Reg.(UE) n. 1308/2013 art. 49: ASSICURAZIONI VITE DA VINO - RACCOLTO Disposizioni relative alla domanda di pagamento, ai controlli e alle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reg.(UE) n. 1308/2013 art. 49: ASSICURAZIONI VITE DA VINO - RACCOLTO 2014 - Disposizioni relative alla domanda di pagamento, ai controlli e alle"

Transcript

1 Reg.(UE) n. 1308/2013 art. 49: ASSICURAZIONI VITE DA VINO - RACCOLTO Disposizioni relative alla domanda di pagamento, ai controlli e alle modalità di erogazione dell aiuto 1

2 Reg. (UE) n. 1308/2013 art. 49: assicurazioni vite da vino - raccolto disposizioni relative alla domanda di pagamento, ai controlli e alle modalità di erogazione dell aiuto. 1 PREMESSA Con il presente atto AGREA (Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura) disciplina, nel rispetto della normativa di riferimento, la presentazione delle domande, le condizioni di accesso e le modalità di calcolo dell aiuto relativo alle assicurazioni delle superfici vitate. Il modulo informatico realizzato sul sistema SOP (Sistema Operativo Pratiche di AGREA) e dedicato a questa specifica misura è stato denominato con la codifica di ASVIT. 2 RIFERIMENTI NORMATIVI Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio del 19 gennaio Regolamento del Consiglio che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori, e che modifica i Regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 e abroga il Regolamento (CE) n. 1782/2003. Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento e del Consiglio del 17 dicembre Organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio. Decreto Legislativo 29 marzo 2004 n. 102 nel testo modificato dal decreto legislativo 18 aprile 2008 n. 82 Interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole e successive modifiche ed integrazioni. Decreto MIPAAF 6 dicembre 2013 n con il quale è stato approvato il piano assicurativo nazionale agricolo Decreto MIPAAF 20 aprile 2011 n nella versione modificata dal Decreto MIPAAF del 13 dicembre 2011 con il quale sono stati adeguati i termini, le modalità e le procedure per la concessione dei contributi pubblici sui premi assicurativi delle polizze agevolate alla luce dell introduzione dei nuovi canali di finanziamento comunitari. Decreto MIPAAF 29 luglio Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 68 del Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio del 19 gennaio Decreto MIPAAF del 28 marzo 2014 Proroga termini di sottoscrizione delle polizze assicurative singole e dei certificati per le polizze collettive per la campagna assicurativa Circolare MIPAAF 11 marzo 2013 Decreto legislativo 29 marzo 2204 n. 102 e s.m.i. Interventi assicurativi ex ante Chiarimenti. Circolare AGEA Aciu n. 202 del 17 marzo Modalità e condizioni per l'accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni. 2

3 Circolare AGEA Aciu n. 806 del 16 luglio Modalità e condizioni per l accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni. Modifiche ed integrazioni alla circolare prot. n. ACIU del 17 marzo 2010 e prot. n. ACIU del 2 settembre Circolare AGEA Aciu n. 58 del 31 gennaio Modalità e condizioni per l'accesso ai contributi comunitari per le assicurazioni. Modifiche ed integrazioni alla circolare prot. n. ACIU del 17 marzo 2010 e prot. n. ACIU del 2 settembre modificazioni ed integrazioni alla circolare prot. n. ACIU del 16 luglio Circolare AGEA Aciu n. 544 del 16 luglio Procedura applicativa finalizzata alla gestione degli aiuti comunitari per la copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli ai sensi del DM 29 luglio Determinazione del Servizio sviluppo delle produzioni vegetali n del 15 dicembre 2011 recante la disciplina relativa all anno di entrata in produzione e alle rese unitarie nei primi anni produttivi delle superfici vitate destinate alla produzione di vini a DO e IG. 3 ADEMPIMENTI RELATIVI AL FASCICOLO DEL PRODUTTORE E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE 3.1 Adempimenti relativi al fascicolo del produttore Il riconoscimento del viticoltore che intenda presentare una domanda al premio assicurazione dei vigneti, deve avvenire attraverso il fascicolo del produttore. Il fascicolo del produttore, per i produttori che presentano domanda ad AGREA, è costituito dai seguenti elementi: fascicolo anagrafico (o aziendale), che certifica la posizione anagrafica e territoriale del produttore e, tenuto opportunamente aggiornato in accordo con le specifiche di settore, costituisce parte della documentazione attestante il possesso dei requisiti per ottenere finanziamenti nell ambito delle differenti disposizioni comunitarie, nazionali e regionali; fascicolo di domanda, relativo al singolo settore per il quale è presentata la domanda, che completa l attestazione del possesso dei requisiti di ammissibilità. 3.2 Fascicolo anagrafico (o aziendale) Ai sensi del regolamento del Consiglio Regionale "Disciplina dell'anagrafe delle aziende agricole dell'emilia-romagna" n. 17 del 15 settembre 2003, le aziende agricole che intendono intrattenere rapporti a qualsiasi titolo con la pubblica amministrazione in Emilia-Romagna devono essere preventivamente iscritte all'anagrafe regionale. L'iscrizione all'anagrafe regionale avviene con le modalità previste dal citato regolamento. In base alla norma sopra richiamata, le aziende agricole devono risultare regolarmente iscritte in anagrafe (validate) al momento della presentazione della domanda di assicurazione vigneti. I produttori conduttori di vigneti in regione Emilia-Romagna che hanno costituito il proprio fascicolo aziendale presso altro OPR dovranno rendere fruibile informaticamente il suddetto fascicolo sull anagrafe regionale attraverso le opportune specifiche di interscambio dati tramite il CAA (Centro Autorizzato di Assistenza agricola) che istruisce la domanda in Regione oppure tramite AGREA, nel caso di domanda presentata con modalità utenza internet. Tutti i produttori che a seguito degli esiti di controlli amministrativi e/o oggettivi saranno convocati per l'effettuazione di verifiche dovranno rendere disponibile il proprio fascicolo anagrafico. I 3

4 fascicoli relativi ai produttori in questione, che hanno presentato la domanda per il tramite del CAA abilitato, saranno portati in visione dal CAA stesso, che parteciperà alla fase di esame dei fascicoli. Gli archivi dei fascicoli sono gestiti nel rispetto delle norme vigenti sulla sicurezza dei dati e sulla tutela della privacy e devono essere conservati per almeno 10 anni dall ultimo pagamento. In presenza di ricorsi giurisdizionali che superano detto termine di conservazione, i fascicoli devono essere conservati fino alla effettiva chiusura del procedimento che corrisponde all emanazione della sentenza definitiva ed all adozione, se necessario, degli adempimenti amministrativi conseguenti. La normativa sopra citata prevede che i documenti attestanti la situazione anagrafica del produttore (dati anagrafici dell azienda e del titolare/rappresentante legale, iscrizione alla Camera di Commercio, documentazione catastale e titoli di possesso dei terreni, comprensivi delle superfici in detenzione) siano detenuti dal CAA che il produttore stesso presceglie come gestore della propria anagrafe. Le normative di settore, atte all ottenimento di specifici finanziamenti nell ambito di disposizioni comunitarie, nazionali o regionali, prevedono inoltre la detenzione di ulteriore documentazione (domanda di finanziamento, copia di documento di identità in corso di validità, allegati specifici richiesti), la quale esula da quella richiesta per la certificazione della posizione anagrafica. I documenti che ciascun produttore deve presentare a corredo della propria posizione anagrafica e che devono essere presenti nel fascicolo aziendale detenuto dal CAA sono stabiliti nelle disposizioni normative regionali, approvate nel rispetto dei requisiti definiti a livello di SIGC (Sistema Integrato di Gestione e Controllo). Tali norme sono disponibili sul portale dell agricoltura regionale (http://agricoltura.regione.emiliaromagna.it) e sul sito internet di AGREA, all indirizzo: Poiché gli elementi contenuti nel fascicolo anagrafico costituiscono un presupposto per ottenere la positiva valutazione delle domande al premio assicurazione vigneti, la documentazione in esso contenuta deve risultare presente e regolare ad eventuale controllo, pena l applicazione delle previste sanzioni. In particolare, qualora la documentazione attestante i dati anagrafici aziendali e del titolare/rappresentante legale non risultasse presente nel fascicolo aziendale, non si procederà all accoglimento della domanda. 3.3 Fascicolo di domanda La domanda di premio assicurazione vigneti, corredata della necessaria documentazione cartacea, costituisce il fascicolo di domanda. Nel fascicolo di domanda devono essere conservate anche le eventuali comunicazioni, unitamente alla relativa documentazione probatoria, che il produttore può presentare secondo le finalità descritte nelle presenti disposizioni. Il fascicolo di domanda è integrato dal fascicolo anagrafico, che deve essere costituito e conservato secondo le modalità stabilite dal regolamento del Consiglio Regionale n. 17 del 15/09/2003. Esso può essere detenuto anche da CAA diverso da quello che conserva il fascicolo anagrafico, purché entrambi i CAA coinvolti siano in possesso dell apposito mandato da parte del produttore. Qualora la documentazione richiesta non risulti presente nel fascicolo di domanda, non si procederà all accoglimento della domanda. La suddetta verifica è posta in capo al CAA in fase di protocollazione sul sistema SOP della domanda e ad AGREA per le domande presentate direttamente dai beneficiari secondo le modalità contenute nel successivo punto 5. Tutta la documentazione deve essere debitamente aggiornata al momento della presentazione della domanda. 4

5 4 SOGGETTI BENEFICIARI Possono accedere alla misura i detentori di vigneti per la produzione di uve da vino coltivati in regione Emilia-Romagna che assicurino i relativi raccolti ai sensi dell art. 49 del Reg. (UE) n. 1308/2013. I dati degli impianti devono risultare correttamente definiti e coerenti nell ambito del fascicolo aziendale e del potenziale viticolo e deve essere stata presentata la dichiarazione vitivinicola dell ultima campagna. Le polizze finanziabili con le disponibilità provenienti dal programma nazionale di sostegno del settore vitivinicolo, coprono i rischi secondo quanto previsto dal piano assicurativo agricolo nazionale. 5 PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le domande di premio sono presentate presso l Organismo pagatore AGREA per le superfici vitate ubicate nella Regione di propria competenza. La domanda è strutturata per ambito regionale e qualora un viticoltore intenda beneficiare del premio in questione per superfici ubicate in diverse Regioni, deve presentare una domanda per ciascun Organismo Pagatore competente in base alla Regione di ubicazione del vigneto. Si fa presente, al riguardo, che per tale misura gli Organismi Pagatori competenti sono: 1) AGREA per la Regione EMILIA-ROMAGNA; 2) AVEPA per la Regione VENETO; 3) OPLO per la Regione LOMBARDIA; 4) ARTEA per la Regione TOSCANA; 5) AGEA per il rimanente territorio nazionale. Le domande potranno essere compilate esclusivamente mediante l utilizzo del sistema informatico SOP di AGREA; è esclusa la compilazione manuale su supporto cartaceo. I soggetti abilitati alla compilazione sono: 1) i Centri Assistenza Agricola (CAA) convenzionati con AGREA che possono compilare domande per qualunque soggetto conferisca loro un mandato a tale scopo; 2) i singoli beneficiari (Utenti Internet), limitatamente alle domande relative al proprio CUAA. A tal fine gli interessati dovranno richiedere il rilascio di un identificativo utente ed una password ad AGREA utilizzando le procedure e la modulistica messe a disposizione sul sito alla voce Servizi on line Accesso agli applicativi Sistema Operativo Pratiche SOP. Condizione necessaria per poter compilare una domanda sul sistema di AGREA è l iscrizione in Anagrafe Regionale con sottoscrizione della scheda di validazione relativa alla posizione del beneficiario. I dati inseriti in anagrafe e rilevanti ai fini delle domande, saranno automaticamente importati in esse e non saranno modificabili se non previo aggiornamento e nuova sottoscrizione della scheda di validazione dell anagrafe. La domanda, compilata in ogni sua parte e completa della documentazione richiesta, dovrà pervenire ad AGREA esclusivamente mediante una delle seguenti modalità: 5

6 Presentazione elettronica con protocollazione su SOP La domanda è presentata tramite un Centro autorizzato di Assistenza Agricola (CAA) convenzionato con AGREA 1, da parte dei produttori che rilasciano allo stesso apposito mandato. In tal caso, la domanda è compilata, presentata e protocollata sul sistema SOP di AGREA dal CAA. L accesso a SOP è limitato ed avviene sulla base di autorizzazione degli operatori del CAA da richiedere al Servizio Tecnico e di Autorizzazione di AGREA. Le domande sono compilate sulla base dei dati registrati in anagrafe regionale delle aziende agricole, per le informazioni in essa contenute, che non sono pertanto modificabili. L incaricato del CAA al momento della sottoscrizione della domanda da parte del beneficiario, provvede ad identificare il richiedente mediante acquisizione della copia di valido documento d identità e quindi richiede la protocollazione su SOP. Il fascicolo di domanda è conservato dal CAA nel rispetto delle regole stabilite in convenzione. La copia cartacea della domanda informatizzata, firmata dal produttore, viene inserita all interno del fascicolo, unitamente a tutta la documentazione necessaria che il richiedente ha affidato al CAA stesso. Con l invio ad AGREA per via telematica, l operatore del CAA attesta la regolare sottoscrizione della domanda dal produttore secondo le norme vigenti nonché la completezza della documentazione allegata e la corrispondenza della stessa con le informazioni introdotte in SOP. Per tutti i produttori che abbiano conferito mandato ad un CAA riconosciuto e convenzionato con AGREA si fa ricorso alla modalità di presentazione elettronica. Presentazione semi elettronica Tale modalità è riservata ai produttori che non abbiano conferito mandato ad un CAA riconosciuto e convenzionato con AGREA. I produttori interessati a tale modalità richiedono ad AGREA l apposita autorizzazione come Utente Internet utilizzando le procedure e la manualistica messe a disposizione sul sopra citato sito internet di AGREA. La domanda, che in tal caso è compilata direttamente dal beneficiario su SOP, deve essere controllata per escludere la presenza di anomalie bloccanti e portata fino allo stato di presentata. Deve quindi essere stampata da sistema, sottoscritta dal beneficiario e recapitata, con fotocopia di valido documento di identità, direttamente ad AGREA che provvederà a protocollarla all atto della ricezione presso i propri uffici. Si precisa che: la presentazione delle domande presso gli uffici di AGREA deve avvenire in orario di ufficio ed entro il termine ultimo di presentazione; in caso di invio tramite posta, non viene tenuta in considerazione la data di spedizione ma solo quella di effettiva ricezione. Si precisa infine che per il caricamento dei dati in SOP il beneficiario non potrà usufruire della consulenza tecnica e/o informatica dei funzionari di AGREA. AGREA, la Direzione Generale Agricoltura della Regione, le Province, le unioni dei comuni, le Comunità Montane ed i CAA non effettuano servizi di compilazione delle domande presentate con tale modalità. Presentazione elettronica con protocollazione della domanda firmata digitalmente sul sistema di protocollo regionale completa di allegati de materializzati Il produttore, autorizzato come Utente internet e che vuole evitare di presentare la domanda e la documentazione in formato cartaceo deve disporre: - di un certificato di firma digitale 1 L elenco dei CAA convenzionati è disponibile sul sito internet di AGREA alla voce Chi posso contattare?. 6

7 - di tutti gli eventuali allegati necessari alla presentazione della domanda, convertiti o generati in formati elettronici. Essi potranno essere scansionati da una versione cartacea o comunque prodotti direttamente in formati elettronici, purché leggibili senza la necessità di acquisizione di licenze (ad esempio tavole progettuali su file di Autocad in formato DWG visualizzabili con software liberi, preventivi scansionati in formato PDF, JPG, ecc.). Dopo aver effettuato la compilazione sul sistema SOP, i beneficiari dovranno: - allegare tutti gli eventuali allegati in formato elettronico - firmare digitalmente il documento (domanda in formato.pdf) prodotto dal sistema. Il documento, dopo essere stato firmato digitalmente, acquisirà il formato.p7m e dovrà essere poi caricato nuovamente sul sistema SOP che provvederà automaticamente a protocollarlo sul sistema di protocollazione regionale. Tale data di protocollazione sarà quella da considerare in relazione alle scadenze - produrre e conservare la ricevuta di presentazione prodotta dal sistema SOP N.B.: per chi sceglie questa modalità di presentazione domanda, non sarà possibile trasmettere allegati in formato cartaceo. L intera documentazione dovrà essere inserita in formato elettronico su SOP al momento della compilazione della domanda. Nel caso di produttore appartenente ad altro OPR, che ha vigneti in Emilia-Romagna e che intende presentare domanda di assicurazione per tali superfici, la trasposizione sull anagrafe del fascicolo aziendale dovrà essere fatta dal CAA mandatario, nel caso di presentazione elettronica con protocollazione su SOP, o da AGREA, nel caso di presentazione semiautomatica e di presentazione elettronica con protocollazione della domanda firmata digitalmente sul sistema di protocollo regionale completa di allegati de materializzati. Termine di presentazione delle domande Il termine per la presentazione delle domande è stato fissato da AGEA, nella circolare Aciu n. 202/2010 punto 4.2 (così come modificata dalla circolare Aciu n. 58/2014), al 31 luglio di ciascun anno, salvo eventuali proroghe. Si precisa che le proroghe potranno essere fatte proprie da AGREA attraverso la pubblicazione sul sito ufficiale dell Agenzia stessa. Successivamente al termine ultimo di presentazione, AGREA consentirà l eventuale rettifica delle domande al fine di correggere errate dichiarazioni inerenti il consorzio di difesa d appartenenza, gli utilizzi del piano colturale, e le dichiarazioni di vendemmia. La data entro cui tali rettifiche dovranno essere effettuate sarà indicata con successiva comunicazione e sarà individuata in un tempo utile all esecuzione delle attività di pagamento. Entro la stessa data AGREA accetta eventuali revoche delle domande da parte dei beneficiari. 6 SOTTOSCRIZIONE E INSERIMENTO NEL SIAN DELLE POLIZZE INDIVIDUALI A tal proposito si richiama anzitutto la tempistica perentoria evidenziata dalla normativa di riferimento ed in particolare dal decreto 6 dicembre 2013 n del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali relativo al Piano Assicurativo Agricolo 2014 e dalla circolare MIPAAF 11/03/2013 nel punto recante Termini per l informatizzazione delle polizze. In applicazione dell art. 6 del Piano Assicurativo Agricolo 2014, ai fini dell ammissibilità a contributo, le polizze assicurative singole ed i certificati per le polizze collettive devono essere sottoscritti entro il seguente termine: - colture permanenti: 31 marzo (per il solo 2014 prorogata al 30 aprile con D.M del 28 marzo 2014). 7

8 L informatizzazione del dato nel Sian deve avvenire entro il termine di 45 gg. dalla stipula della polizza. Si ricorda che, per l anno 2014, la copertura assicurativa deve comprendere almeno tre avversità atmosferiche ed eventualmente fitopatie ed attacchi parassitari, attraverso la stipula di polizze pluririschio. Per quanto concerne le modalità, AGEA con la citata circolare Aciu n. 544/2010 dispone che: i dati relativi alle polizze stipulate e alle relative quietanze di pagamento sono trasmessi al Sian (Sistema Informativo Agricolo Nazionale) con l utilizzo di web-services, secondo i tracciati riportati nell allegato 1: - dagli Organismi Associativi per quanto riguarda le polizze collettive; - dall Organismo Pagatore competente, nel caso di polizze stipulate individualmente dai produttori. In alternativa, l Organismo pagatore può inserire direttamente nel Sian, anche tramite enti delegati, le informazioni di cui sopra, per mezzo della procedura già disponibile nel Sian. Per quanto concerne le polizze individuali AGREA, come già consolidato nelle modalità operative delle precedenti campagne, si avvarrà della facoltà prevista da AGEA coordinamento, di inserire le informazioni richieste dalla normativa direttamente nel Sian. Per tale motivo si dispone che per le domande di aiuto riferite all assicurazione del raccolto di cui all art. 49 del Reg. (UE) 1308/2013 che presentano polizze individuali di assicurazione, si proceda come di seguito rappresentato: 1) per le domande presentate ad AGREA tramite i CAA sarà cura degli stessi provvedere all inserimento delle informazioni relative alle polizze singole nel Sian attraverso le funzioni e secondo le modalità definite da AGEA coordinamento; 2) per le domande presentate ad AGREA direttamente dai produttori tramite Utenza Internet sarà cura di AGREA provvedere all inserimento delle informazioni relative alle polizze singole nel Sian attraverso le funzioni e secondo le modalità definite da AGEA coordinamento. Considerando il termine di 45 gg. previsto per l informatizzazione della polizza, il produttore dovrà trasmettere la polizza ad AGREA almeno 15 gg. prima di tale scadenza (ciò per far fronte ad eventuali problematiche che dovessero insorgere). L invio ad AGREA, dovrà essere fatto tramite lettera di accompagnamento (fac simile allegato in calce al presente documento) debitamente firmata con la quale si richiede l informatizzazione della polizza nel sistema SIAN, allegando copia della polizza e copia di documento valido; l invio potrà poi essere effettuato tramite: - PEC all indirizzo - raccomandata AR (in tal caso farà fede la data di ricevimento); - recapitata presso gli uffici di AGREA in orario di ufficio; 7 DISPOSIZIONI PARTICOLARI SUI CONSORZI DI DIFESA La circolare AGEA Aciu n. 202/2010 al punto 3.1 Requisiti, prevede che i dati di polizza corrispondano ai dati del rispettivo fascicolo aziendale concernenti le superfici. Pertanto, per evitare anomalie, è opportuno che prima della stipula delle polizze agevolate, i produttori agricoli verifichino che le superfici su cui insistono le strutture e le colture da assicurare siano riportate nel fascicolo aziendale, e all occorrenza provvedano alla costituzione o all aggiornamento del fascicolo stesso, nei termini previsti dalla vigente regolamentazione. Per tale motivo è consentito l accesso ai dati delle superfici presenti nel fascicolo aziendale del produttore, su autorizzazione dello stesso, 8

9 agli organismi associativi (consorzi), per la verifica, prima della stipula della polizza, dell effettiva consistenza aziendale che si intende assicurare. Al fine di ottemperare a quanto sopra disposto, nonché facilitare la corretta e coerente compilazione delle polizze e dei piani colturali, AGREA ha realizzato apposito programma di gestione dei vincoli associativi e di campagna (come spiegato nei due punti subito sotto). Vincoli associativi La definizione informatica dei vincoli associativi, consente l acquisizione automatica dell appartenenza del produttore a quel determinato consorzio nella domanda Asvit presentata a SOP. I consorzi, attraverso l apposita funzione SOP denominata Vincoli associativi (che si apre dalla voce Gestione anagrafiche OCM ), definiscono chi sono i beneficiari, con fascicolo aziendale di competenza AGREA, a loro associati e di cui dispongono autorizzazione per l accesso ai dati. Nei soli casi relativi al settore vitivinicolo, ancorché il fascicolo del produttore non sia di competenza AGREA ma lo stesso voglia assicurare vigneti impiantati in Emilia-Romagna, i consorzi evidenziano l appartenenza del produttore alla propria base sociale e ricevono apposito mandato a visionare i dati di consistenza territoriale contenuti nelle banche dati dell anagrafe regionale, di AGREA e, per quanto di competenza, del Sian. Gestione campagna Sempre all interno di SOP e della voce principale Gestione anagrafiche OCM, i consorzi devono poi procedere ad indicare se, per la campagna in corso, il produttore intende o meno assicurarsi e per quale tipologia di contributo (Settore Asa per assicurazione colture generale nell ambito dell art. 68 e/o settore Asv per assicurazione nel comparto specifico del vitivinicolo). Tramite queste due azioni di pre-caricamento (della base sociale e della relativa tipologia di contributo) che devono essere effettuate dai consorzi, è possibile monitorare i soggetti che potenzialmente dovranno chiedere il premio assicurazione. Sarà così possibile, per chi è competente alla presentazione della domanda, acquisire rapidamente l informazione sulle caratteristiche del tipo di assicurazione scelta dal produttore (tramite consorzio oppure in proprio), mentre per il consorzio, la corretta gestione del vincolo associativo, risulta condizione necessaria per ottenere l accesso a tutti i dati sopra citati contenuti nel fascicolo dei produttori di competenza, tramite l apposito sistema di Reportistica Web realizzato da AGREA. 8 CONTROLLI E VERIFICHE 8.1 Controlli di congruenza delle superfici vitate assicurate I produttori possono assicurare esclusivamente le superfici vitate produttive che: A) sono coltivate con varietà di uve da vino classificate dalle Regioni in conformità all'accordo tra ministero delle politiche agricole e forestali e le regioni e le provincie autonome del 25/07/2002; B) sono in regola con le norme vigenti in materia di potenziale vitivinicolo e la cui produzione ha formato oggetto di dichiarazione vitivinicola; C) le cui UNAR risultano perfettamente allineate nello schedario viticolo ai sensi dei disposti normativi contenuti nel Reg. (CE) n. 436/09, nel D. Lgs. n. 61 dell 8 aprile 2010 e nel D.M. MIPAAF 16 aprile

10 Le superfici assicurate con la domanda Asvit sono quelle derivanti dal piano colturale presentato a SOP dal beneficiario per la campagna in corso dichiarate con codice 163 uva da vino, relativamente a tutta la propria superficie aziendale, comprensiva anche dei terreni in conduzione alla data ultima di presentazione della domanda. Nell ambito della domanda Asvit, il produttore ha modo di scaricare in automatico tutte le sue unità vitate presenti nel potenziale vitivinicolo regionale; tale dato risulterà necessario per confrontare la superficie assicurata nel quadro Piano colturale con quanto risulta invece regolare in ambito di schedario viticolo regionale; le eventuali incongruenze sono immediatamente evidenziate già in fase di compilazione della domanda Asvit per una loro pronta risoluzione. Le superfici viticole non perfettamente allineate nello schedario viticolo regionale non saranno prese in considerazione ai fini della verifica delle superfici correttamente inserite nelle polizze assicurative. AGREA al fine di determinare la superficie assicurata da porre a confronto con quella risultante dalla polizza assicurativa caricata in Sian assume la seguente definizione di: sup. vitata determinata = superficie regolarmente iscritta nello schedario viticolo regionale relativa alle particelle dichiarate a vite (codice coltura 163) nel quadro Piano Colturale della domanda Asvit al netto di eventuali anomalie rilevate dai controlli amministrativi. Per evitare che possano entrare vigneti non produttivi vengono detratte dalla superficie sopra citata le superfici delle unità vitate con date d impianto A decorrere dalla presente campagna infatti AGREA intende uniformarsi alle decisioni della Regione Emilia Romagna assunte con determina dirigenziale n del 15/12/2011 dove figurano produttivi vigneti già al secondo anno di vegetazione sia per talune DO che IG. Sempre in base a tale determina, ricordiamo inoltre che il dichiarante non deve considerare produttive le superfici vitate con anno d impianto 2013 e destinate alla produzione delle seguenti tipologie DO/IG: Colli piacentini; Gutturnio; Ortrugo; Reno; Bianco di Castelfranco Emilia; Terre di Veleja; Val Tidone. La suddetta superficie vitata viene posta a confronto con la superficie indicata nella polizza assicurativa per singolo comune. Qualora si riscontrasse che la superficie vitata indicata in domanda ASVIT è minore della superficie assicurata nella polizza assicurativa, si procederà ad evidenziare le incongruenze ai diretti interessati (CAA, Consorzi di difesa, singoli produttori se utenti internet) per una eventuale risoluzione entro le date che AGREA stessa indicherà con comunicazioni successive. AGREA calcolerà il pagamento delle polizze riproporzionando per comune gli importi alla superficie determinata. 8.2 Controlli sull effettiva produttività del vigneto assicurato Per la verifica dell effettiva produttività del vigneto, si fa riferimento alle dichiarazioni di vendemmia e produzione relative alla campagna 2013/2014. A tal proposito il sistema SOP effettua direttamente il controllo sull archivio delle dichiarazioni di vendemmia e produzione, circa la presenza della stessa, già in fase di presentazione della domanda. Nel caso in cui tale dichiarazione, sia stata presentata da altro soggetto che conduceva il vigneto nella campagna in oggetto, si pone l obbligo, per il beneficiario della domanda Asvit, di indicare: 1) il Cuaa 2 del soggetto che ha presentato la dichiarazione di vendemmia e produzione; 2) le motivazioni per le quali è entrato in possesso del vigneto. La circolare AGEA Aciu 786 del 10/10/2013, che detta le istruzioni applicative per la presentazione delle sopra citate dichiarazioni di vendemmia e produzione, al punto 4, quarto capoverso prevede che: 2 Codice Unico di identificazione delle Aziende Agricole che corrisponde al codice fiscale dell azienda agricola. 10

11 "Si precisa che la dichiarazione deve essere presentata anche se la produzione di uva nella campagna interessata sia stata uguale a zero. Così come precisato dalla Commissione UE con nota n del 1 luglio 1998 e come ribadito dall Ispettorato Centrale per il Controllo della Qualità dei Prodotti Agroalimentari con nota n pos. 28/6 del 9 dicembre 2002". Per tale motivo le domande Asvit presentate senza nessun riferimento alla dichiarazione di vendemmia, saranno oggetto di provvedimento di rigetto. Nell Allegato 1 figurano le tipologie e la documentazione probatoria da conservare nel fascicolo di domanda. 8.3 Controlli di congruenza delle polizze Secondo quanto previsto nella circolare AGEA Aciu 544/2010, AGREA provvede allo scarico informatico dei dati delle polizze contenute nel Sian conformemente ai servizi Web concordati con AGEA e li pone a confronto con quanto dichiarato sulle domande Asvit. Nel caso in cui l informazione relativa all appartenenza consortile sopra citata risulti errata o non correttamente riportata sui sistemi AGREA rispetto a quanto contenuto nelle polizze assicurative, ciò non è causa, di per sé, di respingimento della domanda Asvit. Tali situazioni, se esistenti, saranno sottoposte a verifica da parte di AGREA che provvederà a compiere le specifiche istruttorie, richiedendo i dovuti chiarimenti al consorzio e al produttore interessati, al fine di sanare l anomalia. Le domande per le quali, a seguito del confronto sopra citato, non risulti agganciata nessuna polizza assicurativa, vengono inserite in un elenco che sarà inviato ai CAA ed ai Consorzi di competenza al fine di una puntuale verifica. Per i produttori singoli che hanno presentato domanda direttamente ad AGREA è la stessa Agenzia a provvedere ad informare dell incongruenza il produttore interessato. Trascorsi 10 giorni lavorativi senza che sia pervenuta nessuna comunicazione circa la presenza di errori dichiarativi sulle polizze (es. errore di Cuaa, errore di intervento assicurativo, ecc.) AGREA stabilisce la non liquidabilità delle suddette domande ponendole in stato non liquidabile. Si rammenta che, nel caso di errore commesso sulla polizza sarà necessario provvedere alla relativa correzione seguendo lo stesso flusso informativo seguito per il caricamento delle polizze. Si ricorda che è espressamente vietato dalla normativa in vigore, per la medesima area di competenza alternare, nella stessa campagna, polizze collettive con polizze singole comprese quelle stipulate nell ambito dell art. 68 Reg. CE 73/2009. Ad esempio, se un produttore assicura il vigneto, posto in regione, direttamente come singolo produttore non potrà assicurare il frutteto o i seminativi posti in regione tramite un consorzio, pena la nullità, ai soli fini della concessione degli aiuti, di tutte le polizze. 8.4 Verifica delle rese medie unitarie Con riferimento alla sola uva da vino si precisa che per le produzioni soggette a disciplinari (DO, IG ecc.) le rese di riferimento devono comunque essere contenute nel limite delle rese massime previste dagli stessi ed il produttore non può assicurare alcuna extraresa determinata sulla base della propria produzione media unitaria triennale. Tale possibilità pertanto è circoscritta ai produttori che assicurano uve da vino generiche/varietali. Per tutte le polizze viene verificata, nell ambito dei controlli amministrativi, la congruenza tra la resa unitaria riportata nella polizza e la resa unitaria massima definita a livello di DO, IG o varietale/generica regionale/provinciale/comunale presente a sistema. A tal proposito si ricorda che le rese di riferimento per la nostra regione per le DO e le IG figurano nell Allegato 2 delle presenti disposizioni. Qualora emerga che la prima sia maggiore della seconda e, nel solo caso di uve varietali/generiche non sia presente l apposita dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e redatta secondo il modello allegato alla circolare AGEA 806 del 16 luglio 2013, la 11

12 polizza oggetto di verifica sarà ritenuta completamente inammissibile ai fini del pagamento del premio previsto. 8.5 Controlli Oggettivi Sulla base delle domande che hanno agganciato almeno una polizza assicurativa, AGREA procede all estrazione del campione da sottoporre a verifica con lo scopo di verificare la presenza effettiva della polizza e la congruenza dei dati indicati nel cartaceo con quelli inseriti nel sistema informatizzato, nonché per una puntuale verifica delle rese di produzione. Per la sola uva da vino, infatti, gli Organismi pagatori, in sede di controllo oggettivo, devono verificare il rispetto dello specifico disciplinare di produzione del produttore. La normativa di settore consente di iscrivere lo stesso vigneto contemporaneamente agli albi delle DO e delle IG; infatti sullo stesso appezzamento, possono coesistere uve atte a produrre vini a DO, ad IG e Generici/varietali. Coerentemente è possibile assicurare uve da vino destinate alla produzione di vini a denominazione di origine (DO), ad indicazione geografica (IG) e Generici/varietali. La coesistenza è possibile avvenga anche sulla medesima polizza purché sia sempre possibile distinguere le categorie assicurate. Al fine di consentire una corretta informatizzazione delle polizze a decorrere dalla campagna 2014 i codici prodotto C20 - UVA DA VINO e D88 - UVA DA VINO SOTTO RETE ANTIGRANDINE saranno sostituiti dalle codifiche informatiche presenti nella sottostante tabella. Resta inteso che il rispetto del requisito di cui all art. 2, comma 4 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e s.m.i., riguardante l obbligo per le singole imprese di assicurare l intero prodotto per comune, ai fini dell accesso all agevolazione pubblica, deve intendersi riferito all intera produzione di uva da vino ottenuta dal totale delle superfici vitate condotte in un determinato territorio comunale, indipendentemente dalla suddivisione della produzione tra uve destinate a vini a DO, IG e Generici/varietali. Considerato che le polizze vengono sottoscritte nei primi mesi dell anno, mentre la scelta vendemmiale di destinare le uve alla produzione delle diverse tipologie di vini ottenibili avviene in autunno, al momento della raccolta, in sede di controllo, AGREA verificherà anche la coerenza tra dichiarazioni di produzione vendemmia/rivendicazione delle produzioni delle uve e tipologia di produzioni assicurate. In proposito occorre tenere presente che le rese tra uve destinate a vini generici/varietali, IG e DO, differiscono in maniera decrescente di valori notevolmente differenti, risultando spesso più che dimezzate quando si passa da Generici/varietali a DO. Inoltre, si deve tener conto che la normativa di settore consente, nei casi di iscrizioni a più albi, di operare la scelta vendemmiale ritenuta più opportuna dal produttore; di conseguenza è consentito assicurare DO, IG e conferire uve rispettivamente per IG e Generici, oltre che ovviamente DO i IG; mentre risulta difficilmente giustificabile ai fini dell impiego della spesa pubblica che l agricoltore assicuri un uva per vino generico (le cui tecniche colturali improntate a massimizzare le rese, devono essere applicate fin dalle prime fasi del ciclo colturale, come ad esempio l adozione di criteri di potatura che lasciano un numero maggiore di gemme, concimazioni più sostenute ecc.) e poi si conferisca un prodotto destinato a vini ad IG o DO, con rese effettive notevolmente inferiori. Si precisa che non saranno accettate, ai fini del riconoscimento del contributo comunitario all agricoltore, polizze per le quali non è correttamente evidenziata la tipologia di prodotto assicurata (deve quanto meno essere presente l acronimo DOC, DOCG, IG, uva comune, varietale, generica). Quanto sopra anche al fine di consentire una puntuale e corretta informatizzazione del dato nel Sian. In tutti i casi di verbale negativo si procederà ad una valutazione caso per caso e ove la polizza: a) sia priva dei contenuti minimi descrittivi della tipologia di prodotto assicurata b) contenga errori che hanno portato ad una liquidazione impropria all azienda c) le rese relative al prodotto rivendicato siano più alte rispetto alle rese assicurate 12

13 si darà luogo al recupero del contributo pubblico erogato. Le verifiche sopracitate saranno effettuate: presso i consorzi che detengono, anche per gli obblighi legislativi del D. Lgs. 102/2004, i fascicoli delle polizze assicurative; direttamente presso i nostri uffici, previa acquisizione dei fascicoli, per gli utenti singoli. Nuovi codici prodotto uva da vino campagna 2014: CODPROD H80 H81 H82 H83 H84 H85 DENOMINAZIONE UVA D.O. UVA I.G. UVA COMUNE (PER VINO DA TAVOLA O VINO VARIETALE) UVA D.O. SOTTO RETE ANTIGRANDINE UVA I.G. SOTTO RETE ANTIGRANDINE UVA COMUNE SOTTO RETE ANTIGRANDINE 8.6 Ulteriori controlli La circolare AGEA Aciu 202/2010 al punto 6 dispone poi che, nel caso di polizze assicurative collettive, l organismo pagatore competente verifichi che il consorzio, che ha anticipato una parte del premio assicurativo in nome e per conto del produttore assicurato sia stato da questi interamente rimborsato entro il 31 gennaio dell anno successivo a quello della domanda di pagamento (31/01/2015 per Asvit 2014). Al fine di ottemperare a quanto sopra disposto AGREA provvederà a richiedere con apposita nota formale entro il 31 marzo 2015 la conferma o meno dell avvenuto pagamento del premio per i produttori ai quali è stato riconosciuto l aiuto. I produttori che risulteranno inadempienti/morosi nei confronti del consorzio saranno sottoposti da AGREA ad apposita azione di recupero attraverso l iscrizione a registro debitori delle somme percepite con la domanda Asvit. 13

14 Allegato 1 Casistiche previste per mancato aggancio della dichiarazione di vendemmia 1) Dichiarazione presentata da conduttore deceduto (eredità); 2) Dichiarazione presentata dal locatore; 3) Dichiarazione presentata dall affittuario; 4) Dichiarazione presentata dal precedente proprietario; Documentazione probante gli agganci ad altri Cuaa per le domande di Asvit per le quali non è stata agganciata una dichiarazione di produzione 2013/2014: - DICHIARAZIONE PRESENTATA DA CONDUTTORE DECEDUTO (EREDITÀ): Copia della successione, od in sua assenza dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell art. 47 del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000 del certificato di morte e dell asse ereditario. - PER TUTTE LE ALTRE FATTISPECIE (cessioni temporanee, definitive, ecc ): (*) Documentazione probante la fattispecie specifica. (*) si raccomanda la corretta gestione dell'anagrafe e del potenziale. 14

15 Allegato 2 N. COD. QUATTORDICI Descrizione Codice attitudine (9) RESA Q.li/ per ettaro 1 A053X3001XXA0X COLLI BOLOGNESI CLASSICO PIGNOLETTO A053X DOCG 2 A070X0041DAA1X ROMAGNA ALBANA PASSITO RISERVA A070X DOCG 3 A070X0041DXA0C ROMAGNA ALBANA PASSITO AMABILE A070X DOCG 4 A070X0041DXA0D ROMAGNA ALBANA PASSITO DOLCE A070X DOCG 5 A070X0041XXA0A ROMAGNA ALBANA SECCO A070X DOCG 6 A070X0041XXA0C ROMAGNA ALBANA AMABILE A070X DOCG 7 A070X0041XXA0D ROMAGNA ALBANA DOLCE A070X DOCG 8 B070X1162XXA0X LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO B070X B070X1162XXB0A 10 B070X1162XXB0C 11 B070X1162XXB0D 12 B070X1162XXB0L 13 B070X1162XXB0X 14 B070X1162XXC0A 15 B070X1162XXC0C 16 B070X1162XXC0D 17 B070X1162XXC0L 18 B070X1162XXC0X 19 B070X1163XXB0A 20 B070X1163XXB0C 21 B070X1163XXB0D 22 B070X1163XXB0L 23 B070X1163XXB0X 24 B070X1163XXC0A 25 B070X1163XXC0C 26 B070X1163XXC0D 27 B070X1163XXC0L 28 B070X1163XXC0X LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO SPUMANTE SECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO SPUMANTE AMABILE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO SPUMANTE DOLCE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO SPUMANTE SEMISECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO SPUMANTE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO FRIZZANTE SECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO FRIZZANTE AMABILE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO FRIZZANTE DOLCE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO FRIZZANTE SEMISECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSSO FRIZZANTE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO SPUMANTE SECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO SPUMANTE AMABILE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO SPUMANTE DOLCE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO SPUMANTE SEMISECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO SPUMANTE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO FRIZZANTE SECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO FRIZZANTE AMABILE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO FRIZZANTE DOLCE LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO FRIZZANTE SEMISECCO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO ROSATO FRIZZANTE B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1162 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X1163 B070X B071X1202XXA0X LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE B071X DOC 30 B071X1202XXB0A 31 B071X1202XXB0C LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO SPUMANTE SECCO LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO SPUMANTE AMABILE B071X1202 B071X DOC 190 DOC TIPOLOGIA 15

16 32 B071X1202XXB0D 33 B071X1202XXB0L LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO SPUMANTE DOLCE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO SPUMANTE SEMISECCO B071X1202 B071X DOC 190 DOC 34 B071X1202XXB0X LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO SPUMANTE B071X DOC 35 B071X1202XXC0A 36 B071X1202XXC0C 37 B071X1202XXC0D 38 B071X1202XXC0L LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO FRIZZANTE SECCO LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO FRIZZANTE AMABILE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO FRIZZANTE DOLCE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO FRIZZANTE SEMISECCO B071X1202 B071X1202 B071X1202 B071X DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 39 B071X1202XXC0X LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSSO FRIZZANTE B071X DOC 40 B071X1203XXB0A 41 B071X1203XXB0C 42 B071X1203XXB0D 43 B071X1203XXB0L 44 B071X1203XXB0X 45 B071X1203XXC0A 46 B071X1203XXC0C 47 B071X1203XXC0D 48 B071X1203XXC0L LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO SPUMANTE SECCO LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO SPUMANTE AMABILE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO SPUMANTE DOLCE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO SPUMANTE SEMISECCO LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO SPUMANTE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO FRIZZANTE SECCO LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO FRIZZANTE AMABILE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO FRIZZANTE DOLCE LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO FRIZZANTE SEMISECCO B071X1203 B071X1203 B071X1203 B071X1203 B071X1203 B071X1203 B071X1203 B071X1203 B071X DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 190 DOC 49 B071X1203XXC0X LAMBRUSCO SALAMINO DI SANTA CROCE ROSATO FRIZZANTE B071X DOC 50 B072XLAM2XXA0X LAMBRUSCO DI SORBARA B072XLAM2 51 B072XLAM2XXB0A LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO SPUMANTE SECCO B072XLAM2 52 B072XLAM2XXB0C LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO SPUMANTE AMABILE B072XLAM2 53 B072XLAM2XXB0D LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO SPUMANTE DOLCE B072XLAM2 54 B072XLAM2XXB0L LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO SPUMANTE SEMISECCO B072XLAM2 55 B072XLAM2XXB0X LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO SPUMANTE B072XLAM2 56 B072XLAM2XXC0A LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO FRIZZANTE SECCO B072XLAM2 57 B072XLAM2XXC0C LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO FRIZZANTE AMABILE B072XLAM2 58 B072XLAM2XXC0D LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO FRIZZANTE DOLCE B072XLAM2 59 B072XLAM2XXC0L LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO FRIZZANTE SEMISECCO B072XLAM2 60 B072XLAM2XXC0X LAMBRUSCO DI SORBARA ROSSO FRIZZANTE B072XLAM2 61 B072XLAM3XXB0A LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO SPUMANTE SECCO B072XLAM3 62 B072XLAM3XXB0C LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO SPUMANTE AMABILE B072XLAM3 63 B072XLAM3XXB0D LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO SPUMANTE DOLCE B072XLAM3 64 B072XLAM3XXB0L LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO SPUMANTE SEMISECCO B072XLAM3 65 B072XLAM3XXB0X LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO SPUMANTE B072XLAM3 66 B072XLAM3XXC0A LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO FRIZZANTE SECCO B072XLAM3 67 B072XLAM3XXC0C LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO FRIZZANTE AMABILE B072XLAM3 68 B072XLAM3XXC0D LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO FRIZZANTE DOLCE B072XLAM3 69 B072XLAM3XXC0L LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO FRIZZANTE SEMISECCO B072XLAM3 70 B072XLAM3XXC0X LAMBRUSCO DI SORBARA ROSATO FRIZZANTE B072XLAM3 71 B172H8881XXA0X COLLI BOLOGNESI BOLOGNA BIANCO B172H DOC 16

17 72 B172H8881XXB0X COLLI BOLOGNESI BOLOGNA SPUMANTE B172H DOC 73 B172H9992AXA1X COLLI BOLOGNESI BOLOGNA ROSSO RISERVA B172H DOC 74 B172H9992XXA0X COLLI BOLOGNESI BOLOGNA ROSSO B172H DOC 75 B172X0192AXA1X COLLI BOLOGNESI BARBERA RISERVA B172X DOC 76 B172X0192XXA0X COLLI BOLOGNESI BARBERA B172X DOC 77 B172X0192XXC0X COLLI BOLOGNESI BARBERA FRIZZANTE B172X DOC 78 B172X0432XXA0X COLLI BOLOGNESI CABERNET SAUVIGNON B172X DOC 79 B172X1462XXA0X COLLI BOLOGNESI MERLOT B172X DOC 80 B172X1931XXA0X COLLI BOLOGNESI PINOT BIANCO B172X DOC 81 B172X2091XXA0X COLLI BOLOGNESI RIESLING ITALICO B172X DOC 82 B172X2211XXA0X COLLI BOLOGNESI SAUVIGNON B172X DOC 83 B172X2981XXA0X COLLI BOLOGNESI CHARDONNAY B172X DOC 84 B172X3001BXA0X COLLI BOLOGNESI PIGNOLETTO SUPERIORE B172X DOC 85 B172X3001DXA0X COLLI BOLOGNESI PIGNOLETTO PASSITO B172X DOC 86 B172X3001DXL0X COLLI BOLOGNESI PIGNOLETTO PASSITO DA UVE STRAMATURE B172X DOC 87 B172X3001XXB0X COLLI BOLOGNESI PIGNOLETTO SPUMANTE B172X DOC 88 B172X3001XXC0X COLLI BOLOGNESI PIGNOLETTO FRIZZANTE B172X DOC 89 B210X0192XXA0X COLLI DI PARMA BARBERA B210X DOC 90 B210X0352XXA0X COLLI DI PARMA BONARDA B210X DOC 91 B210X0422XXA0X COLLI DI PARMA CABERNET FRANC B210X DOC 92 B210X0432XXA0X COLLI DI PARMA CABERNET SAUVIGNON B210X DOC 93 B210X1172XXA0X COLLI DI PARMA LAMBRUSCO B210X DOC 94 B210X1462XXA0X COLLI DI PARMA MERLOT B210X DOC 95 B210X1931XXA0X COLLI DI PARMA PINOT BIANCO B210X DOC 96 B210X1931XXB0X COLLI DI PARMA PINOT BIANCO SPUMANTE B210X DOC 97 B210X1931XXC0X COLLI DI PARMA PINOT BIANCO FRIZZANTE B210X DOC 98 B210X1941XXA0X COLLI DI PARMA PINOT GRIGIO B210X DOC 99 B210X1952XXA0X COLLI DI PARMA PINOT NERO B210X DOC 100 B210X2211XXA0X COLLI DI PARMA SAUVIGNON B210X DOC 101 B210X2211XXB0X COLLI DI PARMA SAUVIGNON SPUMANTE B210X DOC 102 B210X2211XXC0X COLLI DI PARMA SAUVIGNON FRIZZANTE B210X DOC 103 B210X2791XXA0D COLLI DI PARMA MALVASIA DOLCE B210X DOC 104 B210X2791XXA0X COLLI DI PARMA MALVASIA B210X DOC 105 B210X2791XXB0X COLLI DI PARMA MALVASIA SPUMANTE B210X DOC 106 B210X2791XXC0X COLLI DI PARMA MALVASIA FRIZZANTE B210X DOC 107 B210X2981XXA0X COLLI DI PARMA CHARDONNAY B210X DOC 108 B210X2981XXB0X COLLI DI PARMA CHARDONNAY SPUMANTE B210X DOC 109 B210X2981XXC0X COLLI DI PARMA CHARDONNAY FRIZZANTE B210X DOC 110 B210X8881XXB0X COLLI DI PARMA SPUMANTE B210X DOC 111 B210X9992XXA0X COLLI DI PARMA ROSSO B210X DOC 112 B210X9992XXC0X COLLI DI PARMA ROSSO FRIZZANTE B210X DOC 113 B222C8881XXA0X COLLI PIACENTINI MONTEROSSO VAL D'ARDA B222C DOC 114 B222C8881XXB0X COLLI PIACENTINI MONTEROSSO VAL D'ARDA SPUMANTE B222C DOC 115 B222C8881XXC0X COLLI PIACENTINI MONTEROSSO VAL D'ARDA FRIZZANTE B222C DOC 116 B222D8881XXA0X COLLI PIACENTINI TREBBIANINO VAL TREBBIA B222D DOC 117 B222D8881XXB0X COLLI PIACENTINI TREBBIANINO VAL TREBBIA SPUMANTE B222D DOC 118 B222D8881XXC0X COLLI PIACENTINI TREBBIANINO VAL TREBBIA FRIZZANTE B222D DOC 119 B222E8881XXA0X COLLI PIACENTINI VAL NURE B222E DOC 120 B222E8881XXB0X COLLI PIACENTINI VAL NURE SPUMANTE B222E DOC 121 B222E8881XXC0X COLLI PIACENTINI VAL NURE FRIZZANTE B222E DOC 122 B222F8881EXA1X COLLI PIACENTINI VIN SANTO DI VIGOLENO B222F DOC 17

18 123 B222X0192XXA0X COLLI PIACENTINI BARBERA B222X DOC 124 B222X0192XXC0X COLLI PIACENTINI BARBERA FRIZZANTE B222X DOC 125 B222X0432XXA0X COLLI PIACENTINI CABERNET SAUVIGNON B222X DOC 126 B222X0712XXA0X COLLI PIACENTINI BONARDA B222X DOC 127 B222X0712XXC0X COLLI PIACENTINI BONARDA FRIZZANTE B222X DOC 128 B222X1941XXA0X COLLI PIACENTINI PINOT GRIGIO B222X DOC 129 B222X1941XXB0X COLLI PIACENTINI PINOT GRIGIO SPUMANTE B222X DOC 130 B222X1941XXC0X COLLI PIACENTINI PINOT GRIGIO FRIZZANTE B222X DOC 131 B222X1952XXA0X COLLI PIACENTINI PINOT NERO B222X DOC 132 B222X1952XXB0X COLLI PIACENTINI PINOT SPUMANTE B222X DOC 133 B222X1952XXC0X COLLI PIACENTINI PINOT NERO FRIZZANTE B222X DOC 134 B222X2211XXA0X COLLI PIACENTINI SAUVIGNON B222X DOC 135 B222X2211XXC0X COLLI PIACENTINI SAUVIGNON FRIZZANTE B222X DOC 136 B222X2791DXA0X COLLI PIACENTINI MALVASIA PASSITO B222X DOC 137 B222X2791XXA0X COLLI PIACENTINI MALVASIA B222X DOC 138 B222X2791XXB0X COLLI PIACENTINI MALVASIA SPUMANTE B222X DOC 139 B222X2791XXC0X COLLI PIACENTINI MALVASIA FRIZZANTE B222X DOC 140 B222X2981XXA0X COLLI PIACENTINI CHARDONNAY B222X DOC 141 B222X2981XXB0X COLLI PIACENTINI CHARDONNAY SPUMANTE B222X DOC 142 B222X2981XXC0X COLLI PIACENTINI CHARDONNAY FRIZZANTE B222X DOC 143 B222X8881EXA1X COLLI PIACENTINI VIN SANTO B222X DOC 144 B222X9992CXA0X COLLI PIACENTINI NOVELLO B222X DOC 145 B243X0842XXA0X BOSCO ELICEO FORTANA B243X DOC 146 B243X0842XXC0X BOSCO ELICEO FORTANA FRIZZANTE B243X DOC 147 B243X1462XXA0X BOSCO ELICEO MERLOT B243X DOC 148 B243X2211XXA0X BOSCO ELICEO SAUVIGNON B243X DOC 149 B243X2211XXC0X BOSCO ELICEO SAUVIGNON FRIZZANTE B243X DOC 150 B243X8881XXA0X BOSCO ELICEO BIANCO B243X DOC 151 B243X8881XXC0X BOSCO ELICEO BIANCO FRIZZANTE B243X DOC 152 B310XLAM2CXA0X REGGIANO LAMBRUSCO NOVELLO B310XLAM2 153 B310XLAM2CXC0X REGGIANO LAMBRUSCO NOVELLO FRIZZANTE B310XLAM2 154 B310XLAM2XXA0X REGGIANO LAMBRUSCO B310XLAM2 155 B310XLAM2XXB0X REGGIANO LAMBRUSCO SPUMANTE B310XLAM2 156 B310XLAM2XXC0X REGGIANO LAMBRUSCO FRIZZANTE B310XLAM2 157 B310X1202XXA0X REGGIANO LAMBRUSCO SALAMINO B310X B310X1202XXC0X REGGIANO LAMBRUSCO SALAMINO FRIZZANTE B310X B310X9991XXB0X REGGIANO BIANCO SPUMANTE B310X B310X9992CXA0X REGGIANO ROSSO NOVELLO B310X B310X9992XXA0X REGGIANO ROSSO B310X B310X9992XXC0X REGGIANO ROSSO FRIZZANTE B310X B311X0251XXA0X COLLI DI RIMINI BIANCAME B311X DOC 164 B311X0432AXA1X COLLI DI RIMINI CABERNET SAUVIGNON RISERVA B311X DOC 165 B311X0432XXA0X COLLI DI RIMINI CABERNET SAUVIGNON B311X DOC 166 B311X2182AXA1X COLLI DI RIMINI SANGIOVESE RISERVA B311X DOC 167 B311X2182BXA1X COLLI DI RIMINI SANGIOVESE SUPERIORE B311X DOC 168 B311X2182XXA0X COLLI DI RIMINI SANGIOVESE B311X DOC 169 B311X3001DXA0X COLLI DI RIMINI REBOLA PASSITO B311X DOC 170 B311X3001XXA0A COLLI DI RIMINI REBOLA SECCO B311X DOC 171 B311X3001XXA0C COLLI DI RIMINI REBOLA AMABILE B311X DOC 172 B311X3001XXA0D COLLI DI RIMINI REBOLA DOLCE B311X DOC 173 B311X3001XXA0X COLLI DI RIMINI REBOLA B311X DOC 174 B311X8881XXA0X COLLI DI RIMINI BIANCO B311X DOC 18

19 175 B311X9992XXA0X COLLI DI RIMINI ROSSO B311X DOC 176 B312A3641XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA BIANCO CLASSICO B312A DOC 177 B312A3641XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA BIANCO CLASSICO FRIZZANTE B312A DOC 178 B312XLAM2XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO B312XLAM2 160 DOC 179 B312XLAM2XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO FRIZZANTE B312XLAM2 160 DOC 180 B312XPIN1XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA PINOT B312XPIN1 150 DOC 181 B312XPIN1XXB0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA PINOT SPUMANTE B312XPIN1 150 DOC 182 B312XPIN1XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA PINOT FRIZZANTE B312XPIN1 150 DOC 183 B312X0432AXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA CABERNET SAUVIGNON RISERVA B312X DOC 184 B312X0432XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA CABERNET SAUVIGNON B312X DOC 185 B312X1162XXA0X 186 B312X1162XXC0X 187 B312X1192XXA0X 188 B312X1192XXC0X 189 B312X1193XXA0X 190 B312X1193XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO GRASPAROSSA COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO GRASPAROSSA FRIZZANTE COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO MONTERICCO ROSSO COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO MONTERICCO ROSSO FRIZZANTE COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO MONTERICCO ROSATO COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA LAMBRUSCO MONTERICCO ROSATO FRIZZANTE B312X1162 B312X1162 B312X1192 B312X1192 B312X1193 B312X DOC 160 DOC 160 DOC 160 DOC 160 DOC 160 DOC 191 B312X1442CXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MARZEMINO NOVELLO B312X DOC 192 B312X1442DXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MARZEMINO PASSITO B312X DOC 193 B312X1442XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MARZEMINO B312X DOC 194 B312X1442XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MARZEMINO FRIZZANTE B312X DOC 195 B312X2211AXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SAUVIGNON RISERVA B312X DOC 196 B312X2211DXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SAUVIGNON PASSITO B312X DOC 197 B312X2211XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SAUVIGNON B312X DOC 198 B312X2211XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SAUVIGNON FRIZZANTE B312X DOC 199 B312X2791DXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALVASIA PASSITO B312X DOC 200 B312X2791XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALVASIA B312X DOC 201 B312X2791XXB0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALVASIA SPUMANTE B312X DOC 202 B312X2791XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALVASIA FRIZZANTE B312X DOC 203 B312X2981XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA CHARDONNAY B312X DOC 204 B312X2981XXB0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA CHARDONNAY SPUMANTE B312X DOC 205 B312X2981XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA CHARDONNAY FRIZZANTE B312X DOC 206 B312X3332CXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALBO GENTILE NOVELLO B312X DOC 207 B312X3332DXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALBO GENTILE PASSITO B312X DOC 208 B312X3332XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALBO GENTILE B312X DOC 209 B312X3332XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MALBO GENTILE FRIZZANTE B312X DOC 210 B312X3641DXA1X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SPERGOLA PASSITO B312X DOC 211 B312X3641XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SPERGOLA B312X DOC 212 B312X3641XXB0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SPERGOLA SPUMANTE B312X DOC 213 B312X3641XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA SPERGOLA FRIZZANTE B312X DOC 214 B312X8881XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA BIANCO B312X DOC 215 B312X8881XXB0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA BIANCO SPUMANTE B312X DOC 216 B312X8881XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA BIANCO FRIZZANTE B312X DOC 217 B312X9992CXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA ROSSO NOVELLO B312X DOC 218 B312X9992XXA0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA ROSSO B312X DOC 19

20 219 B312X9992XXC0X COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA ROSSO FRIZZANTE B312X DOC 220 B317X0192XXA0X COLLI D'IMOLA BARBERA B317X DOC 221 B317X0192XXC0X COLLI D'IMOLA BARBERA FRIZZANTE B317X DOC 222 B317X0432AXA1X COLLI D'IMOLA CABERNET SAUVIGNON RISERVA B317X DOC 223 B317X0432XXA0X COLLI D'IMOLA CABERNET SAUVIGNON B317X DOC 224 B317X2182AXA1X COLLI D'IMOLA SANGIOVESE RISERVA B317X DOC 225 B317X2182XXA0X COLLI D'IMOLA SANGIOVESE B317X DOC 226 B317X2421XXA0X COLLI D'IMOLA TREBBIANO B317X DOC 227 B317X2421XXC0X COLLI D'IMOLA TREBBIANO FRIZZANTE B317X DOC 228 B317X2981XXA0X COLLI D'IMOLA CHARDONNAY B317X DOC 229 B317X2981XXC0X COLLI D'IMOLA CHARDONNAY FRIZZANTE B317X DOC 230 B317X3001XXA0X COLLI D'IMOLA PIGNOLETTO B317X DOC 231 B317X3001XXC0X COLLI D'IMOLA PIGNOLETTO FRIZZANTE B317X DOC 232 B317X8881BXA0X COLLI D'IMOLA BIANCO SUPERIORE B317X DOC 233 B317X8881XXA0X COLLI D'IMOLA BIANCO B317X DOC 234 B317X8881XXC0X COLLI D'IMOLA BIANCO FRIZZANTE B317X DOC 235 B317X9992AXA1X COLLI D'IMOLA ROSSO RISERVA B317X DOC 236 B317X9992CXA0X COLLI D'IMOLA ROSSO NOVELLO B317X DOC 237 B317X9992XXA0X COLLI D'IMOLA ROSSO B317X DOC 238 B318X1931XXA0X COLLI DI FAENZA PINOT BIANCO B318X DOC 239 B318X2182AXA1X COLLI DI FAENZA SANGIOVESE RISERVA B318X DOC 240 B318X2182XXA0X COLLI DI FAENZA SANGIOVESE B318X DOC 241 B318X2421XXA0X COLLI DI FAENZA TREBBIANO B318X DOC 242 B318X8881XXA0X COLLI DI FAENZA BIANCO B318X DOC 243 B318X9992AXA1X COLLI DI FAENZA ROSSO RISERVA B318X DOC 244 B318X9992XXA0X COLLI DI FAENZA ROSSO B318X DOC 245 B324X1521XXA0A RENO MONTUNI SECCO B324X B324X1521XXA0B RENO MONTUNI ABBOCCATO B324X B324X1521XXA0C RENO MONTUNI AMABILE B324X B324X1521XXA0D RENO MONTUNI DOLCE B324X B324X1521XXA0X RENO MONTUNI B324X B324X1521XXB0X RENO MONTUNI SPUMANTE B324X B324X1521XXC0X RENO MONTUNI FRIZZANTE VIVACE B324X B324X3001XXA0A RENO PIGNOLETTO SECCO B324X B324X3001XXA0B RENO PIGNOLETTO ABBOCCATO B324X B324X3001XXA0C RENO PIGNOLETTO AMABILE B324X B324X3001XXA0D RENO PIGNOLETTO DOLCE B324X B324X3001XXA0X RENO PIGNOLETTO B324X B324X3001XXB0X RENO PIGNOLETTO SPUMANTE B324X B324X3001XXC0X RENO PIGNOLETTO FRIZZANTE VIVACE B324X B324X8881XXA0A RENO BIANCO SECCO B324X B324X8881XXA0B RENO BIANCO ABBOCCATO B324X B324X8881XXA0C RENO BIANCO AMABILE B324X B324X8881XXA0D RENO BIANCO DOLCE B324X B324X8881XXA0X RENO BIANCO B324X B324X8881XXB0X RENO BIANCO SPUMANTE B324X B324X8881XXC0X RENO BIANCO FRIZZANTE VIVACE B324X B335X0432AXA1X COLLI ROMAGNA CENTRALE CABERNET SAUVIGNON RISERVA B335X DOC 267 B335X0432XXA0X COLLI ROMAGNA CENTRALE CABERNET SAUVIGNON B335X DOC 268 B335X2182AXA1X COLLI ROMAGNA CENTRALE SANGIOVESE RISERVA B335X DOC 269 B335X2182XXA0X COLLI ROMAGNA CENTRALE SANGIOVESE B335X DOC 20

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E

REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E DISPOSIZIONI PROCEDURALI RELATIVE AI CONTROLLI 1 Reg.

Dettagli

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 Disposizioni per la presentazione della domanda di aiuto Pag. 1 di 15 Sommario PREMESSA... 3 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE

Dettagli

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio

CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA. Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio CO.PRO.VI. Società Cooperativa CONDIFESA di PAVIA Piazza Vittorio Veneto 1-27045 Casteggio tel. 0383.82392/804067 fax 0383.805509 coprovi@maxidata.it condifesa.pavia@asnacodi.it www.coprovi.it Campagna

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 32 31 marzo 2015 Oggetto : Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali N 40 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 13/02/2015 52 6 11 Oggetto: Campagna vitivinicola 2014/2015

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499537/538 Fax 06.49499751 Prot. N. AGEA.UMU.864 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 7 maggio 2010 CIRCOLARE N. 15 Ai Viticoltori interessati A tutti

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE N. G08345 DEL 6 LUGLIO 2015 OGGETTO: Reg. (UE) n. 1308/2013 e s.s. m.m. e i.i. e Reg. (CE) n.555/2008 e s.s. m.m. e i.i. Programma Nazionale di Sostegno del settore vitivinicolo. DGR n.

Dettagli

DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE

DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO 2008 PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE ISTANZE DI PARTE SP/lv Allegato alla Determinazione 118-2012 del 21/08/2012 Pagina 1 di 9 Sommario 1. PREMESSA...3 2. OGGETTO...3 3. ESITO

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato 1) al Decreto del Direttore di ARTEA n. 45 del 05 aprile 2016 ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Disposizioni applicative per la presentazione della Domanda Unica

Dettagli

SIN. Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente

SIN. Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente Guida alla compilazione delle domande di ristrutturazione e riconversione vigneti Campagna 2012/2013 Manuale utente 05 dicembre 2012 2-26 Controllo delle modifiche Edizione Pubblicato Motivo della revisione

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Struttura di supporto giuridico e contabile Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano Zootecnico Regionale Misura 4

Dettagli

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati

Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45. Ai Produttori interessati ORGANISMO PAGATORE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81-00185 Roma Tel. 06.494991 - Fax 06.49499940 Prot.UMU.2012.1474 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma lì, 30 OTT. 2012 CIRCOLARE N. 45 Ai Produttori interessati

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

Il fascicolo aziendale

Il fascicolo aziendale Il campo tiene banco Indice Perché il fascicolo? Cenni normativi A chi rivolgersi Il contenuto L aggiornamento I controlli Perché il fascicolo? Ogni azienda che si presenta alla Pubblica Amministrazione

Dettagli

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato 1) al Decreto del Direttore di ARTEA n. 39 del 16 aprile 2015 ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Disposizioni applicative per la presentazione della Domanda Unica

Dettagli

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187-ROMA

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187-ROMA ORGANISMO PAGATORE - Ufficio Monocratico Via Palestro 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2012. 468 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li 02/05/2012 CIRCOLARE N. 17 Ai Viticoltori interessati

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE TECNICA, FINANZIARIA ED AMMINISTRATIVA DEL REGIME DI AIUTI AGLI APICOLTORI Reg. CE 1234/2007

PROCEDURE PER LA GESTIONE TECNICA, FINANZIARIA ED AMMINISTRATIVA DEL REGIME DI AIUTI AGLI APICOLTORI Reg. CE 1234/2007 PREMESSA PROCEDURE PER LA GESTIONE TECNICA, FINANZIARIA ED AMMINISTRATIVA DEL REGIME DI AIUTI AGLI APICOLTORI Reg. CE 1234/2007 Con il regolamento (CE) n. 1234 del 22 Ottobre 2007 il Consiglio ha inteso

Dettagli

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine.

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine. ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.646 Fax 06.49499.757 Prot. N. UMU.2013.1147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 19 giugno 2013 A Tutti gli interessati Agli

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.571 Prot. N. UMU/804 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 8 maggio 2015 ISTRUZIONI OPERATIVE N 26 AI PRODUTTORI INTERESSATI AI CENTRI

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA DI INDENNIZZO

MANUALE PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA DI INDENNIZZO DECRETO LEGISLATIVO N. 102 DEL 29 marzo 2004 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE AGRICOLE MANUALE PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA DI INDENNIZZO EVENTO CALAMITOSO ECCEZIONALE SICCITA PERIODO 1

Dettagli

Produttori interessati. Al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187 ROMA

Produttori interessati. Al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187 ROMA ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499/1 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2011.1569 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li, 6 DIC 2011 CIRCOLARE N. 56 Ai Produttori interessati

Dettagli

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9 UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO 1 di 9 Sommario 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 3. FASI IN CUI PUÒ ESSERE PRESENTATA

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni regionali attuative della misura investimenti inserita nel programma nazionale di sostegno, relativa all OCM vitivinicolo. Premessa Le presenti disposizioni attuative si riferiscono

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6. Produttori interessati LORO SEDI

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6. Produttori interessati LORO SEDI Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.4453940 Prot. N.UMU.2016.191 del 29.02.2016 (CITARE NELLA RISPOSTA) ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6 Ai Produttori interessati Al Ministero

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 45 del 15/04/2014 Oggetto: Reg. CE n. 1234/07

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO N. DEL Disposizioni nazionali di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/08 del Consiglio e (CE) n. 555/08 della Commissione per quanto riguarda l applicazione della misura della riconversione e

Dettagli

Il Direttore del Servizio- Autorità di gestione

Il Direttore del Servizio- Autorità di gestione Decreto n Servizio sviluppo rurale Manuale delle procedure per la compilazione delle domande on-line tramite portale del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN) versione 2 Approvazione. Il Direttore

Dettagli

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

All. All. All. All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.262 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 25 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE. A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE. A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Prot. N. ACIU.2015.305 (CITARE NELLA RISPOSTA) Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Roma li. 02.07.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo Allegato 1 Istruzioni per il controllo delle domande di aiuto presentate ai sensi del bando regionale 2008/2009 - Misura di ristrutturazione e riconversione dei vigneti nell ambito delle disposizioni attuative

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

CIRCOLARE N. 2. N pagine complessive:10 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 2. N pagine complessive:10 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente CIRCOLARE N. 2 PROT. N 3135 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: Direzione Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare Attivazione del servizio di trasmissione telematica del modello unico

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura A.R.T..A. Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Organizzazione Comune del Mercato Vitivinicolo Reg. 1493/99 Disposizioni Tecniche per i controlli a campione Piano Ristrutturazione

Dettagli

Istruzioni operative n. 52. A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE

Istruzioni operative n. 52. A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.571 Prot. N. UMU.2015.1891 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 25 novembre 2015 Istruzioni operative n. 52 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.255 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

entro 5 giorni lavorativi successivi alla protocollazione.

entro 5 giorni lavorativi successivi alla protocollazione. REGG.(CE) NN. 1234/2007 e 555/2008 RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE VIGNETI DISPOSIZIONI PROCEDURALI RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO, VARIANTE, ANTICIPO E SALDO CAMPAGNA 2010/2011 1

Dettagli

PARTE SECONDA. Atti regionali

PARTE SECONDA. Atti regionali Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 28-4-2016 19627 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE 21 aprile 2016, n. 154 Reg. (ue) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del

Dettagli

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01;

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTO l art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69, che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale

Dettagli

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura

ART AAgenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in agricoltura U.D.Revisione contabile e conservazione dei provvedimenti di autorizzazione Manuale Procedimentale per i Centri di servizio convenzionati Piano

Dettagli

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI DECRETO MINISTERIALE 162 del 12/01/2015 Decreto relativo alla SEMPLIFICAZIONE della gestione della

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei moduli per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA

Basilicata - ARBEA Via della Chimica 85100 POTENZA Area Coordinamento Via Torino, 45 00184 Roma Prot. N. ACIU.2006.738 Roma lì, 31 ottobre 2006 Al All All All All Alla Alla Alla Alla Alla Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Direzione Generale

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi AGREA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 194 del 23/03/2011 Proposta: DAG/2011/196 del 21/03/2011 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 104 del 22/10/2014 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO Prot. n. 16281 del 31/03/2016 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento Regionale Agricoltura Area 7 Brand

Dettagli

Anagrafe delle Imprese Agricole. ad uso dei Beneficiari. Istruzioni per la gestione delle domande di Imboschimento dei terreni agricoli

Anagrafe delle Imprese Agricole. ad uso dei Beneficiari. Istruzioni per la gestione delle domande di Imboschimento dei terreni agricoli Anagrafe delle Imprese Agricole Piano e di Agro-Industriali Sviluppo Rurale 2007-13 Manuale Misura Utente H Ricerca e Anagrafica Azienda Manuale Utente ad uso dei Beneficiari Istruzioni per la gestione

Dettagli

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione.

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. Allegato alla Delib.G.R. n. 33/15 del 30.6.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 1301 del 01/02/2016 Proposta: DPG/2016/1393 del 29/01/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione AREA COORDINAMENTO Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2007.315 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 9 maggio 2007 AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1850 del 14/10/2015 Oggetto: Reg. (CE) 1698/2005

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI

Centri di Assistenza Agricola LORO SEDI UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro,81 0018% Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.780 Prot. N. UMU.2015.1395 (da CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 08/09/2015 All UNITAB Via Fabio Massimo,72-00192 ROMA All ONT

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 Mantova, 12/03/2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 La copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli è effettuata nell ambito del regime di sostegno specifico di cui all articolo 68 del Regolamento (CE)

Dettagli

ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE E LA PRESENTAZIONE del PIANO FORMATIVO

ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE E LA PRESENTAZIONE del PIANO FORMATIVO Fondimpresa: Avviso n. 5/2015 Competitività Allegato n. 4 ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE E LA PRESENTAZIONE del PIANO FORMATIVO Avviso 5/2015 Competitività 1. Attivazione del Piano formativo Per poter presentare

Dettagli

Dichiarazione Unica Aziendale

Dichiarazione Unica Aziendale Dichiarazione Unica Aziendale Contenuti, definizioni e procedure 1. Premessa... 1 2. Anagrafe e Fascicolo aziendale... 1 3. Documenti aziendali... 2 4. Fascicolo elettronico...2 5. Interscambio dati...

Dettagli

Applicativo PSR 2007-2013

Applicativo PSR 2007-2013 Applicativo PSR 2007-203 Manuale per la compilazione delle domande per partecipazione a sistemi di qualità alimentare Misura 32 del Piano di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/203 Reg. (CE) n. 698/05 INDICE Quadri

Dettagli

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI INDICE CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DI ASSISTENZA AGRICOLA COLDIRETTI SRL 1. Finalità della Carta 2. Chi siamo 3. Funzioni 4. I nostri servizi 5. Qualità dei servizi 6. Presenza sul territorio 7. Risorse

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 1031 del 27/01/2016 Proposta: DPG/2016/1111 del 26/01/2016 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

BANDO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER CONCILIAZIONI PARITETICHE

BANDO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER CONCILIAZIONI PARITETICHE BANDO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER CONCILIAZIONI PARITETICHE Iniziative a vantaggio dei consumatori, di cui all'articolo 148, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n.

Dettagli

Manuale di istruttoria del Responsabile dell Ufficio

Manuale di istruttoria del Responsabile dell Ufficio Manuale di istruttoria del Responsabile dell Ufficio per le domande a valere sull Avviso ex DGR 1252/2011 (D.Lgs. n. 102/2004) Pag. 1 di 16 MANUALE DEL RESPONSABILE DELL UFFICIO EX D.LGS. N. 102/2004 e

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE Allegato 1 ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIPARTIMENTO AGRICOLTURA POLITICHE REGIONALI DI SVILUPPO RURALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : APPROVAZIONE DEI BANDI PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DI ADESIONE

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 Oggetto: Domanda Unica campagna 2016: avvio del procedimento di cui al Reg.

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 120 del 24/10/2013 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero per lo Sviluppo Economico Direzione Generale per l'energia e le risorse minerarie Gestore Servizi Energetici- GSE SpA Divisione Operativa AGEA Area coordinamento Organizzazioni di filiera LORO

Dettagli

Tutti gli interessati Agli Assessorati all Agricoltura delle Regioni e Province Autonome Loro Sedi

Tutti gli interessati Agli Assessorati all Agricoltura delle Regioni e Province Autonome Loro Sedi UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N.AGEA.UMU.2011.186 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma, li 11 FEBBRAIO 2011 Circolare n. 7 A Tutti gli interessati Agli Assessorati

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 263 82279 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 14 dicembre 2012, n. 2796 Applicazione della misura "investimenti" per la viticoltura

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO l'articolo 3 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE

Anno 2014 N.RF091. La Nuova Redazione Fiscale ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE Anno 2014 N.RF091 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO ISCRIZIONI AL 5 PER MILLE 2014 - INDICAZIONI DELLE ENTRATE RIFERIMENTI CIRCOLARE AG. ENTRATE N. 7 DEL

Dettagli