PUBBLICAZIONE PER I 125 ANNI DELLA SOCIETÀ SVIZZERA D ASSICURAZIONE CONTRO LA GRANDINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUBBLICAZIONE PER I 125 ANNI DELLA SOCIETÀ SVIZZERA D ASSICURAZIONE CONTRO LA GRANDINE"

Transcript

1

2

3 PUBBLICAZIONE PER I 125 ANNI DELLA SOCIETÀ SVIZZERA D ASSICURAZIONE CONTRO LA GRANDINE INTRODUZIONE 2 STORIA DELLA GRANDINE 3 GRANDINE & METEOROLOGIA 5 SERVIZIO INTERNO & ESTERNO 7 DALLA STIMA AL CONTEGGIO 11 LA GESTIONE DEL RISCHIO 14 L ASSICURAZIONE MULTIRISCHI 17 OGGI & DOMANI 18 ORGANIGRAMMA 19 PRESIDENTI 20 DIRETTORI 20 IMPRESSUM 20

4 INTRODUZIONE Il 4 aprile 2005, per la Società Svizzera d Assicurazione contro la grandine, ricorrono i 125 anni d attività al servizio degli agricoltori, viticoltori, orticoltori e giardinieri della Svizzera e dei Paesi confi nanti. Un altra pietra miliare che offre l opportunità per qualche rifl essione su «la Grandine», come da molti è comunemente chiamata. Ai tempi della sua fondazione, nel nostro Paese, la produzione di derrate alimentari era di enorme importanza per i consumatori come anche per gli agricoltori, e le perdite fi nanziarie a seguito di un maltempo venivano quindi percepite di conseguenza. Se dopo una devastante grandinata non si voleva più dipendere dalle umilianti collette di denaro, non c era altra soluzione che l iniziativa personale. La costituzione di una mutua con l obiettivo di coprire le perdite fi nanziarie dovute ai danni arrecati alle colture, sembrava lo strumento più idoneo. L inizio fu veramente diffi cile: ai mezzi fi nanziari molto limitati si aggiunse una serie di anni con ingenti sinistri e, di conseguenza, la situazione fi nanziaria divenne precaria. Non sempre si riusciva a soddisfare adeguatamente le aspettative degli assicurati. Solo enormi sforzi resero possibile superare queste diffi coltà iniziali e altri contraccolpi. Oggi, l Assicurazione Grandine Svizzera rappresenta una solida compagnia assicurativa orientata verso il futuro. Per incoraggiare gli agricoltori e orticoltori all iniziativa personale stipulando un assicurazione contro la grandine, e per evitare che in caso di eventi di ampia portata i conti degli enti pubblici venissero stravolti a causa dell elargizione di ingenti sostegni fi nanziari, la Confederazione e i Cantoni hanno sovvenzionato i premi fi no agli anni settanta. La lotta contro la grandine è sempre stato un argomento molto discusso in seno alla nostra Società: mentre alcuni assicurati esigevano di sostenere attivamente tale iniziativa e la ricerca in questo campo, altri non erano per niente pronti a destinare parte del loro premio per un simile scopo. Anche danni causati da altre forze della natura, come per esempio inondazioni, erano per le aziende agricole e orticole all origine di perdite fi nanziarie. Negli ultimi decenni, l Assicurazione Grandine ha tenuto conto delle diverse esigenze e ha esteso di conseguenza le possibilità di copertura in modo da poter offrire oggi al cliente una protezione assicurativa completa. D altra parte è stata fornita una risposta adeguata alle sollecitazioni, fi nalizzate a poter disporre di una forma assicurativa semplifi cata, istituendo le assicurazioni globali. Anche in futuro resteremo fedeli al nostro principio secondo il quale «Noi lavoriamo per i nostri clienti e non i clienti per noi». Nonostante un lavoro sempre più diversifi cato siamo riusciti, grazie a un amministrazione snella e a un impiego a tempo parziale di collaboratori esterni saldamente ancorati nell agricoltura, a contenere al massimo i costi per il funzionamento dell Assicurazione. Nell ambito lavorativo vengono ovviamente considerate le diverse realtà linguistiche del Paese. In fondo, tutti noi assicurati e assicurazione dipendiamo l uno dall altro. Alle collaboratrici e ai collaboratori dell Assicurazione Grandine voglio quindi esprimere un sentito ringraziamento per il loro grande impegno. Ma grazie anche agli assicurati per la loro fedeltà nei confronti dell Assicurazione Grandine. Il presidente del Consiglio d amministrazione Max Binder 2

5 STORIA DELL ASSICURAZIONE GRANDINE mille mio. CHF mio. CHF 2'500 2'000 1'500 1' Evoluzione dell assicurazione contro la grandine in Svizzera Evoluzione dell Assicurazione Grandine Svizzera in cifre assolute numero di polizze premi somma assicurata Di problemi finanziari in seguito a temporali accompagnati da grandine si parla spesso nei libri di storia e nella narrativa. Contrariamente all assicurazione incendi, che ebbe i sui inizi già nel Quattrocento, l assicurazione grandine è nata molto più tardi. Nel passato, dopo una grandinata, si organizzavano delle collette che aiutavano certo a tamponare qualche falla finanziaria, ma che però, alla fine, non risultavano convincenti, specialmente quando non si trattava solo di fenomeni circoscritti bensì di eventi che colpivano intere regioni. Una cassa mutua, istituita nel 1818 dal Consiglio finanziario nell Ajoie, offrì una prima copertura, disciplinata da un regolamento, per dei danni causati dalla grandine; il supplemento riscosso con l imposta sulla proprietà fondiaria serviva a coprire il 10 % dei danni attribuiti alla grandine. Nel canton Berna, dopo che su di esso, nel 1824, si era abbattuta una violenta grandinata, nel 1825 venne fondata un assicurazione contro la grandine alla quale aderirono agricoltori di altri 11 cantoni. Questa «Compagnia svizzera d assicurazione contro i danni da grandine», come venne chiamata più tardi, fu costretta a cessare la sua attività verso la fine degli anni cinquanta poiché, in seguito a frequenti riduzioni degli indennizzi, gli assicurati persero la fiducia nell istituzione. Anche diverse altre casse locali, sorte negli anni trenta, fecero la stessa fine poiché mancava la ripartizione geografica del rischio. A metà secolo, diverse compagnie estere iniziarono la loro attività assicurativa in Svizzera ritirandosi però tutte, ad eccezione della «Magdeburger», dopo breve tempo. Poi, nel 1887, anche la «Magdeburger» dovette rinunciare dopo un andamento poco soddisfacente degli affari. Un altra assicurazione, l Istituto cantonale d assicurazione contro la grandine del canton Vaud, costituita nel 1929, dovette chiudere i battenti nel 1943; anche il suo tentativo fallì a causa di una insufficiente ripartizione geografica del rischio. La storia della Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine Il 1 agosto 1875, una cinquantina di agricoltori si riunirono a Schlieren (ZH) per discutere sulla fondazione di un assicurazione contro la grandine. Cinque anni più tardi, il 4 aprile 1880, la Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine iniziò la sua attività quale organizzazione di mutuo soccorso dell agricoltura e dei giardinieri. L obiettivo era quello di offrire premi corrispondenti al rischio e una statistica dettagliata dei casi di grandine divenne così indispensabile. L attività si estendeva anche all estero confinante in modo da ottenere una massima ripartizione del rischio. Era prevista anche la costituzione di un fondo di riserva per compensare l alternanza dei risultati finanziari negli anni. Inoltre, il Consiglio d amministrazione era autorizzato a stipulare dei contratti di riassicurazione per salvaguardare le riserve. Nel primo anno assicurativo i danni furono così numerosi che i premi incassati non bastarono nemmeno per indennizzarne la metà. Si dovette pretendere il 3

6 versamento di un conguaglio del 200 %. L accensione di un credito bancario di Fr , concesso su garanzia solidale del Consiglio d amministrazione e del direttore, rese possibile il tempestivo pagamento degli indennizzi. Già nel 1885 seguì un altro anno disastroso; l andamento dei danni fu sfavorevole e la continuità della Società fu più volte messa in dubbio. Il rischio della grandine era stato valutato in modo troppo ottimistico e i costi amministrativi non considerati. L attività all estero venne abbandonata nel 1883 a causa degli ingenti costi amministrativi. Si dovettero poi adottare diversi provvedimenti di risanamento quali la modifica della franchigia, la determinazione di una «superficie massima» ecc., ciò che provocò un netto calo dell interesse per l assicurazione da parte degli agricoltori. Tale situazione indusse le cerchie interessate a rivolgersi ai cantoni e alla Confederazione per chiedere una partecipazione ai premi. In una perizia sul promovimento dell agricoltura, che il Consiglio Federale incaricò di allestire, fu proposto di concedere alla Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine un prestito di Fr per costituire un fondo di riserva. Purtroppo questa iniziativa fallì per ragioni di ordine costituzionale, ma ciononostante si continuò con perseveranza a sollecitare la partecipazione dello Stato ai premi con numerose richieste, petizioni e mozioni. Con decreto federale del 6 aprile 1898, vennero concessi per la prima volta dei contributi ai premi. I sussidi non erano devoluti alla Società bensì destinati, quale contributo, agli assicurati; i cantoni erano tenuti a contribuire con un importo della stessa entità. Con l introduzione di questi contributi ai premi vennero a cadere le azioni di aiuto a favore dei danneggiati alle quali si era spesso fatto appello nel passato. Ciò concorse a far sì che sempre più agricoltori si assicurassero. Il forte aumento dei prezzi dei prodotti agricoli e l imposizione di coltivare durante le due guerre mondiali, accrebbero la necessità di una corrispondente copertura incrementando così l entità dell assicurazione. A partire dagli anni settanta la campicoltura regredì nuovamente e l Assicurazione Grandine ne avvertì le conseguenze. Gli importi assicurati crescevano ancora in modo sensibile a causa dell aumento dei prezzi dei prodotti agricoli, ma il numero degli assicurati diminuiva costantemente. Per ragioni di risparmio, nel 1967, la Confederazione soppresse i contributi all assicurazione grandine e, col tempo, anche diversi cantoni cessarono di sovvenzionare i premi. La riorganizzazione della politica agraria degli anni novanta, con la separazione della politica dei prezzi da quella dei redditi, ha fortemente inciso sull Assicurazione Grandine Svizzera. I prezzi dei prodotti agricoli cominciarono a diminuire e sono tuttora in diminuzione; le prestazioni dell agricoltura fornite nell interesse della collettività vengono indennizzati con pagamenti diretti. Il reddito realizzato dai prodotti diminuisce e parallelamente si riducono anche valori assicurati e i premi. Per alcuni prodotti si sono manifestate delle difficoltà di smercio dovute a un importazione agevolata (si pensi al vino) e ciò ha anche provocato una pressione sui prezzi. Nel settore dell orticoltura invece, i crescenti investimenti in moderne tecnicampicoltura vite frutta tabacco 75 % 73 % 54 % 91 % Percentuale delle superfi ci assicurate rispetto alla superfi cie totale coltivata 4

7 che di produzione hanno moltiplicato le necessità di essere assicurati. Nella campicoltura, i tre quarti delle terre aperte sono assicurati; mentre i cereali hanno da sempre avuto una buona copertura assicurativa, si è potuta aumentare notevolmente quella relativa al mais, alle patate e alle barbabietole. La superficie viticola (a eccezione del Vallese e del Ticino) è assicurata nella misura di circa il 73 %, anche se nel 1980 il grado di copertura era di oltre il 10 % maggiore. I prezzi dell uva, in certi casi molto bassi, hanno indotto diverse aziende a rinunciare all assicurazione. Per quanto concerne la frutticoltura, una buona metà della produzione è assicurata (ad eccezione del Vallese), mentre che per il tabacco la parte di superficie assicurata supera il 90 % rispetto a quella coltivata. Questa rilevante partecipazione all assicurazione testimonia che nei nostri agricoltori la consapevolezza del rischio e la disponibilità di prevenirlo sono particolarmente sentite. GRANDINE E METEOROLOGIA La formazione dei temporali La Svizzera, insieme a Germania meridionale, Austria, Italia settentrionale, Giura francese e Alsazia, fa parte delle zone europee maggiormente esposte al rischio grandine. La formazione di temporali e quindi anche di grandine è estremamente repentina. Nel nostro Paese questi fenomeni si manifestano prevalentemente tra maggio e settembre. La confi gurazione topografi ca della Svizzera favorisce temporali termici in cui aria umida, riscaldata da un intensa insolazione, sale velocemente ad alta quota. Temporali legati al passaggio di un fronte freddo, invece, vengono provocati dal sollevamento di aria umida e calda da parte di aria fredda sottostante. Sia in caso dell ar rivo di aria fredda sia in seguito all intensa insolazione, si può osservare la formazione di nubi a forte sviluppo verticale (cumulonembi) che possono estendersi fi no a un altezza di 12 o più chilometri. Se la formazione della grandine avviene in combinazione con un temporale termico stazionario l estensione dei danni è generalmente limitata. Temporali in combinazione con l arrivo di un fronte di aria fredda, invece, producono spesso delle lunghe colonne grandine che attraversano la Svizzera da sudovest a nordest, lasciando dietro di sé una scia di devastazione larga alcuni chilometri. La formazione della grandine 1 Hit >1 Hit h Carta radar della grandine caduta l 8 luglio 2004 MeteoRadar Schmid In una nuvola temporalesca si può formare grandine in prossimità del canale di correnti ascendenti. Minuscole gocce d acqua, formatesi in seguito alla condensazione attorno a particelle di polvere contenute nell atmosfera, vengono trasportate da correnti ascendenti in strati d aria molto freddi dove congelano. All altezza di circa m viene a mancare la spinta verso l alto e i piccoli chicchi di 5

8 grandine cadono nuovamente in strati inferiori, dove a essi aderiscono altre gocce d acqua che congelano immediatamente ingrossando così viepiù i chicchi. Questo continuo saliscendi nel canale di correnti ascendenti può ripetersi più volte e spiega le differenti dimensioni dei chicchi di grandine che, raggiunto un peso troppo elevato per essere mantenuti in alto, cadono al suolo. Differenti chicchi di grandine Se la corrente ascendente nella nuvola temporalesca non è più abbastanza forte, o se i chicchi di grandine diventano troppo grandi e pesanti, questi ultimi cadono a terra. La grandine di piccole dimensioni si scioglie durante la sua caduta e giunge al suolo sotto forma di grandi gocce di pioggia, mentre quella più grande cade con differente forza distruttiva su tutto quanto le si trova sotto. In generale, il diametro di un chicco di grandine è di ca mm; a volte i chicchi raggiungono però la dimensione di nocciole ( 10-20mm; 1-3g), noci ( 30-40mm; 10g), palline da golf ( 42.5mm; 46g), uova di gallina ( 40-60mm; 55-60g) o perfino palline da tennis ( 65mm; 60g). Il chicco di grandine più grande osservato finora aveva un diametro di 14cm und pesava 770g: il 3 settembre 1970 è precipitato con una velocità di caduta di 170km/h sul suolo di Cofleyville Kansas USA. Grandine e radar Con il radar si misurano le precipitazioni nell atmosfera. L immagine radar svizzera si compone dalle immagini radar provenienti dalle tre stazioni meteorologiche situate a La Dôle, sull Albis e sul Monte Lema. Queste informazioni radar permettono ai meteorologi un osservazione delle precipitazioni su una vasta superfi cie e di conseguenza una previsione molto precisa a breve termine (1-2 ore in anticipo) su come queste si muoveranno e quando e dove le stesse cominceranno e cesseranno. Dal 2000, l Assicurazione Grandine ha un contratto con una ditta che, in base a queste immagini radar, elabora carte giornaliere della grandine. Quando la situazione meteorologica lascia supporre il passaggio di grandine, la mattina presto, scarichiamo la carta grandine del momento sul nostro computer. Su questa carta è raffigurata l attività grandine delle 24 ore precedenti in Svizzera e nei Paesi confinanti. I differenti colori informano sull ora del giorno in cui la grandine è stata osservata. Queste osservazioni radar sull attività della grandine permettono anche altre valutazioni. Le cosiddette carte climatiche si estendono su periodi di tempo prolungati e informano sulla ripartizione geografica e l intensità della grandine in questo arco di tempo. Diventa così possibile individuare in quale regione si è registrata la grandinata più intensa, in quali mesi sono cadute le grandinate più forti, come la conformazione topografica della regione può influire sull ora del giorno in cui avviene una grandinata, ecc. Quanto più lunga è la durata del periodo osservato, tanto più attendibili sono le valutazioni statistiche che si possono effettuare. Queste ultime permettono infi ne osservazioni sulla grandine a lungo termine ed eventuali tendenze riguardo a cambiamenti duraturi nell attività della grandine possono essere individuate in tempo utile e considerate nella pianifi cazione. Riscaldamento del clima Nel frattempo, anche i ricercatori sul clima sono d accordo che siamo confrontati con un riscaldamento globale del clima. Le conclusioni del rapporto del programma nazionale di ricerca 31 (cambiamento del clima e avversità naturali) hanno confermato le dichiarazioni rilasciate già nel 1990 dal Prof. Dott. Albert Waldvogel (direttore, all epoca, dell Istituto per la fisica atmosferica al Politecnico di Zurigo), secondo cui le variazioni del clima dovute all effetto serra si faranno sempre più sentire. L Assicurazione Grandine ha avvertito questo accumularsi di situazioni estreme, soprattutto a livello regionale, sotto forma di forti tempeste, inondazioni, scoscendi- 6

9 menti e alluvioni. Eccezionale per l andamento dei sinistri degli ultimi 15 anni sono stati soprattutto l entità localmente catastrofica dei danni e il breve periodo di tempo che trascorreva tra il manifestarsi di eventi estremi quali valanghe, violente tempeste, grandinate devastanti e siccità straordinaria. Anni carichi di sinistri Per l Assicurazione Grandine il 1927 fu un anno amaro in quanto i danni raggiunsero un entità mai conosciuta prima. La Società, che allora non disponeva ancora di una riassicurazione, dovette versare indennizzi per 6,7 mio. di franchi a fronte dei 3,3 mio. di franchi di premi incassati. Questa circostanza rese indispensabile la richiesta nei confronti degli assicurati di un conguaglio pari al 60 % e causò tutta una serie di disdette nell anno successivo. Nel 1928, la Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine concluse un contratto di riassicurazione con quattro compagnie svizzere. Il 1950 fu l anno più carico di sinistri nella storia dell Assicurazione Grandine Svizzera. Con un volume di premi di 9,7 mio. di franchi e una somma assicurata di Fr. 297,8 mio., per i danni annunciati, furono necessari 18,18 mio. di franchi per gli indennizzi. Anche nel 1967 si registrarono gravi danni: un assicurato su quattro fu colpito dalla grandine, e il carico dei sinistri risultò del 183 %. Il 1975 può essere considerato l anno catastrofi co per eccellenza: si è trattato dell anno peggiore rispetto ai 100 anni precedenti. La catena ininterrotta di grandinate cominciò già il 29 maggio, con danni inaspettatamente importanti, e culminò nella notte tra il 18 e il 19 settembre in un unica colonna grandine della lunghezza di 200km che causò tra Ginevra e il Giura Basilese danni per un importo di 18 mio. di franchi. In quell anno disastroso furono corrisposti indennizzi per 58,5 mio., e il carico dei sinistri raggiunse un livello da primato del 240 %. Un altra giornata eccezionale si registrò nel 1994, quando in un solo giorno, il 2 giugno, si produssero danni. In quell anno si oltrepassò poi anche per la prima volta la soglia dei 100 milioni (Fr. 101,6 mio.) per risarcire i danni; il carico dei sinistri fu del 186 %. La giornata che costituisce un record assoluto è però di recente data: l 8 luglio del 2004 una larga colonna grandine attraversò la Svizzera e causò danni. SERVIZIO INTERNO ED ESTERNO IERI ED OGGI Quando fu fondata l Assicurazione Grandine erano i tempi in cui Edison chiedeva di brevettare la sua lampada a incandescenza. Solo 28 anni dopo la costituzione dell Assicurazione Grandine nella città di Zurigo venne introdotta l erogazione pubblica della corrente elettrica. Chissà come si presentava l edifi cio al Seilergraben 61, quando nel 1918 l Assicurazione Grandine ne prese possesso! Chi oggi, nel 2005, il mattino, accende il suo personal computer e, con l introduzione della sua password, comunica alla rete di voler scambiare dei dati con il server centrale e poi nella bucalettera elettronica sbrigare i messaggi pervenuti, diffi cilmente riesce ad immaginarsi quanto sia cambiato il modo di lavorare dalla fondazione dell Assicurazione Grandine a oggi. Nei primi quarant anni della storia della compagnia, proposte e polizze, fatture e lettere venivano scritte a mano. Fino al 1920 i più importanti supporti di dati erano costituiti di pesanti libri contabili e di statistiche, nei quali, su centinaia di pagine e in minuziosa calligrafi a, veniva- 7

10 no registrate le indicazioni riguardanti gli assicurati e i numeri delle polizze, i premi e gli indennizzi. Negli anni trenta erano macchine per scrivere più perfezionate a permettere di presentare tabelle e di eseguire complicate operazioni contabili grazie a calcolatrici meccaniche in esse integrate. Si trattava di veri e propri miracoli della tecnica che trovarono applicazione fi no all arrivo delle prime calcolatrici elettroniche. Un altro passo in avanti lo rappresentarono le schede perforate sulle quali si potevano trasferire le tabelle preparate con le macchine contabili. In un centro meccanografi co esterno se ne estrapolava la statistica dei premi e dei danni. Per l Assicurazione Grandine, il passo decisivo nel mondo dell informatica avvenne nel Per la prima volta, gli indirizzi di tutti gli assicurati vennero registrati elettronicamente. Per la gestione di queste informazioni relative all assicurazione, si dispone attualmente di una vasta banca dati. Si fa inoltre capo a un proprio sito Internet con la possibilità di annunciare i danni direttamente via rete. Uno sguardo rivolto al futuro fa capire che il vertiginoso sviluppo della tecnica non si arresterà nemmeno alle porte dell Assicurazione Grandine Svizzera. La tecnologia client-server, ritenuta rivoluzionaria fi no a qualche anno fa, lascia ora spazio alla tecnologia Browser, compatibile con Internet. Per gli scambi tra Assicurazione Grandine e servizio esterno Internet assume ormai un importanza fondamentale. Il servizio esterno Macchina Burroughs intorno al 1955 Il dipartimento assicurazioni intorno al 1955 In tutti questi anni il compito principale dei nostri agenti, ossia la consulenza e l annuale stesura della lista delle colture, non è cambiato. Il contatto personale e l impegno per creare un rapporto di fi ducia con il cliente è tanto importante oggi come lo era negli anni della fondazione dell Assicurazione Grandine Svizzera. Anche oggi l agente, quando si tratta di rinnovare la lista delle colture, visita personalmente molti clienti oppure raduna i suoi assicurati in un ristorante o locale pubblico. Per fortuna, la lunga attesa sulla panchina davanti all uffi cio notarile o alla scuola fa parte del passato. La diffusione del telefono e dell automobile ha fatto sì che gli assicurati fossero raggiungibili in poco tempo. Perfi no la bicicletta, quale mezzo di locomozione per visitare la clientela, è tornata di moda. Oggi, dopo ripetuti e inutili tentativi per raggiungere personalmente o per telefono un cliente, capita, a questo o a quell agente, di ricordarsi nostalgicamente dei tempi del nonno, quando su un azienda agricola si poteva sempre trovare qualcuno. Fino al 1997, dopo la consulenza e la stesura della lista delle colture, il lavoro dell agente si svolgeva quasi esclusivamente nell uffi cio di casa sua, dove si trattava di trasferire sulla polizza i dati raccolti dal cliente. Per molti anni questo signifi cava un lavoro manuale di ore e ore. Con l arrivo della macchina per scrivere, invece, era già possibile eseguire proposta e contratto in una sola fase di lavoro grazie alla copia con carta carbone. Con lo sviluppo nella tecnica della lavorazione della carta si arrivò poi al formulario con copia a ricalco. Un primo programma per agenti realizzato su computer ha alleggerito il lavoro a partire dal Come è bello poter cancellare un errore nella polizza e stamparne poi la versione corretta 8

11 Prodotto (Forma di assicurazione) Con lista delle colture Assicurazione globale agricola Assicurazione globale per gli erbaggi Assicurazione globale giardiniera Assicurazione globale per vivai Assicurazione della vite Assicurazione della frutta Assicurazione del tabacco Assicurazione gelo Assicurazione di colture sotto reti e tetti in plastica Base per l indennizzo somma assicurata secondo polizza valori all ara per le colture dei campi valori all ara per gli erbaggi valori per fiori valori per legumi e bacche valori all ara per vivai somma assicurata secondo polizza somma assicurata secondo polizza somma assicurata secondo polizza somma assicurata secondo polizza somma assicurata secondo polizza Forme speciali assicurazioni complementari combinazioni con l assicurazione globale giardiniera con pascoli valori più elevati combinazioni con l assicurazione globale agricola con container ai valori doppi con franchigia elevata con assicurazione ceppi con franchigia elevata con deprezzamento più elevato con assicurazione legno con franchigia elevata (15 % della somma assicurata della parcella) questa forma d assicurazione è possibile soltanto per la vite e le albicocche copertura complementare di reti di protezione o tetti in plastica e le rispettive installazioni di supporto Prodotti assicurativi dell Assicurazione Grandine Svizzera Il dipartimento assicurazioni oggi Il palazzo degli uffi ci a Seilergraben 61 premendo semplicemente dei tasti! Con la versione in vigore dal 1998, le polizze non vengono più compilate dall agente. I dati raccolti sulla proposta d assicurazione sono trasferiti tramite dischetto o, dal 2002 parzialmente, anche via Internet e a Zurigo viene in seguito stampata la polizza con la relativa cedola di versamento. I premi vengono versati direttamente sul conto dell Assicurazione Grandine e i pagamenti sono controllati da un software di gestione debitori. Il compito dell incasso dei premi non grava così più sugli agenti. Il tempo che l agente risparmia grazie all evoluzione della tecnica nel settore amministrativo, lo dedica al suo cliente in altro modo. Ora è infatti possibile allestire rapidamente più offerte e il cliente si attende che il suo consulente gli fornisca le necessarie spiegazioni sui vantaggi e gli inconvenienti delle possibilità assicurative propostegli, come pure sulle eventuali conseguenze che possono risultarne in caso di danno. Per l assicurazione di aziende specializzate, gli agenti possono rivolgersi a ispettori con conoscenze specifi che. Le continue modifi che strutturali dell agricoltura portano ad aziende sempre più grandi che cercano di affermarsi sul mercato con diverse strategie. Elaborare una copertura assicurativa individuale che tenga conto delle necessità economico-aziendali del singolo imprenditore è una sfi da interessante per il nostro servizio esterno! Evoluzione dei prodotti / forme assicurative Nei primi ottant anni della nostra storia aziendale, l unica possibilità per assicurare le colture consisteva nell allestire una lista delle coltivazioni sulla quale si doveva indicare anche il nome della parcella, il tipo di coltura, la superfi cie e l importo assicurato. Questa tabella con l elenco delle varie assicurazioni è in uso ancora oggi per l assicurazione della vite, della frutta e del tabacco. Nel 1962, sotto l egida dell allora direttore Hans Scharpf ( ), con l assicurazione globale giardiniera venne introdotta la prima assicurazione globale. In considerazione 9

12 delle numerose colture che sono praticate in queste aziende nel corso dell anno, un assicurazione con lista delle colture risultava diffi cile. In caso di danno non sempre sulle parcelle colpite si riscontravano le coltivazioni che erano elencate sulla lista delle colture. Con l indicazione della superfi cie massima coltivata nel corso di un anno, e con una tabella dei valori all ara con i quali sono assicurate le singole colture, fu creata una nuova forma assicurativa che rapidamente trovò l approvazione di molti assicurati. Tenuto conto del successo di questa prima assicurazione che estende la copertura su tutta la superfi cie coltivata, fu introdotta l assicurazione globale agricola nel 1968 e l assicurazione globale degli erbaggi nel Nel 1993 seguì l introduzione di un assicurazione gelo per la vite su richiesta di diversi produttori le cui aziende avevano subito ingenti danni di questo tipo. Dal 1995 è in aumento, di anno in anno, la superfi cie di frutteti, di coltivazioni di piccoli frutti e di altre colture speciali protetti con reti antigrandine o da tettoie in materiale plastico. Alla protezione relativamente buona che queste istallazioni offrono, si contrappone l inconveniente che tali costose strutture sono anch esse esposte ai capricci della natura; di conseguenza è stata elaborata un offerta assicurativa supplementare. Anche nelle aziende floricole e orticole la superfi cie produttiva coperta, specialmente quella di serre in materiale plastico, è in aumento. La crescente specializzazione nella frutticoltura, connessa con un notevole aumento delle esigenze qualitative, ha imposto nuove soluzioni assicurative. Oggi, infatti, oltre alle assicurazioni con franchigia del 10 % e del 25 %, si può scegliere anche se, per esempio, delle mele, che a causa di un evento assicurato vengono declassate a frutta da sidro, siano indennizzate al 60 % o al 70 %. Per quanto concerne le franchigie, fi no al 1939, per l Assicurazione Grandine esisteva solo quella assoluta dell 8 %. A partire dal 1940 è in vigore un limite inferiore d indennizzo dell 8 % e una franchigia del 4 %. Franchigie più elevate sono in parte applicate per colture molto sensibili quali frutta da tavola, fragole e insalate. 0% 50% 100% 150% 200% % % % % % % % % % % % 138.2% 158.3% 149.6% 143.0% 140.5% 170.8% 175.9% 184.6% 191.8% Carico dei sinistri dei dieci anni più favorevoli e sfavorevoli nella storia dell Assicurazione Grandine Svizzera 10

13 DALLA STIMA AL CONTEGGIO La perizia dei primi tempi non è assolutamente paragonabile alla valutazione delle colture danneggiate che il perito esegue oggi. Prima e anche durante la seconda guerra mondiale, gran parte della popolazione svizzera era attiva nell agricoltura, e la Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine possedeva dunque un elevato numero di polizze (dopo la fusione con la «Assurance Grêle Vaudoise» [1944] erano vale a dire il triplo rispetto a oggi). I periti grandine, allora, si recavano in bicicletta nella zona danneggiata e, in caso di perizie su comprensori più vasti, spesso si noleggiava un carro a cavalli per procedere più rapidamente nelle regioni colpite. Nelle aziende di allora, ben dotate di manodopera, i famigliari mandavano volentieri il padre, già di una certa età, a stimare i danni della grandine: per l Assicurazione Grandine questi erano uomini con esperienza e per le generazioni a venire era l occasione di poter lavorare un po più liberamente nelle aziende, visto che i periti grandine di allora restavano in viaggio per mesi, prima per le perizie provvisorie e poi per quelle defi nitive. Essere perito era un incarico onorifi co e con corrispondente fi erezza i periti grandine svolgevano il loro lavoro. Il perito poteva lavorare con grande libertà d azione. La perizia veniva eseguita in modo casuale e a occhio. Spesso il perito si posizionava al bordo del campo da valutare oppure dava a esso un occhiata dall alto del carro a cavalli. Ciò che il suo occhio osservava valeva quale percentuale di danno. Quando il direttore Delarageaz ( ) partì in incognito, in bicicletta, per sorvegliare i suoi periti, non intendeva tanto controllare la loro competenza in materia, bensì essere certo che questi eseguissero effettivamente le perizie. Si raccontava che una volta la moglie di una guida, ignara della vera identità di Delarageaz, gli avesse porto una pesante cesta da picnic che lo stesso dovette portare sull alpe, dove i periti stavano stimando. O di un altra volta quando Delarageaz, sempre in bicicletta, lasciò passare un gruppo di invitati a un matrimonio e scorse incredulo su uno dei carri, anche i suoi periti in allegra compagnia. Nel locale di raduno dei periti, infatti, si era svolta una cerimonia nuziale alla quale i collaboratori dell Assicurazione Grandine si associarono senza esitazione. Avere una visione d insieme del lavoro dei periti, con tutte quelle polizze e con una mobilità ancora molto limitata, era praticamente impossibile. Anche la metodica era affi data quasi esclusivamente ai periti. Nell Ottocento, una compagnia predecessora dell odierna Assicurazione Grandine, la «Assicurazione svizzera contro la Grandine» ( ), stimava utilizzando quale unità di misura la decina e quindi con una precisione del 10 %. Questa approssimativa suddivisione dei danni era specifi cata in modo vincolante nelle condizioni d assicurazione di allora. Fino alla fi ne della seconda guerra mondiale i cereali, la coltura maggiormente assicurata unitamente alla vite, veniva ancora stimata con perdite di quarti: in caso di culmi piegati si differenziava tra maturazione lattea precoce, tardiva e maturazione gialla, stadi di vegetazione che erano valutati con rispettivamente 75 %, 50 %, e 25 % di danno. Solo negli anni quaranta si cercò di migliorare questo metodo di perizia approssimativo e a lungo andare poco soddisfacente sia per la Compagnia che per gli assicurati. Il dott. E. Fäh, (direttore della Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine dal 1945 al 1959) elaborò con il Prof. Zogg, dell Istituto di ricerche di Reckenholz e con gruppi di specialisti, le prime direttive di perizia basate su esperimenti scientifi ci. Solo con sistematiche basi scientifi che fu possibile esigere dei conteggi da parte dei periti. Con le direttive di perizia verdi del 1951 era posta la base per le nostre attuali direttive di perizia. 11

14 Direttive Direttive riguardanti la perizia costituiscono oggi uno strumento importante per la liquidazione dei danni. Solo una stima uniforme e comprensibile dei danni alle colture o ai terreni coltivati, porta a indennizzi corretti e contribuisce tra l altro ad accrescere la soddisfazione dei clienti. Da una certa entità di superfi cie assicurata di una determinata coltura mettiamo a disposizione dei nostri periti queste direttive che vengono continuamente controllate e, se necessario, adattate. Modifi che possono imporsi in seguito a condizioni di assicurazione rivedute, nuovi metodi di coltivazione o nuovi risultati della ricerca sulle conseguenze dei danni causati dalla grandine o da altre forze della natura, a una determinata coltura. Essendo l Assicurazione Grandine Svizzera membro dell Associazione Internazionale degli Assicuratori contro la Grandine (AIAG), essa può approfi ttare anche dei risultati provenienti dall estero. Un progetto di ricerca con danni da grandine simulati su una determinata coltura può infatti facilmente originare costi di centinaia di migliaia di franchi. La Svizzera ha tuttavia sviluppato diverse direttive di perizia in stretta collaborazione con le Stazioni federali di ricerca. È infatti un nostro obiettivo dichiarato poter fornire ai nostri periti basi chiare e sicure per la loro attività sul campo. Solo così possiamo essere certi che gli stessi danni vengano anche liquidati nello stesso modo. La base per tali direttive si fonda principalmente su esperimenti attraverso i quali si provocano danni artifi ciali alle colture. Dato che le conseguenze della grandine sulla formazione del rendimento possono variare di molto a dipendenza dello stadio vegetativo della pianta, nella parcella sperimentale se ne tiene debito conto. Nella valutazione del danno si pratica sostanzialmente la distinzione tra danno totale e danno parziale. È più diffi cile determinare i danni parziali in quanto, se da un lato lo stadio vegetativo riveste una notevole importanza, dall altro il rendimento successivo a una grandinata può dipendere da molteplici fattori quali le condizioni meteorologiche e le cure colturali. Per la valutazione di questi danni parziali, da noi, hanno dato buona prova le cosiddette curve di danno. Il perito vi trova il deprezzamento causato da un determinato tipo di danno nei diversi stadi vegetativi. Le curve rappresentano sempre il deprezzamento calcolato su una presenza del 100 % del tipo di danno. Oltre all introduzione dei coefficienti di deprezzamento, l Assicurazione Grandine, nel corso degli ultimi 50 anni, ha anche adottato metodi di conteggio precisamente defi niti. Un determinato numero di piante o frutti vengono esaminati e selezionati in base al tipo di danno. Ogni tipo di danno viene poi calcolato considerando il relativo stadio di vegetazione e il rispettivo coeffi ciente di deprezzamento. Per semplifi care questo lavoro, e anche per rendere uniforme il procedimento, per le colture più importanti sono stati creati dei formulari di conteggio. Si garantisce così che ogni campione sia controllato nello stesso modo. Nonostante le curve di danno e i blocchi di conteggio spetta tuttavia sempre al perito decidere se prelevare uno o più campioni a caso o se, a valutazione avvenuta, convenga ancora eseguire un confronto tra il dettaglio e l insieme del danno. Spesso, sul campo, il 12

15 danno offre un quadro irregolare e il campione prelevato rappresenta solo il danno di una parte della parcella. Sono quindi sempre l esperienza del perito grandine e le sue particolari conoscenze del settore a costituire gli elementi più importanti per una corretta valutazione del danno. Il perito grandine di una volta è oggi diventato uno specialista che si impegna a fondo per valutare in modo uniforme e razionale il danno che gli si presenta. In futuro, l importanza degli strumenti tecnici ausiliari per la valutazione dei danni aumenterà ulteriormente. Già oggi, all estero, si sviluppano dei sistemi ideati per sostenere ancora di più il lavoro del perito. Con l aiuto di ricognizioni ad ampio raggio, tramite satellite, si cerca di individuare, attraverso il contenuto di clorofi lla, il danno causato alla pianta dalla grandine. Poiché la calibratura di un tale sistema è assai diffi cile anche la gestione della coltura, il tipo di suolo, la specie e la varietà della pianta possono tra l altro variamente infl uire sul contenuto di clorofi lla questo sistema potrà al massimo sostenere il lavoro del perito su grandi superfi ci, ma di certo non sostituirlo. FORMULE DE COMPTAGE POUR DOMMAGES AUX CEREALES Nombre de chaumes Formulario di conteggio per cereali Perte par genre de blessure % Chaumes avec perte totale Chaumes avec perte partielle Chaumes non endommagés Egrenage Grains manquants par épis Nombre de grains par épi Perte effective % :... =... % x... = Total des chaumes comptés Supplément pour égrenage aux chaumes 4 avec perte partielle (maturité laiteuse et jaune!) Dommage total en %... Variété: Stade de végétation: blé d'automne fin de la maturité laiteuse Police No.: 258, Position No.: 2 Date: Diff. à 100% % x 39 x 70% 10'000 = 4% 100% 90% D 80% 70% 60% 50% A B C 40% 30% 20% 10% Danni precoci E 0% Maturazione Maturazione Tallitura Levata Spigatura Fioritura lattea cerosa Curva del danno per cereali 87 Maturazione piena 13

16 LA GESTIONE DEL RISCHIO Un azienda agricola sarà sempre confrontata in modo ricorrente con i rischi meteorologici attuali e futuri e dovrà quindi costantemente adottare degli adeguati provvedimenti per far fronte a perdite di rendimento e di reddito; in altre parole dovrà saper gestire il proprio rischio. La fi losofi a degli agricoltori di una volta, secondo la quale dopo una disastrosa grandinata ci si metteva senza esitare al lavoro e si riseminava una nuova coltura, potrebbe ancora essere valida ma solo qualora la continuità dell impresa agricola non venisse compromessa. Ma che cosa s intende per gestione del rischio? Signifi ca praticamente assumere un atteggiamento responsabile e previdente in relazione alle incertezze, ai pericoli e ai rischi. Ciò riguarda per esempio i rischi fi nanziari, la prevenzione contro gli incendi e gli infortuni, la protezione dell ambiente ecc. Questi rischi però non possono essere trattati separatamente l uno dall altro; è necessario individuare le relazioni che tra essi intercorrono, e considerarli quindi nel loro insieme. Non esiste una soluzione generale su come impostare una gestione del rischio. Ogni impresa richiede una gestione del rischio propria, individuale, fatta su misura, che cresca insieme all azienda e a essa si adegui. In generale, un capo azienda eviterà le colture sensibili alla grandine nelle zone a rischio. Oppure ricorrerà a una protezione tecnica quale le reti antigrandine. Può poi adottare certi provvedimenti che riducono i rischi. Ha inoltre la possibilità di assumersi consapevolmente il proprio rischio. A quest ultimo strumento sono tuttavia posti dei limiti assai ristretti, da un lato dovuti a una individuale avversione ad assumere dei rischi e dall altro determinati dalla situazione economica. Resta il trasferimento del rischio, il classico campo di competenza dei mercati assicurativi: il contratto d assicurazione offre all imprenditore agricolo una possibilità valutabile e facilmente controllabile per premunirsi contro rischi che minacciano la sua esistenza. L Assicurazione Grandine Svizzera, da 50 anni, ha costantemente ampliato la sua offerta per la copertura di rischi e copre oggi danni causati da grandine (il 90 % di tutti gli indennizzi ) e da altre forze della natura (10 %) che in Svizzera rivestono una certa importanza per tutte le colture agricole, orticole, floricole, per i vivai, la viticoltura e la frutticoltura. Su iniziativa dell allora direttore dott. Emile Fäh, si iniziò a riconoscere delle prestazioni facoltative per altri danni causati dalle forze della natura. Sulla scorta delle esperienze accumulate, a partire dal 1962, si riuscì a riconoscere delle prestazioni non più limitate come in precedenza bensì valutate secondo le stesse norme applicate per i danni causati dalla grandine. Nel 1977 la copertura estesa ai danni causati da altre forze della natura fu inserita integralmente nel contratto d assicurazione contro la grandine. L estensione della copertura dell assicurazione multirischio che l Assicurazione Grandine Svizzera offre oggi senza l aiuto dello Stato ad eccezione di singoli contributi cantonali è unica nel suo genere. All estero, assicurazioni analoghe possono fornire queste prestazioni solo grazie a sovvenzioni statali. La copertura si estende a tutte le colture per la perdita del raccolto dovuta a grandine, inondazione, alluvione, scoscendimento, incendio, fulmine. Alcune colture sono assicurate anche contro uragano e pressione della neve. Anche le spese per il ristabilimento del terreno coltivato, in seguito ad un avvenimento assicurato, sono coperte. Per danni causati dal gelo alla vite e alle albicocche, nel Vallese, vengono stipulate delle assicurazioni separate. Certi eventi, in particolare quelli che possono essere influenzati in forte misura dalla gestione aziendale, sono esclusi dalla copertura. Non sono assicurate, tra l altro, le perdite di rendimento dovute a parassiti, malattie, e metodi poco idonei nella coltivazione o durante la fase di raccolto (p.e. allettamento ai cereali), come pure danni dovuti ad acque stagnanti o del 14

17 Cinque passi verso un efficace gestione del rischio: 1. individuare i rischi attuali e futuri 2. valutare i rischi e allestirne una graduatoria 3. prevedere per ogni rischio una o una combinazione di misure: evitare ridurre trasferire ad altri assicurare assumere 4. applicare e controllare i provvedimenti 5. individuare nuovi possibili rischi sottosuolo e inoltre danni di alluvione, entro un mese dalla semina, rispettivamente dalla piantagione. Dopo dei danni causati da altre forze della natura, e ovviamente assicurati, sorgono spesso oltre alla perdita di rendimento anche spese ingenti per il ristabilimento del terreno coltivato. Se queste ultime ammontano ad almeno Fr per azienda e per caso di danno, esse possono essere risarcite dall Assicurazione Grandine, salvo qualche eccezione, fino a un massimo equivalente al valore assicurato della coltura oggetto dell assicurazione. Le opere quali drenaggi, muri di sostegno, strade ecc. sono invece escluse dall assicurazione. La perizia e l indennizzo di questi danni causati da altre forze della natura avvengono secondo gli stessi criteri adottati in caso di danni da grandine. Lo stesso vale per l annuncio del danno, le franchigie e l aumento del decimo. Dopo aver stipulato un contratto d assicurazione l assicurato ha la certezza che, anche a seguito di ingenti danni, la sua perdita di rendimento gli sarà ampiamente risarcita. Può inoltre contare di incassare l indennizzo al più tardi in autunno o, su richiesta, anche prima. A causa di un maltempo la liquidità aziendale non subirà quindi riduzioni di sorta. In breve: una polizza dell assicurazione grandine rappresenta, per chi la stipula, un elemento importante nella gestione dei rischi della sua impresa. fino al 96 % del valore di risarcimento per alcune colture fino al 90 % del valore di risarcimento gelo fino al 96 % del valore di risarcimento fino al 96 % del valore di risarcimento fino al 96 % del valore di risarcimento fino al % del valore di risarcimento spese di ristabilimento (=spese di sgombero) per tutti i rischi assicurati della rispettiva coltura fino al 96 % della somma assicurata (per erbaggi con limite suppl. dipendente dalla superficie) La copertura dell Assicurazione Grandine Svizzera 15

18 Danno totale causato dalla grandine al cicorino rosso Scoscendimento nell Entlebuch Un campo di mais gravemente danneggiato dalla grandine Danno uragano a un impianto di frutta Avvallamento su un prato naturale a Engi GL Acini staccati e lesioni al legno causati dalla grandine alla vite Fragole distrutte dalla grandine Inondazioni a Kehrsatz BE Orzo distrutto dalla grandine Grave danno al tabacco a Beromünster LU 16

19 AMPLIAMENTO DELL ASSICURAZIONE MULTIRISCHI Con l abbandono della politica al sostegno dei prezzi, per l agricoltore è ancora aumentata la responsabilità di creare e mantenere effi ciente una sua propria rete di protezione. Per questa ragione è necessaria un adeguata copertura assicurativa per le colture agricole. L Assicurazione Grandine Svizzera copre già oggi una gran parte dei possibili danni. È tuttavia da rilevare che, in caso di catastrofe o di epizoozie, anche in futuro l ente pubblico non potrà esimersi dall intervenire con provvedimenti di ordine fi nanziario affi n- ché molte delle aziende colpite non debbano rischiare l improvvisa insolvibilità. Quale strumento molto migliore per gestire il rischio, invece di questi puntuali interventi, vanno considerati i sostegni statali a un assicurazione multirischi ampliata estesa alle colture. In tale situazione, l agricoltore ha la possibilità, stipulando un assicurazione, di gestire attivamente il suo rischio e, per di più, viene a godere della reputazione di appartenere a un settore professionale che si assume direttamente la responsabilità per specifi - ci avvenimenti e diffi coltà concernenti unicamente l agricoltura. Acquisisce inoltre il legittimo diritto a ottenere un risarcimento che percepisce immediatamente. All estero si sviluppano, in parte anche rapidamente, nuovi modelli di sostegno che sono compatibili con le condizioni poste dai trattati OMC o GATT. In diversi Stati esistono già soluzioni con differenti estensioni di copertura. Queste vanno dalla classica assicurazione multirischi per colture, che copre la perdita di rendimento per rischi elementari supplementari, come la offre anche l Assicurazione Grandine Svizzera, fi no alla vera e propria assicurazione a copertura del rendimento e del ricavo, con assicurate le rese e la garanzia del prezzo al produttore. Tutte queste soluzioni adottate all estero hanno una cosa in comune: possono esistere solo grazie alle sovvenzioni dello Stato. L Assicurazione Grandine Svizzera segue attentamente questi sviluppi e esamina costantemente un possibile ampliamento dell odierna assicurazione multirischi. Al riguardo vengono attualmente formulate le seguenti ipotesi dalle quali emergono le conclusioni in riferimento a un ulteriore sviluppo dell assicurazione multirischi: In Svizzera, l agricoltura è confrontata con molteplici rischi. Rispetto a fi nora, la produzione e il reddito sono esposti a maggiori rischi. In futuro, quale conseguenza del riscaldamento globale del clima, e anche della variabilità del clima stesso, bisognerà considerare che la produzione sarà soggetta a maggiori rischi. Altri rischi derivano da limitazioni dell impiego di mezzi di produzione, come pure dagli interscambi di piante e animali su scala mondiale. In seguito alla liberalizzazione del commercio dei prodotti agricoli si prevede che le incertezze a livello di mercato si moltiplicheranno e che, presumibilmente, in Svizzera, i prezzi continueranno a diminuire. Nei prossimi anni, invece, un ulteriore apertura dei mercati non dovrebbe comportare un accentuazione delle oscillazioni dei prezzi. In caso di ampliamento dell attuale assicurazione multirischi i seguenti presupposti dovrebbero essere rispettati: un assicurazione multirischi ampliata non deve avere effetti sul mercato e soprattutto non deve causare distorsioni a una domanda adeguata alla produzione. Deve anche in futuro essere compatibile con le misure «green-box» del trattato OMC. E infine, i redditi agricoli non devono benefi ciare di un sostegno, bensì unicamente essere stabilizzati. Non si tratta dunque di un assicurazione del reddito, bensì solo del risarcimento delle perdite subite in seguito alla mancata copertura dei costi di produzione. 17

20 Che cosa impedisce allora all Assicurazione Grandine Svizzera di ampliare l attuale assicurazione multirischi? Per ovvie ragioni, coperture assicurative supplementari possono essere offerte solo con premi supplementari. D altra parte, per le aziende agricole, diventa sempre più diffi cile fi nanziare nuove coperture assicurative a causa del continuo divaricarsi della forbice dei costi. Restano i contributi ai premi: nel quadro dell attuale politica agraria e delle rigorose misure di risparmio della Confederazione e dei cantoni, il sussidiamento dei premi a medio termine resterà un sogno. L evoluzione di quanto avviene all estero è tuttavia seguita con la massima attenzione al fi ne di evitare che l agricoltura svizzera sia scavalcata anche nel far fronte alle avversità meteorologiche. L ASSICURAZIONE GRANDINE SVIZZERA OGGI E DOMANI Profilo Nel corso degli ultimi decenni l immagine dell agricoltura e delle assicurazioni si è profondamente modificata e tutto lascia supporre che i cambiamenti proseguiranno. Nonostante la complessa situazione meteorologica generale, l Assicurazione Grandine Svizzera resterà fedele ai suoi principi quale organizzazione di mutuo soccorso al servizio dell agricoltura. Questi principi hanno dato buona prova durante molti anni e una loro costante verifica li mantiene attuali. Per conseguire i nostri obiettivi nelle prestazioni a favore del cliente vogliamo: offrire, contro gli eventi climatici estremi, una copertura assicurativa estesa e orientata alla necessità del cliente, per un premio che tenga conto del rischio; essere presenti sul posto con un servizio esterno ben strutturato e competente; garantire una rapida e sbrigativa liquidazione dei danni, con periti ben formati, provenienti dal settore dell agricoltura i quali sono anche degli assicurati; comprimere il più possibile, attraverso regolari verifiche, le spese amministrative, e contenere così il fattore costi già attualmente molto basso anche nel confronto internazionale ; concentrarci sul lavoro assicurativo di base; intrattenere buoni rapporti con le associazioni agricole, il settore assicurativo, le autorità, la ricerca e i media; reclutare e tenere collaboratrici e collaboratori effi cienti, che sappiano identifi carsi con l Assicurazione Grandine Svizzera; comportarci in modo da rispettare l etica e l ambiente e affrontare apertamente le nostre responsabilità in seno alla società. Finanze I compiti del reparto fi nanze comprendono l investimento dei capitali (inclusi gli immobili), la contabilità (finanziaria, debitori, stipendi), la riassicurazione e la cassa pensione. Nel suo complesso, e nel corso degli anni, il genere di lavoro non è cambiato di molto. È però soggetto a due tendenze importanti e a volte contrastanti: maggior impiego dell informatica e crescente regolamentazione. 18

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008 08.037 Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo del 14 maggio 2008 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. mini financial services CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia riposta in MINI Financial Services e congratulazioni per l acquisto della sua

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice

Tech in One Macchine e installazioni tecniche. L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Tech in One Macchine e installazioni tecniche L assicurazione degli oggetti tecnici può essere così semplice Assicurare le macchine e le installazioni tecniche Tech in One, l assicurazione semplice Perché

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Un Plus per la vostra presenza su Internet.

Un Plus per la vostra presenza su Internet. Un Plus per la vostra presenza su Internet. Da oltre venti anni gli svizzeri registrano i loro nomi a dominio su www.switch.ch, il sito uffi ciale per la registrazione di nomi.ch e.li. e da quasi altrettanto

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli