Anatocismo e usura: Aspetti tecnici del contenzioso bancario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anatocismo e usura: Aspetti tecnici del contenzioso bancario"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE NAZIONALE FRA LE BANCHE POPOLARI Anatocismo e usura: le recenti ordinanze del Tribunale di Milano Roma, 24 giugno 2015 Anatocismo e usura: Aspetti tecnici del contenzioso bancario Prof. Mario Comana Ordinario di Economia degli Intermediari finanziari, LUISS Guido Carli, Roma Dott. Sergio Paris Dottore di ricerca in Mercati e Intermediari Finanziari, Università Cattolica, Milano

2 Agenda USURA 1. Richiami alla normativa anti-usura o o o Il quadro normativo in sintesi L evoluzione delle Istruzioni della Banca d Italia e l escalation del contenzioso bancario 2. Computo del TEG e confronto con le soglie o o La formula matematica di calcolo del TEG L individuazione della soglia applicabile 3. Focus su alcuni oneri controversi o o o Interessi di mora Penali di estinzione anticipata Premi assicurativi 4. Focus sul fattore tempo (ulteriori complessità degli accertamenti peritali) o o Computo del TEG ex ante o (anche) ex post? Computo del TEG di un finanziamento rinegoziato ANATOCISMO 1. Anatocismo è sinonimo di capitalizzazione? 2. L'anatocismo nei piani di ammortamento «alla francese» 3. La capitalizzazione degli interessi nel conto corrente 4. La capitalizzazione degli interessi di mora 2

3 Sez. 1 -USURA Richiami alla normativa (primaria e secondaria) 3

4 Il quadro normativo in sintesi (1/2) Il quadro normativo in (estrema) sintesi Normativa principale Legge 108/96 recante Disposizioni in materia di usura Le Istruzioni vigenti sono riportate, come Allegato A, in ogni Decreto trimestrale del MEF di rilevazione delle soglie Normativa secondaria 1. Decreti del Ministero dell Economia e delle Finanze a. di rilevazione delle soglie(trimestrali) b. di classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee(annuali) 2. Banca d Italia, Istruzioni per la rilevazione del tasso effettivo globale medio ai sensi della legge sull usura Focus sulle Istruzioni della Banca d Italia Dall entrata in vigore della Legge 108/96 Banca d Italia ha pubblicato 9 versioni delle Istruzioni, a cui si aggiunge il documento in consultazione dell aprile 2015(10 Edizione): Settembre 1996 Luglio 1997 Aprile 1998 Sett Agosto 1999 Luglio 2001 Dic Marzo 2006 Agosto 2009* 2015** * Le Istruzioni vigenti sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale il 29/08/2009 e sono entrate in vigore dal 1 gennaio ** Al termine dell iter di consultazione in corso, avviate nell aprile 2015 e con scadenza il 30 giugno 2015, entrerà in vigore la 10 Edizione. 4

5 Il quadro normativo in sintesi (2/2) I decreti attuativi del MEF Decreti trimestrali Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull'usura Decreti annuali Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari Stabiliscono, all art. 3, comma 2, che: «Le banche e gli intermediari finanziari, al fine di verificare il rispetto del limite di cui all'art. 2, comma 4, della legge 7 marzo 1996, n. 108, si attengono ai criteri di calcolo delle Istruzioni per la rilevazione del tasso effettivo globale medio ai sensi della legge sull'usura. Nell Allegato Asono riportate anche le Note metodologiche che, a partire dalla dicitura Istruzioni per la rilevazione ( ) riportano esattamente quanto stabilito dall omonima disposizione della Banca d Italia Principio di omogeneità 5

6 L evoluzione delle Istruzioni della Banca d Italia (1/2) Le Istruzioni vigenti: tratti salienti (da un punto di vista tecnico) Formula del TEG Elenco oneri INCLUSI Cat. 1, Cat. 2, Cat. 5 e Cat. 9 (aperture di credito in c/c, finanziamenti per anticipi su crediti e documenti, sconto di portafoglio commerciale, factoring e credito revolving). Altre categorie (ossia: finanziamenti con piano di ammortamento predefinito) 1) Spese di istruttoria e revisione finanziamento 2) Spese di chiusurapratica 3) Spese di riscossione dei rimborsi e di incasso delle rate e degli effetti 4) Costo dell'attività di mediazione 5) Spese per assicurazionio garanzie intese ad assicurare il rimborso totale o parziale del credito ovvero a tutelare altrimenti i diritti del creditore ( ) 6) Spese per servizi accessori, anche se forniti da soggetti terzi, connessi con il contratto di credito 7) Oneri per la messa a disposizione dei fondi, le penali e gli oneri applicati nel caso di passaggio a debito di conti non affidati ( ) 8) Ogni altra spesa ed onere contrattualmente previsti, connessi con l operazione di finanz. Elenco oneri ESCLUSI a) Imposte e tasse b) Spese notarili c) Costi di gestione del conto d) Gli interessi di mora e gli oneriassimilabili contrattualmente previsti per il caso di inadempimento di un obbligo e) Con riferimento al factoring e al leasing, i compensi per prestazioni di servizi accessori di tipo amministrativo non direttamente connessi con l'operazione di finanziamento 6

7 L evoluzione delle Istruzioni della Banca d Italia (2/2) Le Istruzioni in consultazione: la principale innovazione nel calcolo del TEG Per tutti gli oneri da includere nel TEG, compresa la CIV, è stato reso automatico l obbligo di calcolo su base annua (moltiplicando per 4 l onere trimestrale). La possibilità di inclusione nel TEG senza annualizzazione è stata limitata a specifici oneri previsti contrattualmente una tantum nell anno. Ratio fornita dalla Banca d Italia: ( ) si è riscontrata infatti la tendenza a considerare le commissioni applicate come occasionali e destinate a non ripetersi, con il conseguente abbattimento del relativo peso nell ambito del TEG ( ) In particolare, tale prassi è stata riscontrata di frequente per la CIV( ) Regola semplice, come meno discrezionalità, ma con altrettanti rischi di effetti distorsivi Scompare il riferimento aglioneri effettivi degli ultimi 12 mesi (se condizioni invariate) Scompare il riferimento aglioneri stimati per i successivi 12 mesi (in caso di variazioni) Scompare il concetto di onere occasionale 7

8 e l escalation del contenzioso bancario ESCALATIONFAVORITA DAL PROLIFERARE DISTUDI LEGALI E PERITI CHE SOSTENGONO UNA PLURALITÀ DITESI ACCUSATORIE, ALCUNE AL LIMITE DEL FANTASIOSO. I lamentati sforamenti del tasso soglia anti-usura vengono sovente ottenuti: includendo nel TEG oneri espressamente esclusi dalle Istruzioni della Banca d Italia applicando le regole previste dalle attuali Istruzioni in luogo di quelle vigenti alla stipula confrontando il tasso di interesse di mora pattuito con il tasso soglia (indipendentemente dall addebito di interessi di mora) sommando fra di loro il tasso di interesse corrispettivo e il tasso di interesse di mora modificando, in vario modo, gli algoritmi di calcolo del TEG: ipotizzando l estinzione anticipata di un contratto con piano di ammortamento calcolando l incidenza di interessi o oneri su singole rate di rimborso 8

9 Sez. 2 -USURA Computo del TEG e confronto con le soglie d usura 9

10 La formula matematica di calcolo del TEG (1/3) In base alle Istruzioni della Banca d Italia in vigore dal 1 gennaio 2010: FINANZIAMENTI A UTILIZZO FLESSIBILE Cat. 1, Cat. 2, Cat. 5 e Cat. 9 o Aperture di credito in c/c o Finanziamenti per anticipi su crediti e documenti e sconto di portafoglio commerciale o Factoring o Credito revolving e con utilizzo di carte di credito FINANZIAMENTI CON PIANO DI AMMORTAMENTO PREDEFINITO Altre categorie o Credito personale o Credito finalizzato o Leasing o Mutui o Prestiti contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione o Altri finanziamenti 10

11 La formula matematica di calcolo del TEG (2/3) La formula dei finanziamenti con piano di ammortamento dove: i K è il TEG annuo, che può essere calcolato quando gli altri termini dell equazione sono noti nel contratto o altrimenti; è il numero d ordine di un prestito ; K è il numero d ordine di una rata di rimborso ; Ak è l importo del prestito numero K; A k è l importo della rata di rimborso numero K ; m è il numero d ordine dell ultimo prestito ; m è il numero d ordine dell ultima rata di rimborso ; tk è l intervallo espresso in anni e frazioni di anno tra la data del prestito n.1 e le date degli ulteriori prestiti da 2 a m; tk è l intervallo espresso in anni. 11

12 La formula matematica di calcolo del TEG (3/3) La formula dei finanziamenti a utilizzo flessibile (VIGENTE) dove: INTERESSI si riferisce agli interessi di pertinenza del trimestre ; NUMERI DEBITORI è determinato dal prodotto tra i capitali ed i giorni ; ACCORDATO è l ammontare del fido utilizzabile dal cliente ; ONERI SU BASE ANNUA sono calcolati includendo tutte le spese sostenute nei dodici mesi precedenti la fine del trimestre di rilevazione, a meno che queste siano connesse con eventi di tipo occasionale, destinati a non ripetersi. Nel caso di nuovi rapporti o di variazione delle condizioni nel corso del trimestre di rilevazione (ad es. variazione dell accordato, erogazione di un finanziamento su un conto di deposito preesistente, ecc.) gli oneri annuali dovranno essere stimati sulla base delle condizioni contrattuali applicate. e quella prevista fino all Ottava edizione delle Istruzioni dove: ( ) ONERI comprende gli oneri effettivamente sostenuti nel trimestre. 12

13 L individuazione della soglia applicabile (1/3) Nei finanziamenti con piano di ammortamento il TEG va confrontato con la soglia vigente nel trimestre di stipula del contratto. È necessario pertanto procedere alla: a. Collocazione temporale del contratto Si individua la versione delle Istruzioni Banca d Italia applicabile(edizione in vigore al momento della sottoscrizione del contratto): Data/N versione Istruzioni Bankit Prima Seconda Terza Quarta Quinta Sesta Settima Ottava Nona Data pubblicazione Bankit: 30/09/ /07/ /04/ /09/ /08/ /07/ /12/ /03/ /08/2009 Data pubblicazione in G.U. n.d. n.d. n.d. 30/09/ /08/ /08/ /01/ /03/ /08/2009 In vigore dal trimestre: 01/10/ /10/ /07/ /10/ /10/ /10/ /04/ /04/ /01/2010 Fino al trimestre (incluso) 30/09/ /06/ /09/ /09/ /09/ /03/ /03/ /12/2009 oggi b. Individuazione della categoria e del relativo tasso soglia Si individua il tasso soglia applicabile in base a: a) data di stipula del contratto; b) categoria entro cui rientra il finanziamento(categorie ridefinite annualmente con Decreto MEF); c) ammontare dell importo finanziato(avendo talune categorie soglie distinte per ammontare); d) tipologia di tasso contrattuale applicato(fisso/variabile). 13

14 L individuazione della soglia applicabile (2/3) MECCANISMO IN VIGORE DAL 14 MAGGIO 2011: Il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari, è stabilito nel tasso medio risultante dall ultima rilevazione pubblicata nella Gazzetta Ufficiale( ) aumentato di un quarto, cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali" Limite o Tasso soglia = Min ( i i + 4%; i + 8%) m m m 25 Tasso soglia (%) Per i m < 16 Tasso soglia = i m +1/4 i m + 4% Per i m > 16 Tasso soglia = i m + 8% Tasso soglia Im (%) Im (TEGM) 1414

15 L individuazione della soglia applicabile (3/3) La scelta della soglia: le diverse soluzioni riscontrate nella prassi peritale 1 Soglia alla stipula Le Istruzioni della Banca d Italia sono chiare nell indicare che l unico confronto possibile, per un finanziamento con piano di ammortamento predefinito, è quello con la soglia in vigore nel trimestre di stipula 2 Soglia di un trimestre (successivo) di conteggio/controllo del TEG Numerosi CTU e CTP, in sede di contenzione, effettuano anche la comparazione tra il TEG ri-calcolato (ex-post) e la soglia in vigore al momento della rilevazione del TEG (ad esempio, il trimestre della eventuale richiesta di estinzione anticipata e/o decreto ingiuntivo) 3 Soglia verificata nel continuo (per usura sopravvenuta) In base a talune recenti pronunce dell ABF, ai fini della verifica dell ipotesi di usura sopravvenuta, sarebbe necessario e/o opportuno confrontare il TEG con le soglie vigenti in ognuno dei trimestri di vita del finanziamento 15

16 Sez. 3 -USURA Oneri controversi : interessi di mora, penali di estinzione, premi assicurativi, CMS, ecc. 16

17 Oneri controversi : focus sugli interessi di mora (1/2) Come conciliare i (contrapposti) pronunciamenti della Vigilanza e della Cassazione? Corte di Cassazione Cass , n. 602 e n. 603: al di sopra dei tassi soglia gli interessi corrispettivi e moratori ulteriormente maturati vanno considerati usurai Banca d Italia Istruzioni (2009): Sono esclusi ( ) gli interessi di mora e gli oneri assimilabili contrattualmente previsti per il caso di inadempimento di un obbligo Chiarimenti in materia di applicazione della legge antiusura (3/7/2013): Gli interessi di mora sono esclusi dal calcolo del TEG, perché non sono dovuti dal momento dell erogazione del credito ma solo a seguito di un eventuale inadempimento da parte del cliente. L esclusione evita di considerare nella media operazioni con andamento anomalo. Infatti, essendo gli interessi moratori più alti, per compensare la banca del mancato adempimento, se inclusi nel TEG medio potrebbero determinare un eccessivo innalzamento delle soglie, in danno della clientela. 17

18 Oneri controversi : focus sugli interessi di mora (2/2) La soluzione (discutibile) adottata dalla Banca d Italia nei controlli sulle procedure degli intermediari: Chiarimenti in materia di applicazione della legge antiusura (3 luglio 2013): In ogni caso, anche gli interessi di mora sono soggetti alla normativa anti-usura. Per evitare il confronto tra tassi disomogenei (TEG applicato al singolo cliente, comprensivo della mora effettivamente pagata, e tasso soglia che esclude la mora), i Decreti trimestrali riportano i risultati di un indagine per cui la maggiorazione stabilita contrattualmente per i casi di ritardato pagamento è mediamente pari a 2,1 punti percentuali. In assenza di una previsione legislativa che determini una specifica soglia in presenza di interessi moratori, la Banca d Italia adotta, nei suoi controlli sulle procedure degli intermediari, il criterio in base al quale i TEG medi pubblicati sono aumentati di 2,1 punti per poi determinare la soglia su tale importo. Tasso soglia: 1 Min( im + im + 4%; im + 8%) 4 Tasso soglia di mora: 1 Min [( i m + 2,1%) + * ( i m + 2,1%) + 4%; ( i m + 2,1%) + 4 8%] 18

19 Oneri controversi : focus sulle penali di estinzione Le penali di estinzione anticipata hanno, secondo le Istruzioni della Banca d Italia, il medesimo trattamento degli interessi di mora Istruzioni vigenti: Sonoesclusi:( ) d) gli interessi di mora e gli oneri assimilabili contrattualmente previsti per il caso di inadempimento di un obbligo;( ) Le penali a carico del cliente previste in caso di estinzione anticipata del rapporto, laddove consentite, sono da ritenersi meramente eventuali, e quindi non vanno aggiunte alle spese di chiusura della pratica. Tale orientamento appare giustificato dal fatto che: Si tratta di oneri meramente eventuali. L applicazione avviene o per inadempimento del cliente (decadenza dal beneficio del termine per mancato pagamento delle rate) o su scelta del medesimo cliente(estinzione volontaria). L importo non è conoscibile al momento della stipula. Una eventuale inclusione presuppone (evidentemente) il calcolo di un TEG ex post. 19

20 Oneri controversi : focus sui premi assicurativi Le criticità legate al trattamento dei premi assicurativi, ai fini del computo del TEG, sono dovute al diverso trattamento stabilito dalle ultime versioni delle Istruzioni: 6 Edizione 7 e 8 Edizione 9 Edizione Lug Dic e Mar Agosto 2009 Oneri inclusi: 5) le spese per le assicurazioni o garanzie imposte dal creditore, intese ad assicurare il rimborso totale o parziale del credito. Oneri esclusi: le spese per le assicurazioni e garanzie diverse da quelle di cui al precedente punto 5. Oneri inclusi: definizione invariata. Oneri esclusi: non compare il riferimento alle polizze volontarie. Riferimento tolto perché ridondante? In presenza di una polizza sottoscritta separatamente, o con clausola firmata ad hoc, è possibile considerare l assicurazione volontaria? Oneri inclusi: Le spese per assicurazioni o garanzie intese ad assicurare il rimborso totale o parziale del credito ovvero a tutelare altrimenti i diritti del creditore ( ), se la conclusione del contratto avente ad oggetto il servizio assicurativo è contestuale alla concessione del finanziamento ovvero obbligatoria per ottenere il credito o per ottenerlo alle condizioni contrattuali offerte, ( ). 20

21 Sez. 4 -USURA Focus sul fattore tempo (ulteriori complessità degli accertamenti peritali) 21

22 La prospettiva temporale nel calcolo del TEG (1/2) Il TEG oggetto di rilevazione e segnalazione da parte di un intermediario, in adempimento alla Legge 108/96, è: Finanziamenti con piano di ammortamento CALCOLATO AL MOMENTO DELLA STIPULA IN BASE AI PAGAMENTI ATTESI (FLUSSI DA PIANO DI AMMORTAMENTO) Finanziamenti a utilizzo flessibile CALCOLATO OGNI TRIMESTRE, IN BASE AI PAGAMENTI EFFETTIVI RILEVATI IN CONTO CORRENTE Per i prestiti con piano di ammort., in sede consulenza tecnica, è diffuso il calcolo: TEG ex ante Calcolo del TEG sulla base dei flussi previsti dal piano di ammortamento TEG ex post APPROCCIO CORRETTO? QUALE SOGLIA ASSUMERE? Ricalcolo del TEG, ad una data successiva, in base ai flussi di cassa effettivi 22

23 La prospettiva temporale nel calcolo del TEG (2/2) Il computo del TEG ex-post può comportare rilevanti criticità tecniche Se calcolato sull intera durata del prestito No criticità rilevanti. Se calcolato su un orizzonte temporale inferiore Determina un artificioso innalzamento del TEG, a parità di interessi e oneri praticati Si consideri un prestito con: TAN:7,50%. Importo: Durata:3anni. Spesediistruttoria: % 14% 12% 10% 14,5% 11,7% Simulazione TEG ex post in base al numero di rate pagate prima dell'estinzione (finanziamento mensilità di spese di istruttoria) 10,3% 9,7% 9,3%9,1% 8,8% 8,6% 8,5% 8,4% 8,4% 8,3% 8,3% 8,3% 8,2% 8,2% 8,2% 8,2% 8,2% 8,2%8,2% TEG(alla stipula): 8,2% Soglia alla stipula: 9,84% Qualsiasi estinzione prima della 4 rata genera un TEG ex-post oltre soglia. 8% 6% 4% 2% 0% Nessun costo o penale di estinzione anticipata 23

24 Il calcolo del TEG di un finanziamento rinegoziato (1/2) In sede di rinegoziazione contrattuale, qualora vengano variati elementi atti ad influenzare il TEG, risulta necessario ricalcolare lo stesso e procedere alla verifica del rispetto della soglia d usura Le modalità di calcolo del TEG alla data di variazione contrattuale possono essere due: TEG congiunto Vengono considerati tutti i flussi effettivamente realizzati fino alla data di rinegoziazione e i flussi da piano successivi ataledata.taliflussivengonoattualizzatialtempozero(t 0 ) dell intero contratto. Il TEG è quindi funzione dell intero contratto, compresi i flussi ante variazione. TEG disgiunto Vengono considerati esclusivamente i flussi successivi alla data di rinegoziazione. Il TEG disgiunto (anche detto TEG forward ) cambia significativamente in relazione al momento della vita contrattuale in cui avviene la rinegoziazione. 24

25 Il calcolo del TEG di un finanziamento rinegoziato (2/2) In sede di verifica del rispetto dei tassi soglia usura pubblicati dalla Banca d Italia, quale soglia di riferimento va considerata? Ipotizzando la stipula contrattuale in t o e la rinegoziazione int 1 : TEG CONGIUNTO t=0 t=1 TEG DISGIUNTO scadenza FLUSSI EFFETTIVI FLUSSI DA PIANO RICALCOLATI Se la rinegoziazione comporta nuovi oneri per la controparte( variazione contrattuale considerata come nuova operazione da segnalare), si calcola il TEG disgiunto e lo si confronta con la soglia al momento della rinegoziazione(t 1 ) Se la rinegoziazione comporta esclusivamente una dilazione di pagamento, appare più corretto calcolare il TEG congiunto,che a motivo dell allungamento sarà necessariamente inferiore al TEG originario. Vds. Banca d Italia, RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI IN MATERIA DI RILEVAZIONE DEI TASSI EFFETTIVI GLOBALI AI SENSI DELLA LEGGE SULL USURA, novembre

26 Sez.1 - ANATOCISMO Anatocismo è sinonimo di capitalizzazione? 26

27 Anatocismo è sinonimo di capitalizzazione? (1/2) Tradizionalmente la dottrina ha sempre definito l anatocismo come il passaggio di interessi scaduti a capitale e la produzione, da parte di questi, di ulteriori interessi. ANATOKISMOS= interessi sugli interessi gli interessi già scaduti(maturati) diventano bene capitale (si capitalizzino) e sono quindi suscettibili di produrre interessi a loro volta Analogamente alcuni definiscono l anatocismo come «la capitalizzazione degli interessi dovuti affinché producano al loro volta nuovi interessi». Tale definizione è stata sottoposta a revisione critica capitalizzazione e anatocismo non sono legati da una relazione biunivoca. Esiste anatocismo senza capitalizzazione e viceversa capitalizzazione senza anatocismo. 27

28 Anatocismo è sinonimo di capitalizzazione? (2/2) Capitalizzazione È un regime di determinazione di un montante Anatocismo Produzione degli interessi sopra gli interessi liquidati, senza che ciò abbia necessariamente a determinare un meccanismo di confusione tra questi e la somma capitale su cui essi sono maturati Capitalizzazione Semplice Capitalizzazione Composta Art cc In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi. Tassi equivalenti 28

29 Capitalizzazione e anatocismo: un (falso) problema (1/2) Anatocismo Art del Codice Civile In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore allaloroscadenza,esemprechesitrattidiinteressidovutialmenoperseimesi È un falso problema poiché: le modalità di calcolo dell interesse possono essere svariate, basate o no sulla capitalizzazione; vi è libertà contrattuale; nella logica finanziaria si considera il momento di disponibilità dei flussi finanziari. Tassi equivalenti Soluzione la modalità di espressione del fattore di montante 29

30 Capitalizzazione e anatocismo: un (falso) problema (2/2) Anatocismo In matematica finanziaria possiamo distinguere tra: 1) Nessunacapitalizzazione 2) Capitalizzazioneperiodica La capitalizzazione dell interesse avviene a scadenze periodiche (es. annuale, semestrale): M = C* (1+i) t 3) Capitalizzazionecontinua La capitalizzazione dell interesse avviene istantaneamente : M = C*e i*t La modalità di espressione di un tasso di interesse non può mai, di per sé, generare un effetto anatocistico. Il solo tasso d interesse corretto dal punto di vista della matematica finanziaria è quello coerente con la periodicità delle rate. 30

31 Capitalizzazione semplice e composta (1/2) Capitalizzazione semplice M = C * (1 + i * t) Capitalizzazione composta La variabile tempo (t) passa da moltiplicatore a esponente M = C * (1 + i) t 31

32 Capitalizzazione semplice e composta (2/2) Esempio C= 100 i= 10% annuo t= 2 anni M=? Capitalizzazione semplice M = C * (1 + i * t ) = 100 * (1 + 10% * 2) = 120 Capitalizzazione composta M = C * (1 + i ) t = 100 * ( %) 2 = 121 L impatto è funzione del livello dei tassi di interesse e della durata 32

33 Tassi equivalenti: un concetto utile Esempio C= 100 i= 10% annuo t= 1 anno Capitalizzazione composta 1 1 M = C * (1 + i ) = 100 * ( %) = 110 Qual è il tasso periodale equivalente al tasso annuo? Tasso mensile equivalente: 1/12 i12 = (1 + 10%) 1= 0,797% Tasso trimestrale equivalente: M t*12 12 = C*(1 + i12 ) = 100*(1 + 0,797%) = 110 1/ 4 i4 = (1 + 10%) 1= 2,411% M t*4 4 = C*(1 + i4 ) = 100*(1 + 2,411%) = 110 Tasso quadriennale equivalente: i quad = (1 + 10%) 4 1= 46,410% M = quad C* (1 + i ) = 100*(1 + 46,410%) 1 =

34 Logica della disciplina giuridica Logica finanziaria Anatocismo è un falso problema La matematica finanziaria non distingue tra interessi puri e interessi anatocistici La matematica finanziaria conosce due modalità di calcolo degli interessi: interesse semplice e interesse composto Logica giuridica Vietare la maturazione di interessi sugli interessi scaduti ma l ordinamento non vieta la capitalizzazione composta! le parti possono stabilire che la controprestazione per la concessione di una somma in prestito sia determinata utilizzando la formula dell interesse composto 34

35 Sez.2 - ANATOCISMO L'anatocismo nei piani di ammortamento «alla francese» 35

36 Il piano di ammortamento alla francese (1/2) Ammortamento a rata costante e a quota interessi decrescente C n = k = 1 R *(1 + i) k 1 + = R * a n i = R * (1 i i) n R = C a n i L ammortamento francese si configura come una rendita a rate costanti posticipate del capitale mutuato Dove: C = somma che in t=0 passa dal creditore al debitore R = rata costante posticipata n = numero rate i = tasso d interesse espresso in funzione della periodicità della rata 36

37 Il piano di ammortamento alla francese (2/2) Il piano di ammortamento alla francese non può essere classificato come anatocistico poiché non prevede il calcolo di interessi sugli interessi capitalizzati, ossia non prevede che gli interessi maturati vengano sommati al capitale su cui si computano i nuovi interessi e dunque non viola il disposto dell art C.C. Infatti, gli interessi sono calcolati mese per mese sul capitale residuo e per il tempo mancante fino alla rata successiva Dinamica del capitale residuo* *Capitale residuo relativo all esempio proposto nella slide precedente 37

38 Sez.3 - ANATOCISMO La capitalizzazione degli interessi nel conto corrente 38

39 Capitalizzazione e anatocismo: un (falso) problema Anatocismo Nell ambito di operazioni di finanziamento come le aperture di credito in conto corrente, il processo di capitalizzazione comporta il calcolo di interessi su interessi Ma si tratta di interessi calcolati su interessi in corso di formazione, non suinteressi scaduti. Quindi non si verifica alcuna violazione di quanto disposto dall art del c.c. 39

40 Le ordinanze del 25 marzo e 3 aprile 2015 Il tribunale di Milano con le due ordinanze collegiali del 25 marzo e 3 aprile 2015 ha affermato il divieto assoluto di anatocismo bancario. Pertanto il punto b) dell art 120 del TUB è da intendersi già in vigore dal 1 gennaio 2014 Normativa attualmente vigente Il CICR stabilisce modalità e criteri per la produzione di interessi nelle operazioni poste in essere nell esercizio dell attività bancaria, prevedendo in ogni caso che: a) nelle operazioni in conto corrente sia assicurata, nei confronti della clientela, la stessa periodicità nel conteggio degli interessi sia debitori sia creditori; b) gli interessi periodicamente capitalizzati non possano produrre interessi ulteriori che, nelle successive operazioni di capitalizzazione, sono calcolati esclusivamente sulla sorte capitale Il Tribunale ha deciso che le banche debbano già escludere dalle condizioni economiche qualsiasi clausola di capitalizzazione degli interessi, sia per i contratti in essere sia per quelli ancora da stipulare, senza dover attendere la normativa regolamentare secondaria del CICR 40

41 Riflessi operativi sui rapporti in conto corrente (1/2) PROFILO Profilo economico Profilo finanziario PROBLEMA Effetto della capitalizzazione composta Incasso effettivo degli interessi SOLUZIONE Riallineamento nel medio periodo: Revisione del tasso nominale di interesse Imputazione delle rimesse a interessi, spese capitale (art cc) 41

42 Riflessi operativi sui rapporti in conto corrente (2/2) TIPO INTERVENTO EFFETTO Conto tecnico appoggio Indeterminatezza incasso OPZIONI TECNICHE Meccanismo per finanziamenti bullet Meccanismo all americana Interesse anticipato (Prestito a sconto) Conto parallelo dare/avere Addebito in conto trimestrale Meccanismo di generazione interessi 42

43 Sez.4 - ANATOCISMO La capitalizzazione degli interessi di mora 43

44 Capitalizzazione degli interessi di mora (1/3) È possibile addebitare al mutuatario (Cliente) interessi di mora calcolati sull intera somma costituita dalla rata restata inadempiuta e far decorrere interessi di mora tanto sulla parte di capitale che di interessi? TESI 1: risposta negativa perchè t=0 INTERESSI CORRISPETTIVI QUOTA CAPITALE Data di scadenza della rata INTERESSI DI MORA INTERESSI CORRISPETTIVI QUOTA CAPITALE INTERESSI DI MORA t=2 La pretesa della banca volta a conteggiare a carico del mutuatario interessi sull intera rata rimasta insoluta potrebbe integrare un fenomeno anatocistico vietato dall art.1283 cc. Di conseguenza anche la previsione contrattuale di tale comportamento risulterebbe nulla per violazione di norma imperativa di legge 44

45 Capitalizzazione degli interessi di mora (2/3) Art.3 delibera CICR del 9 febbraio 2000 «nelle operazioni di finanziamento per le quali è previsto che il rimborso del prestito avvenga mediante il pagamento di rate con scadenze temporali predefinite, in caso di inadempimento del debitore, l importo complessivamente dovuto alla scadenza di ciascuna rata può, se contrattualmente stabilito, produrre interessi a decorrere dalla data di scadenza e sino al momento del pagamento. Su questi interessi non è consentita la capitalizzazione periodica» INTERESSI DI MORA INTERESSI CORRISPETTIVI CAPITALE QUOTA CAPITALE t=0 Data di scadenza della t=2 rata TESI 2: risposta positiva perchè Viene ammessa la possibilità di conteggiare gli interessi di mora sull intera rata consentendo anche la produzione di interessi anche sulla parte della rata costituita dagli interessi corrispettivi Dalla data di scadenza il debito (rappresentato dalla rata) diviene esigibile e viene previsto contrattualmente che da quel momento inizia a maturare un nuovo tasso di interesse (di mora) per compensare il creditore per il differimento del pagamento 45

46 Capitalizzazione degli interessi di mora (3/3) La stessa norma esclude la possibilità che sugli interessi di mora possa essere operata un ulteriore capitalizzazione periodica Gli interessi si produrranno su base annua senza capitalizzazione anche se il periodo moratorio è ultrannuale Solo la rata insoluta potrà continuare a produrre interessi moratori. Deve trattarsi di un contratto stipulato successivamente al 22 aprile 2000 con clausola approvata per iscritto Orientamento prevalente: Le clausole che prevedono tale capitalizzazione nei rapporti antecedenti sono da considerarsi nulle ex tunc in quanto contrarie alla norma di cui all art Nuovo art. 120 TUB: «gli interessi periodicamente capitalizzati non possano produrre interessi ulteriori». Applicazione degli interessi di mora alla sola quota capitale? Non sono interessi periodici ma occasionali ed eventuali. Non si configura un contratto con capitalizzazione implicita ma nascita di nuovo credito autonomo che produce i suoi interessi 46

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo IL NUOVO ART. 120 DEL TUB ALL ESAME DELLA GIURISPRUDENZA DI MERITO: RICOSTRUZIONI E POSSIBILI SOLUZIONI OPERATIVE Milano, 27 maggio 2015 Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Dettagli

I principi di matematica finanziaria per un corretto inquadramento di usura e anatocismo

I principi di matematica finanziaria per un corretto inquadramento di usura e anatocismo Usura e anatocismo: novità legislative e consulenze tecniche nel contenzioso bancario Milano,15 maggio 2014 I principi di matematica finanziaria per un corretto inquadramento di usura e anatocismo Prof.

Dettagli

Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche

Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche Corso Leasing ASSILEA - Milano, 10 aprile 2014 Principi di matematica finanziaria per la difesa dalle contestazioni

Dettagli

L USURA BANCARIA NEL CONTO CORRENTE E NEL MUTUO Torino, 27 marzo 2015 CAPITALIZZAZIONE E ANATOCISMO: L'INCOMPRENSIONE FRA MATEMATICA EDIRITTO

L USURA BANCARIA NEL CONTO CORRENTE E NEL MUTUO Torino, 27 marzo 2015 CAPITALIZZAZIONE E ANATOCISMO: L'INCOMPRENSIONE FRA MATEMATICA EDIRITTO L USURA BANCARIA NEL CONTO CORRENTE E NEL UTUO Torino, 27 marzo 2015 CAPITALIZZAZIONE E ANATOCISO: L'INCOPRENSIONE FRA ATEATICA EDIRITTO Prof. ario Comana Ordinario di Economia degli Intermediari finanziari,

Dettagli

Le analisi tecniche e le problematiche connesse al calcolo degli interessi: l anatocismo nei contratti bancari

Le analisi tecniche e le problematiche connesse al calcolo degli interessi: l anatocismo nei contratti bancari Il contenzioso bancario ilano, 18 marzo 2015 Le analisi tecniche e le problematiche connesse al calcolo degli interessi: l anatocismo nei contratti bancari Prof. ario Comana Ordinario di Economia degli

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE.

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) viene impiegato come tasso di riferimento per le operazioni di credito al consumo, mentre il TEG (Tasso Effettivo Globale)

Dettagli

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE CONTENUTO DEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE L'art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.), impone la forma scritta del contratto di conto corrente Inoltre ai commi

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE

FOGLIO INFORMATIVO ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPO SU CREDITI E/O FATTURE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038 Sassano (SA) - Via

Dettagli

Relazione finale. 7 ottobre 2014. Alfa S.r.l. Contratto di Mutuo n 123456789/0. Banca Delta S.p.A.

Relazione finale. 7 ottobre 2014. Alfa S.r.l. Contratto di Mutuo n 123456789/0. Banca Delta S.p.A. Relazione finale 7 ottobre 2014 Alfa S.r.l. Contratto di Mutuo n 123456789/0 Banca Delta S.p.A. Corso Moncalieri, 55 10131 Torino Tel 0110673142 Fax 0110673143 www.tuteladelrisparmio.it info@tuteladelrisparmio.it

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE

FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE FONDAZIONE DELL AVVOCATURA TORINESE FULVIO CROCE Il contenzioso bancario alla luce delle recenti novità normative e della sentenza della Corte Costituzionale n. 78/2012 Il quesito per il C.T.U. RELATORE:

Dettagli

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Avv. Lanfranco Biasiucci Dipartimento Bancario Finanziario Contenzioso: presente e futuro Conto Corrente e finanziamenti operativi (fidi, aperture

Dettagli

LA VERIFICA DELL USURA

LA VERIFICA DELL USURA 1 LA VERIFICA DELL USURA Come verificare il rispetto della l. 108/96 in tema di usura bancaria Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti o possibili migliorie del software si prega

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER SCONTO O ANTICIPAZIONE EFFETTI/FATTURE 1

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER SCONTO O ANTICIPAZIONE EFFETTI/FATTURE 1 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER SCONTO O ANTICIPAZIONE EFFETTI/FATTURE Data aggiornamento: 08/02/2011 } {_Documento} INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua)

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI,

Dettagli

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base al quale il Ministro del Tesoro, sentiti

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. ALLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze)

Dettagli

L ANATOCISMO. (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

L ANATOCISMO. (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili L ANATOCISMO (aspetti pratici) Corso di Formazione Professionale per Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Materia: tecnica professionale Mercoledì 02/03/2016 Docente: Dott.ssa Simona

Dettagli

Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique

Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique ANATOCISMO CMS DIF - CIV USURA Anatocismo OBBLIGO DI PAGAMENTO, NON SOLO DEL CAPITALE E DEGLI INTERESSI PATTUITI, MA ANCHE DEGLI ULTERIORI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4f Altri finanziamenti non cambiari ad imprese

FOGLIO INFORMATIVO. 4f Altri finanziamenti non cambiari ad imprese Pagina 1/12 FOGLIO INFORMATIVO 4f Altri finanziamenti non cambiari ad imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Mutuo Ipotecario - Consumatori

Mutuo Ipotecario - Consumatori BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 FOGLIO INFORMATIVO Mutuo Ipotecario - Consumatori Aggiornato al 1 ottobre 2015 (D.Lgs 1/9/93 n.385 Titolo VI, deliberazione CICR 4/3/2003 e relative disposizioni

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 25 giugno 2014 Pubblicazione dei tassi effettivi globali medi ai sensi della legge sull'usura (legge 7 marzo 1996 n. 108). Periodi di rilevazione 1º gennaio

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI IMOLA S.p.A. GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano resi

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE DI CALTANISSETTA E PIETRAPERZIA FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO ALLE OPERAZIONI DI ANTICIPO SU CREDITI CON CONVENZIONE CONSORZIO UNIFIDI IMPRESE SICILIA INFORMAZIONI

Dettagli

Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge. sull'usura. Periodo di rilevazione 1 ottobre - 31 dicembre 2014.

Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge. sull'usura. Periodo di rilevazione 1 ottobre - 31 dicembre 2014. MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 26 marzo 2015 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull'usura. Periodo di rilevazione 1 ottobre - 31 dicembre 2014. Applicazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OFFERTO ALLE IMPRESE

MUTUO CHIROGRAFARIO OFFERTO ALLE IMPRESE MUTUO CHIROGRAFARIO OFFERTO ALLE IMPRESE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Anagni Società Cooperativa Piazza G. Marconi n. 17-03012 ANAGNI (FR) Tel.: 0775 73391 - Fax: 0775 728276

Dettagli

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1 PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge Regione Valle d Aosta 23 dicembre 2009, n. 52 Interventi regionali per l'accesso al credito sociale INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Finanziaria Regionale Valle d Aosta -

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO DECRETO 19 settembre 2003 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. Periodo ottobre/dicembre 2003. Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108,

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. A LLEGATO A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base

Dettagli

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V

Art. 2. IL CAPO DELLA DIREZIONE V DECRETO 29 settembre 2014. Art. 2. Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Mutuo a tasso variabile per clienti consumatori per liquidità

FOGLIO INFORMATIVO Mutuo a tasso variabile per clienti consumatori per liquidità FOGLIO INFORMATIVO Mutuo a tasso variabile per clienti consumatori per liquidità INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica BANK OF CHINA Ltd Milan Branch Sede Legale Fuxingmennei DaJie 1,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO SENZA RISCHIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO SENZA RISCHIO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO SENZA RISCHIO SEZIONE 1. INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione sociale: UniCredit Banca per la Casa S.p.A. capitale sociale Euro 483.500.000,00 i.v. Codice ABI 03198.9 Banca iscritta

Dettagli

ANTICIPAZIONI SU CREDITI E/O FATTURE

ANTICIPAZIONI SU CREDITI E/O FATTURE INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di ANTICIPAZIONI SU CREDITI E/O FATTURE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI TARSIA (CS) SOC. COOP. Sede legale e amministrativa: Tarsia

Dettagli

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60)

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60) Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE TASSO BCE CON CAP PGC (Cat. 60) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa

Dettagli

PRESTITO SOCI BPC TASSO MISTO

PRESTITO SOCI BPC TASSO MISTO scheda prodotto PRESTITO SOCI BPC rilascio del 02.05.2014 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SOCI BPC TASSO MISTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica BANCA POPOLARE DEL CASSINATE Società

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati TASSO VARIABILE

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati TASSO VARIABILE FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale a Privati TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI

GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI 1 GUIDA ALLE OPZIONI DI RICALCOLO PIU FREQUENTI Per l illustrazione delle opzioni di ricalcolo ex Cass. SU 24418/10 si veda l apposita guida Per ricevere assistenza, segnalare eventuali malfunzionamenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati TASSO FISSO

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale a Privati TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811

Dettagli

YouGo! IMPRESA Sviluppo e Innovazione

YouGo! IMPRESA Sviluppo e Innovazione INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Reale S.p.A. Sede: Corso Vittorio Emanuele II, 101 10128 Torino Capitale sociale: Euro 30.000.000,00 interamente versato Numero Verde: 803.808 Sito Internet: www.bancareale.it;

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutuo chirografario offerto ai consumatori MUTUO CREDITO AMICO Riservato ai Soci persone fisiche (alla data richiesta finanziamento) INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

Foglio informativo (I0404) MUTUO IPOTECARIO TASSO MISTO CON OPZIONE TRIENNALE (Cat. 59)

Foglio informativo (I0404) MUTUO IPOTECARIO TASSO MISTO CON OPZIONE TRIENNALE (Cat. 59) Foglio informativo (I0404) MUTUO IPOTECARIO TASSO MISTO CON OPZIONE TRIENNALE (Cat. 59) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino Firenze) Società Cooperativa

Dettagli

fino a 5.000,00 11,61 18,5125 oltre 5.000,00 10,20 16,7500 oltre 5.000,00 11,69 18,6125 fino a 25.000,00 7,95 13,9375 oltre 25.000,00 7,48 13,3500

fino a 5.000,00 11,61 18,5125 oltre 5.000,00 10,20 16,7500 oltre 5.000,00 11,69 18,6125 fino a 25.000,00 7,95 13,9375 oltre 25.000,00 7,48 13,3500 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI,

Dettagli

USURA: RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE

USURA: RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/09/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V

DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V VISTA la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni

Dettagli

Fissata la soglia dei tassi anti-usura per i mutui da applicare per il periodo dal 1 ottobre fino al 31 dicembre 2005.

Fissata la soglia dei tassi anti-usura per i mutui da applicare per il periodo dal 1 ottobre fino al 31 dicembre 2005. Legge antiusura: tassi usurari per il periodo ottobre-dicembre 2005 Decreto Ministero Economia 21.09.2005 Fissata la soglia dei tassi anti-usura per i mutui da applicare per il periodo dal 1 ottobre fino

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale a Privati INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811 Fax: 0535/83112

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO DECOLLO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO DECOLLO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO DECOLLO SEZIONE 1. INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione sociale: UniCredit Banca per la Casa S.p.A. capitale sociale Euro 483.500.000,00 i.v. Codice ABI 03198.9 Banca iscritta

Dettagli

Contenzioso Bancario

Contenzioso Bancario Contenzioso Bancario Convegno GAM 26 novembre 2014 Dott.ssa Barbara Cardia studiobarbaracardia@gmail.com Corso Stati Uniti 53, Torino Anatocismo nei rapporti bancari Anatocismo: produzione di interessi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PREFINANZIAMENTO (senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO PREFINANZIAMENTO (senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO PREFINANZIAMENTO (senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.: 0471 996111

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONTROLLO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONTROLLO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CONTROLLO SEZIONE 1. INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione sociale: UniCredit Banca per la Casa S.p.A. capitale sociale Euro 483.500.000,00 i.v. Codice ABI 03198.9 Banca iscritta

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE

Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Foglio Informativo n. 5900/06 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2013 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta incaricato dell offerta Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Timbro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI MICROCREDITO O MICROFINANZA

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI MICROCREDITO O MICROFINANZA INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI MICROCREDITO O MICROFINANZA Microcredito per l Italia Impresa Sociale Spa in Roma Via San Giovanni in

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO L.P.21/1992, PIANO STRAORDINARIO 2006-2007 L.P.20/2005 ART. 58 E PIANO STRAORDINARIO 2009 L.P. 23/2007 ART. 53

MUTUO CHIROGRAFARIO L.P.21/1992, PIANO STRAORDINARIO 2006-2007 L.P.20/2005 ART. 58 E PIANO STRAORDINARIO 2009 L.P. 23/2007 ART. 53 FOGLIO INFORMATIVO _Riserve} MUTUO CHIROGRAFARIO L.P.21/1992, PIANO STRAORDINARIO 2006-2007 L.P.20/2005 ART. 58 E PIANO STRAORDINARIO 2009 L.P. 23/2007 ART. 53 {N_Aggiornamento} Data aggiornamento: 02/02/2011

Dettagli

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S):

Finanziamenti: a) Tasso formato dalle seguenti componenti (TB + SP + SD + S): 1 FINANZIARIA SENESE DI SVILUPPO S.P.A. Piazza Matteotti, 30 - SIENA - COD. ABI 194266 Telefono 0577/48102 - Fax 0577/43068 Indirizzo E-Mail: info@fises.it - Sito Internet: www.fises.it OGGETTO: D. Lgs.

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione.

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione. Esercizi di matematica finanziaria 1 VAN - DCF - TIR Esercizio 1.1. Un investitore desidera disporre tra 3 anni d un capitale M = 10000 euro. Investe subito la somma c 0 pari a 1/4 di M. Farà poi un ulteriore

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè

Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Trento - Bassano del Grappa - Baselga di Pinè Anatocismo Interessi ultralegali Commissione di massimo scoperto ARGOMENTI Usura bancaria Costituisce il criterio di calcolo degli interessi applicato dalle

Dettagli

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE 1 FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERCIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel.

Dettagli

Foglio Informativo B1) FINANZIAMENTO AUTONOMO (FA)

Foglio Informativo B1) FINANZIAMENTO AUTONOMO (FA) 1 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D. LGS. 385 dell 01/09/93 - Delibera C.I.C.R. del 04/03/03 - Provvedimento BANCA D ITALIA del 25/07/03). Foglio Informativo B1) FINANZIAMENTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COMPARATIVO relativo ai MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO INFORMATIVO COMPARATIVO relativo ai MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0819776411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Mutuo offerto alle imprese

Mutuo offerto alle imprese FOGLIO INFORMATIVO Mutuo offerto alle imprese Mutuo chirografario a tasso variabile INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N.ML2012/01 Mutuo a tasso variabile per clienti consumatori per liquidità

FOGLIO INFORMATIVO N.ML2012/01 Mutuo a tasso variabile per clienti consumatori per liquidità FOGLIO INFORMATIVO N.ML2012/01 Mutuo a tasso variabile per clienti consumatori per liquidità INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica BANK OF CHINA Ltd Milan Branch Sede Legale Fuxingmennei

Dettagli

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2012/2 Data: 01/04/2012

Mutuo non ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2012/2 Data: 01/04/2012 FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda posta

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 24 giugno 2009

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 24 giugno 2009 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 24 giugno 2009 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. Periodo rilevazione: 1 gennaio-31 marzo 2009. Applicazione dal 1 luglio fino al 30 settembre

Dettagli

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101 ANNUNCIO PUBBLICITARIO MUTUO Chirografario per Consumatore AGGIORNATO AL 01/11/2015 F51900 DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO

Dettagli

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148 7 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO PMI CON PROVVISTA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO PMI CON PROVVISTA CASSA DEPOSITI E PRESTITI FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO PMI CON PROVVISTA CASSA DEPOSITI E PRESTITI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale: 84038 Sassano

Dettagli

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario

Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario Linee guida per i consulenti tecnici giudiziari: l'anatocismo bancario intervento a cura del Rag. Alberto Leggi INTRODUZIONE Da qualche tempo cercavo sulla rete qualche sito che fosse di ausilio ai consulenti

Dettagli

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0409) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino-Firenze)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al ANTICIPAZIONE BANCARIA A SCADENZA FISSA

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al ANTICIPAZIONE BANCARIA A SCADENZA FISSA FOGLIO INFORMATIVO relativo al ANTICIPAZIONE BANCARIA A SCADENZA FISSA Data ultimo aggiornamento: 1 luglio 2015 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Pescia - Credito Cooperativo Società Cooperativa sede legale:

Dettagli

Il Taeg = 0. Trasparenza e credito ai consumatori. 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati.

Il Taeg = 0. Trasparenza e credito ai consumatori. 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. e credito ai consumatori 5 Il Taeg k = n 1 1 + TAEG TAEG ( F k )) tk tk = 0 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. INDICE La formula finanziaria Le ipotesi di calcolo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010 NOTA BENE: le parti evidenziate in giallo sono state

Dettagli

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85)

Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) Foglio informativo (I0407) MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE, RATA COSTANTE, DURATA VARIABILE CON CAP (Cat. 85) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cambiano (Castelfiorentino-Firenze)

Dettagli

Mutuo ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2011/2 Data: 13/04/2011

Mutuo ipotecario GRADUATO LINEA CASA Versione: 2011/2 Data: 13/04/2011 Deutsche Bank Mutui S.p.A. con socio unico Deutsche Bank S.p.A. - Sede Sociale e Direzione Generale: Via Melchiorre Gioia, 8, 20124 Milano Capitale Sociale 48.000.000 Partita IVA 08226630153 iscritta all

Dettagli

INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE

INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano

Dettagli

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom Anatocismo e Usura Bancaria Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom 1 ANATOCISMO USURA RILEVAZIONI CONTABILI ERRATE COSTI OCCULTI INDETERMINATEZZA DELLE CONDIZIONI CONTI CORRENTI MUTUI LEASING DERIVATI

Dettagli

www.alexpander.it TAEG Tasso Annuo Effettivo Globale TASSO GLOBALE

www.alexpander.it TAEG Tasso Annuo Effettivo Globale TASSO GLOBALE TAEG Tasso Annuo Effettivo Globale Costo totale del credito a carico del consumatore espresso in percentuale annua del credito concesso 1. Il TAEG, come indicato dall art. 122, d.lgs. 385/93, T.U. delle

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4e Altri finanziamenti in forma cambiaria Sconto di portafoglio finanziario

FOGLIO INFORMATIVO. 4e Altri finanziamenti in forma cambiaria Sconto di portafoglio finanziario Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4e Altri finanziamenti in forma cambiaria Sconto di portafoglio finanziario Il presente foglio informativo è relativo alle operazioni non rientranti nella fattispecie prevista

Dettagli