiscono massima efficienza e riduzione dei consumi sono gli elementi che contraddistinguono il Gruppo Elica sul mercato e che hanno consentito all'azienda di rivoluzionare l'immagine tradizionale delle cappe da cucina: non più semplici accessori ma oggetti dal design unico in grado di migliorare la qualità della vita. 14

15 I dati preliminari diffusi da Elica prevedono che al 31/12/2012 abbia registrato i seguenti risultati: Ricavi pari a Euro 384,9 milioni (+1,7% rispetto al 2011); Ebitda pari a Euro 27,0 milioni (+1,6% rispetto al 2011); Risultato Netto pari a Euro 5,0 milioni (+20,3% rispetto al 2011; Indebitamento Netto pari a Euro 62,3 milioni (nel 2011 era pari a Euro 68,8 milioni). Il dividendo proposto all Assemblea è pari a Euro 0,0237 per azione con un dividend yield del 2,2% circa. Alla luce delle informazioni disponibili emerge che: - Il fatturato è in crescita (da Euro 378,4 milioni a Euro 384,9 milioni) nonostante il settore del bianco sia in una fase recessiva, soprattutto in Europa; - I risultati reddituali sono in crescita relativamente a Ebitda (da Euro 26,5 milioni a Euro 27,0 milioni), Risultato Operativo (da Euro 10,9 milioni a Euro 12,0 milioni), e Risultato Netto (da Euro 4,2 milioni a Euro 5,0 milioni); - La PFN si è ridotta passando da Euro 68,8 milioni a Euro 62,3 milioni; Anche in considerazione del fatto che il Patrimonio Netto contabile è superiore alla capitalizzazione di Borsa (il Patrimonio Netto per azione è pari a Euro 1,81 mentre il titolo quota circa Euro 1,15) e risulta superiore al valore di carico di First Capital, pari a Euro 1,6 per azione, si ritiene che la partecipazione possa essere mantenuta al costo di acquisto. 2,5 2 1,5 1 0, Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Member Board Partecipazione % cap. soc. 3,28% Prezzo 31/12/2012 ( ) 1,00 IRR -22,41% Cash Multiple 0,63 0 gen-09 mag-09 set-09 gen-10 mag-10 set-10 gen-11 mag-11 set-11 gen-12 0 Volumi Chiusura 15

16 6. Nice L'attività di Nice consiste nella progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi per l'home Automation, integrabili tra di loro e che consentono l'automazione di cancelli, porte da garage, barriere stradali, tende, tapparelle e solar screen per edifici residenziali, commerciali e industriali, tutti con un elevato livello di innovazione tecnologica, design ricercato ed ergonomia. Dal 2008 il Gruppo ha ampliato la sua gamma di prodotti entrando anche nel settore dei sistemi di allarme wireless e nel segmento dei sistemi di automazione per portoni e serrande a uso industriale. Nice si basa su un modello di business unico, caratterizzato, da un lato, dalla centralizzazione delle attività di ricerca&sviluppo, design (svolto in collaborazione con una società terza), controllo qualità, logistica e distribuzione e, dall'altro, dall'esternalizzazione completa della fase produttiva, affidata a terzisti qualificati. Si coniuga così flessibilità produttiva ed efficienza nella struttura dei costi con un elevato livello qualitativo e un controllo diretto delle attività considerate più strategiche come la progettazione e l'innovazione tecnologica. I dati preliminari diffusi da Nice prevedono che al 31/12/2012 abbia registrato i seguenti risultati: Ricavi per Euro 274,8 milioni (+19,9% rispetto al 2011); Ebitda pari a Euro 53,6 milioni (+10,5 % rispetto 2011); Risultato netto pari a Euro 27,2 milioni (-11,1% rispetto al 2011); Posizione Finanziaria Netta positiva per Euro 3,4 milioni (nel 2011 era costituita da indebitamento per Euro 16,3 milioni). Il dividendo proposto all Assemblea è pari a Euro 0,075 per azione con un dividend yield del 2,7% circa. 16

17 3,6 3,4 3,2 3 2,8 2,6 2,4 2,2 2 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Non Discusso Partecipazione % cap. soc. 0,33% Prezzo 31/12/2012 ( ) 2,63 IRR -3,93% Cash Multiple 0,95 Volume Chiusura 7. Sadi Servizi Industriali Il Gruppo Sadi Servizi Industriali S.p.A. rappresenta uno dei principali operatori integrati nel settore delle bonifiche ambientali, della gestione dei rifiuti industriali in Italia ed opera nei settori di bonifiche ambientali, trattamento e smaltimento rifiuti industriali, produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed ingegneria ambientale. Il Gruppo copre l intera catena del valore nell ambito della gestione integrata del ciclo dei rifiuti (logistica, trasporto, intermediazione, trattamento e smaltimento rifiuti, bonifiche ambientali, progettazione, monitoraggio e auditing ambientale). Non essendo ancora disponibili i dati al 31/12/2012 si rende noto che Sadi Servizi Industriali al 30/09/2012 ha registrato Ricavi per Euro 52,8 milioni (-10,5% rispetto al 30/09/2011); Ebitda pari a Euro 5,0 milioni (-53,7 % rispetto al 30/09/2011); Risultato netto pari a Euro -1,8 milioni (-147,6% rispetto al 30/09/2011); Indebitamento Netto per Euro circa 17,1 milioni (nel 2011 era pari a Euro 19,9 milioni). 17

18 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0,1 set-09 gen-10 mag-10 set-10 gen-11 mag-11 set-11 gen-12 mag-12 set-12 gen Migliaia Investimento First Capital Presidio Societario Non Discusso Partecipazione % cap. soc. 1,75% Prezzo 31/12/2012 ( ) 0,25 IRR -23,47% Cash Multiple 0,78 Volume Chiusura Commento sull andamento economico I ricavi operativi complessivi ammontano a Euro (Euro nel 2011) e sono rappresentati principalmente per Euro da interessi attivi (Euro nel 2011), Euro da dividendi (Euro nel 2011) e Euro da profitti su operazioni finanziarie (Euro nel 2011). Le perdite da operazioni finanziarie ammontano a Euro (Euro nel 2011), imputabili alla svalutazione di titoli non immobilizzati (Euro ) e a minusvalenze sulla cessione di titoli (Euro ). Il calo dei ricavi è in parte imputabile a politiche più restrittive sui dividendi attuate dalle partecipate e al calo generale dei tassi di interesse, ma soprattutto al fatto che il 2011 aveva beneficiato di una plusvalenza sulla vendita della partecipazione in Piquadro per oltre Euro 1 milione. I costi di struttura sono rimasti sostanzialmente stabili a Euro contro Euro del 2011, nonostante i maggiori costi di consulenza legale dovuti principalmente all assistenza per le già ricordate vicende della partecipata Bioera. Le voci principali di costo hanno riguardato i compensi per gli organi sociali e del personale, pari a Euro , rispetto a Euro del 2011, e altre spese amministrative, passate da Euro 18

19 nel 2011 a Euro nel Fra queste l onere principale è rappresentato dalle consulenze esterne (legali e notarili Euro , professionali Euro , revisore legale Euro , fiscale e contabile Euro ). Le rettifiche di valore sulle immobilizzazioni sono pari a Euro e sono rappresentate principalmente dagli ammortamenti dei costi di impianto ed ampliamento sorti a seguito del processo di IPO. La Società ha ritenuto opportuno avvalersi della facoltà prevista dall art. 15, comma 13 del D.L. 185 del 29 novembre 2008, convertito in Legge n. 2 del 28 gennaio Le previsioni dell art. 15 comma 13 sono state prorogate per gli esercizi 2010 e 2011 dal Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 27 luglio 2011, e per il 2012 dal Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 18 Dicembre 2012, come meglio specificato nella Parte A della Nota Integrativa. Nel caso in cui la Società non avesse adottato tale opzione avrebbe iscritto minusvalenze totali per Euro Si rimanda alla nota informativa per quanto concerne il dettaglio delle principali voci di ricavi e costi. Eventi successivi alla data di riferimento del Bilancio In generale gli indici delle principali Borse internazionali hanno registrato un andamento positivo con Wall Street che si è avvicinata al record storico dopo una performance di circa +10% da inizio anno. Alla data della presente Relazione, l indice FTSE All Share è invece in lieve calo (- 1%) in quanto l esito delle elezioni politiche italiane ha completamente annullato la crescita di circa il 6% che si registrava fino ai primi giorni di febbraio. 19

20 L indice FTSE Small Caps, con un grafico di andamento analogo a quello dell indice sopra ricordato, presenta ad oggi un lieve progresso (+2,6%). Il portafoglio titoli azionari First Capital è rimasto invariato come quantitativo di azioni, ad eccezione dello smobilizzo della partecipazione in Reply, che ha comportato il realizzo di una plusvalenza di circa Euro L andamento del portafoglio è cresciuto di circa Euro 0,5 milioni, a seguito della ripresa dei prezzi di Borsa di tutte le partecipate (con un incremento medio del 4,2%). Il portafoglio titoli obbligazionari è rimasto sostanzialmente inalterato, mentre è cresciuta di circa Euro 1,5 milioni la liquidità depositata presso istituti di credito. Fra gli eventi particolari da segnalare, evidenziamo che è stata avviata presso il Tribunale di Milano l azione di responsabilità nei confronti di alcuni Amministratori di Bioera, a causa degli atti di mala gestio compiuti nei confronti di detta società ad esclusivo vantaggio del socio di maggioranza. Come già accennato nella Relazione del Bilancio 2011, la Società sta esaminando nuovi dossier relativi a società in pre-ipo, anche con ricorso a strumenti ibridi di partecipazione. Azioni proprie Non sono detenute in portafoglio, né sono state acquistate o alienate nell esercizio azioni proprie. Rapporti con imprese controllate, e/o controllanti Non sono presenti rapporti con imprese controllate, e/o controllanti. 20

21

22 FIRST CAPITAL SPA Sede legale in Milano - Viale Luigi Majno 17/A Capitale sociale Euro ,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Milano/C.F.: R.E.A. n (IMPORTI IN EURO) ATTIVO 31/12/ /12/ Cassa e disponibilità Crediti verso enti creditizi: a) a vista b) altri crediti Crediti verso enti finanziari: - - a) a vista - - b) altri crediti Crediti verso clientela Obbligazioni e altri titoli a reddito fisso: a) di emittentii pubblici b) di enti creditizi - - c) di enti finanziari - - di cui: - titoli propri d) di altri emittenti Azioni, quote e altri titoli a reddito variabile Partecipazioni Partecipazioni in imprese del gruppo Immobilizzazioni Immateriali di cui - costi di impianto - avviamento 100 Immobilizzazioni materiali Capitale sottoscritto non versato - - di cui: - capitale richiamato 120 Azioni o quote proprie Altre attività Ratei e Risconti Attivi: a) ratei attivi b) risconti attivi TOTALE DELL'ATTIVO

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli