Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti"

Transcript

1 Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

2 DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3

3 DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 3 2. DEFINIZIONI 2/3

4 DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 4 2. DEFINIZIONI 3/3

5 DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 5 Normative di riferimento pren 15217:2005 Metodi di valutazione energetica degli edifici (Energy performance of buildings - Methods for expressing energy performance and for energy certification of buildings) pren 15603:2007 Prestazione energetiche degli edifici fabbisogno globale di energia primaria (Energy performance of buildings Overall energy use, CO2 emissions and definition of energy ratings) UNI EN 832:2001 Prestazione termica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento - Edifici residenziali UNI EN 13790:2005 Prestazione termica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento

6 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 6 pren 15217:2005 1/2 Questa norma nasce dalla necessità di esprimere la prestazione energetica degli edifici per : consentire la definizione di leggi e regolamenti basati sulla prestazione energetica degli edifici; definire uno strumento per valutare la prestazione energetica degli edifici; stimolare progettisti, costruttori, operatori del settore edilizio ed utenti a migliorare la prestazione energetica degli edifici; Pertanto la norma fornisce metodi per definire la prestazione energetica in modo tale da servire a queste finalità. È basata su standards (norme) che forniscono metodi per calcolare o misurare la prestazione energetica degli edifici Può essere utilizzata quindi per : sviluppare schemi di certificazione energetica ; definire da parte di organismi pubblici requisiti minimi di prestazione energetica; valutare la prestazione di un edificio in progetto o esistente, individuare le possibili azioni atte al miglioramento della prestazione energetica e esprimere questa nuova prestazione da parte dagli operatori del settore edilizio, progettisti, costruttori ed utilizzatori.

7 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 7 pren 15217:2005 2/2 Questo standard definisce, dunque: a) Indicatori che esprimono la prestazione energetica globale dell edificio, comprendendo riscaldamento, ventilazione, condizionamento dell aria, acqua calda sanitaria e sistemi di illuminazione. Questo implica la possibilità di avere diversi indicatori, così come diverse modalità di normalizzazione degli stessi; b) Modalità per esprimere i requisiti di prestazione energetica per nuovi edifici e per quelli esistenti sottoposti a ristrutturazione; c) Procedure per definire valori di riferimento e benchmarks; d) Modi di esprimere la certificazione energetica degli edifici includendone gli schemi di certificazione.

8 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 8 pren 15603:2007 1/2 La valutazione energetica degli edifici viene svolta con vari obiettivi, quali: a) giudicare la conformità di un edificio alle normative che pongono limiti per il consumo energetico o quantificarlo; b) promuove la trasparenza nelle operazioni commerciali attraverso la certificazione energetica e/o l esposizione della targa energetica; c) monitorare l efficienza energetica dell edificio e i suoi sistemi tecnici; d) supportare la pianificazione di misure per la riqualificazione, attraverso la previsione dei risparmi energetici attraverso diverse strategie; Questo standard specifica uno schema generale per la valutazione di tutti gli usi energetici dell edificio e il calcolo della valutazione energetica in termici di energia primaria, emissioni di CO 2 o parametri definiti dalla politica energetica nazionale. Standard separati calcolano l energia utilizzata per i servizi all interno dell edificio (riscaldamento, raffrescamento, ACS, ventilazione, illuminazione) che vengono combinati per la definizione dell uso energetico totale. La valutazione non è limitata all edificio ma all impatti sull ambiente della catena di fornitura energetica. L energia prodotta all interno dell edificio o dal suo involucro va a bilanciare l energia tradizionale consumata.

9 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 9 pren 15603:2007 2/2 La certificazione energetica richiede un metodo che sia applicabile sia a edifici esistenti che nuovi e che li tratti in modo equivalente. Viene fornita una metodologia per valutare dati mancanti e per calcolare un uso standard di energia per riscaldamento e raffrescamento, ventilazione, ACS e illuminazione, mentre a livello locale è necessario calcolare i fattori e i coefficienti da utilizzare per il calcolo dell energia primaria e delle emissioni di CO 2. Questo standard definisce i servizi energetici da considerare per la valutazione e fornisce: un metodo per elaborare lo standard della prestazione energetica, con un uso dell energia che non dipende dal comportamento degli utenti e da condizioni particolaristiche (ambientali e indoor); un metodo per valutare la prestazione energetica misurata, basata sull energia distribuita ed utilizzata; una metodologia per migliorare la sicurezza nei modello di calcolo dell edificio tramite la comparazione con l uso attuale dell energia; un metodo per valutare l efficacia energetica dei possibili miglioramenti. Questo standard europeo è applicabile a parti dell edificio (ed esempio appartamenti), all intero edificio, e a gruppi di edifici. È compito delle istituzioni nazionali definire l applicazione di differenti livelli di prestazione rispetto a quali condizioni, a quali obiettivi e alle tipologie di edifici. La valutazione della prestazione energetica dei i sistemi tecnici specifici è trattata nelle pren 15241, pren and pren

10 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 10 UNI 832:2001 1/4 Il metodo di calcolo presentato nella norma è basato su un bilancio energetico in regime stazionario, ma tiene conto delle variazioni di temperatura esterna e interna e, attraverso un fattore di utilizzazione, dell'effetto dinamico degli apporti solari ed interni. Questo metodo può essere utilizzato per le seguenti applicazioni: a) valutazione del rispetto delle regolamentazioni in funzione dei fabbisogni energetici; b) ottimizzazione delle prestazioni energetiche di un edificio progettato, applicando la metodologia di calcolo a diverse possibili soluzioni; c) calcolo del livello convenzionale delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti; d) valutazione dell'effetto di possibili misure di risparmio energetico su un edificio esistente calcolandone il fabbisogno energetico con o senza le misure di risparmio energetico; e) stima dei fabbisogni di risorse energetiche richieste su scala nazionale o internazionale, calcolando i fabbisogni energetici di diversi edifici rappresentativi del parco edilizio. Per dati di ingresso e per particolareggiate procedure di calcolo non previste dalla presente norma il riferimento sono altre norme europee o nazionali. In alcuni Paesi il calcolo del fabbisogno energetico degli edifici è parte dei regolamenti nazionali.

11 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 11 UNI 832:2001 2/4 La norma fornisce un metodo di calcolo semplificato per la valutazione del fabbisogno termico e dell'energia necessaria per il riscaldamento di un edificio residenziale, o di una parte di esso, indicato come "l'edificio". Questo metodo comprende il calcolo di: a) dispersioni termiche dell'edificio quando esso è riscaldato ad una temperatura costante; b) il fabbisogno annuale di energia termica necessaria per mantenere la temperatura interna di progetto; c) il fabbisogno energetico annuale richiesto dal sistema di riscaldamento dell'edificio per il riscaldamento dello spazio. L'edificio può avere diverse zone termiche a differenti temperature di progetto. Una zona può avere un riscaldamento intermittente. Il periodo di calcolo può essere relativo all'intera stagione di riscaldamento o un periodo mensile. Il calcolo mensile fornisce risultati corretti su base annuale, ma i risultati relativi ai singoli mesi in prossimità della fine e dell inizio della stagione di riscaldamento possono essere soggetti a grandi errori relativi.

12 NORMATIVE DI RIFERIMENTO UNI 832:2001 3/4 esempio Obiettivo del calcolo, eseguito secondo la EN 832 è quello di calcolare il futuro fabbisogno energetico dell'edificio. Il confine della zona riscaldata è segnato con una linea spessa nella figura. Il sottotetto e lo spazio soleggiato (serra) sono zone non riscaldate. Si utilizza il metodo per zona singola.

13 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 13 UNI 832:2001 4/4 esempio Si riporta di seguito il procedimento di calcolo per l edificio considerato, per edifici esistenti è previsto un procedimento specifico riportato nell appendice A. 1) definire i confini dello spazio riscaldato e, se necessario, delle differenti zone e spazi non riscaldati; 2) edificio con zona termica singola: calcolare il coefficiente di dispersione termica dello spazio riscaldato; edificio con più zone termiche; seguire la procedura riportata nell'appendice B; 3) definire la temperatura di progetto ed eventualmente le modalità di funzionamento intermittente; 4) per il calcolo stagionale, definire o calcolare la durata e i dati climatici della stagione di riscaldamento. Quindi, per ciascun periodo di calcolo: 5) calcolare le dispersioni termiche Q l : assumendo la temperatura interna costante; quando opportuno assumendo il riscaldamento intermittente; 6) calcolare gli apporti di calore interni, Q i ; 7) calcolare gli apporti solari, Q s ; 8) calcolare il fattore di utilizzazione per gli apporti totali; 9) calcolare il fabbisogno di calore Q h. Quindi, per l'intero anno: 10) calcolare il fabbisogno annuale di energia termica per il riscaldamento; 11) calcolare il fabbisogno energetico considerando le dispersioni o il rendimento del sistema di riscaldamento.

14 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 14 UNI 13790:2005 1/4 La norma fa parte di una serie di metodi di calcolo per il progetto e la valutazione delle prestazioni termiche degli edifici e dei componenti edilizi. Il metodo di calcolo presentato nella norma è basato su un bilancio di energia, che tiene conto delle variazioni di temperatura interna ed esterna e, attraverso un fattore di utilizzazione, dell effetto dinamico degli apporti interni e solari. Il presente metodo può essere utilizzato per le seguenti applicazioni: a) valutare il rispetto di regolamenti espressi in termini di obiettivi energetici; b) confrontare le prestazioni energetiche di varie alternative progettuali per un edificio in progetto; c) indicare un livello convenzionale di prestazione energetica degli edifici esistenti; d) stimare l effetto di possibili misure di risparmio energetico su un edificio esistente, calcolando il fabbisogno di energia con e senza ciascuna misura di conservazione di energia; e) prevedere le future esigenze di risorse energetiche su scala nazionale o internazionale, calcolando i fabbisogni di energia di molti edifici rappresentativi del parco edilizio.

15 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 15 UNI 13790:2005 2/4 Per dati di ingresso e per particolareggiati procedimenti di calcolo non forniti dalla presente norma, si può fare riferimento ad altri documenti internazionali o nazionali. In particolare per il calcolo dell efficienza o delle perdite di calore degli impianti di riscaldamento. Al contrario della UNI EN 832, il cui campo è ristretto agli edifici residenziali, la presente norma può essere applicata sia agli edifici residenziali sia a quelli non residenziali. I più importati cambiamenti nella EN rispetto alla UNI 832, sono: 1) le portate di ventilazione sono calcolate secondo le norme elaborate dal CEN/TC 156; 2) il punto 11 è stato semplificato, e per il calcolo del fabbisogno di energia a partire dal fabbisogno termico si fa riferimento alle norme internazionali esistenti o, in mancanza di esse, ai documenti nazionali; Fabbisogno (Qh fabbisogno termico Qr calore recuperato)+ Qth perdite 3) è stato introdotto un metodo normativo per calcolare gli effetti dell intermittenza; 4) sono stati introdotti nuovi dati di ingresso per gli edifici non residenziali, in particolare per quel che riguarda i fattori di utilizzazione. Per tutte queste ragioni i risultati ottenuti con il calcolo secondo la UNI possono differire lievemente da quelli ottenuti con la UNI 832.

16 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 16 UNI 13790:2005 3/4 La norma fornisce un metodo di calcolo semplificato per la stima del fabbisogno annuale di energia per il riscaldamento di un edificio residenziale o non residenziale, o di una parte di esso, che sarà denominato "l edificio". Non si applica ad edifici con impianti di condizionamento dell aria, adatti a fornire raffrescamento durante la stagione di riscaldamento. Il presente metodo comprende il calcolo: 1) delle dispersioni termiche dell edificio quando esso è riscaldato ad una temperatura interna costante; 2) del fabbisogno annuale di calore per mantenere le prefissate temperature di regolazione all interno dell edificio; 3) del fabbisogno annuale di energia dell impianto di riscaldamento dell edificio, utilizzando le caratteristiche dell impianto ricavabili da specifiche norme europee o internazionali, o, in mancanza di esse, da documenti nazionali.

17 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 17 UNI 13790:2005 4/4 Il procedimento di calcolo prevede gli stessi step di calcolo della UNI 832: definizione dell ambiente riscaldato; nel caso di riscaldamento intermittente o ventilazione intermittente, definire, all interno del periodo di calcolo, i periodi aventi modalità differenti di riscaldamento e ventilazione, per esempio giorno, notte, fine settimana; per una zona termica singola, calcolare il coefficiente di dispersione termica dell ambiente riscaldato; per il calcolo stagionale, definire o calcolare la durata e i dati climatici della stagione di riscaldamento. per ciascun periodo di calcolo: si calcola la dispersione termica Ql, gli apporti solari Qs, il fattore di utilizzazione degli apporti termici, il fabbisogno termico, Qh, per tutti i periodi di calcolo, calcolare il fabbisogno termico annuale, Qh, il fabbisogno di energia per il riscaldamento, prendendo in considerazione le perdite dell impianto di riscaldamento. Nel caso in cui si applichi la presente norma a edifici esistenti, si deve seguire il procedimento specifico riportato nell appendice A che prevede un confronto tra dato calcolato e dato misurato per la verifica delle stime energetiche. La stima energetica di un edificio esistente può essere effettuata per diversi scopi, quali: a) trasparenza in operazioni commerciali attraverso l indicazione di un livello di prestazione energetica (dichiarazione energetica); b) ausilio nella programmazione di interventi di ristrutturazione, attraverso la previsione dei risparmi di energia conseguenti a vari interventi. A differenza dei nuovi edifici, per quelli esistenti sono spesso disponibili informazioni aggiuntive, che possono essere utilizzate per rafforzare l attendibilità dei risultati.

18 REGIONE LOMBARDIA DGR 5773 del 10 ottobre Allegato C (attestato) Allegato D (targa)

19 REGIONE LOMBARDIA 19 E.9 Indicatori di prestazione energetica dell edificio edificio 1/4 Allegato C (attestato) Allegato D (targa) per edificio costituito da unità immobiliari con stessa destinazione d usod

20 REGIONE LOMBARDIA 20 E.9 Indicatori di prestazione energetica dell edificio edificio 2/4

21 REGIONE LOMBARDIA 21 E.9 Indicatori di prestazione energetica dell edificio edificio 3/4

22 REGIONE LOMBARDIA 22 E.9 Indicatori di prestazione energetica dell edificio edificio 4/4

23 REGIONE LOMBARDIA 23 Step di calcolo degli indicatori 1/2 1_Valutazione del Fabbisogno energetico dell Involucro per la climatizzazione invernale, denominato Q H valutato su base mensile Q H,m, e comprendente: a) l energia dispersa per trasmissione e ventilazione, b) la valutazione degli apporti di calore interni e solari c) il fattore di utilizzazione. 2_Valutazione dell effetto dell impianto sia per la climatizzazione invernale che per la produzione di acqua calda ad usi sanitari. 3_Valutazione dei contributi dovuti alle fonti energetiche rinnovabili.

24 REGIONE LOMBARDIA 24 Step di calcolo degli indicatori 2/2 Viene definito un fabbisogno energetico dell involucro per la climatizzazione invernale, Q NH, calcolato su base mensile e considerando, per l impianto preposto al riscaldamento degli ambienti interni, i limiti di esercizio cosi come stabiliti nel Prospetto II Viene altresì definito un fabbisogno energetico dell involucro per la climatizzazione estiva, Q NC, calcolato su base mensile e i cui limiti sono definiti dal valore positivo del fabbisogno. Ai fini della procedura di calcolo per la certificazione energetica degli edifici si considera: a) il fabbisogno energetico dell involucro per la climatizzazione invernale ed estiva, sono riferiti al funzionamento continuo, cioè al mantenimento di una temperatura interna dell edificio costante nel tempo e considerando la durata giornaliera di accensione dell impianto pari a 24 ore; b) la temperatura interna di progetto degli ambienti a temperatura controllata si assume pari a 20 C durante la stagione invernale e pari a 26 C durante quella estiva; c) la suddivisione degli ambienti a temperatura controllata dell edificio in zone termiche non e richiesta in quanto si assume che la temperatura di progetto di questi sia uniforme.

25 REGIONE LOMBARDIA 25 E.5 Fabbisogno energetico dell involucro per la climatizzazione invernale ed estiva 1/2 E.5.1 Fabbisogno annuale di energia per il riscaldamento e il raffrescamento

26 REGIONE LOMBARDIA 26 E.5 Fabbisogno energetico dell involucro per la climatizzazione invernale ed estiva 2/2

27 REGIONE LOMBARDIA 27 EP H Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale Classificazione energetica rispetto alla contestualizzazione climatica e alla destinazione d uso

28 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 28 E.6.1 Fabbisogno annuale di energia primaria per la climatizzazione invernalei

29 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 29 E.6.2 Fabbisogno mensile di energia primaria per la climatizzazione invernalei 1/6

30 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 30 E.6.2 Fabbisogno mensile di energia primaria per la climatizzazione invernalei 2/6

31 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 31 E.6.2 Fabbisogno mensile di energia primaria per la climatizzazione invernalei 3/6

32 E.6.2 Fabbisogno mensile di energia primaria per la climatizzazione invernalei 4/6 32

33 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 33 E.6.2 Fabbisogno mensile di energia primaria per la climatizzazione invernalei 5/6

34 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 34 E.6.2 Fabbisogno mensile di energia primaria per la climatizzazione invernalei 6/6

35 UNI 10348:

36 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 36 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 1/9

37 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 37 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 2/9

38 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 38 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 4/9

39 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 39 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 3/9

40 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 40 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 4/9

41 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 5/9 41

42 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 42 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 6/9

43 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 43 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 7/9

44 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 44 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 8/9

45 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 45 E Perdite e recuperi del sistema di emissione 9/9

46 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 46 E Perdite e recuperi del sistema di distribuzione 1/4

47 E Perdite e recuperi del sistema di distribuzione 2/4 47

48 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 48 E Perdite e recuperi del sistema di distribuzione 3/4

49 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 49 E Perdite e recuperi del sistema di distribuzione 4/4

50 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 50 E Perdite e recuperi del sistema di accumulo 1/3

51 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 51 E Perdite e recuperi del sistema di accumulo 2/3

52 E Perdite e recuperi del sistema di accumulo 3/3 52

53 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 53 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 1/18

54 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 54 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 2/18

55 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 55 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 3/18

56 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 56 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 4/18

57 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 57 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 5/18

58 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 58 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 6/18

59 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 59 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 7/18

60 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 60 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 8/18

61 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 61 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 9/18

62 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 62 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 10/18

63 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 63 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 11/18

64 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 64 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 12/18

65 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 65 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 13/18

66 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 66 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 14/18

67 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 67 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 15/18

68 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 68 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 16/18

69 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 69 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 17/18

70 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 70 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 18/18 E Generatori multistadio e modulanti E Caldaie a condensazione

71 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 71 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 1/5 E Caldaie a condensazione

72 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 72 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 2/5 E Caldaie a condensazione

73 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 73 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 3/5 E Caldaie a condensazione

74 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 74 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 4/5 E Caldaie a condensazione

75 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 75 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 5/5 E Caldaie a condensazione

76 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 76 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 1/4 E Pompe di calore

77 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 77 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 2/4 E Pompe di calore Energia termica necessaria al generatore Fabbisogno di energia elettrica degli ausiliari

78 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 78 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 3/4 E Pompe di calore

79 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 79 E Perdite e recuperi del sistema di generazione 4/4 E Pompe di calore

80 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 80 E Perdite e recuperi del sistema di generazione E Generatori a combustione di biomassa e sistemi di teleriscaldamento

81 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 81 E Rendimento di produzione medio stagionale

82 E.6 Fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale 82 E Rendimento globale medio stagionale

83 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 83 E Fabbisogno termico annuale per la produzione di acqua calda sanitaria

84 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 84 E Fabbisogno termico mensile per la produzione di acqua calda sanitaria

85 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 85 E Fabbisogno termico mensile per la produzione di acqua calda sanitaria

86 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 86 E Fabbisogno termico mensile per la produzione di acqua calda sanitaria

87 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 87 E Fabbisogno termico mensile per la produzione di acqua calda sanitaria

88 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 88 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari

89 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 89 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari

90 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 90 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari

91 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 91 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari

92 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 92 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari E Perdite e recuperi del sottosistema di erogazione 1/2

93 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 93 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari E Perdite e recuperi del sottosistema di erogazione 2/2

94 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari 94 E Perdite e recuperi del sottosistema di distribuzione 1/2

95 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 95 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari E Perdite e recuperi del sottosistema di distribuzione 2/2

96 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 96 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari E Perdite e recuperi del sottosistema di accumulo 1/3

97 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 97 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari E Perdite e recuperi del sottosistema di accumulo 2/3

98 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 98 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari E Perdite e recuperi del sottosistema di accumulo 3/3

99 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari 99 E Perdite e recuperi del sottosistema di generazione 1/2

100 E Fabbisogno termico di energia primaria per la produzione di acqua calda ad usi sanitari 10 0 E Perdite e recuperi del sottosistema di generazione 2/2

101 E.7 Fabbisogno termico per la produzione di acqua calda sanitaria 10 1 E Fabbisogno di energia primaria per impianti combinati (acqua calda c ad uso sanitario e climatizzazione invernale)

102 10 2

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ED ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI NEL NUOVO QUADROLEGISLATIVO politiche, procedure, buone pratiche Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure

Dettagli

La Normativa Tecnica PARTE 2 - ASPETTI TECNICI. Servizio Politiche Energetiche

La Normativa Tecnica PARTE 2 - ASPETTI TECNICI. Servizio Politiche Energetiche 14 DICEMBRE 2006 Servizio Politiche Energetiche Recepimento Direttiva 2002/91/Ce IL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI IN EDILIZIA LE LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI PARTE 2 - ASPETTI TECNICI ARCH. STEFANO

Dettagli

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010

soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI 16.03.2010 01.06.2010 APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI (PARAGRAFO 4.2 DELL ALLEGATO ALLA D.G.R. N. 43-11965) SEDE CORSO : ORARIO 18,00 22,00 soggetto titolo corso data inizio data fine APITFORMA CORSO PER CERTIFICATORI

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Attività di di FORMAZIONE tecnici comunali Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Arch. Arianna Palano Dipartimento BEST, Politecnico di Milano 1. TECNICHE PER LA VAUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

Sezione 1: Norme relative al calcolo del fabbisogno globale di energia negli edifici (basate sui risultati ottenuti con le norme della sezione 2)

Sezione 1: Norme relative al calcolo del fabbisogno globale di energia negli edifici (basate sui risultati ottenuti con le norme della sezione 2) Sezione 1: Norme relative al calcolo del fabbisogno globale di energia negli edifici (basate sui risultati ottenuti con le norme della sezione 2) 15217:2007 15603:2008 pren 15429 15459:2008 TR 15615 Prestazione

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Dott. Ing. Paolo Cocchi Coordinatore Regione Emilia Romagna per SACERT Ferrara, 27/09/2007 contatto: 349 / 18 68 488 PROBLEMATICHE ENERGETICHE

Dettagli

Anteprima UNI TS 11300-3 Prestazioni energetiche degli edifici: climatizzazione estiva

Anteprima UNI TS 11300-3 Prestazioni energetiche degli edifici: climatizzazione estiva Anteprima UNI TS 11300-3 Prestazioni energetiche degli edifici: climatizzazione estiva Sala Consiglio della Camera di Commercio di Milano Palazzo Turati, via Meravigli 9/b, Milano Martedì 26 gennaio 2010

Dettagli

Impianti tecnici nell edilizia storica

Impianti tecnici nell edilizia storica Impianti tecnici nell edilizia storica Docente: Prof. Francesca Cappelletti Collaboratore: Arch. Chiara Tambani 1 Programma 1) INVOLUCRO EDILIZIO: caratterizzazione termica e verifiche Resistenza termica

Dettagli

MANUALE D USO SOFTWARE CENED Versione 1.2

MANUALE D USO SOFTWARE CENED Versione 1.2 + MANUALE D USO SOFTWARE CENED Versione 1.2 Il presente manuale d uso è uno strumento di supporto all utilizzo del software CENED+ curato e realizzato da CESTEC SpA. Autori: Giacomo Di Nora Clara Pistoni

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS

ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EXPERT IN ENERGY CERTIFICATION OF BUILDINGS IL PRESENTE SCHEMA È STATO REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME: UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012 REQUISITI GENERALI

Dettagli

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa:

2. L applicazione delle disposizioni di cui alla D.G.R. VIII/5018 e s.m.i. è esclusa: Simulazione tema d esame S_002 1. Indicare l affermazione errata: a. la superficie utile è la superficie netta calpestabile degli ambienti a temperatura controllata o climatizzati dell edificio; b. la

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE

Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE Certificazione Energetica degli Edifici TERMO_CE software certificato CTI per le UNI-TS 11300 1-2-4 include anche la UNI-TS 11300 parte 3 Semplice da usare, esegue la verifica di nuove costruzioni, ristrutturazioni,

Dettagli

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616 16 - Indicatori 611 Sommario 16.1 Energia termica... 614 16.2 Energia primaria... 616 16.3 Le note del certificatore... 620 612 Il modulo relativo agli Indicatori (1) contiene al suo interno le seguenti

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Verso i Nearly Zero Energy Buildings in Italia

Verso i Nearly Zero Energy Buildings in Italia Verso i Nearly Zero Energy Buildings in Italia Michele Zinzi, Gaetano Fasano, Stefano Agnoli ENEA Indice Introduzione ENEA UTEE Il quadro normativo EU Il quadro normativo nazionale Evoluzione dei consumi

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Cagliari Viale Regina Elena, 23 09124 CAGLIARI I CORSO 2011

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Cagliari Viale Regina Elena, 23 09124 CAGLIARI I CORSO 2011 I CORSO 2011 FORMAZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE DEL SOGGETTO CERTIFICATORE ENERGETICO IN EDILIZIA SECONDO LINEE GUIDA NAZIONALI Soggetto organizzatore: Collegio Periti Industriali e Periti Industriali

Dettagli

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III UNI/TS 11300-3: determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione

Dettagli

degli edifici pubblici

degli edifici pubblici ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Il contesto normativo energetico ambientale nazionale Marco Citterio ENEA TER ENE SIST citterio@enea.it Situazione ione settore Civile: ile ~29 MTep

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Gli Indicatori di prestazione energetica degli edifici La normativa tecnica europea a supporto della Direttiva Europea 2002/91/CE Dott. Ing. Renzo Sonzogni

Dettagli

Seminario sulla Certificazione energetica degli edifici

Seminario sulla Certificazione energetica degli edifici Seminario sulla Certificazione energetica degli edifici Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Seconda Università degli Studi di Napoli Necessità di contenere i consumi energetici nel settore edilizio

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI OPPORTUNITA' E RUOLI PER GLI ENERGY MANAGER Il punto sulla normativa relativa all'efficienza energetica L'evoluzione della normativa tecnica PRESTAZIONI ENERGETICHE

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

Verso edifici a emissioni zero: utopia o percorso obbligato?

Verso edifici a emissioni zero: utopia o percorso obbligato? Verso edifici a emissioni zero: utopia o percorso obbligato? Giuliano Dall O Direttore Generale SACERT RIFUSIONE DIRETTIVA EPBD La direttiva EPBD è stata sottoposta a rifusione al fine di chiarire e semplificare

Dettagli

Prestazione energetica degli edifici

Prestazione energetica degli edifici Prestazione energetica degli edifici Perugia 31/03/11 Park Hotel, Ponte San Giovanni Ing. Alessandro Canalicchio Valutazione energetica Sono previsti due modi per la valutazione energetica secondo la EN

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

Efficienza energetica

Efficienza energetica Efficienza energetica negli edifici i La certificazione energetica degli edifici M. De Carli Leggi italiane ai fini del risparmio energetico Legge 373/76 Legge 10/91 DPR 412/93 D.Lgs. 192/2005 D.Lgs. 311/2006

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb

La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb La sostenibilità energetica ed ambientale del Palazzo Italia di EXPO 2015: analisi di un edificio nzeb prof. Ing. Livio de Santoli livio.desantoli@uniroma1.it La normativa ed il ruolo dell efficienza energetica

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 30 settembre 2015 Normativa regionale per l efficienza energetica in edilizia Nuove disposizioni

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04

D.1 Direttiva Europea 2002/91/CE. Fonti Rinnovabili di Energia Prof. Claudia Bettiol A.A. 2003-04 1 2 Obbiettivi: 1. Tutela dell ambiente DIRETTIVA 2002/91/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2002 sul rendimento energetico nell'edilizia 2. Emissioni di biossido di carbonio 3.

Dettagli

Procedimento di dimensionamento energetico

Procedimento di dimensionamento energetico Procedimento di dimensionamento energetico Dal fabbisogno energetico agli indici di prestazione energetica Gli indici di prestazione energetica parziale Il fattore n Indice teorico di prestazione energetica

Dettagli

IL SISTEMA DELLE QUALIFICHE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN EMILIA-ROMAGNA 1. SOGGETTI CERTIFICATORI 2.

IL SISTEMA DELLE QUALIFICHE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN EMILIA-ROMAGNA 1. SOGGETTI CERTIFICATORI 2. LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA IN EMILIA-ROMAGNA FORMAZIONE QUALIFICA IL SISTEMA DELLE QUALIFICHE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN EMILIA-ROMAGNA 1. SOGGETTI CERTIFICATORI 2. ISPETTORI LA

Dettagli

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 Docente: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI 1/41 Software di Diagnosi

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015 Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia 3 luglio 2015 1 Disposizioni normative in fase di aggiornamento DM REQUISITI MINIMI (sostituisce il DPR 59/2009) LINEE GUIDA (sostituisce

Dettagli

Cagliari, 23 maggio 2011 Aula Magna Facoltà di Ingegneria

Cagliari, 23 maggio 2011 Aula Magna Facoltà di Ingegneria Cagliari, 23 maggio 2011 Aula Magna Facoltà di Ingegneria Intervento del prof. Giuseppe Desogus Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Architettura Giuseppe Desogus DIRETTIVA EUROPEA 2010/31/CE

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici Gli indicatori di prestazione energetica e i metodi di valutazione e di calcolo

Certificazione energetica degli edifici Gli indicatori di prestazione energetica e i metodi di valutazione e di calcolo Certificazione energetica degli edifici Gli indicatori di prestazione energetica e i metodi di valutazione e di calcolo Arch. Valerio Marino 1 Leggi e norme Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E.

GUIDA PER UN CORRETTO INSERIMENTO DEI DATI AGGIUNTIVI Sistema di certificazione energetica degli edifici - S.A.C.E. Manuale d uso SACE Modulo Controlli Certificatori Energetici Rev. 01 Rev. 01 del 03-12-2014 Rif. Progetto Sistema per l esecuzione di verifiche e controlli sulle attività di certificazione energetica degli

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 02.12.15 Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto, 2 - Milano Normativa regionale per l efficienza

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Area geografica Ubicazione intervento Regione Campania Provincia di Salerno Comune di SALERNO Via Roma, 12 Proprietà Rossi Mario Progettista Ing. Nervi Costruttore EDILCOM

Dettagli

PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI E CERTIFICAZIONE - DOCET

PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI E CERTIFICAZIONE - DOCET 1 PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI E CERTIFICAZIONE - DOCET Ing. Lorenza Magnani lorenza.magnani@unipv.it 2 Direttiva Europea 2002/91/CE EPBD - Energy performance of buildings Articolo 1 Obiettivo:..

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Come prevista dall allegato 4 della delibera di Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, atto di indirizzo e

Dettagli

La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici

La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici I professionisti e le imprese a confronto 25-26 Novembre 2015 Pépinièresd entreprisesespace AOSTA Prof. Ing. Daniele TESTI BETTER

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO Giovanni Riva 1 DECRETO REQUISITI MINIMI Servizi considerati e metodologia di calcolo La

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Termotecnica Pompe di Industriale

Termotecnica Pompe di Industriale Termotecnica Pompe di Industriale Calore LE POMPE DI CALORE NELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA UNI/TS 11300 4 Roberto Nidasio CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato

Dettagli

CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna*

CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna* KYOTO CLUB in collaborazione con organizzano a Roma CORSO PER CERTIFICATORI ENERGETICI DEGLI EDIFICI Convalidato da SACERT e riconosciuto dalla Regione Emilia Romagna* Coordinatore scientifico: arch. Patricia

Dettagli

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 La Finestra sul PVC La Finestra sul PVC n. 80 del 08/10/2014 PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 Il 2 ottobre sono state pubblicate da UNI le nuove versioni della UNI/TS

Dettagli

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE

EPBD recast ed il nuovo quadro normativo nazionale: nuovi requisiti minimi e linee guida APE : nuovi requisiti minimi e linee guida APE EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO - VERSO IL 2020 Il futuro delle costruzioni tra decreti NZEB, edifici di riferimento, certificazione ed efficienza energetica in

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici non residenziali Codice certificato Riferimenti catastali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Nessuno Validità Indirizzo edificio Piazza Della Repubblica 1, Varese

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

NOVITA PRINCIPALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

NOVITA PRINCIPALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NOVITA PRINCIPALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Obblighi di dotazione Modalità di redazione e deposito dei certificati Precisazioni sulla durata e validità Allineamento della procedura di calcolo alle

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

Verso una qualità energetica certificata degli edifici: l esperienza di SACERT

Verso una qualità energetica certificata degli edifici: l esperienza di SACERT 2 Giornata Sull uso razionale dell Energia Negli edifici civili e del terziario Associazione Italiana Economisti dell Energia Verso una qualità energetica certificata degli edifici: l esperienza di SACERT

Dettagli

Direttiva certificazione energetica. Carival 22.06.2005 1

Direttiva certificazione energetica. Carival 22.06.2005 1 Carival 22.06.2005 1 Dal 4 gennaio 2003 è in vigore la Direttiva UE del 16 dicembre 2002 che rende obbligatoria la certificazione energetica degli edifici (articolo 7). La Direttiva deve essere trasformata

Dettagli

Tecnologie impiantistiche per l edilizia l certificata

Tecnologie impiantistiche per l edilizia l certificata Tecnologie impiantistiche per l edilizia l certificata Brasimone 27 maggio 2008 Quadro normativo sul solare termico Ing. Massimiliano Rossi Norme di prodotto UNI EN 12975 Parte 1 e 2 (Collettori solari)

Dettagli

ALLEGATO B CRITERI DI VALUTAZIONE

ALLEGATO B CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO B CRITERI DI VALUTAZIONE A - Analisi delle prestazioni energetiche in relazione al costo dell investimento A.1 - REI = Energia risparmiata / Costo intervento massimo 15 punti Il presente parametro

Dettagli

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie;

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; Ente pubblico di ricerca ENEA Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; E a supporto delle politiche di competitività e dello sviluppo sostenibile in campo energetico-ambientale

Dettagli

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA COMMISSIONE GIOVANI PRINCIPI BASILARI PER LA PROGETTAZIONE Problematiche energetiche del sistema Edificio-Impianto Dott.Ing. Fabio Sicurella f.sicurella@diim.unict.it

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Certicazione Energetica degli Edifici

Certicazione Energetica degli Edifici Certicazione Energetica degli Edifici Accreditato ERMES ENERGIA - Emilia Romagna Obiettivi Fornire una panoramica della legislazione e normativa vigente sulla qualificazione e certificazione degli edifici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

energetica di grandi patrimoni edilizi

energetica di grandi patrimoni edilizi C.I.T.E.R.A. Centro di Interdipartimentale Territorio, Edilizia, Restauro, Architettura Dottorato di ricerca in Risparmio energetico e microgenerazione distribuita XXIV Ciclo Modello per la valutazione

Dettagli

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo Eco-Building Club 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club" Collaborazione ITC-CNR / ENEA Sviluppo di un approccio metodologico e di calcolo semplificato per la certificazione energetica degli Edifici Residenziali

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica La certificazione energetica A cura di Dott. Ing. Neri Manuela Software CENED per la regione Lombardia http://www.cened.it/software Indice della presentazione Certificazione energetica: cos è e perché?

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

Boom economico 1958-1963

Boom economico 1958-1963 Boom economico 1958-1963 Più di 10 milioni di italiani si spostarono dal Mezzogiorno e dalle regioni del Triveneto verso le aree più ricche e industrializzate del paese La rapida crescita demografica era

Dettagli

Calendario corso: AA090.8 "Certificatore Energetico in Edilizia"

Calendario corso: AA090.8 Certificatore Energetico in Edilizia Calendario corso: AA090.8 "Certificatore Energetico in Edilizia" G L Data Argomento Descrizione Docente Codocente Luogo Aula 1 1 Lun 24/02/2014 Il certificatore. Inquadramento legislativo. Ruolo e funzione

Dettagli

REGOLAMENTO RISPARMIO ENERGETICO E CERTIFICAZIONE ENERGETICA REGIONE LIGURIA Aprile 2008

REGOLAMENTO RISPARMIO ENERGETICO E CERTIFICAZIONE ENERGETICA REGIONE LIGURIA Aprile 2008 REGOLAMENTO RISPARMIO ENERGETICO E CERTIFICAZIONE ENERGETICA REGIONE LIGURIA Aprile 2008 Ing. Laurent SOCAL Clausola di cedevolezza La Liguria sta applicando la clausola di cedevolezza (art. 17 del Dlgs

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI (art. 28 della Legge 9 gennaio 1991, n. 10,

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI RELAZIONE TECNICA OPERE RELATIVE A RISTRUTTURAZIONE TOTALE/PARZIALE O MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'INVOLUCRO EDILIZIO DI EDIFICIO ESISTENTE CON SUPERFICIE UTILE FINO A 1000 m 2 (art.3 comma 2, lett.c,

Dettagli