Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione. Azioni a bassa volatilità L'investimento differente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione. Azioni a bassa volatilità L'investimento differente"

Transcript

1 Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Azioni a bassa volatilità L'investimento differente

2

3 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 3 Sommario Negli ultimi cinque anni, i mercati azionari internazionali sono stati caratterizzati da una notevole instabilità. Come conseguenza gli investitori hanno aumentato la loro avversione al rischio. Sebbene ciò sia comprensibile, qualora questa disaffezione si traducesse in una diminuzione degli investimenti azionari, gli investitori rischierebbero di perdere le migliori opportunità in questa classe di attivi per ottenere rendimenti positivi in termini reali. Gli investimenti a bassa volatilità, basati sulle indicazioni fornite dalla finanza quantitativa, mirano ad intercettare gli alti rendimenti corretti per il rischio generati dai titoli a bassa volatilità. Infatti, un portafoglio poco volatile, ottimizzato per ottenere un basso rischio assoluto, in genere offre performance migliori e - nel lungo periodo - rendimenti corretti per il rischio più elevati rispetto al mercato complessivo 1. Gli investitori possono ottenere rendimenti potenziali scegliendo invece una strategia a bassa volatilità incentrata su azioni stabili. 1 Fonte: Demystifying Equity Risk-Based Strategies: a simple Alpha plus Beta description, Raul Leote de Carvalho, Xiao Lu, Pierre Moulin, The Journal of Portfolio Management, Vol. 38, No. 3, Copyright 2012, Institutional Investor, Inc., Pubblicato su: jpm/38/3 * BNP Paribas Investment Partners non offre alcuna protezione del capitale investito nel fondo. Le informazioni e condizioni riportate nel presente documento non potranno essere interpretate come garanzia di tale protezione. Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

4 4 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I Rendimenti potenzialmente interessanti con le azioni a bassa volatilità Ottenere rendimenti superiori investendo su azioni a bassa volatilità con rischio controllato 2. Dati empirici che mostrano una performance superiore nel lungo periodo 3. Un approccio d investimento convincente, soprattutto nei periodi caratterizzati dall avversione al rischio, che consente di raccogliere i frutti delle scelte in controtendenza Strategie di gestione attiva e prodotti modellati sulle esigenze specifiche degli investitori Possibilità di modificare il profilo di rischio dell investimento in base all evoluzione del contesto di mercato Approccio trasparente e diretto, che consente di controllare il tracking-error Di cosa si tratta? I nostri esperti di analisi quantitativa si avvalgono di metodologie statistiche per analizzare i prezzi di mercato ed elaborare delle strategie d investimento che valutano il rischio intrinseco di un azione. Per prevedere l andamento di un titolo in prospettiva, gli analisti non tengono conto del modello di business o della posizione competitiva delle società, né dei multipli di mercato impiegati da gestori e investitori. Essi si basano, piuttosto, sulle fluttuazioni dei listini azionari e sulle reazioni del titolo agli eventi di mercato. In genere questo approccio d investimento è noto come riskbased ovvero basato sui rischi. Questo stile ha registrato un evoluzione nel corso degli anni, poiché la ricerca accademica ha dimostrato che una gestione sistematica, che sfrutta le caratteristiche di rischio specifiche di un attivo è in grado di migliorare il rapporto tra rendimento e rischio. Nel 1972, gli economisti Bob Haugen e James Heins hanno osservato che le azioni a basso rischio avevano registrato rendimenti più elevati rispetto ai titoli che presentavano un accentuata instabilità almeno sin dal Questi studi 5 hanno mostrato che tale anomalia si è protratta per un periodo che va dal 1926 al 1993, e che secondo le nostre ricerche è continuata fino al Il modello finanziario classico denominato CAPM (Capital Asset Pricing Model) e la teoria da cui deriva basata sull efficienza dei mercati e sulle osservazioni dell intermediario di borsa francese Jules Regnault (1863) e del matematico Louis Bachelier (1900) presuppone che le azioni ad elevata volatilità debbano avere un rendimento più consistente per compensare i rischi maggiori. Il CAPM che determina una relazione tra il rendimento di un titolo e la sua rischiosità è stato sviluppato all inizio degli anni 60 da numerosi studiosi, tra i quali segnaliamo William Sharpe, Harry Markowitz e Merton Miller che hanno vinto insieme il premio Nobel per l economia. Nell ambito del modello CAPM, la sensibilità del prezzo di un azione agli andamenti del mercato complessivo viene denominata beta. Nel corso degli anni 90, Eugene Fama e Kenneth French hanno perfezionato questo approccio definendo con precisione le componenti del coefficiente beta. I due ricercatori hanno osservato che i portafogli orientati verso i titoli value di società a bassa capitalizzazione hanno ottenuto rendimenti superiori al mercato complessivo. Il modello classico viene ancora utilizzato per l allocazione degli attivi di tipo tradizionale e per prevedere l evoluzione delle quotazioni, tuttavia i dati non sempre concordano con questo modello. Piuttosto che cercare un super-modello in grado di adattarsi meglio ai dati, Haugen ed altri ricercatori hanno iniziato a studiare la cosiddetta anomalia della bassa volatilità. BNP IP offre, adesso, la possibilità di investire attraverso un approccio sviluppato dal nostro team di Financial Engineering, che mira a soddisfare le esigenze degli investitori sul mercato azionario attuale: ovvero ottenere buoni rendimenti nel lungo periodo con rischi minori. 2 Non vi è alcuna garanzia che gli obiettivi di rendimento saranno conseguiti. Le performance e i risultati passati non sono indicativi dei rendimenti attuali o futuri. 3 Fonte: Demystifying Equity Risk-Based Strategies: a simple Alpha plus Beta description, Raul Leote de Carvalho, Xiao Lu, Pierre Moulin, The Journal of Portfolio Management, Vol. 38, No. 3, Copyright 2012, Institutional Investor, Inc., Pubblicato su: 4 Fonte: On the Evidence Supporting the Existence of Risk Premiums in the Capital Market, Robert A. Haugen and A. James Heins, Wisconsin working Paper Dec Fonte: R. Haugen, and Nardin Baker (1991), The Efficient Market Inefficiency of Capitalization-Weighted Stock Portfolios, Journal of Portfolio Management, vol. 17, No.1, pp , vedi anche Baker, N. and R. Haugen (2012) Low Risk Stocks Outperform within All Observable Markets of the World. Chan, L., J. Karceski, and J. Lakonishok (1999), On Portfolio Optimization: Forecasting Covariances and Choosing the Risk Model, Review of Financial Studies, 12, pp * BNP Paribas Investment Partners non offre alcuna protezione del capitale investito nel fondo. Le informazioni e condizioni riportate nel presente documento non potranno essere interpretate come garanzia di tale protezione.

5 Come funziona? Il segreto è nella stabilità! Le azioni a bassa volatilità potrebbero essere considerate prevedibili o poco stimolanti, e molti gestori non si accontentano di una remunerazione costante ma vogliono generare rendimenti superiori alla media per vari motivi: orgoglio professionale, bonus, risultati per la clientela carriera e salario dei gestori dipendono dalla loro capacità di generare rendimenti elevati, che prevedono di ottenere grazie a investimenti rischiosi, e tale atteggiamento si traduce a sua volta in una domanda gonfiata per le azioni ad alto rischio. Inoltre, le azioni più instabili di solito sono quelle che generano una grande mole di notizie sui mezzi d informazione, e ciò le rende più facili da vendere. Le azioni a bassa volatilità, invece, sono quelle di società - che operano in settori remunerativi - poco indebitate e non riservano sorprese di alcun genere. In altre parole: Non vi aspettate di trovare il biglietto della lotteria per un grosso bonus tra questi titoli, oppure tentate di convincere un gestore ad introdurre il produttore di ketchup Heinz nel portafoglio modello piuttosto che la società informatica più alla moda del momento: Apple! La sovraperformance delle azioni a bassa volatilità è stata documentata su un periodo di circa 90 anni, ma l interesse verso questo tipo di azioni è aumentato solo negli ultimi tempi. Pertanto, si conferma l ipotesi che le azioni a bassa volatilità riscuotono particolare interesse nei contesti di mercato incerti. Infatti, l incremento dell instabilità dei mercati negli ultimi tre anni ha riportato in primo piano le caratteristiche positive delle azioni con un profilo più difensivo. Le azioni a bassa volatilità non sono solo difensive - e pertanto dovrebbero assicurare una performance superiore all indice di riferimento durate le fasi di ribasso - ma assicurano anche un extra-rendimento, e ciò significa che registrano performance molto superiori di quanto si potesse prevedere in base al loro beta (indicatore di volatilità). Grazie all extra-rendimento generato, questi titoli sono in grado di seguire l andamento dell indice complessivo persino quando i mercati sono in rialzo. Solo quando questi ultimi registrano un rimbalzo significativo le azioni a bassa volatilità registrano un ritardo, e tuttavia anche in tali periodi presentano rendimenti interessanti. Un portafoglio investito in azioni a basso rischio resiste meglio ad ogni condizione di mercato e gli investitori non devono preoccuparsi per le scelte temporali, dato che questo tipo di allocazione minimizza le difficoltà e registra buone performance con i mercati al rialzo. Un decennio caratterizzato da rendimenti altalenanti, ha spinto gli investitori a cercare nuovi approcci per investire sui mercati azionari diversi da quelli basati sulla capitalizzazione di mercato e in grado di generare rendimenti corretti per il rischio più elevati. Per questo motivo i vari tipi di approcci sistematici basati sul rischio sono divenuti il tema più popolare nell ambito dell investimento azionario. Alcuni di questi approcci prevedono un impiego di algoritmi abbastanza complessi (ottimizzatori di portafoglio) e di numerose ipotesi per giustificarne l utilizzo: come esempio possiamo citare le strategie minimum variance, maximum diversification ed equal risk contribution. Tutte queste strategie hanno registrato performance superiori all indice di mercato complessivo per molti anni e con una volatilità più bassa.

6 6 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I Ecco la prova! William Sharpe ha ideato l indice che porta il suo nome nel 1966 e lo ha perfezionato nel L indice di Sharpe misura la remunerazione di un investimento in rapporto ai rischi. Quanto più alto risulterà l indice, tanto migliore sarà il rendimento. Gli analisti hanno osservato la volatilità delle azioni e le hanno divise in cinque portafogli equiponderati, classificati in base alla volatilità: da bassa ad elevata. Il portafoglio più stabile faceva segnare una volatilità media del 13,9%, inferiore di oltre la metà rispetto a quello con la volatilità più elevata (27,4%). Invece, l indice di Sharpe del gruppo a bassa volatilità attestato a quota 0,61 risultava superiore di almeno due volte rispetto a quello del gruppo di azioni a maggior rischio. L extra-rendimento rispetto alla liquidità era dell 8,6% - ovvero un po più basso rispetto al 9,4% del gruppo con la volatilità più elevata, ma superiore ai gruppi 2 e 4. Si è ottenuto dunque un rendimento molto migliore rispetto al rischio con una volatilità più bassa. L analisi quantitativa che abbiamo condotto si è concentrata su azioni incluse nell indice MSCI World un migliaio in tutto nel periodo compreso tra gennaio del 1995 e dicembre del Sharpe Ratio Volatilità bassa Fonte: BNP Paribas AM, MSCI, Exshare Volatilità elevata

7 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 7 Qual è la situazione attuale? Al momento, sono cinque le strategie di prima generazione più note per effettuare una costruzione del portafoglio in base al rischio. Tutte, tranne la prima, offrono un esposizione verso le azioni a bassa volatilità. Equally weighted (EW): tutte le azioni hanno la stessa ponderazione Equal risk budgeting (ERB): le ponderazioni sono inversamente proporzionali alla loro volatilità Equal risk contribution (ERC): le ponderazioni vengono implementate in modo da avere tutte lo stesso livello di rischio Minimum variance (MV): il portafoglio mira ad ottenere la volatilità più bassa exante Maximum diversification (MD): il portafoglio massimizza il tasso diversificazione al fine di distribuire il rischio Da un analisi più attenta emerge che si tratta di strategie d investimento strettamente correlate e sub-ottimali. L anomalia della volatilità spiega gran parte del tracking-error e dei sovrarendimenti, ma queste strategie non sono state concepite specificamente per sfruttare questo fenomeno. Figura 2: Indicatori principali strategie risk based di prima generazione Mkt EW ERB ERC MV long only MD long only MV MD Excess return over RF 2.1% 5.7% 5.9% 5.6% 5.2% 4.8% 6.3% 6.2% Volatility 18.1% 18.2% 16.5% 14.8% 9.9% 11.5% 9.1% 10.8% Sharpe ratio Excess return over BM 3.6% 3.8% 3.5% 3.1% 2.6% 4.2% 4.1% Tracking error 5.1% 5.4% 6.6% 13.1% 12.1% 15.2% 14.5% Information ratio Beta Maximum Drawdown -56% -58% -55% -53% -29% -39% -22% -31% Annual turnover 10% 39% 37% 58% 151% 162% 220% 296% Fonte: R. Leote de Carvalho, X. Lu y P. Moulin, The Journal of Portfolio Management, primavera de 2012, Vol. 38, nº 3 Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

8 8 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I I punti deboli di queste strategie di prima generazione a bassa volatilità sono i seguenti: le strategie Minimum variance e Maximum diversification sono eccessivamente sbilanciate verso i settori difensivi Minimum variance e Maximum diversification richiedono l applicazione di numerosi vincoli per risultare efficaci Equally weighted, Equal risk budgeting ed Equal risk contribution sono troppo concentrate sui titoli a bassa capitalizzazione Il budget di rischio ovvero la perdita massima fissata per l anomalia della volatilità non è controllato il coefficiente beta ed il tracking error (ovvero la deviazione) rispetto all indice complessivo sono lasciati in balia dell andamento dei mercati. Figura 3: Correlazione del differenziale di rendimento sull indice MSCI World Index (periodo di riferimento: gennaio dicembre 2010) EW ERB ERC MD long only MV long only EW 100% 88% 79% 33% 25% ERB 100% 97% 61% 57% ERC 100% 75% 71% MD long only 100% 96% MV long only 100% Fonte: R. Leote de Carvalho, X. Lu y P. Moulin, The Journal of Portfolio Management, primavera de 2012, Vol. 38, nº 3 Quali sono le novità? Il team Financial Engineering di BNP Paribas Investment Partners (BNPP IP) ha ideato degli approcci di nuova generazione. Tali approcci si focalizzano sull anomalia della volatilità e tentano di individuare le strategie più efficaci per trarne vantaggio. I nostri esperti hanno messo in primo piano semplicità e trasparenza, eliminando tutte le complicazioni non necessarie e correggendo i punti deboli delle strategie di prima generazione. Siamo convinti che: Le azioni a bassa volatilità presentano indici di Sharpe più elevati; l anomalia della volatilità è un fenomeno generalizzato, che interessa tutti i settori Aggiungere dei vincoli ad un portafoglio con varianza minima tradizionale non è il sistema migliore per risolvere il problema di un tracking error elevato Gli investitori dovrebbero selezionare prima le azioni con la volatilità più bassa in ogni settore e poi, costruire un portafoglio incentrato su questi titoli, che tenga conto delle loro esigenze specifiche For professional investors only

9 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 9 Cosa può offrire BNP Paribas Investment Partners? I nostri esperti hanno creato il fondo BNP Paribas L1 Equity World Low Volatility con l obiettivo di ridurre il rischio del 20% rispetto all indice del mercato complessivo, con un tracking error compreso tra il 5% e il 7% Questo fondo mira a limitare l impatto dei ribassi* con un profilo di rendimento asimmetrico. Il fondo BNP Paribas L1 Equity World Low Volatility**: Offre un rendimento potenziale maggiore rispetto all indice complessivo di mercato durante le fasi ribassiste. Riesce a tenere il passo del mercato durante le fasi di rialzo grazie all extra-rendimento positivo ottenuto dalle azioni con la volatilità più bassa. Questo fondo è particolarmente adatto agli investitori che valutano il rendimento ottenuto rispetto all andamento del mercato complessivo: adotta una strategia d investimento sviluppata in proprio, concepita per sfruttare l anomalia della bassa volatilità corregge il problema del tracking error elevato delle strategie tradizionali a varianza minima offre un portafoglio azionario ampiamente diversificato, che sfrutta l anomalia della volatilità in tutti i settori di mercato e non solo in quelli difensivi BNPP L1 Equity World Low Volatility consente di: Diminuire il rischio complessivo di un portafoglio Migliorare i rendimenti corretti per il rischio in un orizzonte di lungo periodo. Per un descrizione completa dei rischi vi invitiamo a consultare l ultima versione del prospetto informativo. Il valore degli investimenti ed il rendimento che generano possono diminuire oltre che aumentare ed è possibile che gli investitori non recuperino la somma investita. * BNP Paribas Investment Partners non offre alcuna protezione del capitale investito nel fondo. Le informazioni e condizioni riportate nel presente documento non potranno essere interpretate come garanzia di tale protezione. ** BNP Paribas L1 Equity World Low Volatility è un comparto di BNP Paribas L1. SICAV di diritto lussemburghese conforme alla normativa sugli UCITS IV. L esposizione del comparto può variare di volta in volta, e comprende, tra gli altri, i seguenti rischi:: credito, liquidità, volatilità, valutario e d interesse. I rischi possono riguardare, inoltre, la situazione finanziaria delle società emittenti, le condizioni economiche generali, le fluttuazioni dei mercati, la situazione su alcuni mercati finanziari, gli eventi politici e gli andamenti e gli sviluppi in alcuni particolari settori dell economia. Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

10 10 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I Domande e risposte Qualora aumentasse il numero degli investitori che tentano di sfruttare l anomalia della volatilità, essa potrebbe scomparire? A nostro avviso il cosiddetto CAPM rimarrà il modello più utilizzato per la costruzione dei portafogli e attrarrà la maggior parte degli investimenti. Non è semplice infatti modificare i comportamenti umani, è dunque probabile che molti investitori continueranno a puntare sui titoli più rischiosi nella speranza di ottenere rapidamente dei rendimenti. Pertanto, siamo portati a credere che questa anomalia si protrarrà per parecchi anni. Se l anomalia della volatilità è una tecnica d investimento tanto convincente, perché non si è diffusa in maniera più ampia? La risposta a questa domanda può essere trovata nuovamente nei fattori che guidano i comportamenti umani. Nei periodi favorevoli, ovvero quando il denaro circola facilmente e i mercati sono in rialzo, gli investitori tentano di sfruttare al massimo la tendenza al rialzo, non rinunciando a nulla dell extra-rendimento potenziale al fine di limitare i rischi di ribasso. Questa situazione cambia quando le paure recessive si impongono e i mercati scendono. In passato, l applicazione delle strategie a bassa volatilità è stata frenata dai mercati azionari in forte rialzo: un contesto in cui gli investitori non sentivano la necessità di una cintura di sicurezza. DOV E possibile ottenere ulteriori informazioni? I nostri responsabili commerciali di riferimento saranno lieti di fornire informazioni più dettagliate.

11 I Azioni a bassa volatilità. L investimento differente I 11 Bibliografia Carvalho, R.L., Lu X., Moulin P., Demystifying Equity Risk Based Strategies: A Simple Alpha plus Beta Description, The Journal of Portfolio Management, Spring 2012Vol. 38, No. 3 Ang, A., R. J. Hodrick, Y. Xing, and X. Zhang. The Cross-Section of Volatility and Expected Returns. The Journal of Finance, Vol. 61, No. 1 (2006), pp Baker, M., B. Bradley, and J. Wurgler. Benchmarks as Limits to Arbitrage: Understanding the Low Volatility Anomaly. Financial Analysts Journal, Vol. 67, No. 1 (2011) pp Blitz, D. C., and P. van Vliet. The Volatility Effect. The Journal of Portfolio Management, Vol. 34, No. 1 (2007) pp Clarke, R., H. de Silva, and S. Thorley. Minimum-Variance Portfolio Composition. The Journal of Portfolio Management, Vol. 37, No. 2 (2011) pp Choueifaty, Y., and Y. Coignard. Towards Maximum Diversification. The Journal of Portfolio Management, Vol. 34, No. 4 (2008) pp Fama, E. F., and K. R. French. The Cross-Section of Expected Stock Returns. Journal of Finance, Vol. 47, No. 2, (1992) pp Fama, E. F., and K. R. French. The Capital Asset Pricing Model: Theory and Evidence. The Journal of Economic Perspectives, Vol. 18, No. 3 (2004) pp Haugen, R., and N. Baker. The Efficient Market Inefficiency of Capitalization-Weighted Stock Portfolios. The Journal of Portfolio Management, Vol. 17, No. 3 (1991) pp Maillard, S., T. Roncalli, and J. Teiletche. The Properties of Equally-weighted Risk Contributions Portfolios. The Journal of Portfolio Management, Vol. 36, No. 4 (2010) pp Markowitz, H. Portfolio Selection. Journal of Finance, Vol. 7, No. 1 (1952) pp Sharpe, W. F. Capital Asset Prices: A Theory of Market Equilibrium under conditions of Risk. Journal of Finance, Vol. 19, No. 3 (1964) pp Sharpe, W. F. A Simplified Model for Portfolio Analysis. Management Science, Vol. 9, No. 2 (1963) pp La presente pubblicazione è una versione ridotta è semplificata dell articolo: Demystifying Equity Risk-Based Strategies: an Alpha plus Beta description, Raul Leote de Carvalho, XiaoLu, Pierre Moulin, The Journal of Portfolio Management, Vol. 38, No. che sarà pubblicato nella versione definitiva su Il presente documento è redatto da BNP Paribas Asset Management* S.A.S. (BNPP AM) partner di BNP Paribas Investment Partners (BNPP IP)**. E un documento riservato e confidenziale ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati, non può essere consegnato né trasmesso ad altri senza il consenso preventivo scritto di BNPP AM. è prodotto a mero titolo informativo. Il presente documento non costituisce: 1. un offerta di acquisto o una sollecitazione a vendere; non costituirà la base di qualsivoglia contratto o impegno né ci si potrà fare affidamento in relazione a questi ultimi; 2. una consulenza finanziaria. Il presente documento fa riferimento ad alcuni Fondi/Sicav (OICR) autorizzati e disciplinati nelle giurisdizioni in cui hanno sede legale. Salvo quanto indicato nell ultimo prospetto dell OICR interessato, non è stata avviata alcuna azione finalizzata a permettere l offerta pubblica dello stesso in altre giurisdizioni in cui una tale azione sarebbe necessaria e in particolare negli Stati Uniti a US persons (ai sensi del regolamento S del United States Securities Act del 1933). Prima di effettuare una sottoscrizione in un paese in cui un OICR è autorizzato, gli investitori devono verificare eventuali vincoli legali o restrizioni relativi alla sottoscrizione, all acquisto, al possesso o alla vendita dell OICR medesimo. Eventuali decisioni di investire in un OICR vanno prese dopo aver letto attentamente l ultima versione della documentazione d offerta e aver consultato l ultimo rendiconto finanziario, laddove applicabile. L ultima versione della documentazione d offerta e l ultimo rendiconto finanziario sono disponibili presso le sedi dei collocatori e le filiali dei soggetti incaricati dei pagamenti. Il presente documento rappresenta il parere di BNPP AM alla data indicata nel documento stesso ed è quindi soggetto a modifiche senza preavviso. BNPP AM non è obbligata ad aggiornare o a modificare le informazioni ovvero le opinioni contenute nel presente documento. Gli investitori sono invitati a richiedere il parere indipendente dei loro abituali consulenti finanziari, legali e fiscali per valutare l adeguatezza e l opportunità di investire nell OICR. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite senza una preventiva conoscenza delle circostanze, della posizione finanziaria, del profilo di rischio e degli obiettivi d investimento del potenziale investitore. Tenuto conto dei rischi di natura economica e finanziaria, non può essere offerta alcuna garanzia che vengano raggiunti gli obiettivi d investimento così come illustrati. La performance può essere influenzata dalle strategie, dagli obiettivi d investimento, dalle condizioni economiche e di mercato. La performance storica non è indicativa di risultati futuri e il valore degli investimenti negli OICR può diminuire oltre che aumentare. Non viene offerta alcuna garanzia di riottenere l importo inizialmente investito. I dati di performance, ove presenti nel documento, sono riportati al netto delle commissioni di gestione, a lordo dei costi di sottoscrizione e di riscatto e degli oneri fiscali. Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto relativo agli OICR oggetto del presente documento, disponibile presso le sedi dei collocatori, le filiali dei Soggetti incaricati dei pagamenti e sul sito internet * BNPP AM è una società di gestione di investimenti autorizzata in Francia dalla Autorité des Marchés Financiers con il numero 96-02; società per azioni, con capitale di euro, ha sede legale al n. 1 di boulevard Haussmann, Parigi, Francia, RCS Paris ** BNP Paribas Investment Partners è il marchio mondiale dei servizi di gestione patrimoniale del gruppo BNP Paribas. Se indicati, i singoli organismi di gestione patrimoniale di BNP Paribas Investment Partners sono specificati a mero titolo informativo e non necessariamente svolgono attività in ogni giurisdizione. Per ulterior informazioni, contattare l Investment Partner autorizzato nella propria giurisdizione. Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

12 14, rue Bergère Paris - France Novembre Design - P

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro

Top players in Europa. PARVEST Equity Best Selection Euro Top players in Europa PARVEST Equity Best Selection Euro 5 motivi per investire in PARVEST Equity Best Selection Euro 1 I nostri esperti ritengono che potrebbe essere il momento opportuno per investire

Dettagli

I comparti azionari USA di BNP Paribas Investment Partners Beneficiare del potenziale di crescita del mercato azionario USA

I comparti azionari USA di BNP Paribas Investment Partners Beneficiare del potenziale di crescita del mercato azionario USA Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione I comparti azionari USA di BNP Paribas Investment Partners Beneficiare del potenziale di crescita del mercato azionario

Dettagli

European Large Cap Equity Select Una valutazione rigorosa della posizione competitiva delle imprese attraverso l indice Herfindahl-Hirschman

European Large Cap Equity Select Una valutazione rigorosa della posizione competitiva delle imprese attraverso l indice Herfindahl-Hirschman Matthieu DAVID Head of Retail Italy Padova, 9 novembre 2012 European Large Cap Equity Select Una valutazione rigorosa della posizione competitiva delle imprese attraverso l indice Herfindahl-Hirschman

Dettagli

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015 BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile Ottobre 2015 2 L impegno di BNP Paribas Investment Partners In un mondo in transizione, essere una Società di gestione leader comporta

Dettagli

SCARICA L APP DI PARVEST PER IPAD. PARVEST NON CERCARE OLTRE La mappa fondi. bit.ly/1qkm55z

SCARICA L APP DI PARVEST PER IPAD. PARVEST NON CERCARE OLTRE La mappa fondi. bit.ly/1qkm55z SCARICA L APP DI PER IPAD NON CERCARE OLTRE La mappa fondi bit.ly/1qkm55z EQUITY WORLD SMART FOOD EQUITY NORDIC SMALL CAP EQU USA VALUE EQUITY SMALL CAP ENVIRONMENTAL OPPORTUNITIES EQUITY BRAZIL EQUITY

Dettagli

UCITS IV. KIID (Key Investor Information Document): informazioni chiave UCITS IV: LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 LUGLIO 2011

UCITS IV. KIID (Key Investor Information Document): informazioni chiave UCITS IV: LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 LUGLIO 2011 - LUGLIO 2011 UCITS IV KIID (Key Investor Information Document): informazioni chiave UCITS IV: LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 LUGLIO 2011 La quarta direttiva riguardante gli organismi d investimento collettivo

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Nuovi trend per gli investimenti istituzionali: strategie attive-sistematiche e a bassa volatilità

Nuovi trend per gli investimenti istituzionali: strategie attive-sistematiche e a bassa volatilità Nuovi trend per gli investimenti istituzionali: strategie attive-sistematiche e a bassa volatilità Oliver Buquicchio Responsabile Investitori Istituzionali BNP Paribas Equities and Derivatives THEAM all

Dettagli

I fondi a formula nell industria italiana del risparmio gestito. A D Avenia, Head of Regional Marketing, BNPP IP SGR. Rimini, 20 maggio 2011

I fondi a formula nell industria italiana del risparmio gestito. A D Avenia, Head of Regional Marketing, BNPP IP SGR. Rimini, 20 maggio 2011 I fondi a formula nell industria italiana del risparmio gestito A D Avenia, Head of Regional Marketing, BNPP IP SGR Rimini, 20 maggio 2011 SOMMARIO La definizione di fondo a formula Il mercato dei fondi

Dettagli

Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari

Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari Strategia Best Styles: premi al rischio negli investimenti azionari La gestione dei premi al rischio è una strategia comunemente adottata negli investimenti obbligazionari e valutari. Per il comparto azionario

Dettagli

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO SOCIALLY RESPONSIBLE INVESTMENT AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO Forum per la Finanza Sostenibile Milano 30 giugno 2009 Giulio Casuccio Head of Quantitatives Strategies and Research Principi ed obiettivi:

Dettagli

I fondi a distribuzione Parvest

I fondi a distribuzione Parvest Il presente documento ha natura pubblicitaria e viene diffuso con finalità promozionali, è redatto a mero titolo informativo e non costituisce (i) un offerta di acquisto o una sollecitazione a vendere;

Dettagli

Focus. Qualità. Adattabilità.

Focus. Qualità. Adattabilità. Goldman Sachs Global Equity Partners portfolio UN COMPARTO DI GOLDMAN SACHS FUNDS, SICAV Focus. Qualità. Adattabilità. Accedi a titoli di alta qualità tramite Goldman Sachs Global Equity Partners Portfolio

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Focus. Qualità. Adattabilità.

Focus. Qualità. Adattabilità. UN COMPARTO DI GOLDMAN SACHS FUNDS, SICAV Focus. Qualità. Adattabilità. Accedi a titoli di alta qualità tramite Goldman Sachs Global Equity Partners Portfolio Prima dell adesione leggere il prospetto informativo

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return GESTIONE DI PORTAFOGLI E RISCHIO: IL RUOLO DEGLI ETF. 28 ottobre 2011 Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return Dai prodotti benchmarked Profili di mercato ai prodotti flessibili

Dettagli

UBI Unity GP Top Selection

UBI Unity GP Top Selection UBI Unity GP Top Selection Tu scegli la meta Noi costruiamo la squadra per raggiungerla Cos è la gestione patrimoniale gp Top Selection È una gestione patrimoniale contraddistinta dalla possibilità di

Dettagli

Investire in periodi di Financial Repression

Investire in periodi di Financial Repression 6 Smart Risk Update III/2013 Investire in periodi di Financial Repression L attuale contesto di bassi tassi d interesse spinge gli investitori ad intraprendere soluzioni di investimento innovative. Con

Dettagli

DOCUMENTO RISERVATO AD INVESTITORI PROFESSIONALI. Modelli di investimento life-cycle: gli sviluppi recenti

DOCUMENTO RISERVATO AD INVESTITORI PROFESSIONALI. Modelli di investimento life-cycle: gli sviluppi recenti DOCUMENTO RISERVATO AD INVESTITORI PROFESSIONALI Modelli di investimento life-cycle: gli sviluppi recenti 2 Risparmi di lungo termine: a quale scopo e a quali condizioni? A quale scopo? A quali condizioni?

Dettagli

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica 32 L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica An international diversification strategy for Italian real estate investors Maurizio Grilli, Simone Roberti, Bnp

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

DEUTSCHE BANK LANCIA IN ITALIA IL PRIMO FONDO A GESTIONE QUANTITATIVA INTERAMENTE INVESTITO IN UN PANIERE DIVERSIFICATO DI EXCHANGE TRADED FUNDS (ETF)

DEUTSCHE BANK LANCIA IN ITALIA IL PRIMO FONDO A GESTIONE QUANTITATIVA INTERAMENTE INVESTITO IN UN PANIERE DIVERSIFICATO DI EXCHANGE TRADED FUNDS (ETF) Comunicato stampa DEUTSCHE BANK LANCIA IN ITALIA IL PRIMO FONDO A GESTIONE QUANTITATIVA INTERAMENTE INVESTITO IN UN PANIERE DIVERSIFICATO DI EXCHANGE TRADED FUNDS (ETF) Milano, 16 Giugno 2009 Deutsche

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI Prof. Marco Di Antonio PROBLEMATICITA Per i titoli azionari la costruzione di indicatori di rendimento è ancora più complessa rispetto ai titoli obbligazionari

Dettagli

FINANCIAL FORUM 2010. 18 Febbraio 2010

FINANCIAL FORUM 2010. 18 Febbraio 2010 FINANCIAL FORUM 2010 18 Febbraio 2010 Quali soluzioni per il 2010? Alessio Coppola Responsabile Distribuzione Esterna PRIMA sgr PRIMA: NASCE UN GRANDE OPERATORE DI ASSET MANAGEMENT INDIPENDENTE 2 Le strategie

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO IL PROCESSO DI INVESTIMENTO IL PROCESSO DI ALLOCAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Definizione dell allocazione strategica Definizione dell allocazione tattica Definizione delle singole forme di investimento Verifica

Dettagli

I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali

I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali Itinerari Previdenziali Michele Pacciana Documento riservato agli investitori istituzionali partecipanti al convegno Itinerari Previdenziali

Dettagli

Di casa nel mondo emergente

Di casa nel mondo emergente Aprile 2013 Di casa nel mondo emergente Mercato azionario russo Potassa Gas Terreni arabili Foreste Uranio Petrolio Rame Carbone 2 - At Di home casa nel in an mondo emerging emergente world - Mercato Russian

Dettagli

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012 Strategie α nella costruzione di portafoglio 03 Maggio 2012 AGENDA La costruzione di portafoglio Le strategie alpha Il portafoglio con strategie alpha LA COSTRUZIONE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO Un portafoglio

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Comunicato Stampa. che offre esposizione al mercato azionario europeo

Comunicato Stampa. che offre esposizione al mercato azionario europeo Comunicato Stampa Amundi ETF 1 lancia un innovativo ETF Multi Smart Beta che offre esposizione al mercato azionario europeo Milano, 19/04/2016 Amundi ETF 1 amplia la propria gamma Smart Beta con la quotazione

Dettagli

Direttive della CAV PP D 05/2013. Indicatori determinanti e altri dati da fornire da parte delle fondazioni d investimento

Direttive della CAV PP D 05/2013. Indicatori determinanti e altri dati da fornire da parte delle fondazioni d investimento italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 05/2013 Indicatori determinanti e altri dati da fornire da parte delle fondazioni d investimento Edizione

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

Come approfittare del boom dell attività di fusioni e acquisizioni: Allianz Merger Arbitrage Strategy fund

Come approfittare del boom dell attività di fusioni e acquisizioni: Allianz Merger Arbitrage Strategy fund Come approfittare del boom dell attività di fusioni e acquisizioni: Allianz Merger Arbitrage Strategy fund Workshop organizzato da Itinerari Previdenziali Roma, 16 Dicembre 2015 Filippo Battistini, Head

Dettagli

INDICI DI MERCATO: CAPITALIZZAZIONE, FONDAMENTALI O IBRIDI?

INDICI DI MERCATO: CAPITALIZZAZIONE, FONDAMENTALI O IBRIDI? INDICI DI MERCATO: CAPITALIZZAZIONE, FONDAMENTALI O IBRIDI? Le strategie di investimento passivo hanno conosciuto una crescente popolarità tra gli investitori istituzionali e privati negli ultimi anni.

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

ASSET ALLOCATION TATTICA. Adeguamento dinamico e flessibile ai Mercati

ASSET ALLOCATION TATTICA. Adeguamento dinamico e flessibile ai Mercati ASSET ALLOCATION TATTICA Adeguamento dinamico e flessibile ai Mercati Settembre 2015 Caratteristiche e Obiettivi Una strategia d investimento dinamica e flessibile che si adegua costantemente alle condizioni

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

QUADRIM 8 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO ARMONIZZATO ALLE DIRETTIVE EUROPEE PROSPETTO SEMPLIFICATO

QUADRIM 8 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO ARMONIZZATO ALLE DIRETTIVE EUROPEE PROSPETTO SEMPLIFICATO QUADRIM 8 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO ARMONIZZATO ALLE DIRETTIVE EUROPEE PROSPETTO SEMPLIFICATO Gij 25 febbraio 2011 OICR conforme alle direttive europee PROSPETTO SEMPLIFICATO PARTE A INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

AISM GLOBAL OPPORTUNITIES LOW VOLATILITY FUND

AISM GLOBAL OPPORTUNITIES LOW VOLATILITY FUND AISM GLOBAL OPPORTUNITIES LOW VOLATILITY FUND SCHEDA SINTETICA - INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all Investitore-contraente prima della sottoscrizione,

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO

PROSPETTO SEMPLIFICATO NEXTAM PARTNERS S i c a v Società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese PROSPETTO SEMPLIFICATO Settembre 2009 Prospetto pubblicato mediante deposito all Archivio Prospetti della

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX

AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX PENSPLAN INVEST SGR La Società è stata costituita nel 2001 a Bolzano, nell ambito del progetto PensPlan, promosso

Dettagli

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Active Marzo Management 2015 La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Mauro Vittorangeli CIO Conviction Fixed Income e Senior Portfolio Manager Le politiche monetarie

Dettagli

l universo degli investimenti non è più settoriale ma copre, potenzialmente, l insieme dei settori dell indice MSCI Europe;

l universo degli investimenti non è più settoriale ma copre, potenzialmente, l insieme dei settori dell indice MSCI Europe; LETTERA AI DETENTORI DEL FCI AMUNDI ETF MSCI EUROPE IT UCITS ETF Parigi, 2 gennaio 2014 Gentile Signora, Egregio Signore, Nella sua qualità di detentore di quote del fondo comune d investimento AMUNDI

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

GROUPAMA EUROPE STOCK

GROUPAMA EUROPE STOCK GROUPAMA EUROPE STOCK FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO - FCI Chiuso al 31 MARZO 2011 Il Regolamento, il prospetto informativo completo et semplificato per la Svizzera, le relazioni annuali e semestrali per

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC DEGLI INVESTIMENTI. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC DEGLI INVESTIMENTI Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity International Specializzazione e indipendenza Fidelity International è una società

Dettagli

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione c è una rotta fuori dai porti sicuri? Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione Giovanni Landi, Senior Partner Anthilia Capital Partners Anthilia Capital Partners

Dettagli

L investimento azionario deep value con la Pathfinder StrategyTM di PIMCO. Your Global Investment Authority

L investimento azionario deep value con la Pathfinder StrategyTM di PIMCO. Your Global Investment Authority Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari L investimento azionario deep value con la Pathfinder StrategyTM di PIMCO L investimento azionario deep value con la Pathfinder

Dettagli

Kairos International Sicav Prospetto Semplificato. Long-Short

Kairos International Sicav Prospetto Semplificato. Long-Short Kairos International Sicav Prospetto Semplificato Long-Short Luglio 2009 Prospetto Informativo Semplificato depositato presso la Consob in data 15 ottobre 2009 Il presente Prospetto Informativo Semplificato

Dettagli

DEFENDER. Presentazione comparto

DEFENDER. Presentazione comparto DEFENDER Presentazione comparto Filosofia INVESTIRE NEI MERCATI FINANZIARI PRINCIPALMENTE EUROPEI GENERARE RENDIMENTI ASSOLUTI E STABILI NEL TEMPO ATTRAVERSO UNA GESTIONE STRATEGICA E TATTICA DELL ESPOSIZIONE

Dettagli

NATIXIS AM FUNDS. Société d investissement à capital variable di diritto lussemburghese. Sede legale: 5 allée Scheffer, L-2520 Lussemburgo

NATIXIS AM FUNDS. Société d investissement à capital variable di diritto lussemburghese. Sede legale: 5 allée Scheffer, L-2520 Lussemburgo NATIXIS AM FUNDS Société d investissement à capital variable di diritto lussemburghese Sede legale: 5 allée Scheffer, L-2520 Lussemburgo Granducato del Lussemburgo R.C. Lussemburgo B 177 509 AVVISO AGLI

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Kairos International Sicav Prospetto Semplificato. Small Cap

Kairos International Sicav Prospetto Semplificato. Small Cap Kairos International Sicav Prospetto Semplificato Small Cap Luglio 2009 Prospetto Informativo Semplificato depositato presso la Consob in data 15 ottobre 2009 Il presente Prospetto Informativo Semplificato

Dettagli

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative Marzio Zocca Responsabile Clienti Istituzionali Azimut Consulenza Sim Santander 2008 100.0% 100.0%

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Fondo di Fondi Bilanciato Flessibile Una proposta gestionale concreta al continuo cambiamento dei mercati finanziari globali AMPIA DIVERSIFICAZIONE

Fondo di Fondi Bilanciato Flessibile Una proposta gestionale concreta al continuo cambiamento dei mercati finanziari globali AMPIA DIVERSIFICAZIONE Fondo di Fondi Bilanciato Flessibile Una proposta gestionale concreta al continuo cambiamento dei mercati finanziari globali MOMENTUM METODOLOGIE QUANTITATIVE INVESTIMENTO OICR AMPIA DIVERSIFICAZIONE ASSET

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO CREDITRAS

Dettagli

La costruzione di un portafoglio obbligazionario attraverso strategie di portable alpha: tra tradizione ed i n n o v a z i o n e.

La costruzione di un portafoglio obbligazionario attraverso strategie di portable alpha: tra tradizione ed i n n o v a z i o n e. Le nuove frontiere nella gestione dell'asset allocation La costruzione di un portafoglio obbligazionario attraverso strategie di portable alpha: tra tradizione ed i n n o v a z i o n e. R e l a t o r e

Dettagli

A S S E T E Q U I T Y B I O T E C H - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T E Q U I T Y B I O T E C H - S C H E D A S I N T E T I C A Pag. 1 A S S E T E Q U I T Y B I O T E C H - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFET0. Il presente documento

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

Entusiasmo? «Indicizzazione innovativa, investimento intelligente.» Helvetia Fondazione d investimento. Azioni Svizzera Smart Beta Dinamico.

Entusiasmo? «Indicizzazione innovativa, investimento intelligente.» Helvetia Fondazione d investimento. Azioni Svizzera Smart Beta Dinamico. Entusiasmo? «Indicizzazione innovativa, investimento intelligente.» Helvetia Fondazione d investimento. Azioni Svizzera Smart Beta Dinamico. La Sua Fondazione d investimento svizzera. 1/6 Helvetia Fondazione

Dettagli

La Mission di UBI Pramerica

La Mission di UBI Pramerica La Mission di UBI Pramerica è quella di creare valore, integrando le competenze locali con un esperienza globale, per proteggere e incrementare la ricchezza dei propri clienti. Chi è UBI Pramerica Presente

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Edizione: 23 giugno 2011 REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI ART. 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI La Società ha istituito e gestisce direttamente, secondo le modalità previste dal presente

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Comunicato Stampa. Amundi lancia su Borsa Italiana il primo ETF in Europa che replica. l indice S&P 500 Buyback

Comunicato Stampa. Amundi lancia su Borsa Italiana il primo ETF in Europa che replica. l indice S&P 500 Buyback Comunicato Stampa Amundi lancia su Borsa Italiana il primo ETF in Europa che replica l indice S&P 500 Buyback Milano, 27/04/2015 Amundi ha avviato l iter di ammissione alla quotazione su Borsa Italiana

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli