PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE"

Transcript

1 Manuale d Uso versione 1.06 PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE per indicatori di peso SERIE W (programmi BASE CARICO SCARICO 3/6/14 PROD.)

2 SIMBOLOGIA Di seguito sono riportate le simbologie utilizzate nel manuale per richiamare l attenzione del lettore: Attenzione! Rischio di scossa elettrica. Attenzione! Questa operazione deve essere eseguita da personale specializzato. Prestare particolare attenzione alle indicazioni seguenti. Ulteriori informazioni.

3 INDICE PROTOCOLLO TRASMISSIONE CONTINUA VELOCE - Solo per programma BASE... 1 PROTOCOLLO TRASMISSIONE CONTINUA A RIPETITORI... 2 PROTOCOLLO BIDIREZIONALE ASCII - Solo per programma BASE PROGRAMMAZIONE DEI SETPOINT SELEZIONE DELLA CLASSE DI SETPOINT (OPZIONE E/EC*) DA PROGRAMMARE LETTURA DELLA CLASSE SELEZIONATA (OPZIONE E/EC*) DA PROGRAMMARE IMPOSTAZIONE DEI VALORI DEI SETPOINT ATTUALMENTE IN USO MEMORIZZAZIONE DEI SETPOINT NELLA MEMORIA EEPROM LETTURA DELLA CLASSE DI SETPOINT (OPZIONE E/EC*) IN USO LETTURA DA PC DEL PESO, DEL SETPOINT O DEL PICCO (SE PRESENTE) ZERO SEMIAUTOMATICO (AZZERAMENTO PER PICCOLE VARIAZIONI DI PESO) COMMUTAZIONE DA PESO LORDO A PESO NETTO COMMUTAZIONE DA PESO NETTO A PESO LORDO LETTURA DEI DECIMALI E NUMERO DIVISIONI AZZERAMENTO DELLA TARA CALIBRAZIONE REALE (CON PESI CAMPIONE) BLOCCO TASTIERA (PROTEZIONE DI ACCESSO ALLO STRUMENTO) SBLOCCO TASTIERA BLOCCO DISPLAY E TASTIERA CALCOLO DEL CHECK-SUM...8 PROTOCOLLO MODBUS-RTU... 9 FUNZIONI SUPPORTATE IN MODBUS...10 GESTIONE DEGLI ERRORI DI COMUNICAZIONE...11 ELENCO DEI REGISTRI DISPONIBILI...11 CALIBRAZIONE REALE (CON PESI CAMPIONE)...14 IMPOSTAZIONE DELL USCITA ANALOGICA...14 REGISTRI SPECIALI...15 REGISTRI INGRESSI E USCITE...16 REGISTRO DIVISIONI E UNITÀ DI MISURA (40014)...17 COMMAND REGISTER (40006)...18 Solo per programma BASE...19 PROGRAMMAZIONE DEI SETPOINT...19 LETTURA DEI SETPOINT...19 Solo per programmi di DOSAGGIO (CARICO SCARICO 3/6/14 PRODOTTI)...19 LETTURA E SCRITTURA DELLE COSTANTI E DELLE FORMULE...19 SCRITTURA FORMULE...21 LETTURA FORMULE...22

4 START E STOP DOSAGGIO...22 LETTURA DEI DATI DI DOSAGGIO...22 ALLARMI DEI DATI DI DOSAGGIO (40055; 40056)...24 ESEMPI DI COMUNICAZIONE...25 MODBUS/TCP opzione OPZW1MBTCP CONFIGURAZIONE PER PC / PLC...27 ETHERNET/IP opzione OPZW1ETIP - Solo per programma BASE CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO...28 CONFIGURAZIONE PER PC / PLC...28 PROFINET-IO opzione OPZW1PNETIO - Solo per programma BASE CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO...33 CONFIGURAZIONE PER PC / PLC...33 ETHERNET TCP/IP opzione OPZW1ETTCP - Solo per programma BASE DIAGNOSTICA...39 SITO WEB...40 CANOPEN opzione OPZW1CA - Solo per programma BASE CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO...42 CONFIGURAZIONE PER PC / PLC...43 DEVICENET opzione OPZW1DE - Solo per programma BASE CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO...46 CONFIGURAZIONE PER PC / PLC...47 PROFIBUS opzione OPZW1PR Solo per programma BASE CARICO SCARICO CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO...50 CONFIGURAZIONE PER PC / PLC...50 CONFIGURAZIONE USCITE E INGRESSI... 56

5 PROTOCOLLO TRASMISSIONE CONTINUA VELOCE - Solo per programma BASE Mediante questo protocollo lo strumento trasmette il peso in modo continuo a frequenze di aggiornamento elevate, è possibile inviare fino a 300 stringhe al secondo con velocità di comunicazione minima a baud. Sono disponibili le seguenti modalità di comunicazione (vedi paragrafo IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE SERIALE sul manuale dello strumento): : comunicazione compatibile con strumenti TX RS485; : comunicazione compatibile con strumenti TD RS Se impostato, lo strumento trasmette la seguente stringa al PC/PLC: xxxxxxcrlf dove: xxxxxx = 6 caratteri di peso lordo (48 57 ASCII). CR = 1 carattere ritorno a capo (13 ASCII). LF = 1 carattere di nuova riga (10 ASCII). In caso di peso negativo, il primo carattere da sinistra assumerà il valore «-» (segno meno - ASCII 45). In caso di errore o allarme, i 6 caratteri del peso sono sostituiti dai messaggi presenti nella tabella del paragrafo ALLARMI (vedi manuale dello strumento). - Se impostato, lo strumento trasmette la seguente stringa al PC/PLC: &TzzzzzzPzzzzzz\ckckCR dove: & = 1 carattere di inizio stringa (38 ASCII). T = 1 carattere d identificazione peso lordo. P = 1 carattere d identificazione peso lordo. zzzzzz = 6 caratteri di peso lordo (48 57 ASCII). \ = 1 c. di separazione (92 ASCII). ckck = 2 caratteri ASCII di controllo calcolati considerando i caratteri compresi tra & e \ esclusi. Il valore di controllo viene ottenuto eseguendo l operazione di XOR (or esclusivo) dei codici ASCII a 8 bit dei caratteri considerati. Si ottiene quindi un carattere che si esprime in esadecimale con 2 cifre che possono assumere valori da 0 a 9 e da A a F. ckck è la codifica ASCII dei due digit esadecimali. CR = 1 carattere di fine stringa (13 ASCII). In caso di peso negativo, il primo carattere da sinistra dei caratteri del peso assumerà il valore «-» (segno meno - ASCII 45). In caso di errore o allarme, i 6 caratteri del peso lordo sono sostituiti dai messaggi presenti nella tabella del paragrafo ALLARMI (vedi manuale dello strumento). TRASMISSIONE VELOCE DA CONTATTO ESTERNO: É possibile trasmettere il peso, una sola volta, anche chiudendo un ingresso al massimo per un secondo (vedi paragrafi CONFIGURAZIONE USCITE E INGRESSI ed IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE SERIALE sul manuale dello strumento)

6 PROTOCOLLO TRASMISSIONE CONTINUA A RIPETITORI Mediante questo protocollo lo strumento trasmette il peso in modo continuo a ripetitori di peso; la stringa di comunicazione viene trasmessa 10 volte al secondo. Sono disponibili le seguenti modalità di comunicazione (vedi paragrafo IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE SERIALE sul manuale dello strumento): - : comunicazione con ripetitori serie RIP5/20/60, RIP50SHA, RIPLED; sul ripetitore appare il peso netto o lordo a seconda di come è settato il ripetitore. - : comunicazione con ripetitori serie RIP675, RIP6125C; sul ripetitore appare il peso netto o lordo a seconda di come è settato il ripetitore. - : comunicazione con ripetitori serie RIP675, RIP6125C. Lo strumento trasmette la seguente stringa al ripetitore: &NxxxxxxLyyyyyy\ckckCR dove: & = 1 carattere di inizio stringa (38 ASCII). N = 1 carattere d identificazione peso netto (78 ASCII). xxxxxx = 6 caratteri di peso netto o PICCO se presente (48 57 ASCII). L = 1 carattere d identificazione peso lordo (76 ASCII). yyyyyy = 6 caratteri di peso lordo (48 57 ASCII). \ = 1 c. di separazione (92 ASCII). ckck = 2 caratteri ASCII di controllo calcolati considerando i caratteri compresi tra & e \ esclusi. Il valore di controllo viene ottenuto eseguendo l operazione di XOR (or esclusivo) dei codici ASCII a 8 bit dei caratteri considerati. Si ottiene quindi un carattere che si esprime in esadecimale con 2 cifre che possono assumere valori da 0 a 9 e da A a F. ckck è la codifica ASCII dei due digit esadecimali. CR = 1 carattere di fine stringa (13 ASCII). In caso di peso negativo, il primo carattere da sinistra dei caratteri del peso assumerà il valore «-» (segno meno - ASCII 45). Se è stato impostato, può essere inviato anche il punto decimale nella posizione in cui è visualizzato sul display dello strumento; in questo caso, se il valore supera le 5 cifre, vengono inviate solo le 5 cifre più significative; se il valore è negativo, vengono inviate al massimo le 4 cifre più significative con segno «-». Nei due casi comunque, il punto decimale si sposta coerentemente con il valore da visualizzare. Se è stato impostato, oltre a quanto indicato per il protocollo, lo strumento trasmette ogni 4 secondi la scritta nel campo del peso lordo se sullo strumento è stata effettuata un operazione di netto (vedi paragrafo TARA SEMIAUTOMATICA (NETTO/LORDO) sul manuale dello strumento). Nel caso di peso inferiore a , viene inviato il segno meno «-» alternato alla cifra più significativa. In caso di errore o allarme, i 6 caratteri del peso lordo sono sostituiti dai messaggi presenti nella tabella del paragrafo ALLARMI (vedi manuale dello strumento)

7 PROTOCOLLO BIDIREZIONALE ASCII - Solo per programma BASE Lo strumento risponde alle richieste inviate da un PC/PLC. É possibile impostare il tempo di ritardo che lo strumento attende prima di trasmettere la risposta (vedi parametro nel paragrafo IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE SERIALE sul manuale dello strumento). Sono disponibili le seguenti modalità di comunicazione (vedi paragrafo IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE SERIALE sul manuale dello strumento): : comunicazione compatibile con strumenti W60000, WL60 Base, WT60 Base, TLA60 Base; : comunicazione compatibile con strumenti TD RS485. Legenda introduttiva: $: Inizio di una stringa di richiesta (36 ASCII); & o &&: Inizio di una stringa di risposta (38 ASCII); aa: 2 caratteri per l indirizzo dello strumento (48 57 ASCII);!: 1 carattere ad indicare la corretta ricezione (33 ASCII);?: 1 carattere ad indicare un errore di ricezione (63 ASCII); #: 1 carattere ad indicare un errore nell esecuzione del comando (23 ASCII); ckck: 2 caratteri ASCII di Check-Sum (per maggiori informazioni vedi paragrafo CALCOLO DEL CHECK-SUM); CR: 1 carattere di fine stringa (13 ASCII); \: 1 carattere di separazione (92 ASCII). 1. PROGRAMMAZIONE DEI SETPOINT La programmazione dei setpoint varia in base alla presenza dell opzione E/EC sullo strumento: Senza opzione E/EC Con opzione E/EC selezione della classe di setpoint da programmare impostazione dei valori dei setpoint impostazione dei valori dei setpoint memorizzazione dei setpoint nella memoria EEPROM memorizzazione dei setpoint nella memoria EEPROM 1.1. SELEZIONE DELLA CLASSE DI SETPOINT (OPZIONE E/EC*) DA PROGRAMMARE *) Solo per strumenti provvisti di opzioni E/EC. Il PC trasmette la seguente stringa ASCII: $aafffckckcr dove: F = Comando di selezione della classe da programmare; ff = Numero della classe di setpoint (da 01 a 12); Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr - il parametro ff supera il valore massimo consentito: &aa#\ckckcr - 3 -

8 Esempio: Per selezionare la classe da programmare numero 11 per lo strumento con indirizzo 01, il comando da trasmettere è: $01F1147(Cr) LETTURA DELLA CLASSE SELEZIONATA (OPZIONE E/EC*) DA PROGRAMMARE *) Solo per strumenti provvisti di opzione E/EC. Il PC trasmette la stringa ASCII: $aafckckcr dove: f = Comando di lettura della classe selezionata da programmare; Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &aaff\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr dove: ff= classe setpoint (da 01 a 12) IMPOSTAZIONE DEI VALORI DEI SETPOINT ATTUALMENTE IN USO Attenzione: Se lo strumento non è provvisto dell opzione E/EC, i nuovi valori dei setpoint sono immediatamente attivi; se invece l opzione E/EC è presente, i nuovi valori sono attivi soltanto se la classe da programmare coincide con quella in uso. Il PC trasmette la stringa: $aaxxxxxxyckckcr dove: xxxxxx = 6 caratteri di valore del setpoint (48 57 ASCII); y = A (imposta il valore nel setpoint 1). y = B (imposta il valore nel setpoint 2). y = C (imposta il valore nel setpoint 3). y = D (imposta il valore nel setpoint 4). y = E (imposta il valore nel setpoint 5). Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr - il parametro ff supera il valore massimo consentito: &aa#\ckckcr Esempio: Per impostare nel Setpoint numero 4 il valore 500, il comando da trasmettere è: $ D70(Cr) 1.4. MEMORIZZAZIONE DEI SETPOINT NELLA MEMORIA EEPROM I Setpoint vengono memorizzati nella memoria volatile RAM e persi a seguito dello spegnimento dello strumento. Per memorizzarli in modo permanente nella memoria permanente EEPROM è necessario inviare un apposito comando. Si ricorda che il numero di scritture consentito in memoria EEPROM è limitato (circa )

9 Il PC trasmette: $aamemckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr 1.5. LETTURA DELLA CLASSE DI SETPOINT (OPZIONE E/EC*) IN USO *) Solo per strumenti provvisti di opzione E/EC. Il PC trasmette la stringa ASCII: $aagckckcr dove: g = Comando di lettura della classe attualmente in uso sullo strumento; Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &aaff\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr dove: ff= classe setpoint (da 01 a 12). 2. LETTURA DA PC DEL PESO, DEL SETPOINT O DEL PICCO (SE PRESENTE) Il PC trasmette la stringa ASCII: $aajckckcr dove: j = a per leggere il setpoint 1 j = b per leggere il setpoint 2 j = c per leggere il setpoint 3 j = d per leggere il setpoint 4 j = e per leggere il setpoint 5 j = t per leggere il peso lordo j = n per leggere il peso netto j = p per leggere il picco del peso lordo se il parametro è impostato come ; se invece il parametro è impostato su verrà letto il peso lordo. Per leggere i punti impostare il parametro uguale a Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &aaxxxxxxj\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr - se il picco non è configurato: &aa#cr dove: xxxxxx = 6 caratteri del valore di peso richiesto; Note: In caso di peso negativo, il primo carattere da sinistra del peso assumerà il valore «-» (segno meno - ASCII 45). Nel caso di peso inferiore a , viene inviato il segno meno «-» alternato alla cifra più significativa

10 Messaggi di errore: Nel caso in cui lo strumento vada in allarme di superamento del 110% del fondo scala o di 9 divisioni superiori al valore del parametro, lo strumento invia la stringa: &aasso-lst\ckck In caso di collegamento errato delle celle di carico o altro allarme, lo strumento invia: &aasso-fst\ckck dove: s = 1 carattere separatore (32 ASCII space-). In generale fare riferimento al paragrafo ALLARMI (vedi manuale dello strumento). 3. ZERO SEMIAUTOMATICO (AZZERAMENTO PER PICCOLE VARIAZIONI DI PESO) Il PC trasmette la stringa ASCII: $aazerockckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr - il peso attuale supera il massimo valore azzerabile: &aa#cr 4. COMMUTAZIONE DA PESO LORDO A PESO NETTO Il PC trasmette la stringa ASCII: $aanetckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr 5. COMMUTAZIONE DA PESO NETTO A PESO LORDO Il PC trasmette la stringa ASCII: $aagrossckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr 6. LETTURA DEI DECIMALI E NUMERO DIVISIONI Il PC trasmette la stringa ASCII: $aadckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &aaxy\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr dove: x = numero di decimali. y = valore divisione

11 Il campo y assume i seguenti valori: '3' per valore divisione = 1; '4' per valore divisione = 2; 5' per valore divisione = 5; '6' per valore divisione = 10; '7' per valore divisione = 20; '8' per valore divisione = 50; '9' per valore divisione = 100; 7. AZZERAMENTO DELLA TARA Il PC trasmette la stringa ASCII contenente il comando di azzeramento: $aazckckcr dove: z = comando di azzeramento del peso (122 ASCII) Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &aaxxxxxxt\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr - lo strumento non è in visualizzazione del peso lordo: &aa#cr dove: xxxxxx = 6 caratteri del valore di peso richiesto; t = codice identificativo del peso (116 ASCII). Esempio: azzeramento del peso dello strumento di indirizzo 2: Per la calibrazione, è necessario assicurarsi che il contenitore sia vuoto o che lo strumento misuri un segnale pari ai mv nella stessa situazione. invio: $02z78(Cr) risposta: & t\76(Cr) In caso di corretto azzeramento il valore letto in risposta deve essere zero (interpretando la stringa ). Si ricorda che i valori di zero sono salvati in una memoria permanente EEPROM ed il numero di scritture consentite è limitato (circa ). 8. CALIBRAZIONE REALE (CON PESI CAMPIONE) Dopo aver effettuato l AZZERAMENTO DELLA TARA, questa funzione permette di verificare la calibrazione ottenuta utilizzando dei pesi campione di valore noto e correggere in automatico l eventuale scostamento del valore indicato rispetto a quello corretto. Caricare sul sistema un peso campione almeno pari al 50% del Fondo Scala, oppure far si che lo strumento misuri un segnale in mv corrispondente. Il PC trasmette la stringa ASCII contenente il comando di calibrazione: $aasxxxxxxckckcr dove: s = comando di calibrazione (115 ASCII) xxxxxx = 6 caratteri indicanti il valore del peso campione

12 Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &aaxxxxxxt\ckckcr - ricezione errata o fondo scala pari a zero: &&aa?\ckckcr dove: t = carattere di identificazione del peso lordo (116 ASCII). xxxxxx = 6 caratteri indicanti il valore del peso attuale. In caso di corretta calibrazione, il valore letto deve essere uguale al peso campione. Esempio: calibrazione dello strumento di indirizzo 1 con peso campione di kg: invio: $01s (Cr) risposta: & t\77(Cr) In caso di corretta calibrazione, il valore letto è pari a BLOCCO TASTIERA (PROTEZIONE DI ACCESSO ALLO STRUMENTO) Il PC trasmette la stringa ASCII: $aakeyckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr 10. SBLOCCO TASTIERA Il PC trasmette la stringa ASCII: $aafreckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr 11. BLOCCO DISPLAY E TASTIERA Il PC trasmette la stringa ASCII: $aakdisckckcr Possibili risposte dello strumento: - ricezione corretta: &&aa!\ckckcr - ricezione errata: &&aa?\ckckcr 12. CALCOLO DEL CHECK-SUM I due caratteri di controllo ASCII (ckck) sono la rappresentazione di una cifra esadecimale in caratteri ASCII. La cifra di controllo viene calcolata eseguendo l operazione di XOR (or esclusivo) dei codici ASCII a 8 bit della sola parte della stringa sottolineata. La procedura per effettuare il calcolo del check-sum è la seguente: - Considerare solo i caratteri della stringa evidenziati con la sottolineatura; - Calcolare l'or ESCLUSIVO (XOR) dei codici ASCII a 8 bit dei caratteri; - 8 -

13 Esempio: carattere cod. ASCII decimale cod. ASCII esadecimale cod. ASCII binario 0 1 t XOR = Il risultato dell'operazione XOR espresso in notazione esadecimale è composto da 2 cifre esadecimali (cioè numeri da 0 a 9 o lettere da A a F). In questo caso il codice esadecimale è 0x75. - Il checksum inserito nelle stringhe trasmesse è costituito dai 2 caratteri che rappresentano il risultato dell'operazione XOR in notazione esadecimale (nel nostro esempio il carattere "7" e il carattere "5"). INTRODUZIONE PROTOCOLLO MODBUS-RTU Il protocollo MODBUS-RTU consente di gestire la lettura e scrittura dei registri di seguito indicati secondo le specifiche riportate sul documento di riferimento per questo standard Modicon PI- MBUS-300. Per selezionare la comunicazione con protocollo MODBUS-RTU, far riferimento al paragrafo IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE SERIALE sul manuale dello strumento. Alcuni dati, quando specificatamente indicato, verranno scritti direttamente in memorie permanenti di tipo EEPROM. Tale memoria ha un numero limitato di operazioni di scrittura (100000), quindi è necessario porre particolare attenzione a non eseguire inutili operazioni su tali locazioni. Lo strumento controlla comunque che non avvenga nessuna scrittura se il valore da memorizzare è uguale al valore in memoria. I dati numerici riportati di seguito sono espressi in notazione decimale, se invece viene apposto il prefisso 0x la notazione è esadecimale. FORMATO DATI MODBUS-RTU I dati ricevuti e trasmessi tramite protocollo MODBUS-RTU hanno le seguenti caratteristiche: - 1 bit di start; - 8 bit di dati, least significant bit spedito per primo; - bit di parità impostabile da strumento; - bit di stop impostabile da strumento; - 9 -

14 FUNZIONI SUPPORTATE IN MODBUS Tra i comandi disponibili nel protocollo MODBUS-RTU, solo i seguenti sono utilizzati per gestire la comunicazione con gli strumenti, altri comandi potrebbero non essere correttamente interpretati e generare errori o blocchi del sistema: FUNZIONI DESCRIZIONE 03 (0x03) READ HOLDING REGISTER (LETTURA REGISTRI PROGRAMMABILI) 16 (0x10) PRESET MULTIPLE REGISTERS (SCRITTURA MULTIPLA DI REGISTRI) La frequenza di interrogazione è legata alla velocità di comunicazione impostata (lo strumento attende sempre almeno 3 byte prima di iniziare a calcolare un eventuale risposta alla domanda di interrogazione). Il parametro DELAY presente nei menu di impostazione delle seriali, consente allo strumento di rispondere con un ulteriore ritardo e questo influenza direttamente il numero di interrogazioni possibili nell unità di tempo. Per ulteriori informazioni su questo protocollo riferirsi alla specifica tecnica generale PI_MBUS_300. In generale le domande e le risposte verso e da uno strumento slave sono composte come segue: FUNZIONE 3: Read holding registers (LETTURA REGISTRI PROGRAMMABILI) DOMANDA Address Funzione Ind. 1 registro N registri 2 byte A 0x03 0x0000 0x0002 CRC Tot. byte = 8 RISPOSTA Address Funzione N byte 1 registro 2 registro 2 byte A 0x03 0x04 0x0064 0x00C8 CRC Tot. byte = 3+2*N registri+2 dove: N registri = numero di registri Modbus da leggere, a partire dall Indirizzo 1 registro; N byte = numero di byte di dati a seguire; FUNZIONE 16: Preset multiple registers (SCRITTURA MULTIPLA DI REGISTRI) DOMANDA Address Funzione Ind. 1 reg. N reg. N byte Val.reg.1 Val.reg.2 2 byte A 0x10 0x0000 0x0002 0x04 0x0000 0x0000 CRC Tot. byte = 7+2*N registri

15 RISPOSTA Address Funzione Ind. 1 reg. N reg. 2 byte A 0x10 0x0000 0x0002 CRC Tot. byte = 8 dove: N registri = numero di registri Modbus da leggere, a partire dall Indirizzo 1 registro; N byte = numero di byte di dati a seguire; Val.reg.1 = contenuto dei registri a partire dal primo. La Risposta contiene il numero di registri modificati a partire dall Indirizzo 1 registro. GESTIONE DEGLI ERRORI DI COMUNICAZIONE Le stringhe di comunicazione sono controllate mediante CRC (Cyclical Redundancy Check). Nel caso di errore di comunicazione lo slave non risponde con nessuna stringa. Il master deve considerare un timeout per la ricezione della risposta. Se non ottiene risposta deduce che si è verificato un errore di comunicazione. Nel caso di stringa ricevuta correttamente ma non eseguibile, lo slave risponde con una RISPOSTA D ECCEZIONE. Il campo Funzione viene trasmesso con il msb a 1. RISPOSTA D ECCEZIONE Address Funzione Codice 2 byte A Funct + 0x80 CRC CODICE DESCRIZIONE 1 ILLEGAL FUNCTION (La funzione non è valida o non è supportata) 2 ILLEGAL DATA ADDRESS (L indirizzo dei dati specificato non è disponibile) 3 ILLEGAL DATA VALUE (I dati ricevuti hanno valore non valido) ELENCO DEI REGISTRI DISPONIBILI Il protocollo MODBUS-RTU implementato su questo strumento può gestire un numero massimo di 32 registri letti e scritti in una singola domanda o risposta. R = il registro può essere solo letto W = il registro può essere solo scritto R/W = il registro può essere sia letto che scritto H = parte alta della DOUBLE WORD che compone il numero L = parte bassa della DOUBLE WORD che compone il numero

16 REGISTRO DESCRIZIONE Salvataggio in EEPROM ACCESSO Versione del firmware - R Tipo strumento - R Anno di produzione - R Numero di serie - R Tipo di programma - R COMMAND REGISTER NO R/W STATUS REGISTER - R PESO LORDO H - R PESO LORDO L - R PESO NETTO H - R PESO NETTO L - R PESO PICCO H - R PESO PICCO L - R Divisioni e Unità di misura - R Coefficiente H (solo per programma BASE ) - R Coefficiente L (solo per programma BASE ) - R INGRESSI - R USCITE NO R/W SETPOINT 1 H (solo per programma BASE ) R/W SETPOINT 1 L (solo per programma BASE ) R/W SETPOINT 2 H (solo per programma BASE ) R/W SETPOINT 2 L (solo per programma BASE ) R/W SETPOINT 3 H (solo per programma BASE ) SETPOINT 3 L (solo per programma BASE ) SETPOINT 4 H (solo per programma BASE ) SETPOINT 4 L (solo per programma BASE ) SETPOINT 5 H (solo per programma BASE ) SETPOINT 5 L (solo per programma BASE ) Classe selezionata da opzione EC/E (solo per programmi BASE provvisti di opzioni E/EC) Solo a seguito del comando 99 del Command Register - R R/W R/W R/W R/W R/W R/W

17 Classe per programmazione e lettura setpoint (solo per programmi BASE NO R/W provvisti di opzioni E/EC) ISTERESI 1 H (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 1 L (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 2 H (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 2 L (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 3 H Solo a seguito del R/W (solo per programma BASE ) comando 99 del ISTERESI 3 L Command Register R/W (solo per programma BASE ) ISTERESI 4 H (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 4 L (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 5 H (solo per programma BASE ) R/W ISTERESI 5 L (solo per programma BASE ) R/W INSTRUMENT STATUS - R REGISTER 1 NO R/W REGISTER 2 NO R/W REGISTER 3 NO R/W REGISTER 4 NO R/W REGISTER 5 NO R/W REGISTER 6 NO R/W REGISTER 7 NO R/W REGISTER 8 NO R/W REGISTER 9 NO R/W REGISTER 10 NO R/W Totalizzato H (solo per WDOS con programma TOTALI ) - R Totalizzato L (solo per WDOS con programma TOTALI ) - R Numero pezzi H (solo per WDESK-L\R, WDESK-LIGHT, WINOX-L\R e WTAB-L/R - R con attivo funzionamento contapezzi) Numero pezzi L (solo per WDESK-L\R, WDESK-LIGHT, WINOX-L\R e WTAB-L/R - R con attivo funzionamento conta pezzi) peso campione per calibrazione H Utilizzare unitamente al R/W comando 101 del peso campione per calibrazione L Command Register R/W

18 valore di peso corrispondete allo ZERO dell uscita analogica H valore di peso corrispondente allo ZERO dell uscita analogica L valore di peso corrispondente al Fondo Scala dell uscita analogica H valore di peso corrispondente al Fondo Scala dell uscita analogica L Solo a seguito del comando 99 del Command Register R/W R/W R/W R/W Al momento della scrittura i valori di zero analogica e fondo scala analogica vengono salvati in RAM, (nei programmi BASE vengono salvati anche i setpoint ed i valori di isteresi), questi valori verranno persi allo spegnimento dello strumento; per salvarli in modo permanente in EEPROM in modo che siano mantenuti alla riaccensione, occorre inviare il comando 99 del Command Register. CALIBRAZIONE REALE (CON PESI CAMPIONE) È possibile eseguire una modifica della calibrazione dello strumento via MODBUS. Per impostare correttamente il peso campione tenere conto del valore del registro Divisione (40014); Esempio: se si vuole impostare il valore a 100 kg e il valore della divisione è 0,001 allora il valore da inserire è pari a (100 / 0,001 = ). Per eseguire la procedura occorre scaricare il sistema e azzerare il valore di peso visualizzato con il comando 100 del Command Register. In seguito caricare un peso campione, pari ad almeno il 50% della portata massima (con lo scopo di ottenere una maggior precisione) ed inviarne il valore di peso corretto sui registri , per salvare tale valore inviare quindi il comando 101 dal Command Register. Se l operazione è andata a buon fine, i due registri del peso campione vengono azzerati. IMPOSTAZIONE DELL USCITA ANALOGICA Scrivere il peso nei registri valore di peso corrispondente al Fondo Scala dell uscita analogica H (40069) e valore di peso corrispondente al Fondo Scala dell uscita analogica L (40070) oppure scrivere il peso nei registri valore di peso corrispondente allo ZERO dell uscita analogica H (40067) e valore di peso corrispondente allo ZERO dell uscita analogica L (40068). Dopo aver scritto il valore, inviare il comando 99 dal Command Register per salvarlo in memoria EEPROM

19 REGISTRI SPECIALI STATUS REGISTER (40007) Bit 0 Errore Cella Bit 1 Avaria del Convertitore AD Bit 2 Peso massimo superato di 9 divisioni Bit 3 Peso Lordo superiore al 110% del fondo scala Bit 4 Peso lordo oltre o inferiore a Bit 5 Peso netto oltre o inferiore a Bit 6 Bit 7 Segno negativo peso lordo Bit 8 Segno negativo peso netto Bit 9 Segno negativo peso picco Bit 10 Visualizzazione in Netto Bit 11 Stabilità peso Bit 12 Peso entro ±¼ di divisione attorno allo ZERO Bit 13 Ricerca in corso Bit 14 Bit 15 REGISTRO INSTRUMENT STATUS (40050) 0 Strumento a riposo 1 Visualizzazione formule (solo per programmi di DOSAGGIO) 2 Visualizzazione costanti di dosaggio (solo per programmi di DOSAGGIO) 3 Visualizzazione consumi (solo per programmi di DOSAGGIO) 4 Visualizzazione parametri di sistema 5 Impostazione numero formula e cicli da dosare (solo per programmi di DOSAGGIO) 6 Strumento in fase di dosaggio (solo per programmi di DOSAGGIO) 7 Allarme (solo per programmi di DOSAGGIO) 8 Allarme (non disponibile per programma SCARICO ) 9 Allarme (solo per programmi di DOSAGGIO) 10 Allarme (solo per programmi di DOSAGGIO) 11 - allarme (solo per programmi CARICO e 3/6/14 PRODOTTI ) 12 - allarme (solo per programma SCARICO ) - programmi CARICO/SCARICO : fase di passaggio dall apertura del SET alla chiusura del FINE CICLO - programma PRODOTTI : fase di passaggio dall apertura del contatto del prodotto dosato al successivo o alla chiusura del FINE CICLO 13 Dosaggio in pausa (solo per programmi di DOSAGGIO) 14 Strumento in fase di fine ciclo (solo per programmi di DOSAGGIO) 15 Allarme (solo per programmi CARICO e 3/6/14 PRODOTTI ) 16 Allarme ( solo per programmi di DOSAGGIO) Allarme ( solo per programmi di DOSAGGIO)

20 Allarme (solo per programma SCARICO ) 25 Allarme (solo per programmi di DOSAGGIO) 26 Strumento in attesa completamento stampa 27 Visualizzazione delle voci menu durante il dosaggio 28 Visualizzazione classi di Setpoint (solo per programmi BASE ) 29 Fase di CARICO AUTOMATICO (solo per programma SCARICO ) 30 Allarme (solo se presente OPZWUSBW) 31 Allarme (solo per strumenti serie WDOS) 32 Allarme (solo per strumenti serie WDOS) 33 Allarme (solo per programmi di DOSAGGIO) 34 Allarme (solo se presente OPZWUSBW o OPZWDATIPC) 35 Allarme (solo se presente OPZWUSBW o OPZWDATIPC) 36 Strumento in fase di scarico parziale a fine ciclo (solo per programmi 3/6/14 PRODOTTI ) 37 Attesa della conferma dell operatore ad eseguire lo scarico parziale a fine ciclo (solo per programmi 3/6/14 PRODOTTI ) 38 L operatore sta avviando un dosaggio automatico (solo per programmi di DOSAGGIO) 39 L operatore sta avviando un dosaggio manuale (solo per programmi di DOSAGGIO) 40 Allarme (solo per programmi di DOSAGGIO) 41 Fase di SCARICO PARZIALE A FINE CICLO (solo per programmi 3/6/14 PRODOTTI ) REGISTRI INGRESSI E USCITE REGISTRO INGRESSI (40017) REGISTRO USCITE (40018) (sola lettura) (solo lettura*) * programmi BASE : lettura e scrittura Bit 0 Stato INGRESSO 1 Bit 0 Stato USCITA 1 Bit 1 Stato INGRESSO 2 Bit 1 Stato USCITA 2 Bit 2 Stato INGRESSO 3 Bit 2 Stato USCITA 3 Bit 3 Bit 3 Stato USCITA 4 Bit 4 Bit 4 Stato USCITA 5 Bit 5 Bit 5 Bit 6 Bit 6 Bit 7 Bit 7 Bit 8 Bit 8 Bit 9 Bit 9 Bit 10 Bit 10 Bit 11 Bit 11 Bit 12 Bit

21 Bit 13 Bit 13 Bit 14 Bit 14 Bit 15 Bit 15 Solo per programma BASE : Lo stato di un uscita può essere letto in qualunque momento ma può essere impostato (scritto) solo se quella uscita è stata impostata come (vedi paragrafo CONFIGURAZIONE USCITE E INGRESSI nel manuale dello strumento), diversamente le uscite saranno gestite secondo lo stato attuale del peso rispetto ai relativi setpoint. REGISTRO DIVISIONI E UNITÀ DI MISURA (40014) Questo registro contiene l attuale impostazione delle divisioni (parametro ) e dell unità di misura (parametro ). H Byte Unità di misura L Byte Divisione Utilizzare questo registro unitamente ai registri Coefficiente per calcolare il valore visualizzato dallo strumento. Byte meno significativo (L Byte) Byte più significativo (H Byte) Valore divisione Divisore Decimali Valore unità di misura Descrizione unità di misura Utilizzo del valore del coefficiente con le diverse impostazioni unità di misura rispetto al peso lordo rilevato Kilogrammi Non interviene Grammi Non interviene Tonnellate Non interviene Libbre Non interviene Newton Moltiplica Litri Divide Bar Moltiplica Atmosfere Moltiplica Pezzi Divide Newton Metro Moltiplica Chilogrammo/Metro Moltiplica Altro Moltiplica

22 COMMAND REGISTER (40006) 0 Nessun comando Visualizzazione NETTO 8 ZERO SEMIAUTOMATICO 9 Visualizzazione LORDO Blocca tastiera 22 Sblocca tastiera e display 23 Blocca tastiera e display Salva dati in EEPROM - Solo per programma BASE : salva i setpoint in EEPROM nella classe impostata al registro Azzeramento per calibrazione 101 Salva peso campione per calibrazione 132*** Lettura PTARE1 133*** Scrittura PTARE1 134*** Lettura PTARE2 135*** Scrittura PTARE2 136*** Lettura PTARE3 137*** Scrittura PTARE3 138*** Lettura PTARE4 139*** Scrittura PTARE4 140*** Lettura PTARE5 141*** Scrittura PTARE5 142*** Lettura PTARE6 143*** Scrittura PTARE6 144*** Lettura PTARE7 145*** Scrittura PTARE7 146*** Lettura PTARE8 147*** Scrittura PTARE8 148*** Lettura PTARE9 149*** Scrittura PTARE Dosaggio: START 202 Dosaggio: PAUSA 203 Dosaggio: RIPRENDI DA PAUSA 204 Dosaggio: STOP 205* Dosaggio: Accetta allarme e interrompi 206* Dosaggio: Ignora allarme (non disponibile per programma 207* Dosaggio: Ignora allarme SCARICO ) 208 Interrompe il CARICO AUTOMATICO (solo per programma SCARICO ) Conferma lettura dati dosaggio ** Vedi tabella seguente 9999 Reset (riservato) Dosaggio: Prosegue quando appare o STATUS REGISTER=12 (solo se = ) *) Durante il dosaggio in caso di segnalazioni di allarme, inviare il comando 205 per accettare l allarme e interrompere il dosaggio; nel caso specifico dell allarme è possibile ignorare l allarme e proseguire il dosaggio inviando il comando 207; per l allarme è possibile ignorare l allarme e proseguire il dosaggio inviando il comando 206. **) Per i comandi dal 2000 al 2999 fare riferimento al paragrafo seguente. ***) WTAB: lettura e scrittura delle tare predeterminate, esempio PTARE5: - LETTURA: inviare il comando 140 al command register (40006); leggere i valori dei registri e SCRITTURA: scrivere il valore della tara predeterminata nei registri e 40051; inviare il comando 141 al command register (40006).

23 Solo per programma BASE PROGRAMMAZIONE DEI SETPOINT Attenzione: Se lo strumento non è provvisto dell opzione E/EC, i nuovi valori dei setpoint sono immediatamente attivi; se invece l opzione E/EC è presente, i nuovi valori sono attivi soltanto se la classe da programmare coincide con quella in uso. - Scrivere il numero della classe da programmare nel registro (solo per strumenti provvisti di opzioni E/EC); - Scrivere i valori dei setpoint da programmare sui registri ; LETTURA DEI SETPOINT - Scrivere il numero della classe da leggere nel registro (solo per strumenti provvisti di opzione E/EC); - Leggere i valori dei setpoint dai registri Solo per programmi di DOSAGGIO (CARICO SCARICO 3/6/14 PRODOTTI) Legenda preliminare: LETTURA E SCRITTURA DELLE COSTANTI E DELLE FORMULE CMD R: indica il comando di lettura. CMD W: indica il comando di scrittura. H: parte alta della DOUBLE WORD che compone il numero. L: parte bassa della DOUBLE WORD che compone il numero. Per lo scambio di valori tramite i seguenti comandi è necessario usare i Registri di Scambio dal al unitamente al Command Register. Per eseguire un comando di lettura è necessario impostare prima i valori evidenziati in grassetto. Esempio: Comando Impostare sul registro il numero della formula (N. Formula) di cui si desidera leggere il totale impostato; - Inviare il comando 2002 al Command Register (40006); - Leggere continuamente il registro finché non si trova l eco del comando (in questo caso 2002) che indica dati pronti o 0xFFFF che indica errore nel comando. - Leggere i valori presenti sui registri ed utilizzare i valori come indicato nella seguente tabella;

24 PROGRAMMAZIONE FORMULE VARIABILE per programmi 3/6/14 PRODOTTI per programmi CARICO e SCARICO CMD R CMD W REGISTRO Quantità H Quantità L N. Prodotto N. Passo N. Formula Quantità H Quantità L = Set 2 = Preset = Set 2 = Preset N. Formula DESCRIZIONE TOTALE IMPOSTATO PER FORMULA opzione OPZWQMC: per programmi 3/6/14 PROD e CARICO opzione OPZFORPERC: per programmi 3/6/14 PROD Quantità H Quantità L N. Formula GESTIONE TOTALI per W200/W200BOX, WDESK-L\R, WINOX- L\R, WTAB-L/R solo per programmi 3/6/14 PROD. per W200/W200BOX, WDESK-L\R, WINOX- L\R, WTAB-L/R solo per programmi CARICO e SCARICO per WDOS (Consumi e Scorte) per WDOS (Produzione) * Quantità H Quantità L N. Prodotto = Consumi Quantità H Quantità L N. Formula = Consumi Quantità H Quantità L N. Prodotto 1 = Consumi 4 = Totale Scorte = Aggiungi Scorte 6 = Sottrai Scorte 7 = Scorte Minime Quantità H Quantità L N. Formula

25 DATA E ORA CANCELLAZIONE TOTALI = Produzione (Quantità) 3 = Produzione (N. Cicli) Giorno Mese Anno Ore Minuti Secondi 1 = Consumi = Produzione (solo per WDOS) N. Formula N. FORMULA E N. CICLI DA DOSARE Cicli H Cicli L Ciclo H Ciclo L Passo H CICLO IN ESECUZIONE Passo L Prodotto H Prodotto L Set H Set L LETTURA DEI DATI DI DOSAGGIO** 2100 Vedi Esempi nel paragrafo relativo * ATTENZIONE: - Se = 4 (totale scorte): il valore inviato viene sostituito al totale delle scorte attualmente presenti; - Se = 5 (aggiungi scorte): il valore inviato viene sommato al totale delle scorte attualmente presenti; - Se = 6 (sottrai scorte): il valore inviato viene sottratto al totale delle scorte attualmente presenti; SCRITTURA FORMULE - Per programma 3/6/14 PRODOTTI - Scrivere nei registri e la quantità da dosare. - Scrivere nel registro il numero del prodotto. - Scrivere nel registro il numero del passo (solo se = ) altrimenti 1. - Scrivere nel registro il numero della formula. - Per programma CARICO e SCARICO - Scrivere nei registri e la quantità da dosare. - Scrivere nel registro il valore 1 per impostare il SET, 2 per impostare il PRESET. - Scrivere nel registro il valore 1 per impostare il SET, 2 per impostare il PRESET. - Scrivere nel registro il numero della formula. Inviare il comando 2001 al registro COMMAND REGISTER (40006);

26 LETTURA FORMULE - Per programma 3/6/14 PRODOTTI - Scrivere nel registro il numero del prodotto. - Scrivere nel registro il numero del passo (solo se = ) altrimenti 1. - Scrivere nel registro il numero della formula. - Per programma CARICO e SCARICO - Scrivere nel registro il valore 1 per impostare il SET, 2 per impostare il PRESET. - Scrivere nel registro il valore 1 per impostare il SET, 2 per impostare il PRESET. - Scrivere nel registro il numero della formula. Inviare il comando 2000 al registro COMMAND REGISTER (40006); Leggere continuamente il registro fintanto che è diverso da 2000 (eco comando) o 0xFFFF (errore comando). Dopo aver letto l eco del comando, leggere i registri e per ottenere la quantità impostata nella formula. START E STOP DOSAGGIO Per avviare un dosaggio: - Scrivere nel registro il numero della formula ed il numero dei cicli che si desidera eseguire; inviare il comando 2031 al COMMAND REGISTER per impostare tali valori; - Inviare il comando 201 al COMMAND REGISTER per avviare il dosaggio. Per interrompere un dosaggio: - Inviare il comando 204 al COMMAND REGISTER. LETTURA DEI DATI DI DOSAGGIO ** Al termine del dosaggio lo strumento rende disponibili i dati; per verificare che siano pronti, inviare il comando 1114 al COMMAND REGISTER, leggere il registro e verificare che sia pari a 1 (1= dati pronti da leggere); ATTENZIONE: A differenza degli altri comandi, questo è l unico che non usa un sistema diverso per fornire l eco di esecuzione del comando. In questo caso si deve attendere che il bit 7 del registro sia pari a 1. Inviare una delle seguenti richieste al COMMAND REGISTER e leggere i valori corrispondenti sui registri di scambio ( ): Richiesta: PASSO DI DOSAGGIO VARIABILE CMD R CMD W N. PASSO Nota: per programmi CARICO e SCARICO N.PASSO =1-22 -

27 Risposta: VARIABILE CMD R CMD W REALE DOSATO H REALE DOSATO L TEORICO DOSATO H TEORICO DOSATO L ALLARME H ALLARME L ID ALIBI H ID ALIBI L NUMERO PRODOTTO Nota: Il bit Valore negativo di Dettaglio valore si riferisce solo alla double word REALE DOSATO. Richiesta: TARA INIZIALE Dettaglio Valore VARIABILE CMD CMD R W Risposta: VARIABILE CMD R CMD W VALORE H VALORE L ALLARME H ALLARME L Richiesta: PESO LORDO FINALE ( * per programmi 3/6/14 PROD. ) Dettaglio Valore VARIABILE CMD CMD R W Risposta: VARIABILE CMD R CMD W VALORE H VALORE L ALLARME H ALLARME L ID ALIBI H ID ALIBI L Dettaglio Valore Al termine della lettura dei dati di dosaggio, segnalarne l avvenuta lettura inviando il comando 250 al COMMAND REGISTER. In questo caso lo strumento accetta l allarme e continua la sequenza di dosaggio. Contenuto del registro Dettaglio valore : Bit 0 Valore negativo Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit 7 Dati pronti

28 ALLARMI DEI DATI DI DOSAGGIO (40055; 40056) Un allarme occupa un byte, se presenti più allarmi, verranno spediti in ordine temporale massimo quattro byte (massimo 4 allarmi). 0 nessun allarme 1 allarme generico (non disponibile per programma SCARICO ) (per programmi CARICO e 3/6/14 PRODOTTI ) 8 - (per programma SCARICO ) 9 (solo per programmi CARICO e 3/6/14 PRODOTTI ) STOP del dosaggio (solo per programma SCARICO ) 23 : funzione CARICO AUTOMATICO (solo per programma SCARICO ) 24 (opzione OPZWQMC) 25 (solo per strumenti serie WDOS) 26 (solo per strumenti serie WDOS) 27 (solo per opzione OPZWUSBW_) 28 (solo per opzione OPZWUSBW_ e OPZWDATIPC) 29 (opzione OPZWUSBW_ e OPZWDATIPC)

29 ESEMPI DI COMUNICAZIONE I dati numerici riportati di seguito sono espressi in notazione esadecimale con prefisso h. ESEMPIO 1 Comando di scrittura multipla di registri (comando 16, h10 esadecimale): Si supponga di voler scrivere nel registro il valore 0 e il valore 2000 nel registro 40020, la stringa da generare deve essere: h01 h10 h00 h12 h00 h02 h04 h00 h00 h07 hd0 h70 hd6 Lo strumento risponderà con la stringa: h01 h10 h00 h12 h00 h02 he1 hcd Nome del campo query hex Nome del campo response hex Indirizzo Strumento h01 Indirizzo Strumento h01 Funzione h10 Funzione h10 Indirizzo del primo registro H h00 Indirizzo del primo registro H h00 Indirizzo del primo registro L h12 Indirizzo del primo registro L h12 Numero di registri da inviare H h00 Numero di registri H h00 Numero di registri da inviare L h02 Numero di registri L h02 Conteggio dei Byte h04 CRC16 H he1 Dato 1 H h00 CRC16 L hcd Dato 1 L h00 Dato 2 H h07 Dato 2 L hd0 CRC16 H h70 CRC16 L hd6 ESEMPIO 2 Comando di scrittura multipla di registri (comando 16, h10 esadecimale): Si supponga di voler scrivere i due valori di setpoint sullo strumento rispettivamente a 2000 e 3000, occorre inviare la stringa: h01 h10 h00 h12 h00 h04 h08 h00 h00 h07 hd0 h00 h00 h0b hb8 h49 h65 Lo strumento risponderà con la stringa: h01 h10 h00 h12 h00 h04 h61 hcf Nome del campo query hex Nome del campo response hex Indirizzo Strumento h01 Indirizzo Strumento h01 Funzione h10 Funzione h10 Indirizzo del primo registro H h00 Indirizzo del primo registro H h00 Indirizzo del primo registro L h12 Indirizzo del primo registro L h

30 Numero di registri H h00 Numero di registri H h00 Numero di registri L h04 Numero di registri L h04 Conteggio dei Byte h08 CRC16 H h61 Dato 1 H h00 CRC16 L hcf Dato 1 L h00 Dato 2 H h07 Dato 2 L hd0 Dato 3 H h00 Dato 3 L h00 Dato 4 H h0b Dato 4 L hb8 CRC16 H h49 CRC16 L h65 ESEMPIO 3 Comando di lettura multipla di registri (comando 3, h03 esadecimale): Si supponga di voler leggere i due valori di peso lordo (nell esempio 4000) e peso netto (nell esempio 3000), occorre leggere dall indirizzo all indirizzo inviando la stringa: h01 h03 h00 h07 h00 h04 hf5 hc8 Lo strumento risponderà con la stringa: h01 h03 h08 h00 h00 h0f ha0 h00 h00 h0b hb8 h12 h73 Nome del campo query hex Nome del campo response hex Indirizzo Strumento h01 Indirizzo Strumento h01 Funzione h03 Funzione h03 Indirizzo del primo registro H h00 Conteggio dei Byte h08 Indirizzo del primo registro L h07 Numero di registri H h00 Dato 1 H h00 Numero di registri L h04 Dato 1 L h00 CRC16 H hf5 Dato 2 H h0f CRC16 L hc8 Dato 2 L ha0 Dato 3 H h00 Dato 3 L h00 Dato 4 H h0b Dato 4 L hb8 CRC16 H h12 CRC16 L h73 Per ulteriori esempi e sulla generazione dei caratteri di controllo corretti (CRC16) si rimanda al manuale Modicon PI-MBUS

31 MODBUS/TCP opzione OPZW1MBTCP per strumenti: W200/W200BOX, WDOS, WDESK, WINOX, WTAB LED Connettore RJ45 lato sinistro [LED di Collegamento] Connettore RJ45 lato destro [LED di Attività] Funzione Spento: Nessun collegamento Ambra: 10 Mbps Verde: 100 Mbps Spento: Nessuna Attività Ambra: Half Duplex Verde: Full Duplex CONFIGURAZIONE PER PC / PLC - Lo strumento opera come slave in una rete Modbus/TCP. - Lo strumento è configurato con DHCP (default). L'indirizzo IP può essere assegnato automaticamente dal DHCP o manualmente tramite TELNET. Per impostare manualmente l'indirizzo IP tramite PC, digitare "telnet <IPADDRESS> 9999" e premere Invio per confermare. Apparirà la seguente schermata: Digitare 1 se si desidera configurare manualmente l indirizzo IP, Default Gateway e Netmask. In seguito digitare S per salvare le impostazioni. I comandi e i registri del Modbus/TCP sono gli stessi del protocollo ModbusRTU

32 ETHERNET/IP opzione OPZW1ETIP - Solo per programma BASE per strumenti: W200/W200BOX, WDOS, WDESK, WINOX, WTAB. Con l utilizzo dell opzione, lo strumento dispone di una porta Ethernet/IP device che permette di scambiare il peso e i principali parametri dello strumento con uno scanner Ethernet/IP. LED Connettore RJ45 lato sinistro [LED di Collegamento] Connettore RJ45 lato destro [LED di Attività] Funzione Spento: Nessun collegamento Ambra: 10 Mbps Verde: 100 Mbps Spento: Nessuna Attività Ambra: Half Duplex Verde: Full Duplex ENTER + ESC CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO (default ): consente di selezionare la lettura/scrittura dei byte in modalità LITTLE-ENDIAN o BIG-ENDIAN. - : BIG ENDIAN - : LITTLE ENDIAN (A.B.C.D, default: ): imposta l indirizzo IP nella rete Ethernet/IP. (A.B.C.D, default: ): imposta il Subnet Mask (A.B.C.D, default: ): imposta l indirizzo del Gateway Le modifiche saranno effettive al successivo riavvio dello strumento. CONFIGURAZIONE PER PC / PLC Lo strumento opera come dispositivo in una rete Ethernet/IP. Caricare il file eds (WxxxEIP.eds) allegato allo strumento nel sistema di sviluppo dello scanner Ethernet/IP. Si può aprire una Connessione di I/O di Classe 1 con le seguenti impostazioni: - Assembly Instance = 101; Size = 10 - Assembly Instance = 102; Size = 5 - Assembly Instance = 128; Size =

33 I dati scambiati dallo strumento sono: Dati In Uscita dallo strumento (Lettura) Stato Interno [2 byte] Peso Lordo [4 byte] Peso Netto [4byte] Registro di Scambio [4 byte] Status Register [2 byte] Stato degli Ingressi Digitali [2 byte] Stato delle Uscite Digitali [2 byte] Dati In Ingresso allo strumento (Scrittura) Abilitazione alla Scrittura [2 byte] Command Register [2 byte] Comando delle Uscite Digitali [2 byte] Registro di Scambio [4 byte] Indirizzi 0x0000-0x0001 0x0002-0x0005 0x0006-0x0009 0x000A-0x000D 0x000E-0x000F 0x0010-0x0011 0x0012-0x0013 Indirizzi 0x0000-0x0001 0x0002-0x0003 0x0004-0x0005 0x0006-0x0009 POSSIBILI COMANDI DA INVIARE AL COMMAND REGISTER 0 Nessun comando 93 Scrittura setpoint 1 * 7 Tara semiautomatica (Visualizzazione NETTO) 94 Scrittura setpoint 2 * 8 ZERO SEMIAUTOMATICO 95 Scrittura setpoint 3 * 9 Visualizzazione LORDO 160 Scrittura setpoint 4 * 21 Blocco tastiera 161 Scrittura setpoint 5 * 22 Sblocco tastiera e display 99 Salva dati in EEPROM 23 Blocco tastiera e display 100 Azzeramento per calibrazione 90 Lettura setpoint 1 * 101 Salva peso campione per calibrazione fondo scala

34 91 Lettura setpoint 2 * 102 Lettura Peso Campione * 92 Lettura setpoint 3 * 103 Scrittura Peso Campione * 150 Lettura setpoint 4 * 9999 Reset (riservato) 151 Lettura setpoint 5 * *) Lo strumento dispone di due Registro di Scambio (uno in lettura ed uno in scrittura) da usare insieme al Command Register per accedere a questi valori. Le procedure da seguire sono le seguenti: - LETTURA: inviare al Command Register il comando di lettura del dato desiderato (es. 90 per Lettura setpoint 1 ) e leggere il contenuto del Registro di Scambio. - SCRITTURA: Scrivere il valore che si desidera impostare nel Registro di Scambio ed inviare al Command Register il comando di scrittura nel dato desiderato (es. 93 per Scrittura setpoint 1 ). Se è necessario eseguire lo stesso comando due volte di seguito, inviare il comando 0 tra un comando e l altro. Stato Interno Quando non è uguale a 0 significa che c'è un errore interno e quindi i dati dello strumento non sono affidabili. Quando è uguale a 0 i dati dello strumento sono affidabili. Abilitazione alla Scrittura Scrivere 0x0000 nel registro Abilitazione alla scrittura se si vuole che non sia scritto nessun dato sullo strumento Scrivere 0xFFFF nel registro Abilitazione alla scrittura se si vuole che siano scritti dati sullo strumento. Peso lordo, Peso netto I valori di peso sono espressi come numeri interi positivi, incluse le cifre decimali, ma senza punto decimale. Leggere lo Status Register per ottenere sia informazioni sul segno che eventuali errori sul peso. Setpoint I Setpoint sono valori di peso espressi come numeri interi positivi, incluse le cifre decimali, ma senza punto decimale. - LETTURA: inviare al Command Register il comando di lettura del setpoint desiderato e leggere il contenuto del Registro di Scambio. - SCRITTURA: scrivere il valore di peso che si desidera impostare nel Registro di Scambio ed inviare al Command Register il comando di scrittura nel setpoint desiderato. I setpoint sono salvati nella memoria RAM e quindi vengono persi allo spegnimento dello strumento; per salvarli in modo permanente in EEPROM in modo che siano mantenuti alla riaccensione, occorre inviare il comando 99 Salva dati in EEPROM del Command Register

35 STATO INGRESSI DIGITALI Bit 0 Stato INGRESSO 1 Bit 4 Bit 1 Stato INGRESSO 2 Bit 5 Bit 2 Stato INGRESSO 3 Bit 6 Bit 3 Bit 7 Bit a 1: ingresso alto; Bit a 0: ingresso basso STATO USCITE DIGITALI Bit 0 Stato USCITA 1 Bit 4 Stato USCITA 5 Bit 1 Stato USCITA 2 Bit 5 Bit 2 Stato USCITA 3 Bit 6 Bit 3 Stato USCITA 4 Bit 7 COMANDO DELLE USCITE DIGITALI Consente di comandare le uscite impostate in modalità (vedi paragrafo CONFIGURAZIONE USCITE E INGRESSI): Bit 0 Stato USCITA 1 Bit 8 Bit 1 Stato USCITA 2 Bit 9 Bit 2 Stato USCITA 3 Bit 10 Bit 3 Stato USCITA 4 Bit 11 Bit 4 Stato USCITA 5 Bit 12 Bit 5 Bit 13 Bit 6 Bit 14 Bit 7 Bit 15 Forza uscite Bit a 1: uscita chiusa; Bit a 0: uscita aperta Se da PLC s imposta il bit 15 a 1, lo scanner Ethernet/IP prende il controllo di tutte le uscite, qualunque sia la loro modalità

36 STATUS REGISTER Bit 0 Errore Cella Bit 1 Avaria del Convertitore AD Bit 2 Peso massimo superato di 9 divisioni Bit 3 Peso Lordo superiore al 110% del fondo scala Bit 4 Peso lordo oltre o inferiore a Bit 5 Peso netto oltre o inferiore a Bit 6 Bit 7 Segno negativo peso lordo Bit 8 Segno negativo peso netto Bit 9 Segno negativo peso picco Bit 10 Visualizzazione in Netto Bit 11 Stabilità peso Bit 12 Peso entro ±¼ di divisione attorno allo ZERO Bit 13 Bit 14 Bit 15 COMANDI DI CALIBRAZIONE REALE (CON PESO CAMPIONE) È possibile eseguire una modifica della calibrazione dello strumento via ETHERNET/IP. Per eseguire la procedura occorre scaricare il sistema e azzerare il valore di peso visualizzato con il comando 100 Azzeramento per calibrazione del Command Register. In seguito caricare un peso campione sul sistema ed inviare il valore di peso corretto tramite il comando 103 Scrittura Peso Campione ; per salvare tale valore in memoria inviare il comando 101 Salva peso campione per calibrazione fondo scala. Se l operazione è andata a buon fine, il comando 102 Lettura Peso Campione restituisce un valore pari a zero

37 PROFINET-IO opzione OPZW1PNETIO - Solo per programma BASE per strumenti: W200/W200BOX, WDOS, WDESK, WINOX, WTAB Con l utilizzo dell opzione, lo strumento dispone di una porta Profinet-IO device che permette di scambiare il peso e i principali parametri dello strumento con un controller Profinet-IO LED Connettore RJ45 lato sinistro [LED di Collegamento] Connettore RJ45 lato destro [LED di Attività] Funzione Spento: Nessun collegamento Ambra: 10 Mbps Verde: 100 Mbps Spento: Nessuna Attività Ambra: Half Duplex Verde: Full Duplex CONFIGURAZIONE PER STRUMENTO ENTER + ESC (default ): consente di selezionare la lettura/scrittura dei byte in modalità LITTLE-ENDIAN o BIG-ENDIAN. - : LITTLE ENDIAN - : BIG ENDIAN (A.B.C.D, default: ): imposta l indirizzo IP nella rete Profinet-IO. (A.B.C.D, default: ): imposta il Subnet Mask. (A.B.C.D, default: ): imposta l indirizzo del Gateway. Le modifiche saranno effettive al successivo riavvio dello strumento. CONFIGURAZIONE PER PC / PLC Lo strumento opera come dispositivo slave in una rete PROFINET-IO. Caricare il file gsdml (GSDML-V2.0-Wxxx-PNIO-LAU xml) allegato allo strumento nel sistema di sviluppo del controller Profinet-IO. Inserire e configurare lo strumento in un progetto esistente. Assegnare un nome al dispositivo (funzione Assign Device Name) utilizzando i seguenti caratteri: lettere minuscole (a-z), numeri (0-9), carattere meno (-). Impostare almeno 8ms come tempo di I/O refresh del Profinet

38 I dati scambiati dallo strumento sono: Dati In Uscita dallo strumento (Lettura) Stato Interno [2 byte] Peso Lordo [4 byte] Peso Netto [4byte] Registro di Scambio [4 byte] Status Register [2 byte] Stato degli Ingressi Digitali [2 byte] Stato delle Uscite Digitali [2 byte] Dati In Ingresso allo strumento (Scrittura) Abilitazione alla Scrittura [2 byte] Command Register [2 byte] Comando delle Uscite Digitali [2 byte] Registro di Scambio [4 byte] Indirizzi 0x0000-0x0001 0x0002-0x0005 0x0006-0x0009 0x000A-0x000D 0x000E-0x000F 0x0010-0x0011 0x0012-0x0013 Indirizzi 0x0000-0x0001 0x0002-0x0003 0x0004-0x0005 0x0006-0x0009 POSSIBILI COMANDI DA INVIARE AL COMMAND REGISTER 0 Nessun comando 93 Scrittura setpoint 1 * 7 Tara semiautomatica (Visualizzazione NETTO) 94 Scrittura setpoint 2 * 8 ZERO SEMIAUTOMATICO 95 Scrittura setpoint 3 * 9 Visualizzazione LORDO 160 Scrittura setpoint 4 *

39 21 Blocco tastiera 161 Scrittura setpoint 5 * 22 Sblocco tastiera e display 99 Salva dati in EEPROM 23 Blocco tastiera e display 100 Azzeramento per calibrazione 90 Lettura setpoint 1 * Salva peso campione per calibrazione fondo scala 91 Lettura setpoint 2 * 102 Lettura Peso Campione * 92 Lettura setpoint 3 * 103 Scrittura Peso Campione * 150 Lettura setpoint 4 * 9999 Reset (riservato) 151 Lettura setpoint 5 * *) Lo strumento dispone di due Registro di Scambio (uno in lettura ed uno in scrittura) da usare insieme al Command Register per accedere a questi valori. Le procedure da seguire sono le seguenti: - LETTURA: inviare al Command Register il comando di lettura del dato desiderato (es. 90 per Lettura setpoint 1 ) e leggere il contenuto del Registro di Scambio. - SCRITTURA: Scrivere il valore che si desidera impostare nel Registro di Scambio ed inviare al Command Register il comando di scrittura nel dato desiderato (es. 93 per Scrittura setpoint 1 ). Se è necessario eseguire lo stesso comando due volte di seguito, inviare il comando 0 tra un comando e l altro. Stato Interno Quando non è uguale a 0 significa che c'è un errore interno e quindi i dati dello strumento non sono affidabili. Quando è uguale a 0 i dati dello strumento sono affidabili. Abilitazione alla Scrittura Scrivere 0x0000 nel registro Abilitazione alla scrittura se si vuole che non sia scritto nessun dato sullo strumento. Scrivere 0xFFFF nel registro Abilitazione alla scrittura se si vuole che siano scritti dati sullo strumento. Peso lordo, Peso netto: I valori di peso sono espressi come numeri interi positivi, incluse le cifre decimali, ma senza punto decimale. Leggere lo Status Register per ottenere sia informazioni sul segno che eventuali errori sul peso. Setpoint: I Setpoint sono valori di peso espressi come numeri interi positivi, incluse le cifre decimali, ma senza punto decimale. - LETTURA: inviare al Command Register il comando di lettura del setpoint desiderato e leggere il contenuto del Registro di Scambio. - SCRITTURA: scrivere il valore di peso che si desidera impostare nel Registro di Scambio ed inviare al Command Register il comando di scrittura nel setpoint desiderato. I setpoint sono salvati nella memoria RAM e quindi vengono persi allo spegnimento dello strumento; per salvarli in modo permanente in EEPROM in modo che siano mantenuti alla riaccensione, occorre inviare il comando 99 Salva dati in EEPROM del Command Register.

40 STATO INGRESSI DIGITALI Bit 0 Stato INGRESSO 1 Bit 4 Bit 1 Stato INGRESSO 2 Bit 5 Bit 2 Stato INGRESSO 3 Bit 6 Bit 3 Bit 7 Bit a 1: ingresso alto; Bit a 0: ingresso basso STATO USCITE DIGITALI Bit 0 Stato USCITA 1 Bit 4 Stato USCITA 5 Bit 1 Stato USCITA 2 Bit 5 Bit 2 Stato USCITA 3 Bit 6 Bit 3 Stato USCITA 4 Bit 7 COMANDO DELLE USCITE DIGITALI Consente di comandare le uscite impostate in modalità (vedi paragrafo CONFIGURAZIONE USCITE E INGRESSI): Bit 0 Stato USCITA 1 Bit 8 Bit 1 Stato USCITA 2 Bit 9 Bit 2 Stato USCITA 3 Bit 10 Bit 3 Stato USCITA 4 Bit 11 Bit 4 Stato USCITA 5 Bit 12 Bit 5 Bit 13 Bit 6 Bit 14 Bit 7 Bit 15 Forza uscite Bit a 1: uscita chiusa; Bit a 0: uscita aperta Se da PLC s imposta il bit 15 a 1, il controller Profinet-IO prende il controllo di tutte le uscite, qualunque sia la loro modalità

41 STATUS REGISTER Bit 0 Errore Cella Bit 1 Avaria del Convertitore AD Bit 2 Peso massimo superato di 9 divisioni Bit 3 Peso Lordo superiore al 110% del fondo scala Bit 4 Peso lordo oltre o inferiore a Bit 5 Peso netto oltre o inferiore a Bit 6 Bit 7 Segno negativo peso lordo Bit 8 Segno negativo peso netto Bit 9 Segno negativo peso picco Bit 10 Visualizzazione in Netto Bit 11 Stabilità peso Bit 12 Peso entro ±¼ di divisione attorno allo ZERO Bit 13 Bit 14 Bit 15 COMANDI DI CALIBRAZIONE REALE (CON PESO CAMPIONE) È possibile eseguire una modifica della calibrazione dello strumento via PROFINET-IO. Per eseguire la procedura occorre scaricare il sistema e azzerare il valore di peso visualizzato con il comando 100 Azzeramento per calibrazione del Command Register. In seguito caricare un peso campione sul sistema ed inviare il valore di peso corretto tramite il comando 103 Scrittura Peso Campione ; per salvare tale valore in memoria inviare il comando 101 Salva peso campione per calibrazione fondo scala. Se l operazione è andata a buon fine, il comando 102 Lettura Peso Campione restituisce un valore pari a zero

42 ETHERNET TCP/IP opzione OPZW1ETTCP - Solo per programma BASE per strumenti: W200/W200BOX, WDOS, WDESK, WINOX, WTAB Con questa opzione, lo strumento dispone di una porta ethernet TCP/IP che permette di scambiare il peso e i principali parametri dello strumento in una rete ethernet, ad esempio con un PC. LED Connettore RJ45 lato sinistro [LED di Collegamento] Connettore RJ45 lato destro [LED di Attività] Funzione Spento: Nessun collegamento Ambra: 10 Mbps Verde: 100 Mbps Spento: Nessuna Attività Ambra: Half Duplex Verde: Full Duplex Un PC, tramite una porta seriale virtuale, può essere collegato allo strumento via ethernet TCP/IP. Per installare la porta COM virtuale utilizzare il CPR Manager incluso nella fornitura: eseguire il file CPR.exe presente sul CD, aggiungere una porta seriale, impostare indirizzo IP (host) e porta TCP (10001) e salvare. Utilizzare la porta COM virtuale appena creata per comunicare con lo strumento tramite il protocollo selezionato su quest ultimo. In alternativa connettersi allo strumento utilizzando un socket (es: Winsock) sulla porta

43 DIAGNOSTICA Per verificare la configurazione ethernet dello strumento, è possibile installare l applicativo Lantronix DeviceInstaller su un PC con sistema operativo Microsoft Windows (eseguire il file DevInst.exe presente sul CD). Collegare il PC e lo strumento via LAN (punto-punto o attraverso un hub/switch), eseguire l applicativo e cliccare su Search: Selezionare il dispositivo trovato e cliccare sulla tab Telnet Configuration, cliccare su Connect e premere Enter sulla tastiera. Premere 0 per modificare le impostazioni del server: cambiare solo i 4 campi dell indirizzo IP e confermare gli altri parametri premendo Enter. Impostare un indirizzo IP fisso

44 SITO WEB Impostare il modo di funzionamento (dal menu dello strumento) e riavviare lo strumento per rendere effettive le modifiche. Aprire il browser web e puntare all indirizzo dello strumento da monitorare, si aprirà la seguente pagina: Inserire il nome utente LAUMAS e la password fornita con lo strumento nei rispettivi campi, poi premere Login per accedere alla pagina di stato: In caso di errata impostazione dei parametri appare il messaggio INSTRUMENT DATA READING ERROR

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 PV_0001 Rev. A Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 Pronti via! "Pronti... via!" è una raccolta di informazioni interattive, che permette una consultazione rapida delle principali informazioni necessarie all'utilizzo

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it Datalogger Protocolli di comunicazione Aggiornamento 09/06/24 INSTUM_727_it Copyright 20-24 LSI LASTEM. Tutti i diritti riservati. Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007

BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 19 dicembre 2007 INDICE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE...1 CONFIGURAZIONE AREA51...2 IMPOSTAZIONE ANAGRAFICA...2 CONFIGURAZIONE BILANCIA...2

Dettagli

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Modulo plug&play MKMB-3-e-3 Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Informazioni generali Il modulo MKMB-3-e-3 realizza un interfaccia seriale RS485 con protocollo Modbus/RTU. Limitazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Abbreviazioni... 2 1.2 Specifiche Modbus... 2 1.3 Tipologia rete Modbus... 2 2. Configurazione MODBUs... 3 2.1 Cablaggio...

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System

BILANCE ZENITH con Zenith System BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 20 febbraio 2013 Installazione di Zenith System 1. Creare la cartella C:\Vulcano\Zenith; 2. Installare il driver Zenith System (versione 200 o superiore),

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

Manuale d uso e configurazione

Manuale d uso e configurazione Manuale d uso e configurazione Versione 1.0 1 Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850. Modbus. out

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850. Modbus. out Misura livello e pressione Istruzioni d uso Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850 0100110010100 Modbus in out Ince Ince Informazioni per la sicurezza... 2 Attenzione Zona pericolosa... 2 1 Configurazione

Dettagli

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP.

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. MANUALE ISTRUZIONI IM471-I v0.2 EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. Transmission Control

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Sommario! Chiarimenti! Comandi implementati! Esempi di comandi o frames! Calcolo dell area logica! Lettura di variabile con segno! Esempi di comando con Ech200B!

Dettagli

MANUALE CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GATEWAY MBUS-MODBUS (RTU/TCP) MODELLO PiiGAB M900

MANUALE CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GATEWAY MBUS-MODBUS (RTU/TCP) MODELLO PiiGAB M900 MANUALE CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GATEWAY MBUS-MODBUS (RTU/TCP) MODELLO PiiGAB M900 1. SOFTWARE La configurazione del gateway M900 è realizzata attraverso il software PiiGAB M-Bus Explorer, fornito a

Dettagli

Geass-Link Manuale di istruzione

Geass-Link Manuale di istruzione Geass-Link Manuale di istruzione GEASS S.r.l. - Via Ambrosini 8/2 10151 Torino - Tel. 011.22.91.578 - Fax 011.27.45.418 - info@geass.com - www.geass.com GEASS-LINK V.1.0.4 Software di Gestione e Acquisizione

Dettagli

Datalogger web contaimpulsi

Datalogger web contaimpulsi Datalogger web contaimpulsi Versione 6 ingressi con Ethernet (GW-IMP-WEB-1) 1 Datalogger web conta impulsi Il datalogger web conta impulsi è in grado di conteggiare gli impulsi sugli ingressi digitali

Dettagli

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 C.D.V.ITALIA S.r.l. MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 ver. CDV-137 007 rev. 1.9 \\Z8xdm2vfarmupsa\shareddocs\documentazione tecnica\doko\cdv italiano\cdv 137 007_19_utente_A5.doc CDV-137

Dettagli

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione di WinEMTLite...3 3. Descrizione generale del programma...3 4. Impostazione dei parametri di connessione...4 5. Interrogazione tramite protocollo nativo...6

Dettagli

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili

MANUALE D USO. EPSON FP90, FP81 e compatibili MANUALE D USO EPSON FP90, FP81 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.0.0.0 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI:

GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI: info@asmi-italy.it tel./fax 041-5190439 www.asmi-italy.it GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI: PW220902: CARATTERISTICHE

Dettagli

Azzeramento bilance: utilizzando questa funzionalità, è possibile azzerare le bilance.

Azzeramento bilance: utilizzando questa funzionalità, è possibile azzerare le bilance. ECODIADE Premessa ECODIADE è un software che può essere fornito con i terminali DD2050 e DD1050. Permette di eseguire operazioni di pesatura senza richiedere la presenza di un operatore dedicato; tutte

Dettagli

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione

Ver. 1.1. Manuale d uso e configurazione Ver. 1.1 Manuale d uso e configurazione Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, Imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 UNI EN ISO 9001:2008 CERT. N. 50 100 6048 Controllo ambientale integrato MANUALE UTENTE T-MOD Rev. Data

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 30. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 30 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 30 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led giallo: se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Contatore d impulsi S0

Contatore d impulsi S0 Informazioni tecniche www.sbc-support.com Contatore d impulsi S con Modbus Il modulo S-Modbus è un apparecchio per la raccolta di impulsi S. Con questo modulo i dati di consumo di qualsiasi contatore con

Dettagli

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager Via S. Antonio, 47 35030 Veggiano PD Tel: 04441800191 Fax: 0497960910 www.shitek.it info@shitek.it RCX LAN Wi -Fi RCX LAN Wi-Fi MAN_00023_ita_RCX_LAN Ca PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: 1. PARAMETRI PER LA

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

Note applicative AN001: Driver ModBus

Note applicative AN001: Driver ModBus WebCommander e WebLog Note applicative AN001: Driver ModBus Generalita Questo documento descrive la configurazione dei parametri ModBus nei dispositivi WebLog e WebCommander, al fine di definire le variabili

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO

SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO 05 OTTOBRE 2011 PAG. 2 DI 33 INDICE PREMESSA 4 1. COMUNICAZIONE TRA PUNTO DI ACCESSO E SISTEMA DEL CONCESSIONARIO AWP 5 1.1 MESSAGGI DAL PUNTO DI ACCESSO AL SISTEMA

Dettagli

WDESK-R/L WINOX-R/L/2L WTAB-R/L

WDESK-R/L WINOX-R/L/2L WTAB-R/L Manuale d Installazione e d Uso versione 1.06 WDESK-R/L WINOX-R/L/2L WTAB-R/L Base 2004/108/EC EN55022 EN61000-6-2 EN61000-6-4 IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO SIMBOLOGIA Di seguito sono riportate le simbologie

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Istruzioni supplementari. Modbus-TCP, ASCII protocol VEGAMET 391/624/625, VEGASCAN 693, PLICSRADIO C62. Document ID: 30768.

Istruzioni supplementari. Modbus-TCP, ASCII protocol VEGAMET 391/624/625, VEGASCAN 693, PLICSRADIO C62. Document ID: 30768. Istruzioni supplementari Modbus-TCP, ASCII protocol VEGAMET 391/624/625, VEGASCAN 693, PLICSRADIO C62 Internet PLC/SPS Document ID: 30768 Sommario Sommario 1 Funzionamento come server Modbus-TCP 1.1 Modbus-TCP

Dettagli

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232 BIT LINE STRUMENTAZIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V Facile e rapida installazione Ideale domotica e building automation Alimentazione estesa

Dettagli

CONTAPEZZI E 92 MANUALE AD USO PROFESSIONALE

CONTAPEZZI E 92 MANUALE AD USO PROFESSIONALE MANUALE AD USO PROFESSIONALE Pag. 1/3 Caratteristiche 4 Errori segnalati dal visore 5 Programmazione del punto decimale 6/9 Programmazione della percentuale d errore accettabile in funzione al peso pezzo

Dettagli

Istruzioni per configurazione SmartComm (in passività) Ultimo Aggiornamento: 22 settembre 2011

Istruzioni per configurazione SmartComm (in passività) Ultimo Aggiornamento: 22 settembre 2011 Istruzioni per configurazione SmartComm (in passività) Ultimo Aggiornamento: 22 settembre 2011 Istruzioni per configurazione SmartComm (in passività)... 1 1. INSTALLAZIONE SMART3COMM Vers 099... 1 2. CONFIGURAZIONI

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872 Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 1 Copyright and Notes Il Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 e la relativa documentazione

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Dataprocess Alexia COLLEGAMENTO BILANCIA. INSTALLAZIONE e CONFIGURAZIONE CW500

Dataprocess Alexia COLLEGAMENTO BILANCIA. INSTALLAZIONE e CONFIGURAZIONE CW500 Dataprocess Alexia Dataprocess Alexia con CW500... 1 COLLEGAMENTO BILANCIA... 1 INSTALLAZIONE e CONFIGURAZIONE CW500... 1 CONFIGURAZIONE SERIALE PC... 2 CONFIGURAZIONE BILANCIA... 3 CONFIGURAZIONE AREA51...

Dettagli

Manuale utente Borri Power Guardian

Manuale utente Borri Power Guardian Software di monitoraggio UPS Manuale utente Borri Power Guardian Per Linux kernel 2.6 e qualsiasi versione successiva Rev. A 15.01.15 www.borri.it OML59002 Page 5 Software di monitoraggio UPS Manuale

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza

Dettagli

Convertitore di rete NETCON

Convertitore di rete NETCON MANUALE DI PROGRAMMAZIONE INTERFACCIA TCP/IP PER SISTEMI REVERBERI Convertitore di rete NETCON RMNE24I0 rev. 1 0708 I N D I C E 1. Scopo... 4 2. Descrizione... 4 3. Collegamenti elettrici del dispositivo...

Dettagli

Manuale utente. Quinx Box serie 200/300/400. Ethernet RS232 - TCP/IP converter

Manuale utente. Quinx Box serie 200/300/400. Ethernet RS232 - TCP/IP converter Manuale utente Quinx Box serie 200/300/400 Ethernet RS232 - TCP/IP converter A cura di: ICG Holding srl Div. Time & Access Via Leonardo da Vinci 45/47 20020 Lainate (MI) Nr. rif. Q 200 001 Versione 1.10.97

Dettagli

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA PER MACROPAK TM2000/2 (LAUMAS W60.000)

SISTEMA DI PESATURA PER MACROPAK TM2000/2 (LAUMAS W60.000) SISTEMA DI PESATURA PER MACROPAK TM2000/2 (LAUMAS W60.000) Il sistema di pesatura della riempitrice TM200 è composto dalla seguente componentistica: N 8 celle di carico da 1.000 kg cadauna tipo CB1.000

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

Ditron Passività. Auto Run Spooler Service. Configurazione WinEcrConf con collegamento COM. Configurazione WinEcrConf con collegamento LAN

Ditron Passività. Auto Run Spooler Service. Configurazione WinEcrConf con collegamento COM. Configurazione WinEcrConf con collegamento LAN Ultima modifica: 3 dicembre 2015 Ditron Passività Auto Run Spooler Service Con questa modalità la coda di stampa viene gestita direttamente dal driver WinEcr di Ditron. È sufficiente indicare la cartella

Dettagli

Interfaccia Area51 verso RCH / MCT in passività

Interfaccia Area51 verso RCH / MCT in passività Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2015 Interfaccia Area51 verso RCH / MCT in passività Il produttore indica di utilizzare il MULTIDRIVER_SERVER (alla data la versione più recente è la 1.4.0) come driver

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo BARCODE Gestione Codici a Barre La gestione Barcode permette di importare i codici degli articoli letti da dispositivi d inserimento (penne ottiche e lettori Barcode) integrandosi

Dettagli

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Invert er LG Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Mot ori elet t ric i Informazioni preliminari... 2 Installazione... 3 Avvio del programma... 4 Funzionamento Off-Line... 7 Caricamento di una

Dettagli

STE04WS MANUALE UTENTE V. 1.0

STE04WS MANUALE UTENTE V. 1.0 STE04WS MANUALE UTENTE V. 1.0 INDICE 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ 3 2 INTRODUZIONE 3 3 CARATTERISTICHE TECNICHE 3 3.1 PROTOCOLLI SUPPORTATI 3 3.2 CONNESSIONE ALLA RETE ETHERNET 3 3.3 PORTA SERIALE 3 3.4

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

Programmatore per telaio scheller

Programmatore per telaio scheller Divo Di Lupo Sistemi per telai Cotton Bentley Monk Textima Scheller Closa Boehringer http://www.divodilupo.191.it/ Programmatore per telaio scheller Attuatore USB semplificato Numero totale di pagine =

Dettagli

Guida all impostazione. Eureka Web

Guida all impostazione. Eureka Web Eureka Web Guida all impostazione Maggio 2015 1 IMPOSTAZIONE EUREKA WEB Accedere con un browser all EurekaWeb, per default l indirizzo ip è 192.168.25.101, utente : master password : master. Ad accesso

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4)

CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4) CENTRALE ANTINCENDIO PMT 200/202 (EN54-2/4) MANUALE DEL SOFTWARE DI CONFIGURAZIONE IMQ APPROVED CERTIF. N :CA12.00048 (PMT200) CA12.00049 (PMT202) Sw20xa02 del 01.09.2000 INDICE GENERALE Installazione

Dettagli

Assegnamento di un indirizzo IP temporaneo a dispositivi Barix

Assegnamento di un indirizzo IP temporaneo a dispositivi Barix Assegnamento di un indirizzo IP temporaneo a dispositivi Barix V 1.0 GUIDA RAPIDA Introduzione L obiettivo di questa guida rapida è fornire all utente un modo per poter assegnare un indirizzo IP temporaneo

Dettagli

Istruzioni d uso. METTLER TOLEDO MultiRange Software di applicazioni IND690-Sum. www.mt.com/support

Istruzioni d uso. METTLER TOLEDO MultiRange Software di applicazioni IND690-Sum. www.mt.com/support Istruzioni d uso METTLER TOLEDO MultiRange Software di applicazioni IND690-Sum www.mt.com/support Congratulazioni per aver scelto la qualità e la precisione METTLER TOLEDO. Un utilizzo appropriato di questi

Dettagli

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN

INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN INVERTER FOTOVOLTAICI SERIE INGECON SUN Procedura di aggiornamento firmware inverter Ingeteam serie Ingecon Sun Lite Tel. + 39 0546 651490 Fax: +39 0546 655391 e-mail: italia.energy@ingeteam.com Pagina

Dettagli

PowerLink Pro. Interfaccia web per centrali PowerMax Pro 1: INTRODUZIONE. Nota :

PowerLink Pro. Interfaccia web per centrali PowerMax Pro 1: INTRODUZIONE. Nota : PowerLink Pro Interfaccia web per centrali PowerMax Pro 1: INTRODUZIONE Il PowerLink Pro permette di visualizzare e gestire il sistema PowerMax Pro tramite internet. La gestione è possibile da una qualunque

Dettagli

FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0

FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0 FRERVIEW2: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DELLE MISURE ELETTRICHE Vers. 3.0 Descrizione Generale E un programma di monitoraggio e supervisione in grado di leggere, memorizzare, preparare reports, visualizzare

Dettagli

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1

Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente. Ver. 1.1 Serial To Ethernet Converter STE02 Manuale Utente Ver. 1.1 1 Indice 1 Introduzione 4 1.1 Dichiarazione di Conformità.............................. 4 1.2 Contenuto della Confezione..............................

Dettagli

SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione

SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione SureCross DX80 Modbus RTU, Modbus/TCP, EtherNet/IP Guida di riferimento Host e configurazione 08/08 Cod. 141759 rev. D Banner Engineering Corp. 9714 Tenth Ave. No. Minneapolis, MN USA 55441 Tel.: 763.544.3164

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

ACINT01. INTERFACCIA LAN PER CENTRALI ANTINCENDIO AC501 e AC502 ACINT01 REV.00-30/04/15 1

ACINT01. INTERFACCIA LAN PER CENTRALI ANTINCENDIO AC501 e AC502 ACINT01 REV.00-30/04/15 1 ACINT01 INTERFACCIA LAN PER CENTRALI ANTINCENDIO AC501 e AC502 ACINT01 REV.00-30/04/15 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Collegamento della scheda sulle centrali AC502 e/o AC502... 3 3 Modifica dei parametri

Dettagli

Digital Persona Client/Server

Digital Persona Client/Server Documentazione Tecnica Digital Persona Client/Server Installazione 03/10/2012 INDICE DOCUMENTO Introduzione... 3 Versioni del documento... 3 Premessa... 3 Digital Persona... 3 Prerequisiti... 3 Installazione...

Dettagli

Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso

Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso Olitech Informatica Telematico Accise Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso Versione del manuale: 26-01-2010 1 Indice Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso... 1 Indice... 2 Funzionalità

Dettagli

Web 4164ETH Rel. 1.1 7 Lug 2010

Web 4164ETH Rel. 1.1 7 Lug 2010 Web 4164ETH Rel. 1.1 7 Lug 2010 ACCESSO ALLA SCHEDA 4164 ETH Collegarsi via internet alla scheda con l indirizzo tcp/ip (le schede 4164 ETH hanno per default l indirizzo TCP/IP 192.168.25.101) Appare allora

Dettagli

MODULO ACCESSI ABB PER KONNEXION

MODULO ACCESSI ABB PER KONNEXION MODULO ACCESSI ABB PER KONNEXION MANUALE UTENTE VERSIONE 0.0.3 1 - CONFIGURAZIONE DEL MODULO 1 INTRODUZIONE Il modulo KNX-ACC per KONNEXION consente la gestione integrata di un sistema di controllo accessi

Dettagli

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 1 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Specifiche tecniche... 3 Installazione del software... 4 Collegamenti della porta seriale

Dettagli

GCTAB-BL Pesa a ponte

GCTAB-BL Pesa a ponte Manuale d Uso versione 1.00 GCTAB-BL Pesa a ponte 2004/108/EC EN55022 EN61000-6-2 EN61000-6-4 IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO CE- APPROVED EN45501-2009/23/EC-OIML R76:2006 SIMBOLOGIA Di seguito sono riportate

Dettagli

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO 3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð Ã 0DQXDOHG XVR Ã 8VHUPDQXDO 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

PROCEDURA. progetto pyou card MANUALE OPERATORE POS

PROCEDURA. progetto pyou card MANUALE OPERATORE POS PROCEDURA progetto pyou card MANUALE OPERATORE Vers. 0.3 del 04/12/2012 VERSIONI Versione Data Autore Modifiche Apportate 0.1 25/10/2012 Fabio Bachetti Prima stesura 0.2 13/11/2012 Fabio Bachetti Aggiornamento

Dettagli

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA Descrizione Generale E un programma di supervisione in grado di comunicare, visualizzare, memorizzare e stampare i consumi dell

Dettagli

Selezionare il tipo di lettore e aggiorna Firmware per l aggiornamento del programma. Sul QuickData Selezionare Configurazione/Ricezione programma

Selezionare il tipo di lettore e aggiorna Firmware per l aggiornamento del programma. Sul QuickData Selezionare Configurazione/Ricezione programma Procedura di inventario totale con l utilizzo del Gestionale E-SHOP Le operazioni di Inventario Totale possono essere effettuate utilizzando il Lettore QuickData/Datalogic Formula 725 osservando i seguenti

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Dart RF. Scanner Radio. Guida Utente

Dart RF. Scanner Radio. Guida Utente Dart RF Scanner Radio Guida Utente Grazie per aver acquistato un Dart RF DART RF è uno scanner cordless Laser che opera come dispositivo con profilo SPP (Emulazione di Porta seriale) oppure in Emulazione

Dettagli

Utilizzo del Terminalino

Utilizzo del Terminalino Utilizzo del Terminalino Tasti: - ENT: funzionano come INVIO - SCAN: per attivare il lettore di barcode - ESC: per uscire dal Menù in cui si è entrati - BKSP: per cancellare l ultimo carattere digitato

Dettagli