Comune: Belvedere Langhe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune: Belvedere Langhe"

Transcript

1 Comune: Belvedere Langhe Provincia: Cuneo. Area storica: Alta Langa. Abitanti: 358 (ISTAT 1991); 359 (SITA 1995). Estensione: 4,96 kmq (ISTAT 1991; SITA 1995). Frazioni: centri abitati: Belvedere Langhe; nuclei: Piangarumbo (ISTAT 1991). Confini: nord Dogliani, a est Bonvicino, a sud Murazzano e Clavesana, a ovest Farigliano. Toponimo storico: «Ugnolio» nel 1246 (Conterno 1986, p. 115); «hugnolium seu belo videre» (in vari atti del sec. XIV); «Belvedere» o «Malamorte» nel 1782 (Casalis 1834, p. 220). Diocesi: la chiesa di San Nicolao di Ugnolio nel 1246 fa parte della diocesi di Alba (Conterno 1986, p. 115). Nel 1511 passa alla diocesi di Saluzzo insieme agli altri feudi delle Langhe appartenenti al Marchesato (Conterno 1986, p. 260). Passerà poi dalla diocesi di Saluzzo a quella di Mondovì con bolla del 20 ottobre 1817 (Amedeo 1989, p. 170). Pieve: esente da plebatus. Altre presenze ecclesiastiche: la chiesa di San Nicolao di Ugnolio compare tra i beni dell abbazia di San Dalmazzo di Pedona nel 1246 (Conterno 1986, p. 115); ancora nel 1325 la chiesa di Belvedere è esente da plebatus, ossia non dipendente da una pieve. Comunità, origine, funzionamento: le prime attestazioni del nome antico di Belvedere, «Ugnolio» sono duecentesche; il primo atto reperito in cui si evidenzi la presenza di organismi comunitativi è del Dipendenza nel Medioevo: in origine sotto il dominio dei marchesi del Monferrato; una parte dei diritti feudali su Belvedere dovette venire poi ceduta alla città di Asti tra il 1212 e il 1292 (Casalis 1834, p. 220). Nel marchesato di Saluzzo a partire dal 1286, valido restando il vassallaggio ai marchesi del Monferrato (Conterno 1986, p. 198), vigente ancora nel 1397 (Morozzo della Rocca, III, p. 132). Nel 1601 entra a far parte dello stato sabaudo. Da documenti sabaudi del 1631, Belvedere risulta però «feudo imperiale» che ancora presta aderenza allo Stato di Milano e in conseguenza riceve investitura dalla corona spagnola (BRT, Misc. 66, n. 6: Documenti riguardanti i feudi della Langhe posseduti dai Del Carretto, e relativi alle contestazioni col Duca di Savoia). Feudo: sotto l originario dominio dei marchesi del Monferrato, sono segnalate infeudazioni nel Duecento ai Catena di Asti, agli Sbarati e agli Incisa (Casalis 1834, p. 220). Tomaso I marchese di Saluzzo verso il 1286 si impadronisce di Belvedere (Conterno 1986, p. 198), e alla sua morte il feudo passa alla linea dei Saluzzo-Dogliani. Nel Cinquecento porzioni di diritti feudali su Belvedere sono possedute dai Vacca, dai Saluzzo-Dogliani (Conterno 1986, p. 265) e dai del Carretto. Nel 1601 la maggioranza dei diritti feudali, ormai solo onorifici e venali, è acquistata dai Savoia (Pio 1920, pp ). Mutamenti di distrettuazione: dal marchesato di Saluzzo ai domini sabaudi nel 1601 (Pio 1920, pp ), nella provincia sabauda di Mondovì nel Settecento, da questa alla provincia di Cuneo nel 1859.

2 Mutamenti territoriali: nessuna attestazione. Comunanze: beni di uso civico, nel Settecento per lo più tenuti illegittimamente da privati e in parte concessi in affitto, in regioni Piambosco, Bricco del Bio, Valle d Arezza, Piaggie. Luoghi scomparsi: non rilevati. Fonti: L archivio comunale è completamente privo della documentazione antica. AST (Archivio di Stato di Torino): Camera dei Conti, art. 616 e 619 (sentenze camerali, declaratorie); Camera dei Conti, art. 754, m. IIB, Belvedere: Titoli e scritture per feudi, redditi, diritti feudali e per ragioni d acque; Camera dei Conti, Perequazione del Piemonte, capo 21, mm. 55, 78 e 90; Corte, Materie economiche, Perequazione del Piemonte, m. 2, n. 15 Titoli de beni feudali della Provincia di Mondovì; Corte, Materie economiche, Perequazione del Piemonte, feudi della Provincia di Mondovì: Pezze giustificatorie dei possessi feudali di Belvedere; Corte, paesi per A e B, B, m. 12. BRT (Biblioteca Reale di Torino), Misc. 66, n. 6: Documenti riguardanti i feudi della Langhe posseduti dai Del Carretto, e relativi alle contestazioni col Duca di Savoia. Catasti: assenti catasti antichi; in archivio comunale fogli mappali del catasto del 1937; nei documenti settecenteschi è segnalata la presenza di un catasto vigente. Ordinati: deliberazioni del consiglio comunale solo a partire dal Statuti: non rilevati. Liti: non rilevate. Bibliografia: Atlante storico della provincia di Cuneo, Novara Amedeo R., Chiesa e clero nell età napoleonica, in La diocesi di Mondovì. Le ragioni di una storia, Mondovì 1989, pp Casalis G., Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, II, Torino Conterno G., Dogliani. Una terra e la sua storia, Dogliani Manno A., Promis V., Bibliografia storica degli Stati della Monarchia di Savoia, Torino Morozzo della Rocca E., Le storie dell antica città del monteregale ora Mondovì in Piemonte, Mondovì Muletti D., Memorie storico-diplomatiche appartenenti alla città ed ai marchesi di Saluzzo, Saluzzo Pio G.B., Cronistoria dei Comuni dell antico mandamento di Bossolasco con cenni sulle Langhe, Alba 1920.

3 Belvedere Langhe La vicenda dei rapporti di dipendenza di Belvedere con entità statuali sovrafeudali è molto complessa. Il feudo risulta, nel medioevo e in età moderna, praticamente scisso in più parti dal punto di vista della dipendenza distrettuale: marchesato di Saluzzo, marchesi del Monferrato, domini sabaudi. Anche dopo l acquisto della maggior parte dei diritti feudali da parte dei Savoia, alcune porzioni rimangono fino al Seicento vincolate alla sottomissione ai marchesi del Monferrato, e risultano dunque terre imperiali godenti un regime fiscale privilegiato, senza però fare in modo che Belvedere risulti in toto feudo imperiale: Belvedere infatti non è nel folto gruppo dei feudi delle Langhe aderenziati allo Stato di Milano che nel Settecento furono al centro di una lunga vertenza legale con i Savoia. Questo assetto di dipendenza divisa si riverbera sulla complessità dell assetto signorile interno, che lo caratterizza ancora nella seconda metà del Seicento. Davanti a tale complessità della frammentazione dei diritti feudali gli organismi di comunità appaiono sempre deboli, e la loro gestione dei beni comunitari che pure in età moderna rimangono sostanziosi confusa ed inefficace. Nel comitatus di Alba fino al 1091, Belvedere dovette cadere sotto il dominio dei marchesi del Monferrato; Casalis annota la divisione dei diritti feudali tra due casate, i Catena di Asti e gli Sbarati, e la cessione successiva di tutti o di parte dei diritti alla città di Asti tra il 1212 e il 1292 (Casalis 1834, p. 220). Tomaso I marchese di Saluzzo verso il 1286 si impadronì di Belvedere (Conterno 1986, p. 198); la situazione del feudo in quel momento doveva essere simile a quella di Dogliani, ossia di non interrotto vassallaggio ai marchesi di Monferrato. Nel 1297 Giovanni il Grande, marchese di Saluzzo, capostipite del ramo dei Saluzzo-Dogliani ricevette dal fratello Manfredo IV l infeudazione di Belvedere e Dogliani (Conterno 1986, p. 201). Ancora nel 1397 per i feudi di Farigliano, Murazzano e Belvedere ed di altre località delle Langhe i marchesi di Saluzzo prestavano ancora omaggio al marchese di Monferrato (Morozzo della Rocca 1894, III, p. 132). Anche in età moderna l assetto feudale è particolarmente intricato. Nel 1515 appartiene ai Vacca, ma una parte dei diritti feudali è ceduta ai Saluzzo negli stessi anni (AST, Corte, Materie economiche, Perequazione del Piemonte, Feudi della Provincia di Mondovì: Pezze giustificative dei possessi feudali: Belvedere). Ancora nel 1529 i Saluzzo-Dogliani (Conterno 1986, p. 265) possiedono una parte dei diritti di Belvedere. Il 10 marzo 1587 Michele Antonio Saluzzo consignore di Belvedere cede i suoi diritti feudali a Giacomo della Fita (AST, Camera dei Conti, art. 754, m. IIB, Belvedere: Titoli e scritture per feudi, redditi, diritti feudali e per ragioni d acque); nonostante questo i diritti in mano ai Saluzzo due anni dopo rimangono della misura dei 3/4. Il loro consegnamento dei beni del 1603 è di 183 giornate e 22 tavole di terreno (AST, Corte, Materie economiche, Perequazione del Piemonte, Feudi della Provincia di Mondovì: Pezze giustificative dei possessi feudali: Belvedere). Nel periodo immediatamente precedente all acquisto del feudo da parte dei Savoia (1601), anche i del Carretto dovevano avere una quota dei diritti feudali di Belvedere, e tale quota doveva essere quella imperiale, per cui i del Carretto prestavano aderenza ai Monferrato (BRT, Misc. 66, n. 6: Documenti riguardanti i feudi della Langhe posseduti dai Del Carretto, e relativi alle contestazioni col Duca di Savoia). Persino l ingresso nello stato sabaudo del 1601 (Pio 1920, pp ), insieme al resto del marchesato di Saluzzo, avviene attraverso l acquisto da parte dei Savoia di una frazione di diritti, nella misura dei 28/44, che pare approssimativamente corrispondere alla quota posseduta dai Saluzzo-Dogliani al loro consegnamento del 1589 (Pio 1920, pp ). Da documenti del 1631, Belvedere risulta «feudo imperiale» posseduto dai del Carretto e recentemente passato a casa Savoia, che ancora presta aderenza allo Stato di Milano e in conseguenza riceve investitura dalla corona spagnola (BRT, Misc. 66, n. 6:

4 Documenti riguardanti i feudi della Langhe posseduti dai Del Carretto, e relativi alle contestazioni col Duca di Savoia). Le principali famiglie successivamente infeudate di Belvedere nel Seicento sono i Ferrari (1617), Saraceno di Bra (1618), Canaparo (1618), Dalmazzone (1656), Demagistris (1668). Nel 1756 passa ai Cordero. Nel Seicento e nel Settecento, parallelamente al progressivo ridimensionamento dei possessi feudali in generale, la frammentazione feudale di Belvedere riguardante ovviamente non più diritti giurisdizionali sugli uomini ma solamente il possesso di beni esenti da carichi pare incrementarsi ulteriormente, diventando di macroscopica evidenza agli osservatori locali. Francesco Orta, nella sua Vita di San Celso, parla di Belvedere nel 1667 come di un luogo diviso tra diversi signori (citato da Conterno 1986, p. 308). Tale situazione, per cui in Belvedere più signori possedevano diritti di immunità fiscale su appezzamenti anche molto piccoli, e dell infeudazione di tali diritti si servivano come moneta di frequenti scambi commerciali, riceve conferma dalle pezze giustificative ai possessi feudali raccolte in occasione della Perequazione Generale settecentesca. Ad esempio: se ancora nel 1603 un membro della casata dei Saluzzo consegnava beni feudali per giornate 183:22, ossia quanto restava dei possedimenti antichi della casata in Belvedere, già nel 1609 un tale Carlo Antonio Benedetti investiva a favore di Pietro Antonio Ciapello beni feudali per 6 giornate, e a Giovanni Benedetto altre 6 giornate e 12 tavole di terreno più altre pezze minori; nel 1629 i Benedetti possedevano, nuovamente riunite, le due porzioni cedute in precedenza; quasi un secolo dopo (nel 1727) investivano altri particolari dei diritti su una giornata di prato (AST, Corte, Materie economiche, Perequazione del Piemonte, feudi della Provincia di Mondovì: Pezze giustificatorie dei possessi feudali di Belvedere). La situazione dei beni comunitativi di Belvedere all inizio del Settecento ossia dai primi documenti disponibili vede una non esigua presenza di beni, traccia dell esistenza di comunanze antiche anche di un certo valore economico (alteni e gerbidi avitati); la grande maggioranza dei beni risultano però tenuti da particolari, e secondo modalità che fanno risalire la causa di tale situazione ancora alla scarsa cura da parte della comunità nella gestione e nella difesa dei beni comunitativi attraverso la documentazione catastale. Belvedere infatti, in base ai rilevamenti attuati in occasione della Perequazione del Piemonte nel 1721, risulta possessore di beni di uso civico in discreta quantità (13 giornate e 56 tavole), se rapportati alla bassa estensione complessiva delle giornate collettabili (992 giornate circa) (AST, Camera dei Conti, II archiviazione, art. 21, m. 55: Mondovì, collettabile e immune [1713]). Le pezze comunitative sono quasi tutte in regioni di confine con altri comuni: Piambosco, al confine con Clavesana, il Bricco del Bio, area oggi tagliata dal confine con Murazzano, Valle d Arezza, lungo lo stesso confine con Murazzano, Piaggie, al confine con Bonvicino. La tipologia agricola delle pezze di uso comune è molto varia: la maggior parte è gerbido (5 giornate e mezza), localizzabile in appezzamenti di fondovalle di scarso valore, e bosco (2 giornate e 80 tavole); sono però presenti anche appezzamenti di valore maggiore, ossia alteni (una giornata e 56 tavole) e soprattutto gerbido avitato (2 giornate e 25 tavole), ossia terreno gerbido con filari di vite. È varia anche la tipologia del possesso da parte della comunità. Per quanto riguarda i gerbidi, sono di uso comunitativo soltano due pezze, di cui una risulta «totalmente infruttifera» probabilmente un ghiaione di fondovalle ; altre 4 sono semplicemente «tenute» da particolari senza alcuna contribuzione affittuaria alla comunità: d altro lato però dalle poche note presenti nei registri della Perequazione non pare che la comunità abbia in corso vertenze con i particolari occupanti per la restituzione delle pezze, forse a ragione dello

5 scarso valore; gli stessi tenutari abusivi non hanno registrato a catasto le pezze comunitarie come proprie. I boschi, e probabilmente anche altre pezze di gerbido, sono invece «tenuti» da particolari senza alcuna contribuzione a titolo di affitto, e pare che in questo caso si delinei una vera e propria usurpazione, per altro di difficile, se non impossibile risoluzione: infatti le pezze boschive sono state in vari tempi accolonnate a catasto, senza che la comunità ne rivendicasse mai il possesso comunitativo, e per tali pezze i tenutari pagano regolarmente i carichi di registro; le pezze sono però doppiamente registrate nel catasto anche come beni della comunità, «in parte senza trasporto», ossia senza che fosse indicato nello spazio della comunità l avvenuto passaggio ai particolari, e che questo fosse attestato da atti notarili. La situazione dunque dell assetto proprietario dei boschi comunitativi è confusa, e denota una scarsa cura della gestione dei beni di uso civico: per i beni di cui è annotato il «trasporto» è difficile il ritorno dall usurpazione: formalmente sono registrati come se fossero stati acquistati; per gli altri la documentazione risulta ambigua: sono formalmente ancora della comunità, ma i possessori avrebbero dalla loro parte, nel caso i funzionari comunali volessero cercare di rientrare nel possesso delle pezze, il fatto che la comunità stessa ha permesso l iscrizione nel catasto alla colonna dei singoli proprietari, facendo pagare i normali carichi di registro. Per quanto riguarda i confini, dal momento che la documentazione antica a riguardo è inesistente, è possibile soltanto dire che al principio del Settecento a partire dall elenco delle regioni comunitative dei registri della Perequazione i confini erano verosimilmente già quelli attuali, con qualche dubbio circa la regione del Bricco del Bio, in comune con Murazzano, che appare come una regione controversa, anche se non si registrano liti in merito (AST, Camera dei Conti, II archiviazione, capo 21, m. 78, f. 26: Mondovì, consegna beni immuni e comuni [1721]).

Comune: Murazzano. Altre presenze ecclesiastiche: nessuna

Comune: Murazzano. Altre presenze ecclesiastiche: nessuna Comune: Murazzano Provincia: Cuneo. Area storica: Alta Langa. Abitanti: 882 (ISTAT 1991); 892 (SITA 1996). Estensione: 27,74 kmq (ISTAT SITA 1996). Frazioni: centri abitati: Murazzano; nuclei: Case Villè

Dettagli

Comune: Torre Bormida

Comune: Torre Bormida Comune: Torre Bormida Provincia: Cuneo. Area storica: Langa storica. Abitanti: 243 (ISTAT 1991). Estensione: 7,65 Kmq (ISTAT 1991) Confini: a nord Cravanzana e Bosia, a nord-est Cortemilia, a sud-est Bergolo

Dettagli

Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte Comune di Camerana Cesare Morandini Comune: Camerana

Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte Comune di Camerana Cesare Morandini Comune: Camerana Comune: Camerana Provincia: Cuneo. Area storica: Alta Langa. Abitanti: 772 (ISTAT 1991); 759 (SITA 1995). Estensione: 23,97 kmq (ISTAT 1991). Confini: nord Mombarcaro e Monesiglio, a est Gottasecca e Saliceto,

Dettagli

Diocesi: nei confini della diocesi di Alba nel medioevo (Conterno 1986, p. 115), Clavesana passerà alla diocesi di Mondovì nel 1817.

Diocesi: nei confini della diocesi di Alba nel medioevo (Conterno 1986, p. 115), Clavesana passerà alla diocesi di Mondovì nel 1817. Comune: Clavesana Provincia: Cuneo. Area storica: Monregalese. Abitanti: 941 (ISTAT 1991); 901 (SITA 1996). Estensione: 17,15 kmq (ISTAT 1991, SITA 1996). Frazioni: centri abitati: Clavesana, Ghigliani,

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

COMUNE DI SAN PIERO A SIEVE I.C.I. - IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE

COMUNE DI SAN PIERO A SIEVE I.C.I. - IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE COMUNE DI SAN PIERO A SIEVE I.C.I. - IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE FRONTESPIZIO Il frontespizio è rimasto sostanzialmente invariato rispetto

Dettagli

Diocesi: Trinità fa parte della diocesi di Asti fino al 1388, quando rientra nei limiti della neo costituita diocesi di Mondovì.

Diocesi: Trinità fa parte della diocesi di Asti fino al 1388, quando rientra nei limiti della neo costituita diocesi di Mondovì. Comune: Trinità Provincia: Cuneo. Area storica: Monregalese. Abitanti: 1944 (ISTAT 1991). Estensione: 2823 ha (ISTAT 1991). Confini: a nord e a ovest Fossano, a est Bene Vagienna, a sud ancora con Magliano

Dettagli

Comune: Caprauna. Pieve: non si hanno attestazioni.

Comune: Caprauna. Pieve: non si hanno attestazioni. Comune: Caprauna Provincia: Cuneo. Area storica: Monregalese. Abitanti: 171 (censimento 1991). Estensione: 1104 ha (ISTAT 1991); 1202 (SITA 1991). Frazioni: a nord e a ovest Ormea, a nord e a est Almo,

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte Comune di Perlo Beatrice Palmero 1998. Comune: Perlo

Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte Comune di Perlo Beatrice Palmero 1998. Comune: Perlo Comune: Perlo Provincia: Cuneo. Area storica: Monregalese. Abitanti: 164 (censimento 1991). Estensione: 1156 ha (ISTAT 1991); 1024 ha (SITA 1991). Confini: a nord-ovest Nucetto, a nord Ceva e Priero, a

Dettagli

35ª Proposta (Dec. G.C. del 6 marzo 2015 n. 14)

35ª Proposta (Dec. G.C. del 6 marzo 2015 n. 14) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 1078/15 Anno 2015 Ordine del giorno n. 11 35ª Proposta (Dec. G.C. del 6 marzo 2015 n. 14) Autorizzazione all'acquisizione al Patrimonio Capitolino delle aree di proprietà

Dettagli

Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte Comune di Boves Giancarlo Comino 1996. Comune: Boves

Schede storico-territoriali dei comuni del Piemonte Comune di Boves Giancarlo Comino 1996. Comune: Boves Comune: Boves Provincia: Cuneo. Area storica: Cuneese. Abitanti: 8830 (ISTAT 1991). Estensione: 5150 ha (ISTAT 1991). Confini: a nord Cuneo, a est Peveragno, a sud Limone Piemonte e Vernante, a ovest Robilante,

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 24 Luglio 2015 I trimestre 2015 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel I trimestre 2015 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari tornano a registrare variazioni

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 30 Ottobre 2013 I e II trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE:COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel corso del primo semestre del 2013 rallenta il calo delle convenzioni notarili rogate per trasferimenti

Dettagli

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio

COMUNE DI CASTELLI CALEPIO PROVINCIA DI BERGAMO Settore Patrimonio RELAZIONE DI STIMA Finalizzata alla determinazione del valore venale dell area attualmente di proprietà privata, da alienare in via XXV Aprile a Tagliuno Il Perito Geom. Paolo Fiumi Settembre 2015 indice

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari: Premesso che:

A relazione dell'assessore Ferrari: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 13 luglio 2015, n. 19-1735 Programma di edilizia residenziale pubblica 1992-95. Intervento nel Comune di Novara destinato alla locazione

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA

NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI COMUNICAZIONE DI MUTAMENTO DI CONDUZIONE AZIENDA I produttori contraenti devono compilare il modulo in ogni parte, in stampatello, allegando la relativa

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 CIRCOLARE N. 23 DEL 16/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 IN SINTESI: È stato recentemente pubblicato sulla

Dettagli

Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro Questo Ordine non avrebbe a che vedere con gli Ordini sorti con le Crociate; esso infatti venne fondato da Amedeo VIII di Savoia, più come blasonatura dinastica, che

Dettagli

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007).

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). Provincia di Torino Ufficio Statistica Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). di Franco A. Fava 1. La popolazione straniera residente. Secondo

Dettagli

COMPRAVENDITE IMMOBILIARI E MUTUI

COMPRAVENDITE IMMOBILIARI E MUTUI 2 dicembre 2011 II trimestre 2011 COMPRAVENDITE IMMOBILIARI E MUTUI Nel secondo trimestre 2011 le compravendite di unità immobiliari (219.905 in totale) sono diminuite del 3,2% rispetto allo stesso periodo

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL RING DI VIENNA L'azione urbanistica più nota della Vienna del XIX secolo èla realizzazione del RING (1859.1872), nella quale si esprimono gli elementi

Dettagli

Piemonte REGIONE PIEMONTE

Piemonte REGIONE PIEMONTE Piemonte REGIONE PIEMONTE Geografia regionale Il Piemonte è una regione dell Italia nord-occidentale di 4,3 milioni di abitanti con capoluogo Torino. Il territorio è prevalentemente montuoso con il 43%

Dettagli

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana FOTO Panorama di Torino Capoluogo dell'omonima provincia, con 2,3 milioni di abitanti. È una delle province più estese d'italia oltre ad essere la provincia con il più alto numero di comuni (315). Torino

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l emigrazione

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e l emigrazione OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e l emigrazione Il Gazzettino, 14.12.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab.

CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab. Allegato A) CONVENZIONE DI AFFITTANZA AGRARIA AI SENSI DELL ART. 45 L. 3/5/82 N. 203. (Esente da bollo ai fini della registrazione ai sensi dell art. 25 Tab. B del D.P.R. 30/12/82 n. 955 a integrazione

Dettagli

Storia della vite e del vino in Piemonte

Storia della vite e del vino in Piemonte La bottiglia di vetro e il tappo di sughero Fino alla fine del 1600 le tecniche enologiche erano ancora mancanti dell'ultimo ed essenziale anello: la conservazione in bottiglia del vino finito, con la

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 9 marzo 2011 Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al terzo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

Relazione tecnica per compravendita Lotto n. 37

Relazione tecnica per compravendita Lotto n. 37 Relazione tecnica per compravendita Lotto n. 37 Descrizione dell immobile: Trattasi di un compendio immobiliare unico formato dalla unione di più appezzamenti di terreno terrazzati e coltivati fin da epoca

Dettagli

Ivo Biagianti. La terra e gli uomini a San Marino Agricoltura e rapporti di produzione dal Medioevo al Novecento.

Ivo Biagianti. La terra e gli uomini a San Marino Agricoltura e rapporti di produzione dal Medioevo al Novecento. La terra e gli uomini a San Marino Agricoltura e rapporti di produzione dal Medioevo al Novecento di I vo Biagianti Collana di studi storici sammarinesi Ivo Biagianti L'agricoltura ha costituito per molti

Dettagli

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto

Il catasto 13.XII.2005. Corso di Estimo CLA - Prof. E. Micelli - Aa 2005.06. Cos è il Catasto Il catasto 13.XII.2005 Cos è il Catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale; è la base per le imposizioni fiscali; conserva le informazioni relative

Dettagli

IMU 2015 BREVE MEMORANDUM SUI PRINCIPALI ADEMPIMENTI

IMU 2015 BREVE MEMORANDUM SUI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IMU 2015 BREVE MEMORANDUM SUI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IMU: SOGGETTO PASSIVO (chi paga?) Il proprietario di fabbricati, aree edificabili e di terreni a qualsiasi uso destinati; Il titolare del diritto reale

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Pieve: S.Maria Maggiore (pieve dalla seconda metà del XIV sec.); nel 1386 dipende dalla pieve di Cavallermaggiore (idem)

Pieve: S.Maria Maggiore (pieve dalla seconda metà del XIV sec.); nel 1386 dipende dalla pieve di Cavallermaggiore (idem) Comune: Racconigi Provincia: Cuneo Area storica: Comitato di Torino (GUASCO 1911, 1316-7; PEZZANO 1976, 619-691) Abitanti: 9912 Estensione: 4803 ha (ISTAT) 4797 ha (SITA) Confini: Carmagnola, Lombriasco,

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

I Fabbricati rurali: dal catasto terreni al catasto fabbricati

I Fabbricati rurali: dal catasto terreni al catasto fabbricati Collegio Notarile della Provincia di Cuneo e Collegio dei Geometri e Geometri Laurati della Provincia di Cuneo Convegno sulla disciplina dei fabbricati rurali in relazione al dettato del DL 201/2011 I

Dettagli

Atti immobiliari PARTI

Atti immobiliari PARTI Atti immobiliari PARTI Fotocopia di un documento di identità e del codice fiscale N.B. qualora i dati relativi alla residenza o alla professione non fossero aggiornati, indicare i nuovi dati sulla fotocopia.

Dettagli

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività L esame delle attività registrate nel mese di settembre scorso mette in evidenza l utilizzo del Geoportale mediamente da parte di circa

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI (Modello 69)

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI (Modello 69) ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI (Modello 69) Premessa Questo modello serve per: richiedere la registrazione degli atti, ad eccezione di quelli emessi dagli organi

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

Fasti della burocrazia. Uniformi civili e di corte XVIII-XIX. Le leggi e l iconografia

Fasti della burocrazia. Uniformi civili e di corte XVIII-XIX. Le leggi e l iconografia Fasti della burocrazia. Uniformi civili e di corte XVIII-XIX Le leggi e l iconografia Il linguaggio delle uniformi civili antiche è complesso e rigorosamente codificato: ogni uniforme era regolata da precisi

Dettagli

Catasto italiano. Origini. Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti

Catasto italiano. Origini. Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti IL CATASTO Cenni storici Catasto italiano Insieme di operazioni per stabilire la rendita di beni immobili Origini Nel 1861 si contavano in Italia 22 diversi Catasti Nel 1886 fu varata la prima legge per

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

PROGETTO SCUOLE. Anno Scolastico 2013-2014. www.associazione-amici-pietro-micca-1706.it

PROGETTO SCUOLE. Anno Scolastico 2013-2014. www.associazione-amici-pietro-micca-1706.it PROGETTO SCUOLE Anno Scolastico 2013-2014 www.associazione-amici-pietro-micca-1706.it W/Doc-AT/TO-MPM/AAMPM-Varie/Progetto ScuoleOpuscFortunati12-13(Vers13P03-b) 1 Il Progetto Scuole del Museo Pietro Micca

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

COMUNE DI SERRA SANT ABBONDIO (Provincia di Pesaro e Urbino)

COMUNE DI SERRA SANT ABBONDIO (Provincia di Pesaro e Urbino) COMUNE DI SERRA SANT ABBONDIO (Provincia di Pesaro e Urbino) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 22 Data 09-03-11 OGGETTO:DETERMINAZIONE VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO DEI FABBRICATI CENSITI

Dettagli

I TERRENI INCOLTI MONTANI SONO ESENTI DALL IMU?

I TERRENI INCOLTI MONTANI SONO ESENTI DALL IMU? I TERRENI INCOLTI MONTANI SONO ESENTI DALL IMU? Art. 7, comma 1, lett. h), D.Lgs. n. 504/92 Art. 9, commi 1 e 8, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 13, DL n. 201/2011 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF Risposta Interrogazione

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

Reddito Complessivo ai fini Irpef + Rendimento del Patrimonio Mobiliare (patrimonio x coeff. 4,32%)

Reddito Complessivo ai fini Irpef + Rendimento del Patrimonio Mobiliare (patrimonio x coeff. 4,32%) La dichiarazione sostitutiva unica serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare del dichiarante quando si richiedono delle prestazioni sociali agevolate.. Si tratta di prestazioni o

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Tavola di corrispondenza tra numerazione vecchia e nuova (ASMi(

Tavola di corrispondenza tra numerazione vecchia e nuova (ASMi( Mappa Catastale Napoleonica della Città di Bergamo, 1811 ASMi ASMi) - particolare dei mappali 220-221 221 Sommarione napoleonico della mappa, 1811 ASBg Tavola di corrispondenza tra numerazione vecchia

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

CATASTO. Come si classifica il catasto? a) probatorio e particellare. b) rustico e urbano. c) probatorio fondato sulla denuncia dei possessori.

CATASTO. Come si classifica il catasto? a) probatorio e particellare. b) rustico e urbano. c) probatorio fondato sulla denuncia dei possessori. CATASTO Che cosa è il catasto? a) è l inventario dei beni immobili esistenti in un determinato territorio. b) è l archiviazione presso l U.T.E. di tutti i fogli di mappa di un comprensorio. c) è l archiviazione

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

Dott. Ing. Valentina Minichino 1 RELAZIONE DI PERIZIA

Dott. Ing. Valentina Minichino 1 RELAZIONE DI PERIZIA Dott. Ing. Valentina Minichino 1 RELAZIONE DI PERIZIA 1. PREMESSE La scrivente ing. Valentina Minichino, iscritta all Albo dei Consulenti Tecnici d Ufficio del Tribunale di Salerno, ha ricevuto dal G.E.

Dettagli

CONTRATTO DI AFFITTO FONDI RUSTICI DI PROPRIETA COMUNALE. (in deroga art. 45 Legge n. 203/82) LANZA Francesco, nato a Frabosa Soprana il

CONTRATTO DI AFFITTO FONDI RUSTICI DI PROPRIETA COMUNALE. (in deroga art. 45 Legge n. 203/82) LANZA Francesco, nato a Frabosa Soprana il COMUNE DI BENE VAGIENNA PROVINCIA DI CUNEO REPERTORIO N. CONTRATTO DI AFFITTO FONDI RUSTICI DI PROPRIETA COMUNALE (in deroga art. 45 Legge n. 203/82) Periodo: 12/11/2014-11/11/2015. LANZA Francesco, nato

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

CAVAZZALE. Chiesa di CAVAZZALE

CAVAZZALE. Chiesa di CAVAZZALE CAVAZZALE La frazione di Cavazzale appartiene al comune di Monticello Conte Otto, in provincia di Vicenza, nella regione Veneto ed è il centro più popoloso ed importante del comune, dove si trovano i principali

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria

Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria LA PROPRIETÀ PRIVATA

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della I Commissione permanente AFFARI ISTITUZIONALI; AFFARI GENERALI; CIRCOSCRIZIONI COMUNALI; POLIZIA LOCALE, URBANA E RURALE; ENTI LOCALI; ORDINAMENTO

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 298 23.10.2014 Locazioni commerciali: canoni non percepiti Con la risoluzione del contratto di locazione, cessa l assoggettamento a imposta sui

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave FONDAZIONI BANCARIE Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

Area Tecnica Sportello Unico per l Edilizia tecnico@comune.narbolia.or.it

Area Tecnica Sportello Unico per l Edilizia tecnico@comune.narbolia.or.it COMUNE DI NARBOLIA (Provincia di Oristano) Prot. Gen. Bollo da.4,6 Area Tecnica Sportello Unico per l Edilizia tecnico@comune.narbolia.or.it Via Umberto n. CAP 09070 Narbolia Tel 078.575 - Fax 078-577

Dettagli

IMU 2012 Una guida per calcolare e pagare la nuova imposta

IMU 2012 Una guida per calcolare e pagare la nuova imposta IMU 2012 Una guida per calcolare e pagare la nuova imposta Cari cittadini, abbiamo preparato una guida con le informazioni più importanti per capire cos è l IMU, quanto dovete versare e come si compila

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86)

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) 1 L imposta di registro appartiene alla famiglia delle imposte indirette. DEFINIZIONE: le

Dettagli

La nuova classificazione degli itinerari escursionistici del Piemonte ai sensi della legge regionale n. 12/2010

La nuova classificazione degli itinerari escursionistici del Piemonte ai sensi della legge regionale n. 12/2010 La nuova classificazione degli itinerari escursionistici del Piemonte ai sensi della legge regionale n. 12/2010 Fabio Giannetti - IPLA Catasto e rete dei percorsi escursionistici Il catasto e rete del

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

Vincenzo Zito Gli Zito di Andria

Vincenzo Zito Gli Zito di Andria Vincenzo Zito Gli Zito di Andria Vincenzo Zito GLI ZITO DI ANDRIA Note su di una famiglia contadina originaria di Conversano EDIZIONE DELL AUTORE In copertina: stralcio dalla carta della Locazione di

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

CARTE MAZZONI. Anni 1450-1811. Buste 2

CARTE MAZZONI. Anni 1450-1811. Buste 2 CARTE MAZZONI Anni 1450-1811 Buste 2 71 Nota introduttiva Durante il periodo della direzione di Alessandro Luzio, il periodo immediatamente precedente e quello successivo, pervennero in dono all Archivio

Dettagli

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA Prot. N 1628 Del 26 FEB. 2010 CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA DELIBERA COMMISSARIALE N 45 del 26 Febbraio 2010 OGGETTO: Permuta immobili nell a.i. di Senise ASI/ Sig. Persiani

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

GLI AVVOCATI ED I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

GLI AVVOCATI ED I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI UNIONE REGIONALE DEI CONSIGLI DEGLIORDINI FORENSI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA COMMISSIONE FAMIGLIA E MINORI GLI AVVOCATI ED I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELLE CAUSE DI FAMIGLIA CONVEGNO - Torino, 17.11.2011

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli Giugno 215 Il sistema ufficiale Secondo l ultimo Rapporto sui Rifiuti Urbani pubblicato dall ISPRA, nel 213 sono state

Dettagli

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB (D. Lgs. 209/99) Aggiornamento al 31 marzo 2015 S e z i o n e R e g i o n a l e C a t a s t o R i f i u t i A R P A P i e m o n t e P i e m o n t e ARPA Piemonte

Dettagli

A) INDIVIDUAZIONE DELL' AGENZIA DELLE ENTRATE DI COMPETENZA

A) INDIVIDUAZIONE DELL' AGENZIA DELLE ENTRATE DI COMPETENZA GEOMETRA Pino Caddeo Via martiri d ungheria, 22 08016 Borore (NU) WEBSITE: www.visurnet.com, mail: info@visurnet.com 0785/86727-3393600206 DATI NECESSARI PER COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE legenda

Dettagli