Storia di un Fisico Medico (al servizio di un Servizio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia di un Fisico Medico (al servizio di un Servizio)"

Transcript

1 Storia di un Fisico Medico (al servizio di un Servizio) Al Servizio di Fisica Sanitaria dell'ospedale Cà Granda- Niguarda di Milano Sono di padre milanese, mamma bergamasca e sono nato nel paesino di Morgex, in provincia di Aosta, il 19 febbraio dell'anno Durante il periodo universitario ho goduto di una borsa di studio presso il collegio Ghislieri di Pavia. Mi sono laureato nel 1967 in Fisica Teorica, con il massimo dei voti. Dopo un anno di specializzazione con borsa di studio del CNR, ho assolto agli obblighi militari. Conseguita l'abilitazione all'insegnamento della Fisica, sono stato nominato Professore a tempo indeterminato della Scuola tecnica per periti, Istituto Saint Denis, di Sesto San Giovanni (MI). In questo periodo ho proseguito nella docenza universitaria, insegnando esercitazioni di Fisica Sperimentale II presso il Politecnico di Milano. Abbastanza casualmente sono venuto a conoscenza dell'esistenza di una branca della Fisica applicata alla Medicina. Mi è sembrato un settore nuovo e con grandi potenzialità. Mi sono subito iscritto al severo corso di Tecniche di Fisica Sanitaria presso l'istituto Enrico Fermi del Politecnico di Milano (allora non esistevano le scuole di Specializzazione universitarie in Fisica Medica). Nel contempo avevo iniziato a frequentare l'ospedale Cà Granda-Niguarda di Milano, presso cui era attivo uno dei primi servizi di Fisica Sanitaria italiani, diretto dal Prof. Tosi. Ho lavorato presso questo servizio dal 1972 al 1984, prima come Assistente poi come Coadiutore. Siamo ai primordi della Radioterapia Oncologica e il nostro Centro, uno dei più avanzati, disponeva di una Telecobaltoterapia e di un Betatrone da 43 MeV, con emissione di fasci di fotoni ed elettroni. Un piano di trattamento radioterapico negli anni '70 e la nascita della TAC Viene da sorridere, ma per effettuare allora un piano di trattamento radioterapico si procedeva all'incirca così: con un pantografo, si derivava su un foglio millimetrato il profilo assiale del paziente da trattare, a livello del piano di maggior interesse; poi, basandosi su atlanti anatomici e immagini radiografiche, si delineavano a mano entro questo contorno, gli organi interni del paziente (da rispettare) ed il bersaglio tumorale (da irradiare). In base al quadro clinico e all'esperienza, si sceglieva il numero, la direzione di incidenza e le dimensioni dei campi radianti. Con l'impiego di carte semitrasparenti contenenti le "curve di isodose" per le dimensioni dei campi scelte, si tracciavano sul foglio millimetrato le principali isodosi. Sommando i valori di dose corrispondenti all'intersezione delle isodosi relative ai campi di radiazione prescelti, si otteneva un nuovo insieme di punti che rappresentavano le isodosi, somma dei campi corrispondenti. Queste isodosi dovevano racchiudere con i valori più elevati la regione da trattare e risparmiare gli organi sani. Immaginate un po' come si

2 poteva pensare di "ottimizzare" (cioè ripetere più volte il calcolo) di un piano di trattamento ottenuto con tanta fatica! Roba da impazzire. Credo di aver resistito poche volte a seguire questa procedura. Poi, usando un computer del CED (IBM a schede perforate) per uso amministrativo, mi sono dedicato alla creazione di un programma informatizzato, che riducesse il carico di lavoro manuale. Questo programma, uno dei primi in Italia, è stato in uso quotidiano per poco meno di 10 anni. Fui testimone della rivoluzione in questo campo all'inizio degli anni 80, con l'introduzione della TAC, primo esempio di immagine numerica digitale, direttamente in sezione assiale. Non a caso uno dei due inventori, Allan Cormack, premio Nobel per la Medicina nel 1979 con l'ingegnere Godfrey Hounsfield, era un Fisico Sanitario che si era stancato, credo, di prendere i profili con un pantografo e di impiegare informazioni anatomiche così approssimative! La TAC era destinata naturalmente a rivoluzionare dal profondo la Medicina e in particolare la Radiologia e la Radioterapia. Al riguardo ricordo un aneddoto divertente. Il dott. Tosi era stato invitato dalla Ditta Costruttrice della TAC (EMI) al Saint Mary Hospital di Londra a vedere una delle prime apparecchiature in uso clinico. Al suo ritorno si tenne immediatamente una riunione con i Radiologi. Tosi, eccitatissimo, spiegò i principi fisici di questa nuova apparecchiatura con ricchezza di particolari. Al termine della riunione uno dei due Primari di Radiologia, in mia presenza, prese Tosi a braccetto, e, battendogli amichevolmente una mano sulla spalla disse (con aria profetica): "Vedi Piero, questi aggeggi serviranno al massimo per far divertire i Fisici, ma non avranno mai alcuna utilità nella Diagnostica Radiologica...!" Lo spirito dei "Saggi di Salamanca" aveva colpito ancora! La Radioprotezione e la valutazione delle apparecchiature Altra attività di primaria importanza era, naturalmente, la Radioprotezione, di cui strumento fondamentale era (ed è ancor oggi) la dosimetria individuale. Ogni lavoratore esposto alle radiazioni indossa, infatti, un dosimetro, costituito allora da un astuccio contenente filtri di diversi materiali e due piccole pellicole radiografiche di tipo industriale. Al termine del periodo di esposizione (da uno a tre mesi) i dosimetri venivano raccolti e le pellicole sviluppate. La semplice visualizzazione dell'immagine dei filtri sulla pellicola forniva molte informazioni sulla modalità dell'esposizione, ma il calcolo preciso della dose si presentava complesso, sia per la non linearità dell'annerimento della pellicola rispetto all'entità della radiazione assorbita, sia per la dipendenza della risposta della pellicola dall'energia del fascio radiante. Errori di calcolo assai gravi si potevano commettere nei "campi misti" di radiazione, presenti, in particolare, in Medicina Nucleare, dove si mescolano contributi di dose provenienti da isotopi differenti. Grazie all'applicazione di un modello matematico appropriato, sviluppai un programma di calcolo automatico. Anche se la dosimetria basata sul principio fotografico è stata, per lo più, sostituita da quella che impiega il principio della "termoluminescenza", ancor oggi, diversi ospedali ed altri centri impiegano il programma da me sviluppato quasi quarant'anni fa! Un'altra attività per cui l'attività del Fisico Sanitario si rivelava preziosa (e che diventava progressivamente più onerosa) era il controllo periodico della qualità delle immagini fornite dalle apparecchiature radiologiche. Tra l'altro,tac e Gamma camere avevano cominciato a sfornare immagini digitali ed il loro controllo, trattandosi di numeri,

3 risultava più agevole. Tuttavia questo controllo si rivelava insufficiente se, di partenza, l'apparecchiatura era di scarsa qualità. Occorreva dunque risalire alla teoria della formazione delle immagini, individuando i parametri fondamentali che ne caratterizzano la qualità (quali la risoluzione spaziale, il rumore, la sensibilità, ecc...). La letteratura anglosassone (tramite principalmente le riviste Medical Physics e Physics in Medicine e Biology) aveva fatto molti passi avanti in questa direzione. Per verificare quello che avevamo imparato, in occasione di una "gara" di TAC, affrontammo lo studio comparato delle varie "generazioni" di apparecchiature allora presenti sul mercato. Questo faticosissimo lavoro ci fruttò la soddisfazione di una delle prime pubblicazioni italiane sulla rivista "Medical Physics". Un amore a prima vista: la Risonanza Magnetica Verso la fine del mio periodo lavorativo all'ospedale di Niguarda (inizio anni '80) ho avuto la fortuna di veder nascere la Risonanza Magnetica Nucleare, una metodica di Imaging Radiologico del tutto nuova e non più basata su radiazioni ionizzanti. Quello che più stupiva, era, da un lato, la straordinaria qualità delle immagini, (che uguagliavano talvolta quelle degli atlanti anatomici!), dall'altro, l'estrema varietà di modi di "interrogazione" degli spin, cui corrispondevano tipologie di immagine del tutto diverse e che fornivano spesso informazioni diagnostiche complementari. Mi "innamorai" immediatamente di questa metodica ed ebbi l'occasione di visitare alcuni dei centri più avanzati del settore sia in Inghilterra che negli Stati Uniti, entrando in contatto diretto con alcuni degli ideatori della metodica e premi Nobel per la Medicina (P. Lauterbur e P. Mansfield). Diversamente dalla TAC, che era nata in Radiologia, la Risonanza Magnetica aveva alle spalle quarant'anni di applicazioni in Fisica e poi in Chimica, campo quest'ultimo in cui le tecniche spettroscopiche avevano dato un contributo decisivo. Molte di queste tecniche potevano essere trasferite al campo dell'imaging radiologico. Ricordo con particolare piacere il primo lavoro di spettroscopia MR applicata a reperti operatori di mammella, effettuato in collaborazione con la Prof.ssa Bradamante dell'istituto di Chimica dell'università di Milano. Già nell'83, avevamo evidenziato anomalie dello spettro, connesse con la presenza di tessuto neoplastico. Oggi, grazie all'aumento dei campi magnetici, queste tecniche consentono un esame spettroscopico "in vivo". Ma, anche oggi a distanza di quarant'anni, la Risonanza Magnetica non smette di stupire offrendo alla Medicina sviluppi sempre nuovi (si pensi alla "Diffusion Spectrum o allo "Spin labeling"). La Fisica Sanitaria negli anni '80 Intanto, in questi 13 anni, il Servizio di Fisica Sanitaria dell'ospedale di Niguarda era cresciuto e includeva orma tre Fisici, tre Periti ed una Segretaria. Anche la nostra disciplina si era diffusa nei principali ospedali del Nord e del Centro Italia, con qualche propaggine al Sud. Nella seconda metà degli anni '70, con due amici e colleghi (Dott. Guido Pedroli e Ugo Cerchiari) avevo fondato la prima rivista italiana di Fisica Medica (oggi la nostra Associazione possiede ben due riviste con caratteristiche diverse). Soprattutto, presso diverse Università erano state assegnate cattedre di Fisica Medica ed in diverse sedi si erano organizzate Scuole di Specializzazione, tra cui a Milano, scuola presso la quale ho insegnato per diversi anni. La presenza di queste scuole e la necessità per i giovani studenti di svolgere un tirocinio in ambito ospedaliero, permise ai Servizi di

4 ospitare giovani specializzandi e, nel contempo, di stabilire rapporti più stretti con le Università. Interscambio di importanza fondamentale sia per stimolare l'accrescimento culturale della disciplina sia per offrire nuove opportunità di lavoro ai giovani, inserendoli nei Servizi che si andavano costituendo, sotto la spinta della nuova tecnologia che, progressivamente, diventava strumento di diagnosi e cura. Da questa esperienza mi restano nel profondo la grande professionalità del mio Direttore, Gianpiero Tosi, vero "Fisico Medico", per molti tratti esempio non facile da imitare. E, soprattutto, la soddisfazione di aver contribuito alla formazione di personalità come Alberto Torresin e, per un tempo più limitato, di Paola Colombo. Ma non posso dimenticare la profonda amicizia con tutti i componenti del Servizio e con il Dott. Manlio Del Corona, uno dei miei cari amici milanesi di più lunga data. Un ricordo speciale al povero dott. Mario Granata, una persona cara che sento spesso a me vicina. A Reggio Emilia Due i motivi principali per la decisione. Primo: a metà degli anni 80, il Dott. Tosi doveva trasferirsi dall'ospedale Cà Granda all'ospedale Maggiore di Milano, lasciando (possibilmente a me) il posto di direttore, ma, per motivi a me ignoti, era rimasto al sul suo posto, prolungando così "sine die" la mia posizione di vice. Secondo: ero venuto a conoscenza di un possibile concorso per Direttore Fisico all'ospedale di Reggio Emilia. La costituzione di un nuovo Servizio autonomo era collegata con un progetto di ampliamento dell'ospedale, che prevedeva diverse fasi. Nella prima erano previsti nuovi reparti di Radioterapia e Medicina Nucleare. Costruire un Servizio di Fisica Sanitaria dalle fondamenta, così come lo volevo, mi sembrava una sfida da accettare. In realtà fu molto di più che l'edificazione di un singolo Reparto: a cominciare da una revisione globale dei progetti dei reparti di Radioterapia e, in misura minore, di Medicina Nucleare. Questo lavoro permise non solo di avere due Reparti allo "stato dell'arte" ma di ricavare nel seminterrato della palazzina un'area assai vasta per gli sviluppi futuri, che sarebbero stati la Sezione di Risonanza Magnetica e quella del Ciclotrone. Non mancavano naturalmente i problemi specifici della Fisica Sanitaria (a cominciare dalla Sede, il Personale, i Rapporti con gli altri Reparti, la Ricerca, ecc...) La mia esperienza precedente all'ospedale di Niguarda si rivelò, comunque, di grande utilità perché molti erano i problemi già affrontati nella "vita" precedente. Lo "spirito" del servizio Come Direttore devo dire con sincerità che sono stato davvero fortunato: ho avuto con me sempre persone di grande statura sia dal punto di vista del carattere che della preparazione. Ma c'è forse qualche cosa in più che ha reso il nostro Servizio in qualche modo speciale. Il fatto di essere un Servizio nuovo, in fase di progressiva espansione man mano che la "Medicina del futuro" entrava dall'ospedale. Un luogo ove ciascuno poteva godere di una considerevole "libertà di pensiero" e, nel suo settore, diventare in breve tempo un vero esperto, una persona di riferimento. Credo che questo sia stato il cemento che ha portato il Servizio a crescere nel tempo e a diventare uno strumento di primo piano nell'ambito dell'ospedale e del suo progressivo rinnovamento.

5 Misurare le ombre e la gara per le pellicole radiografiche I buoni rapporti con l'economato, fecero sì che molto presto il Servizio di Fisica si trovò coinvolto in una delle questioni più spinose della realtà ospedaliera dei primi anni 90: il capitolato per la gara del materiale radiografico: pellicole, schermi di rinforzo, sviluppatrici. La spesa per questi materiali, peraltro indispensabili, era notevole e, per un ospedale di circa 1000 posti letto dell'ordine di 1 miliardo delle vecchie lire all'anno. Il problema principale era quello di impostare correttamente la bilancia qualitàprezzo. Mentre, infatti, sul prezzo, oltre a chiedere congrui sconti, poco si poteva fare, l'aspetto della valutazione della qualità, effettuato abitualmente "ad occhio" dai Radiologi, lasciava adito nel mondo economale-amministrativo a non poche perplessità. Nel nostro ospedale, ad esempio, erano presenti, come si è detto, due servizi di radiologia e il giudizio di qualità dei prodotti delle ditte concorrenti era generalmente diverso tra i due primari. Occorreva dunque cercare di ancorare il giudizio di qualità a criteri oggettivi. Non che, a livello fisico, non fossero ben noti dalla teoria i parametri fondamentali da valutare (risoluzione spaziale, rumore, curva di risposta, incluso il contrasto e la sensibilità) ma esistevano diversi problemi al riguardo. In primo luogo, la strumentazione richiesta per la misura della risoluzione e del rumore (micro densitometro) era molto costosa (più di 300 milioni delle vecchie lire) e in Italia ne esisteva un solo esemplare, presso una delle Ditte concorrenti (peraltro sempre disponibile a metterlo a disposizione per interconfronti). In secondo luogo, anche ammesso di valutare con strumenti fisici e non "ad occhio" la qualità del materiale, come si potevano combinare tra loro i vari parametri per ottenere un giudizio complessivo di quello che era "il livello tecnologico" del prodotto? (un sistema, ad esempio poteva avere una risoluzione più alta a scapito di un rumore anch'esso più elevato). Esistevano inoltre materiali per usi diversi (oltre all'uso generale, quello mammografico, le pellicole per gli arti, eccetera ). Per fortuna dei Fisici (e degli Ospedali) erano usciti sul mercato già da qualche anno le nuove telecamere a CCD, che fornivano un'immagine digitale. Con un'ottica opportuna, uno stativo verticale, un negatoscopio (e talvolta anche un microscopio) non fu difficile assemblare con pochi soldi uno strumento con cui valutare direttamente la risoluzione spaziale (con immagini di oggetti test) e il rumore (su un campo irradiato uniformemente). La Curva Caratteristica e la Sensibilità erano relativamente facili da misurare in modo diretto. Basandosi poi sui principi generali, non fu difficile sviluppare una "indice sintetico" che poteva ben esprimere il "livello tecnologico" del materiale. Questo parametro poteva ragionevolmente essere "pesato" rispetto il prezzo. Fu una vera rivoluzione: lo strumento e la metodologia di valutazione si diffusero rapidamente nei Servizi di Fisica di molti centri italiani e il capitolato di Reggio Emilia diventò la base di un capitolato regionale, frutto di incontro (e sconto!) tra Fisici e Radiologi dell'intera Emilia-Romagna.Ma quel capitolato diventò quello di riferimento per l'intera Regione. Non furono solo rose: una multinazionale che si riteneva penalizzata dalla formula inviò nel mio studio un suo emissario (taglia 1.90, cicatrice sul volto, vestito a righe e occhiali scuri) a farmi esplicite minacce se non avessi rinunciato alla diabolica formula.

6 Ma non erano quelli i tempi giusti per queste "bravate". Non molto dopo, venni a sapere che il tipo era incappato in "Mani Pulite" e si era guadagnato una giusta condanna per irregolarità durante una gara di pellicole. Forti dell'esperienza fatta, lanciammo tra Fisici Sanitari italiani l'idea di un gruppo di lavoro sulla "standardizzazione delle misure di qualità dei sistemi schermo-pellicola": credo che fu uno dei primi gruppi della nostra Associazione. Il fatto di aver creato uno strumento di valutazione oggettiva rese le gare un po' meno prevedibili (soprattutto all'uscita sul mercato di prodotti nuovi) e indusse le Ditte ad una maggiore competizione (l'abitudine era infatti quella di "spartirsi il mercato"), consentendo ad Economi illuminati acquisti con sconti nettamente più elevati. Ricordo che noi acquistavamo questi prodotti con sconti superiori al 55% del prezzo di listino. Restai davvero male quando un mio collega del Sud mi disse che, con grande fatica, erano riusciti ad acquistare gli stessi prodotti con uno sconto del 25%... Quello che avevamo imparato in questo campo si rivelò poi di primaria importanza quando, alcuni anni dopo, si pose il problema della valutazione comparata delle apparecchiature digitali che stavano cominciando a sostituire i sistemi tradizionali schermo-pellicola. Il sogno dell'informatizzazione e un servizio senza capo Con la riforma Ministeriale degli ospedali dell'inizio anni '90, i Direttori Generali diventavano di nomina regionale e dovevano avere avuto una formazione specifica che includesse un'esperienza aziendale. Arrivò da noi il dottor Maurizio Guizzardi, preceduto dalla fama di uomo intelligente, con grande esperienza nel suo campo, ma dal carattere assai difficile e con fama di essere un risoluto "tagliatore di teste". Innovazioni profonde vennero introdotte a quell'epoca, a partire dal "budget aziendale", che per lunghissimi anni il nostro ospedale mantenne orgogliosamente in pareggio. Durante uno dei primi incontri collegiali dei primari si discuteva della strana connotazione dell'arcispedale, che era stato da sempre un Ente indipendente, pur senza la connotazione di Policlinico Universitario. Con l'idea di dare un contributo ed evitare una possibile marginalizzazione del Servizio di Fisica, proposi che il nostro ospedale diventasse una specie di laboratorio di sperimentazione delle tecnologie più avanzate in campo sanitario (a cominciare con l'informatica!), da diffondere, se i risultati fossero stati positivi, agli altri ospedali della Regione. Avevo toccato un nervo scoperto e qualche giorno dopo mi trovai a dover impostare, con un giovane e brillante ingegnere informatico (Ing. Sergio Bronzoni) il progetto di informatizzazione dell'arcispedale. Anche se ero un appassionato utilizzatore di computer, informatizzare un intero ospedale è un qualcosa di completamente diverso, un compito da "far tremare le vene ai polsi". Cominciammo subito con un buon risultato nell'informatizzazione del Laboratorio Analisi, che aveva già al Suo interno un Medico esperto di informatica di laboratorio. In quello stesso periodo facemmo una prima serie di visite ad altri ospedali per capire qual era la via migliore per l'informatizzazione ospedaliera. Ricavammo l'impressione di una grande eterogeneità di soluzioni, spesso dovute alle forti e indebite interferenze da parte dell'alta dirigenza ospedaliera nel settore dell'informatica. Lo scenario ospedaliero provinciale doveva bruscamente mutare nel 1995, quando la Regione decise di riunire in un unico ente (AUSL) l'arcispedale ed i cinque presidi

7 ospedalieri della provincia. Il Direttore mi chiese allora di prendere in mano tutta l'informatica provinciale. Il Responsabile del centro lasciava infatti il nostro Ente per dedicarsi ad attività privata. Se prima mi sentivo inadeguato, ora il mio livello di incompetenza era totale. La paura di un qualche riflesso negativo sul Servizio di Fisica e l'incoscienza mi spinsero nuovamente ad accettare la proposta. Il panorama dell'informatica della nostra Provincia si presentava davvero deprimente: ogni ospedale aveva sì provveduto a dotarsi di un qualche strumento informatico (generalmente per gestire il laboratorio analisi, in ambito ospedaliero e gli aspetti amministrativo-economali, in ambito amministrativo), ma il livello e la tipologia delle soluzioni erano le più disparate. A Reggio, poi, era stato commesso l'errore più grave, acquistando un costoso "mainframe" IBM, che non era compatibile con i nuovi sistemi operativi UNIX e DOS- Windows, che si stavano diffondendo come nuovi standard. Ricordo con orrore il progetto del CUP dell'arcispedale che prevedeva l'impiego del mainframe di Parma che avremmo dovuto ampliare a nostre spese... (dopo averne comprato uno simile anche noi!). Dovendo procedere a marce forzate, si assunse una filosofia assai spiccia: puntare sulle persone più valide, sugli standard riconosciuti a livello di sistemi operativi ed infine generalizzare a tutta la provincia le soluzioni di maggior qualità già presenti in qualche realtà ospedaliera. Gli applicativi relativi al personale, paghe e stipendi, economato, controllo di gestione, CUP furono via messi in funzione, come soluzioni unitarie per tutta la provincia. Fu un lavoro massacrante per tutti. Quando, un paio di anni dopo, si cominciò a parlare di scorporo dell'arcispedale dalla AUSL, la situazione era già un po' migliorata e si poté impiegare per il nostro ospedale (su basi dati differenti) gli stessi programmi che erano già stati implementati in ambito provinciale. Da un unico servizio di informatica si passò senza traumi a due servizi: uno per l'arcispedale l'altro per la AUSL. Adesso occorreva per noi procedere a tappe forzate all'informatizzazione dell'arcispedale. Due erano i problemi fondamentali: la rete ospedaliera e la scelta di un applicativo che "vestisse l'ospedale" da un punto di vista delle applicazioni sanitarie. Arrivando al mattino all'ospedale mi immaginavo, sognando ad occhi aperti, che ogni attività clinica, ogni contatto con i pazienti, ogni referto, fosse registrato per via informatica, e che ogni scrivania dell'ospedale avesse su di sé un personal computer! Il primo passo era, ovviamente, l'informatizzazione del Pronto Soccorso, la più complessa via di accesso all'ospedale. Non dimenticherò mai il lavoro fatto con noi dal Primario del Pronto Soccorso e dalla sua Caposala per correggere le lacune del programma e "personalizzarlo" alle complesse esigenze del nostro ospedale. Alla fine, con l'informatizzazione del Pronto Soccorso il passo più difficile era compiuto: mai più avrei visto uscire dall'ospedale dei poveri pazienti con quegli orribili foglietti scritti a mano, del tutto illeggibili ai comuni mortali e, spesso, anche i colleghi Medici cui erano destinati! Restava, ahimè, da informatizzare tutto resto dell'ospedale...ma anche una lunga marcia comincia con un piccolo passo (ma tanto faticoso!). Una nota: presso l'arcispedale non c'era alcun spazio per il Servizio di Informatica così questo Servizio trovò posto nel seminterrato della Fisica. Secondo quanto assicurato dall'amministrazione doveva essere una soluzione del tutto temporanea. Durò infatti circa 10 anni! Se la Fisica perse la sala incontri e i locali adiacenti, guadagnò la vicinanza dei

8 colleghi del Servizio di Informatica. E da questa vicinanza, si crearono rapporti di amicizia e collaborazione che durano anche oggi. Non solo, ma diversi obiettivi di informatica ospedaliera trassero grande vantaggio da questa vicinanza. Me ne vengono in mente almeno due: la difficile informatizzazione della Radioterapia e la costruzione del sistema di gestione delle immagini ospedaliere (PACS). Purtroppo, questa corsa, piena di ansia, su due fronti, quello della Fisica e quello dell'informatica mi portò un danno fisico tangibile. Da allora, soffro infatti di un dolore pelvico cronico che non smette di perseguitarmi! Il Direttore Generale, oltre ad aver sottratto alla Fisica il suo capo (per almeno metà del tempo) aveva progettato anche un altro colpo magistrale: attraverso il subdolo meccanismo dei "gruppi di lavoro" aveva individuato nel Coadiutore del SFS, dottor Pierpaolo Ferretti, il possibile responsabile dell'erigendo Servizio di Tecnologie Biomediche (Ingegneria Clinica). Molto rapidamente l'attività di Ferretti per la Fisica si ridusse a zero e la Sua stanza, adiacente alla mia, divenne il primo nucleo del nuovo servizio, destinato poi ad accrescersi e ad espandersi in sedi più idonee. Il Dipartimento Tecnologico Scientifico e l'organizzazione del Servizio di Fisica Sanitaria (ora denominato Servizio di Fisica Medica) Questi stretti legami tra Fisica Sanitaria, Informatica e Tecnologie Biomediche fecero nascere l'dea di costituire un Dipartimento Tecnologico Scientifico che, preservando l'autonomia dei singoli reparti, costituisse uno strumento di integrazione e di spinta verso una più rapida ed efficace introduzione dell'innovazione tecnologica nell'arcispedale e, più in generale nella Provincia. Per quasi un decennio, fino al mio collocamento a riposo nel 2009, ho diretto questa nuova struttura. Un segno di questo lavoro di organizzazione ed innovazione rimane nel titolo dell'irccs di cui oggi si fregia l'arcispedale (Tecnologie avanzate e percorsi assistenziali in Oncologia). Alcuni punti nodali di questo progresso tecnologico furono: lo sviluppo della Radioterapia con l'impiego di tecniche avanzate. Grazie in particolare al Dott. Mauro Iori (ora direttore del Servizio), alla Dott.ssa Paiusco (ora Direttrice del Servizio di Fisica Sanitaria dell'istituto Oncologico Veneto), alla Dott.ssa Cagni ed ai bravissimi Tecnici della Fisica e Radioterapia fummo, tra l'altro, il primo Centro in Italia ad applicare tecniche di IMRT; lo sviluppo della Radiodiagnostica, con l'introduzione di sistemi digitali di acquisizione e gestione di immagini Radiologiche a livello Provinciale. E questo grazie in primo luogo al Dott. Andrea Nitrosi (che dirige la Struttura semplice di Fisica in Radiodiagnostica) ed ai giovani del Suo gruppo. Questo lavoro è stato recentemente completato con un progetto pionieristico di digitalizzazione dell'intero percorso mammografico provinciale; il progresso nelle tecniche di Medicina Nucleare, con l'introduzione di una delle prime PET/CT in Italia e di un Ciclotrone. Senza dimenticare lavoro di Valutazione della dose interna da Radioisotopi impiegati in Diagnostica e Terapia. Il Gruppo di Fisica in Medicina Nucleare (ora Struttura Semplice) è stato sotto la guida del dott. Mondini ed ora è diretto dalla Dott.ssa Fioroni e include la Dott.ssa Grassi;

9 Il coordinamento delle attività di Radioprotezione e di Controllo delle apparecchiature affidato al Dott. Piccagli che include Tecnici di Fisica e di Radiologia di grande esperienza. Una nota di grande soddisfazione è stato per me avere visto, negli anni immediatamente precedenti e seguenti il mio collocamento a riposo l'assunzione con contratto a tempo indeterminato di quattro (e forse cinque!) giovani Specializzati in Fisica Medica che tanto avevano contribuito (e contribuiranno!) allo sviluppo del Servizio. Altra grande soddisfazione è stata la buona riuscita del VI Congresso di Fisica Medica del Settembre Risultato che devo a tutti i miei collaboratori ed in particolare al Dott. Andrea Nitrosi. Ma non posso dimenticare gli appassionati consigli del mio amico Dott. Giorgio Chierego, che mi ha evitato di compiere diversi errori magistrali. A riposo? Grazie all'interessamento delle Prof.sse "Chicca" Gilardi e Cristina Messa sono ora consulente dell'ospedale S. Raffaele Giglio di Cefalù dove seguo le attività del Gruppo di Fisici, Coordinato dal Dott. Giorgio Russo. Le attività di questo nuovo gruppo sono in notevole sviluppo e vanno dagli Ultrasuoni Focalizzati ad Alta Intensità (mia passione più recente!) alla IORT, alle tecniche avanzate di Diagnostica MR e PET. Mi auguro, prima di ritirarmi (e questa volta davvero!) di veder compiuto il progetto innovativo di un'apparecchiatura per studiare l'effetto degli HIFU sul modello animale, in particolare per il "Drug Delivery", cioè un elevato e localizzato assorbimento di farmaci o per un incremento sinergico degli effetti della Terapia Radiante. Adesso poi che il nostro bravissimo Presidente, Dott.ssa Luisa Begnozzi, su delibera del Consiglio Direttivo dell'associazione, mi hanno nominato Socio Onorario, ho la sensazione che a ritirarmi del tutto posso attendere ancora un poco... Milano, 16/04/2012 Gianni Borasi

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA

LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA ANNI 60 70 Colloqui sui rapporti tra Fisica e Medicina Promossi dal Ministero della Sanità della Repubblica Italiana Levico-Roncegno Terme - 14-16 novembre

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 8.25 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 1 Premessa Nell ambito dell Azienda Sanitaria il Servizio di Fisica Sanitaria è una struttura che svolge attività specialistiche

Dettagli

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna Stefano Sanniti U.O. Fisica e Tecnologie Biomediche - AUSL CESENA SAN MARINO, 28 Settembre

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Luca Moro Servizio di Fisica Sanitaria, Fondazione Salvatore Maugeri - IRCCS, Pavia Il ruolo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2008 Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

Dettagli

Regione Umbria. Consiglio Regionale RELAZIONE

Regione Umbria. Consiglio Regionale RELAZIONE 3DOD]]R&HVDURQL 3LD]]D,WDOLD3(58*,$ KWWSZZZFRQVLJOLRUHJLRQHXPEULDLW HPDLODWWL#FUXPEULDLW $7721 02=,21( GHL&RQVLJOLHUL1(9,02'(1$0211,/,*1$1,0$5&+(6$1,0$1729$1, 526,'(6,2H9$/(17,12 ³277,0,==$=,21('(//$/2*,67,&$)$50$&(87,&$263('$/,(5$

Dettagli

Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica)

Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica) Azienda Ospedaliero - Universitaria Consorziale Policlinico di Bari Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica) J Presentazione L Unità Operativa di Fisica Sanitaria svolge nell ambito

Dettagli

(2) Il D.M. 30 agosto 2000 (Gazz. Uff. 21 novembre 2000, n. 272) ha disposto la sospensione dell'efficacia del presente decreto.

(2) Il D.M. 30 agosto 2000 (Gazz. Uff. 21 novembre 2000, n. 272) ha disposto la sospensione dell'efficacia del presente decreto. D.M. 14-2-1997 Determinazione dei criteri minimi di accettabilità delle apparecchiature radiologiche ad uso medico ed odontoiatrico nonché di quelle di medicina nucleare, ai sensi dell'art. 112, comma

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

Dal 16 novembre 2005 a tutt oggi Dirigente Fisico disciplina Fisica Sanitaria area di Fisica Sanitaria, a tempo indeterminato e a tempo pieno.

Dal 16 novembre 2005 a tutt oggi Dirigente Fisico disciplina Fisica Sanitaria area di Fisica Sanitaria, a tempo indeterminato e a tempo pieno. Curriculum Vitae Informazioni personali Nome e cognome Data di nascita Nazionalità Codice fiscale Indirizzo Cellulare E-mail Occupazione Alberto Panese Italiana alberto.panese@aovv.it Dirigente Fisico

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Universita Sapienza Roma. - dal 1978 al 1980 ha frequentato la VI Clinica Chirurgica. presso l'università di Roma in qualità di assistente

Universita Sapienza Roma. - dal 1978 al 1980 ha frequentato la VI Clinica Chirurgica. presso l'università di Roma in qualità di assistente CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cinzia Quondamcarlo Data di nascita Qualifica Dirigente Medico di I livello Amministrazione IFO-Regina Elena Incarico attuale Dirigente Medico di I livello

Dettagli

Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Comunicazione, Ricerca, Sistema Informativo e Coordinamento Progetti in Sanità

Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Comunicazione, Ricerca, Sistema Informativo e Coordinamento Progetti in Sanità Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Comunicazione, Ricerca, Sistema Informativo e Coordinamento Progetti in Sanità 24 Maggio 2013 Corso regionale di aggiornamento sezione SIFO Liguria - IL FARMACISTA

Dettagli

Formazione del TSRM di senologia

Formazione del TSRM di senologia Azienda Ospedaliero- Universitaria di Bologna Policlinico S.Orsola- Malpighi ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Formazione del TSRM di senologia Screening mammografico: nuove tecnologie, novità,

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

giovedì 12 febbraio 2009 dalle ore 18.30 a Lugano, in via Ronchetto 14 nell aula magna della Scuola superiore medico-tecnica

giovedì 12 febbraio 2009 dalle ore 18.30 a Lugano, in via Ronchetto 14 nell aula magna della Scuola superiore medico-tecnica Residenza Governativa Repubblica e Cantone Ticino telefono 091 814 42 86 fax 091 814 44 30 e-mail decs-com@ti.ch Internet /DECS Funzionario incaricato Direzione-Comunicazione Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Dott.ssa Cristina Selvi Curriculum Vitae

Dott.ssa Cristina Selvi Curriculum Vitae Dott.ssa Cristina Selvi Curriculum Vitae Sono nata a Milano il 31 agosto 1961. 1980 Maturità classica Ho studiato presso l Istituto Vittoria Colonna di Milano dove ho conseguito la Maturità Classica nell

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DRAGONETTI ANTONELLA Indirizzo VIA ABORIGENA 8 03042 ATINA (FR) Telefono 347 9156381 Fax 0776 609242 E-mail

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Manuela Sallei Via Gigli 26 Ancona Telefono 071-896749; 3933357144 Fax 0718003422 E-mail m.sallei1@inwind.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento

Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento ASSISTENZA SANITARIA Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento Risultati di eccellenza quelli riscontrati fra l utenza, sia dal punto di vista sanitario che dell accoglienza. Unico punto

Dettagli

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi

FIGURE MEDICHE Oncologi e Pneumologi FIGURE MEDICHE I Pazienti si trovano a doversi confrontare con diverse figure mediche e a dover contattare diverse strutture. Poiché tale patologia deve essere affrontata con un approccio multidisciplinare,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

giovanni.lucignani@unimi.it www.lucignani.it

giovanni.lucignani@unimi.it www.lucignani.it FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Titolo professionale Giovanni Lucignani Professore Indirizzo Unità operativa di Medicina nucleare, Dipartimento dei Servizi diagnostici,

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Rassegna Stampa del 10/08/2007 10:52

Rassegna Stampa del 10/08/2007 10:52 AESVI Rassegna Stampa del 10/08/2007 10:52 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Prefazione e ringraziamenti

Prefazione e ringraziamenti Prefazione e ringraziamenti Ho accettato con sincero piacere l'invito rivoltomi da Lorenzo Rossano, che ricordo brillante allievo del corso di Dispositivi Elettronici da me tenuto presso l'università di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FONTANA FRANCESCO Indirizzo 21100 VARESE VA, VIA FIRENZE 18 Telefono 0332 226530 Cellulare 349 8844488 Fax

Dettagli

Una mecenate in camice bianco Di Sara Sbaffi

Una mecenate in camice bianco Di Sara Sbaffi Una mecenate in camice bianco Di Sara Sbaffi Una donna, una mamma, una ricercatrice. Antonella Viola è tutto questo. Nata nel 1969, madre di due bambini di 14 e 12 anni, di mestiere fa l immunologa, si

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Cecchini Sara Corso Stamira 17 Ancona Telefono 071-2072589; 3336656071 Fax E-mail Nazionalità saracecchini1976@libero.it Italiana

Dettagli

AREA VETERINARIA Competenze avanzate da possedere e/o acquisire Scopo della Posizione Competenze Tecnico- Professionali Formazione TSRM SPECIALISTA IN RADIOLOGIA VETERINARIA organizzazione, monitoraggio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. IACONIS VINCENZO DOMENICO Data di nascita 26/05/1955

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. IACONIS VINCENZO DOMENICO Data di nascita 26/05/1955 INFORMAZIONI PERSONALI Nome IACONIS VINCENZO DOMENICO Data di nascita 26/05/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA 'S. MARIA' - TERNI

Dettagli

Curriculum Vitae Iannoni Federico 2011

Curriculum Vitae Iannoni Federico 2011 Curriculum Vitae Iannoni Federico 2011 LETTERA DI PRESENTAZIONE IANNONI FEDERICO Sono un giovane e brillante laureato in "Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia" presso l Università

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE TRA RICERCA E DIDATTICA NELL ANALISI DEI DATI DI ESPOSIZIONE

LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE TRA RICERCA E DIDATTICA NELL ANALISI DEI DATI DI ESPOSIZIONE Convegno Nazionale Lo sviluppo inizia qui: assistenza, ricerca e didattica nelle professioni sanitarie Reggio Emilia, 11-12 dicembre 2008 LA TECNICA MANUALE NELL ERA ERA DIGITALE IN RADIOLOGIA: INTEGRAZIONE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services MISURE DI QUALITA DEI FASCI E DELLA DIMENSIONE DELLA MACCHIA FOCALE IN FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA PRODOTTI DA ACCELERATORI LINEARI PER RADIOGRAFIE INDUSTRIALI S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART

Dettagli

PLANNING COMUNICAZIONI LIBERE ACCETTATE SESSIONE GENERALE COMUNICAZIONI LIBERE

PLANNING COMUNICAZIONI LIBERE ACCETTATE SESSIONE GENERALE COMUNICAZIONI LIBERE COMUNICAZIONI LIBERE Siamo lieti di informare gli autori degli abstract riportati nella seguente tabella che i Referee hanno valutato positivamente i loro lavori accettando la presentazione della comunicazione

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

30 1997, 97/43/EURATOM

30 1997, 97/43/EURATOM DIRETTIVA DEL CONSIGLIO 30 giugno 1997, 97/43/EURATOM Direttiva del Consiglio riguardante la protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse a esposizioni mediche

Dettagli

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti?

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Franco Testore SOC Oncologia Ospedale Cardinal Massaia ASTI Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Non dimenticare mai il contratto di alleanza che stipuliamo con i pazienti Considerare

Dettagli

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS dr.ssa Michelina Graziano Responsabile Tecnologico di Sistema ASP di Cosenza Sistemi Digitali per le Radiologie RIS &PACS L avvento dell imaging diagnostico

Dettagli

PROGR. N. 972/2008. residenza di VIALE A.MORO, 52, la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

PROGR. N. 972/2008. residenza di VIALE A.MORO, 52, la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: PROGR. N. 972/2008 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno di LUNEDI' 30 (TRENTA ) del mese di GIUGNO dell' anno 2008 (DUEMILAOTTO ) si e' riunita nella residenza di VIALE A.MORO, 52, la Giunta

Dettagli

Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali

Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Mini-guida ai principi fondamentali di funzionamento delle telecamere, utili per chi deve valutare i prodotti e fare la

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X.

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Macchine radiogene Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Analogamente ad una lampadina che emette luce solamente quando

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

Gruppo di Fisica Medica

Gruppo di Fisica Medica Gruppo di Fisica Medica Prof. Mauro Gambaccini (stanza 307, gambaccini@fe.infn.it) Dott. Giovanni Di Domenico Dott. Michele Marziani Dott. Angelo Taibi Dott. Francesco Sisini Dott. Paolo Cardarelli Gaia

Dettagli

CEN/CENELEC EN 46003:1999 Sistemi qualità Dispositivi medici Prescrizioni particolari per l'applicazione della EN ISO 9003

CEN/CENELEC EN 46003:1999 Sistemi qualità Dispositivi medici Prescrizioni particolari per l'applicazione della EN ISO 9003 CEN/CENELEC EN 46003:1999 Sistemi qualità Dispositivi medici Prescrizioni particolari per l'applicazione della EN ISO 9003 CENELEC EN 60118-13:1997 Protesi acustiche Parte 13: Compatibilità elettromagnetica

Dettagli

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista Premessa Per lungo tempo ho cercato delle risposte, le ho cercate in tutte le persone che mi erano e mi sono vicine, ho guardato fissa nei

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 05/E1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/12

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 05/E1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/12 PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 05/E1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/12 (Decreto del Rettore n. 1322 del 22/12/2014 - avviso pubblicato

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI VILLANI MIRIAM. Nome

ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI VILLANI MIRIAM. Nome F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VILLANI MIRIAM ESPERIENZA LAVORATIVA Dal 3 Giugno 2014 RAD DIPARTIMENTO EMERGENZA-URGENZA A.O. LODI Dal 1996 al 3 Giugno 2014 INFERMIERA

Dettagli

Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015

Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015 Profilo dei candidati Elezioni GISMa 2015 Reggio Emilia 7 maggio 2015 Presidenza Gianni Saguatti (Bologna) Ente di appartenenza: AUSL di Bologna Specializzazione: Radiologo Motivazione della candidatura:

Dettagli

Master Universitario di 1 Livello

Master Universitario di 1 Livello UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Scienze Chirurgiche Master Universitario di 1 Livello CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE PER PROFESSIONI SANITARIE Direttore: Prof. Leopoldo Sarli Coordinatore

Dettagli

Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche - Policlinico Umberto I

Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche - Policlinico Umberto I Università di Roma Sapienza Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche - Policlinico Umberto I Il convegno del 21 ottobre tratta le problematiche dell età ossea ed ha lo scopo

Dettagli

Sommario. p.4. ----------------- Presentazione. p. 5. ----------------- Profilo. p. 8. ----------------- Storia. p. 9

Sommario. p.4. ----------------- Presentazione. p. 5. ----------------- Profilo. p. 8. ----------------- Storia. p. 9 V. 1.03 Fora S.p.A. Sommario p.4 p. 5 p. 8 p. 9 p. 11 p. 13 p. 15 p. 17 ----------------- Presentazione ----------------- Profilo ----------------- Storia ----------------- Filosofia e valori -----------------

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

PROGRAMMA RISORSE UMANE

PROGRAMMA RISORSE UMANE PROGRAMMA RISORSE UMANE SELEZIONE DEI CANDIDATI CUI AFFIDARE BORSE DI RICERCA PER PROGETTI DA SVOLGERSI PRESSO LA PIATTAFORMA TECNOLOGICA NMR DI POLARIS. AVVISO DI SELEZIONE PREMESSA Sardegna Ricerche

Dettagli

L esperienza delle Scuole di Specializzazione all Insegnamento Secondario Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma)

L esperienza delle Scuole di Specializzazione all Insegnamento Secondario Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) L esperienza delle Scuole di Specializzazione all Insegnamento Secondario Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) la SSIS è stata attiva dal 1999 al 2009 ripensiamo in maniera serena a questi 10

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

(La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta per completezza di informazione, non compare nel Bur cartaceo, ndr)

(La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta per completezza di informazione, non compare nel Bur cartaceo, ndr) Deliberazione della Giunta Regionale 19 dicembre 2006, n. 4120. Costituzione Commissione Oncologica Regionale. (Bur n. 10 del 30/01/2007) (La parte di testo racchiusa fra parentesi quadre, che si riporta

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini

Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini Dispositivi medici per diagnostica e terapia Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Apparecchiature radiologiche medicali In medicina le apparecchiature radiografiche vengono utilizzate per: diagnosi dentale

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

MASTER di PRIMO LIVELLO

MASTER di PRIMO LIVELLO MASTER di PRIMO LIVELLO VERIFICHE DI QUALITA IN RADIODIAGNOSTICA, MEDICINA NUCLEARE E RADIOTERAPIA CONTROLLI delle PRESTAZIONI delle APPARECCHIATURE RADIOLOGICHE e RADIOPROTEZIONE del PAZIENTE Parte I

Dettagli

Health Technology Assessment (HTA)

Health Technology Assessment (HTA) Health Technology Assessment (HTA) J. A. Salerno-Uriarte Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese PRIMA CONFERENZA

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

8000C. Semplicità digitale. Qualità Kodak. Sistema di radiologia panoramica e cefalometrica digitale KODAK 8000C

8000C. Semplicità digitale. Qualità Kodak. Sistema di radiologia panoramica e cefalometrica digitale KODAK 8000C 8000 Sistema panoramico digitale KODAK 8000 8000C Sistema di radiologia panoramica e cefalometrica digitale KODAK 8000C Semplicità digitale. Qualità Kodak. 8000 Sistema panoramico digitale KODAK 8000 8000C

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Deseri Sergio Indirizzo(i) Via Cellini 16/2 scala B 16143 Genova (IT) Telefono(i) +39010504846 - +3901035338155 +390103537601 Fax +39010504846

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE DEL DOTT. LUPPI GABRIELE

CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE DEL DOTT. LUPPI GABRIELE CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE DEL DOTT. LUPPI GABRIELE Nato a San Benedetto Po (Mantova) il 21/08/1956; residente a Modena, via Saliceto Panaro 19; residente a Modena, via Saliceto Panaro 19, tel

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO

SCREENING MAMMOGRAFICO PROMOSSO DAL MINISTERO DELLA SALUTE E DAL COMUNE DI SEGRATE SCREENING MAMMOGRAFICO PERSONALIZZATO NELLE DONNE 40-49ENNI PREVENZIONE SECONDARIA DEL CANCRO MAMMARIO: STUDIO OSSERVAZIONALE DI FATTIBILITÀ

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Modena 27 novembre 2008 Silvia Salimbeni in collaborazione con Rita Bisognin .un po di storia Fine anni 90 in tutta la Regione Emilia Romagna si

Dettagli