La contribuzione previdenziale agricola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La contribuzione previdenziale agricola"

Transcript

1 La contribuzione previdenziale agricola I N P S D I R E Z I O N E R E G I O N A L E T O S C A N A P A L A Z Z O P A Z Z I Q U A R A T E S I 2 9 N O V E M B R E - 3 D I C E M B R E

2 IMPRESE AGRICOLE IN PROVINCIA DI FIRENZE FIRENZE Diff Aziende agricole ,92% 2 Lavoratori occupati OTI Lavoratori occupati OTD Lavoratori autonomi agricoli CM Lavoratori autonomi agricoli IAP Voucher in agricoltura ,66% ,55% ,33% ,35% ,7%

3 La contribuzione previdenziale agricola 3 I G I O R N A T A A Z I E N D E C O N D I P E N D E N T I 2 9 N O V E M B R E

4 LE ATTIVITA AGRICOLE E LE DIVERSE FORME DI CONTRIBUZIONE 4

5 IMPRENDITORE AGRICOLO art del c.c. prima delle modifiche 5 E imprenditore agricolo chi esercita un attività diretta alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, all allevamento del bestiame e attività connesse. Si reputano connesse le attività dirette alla trasformazione e all alienazione dei prodotti agricoli, quando rientrano nell esercizio normale dell agricoltura.

6 ATTIVITA AGRICOLA 6 Coltivazione = ciclo completo della lavorazione dalla aratura alla raccolta del prodotto; Silvicoltura = manutenzione e salvaguardia del patrimonio boschivo ed estrazione del legname dal bosco; Allevamento = cura del bestiame;

7 Attività connesse agriturismo ricezione e ospitalità; ATTIVITA AGRICOLA acquacoltura allevamenti in acque dolci, marine e salmastre. 7 Attività di trasformazione attività svolta da cooperative che utilizzano ( più del 50% in un biennio ) prodotti prevalentemente propri o conferiti dai soci.

8 ATTIVITA AGRICOLA 8 Sono agricole anche le imprese senza terra che pur svolgendo attività inquadrate negli altri settori assumono lavoratori per svolgere attività agricola, come disposto dalla legge n. 92/1979 modificata dal decreto legislativo n. 173/1998.

9 ATTIVITA AGRICOLA 9 Manutenzione di parchi e giardini = manutenzione agraria (d.lgs. n. 173/1998) Cernita, pulitura e imballaggio di prodotti agricoli purché connessi alla raccolta (d.lgs. n. 173/1998) Lavori di forestazione = svolti da amministrazioni pubbliche (legge n. 92/1979) Consorzi di irrigazione, bonifica e rimboschimento = manutenzione di impianti irrigui e somministrazione delle acque (legge n. 92/1979) Esercizio controllato della caccia (legge n. 92/1979)

10 ATTIVITA AGRICOLA 10 Un radicale mutamento dell impostazione classica si ha con l emanazione dei d.lgs del 18/03/2001 che provvedono alla reiscrizione dell articolo n del codice civile

11 ATTIVITA AGRICOLA 11 E imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. Per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco, le acque dolci, marine e salmastre

12 ATTIVITA AGRICOLA 12 Viene chiarito che per essere considerate agricole le attività devono necessariamente essere dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso.

13 ATTIVITA AGRICOLA 13 L elemento biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso di carattere vegetale o animale assume particolare rilevanza e diventa il criterio principale di qualificazione e identificazione di un azienda agricola.

14 ATTIVITA AGRICOLA Un ulteriore allargamento del campo di definizione si ha con la sostituzione del termine 14 allevamento di bestiame con allevamento di animali

15 ATTIVITA AGRICOLA 15 Dal momento che le attività utilizzano o possono utilizzare il fondo l elemento terra diventa un fattore di produzione sostituibile. Non è più l elemento indispensabile dell attività. A questo si aggiungono, completandone il concetto, il bosco, le acque dolci, salmastre e marine.

16 ATTIVITA AGRICOLA 16 Si intendono connesse le attività esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione commercializzazione, valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del bosco, dall allevamento degli animali.

17 ATTIVITA AGRICOLA 17 Si intendono connesse anche le attività di fornitura di beni e servizi mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature e risorse normalmente impiegate nell attività agricola esercitata, ovvero ricezione ed ospitalità cosi come definite dalla legge.

18 ATTIVITA AGRICOLA 18 Il termine connesse sta ad indicare che le stesse non possono essere esercitate da soggetti diversi dall imprenditore agricolo che esercita almeno una delle attività di coltivazione del fondo, selvicoltura e allevamento di animali

19 ATTIVITA AGRICOLA Inoltre la norma precisa che le attività connesse devono avere ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo. 19 L imprenditore può ricorrere al mercato per acquistare prodotti da destinare alla manipolazione, conservazione, trasformazione e commercializzazione e valorizzazione a condizione che non siano prevalenti rispetto a quelli ottenuti dall attività agricola esercitata dall imprenditore stesso.

20 ATTIVITA AGRICOLA 20 Sono considerati imprenditori agricoli anche le cooperative di imprenditori agricoli e loro consorzi a condizione che utilizzino per lo svolgimento delle attività di cui all art prevalentemente prodotti dei soci, ovvero forniscono ai soci beni e servizi diretti alla cura e allo sviluppo del ciclo biologico.

21 I SOGGETTI DELL AREA AGRICOLA 21 Lavoratori agricoli subordinati Lavoratori autonomi ed associati

22 DATORI DI LAVORO AGRICOLO 22 I datori di lavoro agricoli sono quei soggetti che svolgono un attività inquadrata nella gestione agricola utilizzando manodopera subordinata : gli operai agricoli

23 OPERAIO AGRICOLO 23 E operaio agricolo chiunque presta la propria opera dietro corrispettivo, per la coltivazione della terra, dei boschi, per l'allevamento degli animali e per le lavorazioni connesse, complementari ed accessorie alle dipendenze e sotto la direzione di un datore di lavoro

24 OPERAIO AGRICOLO 24 I lavoratori possono essere assunti: a tempo indeterminato a tempo determinato

25 E a tempo indeterminato: A TEMPO INDETERMINATO 25 il rapporto di lavoro senza prefissione di termini; l attività svolta da un operaio a tempo determinato che ha effettuato presso la stessa azienda 180 giorni nell arco di 12 mesi; tale operaio ha diritto alla trasformazione del rapporto a tempo indeterminato (norma contrattuale facoltativa per il lavoratore).

26 E a tempo determinato: il rapporto a tempo prestabilito; A TEMPO DETERMINATO l esecuzione di lavori di breve durata, stagionali o a carattere saltuario; il lavoro svolto per compiere una fase lavorativa; la sostituzione di operai per i quali esista il diritto di conservazione del posto. 26

27 OPERAI AGRICOLI 27 I CCNL e i contratti integrativi definiscono l area, il livello e tutti gli elementi necessari per l inquadramento del lavoratore. Sulla base di tali elementi si individuano anche i diritti del lavoratore stesso. Tali elementi vengono inseriti nel modello DMAG, con riferimento alla Provincia ed al Comune ove si sia svolta l attività lavorativa.

28 COMPARTECIPANTI INDIVIDUALI 28 Sono assimilati agli OTD ma vengono retribuiti in natura, cioè con una parte del prodotto, la contribuzione è calcolata sul salario medio convenzionale. Non ricevono la busta paga né il modello CUD.

29 COMUNICAZIONE AL CENTRO PER L IMPIEGO Dal 1 marzo 2008 è in vigore la nuova normativa in materia di comunicazione on line di cui al decreto interm. del 30/10/2007. Da tale data, così come individuato dalla circ. min. n del 21/12/2007, i datori di lavoro pubblici e privati, compresi quelli agricoli, e le agenzie di somministrazione sono tenuti alla trasmissione informatica al Servizio per l impiego competente, nel cui ambito territoriale è ubicata la sede di lavoro, delle seguenti comunicazioni: 29 assunzione (entro il giorno antecedente a quello di instaurazione del rapporto di lavoro); proroga, trasformazione e cessazione (entro 5 giorni da quando si verifica l evento).

30 COMUNICAZIONE AL CENTRO PER L IMPIEGO 30 Pluriefficacia delle comunicazioni on line: non devono più essere effettuate le comunicazioni all INPS di cui all art. 1 comma 9 del DL 10/01/2006 n. 2 convertito nella Legge 81/2006 con il registro d impresa.

31 PICCOLI COLONI 31 Sono coloro che stipulano un contratto di natura associativa con un soggetto concedente, apportando il proprio lavoro nella coltivazione di un fondo e/o del bestiame. Il fabbisogno di manodopera aziendale deve essere inferiore alle 120 giornate.

32 COMPARTECIPANTI FAMILIARI 32 Sono quei soggetti che, in virtù di patti contrattuali, si impegnano ad apportare nella compartecipazione il lavoro di parte o di tutto il nucleo familiare, sino alla concorrenza della necessità di manodopera del fondo coltivato.

33 IL PICCOLO COLONO E IL COMPARTECIPANTE FAMILIARE 33 L'accertamento delle giornate dei compartecipanti familiari e piccoli coloni, sia al fine del versamento della contribuzione dovuta, sia al fine della costituzione ed aggiornamento della posizione assicurativa, avviene ad istanza di parte (modello ACC.1 PC/CF)

34 Il modello ACC. 1 PC/CF può essere di: IL PICCOLO COLONO E IL COMPARTECIPANTE FAMILIARE 34 costituzione del rapporto e deve essere inviato entro 30 giorni dalla stipula del contratto, debitamente firmato dal concedente e dal concessionario. Qualora il concedente ometta di inviare la dichiarazione, la stessa può essere presentata dal concessionario entro 60 giorni dall'inizio di ciascun anno; prosecuzione del rapporto e deve essere presentata entro il 30 gennaio di ciascun anno; variazione/cessazione e deve essere inviata nel caso in cui intervenga una modifica ai dati in precedenza dichiarati. Va prodotta entro 30 giorni dal verificarsi dell'evento.

35 IL PICCOLO COLONO E IL COMPARTECIPANTE FAMILIARE 35 Il modello ACC.1 PC/CF deve contenere i dati aziendali e colturali, utili al calcolo del fabbisogno lavorativo in base al quale verrà calcolata la contribuzione. In caso di omessa dichiarazione, l'operatore può accertare d'ufficio l'avvenuta costituzione di un rapporto di piccola colonia/compartecipazione familiare, notificando all'azienda il relativo avviso. Il modello viene trasmesso, via telematica, dal concedente e/o dal concessionario, o da intermediario abilitato.

36 IL PICCOLO COLONO E IL COMPARTECIPANTE FAMILIARE I contributi devono essere versati dal concedente in 4 rate annuali scadenti al: 16 luglio - 16 settembre - 16 novembre e 16 gennaio dell anno successivo. 36 Le giornate accertate implementano la posizione assicurativa di tale tipologia di lavoratori, assimilati ai fini assicurativi agli operai a tempo determinato. Pertanto, i PC/CF vengono iscritti negli elenchi nominativi annuali.

37 FABBISOGNO AZIENDALE IL PICCOLO COLONO E IL COMPARTECIPANTE FAMILIARE 37 Per l'accertamento, ai fini previdenziali e contributivi, delle giornate prestate dai compartecipanti familiari e piccoli coloni, si applicano i valori medi d'impiego di mano d'opera per singola coltura e per ciascun capo di bestiame desumibili dalla tabella provinciale di ettaro-coltura, ovvero i valori medi d'impiego di cui all'art. 9 quinquies c. 15 della l. 608/96.

38 IL PICCOLO COLONO E IL COMPARTECIPANTE FAMILIARE 38 Alla dichiarazione deve essere allegata, tramite apposito file, la seguente documentazione: contratto di compartecipazione o di piccola colonia, in copia autenticata ovvero stipulato con l'assistenza delle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro agricoli; certificati catastali dei terreni ceduti in concessione; stati di famiglia del concedente e del concessionario.

39 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO (d.lgs. 375/93 e legge n.608/96) Denuncia Aziendale (composizione agro-economica dell Azienda) 39 Comunicazione Assunzione Libro Unico Dichiarazione trimestrale DMAG telematico Pagamento dei contributi alle relative scadenze

40 ADEMPIMENTI DELL AZIENDA 40 Possono essere svolti: dal datore di lavoro dai soggetti di cui all art. 1 ex Lege 12/1979: Soggetti iscritti all albo: dei consulenti del lavoro degli avvocati dei dottori commercialisti dei ragionieri e periti commerciali (previa comunicazione alla DPL) Periti agrari e periti agrari laureati, Agrotecnici e Agrotecnici laureati Ispettori del lavoro, etc Associazioni di categoria CED costituiti o promossi dall organizzazioni di categoria a cui sono iscritti CED che sono assistiti dai professionisti di cui all art.1 L.12/79 Società di cui al D.lgs. 276/2003, art.31

41 IL PORTALE DEI SERVIZI INPS 41

42 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER circolari n. 45/ /2011) 42 Il possesso di un PIN da parte dell'utente è condizione indispensabile per accedere dall'esterno, attraverso il sito ai servizi on line predisposti dall'istituto. Il PIN può essere richiesto tramite il sito Internet, il Call center o direttamente alla sede INPS.

43 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER Come ottenere il P.I.N. 43

44 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER Come ottenere il P.I.N. ricerca modulo 44

45 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER Come ottenere il P.I.N. stampa del modulo per consulenti 45

46 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER Come ottenere il P.I.N. compilazione del modulo 46

47 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER 47 Nel settore della previdenza agricola l accesso alle procedure dedicate è subordinato al possesso di un PIN abilitato dall operatore di sede. Possono essere abilitati sia l azienda sia il suo intermediario di cui all art.1 della l. 12/1979.

48 PERSONAL IDENTIFICATION NUMBER 48 I soggetti di cui all art. 1 ex legge 12/1979 sono abilitati ad effettuare adempimenti per conto delle aziende. Con circolari n. 45 del 7/4/2008 e n. 72 del 9/7/2008 l Istituto ha esteso la possibilità di inviare DA e DMAG per conto di datori di lavoro agricoli anche a: Periti agrari e periti agrari laureati nonché ad Agrotecnici e agrotecnici laureati iscritti ai rispettivi Albi Dottori Agronomi e Dottori Forestali iscritti ai rispettivi Albi Per effettuare tali adempimenti, è necessario: presentare la richiesta di abilitazione ai singoli servizi di trasmissione telematica in agricoltura presso la sede INPS competente (se non abilitati al momento dell attivazione del PIN); allegare l elenco che autocertifichi i soggetti che hanno rilasciato loro delega (circolare n. 110/2009).

49 MODELLO DI RICHIESTA ABILITAZIONE AI SERVIZI 49

50 50

51 SERVIZI ON LINE 51

52 SERVIZI PER AZIENDE E CONSULENTI 52

53 DENUNCIA AZIENDALE 53

54 DENUNCIA AZIENDALE ex art. 5 decreto legislativo n. 375/93 54 La D.A. (denuncia aziendale) deve essere inoltrata, tramite COMUNICA, entro 30 giorni dall inizio attività. Essa: attesta la composizione agro economica; è propedeutica all assunzione di manodopera dipendente.

55 DENUNCIA AZIENDALE I commi 7 e 8 dell art. 01 della legge n. 81/2006 prevedono quanto segue: 55 Co. 7.: Tutte le aziende agricole in essere al 30 giugno 2006 devono ripresentare per via telematica la denuncia aziendale; Co. 8.: A decorrere dal 1 luglio 2006 la denuncia aziendale di cui all'articolo 5 del decreto legislativo 11 agosto 1993, n. 375, deve essere trasmessa per via telematica, su apposito modello predisposto dall'inps. Ai datori di lavoro che assumono operai a tempo determinato è fatto obbligo di inserire nel predetto modello l indicazione del tipo di coltura praticato all allevamento condotto, nonché il presunto fabbisogno di manodopera. Cfr. circolare n. 88 del 11 luglio 2006

56 DENUNCIA AZIENDALE COMUNICA L'articolo 9 del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, (circ. INPS n 41/2010) dispone che: 56 per l avvio dell attività d impresa, gli "interessati" presentino all ufficio del Registro delle Imprese, esclusivamente per via telematica o su supporto informatico, una comunicazione unica per assolvere tutti gli adempimenti amministrativi, ai fini fiscali, assistenziali, previdenziali e per il Registro delle Imprese. tale procedura si applica anche in caso di modifiche o cessazione dell'attività d'impresa.

57 DENUNCIA AZIENDALE CIRC. N. 88/2006 Il modulo di denuncia aziendale è costituito da 17 quadri 57 I dati dichiarati sono autocertificati. La denuncia aziendale è approvata dall operatore di sede che attribuisce anche i codici per le riduzioni contributive (tipo ditta e zona tariffaria). Dopo la presentazione della DA viene attribuita all azienda il CIDA (codice identificativo univoco).

58 Motivo della denuncia aziendale: inizio attività; DENUNCIA AZIENDALE variazione (in caso di modificazioni aventi significativa rilevanza sul fabbisogno lavorativo dell azienda, modifiche in relazione all imposizione contributiva); sospensione dell attività; cessazione dell attività. 58

59 LIBRO UNICO DEL LAVORO Ha sostituito il registro d impresa a decorrere dal 16 gennaio E rilasciato e vidimato dall INAIL. Le aziende agricole che non hanno una posizione INAIL devono essere censite. Il libro unico è tenuto in azienda.

60 DMAG 60

61 DICHIARAZIONE DELLA MANODOPERA AGRICOLA OCCUPATA - DMAG 61 OTI OTD CI

62 DMAG 62 E la dichiarazione trimestrale della manodopera agricola subordinata. Contiene tutti gli elementi necessari sia per il calcolo della contribuzione che l azienda deve versare sia per l implementazione della posizione assicurativa dei lavoratori

63 DMAG 63 Art. 01, co. 6 della legge n.81/2006: A decorrere dal 1 luglio 2006 (terzo trimestre 2006) il modello DMAG deve essere presentato per via telematica entro il mese successivo a quello del trimestre di riferimento.

64 DMAG 64 Le aziende possono provvedere all invio telematico: per proprio conto oppure avvalendosi dei soggetti di cui all art. 1 ex lege 12/1979.

65 DMAG Termini di presentazione DMAG 65 TRIMESTRE Primo Secondo Terzo Quarto DATA PRESENTAZIONE Entro il 30 aprile Entro il 31 luglio Entro il 31 ottobre Entro il 31 gennaio (anno successivo.) Se l ultimo giorno del mese è festivo, generalmente l invio è consentito per tutto il successivo giorno feriale

66 66 DOCUMENTAZIONE

67 67 DOCUMENTAZIONE

68 DMAG Dati Anagrafici e Contributivi dell Azienda Tipo ditta 1: 01,03,04,06,08,13 etc Tipo ditta 2: 41, no CAC Tipo manodopera 01= OTD; 02= OTI Tipo dichiarazione P= Prima; V=Variazione; S=Sostitutiva Associazione di categoria Codice ISTAT azienda Contributo di solidarietà 68 Dichiarazioni di responsabilità (diritto agevolazioni, rispetto delle norme, autorizzazione alla riscossione contributi associativi e trattenuta delle quote a carico dei dipendenti)

69 69 DMAG Dati dei lavoratori Quadri A e B del modello: A ) I dati anagrafici del lavoratore e i dati necessari per l aggiornamento della posizione assicurativa. B ) Gli elementi della base imponibile.

70 70 DMAG Dati dei lavoratori Quadro A: dati anagrafici lavoratore (codice fiscale / residenza) data assunzione dimissioni

71 71 DMAG Dati dei lavoratori Quadro B: categoria settore produttivo; area; zona tariffaria da d.lgs 146/97 (cod. 1/2/3); tipo contratto 01,03,04,06,20,.78; part time: 3 orizzontale; 5 verticale; retribuzione imponibile (TR: O, M, P ); numero giornate/ore.

72 Per retribuzione contrattuale si intende: DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRIBUTI 72 quella prevista dal contratto provinciale; gli accordi di gradualità che costituiscono parte integrante del contratto N.B. se la retribuzione dell accordo di gradualità è inferiore al minimale di legge deve essere adeguata a tale minimo con conservazione delle agevolazioni previste dalla legge.

73 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRIBUTI 73 Le retribuzioni contrattuali di graduale adeguamento che sono demandate dal contratto provinciale agli accordi aziendali, non sono rilevanti ai fini previdenziali. Trovano rilevanza, invece, le retribuzioni individuali se migliorative di quelle contrattuali.

74 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRIBUTI Modifiche attuative sulle denunce trimestrali per 74 operai a tempo determinato: retribuzioni di tipo ordinario O vanno sempre denunciate ed il campo relativo dovrà essere sempre avvalorato (come per gli OTI); retribuzioni malattia o infortunio, dove il datore di lavoro integri l indennità erogata, il campo retribuzioni dovrà essere sempre avvalorato.

75 75 DMAG Dal le aziende sono obbligate ad anticipare agli OTI le prestazioni per conto dell Istituto; nel DMAG devono essere indicati i codici tipo retribuzione corrispondenti: malattia ( N ) donazione sangue ( S ) donazione midollo osseo ( T ) assegno al nucleo familiare ( A ) cassa integrazione ordinaria ( C ) maternità ( R ) Circolare n. 118/2007

76 DMAG 76 Le aziende compensano le somme anticipate per le prestazioni per conto dell Istituto con i contributi dovuti per i lavoratori; nel modello F24 sono riportati i relativi importi con le rispettive causali insieme alla contribuzione ordinaria da versare. Nel caso in cui le prestazioni anticipate non trovino capienza con i contributi dovuti, l eccedenza viene riportata nell estratto conto aziendale come un credito e segnalato con la dicitura Anticipazioni. Circolare n. 118/2007

77 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRIBUTI triennio Legge n. 81 / 2006 Art.1, co. 2: Rideterminazione delle riduzioni contributive, ex-lege 67/1988, a carico dei datori di lavoro: Zone montane = 75% Zone svantaggiate = 68% Per l individuazione dei territori occorre fare riferimento alla delibera CIPE 42/2000. La legge di stabilità (183/2011) ha riconosciuto definitivamente tali agevolazioni.

78 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRIBUTI triennio Legge n. 81 / 2006 art. 1, co. 4: 78 Modifica della disciplina della retribuzione assoggettata a prelievo contributivo per gli OTD con: definitivo abbandono dei salari medi provinciali; introduzione della retribuzione effettiva nel rispetto del dettato della legge 389/1989.

79 LA TARIFFAZIONE 79 Il calcolo dei contributi a carico delle aziende viene effettuato dalla procedura centrale sulla base delle informazioni indicate nel DMAG. Tale attività viene avviata subito dopo la chiusura dell archivio dei DMAG prevista alle scadenze di legge.

80 MODALITA E TERMINI DI PAGAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE DATORI DI LAVORO OTI/OTD: 80 Trimestre Primo Secondo Terzo Quarto Data versamento DMAG 16 settembre 16 dicembre 16 marzo 16 giugno La delega di pagamento viene inviata all indirizzo dell azienda indicato nel modello DMAG. Dalla competenza 2012, viene inviato al contribuente solo il prospetto dei contributi e la lettera di accompagnamento che contiene anche i dati necessari per la compilazione della delega di pagamento (sede, causale, codeline )

81 IL MODELLO F24 E la delega di pagamento utilizzata dalle aziende per il versamento della contribuzione calcolata dall Istituto. Viene stampato e recapitato dalle Poste all indirizzo indicato nel DMAG. Dal 1 trimestre 2012 è a disposizione degli Intermediari/Aziende una funzione che consente di ristampare gli F24 in scadenza di pagamento e di visualizzare il prospetto di calcolo; successivamente alla data di scadenza del pagamento, non sarà più possibile ristampare il modello F24 ordinario né visualizzarne la codeline. 81

82 IL MODELLO F24 82 Nel caso in cui il calcolo della contribuzione riportato nel modello F24 sia maggiore rispetto a quanto dovuto dall azienda a causa dell errata compilazione del DMAG, dovrà essere richiesto il ricalcolo alla sede competente per territorio, allegando documentazione probante della rettifica richiesta. La sede ricalcola la contribuzione corretta ed effettua gli sgravi contributivi: l azienda/intermediario richiede telematicamente la riemissione del modello F24. Nel caso in cui sia stata omessa l indicazione di alcuni lavoratori o siano stati riportati basi imponibili inferiori a quanto precedentemente indicato nel DMAG, l azienda trasmette un DMAG di tipo V per dichiarare i soli dati integrativi.

83 ESONERO PER CALAMITA NATURALI L esonero per calamità naturale è la riduzione dell importo dei contributi a carico dell azienda a seguito di un evento eccezionale. 83 L esonero viene riconosciuto a seguito di emanazione di Legge. Nel caso di azienda con dipendenti, non è soggetta a riduzione la quota a carico dei lavoratori.

84 ESONERO PER CALAMITA NATURALI 84 E ridotta, generalmente, la contribuzione in scadenza nei dodici mesi successivi alla fine dell evento. La percentuale di riduzione varia in percentuale al danno subito.

85 ESONERO PER CALAMITA NATURALI 85 L esonero contributivo per calamità naturale può essere previsto da un atto normativo governativo o da delibere regionali. Nel caso di decreti ministeriali deve essere emanata apposita circolare.

86 ESONERO PER CALAMITA NATURALI L azienda interessata da una calamità naturale decretata inoltra istanza telematica alla sede competente tramite il servizio messo a disposizione sul sito dell Istituto. 86 L interessato è tenuto a precisare: l evento subito la percentuale del danno le colture da esso interessate l inammissibilità delle stesse all assicurazione agevolata

87 SOSPENSIONE CONTRIBUTIVA 87 La sospensione contributiva è la sospensione del pagamento della contribuzione ordinaria per un intervallo di tempo disposto da una norma di legge. La norma stessa stabilisce anche i termini e le modalità della ripresa della riscossione.

88 SOSPENSIONE CONTRIBUTIVA 88 L'azienda interessata da una sospensione contributiva inoltra istanza telematica alla sede competente tramite il servizio messo a disposizione sul sito dell Istituto.

89 I VOUCHER 89

90 LAVORO ACCESSORIO 90 Che cos'è il lavoro occasionale di tipo accessorio: E' una particolare modalità di prestazione lavorativa, la cui finalità è quella di regolamentare quelle prestazioni occasionali, definite appunto accessorie' - svolte nel territorio nazionale - che non sono riconducibili a contratti di lavoro in quanto effettuate in modo saltuario, e tutelare situazioni non regolamentate. Il pagamento avviene attraverso 'buoni lavoro' (voucher). Sono garantite la copertura previdenziale presso l'inps e quella assicurativa presso l'inail. Attenzione. Si precisa che lo svolgimento di prestazioni di lavoro occasionale accessorio non dà diritto alle prestazioni a sostegno del reddito dell'inps (disoccupazione, maternità, malattia, assegni familiari ecc.), ma è riconosciuto ai fini del diritto alla pensione. Vantaggi: Per il committente Il committente può beneficiare di prestazioni nella completa legalità, con copertura assicurativa INAIL per eventuali incidenti sul lavoro, senza rischiare vertenze sulla natura della prestazione e senza dover stipulare alcun tipo di contratto. Per il prestatore Il prestatore può integrare le sue entrate attraverso queste prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. E', inoltre, cumulabile con i trattamenti pensionistici e compatibile con i versamenti volontari.

91 I VOUCHER 91 Le novità normative previste dalla riforma del mercato del lavoro legge n. 92 del 28/06/2012 le novità legislative previste dalla legge di riforma del mercato del lavoro - 28 giugno 2012, n.92 (pubblicata sulla gazzetta ufficiale n. 153 del 3 luglio 2012) consistono nell integrale sostituzione dell articolo 70 e parziale modificazione dell articolo 72 del decreto legislativo n.276 del 2003.) Le modifiche riguardano: Limite economico: i compensi complessivamente percepiti dal prestatore non possono superare i euro nel corso di un anno solare, con riferimento alla totalità dei committenti. Il limite va inteso come netto ed è pari a euro lorde. Le prestazioni rese nei confronti di imprenditori commerciali o professionisti, fermo restando il limite dei 5000 euro, non possono comunque superare i euro per ciascun committente. Il limite va inteso come netto ed è pari a euro lorde.

92 I VOUCHER Compensi per l anno Il compenso generale per prestatore di o di complessivi nell anno solare, per prestazioni effettuate a favore di imprenditori commerciali o professionisti va calcolato dall inizio del Pertanto, il prestatore può essere impiegato fino alla concorrenza di questo limite annuo, in caso contrario se ha percepito (o superato) la somma prevista non può più essere impiegato. Ambiti di attività e tipologie di prestatori: sono abrogati tutti i settori di attività tassativamente elencati con la precedente normativa e le categorie di prestatori. pertanto, le più diverse attività possono essere svolte da qualsiasi soggetto (disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o subordinato, full-time o part-time, pensionato, studente, percettore di prestazioni a sostegno del reddito), elencati con la precedente normativa e le categorie di prestatori. Pertanto, le più diverse attività possono essere svolte da qualsiasi soggetto (disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o subordinato, full-time o part-time, pensionato, studente, percettore di prestazioni a sostegno del reddito), nei limiti del nuovo compenso economico previsto.

93 I VOUCHER 93 La sola eccezione riguarda il Settore agricolo in cui il lavoro occasionale accessorio è ammesso per : aziende con volume d affari superiore a euro esclusivamente tramite l utilizzo di Specifiche figure di prestatori (pensionati e giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici, ovvero in qualunque periodo dell anno se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l università) per lo svolgimento di Attività agricole di carattere stagionale; Aziende con volume d affari inferiore a euro che possono utilizzare qualsiasi Soggetto in qualunque tipologia di lavoro agricolo, anche se non stagionale.

94 I VOUCHER 94 Committenti pubblici: viene confermata la nozione di committente pubblico, che comprende ai sensi dell art. 1, comma 2, del d.lgs. N. 165 /2001 tutte le amministrazioni dello stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello stato ad ordinamento autonomo, le regioni, le province, i comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli istituti autonomi case popolari, le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del servizio sanitario nazionale, l ARAN (agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) e le agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, quale utilizzatore delle prestazioni di lavoro occasionale accessorio, nei limiti previsti dalle disposizioni di spesa relative al personale nonché ai vincoli stabiliti, eventualmente, dal patto di stabilità interno.

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio VADEMECUM BUONI AVORO per il lavoro occasionale accessorio COSA SONO I Buoni Lavoro (o voucher) sono un sistema diretto per il pagamento di servizi di breve durata destinati alle aziende e ai privati.

Dettagli

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio vademecum orizzontale_layout 1 08/03/12 15:32 Pagina 1 VADEMECUM Prodotto a cura di Italia Lavoro in collaborazione con Inps nell ambito del progetto Diffusione del Buono Lavoro per il lavoro occasionale

Dettagli

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1 Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 2 COSA SONO I Buoni Lavoro (o

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti CHE COS'È IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO E' una particolare modalità di prestazione lavorativa, che regolamenta tutte quelle

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo modello di denuncia aziendale (D.A.) ex art. 5 Decreto Legislativo n. 375/93.

OGGETTO: Il nuovo modello di denuncia aziendale (D.A.) ex art. 5 Decreto Legislativo n. 375/93. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 11 Luglio 2006 Circolare n. 88 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO Settembre 2009 - LAVORO ACCESSORIO E BUONI LAVORO - Il presente approfondimento ha lo scopo analizzare la normativa di

Dettagli

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI La Manovra d estate 2008 (D.L. n.112/08, convertito in L. n.133/08) ha disciplinato la regolamentazione

Dettagli

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti Prospetto riepilogativo sull utilizzo dei voucher Valore Minimo di ogni Voucher 10,00 Valore Incassato dal lavoratore 7,50 Somma totale erogabile in un anno solare (quindi dal 01/01 al 31/12) ad ogni lavoratore

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 15.04.2013 Voucher: i chiarimenti dell INPS Per instaurare un rapporto occasionale accessorio è necessario effettuare la

Dettagli

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse.

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse. Si tratta di prestazioni di lavoro di natura meramente occasionale, e accessoria', non riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario e discontinuo. Si offrono, così occasioni di

Dettagli

VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE

VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE VOUCHER ATTIVITA OCCASIONALE Riferimenti normativi Dlgs n 276 /2003 artt 70-73 Legge 33/2009 VALORE NOMINALE DEI BUONI 10 EURO per buono singolo Bonus multiplo da 50 euro (pari a 5 buoni) Importo stabilito

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR /DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM COSA SONO I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro

Dettagli

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO

Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale LAVORO ACCESSORIO LAVORO ACCESSORIO Particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge delega 14 febbraio 2003,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) posso utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 5 del 14 gennaio 2011 DL 29.12.2010 n. 225 (c.d. milleproroghe ) - Altre principali novità INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga per l accatastamento degli immobili

Dettagli

Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito

Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito N. 384 del 03.10.2012 La Memory A cura di Mauro Muraca Lavoro accessorio: riforma del lavoro, chiarimenti del ministero e novità introdotte dal DL 83/2012 convertito La legge di riforma del mercato del

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER A cura della Commissione Lavoro Dott. Leonello Fontana Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Viterbo Viterbo, 16 Aprile 2014 Disciplina

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Numero 63 Settembre 2013 IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Lavoro a cottimo, lavoro a domicilio, lavoro nero, lavoro interinale, lavoro precario: sembra davvero che di

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO Il lavoro accessorio consiste nella prestazione di attività lavorative di natura occasionale, rese per lo svolgimento di determinate attività, che non diano complessivamente

Dettagli

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E Città di Brienza (Prov. di Potenza) (D.p.r. del 7/11/2005) Piazza dell Unità d Italia 85050 Brienza tel. 0975381003 - fax 0975381988 comune.brienza@cert.ruparbasilicata.it www.comune.brienza.pz.it REGOLAMENTO

Dettagli

I Buoni Lavoro. Centro Studi AssoAPI Salerno

I Buoni Lavoro. Centro Studi AssoAPI Salerno I Buoni Lavoro Un vademecum per comprendere quali committenti e tipologie di lavoratori possono utilizzare il sistema dei voucher e la metodologia di utilizzo Centro Studi AssoAPI Salerno 9/8/2013 INDICE

Dettagli

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO D.LGS N. 276/2003 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNEMENTE DETTO LAVORO CON I VOUCHERS O BUONI LAVORO" ULTIME MODIFICHE LEGISLATIVE La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato

Dettagli

IL LAVORO ACCESSORIO

IL LAVORO ACCESSORIO IL LAVORO ACCESSORIO (Artt. 70-73 del D.Lg. n. 276/03 - L. 133/2008- L. 33/2009-L. 191/2009- D.L. 225 del 29/12/2010 convertito in legge n. 10/2011- L. 92/2012 c.d. Riforma Fornero - circ. Ministero del

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE

DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore Politiche Economiche, Sociali e del Lavoro Provincia della Spezia Medaglia d oro al valor militare DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

Dettagli

Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari. (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013)

Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari. (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013) N.284 del 27.06.2013 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013) L INPS con due

Dettagli

Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc)

Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc) Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc) Sommario: 1. Premessa; 2. Soggetti tenuti a richiedere il DURC; 3. Soggetti abilitati al rilascio del DURC; 4.

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

Roma, 29/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 49

Roma, 29/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 49 Ufficio Legislativo Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Vigilanza Prevenzione e Contrasto

Dettagli

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n.

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. Il lavoro accessorio a cura di Patrizia Clementi Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. 191) Fonti normative: L. 14 febbraio 2003, n. 30 (legge delega)

Dettagli

Il Durc on line Note esplicative Dal 1 luglio 2015, chiunque vi abbia interesse, compresa la medesima Impresa, verifica con modalità esclusivamente telematiche ed in tempo reale la regolarità contributiva

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 151 01.09.2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell INPS Fino al 31 dicembre 2015 resta in vigore la vecchia disciplina per

Dettagli

Voucher per lavoro occasionale disponibili presso tutti gli uffici postali

Voucher per lavoro occasionale disponibili presso tutti gli uffici postali CIRCOLARE A.F. N. 48 del 03 Aprile 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Voucher per lavoro occasionale disponibili presso tutti gli uffici postali Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2013-2014 : scadenza al 16 maggio 2014

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2013-2014 : scadenza al 16 maggio 2014 GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2013-2014 : scadenza al 16 maggio 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con le istruzioni operative del 3 febbraio 2014 l Inail ha fornito

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps INPS, circolare 12/08/2015 n 149 Pubblicato il 25/08/2015 L art 48, comma 1, del d.lgs. n. 81 del 15 giugno 2015 innalza il limite massimo del compenso che il

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Voucher Lavoro: I compensi aumentano

Voucher Lavoro: I compensi aumentano Voucher Lavoro: I compensi aumentano È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. Serie Generale n.144 del 24-6-2015 Supplemento Ordinario n. 34) il decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 che

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 20/03/2014 Circolare n. 33 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000 Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P. IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti Rivisitata da molteplici interventi normativi ed assoggettata ad altrettanti chiarimenti ministeriali, nonché di carattere previdenziale, sembra che ad oggi

Dettagli

Oggetto: Informazioni su obblighi contributivi e previdenziali delle Aziende Agricole

Oggetto: Informazioni su obblighi contributivi e previdenziali delle Aziende Agricole FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CIRCOLARE N 1 DEL 4 FEBBRAIO 2008 Oggetto: Informazioni su obblighi contributivi e previdenziali

Dettagli

Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro

Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007.

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 7 Roma, 5 febbraio 2008 Al Ai Dirigente Generale Vicario Responsabili di tutte le Strutture Centrali e Territoriali e p.c. a: Organi Istituzionali

Dettagli

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti CIRCOLARE MENSILE GIUGNO 2012 LAVORO - NOVITA DEL MESE NEWS DI GIUGNO ADEMPIMENTI Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota n.8367 del 2 maggio,

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013

GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013 Premessa generale GUIDA AL LAVORO ACCESSORIO AGGIORNATA AL DECRETO LAVORO N. 76-2013 La caratteristica principale del lavoro accessorio è rappresentata dal modo in cui il Committente compensa il lavoratore

Dettagli

DISCIPLINARE REGOLANTE LO SVOLGIMENTO DI PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE

DISCIPLINARE REGOLANTE LO SVOLGIMENTO DI PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE C.a.p. 83057 Comune di TORELLA DEI LOMBARDI Provincia di AVELLINO MEDAGLIA D ORO AL VALORE CIVILE Partita I.V.A. 00241950641 - Tel. 0827/44060-44147 Fax 0827/49209 e-mail comtorella@tiscali.it - segreteria@comune.torelladeilombardi.av.it

Dettagli

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 Premessa Il sistema di regolazione dei "Voucher" per il lavoro occasionale di tipo accessorio ha fatto registrare un notevole sviluppo, raggiungendo il numero di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE DISPONIBILI A PRESTARE ATTIVITA OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO NELL AMBITO DEL PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO FINANZIATO DALLA

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO. le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro

LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO. le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro LAVORO OCCASIONALE? SI, MA SERENO E SICURO le opportunita' dei buoni lavoro per lavoratori e datori di lavoro Avevo diversi lavori straordinari da fare in azienda; e in casa alcuni lavoretti che non ci

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro

Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro N. 104 del 07.03.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Il lavoro occasionale accessorio dopo gli interpelli del ministero del lavoro Negli ultimi mesi il Ministero del

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 15/06/2012 Circolare n. 85 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo

Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo Città di Orbassano Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo AVVISO La Città di Orbassano, anche per l anno 2015, intende partecipere all iniziativa Reciproca

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

Le domande più frequenti

Le domande più frequenti Le domande più frequenti ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare

Dettagli

LAVORO E VENDEMMIA LE REGOLE PER ESSERE IN REGOLA CENTRO STUDI

LAVORO E VENDEMMIA LE REGOLE PER ESSERE IN REGOLA CENTRO STUDI CENTRO STUDI 2015 LE REGOLE PER ESSERE IN REGOLA Con l'avvio della campagna vendemmiale molte aziende agricole si trovano nella necessità di fare ricorso a manodopera extra-aziendale. Riteniamo quindi

Dettagli

Note operative per la Gestione Separata

Note operative per la Gestione Separata 1 NOTE OPERATIVE PER LA GESTIONE SEPARATA. Pagina 1 2 PREMESSA La corretta, completa e tempestiva esecuzione degli adempimenti contributivi è condizione indispensabile per: l accoglimento di eventuali

Dettagli

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Direzione Centrale delle Entrate Contributive Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 23 Giugno 2005 Circolare n. 81 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Roma, 06-12-2012. Messaggio n. 20135

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Roma, 06-12-2012. Messaggio n. 20135 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 06-12-2012 Messaggio n. 20135 Allegati n.1 OGGETTO: Decreto Legge n.174 del 10 ottobre 2012, pubblicato su G.U. n.237 del 10.10.2012.

Dettagli

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA)

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Lavoro Accessorio COSA E è un attività lavorativa di natura puramente occasionale

Dettagli

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 INDICE Le news del mese di marzo 2015 Approfondimenti o Asseverazione conformità dei rapporti di lavoro o Compensazione dei crediti tramite modello F24 o Aliquote 2015

Dettagli

Il commento. Le collaborazioni a progetto. Il punto della situazione al 24 ottobre 2004. Definizione

Il commento. Le collaborazioni a progetto. Il punto della situazione al 24 ottobre 2004. Definizione Le collaborazioni a progetto. Il punto della situazione al 24 ottobre 2004 Il commento Il lavoro a progetto. Le tappe dell applicazione della nuova disciplina La disciplina dei contratti di collaborazione

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo dell INPS. Direzione Regionale del Veneto Area prevenzione e contrasto economia sommersa e lavoro irregolare Fare Agriturismo: quando la qualità si confronta con le norme. Lavoro e previdenza in agriturismo. Il ruolo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio.

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio. COMUNE DI CESENA SETTORE PROGETTI INTEGRATI - PARTECIPAZIONE LAVORO SVILUPPO GIOVANI - UNIVERSITÀ PGN: 100669/368 Piazza del Popolo 10-47521 Cesena Tel: 0547.356592-323 Fax 0547.356519 E-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, articoli 70 e 72 - Lavoro

OGGETTO: Decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, articoli 70 e 72 - Lavoro Ufficio Legislativo Direzione centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie in Veneto. Scheda informativa

Le comunicazioni obbligatorie in Veneto. Scheda informativa Le comunicazioni obbligatorie in Veneto Scheda informativa 1. ASPETTI GENERALI 1.1.Obblighi di comunicazione a. A decorrere dal 1 gennaio 2007 i datori di lavoro devono comunicare al Centro per l impiego

Dettagli

OGGETTO: contributi dovuti dai concedenti per i piccoli coloni e compartecipanti familiari per l anno 2008

OGGETTO: contributi dovuti dai concedenti per i piccoli coloni e compartecipanti familiari per l anno 2008 Presidio unificato Previdenza agricola Roma, 9 Maggio 2008 Circolare n. 57 Allegati n. 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

Cassa Edile Emilia Romagna

Cassa Edile Emilia Romagna DURC: SINTESI DELLE LEGGI E DELLE NORMATIVE 01. RICHIESTA DEL DURC pag. 2 02. VALIDITA DEL DURC pag. 3 03. BNI pag. 4 04. CASSA EDILE COMPETENTE AL RILASCIO DEL DURC pag. 4 05. CARTA FILIGRANATA pag. 5

Dettagli

Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio

Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio Articolo 1, commi 32-33 Lavoro accessorio Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio di Pierluigi Rausei * L art. 1, comma 32, lett. a), del d.d.l.

Dettagli

ADEMPIMENTI MESE DI OTTOBRE 2012

ADEMPIMENTI MESE DI OTTOBRE 2012 10 ADEMPIMENTI MESE DI OTTOBRE 2012 10 MERCOLEDI Inps Lavoratori domestici - Ultimo giorno per il versamento dei contributi previdenziali/assistenziali a cadenza trimestrale relativi ai lavoratori domestici.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro.

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro. Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di marzo 2012. Cordialmente. Lo Studio ADEMPIMENTI MESE DI MARZO 2012 Giovedì 1 marzo DOCUMENTI FISCALI Archiviazione informatica - Termine di

Dettagli

Contributi individuali. Versamenti volontari Riscatti di laurea

Contributi individuali. Versamenti volontari Riscatti di laurea Contributi individuali Versamenti volontari Riscatti di laurea Dott. Elvira Filiaggi Direzione Centrale Sistemi Informativi e tecnologie Dirigente Area contributi individuali continuativi e lavoro domestico

Dettagli

Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro

Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Dichiarazione di adesione Periodo di prova Il Ccnl per gli addetti all industria chimica, chimico-farmaceutica,

Dettagli

Roma, 16/12/2014 Circolare n. 169

Roma, 16/12/2014 Circolare n. 169 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio centrale per l'applicazione del sistema di

Dettagli

Piccoli coloni e compartecipanti familiari: definiti i contributi previdenziali ed assicurativi per il 2016

Piccoli coloni e compartecipanti familiari: definiti i contributi previdenziali ed assicurativi per il 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Piccoli coloni e compartecipanti familiari: definiti i contributi previdenziali ed assicurativi per il 2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli