news DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2013"

Transcript

1 DELLA PROVINCIA DI TRENTO ANNO XI - N. 2 - II TRIMESTRE 2013 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN A.P. D.L. 353/2003 (CONV. IN L N. 46) ART. 1, COMMA 1 - DCB TRENTO AUT. TRIB. TRENTO N DEL PER. TRIM. LE CONTIENE I.R. news DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2013 Sintesi condizioni di assicurazione Come funziona... in pillole Produzione ordinaria Principali obblighi a carico dell assicurato Soglia per azienda, prodotto, Comune Fondo di mutualità Costo a carico del socio

2 Da Marzo a Giugno aperto anche il sabato dalle ore 8.00 alle PRODOTTI PER AGRICOLTURA, UTENSILERIA, BRICOLAGE, GIARDINAGGIO E... FAI DA TE! Emporio Verde - Sede legale Via 4 novembre, Mezzocorona (TN) Tel.: Fax: Sito web: -

3 Periodico del Consorzio Difesa Produttori Agricoli Co.Di.Pr.A. LA GESTIONE DEI RISCHI PER UN AGRICOLTURA FORTE E COMPETITIVA ANNO XI - N. 2 Co.Di.Pr.A. periodico dell Associazione IN QUESTO NUMERO Esercente l impresa giornalistica: Agriduemila s.r.l. - Via Giusti, TN Direttore responsabile: Piero Flor Direttore editoriale: Andrea Berti Consulente editoriale: Francesca Negri Redazione e Segreteria: Via Giusti, Trento - tel. 0461/915908, fax 0461/ Progetto grafico e impaginazione: Curcu & Genovese Associati S.r.l. Stampa: Litografia Amorth - Via Crosare - Gardolo di Trento Regionale non nazionale!...pag. 4 La gestione dei rischi per un agricoltura europea forte e competitiva...pag. 6 Asnacodi e la rete dei condifesa: le sfide da affrontare...pag. 8 Co.Di.Pr.A.: buon esempio del fare sistema...pag. 11 Polizza multirischio sulle rese per la stabilizzazione dei ricavi aziendali, ottima copertura a costi contenuti...pag. 12 Assicurarsi, come funziona...in pillole...pag. 15 Polizza di assicurazione collettiva Sintesi principali condizioni di assicurazione...pag. 16 Esempio pratico di calcolo del danno...pag. 20 Ambiti normativi assicurazione agevolata pag. 23 Produzione ordinaria: come si calcola la resa...pag. 25 Principali obblighi a carico degli assicurati...pag. 29 Soglia di accesso al risarcimento Fondo di mutualità...pag. 31 Costo a carico del socio: termini di pagamento...pag. 33 Possibilità di adottare diversi livelli di prezzo mercuriale...pag. 34 Allegato ai certificati di Assicurazione Agevolata - Anno pag. 40 Dichiarazione sostitutiva di notorietà...pag. 42 Percentuali per calcolo contributo associativo a carico dei soci anno pag. 43 Percentuali per il calcolo del contributo associativo su produzioni dotate di impianto di difesa attiva...pag. 49 Attestazione da parte del socio...pag. 50 3

4 Regionale non nazionale! I della di Herbert Dorfmann Membro del Parlamento europeo l quadro finanziario pluriennale relativo al sostegno dell agricoltura europea per il periodo terminerà alla fine del corrente anno. Il Parlamento europeo, già dal 2012, è impegnato nella definizione L Italia nel 2012 ha impiegato 113 milioni di euro per la copertura assicurativa agricola, attingendo ai fondi del primo pilastro della PAC: in Trentino Alto Adige, mediamente ogni anno, 25 milioni di euro della PAC sono stati spesi per le assicurazioni. Da queste cifre si capisce quanto gli agricoltori della nostra regione si avvalgano degli strumenti assicurativi come mezzi di garanzia per i loro redditi nuova Politica Agricola Comune Fra le misure con carattere di priorità la Commissione Europea e lo stesso Parlamento hanno stabilito che debbano essere previsti e finanziati gli strumenti per la gestione dei rischi riferibili alle manifestazioni calamitose, estendendoli anche alla volatilità dei prezzi. Con risorse complessive destinate superiori al terzo dell intero bilancio dell U.E., l agricoltura continuerà, anche in futuro, ad avere un ruolo di prim ordine. Il pesante contesto economico e finanziario globale ha comunque determinato una riduzione dei finanziamenti destinati al bilancio EU e di conseguenza anche alla PAC. Probabilmente dobbiamo aspettarci una diminuzione di dotazione finanziaria, sia delle classiche sovvenzioni agricole, contenute nelle misure del primo pilastro, sia in quelle dello sviluppo rurale. Dal punto di vista dei frutticoltori e dei viticoltori della nostra Regione é un bene che i programmi operativi nazionali per la viticoltura e per l ortofrutta, contenuti nel secondo pilastro, vengano mantenuti come misure nella nuova PAC; attualmente stiamo, infatti, utilizzando al meglio questi strumenti. Tra 4 Herbert Dorfmann

5 l altro questi programmi hanno anche contribuito a finanziare i nostri sistemi assicurativi consentendo, tramite le polizze per la protezione contro le avversità, di garantire una sicurezza alle aziende agricole a costi assolutamente accessibili per gli agricoltori. I nuovi regolamenti della misura gestione del rischio mi preoccupano comunque. Basti pensare che l Italia, nello scorso anno, ha impiegato 113 milioni di euro per la copertura assicurativa agricola attingendo ai fondi del primo pilastro della PAC. Solamente nella nostra Regione, mediamente ogni anno, 25 milioni di euro della PAC sono stati spesi per le assicurazioni. Da queste cifre si capisce quanto gli agricoltori della nostra Regione si avvalgano degli strumenti assicurativi, quali mezzi di garanzia per i redditi degli agricoltori. L agricoltura della nostra Regione negli anni è riuscita a discostarsi dal modello della vecchia agricoltura assistita, marginale e residuale ed a ravvicinarsi sempre più ad un agricoltura innovativa e con grosse potenzialità. In futuro le risorse della PAC dovranno essere trovate nel piano di sviluppo rurale, che in Italia é di competenza regionale. Questo comporta il rischio che i fondi complessivi nazionali disponibili fin d ora possano essere suddivisi secondo il riparto dei fondi dei P.S.R. fra le diverse Regioni, penalizzando non poco Regioni come il Trentino Alto Adige che hanno un alta propensione all assicurazione. Per questo nella Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo abbiamo adottato un nuovo regolamento, che permette agli Stati membri di ammettere oltre ai programmi regionali per lo sviluppo rurale, dei programmi nazionali per specifiche misure, quali l assicurazione. Questo permetterebbe anche in futuro, a chi si assicura di avere la disponibilità dei fondi nazionali. Sono convinto inoltre che i contributi pubblici dovranno essere erogati direttamente ai consorzi di difesa anziché ai singoli agricoltori, questo sarà l unico modo per evitare burocrazia e quindi spese a scapito degli assicurati. A Bruxelles stiamo creando degli ottimi presupposti per far funzionare anche in futuro, in maniera ottimale, il sistema assicurativo nel settore agricolo. 5

6 L La gestione dei rischi per un agricoltura europea forte e competitiva di Paola Grossi Presidente del gruppo di lavoro sulla gestione dei rischi in agricoltura del Copa Cogeca nonché responsabile ufficio legislativo di Coldiretti a gestione dei rischi sta acquistando sempre maggiore importanza per le imprese agricole e richiede un analisi globale di sistema, esaminando le fonti di rischio, la possibilità di gestione a livello delle imprese, e gli interventi pubblici utilizzabili, per una elaborazione delle scelte politiche più adeguate al fine di renderla strumento di crescita e fattore di competitività. Tra gli elementi che incidono sulla valutazione va considerato innanzitutto il quadro legislativo, fondato in Italia in passato su una normativa solo nazionale, costituita dalle norme del Fondo di solidarietà e dalle leggi e provvedimenti delle regioni e province autonome e che oggi registra una rilevanza sempre maggiore delle norme comunitarie, che costituiscono il perno fondamentale del quadro legislativo e dei finanziamenti. La riforma della politica agricola comune, che sta giungendo alla sua fase finale e decisiva per l approvazione, conferma tale importanza: nel secondo Pilastro della PAC, dedicato allo sviluppo rurale, la gestione dei rischi è individuata come una delle sei priorità che dovrà contribuire al raggiungimento degli obiettivi fondamentali dell Unione Europea, costituiti dal rafforzamento della competitività del settore agricolo, dalla gestione sostenibile delle risorse naturali e dallo sviluppo equilibrato delle zone rurali. Un agricoltura europea forte e competitiva, in tutte le sue realtà, anche e soprattutto nelle zone interne e di montagna, è un fattore strategico non solo per le imprese agricole e per gli agricoltori: è interesse Paola Grossi Un agricoltura europea forte e competitiva, in tutte le sue realtà, anche e soprattutto nelle zone interne e di montagna, è un fattore strategico non solo per le imprese agricole e per gli agricoltori: è interesse di tutti i cittadini mantenere e rafforzare le nostre imprese che producono innanzitutto cibo e quindi sicurezza degli approvvigionamenti alimentari, di cui ci sarà sempre più bisogno, secondo le stime dell OCSE 6

7 di tutti i cittadini mantenere e rafforzare le nostre imprese che producono innanzitutto cibo e quindi sicurezza degli approvvigionamenti alimentari, di cui ci sarà sempre più bisogno, secondo le stime dell OCSE (Organizzazione internazionale per la cooperazione e lo sviluppo economico) e di tutti i più accreditati studiosi ed organismi economici. Ma l agricoltura produce anche beni pubblici considerati indispensabili dai consumatori italiani ed europei, quali sicurezza alimentare e mantenimento del territorio, attraverso la presenza diffusa degli agricoltori sul territorio e la loro capacità di produrre reddito, anche in situazioni strutturali difficili, come in montagna. L agricoltura si caratterizza per il suo strutturale e funzionale legame con la natura, con il clima, con la materia vivente, quindi risente più di ogni altra attività economica di rischi peculiari e più accentuati per le avversità atmosferiche, le malattie degli animali e delle piante, solo in parte gestibili dall imprenditore. Al tempo stesso, come gli altri settori economici, è sempre più esposta alle regole del commercio internazionale e alle fluttuazioni dei prezzi, che sono influenzati spesso da fattori imprevedibili, mondiali, frequentemente di carattere speculativo spesso completamente al di fuori del controllo dell imprenditore. La gestione dei rischi pertanto si realizza certamente attraverso la loro riduzione a livello aziendale, con un oculata gestione finanziaria, la prevenzione, il rispetto delle regole igieniche e delle norme di qualità. I poteri pubblici influiscono anche a questo livello con gli strumenti che incidono sulla gestione delle acque e del suolo, e in generale sulla prevenzione delle calamità di maggiori dimensioni. Gli strumenti in senso lato assicurativo, cioè i contratti che coprono i rischi aziendali e atmosferici, e i fondi di mutualità coprono un area che si potrebbe definire di mitigazione dei rischi, con uno spazio per il mercato assicurativo privato, gli strumenti della mutualità fra le imprese, i sostegni e le garanzie creditizie, e finanziarie in genere, da parte pubblica, ma altresì la multifunzionalità, la corretta esplicazione delle relazioni commerciali, l integrazione economica fra le imprese agricole di tipo orizzontale e verticale, attraverso la costituzione di cooperative e altre forme in senso lato consortili. In questo ambito fondamentale si è rilevata l esperienza tutta italiana dei consorzi di difesa, che grande interesse sta suscitando anche in Europa, soprattutto in quelle nazioni che si avvicinano ora a questi mezzi, sulla spinta delle norme comunitarie. L esperienza sviluppatasi a Trento e Bolzano ha dato positivi risultati alle imprese agricole e alle cooperative, consentendo a queste ultime di concentrarsi sulla loro attività fondamentale a supporto della commercializzazione e della valorizzazione dei prodotti, anche per consentire loro di aggredire i mercati internazionali portando all estero il made in Italy e le produzioni di maggior pregio. La nuova frontiera su questo fronte è costituita dallo sviluppo di forme globali di tutela del reddito, non solo dalle avversità atmosferiche ma altresì dalle fluttuazioni dei prezzi internazionali. Le politiche di sostegno dovranno concentrarsi su incentivi pubblici mirati, che dovranno fare i conti con una prevedibile, purtroppo, riduzione delle disponibilità dei bilanci, alla luce di una equità redistributiva e di una sburocratizzazione per una sempre maggiore efficienza della spesa. D altra parte sarà indispensabile un azione del sistema delle imprese agricole che dovrà sviluppare azioni coordinate rispondendo ai bisogni reali avvertiti dagli agricoltori con strumenti efficienti e di costo sopportabile. Le azioni dovrebbero quindi essere orientate dalla duplice considerazione dell efficienza e dell equità, con azioni volte a sviluppare i mercati dei prodotti innovativi, agendo sulla leva contributiva, particolarmente nel supporto alle forme assicurative in senso lato, compresi i fondi di mutualità, e agli interventi per la stabilizzazione dei prezzi. 7

8 L Asnacodi e la rete dei Condifesa: le sfide da affrontare di Giacomo Bertolini Direttore Asnacodi a storia dei Consorzi di difesa ha più di quarant anni. In questo tempo abbiamo assistito gli imprenditori agricoli italiani nella prevenzione e gestione dei rischi d impresa. Grazie all attività mutualistica dei 65 Condifesa tuttora operativi, coordinata dalla loro associazione nazionale, sono stati realizzati importanti progressi nell individuazione e gestione di strumenti assicurativi e mutualistici a favore degli agricoltori. Oggi, in tempi di mutamenti climatici conclamati, di mercati globalizzati e di società e territori interconnessi, il reddito degli agricoltori è particolarmente esposto. Variazioni repentine e anomale delle condizioni atmosferiche, volatilità dei prezzi internazionali, malattie degli animali e fitopatie delle piante prima sconosciute: sono le minacce rispetto alle quali Asnacodi e i Condifesa devono riflettere ed adottare scelte coraggiose per tutelare la produzione agroalimentare italiana e la stabilità dei redditi degli operatori agricoli. L Innovazione degli strumenti di gestione del rischio, la trasparenza nel rapporto con le imprese agricole, l ottimizzazione e la coesione organizzativa devono diventare i principi cardine dell attività. L innovazione degli strumenti di gestione del rischio L azione dei Condifesa negli ultimi anni ha dimostrato in che modo le aggregazioni di imprese agricole, coordinate e orientate con determinazione nella giusta direzione, possono giocare un ruolo centrale, focalizzando le proprie attività sull interesse delle imprese, nelle fasi di forte cambiamento. Il mercato assicurativo non costituisce un eccezione. Va infatti riconosciuto che la sensibile diminuzione delle tariffe assicurative e la rinnovata offerta di coperture Pluri e Multirischio di questi ultimi anni - con il progressivo abbandono della tradizionale impostazione grandinocentrica - sono essenzialmente frutto della profonda innovazione, provocata e generata dall azione di Asnacodi e dei Condifesa che ha costituito un elemento di rottura degli orientamenti conservativi delle compagnie e del mercato assicurativo. Ma è anche vero e necessario prendere atto che si è entrati in una nuova ulteriore fase caratterizzata da vincoli e opportunità. A livello europeo è stata consolidata la misura della gestione dei rischi e delle crisi di mercato introdotta a titolo sperimentale solo di recente. Occorre allora essere consapevoli Polizze all risk per la copertura dell intero patrimonio aziendale, formule idonee a contrastare la volatilità dei prezzi di mercato e nuove forme di protezioni tramite Fondi mutualistici, sono la nuova frontiera da affrontare senza indugio, assieme alla necessità di trasferire agli agricoltori una mentalità e una nuova consapevolezza delle sfide che sono chiamati ad affrontare nel futuro immediato 8

9 fino in fondo del fatto che il giro di boa rispetto agli interventi compensativi ex post non ammette ritorno. Al contempo, occorre prendere atto della necessità di orientare gli agricoltori verso forme di protezione preventive ed efficaci nel fronteggiare fenomeni di mercato e ambientali globalizzati. In tale contesto, occorre che anche Asnacodi e i Condifesa ripensino il proprio ruolo. Ciò è possibile nella misura in cui Asnacodi e i Condifesa saranno in grado di proporsi agli agricoltori, agli operatori del mercato assicurativo e alle Istituzioni, in una dimensione operativa caratterizzata dal contatto diretto con gli agricoltori e da un moderno schema interpretativo della realtà imprenditoriale e di mercato. Polizze all risk per la copertura dell intero patrimonio aziendale, formule idonee a contrastare la volatilità dei prezzi di mercato e nuove forme di protezioni tramite Fondi mutualistici, sono la nuova frontiera da affrontare senza indugio. Contestualmente appare fondamentale la necessità di trasferire agli agricoltori una mentalità e una nuova consapevolezza delle sfide che sono chiamati ad affrontare nel futuro immediato. Efficienza operativa e organizzativa Anche in un altro ambito è richiesto un ripensamento urgente da parte di Asnacodi e del Sistema dei Condifesa: la struttura organizzativa. In una stagione in cui è richiesto agli agricoltori di adottare un approccio imprenditoriale al passo coi tempi nella gestione della loro attività, anche Asnacodi e i Consorzi devono prestare la massima attenzione alla propria attività e aderire al medesimo approccio. Strutture di servizi che presentino caratteristiche di professionalità ed efficienza organizzativa sono una risorsa preziosa per il conseguimento da parte delle imprese agricole di obiettivi di efficiente gestione dei rischi e di stabilizzazione della redditività. Sono ormai del tutto superate logiche organizzative che non tengano in considerazione il corretto dimensionamento e la sostenibilità dei costi del servizio. Occorre quindi perseguire la strada delle aggregazioni tra gli attuali Condifesa di livello territoriale delle dimensioni minimali e, allo stesso tempo inserire e far crescere all interno delle strutture aggregate risorse dotate di adeguate competenze e professionalità. Le principali sfide della riorganizzazione consistono nella determinazione e nella tempestività: nell attuale congiuntura economica, il successo del sistema dipende anche dalla capacità di adeguamento alle esigenze del mercato e dalla forza contrattuale generata dalla coesione all interno delle strutture di riferimento. 9

10 Da sinistra, Fabrizio Salerno, Marco Angeletti, Giacomo Chinini e Giacomo Bertolini di Asnacodi In aggiunta, il progetto di aggregazione territoriale risponde coerentemente alle linee di intervento tracciate dalla Politica Agricola Comunitaria e alle iniziative di riforma provenienti da Bruxelles, che richiedono di rafforzare la coesione territoriale e incentivano il ricorso a forme di gestione collettiva della contrattazione assicurativa e degli strumenti mutualistici. I rapporti con le imprese agricole La scelta di un impresa agricola di ricorrere a coperture assicurative ovvero di aderire a un iniziativa mutualistica richiede una analisi approfondita: può essere influenzata da diversi fattori che, in linea generale, possono essere ricondotti a tre principali categorie: caratteristiche personali dell imprenditore, caratteristiche dell impresa e caratteristiche del contratto assicurativo ovvero dello strumento di gestione del rischio. Le caratteristiche soggettive dell imprenditore riguardano la percezione del rischio e il livello di avversione allo stesso, e la capacità di gestire le rischiosità aziendali (prevenzione e mitigazione dei possibili danni). Le caratteristiche dell impresa sono innanzitutto economiche (presenza di redditi non aziendali, situazione finanziaria, rilevanza dei costi fissi, rilevanza dei pagamenti annuali PAC), ma anche strutturali (entità degli investimenti e dimensioni dell azienda come insieme organizzato di risorse produttive) e produttive (diversificazione produttiva, profilo di rischio, presenza di mezzi tecnici per la gestione di rischiosità specifiche). Se è vero che da una disamina, per quanto sommaria, dell attuale realtà imprenditoriale dell agricoltura italiana emergono oggi situazioni molto più diversificate e organizzate rispetto a 10/15 anni fa, allora è del tutto evidente che l azione di Asnacodi e dei Condifesa non può più prescindere (in un contesto di sviluppo che, peraltro, gli stessi Condifesa hanno contribuito a determinare) da un approccio al servizio basato su una conoscenza diretta dell impresa e del suo concreto fabbisogno di protezione. Rispetto agli elementi qualificanti della singola azienda e dell attività d impresa dalla stessa svolta, vanno dunque esaminate le diverse opzioni offerte dai contratti assicurativi (la tipologia di copertura, le condizioni generali e quelle speciali per singolo prodotto, le franchigie, i limiti di risarcimento, gli scoperti) e tutti gli aspetti ulteriori che possono fare del contratto un oggetto di interesse dell agricoltore e dell impresa. In altri termini si tratta per i Condifesa di oltrepassare la linea della tradizionale attività di facilitatori dell accesso al contributo pubblico attività amministrativa a basso valore aggiunto a quella di consulenti per la gestione del rischio in agricoltura organizzati in centri dalle competenze tecniche specialistiche. Ruolo che non può più essere appannaggio dei soli operatori professionali del mercato assicurativo, che da sempre si relazionano con gli imprenditori agricoli nella propria legittima visione di business, focalizzata sulla sottoscrizione di contratti assicurativi. Il Percorso organizzativo Il cammino di Asnacodi e dei Condifesa verso gli obiettivi segnati dai cambiamenti in corso e dalle politiche europee del futuro è appena iniziato. È come pianificare la costruzione della terza corsia di un autostrada: per consentire la massima velocità ed efficienza, la nuova corsia va costruita mentre le altre due sono nel pieno del loro funzionamento, senza ridurne se non in misura minima la capacità di carico. Ciò sarà possibile se i Condifesa, per primi, accetteranno il confronto con il cambiamento e faranno proprie le nuove esigenze delle imprese associate. 10

11 Co.Di.Pr.A.: buon esempio del fare sistema I di Franco Panizza Senatore della Repubblica e membro della Commissione Agricoltura del Senato n un contesto economico nazionale ed internazionale difficile, contraddistinto da una bassa crescita economica e da una stagnazione dell economia, il capitale umano è un fattore indispensabile per il rilancio. La crisi attuale deve essere colta come occasione di cambiamento e di rilancio con una responsabilità straordinaria da parte di tutti. Il Trentino, ed in particolare il mondo agricolo, è storicamente esempio di capacità di interpretare e cogliere le migliori opportunità partendo dalla centralità dell elemento umano che trova il suo habitat naturale nel modello dell associazionismo. La cooperazione non ha dato solo risposte di tipo economico alle esigenze della produzione e della trasformazione. È un movimento che è riuscito a creare coesione sociale e unità all interno delle comunità e questi sono valori che non si misurano solo sul piano economico. Sono patrimoni che ci sono, perché con tanta lungimiranza e tanto impegno sono stati pensati e realizzati dai nostri padri. Noi abbiamo l obbligo di rafforzarli e metterli a disposizione delle nuove generazioni. Le aziende agricole Trentine quotidianamente operano avendo a riferimento i valori di solidarietà e mutualità; è una filosofia di vita, significa accettare e condividere insieme impegni e sacrifici con la coscienza e la consapevolezza che i benefici saranno rilevanti e collettivi. La nostra terra ha già conosciuto in passato difficoltà che abbiamo saputo superare grazie anche al responsabile senso di appartenenza al sistema e alla capacità di fare sistema, per il raggiungimento di obiettivi collettivi. Codipra è un esempio di quanto è importante fare sistema: infatti è riuscito a dare valide risposte alle esigenze delle aziende agricole Trentine con soluzioni assicurative e mutualistiche all avanguardia anche a livello nazionale, avendo chiari due obiettivi: contribuire a proteggere la redditività delle imprese agricole associate ed essere protagonisti nello sviluppo delle soluzioni innovative. Le riforme in discussione a Bruxelles, il perseguimento di politiche per la crescita, la consapevolezza della necessità di una svolta culturale rappresentano condizioni indispensabili per cambiare rotta. Nelle proposte presentate dalla Commissione Europea per la riforma, la gestione dei rischi climatici è individuata come una priorità per raggiungere gli obiettivi della politica di sviluppo rurale, una politica che guardi con responsabilità innovativa al futuro, nella creazione di strumenti di stabilizzazione del reddito degli agricoltori. L attitudine conservatrice potrebbe comportare una perdita di efficienza e competitività; in questa fase di riforma bisogna avere il coraggio di mettersi in gioco prima di tutto come sistema, nel tentativo di rinnovare il settore e di trovare nuovi vantaggi competitivi. Professionalmente sono sempre stato vicino al mondo agricolo ed anche a seguito della mia elezione a Senatore della Repubblica continuerò ad essere accanto a questo settore. Proprio per questo con grande interesse e determinazione ho voluto e ottenuto la nomina a membro della Commissione Agricoltura del Senato considerandolo un ruolo strategico in ambito nazionale per la mia terra. Franco Panizza 11

12 Polizza multirischio sulle rese per la stabilizzazione dei ricavi aziendali, ottima copertura a costi contenuti L a polizza multirischio è un economica soluzione per la copertura assicurativa di tutte le calamità e rappresenta, inoltre, lo strumento sviluppabile per arrivare alla copertura dei ricavi aziendali che rappresenta un obiettivo della nuova Politica Agricola La Comunità Economica Europea ha aperto una fase di attenta analisi delle strategie da adottare per la nuova programmazione della politica agricola Il settore della gestione del rischio di produzione in agricoltura è considerato uno degli strumenti fondamentali per la stabilizzazione dei ricavi aziendali ed ancora maggiori risorse saranno destinate in futuro a questo settore. È in fase di studio la nuova misura (Income Stabilization Tool), ossia strumento di stabilizzazione del reddito. Con questa misura l U.E. mira a creare una rete di sicurezza per l insieme delle conseguenze negative che possono compromettere il reddito delle imprese agricole (calamità atmosferiche e crisi di mercato). Le ipotesi oggi definite prevedono l accessibilità per imprese che abbiano subito una perdita quali-quantitativa di almeno il 30% e con una risarcibilità massima del 70% della perdita stessa. Le difficoltà nel perfezionare una soluzione tanto ambiziosa non sono poche e sicuramente dovranno essere affrontate gradualmente con una continua evoluzione dei contratti assicurativi e dei diversi strumenti di gestione del rischio oggi utilizzati. La polizza multirischio sulle rese è sicuramente la base di partenza che, grazie al supporto del Consorzio Italiano di Coriassicurazione, potrà essere, nel tempo, sviluppata in polizza a copertura dei ricavi e del reddito. La nuova polizza è inoltre il prodotto assicurativo che, anche grazie alla riassicurazione pubblica, offre a costi assolutamente competitivi una copertura assicurativa contro tutte le manifestazioni calamitose. Il Piano Assicurativo Agricolo Nazionale 2013 ha diversificato le aliquote contributive. Esclusivamente la tipologia di polizza Multirischio beneficia dell aliquota massima contributiva pari all 80% mentre le aliquote delle 12

13 pluririschio sono pari al 65% o 75% a seconda del numero delle avversità ricomprese in garanzia. Principali caratteristiche della polizza multirischio sulle rese per la stabilizzazione dei ricavi aziendali: Copertura dei rischi derivanti da tutte le manifestazioni calamitose (grandine, venti forti, gelo-brina e sbalzo termico, siccità, eccesso acqua, alluvione). Assoluta competitività dei costi a carico degli agricoltori. Operatività del Fondo Mutualistico che integra la garanzia assicurativa con indennizzo dei danni sotto soglia, come per gli altri tipi di polizza. Massimo indennizzo applicato al valore assicurato complessivo aziendale di uno specifico Comune per varietà (es. golden, red, renetta, pinot nero, teroldego, ecc.) e non per partita. Franchigia applicata al valore assicurato relativo alla medesima varietà per Comuna (es. golden, red, renetta, pinot nero, teroldego, ecc.). Scoperto del 20% del danno qualora il prodotto assicurato sia stato danneggiato esclusivamente o prevalentemente dagli eventi siccità e/o venti sciroccali e/o colpo di sole e/o gelo e/o brina e/o sbalzo termico. Per prevalente sono da intendersi i casi in cui i danni da gelo e/o colpo di sole siano maggiori al danno da grandine e vento. 13

14 14

15 L Assicurarsi, come funziona...in pillole agricoltore che intende assicurarsi, entro il 15 maggio, deve attivare LA DOMANDA DI AIUTO. Tale prenotazione consiste semplicemente nel barrare l apposita casella nell ambito della Domanda Unica P.A.C. da effettuarsi presso i Centri di Assistenza Agricola (C.A.A.). Per tale richiesta è necessario concordare appuntamento con gli uffici dei C.A.A. Centri Assistenza Agricola. Vi è da sottolineare che la prenotazione non è vincolante alla stipula dei successivi contratti assicurativi quindi l Agricoltore che ha barrato la domanda prenotando l aiuto e che non perfeziona alcun contratto assicurativo non è soggetto ad alcun costo od obbligo. La sottoscrizione di eventuali certificati di assicurazione può avvenire sia prima che dopo l attivazione della richiesta di aiuto (nello stesso modo degli anni scorsi). Ricordatevi quindi, nel caso ci si intenda assicurare, che entro il 15 maggio è necessario attivare la domanda P.A.C. presso i C.A.A.- Centri Assistenza Agricoli -, di tutte le altre disposizioni per l ottenimento del contributo si farà pure carico CO.DI. PR.A. ed i C.A.A. Sottolineiamo che i dati delle produzioni e delle superfici oggetto di copertura assicurativa devono trovare corrispondenza con quanto risultante dal Fascicolo Aziendale aggiornato (l aggiornamento è effettuabile presso i C.A.A. Centri di Assistenza Agricola). Da ricordare quindi: ENTRO 15 MAGGIO 2013 AGGIORNAMENTO FASCICOLO AZIENDALE E ATTIVAZIONE DOMANDA P.A.C. (da concordare assolutamente le modalità con Uffici C.A.A. Centri Assistenza Agricola). ENTRO IL 20 MAGGIO 2013 SOTTOSCRIZIONE CERTIFICATI DI ASSICURAZIONE Ogni ulteriore adempimento verrà gestito da CO.DI.PR.A. 15

news DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2014

news DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2014 DELLA PROVINCIA DI TRENTO ANNO XII - N. 2 - II TRIMESTRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN A.P. D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27.02.2004 N. 46) ART. 1, COMMA 1 - DCB TRENTO AUT. TRIB. TRENTO N. 1161

Dettagli

per la difesa dei redditi

per la difesa dei redditi a cura di MARIA TERESA TURCHI - Agenzia Territoriale per la Sostenibilità Alimentare, Agro-Ambientale ed Energetica, Bologna Coldiretti E.-R. Polizze e fondi mutualistici per la difesa dei redditi GIANNI

Dettagli

DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2015

DIFESA ASSICURATIVA AGRICOLA AGEVOLATA 2015 DELLA PROVINCIA DI TRENTO ANNO XIII - N. 2 - II TRIMESTRE 2015 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN A.P. D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27.02.2004 N. 46) ART. 1, COMMA 1 - DCB TRENTO AUT. TRIB. TRENTO N. 1161

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO Ravenna, Data timbro postale Prot. 22/2014 Socio N SOCIO Oggetto: Campagna Assicurativa 2014 Spett.le DENOMINAZIONE INDIRIZZO FRAZIONE CAP COMUNE PROVINCIA Egregio Socio, La informiamo che è aperta la

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 ASSOCIAZIONE REGIONALE DEI CONDIFESA DELLA LOMBARDIA Condifesa Bergamo...035301030 Condifesa Brescia...0302548562 Condifesa Como e Lecco...031473071

Dettagli

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 CONDIFESA CN 23/26/27 Febbraio 2015 1 II PILASTRO SVILUPPO RURALE Il valore

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 Mantova, 12/03/2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 La copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli è effettuata nell ambito del regime di sostegno specifico di cui all articolo 68 del Regolamento (CE)

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato La gestione del rischio Gregorio Rigotti Dipartimento Territorio, Agricoltura, Ambiente e Foreste Trento, 6 marzo 2014 Contenuti La

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO Ravenna, Data timbro postale Prot. 39/2015 Oggetto: Campagna Assicurativa 2015 A TUTTI I SOCI LORO SEDI Egregio Socio, Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2015. NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PLURIRISCHIO GRANDINE VENTO ED ECCESSO DI PIOGGIA (Solo Frutta ed Uva)

NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PLURIRISCHIO GRANDINE VENTO ED ECCESSO DI PIOGGIA (Solo Frutta ed Uva) NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE PLURIRISCHIO GRANDINE VENTO ED ECCESSO DI PIOGGIA (Solo Frutta ed Uva) 1. OGGETTO DELLA GARANZIA La garanzia riguarda il prodotto relativo ad un solo ciclo produttivo.

Dettagli

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 CONDIFESA Vercelli e Biella Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 Avversità assicurabili nel 2014 su tutto il territorio nazionale Il Piano Assicurativo Agricolo Nazionale prevede: AVVERSITA

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

PROCEDURE DA SEGUIRE PER OTTENERE IL CONTRIBUTO COMUNITARIO (Art. 68 Reg Ce 73/2009 e Reg. Ce 1234/2007 - OCM vino)

PROCEDURE DA SEGUIRE PER OTTENERE IL CONTRIBUTO COMUNITARIO (Art. 68 Reg Ce 73/2009 e Reg. Ce 1234/2007 - OCM vino) Ravenna, Data timbro postale Prot. 25/2013 Oggetto: Campagna Assicurativa 2013 Egregio Socio, La informiamo che è aperta la campagna assicurativa 2013. Come gli anni scorsi l OCM vino finanzierà le polizze

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166

Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166 Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166 83251 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 DEFINIZIONI GENERALI: o SOCIETA : l impresa assicuratrice e le eventuali imprese coassicuratrici che presta/prestano la garanzia. o CONTRAENTE: il Consorzio di Difesa, riconosciuto

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI VIVAI PIANTE ORNAMENTALI Rischi agevolati Campagna assicurativa 2014 Dal 01 gennaio 2010 è in vigore il nuovo sistema di contribuzione pubblica sulle polizze

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI PREMESSA L impianto arboreo di un vigneto o frutteto è un investimento importante che comporta dei costi imprenditoriali normalmente ammortizzati durante l intero

Dettagli

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 Scadenza adesione Polizze collettive 1) Per essere ammessi a contributo i certificati devono essere sottoscritti entro le seguenti date: 31 Marzo 2014 Colture a

Dettagli

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE I numeri della campagna 2011 I Fondi di mutualità Perugia, gennaio 2012 Il ruolo dell ISMEA per le assicurazioni agricole agevolate ISMEA realizza servizi assicurativi

Dettagli

Corso di formazione Perito estimatore danni da avversità atmosferiche GRANDINE. 20/02/2015 I.I.S. Stanga Cremona

Corso di formazione Perito estimatore danni da avversità atmosferiche GRANDINE. 20/02/2015 I.I.S. Stanga Cremona GRANDINE 20/02/2015 I.I.S. Stanga Cremona Dario Burizzi Reale Mutua Assicurazioni 1 Introduzione / Campagna Grandine Il Ramo Grandine assicura i danni provocati da eventi atmosferici quali, per citare

Dettagli

CONSORZIO REGIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PER LA DIFESA DELLE PRODUZIONI INTENSIVE DALLE AVVERSITÀ ATMOSFERICHE NELLA REGIONE LAZIO

CONSORZIO REGIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PER LA DIFESA DELLE PRODUZIONI INTENSIVE DALLE AVVERSITÀ ATMOSFERICHE NELLA REGIONE LAZIO CONSORZIO REGIONALE PRODUTTORI AGRICOLI PER LA DIFESA DELLE PRODUZIONI INTENSIVE DALLE AVVERSITÀ ATMOSFERICHE NELLA REGIONE LAZIO Cod. Fisc. 80010280602 D.M. n 3023 del 30/07/1973 G.U. n 221 del 28/08/1973

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 DEFINIZIONI GENERALI: o SOCIETA : l impresa assicuratrice e le eventuali imprese coassicuratrici che presta/prestano la garanzia. o CONTRAENTE: il Consorzio di Difesa, riconosciuto

Dettagli

LA POLIZZA MULTIRISCIO. Alessio Almoto IMSEA

LA POLIZZA MULTIRISCIO. Alessio Almoto IMSEA LA POLIZZA MULTIRISCIO Alessio Almoto 0 IMSEA CONSORZIO ITALIANO DI CORIASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA NATURALI IN AGRICOLTURA Le condizioni contrattuali delle polizze multirischio sulle rese per la

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO Ravenna, 31 Marzo 2015 Prot. 38/2015 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Oggetto: Campagna Assicurativa 2015 Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2015. NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA

Dettagli

COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE

COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE 1 30/03/2015 COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE NOBIS Decorrenza garanzia ore 12 del giorno successivo ore 12 del sesto giorno ore 12 del 20 giorno ore 12 del 30 giorno Grandine e Vento Gelo/Brina Eccesso di pioggia

Dettagli

CONDIFESA VERCELLI BIELLA Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive delle Province di Vercelli e Biella 0108

CONDIFESA VERCELLI BIELLA Consorzio di Difesa delle Produzioni Intensive delle Province di Vercelli e Biella 0108 Definizione AVVERSITA ATMOSFERICHE: Grandine: acqua congelata in atmosfera che cade sotto forma di granelli di ghiaccio di dimensioni variabili. Gelo/brina: abbassamento termico inferiore a 0 gradi centigradi

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 DEFINIZIONI GENERALI: o SOCIETA : l impresa assicuratrice e le eventuali imprese coassicuratrici che presta/prestano la garanzia. o CONTRAENTE: il Consorzio di Difesa, riconosciuto

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

PREMESSA. La Politica Agricola Comunitaria 2020 L inizio di un nuovo futuro. Stimati Soci,

PREMESSA. La Politica Agricola Comunitaria 2020 L inizio di un nuovo futuro. Stimati Soci, PREMESSA La Politica Agricola Comunitaria 2020 L inizio di un nuovo futuro Stimati Soci, Stefan Klotzner presidente del consorzio difesa grandine la nuova PAC 2020 pone la gestione del rischio al scopo

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ELEMENTO DI RAFFORZAMENTO DELLA COMPETITIVITA DEL SETTORE AGRICOLO La strategia dei Condifesa: innovazione ed opportunità dr. Andrea Berti Direttore Co.Di.Pr.A. 1 VISION Bill Gates

Dettagli

SISTEMA GESTIONE QUALITA

SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA RICHIESTE DI CHIARIMENTO, VALUTAZIONI E SUGGERIMENTI FORNITI DAI SOCI NELLE ASSEMBLEE PARZIALI DEL MESE DI FEBBRAIO 2012 E TRAMITE QUESTIONARIO CONOSCITIVO: 1) I Soci risultano

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURAT IVA AVVERSIT A AT MOSFERICHE- A N N O 2 0 1 4 /

CAMPAGNA ASSICURAT IVA AVVERSIT A AT MOSFERICHE- A N N O 2 0 1 4 / 6 D I R E Z I O N E 71121 Foggia P.za Padre Pio, Pal. Caccavo Sc.B Alle AGENZIE di ASSICURAZIONE FOGGIA, 19 marzo 2014 delle SOCIETÀ CONVENZIONATE Prot. N. LORO SEDI CAMPAGNA ASSICURAT IVA AVVERSIT A AT

Dettagli

POLIZZE AMMESSE AD ASSICURAZIONE AGEVOLATA

POLIZZE AMMESSE AD ASSICURAZIONE AGEVOLATA prot. n. /14 Terni, 17 marzo 2014 Ai sig.ri S O C I Loro Indirizzo OGGETTO: campagna assicurativa 2014 Egregio Socio, La informiamo che è iniziata la campagna assicurativa 2014, La invitiamo pertanto a

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE Il Fondo di Riassicurazione istituito dall art. 127 comma 3 della Legge 388 del 2000, avendo come attività esclusiva la riassicurazione chiude il bilancio 2011 entro

Dettagli

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA 2013 RACCOMANDIAMO DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO Ravenna, 18 marzo 2013 Prot. 18/2013 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Oggetto: Campagna Assicurativa 2013 Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2013. NOVITA CAMPAGNA ASSICURATIVA

Dettagli

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO CONTENUTI

Dettagli

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE POLIZZA COLLETTIVA AVVERSITA ATMOSFERICHE 2015 RISCHI NON AGEVOLATI Contraente CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE Indirizzo C.A.P. Comune CORSO PORTA NUOVA, 98 37122 VERONA Codice Fiscale/Partita

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO CON SOGLIA E FRANCHIGIA SCALARE (GOLD)

POLIZZA MULTIRISCHIO CON SOGLIA E FRANCHIGIA SCALARE (GOLD) POLIZZA MULTIRISCHIO CON SOGLIA E FRANCHIGIA SCALARE (GOLD) CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE In conformità a quanto previsto nel Piano Assicurativo Agricolo Annuale di cui al Dlgs 102/04, e successive modifiche

Dettagli

Consorzio Regionale Molisano di Difesa Campobasso

Consorzio Regionale Molisano di Difesa Campobasso Consorzio Regionale Molisano di Difesa Campobasso CAMPAGNA ASSICURATIVA 2009 DISPOSIZIONI OPERATIVE CO.RE.DI.MO 1 DI CHE COSA PARLIAMO: 1. COMPILAZIONE CERTIFICATI 2. DOCUMETAZIONE OBBLIGATORIA 3. D.M.

Dettagli

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione.

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. Allegato alla Delib.G.R. n. 33/15 del 30.6.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO

LA GESTIONE DEL RISCHIO LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA NUOVA PAC: LO STRUMENTO PER LA STABILIZZAZIONE DEL REDDITO ROBERTO D AURIA www.ismea.it www.ismeaservizi.it TRENTO, 28/03/2014 REGOLAMENTO (UE) N.1305/2013 - SR 2014-2020

Dettagli

SUGGERIMENTO AI SOCI CONDIFESA TRENTO COSTO INFERIORE E MIGLIOR VALUTAZIONE DEL DANNO

SUGGERIMENTO AI SOCI CONDIFESA TRENTO COSTO INFERIORE E MIGLIOR VALUTAZIONE DEL DANNO Spazio per la ragione sociale dell Intermediario/Società CONDIFESA TRENTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO SUGGERIMENTO AI SOCI PRIMA DELL ADESIONE VALUTARE ATTENTAMENTE LA CONVENIENZA DELLE NUOVE POLIZZE MULTIRISCHIO

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 Le coperture assicurative agevolate per le produzioni agricole, a partire dal 2015, potranno attingere dalle risorse comunitarie previste dal Reg.UE 1305/2013 (art.37) nell ambito

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Convegno Assicurazioni e gestione del rischio in agricoltura: nuovi strumenti ed innovazioni operative Perugia 26 gennaio 2011 Il fondo mutualistico:

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio tel. 0383.82392/804067 fax 0383.805509 coprovi@maxidata.it condifesa.pavia@asnacodi.it www.coprovi.it Campagna

Dettagli

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia La Cia ha più volte espresso la sua posizione sulla Riforma della Pac e sul documento base presentato dalla Commissione

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Ezio Castiglione Responsabile Scientifico Giovanni Razeto Redazione Michele Pennucci, Massimiliano Crociani, Alessio Almoto La ricerca è stata eseguita

Dettagli

FUSIONE TRA CONDIFESA DELL EMILIA ROMAGNA

FUSIONE TRA CONDIFESA DELL EMILIA ROMAGNA FUSIONE TRA CONDIFESA DELL EMILIA ROMAGNA RAGIONI STRATEGICO-ECONOMICHE RAVENNA MODENA PARMA PIACENZA 1 PREMESSA Le motivazioni che spingono verso un processo di aggregazione sono di natura strategica

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

Ravenna, 27 Febbraio 2012 Prot. 19/2012 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI

Ravenna, 27 Febbraio 2012 Prot. 19/2012 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Ravenna, 27 Febbraio 2012 Prot. 19/2012 A TUTTE LE AGENZIE DI ASSICURAZIONE LORO SEDI Oggetto: Campagna Assicurativa 2012 Comunichiamo che è aperta la campagna assicurativa 2012. IMPORTANTE COMUNICAZIONE

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

Competenze dei dottori agronomi in materia. di stima di danni da calamità naturali. Dott. Agr. Stefano Scaglioni

Competenze dei dottori agronomi in materia. di stima di danni da calamità naturali. Dott. Agr. Stefano Scaglioni Competenze dei dottori agronomi in materia di stima di danni da calamità naturali Dott. Agr. Stefano Scaglioni Le calamità naturali: grandine, vento, siccità, piogge eccessive, hanno colpito l uomo ed

Dettagli

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2009

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2009 L assicurazione agricola agevolata in Italia I risultati della campagna 2009 Agosto 2010 Studio annuale sulle assicurazioni agricole agevolate Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Egidio

Dettagli

CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI

CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI N. CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI Società Largo Tazio Nuvolari, 1 20123 MILANO Contraente Consorzio di Difesa di Premesso che tra le Parti sopra indicate è stata sottoscritta,

Dettagli

METODOLOGIE GENERALI DI STIMA DEI DANNI DA AVVERSITA ATMOSFERICHE Polizze pluririschio e multirischio Contratto e condizioni di assicurazione

METODOLOGIE GENERALI DI STIMA DEI DANNI DA AVVERSITA ATMOSFERICHE Polizze pluririschio e multirischio Contratto e condizioni di assicurazione CORSO DI FORMAZIONE PERITO ESTIMATORE DANNI DA AVVERSITA ATMOSFERICHE METODOLOGIE GENERALI DI STIMA DEI DANNI DA AVVERSITA ATMOSFERICHE Polizze pluririschio e multirischio Contratto e condizioni di assicurazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA POLIZZA COLLETTIVA INTEGRATIVA GRANDINE NON AGEVOLATA ALLA POLIZZA AGEVOLATA

NOTA INFORMATIVA POLIZZA COLLETTIVA INTEGRATIVA GRANDINE NON AGEVOLATA ALLA POLIZZA AGEVOLATA NOTA INFORMATIVA POLIZZA COLLETTIVA INTEGRATIVA GRANDINE NON AGEVOLATA ALLA POLIZZA AGEVOLATA EDIZIONE 1/2011 La presente Nota informativa è redatta secondo lo schema predisposta dall ISVAP, ma il suo

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE SENZA SOGLIA DI DANNO

POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE SENZA SOGLIA DI DANNO POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE SENZA SOGLIA DI DANNO CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE 2011 RISCHI AGEVOLATI 1 CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

CESAR - ASNACODI. Assisi, 31 gennaio 2014. Convegno IL FUTURO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E NUOVA PAC

CESAR - ASNACODI. Assisi, 31 gennaio 2014. Convegno IL FUTURO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E NUOVA PAC CESAR - ASNACODI Assisi, 31 gennaio 2014 Convegno IL FUTURO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E NUOVA PAC La riforma della Pac Europa 2020 e la gestione del rischio Angelo

Dettagli

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 Disposizioni per la presentazione della domanda di aiuto Pag. 1 di 15 Sommario PREMESSA... 3 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Costituito con Delibera dell Assemblea Generale di Co.Di.Pr.A. di data 01.04.2011

Costituito con Delibera dell Assemblea Generale di Co.Di.Pr.A. di data 01.04.2011 FONDO MUTUALISTICO A copertura dei danni catastrofali d area derivanti da manifestazioni calamitose, alle produzioni dei conferenti di cooperative agricole Fondo Coop Costituito con Delibera dell Assemblea

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

ASSICURAZIONE AGRICOLA AGEVOLATA PER LA DIFESA DELLE COLTURE. Campagna 2013 COPERTURA ASSICURATIVA DI TIPO PLURIRISCHIO

ASSICURAZIONE AGRICOLA AGEVOLATA PER LA DIFESA DELLE COLTURE. Campagna 2013 COPERTURA ASSICURATIVA DI TIPO PLURIRISCHIO ASSICURAZIONE AGRICOLA AGEVOLATA PER LA DIFESA DELLE COLTURE Campagna 2013 COPERTURA ASSICURATIVA DI TIPO PLURIRISCHIO TARIFFE E CONDIZIONI ASSICURATIVE PERVENUTE AL CONSORZIO DI DIFESA ALLA DATA DEL 26/04/2013

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE

POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE 2014 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI AGEVOLATI Mod. CONDIZIONI GENERALI

Dettagli

Contratto di assicurazione Altri danni ai beni GRANDINE E AVVERSITA ATMOSFERICHE. Rischi non agevolati integrativi. Mod. 51.510 Ed.

Contratto di assicurazione Altri danni ai beni GRANDINE E AVVERSITA ATMOSFERICHE. Rischi non agevolati integrativi. Mod. 51.510 Ed. FATA ASSICURAZIONI DANNI S.p.A. Contratto di assicurazione Altri danni ai beni GRANDINE E AVVERSITA ATMOSFERICHE Rischi non agevolati integrativi Mod. 51.510 Ed. 2013 Il presente Fascicolo informativo,

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI

FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI PREMESSA La presenza di aree poco antropizzate quali i boschi, i corsi d acqua, le zone umide e quant altro in prossimità delle aree coltivate può determinare

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE

IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE IL SECONDO PILASTRO DELLA PAC: LA POLITICA DI SVILUPPO RURALE L'ultima riforma della politica agricola comune (PAC) ha mantenuto la struttura a due pilastri di questa politica, e lo sviluppo rurale continua

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO SULLE RESE PER LA STABILIZZAZIONE DEL RICAVO AZIENDALE A SEGUITO DI AVVERSITA ATMOSFERICHE CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE 2015 SILVER GENERALI RISCHI AGEVOLATI COLLETTIVI CONDIZIONI GENERALI

Dettagli

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE ha interpretato e sostenuto negli anni lo sviluppo della mutualità, l affermazione dei principi solidaristici e la responsabilità sociale dell Impresa Cooperativa che ottiene benefici tramite la costituzione

Dettagli

PROGRAMMA NAZIONALE DI SOSTEGNO DEL SETTORE VITIVINICOLO

PROGRAMMA NAZIONALE DI SOSTEGNO DEL SETTORE VITIVINICOLO PROGRAMMA NAZIONALE DI SOSTEGNO DEL SETTORE VITIVINICOLO 1 PREMESSA Il 1º agosto del 2008 è entrata in vigore la riforma del settore vitivinicolo comunitario, approvata dai ministri dell'agricoltura nel

Dettagli

CHECK UP ASSICURATIVO

CHECK UP ASSICURATIVO CHECK UP ASSICURATIVO Nuove esigenze assicurative Considerando il particolare periodo economico che il nostro Paese sta vivendo e l instabilità metereologica che sempre più caratterizza queste ultime stagioni,

Dettagli