PRESTAZIONI PREVIDENZIALI E LAVORO IRREGOLARE: NOTE SUL CASO DELL AGRICOLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESTAZIONI PREVIDENZIALI E LAVORO IRREGOLARE: NOTE SUL CASO DELL AGRICOLTURA"

Transcript

1 PRESTAZIONI PREVIDENZIALI E LAVORO IRREGOLARE: NOTE SUL CASO DELL AGRICOLTURA Iceberg n. 6/2006

2 L Osservatorio Veneto sul lavoro sommerso è stato costituito nel gennaio 2001, per iniziativa dell Inps regionale, con protocollo d intesa tra un ampia partnership: Regione Veneto, parti sociali, Università venete, istituti di ricerca regionali. L Osservatorio, guidato da un Comitato esecutivo che elabora annualmente il programma di attività, si avvale di un gruppo di studio il cui coordinamento scientifico è affidato a Veneto Lavoro. Finalità dell Osservatorio sono lo studio e la valutazione degli aspetti giuridici, sociali ed economici connessi direttamente ed indirettamente al fenomeno del sommerso. L Osservatorio realizza ricerche, promuove seminari di studio, mette a disposizione del pubblico tramite il Centro di Documentazione aperto presso la sede regionale dell Inps i materiali bibliografici che raccoglie o produce. Nel 2003 l Osservatorio ha realizzato un ampio rapporto. Attorno al lavoro sommerso in Veneto. Una ricognizione. La collana monografie Iceberg raccoglie gli approfondimenti successivamente prodotti. I firmatari del protocollo d intesa sono: Regione Veneto, Università di Padova, Università di Venezia, Università di Verona, Unioncamere regionale del Veneto, Federazione regionale industriali Veneto, Federveneto Api, Confcommercio Veneto, Confesercenti Veneto, Federazione regionale artigianato Veneto, Cna Veneto, Casa, Unione regionale agricoltori, Cia Veneto, Federazione regionale coltivatori diretti Veneto, Federalberghi Veneto, Ance Veneto, Confcooperative unione regionale Veneto, Lega nazionale cooperative, Cgil regionale Veneto, Cisl regionale Veneto, Uil regionale Veneto, Ugl Veneto, Cisal, Centro Studi Cgia Mestre, Fondazione G. Corazzin, Coses, Crel, Ires Veneto, Veneto Lavoro, Inail - Direzione regionale Veneto, Inps - Direzione regionale Veneto, Inps - Comitato regionale Veneto. Questo Iceberg è stato redatto dall Osservatorio veneto sul lavoro sommerso sintetizzando e rielaborando un più ampio documento predisposto dalla dott.ssa Elisa Rosteghin sul tema Utilizzo degli ammortizzatori sociali in agricoltura e problematiche dell economia sommersa. I riferimenti normativi e statistici sono aggiornati essenzialmente alle informazioni disponibili nell autunno 2005.

3 Sommario 1. IL LAVORO AGRICOLO Tipologie di rapporto di lavoro dipendente utilizzate in agricoltura Disciplina previdenziale I lavoratori autonomi agricoli GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI: IL QUADRO GENERALE La cassa integrazione guadagni L indennità di mobilità L indennità di disoccupazione ordinaria L indennità di disoccupazione a requisiti ridotti GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI LEGATI ALL AGRICOLTURA Indennità ordinaria di disoccupazione agricola Indennità di disoccupazione a requisiti ridotti agricola Trattamento speciale di disoccupazione operai agricoli Cassa integrazione salari agricola Casi particolari Uno schema di sintesi CONSISTENZA E DINAMICA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI CRONOLOGIA DI UN PERCORSO. VERSO UNA RIFORMA SEMPRE RINVIATA ALTRE PROPOSTE DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI E LOTTA AL SOMMERSO IN AGRICOLTURA IDEE E PROPOSTE RACCOLTE IN ALCUNE INTERVISTE AD ESPERTI Sintesi dell intervista al prof. Geroldi La specificità del settore Il lavoro in agricoltura e gli ammortizzatori sociali Parti sociali e riforme L uso distorto degli ammortizzatori nel settore agricolo CONCLUSIONI...63 Riferimenti bibliografici...65 Allegato: Avviso comune in materia di emersione del lavoro irregolare in agricoltura

4 4

5 1. IL LAVORO AGRICOLO Il settore agricolo comprende tutte le produzioni primarie ed in particolare i seguenti comparti: cereali, ortofrutta, florovivaismo, zootecnia, pesca e itticoltura, olio e vini. È lavoratore agricolo colui che presta la propria attività alle dipendenze di un datore di lavoro agricolo; imprenditore agricolo è colui che esercita una delle attività inerenti ai comparti precedentemente elencati o ad essi connesse. Al lavoro subordinato in agricoltura si applica la stessa classificazione prevista per il resto dei lavoratori dipendenti: dirigenti, quadri, impiegati e operai a tempo determinato e operai a tempo indeterminato, ai sensi dell art. 12 d.lgs. n. 375 del Il rapporto di lavoro è soggetto ad una speciale regolamentazione, soprattutto per quel che riguarda il regime di sicurezza sociale. La disciplina del rapporto di lavoro vero e proprio è contenuta principalmente nei contratti collettivi, cui occorre fare riferimento. In particolare: per gli operai agricoli, il Ccnl 10 luglio 2002; per i quadri e gli impiegati agricoli, il Ccnl 5 aprile Le ipotesi di cessazione del rapporto di lavoro sono uguali a quelle previste per la generalità dei lavoratori dipendenti. 1.1 Tipologie di rapporto di lavoro dipendente utilizzate in agricoltura Lavoro a termine Il rapporto di lavoro agricolo è normalmente a tempo determinato, in relazione ai cicli stagionali dell attività. Nel caso di assunzione a termine di impiegati, si applicano le disposizioni previste dal d.lgs. n. 368 del 2001 per la generalità dei lavoratori dipendenti. Tali norme non si applicano, all opposto, per il personale operaio, per il quale occorre fare riferimento alla disciplina contrattuale, che consente l assunzione a termine nei seguenti casi: 5

6 per l esecuzione di lavori di breve durata, stagionali o a carattere saltuario, o per fase lavorativa, o per la sostituzione di operai assenti per i quali sussista il diritto alla conservazione del posto; per l esecuzione di più lavori stagionali e/o per più fasi lavorative nell anno con garanzia di occupazione minima superiore a 100 giornate, nell arco di 12 mesi dalla data di assunzione; per un impiego di durata superiore a 180 giornate di effettivo lavoro, da svolgersi nell ambito di un unico rapporto continuativo. Gli operai a tempo determinato che hanno effettuato presso la stessa azienda nell arco di 12 mesi dalla data di assunzione 180 giornate di effettivo lavoro, hanno diritto alla trasformazione del loro rapporto in rapporto a tempo indeterminato. Tale diritto deve essere esercitato, a pena di decadenza, entro 6 mesi dal perfezionamento del requisito richiesto, attraverso una comunicazione scritta da esibire al datore di lavoro. Il diritto alla trasformazione del rapporto non spetta agli operai a tempo determinato: assunti inizialmente con contratto di lavoro a termine con garanzia minima di 100 giornate; assunti inizialmente con contratto di lavoro a termine di durata superiore a 180 giornate di lavoro effettivo, da svolgersi in un unico rapporto continuativo; assunti per la sostituzione di operai assenti per i quali sussista il diritto alla conservazione del posto. Lavoro part-time Nel settore agricolo vi è la possibilità di instaurare un contratto di lavoro parttime con il lavoratore. La legge sul rapporto di lavoro a tempo parziale (d.lgs. n. 61 del 2000), affidava le modalità di applicazione delle disposizioni sui rapporti di lavoro del settore agricolo ( anche con riguardo alla possibilità di effettuare lavoro supplementare o di consentire la stipulazione di una clausola elastica di collocazione della prestazione lavorativa nei rapporti a tempo determinato parziale 1 ), ai contratti collettivi nazionali di lavoro stipulati dai sindacati 1 D.lgs. 25 febbraio 2000, n. 61, art.7. 6

7 comparativamente più rappresentativi. Successivamente il d.lgs. n. 276 del 2003, che ha dato attuazione alla legge 30/2003, ha esteso integralmente le disposizioni del d.lgs. 61/2000 anche al settore agricolo. Apprendistato e Cfl (contratti di formazione lavoro) I lavoratori agricoli possono essere assunti anche con contratto di apprendistato. Questa tipologia contrattuale è stata ampiamente modificata dal d.lgs. n. 276 del Con l entrata in vigore del d.lgs. n. 276 del 2003 (24 ottobre 2003) è stato abrogato il contratto di formazione lavoro che quindi non è più applicabile al settore. Sempre con il medesimo dispositivo legislativo è stato introdotto il contratto di inserimento. Lavoro temporaneo e somministrazione di manodopera Con l abrogazione delle disposizioni legislative sul lavoro temporaneo il d.lgs. n. 276 del 2003 ha introdotto la somministrazione di manodopera applicabile alla generalità dei lavoratori, inclusi quindi quelli agricoli. 2 2 Fino a diversa determinazione delle parti stipulanti o recesso unilaterale conservano ancora efficacia le clausole limitative contenute nei CCNL in vigore alla data del 24 ottobre In particolare esse prevedevano che il contratto di fornitura di lavoro temporaneo in agricoltura può essere concluso nei seguenti casi: a) attuazione di adempimenti tecnici, contabili, amministrativi, commerciali, non ordinari o non prevedibili, cui non sia possibile far fronte con l organico in servizio; b) esigenze di lavoro per la partecipazione a fiere, mostre e mercati finalizzati alla pubblicizzazione e alla vendita dei prodotti aziendali; c) sostituzione di lavoratori temporaneamente inidonei a svolgere le mansioni a loro assegnate ai sensi del d.lgs. n. 626/94; d) sostituzione di lavoratori assenti; e) esigenze non programmabili relative alla manutenzione straordinaria nonché al mantenimento e/o al ripristino della funzionalità e della sicurezza delle attrezzature e degli impianti aziendali; f) necessità non programmabili e/o non prevedibili di attività lavorative urgenti connesse ad andamenti climatici atipici e/o calamità, all aumento temporaneo dell attività e/o a commesse e ordinativi straordinari, cui non sia possibile far fronte con i lavoratori in organico; g) impossibilità o indisponibilità all assunzione di lavoratori iscritti presso il Centro per l impiego competente; h) temporanea utilizzazione in mansioni e profili professionali non previsti dai normali assetti produttivi aziendali. 7

8 La proroga del contratto di lavoro temporaneo è ammessa: nel caso di sostituzione di lavoratori assenti, per l intera durata dell assenza; negli altri casi, una sola volta e per non più della durata inizialmente convenuta, qualora persistano le condizioni che hanno dato origine all utilizzo del lavoro temporaneo. Altre tipologie contrattuali Le nuove forme contrattuali introdotte dal d.lgs. n. 276 del 2003 (lavoro a progetto, lavoro occasionale, lavoro accessorio, lavoro ripartito, lavoro intermittente) sono applicabili anche al settore agricolo. 1.2 Disciplina previdenziale Contributi previdenziali Per i lavoratori agricoli, il sistema di protezione sociale presenta delle specificità con riferimento agli operai, mentre per gli impiegati trovano applicazione le regole in vigore per la totalità dei dipendenti (con la particolarità che, oltre ai contributi che devono essere versati all Inps, è dovuta all Enpaia Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Impiegati Agricoli una specifica contribuzione a titolo di accantonamento Tfr, previdenza integrativa e assicurazione infortuni). In base alla normativa previdenziale si individuano due classi di lavoratori agricoli subordinati, escludendo quelli con qualifica impiegatizia: 1. Operai a tempo indeterminato (Oti); 2. Operai a tempo determinato (Otd). Nella categoria degli operai a tempo indeterminato rientrano i seguenti soggetti: lavoratori assunti con rapporto di lavoro senza prefissazione di termine che prestano la loro opera alle dipendenze di un impresa singola o associata; operai a tempo determinato che hanno eseguito presso la stessa azienda, nell arco di 12 mesi dalla data di assunzione, 180 giornate di effettivo lavoro e che hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro in quello 8

9 a tempo indeterminato, con la stessa disciplina stabilita per gli operai assunti originariamente con detta qualifica. 3 La categoria degli operai agricoli a tempo determinato comprende gli operai assunti con rapporto individuale di lavoro a tempo determinato per l esecuzione di lavori di breve durata, stagionali o saltuari, oppure assunti per fasi lavorative o per la sostituzione di operai assenti con diritto alla conservazione del posto. Per l accertamento ai fini previdenziali e contributivi delle giornate di lavoro degli operai agricoli a tempo determinato l Inps provvede a compilare gli elenchi nominativi annuali e quelli trimestrali sulla base delle dichiarazioni della manodopera occupata inviate dai datori di lavoro. Gli elenchi trimestrali, con l indicazione delle giornate di lavoro prestate presso ciascun datore di lavoro, sono pubblicati entro il terzo mese successivo alla scadenza del termine di presentazione delle dichiarazioni della manodopera occupata, mediante affissione per 15 giorni all albo pretorio del comune di residenza del lavoratore. L elenco nominativo annuale compilato e pubblicato dall Inps entro il 31 maggio dell anno successivo contiene l indicazione delle giornate complessivamente attribuite al lavoratore in base alle dichiarazioni trimestrali della manodopera occupata. Viene notificato ai lavoratori interessati mediante affissione per 15 giorni all albo pretorio del loro comune di residenza. L Inps invia al datore di lavoro il modello F24, già compilato con l indicazione dei contributi dovuti, calcolati sulla base delle retribuzioni effettive degli Oti e di quelle convenzionali o contrattuali degli Otd vigenti nella provincia. Indennità di malattia e di maternità L indennità di malattia e quella di maternità sono corrisposte agli operai agricoli direttamente dall Inps. Tali indennità spettano anche agli Otd a condizione che essi risultino iscritti negli appositi elenchi nominativi, nell anno precedente, per almeno 51 giornate. 3 La Cassazione, infatti, nonostante non ci sia la volontà contrattuale per la creazione di un rapporto di lavoro senza limite di durata, riconosce come indice di rapporto di lavoro a tempo indeterminato, ex art. 8, l. n. 457 del 1972, il superamento appunto delle 180 giornate di lavoro nell anno presso la stessa azienda agricola. 9

10 Assegno per il nucleo familiare L erogazione dell assegno familiare effettuata direttamente dall Inps è soggetta alle medesime regole previste per la generalità dei lavoratori dipendenti. 1.3 I lavoratori autonomi agricoli In agricoltura si possono trovare diversi tipi di lavoratori autonomi: i coltivatori diretti, i mezzadri, i coloni e gli imprenditori agricoli. Essi si aggiungono alla platea dei lavoratori subordinati ma hanno tutele diverse rispetto a questi ultimi. I coltivatori diretti sono proprietari, affittuari oppure usufruttuari o enfiteuti con almeno 20 anni di godimento del fondo, ma sono anche pastori o assegnatari di fondi nonché appartenenti ai nuclei familiari che direttamente o abitualmente si dedicano alla coltivazione dei campi, all allevamento e governo del bestiame e allo svolgimento di tutte quelle attività che risultano connesse a queste ultime. L impresa coltivatrice diretta è a conduzione familiare mentre il coltivatore diretto è un piccolo imprenditore. L attività dei coltivatori diretti deve essere svolta in modo prevalente ed esclusivo (per maggior impegno di lavoro e maggior reddito); può essere svolta da parenti o affini entro il quarto grado. Il fabbisogno di lavoro dell azienda agricola non deve essere inferiore a 104 giornate annue e la capacità lavorativa del nucleo familiare deve essere superiore ad un terzo del fabbisogno di lavoro occorrente nell azienda 4. I mezzadri sono coloro che, in proprio o quali capi della famiglia colonica, si associano al proprietario del fondo apportando all impresa agricola soprattutto il lavoro personale e della loro famiglia, la quale è tenuta a partecipare alla divisione dei prodotti secondo le disposizioni legislative e contrattuali e deve risiedere nel fondo in maniera stabile. I coloni svolgono il loro lavoro solo con un impegno di tempo parziale e non devono risiedere stabilmente nel fondo. Se il lavoro dei coloni è inferiore alle 120 giornate annue essi vengono equiparati ai lavoratori subordinati e si dicono piccoli coloni. Se invece il fondo richiede un fabbisogno superiore alle Artt. 2 e 3 della legge 9 gennaio 1963, n

11 giornate annue essi sono equiparati ai lavoratori autonomi e sono soggetti alla disciplina prevista per tali lavoratori. 5 Imprenditori agricoli a titolo principale (Iatp) sono coloro che svolgono autonomamente attività di conduzione dell azienda agricola finalizzata a una qualsiasi utilità economica. L imprenditore agricolo, dunque, è titolare dell azienda e svolge una funzione di direzione dell impresa stessa. La sua attività consiste nell organizzare e coordinare in modo sistematico ed abituale la produzione, con l utilizzo di mezzi adeguati a tale scopo. Essendo un attività tipicamente a carattere direzionale non necessita l esecuzione materiale dei lavori. L imprenditore agricolo dedica all attività agricola almeno due terzi del proprio tempo di lavoro complessivo, ricavandone non meno di due terzi del proprio reddito globale. Nelle zone di montagna e nelle aree svantaggiate il tempo di lavoro e la quota di reddito si riducono ad un mezzo. Ai fini pensionistici, sono iscritti alla gestione solamente i titolari delle aziende e non i familiari degli stessi che eventualmente collaborino alla gestione dell impresa. Le fonti normative principali per quanto riguarda i coltivatori diretti, i coloni, i mezzadri e gli imprenditori agricoli sono: l. 22 gennaio 1954, n. 1136; l. 26 ottobre 1957, n. 1047; l. 9 gennaio 1963, n. 9; l. 30 aprile 1969, n. 153; l. 3 giugno 1975, n. 160; l. 13 maggio 1988, n. 154; l. 2 agosto 1990, n. 233 ed infine il d.lgs. 16 aprile 1997, n GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI: IL QUADRO GENERALE Per ammortizzatori sociali si intendono gli strumenti di sostegno e di tutela del reddito dei lavoratori che, per vari motivi, si trovano a dover affrontare periodi più o meno lunghi di disoccupazione involontaria. L assetto degli ammortizzatori sociali in Italia ha privilegiato ampiamente la tutela degli occupati dal rischio di perdita del posto di lavoro, mentre non ha mai compreso le persone alla ricerca del primo impiego, per quanto lungo fosse il loro periodo di effettiva disoccupazione. 5 Bisogna sottolineare che la mezzadria e il contratto di colonia sono in via di estinzione a seguito della legge 203 del 1982 che ha stabilito la conversione di tutti i contratti di mezzadria e colonia, stipulati dopo l entrata in vigore di tale legge, in contratti d affitto. Rimangono in vigore, infatti, solo quelli antecedenti a tale legge. 11

12 2.1 La Cassa integrazione guadagni La Cassa integrazione guadagni (Cig) rappresenta l istituto di tutela dei redditi dei lavoratori in caso di sospensione temporanea dell attività produttiva, per situazioni non imputabili all impresa o ai lavoratori mantenendo dunque in essere il rapporto di lavoro. La Cig risulta essere, pertanto, lo strumento tradizionalmente utilizzato per gestire le crisi occupazionali. La normativa generale riguardante la Cig si è sviluppata a partire dalla legge n. 164 del 1975 e con le successive leggi n. 675 del 1977 e n. 160 del Infine la Cig, mediante la legge 233 del 1991, ha subito una rilevante ristrutturazione che ne ha razionalizzato i criteri di concessione e limitato le durate massime di utilizzo. La Cassa integrazione guadagni ordinaria La Cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo) si configura come uno strumento per ammortizzare le oscillazioni cicliche della domanda. La sua funzione è quella di garantire il salario ai lavoratori sottoccupati, sollevando contemporaneamente il datore di lavoro dal pagamento di retribuzioni per prestazioni non necessarie. Le caratteristiche imprescindibili che devono esservi per l applicazione della Cigo sono: l involontarietà e la brevità della situazione che determina la sospensione o la contrazione dell attività; la certezza della ripresa dell attività lavorativa. La durata dell intervento è per la maggior parte dei casi di 3 mesi, prorogabile di 3 mesi in 3 mesi, con un massimo di 52 settimane in un arco temporale biennale. Il trattamento è erogato dall Inps nella misura dell 80% della retribuzione globale che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate. La Cassa integrazione guadagni straordinaria Con caratteristiche simili all ordinaria ma con funzioni diverse opera la Cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs). 12

13 La Cassa integrazioni guadagni straordinaria può essere richiesta per finalità diverse da quelle previste per l ordinaria e cioè nei seguenti casi: 1. ristrutturazioni, riorganizzazioni, riconversioni aziendali; 2. crisi aziendali 6 di particolare rilevanza sociale (l. 675/77); 3. casi di dichiarazioni di fallimento, di emanazione del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa, ovvero di sottoposizione all amministrazione straordinaria o ad altra procedura concorsuale con cessazione dell attività, qualora la continuazione dell attività non sia stata disposta o cessata (art. 31, l. 223/91). A differenza dell intervento ordinario, la Cigs si concretizza per la mancanza di certezza di una definitiva ripresa dell attività lavorativa al termine del periodo che essa copre. Tra i beneficiari del trattamento sono inclusi operai, impiegati e quadri intermedi 7, con almeno 90 giorni di anzianità di servizio. L intervento di Cigs opera per un massimo di 36 mesi nell arco di un quinquennio. L integrazione salariale avviene in misura pari all 80% dell ultima retribuzione lorda. 2.2 L indennità di mobilità L indennità di mobilità è stata introdotta con la legge 23 luglio 1991, n. 223, con l obiettivo di facilitare il trasferimento della forza lavoro in caso di eccedenze strutturali di imprese del settore industriale con almeno 15 addetti. In base alla legge 223/1991, un impresa può avviare le procedure di mobilità se, durante l attuazione del programma di trattamento straordinario di integrazione salariale, ritiene di non essere in grado di garantire il reimpiego ai lavoratori sospesi e di non poter ricorrere a misure alternative. 6 I criteri che definiscono lo stato di crisi sono fissati dal Ministero del lavoro (art. 1, co. 6, l. 223/91 d.l. 185/94). 7 Sono esclusi dalla possibilità di ottenere il trattamento di Cigs gli apprendisti e i lavoratori in contratto di formazione lavoro. 13

14 L indennità di mobilità spetta ai lavoratori (operai, impiegati e quadri intermedi) a seguito di: licenziamenti per cessazione dell attività dell azienda; licenziamenti per riduzione di personale o trasformazione di attività o di lavoro; esaurimento della Cassa integrazione guadagni straordinaria. I lavoratori posti in mobilità hanno diritto ad una prestazione economica di entità corrispondente al 100% del trattamento di integrazione straordinaria previsto con la Cigs, ma si riduce poi all 80% a partire dal tredicesimo mese. La durata del trattamento varia a seconda dell età del lavoratore e della localizzazione geografica dello stesso. 2.3 L indennità di disoccupazione ordinaria Il trattamento ordinario di disoccupazione costituisce la più generale delle coperture vigenti contro la disoccupazione, con riferimento sia alle cause di perdita di lavoro che danno diritto alla prestazione, sia ai lavoratori che ne possono beneficiare. L indennità di disoccupazione interessa tutti i lavoratori dipendenti, senza distinzione di qualifica o di caratteristiche del datore di lavoro (può trattarsi infatti di qualsiasi forma giuridica operante in qualsiasi settore di attività). Rimangono comunque esclusi i dipendenti della Pubblica Amministrazione, i titolari di rapporti di lavoro con elementi associativi, i lavoratori soci di cooperative, gli apprendisti di tutti i settori, il personale artistico, teatrale e i sacerdoti. L indennità di disoccupazione garantisce un trattamento in caso di disoccupazione involontaria per mancanza di lavoro, cioè in caso di cessazione dell impiego per licenziamento individuale o collettivo, a meno che non intervenga un altro trattamento specifico. La legge n. 448 del 23 dicembre 1998 ha stabilito, all art. 34, co. 5, che la cessazione del rapporto di lavoro per dimissioni intervenuta con decorrenza successiva al 31 dicembre 1998 non dà diritto alla corresponsione dell indennità 14

15 di disoccupazione, né ordinaria, né a requisiti ridotti, con l eccezione rappresentata dalle dimissioni volontarie per giusta causa. 8 I requisiti necessari per l ottenimento del sussidio di disoccupazione sono: avere lavorato almeno 52 settimane, anche non consecutive, nel biennio antecedente la data di risoluzione dell ultimo rapporto di lavoro (per il calcolo valgono i giorni di ferie, malattia, maternità e festività); avere almeno due anni di anzianità assicurativa presso l Inps 9 ; essere effettivamente disoccupati. A questo proposito valgono attualmente le disposizioni varate con il d.lgs. n. 297 del 19 dicembre Tale decreto ha abrogato le liste di collocamento e il libretto di lavoro ed ha previsto che, per accedere all indennità ordinaria di disoccupazione, è necessario essere nello stato di disoccupazione con il quale ci si riferisce a un soggetto privo di lavoro, che sia immediatamente disponibile allo svolgimento e alla ricerca di una attività lavorativa secondo modalità definite con i servizi competenti. Lo stato di disoccupazione si acquisisce presentandosi personalmente al Centro per l impiego nel territorio del proprio domicilio e firmando la dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di un lavoro. Il d.lgs. 297/2002 prevede il sostegno del disoccupato attraverso un progetto individualizzato e concordato con gli operatori. Il lavoratore per ottenere l erogazione dell indennità deve presentare la domanda entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, alla sede dell Inps o al Centro per l impiego competente per residenza. L Indennità ordinaria di disoccupazione ammonta al 40% della media delle retribuzioni lorde percepite nell ultimo trimestre antecedente il licenziamento. Tale indennità viene riconosciuta per un periodo massimo di sei mesi (180 giorni); per i lavoratori che hanno un età uguale o superiore a 50 anni è estesa fino a nove mesi. 8 Si ha giusta causa nei seguenti casi: mancato pagamento della retribuzione, molestie sessuali, variazione delle mansioni ecc. 9 Ai fini della maturazione dell anno e dell anzianità assicurativa, il periodo di lavoro prestato in qualità di apprendista non è valido. 15

16 2.4. L indennità di disoccupazione a requisiti ridotti L indennità di disoccupazione con requisiti ridotti spetta ai lavoratori che, non potendo fare valere 52 contributi settimanali negli ultimi due anni, hanno lavorato per almeno 78 giornate nell anno precedente. I requisiti rimangono gli stessi previsti in caso di disoccupazione ordinaria. La domanda per l ottenimento va presentata all Inps competente entro il 31 marzo dell anno successivo a quello in cui si è verificata la disoccupazione. L ammontare del trattamento è pari al 30% del reddito imponibile mediamente percepito nelle giornate lavorate. Per quanto riguarda la durata dell indennizzo, essa è pari ad un numero di giornate corrispondente a quelle effettivamente lavorate nell anno precedente. L indennità di disoccupazione a requisiti ridotti non spetta al lavoratore che abbia già percepito durante l anno l indennità ordinaria di disoccupazione. 3. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI LEGATI ALL AGRICOLTURA In Italia gli operatori agricoli sono coperti da trattamenti specifici contro la disoccupazione: 1. Indennità ordinaria di disoccupazione agricola; 2. Indennità di disoccupazione a requisiti ridotti agricola; 3. Trattamento speciale di disoccupazione operai agricoli; 4. Cassa integrazione salari agricola. Se il disoccupato del settore agricolo ha persone a carico, può beneficiare, oltre che di queste indennità, anche degli assegni per il nucleo famigliare. Vediamo ora in dettaglio i tipi di sostegno al reddito riservati agli operatori del settore agricolo. 3.1 Indennità ordinaria di disoccupazione agricola L indennità di disoccupazione ordinaria agricola 10 spetta a tutti quei lavoratori 10 Art. 32, legge 264 del

17 che risultano iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli 11, ma anche a coloro che hanno lavorato come operai agricoli a tempo indeterminato per parte dell anno. Tale indennità, tuttavia, non viene più riconosciuta a quegli operai la cui situazione di inattività sia la conseguenza di dimissioni volontarie, a meno che esse non derivino da giusta causa. Dal gennaio 2001 (mess. Inps n. 125 del 23/01/2001 e mess. Inps n. 244 del 21/02/2001) l indennità di disoccupazione interessa anche i collaboratori coordinati e continuativi e i lavoratori autonomi titolari di partita Iva iscritti al Fondo gestione separata dell Inps, nel senso che l iscrizione all apposita gestione previdenziale non impedisce l erogazione dei trattamenti per disoccupazione agricola 12. I requisiti necessari per l ottenimento dell indennità ordinaria di disoccupazione sono: iscrizione negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli nell anno solare per il quale viene richiesta l indennità (condizione che non si applica agli operai agricoli a tempo indeterminato); aver maturato almeno due anni (anche non consecutivi) di anzianità assicurativa contro la disoccupazione involontaria; avere una prevalente contribuzione in agricoltura nell anno per il quale è stata richiesta l indennità e in quello precedente, con un accredito complessivo nel biennio di almeno 102 contributi giornalieri. Ai sensi dell art. 3, dpr n del 1970, il requisito dei 102 contributi giornalieri si può maturare anche sommando i contributi non agricoli. Il minimo contributivo può essere raggiunto anche con l utilizzo, a determinate condizioni, di alcuni contributi figurativi come il servizio militare, la maternità, il lavoro all estero Ai sensi dell art. 7, n. 5, del decreto legge 3 febbraio 1970, n. 7, convertito, con modificazioni, nella legge 11 marzo 1970, n. 83. Detti elenchi erano altresì previsti in precedenza dall art. 12 del regio decreto legge 24 settembre 1940, n. 1949, secondo cui essi dovevano essere redatti dalle commissioni locali e l iscrizione a tali elenchi condizionava il godimento delle prestazioni previdenziali. 12 Il periodo utile per determinare diritto e misura della prestazione di disoccupazione va determinato con le sole giornate di lavoro dipendente e le stesse devono essere prevalenti sul periodo di lavoro parasubordinato o autonomo. 13 I contributi figurativi per malattia e infortunio sono esclusi. Essi determinano la retrodatazione del biennio di un periodo pari a quello della malattia o infortunio, diventando perciò periodi neutri. 17

18 Nel caso di contribuzione mista, agricola e non agricola, occorre valutare la prevalenza dell attività nel biennio. La domanda di disoccupazione va presentata su apposito modulo alla sede Inps competente entro il 31 marzo dell anno successivo a quello cui si riferisce l indennità. Per gli operai a tempo determinato l importo dell indennità di disoccupazione corrisposto ammonta al 30% della retribuzione media convenzionale su cui è calcolata la contribuzione (salario congelato al 1996 oppure, se superiore, salario previsto dalla contrattazione collettiva provinciale o quello effettivo). 14 Per gli operai a tempo indeterminato l indennità è pari al 30% della retribuzione effettivamente percepita (salario giornaliero). La durata della prestazione corrisposta dall Istituto di previdenza per il sostegno al reddito in caso di disoccupazione ordinaria è pari al numero di giornate lavorate nell anno precedente. L indennità per i lavoratori agricoli viene erogata l anno seguente a quello in cui si è verificato lo stato di disoccupazione, indipendentemente dalla condizione di occupazione o disoccupazione del lavoratore nel momento in cui il sussidio viene chiesto e liquidato. I periodi di fruizione del trattamento di disoccupazione sono validi ai fini del diritto alla pensione. 3.2 Indennità di disoccupazione a requisiti ridotti agricola L indennità di disoccupazione a requisiti ridotti 15 è rivolta ai lavoratori cosiddetti stagionali ai quali la legge 16 ha esteso i benefici del trattamento ordinario di disoccupazione. Sono considerati stagionali ai fini del trattamento di disoccupazione i seguenti lavoratori dei settori agricoli e non agricoli (art. 40 rdl. n del 1935): coloro che prestano lavoro occasionale; coloro che sono occupati esclusivamente in lavorazioni che si compiono in determinati periodi dell anno. 14 La retribuzione convenzionale media sulla quale si calcola il trattamento ordinario di disoccupazione per i braccianti agricoli è quella dell anno che precede il periodo di presentazione della domanda, come è stato chiarito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 6455/ Legge 160 del Art.7, l. 160/1988 e art. 1, l. 169/91. 18

19 Risultano esclusi dai benefici della disoccupazione a requisiti ridotti, come avviene per quella ordinaria, i lavoratori disoccupati a seguito di dimissioni volontarie, ma anche quei lavoratori che vengono assunti con contratto part-time verticale (Inps circolare n. 198 del ). L indennità di disoccupazione a requisiti ridotti viene corrisposta a quei lavoratori che presentano i medesimi requisiti richiesti per l erogazione dell indennità di disoccupazione ordinaria, dunque: abbiano maturato due anni di anzianità assicurativa per la disoccupazione; non potendo fare valere 102 contributi nel biennio, abbiano svolto almeno 78 giornate di lavoro dipendente nel settore agricolo nell anno a cui si riferisce la domanda. Con messaggio 1133 del 15 dicembre 2003, l'inps ha fornito chiarimenti sulla indennità di disoccupazione agricola con requisiti ridotti. L'Istituto ha, infatti, escluso che possano rientrare nel requisito minimo delle 78 giornate di occupazione necessarie per il riconoscimento del diritto all'indennità anche le giornate rientranti nel rapporto di lavoro agricolo ma non effettivamente lavorate. L'unica eccezione riguarda le ipotesi di maternità, malattia o infortunio indennizzate ove risultino susseguenti all'attività agricola dipendente. Anche per questo ammortizzatore sociale la domanda va presentata alle competenti sedi Inps entro il 31 marzo dell anno successivo a quello in cui si è verificato lo stato di disoccupazione. Sono da rilevare comunque alcune differenze rispetto all indennità ordinaria: l importo corrisposto è determinato in relazione al numero dei giorni effettivamente lavorati nell anno precedente, entro un limite prefissato che non può essere superiore a 156 giorni. Questo rimedio si è reso necessario per evitare il ripetersi della pratica diffusa nel settore agricolo di non denunciare le giornate di lavoro effettivo eccedenti la soglia minima stabilita per accedere alla prestazione; l ammontare del trattamento corrisposto agli operai agricoli assunti a tempo determinato è pari al 30% della retribuzione effettivamente percepita, nei limiti di un importo massimo mensile lordo di euro 791,21, elevato a euro 950,95 per i lavoratori che possono far valere una retribuzione lorda mensile superiore a euro 1.711,71. 19

20 3.3 Trattamento speciale di disoccupazione operai agricoli Questo tipo di trattamento è stato istituito nel 1972 per esigenze di ordine sociale piuttosto che economico (l. n. 457 del 1972) 17. Esso spetta esclusivamente ai lavoratori iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli. Viene corrisposto quando il lavoratore ha: 2 anni di assicurazione contro la disoccupazione involontaria; almeno 102 contributi giornalieri nel biennio; lavorato a tempo determinato nell anno cui si riferisce la prestazione; prestato almeno 151 giornate da lavoratore dipendente ovvero risulta iscritto negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli per un numero di giornate comprese tra 101 e 150 nell anno cui si riferisce la prestazione. L importo del trattamento speciale è pari: al 66% del salario medio convenzionale fissato annualmente con decreto ministeriale (o del salario effettivo se superiore) per coloro che hanno lavorato nell anno almeno 151 giorni 18 ; al 40% del salario medio convenzionale fissato con decreto ministeriale per coloro che hanno lavorato nell anno per un numero di giornate compreso tra 101 e La durata massima di fruizione del trattamento è di 90 giorni (le giornate residue rispetto a quelle in totale lavorate nell anno precedente danno diritto alla sola contribuzione figurativa 20 ). Per gli operai a tempo determinato che abbiano lavorato tra 101 e 150 giornate vengono comunque accreditati 270 contributi giornalieri (pari ad un anno di contribuzione) ai fini del trattamento previdenziale delle pensioni di vecchiaia e anzianità. 17 Disciplinano questo istituto l art. 7, l. 37 del 1977 e l art. 25 della già citata l. 457 del Per il trattamento speciale i centocinquantunisti possono sommare le giornate di lavoro dipendente agricolo e non agricolo, a condizione che le giornate di lavoro agricolo risultino prevalenti (come avviene per l indennità ordinaria). 19 Questo accade solamente dal Contribuzione figurativa: sono i contributi fittizi riconosciuti agli assicurati per periodi durante i quali (malattia, maternità, disoccupazione, cassa integrazione guadagni ecc.) non c è stata attività di lavoro e di conseguenza non c è stato il versamento dei contributi obbligatori. 20

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E LA MOBILITÀ

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E LA MOBILITÀ LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E LA MOBILITÀ Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Fulvio Maiella Giuseppe Nastro Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Diritti e doveri del lavoratore stagionale

Diritti e doveri del lavoratore stagionale Diritti e doveri del lavoratore stagionale 1 Gli argomenti trattati in questa guida sono oggetto di continui aggiornamenti; si consiglia pertanto di fare sempre riferimento agli Enti e Servizi elencati

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli