Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione. Azioni a bassa volatilità L'investimento differente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione. Azioni a bassa volatilità L'investimento differente"

Transcript

1 Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Azioni a bassa volatilità L'investimento differente

2

3 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 3 Sommario Negli ultimi cinque anni, i mercati azionari internazionali sono stati caratterizzati da una notevole instabilità. Come conseguenza gli investitori hanno aumentato la loro avversione al rischio. Sebbene ciò sia comprensibile, qualora questa disaffezione si traducesse in una diminuzione degli investimenti azionari, gli investitori rischierebbero di perdere le migliori opportunità in questa classe di attivi per ottenere rendimenti positivi in termini reali. Gli investimenti a bassa volatilità, basati sulle indicazioni fornite dalla finanza quantitativa, mirano ad intercettare gli alti rendimenti corretti per il rischio generati dai titoli a bassa volatilità. Infatti, un portafoglio poco volatile, ottimizzato per ottenere un basso rischio assoluto, in genere offre performance migliori e - nel lungo periodo - rendimenti corretti per il rischio più elevati rispetto al mercato complessivo 1. Gli investitori possono ottenere rendimenti potenziali scegliendo invece una strategia a bassa volatilità incentrata su azioni stabili. 1 Fonte: Demystifying Equity Risk-Based Strategies: a simple Alpha plus Beta description, Raul Leote de Carvalho, Xiao Lu, Pierre Moulin, The Journal of Portfolio Management, Vol. 38, No. 3, Copyright 2012, Institutional Investor, Inc., Pubblicato su: jpm/38/3 * BNP Paribas Investment Partners non offre alcuna protezione del capitale investito nel fondo. Le informazioni e condizioni riportate nel presente documento non potranno essere interpretate come garanzia di tale protezione. Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

4 4 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I Rendimenti potenzialmente interessanti con le azioni a bassa volatilità Ottenere rendimenti superiori investendo su azioni a bassa volatilità con rischio controllato 2. Dati empirici che mostrano una performance superiore nel lungo periodo 3. Un approccio d investimento convincente, soprattutto nei periodi caratterizzati dall avversione al rischio, che consente di raccogliere i frutti delle scelte in controtendenza Strategie di gestione attiva e prodotti modellati sulle esigenze specifiche degli investitori Possibilità di modificare il profilo di rischio dell investimento in base all evoluzione del contesto di mercato Approccio trasparente e diretto, che consente di controllare il tracking-error Di cosa si tratta? I nostri esperti di analisi quantitativa si avvalgono di metodologie statistiche per analizzare i prezzi di mercato ed elaborare delle strategie d investimento che valutano il rischio intrinseco di un azione. Per prevedere l andamento di un titolo in prospettiva, gli analisti non tengono conto del modello di business o della posizione competitiva delle società, né dei multipli di mercato impiegati da gestori e investitori. Essi si basano, piuttosto, sulle fluttuazioni dei listini azionari e sulle reazioni del titolo agli eventi di mercato. In genere questo approccio d investimento è noto come riskbased ovvero basato sui rischi. Questo stile ha registrato un evoluzione nel corso degli anni, poiché la ricerca accademica ha dimostrato che una gestione sistematica, che sfrutta le caratteristiche di rischio specifiche di un attivo è in grado di migliorare il rapporto tra rendimento e rischio. Nel 1972, gli economisti Bob Haugen e James Heins hanno osservato che le azioni a basso rischio avevano registrato rendimenti più elevati rispetto ai titoli che presentavano un accentuata instabilità almeno sin dal Questi studi 5 hanno mostrato che tale anomalia si è protratta per un periodo che va dal 1926 al 1993, e che secondo le nostre ricerche è continuata fino al Il modello finanziario classico denominato CAPM (Capital Asset Pricing Model) e la teoria da cui deriva basata sull efficienza dei mercati e sulle osservazioni dell intermediario di borsa francese Jules Regnault (1863) e del matematico Louis Bachelier (1900) presuppone che le azioni ad elevata volatilità debbano avere un rendimento più consistente per compensare i rischi maggiori. Il CAPM che determina una relazione tra il rendimento di un titolo e la sua rischiosità è stato sviluppato all inizio degli anni 60 da numerosi studiosi, tra i quali segnaliamo William Sharpe, Harry Markowitz e Merton Miller che hanno vinto insieme il premio Nobel per l economia. Nell ambito del modello CAPM, la sensibilità del prezzo di un azione agli andamenti del mercato complessivo viene denominata beta. Nel corso degli anni 90, Eugene Fama e Kenneth French hanno perfezionato questo approccio definendo con precisione le componenti del coefficiente beta. I due ricercatori hanno osservato che i portafogli orientati verso i titoli value di società a bassa capitalizzazione hanno ottenuto rendimenti superiori al mercato complessivo. Il modello classico viene ancora utilizzato per l allocazione degli attivi di tipo tradizionale e per prevedere l evoluzione delle quotazioni, tuttavia i dati non sempre concordano con questo modello. Piuttosto che cercare un super-modello in grado di adattarsi meglio ai dati, Haugen ed altri ricercatori hanno iniziato a studiare la cosiddetta anomalia della bassa volatilità. BNP IP offre, adesso, la possibilità di investire attraverso un approccio sviluppato dal nostro team di Financial Engineering, che mira a soddisfare le esigenze degli investitori sul mercato azionario attuale: ovvero ottenere buoni rendimenti nel lungo periodo con rischi minori. 2 Non vi è alcuna garanzia che gli obiettivi di rendimento saranno conseguiti. Le performance e i risultati passati non sono indicativi dei rendimenti attuali o futuri. 3 Fonte: Demystifying Equity Risk-Based Strategies: a simple Alpha plus Beta description, Raul Leote de Carvalho, Xiao Lu, Pierre Moulin, The Journal of Portfolio Management, Vol. 38, No. 3, Copyright 2012, Institutional Investor, Inc., Pubblicato su: 4 Fonte: On the Evidence Supporting the Existence of Risk Premiums in the Capital Market, Robert A. Haugen and A. James Heins, Wisconsin working Paper Dec Fonte: R. Haugen, and Nardin Baker (1991), The Efficient Market Inefficiency of Capitalization-Weighted Stock Portfolios, Journal of Portfolio Management, vol. 17, No.1, pp , vedi anche Baker, N. and R. Haugen (2012) Low Risk Stocks Outperform within All Observable Markets of the World. Chan, L., J. Karceski, and J. Lakonishok (1999), On Portfolio Optimization: Forecasting Covariances and Choosing the Risk Model, Review of Financial Studies, 12, pp * BNP Paribas Investment Partners non offre alcuna protezione del capitale investito nel fondo. Le informazioni e condizioni riportate nel presente documento non potranno essere interpretate come garanzia di tale protezione.

5 Come funziona? Il segreto è nella stabilità! Le azioni a bassa volatilità potrebbero essere considerate prevedibili o poco stimolanti, e molti gestori non si accontentano di una remunerazione costante ma vogliono generare rendimenti superiori alla media per vari motivi: orgoglio professionale, bonus, risultati per la clientela carriera e salario dei gestori dipendono dalla loro capacità di generare rendimenti elevati, che prevedono di ottenere grazie a investimenti rischiosi, e tale atteggiamento si traduce a sua volta in una domanda gonfiata per le azioni ad alto rischio. Inoltre, le azioni più instabili di solito sono quelle che generano una grande mole di notizie sui mezzi d informazione, e ciò le rende più facili da vendere. Le azioni a bassa volatilità, invece, sono quelle di società - che operano in settori remunerativi - poco indebitate e non riservano sorprese di alcun genere. In altre parole: Non vi aspettate di trovare il biglietto della lotteria per un grosso bonus tra questi titoli, oppure tentate di convincere un gestore ad introdurre il produttore di ketchup Heinz nel portafoglio modello piuttosto che la società informatica più alla moda del momento: Apple! La sovraperformance delle azioni a bassa volatilità è stata documentata su un periodo di circa 90 anni, ma l interesse verso questo tipo di azioni è aumentato solo negli ultimi tempi. Pertanto, si conferma l ipotesi che le azioni a bassa volatilità riscuotono particolare interesse nei contesti di mercato incerti. Infatti, l incremento dell instabilità dei mercati negli ultimi tre anni ha riportato in primo piano le caratteristiche positive delle azioni con un profilo più difensivo. Le azioni a bassa volatilità non sono solo difensive - e pertanto dovrebbero assicurare una performance superiore all indice di riferimento durate le fasi di ribasso - ma assicurano anche un extra-rendimento, e ciò significa che registrano performance molto superiori di quanto si potesse prevedere in base al loro beta (indicatore di volatilità). Grazie all extra-rendimento generato, questi titoli sono in grado di seguire l andamento dell indice complessivo persino quando i mercati sono in rialzo. Solo quando questi ultimi registrano un rimbalzo significativo le azioni a bassa volatilità registrano un ritardo, e tuttavia anche in tali periodi presentano rendimenti interessanti. Un portafoglio investito in azioni a basso rischio resiste meglio ad ogni condizione di mercato e gli investitori non devono preoccuparsi per le scelte temporali, dato che questo tipo di allocazione minimizza le difficoltà e registra buone performance con i mercati al rialzo. Un decennio caratterizzato da rendimenti altalenanti, ha spinto gli investitori a cercare nuovi approcci per investire sui mercati azionari diversi da quelli basati sulla capitalizzazione di mercato e in grado di generare rendimenti corretti per il rischio più elevati. Per questo motivo i vari tipi di approcci sistematici basati sul rischio sono divenuti il tema più popolare nell ambito dell investimento azionario. Alcuni di questi approcci prevedono un impiego di algoritmi abbastanza complessi (ottimizzatori di portafoglio) e di numerose ipotesi per giustificarne l utilizzo: come esempio possiamo citare le strategie minimum variance, maximum diversification ed equal risk contribution. Tutte queste strategie hanno registrato performance superiori all indice di mercato complessivo per molti anni e con una volatilità più bassa.

6 6 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I Ecco la prova! William Sharpe ha ideato l indice che porta il suo nome nel 1966 e lo ha perfezionato nel L indice di Sharpe misura la remunerazione di un investimento in rapporto ai rischi. Quanto più alto risulterà l indice, tanto migliore sarà il rendimento. Gli analisti hanno osservato la volatilità delle azioni e le hanno divise in cinque portafogli equiponderati, classificati in base alla volatilità: da bassa ad elevata. Il portafoglio più stabile faceva segnare una volatilità media del 13,9%, inferiore di oltre la metà rispetto a quello con la volatilità più elevata (27,4%). Invece, l indice di Sharpe del gruppo a bassa volatilità attestato a quota 0,61 risultava superiore di almeno due volte rispetto a quello del gruppo di azioni a maggior rischio. L extra-rendimento rispetto alla liquidità era dell 8,6% - ovvero un po più basso rispetto al 9,4% del gruppo con la volatilità più elevata, ma superiore ai gruppi 2 e 4. Si è ottenuto dunque un rendimento molto migliore rispetto al rischio con una volatilità più bassa. L analisi quantitativa che abbiamo condotto si è concentrata su azioni incluse nell indice MSCI World un migliaio in tutto nel periodo compreso tra gennaio del 1995 e dicembre del Sharpe Ratio Volatilità bassa Fonte: BNP Paribas AM, MSCI, Exshare Volatilità elevata

7 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 7 Qual è la situazione attuale? Al momento, sono cinque le strategie di prima generazione più note per effettuare una costruzione del portafoglio in base al rischio. Tutte, tranne la prima, offrono un esposizione verso le azioni a bassa volatilità. Equally weighted (EW): tutte le azioni hanno la stessa ponderazione Equal risk budgeting (ERB): le ponderazioni sono inversamente proporzionali alla loro volatilità Equal risk contribution (ERC): le ponderazioni vengono implementate in modo da avere tutte lo stesso livello di rischio Minimum variance (MV): il portafoglio mira ad ottenere la volatilità più bassa exante Maximum diversification (MD): il portafoglio massimizza il tasso diversificazione al fine di distribuire il rischio Da un analisi più attenta emerge che si tratta di strategie d investimento strettamente correlate e sub-ottimali. L anomalia della volatilità spiega gran parte del tracking-error e dei sovrarendimenti, ma queste strategie non sono state concepite specificamente per sfruttare questo fenomeno. Figura 2: Indicatori principali strategie risk based di prima generazione Mkt EW ERB ERC MV long only MD long only MV MD Excess return over RF 2.1% 5.7% 5.9% 5.6% 5.2% 4.8% 6.3% 6.2% Volatility 18.1% 18.2% 16.5% 14.8% 9.9% 11.5% 9.1% 10.8% Sharpe ratio Excess return over BM 3.6% 3.8% 3.5% 3.1% 2.6% 4.2% 4.1% Tracking error 5.1% 5.4% 6.6% 13.1% 12.1% 15.2% 14.5% Information ratio Beta Maximum Drawdown -56% -58% -55% -53% -29% -39% -22% -31% Annual turnover 10% 39% 37% 58% 151% 162% 220% 296% Fonte: R. Leote de Carvalho, X. Lu y P. Moulin, The Journal of Portfolio Management, primavera de 2012, Vol. 38, nº 3 Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

8 8 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I I punti deboli di queste strategie di prima generazione a bassa volatilità sono i seguenti: le strategie Minimum variance e Maximum diversification sono eccessivamente sbilanciate verso i settori difensivi Minimum variance e Maximum diversification richiedono l applicazione di numerosi vincoli per risultare efficaci Equally weighted, Equal risk budgeting ed Equal risk contribution sono troppo concentrate sui titoli a bassa capitalizzazione Il budget di rischio ovvero la perdita massima fissata per l anomalia della volatilità non è controllato il coefficiente beta ed il tracking error (ovvero la deviazione) rispetto all indice complessivo sono lasciati in balia dell andamento dei mercati. Figura 3: Correlazione del differenziale di rendimento sull indice MSCI World Index (periodo di riferimento: gennaio dicembre 2010) EW ERB ERC MD long only MV long only EW 100% 88% 79% 33% 25% ERB 100% 97% 61% 57% ERC 100% 75% 71% MD long only 100% 96% MV long only 100% Fonte: R. Leote de Carvalho, X. Lu y P. Moulin, The Journal of Portfolio Management, primavera de 2012, Vol. 38, nº 3 Quali sono le novità? Il team Financial Engineering di BNP Paribas Investment Partners (BNPP IP) ha ideato degli approcci di nuova generazione. Tali approcci si focalizzano sull anomalia della volatilità e tentano di individuare le strategie più efficaci per trarne vantaggio. I nostri esperti hanno messo in primo piano semplicità e trasparenza, eliminando tutte le complicazioni non necessarie e correggendo i punti deboli delle strategie di prima generazione. Siamo convinti che: Le azioni a bassa volatilità presentano indici di Sharpe più elevati; l anomalia della volatilità è un fenomeno generalizzato, che interessa tutti i settori Aggiungere dei vincoli ad un portafoglio con varianza minima tradizionale non è il sistema migliore per risolvere il problema di un tracking error elevato Gli investitori dovrebbero selezionare prima le azioni con la volatilità più bassa in ogni settore e poi, costruire un portafoglio incentrato su questi titoli, che tenga conto delle loro esigenze specifiche For professional investors only

9 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 9 Cosa può offrire BNP Paribas Investment Partners? I nostri esperti hanno creato il fondo BNP Paribas L1 Equity World Low Volatility con l obiettivo di ridurre il rischio del 20% rispetto all indice del mercato complessivo, con un tracking error compreso tra il 5% e il 7% Questo fondo mira a limitare l impatto dei ribassi* con un profilo di rendimento asimmetrico. Il fondo BNP Paribas L1 Equity World Low Volatility**: Offre un rendimento potenziale maggiore rispetto all indice complessivo di mercato durante le fasi ribassiste. Riesce a tenere il passo del mercato durante le fasi di rialzo grazie all extra-rendimento positivo ottenuto dalle azioni con la volatilità più bassa. Questo fondo è particolarmente adatto agli investitori che valutano il rendimento ottenuto rispetto all andamento del mercato complessivo: adotta una strategia d investimento sviluppata in proprio, concepita per sfruttare l anomalia della bassa volatilità corregge il problema del tracking error elevato delle strategie tradizionali a varianza minima offre un portafoglio azionario ampiamente diversificato, che sfrutta l anomalia della volatilità in tutti i settori di mercato e non solo in quelli difensivi BNPP L1 Equity World Low Volatility consente di: Diminuire il rischio complessivo di un portafoglio Migliorare i rendimenti corretti per il rischio in un orizzonte di lungo periodo. Per un descrizione completa dei rischi vi invitiamo a consultare l ultima versione del prospetto informativo. Il valore degli investimenti ed il rendimento che generano possono diminuire oltre che aumentare ed è possibile che gli investitori non recuperino la somma investita. * BNP Paribas Investment Partners non offre alcuna protezione del capitale investito nel fondo. Le informazioni e condizioni riportate nel presente documento non potranno essere interpretate come garanzia di tale protezione. ** BNP Paribas L1 Equity World Low Volatility è un comparto di BNP Paribas L1. SICAV di diritto lussemburghese conforme alla normativa sugli UCITS IV. L esposizione del comparto può variare di volta in volta, e comprende, tra gli altri, i seguenti rischi:: credito, liquidità, volatilità, valutario e d interesse. I rischi possono riguardare, inoltre, la situazione finanziaria delle società emittenti, le condizioni economiche generali, le fluttuazioni dei mercati, la situazione su alcuni mercati finanziari, gli eventi politici e gli andamenti e gli sviluppi in alcuni particolari settori dell economia. Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

10 10 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I Domande e risposte Qualora aumentasse il numero degli investitori che tentano di sfruttare l anomalia della volatilità, essa potrebbe scomparire? A nostro avviso il cosiddetto CAPM rimarrà il modello più utilizzato per la costruzione dei portafogli e attrarrà la maggior parte degli investimenti. Non è semplice infatti modificare i comportamenti umani, è dunque probabile che molti investitori continueranno a puntare sui titoli più rischiosi nella speranza di ottenere rapidamente dei rendimenti. Pertanto, siamo portati a credere che questa anomalia si protrarrà per parecchi anni. Se l anomalia della volatilità è una tecnica d investimento tanto convincente, perché non si è diffusa in maniera più ampia? La risposta a questa domanda può essere trovata nuovamente nei fattori che guidano i comportamenti umani. Nei periodi favorevoli, ovvero quando il denaro circola facilmente e i mercati sono in rialzo, gli investitori tentano di sfruttare al massimo la tendenza al rialzo, non rinunciando a nulla dell extra-rendimento potenziale al fine di limitare i rischi di ribasso. Questa situazione cambia quando le paure recessive si impongono e i mercati scendono. In passato, l applicazione delle strategie a bassa volatilità è stata frenata dai mercati azionari in forte rialzo: un contesto in cui gli investitori non sentivano la necessità di una cintura di sicurezza. DOV E possibile ottenere ulteriori informazioni? I nostri responsabili commerciali di riferimento saranno lieti di fornire informazioni più dettagliate.

11 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 11 Bibliografia Carvalho, R.L., Lu X., Moulin P., Demystifying Equity Risk Based Strategies: A Simple Alpha plus Beta Description, The Journal of Portfolio Management, Spring 2012Vol. 38, No. 3 Ang, A., R. J. Hodrick, Y. Xing, and X. Zhang. The Cross-Section of Volatility and Expected Returns. The Journal of Finance, Vol. 61, No. 1 (2006), pp Baker, M., B. Bradley, and J. Wurgler. Benchmarks as Limits to Arbitrage: Understanding the Low Volatility Anomaly. Financial Analysts Journal, Vol. 67, No. 1 (2011) pp Blitz, D. C., and P. van Vliet. The Volatility Effect. The Journal of Portfolio Management, Vol. 34, No. 1 (2007) pp Clarke, R., H. de Silva, and S. Thorley. Minimum-Variance Portfolio Composition. The Journal of Portfolio Management, Vol. 37, No. 2 (2011) pp Choueifaty, Y., and Y. Coignard. Towards Maximum Diversification. The Journal of Portfolio Management, Vol. 34, No. 4 (2008) pp Fama, E. F., and K. R. French. The Cross-Section of Expected Stock Returns. Journal of Finance, Vol. 47, No. 2, (1992) pp Fama, E. F., and K. R. French. The Capital Asset Pricing Model: Theory and Evidence. The Journal of Economic Perspectives, Vol. 18, No. 3 (2004) pp Haugen, R., and N. Baker. The Efficient Market Inefficiency of Capitalization-Weighted Stock Portfolios. The Journal of Portfolio Management, Vol. 17, No. 3 (1991) pp Maillard, S., T. Roncalli, and J. Teiletche. The Properties of Equally-weighted Risk Contributions Portfolios. The Journal of Portfolio Management, Vol. 36, No. 4 (2010) pp Markowitz, H. Portfolio Selection. Journal of Finance, Vol. 7, No. 1 (1952) pp Sharpe, W. F. Capital Asset Prices: A Theory of Market Equilibrium under conditions of Risk. Journal of Finance, Vol. 19, No. 3 (1964) pp Sharpe, W. F. A Simplified Model for Portfolio Analysis. Management Science, Vol. 9, No. 2 (1963) pp La presente pubblicazione è una versione ridotta è semplificata dell articolo: Demystifying Equity Risk-Based Strategies: an Alpha plus Beta description, Raul Leote de Carvalho, XiaoLu, Pierre Moulin, The Journal of Portfolio Management, Vol. 38, No. che sarà pubblicato nella versione definitiva su Il presente documento è redatto da BNP Paribas Asset Management* S.A.S. (BNPP AM) partner di BNP Paribas Investment Partners (BNPP IP)**. E un documento riservato e confidenziale ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati, non può essere consegnato né trasmesso ad altri senza il consenso preventivo scritto di BNPP AM. è prodotto a mero titolo informativo. Il presente documento non costituisce: 1. un offerta di acquisto o una sollecitazione a vendere; non costituirà la base di qualsivoglia contratto o impegno né ci si potrà fare affidamento in relazione a questi ultimi; 2. una consulenza finanziaria. Il presente documento fa riferimento ad alcuni Fondi/Sicav (OICR) autorizzati e disciplinati nelle giurisdizioni in cui hanno sede legale. Salvo quanto indicato nell ultimo prospetto dell OICR interessato, non è stata avviata alcuna azione finalizzata a permettere l offerta pubblica dello stesso in altre giurisdizioni in cui una tale azione sarebbe necessaria e in particolare negli Stati Uniti a US persons (ai sensi del regolamento S del United States Securities Act del 1933). Prima di effettuare una sottoscrizione in un paese in cui un OICR è autorizzato, gli investitori devono verificare eventuali vincoli legali o restrizioni relativi alla sottoscrizione, all acquisto, al possesso o alla vendita dell OICR medesimo. Eventuali decisioni di investire in un OICR vanno prese dopo aver letto attentamente l ultima versione della documentazione d offerta e aver consultato l ultimo rendiconto finanziario, laddove applicabile. L ultima versione della documentazione d offerta e l ultimo rendiconto finanziario sono disponibili presso le sedi dei collocatori e le filiali dei soggetti incaricati dei pagamenti. Il presente documento rappresenta il parere di BNPP AM alla data indicata nel documento stesso ed è quindi soggetto a modifiche senza preavviso. BNPP AM non è obbligata ad aggiornare o a modificare le informazioni ovvero le opinioni contenute nel presente documento. Gli investitori sono invitati a richiedere il parere indipendente dei loro abituali consulenti finanziari, legali e fiscali per valutare l adeguatezza e l opportunità di investire nell OICR. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite senza una preventiva conoscenza delle circostanze, della posizione finanziaria, del profilo di rischio e degli obiettivi d investimento del potenziale investitore. Tenuto conto dei rischi di natura economica e finanziaria, non può essere offerta alcuna garanzia che vengano raggiunti gli obiettivi d investimento così come illustrati. La performance può essere influenzata dalle strategie, dagli obiettivi d investimento, dalle condizioni economiche e di mercato. La performance storica non è indicativa di risultati futuri e il valore degli investimenti negli OICR può diminuire oltre che aumentare. Non viene offerta alcuna garanzia di riottenere l importo inizialmente investito. I dati di performance, ove presenti nel documento, sono riportati al netto delle commissioni di gestione, a lordo dei costi di sottoscrizione e di riscatto e degli oneri fiscali. Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto relativo agli OICR oggetto del presente documento, disponibile presso le sedi dei collocatori, le filiali dei Soggetti incaricati dei pagamenti e sul sito internet * BNPP AM è una società di gestione di investimenti autorizzata in Francia dalla Autorité des Marchés Financiers con il numero 96-02; società per azioni, con capitale di euro, ha sede legale al n. 1 di boulevard Haussmann, Parigi, Francia, RCS Paris ** BNP Paribas Investment Partners è il marchio mondiale dei servizi di gestione patrimoniale del gruppo BNP Paribas. Se indicati, i singoli organismi di gestione patrimoniale di BNP Paribas Investment Partners sono specificati a mero titolo informativo e non necessariamente svolgono attività in ogni giurisdizione. Per ulterior informazioni, contattare l Investment Partner autorizzato nella propria giurisdizione. Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

12 14, rue Bergère Paris - France Novembre Design - P

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Gennaio 2014

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Gennaio 2014 BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile Gennaio 2014 2 Indice contenuti 1. Integrazione criteri ESG 2. Le strategie SRI di BNPP IP 3. Conclusioni 1. Integrazione dei criteri

Dettagli

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse L interesse principale di chi ha sottoscritto un fondo d investimento è quello di conoscere di quanto sia cresciuta la propria ricchezza,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Le strategie di trading basate sull effetto momentum

Le strategie di trading basate sull effetto momentum Tesi di Dottorato in BANCA E FINANZA CICLO XIX Le strategie di trading basate sull effetto momentum RELATORE Chiar.mo Prof. Alessandro Carretta CANDIDATO D.ssa Francesca Battaglia COORDINATORE CHIAR.MO

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di laurea specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Strategie basate

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager

ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager ab Asset management research Ottobre 2012 L evoluzione dell Asset Manager Soluzioni orientate ai risultati Obiettivo raggiunto L esperienza trentennale di UBS Global Asset Management nella gestione dei

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli