8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI"

Transcript

1 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto alle famiglie e alle donne alle prese con le mille incombenze quotidiane. (A. Alessandrini )

2 Le azioni previste dalle linee programmatiche: 8.a Migliorare l offerta di accessibilità alla scuola (differenziare gli orari di ingresso nelle scuole rispetto a quelli di ingresso al lavoro, ampliare l offerta di pre e post scuola, promuovere il ricevimento insegnanti via webcam, vendere abbonamenti ATM studenti al di via I Maggio). 8.e Ampliare l offerta di spazi educativi - sportivi dedicati al doposcuola.

3 Obiettivi: Offrire alle famiglie un aiuto per conciliare meglio i tempi di vita, di lavoro e personali; offrire ai più giovani occasioni di studio, svago e socializzazione; rendere più semplici i contatti tra famiglie ed educatori. Target: Studenti e famiglie Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi Sezione Trasporti Cosa abbiamo fatto: Nelle scuole primarie è attivo il servizio di doposcuola. Nei periodi di chiusura delle scuole per festività e vacanze vengono realizzati campus in collaborazione con società sportive del territorio. Il Comune sostiene anche i campus estivi che si svolgono nei vari quartieri della città. L Amministrazione ha dotato di reti wireless i plessi scolastici per consentire i collegamenti informatici anche ai fini di eventuali colloqui con docenti via webcam. Per facilitare i genitori, da marzo 2012 le iscrizioni all asilo nido si possono effettuare direttamente online sul sito del Comune. Da maggio è possibile effettuare online anche l iscrizione ai servizi scolastici comunali di refezione, pre e doposcuola, richiesta del buono libro. Da luglio 2012, direttamente dalla homepage del sito si può effettuare il pagamento di: nidi, pre e doposcuola, trasporto scolastico.

4 Le azioni previste dalle linee programmatiche: 8.b Promuovere presso le aziende formule di part time orizzontale o verticale e di telelavoro a sostegno dei genitori che lavorano; promuovere il car sharing e il bike sharing.

5 Obiettivi: Introdurre e promuovere forme di mobilità alternativa per ridurre il traffico e migliorare ambiente e qualità della vita. Target: Cittadini, city users, dipendenti comunali Centro di responsabilità: Sezione Trasporti

6 Cosa abbiamo fatto: Il 30 marzo 2012 il Comune, grazie a una convenzione con Atm SpA e Segrate Village, ha attivato il servizio di car sharing, con una postazione in via Caravaggio, a pochi metri dalla Stazione del Passante Ferroviario. Una scelta dettata dalla consapevolezza che il car sharing rappresenta un'alternativa efficace e utile all'idea corrente di mobilità, la soluzione ideale per spostamenti brevi e frequenti, per chi percorre pochi chilometri o per chi deve fare i conti con l esigenza di avere una seconda o terza macchina. Con il vantaggio di risparmiare il 30% l anno rispetto ai costi legati a un auto propria (no assicurazione, bollo, tagliando, spese di manutenzione, no costi di rifornimento; pagando solo il reale utilizzo (tempo di fruizione e chilometri percorsi). Il car sharing produce inoltre nel tempo effetti benefici sull'ambiente, contribuendo a ridurre il numero di auto in circolazione e in sosta sulle strade. Il Comune ha stipulato un contratto business per consentire anche ai propri dipendenti di utilizzare il servizio. L auspicio è che l iniziativa, avviata in fase sperimentale, abbia successo e si creino i presupposti per avere una seconda postazione in prossimità del Palazzo comunale di via Maggio, in modo implementare ulteriormente l impiego del car sharing da parte dei dipendenti, con un abbattimento dei costi per l Amministrazione e per i segratesi.

7 Le azioni previste dalle linee programmatiche: 8.g Creare opportunità di incontro e socializzazione per le mamme con bimbi piccoli che spesso, nei primi mesi di vita del bambino, si isolano completamente dando vita a possibili disagi.

8 Obiettivi: Il centro Prima Infanzia di Segrate si propone come valido supporto alla genitorialità, costituendo occasione di scambio molto importante, soprattutto per le mamme con bimbi molto piccoli e fornendo spazi di aggregazione per le famiglie. Target: Minori e famiglie Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi

9 Cosa abbiamo fatto: Il Tempo per le Famiglie La Casa sull Albero è entrato a far parte sperimentalmente del più ampio progetto denominato Centro Prima Infanzia di Segrate, gestito dalla Cooperativa Stripes che già ha in carico i nidi comunali. In particolare il Centro Prima Infanzia comprende, oltre a La casa sull albero, per mamme con bambini da 0 a 3 anni, anche laboratori creativi e atelier ( La maison Verte ) destinati ai bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni e ai loro accompagnatori (mamme, papà, nonni), nonché uno spazio gioco ( Il Veliero ), per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni. La Ludoteca comunale Mr. Magorium offre mattine di gioco con educatrici qualificate per i bimbi dai 12 ai 36 mesi (pre scuola materna). Il servizio Mamma- Bimbo un pomeriggio la settimana e il sabato mattina offre la possibilità di giocare insieme ai propri bambini, confrontarsi e fare due chiacchiere con gli altri genitori, dando supporto in particolare alle giovani madri nel nuovo ruolo che le vede protagoniste. In Ludoteca si organizzano anche Pomeriggi di Gioco Libero: si accolgono i bambini al di fuori dell orario scolastico fornendo un sostegno ai genitori. Una persona di riferimento si fa carico di alcuni bimbi andando a prenderli all uscita delle vicine scuole e portandoli a piedi in ludoteca. Nello stesso orario è anche possibile lasciare saltuariamente i bambini. Mr. Magorium offre anche un servizio di baby parking in concomitanza con eventi organizzati presso il vicino teatro di Cascina Commenda e iniziative a tema per bimbi e genitori in occasioni particolari (Carnevale, San Valentino, Pasqua, Festa della Mamma ).

10 Le azioni previste dalle linee programmatiche: 8.f Istituire un bonus per le madri di famiglie numerose che scelgono di restare a casa dal lavoro.

11 Obiettivi: La nascita di un bambino è un evento unico e importante, ma al tempo stesso comporta anche un incremento di costi, ancora più gravoso data l attuale situazione economica del Paese. L Amministrazione Comunale di Segrate intende offrire un aiuto concreto e tangibile alle famiglie in condizioni precarie perché possano fronteggiare più serenamente la situazione Target: Famiglie in difficoltà Centro di responsabilità: Sezione Servizi Sociali

12 Cosa abbiamo fatto: ll Comune ha previsto un Bonus Bebè dell importo di 500,00 euro complessivi, da assegnare una tantum alla nascita di ogni bambino. Possono fare richiesta i nuclei familiari che abbiano una situazione socio economica di disagio. Il Bonus è attribuibile anche alle famiglie che hanno adottato un bambino. E spendibile presso la Farmacia Comunale di Lavanderie per acquistare beni dedicati al nuovo nato. La farmacia attiva lo sconto applicato sugli acquisti effettuati. L elenco dei prodotti in promozione è fornito al momento del rilascio del buono.

13 Le azioni previste dalle linee programmatiche: 8.i Promuovere il ritiro e la consegna a domicilio di alcuni servizi (tintoria, stiro, calzoleria, ecc.).

14 Obiettivi: L obiettivo è quello di investire in politiche di conciliazione per contribuire a creare un welfare innovativo. Per questo il Comune ha attivato misure di work-life balance non solo per i cittadini e per le aziende del territorio, ma anche per i dipendenti: servizi di eccellenza, in grado sia di incrementare la soddisfazione e il benessere dei lavoratori, sia di costituire un vantaggio competitivo per l ente, contribuendo a ridurre costi aziendali, migliorare il livello di produttività e sviluppare la capacità di attrarre e trattenere talenti. Target: Famiglie, dipendenti dell ente, city users Centro di responsabilità: Sezione Rendicontazione Sociale

15 Cosa abbiamo fatto: Da maggio 2011 i dipendenti del Comune possono usufruire della tintoria in ufficio grazie al progetto Segrate4you, pensato per armonizzare i tempi e migliorare la qualità di vita dell intera città. L Amministrazione comunale ha infatti stipulato una convenzione con la Tintoria Lavasecco Porro, una tintoria storica del territorio segratese, che offre servizi dal I dipendenti possono così risparmiare tempo e denaro, consegnando e ritirando direttamente in Comune i propri capi. Questo non è l unico servizio pensato dall Amministrazione per agevolare i propri dipendenti nel conciliare lavoro e famiglia. Numerose altre convenzioni con realtà del territorio sono state e continuato a essere attivate.

16 Le azioni previste dalle linee programmatiche: 8.m Promuovere la figura del custode sociale di quartiere perchè diventi punto di riferimento per gli anziani soli.

17 Obiettivi: L obiettivo è quello fornire ai disabili e agli anziani più in difficoltà alloggi gratuiti e confortevoli, ma anche un sostegno concreto per le attività quotidiane e una persona amica su cui contare per risolvere piccoli e grandi problemi di ogni giorno. Target: Famiglie, diversamente abili, anziani Centro di responsabilità: Sezione Servizi Educativi

18 Cosa abbiamo fatto: La figura del custode sociale è stata istituita nel La persona individuata si occupa di far fronte alle esigenze delle 24 famiglie ospitate nello stabile di via Roma, di proprietà del Comune. Si tratta di famiglie disagiate, ma per lo più di anziani e disabili che necessitano di aiuto sia per le commissioni quotidiane sia per i piccoli interventi di manutenzione negli alloggi. Il custode non riceve alcuno stipendio per la sua attività, ma ottiene in concessione uno degli appartamenti dello stabile in modo da poter essere sempre presente ogniqualvolta ce ne sia bisogno.

19 Le azioni che restano ancora da attuare entro il Istituire l albo delle tate e delle badanti certificate dall Amministrazione. 4. Promuovere la figura della tagesmutter (dal tedesco mamma di giorno ) che si occupa della cura, dell assistenza e dell educazione dei bambini in un ambiente domestico, impiegando educatrici madri adeguatamente formate. 8. Creare un albo di artigiani in grado di offrire servizi (idraulico, falegname, vetraio, ecc.) in orari extralavorativi a prezzi convenzionati. 10. Promuovere percorsi formativi-informativi che aiutino l adulto che si appresta a entrare nella terza età a comprendere in quali ambiti del sociale potrebbe diventare una risorsa una volta abbandonato l ambito lavorativo.

20 Percentuale di raggiungimento degli obiettivi: Realizzati 30% In fase di realizzazione 70%

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI

Welfare Aziendale per MPMI. Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Welfare Aziendale per MPMI Anna Maria Del Vescovo Edenred Italia Responsabile Welfare PMI Edenred: soluzioni per una vita semplice Da Edenred, l inventore dei Ticket Restaurant, una gamma completa di soluzioni

Dettagli

1. INTERVENTI ECONOMICI

1. INTERVENTI ECONOMICI PIANO DEGLI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE FAMILIARI DEL COMUNE DI TIONE DI TRENTO PER L ANNO 2016 PREMESSA La Provincia Autonoma di Trento ha approvato in data 10 luglio 2009 il Libro Bianco sulle

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

CONTESTO E DEFINIZIONI

CONTESTO E DEFINIZIONI LA CONCILIAZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO E LA QUALITA DEL SERVIZIO Varese 16 Dicembre 2013 a cura di Arianna Visentini CONTESTO E DEFINIZIONI WORK LIFE BALANCE 1 PAROLE CHIAVE DELLA CONCILIAZIONE STAKEHOLDERS

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare Titolo: Un cane per amico L ASD e di Promozione Sociale Do Re Miao! in collaborazione con la comunità pastorale I Tre Arcarcangeli (parrocchia Ss.ma Annunziata dei Greci), Livorno, propone un progetto

Dettagli

mondo scarabocchio città futura

mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio città futura mondo scarabocchio Dall autunno 2014 la Cooperativa città futura ha attivato nuovi servizi complementari presso il nido Scarabocchio di Trento, con l obiettivo di implementare

Dettagli

1_ Elenco della Provincia delle Tagesmutter (Mamme Accoglienti) 2_ Elenco della Provincia delle Babysitter

1_ Elenco della Provincia delle Tagesmutter (Mamme Accoglienti) 2_ Elenco della Provincia delle Babysitter Intervento D Realizzazione dell elenco della provincia delle baby-sitter e di un corso di formazione per Tagesmutter con accompagnamento fino all iscrizione all elenco Obiettivi L intervento ha l obiettivo

Dettagli

Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred

Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred Pratiche di conciliazione in Accor Services Italia/Edenred Moms@Work: la mamma come risorsa per le aziende 24 giugno 2010 Direzione Risorse Umane La nostra missione Azienda solidale e responsabile, partner

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Bariola: Tempi al centro è un progetto promosso dal Comune di Caronno Pertusella e cofinanziato

Bariola: Tempi al centro è un progetto promosso dal Comune di Caronno Pertusella e cofinanziato BARIOLA: Bariola: Tempi al centro è un progetto promosso dal Comune di Caronno Pertusella e cofinanziato dalla Regione Lombardia in attuazione all art. 6 della l. r. 28/2004 Politiche regionali per il

Dettagli

Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l.

Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l. Il Regno delle Favole e La Corte dei Burattini S.r.l. PROPONE una convenzione per i Vostri dipendenti Pagina 1 di 7 1. Descrizione dell Azienda Il Regno delle Favole e la corte dei burattini S.r.l nasce

Dettagli

Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici

Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici Progetto Vinco Voucher, innovazione e conciliazione Relazione finale dell indagine sui fabbisogni di cura delle donne lavoratrici A cura di Sabrina Gallinelli La realizzazione del sondaggio online e del

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

Le prospettive di un nuovo «Welfare integrativo»

Le prospettive di un nuovo «Welfare integrativo» Le prospettive di un nuovo «Welfare integrativo» Andrea Lesca DG Intesa Sanpaolo Previdenza 1 Roma, 6 giugno 2013 Contesto socio-economico: i mutamenti strutturali nei comportamenti delle Famiglie L attuale

Dettagli

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO

WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO WELFARE AZIENDALE LA RISPOSTA AI BISOGNI DEL LAVORO LIBERATEMPO INNOVAZIONE NEL SEGNO DELL ESPERIENZA Liberatempo è una società nata dall esperienza ventennale di Cesvip, punto di riferimento nel settore

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI CATALOGO SERVIZI A.S. 2015/2016 PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI Il Centro Primi Passi (d ora in poi PP) nasce nel 1996 nel quadro di un progetto della Uisp nazionale dedicato allo sviluppo delle abilità

Dettagli

POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE: UN MONDO POSSIBILE

POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE: UN MONDO POSSIBILE POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE: UN MONDO POSSIBILE WWW.LANUVOLA.NET INFO@LANUVOLA.NET Centro Diurno Disabili (CDD) di Rudiano e Palazzolo s/o per i cittadini del Distretto Socio-Sanitario n 7 Centro Socio

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA

FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA FINANZIAMENTO DI AZIONI DI FLESSIBILITÀ PER LE AZIENDE IN FAVORE DELLA CONCILIAZIONE LAVORO E FAMIGLIA VARIAZIONI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA ART. 9 LEGGE 8 MARZO 53/2000 Disposizioni

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona

COMUNE DI PERUGIA. Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona COMUNE DI PERUGIA Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA E AL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA - Approvato

Dettagli

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani

Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

RinG Reti in Genere. Progetto Una rete per le donne Programma Operativo FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità

RinG Reti in Genere. Progetto Una rete per le donne Programma Operativo FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità RinG Reti in Genere Progetto Una rete per le donne Programma Operativo FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità RING: UN INFRASTRUTTURA SOCIALE PER LE DONNE DELLA CITTÀ DI NAPOLI Teresa Boccia Napoli, 12/03/2014

Dettagli

Comune di San Giuliano Terme

Comune di San Giuliano Terme Spese per sopravvivere Servizi sanitari Socialità Conciliazione Famiglia-lavoro Servizi sociali e socio-sanitari Utenze e tributi istruzione Casa Abitanti 31.066 - Famiglie 12.992 Dati ISTAT 31/12/2012

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

1 Indagine sui bisogni di servizi di Conciliazione Work-Life Balance. sul territorio di Schio

1 Indagine sui bisogni di servizi di Conciliazione Work-Life Balance. sul territorio di Schio Alleanza Territoriale per le Famiglie di Schio 1 Indagine sui bisogni di servizi di Conciliazione Work-Life Balance sul territorio di Schio Schio 5 aprile 2014 a cura di 1 Indagine su servizi di Conciliazione/Work-Life

Dettagli

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522

MT CONSULTING SAS di Dott.ssa Miriam Tirinzoni Via Forestale n. 32-23017 Morbegno (SO) Tel 0342-615355 0342-671779 Fax 0342-673522 BANDO 84.2 SOSTEGNO DEL WELFARE AZIENDALE ED INTERAZIENDALE E DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO Finalità Regione Lombardia intende sostenere il welfare ponendo al centro le persone e le famiglie attraverso

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

Etica ed Economia 2011/2012

Etica ed Economia 2011/2012 Etica ed Economia 2011/2012 L impresa family friendly. Prassi e modelli per la piena realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna. Anna Zilli anna.zilli@uniud.it Family friendly???? Orientamento

Dettagli

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani 4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani INDICE Inquadramento strategico.................... pag. 125 Risorse impiegate...................... pag. 126-127 Principali

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso Allegato C alla Delib.G.R. n. 34/30 del 18.10.2010 SCHEDA SOCIALE (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things. Paolo Gubitta Università di Padova

Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things. Paolo Gubitta Università di Padova Come sarà il welfare aziendale ai tempi di Internet of Things Paolo Gubitta Università di Padova Padova, 5 novembre 2015 Tutto oro quello che luccica? Mah Per quanto ancora ci servirà questo welfare aziendale?

Dettagli

Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014

Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014 Progetto La.Fem.Me. Misure di Welfare aziendale e territoriale Percorso di formazione per i Consulenti del Lavoro Roma, 15-16 aprile 2014 Federico Isenburg AGENDA COME E QUALI SERVIZI DARE? ALCUNI CASI

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

I Reggiani nel 2012: il sentiment, la responsabilità sociale delle imprese e il welfare aziendale (ricerca quantitativa gennaio 2012)

I Reggiani nel 2012: il sentiment, la responsabilità sociale delle imprese e il welfare aziendale (ricerca quantitativa gennaio 2012) I Reggiani nel 2012: il sentiment, la responsabilità sociale delle imprese e il welfare aziendale (ricerca quantitativa gennaio 2012) Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DAL GRUPPO GIOVANI DELL

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

Ambito Territoriale Sociale N 2 AREA MINORI. Guida ai Servizi Sociali 1

Ambito Territoriale Sociale N 2 AREA MINORI. Guida ai Servizi Sociali 1 AREA MINORI Guida ai Servizi Sociali 1 Scheda del (n.7) ASSISTENZA EDUCATIVA DOMICILIARE E SCOLASTICA offre il si svolge il Attività educative e di supporto didattico rivolta ai ragazzi. I bambini dai

Dettagli

Piccole Sorprese. La scatola delle emozioni. Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni

Piccole Sorprese. La scatola delle emozioni. Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni Piccole Sorprese La scatola delle emozioni Il primo cofanetto regalo dedicato solo ai bambini da 0 a 10 anni L idea Quando si parla di bambini il più bel dono è ricevere un loro sorriso. E il regalo che

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 FRANCA MAINO Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università

Dettagli

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria 2008 2009 2010 Decreti Affidi servizio sociale 172 210 195 Inserimenti in comunità 49 (+15 madri) 33 (+12 madri)

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio

Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio Direzione Risorse Umane, Organizzazione e Comunicazione Dalla conciliazione vita-lavoro ad un nuovo welfare. Opportunità e vantaggi per il lavoro, per le imprese e per il territorio 26 Marzo 2013-CCIA

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254 Delibera n.34/2011 Carta dei Servizi Sistema Educativo Integrato dei servizi ai bambini di 0-6 anni Anno Scolastico 2011-2012 PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA

Dettagli

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014

Il welfare aziendale. Roma 19 maggio 2014 Il welfare aziendale Roma 19 maggio 2014 Agenda Contenuti Cos è il welfare aziendale Le opportunità del welfare aziendale Implementazione di un piano di welfare aziendale Profili giuslavoristici Come finanziare

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM

ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM ATTIVITÀ GENERALE CURRICULUM PATATRAC Società Cooperativa Sociale a R.L. ONLUS è una cooperativa sociale di tipo A, che realizza il proprio scopo attraverso la gestione di servizi sociali, educativi e

Dettagli

SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE

SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE SUSSIDIARIETÀ E CONCILIAZIONE Porre al centro i bisogni della persona e della famiglia Disegnare e coordinare in una prospettiva sussidiaria Politiche integrate che promuovano opportunità, risposte e soluzioni

Dettagli

Comune di Parma Progetto Spesa Amica

Comune di Parma Progetto Spesa Amica Comune di Parma Progetto Spesa Amica Descrizione progetto Molte amministrazioni comunali hanno avuto ed hanno necessità di finalizzare le risorse che vengono destinate a determinati servizi sociali, senza

Dettagli

L Assessore Sara Grigis

L Assessore Sara Grigis RELAZIONE AL PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 I comuni sono chiamati a svolgere una funzione sempre più importante nell ambito dell Istruzione e della Formazione, elementi universalmente

Dettagli

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ INDICE A FINALITÀ 1 B OBIETTIVI

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

"La famiglia come elemento centrale ed alla base dei servizi comunali"

La famiglia come elemento centrale ed alla base dei servizi comunali 6.1 Famiglia: l amministrazione deve avere un ruolo significativo nell'analisi e nel confronto con le associazioni familiari e con gli enti che a vario titolo si occupano della famiglia per valorizzare

Dettagli

Flexible Reward e Piani di Welfare

Flexible Reward e Piani di Welfare BBF&Partners Servizi per la Gestione delle Risorse Umane Flexible Reward e Piani di Welfare Soluzioni web-based per sistemi flessibili di remunerazione non monetaria con benefici fiscali e contributivi

Dettagli

Comune di Udine LUDOTECA

Comune di Udine LUDOTECA Comune di Udine LUDOTECA RISULTATI QUESTIONARI CARTACEI Riposte: 53 8.a Può motivare la sua risposta? Buona alternativa alla giornata (domenica) che molti passano nei negozi C'è molto poco per i

Dettagli

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab Diversity management & Best practices aziendali Gini Dupasquier donnalab Il contesto di riferimento esterno Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio

Dettagli

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista

Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia. Franca De Battista Il voucher per la conciliazione lavoro-famiglia Franca De Battista Definizione di voucher Strumento di conciliazione vita lavoro Supporto nei percorsi di politiche attive del lavoro Bonus spendibile per

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

Soluzioni per il Welfare I Buoni Servizi

Soluzioni per il Welfare I Buoni Servizi Soluzioni per il Welfare I Buoni Servizi EDENRED in sintesi Edenred, leader mondiale delle carte e dei buoni di servizio, sviluppa e gestisce soluzioni per promuovere il benessere delle persone e le performance

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Miglior sistema integrato di conciliazione

Miglior sistema integrato di conciliazione Miglior sistema integrato di conciliazione Cooperazione Dipendenti Comunali Internazionale Miglior sistema integrato di conciliazione City Users Cittadini Famiglia Azioni a supporto della cura dei figli

Dettagli

Fare rete sul welfare. Raggruppamento Bassano del Grappa 7 Novembre 2014

Fare rete sul welfare. Raggruppamento Bassano del Grappa 7 Novembre 2014 Fare rete sul welfare Raggruppamento Bassano del Grappa 7 Novembre 2014 Obiettivo Mettere in rete le aziende attorno al tema del welfare creando vantaggi per i collaboratori e le per le aziende stesse

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

Kraft Foods Italia. Moms at Work 3 maggio 2011. Michela Santi Talents & Organization Effectiveness

Kraft Foods Italia. Moms at Work 3 maggio 2011. Michela Santi Talents & Organization Effectiveness Kraft Foods Italia Moms at Work 3 maggio 2011 Michela Santi Talents & Organization Effectiveness Kraft Foods nel mondo 2 Gruppo alimentare 1 Gruppo alimentare in USA Fatturato 50 miliardi di USD Presenza

Dettagli

Manuale Destinatari. 1. Indice. www.obiettivoconciliazione.it

Manuale Destinatari. 1. Indice. www.obiettivoconciliazione.it Manuale Destinatari 1. Indice 1.1 Ambito e obiettivi del Manuale... 1 2. IL VOUCHER DI CONCILIAZIONE: BUONI SERVIZI E BUONI ACQUISTO... 1 2.1 Buoni Servizi... 1 2.2 Buoni Acquisto... 1 3. COME FARE PER

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Agoal per i più piccoli

Agoal per i più piccoli Agoal per i più piccoli Iniziativa per la Famiglia Asili Nido Happy Child Happy Child è un network di asili nidi familiari, tradizionali e aziendali. Impresa nata nel 2002, oggi conta oltre 40 strutture

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO.VERSO LA FAMIGLIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO.VERSO LA FAMIGLIA COMUNE DI CANAL SAN BOVO Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROGETTO.VERSO LA FAMIGLIA ALLEGATO alla delibera consiliare n 13 dd. 11 luglio 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE 1 TITOLO I GENERALITÀ

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Servizio estivo diurno ricreativo e socializzante in collaborazione con l Associazione ANFFS onlus Crema che si realizza nei mesi

Dettagli