ANALISI DELLA DOMANDA DI STRUMENTI DI GESTIONE DEL RISCHIO CLIMATICO IN AGRICOLTURA IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DELLA DOMANDA DI STRUMENTI DI GESTIONE DEL RISCHIO CLIMATICO IN AGRICOLTURA IN ITALIA"

Transcript

1 ANALISI DELLA DOMANDA DI STRUMENTI DI GESTIONE DEL RISCHIO CLIMATICO IN AGRICOLTURA IN ITALIA a cura di Antonella Pontrandolfi INEA 2014

2 Rapporto Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia Maggio 2014

3 Servizio tecnico Ambito di ricerca Progetto Responsabile Ambiente e risorse naturali in agricoltura Politiche per l ambiente e l agricoltura Attività di ricerca e supporto tecnico in materia di calamità naturali, rischio climatico e fitosanitario e politiche collegate Antonella Pontrandolfi Comitato tecnico scientifico : Antonella Pontrandolfi (responsabile di progetto), Mauro Serra Bellini (MiPAAF), Felice Adinolfi (Università di Bologna), Barry Goodwin (Università del North Carolina) e Alexandre Meybeck (FAO). Rapporto «Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia» Il documento è disponibile sul sito Il rapporto è a cura di Antonella Pontrandolfi La stesura dei capitoli si deve a: Introduzione e Capitolo 1: Antonella Pontrandolfi Capitolo 2: Antonella Pontrandolfi paragrafi 2.1, 2.2 e 2.3 Silvia Vanino paragrafi e Capitolo 3: Geoffroy Enjolras paragrafi 3.1 e 3.2 Fabian Capitanio paragrafi e Barry Goodwin paragrafo Capitolo 4: Antonella Pontrandolfi, Geoffroy Enjolras, Fabian Capitanio e Barry Goodwin Elaborazione dati: Orlando Cimino e Antonio G. Pepe Ringraziamenti particolari vanno al Dott. Massimo Gargano per i preziosi spunti offerti nel corso del lavoro e al Dott. Pietro Sandali per il referaggio del rapporto. Giugno 2014, INEA Roma, Italia Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 2

4 Presentazione L impresa agricola si trova oggi ad operare in un contesto caratterizzato da una globalizzazione dei mercati sempre più spinta, dalla necessità di produrre derrate alimentari di pregio e qualità, ottenute in modo sostenibile dal punto di vista ambientale, della salute e benessere degli animali e delle piante e della salute pubblica. Nel contempo, è parte attiva nella gestione delle risorse naturali e l'agricoltura in senso lato costituisce uno strumento importante per preservare il paesaggio rurale, lottare contro la perdita di biodiversità, favorire l'adeguamento al cambiamento climatico mitigandone gli effetti. L attività agricola è essenziale inoltre per garantire la dinamicità dei territori e la loro vitalità economica nel lungo periodo. Per operare in questo contesto, l impresa agricola necessita di adattamenti continui che richiedono impegni finanziari anche di medio e lungo termine. La bassa redditività del settore e la presenza, oltre ai rischi di mercato come tutte le altre imprese, anche di quelli climatici e fitosanitari, non garantiscono la sostenibilità economica degli investimenti nel tempo. Negli ultimi anni gli strumenti economici di gestione del rischio in agricoltura sono stati oggetto di un rinnovato interesse e di una profonda evoluzione, non solo per la loro crescente diffusione nelle politiche nazionali di supporto all agricoltura, ma anche in relazione all importante ruolo che possono svolgere come azione di adattamento ai cambiamenti climatici. In effetti, in tutti i diversi scenari che vanno delineandosi si evidenzia un aumento della volatilità nelle condizioni climatiche e degli eventi estremi e l agricoltura risulta il settore più esposto e vulnerabile. A livello comunitario, tra l altro, è in corso la discussione sul rafforzamento del Fondo di solidarietà europeo proprio a causa dell aumento della frequenza e della intensità degli eventi estremi, in particolare delle alluvioni. Da queste considerazioni, nasce la necessità di implementare la politica di gestione dei rischi, partendo dalla nostra esperienza nazionale e utilizzando gli Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 3

5 strumenti offerti dalla PAC , considerando le peculiarità del nostro territorio e della nostra produzione agricola. Rispetto a tali riflessioni, lo studio di INEA riporta spunti di riflessione molto utili in fase di definizione delle strategie sulla gestione del rischio, rappresentando prima gli aspetti di esposizione e vulnerabilità delle aree agricole italiane ai principali eventi calamitosi, su cui concentrare anche gli sforzi di politica, e affiancando una specifica analisi sull approccio delle aziende agricole italiane alla gestione del rischio. Il rapporto offre quindi spunti utili per meglio focalizzare le diverse realtà dal punto di vista sia degli eventi climatici e degli effetti sulla gestione delle imprese agricole, sia dell efficacia ed efficienza degli strumenti attualmente utilizzati per la gestione dei rischi. Dai risultati dello studio si possono ricavare importanti spunti per stimolare un confronto per adeguare le politiche di settore e consentire alle imprese agricole di cogliere al meglio le opportunità offerte dalla PAC e dai cambiamenti in corso. Dott. Giuseppe Blasi Capo Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 4

6 Indice Introduzione Politiche e fabbisogni sulla gestione del rischio climatico in agricoltura Contesto Principali domande cui rispondere Obiettivi dello studio Analisi della domanda a livello territoriale Esposizione e vulnerabilità Metodologia e banca dati Analisi dei dati Esposizione e vulnerabilità alla siccità Esposizione e vulnerabilità alle piogge alluvionali Considerazioni Analisi dei fattori usati dagli agricoltori per gestire il rischio Metodologia e banca dati Analisi dei dati Combinazioni delle strategie di gestione del rischio Focus sull influenza delle assicurazioni nella gestione aziendale Considerazioni Conclusioni: analisi integrata della domanda di strumenti di gestione del rischio Allegato cartografico Bibliografia essenziale Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 5

7 Introduzione Nel contesto dei cambiamenti climatici, dei processi di globalizzazione e del rischio di impresa, l agricoltura mediterranea risulta particolarmente fragile, anche in relazione alla grande varietà di ecosistemi, microclimi e condizioni ambientali, così come di produzioni agricole basate sulla qualità e sulle specialità e varietà territoriali. Il concetto di rischio climatico, inoltre, può comprendere anche il comportamento e la diffusione di fitopatologie e attacchi parassitari, che si mostrano nel tempo sempre più anomali come risultato delle condizioni climatiche e degli eventi estremi. L Italia su questi temi, in particolare sulla gestione del rischio in agricoltura, ha una tradizione radicata, sulla spinta anche delle particolari caratteristiche climatiche, ambientali e produttive, che determinano una grande eterogeneità e complessità delle variabili e una più alta esposizione e vulnerabilità delle produzioni ai rischi associati alle condizioni climatiche. Il presente studio presenta i risultati della ricerca svolta dall INEA sul progetto Attività di ricerca e supporto tecnico in materia di calamità naturali, rischio climatico e fitosanitario e politiche collegate, finanziato dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. L Istituto ha avviato da circa 10 anni un filone di ricerca sui trend climatici e le implicazioni in agricoltura, con specifiche attività sulle calamità naturali e la gestione del rischio attivate 4 anni con il progetto nell ambito del Fondo di solidarietà nazionale per le calamità naturali in agricoltura, strumento di politica che aiuta gli agricoltori attraverso aiuti economici per la stipula di polizze assicurative e per compensazione dei danni. L attività di ricerca del progetto è stata implementata con le nuove misure previste a livello europeo nella PAC a seguito dell Health check del 2009, che per Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 6

8 la prima volta ha visto l inserimento degli strumenti di gestione del rischio in ambito PAC. È ora importante definire obiettivi e strumenti delle nuove politiche e una strategia integrata sulla gestione del rischio climatico per affrontare le sfide della nuova PAC , che prevede misure specifiche su assicurazioni, fondi di mutualità e strumenti di stabilizzazione del reddito. Lo studio illustrato nel presente rapporto intende proprio a questo scopo fornire un contributo tecnicoscientifico al dibattito in corso sulla efficacia di tali politiche sia in Europa che in altri Paesi (Goodwin et al, 2004; Capitanio e Cioffi, 2011; Chatellier, 2011), analizzando la domanda di strumenti di gestione del rischio in Italia. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 7

9 1. Politiche e fabbisogni sulla gestione del rischio climatico in agricoltura 1.1 Contesto L agricoltura nel bacino del Mediterraneo risulta dagli scenari più esposta e vulnerabile al rischio climatico di altre aree europee per diverse ragioni: si basa sulla qualità delle produzioni piuttosto che sui quantitativi prodotti, con produzioni a maggior valore aggiunto e alta rilevanza economica anche in termini di esportazioni; quindi a parità di danni sui quantitativi corrisponde una maggiore perdita economica; le condizioni ambientali e climatiche dei Paesi Mediterranei, in particolare della penisola italiana, sono molto eterogenee, fattore che rende le produzioni più variegate e ricche, ma anche con più rischi per le produzioni tipiche locali. In base a tali considerazioni, la gestione del rischio ha sempre rappresentato un elemento importante nella gestione aziendale e, in alcuni casi, un fattore decisivo per la sopravvivenza stessa delle aziende. Sono diverse le azioni che possono concorrere ed essere utilizzate per gestire il rischio: strutturali: azioni di miglioramento delle strutture e delle infrastrutture a livello aziendale e territoriale per ridurre l esposizione e la vulnerabilità agli eventi estremi; gestionali: miglioramento della gestione aziendale e dell uso degli input (pianificazione e programmazione aziendale, innovazione e modernizzazione della gestione, diversificazione delle attività e delle produzioni), strumenti di supporto alle decisioni e sistemi di allarme rapido per siccità, alluvioni, frane e condizioni fitosanitarie; Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 8

10 economiche: strumenti finanziari per coprire il rischio attraverso assicurazione, fondi compensativi, fondi di mutualità, investimenti e risparmio. Con particolare riferimento alla categoria degli strumenti economici, questi sono considerati più efficaci, ad esempio se paragonati agli investimenti strutturali, per la loro adattabilità e flessibilità alle condizioni esterne nella definizione e nella applicazione (i contratti assicurativi o i regolamenti dei fondi di mutualità, ad esempio, hanno oggetto e parametri modificabili anche annualmente). Nel contesto dei cambiamenti climatici, queste caratteristiche risultano ancora più importanti dato il grado di incertezza sugli effetti e gli impatti sulle produzioni. L analisi del contesto internazionale dimostra che la diffusione degli strumenti di gestione del rischio in agricoltura, in particolare le assicurazioni, si basa sulla disponibilità di contributi e sulla regolamentazione pubblica (Pontrandolfi, 2013), in molti casi definiti rispetto a target precisi, ad esempio eventi estremi nell Unione Europea e in Nord America e più recentemente in Australia, i prezzi nel Nord America, il reddito rurale in Sud America. Ma l argomento della gestione del rischio supportato da fondi pubblici solo recentemente ha preso piede nel dibattito sulla politica comunitaria (European Commission, 2013a), innanzitutto perché per quasi mezzo secolo la PAC ha assicurato meccanismi di stabilizzazione dei mercati, secondariamente perché la costruzione e la diffusione degli strumenti economici di gestione del rischio con politiche nazionali ha seguito traiettorie e indirizzi diversi nei Paesi dell Unione, creando prospettive di intervento che non si sono evolute su un percorso comune. La diversità degli strumenti disponibili, il processo in corso di allargamento dell Unione e le specificità nazionali delle produzioni agricole ha portato a un set diversificato e complesso di sistemi di gestione del rischio, che Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 9

11 differiscono sia negli strumenti disponibili sia nel grado di copertura del sostegno pubblico. Con la riduzione sempre maggiore delle garanzie della PAC in termini di stabilizzazione dei mercati, il problema della gestione del rischio ha gradualmente acquistato un ruolo sempre più importante, che si riflette in una serie di innovazioni apparse per la prima volta nel 2009 nell Health check della PAC e poi proposte nel regolamento per lo sviluppo rurale della Commissione europea. Con l art. 68 del regolamento 73/2009, è diventato possibile usare parte dei fondi UE allocati sui pagamenti diretti al fine di promuovere l accesso degli agricoltori agli strumenti di gestione del rischio. Un innovazione che quindi riguarda l allocazione delle risorse, non la definizione degli strumenti, che rimane in capo agli Stati Membri. Sono stati previsti incentivi per le assicurazioni e i fondi di mutualità sui rischi di produzione per coprire le perdite a carico delle quantità e della qualità dei prodotti causate da eventi meteorologici, malattie su piante e animali, incidenti ambientali. Con i cambiamenti introdotti nel regolamento n. 1305/2013 sul sostegno allo sviluppo rurale per il periodo , la Commissione non solo conferma le previsioni contenute nel reg. 73/2009 (anche se i contributi sono spostati dai pagamenti diretti a quelli pluriennali dello sviluppo rurale), ma introduce una nuova misura, definita strumento per la stabilizzazione del reddito (income stabilization tool), con lo scopo di supportare la gestione del rischio di reddito degli agricoltori attraverso fondi di mutualità. 1.2 Principali domande cui rispondere Obiettivi dello studio Sulla base delle considerazioni prima fatte, è importante valutare il contributo che gli strumenti economici di gestione del rischio possono dare nel contesto della PAC e in relazione ai cambiamenti climatici in atto, perché per essere realmente efficaci questi strumenti necessitano di una forte integrazione Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 10

12 in un più generale quadro di politiche e azioni di adattamento. Inoltre, è fondamentale, nel disegnare questi strumenti, assicurare la coerenza con altri importanti obiettivi della politica agricola, in particolare quelli di sicurezza alimentare e di sostenibilità ambientale (Goodwin et al, 2004). Seguendo il regolamento 1305/2013 della Commissione europea, nella politica di sviluppo rurale sono introdotte misure a supporto degli agricoltori per perdite dovute a eventi climatici estremi o malattie animali e vegetali o infezioni parassitarie, precisamente: premi assicurativi su produzioni vegetali e animali; fondi mutualistici per compensazione economica agli agricoltori che hanno subito perdite; strumento di stabilizzazione del reddito in forma di contributi a fondi di mutualità per compensare gli agricoltori di perdite oltre il 30% del loro reddito. Alcuni Paesi hanno avviato una serie di studi e approfondimenti per valutare gli aspetti più problematici degli strumenti, così come la loro integrazione nella politica di sviluppo rurale, anche al fine di evitare possibili sovracompensazioni. Con riferimento alla realtà italiana, l esperienza condotta negli ultimi 40 anni dalla nascita del Fondo di solidarietà e sulla base di altre ricerche condotte anche da INEA, sono diverse le questioni da affrontare al fine di definire la forma ottimale da dare a questi strumenti. In particolare, gli aspetti più critici e comuni sono: la carenza di analisi preliminari sulle condizioni di rischio (parametri, livelli di rischio e interrelazioni) e di valutazione del rischio che spieghino e giustifichino le scelte sulle politiche e l allocazione dei contributi pubblici; la carenza di analisi della domanda di gestione del rischio climatico tra le aziende italiane e le aree agricole, con politiche orientate più alla disponibilità del mercato (assicurazioni) che appunto alla domanda; questa tendenza può creare inefficienze e inefficacia delle politiche e degli stessi strumenti rispetto ai bisogni degli agricoltori (ad esempio sono presenti aiuti su rischi al limite Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 11

13 dell assicurabilità, con anche conseguente sbilanciamento tra aiuti economici e premi e capacità delle compagnie di indennizzare i danni in base alla loro frequenza e copertura territoriale) (Capitanio et al, 2011); un basso livello di integrazione tra le strategie di gestione del rischio (riduzione dell esposizione, trasferimento dei rischi e accettazione), con il trasferimento nettamente privilegiato nelle politiche di supporto. la gestione del rischio non dovrebbe riguardare solo il livello aziendale, ma comportare il coinvolgimento di interi territori soggetti agli stessi rischi, occorre dunque una strategia più ampia e multilivello (livelli aziendale e territoriale, azioni gestionali, economiche e strutturali), altrimenti le misure potrebbero risultare non utili agli agricoltori e non efficienti in termini di spesa pubblica. La finalità da porsi è quindi esplorare le potenzialità e i limiti degli strumenti economici di gestione del rischio nel contesto dell adattamento ai cambiamenti climatici e rispetto alle esigenze e necessità delle aziende agricole, le possibili o necessarie politiche e le prospettive future. Partendo dall analisi degli strumenti attualmente disponibili a livello internazionale, e tenendo conto dell esperienza italiana sulla gestione del rischio (Fondo di solidarietà nazionale per le calamità naturali in agricoltura da decreto legislativo n. 102/04), il cuore dello studio è un analisi integrata della domanda di strumenti di gestione del rischio in agricoltura a livello territoriale e aziendale in Italia. L approccio scelto è quindi multilivello e considera: 1. il rischio climatico delle aree agricole in termini di esposizione agli eventi estremi (frequenza e durata) e di vulnerabilità (danni economici associati agli eventi estremi); 2. l approccio aziendale per affrontare i rischi climatici in termini di uso di strumenti tecnici (pratiche agricole, pesticidi, fertilizzanti e irrigazione) e di strumenti economici (assicurazioni, risparmio, ecc.). Questa parte analizza le strategie prevalenti nelle aziende agricole italiane sul rischio di produzione, attraverso un analisi incrociata e longitudinale e un analisi di correlazione che evidenziano le principali direzioni in cui gli Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 12

14 agricoltori si muovono per adattare la struttura aziendale e affrontare il rischio (Serra et al., 2005). 3. una analisi integrata della domanda valutando insieme i risultati delle prime 2 analisi che evidenzia come le politiche attuali si sposano alle scelte aziendali e al contempo i fabbisogni da soddisfare attraverso le politiche sul rischio. Questa parte relativa all analisi integrata evidenzia anche le opportunità che derivano dall evoluzione di un nuovo sistema e le potenziali sinergie tra la gestione del rischio e le altre misure di sviluppo rurale di natura più strutturale e gestionale, quali le misure strutturali per la prevenzione, la manutenzione e l irrigazione, l innovazione tecnologica e sulle capacità gestionali come formazione-consulenza. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 13

15 2. Analisi della domanda a livello territoriale Esposizione e vulnerabilità 2.1 Metodologia e banca dati La valutazione della domanda di gestione del rischio climatico a livello territoriale è stata svolta attraverso un analisi dell esposizione e della vulnerabilità del territorio ai principali tipi di eventi estremi associati ai maggiori danni economici prodotti. Basandosi sui riferimenti presenti nella normativa europea e nazionale in materia di catastrofi naturali, nel presente rapporto si usa l aggettivo estremo riferito all evento climatico avverso dichiarato calamità naturale dallo Stato 1. Come primo passo, è stato realizzato un geodatabase che colletta i dati dagli anni settanta del Ministero dell Agricoltura sui decreti di dichiarazione dello stato di calamità in agricoltura e sui riconoscimenti dei danni associati. Gli eventi estremi e i danni associati dei decreti inclusi nel database sono quelli oggetto di fondi compensativi, in accordo con la legge italiana di riferimento, il decreto legislativo n. 102/04 sul Fondo di solidarietà per le calamità naturali in agricoltura. Come noto, la normativa nazionale con la riforma del 2004 ha ben distinto nel Fondo di solidarietà nazionale le tipologie di eventi e gli strumenti su cui sono erogabili i contributi pubblici (assicurazioni e fondi compensativi) applicando il principio di esclusione (non può andare a compensazione il rischio incluso nel Piano assicurativo annuale nazionale). Va però detto che diverse clausole prevedono fondi compensativi anche sui rischi assicurabili e deroghe al principio in casi di particolare rilevanza. Negli ultimi anni il valore assicurato è cresciuto, ma il ruolo dei fondi compensativi è ancora forte e sembra crescere con l aumento degli eventi estremi occorsi (si pensi alla grave siccità del 2012 e 1 Usando come riferimento la Commissione europea, il Capitolo V degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di stato nel settore agricolo e forestale Gestione dei rischi e delle crisi distingue le tipologie di aiuto a seconda che i danni da indennizzare siano arrecati da: calamità naturali, avverse condizioni climatiche, epizoozie, fitopatie. Tra le calamità naturali sono annoverati: i terremoti, le valanghe, le frane e le inondazioni. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 14

16 alle numerose alluvioni). Allo stesso tempo, diversi eventi estremi inclusi nel Piano assicurativo hanno messo in crisi il meccanismo dei risarcimenti, rendendo necessari interventi straordinari di compensazione. In base a queste due considerazioni, l analisi approfondisce i dati dei decreti sui fondi compensativi, perché gli eventi e i danni non assicurabili rappresentano una domanda e un fabbisogno di gestione del rischio e di strumenti di gestione, oggi affidata esclusivamente alle disponibilità dei fondi compensativi. Su questo fabbisogno le misure previste nella politica di sviluppo rurale potrebbero creare un offerta di strumenti complementari o alternativi. La scelta dei dati è associata anche ad altre considerazioni: i dati si riferiscono a eventi già definiti per decreto calamità naturale, quindi non occorrono ulteriori analisi climatiche per stabilirne la gravità, quindi l ammissibilità al contributo pubblico secondo i criteri della normativa europea; i decreti riportano il periodo temporale dell evento estremo, la localizzazione (a livello comunale o delle intere province) e il danno economico riconosciuto; nel geodatabase realizzato da INEA i dati fisici e i dati economici sono analizzati contestualmente in un analisi territoriale, scelta importante rispetto ai processi di targeting (mira) delle misure di sviluppo rurale richiesti dalla Commissione nel reg. 1305/13 e relative linee guida; il tipo di analisi della domanda può essere utilizzato per: - valutare e introdurre nuovi strumenti economici di gestione del rischio per ridurre il fabbisogno sui fondi compensativi; - valutare e migliorare l efficacia dei Piani assicurativi; - indicare quali tipi di sinergie con altre misure di sviluppo rurale possono attivarsi al fine di ridurre l esposizione e la vulnerabilità delle aree agricole (sistemi di supporto alle decisioni, investimenti strutturali, ammodernamento e innovazione, ecc.). Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 15

17 Dataset Il geodatabase è organizzato per eventi e include dati su: a) evento climatico estremo riconosciuto come calamità naturale; gli eventi sono raggruppati in categorie riportate in tabella 2.1 e solo quelli climatici sono presi in considerazione (non terremoti ed eruzioni vulcaniche); b) data dell evento e periodo di occorrenza (numero di giorni); c) comuni coinvolti (o le intere province) e la relativa SAU coinvolta; d) danni economici riconosciuti: perdite economiche riconosciute nei decreti causate dall evento sulla produzione, le strutture aziendali e le infrastrutture connesse all attività agricola; Si specifica che i dati sul danno riconosciuto non corrisponde al contributo erogato, che dipende dalla disponibilità finanziarie annuali del Fondo di solidarietà (bilancio dello Stato). Il danno economico riconosciuto nei decreti è stimato: per le produzioni attraverso la SAU coinvolta, il tipo di colture e i loro prezzi ufficiali al tempo dell evento; per le strutture e le infrastrutture attraverso il tipo di danno fisico subito e i costi per la ricostruzione o la manutenzione straordinaria e la rimessa in funzione delle opere. Le strutture aziendali sono sistemi di irrigazione, stalle, serre, ecc. Le infrastrutture connesse alle attività agricole non sono tipicamente a livello aziendale, ma comuni e in genere collettive, quali la rete di bonifica e/o di irrigazione, canali di scolo, strade rurali e interpoderali, spesso a uso anche delle comunità. Le elaborazioni svolte per l analisi riguardano il decennio , in accordo con l analisi sulle scelte aziendali riportata nel capitolo 3. Elaborazioni L unità geografica di riferimento per l analisi della domanda a livello territoriale è la provincia. L approccio metodologico si basa sulle seguenti definizioni: Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 16

18 - Esposizione del territorio provinciale agli eventi estremi: distribuzione spaziale e temporale degli eventi negli ultimi 10 anni usando come indicatore il numero di giorni o il numero di eventi (dipende dal tipo di evento); - Danni per provincia: somma delle perdite economiche riconosciute in ciascuno dei 10 anni e somma nella decade; - Vulnerabilità del territorio provinciale agli eventi estremi: danno economico causato in relazione alla SAU coinvolta e all esposizione; L indicatore di vulnerabilità è calcolato per ogni anno del periodo come: (Danni totali causati dagli eventi dell anno)/(sau coinvolta nell anno)*(numero di giorni di esposizione nell anno), Unità di misura: /ha*giorno L indicatore è elaborato in mappe come valore medio del periodo , ma a corredo anche per l anno peggiore di esposizione (massimo valore del numero di giorni) e danni (massimo valore dei danni). L unità spaziale di riferimento per l analisi territoriale è la SAU coinvolta dagli eventi estremi, come indicata dai decreti, ma le elaborazioni cartografiche sono fatte per provincia. Nella tabella 2.1 si riporta l elenco degli eventi estremi presenti dei decreti, le categorie in cui sono stati raggruppati per l analisi e gli indicatori di esposizione e vulnerabilità. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 17

19 Tabella 2.1 Dati dei decreti usati per l analisi EVENTI ESTREMI CATEGORIA INDICATORE ESPOSIZIONE INDICATORE VULNERABILITÀ Eccesso di neve Eccesso di neve n. giorni Gelate Gelate, brinate n. eventi Grandinate Grandinate n. eventi Piogge alluvionali Piogge alluvionali/persistenti n. giorni Piogge persistenti Piogge alluvionali/persistenti n. giorni Siccità Siccità n. giorni Tromba d'aria Tromba d'aria n. eventi Venti sciroccali Venti sciroccali/impetuosi n. eventi Venti impetuosi Venti sciroccali/impetuosi n. eventi Brinate Gelate, brinate n. eventi Alte temperature Eccesso termico n. giorni Grandinate e tromba d'aria Siccità e pioggia con sabbia rossa ed elevate temperature Grandinate Siccità n. eventi n. giorni Sbalzo termico Eccesso termico n. giorni Eccesso di pioggia Piogge alluvionali/persistenti n. giorni Eccesso termico Eccesso termico n. giorni Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF danni /ha*g (o *n. eventi) 2.2 Analisi dei dati L analisi dei dati complessivi sugli eventi estremi dichiarati calamità naturali in agricoltura mostra un valore totale molto elevato dei danni prodotti nel periodo , pari a più di 14 miliardi di euro a livello nazionale (tab. 2.2), il che significa una media di 1,4 miliardi l anno e circa 111 euro/ha di SAU l anno 2, ma ovviamente la distribuzione nel tempo e nello spazio è eterogenea. Il valore totale rappresenta una forte domanda di ulteriore intervento sul rischio climatico rispetto alle misure di politica attualmente disponibili. In effetti, nel valore totale sono compresi eventi e danni inclusi nel Piano assicurativo 2 Valore riferito alla SAU nazionale, nel 2012 pari a circa 12,856 milioni di ettari (www.istat.it). Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 18

20 nazionale3, il che porta alla riflessione di quanto sia strategico definire in ambito PAC delle politiche sulla gestione del rischio più efficaci. In sintesi, il valore totale dei danni è tale da rendere necessario fare qualcosa. Tabella 2.2 Categorie di eventi estremi e danni riconosciuti nel periodo Categoria di evento estremo Danni riconosciuti (in.000 euro) (*) Produzioni Strutture Infrastrutture Totale Eccesso di neve Alte temperature Grandine Gelate e brinate Piogge forti e prolungate alluvionali Siccità Tornado Forti venti Totale (*)Per una corretta interpretazione dei dati, si ricorda che i danni rappresentano un fabbisogno riconosciuto, ma non interamente erogato, quindi non è un dato di spesa pubblica. Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Alcune considerazioni più specifiche emergono dall analisi dei dati per tipo di danno e di eventi estremi: Il 77% dei danni sono sulle produzioni (62% causati dalla siccità e il 14% dalla grandine), in gran parte coperte nei Piani assicurativi; Il 48% dei danni complessivi sono dovuti a eventi siccitosi, quasi interamente sulle produzioni, ma con danni anche sulle strutture (in gran parte sistemi di irrigazione e canali); Il 13% dei danni è dovuto alla grandine, di cui l 85% sulle produzioni; anche in questo caso, si evidenzia che la grandine è l evento tradizionalmente più 3 È importante ricordare che nei decreti sui fondi compensativi possono essere inseriti eventi estremi e danni associati inclusi nel Piano assicurativo, ma dispensati dal principio di esclusione laddove non vi siano le condizioni per stipulare assicurazioni oppure in deroga in particolari situazioni. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 19

21 coperto dalle assicurazioni agricole sin dagli anni settanta, per cui tale valore sui fondi compensativi appare molto alto e significativo di un meccanismo di gestione del rischio con ampi margini di miglioramento. Inoltre, il 20% del danno totale riconosciuto è dovuto a eventi estremi di pioggia e di natura alluvionale. Il 50% dei danni a carico delle strutture aziendali è causato da tali eventi, dimostrando una domanda di gestione del rischio basata su di un approccio innovativo e complementare rispetto agli attuali strumenti (assicurazioni). Con riferimento alle infrastrutture (attualmente solo sui fondi compensativi), i danni al 90% sono causati da eventi estremi di pioggia e l entità dei danni nonché la natura spesso collettiva delle infrastrutture, tra l altro utilizzate anche dalle comunità rurali, fa ritenere più efficace una gestione del rischio su scala territoriale e non aziendale. In questi casi, il rischio climatico potrebbe essere meglio gestito attraverso fondi di mutualità 4 come strumenti economici (Pontrandolfi, 2013), ma appare altrettando importante integrare con misure di riduzione dell esposizione e della vulnerabilità del territorio, ad esempio attraverso le misure di prevenzione e manutenzione previste nei PSR o altri fondi e investimenti strutturali. Concludendo, i dati generali mostrano una domanda aggiuntiva e complementare sulla gestione del rischio climatico in agricoltura, in particolare per la siccità e le piogge alluvionali, e al contempo appaiono necessari interventi correttivi sugli schemi di gestione attuali, in particolare su quelli assicurativi. Come prima illustrato, i dati sono stati analizzati anche in relazione alla esposizione agli eventi e alla loro distribuzione geografica. L indicatore di esposizione (numero di giorni) ai principali eventi estremi nel periodo mostra come tutto il territorio italiano è stato colpito, con il range di valori minore che arriva a 150 giorni e con diverse aree tra i 500 e i giorni in 10 anni (fig. 2.1). I valori più alti di esposizione sono maggiormente presenti nel 4 Alcuni fondi mutualistici senza contributi pubblici sono stati fondati nel Nord Italia a seguito di fitopatie ed eventi estremi, l ultimo dopo l alluvione del 2011 in Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 20

22 Nord Italia, seguite dal Centro, mentre nel resto del Paese le punte massime appaiono più localizzate. Figura 2.1 Esposizione agi principali eventi climatici estremi per provincia nel (numero di giorni) Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF In termini di danni economici, la distribuzione geografica non rispecchia pienamente quella dell esposizione (fig. 2.2). Infatti, i danni maggiori sono più localizzati nel Centro Italia e in alcune aree del Sud, in particolare nelle regioni Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 21

23 Emilia-Romagna, Toscana, Puglia e Calabria, con punte massime di milioni di euro nelle province di Ferrara e Siracusa. La provincia di Ferrare è l unica area in cui al massimo range di esposizione corrisponde il range più alto di danni. Figura 2.2 Danni riconosciuti causati dai principali eventi climatici estremi per provincia nel (.000euro) Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Nei seguenti paragrafi si riporta una analisi più di dettaglio per le due categorie principali di eventi estremi che colpiscono il settore agricolo, la siccità Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 22

24 e le piogge alluvionali. L analisi riguarda l indicatore di esposizione, i danni e l indicatore di vulnerabilità e la rispettiva distribuzione territoriale (cfr. par. 2.1) Esposizione e vulnerabilità alla siccità Come prima visto dai dati complessivi, la siccità rappresenta l evento avverso più rilevante per l agricoltura italiana in termini di danni economici a carico delle produzioni, ma in minima parte anche delle strutture e delle infrastrutture (in particolare danni al funzionamento dei sistemi di irrigazione e delle reti). La distribuzione temporale dei danni si evidenzia non omogenea nel decennio, ma quasi ciclica nella severità degli eventi, con ritorni di una certa gravità ogni 4-5 anni circa (graf. 2.1). In effetti, l evento più grave è occorso nel 2003, con il 99,7% del totale dei danni riconosciuti dell anno (di tutti gli eventi estremi) e il 43% del totale dei danni dovuti a siccità del decennio. Il secondo evento più grave è avvenuto nel 2012, con valori simili di perdite, il che potrebbe suggerire uno scarso adattamento del territorio e delle aziende dopo la grave siccità del 2003 e il ritorno del Negli altri anni, in particolare tra il 2008 e il 2011, si evidenziano episodi poco significativi o assenti (nessuna dichiarazione di calamità naturale). Grafico Eventi siccitosi Totale dei danni per anno nel (.000 ) Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 23

25 Anche rispetto all esposizione la siccità si caratterizza per valori maggiori ad altri eventi avversi su quasi tutto il territorio nazionale (fig. 2.3 in allegato cartografico). Un elemento interessante che emerge riguarda l esposizione alla siccità delle regioni settentrionali rispetto a quelle meridionali e insulari, queste ultime storicamente caratterizzate da climi semi-aridi ed eventi siccitosi più frequenti. Negli ultimi dieci anni gli eventi siccitosi più severi hanno colpito le aree del Nord e del Centro Italia, con valori di dai 500 ai 700 giorni di siccità dichiarata (dai 50 ai 70 giorni l anno di media), in particolare nelle province di Viterbo, Verbania-Cusio-Ossola, Novara, Alessandria, Verona, Modena, Ferrara e Rimini). Rispetto ai danni economici, che, come prima visto, si concentrano quasi esclusivamente sulle produzioni, la distribuzione geografica corrisponde a quella dell esposizione, ma con leggere differenze nel pattern laddove a un range di esposizione più alto non corrisponde il range di danno più alto. Le perdite sono state maggiori nelle regioni Emilia-Romagna, Veneto (Nord), Toscana e Umbria (Centro) e Puglia al Sud. Come illustrato nel par. 2.1, per valutare la vulnerabilità delle diverse aree del Paese rispetto agli eventi estremi, è stato scelto un indicatore per normalizzare i dati sui danni economici in relazione alla esposizione e alla SAU coinvolta. La mappa di vulnerabilità alla siccità fornisce elementi interessanti di valutazione rispetto alla domanda di gestione del rischio (fig. 2.4 in allegato cartografico), primo fra tutti che l indicatore ha valori medi minimi già significativi (range fino a 3 /ha giorno). I dati più specifici sulle diverse province evidenziano una maggiore vulnerabilità delle aree del Nord e del Centro e di alcune aree del Sud, contrariamente a quanto ci si attenderebbe dai pattern climatici e storici. Vari fattori possono contribuire a tale anomalia, quali una modifica in atto del clima, la modificata importanza economica delle colture (che, si ricorda, incide sul valore del danno). In alcune aree meridionali e insulari la minore vulnerabilità può essere in parte spiegata anche con la presenza di importanti infrastrutture irrigue (che hanno consentito di contenere gli effetti della siccità) su cui si è Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 24

26 molto investito nei decenni scorsi per l aumento delle disponibilità idriche per l irrigazione nel Mezzogiorno. Alcune aree presentano un livello di vulnerabilità superiore se paragonato al relativo livello di esposizione, per esempio le province di Imperia, Massa- Carrara e Avellino, da associare anche al più elevato valore economico delle produzioni e alla minore infrastrutturazione irrigua collettiva (che, come prima detto, assicura in genere una migliore gestione delle crisi idriche rispetto all irrigazione autonoma). Queste considerazioni sono confermate dall analisi dei dati relativi l anno peggiore, che per la siccità è il 2003, in cui i valori dell indicatore arrivano fino a punte di 43 /ha al giorno di danni Esposizione e vulnerabilità alle piogge alluvionali Gli eventi estremi associati ai fenomeni precipitativi forti, prolungati e di natura alluvionale appaiono determinare nel tempo sempre più danni alle attività agricole e su tutto il territorio nazionale. I danni associati riguardano abbastanza equamente le produzioni (distruzione delle colture e morte degli animali, perdite di prodotti stoccati) e le strutture e infrastrutture (distruzione di impianti di irrigazione, capannoni, stalle, serre, canali di scolo, strade o perdita della loro funzionalità), con rispettivamente il 30, 40 e 30% dei danni. La distribuzione nel tempo dei danni prodotti nell ultima decade (graf. 2.2) mostra una frequenza costante (ogni anno), con un minimo di danni nel 2007 (circa 100 milioni di euro) e un massimo nel 2003 (circa 800 milioni di euro), da evidenziare nello stesso anno della più intensa crisi siccitosa. Analizzando i dati, la prima considerazione è l elevato valore dei danni prodotti e l occorrenza annuale di danni significativi, il che già di per se pone un problema sull utilizzo di strategie di gestione del rischio quali di trasferimento e di accettazione del rischio, non sufficienti a salvaguardare gli agricoltori. Inoltre, i valori in campo rendono di fatto non sopportabile per la spesa pubblica interventi di compensazione che coprano questo fabbisogno. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 25

27 Quindi altre strategie andrebbero definite al fine di migliorare l efficacia, oltre che l efficienza, delle misure di politica, attraverso una strategia integrata che associ al trasferimento del rischio (assicurazioni, fondi di mutualità) misure sull assetto idrogeologico di riduzione dell esposizione e della vulnerabilità del territorio e quindi delle aree agricole (azioni di manutenzione e prevenzione). Grafico Eventi estremi di pioggia forte e prolungata e di natura alluvionale Totale dei danni per anno nel (.000 ) Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Le aree del Paese più esposte si collocano nel Nord Italia, con molte province nel range da 121 a 480 giorni di calamità naturale dichiarata (massimo valore nelle province di Verona e Vicenza) (fig. 2.5 in allegato cartografico). Alcune aree nel Sud in Campania e Puglia presentano valori elevati, ma il dato inaspettato è della Sicilia, dove, contrariamente al suo clima semi-arido, nell ultima decade è sempre più colpita da eventi estremi di tipo alluvionale. Un altra considerazione emerge rispetto alla distribuzione dei danni complessivi: il pattern di distribuzione è simile a quello dell esposizione, ma con particolari eccezioni per le aree più esposte (Verona, Vicenza e Foggia), dove altre misure di emergenza sono state attivate in relazione all entità dei danni e all entità della calamità (fondi speciali del Governo o delle Regioni, risarcimenti assicurativi, ecc.). Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 26

28 Gli eventi più significativi come numero di giorni sono occorsi nel 2009, mentre in termini di danni nel 2009, quindi l analisi di vulnerabilità è stata svolta per la media del , per il 2003 e per il 2009 (figg. 2.6 e 2.7 in allegato cartografico). Partendo dalle produzioni, la gran parte del territorio ha una vulnerabilità media pari a 1-25 euro/ha al giorno. Questi numeri si considerano significativi in assoluto, ma rappresentano il range più basso nella classificazione di vulnerabilità riscontrata. In sostanza, si può dire che il territorio italiano è tutto significativamente vulnerabile, con aree particolarmente vulnerabili, che infatti presentano valori medi dell indicatore superiori a euro/ha al giorno (province di Imperia, Salerno e Matera). Il Sud Italia in particolare mostra valori inattesi, con molte aree nel range euro/ha al giorno. La stessa considerazione emerge analizzando i dati sulle strutture e sulle infrastrutture: la gran parte del territorio è nelle classi più basse della scala, ma i valori medi minimi sono di 0, e 0, euro/ha al giorno. Nel caso delle infrastrutture, la vulnerabilità appare più alta nel Nord Italia, con valori massimi che arrivano a euro/ha al giorno. Considerando l anno peggiore per l esposizione e per i danni, rispettivamente il 2009 e il 2003, la vulnerabilità appare maggiore per le strutture e le infrastrutture rispetto alle produzioni, con valori che arrivano a 820 (2009) e (2003) euro/ha al giorno. Inoltre, comparando gli stessi dati del 2003 rispetto alla siccità, è evidente che: eventi estremi apparentemente opposti come decorso climatico stagionale (eccesso di pioggia, carenza di acqua) possono invece colpire lo stesso anno nella stessa area; le misure di adattamento devono tener conto di queste occorrenze e necessitano, quindi, di forte integrazione di obiettivi; l esposizione è meno significativa per gli eventi alluvionali che per la siccità, ma questi eventi causano danni maggiori, anche perché le strutture e infrastrutture colpite (poco o niente dalla siccità) possono essere molto più costose da riparare o ricostruire rispetto alle perdite produttive. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 27

29 2.3 Considerazioni Tenendo conto dell approccio metodologico e della tipologia di dati utilizzati, è possibile trarre dall analisi alcune prime riflessioni in merito all impianto delle politiche sulla gestione del rischio e le misure di sostegno nella nuova PAC. La prima considerazione è che il valore complessivo dei danni è molto alto, esprimendo un forte bisogno di riadattare gli attuali sistemi di gestione del rischio alle condizioni climatiche e alla vulnerabilità del territorio. Una seconda importante considerazione riguarda l esposizione alla siccità e alle piogge alluvionali del territorio italiano, che è tale nel tempo e nello spazio da rendere sempre più difficile definire tecnicamente questi eventi avversi come estremi e di natura eccezionale, quindi catastrofale. Da questo punto di vista, sarebbe opportuno rivedere secondo i nuovi trend e pattern le analisi di rischio climatico al fine di valutare più efficacemente e correttamente se si tratta di rischi di natura sistemica (su cui allora agire con politiche e strumenti più adatti di assicurazioni e compensazioni) oppure se nuovi pattern climatici che vanno delineandosi. In particolare, l analisi dei dati indica delle inefficienze negli schemi assicurativi che riguardano le produzioni, che appaiono forzati rispetto all estensione e alla sistematicità del rischio nel tempo e nello spazio sia per la siccità sia per gli eventi alluvionali. Quindi, si dovrebbe almeno prevedere altri strumenti complementari strutturali o gestionali al fine di ridurre la vulnerabilità, da associare agli strumenti economici. Le mappe di vulnerabilità non corrispondono pienamente alle mappe di esposizione, quindi per aumentare l efficacia delle politiche è importante mirare le misure sulla gestione del rischio a livello territoriale rispetto ai livello di vulnerabilità e alle tipologia di eventi principali. Infine, si intende evidenziare ancora quanto risulti vulnerabile tutto il territorio italiano agli eventi estremi di tipo alluvionale, che origina una domanda di gestione del rischio vasta e che necessita di strategie integrate di Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 28

30 riduzione in termini di assetto idrogeologico. Le azioni di prevenzione e manutenzione a livello territoriale appaiono un prerequisito senza il quale qualunque altro strumento d gestione di natura economica appare destinato a fallire rispetto alle esigenze delle aziende agricole. Inoltre, l estensione della vulnerabilità fa apparire necessario un approccio collettivo alle misure. In sintesi, rispetto all attuale approccio della PAC, l analisi suggerirebbe di approfondire gli aspetti legati a piani integrati e mirati sul territorio, in quanto in prospettiva potrebbe risultare più efficace ri-disegnare ora l approccio sulle misure di gestione del rischio rispetto ai necessari costanti correttivi che si apportano nelle fasi emergenziali. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 29

31 3. Analisi dei fattori usati dagli agricoltori per gestire il rischio Nel capitolo si analizza la parte di analisi della domanda dedicata alle strategie messe in campo dagli agricoltori italiani per gestire il rischio di produzione. Sono state svolte delle analisi intersettoriale e una longitudinale così come un analisi di correlazione che evidenzia le maggiori differenze tra le modalità con cui le aziende agricole adattano le loro strutture e la gestione rispetto al rischio. I risultati attesi riportano a un analisi dell approccio al rischio climatico delle aziende in relazione alla loro esposizione. I dati utilizzati sono trattati a livello provinciale-regionale e derivano dalla banca dati della Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA) 5, precisamente sono stati estratti quelli che permettono la descrizione delle caratteristiche delle aziende, della gestione aziendale e dei fattori di produzione e i dati sulle assicurazioni se e dove stipulate, presenti nella banca dati (si veda l appendice 1 per l elenco specifico dei dati estrapolati). Gli indicatori che descrivono le scelte per affrontare il rischio a livello aziendale possono riferirsi fondamentalmente a due tipi di strumenti, tecnici ed economico- finanziari. Nello specifico, gli indicatori scelti per l analisi sono: Strumenti tecnici: Diversificazione (numero delle colture praticate, mix colture/allevamento, ecc.); Uso di input chimici (pesticidi e fertilizzanti); Irrigazione (presenza e tipologia dei sistemi usati); Servizi di consiglio/consulenza (presenza e tipologia); Certificazione dell azienda; 5 La Rete di Informazione Contabile Agricola (RICA) è uno strumento comunitario finalizzato a conoscere la situazione economica dell agricoltura europea e a programmare e valutare la Politica agricola comunitaria. In Italia è gestita dall INEA (www.inea.it). Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 30

32 Costi di manutenzione; Investimenti in nuove tecniche e tecnologie e macchine; Strumenti economico-finanziari: Risparmio; Assicurazioni; Tipo di commercio (industria, cooperative, consumatori, ecc.); Livello di cassa dell azienda; Pagamenti comunitari (UE). 3.1 Metodologia e banca dati Con riferimento all uso dei dati della RICA, va specificato che si tratta di rilevamenti campionari sulle aziende agricole, di grande dettaglio e su scala individuale (la missione principale è la contabilità aziendale). Il campione nazionale è stratificato per regione e specializzazione delle aziende. La quantità e la qualità delle informazioni che la banca dati fornisce è notevole sulla contabilità annuale delle aziende agricole italiane, per cui un preciso studio delle spese operative consente di identificare e misurare con precisione il ruolo dei diversi strumenti di gestione del rischio usati dalle aziende, tecnici quanto finanziari, come prima accennato. Data la necessità di operare un analisi longitudinale, il campione comprende aziende appartenenti costantemente al campione nel periodo Il campione costante consente di comparare negli anni le dinamiche nelle aziende italiane rispetto alla gestione del rischio. Nell ambito della banca dati RICA, la scelta fatta delle variabili da analizzare (Appendice 1) tiene conto de: - la struttura dell azienda, considerando la superficie totale, utilizzata e irrigata; Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 31

33 - le attrezzature aziendali attraverso la meccanizzazione, gli investimenti e le ammortamenti; - l attività dell azienda, data dalla produzione totale e PLV, così come dai costi strutturali; - la struttura finanziaria dell azienda considerando il capitale fisso e operativo, così come il capitale fondiario; - gli strumenti di gestione del rischio come assicurazione, consulenza e pagamenti PAC; - la produzione vegetale, considerando sia le sue caratteristiche (superficie investita, reddito, numero di colture e costi strutturali) sia le spese operative (sementi, acqua, input chimici, consulenza e certificazioni); - gli allevamenti (superfici, entrate e spese, numero di prodotti, assicurazioni e certificazioni); - i prodotti trasformati (reddito e numero di prodotti). Categorie specifiche L analisi è condotta su scala nazionale, comunque può essere dettagliata per macroaree, produzione aziendale e dimensione economica. Il dettaglio di queste categorie è di seguito riportato (tab. 3.1). Le regioni sono raggruppate in 3 macroaree: - Nord: Valle D Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria ed Emilia-Romagna; - Centro: Toscana, Marche, Umbria e Lazio; - Sud e isole: Abruzzo, Molise, Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna. L ordinamento produttivo è raggruppato considerando le principali categorie: - specializzazione in seminativi; - specializzazione in ortofrutta; - specializzazione in produzione di carne; - misto. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 32

34 Tabella 3.1 Ripartizione delle aziende italiane del campione RICA nel 2012 per macroarea e specializzazione Macroarea Seminativi Ortofrutta Carne Mista Totale Nord Centro Sud e isole Totale Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA La dimensione economica è considerata attraverso le UDE (unità di dimensione economica) divisa in 7 classi. L UDE 1 e 2 non sono rilevanti per il basso numero di osservazioni. Le UDE 4, 5 e 6 sono i più rappresentati (tab. 3.2). Tabella 3.2- Ripartizione delle aziende italiane del campione RICA nel 2012 per UDE e specializzazione UDE Seminativi Ortofrutta Carne Mista Totale Totale Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA 3.2 Analisi dei dati Da un punto di vista generale, la struttura delle aziende del campione non è cambiata molto tra il 2005 e il 2012 (graf 3.1). La supeficie totale è cresciuta del 3,5%, mentre la superficie agricola utilizzata mantiene le dimensioni e proporzioni. La superficie irrigata si mantiene stabile e rappresenta il 30% circa della SAU nel Questi dati sembrano indicare che la PAC non ha influenzato la struttura fondamentale delle aziende italiane negli ultimi 8 anni, o da altri punti di vista ha contribuito al mantenimento delle caratteristiche delle aziende. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 33

35 Grafico 3.1- Struttura delle aziende italiane del campione RICA nel periodo (tutte le aziende, valori medi) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Al contrario, l analisi finanziaria delle stesse aziende rileva cambiamenti notevoli (graf. 3.2). La produzione totale e quella vendibile sono aumentate rispettivamente del 14 e 16%. Il cambiamento più importante riguarda i costi strutturali, che sono evoluti verso un modello più flessibile: i costi fissi sono calati del 37%, mentre i variabili sono aumentati del 30% nel periodo. Da evidenziare è che nei costi variabili sono inclusi quelli sulla gestione del rischio di produzione, quali i costi per polizze assicurative e per gli input chimici. Come risultato, le aziende italiane del campione riducono il punto di pareggio, diventando conseguentemente meno sensibili ai cambiamenti nel loro livello di reddito proteggendolo allo stesso tempo. Eppure, sui macchinari gli ammortamenti sono generalmente più alte degli investimenti, che potrebbe portare a una progressiva obsolescenza dei fattori di produzione. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 34

36 Grafico 3.2 Analisi finanziaria delle aziende italiane del campione RICA nel periodo (tutte le aziende, valori medi) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA I costi legati alla gestione del rischio sono da assegnare ai costi variabili per le loro caratteristiche opzionali e attività-dipendenti (graf. 3.3). Osservando nel dettaglio la struttura dei costi variabili, si evidenzia che le spese per gli strumenti di gestione del rischio sono notevolmente cresciute negli anni. Per esempio, i costi per fertilizzanti e pesticidi, usati per la difesa delle rese, sono aumentati rispettivamente del 6 e del 4%. I premi assicurativi si sono moltiplicati di un fattore 2,2 tra il 2005 e il 2012, mentre il numero di aziende che sottoscrive una polizza è moltiplicato di 1,5 dal 2005, cioè a seguito della riforma del 2004 del Fondo di solidarietà nazionale. Inoltre, tra il 2008 e il 2012 i costi di consulenza sono aumentati del 35%. L acqua rappresenta un fattore di produzione particolare, in quanto è essenziale per la produzione agricola, ma è soggetta a limiti e a pressioni rispetto alla sua disponibilità nei periodi di siccità e il suo costo, essendo considerato bene pubblico con una particolare programmazione, non è soggetto ai valori di mercato. Nel periodo considerato, il costo dell acqua rimane relativamente basso rispetto ad altri input il cui prezzo è soggetto ad andamenti di mercato. Il valore è cresciuto del 6%, ma con oscillazioni negli anni, e le spese più alte corrispondono al 2009, che non corrisponde a un anno tra i più siccitosi. L analisi mostra 2 trend nel tempo: 1) le aziende del campione si sono coperte significativamente di più contro i rischi di produzione associati alle Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 35

37 condizioni climatiche, indipendentemente dallo strumento considerato; 2) gli strumenti tecnici di gestione del rischio sono preferiti a quelli economicofinanziari, principalmente per le loro flessibilità nell uso e un limitato costo unitario. Per esempio, l applicazione di input chimici sulle colture può essere effettuata a domanda, mentre l assicurazione necessita di essere decisa e stipulata prima dell inizio della stagione. Data la relativa stabilità della struttura delle aziende del campione, si può dire che le aziende combinano più che sostituire gli strumenti di gestione del rischio. Grafico 3.3 Evoluzione delle spese di produzione tra il 2005 e il 2012 nelle aziende del campione (tutte le aziende, valori medi) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Distribuzione territoriale Si osserva una certa eterogeneità di comportamenti e strutture tra le aziende italiane del campione nelle diverse aree del Paese. Nel Centro Italia le aziende hanno dimensioni maggiori (40 ha nel 2012) rispetto a quelle del Nord e del Sud (rispettivamente 27 e 29 ha nel 2012). Tuttavia, le produzioni totali nel Nord e nel Cnetro sono comparabili, mentre quelle del Sud hanno livelli di produzione molto più bassi. Inoltre, le aziende del Nord usano più fertilizzanti, pesticidi e assicurazioni. Nonostante queste differenze strutturali, con una maggiore produttività passando dal Sud al Nord, si evidenziano gli stessi trend nel tempo su scala nazionale (graf. 3.4), ad esempio la stabilità della SAU e l aumento della Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 36

38 produzione totale. Parimenti, l evoluzione della struttura dei costi è similare, con una riduzione dei costi fissi e un aumento dei costi variabili. In linea con questi risultati, si nota anche che le spese principali sostenute per la gestione del rischio di produzione sono significativamente aumentate in tutte le aree. Grafico 3.4 Evoluzione delle spese di produzione nelle aziende del campione RICA tra il 2005 e il 2012 nelle tre aree del Paese (tutte le aziende, valori medi) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Le dinamiche nell uso degli strumenti di gestione del rischio differiscono rispetto alle aree: l uso di fertilizzanti aumenta nel Nord, l uso di pesticidi aumenta al Centro così come l uso di assicurazioni. Nonostante le rilevanti oscillazioni negli anni, il costo dell acqua rimane tendenzialmente stabile tra il 2005 e il 2012, ad eccezione del Centro Italia, dove risulta aumentato del 75% nel periodo. Differenze per specializzazione produttiva Come prima visto, nell analisi si sono considerati 4 principali specializzazioni produttive: seminativi, ortofrutta, carne e mista. La produzione Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 37

39 mista, che combina produzione vegetale e allevamento, presenta dati difficili da analizzare, in relazione allo scarso numero di aziende nel campione associate a tale categoria. Si è analizzata l evoluzione delle spese per le assicurazioni e per la consulenza, strumenti fortemente incoraggiati nella PAC per la gestione del rischio e disponibili per tutti i tipi di produzione. Mentre l assicurazione è utilizzata per coprire il rischio di produzione, la consulenza mira ad aiutare le aziende nell adottare le migliori pratiche in relazione alle condizioni di produzione. Per quanto riguarda le aziende specializzate in seminativi e in ortofrutta, la loro struttura è chiaramente differente (graf. 3.5), in quanto le prime hanno maggiore SAU, capitale fondiario e maggiori valori di produzione. Queste aziende sono anche quelle in cui è più diffuso l uso dell assicurazione. In effetti, gli strumenti assicurativi sono stati disegnati principalmente per questo tipo di aziende e questo spiega i valori in costante crescita dal Il più recente sviluppo di assicurazioni per produzioni di frutta e verdura offre al settore nuove opportunità nella gestione dei rischi. I costi per la consulenza seguono un trend positivo simile per tutti i tipi di produzione. Appare anche che le aziende nel complesso dedicano annualmente lo stesso ammontare di fondi per assicurazioni e consulenza. Inoltre, l uso di questi due strumenti non appare correlato, probabilmente perché sono usati per coprire differenti tipologie di rischio. Anche nelle aziende specializzate nella produzione di carne si riscontrano costi associati alle assicurazioni e alla consulenza, tuttavia con valori molto più bassi rispetto alle altre produzioni. Nel settore dal 2008 risultano spese per la consulenza molto maggiori di quelle per le assicurazioni, il che può spiegarsi con una sostanziale inefficienza e inadeguatezza delle assicurazioni esistenti rispetto alle esigenze e ai rischi delle aziende zootecniche. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 38

40 Grafico 3.5 Evoluzione dei costi di assicurazione e consulenza nelle aziende del campione RICA tra il 2005 e il 2012 per specializzazione produttiva (tutte le aziende, valori medi) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Le dimensioni contano In una sottosezione dello studio è stata valutata l influenza delle dimensioni aziendali in termini di UDE (dimensione economica) sulle scelte di gestione del rischio. I risultati ottenuti offrono una visione contrastante (graf. 3.6): con l unica eccezione delle aziende minoritarie dell UDE 2 e 8, le spese per assicurazioni sono fortemente cresciute nel periodo ; in particolare, si hanno valori di crescita del +764%, +31% annuo, per l UDE 4, che include una gran parte delle aziende del campione. Tuttavia, tale incremento è principalmente dovuto ad un punto di partenza molto basso (si ricorda che la riforma è partita nel 2004). Infatti, solo aziende di maggiori dimensioni (UDE7 e UDE8) beneficiano interamente delle assicurazioni con spese in crescita annuale rispettivamente del 18 e 13%. Osservazioni simili possono essere fatte sui costi di consulenza e su quelli degli input chimici: le aziende di medie dimensioni sono più dinamiche sulla gestione del rischio ma solo le aziende più ricche possono affrontare i costi di copertura. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 39

41 Grafico 3.6 Evoluzione dei premi assicurativi per le aziende del campione RICA tra il 2005 e il 2012 per UDE (tutte le aziende, valori medi) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Combinazioni delle strategie di gestione del rischio Le statistiche descrittive prima illustrate possono essere integrate con una analisi delle relazioni tra le strategie di gestione del rischio poiché le aziende hanno la possibilità di usare simultaneamente diversi strumenti. Al fine di studiare le dipendenze tra i costi associati alla gestione del rischio (indicatori prima descritti), si sono calcolati i coefficienti di correlazione (CC). L indicatore determina il grado a cui i comportamenti di 2 variabili risultano associati, con un range compreso tra -1 (correlazione negativa perfetta, ad esempio sostituzione perfetta degli strumenti) e 1 (correlazione positiva perfetta, ad esempio complementarietà perfetta tra gli strumenti), laddove 0 indica l assenza di correlazione tra il comportamento delle due variabili. Il significato del coefficiente di correlazione è misurato al livello 5% (indicato con un asterisco nelle tabelle), che rappresenta l intervallo standard di confidenza in statistica. Nell analisi il vasto numero di osservazioni del campione garantisce la significatività per gran parte delle associazioni, anche con coefficienti di correlazione molto bassi. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 40

42 Con riferimento agli allevamenti, il numero dei prodotti è quasi indipendente dalla produzione lorda vendibile (CC = 0,1789, vicino a 0), ma relativamente associato alla superficie aziendale (CC = 0,8427, vicino a 1). La stessa relazione è osservata tra il livello di premi assicurativi e la superficie (tab. 3.3). Si evidenzia che i costi per assicurazioni e i costi di certificazione sono abbastanza indipendenti, in quanto gli obiettivi dei due strumenti sono diversi: i primi sono di protezione della produzione, i secondi di valorizzazione sul mercato. Tabella 3.3 Matrice di correlazione tra reddito e strumenti di gestione del rischio nel camione RICA (tutte le aziende, tutti gli anni) Coefficiente di correlazione (CC) PLV Spese operative Numero di prodotti PLV 1,0000 Spese operative 0,8966* 1,0000 Numero di prodotti 0,1789* 0,1340* 1,0000 SAU (UBA) SAU (UBA) 0,8427* 0,8509* 0,2166* 1,0000 Premi assicurativi 0,2702* 0,3443* 0,1094* 0,2778* 1,0000 Premi assicurativi Certificazioni Certificazioni 0,0423* 0,0241* 0,1787* 0,0410* 0,0241* 1,0000 Nota: * indica una correlazione significativa al livello del 5% Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Nelle aziende specializzate in produzioni vegetali, come primo elemento emerge che i costi per sementi, fertilizzanti e pesticidi sono largamente associati alla produzione lorda vendibile (tab. 3.4). Tuttavia, le aziende sostengono queste spese in relazione al livello di reddito atteso. Al contrario, la relazione tra la produzione lorda vendibile e il numero di colture è molto debole, il che sembra essere una scelta piuttosto legata alla superficie coltivata. Le assicurazioni, la consulenza e la certificazione appaiono indipendenti sia nella struttura produttiva (superfici, numero di colture) sia nel contesto della gestione del rischio (input chimici). Sono impiegati in contesti specifici e non sistematicamente. Per esempio, il 18% delle aziende del campione vende Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 41

43 almeno un prodotto certificato e questa proporzione varia tra i settori, ma rimane sistematicamente stabile nel tempo. Sia l intensità delle correlazioni sia la loro significatività sono preservate tra specializzazione produttiva, localizzazione territoriale e dimensione aziendale. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 42

44 Tabella 3.4 Matrice di correlazione tra reddito e strumenti di gestione del rischio nelle aziende del campione RICA (tutte le aziende, tutti gli anni) Coefficienti di correlazione (CC) PLV PLV Spese operative * Spese operative Numero di differenti colture * * Numero di differenti colture Superficie (UBA) * * * Superficie (UBA) Costi variabili * * * * Nota: * indica una correlazione significativa al livello del 5% Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Costi variabili Margine lordo costi variabili * * * * * Margine lordo costi variabili Costo sementi * * * * * * Costo sementi Costo fertilizzanti * * * * * * * Costo fertilizzanti Costo pesticidi * * * * * * * * Costo pesticidi Costo acqua * * * * * * * * * Costo acqua Premi assicurativi * * * * * * * * * * Premi assicurativi Costi di consulenza * * * * * * * * * * * Costi di consulenza Costi per certificazioni * * * * * * * * * Costi per certificazioni Costi vari * * * * * * * * * * * Costi vari Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 43

45 3.2.2 Focus sull influenza delle assicurazioni nella gestione aziendale Nel presente paragrafo si approfondisce la descrizione delle assicurazioni al fine di comprendere le caratteristiche delle aziende con assicurazioni sul rischio di produzione e con quali conseguenze sul reddito e sulla gestione del rischio. Aziende assicurate Grazie alla riforma del fondo di solidarietà del 2004 (cfr. parr. 1.1 e 2.1), le aziende che decisono di assicurare la produzione sono ogni anno più numerose (graf. 3.7). Grafico 3. 7 Proporzione di aziende assicurate del campione RICA tra il 2005 e il 2012 (tutte le aziende) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Il trend regolare di crescita riguarda tutte le regioni e specializzazioni, tuttavia si può osservare una notevole diversità rispetto rispetto alle sotto-classificazioni (tab. 3.5). Per esempio, nel Nord Italia è doppia la probabilità di assicurare, e ancora non soprende che le aziende specializzate in produzioni vegetali siano molto più inclini ad assicurarsi di quelle miste per la loro maggiore diversificazione. In ultimo, la dimensione aziendale è un indicatore discriminante, poiché a maggiori dimensioni corrispondono numeri più elevati di assicurati. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 44

46 Tabella 3.5 Proporzioni di aziende assicurate nel campione RICA per area, spacializzazione e UDE (tutte le aziende, tutti gli anni) Non Assicurate assicurate Nord 12,1% 87,9% Area Centro 9,0% 91,0% Sud e isole 5,8% 94,2% Seminativi 10,9% 89,1% Specializzazione Ortofrutta 12,5% 87,5% Carne 1,6% 98,4% Mista 4,1% 95,9% UDE2 4,5% 95,5% UDE3 4,6% 95,4% UDE4 6,1% 93,9% Dimensione UDE5 9,2% 90,8% economica UDE6 13,1% 86,9% UDE7 15,4% 84,6% UDE8 13,9% 86,1% Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Entrando più nel dettaglio, emerge che le aziende assicurate beneficiano di una più elevata produzione lorda vendibile che è abbastanza volatile nel tempo (graf. 3.8). I costi associati ai premi assicurativi e agli altri strumenti di gestione del rischio portano a un aumento dei costi variabili dal 2010, ma tale incremento appare più che compensato dall aumento della produzione lorda vendibile. Come risultato, le aziende assicurate beneficiano di un più alto margine lordo di I livello (ricavi costi variabili). Questo indicatore, calcolato come differenza tra la produzione lorda vendibile e la somma dei costi variabili, è associato a una performance economica. Le aziende non assicurate beneficiano di una produzione lorda vendibile più regolare e stabile (+2% l anno), che può giustificare la scelta di non assicurarsi. Eppure, il livello dei costi variabili aumenta con maggiore ritmo (+4% l anno), il che porta ad un continuo decremento del margine lordo sin dal Il risultato evidenzia una decrescita di competitività delle aziende non assicurate. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 45

47 Grafico 3.8 Analisi finanziaria delle aziende assicurate e non del campione RICA tra il 2005 e il 2012 (tutte le aziende) Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Essere assicurati e gestione del rischio Le aziende assicurate beneficiano di maggiori pagamenti PAC, fondamentalmente perchè sono di maggiori dimensioni (graf 3.9). Ma i pagamenti sono molto irregolari, infatti dopo un trend di aumento, mostrano una continua decrescita dal 2006, nonostante un leggero aumento nel 2009 e nel Le aziende non assicurate mostrano trend opposti, poiché i pagamenti PAC sono aumentati del 10% tra il 2005 e il 2012, sembrano quindi sempre più mirati verso le aziende piccole. Il risultato è che i sussidi PAC coprono mediamente il 100% dei costi variabili delle aziende non assicurate, mentre ne coprono tra il 70% e il 100% delle aziende assicurate. Dato il contesto, non soprende che le aziende non assicurate presentino un incremento dei costi variabili all aumentare dei sussidi PAC. Nel periodo tutti i costi sono coinvolti, in particolare pesticidi e fertilizzanti. Sebbene molto bassi, anche i costi per la consulenza aumentano. Affrontando una perdita di sussidi PAC, le aziende assicurate cercano di stabilizzare i costi variabili riducendo drasticamente i costi vari in Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 46

48 favore di ben identificati strumenti di gestione del rischio. Tra il 2008 e il 2012 il valore dei costi di consulenza è aumentato del 26%, mentre quello dei premi assicurativi è salito del 44%. Una dicotomia tra aziende assicurate e non emerge con riferimento alle spese per le sementi, interpretabile anche con la scelta delle aziende assicurate di spendere per piante più costose. Grafico 3.9 Evoluzione dei costi di produzione tra il 2005 e il 2012 nelle aziende assicurate e non del campione RICA (tutte le aziende, valori medi) Aziende non assicurate Aziende assicurate Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 47

49 3.3 Considerazioni Le aziende italiane analizzate attraverso il campione della banca dati RICA beneficiano di diversi strumenti di gestione del rischio di produzione. Mentre l uso di tali strumenti è complessivamente in crescita nel corso del periodo analizzato , alcuni trend sono da porre in discussione e modificati nel contesto di differenti aree, produzioni e dimensioni economiche. Infatti, solo le aziende grandi e ricche sembrano poter affrontare tutte le spese aggiuntive richieste dalla gestione del rischio (assicurazioni, pesticidi, fertilizzanti, acqua e consulenza) e lo fanno senza modificare la loro struttura produttiva nel tempo. Nel caso di perdite di produzione lorda vendibile, queste aziende, avendo una proporzione più alta di costi variabili, mantengono la capacità di ridurre i costi variabili, diventando così più flessibili. Tra gli strumenti di gestione del rischio, quelli tecnici, quindi l uso di input chimici e acqua sono i più utilizzati. L assicurazione è usata marginalmente per proteggere le rese nella produzione vegetale quanto animale, nonostante un loro trend di sviluppo positivo. La popolazione delle aziende assicurate mostra un comportamento differente rispetto alle aziende non assicurate, caratterizzato dallo sviluppo nel tempo di forme alternative di gestione del rischio (consulenza e certificazione) e il ridimensionamento di altri strumenti. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 48

50 Appendice 1. Variabili RICA principali usate nell analisi Categoria Codice Descrizione Unità sup Superficie totale ha uba UBA ha sau SAU ha Struttura sau_irrigata_ambiente SAU irrigata ha dell azienda new_inv Investimenti totali ammortamenti Ammortamenti totali spese_mac Spese per macchianri ammort_mac Ammortamenti macchinari Attività economicofinanziaria Struttura finanziaria Gestione del rischio Colture (generale) Colture (spese operative) Allevamento Prodotti trasformati costi_fissi Costi fissi costi_variabili Casti variabili ricavi_totali_aziendali Produzione totale plv PLV capitale_fondiario Capitale fondiario Fonte: Elaborazioni INEA su dati RICA capitale_agrario_fisso Capitale fisso capitale_agrario_circolante Capitale operativo pac_total Pagamenti diretti PAC assicurazioni Premi assicurativi sp_consulenze Costi per consulenze prod_cult Produzione lorda vendibile spese_cult Spese operative cv_cult Costi variabili mcv_cult Margine lordo costi variabili nb_cult Numero di colture differenti / uba_cult Superficie (UBA) ha seme_cult Costo sementi fert_cult Costo fertilizzanti pest_cult Costo pesticidi eau_cult Costo acqua ass_cult Premi assicurativi spe_altre Costi vari cert_cult Costi di certificazione / rev_ele Produzione lorda vendibile spese_ele Spese operative nb_prod_ele Numero di prodotti / uba_ele Superficie (UBA) ha ass_ele Premi assicurativi cert_ele Costi di certificazione / ven_prod_brut Produzione lorda vendibile nb_prod_brut Numero di prodotti / Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 49

51 4. Conclusioni: analisi integrata della domanda di strumenti di gestione del rischio La gestione del rischio climatico in agricoltura, che influenza direttamente la produzione agricola, è sempre stato ai margini del dibattito nell Unione europea, innanzitutto per la struttura dell intervento pubblico comunitario, che per quasi mezzo secolo ha assicurato la presenza di meccanismi di stabilizzazione dei mercati. Come secondo aspetto, in una fase successiva, lo sviluppo degli strumenti di gestione del rischio è avvenuta a livello di singolo Stati Membri, coprendo i rischi di produzione, molti dei quali hanno sviluppato sistemi con diverse traiettorie, creando schemi di intervento differenti e non evolutisi in una direzione comune. Questa diversità di strumenti disponibili, il processo in corso di allargamento dell Unione e le specificità delle diverse produzioni agricole ha portato a un set complesso e variegato di sistemi di gestiojne del rischio, in termini sia di strumenti sia di livello di copertura del contributo pubblico. Con la graduale decrescita degli aiuti per la stabilizzazioen dei mercati in ambito PAC, per le aziende agricole europee la questione della gestione del rischio ha gradualmente acquisito sempre più importanza, come testimoniato dalla comparsa per la prima volta nella PAC di contributi pubblici per assicurazioni e fondi di mutualità nel 2009 con l Health check, confermati dal regolamento per lo sviluppo rurale Con l art. 68 del reg. 73/2009 è possibile allocare parte dei fondi UE per pagamenti diretti finalizzati a promuovere tra gli agricoltori strumenti economici di gestione del rischio, ma questa innovazione della politica, per quanto importante, riguarda solo la possibilità di allocare risorse, non la definizione di schemi comuni di strategie e strumenti, che rimane in capo agli Stati Membri. Con i cambiamenti introdotti nei regolamenti della PAC , la Commissione non solo conferma le possibilità offerte dal reg. 73/2009, anche se pone i contributi come misure pluriennali dello sviluppo rurale, ma introduce un nuovo strumento, chiamata Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 50

52 strumento di stabilizzazione del reddito, finalizzato a supportare la gestione del rischio di reddito delle imprese agricole attraverso fondi di mutualità. In tale nuovo contesto, il presente rapporto ha inteso dare un contributo tecnicoscientifico alle domande principali cui si ritiene importante rispondere al fine di definire misure efficaci ed efficienti, e precisamente: 1) Considerate l esposizione e la vulnerabilità dei territori, gli attuali politiche e strumenti sono efficaci rispetto agli eventi estremi e ai danni associati? 2) Considerate l esposizione e la vulnerabilità, qual è l approccio delle aziende agricole per la gestione del rischio e l adattamento? 3) C è correlazione tra il comportamento delle aziende e la distribuzione dell esposizione e della vulnerabilità dei territori? 4) Considerate l esposizione e la vulnerabilità e contestualmente il comportamento delle aziende, le attuali politiche e gli strumenti aiutano e sono utili alle aziende agricole italiane? 5) Quali sono le più opportune strategie di controllo e gestione del rischio in relazione ai risultati della analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio (riduzione, trasferimento o accettazione)? Innanzitutto, una considerazione generale va fatta con riferimento alla necessità di migliorare la valutazione e le analisi del rischio: l entità dei valori e la distribuzione nel tempo e nello spazio della vulnerabilità alla siccità e alle piogge alluvionali rendono difficile definire questi eventi estremi ed eccezionali, quindi calamità naturali. Questi potrebbero essere sempre più i nuovi pattern climatici, che andrebbero quindi affrontati con nuove analisi di rischio e più strumenti complementari. Analizzando insieme le considerazioni che emergono dalle due sezioni dell analisi, a livello territoriale e a livello aziendale, emergono con forza alcuni punti chiave. L attuale schema di gestione del rischio non appare completamente appropriato ed efficace in relazione alla domanda in termini di esposizione, vulnerabilità e di scelte e Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 51

53 preferenze aziendali. Quindi, appare necessaria una forte innovazione nell approccio alla gestione del rischio. Per essere efficiente, l allocazione dei contributi pubblici sugli strumenti economici non dovrebbe essere orizzontale, ma fortemente basata su analisi territoriali della domanda, considerando esposizione (a cosa, dove) e vulnerabilità (maggiori danni) e le caratteristiche ed esigenze aziendali. Più specificamente, considerando l esposizione e la vulnerabilità, i maggiori fabbisogni che emergono riguardano siccità ed eventi alluvionali. Da questo punto di vista, il comportamento degli agricoltori sembra non essersi modificato ai fini dell adattamento: la struttura delle aziende e gli investimenti non mostrano modifiche sostanziali nemmeno con interventi PAC nel periodo Una nuova politica di interventi e misure dovrebbero essere definite per la gestione del rischio. Inoltre, considerate l esposizione e la vulnerabilità del territorio, che influenza il reddito, i trend dei costi variabili delle aziende mostrano una netta preferenza nella gestione del rischio attraverso strumenti tecnici invece che finanziari. Ciò crea anche una maggiore pressione ambientale (pesticidi, fertilizzanti e acqua). Le misure di politica dovrebbero avere l obiettivo di invertire questi trend, migliorando o trovando nuovi strumenti più appropriati e convenienti per le aziende. Un alta vulnerabilità agli eventi estremi caratterizza tutto il territorio italiano. La vulnerabilità delle infrastrutture è alta e può incidere sull attività dell azienda. Non può essere risolta (ridotta) a livello di azienda, ma richiede un approccio territoriale producendo soluzioni locali e specifiche. Inoltre, le misure di politica dovrebbero fare riferimento non solo al settore agricolo (Fondo di solidarietà nazionale), ma anche a una pianificazione generale di gestione del rischio disegnata per e sul territorio. Emerge quindi un forte bisogno di definire una strategia integrata con misure di riduzione della vulnerabilità in termini di assetto idrogeologico e di aumento e razionalizzazione delle disponibilità idriche. Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 52

54 La prevenzione e la manutenzione giocano un ruolo imprenscindibile come azioni di base cui gli strumenti economici di gestione del rischio possono fare da accompagnamento, ma non esserne sostitutivi. In questo contesto, la politica di sviluppo rurale può offrire delle opportunità nella partecipazione e nel miglioramento della prevenzione dei rischi e nel mantenimento delle infrastrutture (strategia di riduzione della vulnerabilità) con azioni svolte dagli agricoltori e dalle associazioni di agricoltori. Il settore zootecnico subisce danni per eventi avversi, ma poche risposte sono date dalle politiche per affrontare il rischio di epizoozie. Le aziende non sembrano interessate (non ritengono appropriati) agli attuali strumenti economico-finanziari di gestione del rischio. Nel settore agricolo, il trend dei costi per i pesticidi indica la mancanza di alternative per affrontare il rischio fitosanitario e di strumenti economico-finanziari sufficientemente flessibili di gestione del rischio fitosanitario. Il rischio legato a fitopatie, epizoozie e attacchi di patogeni per le sue caratteristiche necessità di una gestione disegnata in funzione delle necessità delle aziende e ad una scala superiore, ad esempio attraverso i fondi di mutualità. Nonostante l esposizione e la vulnerabilità del loro territorio al rischio climatico, i trend dei costi per i premi assicurativi sono positivi solo per le aziende grandi in termini di reddito e dimensione. Le classi in cui ricadono la gran parte delle aziende italiane mostrano un trend decrescente. Inoltre, le mappe di vulnerabilità non corrispondono a quelle di esposizione, il che indica l importanza di mirare le azioni e le misure di gestione del rischio al fine fornire un contributo pubblico più efficiente e più utile agli agricoltori. Le politiche dovrebbero ri-pensare gli schemi assicurativi agevolati o introdurre strumenti più adeguati al fine di incoraggiare la gestione del rischio nelle aziende medio-piccole (ad esempio, investendo di più nei sistemi di supporto e consiglio, oppure in altri strumenti economico-finanziari). Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 53

55 Allegato cartografico Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 54

56 Figura 2.3 Distribuzione geografica dell esposizione alla siccità e danni riconosciuti associati nel Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 55

57 Continua Figura 2.3 Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 56

58 Figura 2.4 Mappa della vulnerabilità alla siccità Media e anno 2003 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 57

59 Continua Figura 2.4 Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 58

60 Figura 2.5 Esposizione alle piogge forti e prolungate e di natura alluvionale e relativi danni - Media Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 59

61 Continua Figura 2.5 Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 60

62 Figura 2.6 Vulnerabilità alle piogge forti e prolungate e di natura alluvionale e relativi danni Media Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 61

63 Continua Figura 2.6 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 62

64 Continua Figura 2.6 Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 63

65 Figura 2.7 Vulnerabilità alle piogge forti e prolungate e di natura alluvionale e relativi danni Anni 2003 e 2009 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 64

66 Continua Figura 2.7 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 65

67 Continua Figura 2.7 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 66

68 Continua Figura 2.7 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 67

69 Continua Figura 2.7 Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 68

70 Continua Figura 2.7 Fonte: Elaborazioni INEA su dati MiPAAF Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 69

71 Bibliografia essenziale Capitanio F. et al. (2011), Crop insurance and public intervention in the risk management in agriculture: does farmers really benefit?, Applied Economics, Volume 43, Issue 27 November 2011, pp Capitanio F. e Cioffi A. (2011), Gestione del rischio in agricoltura ed intervento pubblico. Evoluzione, sostenibilità e prospettive del sistema italiano, Economia e Diritto Agroalimentare, XVI Vol. 3, pp Chatellier V. (2011), Price volatility, market regulation and risk management: challenges for the future of the CAP, International Agricultural Policy, vol. 1, pp European commission (2013a), Green Paper on the insurance of natural and man-made disasters (Strasbourg, COM(2013) 213 final) European commission (2013b), Regulation (EU) n. 1305/2013 of the european parliament and of the council of 17 december 2013 on support for rural development by the European Agricultural Fund for Rural Development (EAFRD) and repealing Council Regulation (EC) No 1698/2005 Goodwin B. et al. (2004), An Empirical Analysis of Acreage Distortions and Participation in the Federal Crop Insurance Program, American Journal of Agricultural Economics, Volume 86 Issue 4 Page , November 2004 Pontrandolfi A. (2013), Risk management tools in agriculture: some reflections on opportunities and limitations of the European commission proposal, in PAGRI/IAP n. 2/2013 Serra T. et al. «(2005), Replacement Of Price Support Measures By Area Payments In the E.U. and the Effects on Pesticide Use, American Journal of Agricultural Economics, 87:(2005), Pages Analisi della domanda di strumenti di gestione del rischio climatico in agricoltura in Italia 70

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato La gestione del rischio Gregorio Rigotti Dipartimento Territorio, Agricoltura, Ambiente e Foreste Trento, 6 marzo 2014 Contenuti La

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

CESAR - ASNACODI. Assisi, 31 gennaio 2014. Convegno IL FUTURO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E NUOVA PAC

CESAR - ASNACODI. Assisi, 31 gennaio 2014. Convegno IL FUTURO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E NUOVA PAC CESAR - ASNACODI Assisi, 31 gennaio 2014 Convegno IL FUTURO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTRA TRA CAMBIAMENTI CLIMATICI E NUOVA PAC La riforma della Pac Europa 2020 e la gestione del rischio Angelo

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Convegno Assicurazioni e gestione del rischio in agricoltura: nuovi strumenti ed innovazioni operative Perugia 26 gennaio 2011 Il fondo mutualistico:

Dettagli

LE AVVERSITA' ATMOSFERICHE IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE VENETO NEL PERIODO 1978-2003

LE AVVERSITA' ATMOSFERICHE IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE VENETO NEL PERIODO 1978-2003 LE AVVERSITA' ATMOSFERICHE IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE VENETO NEL PERIODO 978-23 Alessandro Chiaudani*, Gabriele Tridello*, Filippo Turetta*, Maurizio Borin**, Marco Politeo**, Paolo Rosso***, Francesco

Dettagli

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Ezio Castiglione Responsabile Scientifico Giovanni Razeto Redazione Michele Pennucci, Massimiliano Crociani, Alessio Almoto La ricerca è stata eseguita

Dettagli

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 CONDIFESA CN 23/26/27 Febbraio 2015 1 II PILASTRO SVILUPPO RURALE Il valore

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA PAC?

QUALE FUTURO PER LA PAC? QUALE FUTURO PER LA PAC? Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano Società Agraria di Lombardia, 20 aprile 2011 L ennesima

Dettagli

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO CONTENUTI

Dettagli

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17

Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Indice 1. LE AZIENDE AGRICOLE... 4 2. I COSTI SOSTENUTI... 11 3. I PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI... 17 Questo volume è frutto di alcuni ricercatori INEA del Servizio 1- Rilevazioni contabili e analisi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO

LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO PIANO OLIVICOLO OLEARIO AZIONE 1.2 - Pacchetti "SPECIFICI" per le olivicolture territoriali e funzionali Elaborazione nuove prospettive LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO WORKING PAPER INEA 2014

Dettagli

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE

L ASSICURAZIONE CONTRO LE CALAMITA ED AVVERSITA ATMOSFERICHE Presidenza Tel. 080/ 574. 77. 30 Bari 11 settembre 2006 Direzione Tel. 080/ 574. 46. 52-574. 48. 80 Centro Oper. Prov. Tel. 080/ 574. 48. 26-574. 47. 33 Telefax 080/ 527.73.42 L ASSICURAZIONE CONTRO LE

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2009

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2009 L assicurazione agricola agevolata in Italia I risultati della campagna 2009 Agosto 2010 Studio annuale sulle assicurazioni agricole agevolate Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Egidio

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

PROSPETTIVE DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA. RIFLESSIONI PER UN SISTEMA INTEGRATO PER LA PAC POST 2013

PROSPETTIVE DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA. RIFLESSIONI PER UN SISTEMA INTEGRATO PER LA PAC POST 2013 PROSPETTIVE DELLA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA. RIFLESSIONI PER UN SISTEMA INTEGRATO PER LA PAC POST 2013 POLITICHE PER L AMBIENTE E L AGRICOLTURA QUADERNO PROSPETTIVE DELLA GESTIONE DEL RISCHIO

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO

LA GESTIONE DEL RISCHIO LA GESTIONE DEL RISCHIO NELLA NUOVA PAC: LO STRUMENTO PER LA STABILIZZAZIONE DEL REDDITO ROBERTO D AURIA www.ismea.it www.ismeaservizi.it TRENTO, 28/03/2014 REGOLAMENTO (UE) N.1305/2013 - SR 2014-2020

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DG DISR

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DG DISR DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DG DISR Roma, 11 luglio 2013 Giornata della trasparenza DISR 1 - AGRITURISMO DISR

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 Région Autonome Vallée d Aoste Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programme de Développement Rural 2007 2013 ALLEGATO 3: PIANO AZIENDALE (DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO MISURA

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2010

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2010 L assicurazione agricola agevolata in Italia I risultati della campagna 2010 Novembre 2011 Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Melina Giandomenico Responsabile Scientifico Giovanni

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II Benessere e qualità della vita: dalla misurazione statistica alla percezione dei cittadini Introduzione Oggi la percezione della realtà è un elemento importante di cui

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

per la difesa dei redditi

per la difesa dei redditi a cura di MARIA TERESA TURCHI - Agenzia Territoriale per la Sostenibilità Alimentare, Agro-Ambientale ed Energetica, Bologna Coldiretti E.-R. Polizze e fondi mutualistici per la difesa dei redditi GIANNI

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Le riforme della PAC 1962-1968: periodo transitorio; 1968-1984: funzionamento delle OCM; 1984-1988: prima riforma

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74

ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 ALLEGATO _C_ Dgr n. 440 del 31/03/2015 pag. 53/74 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2014-2020 BANDO PUBBLICO REG UE 1305/2013, Art. 29 Priorità dello sviluppo rurale Focus area

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale

Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale NUOVA PAC ANALISI NUOVO APPROCCIO NELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale di Felice Adinolfi, Riccardo Fargione La riforma della politica agricola comune per

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT

GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT 21 marzo 2011 GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA LE STATISTICHE DELL ISTAT In occasione della Giornata mondiale dell acqua, istituita dall ONU e celebrata ogni 22 marzo, l Istat fornisce un quadro di sintesi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

I risultati economici delle aziende biologiche

I risultati economici delle aziende biologiche I risultati economici delle aziende biologiche di Davide Marino e Alfonso Scardera 1 Analisi economica comparata dei processi produttivi biologici e di quelli convenzionali Sebbene l'attenzione degli economisti

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Catastrofali. Dott. Mirko Odepemko. Manager Assicurativo. www.ilbroker.it

Catastrofali. Dott. Mirko Odepemko. Manager Assicurativo. www.ilbroker.it Catastrofali Dott. Mirko Odepemko Manager Assicurativo Panoramica negli ultimi anni! Nel 2011 si sono registrati 253 catastrofi naturali nel mondo.! La perdita economica per tali catastrofi naturali ammonta

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli