ISTRUZIONI OPERATIVE N. 26. Ai Viticoltori interessati. Ai Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONI OPERATIVE N. 26. Ai Viticoltori interessati. Ai Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI"

Transcript

1 Prot. N. UMU (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 16 Dicembre 2013 ISTRUZIONI OPERATIVE N. 26 Ai Viticoltori interessati Ai Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Dipartimento delle politiche europee e internazionali Direzione generale delle politiche comunitarie e internazionali di mercato POCOI 8 Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale COSVIR 7 Via XX Settembre, ROMA Agli Assessorati Agricoltura delle Regioni e delle Province autonome LORO SEDI Oggetto: OCM unica Reg. CE n. 1234/2007 art. 103unvicies. Istruzioni operative relative alle modalità e condizioni per l accesso agli aiuti comunitari per le assicurazioni sulla vite da vino per il raccolto

2 INDICE 1. Riferimenti normativi Premessa Definizioni Requisiti per la presentazione della domanda di aiuto Modalità e termini di presentazione della domanda Controlli Comunicazioni relative al procedimento di ammissibilità all aiuto Pagamento dell aiuto Modalità di calcolo dell aiuto Termine di conclusione del procedimento e pagamento Responsabile del procedimento Sanzioni Certificato antimafia Modalità di pagamento Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. N. 196 del Recuperi Pubblicazione dei pagamenti

3 1. Riferimenti normativi Si riporta di seguito un elenco della normativa comunitaria e nazionale di riferimento. Normativa comunitaria Regolamento (CEE) n. 1857/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006, ed in particolare l art. 12, concernente aiuti per il pagamento dei premi assicurativi; Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli (regolamento unico OCM) Regolamento (CE) n. 555/2008 della Commissione, recante organizzazione comune dei mercati agricoli e disposizioni specifiche per taluni prodotti agricoli (regolamento unico OCM) Normativa nazionale DM Mipaaf Prot. N del 22 dicembre Piano nazionale di sostegno dell OCM settore vitivinicolo trasmesso alla Commissione europea, in attuazione dell art. 103 unvicies del Regolamento (CE) n.1234/2007 e successive modifiche e, in particolare, la previsione della misura relativa all assicurazione del raccolto di uva da vino. Circolare Mipaaf Prot. n del e s.m.i. Nuove procedure per la copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli. Decreto Mipaaf n del 31 gennaio 2013 e circolare esplicativa n del 11 marzo 2013 (riferiti al piano assicurativo 2013). Piano assicurativo nazionale 2014 n del Circolare AGEA ACIU Modalità e condizioni per l accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni. Circolare AGEA ACIU del 16 luglio 2013 Modalità e condizioni per l accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni. Modifiche ed integrazioni alla circolare ACIU e prot. ACIU Circolare AGEA DPMU del 6 settembre Modalità di verifica e conteggio del quantitativi assicurati nell ambito degli aiuti comunitari per le assicurazioni sulla vite da vino per il raccolto Premessa A partire dal 1 gennaio 2010, la copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli per la coltura della vite da vino è effettuata nell ambito del Regime di sostegno di cui all art.103unvicies del regolamento (CE) n. 1234/2007, del Programma nazionale di sostegno del settore vitivinicolo, e del Piano Assicurativo nazionale approvato con Decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MIPAAF) del , ai sensi del D.L.gs.n. 102/2004 e successive modifiche. Possono accedere al pagamento del sostegno per l assicurazione del raccolto 2014, i viticoltori che stipulano polizze assicurative o aderiscono a polizze assicurative collettive, ai sensi del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, nel testo modificato dal decreto legislativo 18 aprile 2008, n. 82, agevolate con il contributo pubblico per la copertura dei rischi di perdite economiche derivanti da condizioni climatiche avverse, assimilabili alle calamità naturali, come definite dall art.2 par.8 del Reg. (CE) n. 1857/2006, a rischi climatici, fitopatie ed attacchi parassitari a carico dell uva da vino e di perdite dovute ad animali selvatici a carico dell uva da vino, secondo quanto previsto dal Piano Assicurativo nazionale. 3

4 3. Definizioni Beneficiario: persona fisica o giuridica, rientrante tra i soggetti individuati ai sensi dell art. 1, comma 1, del DM n. 176 del 23 luglio 2007 che presenta una domanda di aiuto, responsabile dell'esecuzione della Vendemmia Verde ed è destinatario dell aiuto (beneficiario); OP AGEA : Organismo Pagatore AGEA avente sede in via Palestro Roma; Particella catastale: porzione di territorio identificata univocamente dal catasto terreni dall Agenzia del Territorio (A.D.T.); Unità Vitata: superficie continua coltivata a vite con varietà di uve da vino che ricade su una sola particella catastale e che è omogenea per le seguenti caratteristiche: tipo possesso, sesto d impianto, presenza di irrigazione, tipo di coltura, vitigno (è tuttavia consentita la presenza di vitigni complementari, purché gli stessi non superino il 15% del totale), anno d impianto e forma di allevamento; CUAA: Codice Unico di identificazione delle Aziende Agricole; è il codice fiscale dell azienda agricola e deve essere indicato in ogni comunicazione o domanda dell'azienda trasmessa agli uffici della pubblica amministrazione. CAA: Centri Autorizzati di Assistenza Agricola; S.I.G.C. (Sistema Integrato di Gestione e Controllo): Il Reg. (CE) n.1782/2003 del Consiglio ha istituito un sistema integrato di gestione e controllo di taluni regimi di aiuti comunitari al fine di utilizzare mezzi tecnici e metodi di gestione e controllo appropriati alla complessità e numerosità delle domande di aiuto, confermato dal Reg (CE) n. 73/2009; SIAN : Sistema Informativo Agricolo Nazionale; GIS: Sistema informativo geografico che associa e referenzia dati qualitativi e/o quantitativi a punti del territorio. Nell ambito del SIGC l Unione Europea ha promosso e finanziato un sistema informativo, finalizzato a fornire agli Stati membri uno strumento di controllo rapido ed efficace da applicare ai regimi di aiuto per superfici; 4. Requisiti per la presentazione della domanda di aiuto I viticoltori che stipulano polizze assicurative di cui alla premessa possono accedere al sostegno per l assicurazione del raccolto 2014, erogato dall Organismo Pagatore AGEA, a condizione che: abbiano costituito e aggiornato il proprio fascicolo aziendale; abbiano presentato all Organismo Pagatore AGEA, domanda ai sensi della presente circolare entro il 31 luglio 2014; le produzioni oggetto di assicurazione siano ottenute da vigneti, ubicati in Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Molise, Abruzzo, Lazio, Sardegna, Umbria, Marche, Liguria, Piemonte, Valle d Aosta, Friuli Venezia Giulia, Provincia autonoma di Trento e Provincia autonoma di Bolzano; i vigneti di cui al punto precedente siano in regola con le norme vigenti in materia di potenziale viticolo, la cui produzione ha formato oggetto di Dichiarazione Vitivinicola; i vigneti, le cui produzioni sono oggetto di assicurazione, siano impiantati con varietà di uve da vino classificate dalle Regioni in conformità all accordo tra il Ministro delle 4

5 politiche agricole alimentari e forestali e le Regioni e Province autonome del 25/07/2002 e s.m.i. I produttori che non possiedono i predetti requisiti sono esclusi dall aiuto Per ottenere il pagamento dell aiuto, il viticoltore deve aver stipulato una polizza assicurativa avente durata annuale e che copra i rischi contemplati dal piano assicurativo nazionale Il viticoltore dovrà far pervenire i dati della polizza assicurativa entro la data definita nel Piano assicurativo 2014, tramite: gli organismi associativi (Consorzi di difesa) se ha aderito a polizze collettive con quietanza in nome e per conto del viticoltore richiedente; il centro di assistenza agricola (CAA) per le polizze stipulate individualmente dai viticoltori che hanno conferito mandato allo stesso; l Organismo Pagatore AGEA, via Palestro 81, Roma per polizze individuali stipulate da viticoltori che non hanno conferito un mandato al CAA. Nel caso di polizze collettive sottoscritte da Consorzi di Difesa in nome e per conto dei viticoltori richiedenti, deve essere fatta pervenire entro il 15 settembre 2014 l informazione dell avvenuta quietanza e contestualmente all Organismo Pagatore AGEA, una Dichiarazione riepilogativa nella quale sia indicato, per ciascuna polizza, l importo complessivamente versato dal Consorzio e l importo versato dal Consorzio stesso in nome e per conto di ciascun viticoltore richiedente il sostegno. Presso la sede del Consorzio dovrà, a partire da quella data, essere disponibile la quietanza del pagamento del premio della polizza e ogni eventuale documentazione utile a riconciliare il pagamento del premio effettuato dal Consorzio con gli importi attribuiti ai singoli viticoltori richiedenti il sostegno. I viticoltori che abbiano sottoscritto polizze individuali, dovranno consegnare entro il 15 settembre 2014, copia della quietanza di pagamento del premio assicurativo presso lo stesso sportello ove hanno in precedenza trasmesso i dati della polizza. Nell eventualità di coesistenza con una domanda di vendemmia verde (art 103 novodecies, Reg CE 1234/2007), in caso di danno totale o parziale subito dalle colture prima della data della vendemmia verde a causa, in particolare, di calamità naturali ai sensi dell articolo 2, paragrafo 8, del regolamento (CE) n. 1857/2006 (1) della Commissione, verrà erogato solo l aiuto relativo all assicurazione stipulata. Diversamente, in caso di calamità naturale successiva all effettuazione della vendemmia verde, nessuna compensazione finanziaria può essere erogata sotto forma di assicurazione del raccolto per perdite subite dal produttore, avendo lo stesso già beneficiato dell aiuto per la misura della vendemmia verde (punto 3, art 12 Reg. CE 555/2008). 5. Modalità e termini di presentazione della domanda Le domande di aiuto possono essere presentate solo in forma telematica entro il termine ultimo del 31 luglio 2014 avvalendosi dell assistenza del CAA a cui si è conferito mandato, o presso lo sportello dell OP Agea per i produttori che non si avvalgono di tale assistenza. 5

6 Nella compilazione della domanda è indispensabile indicarne la tipologia, specificando se si tratta di: 'Domanda iniziale'; 'Domanda di modifica, nel caso in cui la domanda venga presentata come modifica di una domanda precedentemente presentata; in tal caso, occorre indicare il numero della domanda precedente che si intende modificare e sostituire. Anche per le domande di modifica il termine ultimo di presentazione è fissato al 31 luglio 2014 Le domande iniziali e di modifica pervenute oltre il termine indicato non sono ricevibili. La compilazione e presentazione delle domande è effettuata utilizzando le funzionalità online messe a disposizione dall OP AGEA sul portale SIAN. Non sono accettate e quindi ritenute valide le domande che pervengono con qualsiasi altro mezzo all infuori di quello telematico. Completata la fase di compilazione della domanda da parte dell utente abilitato, è possibile effettuare la stampa definitiva e previa sottoscrizione da parte del richiedente rilasciarla con l attribuzione del numero di protocollo dell OP AGEA e relativa data di presentazione (apposita ricevuta di avvenuta presentazione sarà rilasciata a ciascun richiedente. Al riguardo si evidenzia che solo con la fase del rilascio la domanda si intende effettivamente presentata all OP AGEA (N.B.: la sola stampa della domanda non è prova di presentazione della domanda all OP AGEA). Nel Quadro A sez.ii MODALITA DI PAGAMENTO devono essere necessariamente riportate le coordinate bancarie relative al codice BIC (o SWIFT nel caso di transazioni internazionali) ed al codice IBAN. L omissione di uno dei due codici determinerà l esclusione della domanda dal pagamento. Nel Quadro B sez.i INFORMAZIONI DICHIARAZIONI DI VENDEMMIA E/O PRODUZIONE PER LA CAMPAGNA PRECEDENTE sono riportate le informazioni utili per il collegamento alla dichiarazione di vendemmia e/o produzione della precedente campagna, necessaria a comprovare l effettiva coltivazione delle superfici oggetto della domanda. Se necessario, in tale quadro il richiedente specifica la causa della mancata presentazione delle dichiarazioni di cui sopra: 1) CUAA dell eventuale precedente conduttore ; 2) presenza di cause di forza maggiore documentate; 3) vigneto non ancora in produzione. Al fine di comprovare la sussistenza delle cause di forza maggiore, di cui al sopraccitato punto 2), è necessario presentare in allegato alla domanda anche la documentazione di cui all elenco seguente: a. Incapacità professionale di lunga durata dell agricoltore, ovvero malattia grave o morte di alcuno dei componenti l'impresa familiare Certificazione medica attestante la lunga degenza o attestanti malattie invalidanti e correlate alla specifica attività professionale o certificato di morte; 6

7 oppure Dichiarazione sostitutiva indicante la causa di incapacità professionale di lunga durata e il periodo di riferimento; b. Calamità naturale Dichiarazione sostitutiva indicante: descrizione dell'evento, periodo e nesso di causalità con la minore resa; Provvedimento dell autorità competente (Protezione civile, Regione,ecc.) che accerta lo stato di calamità, con individuazione del luogo interessato; oppure Certificato rilasciato da autorità pubbliche (VV.FF., VV.UU., ecc.) eventualmente accompagnato per specificazioni, da: Perizia asseverata, rilasciata da agronomo iscritto all ordine, in originale; Perizia assicurativa; c. Sequestro giudiziario o conservativo dell azienda agricola, ovvero pignoramento immobiliare del terreno, con nomina di custode, ovvero esproprio Dichiarazione sostitutiva indicante: descrizione dell'evento, periodo e nesso di causalità con la minore resa; Copia del provvedimento di sequestro ovvero di pignoramento ovvero di esproprio; d. Nomina di curatore, commissario o liquidatore giudiziario per società agricole Dichiarazione sostitutiva indicante: descrizione dell'evento, periodo e nesso di causalità con la minore resa; Copia del decreto di nomina del curatore, ovvero del commissario, etc; e. Incapacità dell'agricoltore ad esercitare l'attività agricola per colpa di terzi Dichiarazione sostitutiva indicante: descrizione dell'evento, periodo e nesso di causalità con la minore resa; Copia di atto proveniente dall autorità pubblica o asseverato da terzi comprovante il fatto. Nel Quadro B sez.ii ELENCO DELLE POLIZZE sono riportati gli estremi dei certificati assicurativi presenti a sistema al momento della presentazione della domanda. Su tali polizze saranno effettuati i controlli come indicati nel successivo paragrafo e costituiranno la base di calcolo per la determinazione dell aiuto 6. Controlli L Organismo Pagatore AGEA effettua controlli sistematici sulle domande di aiuto, anche in fase di presentazione, finalizzati ad accertare: la presenza di una polizza assicurativa conforme alle prescrizioni e della relativa quietanza entro i termini stabiliti la coerenza delle informazioni registrate nel fascicolo aziendale, riguardo in particolare l effettiva presenza del vigneto la cui produzione è oggetto della polizza, con il contenuto della polizza assicurativa stessa; 7

8 che i vigneti, oggetto della predetta polizza assicurativa, siano in regola con le norme vigenti in materia di schedario viticolo, la cui produzione ha formato oggetto di Dichiarazione vitivinicola la congruenza tra la resa unitaria riportata nella polizza e la resa unitaria massima definita a livello regionale per la tipologia di prodotto assicurato; verifica della alternatività tra polizze singole e polizze collettive. Presenza di una domanda presentata per la concessione dell aiuto per la Vendemmia Verde al fine di verificare il rispetto di quanto stabilito ai punti 3 e 4 dell art. 12 del reg. Ce 555/2008 Le domande presentate saranno inoltre oggetto di controlli campionari, come previsto dalla normativa comunitaria, che potranno essere effettuati anche dopo il pagamento dell aiuto stesso. 7. Comunicazioni relative al procedimento di ammissibilità all aiuto Ai sensi dell art. 3 bis della L. 241/90 e successive modificazioni, l Organismo Pagatore AGEA utilizza la telematica nei rapporti con i richiedenti l aiuto. Le informazioni relative al procedimento amministrativo attivato con la presentazione della domanda sono rese disponibili contestualmente alla presentazione della domanda. Il pagamento dell aiuto, nella misura percentuale minima consentita, ivi compresi eventuali abbattimenti lineari, varrà come comunicazione di provvedimento definitivo. Qualora in fase di presentazione della domanda fossero rilevate condizioni che ostano al riconoscimento dell aiuto, l AGEA ne darà informazione tramite una Comunicazione di partecipazione al procedimento, resa disponibile contestualmente alla presentazione della domanda I viticoltori ai quali siano state riscontrate discordanze o anomalie in fase di controllo potranno presentare una istanza di riesame avverso il provvedimento entro il termine massimo del 1 settembre 2014, scaduto inutilmente il quale, il suddetto assumerà carattere definitivo. Tale istanza di riesame deve essere presentata, corredata di eventuali documenti giustificativi, al seguente indirizzo: AGEA Ufficio Ocm Vino e altri aiuti Settore Assicurazione vite da vino Istanza di riesame contributo assicurazione sulla vite da vino Raccolto 2014 Via Palestro n Roma L istanza di riesame, completa degli allegati, deve essere inviata, altresì, al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: 8. Pagamento dell aiuto 8.1 Modalità di calcolo dell aiuto 8

9 L importo dell aiuto è determinato come segue. Ai sensi della vigente normativa, l ISMEA definisce i parametri percentuali da applicare per ciascun Comune, prodotto e tipo di polizza (monorischio, pluririschio, ecc.). L importo dell aiuto è commisurato al minor valore tra il premio assicurativo effettivamente pagato all impresa di assicurazione e quello definito applicando al valore assicurato i parametri calcolati dall ISMEA. Sulla base delle informazioni comunicate dall ISMEA per quanto riguarda i parametri percentuali applicabili e di quelle trasmesse dagli Organismi pagatori relativamente alle polizze stipulate e quietanzate e presenti nelle domande di aiuto, AGEA definisce le percentuali massime applicabili al pagamento dell aiuto in questione, con riferimento ai differenti tetti finanziari. Il predetto importo è suscettibile di integrazioni in base a verifica di disponibilità finanziarie effettuate nell ambito del plafond nazionale del settore vitivinicolo per l anno L aiuto complessivamente riconoscibile corrisponde ad una quota percentuale del premio determinato come sopra. Tale percentuale è definita, per ciascuna tipologia di polizza, come segue: per le polizze pluririschio e multirischio senza soglia di danno il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammessa; per le polizze multirischio con soglia di danno il contributo massimo è pari all 80% della spesa ammessa; per le polizze pluririschio con soglia di danno con tre avversità il contributo massimo è pari al 65% della spesa ammessa; per le polizze pluririschio con soglia di danno con almeno quattro avversità il contributo massimo è pari al 70% della spesa ammessa. Nella determinazione dell aiuto verranno considerati altresì gli esiti dei controlli effettuati, con particolare riferimento alle informazioni presenti nel fascicolo aziendale e alla resa unitaria. Qualora l ammontare delle risorse comunitarie disponibili non sia sufficiente a consentire il pagamento dell aiuto fino alle entità percentuali massime sopra specificate, si procederà ad una riduzione lineare dell aiuto su tutte le domande dei richiedenti aventi diritto. 9. Termine di conclusione del procedimento e pagamento L aiuto viene direttamente pagato al viticoltore richiedente, anche in caso di polizze collettive. L importo dell aiuto, nei limiti massimi sopra indicati, è erogato al produttore assicurato entro il 15 ottobre Responsabile del procedimento L ufficio responsabile del procedimento amministrativo di ammissibilità al diritto all aiuto per l assicurazione uva da vino per il raccolto 2014 è l Ufficio OCM Vino ed Altri Aiuti. 11. Sanzioni Sono oggetto di sanzione tutte le inadempienze alle disposizioni richiamate nella presente Circolare nonché quelle relative agli obblighi di comunicazione dei risarcimenti ottenuti dai viticoltori e al mancato pagamento del premio da parte dell assicurato o del rimborso del premio stesso anticipato 9

10 dall organismo associativo di appartenenza per le polizze collettive previste dal Decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e forestali in via di emanazione. A fronte di tali inadempienze, si procederà alla revoca degli aiuti eventualmente dovuti ed al recupero degli aiuti già erogati, anche attraverso la compensazione a carico degli aiuti per gli anni successivi. 12. Certificato antimafia Ai sensi di quanto disposto D.LGS. 6 settembre 2011 N. 159 e il D.LGS. 15 novembre 2012 N. 218 in materia di comunicazioni ed informazioni antimafia, qualora l importo dell aiuto richiesto sia superiore ai euro, la Pubblica Amministrazione è tenuta alla verifica della presenza di una idonea certificazione antimafia (certificato rilasciato dalla Prefettura). L interessato, deve compilare il modello di autodichiarazione (allegato 1), il cui facsimile è allegato alla presente, sottoscriverlo e consegnarlo all Organismo Pagatore Agea contestualmente alla presentazione della domanda. Qualora l agricoltore aderisca ad un CAA, dovrà consegnare presso il CAA stesso l autodichiarazione, che dovrà essere conservata nel fascicolo della domanda. Il CAA dovrà inserire nel SIAN l autodichiarazione in formato immagine. Qualora l agricoltore non aderisca ad un CAA, dovrà far pervenire l autodichiarazione all Organismo Pagatore AGEA. 13. Modalità di pagamento Ai sensi della L. 11 novembre 2005, n. 231, come modificata dall art. 1, comma 1052 della L. n. 286 del 27/12/2006, per quanto concerne le modalità di pagamento, si applicano le seguenti disposizioni: I pagamenti agli aventi titolo delle provvidenze finanziarie previste dalla Comunità europea la cui erogazione è affidata all'agea, nonché agli altri organismi pagatori riconosciuti ai sensi del regolamento (CE) n. 1663/95 della Commissione, del 7 luglio 1995 sono disposti esclusivamente mediante accredito sui conti correnti bancari o postali che dovranno essere indicati dai beneficiari e agli stessi intestati. Pertanto, ogni richiedente l aiuto deve indicare obbligatoriamente nella domanda (Quadro A, sez. II) il codice IBAN, cosiddetto identificativo unico, che identifica il rapporto corrispondente tra l Istituto di credito e il beneficiario richiedente l aiuto. Si sottolinea che la Direttiva 2007/64/CE del 13/11/2007, applicata in Italia con L. n. 88/2009 e con il D. Lgs. 27 gennaio 2010 n. 11, dispone che, se un ordine di pagamento è eseguito conformemente all identificativo unico (codice IBAN), l ordine di pagamento si ritiene eseguito correttamente per quanto riguarda il beneficiario indicato dall identificativo unico. La norma ha sancito, all art.24, il principio di non responsabilità dell Istituto di credito. L agricoltore, conseguentemente, deve responsabilmente assicurarsi che il codice IBAN indicato nella domanda (Quadro A, sez.ii) lo identifichi quale beneficiario. Pertanto, è obbligatorio che tutti i produttori presentino all Organismo pagatore AGEA il modello per la comunicazione del codice IBAN, di cui all allegato n. 2, sottoscritto, compilato in tutte le sue parti e completo di tutti gli allegati in esso previsti, mediante il quale dichiarino che il codice IBAN indicato identifica il rapporto con il proprio Istituto di credito. Nel caso in cui l agricoltore abbia conferito il mandato di rappresentanza, sarà cura dello stesso Centro di assistenza agricola (CAA) far sottoscrivere la dichiarazione di assunzione di 10

11 responsabilità (di cui all allegato 2 alla presente circolare) da parte del produttore circa la veridicità ed integrità della documentazione prodotta, nonché dell obbligo di comunicare eventuali variazioni di dati, fornendo, contestualmente, la certificazione aggiornata rilasciata dall Istituto di credito. Tale documentazione dovrà essere conservata nel fascicolo aziendale. Nel caso in cui il produttore non abbia conferito mandato di rappresentanza, dovrà presentare direttamente all Organismo pagatore AGEA, unitamente alla domanda unica, il modello per la comunicazione del codice IBAN. L assenza del modello per la comunicazione del codice IBAN impedisce la corresponsione degli aiuti. 14. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. N. 196 del 2003 Il D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un sistema di garanzie a tutela dei trattamenti che vengono effettuati sui dati personali. Di seguito, pertanto, si illustra sinteticamente come verranno utilizzati i dati dichiarati e quali sono i diritti riconosciuti all interessato. Finalità del trattamento L Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA), istituita con il Decreto Legislativo n. 165/99 e s.m.i per lo svolgimento delle funzioni di Organismo di coordinamento e di Organismo pagatore, La informa che per le attività istituzionali vengono richiesti diversi dati personali che verranno trattati dall'agea per le seguenti finalità: a. finalità connesse e strumentali alla gestione ed elaborazione delle informazioni relative alla Sua Azienda, inclusa quindi la raccolta dati e l inserimento nel Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN) per la costituzione o aggiornamento dell Anagrafe delle aziende, la presentazione di istanze per la richiesta aiuti, erogazioni contributi, premi; b. accertamenti amministrativi, accertamenti in loco e gestione del contenzioso; c. adempimento di disposizioni comunitarie e nazionali; d. obblighi di ogni altra natura comunque connessi alle finalità di cui ai precedenti punti, ivi incluse richieste di dati da parte di altre amministrazioni pubbliche ai sensi nella normativa vigente; e. gestione delle credenziali per assicurare l accesso ai servizi del SIAN ed invio comunicazioni relative ai servizi istituzionali, anche mediante l utilizzo di posta elettronica. Modalità del trattamento I dati personali trattati sono raccolti direttamente attraverso il soggetto interessato oppure presso i soggetti delegati ad acquisire documentazione cartacea ed alla trasmissione dei dati in via telematica al SIAN. I trattamenti dei dati personali vengono effettuati mediante elaborazioni elettroniche (o comunque automatizzate), ovvero mediante trattamenti manuali in modo tale da garantire la riservatezza e la sicurezza dei dati personali in relazione al procedimento amministrativo gestito. Ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali Alcuni dati sono resi pubblici ai sensi delle vigenti disposizioni comunitarie e nazionali in materia di trasparenza. In particolare, i dati dei beneficiari degli stanziamenti dei Fondi europei FEAGA e FEASR con riferimento agli importi percepiti nell esercizio finanziario dell anno precedente debbono essere consultabili con semplici strumenti di ricerca sul portale del SIAN a norma dei regolamenti CE 1290/2005 e CE 259/2008, e possono essere trattati da organismi di audit e di investigazione della Comunità Europea e degli Stati membri ai fini della tutela degli interessi finanziari della Comunità. I dati personali trattati nel SIAN possono essere comunicati, per lo svolgimento di funzioni istituzionali, ad altri soggetti pubblici (quali, ad esempio, Agenzia delle Entrate, Agenzia del Territorio, Organismi pagatori e Organismi di vigilanza, Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ed enti collegati, Regioni, Comuni, I.N.P.S., ecc.), ovvero alle istituzioni competenti dell Unione Europea ed alle Autorità Giudiziarie e di Pubblica Sicurezza, in adempimento a disposizioni comunitarie e nazionali. Gli stessi dati possono altresì essere comunicati a privati o enti pubblici economici qualora ciò sia previsto da disposizioni comunitarie o nazionali. 11

12 Natura del conferimento dei dati personali trattati La maggior parte dei dati richiesti nella modulistica prediposta per la presentazione di istanze di parte devono essere dichiarati obbligatoriamente e sono sottoposti anche a verifiche ed accertamenti mediante accessi a dati di altre pubbliche amministrazioni. Tra le informazioni personali trattate rientrano dati di natura sensibile e giudiziaria ai sensi del D.Lgs. 196 del Titolarità del trattamento Titolare del trattamento è l Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) nella sua attività di Organismo di Coordinamento e Gestione del SIAN e nel suo ruolo di Organismo Pagatore nazionale. La sede di AGEA è in Via Palestro, ROMA. Il sito web istituzionale dell Agenzia ha come indirizzo il seguente: Responsabili del trattamento I titolari del trattamento possono avvalersi di soggetti nominati responsabili. Presso la sede dell AGEA è disponibile l elenco aggiornato dei Responsabili del Trattamento, fra i quali sono presenti, a titolo esemplificativo e non esaustivo, i Dirigenti responsabili degli Uffici di AGEA, la Soc. AGECONTROL S.p.A., la Soc. SIN S.r.l., le Regioni, i Centri di Assistenza Agricola riconosciuti. Diritti dell interessato L articolo 7 del Codice riconosce all Interessato numerosi diritti che La invitiamo a considerare attentamente. Tra questi, Le ricordiamo i diritti di: 1. ottenere la conferma dell esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati e la loro comunicazione in forma intellegibile; 2. ottenere l indicazione: a) dell origine dei dati personali, b) delle finalità e modalità del trattamento, c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l ausilio di strumenti elettronici, d) degli estremi identificativi del Titolare, dei Responsabili e del rappresentante designato, e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di Responsabili o Incaricati; 3. ottenerne: a) l aggiornamento, la rettifica ovvero, quando vi ha interesse, l integrazione dei dati, b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati, c) l attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato; 4. opporsi: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Per l esercizio dei diritti degli interessati, è possibile scrivere a mezzo posta all indirizzo di AGEA in Via Palestro, ROMA Ufficio Esecuzione Pagamenti e Certificazione FEP oppure rivolgersi al Responsabile del trattamento di riferimento per l esercizio dei diritti degli interessati, 12

13 domiciliato per questo incarico presso la Sede dell Agenzia e contattabile all indirizzo di posta elettronica 15. Recuperi Gli importi ammessi potranno essere gravati da recuperi imputabili a debiti nei confronti dell OP Agea, di altri Organismi Pagatori o a crediti dell INPS, di cui alla Legge n. 46 del 6 aprile Pubblicazione dei pagamenti I Regolamenti (CE) n. 1290/2005 e n. 259/2008, così come modificato dal Reg. UE 410/2011, dispongono l obbligo della pubblicazione annuale a posteriori dei beneficiari di stanziamenti del FEAGA e del FEASR e degli importi percepiti da ogni beneficiario per ciascuno di tali fondi, nel caso in cui i beneficiari siano persone giuridiche. Si raccomanda agli Enti ed Organismi in indirizzo di voler assicurare la massima diffusione dei contenuti delle presenti istruzioni nei confronti di tutti gli interessati. Le presenti istruzioni vengono pubblicate sul sito dell AGEA (www.agea.gov.it) Il Titolare 13

14 [ORGANISMO PAGATORE] Domanda trasmessa telematicamente Richiesta di sostegno per l'assicurazione dei raccolti di uva da vino, ai sensi dell art. 103unvicies del regolamento (CE) n. 1234/2007 Raccolto 2014 SPAZIO RISERVATO AL CODICE A BARRE Codice Sigla Prov Prog. Ufficio CODICE A BARRE Codice operatore NUMERO IN CHIARO QUADRO A DATI IDENTIFICATIVI DELL'AZIENDA SEZ. I DATI IDENTIFICATIVI DELL'AZIENDA RICHIEDENTE CUAA (CODICE FISCALE) PARTITA IVA Barrare se ditta individuale COGNOME O RAGIONE SOCIALE NOME DATA DI NASCITA SESSO COMUNE DI NASCITA PROV. M F giorno mese anno INTESTAZIONE DELLA PARTIVA IVA (solo per le ditte individuali) INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA NUMERO TELEFONO CELLULARE RESIDENZA O SEDE LEGALE INDIRIZZO E NUMERO CIVICO NUMERO TELEFONO CODICE ISTAT COMUNE PROV. CAAP RAPPRESENTANTE LEGALE COGNOME CODICE FISCALE NOME DATA DI NASCITA SESSO COMUNE DI NASCITA PROV. M F giorno mese anno SEZ. II MODALITA' DI PAGAMENTO N.B. Il conto deve essere intestato al richiedente il codice IBAN indicato identifica il rapporto corrispondente con il proprio Istituto di Credito: l'ordine di pagamento da parte dell' Organismo Pagatore AGEA si ritiene eseguito correttamente per quanto riguarda il beneficiario indicato dal codice IBAN (Direttiva 2007/64/CE del 13/11/2007, applicata in Italia con L. n. 88/2009 e con il D. Lgs. 27 gennaio 2010 n. 11). IBAN COORDINATE BANCARIE (riempire obbligatoriamente tutti i campi del presente riquadro) Codice paese Cin Euro Cin Codice ABI Codice CAB N. CONTO CORRENTE ISTITUTO AGENZIA COMUNE PROV C.A.P.

15 CUAA NUMERO DOMANDA QUADRO B DICHIARAZIONI DI VENDEMMIA E CONSISTENZA ASSICURATIVA SEZ. I INFORMAZIONI DICHIARAZIONI DI VENDEMMIA E/O PRODUZIONE PER LA CAMPAGNA PRECEDENTE Dichiarazione di vendemmia e/o produzione presentata dal richiedente CUAA del precedente conduttore che ha presentato dichiarazione di vendemmia e/o produzione (vedi istruzioni) Mancata presentazione della dichiarazione per cause di "forza maggiore" (documentate) Mancata presentazione della dichiarazione per vigneto non ancora in produzione SI NO SEZ. II ELENCO DELLE POLIZZE Numero polizza Compagnia assicuratrice Consorzio

16 CUAA NUMERO DOMANDA QUADRO C DICHIARAZIONI E IMPEGNI Il sottoscritto: 1 Per le domande con importo richiesto superiore a ,00 Euro ALLEGA: 1 il modello di autocertificazione previsto dalle istruzioni operative della misura in oggetto 2 attestazione Ente Pubblico per esonero certificazione antimafia DICHIARA: di essere a conoscenza delle disposizioni e norme comunitarie e nazionali che disciplinano l'ammissibilità e la corresponsione degli aiuti richiesti con la presente domanda; di essere a conoscenza che i propri dati personali potranno essere utilizzati dagli Organi ispettivi; di essere a conoscenza degli effetti sanzionatori per le affermazioni non rispondenti al vero anche in relazione alla perdita degli aiuti previsti dalla normativa comunitaria e nazionale in materia; di essere a conoscenza delle disposizioni previste dalla legge 898/86 e successive modifiche e integrazioni riguardanti tra l'altro sanzioni amministrative e penali in materia di aiuti comunitari nel settore agricolo; di essere a conoscenza delle disposizioni previste dal'art. 33 del decreto legislativo 228/2001; di aver preso atto delle condizioni e delle modalità che regolano l'ammissibilità e la corresponsione del pagamento del sostegno previsto dal Reg. (CE) 1234/2007 art. 103 unvices e dalla di essere consapevole che l'omessa indicazione del codice IBAN (e, in caso di transazioni internazionali, del codice SWIFT) determina l'impossibilità per l'organismo pagatore di adempiere all obbligazione di pagamento oltre i perentori termini fissati dalla normativa comunitaria (15 ottobre 2014); che il codice IBAN indicato nel Quadro A identifica il rapporto corrispondente con il proprio Istituto di Credito e di essere consapevole che l'ordine di pagamento da parte dell' Organismo Pagatore AGEA si ritiene eseguito correttamente per quanto riguarda il beneficiario indicato dal codice IBAN; di essere consapevole che il pagamento della domanda potrà essere effettuato solo se saranno correttamente registrati sul SIAN entro la data definita nel Piano assicurativo 2014 i dati relativi alla polizza assicurativa dei raccolti di uva da vino stipulata, ai sensi dell art. 103unvicies del regolamento (CE) n. 1234/2007, e di far pervenire entro il 15 settembre 2014 copia della relativa quietanza. di essere consapevole, qualora abbia indicati il proprio indirizzo di posta elettronica, che tutte le comunicazioni avverranno ai sensi dell'ar. 6 del Dlgs n. 82/2005 e s.m.i. Consapevole della responsabilità penale cui può andare incontro in caso di falsa dichiarazione, ai sensi dell'articolo 76 del D.P.R. n. 445/00, dichiara, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n 445/00: 3 di non essere in possesso della Partita IVA in quanto non esercita attività di impresa rientrante nel campo di applicazione dell'iva ai sensi dell'art. 4 D.P.R. 26/10/72 n. 633; Si impegna a presentare la documentazione richiesta, nelle modalità e nei tempi stabiliti da disposizioni del MiPAAF e dell'agea; a consentire l'accesso in azienda e alla documentazione agli organi incaricati dei controlli, in ogni momento e senza restrizioni; a restituire le somme eventualmente percepite in eccesso quale aiuto, così come previsto dalle disposizioni e norme nazionali e comunitarie; a tale scopo autorizza sin d'ora l'organismo Pagatore AGEA ad effettuare il recupero delle somme percepite in eccesso mediante compensazione a valere su altri pagamenti spettanti al sottoscritto. a garantire, pena l'esclusione dal sostegno oggetto della presente richiesta,che entro il 15 settembre 2014 la prova del pagamento del premio assicurativo (quietanza), sia disponibile presso l'ente tramite il quale è stata acquisita sul SIAN la polizza oggetto dell'aiuto; a comunicare, entro il 31 gennaio 2015, direttamente o tramite l'organismo associativo in caso di polizza collettiva, il risarcimento ottenuto; ad aggiornare, prima della acquisizione sul SIAN della polizza assicurativa e, comunque, entro la data definita nel Piano Assicurativo 2014, il fascicolo aziendale affinchè i dati della polizza oggetto del sostegno siano coerenti con i dati del fascicolo stesso; dichiara di aver preso visione dell Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell Art. 13 del D.Lgs. 196/2003; autorizza il trattamento dei dati conferiti, inclusi eventuali dati personali di natura sensibile e/o giudiziaria, ottenuti anche tramite eventuali allegati e/o altra documentazione accessoria, per le finalità istituzionali contenute nell Informativa; autorizza, altresì, la comunicazione ai soggetti elencati nella Informativa ed il trasferimento agli altri soggetti titolari e responsabili del trattamento. Ai sensi delle vigenti disposizioni comunitarie e nazionali, richiede che la presente domanda sia ammessa all'aiuto e alla corresponsione del pagamento del sostegno previsto dal Reg. (CE) 1234/2007 indicato nel quadro A del presente modulo. Apponendo la propria firma nello spazio sottostante, dichiara, sotto la propria responsabilità, che quanto esposto nella presente domanda, inclusi le dichiarazioni e gli impegni riportati, che si intendono qui integralmente assunti, risponde al vero ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 445/2000. LUOGO E DATA DI SOTTOSCRIZIONE: Fatto a: il: ESTREMI DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO: Tipo documento: N Data scadenza: (di cui si richiede fotocopia in allegato alla domanda) IN FEDE Firma del richiedente o del rappresentante legale

17 QUADRO M ELENCO DI CONTROLLO DELLA DOCUMENTAZIONE PRESENTE ED ATTESTAZIONE CAA CUAA COGNOME E NOME O RAGIONE SOCIALE NUMERO DOMANDA TIPO DI DOCUMENTO Codice Descrizione CAA: UFFICIO: OPERATORE : IL RESPONSABILE DELL'UFFICIO DEL CAA ATTESTA CHE: 1) Il produttore si è presentato presso questo ufficio ed è stato identificato; 2) il produttore ha firmato la domanda; 3)presenta telematicamente la domanda e rilascia la ricevuta di avvenuta presentazione al produttore, che provvede al ritiro; 4) la domanda contiene gli allegati sopra elencati; 5) la domanda ed i relativi allegati sono stati archiviati presso questo ufficio. Data: Timbro e Firma del responsabile di SEDE del CAA

18 A Allegato 1 MODELLO PER LA COMUNICAZIONE CODICE IBAN Il sottoscritto/a.. nato/a il.. a..... Provincia Codice Fiscale. residente in..... Provincia.. Cap.... Via/Piazza..... n.. legale rappresentate della Società..... CUAA... ; (2) titolare; (2) beneficiario della/e domanda/e di aiuto (1) consapevole delle sanzioni penali richiamate dall art. 76 del DPR 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci e della decadenza dei benefici ottenuti sulla base di dichiarazioni non veritiere, ai sensi dell art. 75 del DPR 445/2000; informato che i dati resi sono prescritti dalle disposizioni vigenti per il procedimento per il quale sono richiesti e verranno utilizzati esclusivamente al fine di verificare la corrispondenza tra il codice IBAN e la titolarità del conto corrente; DICHIARA E SI OBBLIGA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA : a) che per la riemissione del pagamento della/e domanda/e sopra specificata/e viene indicata la seguente modalità: Bonifico bancario sul conto corrente intestato a (2): me medesimo; alla Società CODICE IBAN: Banca/Posta Agenzia/Filiale di.. b) che il codice IBAN sopra indicato identifica il rapporto corrispondente con il proprio Istituto di Credito; c) di essere consapevole che l ordine di pagamento da parte dell O.P. Agea si ritiene eseguito correttamente per quanto riguarda il beneficiario identificato dal codice IBAN sopra riportato; d) a comunicare tempestivamente eventuali variazione dei dati sopra rappresentati, fornendo, contestualmente, l aggiornata certificazione rilasciata dall Istituto di credito. Allega fotocopia fronte/retro del documento d identità, in corso di validità, i cui estremi sono: Tipo documento:.. N... Data scadenza..

19 Allega fotocopia di uno dei seguenti documenti (2): contratto di conto corrente intestazione dell estratto per riassunto di conto corrente dichiarazione dell Istituto di credito Fatto a... Il Firma del dichiarante 1 Specificare il regime di aiuto per il quale è/sono stata/e presentata/e domanda/e e l annualità. 2 Barrare l opzione prescelta.

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

All'Organismo Pagatore AGEA

All'Organismo Pagatore AGEA Protocollo DOMANDA DI PAGAMENTO SALDO REG. (CE) n. 1234/2007 del Consiglio del 22/10/2007 REG. (CE) n. 555/2008 della Commissione del 28/06/2008 SETTORE VITIVINICOLO - MISURE AD INVESTIMENTO CAMPAGNA 2013/2014

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.571 Prot. N. UMU/804 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 8 maggio 2015 ISTRUZIONI OPERATIVE N 26 AI PRODUTTORI INTERESSATI AI CENTRI

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 19

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 19 ORGANISMO PAGATORE OCM Vino e Altri Aiuti Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.535 Fax 06.49499.740 Prot. N. DPMU.2013.2720 Roma li. 29.07.2013 ISTRUZIONI OPERATIVE N. 19 Agli ENTI CARITATIVI LORO

Dettagli

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 Disposizioni per la presentazione della domanda di aiuto Pag. 1 di 15 Sommario PREMESSA... 3 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine.

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine. ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.646 Fax 06.49499.757 Prot. N. UMU.2013.1147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 19 giugno 2013 A Tutti gli interessati Agli

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE. A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE. A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Prot. N. ACIU.2015.305 (CITARE NELLA RISPOSTA) Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Roma li. 02.07.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO

COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Protocollo CMC COMUNITÀ MONTANA DELLA CARNIA TOLMEZZO DOMANDA DI AIUTO Regolamento per l'adozione dei criteri e delle modalità di concessione dei contributi per la

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA PER L ISCRIZIONE ALLA SEZ. A DELL ALBO DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE SICILIANA (mod. 015)

MODULO DI RICHIESTA PER L ISCRIZIONE ALLA SEZ. A DELL ALBO DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE SICILIANA (mod. 015) Marca da bollo 16,00 MODULO DI RICHIESTA PER L ISCRIZIONE ALLA SEZ. A DELL ALBO DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE SICILIANA (mod. 015) Al Presidente dell Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana Via

Dettagli

ANTICIPAZIONE PRIMA CASA

ANTICIPAZIONE PRIMA CASA ANTICIPAZIONE PRIMA CASA NON PUO ESSERE INVIATO VIA FAX 1. DATI DELL ADERENTE Cognome: Nome: Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza: CAP:

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DOMANDE DANNI ALLE STRUTTURE AGRICOLE

INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DOMANDE DANNI ALLE STRUTTURE AGRICOLE INDICAZIONI PER LA GESTIONE DELLA RACCOLTA DOMANDE DANNI ALLE STRUTTURE AGRICOLE Richiesta concessione aiuti previsti dall'art. 5, comma 3 del Decreto Legislativo 29 marzo 2004, n. 102 nel testo modificato

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA PER L ISCRIZIONE ALLA SEZ. B DELL ALBO DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE SICILIANA (mod. 015)

MODULO DI RICHIESTA PER L ISCRIZIONE ALLA SEZ. B DELL ALBO DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE SICILIANA (mod. 015) Marca da bollo 16,00 MODULO DI RICHIESTA PER L ISCRIZIONE ALLA SEZ. B DELL ALBO DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE SICILIANA (mod. 015) Al Presidente dell Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana Via

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE Allegato 1 ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Allegato alla Det. N. 8022/707 dell 8 maggio 2015 ASSESSORADU DE S AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE SERVIZIO PRODUZIONI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO

COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO COMUNE DI PIACENZA DIREZIONE OPERATIVA SERVIZI ALLA PERSONA E AL CITTADINO SERVIZIO FAMIGLIA E TUTELA MINORI BANDO PUBBLICO Per la selezione dei soggetti interessati ad accedere all'intervento di credito

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01;

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTO l art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69, che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale

Dettagli

CASSA di PREVIDENZA dei Dipendenti del Gruppo Credito Emiliano - Fondo Pensione MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE

CASSA di PREVIDENZA dei Dipendenti del Gruppo Credito Emiliano - Fondo Pensione MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE CASSA di PREVIDENZA dei Dipendenti del Gruppo Credito Emiliano - Fondo Pensione Sede Via Emilia S. Pietro 4-42121 Reggio Emilia Codice Fiscale 97096800152 Telefono: 0522

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE ALLEGATO A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE Avviso ad evidenza pubblica per la presentazione delle domande di riconversione e ristrutturazione dei vigneti annualità 2012,

Dettagli

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE CHIEDE

MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE CHIEDE - 10137 TORINO Telefono 011/00.47617 - Fax 011/00.47973 MODULO RICHIESTA ANTICIPAZIONE..l.. sottoscritt...... nat.. a... il / / residente a... Via.......... n.... Prov.... Cap.... Codice Fiscale Telefono.

Dettagli

Spett.le Amministrazione Provinciale di Udine U.O. Politiche Agricole e Servizi Agroambientali Piazza Patriarcato n 3 33100 UDINE

Spett.le Amministrazione Provinciale di Udine U.O. Politiche Agricole e Servizi Agroambientali Piazza Patriarcato n 3 33100 UDINE 1 Domanda esente da bollo Tab B art. 21 bis DPR 642/72 Spett.le Amministrazione Provinciale di Udine U.O. Politiche Agricole e Servizi Agroambientali Piazza Patriarcato n 3 33100 UDINE OGGETTO: Art. 17

Dettagli

A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940

A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940 A ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 R O M A TEL.06/ Tel.49499.1 Fax 06/4453940 Prot. N. DAPU.2015.003 Roma li, 12/01/2015 Istruzioni Operative N. 5/OCM Oggetto: Modalità per

Dettagli

A.B.S.I. Via della Panetteria n. 15 00187 Roma. E p.c.

A.B.S.I. Via della Panetteria n. 15 00187 Roma. E p.c. AREA COORDINAMENTO Via Palestro, 81 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot.ACIU.2008.351 3516 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 06.03.2008 E p.c. l l Organismo Pagatore AGEA - Uff. Monocratico

Dettagli

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che:

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Codice DB1116 D.D. 7 ottobre 2014, n. 848 D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 1 Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei moduli per

Dettagli

BREVI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI MATERNITÀ

BREVI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI MATERNITÀ BREVI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI MATERNITÀ Al fine di rendere più agevole la compilazione del modulo per la domanda di maternità e per far si che anche l istruttoria da parte dell

Dettagli

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n 59 Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 1 Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente

Dettagli

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore.

P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186. PEC: utc.gorlamaggiore@legalmail.it. e.mail: utc@gorlamaggiore. COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese UFFICIO GESTIONE DEL TERRITORIO PROTEZIONE CIVILE P.zza Martiri della Libertà, 19 21050 Tel.0331.617768 - fax 0331.618186 e.mail: utc@gorlamaggiore.org BANDO

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE n. 22

ISTRUZIONI OPERATIVE n. 22 ORGANISMO PAGATORE OCM Vino e Altri Aiuti Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.535 Fax 06.49499.740 Prot. N. UMU.2014. 1774 Roma li. 28/08/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE n. 22 Oggetto: richiesta prodotti

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.139 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

Provincia di Avellino

Provincia di Avellino Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 16,00 Oppure Allegato Mod.01.Dich.Bolli Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente l A.U.A. (ai sensi di quanto previsto dall articolo

Dettagli

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis

INTERVENTI MONETARI DI SOSTEGNO AL REDDITO 2009/bis SSSSSSSSSSSSSSSSSSS SSSS INTERVENTI MONETARI Destinatari: lavoratori in C.I.G. ordinaria o straordinaria o in deroga, che nel periodo dall 01/01/2009 al 31/12/2009 abbiano maturato almeno 1.032 ore o 129

Dettagli

ISTANZA di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE AUA ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59

ISTANZA di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE AUA ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 ISTANZA di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE AUA ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59 Al SUAP territorialmente competente Marca da bollo 1 [Solo nel caso in cui l istanza al SUAP riguardi esclusivamente

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI PER PRESTITI/FINANZIAMENTI/MUTUI

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI PER PRESTITI/FINANZIAMENTI/MUTUI CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI PER PRESTITI/FINANZIAMENTI/MUTUI 1. Tipologia dell'intervento Il Fondo Regionale provvede ad erogare provvidenze a favore dei dipendenti che sostengano spese conseguenti all'accensione

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 46 AI PRODUTTORI INTERESSATI

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 46 AI PRODUTTORI INTERESSATI ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2012. 1650 Roma, lì 29 Novembre 2012 ISTRUZIONI OPERATIVE N. 46 AI PRODUTTORI INTERESSATI

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

RICHIESTA ANTICIPAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA DI ABITAZIONE NON PUÒ ESSERE INVIATO VIA FAX. Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / /

RICHIESTA ANTICIPAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA DI ABITAZIONE NON PUÒ ESSERE INVIATO VIA FAX. Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE N. 102 Albo Fondi Pensione Via C. B. Piazza 8 00161 ROMA Tel 0644254842 Fax 0644118106 Mail previcooper@previcooper.it 1. DATI DELL ISCRITTO RICHIESTA ANTICIPAZIONE ACQUISTO

Dettagli

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITA FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITA FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario Allegato A ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITA FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO Su carta intestata dell istituto bancario OGGETTO : Regione Puglia Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Bando pubblicato

Dettagli

La D.G.R. n. 12-1641 del 29/06/2015 ha stabilito, tra l altro, che:

La D.G.R. n. 12-1641 del 29/06/2015 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU28S1 16/07/2015 Codice A17050 D.D. 8 luglio 2015, n. 416 D.G.R. n. 12-1641 del 29/6/2015. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE SEDE

AL SINDACO del COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE SEDE AL SINDACO del COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE SEDE OGGETTO: Richiesta di contributo per l iniziativa Il/la sottoscritto/a nato/a il in qualità di legale rappresentante del seguente soggetto organizzatore: Denominazione:

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

Denominazione con sede nel Comune di Prov. Cap. via n. tel. Fax e-mail C.F./P. IVA Iscritta al Registro Imprese al n della CCIAA di Indirizzo P.E.C.

Denominazione con sede nel Comune di Prov. Cap. via n. tel. Fax e-mail C.F./P. IVA Iscritta al Registro Imprese al n della CCIAA di Indirizzo P.E.C. Marca da Bollo 16,00 Prot. Gen. AL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE ED EVENTI PUBBLICI DEL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) telefono: 051 598 229 fax: 051 598 200

Dettagli

fonte: http://burc.regione.campania.it

fonte: http://burc.regione.campania.it Bando pubblico per il finanziamento per l acquisto di arnie con fondo a rete per la lotta alla varroa (azione b.3) 1. Riferimenti normativi Reg. (CE) 797/2004 relativo alle azioni dirette a migliorare

Dettagli

SPETT. CONFIDI TRIESTE 34122 TRIESTE. Domanda concessione finanziamento: prestito partecipativo ex legge regionale 4/2001 art.

SPETT. CONFIDI TRIESTE 34122 TRIESTE. Domanda concessione finanziamento: prestito partecipativo ex legge regionale 4/2001 art. SPETT. BOLLO 14.62 CONFIDI TRIESTE VIA SAN LAZZARO, 5 34122 TRIESTE Oggetto: Domanda concessione finanziamento: prestito partecipativo ex legge regionale 4/2001 art. 7 commi 69-70-71 Il sottoscritto: Cognome

Dettagli

All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.334.2015 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2015 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

Spett.le PREVIAMBIENTE c/o PREVINET SPA VIA E. FORLANINI, 24 31022 PREGANZIOL TV

Spett.le PREVIAMBIENTE c/o PREVINET SPA VIA E. FORLANINI, 24 31022 PREGANZIOL TV spazio riservato alla protocollazione MODULO DI RICHIESTA ANTICIPAZIONE ATTENZIONE : LA RICHIESTA E VALIDA SOLO SE TRASMESSA UNITAMENTE AD UNA COPIA DI UN DOCUMENTO DI IDENTITA IN VIGORE LE RICHIESTE TRASMESSE

Dettagli

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio

Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio Società consortile Ass.For.SEO a r.l. Organismo Intermedio per la gestione della Sovvenzione Globale finalizzata allo sviluppo e al consolidamento delle imprese cooperative del Lazio a valere sul P.O.R.

Dettagli

Inoltrata per il tramite della:

Inoltrata per il tramite della: MOD. 1/ART TER DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L ATTIVAZIONE DI PRESTITI PARTECIPATIVI A VALERE SUL FONDO DI ROTAZIONE (Legge regionale 22 aprile 2, 12, articolo 46, comma 1.1) Inoltrata

Dettagli

Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di residenza: Provincia: ( )

Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di residenza: Provincia: ( ) FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE N. 102 Albo Fondi Pensione Via C. B. Piazza 8 00161 ROMA 0644254842 FAX 0644118106 Mail previcooper@previcooper.it NON PUÒ ESSERE INVIATO VIA FAX 1. DATI DELL ISCRITTO Cognome:

Dettagli

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale DETERMINA n. 11 del 23 febbraio 2015 Oggetto: avviso pubblico: patrocini, partecipazioni a comitati d onore, concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di

Dettagli

Allegato E (ritenuta acconto per società)

Allegato E (ritenuta acconto per società) Allegato E (ritenuta acconto per società) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL'ATTO DI NOTORIETA' (artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) Il/La Sottoscritto/a Cognome nome, nato/a a il, in qualità

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA. Regione Umbria PARTE PRIMA. Sezione II DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI

REPUBBLICA ITALIANA DELLA. Regione Umbria PARTE PRIMA. Sezione II DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI Supplemento ordinario n. 4 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 19 dell 8 aprile 2015 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE Regione Umbria SERIE GENERALE PERUGIA - 8 aprile 2015 DIREZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

PROCEDURE GENERALI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AIUTO PER L ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO UVA DA VINO ANNO 2015 EX ART.

PROCEDURE GENERALI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AIUTO PER L ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO UVA DA VINO ANNO 2015 EX ART. Allegato A al decreto n. 78 del 29.06.2015 PROCEDURE GENERALI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AIUTO PER L ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO UVA DA VINO ANNO 2015 EX ART. 49 DEL REG. (UE) 1308/2013 1. QUADRO

Dettagli

MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE CHIEDE

MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE CHIEDE MODULO RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE _l _ sottoscritt Cod. Fisc. Nat_ a: il / / Residente a prov. in Via: n. C.A.P. tel. cell. e-mail Data 1^ iscrizione a previdenza complementare

Dettagli

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs.

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Programma Attività Produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE TECNICA, FINANZIARIA ED AMMINISTRATIVA DEL REGIME DI AIUTI AGLI APICOLTORI Reg. CE 1234/2007

PROCEDURE PER LA GESTIONE TECNICA, FINANZIARIA ED AMMINISTRATIVA DEL REGIME DI AIUTI AGLI APICOLTORI Reg. CE 1234/2007 PREMESSA PROCEDURE PER LA GESTIONE TECNICA, FINANZIARIA ED AMMINISTRATIVA DEL REGIME DI AIUTI AGLI APICOLTORI Reg. CE 1234/2007 Con il regolamento (CE) n. 1234 del 22 Ottobre 2007 il Consiglio ha inteso

Dettagli

ALLEGATO A. Disposizioni regionali di attuazione

ALLEGATO A. Disposizioni regionali di attuazione AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA ALLEGATO A OCM Vino Ͳ Campagna 2013/2014 Misura Ristrutturazione e riconversione dei vigneti Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo Reg. (CE)

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE - Sezione A - Albo degli Psicologi della Regione Umbria

DOMANDA DI ISCRIZIONE - Sezione A - Albo degli Psicologi della Regione Umbria Marca da bollo da 16.00 Al Consiglio Regionale dell' Ordine degli Psicologi della Regione Umbria...l sottoscritt DOMANDA DI ISCRIZIONE - Sezione A - Albo degli Psicologi della Regione Umbria a Prov. Codice

Dettagli

Allegato B PROSPETTO PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO FINALE DI VENDITA

Allegato B PROSPETTO PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO FINALE DI VENDITA Allegato B PROSPETTO PER LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO FINALE DI VENDITA REDDITO DI RIFERIMENTO DICHIARATO del Nucleo Familiare Convivente RIDUZIONI SUL REDDITO DI RIFERIMENTO DICHIARATO MODALITÀ DI CALCOLO

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Piazza Duca d Aosta, 10-20124 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 36758014 sito internet: www.fondoarco.it E-mail:

Dettagli

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015.

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015. MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015 Al Fondo per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso (PFU) A: contratti@pec.pneumaticifuoriuso.it

Dettagli

9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa

9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa 9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa Azienda di appartenenza Autorizzo l invio del prospetto di liquidazione all indirizzo e-mail sopra indicato. Chiedo UN ANTICIPAZIONE,

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 7407 del 4 agosto 2010 Modifiche all articolo 5 del decreto ministeriale 27 novembre 2008, n. 5396, concernente Disposizioni di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/2008 del Consiglio e n.

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

mod. convinps 1 Quadro A Domanda d invalidità Dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi del DPR 28/12/2000 n. 445 Il/la sottoscritto/a

mod. convinps 1 Quadro A Domanda d invalidità Dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi del DPR 28/12/2000 n. 445 Il/la sottoscritto/a mod. convinps 1 Per i richiedenti MAGGIORENNI Alla Commissione medica per l accertamento delle invalidità civili presso l'asl Quadro A Domanda d invalidità Dichiarazione sostitutiva di certificazione ai

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA SETTORE ENERGIA, GESTIONE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, TUTELA AMBIENTALE E FAUNISTICA PROTEZIONE CIVILE E POLIZIA PROVINCIALE DOMANDA DI CONTRIBUTO PER LA PERDITA DI ANIMALI CAUSATA DA CANIDI

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 1698/2005 relativo al sostegno allo Sviluppo Rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

VISTO il Regolamento (CE) n. 1698/2005 relativo al sostegno allo Sviluppo Rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); Sulla base dell istruttoria espletata dal Responsabile dell Asse II e dal Responsabile della Misura 213, responsabili del procedimento amministrativo, dalla quale emerge quanto segue: VISTO il Regolamento

Dettagli

DOCUMENTI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PRATICANTI DEI CONSULENTI DEL LAVORO

DOCUMENTI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PRATICANTI DEI CONSULENTI DEL LAVORO DOCUMENTI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PRATICANTI DEI CONSULENTI DEL LAVORO Domanda di iscrizione rivolta al Consiglio Provinciale (Vedi fac-simile) in carta bollata con allegati i seguenti documenti:

Dettagli

MODELLO IVA BASE 2015

MODELLO IVA BASE 2015 BOZZA INTERNET del //0 MODELLO IVA BASE 05 Periodo d imposta 0 Informativa sul dei dati personali (art. D.lgs. n.9/00) Finalità del Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i

Dettagli

ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE ai sensi del d.lgs. 28/2010

ISTANZA DI AVVIO DELLA MEDIAZIONE ai sensi del d.lgs. 28/2010 Consegnare personalmente presso la sede negli orari di apertura al pubblico del servizio di mediazione oppure inviare per raccomandata A.R. al seguente indirizzo: CONCILIAMOCI S.R.L. Via Jano Planco n.

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona FIRENZE MONTEDOMINI Decreto Presidente Giunta Regionale Toscana. n.246 del 29/12/2010

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona FIRENZE MONTEDOMINI Decreto Presidente Giunta Regionale Toscana. n.246 del 29/12/2010 Allegato n. 4 alla Determinazione n. 214 del 30/12/2013 PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO VENTENNALE CIG: 55368175ED DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA AI SENSI

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI

MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI FONDO PROVINCIALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI DOMANDA DI CONTRIBUTO MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI Marca da bollo da 14,62 (esclusi enti pubblici, ONLUS, Federazioni sportive, Enti

Dettagli

RICHIESTA di ALLACCIAMENTO FORNITURA TEMPORANEA

RICHIESTA di ALLACCIAMENTO FORNITURA TEMPORANEA Ed. 1 - mag 2015 Spett.le CVA Trading S.r.l. Servizio di Maggior Tutela Via Clavalité 8 11100 Aosta FAX 0165/647933 maggiortutela@cvatrading.it RICHIESTA di ALLACCIAMENTO FORNITURA TEMPORANEA Dati del

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO PER DANNI DA EVENTO CALAMITOSO A BENI IMMOBILI A USO ABITATIVO

DOMANDA DI CONTRIBUTO PER DANNI DA EVENTO CALAMITOSO A BENI IMMOBILI A USO ABITATIVO DOMANDA DI CONTRIBUTO PER DANNI DA EVENTO CALAMITOSO A BENI IMMOBILI A USO ABITATIVO EVENTO FENOMENI ATMOSFERICI DEI MESI DI NOVEMBRE E DICEMBRE 2008 Specificare il fenomeno atmosferico (es.: pioggia,

Dettagli

Spett. le Società Elettrica Liparese Srl Via Francesco Crispi, 86 98055 Lipari (ME)

Spett. le Società Elettrica Liparese Srl Via Francesco Crispi, 86 98055 Lipari (ME) Spett. le Società Elettrica Liparese Srl Via Francesco Crispi, 86 98055 Lipari (ME) Oggetto: Richiesta di connessione in bassa tensione alla rete della Società Elettrica Liparese Srl di un impianto di

Dettagli

Con la presente si trasmette in allegato la richiesta di connessione alla Vostra rete elettrica, redatta su apposito modulo.

Con la presente si trasmette in allegato la richiesta di connessione alla Vostra rete elettrica, redatta su apposito modulo. Spett. le DEVAL SPA Via Clavalité 8 11100 AOSTA Con la presente si trasmette in allegato la richiesta di connessione alla Vostra rete elettrica, redatta su apposito modulo. Cordiali saluti Firma e Timbro

Dettagli

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A.

Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale A.U.A. Al S.U.A.P. territorialmente competente OGGETTO: Istanza di Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59

Dettagli

Criteri per la presentazione di richieste di contributo

Criteri per la presentazione di richieste di contributo Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de Baldi Criteri per la presentazione di richieste di contributo alla Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de

Dettagli

RICHIESTA DI ESONERO PARZIALE DAGLI OBBLIGHI DI ASSUNZIONE DEI DISABILI AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 3 L. 68/99 e D.M. n. 357/00.

RICHIESTA DI ESONERO PARZIALE DAGLI OBBLIGHI DI ASSUNZIONE DEI DISABILI AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 3 L. 68/99 e D.M. n. 357/00. (inviare con raccomandata A.R. o consegnare a mano) Apporre una marca da bollo da euro 14.62 Alla PROVINCIA DI UDINE Centro per l Impiego Ufficio disabili Viale Duodo, 3/a 33100 UDINE RICHIESTA DI ESONERO

Dettagli

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale.

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale. LR 1/2009, art. 7- DGR n. 63-13339 del 15/02/2010 Fondo per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole imprese sezione artigianato Modulo di domanda per i finanziamenti (da inoltrare on-line previa

Dettagli

RICHIESTA di ATTIVAZIONE CONTATORE PREDISPOSTO

RICHIESTA di ATTIVAZIONE CONTATORE PREDISPOSTO Ed. REV1 05/2015 - mag 2015 Spett. CVA Trading S.r.l. Servizio di Maggior Tutela Via Clavalité 8 11100 Aosta FAX 0165/647933 maggiortutela@cvatrading.it RICHIESTA di ATTIVAZIONE CONTATORE PREDISPOSTO Dati

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro. Istruzione. Formazione. Lavoro. DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

Modello RCP RICHIESTA DI CONNESSIONE ALLA RETE SELIS LINOSA SPA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA. Parte 1: Dati del Richiedente

Modello RCP RICHIESTA DI CONNESSIONE ALLA RETE SELIS LINOSA SPA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA. Parte 1: Dati del Richiedente S.EL.I.S. Linosa S.p.A. - Capit ale Sociale 471.313,44 i. v. R e g i s t r o d e l l e Im p r es e Pa l e r mo, C. F. e P. I V A 0 3620870828 S E D E L E G A L E : 9 0 1 4 6 P a l e r m o ( P A ) - V i

Dettagli

CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA

CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA UFFICIO SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE - ANNUALITA 2009 Vista la Legge

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2013

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2013 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2013 Per la compilazione della domanda unica 2013 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Decreto Direttoriale 11.03.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 29 luglio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR 2007-2013

Dettagli

CONDIZIONI PER L OTTENIMENTO DEL BONUS TELERISCALDAMENTO E MISURA DEL CONTRIBUTO

CONDIZIONI PER L OTTENIMENTO DEL BONUS TELERISCALDAMENTO E MISURA DEL CONTRIBUTO Allegato 2 Scheda Esplicativa. HERA SpA nel Comitato di Coordinamento SOT del 21 marzo 2012 ha determinato di riconoscere alle famiglie economicamente svantaggiate un bonus a compensazione della spesa

Dettagli