Consorzio di Bonifica Adige Euganeo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consorzio di Bonifica Adige Euganeo"

Transcript

1 Mensile della Confagricoltura di Venezia Bollettino del Consiglio Direttivo Direttore Responsabile: Edoardo Comiotto Direttore: Rita Tognon Direzione Redazione Pubblicità: Mestre - Via Monteverdi, - Tel Autorizz. Trib. Venezia n. R.S. /0/ Gratuito ai Soci della Spedd. Abb. Post. Comma 0/c Art. L. / - Fil. VE Progetto Grafico: Olivetti Stampa: New Graph Anno IX - Finito di stampare dicembre ELEZIONI DEI CONSORZI DI BONIFICA - LE LISTE DEI CANDIDATI. CONFAGRICOLTURA VENETO: Il debutto della rete veneta di Confagricoltura; CACCIA: Nuovo Piano Faunistico Venatorio. ANGA: Il viaggio studio dei giovani in Romania. CONSORZIO DI DIFESA COLTURE AGRARIE: Copertura prodotti autunno primaverili e infopoint; Apertura campagna assicurativa autunnale. PAC: Riduzione del valore dei titoli 0; Definizione periodo di riferimento per la diversificazione colturale. UN APPUNTAMENTO IMPERDIBILE Domenica dicembre p.v., si terranno le elezioni per il rinnovo delle assemblee dei Consorzi di Bonifica del Veneto per il quinquennio 0-0. Ogni contribuente, avente diritto al voto, al riguardo dovrebbe aver ricevuto a casa un apposito invito con l'indicazione del seggio dove recarsi per poter esprimere il voto. E' un appuntamento importantissimo da non mancare per votare le liste presentate dalla nostra organizzazione, come coordinamento AGRINSIEME, esprimendo le preferenze per i candidati di nostra espressione. Di seguito riportiamo le liste dei diversi Consorzi di Bonifica, con terreni nella nostra CAPPELLO MATTIA BERTIN MAURO FURLANELLO DINO BERTIN FABRIZIO RAMAZZOTTO ANDREA MORI BRUNO BROGGIO FLAVIO BOBICE GIOVANNI QUAGGIO LORIS QUERULI STEFANO TARGA EMILIANO VICENTINI FAUSTO MAROLA GIUSEPPE provincia, con evidenziati i nominativi dei candidati di nostra espressione. Ricordiamo che, a parte i casi previsti e notificati al di Bonifica, il voto non può essere espresso per delega ma compete al primo intestatario, in caso di comunione o al rappresentante legale per le persone giuridiche ed è possibile con il voto di lista esprimere fino ad un massimo di tre preferenze per i candidati presenti nella stessa lista. Richiamiamo l'attenzione sul fatto che solo un'adeguata rappresentanza dell'agricoltura e della nostra associazione potrà garantirci, per i prossimi anni, un controllo adeguato dell'attività di questi Enti oggi importantissimi per la nostra attività ed in generale per la gestione del territorio.g di Bonifica Adige Euganeo Seconda Fascia Lista n. Terza Fascia Lista n. ZANATO MICHELE BARBETTA MICHELE SATTIN CHIARA FIN LUCIANO ROVERSO GIULIANO Confagricoltura Vicenza BALDISSEROTTO ANDREA STURARO GINA BARBARA FRIGO GIAN PIETRO BOCCARDO MAURIZIO PERUFFO FEDERICO FIDORA LORENZO ZILLO MONTE XILLO MARTA PERARO LIVIO

2 di Bonifica Acque Risorgive Prima Fascia Lista n. Seconda Fascia Lista n. Terza Fascia Lista n. BARBIERINI FRANCO PIRAN GIANNI MINIO PALUELLO MICHELANGELO PERON BARBARA LUISE LIVIO BARDUCA FRANCESCO FANECCO GIANNI MENEGHETTI MAURIZIO MINTO TULLIO QUARESIMIN MARIO TOMAELLO FLAVIO GALLO GIACOMO BORTOLETTO LORENZO BETTO ROBERTO VANZETTO PATRIZIO FAVARETTO PAOLO BERTIN GIANNI MICHIELETTO MAURO ZABEO FABRIZIO BORSATO DINO AGOSTINI ELIO SQUIZZATO LUCIANO LEVORATO ANDREA BACCHIN GINO POLETTO MARINO DE LORENZI ENZO PESCE ANGELO CAZZARO GELINDO SEVERIN STEFANO ANTONELLO ROBERTA DALLA COSTA LORENZO DURANTE ALMERINO MURARO GIANNI BALDAN PAOLO VENDRAMI GIUSEPPE CODOGNO GIAN ANTONIO PASTRELLO MARIO BEGHETTO BONIFACIO LUIGI

3 Veneto Orientale Delta Po Terza Fascia Lista n. Seconda Fascia Lista n. Delta Po Terza Fascia Lista n. CERCHIER ENNIO AVANZO LOREDANO ARDUINI LUGI BORIN COSTANTE BOSCARATO SANDRO ASTOLFI PAOLO CIANI BASSETTI FRANCESCO BRASOLIN MAURO BERTAGGIA DORIANO PASTI MARCO AURELIO CREPALDI MAURIZIO BERTAGLIA ANTONIO ROSSI EDOARDO DONA ANTONIO GIANFRANCO BEZZI ANTONIO GIOVANNI IMPALLOMENI ANNA GRECO ALESSANDRO CAVALLARI FABRIZIO BERTI GIOVANNI MANTOVAN VIRGINIO FERRO DARIO MORETTO CARLO ANGELO MARANGONI DORIANO FERRO LEONARDO BORIN GIULIO RICCARDO MENEGATO GIORGINO LAURENTI TIZIANO DARTORA GIANNI PIANTA PAOLO MARANGON ANGELO GRIMANI PIETRO PIOVAN DEBORA MEZZANATO ANDREA DORIGO BRUNO SERIONI PATRIZIA SIBOUR VIANELLO NICO GERETTO GIUSEPPE SIMEONI SANDRO SIMEONI PASQUALINO VALERI MORENO TESSARIN LUCIO UCCELLATORI GIORGIO CARBONERA CLAUDIO ZANELLATO ARMINO VISENTINI MARIO

4 Bacchiglione Adige Po Piave Terza Fascia Lista n. Terza Fascia Lista n. Terza Fascia Lista n. ARCOLIN FEDERICO BALLANI LAURO BANDIERA LORENZO FERRO CARLO LAZZARO ETTORE DE POLI GIOVANNI CACCO VITO FRISON GIORGIO PENAZZO EVASIO MAISTRO MARIO NALIN GIORDANO PASTORE EMILIO GARBO ANTONIO SARTORATO LUCIO BELTRAME VITTORIO BORTOLIN MARIO CASALINI STEFANO DETRATTI GIANNI FERRIGHI GIORGIO FERRIGHI GIULIANO PINEDA MASSIMILIANO PIZZOLATO GIANFRANCO STOPPA DIEGO TASSO GIUSEPPE VISENTINI FLORIANO ZAGO MARINO ZANIRATO ROBERTO BANDIERA LUIGINO BERGAMIN ROBERTO CHIARA MARIO CONTE VITTORINO CREMASCO CARLO DANIEL ALBERTO FURLAN AMEDEO LUCHESCHI GIACOMO MIOTTO VALTER MOMI GIOVANNI LUCIANO PAPA LUCIANO SARTOR GIANLUCA SERRAGLIO MARIO TREVISAN MARIO VOLTAN MAURIZIO ZERBINI ALBERTO ZAVA RENZO

5 CONFAGRICOLTURA VENETO CACCIA NUOVO PIANO FAUNISTICO-VENATORIO IL PARERE DI CONFAGRI VENETO A Vicenza 00 persone tra direttori, dirigenti e dipendenti hanno salutato il via al nuovo soggetto giuridico, che vedrà la condivisione di attività e competenze tra le sette associazioni regionali "Tre anni fa espressi l'auspicio di fare di Confagricoltura l'organizzazione più innovativa in Italia. Oggi questo sogno si sta realizzando". Così Luigi Mastrobuono, direttore generale della Confederazione, ha salutato venerdì novembre nella splendida cornice del teatro Olimpico di Vicenza il debutto della Rete per l'agricoltura veneta tra le sette associazioni provinciali, alla presenza di 00 persone tra direttori, dirigenti e dipendenti. La Rete è stata battezzata in luglio con un contratto che, di fatto, dà vita a un nuovo soggetto giuridico con la condivisione di attività e competenze, lo scambio di informazioni e prestazioni, la riorganizzazione delle risorse. Obiettivo: l'abbattimento dei costi e l'efficientamento dei servizi, che saranno in Il palco da sinistra a destra Giangiacomo Bonaldi, Massimo Chiarelli, Luigi Bassani, Renato Bastasin, Rita Tognon, Luigi Mastrobuono, Renzo Cavestro e Massimo Cichellero. grado di accreditare Confagricoltura Veneto come soggetto di riferimento principale per lo sviluppo degli interessi e delle attività imprenditoriali agricole della regione. Sul palco si sono succeduti il direttore generale di Confagricoltura Luigi Mastrobuono, il presidente regionale Lorenzo Nicoli e il presidente uscente Giangiacomo Bonaldi, con il quale un anno fa è stato avviato il processo di cambiamento. Quindi Luigi Bassani direttore veneto e di Verona, Massimo Cichellero di Vicenza, Massimo Chiarelli di Rovigo, Rita Tognon di Venezia, Renzo Cavestro di Padova, Renato Bastasin di Treviso e Diego Donazzolo presidente di Belluno. Il direttore regionale Bassani ha spiegato che con la nuova rete le sette province inizieranno a lavorare tra loro, con lo scopo di costare meno producendo di più. Il cambiamento condurrà da una struttura gerarchica imperfetta e tecnocratica a una struttura in costante riorganizzazione con un modello reticolare, contraddistinto da un grappolo mutevole di attività comuni in un tessuto di vaste relazioni. Una rete olonica, improntata ai principi di doppia cittadinanza e sussidiarietà: "Tutti coopereranno allo stesso progetto seppur mantenendo la propria autonomia ha chiarito Bassani -. L'accesso a conoscenza e competenze comuni consentirà di accrescere la competitività e limitare i rischi, stimolando la flessibilità e valorizzando intuizioni e persone". Il programma 0 prevede un giornale unico a livello regionale, stampato in 0 mia copie, che consentirà di ottenere un salto qualitativo con un risparmio di 0 mila euro, passando dai mila euro di costo attuale per le sette edizioni ai 0 mila di quello attuale. Quindi si lavorerà sulla comunicazione interna, sul supporto ai gruppi di lavoro, sugli interventi motivazionali, sull'implementazione alla circolazione della conoscenza. Il presidente uscente Bonaldi si è detto emozionato nel vedere per la prima volta riunita tutta la grande squadra regionale di Confagricoltura: "Dalle parole siamo passati ai fatti. Oggi diamo il via a un modello innovativo a livello nazionale, che potrà far fronte alle nuove sfide di un sistema agricolo che sta cambiando rapidamente. E Confagricoltura vuole essere al passo per rispondere alle esigenze di tutti agricoltori". Il presidente regionale Nicoli ha espresso un augurio a tutti i dipendenti: "Oggi parte un lavoro di squadra che chiediamo di fare a tutti voi. Siete tutti pedine indispensabili di un processo di cambiamento e noi contiamo su di voi, con l'orgoglio di appartenere a una grande organizzazione imprenditoriale come Confagricoltura".g Una moderna disciplina dell'attività venatoria deve raggiungere un soddisfacente equilibrio fra le due componenti che vi sono coinvolte: cacciatori e agricoltori. Un'attenzione particolare, però, va rivolta a questi ultimi, in quanto proprietari e gestori del territorio su cui l'attività venatoria viene svolta e i più esposti ai danni e ai disagi che la caccia può arrecare. Lo ha dichiarato Confagricoltura Veneto alla consultazione indetta dalla IV Commissione del Consiglio regionale sulla proposta di Piano faunistico-venatorio 0-0, aggiungendo che, senza il coinvolgimento e la collaborazione dell agricoltura, un regolare esercizio dell'attività venatoria è semplicemente impensabile. Anche per attenuare gli effetti dell anacronistico art. del Codice civile, che permette a chiunque di penetrare armato nel fondo altrui, Confagricoltura Veneto ha raccomandato che la politica venatoria regionale sia profondamente rispettosa tanto del diritto di proprietà, spesso non adeguatamente tutelato nei confronti del diritto venatorio nonostante il primo abbia rilievo costituzionale contrariamente al secondo, quanto nei confronti del diritto di impresa, anch'esso di rilievo costituzionale eppure posto in subordine rispetto alle esigenze della caccia programmata. Paradossalmente ma non troppo, infatti, ha affermato Confagricoltura Veneto, si potrebbe sostenere che la caccia rappresenti una sorta di zona franca giuridica, ove l'efficacia dei principi fondamentali del nostro ordinamento viene sospesa o trova un'applicazione parziale. Nel corso del suo ampio intervento, nel corso del quale sono stati affrontati tutti gli aspetti di maggior interesse per il settore primario come gli istituti privati, la sottrazione dei fondi alla caccia, l indice di densità venatoria, le esigenze dell attività agrituristica, la lotta alle specie dannose e molti altri ancora, Confagricoltura Veneto ha dedicato un attenzione particolare al tema del risarcimento dei danni da fauna selvatica subiti dalle aziende agricole. Purtroppo, ha osservato, anche questa proposta di Piano ripropone il tradizionale sistema di indennizzo, con percentuali decrescenti di contribuzione e franchigia sotto i 0 euro, che ha già ampiamente dimostrato la propria inadeguatezza e iniquità. Tale è, infatti, un sistema amministrativo che, a fronte di un danno accertato non dipendente dal comportamento del danneggiato, non ne consente il risarcimento integrale. Sarebbe più equo, invece, che i costi dell attività faunistico-venatoria fossero sostenuto integralmente da chi la pratica, cioè i cacciatori, mentre, con l attuale sistema, gravano soprattutto sugli agricoltori danneggiati.g

6 Ci si accorge di essere in Romania sin dall'aereo, quando guardando di sotto i micro appezzamenti terrieri lasciati in Italia cedono il passo ad enormi distese di forma rettangolare, con poche interruzioni lungo tutta la loro estensione. É stato questo il primo impatto avuto dai soci Anga Giovani di Confagricoltura rappresentanti Veneto, Puglia e Molise, quando il ottobre scorso sono atterrati a Timisoara, con lo scopo di intraprendere un viaggio alla scoperta della cerealicoltura rumena, in quel neo territorio comunitario che a detta di alcuni é ricco di opportunità di investimento, ed a detta di altri è da evitare, da guardare con diffidenza, perché tu stesso vieni visto con diffidenza, al pari di quei Cow Boy che combatterono gli indiani per la conquista dei territori nel Far West. Le divergenze di opinioni riguardanti gli investimenti agricoli stranieri in Romania che in questi anni ho sentito - spesso come chicchera da bar - é stata la leva che ha spinto Anga Giovani di a partecipare con grande curiositá al viaggio che Anga Giovani di Confagricoltura Nazionale ha organizzato nel distretto di Timis, grazie soprattutto all'aiuto di Alberto Verlato, presidente Anga Giovani di Confagricoltura Venezia, il quale ha messo a disposizione il proprio entusiasmo ed i propri contatti in Romania per la definizione delle visite aziendali, dei confronti imprenditoriali, e degli incontri istituzionali. Con Alberto, che oltre ad essere un grande amico ed una persona che stimo molto e fermamente convinto delle grandi possibilità che l'agricoltura in Romania può offrire ad investitori stranieri, ci sono stati moltissimi scambi di opinioni prima della partenza: lui estremamente concreto e possibilista, spinto nelle sue convinzioni da quel cappello che si scrive Comunità Europea ma si legge PAC e finanziamenti comunitari, alla ricerca di una redditività che la cerealicoltura italiana forse non può più offrire, io più restio, timoroso di intraprendere una via così apparentemente rischiosa, lontano da casa in un paese che non è il tuo e di cui conosci ben poco, probabilmente a causa di quei retaggi culturali che vedono i rumeni pronti ad approfittarsi dell'ultimo arrivato. Al termine di questa cinque giorni ho scoperto che la verità sta nel mezzo, come sempre. Innanzitutto è bene precisare che la zona occidentale della Romania, quella di Timisoara, apparteneva all'impero Austroungarico, come si nota già dall'architettura dei palazzi storici nel centro, e pertanto c è una mentalità più aperta e rivolta al centro dell'europa, a differenza della zona meridionale ed orientale, quella di Bucarest, che ha più risentito dell'influenza sovietica e quindi più restia ad accogliere lo straniero. In questa zona non esiste nemmeno il catasto, e pertanto i primi investitori che sono arrivati subito dopo la caduta di Ceaucescu, spinti dall'allettante costo del terreno pari a 00 euro/ ettaro, hanno acquistato appezzamenti che in precedenza erano già stati ceduti ad altri. I contributi europei sono in proporzione piú generosi di quelli italiani: basti pensare che in una zona dove il costo del terreno va dai.00 ai.000 euro/ettaro la PAC sui cereali si attesta sui euro/ettaro, il costo dell'affitto del terreno é pari alla PAC, ed esistono delle misure del PSR collaterali che possono far lievitare il contributo a quasi 00 euro/ettaro (penso al ripopolamento della fauna selvatica, ovvero alla distribuzione in capezzagna di una certa quantitá di seme per alimentare alcune specie di volatili in via di estinzione). Contributi a tutto tondo, non solo nel comparto agricolo, come afferma il direttore dello stabilimento di Chisineu Cris di Maschio Gaspardo, che ci ha ospitato: "I finanziamenti a fondo perduto sia comunitari che nazionali sono molto importanti per attirare investitori stranieri. Considerate che in tutta la Romania occidentale il tasso medio di disoccupazione é meno del %. Qui abbiamo serie difficoltà a ricercare personale specializzato perché sono tutti già occupati. Dato che le istituzioni hanno investito molto in questa zona, e che moltissime multinazionali ne hanno approfittato, il governo rumeno sta diminuendo i contributi a fondo perduto in questa zona per aumentarli nella zona di Bucarest, in modo da attirare investitori anche nella parte orientale, sebbene logisticamente meno interessante". Ed anche gli istituti bancari sono molto attenti a favorire questo insediamento, tanto che alcuni responsabili di Intesa Sanpaolo Romania sono stati lieti di illustrarci alcuni prodotti finanziari dedicati esclusivamente all'investimento di capitali stranieri nel settore primario rumeno. Tutto ciò in un paese dove lo stipendio medio dell'operaio agricolo é intorno ai 0 euro lordi mensili. Proprio per questo motivo i fantomatici furti - importante fonte di preoccupazione del potenziale investitore - esistono, come in qualsiasi parte del mondo. Si tratta però di furti non eclatanti, perché la legge rumena é estremamente severa ed allo stesso tempo efficace verso i reati penali: furti di gasolio, di prodotto o di piccola attrezzatura possono accadere, estremamente improbabili sono quelli di trattrici agricole o mezzi d'opera, dato che il rischio é troppo elevato. Avvengono per mano degli stessi dipendenti, che con un salario così minimo riescono a mala pena a sopravvivere. Emblematica è stata la frase di William, ragazzo bresciano che da dieci anni ha impiantato un'azienda agricola a Timisoara e che si è aggregato alla comitiva: "La mia assenza in azienda mi costerà oggi, perché sono sicuro che al mio ritorno mancherà qualcosa. Uno degli aspetti in grado di garantire una sufficiente redditività all'investimento passa necessariamente per lo stoccaggio e l'essiccazione del cereale. Prerogativa, questa, non solo delle grandi aziende strutturate, ma anche dell'azienda Graniceri, sita al confine con l'ungheria e gestita da un connazionale, che con soli - si fa per dire -.00 ettari in conduzione ha sottolineato come sia importante quest'aspetto. Considerando che il mais viene pagato intorno agli 0/0 euro a tonnellata secco (base di umidità è lo standard richiesto dal mercato), e che le rese sono nettamente inferiori a quelle cui siamo abituati anche a causa della mancanza di acqua (nel 0 si sono eccezionalmente sfiorate le tonnellate/ettaro grazie alla straordinaria piovosità, ma di solito è / tonnellate/ettaro) è impensabile vendere il prodotto al momento del raccolto, quando il prezzo tocca il suo minimo. Chi non può stoccarlo, quindi, mette in atto una pratica a cui nessuno di noi aveva mai pensato: distribuire diserbante selettivo alla pianta con mezzi aerei (mezzo molto utilizzato date le estensioni ed il costo ragionevole pari a euro/ettaro) in modo che la pianta, seccata, non continui ad alimentare la pannocchia, e rimandare quindi il raccolto all'inverno quando il prezzo é nel frattempo aumentato e si riesce ad entrare in campo con la mietitrebbia grazie al terreno ghiacciato dal rigido inverno dell'est Europa. Insomma, si utilizza il campo come magazzino per conservare il prodotto in attesa di migliori condizioni di mercato. La generalizzata mancanza di acqua nel distretto di Timis, però, non permette in questa

7 zona una predilezione per il mais, preferendo i cereali a paglia e le protoleaginose. Solo Ceaucescu durante il regime aveva iniziato un faraonico progetto di canalizzazione dell'intera Romania, poi naufragato con la sua caduta. Da allora nessuno aveva più ripreso quest'idea, e pertanto si distendono a perdita d'occhio coltivazioni di frumento, soia e girasole. Le quali, però, devono fare i conti con la conformazione collinare del territorio, e la presenza di vaste zone di depressione. L'Azienda Emiliana, ad esempio, che ci ha ospitato in una interessante visita presso la propria sede, sui.00 ettari in conduzione ha dovuto rinunciare a raccogliere ben 00 ettari di frumento, dato che sono stati interamente sommersi dall'acqua portata dalle intense pioggia dell'estate ed i macchinari non sono potuti entrare in campo. Altra immagine che fa capire le enormi estensioni della Romania è stata offerta dall'azienda Maragro, con i suoi.000 ettari e lo scalo ferroviario che vede il capolinea nella sede aziendale, dove i binari passano direttamente sotto i grandi silos con capacità complessiva di oltre tonnellate, in cui una serie interminabile di container viene riempito di cereali per raggiungere chissà quale destinazione.la verità che sono riuscito a trovare, che è la mia verità e non di altri, vede la Romania come un'opportunità di investimento in grado di garantire un interesse vicino al % del capitale investito (in Italia fatica a raggiungere l'%), dove i grandi numeri si ottengono solo grazie al costo relativamente basso del terreno e della manodopera locale, ai contributi comunitari e nazionali, e con in serbo delle potenzialità che forse nemmeno i rumeni stessi riescono a cogliere. Rumeni che devono essere rispettati, coinvolti nell'attività imprenditoriale e non esclusi, per evitare quello che io definisco "rischio paese", cioè il rischio di scontrarsi con la popolazione locale e, conseguentemente, essere continuamente sotto scacco. Senza contare che è impensabile investire qui e farsi vivo solo al momento della semina e della raccolta; è necessario viverci, trasferirsi, seguire a 0 gradi l'attività, come in qualsiasi altro settore in qualsiasi parte del mondo. Ma, a questo punto, subentra anche il fattore dello stile di vita: vivere e gestire un'azienda di migliaia di ettari in mezzo al nulla della campagna rumena, a ore di auto dalle grandi città e da tutti i suoi servizi, con il contadino locale che transita con il cavallo ed il carretto lungo la strada secondaria zuppa di fango e acqua, va inevitabilmente a cozzare con quella che è la nostra concezione di qualità della vita. Ma allora, perché non guardare anche alle condizioni economiche di Polonia, Serbia, Ungheria, Bulgaria? Non faccio in tempo a rispondere alla domanda, dall'aereo inizio a distinguere i micro appezzamenti di terreno che fino a poche ore prima sembravano dimenticati. Siamo ritornati in Italia. Federico Visentini presidente Anga Rovigog COPERTURA PRODOTTI AUTUNNO- PRIMAVERILI E INFOPOINT Molte novità sono state introdotte dalla Pac 0-00 nel settore della gestione del rischio in agricoltura, l'unione europea con il regolamento /0 conferma l'importanza di ampliare e diffondere strumenti assicurativi e mutualistici in grado di offrire alle moderne aziende agricole la capacità di stabilizzare il reddito dagli effetti derivanti da condizioni climatiche avverse e dalla volatilità dei mercati. L'argomento è sicuramente di grande interesse vista anche l'annata produttiva appena trascorsa, in cui si sono verificate condizioni meteo-climatiche estremamente variabili con piogge persistenti e prolungate ma anche forti grandinate su ampie estensioni di terreno che hanno creato notevoli problematiche alle produzioni vegetali. Riteniamo pertanto fondamentale la disponibilità di forme assicurative e fondi mutualistici a condizioni economiche sostenibili e tarati sulle esigenze del nostro territorio, tale convinzione ci ha portati lo scorso anno ad aprire anticipatamente la campagna assuntiva per i prodotti erbacei a semina autunnale riscontrando un notevole interesse degli associati poi confermato anche dai dati in nostro possesso. Pertanto anche quest'anno ci siamo attivati per dare alle aziende agricole interessate la possibilità di sottoscrivere coperture assicurative multirischio sulle rese per i prodotti autunno-primaverili Il consorzio ha concluso le trattative nei confronti di alcune compagnie di assicurazione o- peranti nella provincia di Venezia che offrono la copertura assicurativa multirischio sulle rese per i seminativi autunno-primaverili e più precisamente: frumento tenero e duro, orzo, avena, triticale, farro, colza ed erba medica da seme/foraggio. E possibile pertanto assicurare da adesso fino alla raccolta i prodotti elencati. Riteniamo utile evidenziare che i vantaggi di assicurarsi anticipatamente sono molteplici in quanto si può usufruire di tutte le garanzie previste per un periodo più lungo allo stesso costo di una copertura attivata nella prossima primavera, inoltre si evitano problemi di «anterischio» cioè di danni accaduti prima dell entrata in copertura e quindi non risarcibili. Ricordiamo che le coperture assicurative prevedono dei giorni di carenza contrattuale (periodo che va dalla sottoscrizione dell assicurazione all effettiva attivazione della copertura assicurativa) che può arrivare anche a 0 giorni per il rischio siccità. Le avversità assicurate tramite copertura multirischio sulle rese sono le seguenti: grandine, vento forte, eccesso di pioggia, gelo/brina, siccità, alluvione, sbalzo termico, colpo di sole, vento caldo, eccesso di neve. Data ultima per assicurarsi è il dicembre CONSORZIO DI DIFESA COLTURE AGRARIE contro tutte le avversità atmosferiche e catastrofali previste dal Piano assicurativo nazionale e che qui di seguito ricordiamo: grandine, vento forte, gelo/brina, siccità, eccesso di pioggia, alluvione, sbalzo termico, venti sciroccali, eccesso di neve. Attualmente è possibile sottoscrivere tali coperture essendo però l'offerta limitata ad alcune compagnie di assicurazione, vi invitiamo a contattare i nostri uffici per avere notizie puntuali ed aggiornate e PRIMA della sottoscrizione del certificato assicurativo consigliamo di prendere visione delle condizioni contrattuali previste. Precisiamo che i danni eventualmente recati a produzioni vegetali non assicurate e per le quali successivamente viene sottoscritta un copertura assicurativa, vengono considerati "anterischio" quindi non risarcibili. In merito alle opportunità offerte dalle normative comunitarie e nazionali in materia di gestione del rischio, il consorzio aderisce al progetto "Infopac 0" coordinato da Asnacodi e cofinanziato dall'unione europea, saranno pertanto organizzati sul territorio nei prossimi mesi in collaborazione con le organizzazioni di categoria degli infopoint (punti di informazione) dove il nostro personale sarà a disposizioni per informazioni e chiarimenti sull'argomento, per conoscere il calendario aggiornato di queste ed eventuali altre iniziative legate al progetto, vi invitiamo a visionare il nostro sito web o a contattare gli uffici del consorzio.g 0. Vista l offerta di mercato limitata e la complessità delle condizioni normative suggeriamo di contattare gli uffici del consorzio e di prendere visione delle stesse prima della sottoscrizione del certificato assicurativo. CONDIFESA VENEZIA Difesa Colture Agrarie Via G. Pepe 0 MESTRE (VE) Tel 0/ Fax 0/ g

8 PAC RIDUZIONE VALORE DEI TITOLI DELL',% L'entrata in vigore della Pac 0-00 (Reg. UE /0), che troverà applicazione concreta dal 0, prevede che già da questo anno il nostro Paese, come gli altri paesi europei, sia soggetto ad una riduzione del "massimale nazionale", cioè dello stanziamento comunitario destinato all'italia per gli aiuti diretti, che passa da ad In particolare il regime di "pagamento unico" può contare su una somma di...000, in quanto il restante importo è destinato agli aiuti accoppiati. Partendo da tale ammontare e considerati i dati relativi alle domande uniche, nel 0 il valore originario dei titoli sarà ridotto in modo lineare dell',%. Per contro non verrà applicata ai pagamenti superiori ai 000 euro la riduzione relativa alla "modulazione", cioè lo storno a favore del PSR. Sempre relativamente ai pagamenti 0, ricordiamo che per ora è stata autorizzata la liquidazione di un anticipo pari al % del valore originario del diritto, per cui il pagamento del saldo terrà conto della suddetta decurtazione.g RIFORMA - DEFINIZIONE DEL PERIODO DI RIFERIMENTO PER LA DIVERSIFICAZIONE COLTURALE Il decreto ministeriale recante disposizioni nazionali di applicazione del Regolamento UE n. /0, all art. - Pagamento per le pratiche agricole benefiche per il clima e l ambiente attribuisce all Organismo di Coordinamento il compito di definire il periodo da considerare ai fini del calcolo delle quote delle diverse colture e di comunicare tale termine agli agricoltori entro il ottobre 0. Con la sua circolare l AGEA Coordinamento ha fissato il periodo da considerare ai fini del calcolo delle quote delle diverse colture tra il aprile ed il giugno dell anno di presentazione della domanda. Richiamiamo l'attenzione su alcuni elementi: ai fini del calcolo delle quote delle diverse colture, ogni ettaro di superfici a seminativi dell azienda può essere conteggiato una sola volta prendendo in esame la coltura principale, vale a dire quella che occupa la superficie interessata per il periodo più lungo; la prevalenza di permanenza della coltura su una determinata superficie, affinché la coltura sia considerata principale/diversificante, va valutata prendendo a riferimento il periodo individuato dalla circolare AGEA. La verifica amministrativa del rispetto della diversificazione interverrà a cura degli Organismi Pagatori sul 0% delle aziende, mentre il controllo oggettivo, mediante telerilevamento ed eventuale visita di campo, riguarderà il % di tali aziende.g NOTIZIE PUBBLICAZIONE IN GAZZETTA UFFICIALE DEI DECRETI DI ATTUAZIONE DELL'ARTICOLO DEL D.L. / "SPALMA INCENTIVI" Si informa che sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale (G.U. n. del --0) il Decreto MISE ottobre 0 Approvazione delle modalità operative per l erogazione da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. delle tariffe incentivanti per l energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici, in attuazione dell art., co., del D.l. /, convertito nella legge /0 ed il Decreto MISE ottobre 0 Modalità per la rimodulazione delle tariffe incentivanti per l energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici, in attuazione dell art., co., lett. b) del D.l. /, convertito nella legge /0. Dal ottobre u.s. sono pertanto in vigore le seguenti disposizioni: - revisione delle modalità di erogazione degli incentivi in conto energia (0% di acconto e saldo l'anno successivo) per impianti fotovoltaici di potenza qualsiasi; - rimodulazione della tariffa in conto energia per impianti di potenza superiore a 00 kw.g REGIME QUOTE LATTE RISCHIO SPLAFONAMENTO PRELIEVO CAMPAGNA 0-0 Con una sua nota del DGPIUE, n. 0 del ottobre 0, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentario e Forestali comunica che le consegne di latte dall inizio della campagna 0-0 indicano, nei primi cinque mesi (aprile-agosto 0), un aumento della produzione, rispetto a quella dell anno precedente, del, % (rettificata sul tenore di grasso medio risulta un aumento di circa,%). Con il mantenimento di tali livelli di produzione risulterebbe un esubero di circa tonnellate per la campagna 0-0, considerando che la campagna passata non ha visto il superamento della quota nazionale per circa punto percentuale. Tale quantitativo corrisponderebbe ad un prelievo supplementare di circa milioni di euro che lo Stato italiano dovrebbe versare nelle casse comunitarie prelevandolo dai produttori responsabili delle eccedenze produttive. Si ricorda che in caso di superamento, accederanno alla restituzione del prelievo soltanto i produttori in regola con il versamento mensile del prelievo ed accederanno alla compensazione prima i titolari di aziende site in zone di montagna o svantaggiate, poi i produttori che non abbiano superato il livello di commercializzazione conseguito nel periodo o, infine, quelli che non abbiano superato di oltre il % la propria quota individuale. NOTIZIE Il Ministero, quindi, esorta gli allevatori con produzioni tendenzialmente in esubero a limitare la produzione e la commercializzazione di latte nei rimanenti mesi della campagna in corso per rimanere nei limiti della quota individuale.g CONTRIBUTI SULLE ASSICURAZIONI Vi comunichiamo che l AGEA Coordinamento, con una sua circolare, ha autorizzato gli Organismi Pagatori ad erogare ai beneficiari degli aiuti richiamati in oggetto l ulteriore quota sulla spesa assicurativa, tenuto conto dello stanziamento di milioni di euro previsto con il disegno di legge stabilità 0 sul capitolo di spesa intestato al Fondo di solidarietà nazionale incentivi assicurativi. Pertanto: - il pagamento degli aiuti di cui all art. per le assicurazioni campagna 0 erogato nella misura del %, potrà essere completato con la liquidazione dell ulteriore quota del % al fine di raggiungere la percentuale di pagamento del % della spesa ammessa a contributo; - il pagamento del contributo assicurativo per l uva da vino campagna 0 erogato nella misura del 0,%, potrà essere completato con la liquidazione dell ulteriore quota del, sulla spesa assicurativa 0 al fine di raggiungere la percentuale di pagamento dell 0% della spesa ammessa a contributo. La circolare in questione, inoltre, al fine di uniformare l applicazione della disciplina introdotta dalla circolare AGEA prot. n. ACIU.0. dello scorso ottobre relativamente alla misura art. assicurazione con quella prevista per l assicurazione uva da vino 0, prevede che in sede di verifica delle rese medie unitarie, qualora emerga che la resa unitaria riportata in polizza sia maggiore della resa unitaria massima definita a livello regionale (in assenza dell apposita dichiarazione), il ricalcolo della spessa ammessa OP debba avvenire sulla base della resa unitaria massima regionale prevista per ciascuna tipologia di prodotto.g CONTROLLO FUNZIONALE DELLE IRRORATRICI ED ATOMIZZATORI Si comunica che è attivo il servizio di controllo funzionale e taratura di atomizzatori e barre da diserbo per i soci, per assolvere agli obblighi previsti dal Piano nazionale sull uso sostenibile dei fitofarmaci. Tale attività è condotta in collaborazione dal tecnico p.a. Birolo Italo (cod.reg. VECP). Per una più efficace organizzazione del servizio invitiamo le aziende a comunicare il loro interesse ai nostri uffici zona o direttamente al tecnico responsabile: cell. 0.g

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI VIVAI PIANTE ORNAMENTALI Rischi agevolati Campagna assicurativa 2014 Dal 01 gennaio 2010 è in vigore il nuovo sistema di contribuzione pubblica sulle polizze

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 CONDIFESA Vercelli e Biella Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 Avversità assicurabili nel 2014 su tutto il territorio nazionale Il Piano Assicurativo Agricolo Nazionale prevede: AVVERSITA

Dettagli

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Copia originale per UNICREDIT INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO 1. identità e contatti del finanziatore/intermediario DEL CREDITO Finanziatore UniCredit S.p.A.

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e di razionalizzazione delle strutture ministeriali

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

INFORMA INTESA CIA-HERACOMM, ENERGIA MENO CARA

INFORMA INTESA CIA-HERACOMM, ENERGIA MENO CARA INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel.: 075.7971056, 075.5002953 Fax: 075.5002956 E-mail: umbria@cia.it www.ciaumbria.it INTESA

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE:

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: 28 GENNAIO 2014 UFFICIO COMUNICAZIONE UVB comunicazione@bonifica-uvb.it OGGI NOTIZIE SU: Consorzio/Pag. 1 2 3 4 5 6 7 Veronese Adige Po Delta del Po Alta

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 ASSOCIAZIONE REGIONALE DEI CONDIFESA DELLA LOMBARDIA Condifesa Bergamo...035301030 Condifesa Brescia...0302548562 Condifesa Como e Lecco...031473071

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA (Approvato con deliberazione del Comitato di Gestione n. 66/12 del 22 giugno 2012 e successive modiche ed integrazioni effettuate in data 30/01/2014

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI

CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI N. CAMPAGNA GRANDINE 2013 POLIZZA COLLETTIVA RISCHI NON AGEVOLATI Società Largo Tazio Nuvolari, 1 20123 MILANO Contraente Consorzio di Difesa di Premesso che tra le Parti sopra indicate è stata sottoscritta,

Dettagli

L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo

L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo 1 L ASSICURAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Le risposte del mercato assicurativo Indice Premessa L intervento di Gpa I rischi individuati Altre particolarità Il prodotto individuato Le fasce di rischio

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento GranItalia Aula Magna della Facoltà di Agraria Università di Bologna, 1 ottobre 2010 La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento Industria sementiera e innovazione varietale. La collaborazione

Dettagli

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea

Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Gli strumenti agevolativi e finanziari dell Ismea Dott. Arturo Semerari Presidente Ismea Bisceglie, 23 novembre 2012 ISMEA ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare accompagna gli imprenditori

Dettagli

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI

FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI FONDO DANNI STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI PREMESSA L impianto arboreo di un vigneto o frutteto è un investimento importante che comporta dei costi imprenditoriali normalmente ammortizzati durante l intero

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO Ravenna, Data timbro postale Prot. 22/2014 Socio N SOCIO Oggetto: Campagna Assicurativa 2014 Spett.le DENOMINAZIONE INDIRIZZO FRAZIONE CAP COMUNE PROVINCIA Egregio Socio, La informiamo che è aperta la

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione

All AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione Pagamenti SEDE. Organismo Pagatore della Regione AREA COORDINAMENTO Via Torino, 45 00184 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2007.315 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 9 maggio 2007 AGEA - Ufficio Monocratico - Area Controlli - Area Autorizzazione

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO MAIS

FONDO MUTUALISTICO MAIS AGRIFONDO MUTUALISTICO Associazione Mutualistica Dei Condifesa Del Veneto E Friuli V.G. Filippo Codato Direttore Condifesa Treviso e coordinatore Condifesa Veneto FONDO MUTUALISTICO MAIS LEGNARO (PD) 27

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.306 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 02.07.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 Scadenza adesione Polizze collettive 1) Per essere ammessi a contributo i certificati devono essere sottoscritti entro le seguenti date: 31 Marzo 2014 Colture a

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

Libero di concentrarti sul lavoro

Libero di concentrarti sul lavoro Libero di concentrarti sul lavoro Con AXA tuteli i tuoi obiettivi dalle conseguenze di eventi imprevisti Protezione Impresa Piccolo o grande, il tuo progetto merita la migliore protezione LAVORO PROTETTO

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

MISURA 112 Insediamento Giovani. Pacchetto Giovani. Settore Valorizzazione dell imprenditoria agricola

MISURA 112 Insediamento Giovani. Pacchetto Giovani. Settore Valorizzazione dell imprenditoria agricola MISURA 112 Insediamento Giovani Agricoltori Pacchetto Giovani Settore Valorizzazione dell imprenditoria agricola IL CONTESTO Il problema dell invecchiamento, del ricambio generazionale e della qualificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE POLIZZA COLLETTIVA AVVERSITA ATMOSFERICHE 2015 RISCHI NON AGEVOLATI Contraente CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE Indirizzo C.A.P. Comune CORSO PORTA NUOVA, 98 37122 VERONA Codice Fiscale/Partita

Dettagli

Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice fiscale

Sesso Data di Nascita Comune di Nascita Prov. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice ISTAT Comune Prov. C.A.P. Codice fiscale Spazio riservato al protocollo All'Ente Delegato All'Istituto di Credito Denominazione Forma Giuridica Codice Fiscale CUAA Partita IVA Iscr. Camera di Commercio PV NUMERO Sesso Data di Nascita Comune di

Dettagli

Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà

Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà RELAZIONE DI MONITORAGGIO Aggiornata al 30 Aprile 2014 U.O. Sostegno al Sistema Economico Il Protocollo per il sostegno

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE Il Fondo di Riassicurazione istituito dall art. 127 comma 3 della Legge 388 del 2000, avendo come attività esclusiva la riassicurazione chiude il bilancio 2011 entro

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE

ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE ASSICURAZIONI AGRICOLE AGEVOLATE I numeri della campagna 2011 I Fondi di mutualità Perugia, gennaio 2012 Il ruolo dell ISMEA per le assicurazioni agricole agevolate ISMEA realizza servizi assicurativi

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.255 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. N. 7103 del 31 marzo 2015 Avviso pubblico Presentazione di manifestazioni di interesse per l accesso ai benefici del Programma nazionale di sviluppo rurale 2014-2020, Misura 17 - Gestione dei Rischi,

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire

Dettagli

VADEMECUM. Le Organizzazioni di Produttori Biologici ----------------

VADEMECUM. Le Organizzazioni di Produttori Biologici ---------------- VADEMECUM Le Organizzazioni di Produttori Biologici ---------------- L attuale normativa sulle Organizzazioni di Produttori (O.P.) è disciplinata su base europea, per quanto riguarda il settore ortofrutta,

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

La nuova PAC per la Sardegna

La nuova PAC per la Sardegna Università di Sassari Associazione Studenti di Agraria La nuova PAC per la Sardegna Vincenzo Lenucci Area Economica e Centro Studi - Confagricoltura Aula Magna Dipartimento di Agraria Sassari, venerdì

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR

Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Il sistema di consulenza aziendale e il nuovo PSR Bari, 24 ottobre 2006 Massimiliano Schiralli Premessa Dalla riforma di medio termine della PAC al regolamento per lo sviluppo rurale approvato il 20 settembre

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi)

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi) GAL Oltrepo Mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano 1 1. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Oltrepò

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la casa d'abitazione dell'imprenditore? L'energia auto consumata dal

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2519 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli