TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI"

Transcript

1 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

2 TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE Il tecnico superiore per la conduzione e la manutenzione degli impianti cura la pianificazione e segue l'attività di manutenzione. Controlla e valuta l'andamento dei dati sullo stato di funzionamento delle macchine/impianti e l'efficacia degli interventi, adottando gli opportuni provvedimenti. ATTIVITA PROFESSIONALI FONDAMENTALI 1. Organizzare il servizio di manutenzione e di installazione, pianificandone le attività secondo i criteri dell ottimizzazione del tempo e della qualità del prodotto finale; 2. effettuare interventi di manutenzione o modifica, intervenendo anche ai lavori dei gruppi addetti alla prima installazione di macchine automatiche e di impianti di produzione, con relativa messa in funzione e regolazione in base alle specifiche di progetto concordate tra progettisti e committenti; 3. operare nel rispetto delle norme di sicurezza del servizio di manutenzione, conformando ad esse le attività dei manutentori degli impianti negli interventi di riparazione e regolazione di funzionamento; 4. predisporre, installare e manutenere dispositivi meccanici, pneumatici, elettrici- elettronici e programmabili, ricercandone guasti ed anomalie, segnalandole e documentandole.

3 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 1 1 Organizzare il servizio di manutenzione e di installazione Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. applicare le metodologie di organizzazione della manutenzione per i vari tipi di impianto; 2. applicare procedure di manutenzione in relazione al sistema qualità; 3. utilizzare software dedicati. 1. Per applicare le metodologie di organizzazione della manutenzione per i vari tipi di impianto, il soggetto ha bisogno di sapere come: Pianificare, in relazione all impianto, la manutenzione preventiva o quella di pronto intervento; Individuare le principali attività del processo manutentivo. 2. Per applicare procedure di manutenzione in relazione al sistema qualità, il soggetto ha bisogno di sapere come: garantire il mantenimento nel tempo della funzionalità e della adattabilità a eventuali nuove esigenze degli impianti; raccogliere ed elaborare informazioni per migliorare l uso dei mezzi e ridurre i costi del sistema. 3. Per utilizzare software dedicati, il soggetto ha bisogno di sapere come: operare con strumenti di supporto alla gestione del sistema-manutenzione operare con software dedicati alla gestione delle manutenzioni di impianti, attrezzature, materiali e ricambi.

4 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. applicare le metodologie di organizzazione della manutenzione per i vari tipi di impianto; 2. applicare procedure di manutenzione in relazione al sistema qualità; 3. utilizzare software dedicati: Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper definire i livelli di funzionalità, produttività e sicurezza delle macchine al fine di programmare la manutenzione ordinaria e metodologie di intervento in caso di guasto. gli indicatori sono: La qualità della programmazione delle attività di ispezione, piccole riparazioni, sostituzioni di parti usurate (cosa, come, quando); la descrizione delle attività per l emanazione delle disposizioni di lavoro; la gestione e il controllo degli ordini. 2 saper impostare un sistema per gestire gli interventi di manutenzione e raccogliere i dati relativi ai costi del fermo macchina. La predisposizione degli ordini di manutenzione e di riparazione; l individuazione delle variabili che incidono sui costi; l utilizzazione di: sistemi di diagnosi, di taratura della strumentazione di misura e di controllo, ricorrendo a sistemi informatici. 3 saper operare con sistemi e programmi informatici di gestione del servizio manutenzione che prevedono l inserimento di nuovi dati e la gestione di dati storici. La classificazione degli interventi programmati e di quelli in funzione dell effettivo utilizzo; la predisposizione del piano di lavoro; la gestione delle priorità di intervento; la registrazione dei dati storici sulle attrezzature e sugli impianti.

5 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 2 2 Effettuare interventi di manutenzione o modifica Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. programmare, coordinare e controllare l attività di manutenzione o modifica; 2. acquisire e memorizzare i dati di guasto e dell intervento di manutenzione; 3. analizzare e standardizzare gli interventi manutentivi. 1. Per programmare, coordinare e controllare l attività di manutenzione o modifica, il soggetto ha bisogno di sapere come: acquisire dati significativi ed elaborare i documenti necessari allo svolgimento dell attività di manutenzione o modifica di apparecchiature, macchine, impianti e sistemi industriali; organizzare un gruppo di manutentori e controllare il loro operato. 2. Per acquisire e memorizzare i dati di guasto e dell intervento di manutenzione, il soggetto ha bisogno di sapere come: raccogliere i dati significativi dell intervento eseguito; compilare la reportistica imposta dal sistema di gestione manutenzione. 3. Per analizzare e standardizzare gli interventi manutentivi, il soggetto ha bisogno di sapere come: eseguire una lettura analitica dei dati storici sugli interventi manutentivi; inquadrare gli interventi in una politica razionale ed economicamente vantaggiosa di manutenzione delle apparecchiature, macchine, impianti e sistemi industriali.

6 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. programmare, coordinare e controllare l attività di manutenzione o modifica; 2. acquisire e memorizzare i dati di guasto e dell intervento di manutenzione; 3. analizzare e standardizzare gli interventi manutentivi, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper pianificare e preparare gli interventi di manutenzione in accordo con il responsabile di produzione. gli indicatori sono: La predisposizione e la compilazione del documento che preveda: descrizione dell attività, stima del tempo per professione e specialità, ed elenco delle attrezzature necessarie; la verifica della disponibilità e prenotazione dei materiali; la formalizzazione della richiesta d approvazione del programma di lavoro. 2 saper redigere il piano lavori, avviarli e controllarne l avanzamento, predisporre i documenti di chiusura. L emissione gli ordini esecutivi e la predisposizione dei documenti necessari per l esecuzione del lavoro; la registrazione dei dati relativi all utilizzo di risorse e l analisi degli scostamenti rispetto al programma originario; l esecuzione della segnalazione di fine lavori. 3 saper analizzare i dati sugli interventi di manutenzione. La produzione di un rapporto tecnico statistico sugli interventi effettuati e sulle risorse impiegate; l identificazione delle situazioni di maggior debolezza; l elaborazione di nuovi standard sugli interventi di manutenzione.

7 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 3 3 Operare nel rispetto delle norme di sicurezza del servizio di manutenzione Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. applicare le disposizioni normative riguardanti la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro; 2. rispettare la normativa vigente in materia di prevenzione degli infortuni, tutela della salute e igiene nell ambiente di lavoro, adottando comportamenti adeguati e utilizzando i dispositivi necessari per la propria e l altrui sicurezza. 1. Per applicare le disposizioni normative riguardanti la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare la normativa vigente sulla sicurezza e l igiene relativa a specifici settori produttivi; analizzare e valutare piani di sicurezza e di igiene relativi all installazione e alla manutenzione di impianti e macchine industriali. 2. Per rispettare la normativa vigente in materia di prevenzione degli infortuni, tutela della salute e igiene nell ambiente di lavoro, adottando comportamenti adeguati e utilizzando i dispositivi necessari per la propria e l altrui sicurezza, il soggetto ha bisogno di sapere come: porre in relazione i mezzi e le procedure della sicurezza impiegati nella manutenzione e installazione di impianti e macchine con i rischi potenziali presenti nell ambiente di lavoro; analizzare e valutare casi concreti di incidenti occorsi nella realizzazione di attività di manutenzione e installazione di impianti e macchine.

8 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. applicare le disposizioni normative riguardanti la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro; 2. rispettare la normativa vigente in materia di prevenzione degli infortuni, tutela della salute e igiene nell ambiente di lavoro, adottando comportamenti adeguati e utilizzando i dispositivi necessari per la propria e l altrui sicurezza. Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper analizzare, comparare e valutare i piani della sicurezza e dell igiene riguardo all installazione di impianti e macchine. gli indicatori sono: L individuazione dei regolamenti e delle normative vigenti nel settore elettrico ed in quello della meccanica industriale; la formulazione di istruzioni operative tecniche; la scelta e l utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. 2 saper impostare comportamenti adeguati alle situazioni di pericolo per la propria ed altrui incolumità nello studio di casi relativi ad ogni tipologia di intervento di manutenzione. L individuazione delle cause per le quali la sicurezza è a rischio; l enumerazione e la descrizione delle misure che avrebbero evitato l incidente preso in esame nel caso; la definizione di un piano di attuazione per affrontare la situazione creatasi; la determinazione dei mezzi e delle procedure per fronteggiare la situazione di pericolo.

9 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 4 4 Installare dispositivi meccanici ed eseguirne le manutenzioni Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. individuare il sistema meccanico di trasmissione di energia più adatto allo scopo; 2. scegliere l organo di comando; 3. individuare le principali cause di guasto dei sistemi meccanici; 4. trarre informazioni da disegni quotati di particolari, complessivi, attrezzature, impianti. 1. Per individuare il sistema meccanico di trasmissione di energia più adatto allo scopo, il soggetto ha bisogno di sapere come: trasmettere l energia con diversi organi meccanici; individuare vantaggi e svantaggi dei diversi sistemi di trasmissione del moto. 2. Per scegliere l organo di comando, il soggetto ha bisogno di sapere come: scegliere il più opportuno sistema di variazione del moto; individuare il motore ed il riduttore più idonei. 3. Per individuare le principali cause di guasto dei sistemi meccanici, il soggetto ha bisogno di sapere come: classificare le principali cause di guasto nei dispositivi meccanici; individuare i tipi guasto degli organi di comando, nei riduttori e nei variatori. 4. Per trarre informazioni da disegni quotati di particolari, complessivi, attrezzature, impianti, il soggetto ha bisogno di sapere come: interpretare le convenzioni UNI-ISO relative al disegno; analizzare il funzionamento di complessivi, attrezzature e impianti; classificare i principali componenti meccanici unificati.

10 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. individuare il sistema meccanico di trasmissione di energia più adatto allo scopo; 2. scegliere l organo di comando; 3. individuare le principali cause di guasto dei sistemi meccanici; 4. trarre informazioni da disegni quotati di particolari, complessivi, attrezzature, impianti, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper classificare e individuare vantaggi e svantaggi dei diversi sistemi di trasmissione di energia e del moto. gli indicatori sono: I criteri della scelta dell uso di un giunto rigido, articolato o elastico; I criteri della scelta tra diversi tipi di cinghie (piatte, trapezoidali, dentate); l individuazione delle principali sollecitazioni meccaniche in gioco nelle trasmissioni flessibili e rigide; l uso di manuali specifici nel dimensionamento degli organi. 2 saper determinare quale debba essere l organo di comando più adatto al compito di fornire il moto al particolare da azionare L individuazione delle condizioni al contorno: trasmissione della potenza, condizioni di funzionamento, ingombri eccetera; la scelta del motore in funzione dell impianto; il dimensionamento del riduttore da accoppiare al motore. 3 saper classificare i componenti che costituiscono il complessivo meccanico, e valutarne le caratteristiche funzionali. 4 Analizzare disegni quotati di particolari attrezzature e di impianti; interpretare i segni grafici delle norme internazionali. L identificazione dei singoli componenti del complessivo meccanico; l individuazione della motivazione tecnica che può provocare l affaticamento o il guasto. L estrapolazione di informazioni da un disegno tecnico, in merito a: quotature, tolleranze, segni di lavorazione, nell ottica del corretto funzionamento del sistema; l individuazione dei dati essenziali per la funzionalità del sistema.

11 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 5 5 Installare dispositivi idraulici e pneumatici ed eseguirne le manutenzioni Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. individuare le applicazioni dei componenti pneumatici ed elettropneumatici utilizzati negli impianti di processo; 2. intervenire sui sistemi di trattamento, compressione e distribuzione dell aria compressa; 3. individuare le applicazioni dei componenti oleoidraulici utilizzati negli impianti di processo; 4. intervenire nei processi che utilizzano semplici circuiti oleodinamici. 1. Per individuare le applicazioni dei componenti pneumatici ed elettropneumatici utilizzati negli impianti di processo, il soggetto ha bisogno di sapere come: confrontare vantaggi e svantaggi dell utilizzo degli impianti a fluido, rispetto agli altri impianti meccanici o elettrici; classificare i componenti dei sistemi pneumatici; valutare i vantaggi ottenibili dall utilizzo di componenti elettroneumatici; progettare semplici circuiti pneumatici ed elettropneumatici. 2. Per intervenire sui sistemi di trattamento, compressione e distribuzione dell aria compressa, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare le problematiche legate ai sistemi di trattamento e distribuzione dell aria compressa; intervenire sui sistemi che utilizzano cicli automatici: con valvole di potenza bistabili e monostabili, cicli con più cilindri in assenza di segnali bloccanti e con segnali bloccanti; utilizzare metodi che consentano di realizzare logiche di comando con il metodo del collegamento in cascata; confrontare vantaggi e svantaggi dell utilizzo dei componenti elettropneumatici rispetto a quelli pneumatici; progettare semplici circuiti elettropneumatici. 3. Per individuare le applicazioni dei componenti oleoidraulici utilizzati negli impianti di processo, il soggetto ha bisogno di sapere come: confrontare vantaggi e svantaggi di un sistema oleoidraulico rispetto ad un sistema pneumatico; individuare i componenti di un sistema oleodinamico. 4. Per intervenire nei processi che utilizzano semplici circuiti oleodinamici controllare le prestazioni della rete distributiva, il soggetto ha bisogno di sapere come: selezionare i sistemi principali di uscita e rientro di un cilindro idraulico; intervenire sui principali circuiti oleodinamici.

12 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. individuare le applicazioni dei componenti pneumatici ed elettropneumatici utilizzati negli impianti di processo; 2. intervenire sui sistemi di trattamento, compressione e distribuzione dell aria compressa; 3. individuare le applicazioni dei componenti oleoidraulici utilizzati negli impianti di processo; 4. intervenire nei processi che utilizzano semplici circuiti oleodinamici, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper analizzare schemi circuitali applicativi di sistemi pneumatici ed elettropneumatici. gli indicatori sono: La determinazione dell utilizzo degli impianti pneumatici per operazioni di espulsione, inserimento, ribaltamento, serraggio, rotazione traslazione; l interpretazione della simbologia; l individuazione della funzionalità dei diversi componenti del circuito. 2 saper individuare il principio di funzionamento dei circuiti pneumatici ad azionamento manuale ed automatico; essere in grado di operare sui circuiti pneumatici al fine di apportare semplici modifiche funzionali o ricercare guasti. L identificazione della funzionalità dei componenti presenti nel gruppo generatore, di controllo e di utilizzo; la qualità dell analisi delle caratteristiche dei compressori e le motivazioni della scelta operata in base all applicazione; la realizzazione di circuiti che utilizzano finecorsa pneumatici, pulsanti, valvole di memoria bistabili e monostabili, sensori. 3 saper analizzare schemi, componenti e simboli utilizzati in un circuito oleodinamico. L individuazione e il confronto delle caratteristiche dei fluidi utilizzati e dei componenti oleodinamici; l identificazione dei componenti del gruppo di generazione, controllo ed utilizzo di regolazione, di portata, di potenza. 4 saper individuare il principio di funzionamento dei circuiti oleodinamici ad azionamento manuale ed automatico; saper operare sui circuiti oleodinamici al fine di apportare semplici modifiche funzionali o ricercare guasti. L individuazione delle principali modalità di uscita e rientro di un attuatore; la realizzazione di semplici circuiti oleodinamici utilizzando cilindri, sistemi per la regolazione della portata, limitatori di pressione, componenti a comportamento proporzionale, distributori.

13 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 6 6 Installare dispositivi elettrici ed elettronici ed eseguirne le manutenzioni Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. individuare dallo schema le caratteristiche funzionali dell impianto e la relativa componentistica elettrica ed elettronica; 2. installare i componenti elettrici ed elettronici nel rispetto del progetto e secondo la normativa; 3. ricercare ed individuare guasti; 4. effettuare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. 1. Per individuare dallo schema le caratteristiche funzionali dell impianto e la relativa componentistica elettrica ed elettronica, il soggetto ha bisogno di sapere come: classificare i dispositivi elettronici che compongono schemi funzionali complessi; Interpretare cicli di funzionamento realizzati dai circuito elettrico ed elettronico. 2. Per installare i componenti elettrici ed elettronici nel rispetto del progetto e secondo la normativa, il soggetto ha bisogno di sapere come: scegliere i componenti in base alle loro caratteristiche funzionali; procedere alla corretta installazione dei dispositivi rispettando le norme CEI e le norme di sicurezza. 3. Per ricercare ed individuare guasti, il soggetto ha bisogno di sapere come: effettuare analisi di ricerca guasti utilizzando la strumentazione necessaria; ricercare e raccogliere documentazione sulla componentistica elettrica ed elettronica dedicata e sul relativo funzionamento. 4. Per effettuare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, il soggetto ha bisogno di sapere come: eseguire operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria; ricercare le caratteristiche tecniche dei componenti per effettuare sostituzioni con componenti equivalenti.

14 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. individuare dallo schema le caratteristiche funzionali dell impianto e la relativa componentistica elettrica ed elettronica; 2. installare i componenti elettrici ed elettronici nel rispetto del progetto e secondo la normativa; 3. ricercare ed individuare guasti; 4. effettuare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper individuare il funzionamento di un sistema dalla lettura del relativo schema elettrico. gli indicatori sono: La conoscenza della simbologia della componentistica e la lettura di uno schema elettrico-elettronico; l individuazione della funzione svolta e il campo di applicazione di ogni specifico componente. 2 saper scegliere ed installare componenti elettrici ed elettronici in conformità allo schema. 3 saper localizzare i componenti che provocano i guasti e le anomalie di funzionamento dell apparecchiatura. La scelta della componentistica in funzione delle specifiche di progetto; l installazione e la configurazione nel rispetto delle norme previste. L analisi della funzionalità del sistema; l utilizzo della strumentazione di test; la predisposizione della raccolta dei dati per la loro analisi; la documentazione di ipotesi formulate sull identificazione dei componenti guasti. 4 saper pianificare ed eseguire gli interventi e gli aspetti logistici connessi alle procedure di manutenzione, ordinaria e straordinaria. L identificazione dei componenti critici di un sistema; la programmazione degli gli interventi di manutenzione ordinaria; la predisposizione della messa in sicurezza dell impianto; l attivazione degli interventi per il ripristino funzionale dell impianto.

15 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 7 7 Installare e programmare i PLC Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. realizzare programmi nei diversi linguaggi di programmazione dei PLC (Programming Logic Control); 2. interfacciare i PLC agli altri sistemi; 3. intervenire nella riparazione degli eventuali guasti. 1. Per realizzare programmi nei diversi linguaggi di programmazione dei PLC (Progamming Logic Control), il soggetto ha bisogno di sapere come: scegliere il sistema di programmazione più adatto per i diversi usi; programmare nei diversi linguaggi. 2. Per interfacciare i PLC agli altri sistemi, il soggetto ha bisogno di sapere come: configurare l hardware del PLC; collegare il PLC al PC ed ai sensori utilizzati. 3. Per intervenire nella riparazione degli eventuali guasti, il soggetto ha bisogno di sapere come: identificare la natura del guasto o del malfunzionamento; localizzare il guasto e formulare ipotesi di intervento.

16 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. realizzare programmi nei diversi linguaggi di programmazione dei PLC (Progamming Logic Control); 2. interfacciare i PLC agli altri sistemi; 3. intervenire nella riparazione degli eventuali guasti, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper realizzare un programma per il PLC che rispetti l assegnata logica di funzionamento. gli indicatori sono: La predisposizione di ingressi e uscite; l efficacia della programmazione delle funzionalità richieste, implementando gli appositi costrutti logici; il trasferimento del programma e la verifica del funzionamento. 2 saper configurare il sistema di connessioni elettriche e dati tra PLC e sua periferia. L identificazione dei segnali elettrici in campo; la realizzazione dei collegamenti idonei al trasferimento delle singole informazioni; la realizzazione di disegni e grafici facilmente interpretabili per gli interventi di manutenzione. 3 saper analizzare un guasto o un malfunzionamento nel sistema controllato dal PLC. L utilizzo degli strumenti a disposizione per effettuare una ricerca guasti; l identificazione della natura hardware o software del guasto; la proposta di un intervento di manutenzione che risolva il problema.

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO OPZIONI Schede disciplinari e quinto anno (Art. 8, comma 4, lettera c) d.p.r. n. 87 del 15 marzo 2010) ISTITUTI PROFESSIONALI -

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DESCRITTIVO COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO

PROFILO PROFESSIONALE DESCRITTIVO COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DI AUTOMAZIONE TERZA VERSIONE SETTEMBRE 2010 DESCRITTIVO Il Tecnico dell automazione industriale è una figura professionale in grado di approntare il funzionamento, ed intervenire

Dettagli

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale

Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici. Standard formativo minimo regionale Operatore elettrico - Impianti elettromeccanici Standard formativo minimo regionale Denominazione del profilo professionale OPERATORE ELETTRICO IMPIANTI ELETTROMECCANICI Referenziazioni del profilo Professioni

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. Indirizzo Generale SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica Indirizzo Generale ISTITUTI TECNICI - Settore: Industria e artigianato.- Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica. ISTITUTI

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l industriale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTI ISS IPSIA SILVIO CECCATO di MONTECCHIO MAGGIORE ( VI ) classe QUINTA A e B PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTI Anno scolastico 2015/16 Materia: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Indirizzo :

Dettagli

LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO

LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO LABORATORIO TECNOLOGICO ED ESERCITAZIONI PRIMO BIENNIO CONOSCENZE Le principali cause di infortunio. La segnaletica antinfortunistica. I dispositivi di protezione individuali e collettiva. Regole di comportamento

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard della Figura nazionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard della Figura nazionale Tecnico per l automazione industriale Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6. Artigiani,

Dettagli

OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A

OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A OPERATORE/TRICE ELETTRICO/A ED ELETTRONICO/A Installatore/trice manutentore/trice di impianti elettrici civili e industriali Applicare le norme tecniche del settore elettrico impiantistico e la relativa

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI Descrizione sintetica della figura L operatore di impianti termo-idraulici interviene, a livello esecutivo, nel processo di realizzazione e manutenzione dell impiantistica

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Denominazione della FIGURA TECNICO ELETTRICO Referenziazioni della Figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 6. OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati

Dettagli

TECNICO - PROFESSIONALI

TECNICO - PROFESSIONALI AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE TECNICO - PROFESSIONALI Lettura del disegno meccanico 1 CAD meccanico bidimensionale 2 CAD meccanico tridimensionale 3 Montaggi meccanici 4 Programmazione PLC

Dettagli

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico Il Perito in Elettronica ed Elettrotecnica: RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico ha competenze specifiche nel campo dei materiali e della tecnologia

Dettagli

BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili

BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

Tecnico-commerciale / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE

Tecnico-commerciale / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE Tecnico-commerciale / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE STAGE LIBERTY 1 : CAPIRE IL FUNZIONAMENTO DI UN IMPIANTO OLEODINAMICO Padronanza delle regole di montaggio e precauzioni per la messa in moto,

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale

OPERATORE ELETTRONICO. Standard formativo minimo regionale OPERATORE ELETTRONICO Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRONICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle costruzioni civili ed

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - AUTORIPARATORE AUTO E

Dettagli

Standard Formativi Minimi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia

Standard Formativi Minimi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia Allegato 3 Standard Formativi Minimi dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia Obiettivi Specifici di Apprendimento delle competenze tecnico professionali O.S.A. tecnico

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Settore TECNOLOGICO A) MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Titolo rilasciato: Perito in Meccanica, meccatronica ed energia MATERIE

Dettagli

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE STAGE LIBERTY 1 : NOZIONI DI MONTAGGIO E DI REGOLAZIONE DI UN IMPIANTO OLEODINAMICO Regole di controllo di montaggio e precauzioni preliminari,

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 5. OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Montaggio e manutenzione

Dettagli

Operatore di impianti termo-idraulici. Standard della Figura nazionale

Operatore di impianti termo-idraulici. Standard della Figura nazionale Operatore di impianti termo-idraulici Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l automazione industriale Standard formativo minimo regionale 1 Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE DIDATTICA NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE PROFESSIONALE - PERCORSO QUINQUENNALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO INDIRIZZO MANUTENZIONE EASSISTENZA TECNICA a) Opzione Apparati, impianti e servizi

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 12 OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 12 OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 12 OPERATORE ALLA RIPARAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE Indirizzi della figura 1. Riparazioni parti e sistemi meccanici ed elettromeccanici del veicolo

Dettagli

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale

Operatore elettronico Standard della Figura nazionale Operatore elettronico Standard della Figura nazionale 33 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRONICO 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI OPERATORE ELETTRICO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani,

Dettagli

3 La formazione specifica HydroCampus

3 La formazione specifica HydroCampus 3 La formazione specifica HydroCampus Introduzione al CAN BUS... p 41 Modellazione e simulazione numerica corso 1... p 42 Modellazione e simulazione numerica corso 2... p 43 Progettazione cilindri... p

Dettagli

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI

OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO MECCANICA, IMPIANTI E COSTRUZIONI Denominazione della figura OPERATORE DI IMPIANTI TERMOIDRAULICI Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Dettagli

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale

Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale Elenco unità capitalizzabili non presenti nello standard nazionale TITOLO UNITÀ :Utilizzare le tecniche fondamentali della meccanica applicata alle macchine Definire le tecniche per la trasmissione del

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Effettuare la manutenzione e garantire l'affidabilità dei sistemi. svolgere le operazioni di manutenzione programmata di base su macchine e sistemi

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza. INDIRIZZO: manutenzione assistenza tecnica

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza. INDIRIZZO: manutenzione assistenza tecnica Tel. 0331635718 INDIRIZZO: manutenzione assistenza tecnica OPZIONE apparati,impianti e servizi tecnici industriali e civili DISCIPLINA: tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione PIANO DELLE

Dettagli

IO 6.3 PRESTAZIONI MINIME DEI LABORATORI IPIA-ITI

IO 6.3 PRESTAZIONI MINIME DEI LABORATORI IPIA-ITI Pag. 1 di 6 IO 6.3 PRESTAZIONI MINIME DEI LABORATORI IPIA-ITI n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR 00 22/09/13 Prima emissione Carlo Ferrari Maria Amodeo Pag. 2 di 6 INDICE

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale Denominazione della figura professionale OPERATORE ELETTRICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai specializzati

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 8. OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 8. OPERATORE DI IMPIANTI TERMO-IDRAULICI AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 8. OPERATORE DI IMPIANTI TERMO- Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 I Disciplina: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata

Dettagli

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale

Operatore elettrico. Standard della Figura nazionale Operatore elettrico Standard della Figura nazionale 27 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE ELETTRICO 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI - 1 - 2 INDICE DELLE FIGURE PROFESSIONALI E DELLE UNITA CAPITALIZZABILI PARTE PRIMA ORD. FIGURA PROFESSIONALE 1. tecnico

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Mondovì IISS G. CIGNA ITIS MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

Istituto Tecnico Industriale Statale Mondovì IISS G. CIGNA ITIS MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IISS G. CIGNA ITIS MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE MATERIA: SISTEMI ED AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CLASSE: 4 A MME DOCENTI: DHO MARCO - COLOTTA GIUSEPPE TESTO: SISTEMI E

Dettagli

CFP SAN MARINO ORDINAMENTO DEL BIENNIO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DI BASE PROGRAMMI DELL AREA PROFESSIONALIZZANTE

CFP SAN MARINO ORDINAMENTO DEL BIENNIO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DI BASE PROGRAMMI DELL AREA PROFESSIONALIZZANTE CFP SAN MARINO ORDINAMENTO DEL BIENNIO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DI BASE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Qualifica: Installatore di impianti elettrici e fotovoltaici 1 INDICE PROFILO PROFESSIONALE 3

Dettagli

Festo Consulenza e Formazione è la prima Società accreditata CICPND per la certificazione della Manutenzione

Festo Consulenza e Formazione è la prima Società accreditata CICPND per la certificazione della Manutenzione Festo Consulenza e Formazione è la prima Società accreditata CICPND per la certificazione della Manutenzione [ Perché certificarsi ] Il servizio di Manutenzione deve garantire che le risorse impiegate

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Basilio Focaccia via Monticelli (loc. Fuorni) - Salerno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica Anno scolastico:

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI CONTENUTI ORE

MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI CONTENUTI ORE 1 POTENZA ED ENERGIA Conoscenze di fisica del primo biennio biennio Lettura di schemi elettrici di potenza e di comando per impianti industriali Uso di internet per ricerca materiali e cataloghi. Concetto

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" - ALBA (CN) ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE: 5 G Disciplina:Tecnologia e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE IV. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE IV. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. (TECNOLOGIE E TECNICHE DELL'INSTALLAZIONE E DELLA MANUTENZIONE ) CLASSE IV Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici 1 0 SICUREZZA Normativa fondamentale sulla sicurezza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE SINTESI DEI CONTENUTI DESCRIZIONE Profilo Professionale

Dettagli

Nel 2012 il Moretto confluisce con l'itis Castelli nel nuovo Istituto di Istruzione Superiore Benedetto Castelli.

Nel 2012 il Moretto confluisce con l'itis Castelli nel nuovo Istituto di Istruzione Superiore Benedetto Castelli. Istituto di Istruzione Superiore "Benedetto Castelli" IPSIA MORETTO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013-2014 Diploma Statale Manutenzione e Assistenza Impiantistica Industriale e Civile Qualifica Regionale / Europea

Dettagli

IPSIA San Benedetto del Tronto La scuola del fare

IPSIA San Benedetto del Tronto La scuola del fare IPSIA San Benedetto del Tronto La scuola del fare ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE OPERATORE ELETTRICO e OPERATORE ELETTRONICO PERCORSO QUINQUENNALE APPARATI, IMPIANTI E SERVIZI TECNICI INDUSTRIALI

Dettagli

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - MONTATORE (MANUTENTORE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Montaggio e manutenzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE I.I.S REMO BRINDISI MANUTENZIONE ed ASSISTENZA TECNICA DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Programmazione Secondo Biennio Conoscenze Tolleranze caratteristiche degli

Dettagli

OPERATORE IMPIANTI ELETTRICI AREA DELLE COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALE riferite alla qualifica

OPERATORE IMPIANTI ELETTRICI AREA DELLE COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALE riferite alla qualifica OPERATORE IMPIANTI ELETTRICI AREA DELLE COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALE riferite alla qualifica U.C. CAPACITÁ 3 anno 2 anno 1 anno 1. Impostazione 1.1 Interpretare il disegno tecnico-schema costruttivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE V. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE V. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici I.S.I.S. "LINO ZANUSSI" PN Classe: V A - MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (SETTORE INDUSTRIA ED ARTIGIANATO Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 2014/15 Opzione Manutentore impianti

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 17. OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati 4.1.1.4

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA classe 1^ COMPETENZE CHIAVE Competenza in campo scientifico-tecnologico Competenza digitale Imparare a imparare TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno: riconosce

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

control & instrumentation solutions Serie AEL6 Attuatori elettrici intelligenti

control & instrumentation solutions Serie AEL6 Attuatori elettrici intelligenti control & instrumentation solutions Serie AEL6 Attuatori elettrici intelligenti e x p e r t i s e s o l u t i o n s s u s t a i n a b i l i t y 1 A E L 6 Serie AEL6 Attuatori elettrici intelligenti Attuatori

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO

Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO Sezione B Dati relativi al percorso 1 ANNO B.1 Informazioni generali sulla qualifica B.1.1 Indicazioni relative alla figura professionale nazionale di cui all Accordo Stato/Regioni del 29 aprile 2010 Denominazione

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE

PROFILO PROFESSIONALE TIEL - TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHE --- Programmi MINISTERIALI di insegnamento delle discipline Area di indirizzo corso TIEL (approvati con DM 15 aprile 1994 e pubblicati sulla GU dell 1-7-1994 -

Dettagli

Operatore meccanico-orologiaio. Proposta standard formativo minimo regionale

Operatore meccanico-orologiaio. Proposta standard formativo minimo regionale Operatore meccanico-orologiaio Proposta standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate OPERATORE MECCANICO-OROLOGIAIO

Dettagli

Informatica e Telecomunicazioni

Informatica e Telecomunicazioni Informatica e Telecomunicazioni IL PROFILO DEL DIPLOMATO Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni : 1. Ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO SERVIZI COMMERCIALI Denominazione della figura OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA Gli Allegati A (Profilo culturale, educativo e professionale) e C (Indirizzi, Profili, Quadri orari e Risultati di

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Aldini-Valeriani

Istituto Tecnico Industriale Aldini-Valeriani Istituto Tecnico Industriale Aldini-Valeriani Istituto Tecnico Industriale Aldini-Valeriani Le prime Scuole Tecniche Bolognesi furono costituite negli anni 1844/60 con i lasciti di Giovanni Aldini e Luigi

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

CLASSE 4 AMM [Stesura a.s. 2014-15]

CLASSE 4 AMM [Stesura a.s. 2014-15] PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 99 Libro di Testo SISTEMI ED AUTOMAZIONE INDUSTRIALE VOL 2 NATALI AGUZZI ED. CALDERINI SETTEMBRE Caratteristiche dell aria, legge di stato dei gas,

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 13. OPERATORE MECCANICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

AREA PROFESSIONALE IMPIANTI ELETTRICI INSTALLATORE E MANUTENTORE IMPIANTI TERMO-IDRAULICI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE IMPIANTI ELETTRICI INSTALLATORE E MANUTENTORE IMPIANTI TERMO-IDRAULICI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE INSTALLAZIONE

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A. DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A. DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni CLASSI:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE V. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Automazione

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE V. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Automazione PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. (TECNOLOGIE E TECNICHE DELL'INSTALLAZIONE E DELLA MANUTENZIONE ) CLASSE V Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Automazione (8 ore/settimana programmate su 30 settimane/anno,

Dettagli

Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici

Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici Addetto agli impianti ed ai processi metallurgici e meccanici Figure professionali: addetto conduzione impianti addetto impianti sistemi automatizzati colatore fonditore laminatore verniciatore stampatore

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 2. TECNICO ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

Rapporto 2014 sulla domanda di competenze delle imprese

Rapporto 2014 sulla domanda di competenze delle imprese Rapporto 2014 sulla domanda di competenze delle imprese Le competenze professionali più richieste per i diplomati meccanici, elettronici, informatici e amministrativi Roma, 19 gennaio 2015 A cura di Isabella

Dettagli