INVESTIRE ED OPERARE IN EGITTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INVESTIRE ED OPERARE IN EGITTO"

Transcript

1 INVESTIRE ED OPERARE IN EGITTO 2007

2 Investire ed operare in Egitto (2007) 2

3 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI 5 INFORMAZIONI UTILI 6 Il Paese 6 Lingua ufficiale e commerciale 6 Energia elettrica 6 Festività ufficiali e orari 6 Passaporti, visti e regolamentazioni sanitarie 7 Valuta al seguito 7 Clima 7 Trasporti 7 INVESTIRE IN EGITTO: LA REGOLAMENTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI 8 Ammissibilità e limitazioni 8 Garanzie per l investitore straniero 8 Adempimenti amministrativi 9 Agevolazioni finanziarie, fiscali e contributive 10 Specifiche agevolazioni per medie imprese 10 Specifiche agevolazioni per piccole e micro-imprese 10 Altri benefici generali 10 Zone Economiche Speciali, Franche, N.U.C, e Parchi Tecnologici 11 Zone Economiche Speciali 11 Zone Franche 11 New Urban Communities 12 Parchi Tecnologici 12 NORMATIVA SOCIETARIA 13 Società a responsabilità limitata 13 Società per azioni 14 Società in nome collettivo 15 Società in accomandita semplice 15 Società in accomandita per azioni 16 Ditta individuale 16 Uffici di rappresentanza, branch, subsidiaries 17 Investire ed operare in Egitto (2007) 3

4 FONTI: elaborazione Camera di commercio di Torino su dati The Economist, World Bank, Consolato Generale d Egitto a Milano NB: Le informazioni contenute in questo volume sono tratte da fonti ritenute attendibili. Tuttavia, non potendo garantirne l esattezza, si precisa che le stesse non hanno carattere di ufficialità, bensì valore meramente orientativo. Pertanto, il loro utilizzo da parte del lettore nello svolgimento della propria attività professionale richiede una puntuale verifica presso le Autorità e gli organismi istituzionalmente competenti nella/e materia/e cui le informazioni stesse ineriscono. Investire ed operare in Egitto (2007) 4

5 RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI Ufficio Commerciale dell Ambasciata d Italia de Il Cairo Corniche el Nil Str. Garden 1079 City - Il Cairo Tel.: / / Fax: Consolato de Il Cairo Primo Segretario di Legazione Dr.ssa Federica FAVI 24 El Galaa St. Boulac 24 - Il Cairo Tel.: / / Fax: Web: Consolato Generale di Alessandria Midan Saad Zaghloul, 25 Alessandria Tel.: / / Fax: EGITTO IN ITALIA Ambasciata della Repubblica Araba Via Salaria, 267 (Villa Savoia) Roma Tel.: / 978 Fax: Consolato generale di Milano Via Porpora, Milano Tel.: / 0352 Fax: ITALIA IN EGITTO Ambasciata d Italia 15 Shara Abdel Rahman Fahmi Garden City - Il Cairo Tel.: / 5 / 8 Fax: Web: Vice Consolato di Sharm El Sheikh Centro Commerciale Domina Coral Bay, int Sharm El Sheikh Tel.: / Fax: Vice Consolato onorario di Luxor El Tod - Baayrat District West Bank Luxor Tel.: Fax: Vice Consolato onorario di Sharm el Sheik Golden Palace Hotel Sharm El Sheikh - Sinai Tel.: / 1 / 2 / 3 Ufficio ICE de Il Cairo Abou El Feda Bldg. 11th Floor 3, Abou El Feda Street P.O. Box 75 Zamalek - Il Cairo Tel.: / / Fax: Web: Investire ed operare in Egitto (2007) 5

6 INFORMAZIONI UTILI Il Paese EGITTO ITALIA Superficie: kmq kmq Popolazione: 73,4 milioni di abitanti 57,3 milioni di abitanti Capitale: Il Cairo Roma Lingua: Arabo e inglese Italiano Moneta: Lira Egiziana (EGP) Euro Cambio (dicembre 2006): 1 Euro = 7,584 Lire 1 Euro = 1 Euro Sistema di governo: Repubblica Repubblica Fuso orario: + 1 h + 0 h Prodotto Interno Lordo, PIL (in miliardi di $): 78, ,0 Esportazioni (in miliardi di $): 6,3 354,0 Importazioni (in miliardi di $): 11,1 355,0 Diversificazione produttiva (% del PIL): Agricoltura (13,9) Agricoltura (2,2) Industria (33,0) Industria (28,7) Servizi (53,1) Servizi (69,1) Indice di libertà economica 1 : 3,59 2,50 Spesa per la sanità (% del PIL): 5,8 8,4 Abitanti sopra i 60 anni (valore %): 7,1 25,6 Abitanti sotto i 15 anni (valore %): 33,6 14,0 Età media (in anni): 22,8 42,3 Alfabetizzazione degli adulti (%): 55,6 98,4 Frequentazione universitaria (%): 29,0 57,0 Linee telefoniche e cellulari per abitanti: Host internet per abitanti: 1,2 195,9 Computer per 1000 abitanti: Lingua ufficiale e commerciale In Egitto si parla l arabo, ma sia nei rapporti di lavoro sia nella corrispondenza commerciale con gli operatori occidentali si usa la lingua inglese. Il francese è sufficientemente diffuso. Energia elettrica 220 Volts. Festività ufficiali e orari La settimana lavorativa inizia la Domenica e termina il Giovedì. Tutti gli uffici pubblici sono, di norma, chiusi il pomeriggio, mentre le aziende private (a livello dei quadri decisionali) non sempre rispettano gli orari ufficiali dichiarati. Molte amministrazioni pubbliche egiziane lavorano anche il Sabato. Come negli altri paesi arabi, anche in Egitto si osserva il mese sacro del Ramadhan (trenta giorni di digiuno, nelle ore tra l alba e il tramonto), che ha decorrenza variabile e comporta il relativo rallentamento di tutte le attività lavorative. Tenuto conto che alcune altre feste egiziane sono mobili (siano esse islamiche che copte), si riporta di seguito il calendario indicativo dei giorni non lavorativi: 1 Riferito alla capacità del Governo di regolamentare i rapporti economici tra gli individui. Gli indicatori sono, tra gli altri, la politica commerciale e monetaria, il sistema di tassazione e bancario, le norme per gli investimenti esteri, i diritti di proprietà e i controlli su stipendi e prezzi. 1=max; 5=min. Investire ed operare in Egitto (2007) 6

7 Capodanno Natale Copto Corban Bairam Capodanno Musulmano Santa Pasqua Sham El Nessim Siani Day Labour Day Nascita del Profeta Rivoluzione del 1952 Festa delle Forze Armate Piccolo Bairam Natale 1 gennaio 7 gennaio 31 gennaio - 02 febbraio 21 febbraio 11 aprile 12 aprile 25 aprile 1 maggio 2 maggio 23 luglio 6 ottobre novembre 25 dicembre Passaporti, visti e regolamentazioni sanitarie È richiesto il visto di ingresso che, per una permanenza sino a sei mesi, può essere rilasciato direttamente all arrivo all aeroporto (visto turistico). Non è prevista alcuna vaccinazione obbligatoria, ma è quanto mai opportuno adottare la massima igiene preventiva contro i rischi di: colera, dissenteria, epatite, gastroenterite, meningite, salmonellosi, tetano, tigna. Si sconsiglia il contatto con gli animali, potenziali portatori di patologie. Per maggiori informazioni sulla profilassi e sui migliori centri medici locali, anche specialistici, contattare l Ambasciata d Italia - Cooperazione Sanitaria (tel ). Formalità valutarie Non ci sono limitazioni all ingresso e all uscita di valuta estera. All arrivo all aeroporto (prima del controllo passaporti) è sufficiente cambiare un modesto importo (25-50 ) immediatamente necessario a pagare le marche per il visto, l eventuale noleggio dei carrelli ed il taxi sino all hotel. Si consiglia, comunque, di cambiare la valuta un poco alla volta. Sono accettate tutte le principali carte di credito internazionali. Non ci sono tasse di imbarco. Clima Nel periodo estivo, la temperatura oscilla dai 20 ai 34 C, con un 60% massimo di umidità (Cairo). Nei mesi invernali, la temperatura varia da un minimo di 9 ad un massimo di 20 C. La piovosità è quasi nulla. Trasporti I collegamenti aerei del Cairo con Roma sono quotidiani. Sia Alitalia, sia Egypt Air fanno inoltre servizio regolare anche su Milano. Sono in aumento i collegamenti aerei con Alessandria. Voli charter o stagionali raggiungono le principali località turistiche sul Mar Rosso. Accettabile, ed in pieno sviluppo, la rete stradale interna, che collega ormai tutti i centri urbani del Paese. Alessandria si raggiunge tuttora più velocemente in ferrovia che in macchina (2 ore invece di 3; partenze ogni ora dalla stazione centrale del Cairo). Per brevi tragitti interni urbani, si possono utilizzare i taxi ordinari (il costo medio di una corsa al Cairo, per gli stranieri, è di 5 Lire Egiziane). Per i tragitti più lunghi o extra-urbani è meglio chiedere all albergo un auto, avendo cura di concordare preventivamente il prezzo della corsa. Con la patente internazionale si possono prendere in affitto autovetture (il limite di velocità è di 100 Km/h). Si sconsiglia di allontanarsi dalle strade asfaltate e/o di praticare piste non sufficientemente verificate. Per ragioni di sicurezza, qualora si intendesse raggiungere con mezzi propri località a Sud di Minya (in generale nell Alto Egitto, eccezion fatta per le zone turistiche, da raggiungere comunque tramite aereo), è meglio contattare preventivamente, tramite l Ambasciata o l albergo, l autorità di polizia. Investire ed operare in Egitto (2007) 7

8 INVESTIRE IN EGITTO: LA REGOLAMENTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Ammissibilità e limitazioni La disciplina sugli investimenti esteri è contenuta nella Legge 8/1997 la quale sostituisce la precedente Legge 230/1989. Le procedure per la concessione dei benefici e dei privilegi agli investitori esteri è contenuta nel Regolamento 2.108/1997 di esecuzione della Legge 8/1997. La Investment Authority è l unica agenzia statale competente in tema di investimenti esteri, essa riceve le richieste degli investitori. È da segnalare che il governo egiziano ha preso diverse misure tese a migliorare il quadro legale di riferimento per gli affari, attraverso alcune riforme legislative come la Legge di riforma 13/2004 relativa alle garanzie e agli incentivi degli investimenti e la Legge per lo sviluppo delle piccole imprese e microimprese 141/2004. Per il resto, lo svolgimento delle attività imprenditoriali da parte delle società estere in Egitto deve rientrare nelle aree di competenza previste dall art. 1 della Legge sugli investimenti esteri (Legge 8/1997), e dall art. 1 del Regolamento. In base alla normativa gli investitori esteri e quelli nazionali possono operare sia separatamente sia congiuntamente nelle seguenti aree: bonifica dei terreni, edilizia, industria, progetti nel settore del turismo e dell agricoltura, settore petrolifero, trasporti, infrastrutture, acqua potabile, acque reflue, energia elettrica, strade e comunicazioni, leasing finanziario, progetti finanziati dal fondo sociale, investimenti di capitale, trasporti aerei, trasporti navali, ospedali e cliniche sanitarie che offrano almeno il 10% delle proprie prestazioni gratuitamente, produzione di software e hardware per computer, tutte le altre aree indicate dal governo. Con l Italia esiste un accordo in tema di promozione e protezione degli investimenti del 1989 ratificato dall Italia con la Legge 201/1994 entrato in vigore dal 01/05/94. Garanzie per l investitore straniero A seguito della liberalizzazione del mercato dei capitali avvenuta nel 1991 i capitali e i profitti possono essere liberamente rimpatriati. Nessuna pubblica autorità può nazionalizzare o confiscare le proprietà delle società operanti nei settori per i quali sono previsti gli incentivi agli investimenti (art. 8) né revocare o sospendere la licenza di usare la proprietà data in concessione se le condizioni per il rilascio sono ancora esistenti. Solo un decreto emesso dal primo ministro può sospendere o annullare in tutto o in parte una licenza su richiesta fatta dal GAFI (General Authority for Investments & Free Zones); l interessato avrà il diritto di contestare la decisione entro 30 giorni (art. 11). Le società beneficiarie avranno il diritto di possedere e di essere proprietarie di aree fabbricabili per lo svolgimento della propria attività indipendentemente dalla nazionalità o dal domicilio dei soci o dalla percentuale degli azionisti (art. 12). Investire ed operare in Egitto (2007) 8

9 Le società hanno il diritto di importare, anche a mezzo di soggetti terzi, tutto ciò che serve per lo svolgimento dell attività d impresa come ad esempio, macchinari, materiali, attrezzature, pezzi di ricambio e, allo stesso modo, avranno il diritto di esportare i propri prodotti, anche a mezzo di soggetti terzi, senza necessità di previa licenza o registrazione presso il Registro degli importatori e del Registro degli Esportatori (art. 13). Adempimenti amministrativi Per legge (nuova Legge 141 del 2004), l Autorità Generale per l Investimento e i Porti Franchi (GAFI, General Authority for Investment and Free Zones) sarà responsabile della semplificazione delle procedure per le imprese medie e grandi, mentre il Fondo Sociale per Sviluppo (SFD) fornirà le agevolazioni per piccole e micro imprese. Lo SFD è stato indicato dalla legge per lo sviluppo delle piccole imprese e microimprese 141 del 2004, come l ente responsabile dello sviluppo, della progettazione e della promozione di piccole e microimprese, così come del coordinamento con i ministeri, con gli organi dipendenti, con i servizi pubblici, con le unità amministrative, al fine di assicurare sia i servizi finanziari che non finanziari al settore delle piccole e microimprese. Per il resto, in base all art. 4 della Legge 8/1997 e all art. 5 del Regolamento 2.108/1997 di attuazione della legge il GAFI ha il compito di accettare ed emendare l atto costitutivo e lo statuto delle società i quali devono essere conformi ai modelli previsti da un decreto governativo (presso il GAFI sono disponibili i moduli per ogni tipo di società). La bozza di contratto deve contenere: lo statuto della società, qualora si tratti di spa o di società in accomandita per azioni; una scheda informativa della società che comprende lo scopo, il capitale, i costi d investimento, i soci, la sede ed il personale previsto; il certificato di non ambiguità del nome della società rilasciato dal Dipartimento del Registro Commerciale dell Investimento presso il Ministero del Commercio Estero; certificato di deposito bancario pari ad almeno il 25% del capitale nel caso di spa o società in accomandita per azioni e al 100% nel caso di srl. Quindi, è necessaria: la legalizzazione della firma dell avvocato che ha preparato il contratto presso il sindacato degli avvocati al Cairo o una sua filiale; la legalizzazione delle firme dei soci fondatori e degli altri soci avviene presso il Dipartimento di Beni Mobili del Ministero del Commercio Estero a seguito del pagamento delle tasse dovute che ammontano a 0,25% del capitale versato con un massimo di 500 Lire Egiziane. Dopo la avvenuta legalizzazione il contratto viene presentato al GAFI per il rilascio entro 24 ore di una licenza per la fondazione della società. Il richiedente riceve poi una copia ufficiale della licenza, una copia ufficiale del contratto, una lettera dell ufficio competente del registro commerciale, il libretto fiscale (partita IVA). La personalità giuridica sarà riconosciuta dal giorno di registrazione nel registro commerciale. L investitore deve quindi presentare al GAFI una copia dell iscrizione al registro commerciale della società. Il decreto di fondazione, il contratto e lo statuto della società vengono pubblicati nella Gazzetta dell Investimento. In aggiunta, secondo la recente legge di sviluppo per le piccole e microimprese (Legge 141 del 2004), il Fondo Sociale per Sviluppo (SFD) deve costituire, presso i propri uffici o presso i dipartimenti del GAFI, unità speciali per agevolare le pratiche delle piccole e microimprese e per completare, su loro richiesta, tutte le procedure di registrazione compresa l emissione di licenze, approvazioni e carte. Le procedure saranno condotte nel modo prescritto dalla legge ed in conformità con le condizioni necessarie all avvio delle relative attività. Il termine assegnato al SFD per completare tali procedure è di 30 giorni lavorativi, a partire dalla data della presentazione della richiesta alle autorità competenti. I titolari d impresa sono tenuti a remunerare per tali compiti le dette unità dello SFD nella misura dell 1% del valore dell investimento di capitale, come rimborso delle spese di procedura amministrativa presso le competenti entità governative. Per il resto, il GAFI assegnerà terreni statali alle società beneficiarie e provvederà a ottenere dalle altre autorità competenti tutte le altre autorizzazioni necessarie. Nel caso in cui il progetto sia tale da interferire con la sanità pubblica o con la sicurezza industriale esso dovrà soddisfare alcune altre condizioni previste dalle norme relative. In caso di acquisto di terreni od immobili è necessaria la registrazione presso il Property Register che dipende dal Ministero della Giustizia. Investire ed operare in Egitto (2007) 9

10 Agevolazioni finanziarie, fiscali e contributive Il periodo di esenzione fiscale previsto per le società costituite in base alla normativa sugli investimenti esteri è di 5 anni che iniziano a decorrere dal primo anno fiscale successivo all inizio delle attività (art. 16). Le società costituite nelle nuove aree industriali, nelle nuove aree urbane e nelle aree remote beneficiano di una esenzione fiscale di 10 anni. Lo stesso beneficio di esenzione decennale si applica anche ai progetti finanziati dal Fondo Sociale (art. 16). Le attività imprenditoriali svolte al di fuori della Old Valley beneficiano di una esenzione fiscale di 20 anni (art. 17). Le società costituite all interno delle zone franche sono esenti dalla tassa sulle persone giuridiche per un periodo illimitato. Gli interessi su obbligazioni e titoli di borsa sono esenti da tasse. Le attrezzature e i macchinari necessari per l avvio della società sono sottoposti ad una tariffa fissa del 5% (art. 23). Non ci sono controlli sui prezzi o limitazioni sui margini di profitto dei progetti realizzati in base alla presente legge. Specifiche agevolazioni per medie imprese dopo la recente Legge 141 del 2004 Il GAFI fornisce oggi: I sopra menzionati servizi di controllo e regolarizzazione di atti societari, emissione di permessi di lavoro, autorizzazioni e licenze; Servizi di acquisizione di terreni per scopi agricoli, industriali o turistici; Esenzioni fiscali inferiori alla durata di un anno su salari di esperti stranieri; Esenzione da imposta di bollo per qualsiasi contratto societario o atto di trasferimento immobiliare, per tre anni dalla data di registrazione della società nel Commercial Register; Esenzioni da qualsiasi imposta societaria per le joint venture a norma della Legge 8 del 1997 sia su dividendi azionari che obbligazionari. Una semplificazione procedurale deriva anche dal c.d. Certificato (temporaneo) del GOFI (General Organization for Industrialization), che sostituisce tutte le licenze commerciali, previdenziali, di registro, ecc., necessarie per avviare un impresa in Egitto. Il certificato temporaneo del GOFI è valido 5 anni sino all emissione dei documenti definitivi. Specifiche agevolazioni per piccole e microimprese dopo la recente Legge 141 del 2004 Non meno del 10% delle aree disponibili per investimenti agricoli, industriali o turistici devono essere riservati a piccole e microimprese; Le spese amministrative per l emissione di licenze commerciali non devono eccedere la metà del valore usuale; Almeno il 10% delle commesse pubbliche deve essere riservato alle piccole e microimprese dalle pubbliche amministrazioni egiziane. Altri benefici generali determinati dalla Legge 141 del 2004 Esenzione fiscale di 5 anni per progetti nella Old Valley; Esenzione fiscale di 10 anni per progetti collocati in aree remote; Esenzione fiscale di 20 anni per progetti collocati nella New Valley (Toshka, Est Owinat, Paris, Alkharja, East Farafra, Siwa); Microprestiti per piccole e microimprese; Business Angels (BA); Schemi di Venture Capital (VC); Accesso all informazione per mezzo di 20 nuovi business resource centers. Investire ed operare in Egitto (2007) 10

11 Zone Economiche Speciali, Franche, N.U.C. e Parchi Tecnologici Zone Economiche Speciali La Legge 83 del 2002 è stata approvata allo scopo di favorire le esportazioni, rendendo i prodotti egiziani più competitivi, e di attrarre investimenti diretti nazionali ed esteri in Egitto, essa prevede la costituzione di Zone Economiche Speciali (ZES) in aree non urbane per la realizzazione di progetti nei settori dell industria, agricoltura e servizi che possano competere con le altre analoghe zone che si trovano all estero. Ogni ZES sarà autogovernata da un autorità indipendente che sarà istituita con decreto presidenziale e con nomina del vertice di essa fatta dal Presidente della Repubblica. L autorità riferirà direttamente al primo ministro e i suoi 17 membri del consiglio di amministrazione includeranno 9 membri rappresentativi di vari ministeri; il consiglio di amministrazione ha i poteri di un consiglio dei ministri, emanerà le licenze, fisserà le norme doganali e fiscali, le norme relative all importexport e quelle in materia civile e sociale. La legge stabilisce che uno speciale sistema doganale deve essere istituito al servizio della zona con procedure semplici, veloci e con procedure speciali. Inoltre, la legge prevede l istituzione di un sistema di tassazione speciale, essa disciplina la fornitura di lavoro, le relazioni tra datori e dipendenti e l assicurazione sociale entro le ZES. In particolare è prevista una normativa del lavoro più flessibile che consente al datore di lavoro di risolvere il contratto con il dipendente in cambio di un equo compenso. Le aree ZES individuate sono: Toshka, Golfo di Suez, Porto Said Est, Damietta. Gli incentivi previsti per le ZES sono: l applicazione di un imposta del 10% sul reddito netto annuale per le persone fisiche e giuridiche che ivi operano; imposta del 5% sui compensi dei dipendenti. Le esenzioni nelle ZES: le aziende nelle ZES sono esenti dalle tasse sui prestiti; facilitazioni al credito; esenzioni dalle imposte sulla vendita; imposte sui profitti delle aziende derivanti da fusioni e divisioni; imposte doganali; imposte sulla vendita di strumenti, attrezzature, materie prime, parti di ricambio necessarie allo svolgimento dell attività economica (tutti questi prodotti se importati nel mercato domestico sono soggetti a dogana e a tassazione sulle vendite). Le garanzie: la legge proibisce la nazionalizzazione, la confisca ed il sequestro delle aziende che operano nelle ZES, compresi i loro beni. La soluzione delle controversie che insorgono tra aziende all interno della ZES e tra azienda e Autorità della ZES sono devolute alla competenza di un apposito centro per la soluzione delle controversie attraverso le procedure di conciliazione ed arbitrato. Le decisioni che ne seguono sono immediatamente vincolanti se sono state previamente accettate dalle parti le relative procedure. Zone Franche Gli investitori stranieri possono realizzare i propri progetti entro le zone franche le quali sono disciplinate dalla legge sugli investimenti esteri. Con la costituzione delle zone franche il governo mira a proporre l Egitto agli investitori esteri come una base da utilizzare per esportare i propri prodotti in Africa, Medio Oriente ed Europa. Le zone franche sono di due tipi: pubbliche e private : l Autorità per gli Investimenti ha istituito zone franche pubbliche a Alessandria, Suez, Porto Said e Il Cairo (Nasr City), Ismailia e Damietta; le zone franche private sono istituite solo per progetti specifici o per singole società. Le Zone Franche sono amministrate da apposite autorità, mentre il GAFI è l autorità che sovrintende e che è l ultima responsabile. Investire ed operare in Egitto (2007) 11

12 Le convenzioni delle Zone Franche vengono riviste dopo periodi di tempo determinati che arrivano fino a 25 anni per il settore industriale e fino a 10 anni per il magazzinaggio; il rinnovo della convenzione viene valutato caso per caso. Hanno diritto ad operare all interno delle zone franche le società che esportano più dell 80% dei propri beni prodotti, inoltre, avranno diritto di operare con valuta estera. Il costo annuale di affitto per operare nelle zone franche è di 3,50 USD / m 2 per i progetti industriali e di 7 USD / m 2 per i magazzini. Solitamente le attività imprenditoriali consentite all interno delle zone franche sono quelle di stoccaggio, miscelazione, imballaggio, produzione, assemblaggio, trasformazione e riparazione. Tuttavia l Autorità per gli Investimenti può rifiutare il rilascio di licenza per sole attività di magazzinaggio. Lo status di Zone Franche può essere esteso anche alle convenzioni per la ricerca o lo sfruttamento di giacimenti di petrolio, gas naturale, minerali. I benefici sono: I beni e i materiali importati all interno delle zone franche al fine della realizzazione di un progetto di investimento estero non sono sottoposti ad alcun dazio doganale; i beni e i materiali esportati dalle zone franche egiziane non sono sottoposti a dazio sull esportazione; i progetti delle zone franche sono soggetti ad un imposta dell 1% del valore dei beni che entrano o escono dalla zona franca, oppure ad un imposta dell 1% del valore aggiunto del progetto in un anno; esenzione fiscale illimitata per le società costituitesi all interno di una zona franca; esenzione dai controlli sul cambio. New Urban Communities La Legge 59 del 1979, denominata New Urban Communities Law, fu approvata allo scopo di incoraggiare lo sviluppo in determinate aree geografiche del Paese alla quale sovrintende la New Communities Authority, in applicazione di questa legge il governo ha costruito già 19 nuove città nel deserto. Un investitore estero può richiedere di costituire una società di diritto egiziano, sia essa una SPA o una SRL, utilizzando sia i benefici e gli incentivi della normativa sugli investimenti esteri, sia quelli previsti dalla presente legge, purché il progetto si sviluppi all interno delle aree in oggetto; i progetti sono sottoposti all approvazione della Authority. I benefici sono: Gli utili derivanti dalle attività societarie sono esenti dalla tassazione per un periodo minimo di 10 anni; i dividendi derivanti dalla realizzazione del progetto e che sono distribuiti sono esenti da tassazione per un periodo di 10 anni; esenzione fiscale sugli immobili costruiti per 10 anni; dazio fisso del 5% per i materiali ed attrezzature importati necessari per la realizzazione dell impianto produttivo. Parchi Tecnologici Alcune misure specifiche riguardano la formazione di parchi tecnologici e reti fortemente interconnesse di università, industria, istituzioni di ricerca e altre entità attive nell innovazione tecnologica. Il Fondo per la Ricerca e gli Studi di Consulenza Tecnica e Tecnologica ha istituito 5 parchi tecnologici, con l aiuto del Ministero per la Ricerca Scientifica, nei seguenti settori: Chimica di base per l industria farmaceutica Industria della conceria Industria della vernice Industria del vetro Industria mineraria I cinque parchi includono 167 società, 12 università e istituti di ricerca e altri 300 partner. Investire ed operare in Egitto (2007) 12

13 NORMATIVA SOCIETARIA Tra le varie forme di organizzazioni imprenditoriali prevalenti nel settore privato in Egitto lo strumento più utilizzato per l investimento estero è la società per azioni o la società a responsabilità limitata. L investitore estero può costituire una SPA o una SRL di diritto egiziano applicando tre regimi: la Legge 8 del 1997 sulle garanzie degli investimenti e gli incentivi (normativa sugli investimenti) la Legge 159 del 1981, modificata dalla Legge 3 del 1998 (normativa sulle società) la Legge 95 del 1992 (normativa sul Mercato dei Capitali). Di solito l investitore estero preferisce costituire società ricorrendo all applicazione della normativa sugli investimenti che consente di beneficiare di taluni incentivi e privilegi. Società a responsabilità limitata Costituzione Le società a responsabilità limitata sono molto utilizzate dagli investitori esteri, ciò dipende dal fatto che è facile la loro costituzione e la loro amministrazione, inoltre c è a favore dell investitore la garanzia che il singolo socio è responsabile solo per la parte della sua quota. Statuto e atto costitutivo Lo statuto di una SRL egiziana deve essere conforme ai tipi di statuto emessi con decreto ministeriale dal Ministero degli Investimenti e della Cooperazione Internazionale. In teoria si possono apportare delle modifiche rispetto al modello base di statuto purché siano osservate le norme obbligatorie della normativa societaria egiziana. Nel caso in cui i cambiamenti apportati rispetto al modello base non siano in accordo con la normativa sulle società il Registro Commerciale rifiuterà l iscrizione. Nell atto costitutivo vanno inserite talune importanti previsioni non inseribili nello statuto, come ad esempio le previsioni sul trasferimento di quote, diritti di prelazione, opzioni, esercizio del diritto di voto. La normativa egiziana consente l esistenza dell atto costitutivo con funzione di integrazione dello statuto, essi inoltre devono essere conformi alla normativa egiziana sulle società. Capitale minimo Il capitale minimo di una SRL egiziana è di Lire Egiziane che deve essere pienamente versato al momento della costituzione della società e conservato in un conto bancario bloccato fino a che la società non sia stata registrata nel Registro Commerciale. Numero minimo di soci Essa deve avere almeno due e non più di 50 soci che possono essere sia persone fisiche sia persone giuridiche. Quote Le quote di una SRL devono avere valore uniforme e corrispondere ad almeno 100 Lire Egiziane, non possono essere azioni negoziabili o titoli. Nome Il nome della società deve contenere un riferimento o all oggetto sociale oppure al nome di uno dei soci oppure agli oggetti sociali e ai nomi dei soci. Nella corrispondenza deve essere utilizzato il numero di Registrazione Commerciale della Società e le parole che confermano che la società è una SRL. Registro Commerciale Le società che sono detenute in tutto o in parte da soci stranieri devono essere registrate presso il Registro Commerciale. Per la partecipazione di soggetti esteri non ci sono limiti massimi. Il governo sta progettando l introduzione della società a responsabilità limitata uninominale che al momento non esiste. Investire ed operare in Egitto (2007) 13

14 Società per azioni Costituzione Le regole applicabili all amministrazione di una SPA sono leggermente più dettagliate di quelle applicabili a una SRL; esse non sono così precise come quelle di qualche ordinamento europeo e i costi di amministrazione di una SPA non sono di molto più alti di quelli di una SRL. Atto costitutivo e statuto L atto costitutivo e lo statuto devono essere conformi al modello previsto dal Decreto Ministeriale 231 del 1995, essi sono i documenti necessari alla costituzione di una SPA. Con la Legge 3 del 1998 la normativa consente al socio fondatore della società maggiori possibilità di correggere il modello base previsto dal decreto, essa ha infatti semplificato le norme che disciplinano la costituzione di una società. Ora una società può essere costituita in una settimana a condizione che tutti i documenti necessari (autorizzazioni, copia della avvenuta registrazione nella pagina del registro sociale) siano completi, validi ed abbiano forma legale, oltre che essere tradotti. Per la costituzione di una SPA è sufficiente fare notifica all Autorità del Mercato dei Capitali; la società è considerata come costituita dopo 15 giorni. Resta salvo il diritto dell Autorità del Mercato dei Capitali di opporsi alla costituzione entro 15 giorni. Eccezioni alle regole sulla costituzione di società possono essere rinvenute nella normativa sugli investimenti. Formalità per il socio straniero Circa le deleghe dei soci fondatori che devono essere presentate, esse devono essere autenticate da un notaio nel Paese di residenza del socio fondatore, nel caso di socio straniero, e quindi legalizzate da un consolato egiziano nel Paese stesso, serve inoltre un ulteriore legalizzazione dal Ministero degli Esteri in Egitto; se il socio fondatore è una persona giuridica è necessaria una copia autorizzata del Registro Commerciale. Nome Il nome di una SPA deve indicare il suo oggetto sociale; essa non deve contenere il nome di uno dei soci, a meno che, quei nomi non siano registrati come marchi. Tutti i documenti ufficiali della società, come ad esempio carta intestata, contratti, fatture ed altri documenti consegnati a terzi soggetti devono riportare il nome, il tipo della società, il domicilio ed il capitale emesso dalla società. Il mancato ottemperamento a tale obbligo può portare a delle responsabilità illimitate del soggetto che ha agito in nome della società. Capitale minimo Il capitale minimo di una SPA è di Lire Egiziane; le SPA quotate alla borsa egiziana devono avere un capitale minimo di 1 milione di Lire Egiziane. Contributo del socio Ogni socio al momento della costituzione della società deve versare un contributo in denaro di almeno il 10%; un ulteriore 15% deve essere versato entro tre mesi dalla data di registrazione della società. Il rimanente deve essere versato nei 5 anni successivi alla registrazione. Versamento del capitale Il capitale versato deve rimanere depositato in un conto congelato di una banca autorizzata dalla Banca Centrale d Egitto per il periodo che va dalla costituzione della società alla sua registrazione. I contributi in natura devono essere fatti contemporaneamente e devono di solito essere valutati da un comitato della Autorità di Mercato dei Capitali; tale valutazione deve essere confermata dalla maggioranza dei soci che detengono almeno due terzi del capitale alla prima assemblea dei soci. Il socio che fa il versamento in natura non ha diritto di voto. Oltre al capitale emesso può essere stabilito un altro capitale, cosiddetto capitale autorizzato, il quale può essere 10 volte superiore al capitale emesso. Il Consiglio di Amministrazione può decidere di emettere nuove azioni, in un momento successivo, fino al raggiungimento del capitale autorizzato senza la necessità di ottenere una risoluzione formale dell assemblea dei soci per l aumento del capitale. Il capitale autorizzato può essere aumentato anche senza il pieno pagamento delle azioni emesse nel caso in cui ci sia una decisione dell assemblea straordinaria dei soci a tal fine. Investire ed operare in Egitto (2007) 14

15 Tipi di azioni Di principio tutte le azioni garantiscono a tutti i propri titolari parità di diritti. Una spa può possedere azioni di tipo ordinario, azioni al portatore e azioni privilegiate. Le azioni ordinarie sono emesse a nome del suo titolare. Le azioni al portatore non accordano alcun diritto di voto e non possono costituire più del 25% delle azioni della SPA, inoltre, esse devono essere pienamente pagate al momento dell emissione. L emissione di azioni privilegiate consente dei privilegi nel voto, nella distribuzione dei profitti e nella liquidazione. Il valore nominale delle azioni non può essere superiore a e inferiore a 5 Lire Egiziane. Obbligazioni Obbligazioni e titoli possono essere emessi da una SPA; possono essere emesse obbligazioni convertibili in azioni. I soci avranno diritto di priorità nel sottoscrivere quelle obbligazioni. Le obbligazioni possono essere emesse al pubblico. SPA quotate in borsa La registrazione in borsa deve essere fatta entro un anno da quando è stata fatta una pubblica offerta di azioni, oppure dopo tre anni dalla pubblicazione dei bilanci Trasferimento di quote Le quote sono liberamente trasferibili, salvo le limitazioni imposte a carico dei soci fondatori i quali possono cedere le quote solo dopo che sono trascorsi due anni dalla costituzione della società e che sono stati pubblicati i relativi bilanci, diversamente servirebbe un autorizzazione del Primo Ministro. L anno fiscale di una SPA è di dodici mesi di calendario; i soci sono liberi di decidere la partenza dell anno fiscale cosicché esso può essere adattato al calendario di un altra società collegata. Di solito i bilanci annuali devono essere presentati entro due mesi dalla fine dell anno fiscale. Società in nome collettivo (General Partnership) Essa è composta da due o più persone che di solito sono persone fisiche le quali sono tutti soci, solidalmente responsabili per le obbligazioni sociali in modo illimitato con il proprio capitale personale; il nome della SNC deve comprendere il nome di uno o più dei soci. Ai fini della registrazione della SNC sono necessari: una copia dell atto costitutivo pubblicato presso la Corte di Prima Istanza; la pubblicazione in due quotidiani di ampia diffusione dell atto costitutivo; la pubblicazione sul Registro Commerciale dell atto costitutivo; una volta assolti a tali formalità la società può iniziare ad operare. I soci stranieri possono partecipare come soci al capitale di una SNC in misura massima del 49%, essi non hanno diritto a dirigere la società né hanno il potere di firma. Non esiste un capitale minimo; i profitti della SNC, in quanto tale, non sono assoggettati a tassazione, viene invece sottoposta all imposta unificata sul reddito la quota di ciascun socio, assieme agli altri redditi personali, con aliquota progressiva; inoltre, ogni socio deve provvedere ad iscriversi alla previdenza sociale. Per la registrazione di una SNC è necessario stipulare un accordo tra i soci con cui viene determinato il capitale sociale, la quota di ogni socio, l oggetto sociale, la durata e la distribuzione di profitti e perdite. Società in accomandita semplice Nella SAS almeno uno dei soci è un socio che ha la piena responsabilità della obbligazioni sociali, rispondendo anche con il proprio capitale personale; gli altri soci sono dei soci a responsabilità limitata i quali rispondono delle obbligazioni sociali limitatamente al capitale conferito; il nome commerciale della SAS deriva dal nome di uno o più soci. Ai fini della registrazione della SAS sono necessari: una copia dell atto costitutivo pubblicato presso la Corte di Prima Istanza; la pubblicazione in due quotidiani di ampia diffusione dell atto costitutivo; la pubblicazione sul Registro Commerciale dell atto costitutivo; una volta assolti a tali formalità la società può iniziare ad operare. I soci stranieri possono partecipare come soci al capitale di una SAS in misura massima del 49%, essi non hanno diritto a dirigere la società né hanno il potere di firma. Investire ed operare in Egitto (2007) 15

16 Non esiste un capitale minimo; i profitti della SAS, in quanto tale, non sono assoggettati a tassazione, viene invece sottoposta all imposta unificata sul reddito la quota di ciascun socio, assieme agli altri redditi personali, con aliquota progressiva; inoltre, ogni socio deve provvedere ad iscriversi al previdenz a sociale. Per la registrazione di una SAS è necessario stipulare un accordo tra i soci con cui viene determinato il capitale sociale, la quota di ogni socio, l oggetto sociale, la durata e la distribuzione di profitti e perdite. Società in accomandita per azioni È simile alla SPA, tranne che per il fatto che almeno uno dei soci fondatori ha una responsabilità illimitata per le obbligazioni assunte dalla società. Tali tipi di società non possono svolgere attività nei settori: assicurativo, bancario, risparmio, fondi d investimento per conto di terzi. Tale tipo di società è diretta dai soci fondatori che hanno responsabilità sociale illimitata (manager) restando esclusa la partecipazione di altro tipo di socio dalla direzione. Il nome e i poteri del manager vanno indicati nell atto costitutivo. La società deve avere un consiglio di amministrazione composto da almeno tre soggetti, che possono essere soci o esterni scelti dai soci; il manager non può scegliere i componenti del consiglio di amministrazione. Il compito del consiglio di amministrazione è quello di controllare le attività del manager, di richiedere al manager di fornire dei resoconti, di verificare le registrazioni contabili, i conti, la cassa, gli inventari ed altri beni della società. L assemblea generale dei soci non può correggere l atto costitutivo senza l assenso del manager, salvo diversa statuizione. In caso di morte del manager la società si scioglie, salvo diversa statuizione. Ciascun manager conferirà parte delle proprie quote, pari a non meno di Lire Egiziane, a garanzia di buona amministrazione, che saranno depositate presso una banca egiziana e che non possono essere distratte fino a che il manager ricopre tale carica; i compensi del manager (esclusi i dividendi azionari) sono tassati al 34%. Oltre alle specifiche caratteristiche illustrate, a tale tipo di società viene applicata la disciplina della SPA. Il capitale sociale minimo è di Lire Egiziane; il capitale si divide in due categorie: quota posseduta dai soci fondatori e quote possedute agli altri soci; i soci fondatori sono illimitatamente responsabili, mentre gli altri soci sono responsabili solo per le quote versate. Ditta individuale Costituzione L imprenditore individuale è la persona fisica che svolge attività d impresa per proprio conto; per poter far ciò egli deve fare richiesta di registrazione al competente Ufficio del Registro Commerciale e possedere i seguenti requisiti: almeno 21 anni, deve essere cittadino, salvo che non svolga attività in base alla normativa sugli investimenti (Legge 8 del 1997), oppure svolga attività di esportazione; egli può usare il suo nome come nome commerciale il quale deve essere usato negli atti e nella corrispondenza della sua attività. L interessato dovrà fornire all Ufficio del Registro Commerciale dei dati di particolare interesse quali: il tipo di attività, il capitale impiegato (anche se non è richiesto un minimo), l indirizzo della sede principale, negozio o ufficio, dati sul marchio o diritto d autore, se esistenti. Adempimenti contabili La disciplina commerciale prevede che l imprenditore individuale che possiede un capitale di Lire Egiziane o oltre deve mantenere le scritture contabili. Oneri I redditi annuali dell imprenditore individuale sono sottoposti ad imposta assieme a qualsiasi sua altra fonte di reddito, applicandosi le seguenti aliquote: imposta del 20% per i redditi fino a Lire Egiziane; imposta del 27% per i redditi superiori fino a Lire Egiziane; imposta del 49% per i redditi fino a LE 9.000; imposta del 40% per i redditi oltre Lire Egiziane. I redditi sono assoggettati ad un ulteriore imposta complementare (cosiddetta per l incremento delle risorse statali ) del 2% per i redditi superiori a Lire Egiziane. Egli dovrà registrarsi ai fini del versamento dei contributi previdenziali in qualità di lavoratore autonomo. Investire ed operare in Egitto (2007) 16

17 Uffici di rappresentanza, branch, subsidiaries Ufficio di rappresentanza La gran parte della disciplina relativa è contenuta nella Legge 159 del 1981 sulle soc ietà e nella Legge 120 del 1982 sulla agenzia commerciale, di fatto, un ufficio di rappresentanza può essere registrato in base ad entrambe queste leggi. In taluni casi un ufficio di rappresentanza viene costituito utilizzando un rapporto di agenzia commerciale già esistente: in tali casi la cessazione dell ufficio di rappresentanza con la conseguente cancellazione dal registro relativo avviene con la cessazione o risoluzione del contratto di agenzia. Se esso viene registrato in base alla legge sulle società di esso deve essere fatta una richiesta di registrazione al Dipartimento delle Società a cui vanno allegati: estratto dal registro commerciale; l atto costitutivo della società estera con la decisione presa in forma legale e certificata di costituire un ufficio di rappresentanza; traduzione certificata in lingua araba. La richiesta deve contenere dettagli sulla società estera e sul suo capitale, domicilio, oggetto sociale e descrizione delle funzioni dell ufficio di rappresentanza; inoltre deve essere nominato un delegato che deve avere poteri determinati. L ufficio di rappresentanza deve solo svolgere funzioni di lavoro preparatorio. Sono consentite attività di ricerche ed analisi di mercato, coordinamento di società nell area e di quelle attività che direttamente ed indirettamente riguardino la conclusione di transazioni commerciali. Per certi tipi di attività l ufficio di rappresentanza può essere aperto solo se la società estera possiede un agente egiziano. Regole specifiche si applicano ai cosiddetti Uffici Scientifici di ditte farmaceutiche che possono essere solo registrati al Ministero della Sanità. Filiale La costituzione di filiali per società estere involge una procedura complicata ed è possibile solo in certe limitate circostanze, ad esempio, per eseguire uno specifico contratto. La costituzione di una filiale deve rispettare le previsioni della normativa sulle società Legge 159 del Le autorità verificano ogni 5 anni che ci siano le circostanze che giustificano la esistenza della filiale. La filiale deve procedere alla propria registrazione presso il registro commerciale e presso il Dipartimento delle Società; alla domanda di registrazione devono essere allegati i seguenti documenti: atto costitutivo della società madre estera; estratto del registro commerciale della società madre estera; la decisione del consiglio di amministrazione o della direzione della società madre estera di volere aprire una filiale in Egitto; nomina di un direttore della filiale. Prima della registrazione suddetta deve essere ottenuta la approvazione del Ministero del Commercio, inoltre, a seconda del tipo di attività imprenditoriale svolta dalla filiale potrebbe essere necessaria l autorizzazione del ministero competente per materia. Le filiali versano allo stato egiziano tasse pari al 40%; esse sono soggette alle norme generali sull argomento; deve avere la disponibilità di un pubblico revisore contabile certificato egiziano; hanno l obbligo della tenuta dei registri contabili; devono depositare ogni anno i bilanci corredati da altre informazioni sulla propria società al Dipartimento delle Società. Almeno il 10% dei profitti delle società devono essere distribuiti ai dipendenti anche se essa può essere inserita negli stipendi dei dipendenti erogati nel corso dell anno. Investire ed operare in Egitto (2007) 17

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Autodesk Inc. United States 111 McInnis Parkway San Rafael CA 94903 www.autodesk.com Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Le licenze del software Autodesk sono in genere non trasferibili,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli