Aspetti normativi, assicurativi e fiscali per l attività delle fattorie didattiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti normativi, assicurativi e fiscali per l attività delle fattorie didattiche"

Transcript

1 Aspetti normativi, assicurativi e fiscali per l attività delle fattorie didattiche

2 La legge di orientamento Le norme contenute nel dlgs n. 228/2001, noto come legge di orientamento agricola, attribuisce alla fornitura di beni servizi a terzi da parte dell azienda agricola una dignità civilistica di attività agricola connessa.

3 La legge di orientamento Nuova definizione di imprenditore agricolo Art.1 E imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, silvicoltura, allevamento di animali e attività connesse. Per coltivazione del fondo, per silvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività volte alla cura ed allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. Si intendono comunque connesse le attività, esercitate dall imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall allevamento degli animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi, mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell azienda normalmente impiegate nell attività agricola esercitata, ivi comprese quelle di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla legge.

4 Attività Agricole (Art Del Codice Civile) A) coltivazione del fondo, silvicoltura; b) Allevamento di animali; c) Attività connesse: 1. Manipolazione, conservazione, trasformazione, valorizzazione e commercializzazione di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall allevamento di animali; 2. Fornitura di beni e servizi utilizzando prevalentemente attrezzature e risorse normalmente impiegate nell attività agricola.

5 La legge di orientamento Attività agrituristiche Art. 3 Rientrano fra le attività agrituristiche, ancorché svolte all esterno dei beni fondiari nella disponibilità dell impresa, l organizzazione di attività ricreative, colturali e didattiche, di pratica sportiva, escursionistiche e di ippo-turismo finalizzate ad una migliore fruizione e conoscenza del territorio, nonché la degustazione dei prodotti aziendali, ivi inclusa la mescita di vino

6 PAROLE CHIAVE Attività connesse: (art. 1 DLgs 228/2001) le attività connesse, purchè esercitate dal medesimo imprenditore: manipolazione, conservazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti agricoli, dei prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione dei fondi de bosco o dall allevamento degli animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi, mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell azienda normalmente impiegate nell attività agricola esercitata, ivi comprese quelle di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla Legge.

7 Precisazione: le attività connesse non devono per dimensione, organizzazione di capitali e risorse umane configurarsi come attività prevalenti, quindi le attività connesse, devono rimanere in ogni caso attività accessorie e strumentali all attività agricola che deve rimanere la principale.

8 attività connessa fornitura a terzi di beni e servizi.. = sono attività che deve svolgere direttamente l imprenditore agricolo, utilizzando prevalentemente attrezzature o risorse dell azienda normalmente impiegate nell attività agricola principale. Per normale si intende l impiego in via continuativa e sistematica delle attrezzature nell attività principale; non può essere considerato normale l impiego occasionale e sporadico nell attività agricola principale di attrezzature che, invece, sono impiegate con cadenza di continuità e sistematicità al di fuori dell attività di coltivazione del fondo, del bosco o di allevamento.

9 attività connessa fornitura a terzi di beni e servizi... L attività di fornitura di beni o servizi da parte dell imprenditore agricolo non deve assumere per dimensione, organizzazione di capitali e risorse umane, la connotazione di attività principale; in tale senso le attrezzature agricole non devono impiegate nell attività connessa in misura prevalente.

10 Legge finanziaria 2004 Disposizioni agricole rendono operativa fiscalmente la legge di orientamento Modifica del alcune disposizioni del D.P.R n.917 testo unico delle imposte sui redditi Modifica dell art. 22 comma c) è così sostituito: le attività di cui al III comma dell art del C.C., dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione, ancorchè non svolte sul terreno, di prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall allevamento di animali, con riferimento ai beni individuati, ogni due anni e tenuto conto dei criteri di cui al comma 1 (formazione del reddito agrario), con decreto del Min. dell economia e delle finanze su proposta del Min. politiche agricole e forestali.

11 Legge finanziaria 2004 Viene inserito un nuovo articolo il 78-bis Comma 3: Per attività dirette alla fornitura di servizi di cui al III comma dell art C.C., il reddito è determinato applicando all ammontare dei corispettivi delle operazioni registrate o soggette a registrazione agli effetti dell IVA, conseguiti con tale attività, il coefficiente di redditività del 25%.

12 Legge finanziaria 2004 Modifica del alcune disposizioni del D.P.R n.633 testo unico delle imposte valore aggiunto I.V.A. E inserito un nuovo articolo: art. 34-bis (attività agricole connesse) Per le attività dirette alla produzione di beni ed alla fornitura di servizi di cui al III comma dell art del C.C., l imposta sul valore aggiunto è determinata riducendo l imposta relativa alle operazioni imponibili in misura pari al 50% del suo ammontare, a titolo di detrazione forfettaria dell imposta afferente agli acquisti ed alle importazioni.

13 Attività connesse di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ricezione ed ospitalità LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento Ce n. 1257/99 a sostegno dello sviluppo rurale.

14 Attività di servizio didattico Nelle fattorie didattiche è possibile apprendere l educazione alimentare collegata alle produzioni tipiche, alla genuinità e all identità territoriale delle aree rurali, oltre a conoscere la campagna con i suoi ritmi, l alternanza delle stagioni e la fatica che il rapporto tra uomo e natura racchiude.

15 Alcune fattorie didattiche hanno allestito locali e spazi con funzione illustrativa delle attività agricole e zootecniche, degli aspetti della vita rurale, della storia locale, con l impiego di supporti visivi, cartelloni, fotografie e poster. L attività didattica rappresenta quindi un occasione offerta agli agricoltori per promuovere la propria azienda, beneficiando altresì di una interessante integrazione al reddito agricolo, derivante dalla vendita diretta dei prodotti e dall incasso della visita.

16 Imprenditori agricoli agrituristi. Sulla base dell inquadramento civilistico ed ora fiscale, appare evidente come sia del tutto naturale ricondurre le iniziative didattiche nell alveo di un normale esercizio agrituristico già autorizzato. Qualora l agriturista sia in possesso di iscrizione all albo regionale nel quale non sia fatta menzione di attività didattica, dovrà verificare la necessità di dotarsi di specifica integrazione o estensione della propria posizione, contattando il competente Servizio provinciale agricoltura e alimentazione.

17 Aliquote I.V.A. 20% Aliquota del 20% - a questa aliquota devono essere assoggettate tutte le altre prestazioni che l attività agrituristica può offrire, quali ad esempio, attività o manifestazioni sportivo-ricreative, culturali e ippoturismo, oppure prestazioni svolte dalle Fattorie Didattiche che non abbiano i requisiti per essere considerate esenti, etc.

18 Aliquote I.V.A. Esenzione Attività didattica: Esente I.V.A. l esenzione dall IVA è prevista dell articolo 10 primo comma n. 20, del D.P.R. 633/72, e l applicazione è limitata alle prestazioni effettuate dalle Fattorie Didattiche. Affinché possa essere applicata l esenzione è necessario che la Fattoria Didattica sia autorizzata dalla Regione e conseguentemente inserita nell Elenco Regionale delle Fattorie Didattiche pubblicato sul B.U.R.L.

19 Regime forfettario Inprese individuali Imposte dirette Ricavi x 25% = REDDITO I.V.A. Società di persone (possono rinunciare a favore del regime ordinario) IVA su vendite x 50% = IVA da versare

20 Regime ordinario Imposte dirette Ricavi-costi= REDDITO I.V.A. Per opzione Inprese individuali, Società di persone Per obbligo: le società di capitali IVA su vendite IVA su acquisti = IVA da versare

21 Imprenditori agricoli non agrituristi. Sulla base dell inquadramento civilistico ed ora fiscale, appare evidente come sia del tutto naturale ricondurre le iniziative didattiche nell alveo delle attività connesse di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, usufruire dei vantaggi stabiliti dalla legge finanziaria 2004.

22 IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO FORNITURA DI SERVIZI LA DETRAZIONE DELL IVA E STABILITA NELLA MISURA DEL 50% PER:

23 La sicurezza in azienda analisi dei rischi e loro prevenzione

24 L azienda agricola è un luogo di lavoro ove devono attuarsi le misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori durante il lavoro Regole generali per la sicurezza di un percorso didattico in fattoria assicurare la stabilità degli edifici; disporre di locali sicuri, al coperto e attrezzati per il pranzo e lo svolgimento delle attività; essere dotata di servizi igienici adeguati al numero dei visitatori; avere gli impianti elettrici progettati e realizzati secondo le norme di sicurezza vigenti e essere in possesso della relativa dichiarazione di conformità rilasciata solo da ditte abilitate; garantire la regolare manutenzione dell impianto gas e della caldaia; dotarsi di estintori a norma; avere spazi delimitati dove gli ospiti possano giocare e/o consumare la merenda in completa sicurezza; tenere al di fuori della portata degli ospiti materiale nocivo e tossico e quanto altro possa costituire pericolo.

25 predisporre e mantenere la segnaletica destinata a trasmettere messaggi di sicurezza; circoscrivere le zone pericolose in azienda e delimitare le aree non accessibili con una adeguata segnaletica; creare una viabilità interna adeguata e sicura per consentire l accesso alle strutture dell azienda e ai campi coltivati; assicurare che non esista alcun rischio di zoonosi all interno dell azienda; assicurare la pulizia e la cura degli spazi adibiti all uso didattico considerando comunque che un azienda agricola è un luogo di lavoro a stretto contatto con la terra e gli animali; non somministrare prodotti alimentari se non autorizzati; predisporre una cassetta di pronto soccorso dotata di farmaci di primo intervento.

26 Definizione del percorso didattico

27 ANALISI DEL RISCHIO E DEFINIZIONE DELLE SOLUZIONI L analisi e la descrizione del percorso didattico in azienda consente di individuare le criticità su cui intervenire per ridurre il rischio di infortunio. Gli interventi prioritari per prevenire in modo significativo eventuali infortuni sono i seguenti: Macchine: Tutti gli organi in movimento (alberi cardanici, prese di potenza motrici e mosse, cinghie, catene e pulegge di trasmissione del moto, condotti a coclea, ecc.) devono essere protetti contro i contatti accidentali mediante solide protezioni fisse. Impianti e strutture: Le vasche dei liquami e le fosse devono essere protette contro il rischio di caduta all interno mediante idonee recinzioni o solide coperture fisse. Tutte le superfici di passaggio devono essere realizzate in materiali che, oltre a garantire un agevole pulizia, siano il più possibile antisdrucciolevoli; Le scale fisse a gradini devono essere facilmente accessibili, agibili e dotate di corrimano almeno su un lato; i gradini devono essere costruiti, oltre che con pedata e alzata a regola d arte, con particolari caratteristiche antiscivolo (ad esempio in grigliato). Il deposito delle balle parallelepipede e delle rotoballe nei fienili deve essere tale da evitarne la caduta sugli addetti. I fienili sopraelevati e gli altri ambienti sopraelevati devono essere dotati di protezione costituita da parapetto normale con arresto al piede o altri sistemi, qualora necessario; si dovrà comunque verificare la staticità dell edificio. In tutti gli ambienti destinati allo stazionamento degli animali devono essere previste, ad opportuni intervalli, vie di fuga..

28 Ambienti e fabbricati utilizzati nel percorso didattico Garantire che gli edifici siano realizzati in modo da resistere a sollecitazioni esterne (vento, neve) ed interne (carichi statici e dinamici). Occorre, inoltre, garantire che il lavoro che vi si svolge non crei situazioni di rischio. Per questo motivo è necessario valutare l'edificio o il locale in relazione alla funzione per cui sono stati realizzati o destinati. In definitiva, si tratta di valutare per ognuno dei locali di un edificio promiscuo o per ciascun edificio specializzato: le attività che vi si svolgono e le conseguenti caratteristiche ambientali; le caratteristiche delle macchine impiegate; le caratteristiche degli impianti tecnici; la idoneità delle strutture; la presenza di mezzi di soccorso; il carico di incendio presente. Non si deve adibire all attività didattica locali chiusi che non corrispondano alle seguenti condizioni: essere ben difesi contro agenti atmosferici e provvisti di un isolamento termico sufficiente. avere aperture sufficienti per un rapido ricambio d'aria; essere ben asciutti e ben difesi contro l'umidità; avere le superfici dei pavimenti, delle pareti e dei soffitti tali da poter essere pulite a deterse per ottenere condizioni adeguate di igiene.

29 QUALITÀ DELL ARIA La temperatura nei locali deve essere adeguata all'organismo umano durante la visita. esercitare sopra di essa il grado di umidità ed il movimento dell'aria concomitanti. Quando non è conveniente modificare la temperatura di tutto l'ambiente, si deve provvedere alla difesa dei visitatori contro le temperature troppo alte o troppo basse mediante misure tecniche localizzate. Le finestre, i lucernari e le pareti vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo dei luoghi di lavoro. I locali di lavoro chiusi devono essere ben asciutti a ben difesi contro l'umidità e disporre di sufficiente aria salubre. In linea di massima tutti i luoghi confinati, destinati alle attività agricole richiedono una abbondante aeroilluminazione naturale. Questo fattore strutturale è indispensabile poichè l aria e la luce naturali garantiscono funzioni igienizzanti di base, ed inoltre nei luoghi di lavoro agricoli i rischi igienici (dovuti a polveri, gas di fermentazione, deiezioni, sversamenti, ecc.) e suscettibili di riduzione per effetto di questi requisiti, sono presenti in modo ubiquitario e consistente. Quando ciò non può essere garantito, per il rifornimento di aria salubre possono essere utilizzati impianti di aerazione i quali devono essere sempre mantenuti funzionanti. Ogni eventuale guasto deve essere segnalato da un sistema di controllo per salvaguardare la salute. L'entità del rinnovo dell'aria dei locali deve essere adeguata: al numero di animali e persone che si trovano nel locale; all'intensità del lavoro fisico da essi svolto; allo sviluppo di eventuali sostanze nocive o fastidiose. Il sistema di rinnovo dell'aria deve essere adeguato alla forma e alle caratteristiche dei locali, con particolare attenzione alle posizioni occupate dai lavoratori ed alle loro esigenze.

30 ILLUMINAZIONE La normativa in materia indica che gli ambienti, ed i passaggi devono essere illuminati con luce naturale o artificiale in modo da assicurare una sufficiente visibilità. Gli impianti di illuminazione dei locali e delle vie di circolazione devono essere installati in modo che il tipo d'illuminazione previsto non rappresenti un rischio d'infortunio per i lavoratori. Le uperfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale devono essere tenuti in buone condizioni di pulizia ed efficienza. Per la scelta del sistema illuminante è fondamentale tenere presente che la qualità della percezione visiva è influenzata dai fattori seguenti: valore di illuminamento; abbagliamento e/o riflessi fastidiosi; temperature di colore e resa dei colori delle sorgenti; contrasti di illuminamento e di colore nel campo visivo.

31 RUMORE Oltre che per prevenire effetti nocivi sugli operatori e tutelarne le capacità di lavoro, il rumore deve essere limitato, ove necessario, anche al fine di consentire una adeguata intelligibilità delle comunicazioni verbali e dei segnali (con particolare riferimento ai segnali di pericolo e di allarme). VIE E USCITE DI EMERGENZA Le vie e le uscite d emergenza devono rimanere sgombre e consentire di raggiungere il più rapidamente possibile un luogo sicuro. Unitamente alle vie di circolazione e alle porte che vi danno accesso, esse non devono essere ostruite da oggetti e materiali, in modo da poter essere utilizzate in ogni momento. Le vie e le uscite d emergenza devono essere evidenziate da apposita segnaletica conforme alle disposizioni vigenti e, se necessario, devono essere dotate di un'illuminazione di sicurezza d intensità sufficiente, che entri in funzione in caso di guasto dell'impianto elettrico.

32 VIE DI CIRCOLAZIONE, LE ZONE DI PERICOLO E I PASSAGGI Le vie di circolazione destinate ai veicoli devono passare a una distanza sufficiente da porte, portoni e passaggi per pedoni. Le zone di pericolo e gli ostacoli devono essere segnalati in modo chiaramente visibile, quando non sia possibile eliminarli. I posti di passaggio, devono essere idoneamente difesi contro la caduta o investimento di materiali in dipendenza dell'attività lavorativa, ove non sia possibile la difesa con mezzi tecnici, devono essere adottate altre misure o cautele adeguate.

33 PAVIMENTI I pavimenti dei locali o degli ambienti utilizzati devono essere esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi, devono essere fissi, stabili e antisdrucciolevoli Nelle parti dei locali dove abitualmente si versano sul pavimento sostanze putrescibili o liquidi, il pavimento deve avere superficie unita ed impermeabile e pendenza sufficiente per avviare rapidamente i liquidi verso i punti di raccolta e scarico. Quando il pavimento dei posti di lavoro e di quelli di passaggio si mantiene bagnato, se i lavoratori non sono forniti di idonee calzature impermeabili, esso deve essere munito in permanenza di palchetti o grigliato,. I pavimenti degli ambienti e dei luoghi destinati al passaggio, non devono presentare buche o sporgenze pericolose e devono essere in condizioni tali da rendere sicuro il movimento ed il transito delle persone e dei mezzi di trasporto.

34 APERTURE Le aperture esistenti nel suolo o nel pavimento dei luoghi o ambienti di lavoro o di passaggio, comprese fosse e pozzi, devono essere provviste di solide coperture o di parapetti normali atti ad impedire la caduta di persone, se non attuabili devono esservi apposite segnalazioni di pericolo. Le aperture nelle pareti che permettono il passaggio di una persona e che presentano pericolo di caduta per dislivelli superiori a 1 m, devono essere provviste di barriera o parapetto. Per le finestre sono consentiti parapetti non inferiori a 0,9 m, quando in relazione al lavoro da eseguirsi nel locale non vi siano condizioni di pericolo. Le protezioni dal pericolo di caduta all interno di fosse, pozzi, ecc. devono avere dimensioni e conformazioni adeguate alla natura ed entità del rischio effettivo da cui devono proteggere. Se i luoghi sono accessibili direttamente a visitatori ed i rischi sono particolarmente gravi (caduta all interno di vasche liquami o miscelatori, ecc.) le protezioni tipo parapetto normale non sono adeguate, ma devono essere previste barriere invalicabili ad integrazione della protezione ordinari a, come ad esempio recinzioni di altezza m 1,8, non arrampicabili, oppure protezioni chiuse ed interbloccate.

35

36 LE SCALE I requisiti di sicurezza che devono possedere le diverse tipologie di scale (fisse, a pioli e portatili), sono i seguenti: Scale fisse a gradini: devono essere provviste sui lati aperti di parapetto normale o di altra protezione equivalente; Scale fisse a pioli: se di altezza superiore a 5 m, fissate a parete verticali o con inclinazione superiore a 75 devono essere provviste, a partire da 2,5 m dal pavimento, di una solida gabbia metallica di protezione. La parete della gabbia opposta al piano dei pioli non deve distare da questo più di 60 cm, i pioli, dalla parete su cui la scala è fissata, non devono distare più di 15 cm.

37

38

39

40

41

42

43 L IMPIANTO ELETTRICO DEVE SEMPRE ESSERE PROVVISTO DI MESSA A TERRA E DISPOSITIVO SALVAVITA Gli impianti realizzati dopo il 1990 devono essere certificati dall installatore, ai sensi della legge 46/90

44 ASSICURAZIONE Gli studenti che visitano l azienda sono coperti da polizza assicurativa, stipulata dalla scuola, contro gli infortuni che possono verificarsi durante le gite, le visite ai musei, cantieri e aziende. Nonostante ciò, l azienda agricola deve sottoscrivere una polizza assicurativa di responsabilità civile. Una buona polizza è quella che specifica che vengono coperti i rischi aziendali derivanti anche da attività che non producono reddito agricolo. Infatti le attività didattiche, attualmente, non producono alle aziende reddito agricolo. La polizza dovrebbe anche contenere la tutela di un avvocato. Non c è intervento preventivo che eviti la necessità di avere una copertura legale. Essere riconosciuti civilmente responsabili di un danno causato a terze persone può avere conseguenze anche gravi sul proprio patrimonio: I entità del risarcimento che si può essere chiamati a pagare è del tutto imprevedibile e può mettere in serie difficoltà sia un privato che un azienda. E a questa eventualità che pensano le assicurazioni di responsabilità civile, il cui scopo è di reintegrare il patrimonio dell assicurato di quanto debba pagare a terzi per i danni di cui è giudicato civilmente responsabile. La responsabilità può essere diretta, riferita cioè a un azione compiuta personalmente dall assicurato, oppure indiretta, riferita a un azione compiuta da persone per le quali l assicurato deve rispondere civilmente o a fatti provocati da cose o animali che appartengono all assicurato o che sì trovano in un determinato rapporto con lui (in quanto proprietario o locatario di immobili o in quanto proprietario di animali). Fra i danni sono compresi anche quelli che derivano da reato colposo, mentre sono esclusi quelli che derivano da dolo, cioè da un azione volontaria. Stabilire a priori quale possa essere I entità del risarcimento, in polizze di questo genere, è evidentemente impossibile: non è dato sapere che tipo di danni l assicurato possa provocare, ne a chi. La formula adottata per le assicurazioni di responsabilità civile è perciò quella del massimale: il risarcimento massimo, stabilito in polizza, in base al quale si calcola l entità del premio.

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di.

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di. LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Gradini I gradini hanno pedata e alzata dimensionate

Dettagli

TITOLO II D.Lgs.. 81/08

TITOLO II D.Lgs.. 81/08 TITOLO II D.Lgs.. 81/08 LUOGHI DI LAVORO 21 ottobre 2010 ing. Mauro Giannelli 1 Articolo 62 - Definizioni 1. Ferme restando le disposizioni di cui al titolo I, si intendono per luoghi di lavoro, unicamente

Dettagli

Materiale didattico validato da: Luoghi di Lavoro. TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV. Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60

Materiale didattico validato da: Luoghi di Lavoro. TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV. Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60 Luoghi di Lavoro TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60 Quali sono i luoghi di Lavoro I luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA Imprenditore Agricolo (Art. 2135 Codice Civile come modificato dal D.Lgs 18 maggio 2001, n. 228) Attività agricole in senso stretto È imprenditore agricolo chi esercita

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

VIABILITA LUOGHI DI LAVORO

VIABILITA LUOGHI DI LAVORO VIABILITA LUOGHI DI LAVORO RECINZIONE DEL CANTIERE OBBLIGATORIETA (Tav. n. 1) (Articolo 109 D.Lgs 81/08) Il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c.

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. TRATTAMENTO DI FAVORE DEL LEGISLATORE importanza concreta della

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio.

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio. LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Altezza, cubatura, superficie

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture per l espressione del parere di competenza della terza

Dettagli

Dove. La sicurezza degli ambienti

Dove. La sicurezza degli ambienti ing. Domenico Mannelli Dove La sicurezza degli ambienti PERICOLO= La potenzialità che una macchina o un impianto o, ancora, un processo possano causare danni. (Es. Scala priva di strisce antiscivolo )

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Comune di Soave Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI AL COMUNE DI SOAVE 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RURALITA AI FINI DELL IMPOSTA

Dettagli

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI Via Alessandria 220/E - 00198 Roma LA CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA Ambienti di lavoro CRISTIANO DE LUCA 1 La SSL nella Polizia di Stato DOMANI BOZZA REGOLAMENTO

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio Tel/ 0884\550310-552435 Fax 559870 AL SINDACO

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 Titolo I art. 60 componenti dell impresa familiare; lavoratori autonomi; coltivatori diretti del fondo; soci delle società operanti

Dettagli

AGRICOLTURA SICURA CHECK-LIST DI BASE

AGRICOLTURA SICURA CHECK-LIST DI BASE AGRICOLTURA SICURA CHECK-LIST DI BASE PER LAVALUTAZIONE DEI RISCHI E LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA LA CHECK LIST È UNA GUIDA PER FACILITARE

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: L AGRITURISMO I CONTROLLORI INCONTRANO LE AZIENDE. REGIONE LOMBARDIA STER DI CREMONA Cremona 4/11/2013

L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: L AGRITURISMO I CONTROLLORI INCONTRANO LE AZIENDE. REGIONE LOMBARDIA STER DI CREMONA Cremona 4/11/2013 L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: L AGRITURISMO I CONTROLLORI INCONTRANO LE AZIENDE REGIONE LOMBARDIA STER DI CREMONA Cremona 4/11/2013 I CONTROLLI SPSAL NELLE AZIENDE AGRITURISTICHE DELLA PROVINCIA DI CREMONA

Dettagli

Schema per la autovalutazione del rischio nei CALZATURIFICI

Schema per la autovalutazione del rischio nei CALZATURIFICI Schema per la autovalutazione del rischio nei CALZATURIFICI dott. Flavio Valentini Responsabile SPISAL ULSS Dolo-Mirano ALTEZZA ADEGUATA? SI NO - con oltre 5 soci o dipendenti deve essere 3 metri o più

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia

La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia Ing. Pierangelo Bertolini Sanzionati soprattutto i trattori (senza telaio di protezione e/o senza cinture di

Dettagli

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO (TITOLO II D.LGS 626/94) Si intendono per luogo di lavoro: i luoghi destinati a contenere posti di lavoro ubicati all interno

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

Persona fisica Legale rappresentante (Società:...) RESIDENZA O SEDE LEGALE Indirizzo e numero civico

Persona fisica Legale rappresentante (Società:...) RESIDENZA O SEDE LEGALE Indirizzo e numero civico All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (art. 47 del D.P.R. 28.12.2000, N. 445) - MODIFICA DELLE ATTIVITA AGRICOLE ED AGRITURISTICHE - (Legge Regionale

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA

All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA Legge Regionale 14/06 Regolamento Regionale 9/07 Quadro A Dichiarazioni e caratteristiche aziendali Sezione

Dettagli

IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO

IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO Inquandramento normativo e fiscale Torino, 23 Marzo 2009 1B Dott. Andrea CHIABRANDO Studio Tecnico Agrario - Pinerolo (TO) La nozione di Imprenditore Agricolo L'Imprenditore

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli

ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA

ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA L'albero cardanico deve essere dotato di Gli alberi devono essere sottoposti a 1 protezione, che superi di 5cm le crociere regolare manutenzione La parte che rimane

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

5. SCALE FISSE E PORTATILI

5. SCALE FISSE E PORTATILI 01. E stata effettuata una specifica valutazione dei rischi associati alle scale fisse portatili 02. Nei luoghi di lavoro sono utilizzate scale fisse a gradini 02.01. Le scale che presentano dislivelli

Dettagli

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica

Università degli studi di Parma. Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica Università degli studi di Parma Lavori in copertura su edifici campus Universitario (accessi parapetti percorsi protetti lucernari) Relazione Tecnica 0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 Testo Unico

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 459/96 Legge 186/68 D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 164/56 DPR 915/82 DPR 303/56 DM 392/96 NORME CEI OFFICINA RISCHI

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA

SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA Manuel De Rossi, Giuseppe Semeraro SICUREZZA NEI CANTIERI ILLUSTRATA La legislazione di tutela della salute e sicurezza nei cantieri e nei lavori in quota disegnata Sommario Premessa 9 D.Lgs. 81/2008 e

Dettagli

I Fabbricati rurali: dal catasto terreni al catasto fabbricati

I Fabbricati rurali: dal catasto terreni al catasto fabbricati Collegio Notarile della Provincia di Cuneo e Collegio dei Geometri e Geometri Laurati della Provincia di Cuneo Convegno sulla disciplina dei fabbricati rurali in relazione al dettato del DL 201/2011 I

Dettagli

Oggetto: progetto Fattorie Didattiche richiesta di adesione alla Rete Provinciale delle Fattorie Didattiche

Oggetto: progetto Fattorie Didattiche richiesta di adesione alla Rete Provinciale delle Fattorie Didattiche Alla Provincia di Bergamo Settore Agricoltura ed Expo Via F.lli Calvi, 10 24122 Bergamo Oggetto: progetto Fattorie Didattiche richiesta di adesione alla Rete Provinciale delle Fattorie Didattiche Il/La

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

ALLEGATO IV (art. 42, comma 1) PRESCRIZIONI MINIME DI SICUREZZA E DI SALUTE PER I CANTIERI OSSERVAZIONI PRELIMINARI

ALLEGATO IV (art. 42, comma 1) PRESCRIZIONI MINIME DI SICUREZZA E DI SALUTE PER I CANTIERI OSSERVAZIONI PRELIMINARI ALLEGATO IV (art. 42, comma 1) PRESCRIZIONI MINIME DI SICUREZZA E DI SALUTE PER I CANTIERI OSSERVAZIONI PRELIMINARI Gli obblighi previsti dal presente allegato si applicano ogni qualvolta le caratteristiche

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI

PROVINCIA DI VENEZIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E CONTESTUALE APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione

Dettagli

Comune di Montelanico P.zza Vittorio Emanuele, 31 Montelanico (RM)

Comune di Montelanico P.zza Vittorio Emanuele, 31 Montelanico (RM) Comune di Montelanico P.zza Vittorio Emanuele, 31 Montelanico (RM) 1a PIANO DI PREVENZIONE E PROGRAMMA DI ATTUAZIONE (REGISTRO/DIARIO DI PREVENZIONE) Aggiornamento: 26 febbraio 2015 Euservice s.r.l. -

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Società agricole e ICI. Stefano Spina

Società agricole e ICI. Stefano Spina Società agricole e ICI Stefano Spina 1 AZIENDE AGRICOLE SOCIETÀ AGRICOLE 2 IVA L IVA IN AGRICOLTURA Art.34 DPR 26.10.72 n.633 La disciplina IVA per il settore agricolo prescinde dalla qualifica di azienda

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 303/56 DPR 915/82 NORME CEI DM 392/96 Legge 186/68 MAGAZZINO RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n.,

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n., N.B.: Nel caso di invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) - la presente istanza e i relativi allegati dovranno essere trasmessi esclusivamente in formato PDF/A, al seguente indirizzo: protocollo@pec.cittametropolitanaroma.gov.it

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) (ai sensi L.R. n. 31/2008 art. 154) E COMUNICAZIONI VARIE Al Comune di... Il /La sottoscritto/a Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Cognome........

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento di Valutazione dei Rischi nei luoghi di lavoro D.Lgs.8/08 Suite 8 - Studio di Consulenza Data 0/0/ Azienda Azienda di Esempio DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure

Dettagli

Descrizione delle modalità di gestione ambientale

Descrizione delle modalità di gestione ambientale E 3 Descrizione delle modalità di gestione ambientale La seguente relazione ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione degli aspetti ambientali relativi all impianto della ditta Puddu Luca sita

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese Sottomisura 6.4 Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra agricole Tipo di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

L agricoltura, i maneggi e i cavalli

L agricoltura, i maneggi e i cavalli L agricoltura, i maneggi e i cavalli Problematiche relative alla gestione delle strutture agricole: aspetti fiscali Centro Ippico La Pinetina Limido Comasco (CO) 23/09/2014 Dott. Peppino Titone Responsabile

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

Allegato E (ritenuta acconto per società)

Allegato E (ritenuta acconto per società) Allegato E (ritenuta acconto per società) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il/La Sottoscritto/a Cognome nome, nato/a a il, in qualità

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE di FORLI' DIPARTIMENTO DI SANITA' PUBBLICA ----------------------------------------------------------------- Via Della Rocca 19-47121 FORLI' - Tel. 0543/733569 - Fax 0543/733501

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa:

La scuola sicura ORIZZONTI SCUOLA. Premessa: Premessa: La scuola sicura In che modo salvaguardare la sicurezza nelle scuole? Quali sono i principali rischi per docenti e studenti? Cosa fare in caso di situazioni di emergenza? Come proteggersi da

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA

Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA INFORMATIVA REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, 25 88100 Catanzaro!""#$% &#'%"(#")#$*(#")$"*(#")$+!,-#'%"(#")$# Richiesta parere preventivo progetti art. 220 T.U.L.S. SCHEDA

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli