LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE"

Transcript

1

2

3

4 LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Edizione 2012

5 Le guide di NF Il Notiziario Fiscale del CAF UIL Direttore Responsabile, dottor Sergio Scibetta Ideato e realizzato con la collaborazione della società editoriale Lavoro Italiano S.r.l.

6 SOMMARIO SOMMARIO CAPITOLO I - LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA E L ATTESTAZIO- NE I.S.E. - I.S.E.E. 1.1 AMBITO DI APPLICAZIONE ADEMPIMENTI DEL RICHIEDENTE LA PRESTAZIONE SOCIALE O ASSISTENZIALE ADEMPIMENTI DELL ENTE A CUI È STATA PRESENTATA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA 9 CAPITOLO II - LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA 2.1 QUALI SONO LE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE CRITERI DI SELEZIONE COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE IL PATRIMONIO MOBILIARE IL PATRIMONIO IMMOBILIARE 15 CAPITOLO III - MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA 3.1 QUADRO A QUADRO B QUADRO C QUADRO D QUADRO F CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELL ISE E DELL ISEE COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE INDICATORE DELLA SITUAZIONE REDDITUALE INDICATORE DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE CALCOLO DELL ISEE E DELL ISE I CONTROLLI 24 CAPITOLO IV - ASSEGNO DI MATERNITÀ 4.1 A CHI SPETTA A QUALI CONDIZIONI QUANDO FARE RICHIESTA 26 5

7 SOMMARIO 4.4 CHI EROGA L ASSEGNO L IMPORTO DELL ASSEGNO COME RICHIEDERLO CONTROLLI 27 CAPITOLO V - ASSEGNO PER I NUCLEI FAMILIARI CON ALMENO TRE FI- GLI MINORI 5.1 A CHI SPETTA A QUALI CONDIZIONI QUANDO PRESENTARE LA RICHIESTA CHI EROGA L ASSEGNO L IMPORTO DELL ASSEGNO COME RICHIEDERLO CONTROLLI 29 CAPITOLO VI - NOVITÀ INTRODOTTE CON LEGGE 4 NOVEMBRE 2010 N PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE SOSTIUTIVA UNICA (DSU) CONTROLLI SUI DATI AUTOCERTIFICATI CONTROLLI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE CONTROLLI DEGLI ENTI EROGATORI CONTROLLI DELLA GUARDIA DI FINANZA CONVENZIONI CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE REDDITI DA DICHIARARE AI FINI ISE/ISEE CONVENZIONE TRA L INPS E L AGENZIA DELLE ENTRATE ULTERIORI DISPOSIZIONI 32 CAPITOLO VII - INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE UNIVERSITARIA ISEEU D.P.C.M. 9 APRILE COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE DETERMINAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE AGGIORNAMENTO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA 33 CASI PARTICOLARI 34 QUESITI 43 6

8 LA DSU E L ATTESTAZIONE I.S.E. - I.S.E.E. CAPITOLO I - LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA E L ATTESTAZIONE I.S.E. - I.S.E.E. La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è una autocertificazione del dichiarante attestante la situazione reddituale e patrimoniale del proprio nucleo familiare. I documenti originali utilizzati per la compilazione di tale dichiarazione devono essere conservati dal dichiarante per eventuali controlli disposti dagli enti erogatori ed effettuati dalla Guardia di Finanza. Il CAF, a seguito della convenzione stipulata con l INPS, deve provvedere a: trasmettere, in via telematica, la DSU all Istituto entro i dieci giorni successivi alla data di sottoscrizione; rilasciare al dichiarante copia dell attestazione e della certificazione provvisoria attestante il calcolo dell ISE e dell ISEE; conservare, nei propri archivi e per un periodo di due anni, copia cartacea della DSU debitamente firmata, in originale, dal richiedente per eventuali controlli. Nel caso in cui il CAF non assista il cittadino nella compilazione della DSU è opportuno che conservi, allegandola al modello elaborato, anche la copia precompilata e firmata dal richiedente. Ricordiamo che prima di iniziare la compilazione della DSU è necessario chiedere al cittadino se, personalmente o attraverso qualche altro familiare, il nucleo anagrafico sia già in possesso di una dichiarazione in corso di validità (12 mesi dalla sottoscrizione della DSU). Nel dubbio è possibile verificare tale circostanza sul sito dell INPS interrogando la lista delle dichiarazioni. La consultazione, pur non consentendo la visualizzazione dei contenuti se la DSU è stata presentata tramite altri CAF o Enti erogatori, segnala l eventuale presenza in banca dati di una certificazione ISE/ISEE con l indicazione del CAF che la ha trasmessa e la data di sottoscrizione. Risulta evidente che se la ricerca dovesse produrre un esito positivo non sarà possibile presentare una nuova DSU, ad eccezione del caso in cui si siano verificate delle modifiche nei dati reddituali e/o patrimoniali dei soggetti che costituiscono il nucleo anagrafico. 1.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Tutti coloro che intendono richiedere prestazioni sociali o assistenziali agevolate non destinate alla generalità dei soggetti o comunque collegati nella misura o nel costo a determinate situazioni economiche devono compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). Le prestazioni e i servizi, che saranno concessi dai vari enti erogatori mediante l utilizzo dell ISE (Indicatore della Situazione Economica) ovvero dell ISEE (In- 7

9 LA DSU E L ATTESTAZIONE I.S.E. - I.S.E.E. dicatore della Situazione Economica Equivalente) determinato in base alle informazioni autocertificate dai richiedenti con le dichiarazioni sostitutive uniche, sono: asili nido e altri servizi educativi per l infanzia; mense scolastiche; prestazioni scolastiche (libri scolastici, borse di studio, ecc.); agevolazioni per tasse universitarie; prestazioni del diritto allo studio; servizi socio sanitari domiciliari; servizi socio sanitari diurni, residenziali, ecc.; agevolazioni per servizi di pubblica utilità (telefono, luce, gas, ecc.); altre prestazioni economiche assistenziali; agevolazioni per le case in affitto; assegno al nucleo familiare di cui alle legge n.448/98; assegno di maternità di cui alle legge n.448/98; bonus energia; carta acquisti. Da questa definizione sono escluse alcune prestazioni quali: l integrazione al minimo; la maggiorazione sociale delle pensioni; l assegno e la pensione sociale; ogni altra prestazione previdenziale; la pensione e l assegno di invalidità civile; le indennità di accompagnamento e assimilate. 1.2 ADEMPIMENTI DEL RICHIEDENTE LA PRESTAZIONE SOCIALE O ASSISTENZIALE La normativa prevede: la presentazione da parte del richiedente la prestazione agevolata, di un unica dichiarazione sostitutiva, con validità annuale, attestante la composizione del proprio nucleo familiare e la situazione patrimoniale e reddituale del nucleo. Tale dichiarazione può essere presentata direttamente agli enti erogatori delle prestazioni sociali oppure ai Comuni, ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF) e all Inps; in tale ultima fattispecie, il cittadino potrà inviare/rettificare/consultare, mediante accesso, con credenziali personali, ai servizi on line resi disponibili dall Istituto sul portale la propria Dichiarazione Sostitutiva Unica DSU; la presentazione di una nuova dichiarazione sostitutiva nel caso in cui, durante il periodo di validità della dichiarazione, intervengano mutamenti delle condizioni familiari ed economiche; il rilascio al richiedente la prestazione, da parte dei soggetti che hanno ricevuto la dichiarazione sostitutiva (enti erogatori, Comuni, CAF e Inps), di un attestazione contenente le informazioni della dichiarazione sostitutiva e gli ele- 8

10 LA DSU E L ATTESTAZIONE I.S.E. - I.S.E.E.U. menti per il calcolo dell ISE ovvero dell ISEE. In questo modo ciascun componente il nucleo potrà usare tale dichiarazione al fine di ottenere l accesso alle prestazioni sociali agevolate. 1.3 ADEMPIMENTI DELL ENTE A CUI È STATA PRESENTATA LA DI- CHIARAZIONE SOSTITUTIVA L ente che riceve la Dichiarazione Sostitutiva Unica (ente erogatore, Comune, CAF e Inps) rilascia, previa verifica della completezza e della correttezza formale dei dati dichiarati, l attestazione di avvenuta presentazione della dichiarazione in argomento e trasmette, entro i successivi dieci giorni, le informazioni raccolte alla banca dati gestita dell Inps. L Inps, ricevuti i dati, effettua il calcolo dell indicatore della situazione economica (ISE) e dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE). Tali indicatori saranno resi disponibili dall Inps ai componenti il nucleo familiare cui si riferisce la dichiarazione sostitutiva e agli altri enti erogatori delle prestazioni sociali agevolate mediante una seconda attestazione contenente le seguenti informazioni: nucleo familiare; anno di produzione del reddito di ciascun componente il nucleo familiare; indicatore della situazione economica (ISE) del nucleo standard con la descrizione delle modalità di calcolo; valore della scala di equivalenza applicato; indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) di ciascun soggetto; attestazione che i valori summenzionati derivano dai dati della dichiarazione sostitutiva unica trasmessi dall ente che ha ricevuto la dichiarazione; data di trasmissione dei dati da parte dell ente; estremi identificativi dell ente; data di scadenza della dichiarazione sostitutiva unica. Nel caso in cui il cittadino abbia trasmesso, in via telematica, la DSU avvalendosi dei servizi on line di cui al portale l attestazione recherà nel riquadro timbro dell ente e firma dell addetto che consegna l attestazione la seguente dicitura: dichiarazione sostitutiva unica trasmessa all INPS in via telematica CAPITOLO II - LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA La dichiarazione sostitutiva unica, prevista dall art. 4 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 109, ha validità annuale e racchiude le informazioni necessarie per la determinazione dell indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.). 9

11 LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA La dichiarazione può essere presentata ai Comuni, ai Centri di Assistenza Fiscale, all Amministrazione pubblica alla quale è richiesta la prima prestazione ovvero all I.N.P.S. in via telematica. I soggetti ai quali viene presentata la dichiarazione sostitutiva rilasciano un attestazione, riportante il contenuto della dichiarazione e gli elementi informativi necessari per il calcolo della situazione economica. Il richiedente la prestazione ha la facoltà di presentare, entro il periodo annuale di validità della dichiarazione sostitutiva unica, una nuova dichiarazione, nel caso in cui si siano verificati rilevanti mutamenti delle condizioni familiari ed economiche ai fini del calcolo dell ISEE del proprio nucleo familiare. La dichiarazione, con allegata l attestazione rilasciata dai soggetti abilitati alla presentazione, può essere utilizzata nel periodo di validità da ogni componente il nucleo familiare per l accesso alle prestazioni sociali agevolate ovvero ai servizi di pubblica utilità QUALI SONO LE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Le prestazioni sociali agevolate ovvero l accesso agevolato ai servizi di pubblica utilità possono essere le più svariate e, in pratica, riguardano le seguenti prestazioni: Assegno per il nucleo familiare con tre figli minori Assegno di maternità erogato dai Comuni Asili nido e altri servizi educativi per l infanzia Mense scolastiche Prestazioni scolastiche (libri scolastici, borse di studio ecc. ecc.) Agevolazioni per tasse universitarie Prestazioni di diritto allo studio universitario (casa dello studente, convenzioni, ecc.) Trasporti di studenti, di anziani e di soggetti portatori di handicap Servizi socio sanitari domiciliari Servizi socio sanitari diurni, residenziali ecc. Assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica Agevolazioni per servizi di pubblica utilità (telefono, acqua, luce, gas) Altre prestazioni economiche assistenziali Altre prestazioni sociali ovvero agevolazioni nei servizi di pubblica utilità 2.2 CRITERI DI SELEZIONE Gli enti erogatori accanto all ISE risultante dai dati inseriti nella dichiarazione sostitutiva unica possono prevedere ulteriori criteri di selezione. Tali criteri di selezione non possono andare a variare o sostituire le informazioni richieste nella dichiarazione sostitutiva unica. 10

12 LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA L ente a cui il richiedente ha presentato la dichiarazione sostitutiva unica raccoglie ed elabora, attraverso un tracciato standard ed una procedura informatica rilasciata dall INPS, le informazioni rilevanti ai fini della determinazione dell ISE e le trasmette telematicamente entro dieci giorni al centro informativo gestito dall Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. L INPS calcola e rende disponibile ai componenti il nucleo familiare per il quale è stata presentata la dichiarazione sostitutiva ed agli enti erogatori di prestazioni sociali agevolate che ne fanno richiesta sia l ISE che l ISEE. 2.3 COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE Ai fini della determinazione della composizione del nucleo familiare e, quindi, dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente, ogni persona può appartenere ad un solo nucleo familiare. Le persone da inserire nel nucleo familiare sono quelle presenti alla data della compilazione della dichiarazione ed, in particolare: il dichiarante; il coniuge del dichiarante; i figli minori del dichiarante e/o del coniuge, se con essi conviventi; le altre persone presenti nello stato di famiglia del dichiarante; le persone non presenti nello stato di famiglia, ma a carico ai fini IRPEF del dichiarante o del coniuge o di altra persona presente nello stato di famiglia. La regola generale prevede che i coniugi e i figli minori conviventi fanno parte dello stesso nucleo familiare. A questi vanno sempre aggiunte le altre persone presenti nello stato di famiglia e le persone a carico ai fini IRPEF. Nel caso il dichiarante non sia coniugato ovvero sia legalmente separato e, inoltre, sia a carico IRPEF di una o più persone che non risultano nel suo stato di famiglia, il suo nucleo familiare sarà quello di una di queste persone, considerata responsabile del suo mantenimento e, pertanto, indicata con il codice Tipo R nel quadro dei componenti il nucleo familiare. I coniugi che risultano nello stesso stato di famiglia fanno sempre parte dello stesso nucleo familiare e questo anche quando uno dei due risulti a carico IRPEF di un altra persona. Il coniuge che non risulta nello stato di famiglia del dichiarante fa ugualmente parte del nucleo familiare ai fini ISEE con l eccezione dei seguenti casi: quando è stata pronunciata separazione giudiziale ovvero quando è stata ordinata la separazione ai sensi dell art.126 del c.c. quando uno dei coniugi è stato escluso dalla potestà sui figli o sono stati adottati nei suoi confronti i provvedimenti di cui all articolo 333 del c.c. nel caso di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio a seguito di alcune gravi condanne penali 11

13 LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA quando sussiste abbandono del coniuge, accertato in sede giurisdizionale o della pubblica autorità competente in materia di servizi sociali. Nel caso di convivenza anagrafica da parte di uno dei coniugi (residenza in un istituto di cura e ricovero, in una caserma o in un istituto di detenzione) occorre prendere in considerazione lo stato di famiglia dell altro coniuge. La convivenza anagrafica è diversa dalla famiglia anagrafica ed è disciplinata dall art.5 del DPR n.223/89. I figli minori che convivono con il proprio genitore fanno parte del nucleo familiare a cui appartiene il genitore stesso. Pertanto, un figlio non può più essere contemporaneamente compreso nella dichiarazione sostitutiva di due genitori separati o divorziati. Vanno indicati anche i minori in affidamento preadottivo o temporaneo affidati al dichiarante o al coniuge con provvedimento del giudice. Non fanno parte del nucleo familiare, e non devono essere indicati, i figli minori affidati a terzi con provvedimento del giudice; tali minori fanno parte del nucleo familiare della persona a cui sono stati affidati. Nel caso che nello stato di famiglia del dichiarante, o nello stato di famiglia del coniuge se è stato preso questo come riferimento, vi siano altre persone rispetto a quelle già elencate, i dati di tutte queste persone vanno indicati di seguito nel quadro dei componenti il nucleo familiare. I soggetti a carico IRPEF di regola sono presenti nello stato di famiglia del dichiarante e pertanto fanno parte del suo nucleo familiare. In alcuni casi i soggetti a carico IRPEF potrebbero non essere presenti nello stato di famiglia. I figli non conviventi in possesso di un reddito non superiore ad euro 2840,51 (nell anno precedente a quello di presentazione della dichiarazione sostitutiva unica) sono considerati fiscalmente a carico. Al fine di ottenere un calcolo più vantaggioso della situazione economica del nucleo familiare individuato come sopra, il dichiarante deve indicare alcune informazioni aggiuntive che qui di seguito si riportano: 1) persone con handicap e invalidi presenti nel nucleo familiare. Per i soggetti con handicap permanente si intendono quelli che hanno una ridotta autonomia personale, accertata dall unità sanitaria locale competente, mentre per invalidi si intendono coloro che hanno una invalidità superiore al 66% di riduzione della capacità lavorativa e vanno ricompresi in tale fattispecie i mutilati e gli invalidi di guerre e gli invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 1 alla 5. 2) Genitore e figli minori Deve essere indicato se nel nucleo familiare sono presenti dei figli minori ed uno solo dei loro genitori. Si precisa che per genitori e figli devono intendersi i soggetti tra i quali intercorre un rapporto di filiazione legittima, naturale o adottiva. 12

14 LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA 3) Attività di lavoro o di impresa Il dichiarante deve indicare se, in presenza di un nucleo familiare composto di figli minori ed entrambi i genitori, quest ultimi hanno svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell anno cui la dichiarazione sostitutiva unica si riferisce. Nel caso di nucleo familiare composto di figli minori e di un solo genitore, quest ultimo deve indicare nella dichiarazione sostitutiva unica di aver svolto attività di lavoro o di impresa nei termini suddetti. 4) Situazioni diverse presenti nello stesso nucleo Il dichiarante può ottenere un calcolo vantaggioso dell ISEE, se nel nucleo familiare vi sono minori, figli di diversi genitori presenti nel nucleo stesso. A tal fine il dichiarante deve precisare all ente che riceve la dichiarazione che la dichiarazione sostitutiva si riferisce a situazioni diverse effettivamente presenti nello stesso nucleo. 2.4 SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE Al fine di individuare la situazione reddituale e patrimoniale del nucleo familiare, ciascun componente il nucleo deve fornire, insieme alle informazioni anagrafiche e generali, i dati reddituali e patrimoniali. Pertanto deve essere indicato, per ciascun componente il nucleo, il reddito complessivo risultante dall ultima dichiarazione prodotta ai fini IRPEF (Mod. 730 o Mod. UNICO), in relazione al momento di presentazione della dichiarazione sostitutiva. In presenza di un soggetto esonerato dall obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, si considera il reddito risultante dall ultima certificazione dei redditi rilasciata dai soggetti erogatori ( ad esempio Mod. CUD o altra certificazione di reddito). Non è da considerare il reddito agrario relativo all attività di imprenditore agricolo svolta, anche in forma associata, dai soggetti produttori agricoli titolari di partita IVA, obbligati alla presentazione della dichiarazione ai fini dell IVA. Il reddito così determinato deve essere, quando possibile, quello relativo all anno precedente la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica. Nel caso in cui ciò non sia possibile, deve farsi riferimento al reddito relativo ai due anni precedenti la presentazione della dichiarazione sostitutiva (Ad esempio: la dichiarazione sostitutiva presentata a luglio 2011 contiene i redditi relativi all anno d imposta 2010 Mod. UNICO2011 o Mod. 730/2011 o CUD 2011; la dichiarazione sostitutiva presentata a febbraio 2012 contiene i redditi relativi all anno d imposta 2010 Mod. UNICO 2011 o Mod. 730/2011 o CUD 2011). Non devono essere dichiarati i redditi esenti ai fini IRPEF. La Legge 4 novembre 2010, n. 183 ha introdotto rilevanti modifiche alla disciplina ISE/ISEE anche con riferimento ai componenti di reddito da dichiarare ed in particolare: 13

15 LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA Al reddito complessivo devono essere aggiunti i redditi da lavoro dipendente e assimilati, di lavoro autonomo ed impresa, redditi diversi di cui all'articolo 67, comma 1, lettere i)e l), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, assoggettati ad imposta sostitutiva o definitiva, fatta salva diversa volonta' espressa dal legislatore sulle norme che regolano tali componenti reddituali. Pertanto, la DSU, a partire dal 24 novembre 2010, deve recare nel quadro F4 anche i redditi assoggettati ad imposta sostitutiva o definitiva come ad esempio quelli indicati nei quadri CM, RE, RG e RQdel modello Unico. Con riferimento al modello UNICO2011: 1) se il soggetto si è avvalso del regime dei Contribuenti minimi ed ha, pertanto, compilato il quadro CM, va indicato l importo del rigo CM10. Nel caso in cui il soggetto sia imprenditore di impresa familiare va riportato l importo del rigo CM10 al netto delle quote imputate ai collaboratori (colonna 3 dei righi RS6 e RS7), mentre se il soggetto è un collaboratore dell impresa familiare va riportata la quota imputatagli dall imprenditore (colonna 3 dei righi RS6 e RS7); 2) se il soggetto si è avvalso del regime sostitutivo per nuove iniziative di lavoro autonomo (art. 13 della legge n. 388/2000) ed ha pertanto compilato il quadro RE, va indicato l importo del rigo RE21 colonna 2, soltanto se positivo e se nel rigo RE22 colonna 1 è presente il codice 1; 3) se il soggetto si è avvalso del regime sostitutivo per nuove iniziative imprenditoriali (art. 13 della legge n. 388/2000) ed ha pertanto compilato il quadro RG, va indicato l importo del rigo RG29, soltanto se positivo e se nel rigo RG30 colonna 1 è presente il codice 1. La situazione patrimoniale del nucleo familiare è determinata in base alla componente mobiliare e immobiliare posseduta dal soggetto esattamente alla data del 31 dicembre dell anno precedente alla presentazione della dichiarazione sostitutiva. I beni posseduti precedentemente e/o successivamente a tale data NON devono essere considerati IL PATRIMONIO MOBILIARE Il patrimonio mobiliare è costituito da: 1) depositi e conti correnti bancari e postali, al netto degli interessi; 2) titoli di Stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi ed assimilati; 3) azioni o quote di organismi di investimento collettivo di risparmio italiani o esteri; 4) partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate in mercati regolamentati; 5) partecipazioni azionarie in società non quotate in mercati regolamentati e partecipazioni in società non azionarie; 14

16 MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DSU 6) masse patrimoniali, costituite da somme di denaro o beni non relativi all impresa, affidate in gestione ad un soggetto abilitato ai sensi del decreto legislativo n. 415/1996; 7) altri strumenti e rapporti finanziari; 8) imprese individuali per le quali va assunto il valore del patrimonio netto IL PATRIMONIO IMMOBILIARE Nel patrimonio immobiliare devono considerarsi tutti gli immobili posseduti a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, servitù superficie, enfiteusi alla data del 31 dicembre dell anno precedente alla presentazione della dichiarazione sostitutiva e ciò indipendentemente dal periodo di possesso del bene. Il soggetto che ha la nuda proprietà dell immobile non deve indicarlo nella dichiarazione sostitutiva unica. Il valore dei beni da indicare è quello definito ai fini dell ICI (Imposta Comunale sugli Immobili). Il valore dell immobile va dichiarato anche quando l immobile è esente ai fini ICI. CAPITOLO III - MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SO- STITUTIVA UNICA I modelli tipo della dichiarazione unica e dell attestazione provvisoria, con allegate le relative istruzioni, sono contenuti nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18 maggio 2001 pubblicato nella G.U. n.155 del 6 luglio La dichiarazione sostitutiva unica è composta dal modello base e da tanti fogli allegati quanti sono i componenti del nucleo familiare del richiedente. Il modello base è composto da quattro facciate. Nella prima sono da indicare le prestazioni sociali agevolate ovvero l accesso agevolato ai servizi di pubblica utilità che il dichiarante e i soggetti componenti il nucleo familiare intendono richiedere. Tale dato è puramente statistico. Di seguito troviamo l informativa sull uso dei dati personali come richiesto dalla normativa vigente in materia di privacy. La seconda facciata è interamente dedicata alla guida rapida alla compilazione della dichiarazione sostitutiva unica. Nelle intenzioni degli estensori della dichiarazione la guida rapida rappresenta lo strumento di compilazione per tutti i richiedenti che non hanno situazioni particolari all interno del proprio nucleo familiare come, ad esempio, coniuge con diversa residenza, figli di coniugi separati ed altre. 15

17 MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DSU La terza facciata si compone dei dati relativi alla composizione del nucleo familiare e dei quadri A, B, C e D. Per quanto riguarda la composizione del nucleo familiare si precisa quanto segue: il dichiarante sarà identificato come Tipo D ; il coniuge come Tipo C ; i figli minori se conviventi con il dichiarante e/o con il coniuge saranno distinti come tipo F ; altre persone presenti nello stato di famiglia del dichiarante come Tipo P ; le persone non presenti nello stato di famiglia, ma a cario ai fini Irpef del dichiarante o del coniuge o di altra persona presente nello stato di famiglia come Tipo I. Dichiarare anchei i figli minori conviventi con queste persone come Tipo I ; il responsabile del mantenimento del dichiarante che è da indicare nella colonna Tipo con la lettera R. Nel medesimo quadro di seguito vengono richiesti il cognome, il nome e la data di nascita di ogni singolo componente il nucleo familiare. 3.1 QUADRO A Il quadro A va compilato solo dal dichiarante coniugato il cui coniuge ha una diversa residenza. In questo caso il dichiarante deve indicare quale è lo stato di famiglia di riferimento, se il proprio o quello del coniuge. Lo stato di famiglia deve essere scelto in coerenza con quella che i coniugi considerano la residenza della famiglia. 3.2 QUADRO B All interno del quadro B vengono richiesti il numero dei soggetti, presenti nel nucleo familiare, con handicap permanente grave o invalidità superiore al 66% e l ente che ha rilasciato la certificazione ai sensi della Legge n.104 del 5 febbraio Per soggetti con handicap permanente devono intendersi che sono nelle condizioni previste dall articolo 3, comma 3, della Legge n. 104 del Tale situazione deve essere stata accertata dall unità sanitaria locale ai sensi dell articolo 4 della medesima legge. Tra gli invalidi con invalidità superiore al 66% vanno ricompresi i mutilati e gli invalidi per servizio appartenenti alle categorie dalla 1 alla 5. Nella seconda riga va dichiarata la presenza nel nucleo familiare di figli minori e solo uno dei loro genitori. Nella terza riga va dichiarato barrando con una X la casella, se nel nucleo familiare, in presenza di figli minori ed entrambi i loro genitori, questi ultimi abbia- 16

18 MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DSU no svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell anno in cui sono stati prodotti i redditi dichiarati nella dichiarazione. La casella va barrata anche nel caso in cui il nucleo familiare sia composto soltanto da un genitore e dai suoi figli minori e il genitore stesso abbia svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi. 3.3 QUADRO C Nel quadro C viene richiesto l indirizzo completo della casa di abitazione del nucleo familiare. Tale abitazione è quella in cui risiedono tutti i componenti del nucleo. È possibile che non tutti i componenti risiedano nella stessa abitazione: in tal caso, il dichiarante deve scegliere come abitazione una tra le abitazioni in cui risiede almeno un componente del nucleo stesso. Di seguito il richiedente dovrà indicare se è una abitazione di proprietà di un componente il nucleo familiare stesso ovvero un abitazione presa in locazione e in quest ultimo caso viene richiesta l indicazione della persona a cui è intestato il contratto, gli estremi di registrazione e il canone annuale del contratto stesso. 3.4 QUADRO D Nel quadro D occorre indicare se la dichiarazione è compilata in lire ovvero in Euro. La quarta facciata del modello base comprende la dichiarazione di responsabilità del richiedente su quanto dichiarato. Occorrerà anche specificare quanti fogli allegati (contenenti la situazione economica dei singoli componenti il nucleo familiare) sono stati compilati. Il richiedente, infine, deve indicare luogo e data della dichiarazione e sottoscriverla. La sottoscrizione della dichiarazione sostitutiva determina per il dichiarante la responsabilità penale, ai sensi dell articolo 76 del D.P.R 445/2000, per falsità in atti e dichiarazioni mendaci. Nel caso di dichiarazione resa da un soggetto nell interesse del richiedente impedito o incapace, si dovrà barrare la casella corrispondente e compilare i dati anagrafici del soggetto che presenta la dichiarazione. L ultima parte della dichiarazione sostitutiva unica riguarda l attestazione della presentazione della dichiarazione da parte dell ente ricevente. L ente ricevente deve controllare che la dichiarazione sia leggibile, completa e corretta dal punto di vista formale. La dichiarazione, completa dell attestazione, sarà rilasciata all interessato, mentre una copia rimarrà all ente. I fogli allegati contengono le informazioni relative a ciascun componente il nucleo familiare: anagrafiche, generali, redditi e patrimoni. Ogni foglio deve ripor- 17

19 MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DSU tare in alto alla prima pagina un numero progressivo e l indicazione del dichiarante, che è la stessa persona per l intera dichiarazione e che sottoscrive ogni allegato. I fogli allegati fanno parte della dichiarazione pertanto una dichiarazione sostitutiva unica senza la compilazione di tutti i fogli allegati relativi a ciascun componente non può essere considerata valida. 3.5 QUADRO F Nel quadro F1 vanno indicati i dati anagrafici del soggetto a cui è intestato il foglio allegato. La residenza e il codice dell azienda USL, se è la medesima per tutti i componenti il nucleo familiare, possono essere indicate solo nel foglio allegato intestato al dichiarante. Nel quadro F2 è da indicare, barrando con una X la casella corrispondente, il Tipo di partecipazione alla dichiarazione del soggetto a cui è intestato il foglio allegato secondo quanto già indicato nella tabella della terza facciata del modello base. Nel quadro F3 si deve indicare l attività del soggetto a cui è intestato il foglio allegato. Il quadro F4 contiene i dati relativi ai redditi percepiti dal soggetto a cui è intestato il foglio allegato. Si ricorda che, nel limite del possibile, i redditi dichiarati devono essere quelli relativi all anno solare precedente la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica. Nel caso di dichiarazione sostitutiva unica presentata nei primi mesi dell anno quando non è ancora possibile presentare la dichiarazione dei redditi relativa all anno solare precedente si deve fare riferimento ai redditi di due anni prima. Nella prima riga deve essere dichiarato il reddito complessivo risultante dall ultima dichiarazione prodotta ai fini IRPEF ovvero, se il contribuente non è tenuto alla presentazione della dichiarazione, il reddito imponibile IRPEF dell ultimo Modello CUD consegnato. Il reddito complessivo non deve comprendere i redditi agrari relativi alle attività dei coltivatori diretti e produttori agricoli, anche in forma associata, titolari di partita I.V.A. obbligati alla presentazione della dichiarazione I.V.A.. Non devono essere dichiarati i redditi esenti IRPEF. Nel caso in cui il soggetto a cui è intestato il foglio allegato non abbia percepito alcun reddito nell anno precedente la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica, è possibile dichiarare l assenza di reddito. Successivamente vi saranno dei controlli da parte degli organismi preposti tesi a verificare che non venga presentata successivamente una dichiarazione dei redditi o venga ricevuto un Modello CUD. Nella seconda riga del quadro F4 dovrà essere dichiarata la base imponibile IRAP al netto dei costi del personale a qualunque titolo utilizzato da parte dei coltivatori diretti e produttori agricoli, anche in forma associata, titolari di partita IVA, e obbligati alla presentazione della dichiarazione IRAP. 18

20 MODALITÀ DI COMPILAZIONE DELLA DSU Nella terza riga del quadro F4 va indicato l anno di imposta di produzione del reddito. Il quadro F5 contiene i dati relativi al patrimonio mobiliare posseduto dal soggetto a cui è intestato il foglio allegato. Va indicato il valore complessivo del patrimonio mobiliare posseduto dal soggetto alla data del 31 dicembre dell anno precedente alla presentazione della dichiarazione sostitutiva. I beni posseduti successivamente a tale data non dovranno essere considerati. Al contrario sono da considerare i beni posseduti al 31 dicembre e successivamente non più in proprietà. Il patrimonio mobiliare è costituito dai depositi bancari, postali, dai BOT e dagli altri titoli di Stato, dal denaro affidato a società di investimento o di risparmio, da quote di partecipazione azionarie ecc. ecc.. Il valore complessivo deve essere approssimato per difetto ai 500 Euro o ai suoi multipli (per esempio euro si indica euro). Nel caso al 31 dicembre il soggetto non fosse titolare di alcun reddito mobiliare deve essere indicato nello spazio corrispondente il valore 0 (zero). Le componenti del patrimonio mobiliare da tenere in considerazione ai fini del calcolo del loro valore sono le seguenti: depositi e conti correnti postali; titoli di stato, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi; azioni o quote di organismi di investimento collettivo; partecipazioni azionarie quotate ovvero non quotate in mercati regolamentati; i contratti di assicurazione sulla vita; le imprese individuali. Il valore da indicare nei contratti di assicurazione sulla vita è l importo dei premi versati al 31 dicembre dell anno precedente la presentazione della dichiarazione sostitutiva. Il valore delle imprese individuali è dato dal patrimonio netto dell impresa stessa risultante dall ultimo bilancio approvato (valore dei beni strumentali al netto dell ammortamento + le rimanenze finali di magazzino). Nel quadro F5 sono, inoltre, richiesti i dati di chi gestisce il patrimonio mobiliare. Tali dati, in presenza di patrimonio mobiliare devono essere sempre inseriti. Nella prima colonna va indicato il codice di identificazione dell intermediario (ad esempio per il conto corrente bancario va indicato il codice ABI). L intermediario che gestisce il patrimonio mobiliare è tenuto a comunicare il codice identificativo al soggetto intestatario del foglio allegato che non conosca tale codice. Nel caso il codice non sia definito occorre precisare per esteso la denominazione dell intermediario o del gestore. Nella seconda colonna va indicata la tipologia dell intermediario (ad esempio nel caso l intermediario sia la Posta occorre scrivere Posta). 19

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001.

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001. OGGETTO: MODALITA ATTUATIVE E AMBITI DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE AI SENSI DEL D. LGS. 31 MARZO

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) REGOLAMENTO COMUNALE n. 49 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) INDICE 1. Oggetto e riferimenti legislativi 2. Ambiti di applicazione 3. Determinazione

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 FOGLIO INFORMATIVO E ISTRUZIONI PER IL CALCOLO DELL ISEE Questa guida vuole agevolare la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), la nuova dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

ISE Indicatore della Situazione Economica

ISE Indicatore della Situazione Economica ISE Indicatore della Situazione Economica L'ISEE, Indicatore della situazione economica equivalente, E uno strumento che permette di misurare la condizione economica delle famiglie nella Repubblica Italiana.

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE O PER L ACCESSO AGEVOLATO AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÁ A cosa serve la dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

Dichiarazione sostitutiva unica

Dichiarazione sostitutiva unica Dichiarazione sostitutiva unica valevole per la richiesta di prestazioni sociali agevolate o per l'accesso agevolato ai servizi di pubblica utilità (decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109, come modificato

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA GUIDA RAPIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA La dichiarazione sostitutiva è composta dal presente modello base, che a pagina 3 raccoglie i dati relativi al nucleo familiare, e da tanti

Dettagli

Dichiarazione sostitutiva unica

Dichiarazione sostitutiva unica Dichiarazione sostitutiva unica valevole per la richiesta di prestazioni sociali agevolate o per l'accesso agevolato ai servizi di pubblica utilità (decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109, come modificato

Dettagli

Dichiarazione sostitutiva unica

Dichiarazione sostitutiva unica Dichiarazione sostitutiva unica valevole per la richiesta di prestazioni sociali agevolate o per l accesso agevolato ai servizi di pubblica utilità (decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109, come modificato

Dettagli

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università)

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) Area Studenti ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) ISEEU = (ISRU + 20% ISPU)/P ISRU = indicatore della situazione reddituale; se questo valore è negativo deve essere

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

Dettagli

COMUNE DI BAZZANO REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

COMUNE DI BAZZANO REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) COMUNE DI BAZZANO REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) approvato con deliberazione consiglio comunale n.62 del 22.7.2002 REGOLAMENTO SUI

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Provincia di Milano

C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Provincia di Milano Allegato A) alla deliberazione di C.C. n. 110 del 29/07/2009 C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Provincia di Milano Via Viquarterio, n. 1 20090 Pieve Emanuele - Cod. Fisc. 80104290152 P. IVA 04239310156

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

Articolo 1 Ambito di applicazione dei criteri unificati di valutazione della sistemazione economica

Articolo 1 Ambito di applicazione dei criteri unificati di valutazione della sistemazione economica Norme integrate sui criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni agevolate (dpcm /99 e dpcm 4/0) Articolo Ambito di applicazione dei criteri unificati

Dettagli

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2016/2017

Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2016/2017 Guida all ISEE per prestazioni universitarie A.A. 2016/2017 1. COSA E L ISEE L Indicatore della Situazione Economica Equivalente, di seguito denominato ISEE, è lo strumento di valutazione, attraverso criteri

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) Approvato dal C.C. con delib. n. 41 del 31.05.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) Approvato dal C.C. con delib. n. 41 del 31.05. COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano SETTORE 4 ISTRUZIONE CULTURA,SPORT SERVIZI SOCIALI E PER LA SOLIDARIETA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE)

Dettagli

COME SI CALCOLA L ISEE

COME SI CALCOLA L ISEE Introdotto dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n.109, successivamente modificato dal decreto legislativo n.130 del 3 maggio 2000 è lo strumento necessario per poter accedere ad una serie di prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 29.11.2001 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. La valutazione

Dettagli

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - MOD. A Seconda Università degli Studi di Napoli DICHIARAZIONE DELLA CONDIZIONE ECONOMICA DELLO STUDENTE (C.D. AUTOCERTIFICAZIONE) ANNO ACCADEMICO 2002-2003 MATRICOLA (Questo spazio, in caso di prima immatricolazione,

Dettagli

Comune di Carmignano

Comune di Carmignano Comune di Carmignano (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA (ISE) PER L EROGAZIONE DI ALCUNE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE. Approvato con Delibera Consiglio Comunale n.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE. Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 22 del 28/02/2002 ART. 1 (OGGETTO DEL REGOLAMENTO) 1 - Il presente regolamento disciplina

Dettagli

IL CALCOLO DELL ISEU

IL CALCOLO DELL ISEU IL CALCOLO DELL ISEU ANNO 2002 AGEVOLAZIONI PER STUDENTI UNIVERSITARI borsa di studio - alloggio tasse università mensa ISTRUZIONI PER L USO Presentazione E ormai consapevolezza generalizzata che l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Comune di Bosaro Comune di Crespino Comune di Guarda Veneta Comune di Polesella Comune di Pontecchio Polesine Provincia di Rovigo REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE - I.S.E.E. Approvato con deliberazione consiliare n. 85 del

Dettagli

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART.

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO

COMUNE DI RIVANAZZANO COMUNE DI RIVANAZZANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CRITERI U- NIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECO- NOMICA EQUIVALENTE AI SENSI D. LGS. N.109/98 E SUCC. MODIF. ED INTEGRAZ. (approvato con

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 17/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 15 del 22/12/10

C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 15 del 22/12/10 C.I.S.A. 12 CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO-ASSISTENZIALE NICHELINO REGOLAMENTO Criteri per la compartecipazione dei soggetti disabili non autosufficienti con età inferiore ad anni 65 al costo delle prestazioni

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia. Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia. Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia Regolamento per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 14 del 16.2.2000 INDICE

Dettagli

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI Numero 19 aprile 2011 L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI La Gazzetta Ufficiale n. 48 del 28 febbraio 2011 ha riportato il comunicato del Dipartimento per le politiche della famiglia presso la Presidenza

Dettagli

Articolo 1 Articolo 2

Articolo 1 Articolo 2 Articolo 1 Definizioni 1. Ai soli fini del presente decreto valgono le seguenti definizioni: ISEE : indicatore della situazione economica equivalente; Scala di equivalenza : la scala di cui all Allegato

Dettagli

ASSEGNO DI MATERNITA DEI COMUNI

ASSEGNO DI MATERNITA DEI COMUNI ASSEGNO DI MATERNITA DEI COMUNI L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999 ed è oggi disciplinato dal D.P.C.M. 21 dicembre 2000 n.452 e dall art.74 del D.Lgs.151/2001

Dettagli

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con il DM del 07-11-2014 è stato approvato il nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) necessario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA.

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL COSTO DELLA RETTA IN STRUTTURA. CONSORZIO INTERCOMUNALE DI SERVIZI Comuni di: Beinasco, Bruino, Orbassano Piossasco, Rivalta, Volvera REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA)

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. COMUNE DI SANGIANO Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE IN ATTUAZIONE DELL I.S.E.E. (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) (Articolo

Dettagli

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente;

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente; Regolamento sui criteri di compartecipazione al costo della spesa per le cure domiciliari, dei soggetti ultrasessantacinquenni, la cui non autosufficienza psichica o fisica sia stata accertata dall asl

Dettagli

Regol@mento per. l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)

Regol@mento per. l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) . Comune di Spoleto Direzione Operativa Centrale Regol@mento per.......... l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) Il Regolamento per l applicazione dell indicatore

Dettagli

Cordiali Saluti Il Coordinatore Consulta Nazionale CAAF (Valeriano Canepari)

Cordiali Saluti Il Coordinatore Consulta Nazionale CAAF (Valeriano Canepari) - Ai componenti dell Assemblea dei Soci della Consulta Nazionale dei CAAF Roma, 19 gennaio 04 Prot. 04/2004 Circolare n 3/2004 OGGETTO:-------------------------------------------------------------- Guida

Dettagli

Reddito Complessivo ai fini Irpef + Rendimento del Patrimonio Mobiliare (patrimonio x coeff. 4,32%)

Reddito Complessivo ai fini Irpef + Rendimento del Patrimonio Mobiliare (patrimonio x coeff. 4,32%) La dichiarazione sostitutiva unica serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare del dichiarante quando si richiedono delle prestazioni sociali agevolate.. Si tratta di prestazioni o

Dettagli

CAPO I Principi generali, finalità e ambito di applicazione. Art. 1 Oggetto

CAPO I Principi generali, finalità e ambito di applicazione. Art. 1 Oggetto COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

COMUNE DI INARZO Provincia di Varese

COMUNE DI INARZO Provincia di Varese COMUNE DI INARZO Provincia di Varese Via Patrioti, 26-21020 Inarzo Tel 0332/947322 Fax 0332/969623 E-Mail comunediinarzo@libero.it C.F. P. IVA 00259680122 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E. (INDICATORE

Dettagli

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai fini dell accesso alle prestazioni sociali agevolate.

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento è diretto ad individuare

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 6 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE

AMBITO TERRITORIALE N 6 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE 1 PROVINCIA DI NAPOLI Regolamento per la compartecipazione alle prestazioni sociosanitarie Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina criteri di determinazione della quota di

Dettagli

ALLEGATO A parte prima

ALLEGATO A parte prima ALLEGATO A parte prima Modello-tipo di dichiarazione sostitutiva delle condizioni economiche del nucleo familiare e di attestazione provvisoria di cui all articolo 4 del decreto legislativo 31 marzo 1998,

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO AMBITO S4 REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE I N D I C E Art. 1

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie Regolamento per i Comuni associati nell Ambito S7 per la compartecipazione alle prestazioni sociali e sociosanitarie Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina criteri di determinazione

Dettagli

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E DELLE PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL PAGAMENTO DELLA RETTA POSTA

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I

F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I Segreteria Provinciale Piazza Tolomei, 5-53100 SIENA - Tel. 0577 / 288406-288301 (fax) W e b : w w w. f a b i s i e n a. i t e - m a

Dettagli

Allegato B Alla Deliberazione Assemblea Consortile n. 6 del 02.02.2012

Allegato B Alla Deliberazione Assemblea Consortile n. 6 del 02.02.2012 Allegato B Alla Deliberazione Assemblea Consortile n. 6 del 02.02.2012 RECEPIMENTO DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE N. 37-6500 DEL 23.07.2007 CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

RIFORMA ISEE D.P.C.M.

RIFORMA ISEE D.P.C.M. RIFORMA ISEE D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159 previsto dall articolo 5 del D. L. 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214 Cronoprogramma 8 FEBBRAIO 2014: ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013. Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5

Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013. Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5 Roma 26/11/13 Prot. N 552/2013 Circolare n. 136/2013 Oggetto: Patrimonio mobiliare Quadro F5 IL QUADRO F5 contiene i dati relativi al patrimonio mobiliare posseduto da ciascun componente del nucleo familiare

Dettagli

Essere cittadino italiano o comunitario residente nel territorio dello Stato (art. 80, comma 5, della legge n. 388/00) ;

Essere cittadino italiano o comunitario residente nel territorio dello Stato (art. 80, comma 5, della legge n. 388/00) ; Pagina W L'ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE CON TRE FIGLI MINORI 6 di 8 L'art. 65 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 ha introdotto, con decorrenza dal 1 gennaio 1999, un nuovo intervento di sostegno, denominato

Dettagli

COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova)

COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova) COMUNE di VIADANA (Provincia di Mantova) Documenti necessari per la corretta compilazione della domanda per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione degli alloggi

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 59, commi 51, 52 e 53 della legge 27 dicembre 1997, n. 449;

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 59, commi 51, 52 e 53 della legge 27 dicembre 1997, n. 449; Leggi d'italia D.P.C.M. 7-5-1999 n. 221 Regolamento concernente le modalità attuative e gli ambiti di applicazione dei criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono

Dettagli

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea;

di essere cittadino italiano o di uno stato aderente all Unione Europea; Al Sig. Sindaco del Comune di Altopascio P.zza Vittorio Emanuele, 24 55011 Altopascio (LU) DOMANDA CONTRIBUTO AFFITTO ANNO 2014 in esenzione da bollo ai sensi del D.P.R. 642/72 tab. B art. 8 comma 3 Il

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI DSU MINI ISEE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione

Dettagli

il nuovo Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE)

il nuovo Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE) il nuovo Indicatore di Situazione Economica Equivalente (ISEE) a cura di: Dott. Maurizio Belli Dott. Alberto Bandinelli Nel testo della manovra D.L. 201/2011 (Decreto Salva Italia), convertito nella Legge

Dettagli

Regol@mento per l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)

Regol@mento per l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) . Comune di Spoleto Direzione Operativa Centrale Regol@mento per l applicazione dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).......... Il Regolamento per l applicazione dell indicatore

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015 Regolamento per la compartecipazione utenti al costo delle prestazioni socio-sanitarie Riallineamento al Decreto Commissario ad Acta per la prosecuzione del Piano di Rientro della Regione Campania N.43

Dettagli

Elenco documenti isee inps e universita

Elenco documenti isee inps e universita M0303_05_01 Rev. 12 del 23/01/2015 Azienda con Sistema Qualità Certificato Iso 9001:2008 Pg. 1 di 8 Elenco documenti isee inps e universita Isee ordinario o standard È valevole per la generalità delle

Dettagli

La Nuova ISEE 2015. 1 Norme Introduttive. 2 Obiettivi. 3 Principali Novità. 3.1 Standardizzazione del Periodo

La Nuova ISEE 2015. 1 Norme Introduttive. 2 Obiettivi. 3 Principali Novità. 3.1 Standardizzazione del Periodo La Nuova ISEE 2015 1 Norme Introduttive Con la riforma dell ISEE, introdotta dal D.p.c.m. n. 159 del 5/12/2013 e dal DM del 7/11/2014, sono state definite le nuove modalità di calcolo, i campi di applicazione

Dettagli

Regolamento per la compartecipazio ne alla quota sociale della spesa per prestazioni socio-sanitarie

Regolamento per la compartecipazio ne alla quota sociale della spesa per prestazioni socio-sanitarie Regolamento per la compartecipazio ne alla quota sociale della spesa per prestazioni socio-sanitarie 2012 Il presente Regolamento disciplina i criteri per la compartecipazione alla quota sociale della

Dettagli